R.I.B. Reinsurance International Brokers S.p.A.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "R.I.B. Reinsurance International Brokers S.p.A."

Transcript

1 XIV CONVEGNO R.I.B. Cambiamento delle regole del mercato assicurativo. Analisi dell industria assicurativa dopo il Big-Bang delle nuove normative R.I.B. Reinsurance International Brokers S.p.A.

2

3 XIV Convegno R.I.B. St. Jean Cap Ferrat 26/27 Ottobre 2007

4 R.I.B. Reinsurance International Brokers S.p.A. SOMMARIO Introduzione 4 Dott. Fabio Cerchiai Presidente ANIA - Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici, Roma Cambiamento delle regole del mercato assicurativo. Analisi dell industria assicurativa dopo il big-bang delle nuove normative 6 Dott. Francesco Paparella Presidente AIBA - Associazione Italiana Brokers di Assicurazione e Riassicurazione, Roma Il senso dell innovazione: da cliente a consumatore. Cosa cambia nell approccio dei brokers 12 Dott. Filippo Cinelli Head of Broker Gruppo Zurich Italia, Milano The Zurich Way: la distribuzione in Europa 18 Dott. Andrea Bellucci Docente Universitario - Università di Perugia, Perugia Le nuove normative: quali impatti sui bilanci 26 Dott. Claudio Cominelli Vice Direttore Generale - Assicurazioni Generali S.p.A., Mogliano Veneto Il divieto di esclusiva per le assicurazioni dei rami danni 34 Dott. Massimo Congiu Presidente UNAPASS - Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazione, Milano Come UNAPASS reagisce al cambiamento nel sistema della distribuzione 38 Avv. Paolo Martinello Presidente Altroconsumo, Milano Riforme e liberalizzazioni nel settore assicurativo: quali vantaggi per i consumatori? 42 2

5 XIV Convegno R.I.B. Dott. Enrico Bertagna Rappresentante Generale per l Italia Lloyd s, Milano Il punto di vista dei Lloyd s sui cambiamenti 48 Dott. Stefano Vacca Maggiolini Componente dell Esecutivo Nazionale SNA - Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione, Roma Il punto di vista del Sindacato degli Agenti sul regolamento ISVAP, l intermediazione assicurativa, il Decreto Bersani e il Plurimandato 52 Dott. Massimo Treffiletti Responsabile area sinistri ANIA - Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici, Milano Il Risarcimento Diretto ed i suoi riflessi sulle procedure liquidative e sui contratti assicurativi 60 Avv. David Morganti Studio Legale Morganti&Associati, Milano Libertà di stabilimento e libertà di prestazione di servizi nell attività di intermediazione assicurativa: verso un mercato europeo dell intermediazione assicurativa 66 Dott. Riccardo Sabbatini Il sole 24 ore, Milano Bonus-malus, sconti e Albo unico, i possibili miglioramenti 70 Dott. Fausto Panzeri Presidente Studio Panzeri & Associati, Milano Conclusioni 72 Sig. Franco Curioni Presidente R.I.B. - Reinsurance International Brokers S.p.A., Milano Conclusioni 76 3

6 R.I.B. Reinsurance International Brokers S.p.A. Introduzione Franco Curioni porge un caloroso benvenuto a tutti i partecipanti auspicando che dalle due giornate di lavoro possano derivare utili indicazioni a tutti gli operatori ed ai rappresentanti delle categorie professionali, che hanno testimoniato, con la loro presenza l indubbio interesse per i temi prescelti. Prende successivamente la parola il moderatore, Fausto Panzeri associandosi ai saluti ed agli auspici espressi dal Presidente della RIB. 4

7

8 R.I.B. Reinsurance International Brokers S.p.A. Cambiamento delle regole del mercato assicurativo. Analisi dell industria assicurativa dopo il big-bang delle nuove normative DOTT. FABIO CERCHIAI - PRESIDENTE ANIA - ASSOCIAZIONE NAZIONALE FRA LE IMPRESE ASSICURATRICI, ROMA Cento ne fanno, una ne pensano : questo è il commento che mi sento di fare in merito alla produzione normativa che ha caratterizzato gli ultimi due anni. Un infinità di provvedimenti, leggi e regolamenti approvati ma non sufficientemente meditati. Sono state toccate tutte le aree rilevanti dell attività assicurativa, con approssimazioni di intervento pari alla pesantezza dell intervento stesso. L intermediazione, la trasparenza, l informativa, gli investimenti, il risk management, il controllo interno, la contabilità, la liquidazione sinistri, per parlare di aree importanti nel nostro settore. E, mancando ancora due mesi alla fine dell anno, si discute su quanti siano ancora i regolamenti in fase di emanazione presso l ISVAP. Si tratta di un fermento regolamentare che conferma le preoccupazioni che avevo espresso l anno scorso, proprio in questa sede. Vi è poi un incertezza ulteriore che caratterizza il nostro mercato. Mi riferisco agli assetti di vigilanza, che creano una situazione di squilibrio importante nella quale si sviluppa una concorrenza illogica fra le diverse autorità di vigilanza, anziché sul mercato. Le autorità non sanno più quali siano le loro specifiche competenze e, per non avere dubbi, cercano di allargare la propria area di intervento spostando i confini e andando incontro a possibili sovrapposizioni con nuove norme regolamentari. Compiangersi non ha alcun senso. La realtà, da un punto di vista legislativo, è che dobbiamo convivere con tale situazione. L Italia ha dimostrato più volte di saper sopravvivere in condizioni di totale incertezza e anche di saperne uscire. Non vorrei, però, che le affermazioni fatte fino ad ora portassero a pensare che io creda in un mercato senza regole. Nell attività assicurativa le regole sono necessarie per la tutela del consumatore, per garantire la concorrenza, ma devono essere regole semplici, chiare, rigorose, che consentano di raggiungere lo scopo prefissato in termini di garanzie per il mercato, per il consumatore e per l attività di impresa, in una logica di efficienza operativa. Per fare un esempio, dopo due anni stiamo ancora aspettando risposte alle nostre richieste di chiarimento in merito all applicazione del primo Decreto Bersani, quello che stabiliva il divieto di sconti massimi o di prezzi minimi nella Rc auto. Questo accade perché nessuno è ancora in grado di capire cosa si intende con l articolato pubblicato nel Decreto. Esiste solo l interpretazione data dall ISVAP e il mercato si è mosso di conseguenza, rispettando lo spirito del Decreto Bersani in attesa di avere le risposte richieste. Questo è un esempio clamoroso di come regole poco chiare siano solo foriere di incertezze, costi, inefficienze e difficoltà operative. Better regulation, impact assessment, cost-benefit analysis, proportionality sono termini inglesi usati ripetutamente dagli operatori europei, ma assolutamente non applicati o male applicati nell attività regolamentare a livello italiano. In realtà, dalla deregulation degli anni scorsi siamo passati ad una ri-regulation, cioè ad una nuova regolamentazione che rende l attività d impresa ogni giorno più complessa e onerosa. Assistiamo ad una sovrapposizione di norme e di regole ineffi- 6

9 XIV Convegno R.I.B. cienti, con costi che appesantiscono il servizio e ne diminuiscono la qualità, provocando ovvie conseguenze sui consumatori, sui prodotti e sui prezzi. La cosiddetta better regulation, dunque, ha una sua fondamentale connotazione nella volontà del legislatore europeo di favorire il miglioramento dell efficienza del mercato; un mercato efficiente è garanzia di protezione del consumatore e di sviluppo della concorrenza. Di fronte a questa situazione, l industria assicurativa ha tenuto un atteggiamento di apertura e disponibilità al confronto e al dialogo, nonostante le indubbie difficoltà incontrate nel portare avanti nel tempo tale impegno con le istituzioni. A volte, ad esempio con il Ministero delle Attività Produttive, non siamo riusciti a dialogare, e abbiamo assistito, di fronte alle nostre istanze, ad una sorta di rimbalzo tra il Ministro e la sua struttura. L unica soluzione sarebbe quella di spostare il dibattito in Parlamento, ma in quella sede arrivano solo decreti legge su cui il Governo pone la fiducia, per cui il confronto viene meno; l esigenza politica di sopravvivenza ha fatto sì che non ci fosse neanche un attività parlamentare di miglioramento o di chiarimento in merito a norme incomprensibili. È difficile pensare che attraverso queste normative si intenda proteggere il consumatore. Vorrei ora soffermarmi brevemente, scendendo nel particolare, su quattro aspetti di grande importanza per il nostro settore. Il primo è il risarcimento diretto. Esso fornisce un chiaro esempio di come un iniziativa molto positiva possa essere mal gestita e di come l industria assicurativa, con senso di responsabilità, stia cercando di ridurre gli effetti negativi di una cattiva gestione. Eravamo tutti concordi nel considerare il risarcimento diretto uno strumento volontario, promosso e incentivato anche da un attività legislativa di supporto. Ma l introduzione di una norma obbligatoria ha peggiorato le cose e ha fatto in modo che il nostro Paese fosse ancora una volta diverso da tutte le altre realtà europee. Il risarcimento diretto obbligatorio ha la caratteristica positiva di mettere in comunicazione diretta l assicurato/danneggiato con la propria impresa assicuratrice. Permette, quindi, all assicurato di valutare il servizio della propria compagnia e, se lo ritiene non adeguato, di scegliere un altra compagnia: questo meccanismo crea concorrenza fra le imprese. Inoltre, migliorando il servizio grazie ad una più rapida liquidazione del danno, si ottiene un ulteriore effetto positivo per il consumatore. Anche l aspetto relativo ai costi doveva essere migliorato, cercando di eliminare dal sistema i cosiddetti costi impropri. Infatti è previsto nel risarcimento diretto un periodo entro il quale non si ha contenzioso. A distanza di un mese dall introduzione del risarcimento obbligatorio diretto, il Ministro Bersani ha fatto presente che i prezzi non erano ancora scesi e che non si riusciva a comprenderne la ragione. In realtà, bastava pensare alle spese sostenute dalle aziende per mettere in atto il Decreto dal 1 febbraio 2007, data prevista per l avvio del sistema. 7

10 R.I.B. Reinsurance International Brokers S.p.A. È comunque vero che, al di là dei costi, il sistema è decollato: questo grazie alla grande capacità di reazione delle nostre imprese. Le regole per creare questo sistema sono state motivo di discussione, anche se permangono limiti evidenti, come ad esempio quello di avere un unico standard di riferimento per danni a cose e danni a persone. In realtà, non si può avere uno standard applicabile a tutte le categorie di veicoli e motoveicoli; tutti noi sappiamo che frequenza e costo medio possono variare fra le diverse categorie. Il problema verrà fuori e ci sarà la necessità di correzioni per quanto riguarda i motocicli, altrimenti, per questi ultimi, si dovrebbero incrementare le tariffe in misura abnorme solo per un difetto di sistema. Quanto precedentemente esposto è stato discusso nelle riunioni con il comitato tecnico e, in proposito, il Ministro Bersani ha dichiarato che se le norme non funzionano si devono cambiare. Ma queste sono semplici parole: si dovrebbero, invece, verificare nella pratica alcune impostazioni adottate per capire se sussiste o meno la necessità di rettifiche. In questo senso, il mercato ha già inviato messaggi sia all ISVAP sia al Governo per far presente che una situazione invariata potrebbe essere causa di significative distorsioni. Certo è che il sistema del risarcimento diretto è stato reso molto complicato; ciò nonostante, lo consideriamo una grande opportunità. Abbiamo investito notevoli somme in una campagna di comunicazione che è ancora in corso, l utenza ci sembra soddisfatta dello strumento in quanto tale, i meccanismi informatici e amministrativi stanno funzionando secondo standard qualitativi superiori a quelli sperati. In sintesi, l industria ha fatto fino in fondo la sua parte; auspichiamo che la politica e l autorità di vigilanza non si sottraggano a fare quanto di loro pertinenza nella manutenzione del sistema del risarcimento diretto, un sistema che deve essere adattato alla mutevole realtà dei mercati. Potrà l indennizzo diretto portare alla riduzione dei prezzi? Ovviamente sto parlando di prezzi e non di tariffe : la differenza risiede nel fatto che per tariffa si intende l indicazione di un prezzo massimo che la singola impresa dichiara di praticare per quell autoveicolo, per quel ciclomotore, per quella tipologia specifica da assicurare in una certa realtà. Dopodiché, se crediamo nella concorrenza del mercato, ci sono i prezzi : essi derivano dalla dinamica concorrenziale e costituiscono gli scostamenti dalla tariffa. È di prossima emanazione una nota dell ISVAP che chiarirà il quesito di due anni fa, ovvero se l attuale impostazione di mercato che prevede la flessibilità tariffaria nel ramo Rc auto è legittima o meno. È materia su cui l ANIA ha preso più volte posizione e su cui sono pendenti ricorsi alla Commissione Europea. Detto per inciso, siamo riusciti a vincere un ricorso relativo all esclusione delle assicurazioni (come delle banche) dal cuneo fiscale; niente altro che un ulteriore prova dell approssimazione nel legiferare. Arriviamo ora ai due Decreti Bersani in materia di distribuzione. Il primo vieta la distribuzione in via esclusiva nella Rc auto e il secondo estende tale divieto ai rami danni. Questi due Decreti, che in Italia (unico paese al mondo) limitano la possibilità di costituire una rete agenziale in esclusiva, costituiscono un intervento estremamente pesante per l industria assicurativa. La distribuzione è il crocevia di scambio tra l impresa e il mercato; con tali interventi si incide grandemente sul valore di avviamento di un impresa, costituito in larga misura dal capitale umano e da una rete agenziale efficace, con conseguenti perdite in termini di professionalità e di anni di investimenti. Si interviene in modo pesante e del tutto illogico perché il sistema distributivo italiano è, al pari di tutti gli altri sistemi europei, un sistema multicanale. L assetto norma- 8

11 XIV Convegno R.I.B. tivo riorganizzato dal Codice delle Assicurazioni prevedeva, infatti, un sistema distributivo multicanale, coerente con l azione delle forze di mercato, che hanno spinto verso un crescente peso di canali diversi da quelli cosiddetti tradizionali. Sono favorevole al plurimandato, che può coesistere con il monomandato come del resto accade in tutti i paesi europei. Negli Stati Uniti abbiamo assistito a una forte evoluzione verso l agente indipendente e a un altrettanto forte ritorno, nei rischi retail, verso l agente monomandatario. I mercati scelgono una segmentazione prodotto/canale/servizio proprio in relazione a quella che è la complessità. I due Decreti in questione, invece, pongono le imprese italiane in una posizione di inferiorità rispetto alle imprese del resto d Europa: la segnalazione di tale situazione costituisce il fulcro di un altro nostro ricorso in sede europea. Infatti, le imprese estere che vorranno operare in Italia potranno offrire un loro mandato ad altri agenti italiani, mentre, viceversa, le imprese italiane non potranno offrire determinati servizi agli agenti stranieri. Quanto appena descritto è contro ogni logica e contro ogni normativa in vigore ma, quel che è peggio, danneggia i consumatori nel breve/medio periodo e - nel lungo termine - danneggerà anche agenti e imprese. Tutto questo è stato giustificato dall attuale situazione di mercato, giudicata come scarsamente concorrenziale a causa dell elevato costo delle tariffe Rc auto. Il prezzo è solo in parte in funzione della concorrenza; ci sono anche i cosiddetti costi di produzione, cioè la frequenza e il costo medio, che non è altro che il derivato della incidentalità. L aumento dei prezzi è conseguenza diretta di una serie di inefficienze che incidono sul costo dei sinistri. C è poi un altro intervento normativo che sicuramente andrà ad incidere sui costi: mi riferisco alle nuove disposizioni sul bonus-malus. Due sono, al riguardo, le novità di rilievo. La prima è che non scatta il malus se non per il danneggiante principale (più del 50% di responsabilità del sinistro). Questo sistema dovrebbe essere attivato attraverso una sorta di banca dati in cui ognuno si porta dietro i suoi debiti. Se, poi, si verificasse un concorso di colpa al 50%, il malus non scatterebbe mai. Ma se non scatta il malus l effetto indotto è che la mutualità generale deve pagare il malus che non è scattato. La seconda decisione riguarda i proprietari di un autoveicolo che acquistano un secondo veicolo per loro o per un altra persona del nucleo familiare: in tal caso, essi hanno diritto di ottenere la stessa classe di merito assegnata al veicolo già di loro proprietà. Questa è una norma che incide in misura considerevole sul fabbisogno tariffario. Il terzo effetto negativo è che in tal modo viene a mancare un notevole incentivo ad una guida prudente: se il legislatore interviene per non fare scattare il malus, ciò non contribuisce certo a premiare i comportamenti più responsabili. Arriviamo, infine, alla pluriennalità dei contratti di assicurazione. Che l imposizione di una durata annuale dei contratti abbia una positività in termini di concorrenza è vero, ma la norma, così com è, è illogica sotto diversi profili. Anzitutto, la disposizione di carattere generale fa sì che, anche nei rami in cui la poliennalità dovrebbe essere un elemento di protezione del consumatore, questa venga impedita. Inoltre, il Decreto stabilisce che anche i contratti pluriennali in vigore diventino annuali, purché siano passati almeno tre anni dalla stipula. Per concludere, le situazioni di difficoltà sin qui evidenziate sono conseguenza dell aver realizzato interventi normativi prima di aver effettuato un esauriente valutazione dei loro effetti sul mercato. Tornando alla mia affermazione di partenza - cento ne fanno, una ne pensano, la probabilità che iniziative di questo tipo abbiano effetti positivi è, per definizione, molto bassa. 9

12

13

14 R.I.B. Reinsurance International Brokers S.p.A. Il senso dell innovazione: da cliente a consumatore. Cosa cambia nell approccio dei broker DOTT. FRANCESCO PAPARELLA - PRESIDENTE AIBA - ASSOCIAZIONE ITALIANA BROKERS DI ASSICURAZIONE E RIASSICURAZIONE, ROMA Prima di parlare degli intermediari, in particolare dei broker, vorrei fare, seppur brevemente, una genesi degli eventi che hanno portato alla Seconda Direttiva sull intermediazione da cui è derivato tutto quello che noi oggi ci troviamo ad affrontare. Verso la fine del 1999 e l inizio del 2000 il movimento consumatori tedesco si accorse che gli intermediari operavano sul mercato locale senza alcuna regolamentazione e, poiché quello che la Germania propone all Unione Europea solitamente si cerca di fare, si cominciò a discutere di una Direttiva sugli Intermediari. E da lì si è arrivati poi al 2002 quando questa Direttiva ha preso la sua connotazione finale. Ad essa l Italia si opponeva fortemente perché la considerava una deregolamentazione rispetto al mercato italiano che era già tutelato dalla Legge 48 degli agenti e dalla 792 per i broker. L Italia quindi riteneva di essere molto più regolamentata anche rispetto a quanto si andava a stabilire con questa Direttiva. Purtroppo si sono verificati eventi che hanno portato il mercato assicurativo italiano ad uno stato confusionario. Va detto che dai contatti con il legislatore europeo e quello italiano è emerso che dal loro punto di vista il cliente (l assicurato) era una sorta di povero disperato che si trovava vessato da un intermediario che aveva semplicemente l obiettivo di estorcergli del denaro. Ciò è causa dell introduzione di una serie di strumenti di controllo che oggi dobbiamo traslare nei nostri sistemi operativi. La Direttiva 2002 viene recepita nel Codice con l intenzione di prefigurare un cambiamento del mercato, tale da rendere il consumatore non più un soggetto vessato ma libero, preparato, che farà scelte consapevoli e otterrà costi minori rispetto agli attuali. Questa visione impatta su un mercato assicurativo che mantiene ancora una sproporzione nei rami danni dove il 51% è rappresentato dalla Rc auto, con ciò giustificando il giudizio che il nostro non sia un mercato evoluto, visto che negli altri paesi europei la proporzione è esattamente contraria: 49% auto, e il rimanente non auto. In questa realtà la categoria dei broker nel 2006 ha intermediato il 18,6% dei premi dell intero comparto ed il 42,7% dei rami danni. Il dato è desunto dall entità di quanto versato al Fondo di Garanzia dalla Categoria. È diverso dalle stime che l ANIA fa sul portafoglio diretto impresa/broker. Si deve tener conto che circa il 50% del nostro portafoglio è appoggiato agli agenti e questo, se la compagnia non è strutturata per farlo, è difficile da evidenziare; ecco perché noi sulla base del Fondo di Garanzia desumiamo un dato più preciso, e cioè il 42,7% dei rami danni. Qui nasce il primo problema. Noi consideriamo l Agente lo sportello sul territorio della compagnia, questo perché le compagnie stanno riducendo le proprie strutture dirette. I nostri broker sono presenti su tutto il territorio nazionale con percentuali diverse, perché legate al tessuto industriale del Paese, e constatano che le compagnie, ad esclusione dei maggiori centri urbani, non hanno più le proprie gerenze, quindi per loro è necessario, per poter operare in continuità e dare un servizio alla clientela, fare riferimento alle agenzie, che sono gli unici strumenti con cui possono dialogare. Resta anche da dire che molte compagnie stanno disincentivando il rapporto con il broker, indirizzandolo proprio verso gli agenti. Cosa si sta verificando? Il ruolo dei broker sul mercato è sempre stato quello di valutare, 12

15 XIV Convegno R.I.B. insieme al cliente, le esigenze, interpretarle correttamente e poi trasferire al partner assicurativo quello che, insieme al cliente, si è deciso di cedere. Rispetto al ruolo dei broker queste norme non porteranno nessun cambiamento sostanziale. Potremmo quindi parafrasare: bisogna che tutto cambi perché tutto rimanga com è. Seppur queste norme non modifichino in nessun modo il ruolo del broker, sicuramente i nuovi obblighi destano allarme. Non per la qualità del lavoro che i broker svolgono, ma sulle modalità formali. La sequenza normativa di riferimento è la Direttiva 92/2002, il Decreto Legislativo 209 del 07/09/2005 e il Regolamento ISVAP 5/2006. A ciò si uniscono i Decreti Bersani che eliminano la durata decennale dei contratti e il vincolo di esclusiva per gli agenti. Il Decreto sull eliminazione della poliennalità per determinati rami potrà generare gravi problemi, basti pensare alle polizze di rimborso spese mediche: se la compagnia potrà rescindere annualmente dal contratto, ciò potrebbe diventare estremamente pericoloso per l assicurato. A mio vedere non è una grande vittoria l eliminazione della decennalità dei contratti oggi ottenuta. Diverso sarebbe stato ad esempio nel 1993 quando fu emanata la prima Direttiva europea, la n. 38, sulle clausole vessatorie. Allora sì che si sarebbe impattato su un mercato ingessato da una forte componente di decennalità. Oggi questa decennalità ingessa molto meno ed è abbastanza residuale, anche se esistono ancora piccole/medie aziende che hanno contratti decennali, ma rispetto all intero mercato il fenomeno è molto meno importante. Dalla Seconda Direttiva sull Intermediazione deriva la costituzione del RUI. Il Registro è un idea del legislatore europeo che ha pensato che gli intermediari fossero tutti uguali, cioè il problema non è chi vende la polizza, ma la polizza che si vende. L intermediazione quindi è il passaggio per immettere sul mercato dei prodotti assicurativi redatti dalle imprese per cui non ha importanza chi operi (agente, broker, produttore diretto, ecc.). Per il legislatore è la stessa cosa, anche se i broker oltre ad essere intermediari sono anche consulenti come era stato fatto notare ma questo non è stato preso in considerazione. Ciò non giova alla chiarezza e alla trasparenza che tanto si vuole cercare, perché se l interlocutore che ha di fronte l intermediario non sa neanche distinguere bene che tipo di intermediario sia, si genera più confusione che chiarezza e trasparenza. Per incrementare la capacità professionale dell intermediario, il Regolamento impone la formazione. Noi ci riteniamo diversi e migliori rispetto agli altri intermediari e perciò abbiamo ottenuto di poter redigere i nostri questionari di adeguatezza. Ma dobbiamo stare molto attenti. L indennizzo diretto, oltre ad 13

16 R.I.B. Reinsurance International Brokers S.p.A. avere dei vantaggi futuri in termini di costi, potrà implicare alcuni rischi. Ad esempio, potrà liberare sul mercato tante professionalità di piccoli avvocati che operavano esclusivamente nel settore dell infortunistica stradale. Questi, per trovare nuove opportunità di lavoro, potranno consigliare i propri amici/clienti di intentare causa al broker, laddove il rapporto assicurativo risulti non ottimale. Penso che, in proporzione, non ci sarà un maggior numero di sinistri rispetto al passato, riconducibili alla responsabilità professionale del broker, ma si verificherà un innalzamento della soglia di litigiosità, con conseguenti elevate spese di resistenza. Perciò il questionario sull adeguatezza dovrà essere attentamente studiato e redatto, perché su di esso potrà incentrarsi l eventuale litigiosità. Questo nuovo processo passa attraverso una serie di step: l informazione, la consulenza e l immedesimazione nelle problematiche, per fare in modo che il cliente sia veramente consapevole quando sottoscrive il contratto e diventi così un consumatore. Ma il lavoro del broker è sempre stato questo! Del resto le informazioni vanno sapute usare: se diamo troppe informazioni il cliente si confonde ed il timore è proprio lì, visto che oggi ci viene imposto di darne una serie elevatissima. Il ruolo del broker è da sempre quello di professionista, mediatore, imprenditore e consulente. In sintesi, un problem solver. Molta attenzione va posta al regime sanzionatorio previsto dal Regolamento, che è estremamente rigido. Leggere che la radiazione è comminata per fatti di eccezionale gravità è una cosa. Diverso è verificare che tale eccezionalità si sostanzi in violazioni, che difficilmente si potrebbero ritenere così importanti. Si rischiano pene pecuniarie e sanzioni amministrative consistenti; ed è per questo che le nostre responsabilità, come abbiamo detto, in qualche modo cambiano. Non sotto l aspetto sostanziale, ma sotto l aspetto formale e questo imporrà, tra l altro, di rivedere i contenuti delle lettere di brokeraggio. Dove sarà necessario si vada ad identificare con maggior chiarezza e precisione quello che ci si impegna a fare per il cliente. Dovremo perciò abbandonare la genericità degli incarichi fin qui utilizzati, ad evitare che quello che è il nostro partner, cioè il cliente, divenga un possibile nemico. Del resto, per mantenere la validità del rapporto con i clienti, è necessario crescere professionalmente in continuazione. Ciò non perché sia imposto dalle normative, ma perché parte integrante della nostra attività. 14

17 XIV Convegno R.I.B. La formazione, che da anni AIBA svolge, è sempre stata seria ed approfondita anche perché si sottoponevano a formazione le persone sulle quali maggiori erano le aspettative, suddividendole per tipologia di corsi, affinché, nell ambito dell impiego professionale diuturno mettessero a frutto quanto appreso. Oggi la formazione obbligatoria ha portato a due immediati risultati. Il primo: l aumento del costo, sia perché l obbligatorietà consente di far crescere il prezzo dell offerta, sia perché tutti i soggetti obbligatoriamente debbono essere sottoposti a formazione, mentre prima se ne limitava il numero. Il secondo: spesso la qualità effettiva dell offerta formativa è modesta. L unico modo per difendere la categoria dei broker è quello di dimostrare di essere unici rispetto agli altri canali di intermediazione, ed è ciò che l AIBA sta facendo. Per l Associazione è una grande opportunità, ma anche una grande sfida. Laddove viene meno una normativa come ad esempio la 792/84, la vacatio legis deve essere colmata dal ruolo dell Associazione di categoria, che quindi è etico, politico e di servizio. Perciò AIBA, nel sostituirsi alla carenza di norme, cerca di sottolineare la differenza sostanziale fra il lavoro del broker e quello degli altri intermediari. Questa strada è stata intrapresa con senso di responsabilità e consapevolezza, impiegando tutte le possibili risorse per il conseguimento di questo obiettivo che deve dare la percezione di un effettivo Valore Aggiunto. 15

18

19

20 R.I.B. Reinsurance International Brokers S.p.A. The Zurich Way: la distribuzione in Europa DOTT. FILIPPO CINELLI - HEAD OF BROKER GRUPPO ZURICH ITALIA, MILANO Desidero parlarvi delle prospettive della distribuzione in Europa per meglio comprendere i trends di quella italiana. Inizio a presentare il mio gruppo. Siamo una realtà internazionale. Operiamo a livello globale, coprendo tutti i settori dell offerta assicurativa. Siamo presenti nei mercati che hanno maggiore significato per l industria assicurativa, vale a dire: North America: nel settore danni nell area retail e piccole/medie imprese nonché nel business relativo alle grandi aziende e multinazionali. Negli USA la distribuzione vita è affidata in particolare alla rete distributiva di Farmers. Europe: la nostra offerta, sia nei danni che nel vita, è dedicata al segmento retail e piccole medie imprese. I nostri mercati strategici sono Regno Unito, Germania, Svizzera, Italia e Spagna. International: siamo attivi in America Latina in Asia, Australia, SudAfrica con una gamma di servizi diversificati in molti paesi emergenti. Ho pensato di sviluppare il mio intervento riflettendo sulle nuove norme che rivoluzionano l assetto organizzativo della Distribuzione in Europa e quindi l Italia, ossia l impatto del Decreto Bersani sull assetto dell intermediazione assicurativa, dal quale scaturisce un nuovo ruolo per agenti e broker. L apertura al plurimandato, le norme sul decreto di esclusiva e la scomparsa della decennalità delle polizze. L ingresso di nuovi operatori determina come si sa un mercato più concorrenziale ed anche una parallela riformulazione dell offerta assicurativa. Gli sviluppi che ne conseguono per le figure degli agenti e dei broker. In questo contesto ci sono sicuramente delle opportunità per le società di brokeraggio. Ed il mio focus sarà appunto su questa opportunità: ad esempio l eliminazione dei contratti decennali per il ramo danni con la possibilità per il contraente di disdire il contratto di anno in anno e senza costi. 18

Convegno Cesifin Responsabilità dell intermediario assicurativo Firenze, Palazzo Incontri, 4 luglio 2003

Convegno Cesifin Responsabilità dell intermediario assicurativo Firenze, Palazzo Incontri, 4 luglio 2003 Convegno Cesifin Responsabilità dell intermediario assicurativo Firenze, Palazzo Incontri, 4 luglio 2003 NOTE CONCLUSIVE Fausto Marchionni Gli intermediari assicurativi svolgono un ruolo centrale nella

Dettagli

Quali prospettive per le collaborazioni fra intermediari assicurativi

Quali prospettive per le collaborazioni fra intermediari assicurativi Convegno Nazionale Intermediari Assicurativi Le giornate professionali Milano, 1 febbraio 2013 Quali prospettive per le collaborazioni fra intermediari assicurativi Risultati della ricerca IAMA Fabio Orsi

Dettagli

Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi

Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi Per poter competere con successo nei mercati stranieri è fondamentale la consapevolezza delle regole del gioco, dei rischi da evitare e delle

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Il mercato assicurativo: i canali

Il mercato assicurativo: i canali Il mercato assicurativo: i canali distributivi Corso di Gestione dei Rischi e delle Assicurazioni Dott.ssa Lara Maini 12 marzo 2012 Obiettivi della distribuzione assicurativa Ricerca della clientela Attività

Dettagli

Scenari di mercato e nuove sfide per le agenzie di assicurazione

Scenari di mercato e nuove sfide per le agenzie di assicurazione Scenari di mercato e nuove sfide per le agenzie di assicurazione Enea Dallaglio, Managing Partner IAMA Consulting R004-08 Un mercato in evoluzione Il divieto di esclusiva L eliminazione delle barriere

Dettagli

agosto 2005 Prodotti assicurativi distribuiti con il Multilevel Marketing: prime considerazioni, di Filippo Da Lan 1

agosto 2005 Prodotti assicurativi distribuiti con il Multilevel Marketing: prime considerazioni, di Filippo Da Lan 1 agosto 2005 Prodotti assicurativi distribuiti con il Multilevel Marketing: prime considerazioni, di Filippo Da Lan 1 Negli ultimi anni si è sempre più spesso sentito parlare di nuovi sistemi di distribuzione

Dettagli

Gli intermediari e la collaborazioni. Indagine online rivolta a tutti i broker e agenti di assicurazione italiani. Quale atteggiamento

Gli intermediari e la collaborazioni. Indagine online rivolta a tutti i broker e agenti di assicurazione italiani. Quale atteggiamento Michele LANGUINO (Componente Esecutivo Nazionale SNA, Responsabile Area Legale) Collaborazioni tra Intermediari assicurativi Quali prospettive per le collaborazioni fra intermediari assicurativi Risultati

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Zurich Connect. Presentazione Partnership. Compagnia diretta di assicurazione. Maggio 2009

Zurich Connect. Presentazione Partnership. Compagnia diretta di assicurazione. Maggio 2009 Zurich Connect Compagnia diretta di assicurazione Presentazione Partnership Maggio 2009 Contenuti della presentazione Presentazione del Gruppo Zurich Financial Services e di Zurich Connect in Italia Illustrazione

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL

RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL ADOZIONE DEI PRINCIPI DI REVISIONE INTERNAZIONALI Settembre

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

I fattori di successo nell industria dei fondi

I fattori di successo nell industria dei fondi Financial Services Banking I fattori di successo nell industria dei fondi Un marketing ed una commercializzazione strategici sono la chiave per l acquisizione ed il mantenimento dei clienti Jens Baumgarten,

Dettagli

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price Pricing Strategy Approfondimenti tematici settembre 2013 Le informazioni contenute nel presente documento sono classificate riservate e confidenziali ad esclusivo

Dettagli

Marketing e comunicazione nel settore assicurativo: Come aumentare la redditività dell agenzia. www.ifoap.it

Marketing e comunicazione nel settore assicurativo: Come aumentare la redditività dell agenzia. www.ifoap.it Marketing e comunicazione nel settore assicurativo: Come aumentare la redditività dell agenzia www.ifoap.it INDICE Il Marketing strategico e il marketing operativo La campagna di comunicazione L Analisi

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI Norberto Arquilla * L analisi di ciò che è stato fatto, nel corso degli ultimi anni, per la fiscalità del settore del risparmio non

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino In un contesto normativo e sociale caratterizzato da una costante evoluzione, al Comune,

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

CLAUDIO CACCIAMANI. Professore di Economia degli Intermediari finanziari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA. Mediatori creditizi e mondo assicurativo

CLAUDIO CACCIAMANI. Professore di Economia degli Intermediari finanziari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA. Mediatori creditizi e mondo assicurativo CLAUDIO CACCIAMANI Professore di Economia degli Intermediari finanziari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Mediatori creditizi e mondo assicurativo Mediatori creditizi e mondo assicurativo Roma, 23 Settembre

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti

Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti La prospettiva dell offerta delle assicurazioni di Sergio Paci Università Bocconi 1 Il tema del pricing è molto complesso e articolato anche

Dettagli

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina Anno XV n. 85 Settembre Ottobre 2010 Pubblicazione Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione AL VIA LE AZIONI SINDACALI 26Primo piano Intervista Senatore Divina 52 Giurisprudenza Il caso Global 102 Speciale

Dettagli

Global Assicurazioni Garanzia di successo per i Partner

Global Assicurazioni Garanzia di successo per i Partner Global Assicurazioni Garanzia di successo per i Partner Global Assicurazioni è la Prima Agenzia Assicurativa italiana. La Società agisce su mandato di 17 compagnie leader nazionali ed internazionali e

Dettagli

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori 26.10.2009 DOCUMENTO DI LAVORO relativo alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali

Dettagli

Di Stefano Bonetto Auditor ed esperto UNI in materia di pianificazione ed educazione finanziaria

Di Stefano Bonetto Auditor ed esperto UNI in materia di pianificazione ed educazione finanziaria Welfare comunitario e normazione tecnica Di Stefano Bonetto Auditor ed esperto UNI in materia di pianificazione ed educazione finanziaria L obiettivo di queste note è semplice, vogliamo fornire informazioni

Dettagli

Master Bancario in Area Commerciale

Master Bancario in Area Commerciale Master Bancario in Area Commerciale Premessa Il mondo del credito è in costante evoluzione e le innovazioni si susseguono con sempre maggior frequenza nel campo legislativo, gestionale, organizzativo e

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Il management cooperativo e l innovazione

Il management cooperativo e l innovazione AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle imprese venete Il management cooperativo e l innovazione DGR n. 784 del 14/05/2015 - Fondo Sociale Europeo in sinergia con

Dettagli

I BILANCI CERVED: FONTE DI INFORMAZIONI SUL MERCATO E STRUMENTO DI GESTIONE

I BILANCI CERVED: FONTE DI INFORMAZIONI SUL MERCATO E STRUMENTO DI GESTIONE I BILANCI CERVED: FONTE DI INFORMAZIONI SUL MERCATO E STRUMENTO DI GESTIONE Il Benchmarking sui bilanci è un fondamentale supporto alla gestione dell azienda Cerved ha appena pubblicato i dati di bilancio

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Èuna situazione complessa e per

Èuna situazione complessa e per LE RISORSE PER IL VOLONTARIATO NELLA CRISI: COME QUADRARE IL CERCHIO? Investire nella qualità della progettazione, ricerca di nuovi potenziali finanziatori, ricorso a campagne di sottoscrizione popolare.

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione L Outsourcing Relatore Prof.ssa Concetta Mercurio Candidato Mario

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

Convegno "LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE"

Convegno LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE Convegno "LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE" Alcune riflessioni sul tema della diffusione dell'ict nelle imprese Guido Mario Rey Facoltà di Economia

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

ACCORDO QUADRO PROGRAMMATICO IMPRESA-AGENTI

ACCORDO QUADRO PROGRAMMATICO IMPRESA-AGENTI ACCORDO QUADRO PROGRAMMATICO IMPRESA-AGENTI Tra la Compagnia UNIPOL Assicurazioni S.p.A. e Associazione Agenti Unipol Gruppo Agenti Aurora Gruppo Agenti UGF Gruppo Agenti Navale PREMESSO che il progetto

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

FACTORING E PROBLEMATICHE RELATIVE AL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE. ringrazio gli organizzatori di questo convegno per avermi dato l opportunità di

FACTORING E PROBLEMATICHE RELATIVE AL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE. ringrazio gli organizzatori di questo convegno per avermi dato l opportunità di FACTORING E PROBLEMATICHE RELATIVE AL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE Gentili Signore, Egregi Signori, ringrazio gli organizzatori di questo convegno per avermi dato l opportunità di esprimere, come imprenditore

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE Ricerca e innovazione in Italia. Le proposte della politica Italianieuropei intervista Maria Chiara Carrozza I ricercatori appartengono alla schiera dei potenziali innovatori.

Dettagli

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide FORUM BANCASSICURAZIONE 2015 Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide Umberto Guidoni Servizio Auto Agenda Focus sulla raccolta premi in Italia Il mercato

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

Come si evolve il mercato? Quale evoluzione per l Agente? Noi, valore in evoluzione

Come si evolve il mercato? Quale evoluzione per l Agente? Noi, valore in evoluzione Comesievolveilmercato?Qualeevoluzioneperl Agente? Noi,valoreinevoluzione Checosastaaccadendonelmercatoenelladistribuzioneassicurativaequalisono leprospettivefuturepergliintermediari InterventodelDott.AngeloScarionialconvegnoAgentiFonSai

Dettagli

I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI

I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI Roma, 22 novembre 2011 Direzione Retail Funzione C.A.E. L EVOLUZIONE DEL SETTORE Gli ultimi cinque anni hanno

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato,

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato, DALLE TARIFFE ALLA CRESCITA UN ASSICURATORE GLOBALE CHE COPRE I BISOGNI DEL CLIENTE ANCHE IN AMBITI COME LA SALUTE, L ABITAZIONE, LA SICUREZZA PATRIMONIALE. TRA RIGORE TECNICO, RICHIESTA DI FLESSIBILITÀ

Dettagli

Il Controllo di gestione nella piccola impresa

Il Controllo di gestione nella piccola impresa Stampa Il Controllo di gestione nella piccola impresa admin in A cura di http://www.soluzionipercrescere.com La piccola impresa presenta generalmente un organizzazione molto snella dove l imprenditore

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

Relatori. Dott. Paolo Pepe Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63. Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.

Relatori. Dott. Paolo Pepe Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63. Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10. Relatori Dott. Paolo Pepe Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63 Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63 1 Analisi & Mercati Fee Only s.r.l. è una società di consulenza finanziaria

Dettagli

"Pure Performance" per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune

Pure Performance per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune "Pure Performance" per i Partner Una direzione chiara per una crescita comune 2 "Pure Performance" per i Partner "Pure Performance" per i Partner 3 Alfa Laval + Partner Valore per il Cliente Partner per

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione Forum P.A. - ROMA, 6 Maggio 2003 Vorrei utilizzare questo tempo a mia disposizione

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

Affianchiamo l imprenditore ed i suoi collaboratori nella gestione della complessità nella quale l azienda quotidianamente si muove

Affianchiamo l imprenditore ed i suoi collaboratori nella gestione della complessità nella quale l azienda quotidianamente si muove Dr. Mario Venturini Professionista operante in conformità alla Legge n. 4 del 14 /01/2013 Certified Management Consultant - Socio qualificato APCO-CMC n 2003/0042 Affianchiamo l imprenditore ed i suoi

Dettagli

Le idee per il tuo futuro: un business possibile!

Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Antonio Usai ausai@uniss.it Marketing strategico e sviluppo nuovi prodotti Dipartimenti di scienze economiche e aziendali Università degli Studi di Sassari

Dettagli

I giovani e il rapporto con le assicurazioni

I giovani e il rapporto con le assicurazioni I giovani e il rapporto con le assicurazioni Francesco Saita Patrizia Contaldo CAREFIN, Università Bocconi Roma, 21 ottobre 2014 Introduzione (1) I giovani hanno un mix di caratteristiche che possono rendere

Dettagli

Marketing mix Prodotto

Marketing mix Prodotto Marketing mix Parlare di marketing mix per il settore pubblico è possibile soltanto prendendo i fattori che lo contraddistinguono ed adattarli al settore. Accanto ai tradizionali quattro fattori: prezzo,

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

Un mestiere difficile

Un mestiere difficile Un mestiere difficile.forse troppo? a cura di Beatrice Chirivì INTRODUZIONE Sono in media 1.300 all anno le persone che inviano il proprio curriculum al COSV. In gran parte si tratta di candidature di

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising ENGAGEDin propone corsi di formazione per le organizzazioni che vogliono avviare o sviluppare la propria attività di raccolta fondi attraverso la crescita delle proprie competenze, la discussione di casi

Dettagli

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE Di Antonella Della Rovere (luglio 2003) L ambiente accademico sta attraversando un momento di profonda trasformazione: la riforma dei corsi di studio

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

PERSONA. con il Cliente

PERSONA. con il Cliente con il Cliente inprima PERSONA La necessità degli imprenditori di trasferire una quantità sempre maggiore di rischi, deve essere supportata da una continua evoluzione del prodotto assicurativo. La vera

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006)

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) Nel quadro della innovazione organizzativa avviato dalla Provincia, il Nucleo

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese La gestione della safety: l evoluzione del quadro normativo dott. Matteo Rossi Benevento, 26 febbraio 2008 La sicurezza sul lavoro: fra sicurezza sociale e obiettivo aziendale

Dettagli

Evento celebrativo del decennale OIC Il ruolo del National Standard Setter. Intervento del Vice Direttore Generale ISVAP Dott.ssa Flavia MAZZARELLA

Evento celebrativo del decennale OIC Il ruolo del National Standard Setter. Intervento del Vice Direttore Generale ISVAP Dott.ssa Flavia MAZZARELLA Evento celebrativo del decennale OIC Il ruolo del National Standard Setter Intervento del Vice Direttore Generale ISVAP Dott.ssa Flavia MAZZARELLA 16 dicembre 2011 Buongiorno a tutti, prometto di essere

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO 1 INDICE 1/2 1. IL GRUPPO BENETTON: COMPANY OVERVIEW 2. LA STRATEGIA D AREA 2.1 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO 2.2 LA CONFIGURAZIONE DELLE ATTIVITA 3.

Dettagli

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Fonte primaonline.it 07 novembre 2013 12:19 Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Upa, Assocom e Unicom hanno sottoscritto un documento che

Dettagli