Miscugli eterogenei, soluzioni e sostanze

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Miscugli eterogenei, soluzioni e sostanze"

Transcript

1 CORSI SPECIALI DI ABILITAZIONE ALL INSEGNAMENTO SECONDARIO Corso di fondamenti e didattica della chimica e laboratorio di didattica della chimica Docenti: prof.ssa Marvelli e prof. Fogagnolo Miscugli eterogenei, soluzioni e sostanze Prof. Egidio Barbone

2 Per fornire agli studenti la metodologia e la strategia idonea a risolverlo si terrà conto delle loro capacità cognitive e procedurali, strutturando l UD come segue. Collocazione curricolare 2^ media inferiore Tempo previsto 6 ore Prerequisiti Conoscere le principali proprietà della materia Possedere le nozioni di temperatura e calore Conoscere le principali unità di misura Saper osservare e descrivere un fenomeno naturale e saper eseguire calcoli Obiettivi cognitivi Conoscere i concetti di solvente, soluto, concentrazione Conoscere il concetto di sostanza pura e di miscuglio Saper distinguere tra miscugli omogenei (soluzioni) ed eterogenei

3 Obiettivi operativi Conoscere e saper utilizzare i più semplici strumenti di un laboratorio chimico Saper separare gli elementi di miscugli con vari metodi Contenuti I miscugli eterogenei Le parti che formano i miscugli eterogenei si possono separare con mezzi meccanici I miscugli omogenei o soluzioni Le sostanze pure o specie chimiche Metodologia Accertamento prerequisiti Introduzione problematica agli argomenti Lezione interattiva Attività di laboratorio Analisi casi reali Integrazione del glossario scientifico Verifica Test, interrogazione dialogica, relazione laboratorio

4 Collegamenti pluridisciplnari Tecnologia: tecniche di separazione dei componenti di un miscuglio, l esempio del petrolio (la distillazione frazionata, il cracking e il reforming). Materiali impiegati nella costruzione di un edificio. Materie prime impiegate nella costruzione dei computer. Geografia: i paesi maggiori produttori di ferro, rame, alluminio, uranio, silicio e quali impieghi ne vengono fatti. Storia: l impiego dei materiali naturali, l estrazione e la lavorazione dei metalli, hanno segnato momenti significativi nella storia delle società umane. Individua alcuni momenti significativi della storia umana influenzati dall impiego di nuovi materiali. Arte e immagine: materiali usati nella scultura e nella pittura. Fattori che influenzano la loro conservazione. Musica: Materiali impiegati nella fabbricazione di uno strumento musicale e i caratteri del suono che possono essere influenzati dai materiali costitutivi dello strumento.

5 I miscugli eterogenei Che cosa sono i miscugli eterogenei La maggior parte dei corpi che ti circondano sono eterogenei, cioè non hanno le stesse proprietà in tutti i loro punti. Osserva l'esempio del granito. Un pezzo di granito è eterogeneo. Infatti, in base al colore puoi riconoscere facilmente in esso parti solide diverse. Anche il miscuglio di acqua e di ghiaccio contenuto nel bicchiere della figura 2 è eterogeneo. Infatti, in alcuni punti è formato da acqua liquida e in altri da acqua solida (cioè, da ghiaccio). Corpi che hanno in punti diversi proprietà diverse si chiamano miscugli eterogenei. Le parti omogenee dei miscugli eterogenei si chiamano fasi. Così, il granito è formato da più fasi solide. Il miscuglio di acqua e di ghiaccio, invece, è formato da due fasi: una fase liquida e una fase solida.

6 Esistono più tipi di miscugli eterogenei Nella natura, i miscugli eterogenei sono frequentissimi. Essi possono essere distinti in più tipi. 1) Le rocce e le sabbie. Miscugli solidi. Le rocce e le sabbie sono miscugli eterogenei formati da fasi tutte solide. Osserva la figura. Nelle rocce e nelle sabbie è facile riconoscere particelle che hanno colori, dimensioni, durezza ecc. diversi. 2) Le sospensioni. Le sospensioni sono miscugli eterogenei formati da una fase liquida e da una o più fasi solide sospese nella fase liquida. Per esempio, tutte le acque che si trovano sulla superficie della Terra (mari, laghi, fiumi ecc.) sono sospensioni (figura 4). 3)I fumi. I fumi (figura 5) sono miscugli eterogenei formati da particelle solide sospese in un gas. 4) Le nebbie. Le nebbie sono miscugli eterogenei formati da particelle liquide sospese in un gas.

7 5) Le emulsioni. Le emulsioni sono miscugli eterogenei formati da un liquido disperso dentro un altro liquido Per esempio il latte è una emulsione di goccioline di grasso disperse in un liquido (che è formato da acqua contenente zucchero e altre sostanze). Un altro esempio è il miscuglio di acqua e olio. 6) Le schiume. Le schiume sono miscugli eterogenei formati da bolle di gas mescolate a un liquido (figura 8). Le parti che formano i miscugli eterogenei si possono separare con mezzi meccanici II segreto per separare le fasi dei miscugli eterogenei è quello di sfruttare le loro diverse proprietà. In questo modo: le fasi dei miscugli eterogenei possono essere separate con mezzi meccanici abbastanza semplici. Vediamo quali sono i metodi di separazione più usati.

8 L'uso dell'acqua. Osserva la figura. Puoi separare, per esempio, un miscuglio di sabbia e di segatura semplicemente ponendolo in acqua. Infatti, una volta poste in acqua (recipiente a destra), la segatura, che galleggia, e la sabbia, che va in basso, si separano. Il setacciamento. Se le parti del miscuglio eterogeneo sono formate da particelle diverse per dimensione, oltre che per natura, puoi usare il setaccio, uno strumento antichissimo. Così, per esempio, puoi separare per setacciamento la sabbia dalla ghiaia o la farina dalla crusca. La ventilazione. Un altro metodo per separare le parti dì un miscuglio eterogeneo solido è la ventilazione. Si procede così. Si macina il miscuglio. Poi si fa cadere da una certa altezza la polvere ottenuta. Mentre cade, si investe la polvere con una corrente d'aria. Le particelle più leggere, spinte lontano dal "vento" artificiale, si ammucchiano in un luogo più lontano da quello in cui cadono le particelle più pesanti. Il metodo della ventilazione è usato in molti processi industriali. La ventilazione è usata anche nella trebbiatura, per separare il grano (il seme del frumento) dalla pula (la leggera pellicola che lo avvolge).

9 L'uso delle calamite. Osserva la figura 2. In miscugli eterogenei in cui siano presenti minerali di ferro (per esempio, in miscugli di sabbia e limatura di Fe (figura 2a) le fasi che contengono ferro possono essere separate per mezzo di una calamità, sfruttando la loro proprietà di essere attratte dalle calamite (figura 2b). La decantazione e la filtrazione. Le fasi solide delle sospensioni sono separabili dalla fase liquida mediante la decantazione e la filtrazione. Sottoponendo a decantazione e a filtrazione una sospensione, ottieni un liquido omogeneo, cioè che ha le stesse proprietà in ogni suo punto.

10 I miscugli omogenei o soluzioni Nell'acqua limpida normalmente sono disciolte parti di altre sostanze, come dimostra il risultato che si ottiene sottoponendola ai passaggi di stato. Miscugli formati da più sostanze separabili solo tramite passaggi dì stato si chiamano miscugli omogenei o soluzioni. Esistono, dunque, due tipi di miscugli, come mostra la tabella. MISCUGLI ETEROGENEI (ad esempio limatura di Fe e S, fumi, nebbie..) Con proprietà diverse in punti diversi punti Separabili con mezzi meccanici MISCUGLI OMOGENEI O SOLUZIONI (ad esempio soluzioni, aria, acqua marina.) Con le stesse proprietà in tutti i loro punti Separabili solo con passaggi di stato Come si recupera il solvente di una soluzione liquida: la distillazione Nelle soluzioni, il componente presente in quantità maggiore si chiama solvente. Le sostanze disciolte nel solvente si chiamano soluti. Il modo più semplice per separare un solvente liquido da un soluto solido è l'evaporazione. Ma l'evaporazione da sola consente solo di recuperare il soluto, cioè le sostanze disciolte nel solvente. Se invece vuoi recuperare il solvente, devi eseguire due passaggi di stato. Prima devi trasformare il solvente in vapore (primo passaggio di stato: da liquido a vapore); poi devi trasformare il vapore in liquido mediante raffreddamento (secondo passaggio di stato: da vapore a liquido). Il procedimento di separazione che permette di recuperare il solvente di una soluzione liquida sì chiama distillazione.

11 Le sostanze pure o specie chimiche Che cosa accade se ritrasformi in vapore l'acqua distillata Se ritrasformi in vapore l'acqua che proviene dalla distillazione (figura 1a), cioè se fai subire all'acqua distillata un passaggio di stato, che cosa accade? L'acqua distillata non lascia residui (vedi figura in basso). Essa può essere ulteriormente condensata a liquido o congelata; ma non subisce alterazioni, ossia non sì scompone in parti diverse. Infatti, l'acqua distillata non contiene al suo interno altre sostanze. Essa, cioè, non è un miscuglio, ma è una sostanza pura.

12 condensazione solidificazione Aeriforme Liquido Solido I passaggi di stato sono esempi di trasformazioni fisiche: la stessa sostanza è presente prima e dopo la trasformazione. = H 2 O ( acqua) Sono sostanze pure tutti i corpi che non possono essere separati in parti diverse, cioè in altre sostanze, attraverso trasformazioni fisiche. Le sostanze pure sono anche chiamate specie chimiche.

13 Esempi di specie chimiche sono, oltre all acqua distillata (H2O), l'oro (figura 2), il mercurio (le goccioline in figura 3), il ferro (Fe) (figura 4), il platino (figura 5), il bromo (Br2), il rame (Cu), lo stagno (Sn), e gli altri metalli, il metano (CH4), l'alcol, lo iodio (I2), lo zucchero, il sale da cucina (NaCl) ecc. Miscugli omogenei o soluzioni (ad esempio soluzioni, aria, acqua marina.) Hanno proprietà variabili, secondo il tipo e la qualità del soluto presente Sono separate in altre sostanze dai passaggi di stato Le sostanze pure o specie chimiche Hanno proprietà caratteristiche e sempre uguali Subiscono i passaggi di stato senza separarsi in altre sostanze

14 Dai miscugli alle sostanze pure La figura 6 riassume in uno schema il modo in cui dai miscugli (eterogenei e omogenei) si possono ottenere sostanze pure. Come vedi, dai miscugli eterogenei, per separazione con mezzi meccanici (setacciamento, ventilazione, decantazione, filtrazione ecc.) si ottengono miscugli omogenei, cioè dotati delle stesse proprietà in tutti i loro punti. Sottoponendo i miscugli omogenei ai passaggi di stato si ottengono, invece, sostanze pure o specie chimiche (infatti, le soluzioni si scompongono nelle sostanze che le compongono). Sottoponendo ai passaggi di stato le sostanze pure, si ottengono ancora sostanze pure: cioè, le sostanze pure restano immutate.

15

16 Laboratorio I componenti dei miscugli possono essere separati con vari metodi. Questi metodi ti verranno ora illustrati attraverso una serie di attività sperimentali. Miscuglio di ferro e zolfo Materiali limatura di ferro, zolfo (S8), piattino, becher con acqua, calamità, cucchiaino. Esecuzione Avvicina la calamità alla limatura di ferro e osserva. Immergi un po' di limatura di ferro nell'acqua e osserva. Ripeti le stesse prove utilizzando lo zolfo. Prepara ora un miscuglio mescolando un cucchiaino di zolfo e uno di limatura di ferro nel piattino e osservane il colore. Avvicina la calamità al miscuglio e osserva. Rifai il miscuglio. Immergi il miscuglio nell acqua e osserva Compila la tabella dei risultati. ferro zolfo miscuglio colore prova alla calamità prova in acqua

17 Separazione per filtrazione. La filtrazione serve per separare miscugli solido-liquido o liquido-liquido Cosa devi usare Riso, acqua (H2O), carta da filtro, un imbuto, una ciotola, un bicchiere. Come devi procedere Mescola in una ciotola un po' di riso e un bicchiere d'acqua. Prendi un disco di carta da filtro e piegalo lungo i 2 diametri in modo da dividerlo in quarti. Sistema il filtro nell'imbuto in modo da aprire solo il primo quadrante lasciando ripiegati gli altri tre. Appoggia l'imbuto su un bicchiere e filtra il miscuglio. Cosa osservi?... I due componenti del miscuglio sono separati del tutto?..

18 Evaporazione Separare i componenti della soluzione acqua e sale Cosa devi usare 200 mi di acqua (H2O), 4 cucchiaini di sale (NaCl), un bicchiere, una scodella, una striscia di carta assorbente Come devi procedere Prepara nella scodella una soluzione di acqua (100 mi) e sale (2 cucchiaini) e poi cerca di ottenere nuovamente il sale facendo evaporare l'acqua vicino a una fonte di calore (calorifero). Quanto tempo dovrai aspettare?... Prepara nuovamente la stessa soluzione nel bicchiere e inserisci una striscia di carta assorbente facendo in modo che si appoggi alle pareti del bicchiere. Cosa osservi dopo un giorno?... E dopo due giorni?... Quale sostanza si è depositata sul fondo del bicchiere?... Sai dire perché?...

19 Soluzione e filtrazione Separazione del sale dalla sabbia Si versa acqua sul miscuglio di sale e sabbia; il sale si scioglie; si filtra il nuovo miscuglio; si separa il sale dall'acqua facendo evaporare l'acqua. Il filtro trattiene la sabbia nell'imbuto, mentre nel recipiente rimane la soluzione di acqua e sale. Il sale poi si può separare dall'acqua con il metodo dell'evaporazione Decantazione. La decantazione serve per separare miscugli solido-liquido Separazione del terreno dall'acqua Prova a mescolare in un becker un po di terreno con acqua e lascia decantare. Cosa succede?... Versa ora con molta attenzione, l acqua, facendola gocciolare a poco a poco

20 Come separare il sale dalla sabbia Materiali NaCl, sabbia, H2O, due becher, carta da filtro, imbuto, fornello ad alcool, treppiede e reticella Esecuzione Prepara il miscuglio di sale e sabbia in un becher (1-2). Versa dell'acqua nel becher e mescola sin che il sale sia sciolto (3-3a). Prepara il filtro ripiegandolo e poni il filtro sull'imbuto che avrai sistemato sull'altro becher (4). Filtra il contenuto del primo becher(5). Fai bollire (6). Risultati L'acqua scioglie il ma non la La carta da filtro trattiene la e lascia passare il e l'acqua. II sale si deposita sul fondo del becher quando tutta l'acqua è con l'ebollizione.

21 Cristallizzazione Consiste nel far evaporare il solvente della soluzione aumentando la sua temperatura. Il soluto, durante l'operazione, non perde completamente l'acqua, trattenendone una piccola parte chiamata acqua di cristallizzazione. La cristallizzazione può avvenire anche per raffreddamento della soluzione. Cosa devi usare un bicchiere, acqua, filo di cotone, bacchetta di vetro, un cucchiaio di solfato di rame. Come devi procedere Metti in un becher contenente acqua un cucchiaio di solfato di rame. Scalda la soluzione continuando a mescolare fino a quando tutto il solfato di rame si sarà sciolto. Metti il becher in un luogo dove non venga urtato e applica un filo di cotone a una bacchetta di vetro, sistemandola poi così come mostrato dalla figura B, in modo che il filo scenda nella soluzione. Che cosa succede il giorno dopo?... Cosa noti sul filo?... Cristalli di solfato di rame si sono formati sul filo una volta che la soluzione si è completamente raffreddata. Se attendi la completa evaporazione dell acqua noterai gli stessi cristalli sul fondo e sui bordi del becher.

22 Distillazione Che cosa ti serve Una teiera da fuoco; un pezzo di tubo di gomma;un tubicino di vetro;una bottiglietta; un pò di sale da cucina; un po' di ghiaccio; un fornello. Come devi procedere Metti un po' di acqua salata nella teiera. Mediante il tubo di gomma, collega il becco della teiera con il tubicino di vetro.metti a raffreddare la bottiglietta in un recipiente contenente del ghiaccio. Infila il tubicino di vetro nella bottiglietta. Poni la teiera sul fornello, fino a far bollire l'acqua. Che cosa osservi II vapor d'acqua sale e, passando per il becco della teiera, entra nella cannuccia di vetro. Qui si condensa, per andare a raccogliersi infine nella bottiglietta. Assaggia l'acqua così ottenuta. E ancora salata?... Si tratta proprio di acqua distillata!

23 Qual è la soluzione più concentrata? Cosa devi usare Té solubile, acqua, 4 tazze uguali, un cucchiaino da té. Come devi precedere Prepara nelle 4 tazze del té a contrazione diversa sciogliendove 1, 2, 3, 4 cucchiaini e osserva le differenze di colore e di sapore. Cosa osservi Cosa noti?... In quale caso il colore è più intenso? E il sapore più forte?... Sai spiegare perché?... Da quali fattori dipende la solubilità di una sostanza Solubilità e temperatura Cosa devi usare Acqua, zucchero, becher, un fornellino, una reticella spargifiamma. Come devi procedere Prepara nel becher una soluzione satura di acqua e zucchero, poi scaldala sul fornelletto in presenza di un adulto. Noterai che lo zucchero, in un primo tempo presente sul fondo del becher, si scioglierà rapidamente. Cosa puoi concludere?... La solubilità aumenta all aumentare della temperatura

24 Solubilità in vari solventi Cosa devi usare Acqua, zucchero, sale, alcol, becher. Come devi procedere Prova a fare soluzioni con le stesse quantità di soluto e solvente di: acqua-zucchero acqua-sale Alcol-zucchero Alcol-sale Cosa osservi Cosa hai notato?... La stessa quantità di zucchero si è sciolta allo stesso modo in uguali volumi di acqua e di alcol?... Se no, in quale solvente si è sciolto meglio?... E il sale?... Puoi concludere che La solubilità di una sostanza varia la variare del solvente

25 Verifica 1) Indica quali affermazioni sono vere e quali sono false Si chiamano miscugli eterogenei i corpi che non hanno in tutti i loro punti le stesse proprietà Si chiamano miscugli omogenei o soluzioni i corpi che hanno in tutti loro punti le stesse proprietà e che possono essere scomposti in sostanze diverse tramite passaggi di stato Miscugli eterogenei formati da una fase liquida e da una o più fasi solide si chiamano fumi. Le emulsioni sono miscugli formati da un liquido e da un gas. V F Le sostanze sciolte in una soluzione sì possono separare mediante passaggi di stato. Sono sostanze pure tutti i corpi che non possono essere separati in parti diverse mediante passaggi di stato. V V V V V F F F F F

26 2) Completa le frasi, scegliendo fra i due termini in colore quello corretto Un miscuglio di acqua e di ghiaccio è un miscuglio eterogeneo/una soluzione. Le nebbie/emulsioni sono miscugli eterogenei formati da particene liquida sospese in un gas. Le sospensioni sono miscugli eterogenei formati da una fase liquida e da una o più fasi solide/da un liquido disperso dentro un altro liquido. La decantazione/filtrazione serve a far depositare le particelle più pesanti presenti in una sospensione. Le soluzioni sono miscugli omogenei/eterogenei. Le soluzioni possono essere separate con mezzi mezzi meccanici/con passaggi di stato. l corpi che possono/non possono essere separati in parti diverse mediante ì passaggi di stato si chiamano sostanze pure. Le sostanze pure sono anche chiamate soluzioni/specie chimiche. 3) Scegli la risposta esatta. Come possono essere separate le parti in ferro in un miscuglio di sabbia e di limatura di ferro? A. Mediante setacciamento. B. Usando una calamità. C. Mettendole in acqua. 4) Scegli il completamento esatto. La ventilazione serve per separare: A. miscugli eterogenei solidi ridotti in polvere; B. le fasi solide dalla fase liquida delle sospensioni.

27 5) Indica che tipo di miscuglio eterogeneo mostra ciascuna immagine a b c... 6) Che tipo di operazione illustra la fotografia? A che cosa serve tale operazione? 7) A che cosa serve un distillatore da laboratorio? A. A recuperare il soluto di una soluzione liquida. B. A recuperare il solvente di una soluzione liquida. C. A far evaporare il solvente di una soluzione liquida.

28 8) Indica, accanto a ogni lettera della figura, il nome dell'elemento che essa contrassegna 9) Setacciando, riesci a separare le fasi di un miscuglio. Di che tipo di miscuglio si tratta? Scegli l'ipotesi corretta. A. Un miscuglio eterogeneo. B. Un miscuglio omogeneo. 10) Facendo bollire dell'acqua dentro un pentolino, fino a quando il recipiente è completamente asciutto, sul fondo e sulle pareti del recipiente trovi delle incrostazioni solide. Come spieghi questo fenomeno? 11) Facendo subire a un corpo un passaggio di stato, il corpo non si scompone in altre sostanze. Di che tipo di corpo si tratta? Scegli l'ipotesi corretta. A. Una soluzione. B. Una specie chimica. C. Una sospensione.

29 12) Abbina ciascun termine alla definizione corrispondente, assegnandogli la stessa lettera di quest'ultima. Miscuglio eterogeneo A Metodo per separare in base alla dimensione le diverse fasi di un miscuglio eterogeneo. Emulsione B Corpo che non ha in tutti i suoi punti le stesse proprietà Sospensione C Miscuglio eterogeneo formato da un liquido disperso dentro un altro liquido Setacciamento D Miscuglio eterogeneo formato da una fase liquida e da più fasi solide Soluzione E Corpo che non può essere separato in parti diverse tramite passaggi di stato Specie chimica F Miscuglio formato da più sostanze separabili solo tramite passaggi di stato.

30 13) Completa la mappa concettuale

bicchieri di varia dimensione con un beccuccio per facilitare i travasi.

bicchieri di varia dimensione con un beccuccio per facilitare i travasi. Per contenere, prelevare e travasare liquidi e altre sostanze è indispensabile utilizzare strumenti di vetro che consentono un facile controllo visivo, si puliscono facilmente e non si corrodono. Per i

Dettagli

MISCUGLI E TECNICHE DI SEPARAZIONE

MISCUGLI E TECNICHE DI SEPARAZIONE MISCUGLI E TECNICHE DI SEPARAZIONE Classe 1^A Grafico Questo documento è solo una presentazione e non deve ritenersi completo se non è accompagnato dalla lezione in classe. Prof. Zarini Marta CLASSIFICAZIONE

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

Fenomeni fisici. ESPERIENZA n 1. Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio.

Fenomeni fisici. ESPERIENZA n 1. Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio. ESPERIENZA n 1 Fenomeni fisici Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio. Osserviamo dello zucchero al microscopio. Esso si presenta in forma di piccoli granelli trasparenti,

Dettagli

DIARIO DI BORDO DOCENTE PIERA FERRARIO SCUOLA MEDIA STATALE A. DE FERRARIIS GALATONE

DIARIO DI BORDO DOCENTE PIERA FERRARIO SCUOLA MEDIA STATALE A. DE FERRARIIS GALATONE DIARIO DI BORDO DOCENTE PIERA FERRARIO SCUOLA MEDIA STATALE A. DE FERRARIIS GALATONE MISCUGLI E SOLUZIONI La trattazione di questo argomento è avvenuta nell ambito dello studio dell acqua e delle sue proprietà

Dettagli

MATERIA: tutto ciò che ha una MASSA, occupa un VOLUME e ha ENERGIA

MATERIA: tutto ciò che ha una MASSA, occupa un VOLUME e ha ENERGIA La materia La materia MATERIA: tutto ciò che ha una MASSA, occupa un VOLUME e ha ENERGIA Il mondo che ci circonda è costituito da materia. La chimica studia le proprietà della materia e i suoi cambiamenti.

Dettagli

SOLUZIONI E MISCUGLI PERCORSO PER LA SCUOLA ELEMENTARE

SOLUZIONI E MISCUGLI PERCORSO PER LA SCUOLA ELEMENTARE SOLUZIONI E MISCUGLI PERCORSO PER LA SCUOLA ELEMENTARE 1 STADIO Identificazione e definizione delle soluzioni Obiettivo : il bambino, attraverso un approccio fenomenologico, impara il concetto di SOLUZIONE

Dettagli

LA SOLUBILITÀ. Ad esempio i sali contenuti nell'acqua del mare abbassano il punto di congelamento degli oceani.

LA SOLUBILITÀ. Ad esempio i sali contenuti nell'acqua del mare abbassano il punto di congelamento degli oceani. LA SOLUBILITÀ Per le sue caratteristiche chimiche, l acqua è uno dei migliori solventi naturali. Nei sistemi viventi molte sostanze si trovano in soluzione, si può facilmente comprendere l importanza di

Dettagli

DAI MISCUGLI ALLE SOSTANZE PURE

DAI MISCUGLI ALLE SOSTANZE PURE Come si presenta la materia? DAI MISCUGLI ALLE SOSTANZE PURE Il criterio per distinguere i materiali è la presenza di una o più FASI porzioni di materia fisicamente distinte tra loro delimitate da nette

Dettagli

Cognome. Nome Classe 1^ VERIFICA DI CHIMICA Recupero trimestre Data NB troverai le soluzioni nel testo in grassetto o sottolineato

Cognome. Nome Classe 1^ VERIFICA DI CHIMICA Recupero trimestre Data NB troverai le soluzioni nel testo in grassetto o sottolineato Cognome. Nome Classe 1^ ERIICA DI CHIMICA Recupero trimestre Data NB troverai le soluzioni nel testo in grassetto o sottolineato 1. Quale dei seguenti enunciati non descrive lo stato liquido? a) le particelle

Dettagli

18/01/2010. Laboratorio di chimica. Prof. Aurelio Trevisi

18/01/2010. Laboratorio di chimica. Prof. Aurelio Trevisi Laboratorio di chimica Prof. Aurelio Trevisi Corpi formati da due o più tipi di materia, cioè da due o più sostanze, formano i miscugli. Un miscuglio è omogeneo quando le sostanze che lo formano, cioè

Dettagli

P.D 4 Acqua come solvente P.D 4A Miscugli e separazione di miscugli Schede esperimenti Scuola secondaria di primo grado

P.D 4 Acqua come solvente P.D 4A Miscugli e separazione di miscugli Schede esperimenti Scuola secondaria di primo grado P.D 4 Acqua come solvente P.D 4A Miscugli e separazione di miscugli Schede esperimenti Scuola secondaria di primo grado ESPERIENZA: LE SOLUZIONI 3 bicchierini di plastica trasparenti sale zucchero Riempiamo

Dettagli

P.D 4 Acqua come solvente P.D 4A Miscugli e separazione di miscugli Esempio di percorso

P.D 4 Acqua come solvente P.D 4A Miscugli e separazione di miscugli Esempio di percorso P.D 4 Acqua come solvente P.D 4A Miscugli e separazione di miscugli Esempio di percorso Scuola primaria e secondaria di primo grado Attività iniziali Il lavoro, organizzato a gruppi, può prendere avvio

Dettagli

Messaggi chiave L acqua presente sulla Terra è sempre la stessa

Messaggi chiave L acqua presente sulla Terra è sempre la stessa Messaggi chiave L acqua presente sulla Terra è sempre la stessa e si muove secondo un percorso, detto ciclo dell acqua, attivato dall energia del sole. L acqua del mare, riscaldata dal calore del sole,

Dettagli

IL CICLO DELL ACQUA. L EVAPORAZIONE Asciughiamo i fazzoletti. Materiale occorrente. Due fazzoletti dello stesso tessuto, acqua.

IL CICLO DELL ACQUA. L EVAPORAZIONE Asciughiamo i fazzoletti. Materiale occorrente. Due fazzoletti dello stesso tessuto, acqua. L EVAPORAZIONE Asciughiamo i fazzoletti IL CICLO DELL ACQUA Materiale occorrente Due fazzoletti dello stesso tessuto, acqua. Immergiamo nell'acqua i due fazzoletti. Li strizziamo bene e li appendiamo fuori

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

LABORATORIO SCIENTIFICO

LABORATORIO SCIENTIFICO 3 ISTITUTO COMPRENSIVO-GIARRE LABORATORIO SCIENTIFICO Ascolto e dimentico. Guardo e ricordo. Eseguo e capisco. È con la pratica che si apprende. (Antico proverbio cinese) Il palloncino che si gonfia da

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Esperienza A: idrofilicità e idrofobicità

Esperienza A: idrofilicità e idrofobicità Esperienza A: idrofilicità e idrofobicità Obiettivo: Fare osservare che alcune sostanze, mescolate all'acqua, danno luogo a soluzioni omogenee mentre altre danno miscele eterogenee. Dalla descrizione delle

Dettagli

UA 2 La separazione dei miscugli

UA 2 La separazione dei miscugli Gruppo di lavoro SSIS CHIMICA Percorso 1 - DAI MISCUGLI ALLE SOSTANZE UA 2 La separazione dei miscugli Livello scolare di riferimento: III media Collocazione all interno della progettazione annuale: parte

Dettagli

SINTESI C1. Materia ed energia

SINTESI C1. Materia ed energia Le proprietà fisiche della materia Il mondo che ci circonda è formato da un gran numero di oggetti diversi. Siano essi di origine naturale o creati dagli esseri umani questi oggetti in chimica e fisica

Dettagli

Distinguere grandezze, unità di misura, strumenti di misura.

Distinguere grandezze, unità di misura, strumenti di misura. L A 145 ATTIVITÀ 1 Distinguere grandezze, unità di misura, strumenti di misura. Il tuo libro di scienze; strumenti di misura e non di misura forniti dal tuo insegnante. Osserva il tuo libro di scienze

Dettagli

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela La combustione Percorso didattico realizzato dalla classe II D Istituto d Istruzione secondaria di I grado S Francesco d Assisi Francavilla Fontana (Br) Docente: prof.ssa Lobello Carmela Perché la combustione?

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica l affermazione corretta. 7 Qual è la differenza tra un sistema omogeneo e un

Quesiti e problemi. 6 Indica l affermazione corretta. 7 Qual è la differenza tra un sistema omogeneo e un Quesiti e problemi SUL LIBRO DA PAG 39 A PAG 42 1 Gli stati tifisici i idella materia 2 I sistemi i omogenei e i sistemi i eterogenei 1 Costruisci una tabella che riassuma le caratteristiche degli stati

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

Corso competenze di base Ambito chimico

Corso competenze di base Ambito chimico Laboratorio di Chimica dell ITIS E.Majorana di Grugliasco (www.itismajo.it/chimica) Corso competenze di base Ambito chimico (Prima parte) La dispensa è stata realizzata dalla prof. A. Martini con la collaborazione,

Dettagli

Esperimenti Informazioni per il PD

Esperimenti Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/7 Compito Gli alunni conducono degli esperimenti con il sale avendo così la possibilità di studiarlo in quanto composto chimico. Grazie ai vari esperimenti imparano anche quali

Dettagli

Filtrazione semplice con imbuto.

Filtrazione semplice con imbuto. Filtrazione semplice con imbuto. Se si dispone di carta da filtro in fogli quadrati di 60 cm di lato, occorre tagliarli in 16 parti. Prendere una quadrato di carta da filtro di 15 cm di lato e piegarlo

Dettagli

Sistemi di separazione. Una breve presentazione dei principali sistemi usati per separare i componenti di una miscela

Sistemi di separazione. Una breve presentazione dei principali sistemi usati per separare i componenti di una miscela Una breve presentazione dei principali sistemi usati per separare i componenti di una miscela In questa presentazione analizzeremo i sistemi più usati per separare i componenti di una miscela. Per semplificare

Dettagli

Istituto Comprensivo Rignano Incisa Laboratorio del Sapere Scientifico PERCORSO DIDATTICO SULL ACQUA SCUOLA PRIMARIA F. PETRARCA INCISA VALDARNO

Istituto Comprensivo Rignano Incisa Laboratorio del Sapere Scientifico PERCORSO DIDATTICO SULL ACQUA SCUOLA PRIMARIA F. PETRARCA INCISA VALDARNO Istituto Comprensivo Rignano Incisa Laboratorio del Sapere Scientifico PERCORSO DIDATTICO SULL ACQUA SCUOLA PRIMARIA F. PETRARCA INCISA VALDARNO CLASSI QUARTE A/B Collocazione del percorso effettuato nel

Dettagli

Fenomeni chimico-fisici Laboratori di scienze nella scuola

Fenomeni chimico-fisici Laboratori di scienze nella scuola Fenomeni chimico-fisici Laboratori di scienze nella scuola La classe come laboratorio Risorse : insegnante, alunni, adulti presenti nella scuola,figure parentali e territorio. Insegnante: gestisce l esperienza,

Dettagli

SCIENZE. Le scienze e il metodo sperimentale, la materia e le sue proprietà. Le scienze e il metodo sperimentale 01.1

SCIENZE. Le scienze e il metodo sperimentale, la materia e le sue proprietà. Le scienze e il metodo sperimentale 01.1 il testo: 01.1 sperimentale Le scienze studiano i fenomeni della natura (fenomeni naturali). Spesso noi osserviamo la natura e ci chiediamo perché avvengono certi fenomeni. Ad esempio, ti sarà capitato

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI MATERIA: CHIMICA CLASSI: PRIME I II QUADRIMESTRE Competenze Abilità/Capacità Conoscenze* Attività didattica Strumenti Tipologia verifiche Osservare, descrivere

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE

SCHEDA DI PRESENTAZIONE SCHEDA DI PRESENTAZIONE TITOLO: il calore e la temperatura BREVE DESCRIZIONE DELL UNITA DI APPRENDIMENTO: in questa unità di apprendimento si vuole illustrare la differenza tra calore e temperatura e la

Dettagli

'RPDQGHFRQFHWWXDOL Alcuni interrogativi su fenomeni fisici e chimici

'RPDQGHFRQFHWWXDOL Alcuni interrogativi su fenomeni fisici e chimici ,OPDWHULDOHGLGDWWLFRFKHVHJXHqVWDWRVFHOWRWUDGRWWRHDGDWWDWRGDO*UXSSRGLFKLPLFD GHOO,7,60DMRUDQDGL*UXJOLDVFR7RULQR0DUFR)DODVFD$QJHOR&LPHQLV3DROD&RVFLD /RUHGDQD$QJHOHUL$QWRQHOOD0DUWLQL'DULR*D]]ROD*UD]LD5L]]R*LXVL'L'LR

Dettagli

Al caldo, al freddo. Fare per capire. Laboratorio di scienze

Al caldo, al freddo. Fare per capire. Laboratorio di scienze Laboratorio di scienze Al caldo, al freddo Per capire il comportamento dei materiali con il caldo e con il freddo bisogna immaginare di smontare le particelle che li compongono fino ad ottenere gli elementi

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

Esperienza 15: taratura. della termocoppia. Laboratorio di Fisica 1 (II Modulo) A. Baraldi, M. Riccò. Università di Parma. a.a.

Esperienza 15: taratura. della termocoppia. Laboratorio di Fisica 1 (II Modulo) A. Baraldi, M. Riccò. Università di Parma. a.a. Esperienza 15: taratura Università di Parma della termocoppia a.a. 2011/2012 Laboratorio di Fisica 1 (II Modulo) A. Baraldi, M. Riccò Copyright M.Solzi Obiettivi dell esperienza Scopo dell'esperienza è

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi CICLO DELL ACQUA Marco Carozzi Sommario Ciclo biogeochimico La molecola d acqua: breve introduzione Ciclo dell acqua ed elementi del ciclo evaporazione, evapotraspirazione, condensazione, precipitazioni,

Dettagli

Prove associate al percorso INVESTIGAZIONI SUL MODELLO PARTICELLARE

Prove associate al percorso INVESTIGAZIONI SUL MODELLO PARTICELLARE Titolo: Prove associate al percorso INVESTIGAZIONI SUL MODELLO PARTICELLARE Autore: Elisabetta Caroti Percorsi didattici associati: 1. Investigazioni sul modello particellare AVVERTENZA: Le domande che

Dettagli

Il passaggio dal qualitativo al quantitativo: quando è necessario misurare Le condizioni delle misure: individuazione e controllo delle variabili significative Determinare una grandezza misurandone un

Dettagli

ATTREZZATURA DI LABORATORIO

ATTREZZATURA DI LABORATORIO ATTREZZATURA DI LABORATORIO IN GENERALE RICORDIAMO CHE 1) il vetro pyrex non reagisce chimicamente con altre sostanze tranne che con l acido fluoridrico se riscaldato non si spacca 2) gli strumenti in

Dettagli

LIQUIDI. I esperimento

LIQUIDI. I esperimento LIQUIDI I esperimento TITOLO: Peso specifico dei liquidi OBIETTIVO: calcolare il peso specifico dei liquidi contenuti nelle bottigliette per capire di quale liquido si tratta. - 1 bilancia - 5 bottigliette

Dettagli

DIDATTICA DELLA CHIMICA

DIDATTICA DELLA CHIMICA DIDATTICA DELLA CHIMICA LEZIONE INTRODUTTIVA: Concetto di modello LEZIONE N 1 Domanda problema : se consideriamo un pezzo di legno, un mucchietto di sabbia, che aspetto hanno questi 2 tipi di materia?

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA INCONTRIAMO LE SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO CALITRI SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO DI CALITRI

PROGETTO CONTINUITA INCONTRIAMO LE SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO CALITRI SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO DI CALITRI PROGETTO CONTINUITA INCONTRIAMO LE SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO CALITRI SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO DI CALITRI LA DILATAZIONE TERMICA NEI SOLIDI I ESPERIENZA OCCORRENTE: sbarra metallica

Dettagli

LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI

LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI Sommario LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI... 1 RICERCA DELLA VITAMINA C... 2 Metodo Qualitativo... 2 Metodo Quantitativo... 2 RICERCA DEGLI ZUCCHERI... 5 Metodo Qualitativo... 5 Metodo

Dettagli

MATERIALI: -pentola con acqua -cucchiaio di ferro e di legno

MATERIALI: -pentola con acqua -cucchiaio di ferro e di legno PROPAGAZIONE DEL CALORE CONDUZIONE CONVEZIONE IRRAGGIAMENTO EFFETTI DEL CALORE DILATAZIONE TERMICA nei SOLIDI CAMBIAMENTI DI STATO CUBICA LINEARE nei LIQUIDI nei GAS di Davide M. MATERIALI: -pentola con

Dettagli

BERGAGNA SIMONE INDICE Generalità L acqua nel pianeta L acqua nell organismo Stati fisici dell acqua Il ciclo dell acqua Acqua potabile La carta europea dell acqua Come leggere l etichetta dell acqua Classificazione

Dettagli

Ora dovremo mettere nella serra tutto quello che ci permetterà di ricreare, in scala ridotta, un ambiente naturale a noi familiare: il bosco.

Ora dovremo mettere nella serra tutto quello che ci permetterà di ricreare, in scala ridotta, un ambiente naturale a noi familiare: il bosco. La serra. La nostra piccola serra è una vasca rettangolare di plastica trasparente. Come prima cosa rileviamo le sue dimensioni così da far ritagliare dal vetraio una lastra per poterla chiudere ermeticamente.

Dettagli

Dispense CHIMICA GENERALE E ORGANICA (STAL) 2012/13 Prof. P. Carloni LA MATERIA

Dispense CHIMICA GENERALE E ORGANICA (STAL) 2012/13 Prof. P. Carloni LA MATERIA LA MATERIA CLASSIFICAZIONE DELLA MATERIA La materia, sia allo stato solido, sia allo stato liquido, sia allo stato aeriforme, può essere studiata a livello macroscopico oppure microscopico. Noi inizieremo

Dettagli

Che cosa sai già? Che cosa imparerai? la vita degli animali e delle piante.

Che cosa sai già? Che cosa imparerai? la vita degli animali e delle piante. Tutte le cose intorno a noi sono fatte di materia. L aria che respiriamo, l acqua che beviamo, la terra di un vaso di fiori... La materia è ovunque. La materia è importante per la nostra vita, per la vita

Dettagli

ATTIVITÀ L ACQUA ESERCITA UNA FORZA

ATTIVITÀ L ACQUA ESERCITA UNA FORZA ATTIVITÀ L ACQUA ESERCITA UNA FORZA Obiettivi Gli oggetti galleggiano perché l acqua esercita su di essi una spinta: la spinta di Archimede. Difficoltà Difficile Tempo di esecuzione 1 ora Elenco materiali

Dettagli

Acqua azzurra, acqua chiara. Istituto Comprensivo della Galilla Scuola Media Dessì - Ballao

Acqua azzurra, acqua chiara. Istituto Comprensivo della Galilla Scuola Media Dessì - Ballao Acqua azzurra, acqua chiara Istituto Comprensivo della Galilla Scuola Media Dessì - Ballao Proprietà fisiche Ecosistemi acquatici Origine della vita Ciclo dell acqua Acqua Scoperte Sensazioni Leggi La

Dettagli

La materia. La materia è ogni cosa che occupa uno spazio (e possiamo percepire con i nostri sensi).

La materia. La materia è ogni cosa che occupa uno spazio (e possiamo percepire con i nostri sensi). La materia La materia è ogni cosa che occupa uno spazio (e possiamo percepire con i nostri sensi). Essa è costituita da sostanze, ciascuna delle quali è formata da un determinato tipo di particelle piccolissime,

Dettagli

L Evaporazione dell acqua

L Evaporazione dell acqua L Evaporazione dell acqua Istituto Comprensivo di Barberino Mugello CLASSE QUARTA SCUOLA PRIMARIA L EBOLLIZIONE dell ACQUA Collochiamo sopra una piastra elettrica un becker da 400 cc, contenente circa

Dettagli

Alla scoperta dell acqua intorno a noi Un possibile percorso 1. Alla scoperta dell acqua intorno a noi (I) Un possibile percorso 2

Alla scoperta dell acqua intorno a noi Un possibile percorso 1. Alla scoperta dell acqua intorno a noi (I) Un possibile percorso 2 I s t i t u t o T e c n i c o I n d u s t r i a l e S t a t a l e L i c e o S c i e n t i f i c o T e c n o l o g i c o E t t o r e M o l i n a r i Via Crescenzago, 110-20132 Milano - t e l. : ( 0 2 )

Dettagli

IL SUOLO Terra e terreni. Materiale per la scuola primaria

IL SUOLO Terra e terreni. Materiale per la scuola primaria IL SUOLO Terra e terreni Materiale per la scuola primaria SCIENZE Terra e terreni Sommario Attività 1 Sai che cosa sono?...pag. 37 Attività 2 Che cosa è successo?... 38 Attività 3 Che cosa c è nella terra?...

Dettagli

POLARITÀ DELLE SOSTANZE

POLARITÀ DELLE SOSTANZE POLARITÀ DELLE SOSTANZE I liquidi si distinguono in polari e non polari. Obiettivo dell esperimento è controllare la polarità dei liquidi mediante bacchette caricate positivamente o negativamente. H2O

Dettagli

Si filtra il materiale per lasciar passare l'acido nucleico e trattenere i residui cellulari.

Si filtra il materiale per lasciar passare l'acido nucleico e trattenere i residui cellulari. Titolo : Estrazione del DNA dal kiwi PROCEDURA Una delle prime operazioni da compiere è quella di frammentare il frutto in modo da separare il più possibile le cellule fra loro per esporle all'azione del

Dettagli

Le proprietà della materia

Le proprietà della materia Unità didattica 9 Le proprietà della materia Competenze 1. Classificare la materia in base agli stati fisici. 2. Classificare la materia in elementi, in composti e in miscugli omogenei ed eterogenei. 3.

Dettagli

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria Katia Gallucci Spesso è necessario variare il contenuto di vapore presente in una corrente gassosa. Lo studio di come si possono realizzare queste variazioni

Dettagli

La candela accesa. Descrizione generale. Obiettivi. Sequenza didattica e metodo di lavoro. Esperimenti sulla crescita delle piante

La candela accesa. Descrizione generale. Obiettivi. Sequenza didattica e metodo di lavoro. Esperimenti sulla crescita delle piante Esperimenti sulla crescita delle piante unità didattica 1 La candela accesa Durata 60 minuti Materiali per ciascun gruppo - 1 candela - 1 vaso di vetro - 1 cronometro - 1 cannuccia - fiammiferi - 1 pezzo

Dettagli

sabbia-segaturasegatura

sabbia-segaturasegatura MISCUGLI ETEROGENEI SOLIDO-SOLIDO zolfo-limatura limatura di ferro LIQUIDO-LIQUIDO: LIQUIDO: EMULSIONI acqua-olio sabbia-ghiaia sabbia-segaturasegatura acqua-olio-trielina-alcolalcol MISCUGLI OMOGENEI

Dettagli

Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it

Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it Calorimetria: soluzioni Problema di: Calorimetria - Q0001 Problema di: Calorimetria - Q0002 Scheda 8 Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it Testo [Q0001] Quanta

Dettagli

Estrazione del DNA. 1. Introduzione

Estrazione del DNA. 1. Introduzione Estrazione del DNA 1. Introduzione L obiettivo di questa esperienza è quello di osservare la molecola degli acidi nucleici, una volta separata dall involucro cellulare in cui è contenuta all interno della

Dettagli

ACIDI E BASI IN CASA. Scheda studente n.1

ACIDI E BASI IN CASA. Scheda studente n.1 Scheda studente n.1 Come interagisce ciascun liquido con la polvere di marmo? Seguite le istruzioni, osservate con attenzione ciò che accade e completate la tabella. polvere di marmo e le seguenti sostanze:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G.MARITI Corso della Repubblica, 125 Fauglia (PI) LABORATORI DEI SAPERI SCIENTIFICI 2013-2014 DIARIO DEL GRUPPO

ISTITUTO COMPRENSIVO G.MARITI Corso della Repubblica, 125 Fauglia (PI) LABORATORI DEI SAPERI SCIENTIFICI 2013-2014 DIARIO DEL GRUPPO ISTITUTO COMPRENSIVO G.MARITI Corso della Repubblica, 125 Fauglia (PI) LABORATORI DEI SAPERI SCIENTIFICI 2013-2014 SCUOLA: Secondaria di I grado Benci " Santa Luce CLASSE/SEZIONE :1 F INSEGNANTE: ORLANDINI

Dettagli

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI G2 AMBIENTE SRL Elenco CDICI CER/PERAZINI DESCRIZINE RECUPER LESI TRATTAMENT CENTRIFUGAZINE ED INERTIZZAZINE DEPSIT 01 05 04 fanghi e rifiuti di perforazione di pozzi per acque dolci 01 05 05* fanghi e

Dettagli

IL CONCETTO DI MODELLO

IL CONCETTO DI MODELLO Titolo: IL CONCETTO DI MODELLO Autore: Elisabetta Caroti Percorsi didattici associati: 1. Investigazioni sul modello particellare 2. Alziamo gli occhi al cielo 3. L'universo in una stanza AVVERTENZA: Le

Dettagli

STRUTTURA DELLA MATERIA. Un approccio per la scuola primaria. Laura Bassino

STRUTTURA DELLA MATERIA. Un approccio per la scuola primaria. Laura Bassino STRUTTURA DELLA MATERIA Un approccio per la scuola primaria Laura Bassino I ragazzi, sfogliando i quaderni alla fine della classe 5^, ripercorrono attraverso le attività, il percorso del pensare alla materia

Dettagli

Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere.

Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere. 3 scienze L ACQUA Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere. L acqua si trova nel mare, nel lago, nel fiume. mare lago fiume Gli uomini bevono l acqua potabile. acqua potabile

Dettagli

Scheda di presentazione dei percorsi tematici GIOCHI ED ESPERIMENTI CON L ACQUA

Scheda di presentazione dei percorsi tematici GIOCHI ED ESPERIMENTI CON L ACQUA PREMESSA: L insegnante Angela Gentile ha aderito al Piano ISS ed ha coinvolto i propri alunni di prima classe sezione c in giochi ed esperimenti sull acqua. Un valido contributo alla realizzazione degli

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA ESPERIMENTI PER LA PRIMA MEDIA

PROGETTO CONTINUITA ESPERIMENTI PER LA PRIMA MEDIA PROGETTO CONTINUITA ESPERIMENTI PER LA PRIMA MEDIA Gli alunni della classe 1^ sec C, dopo aver studiato a casa gli argomenti relativi all opuscolo elaborato Esperimenti per la prima media utilizzando materiali

Dettagli

Che cosa è la materia?

Che cosa è la materia? Che cosa è la materia? Tutti gli oggetti e le sostanze che ci stanno intorno sono costituite da materia. Ma che cosa è la materia? Il banco, la cattedra occupano uno spazio nell aula a causa del loro volume,

Dettagli

Ferrofluido, personalità magnetica?

Ferrofluido, personalità magnetica? 2 Nel nostro esperimento andremo a scoprire come realizzare un ferrofluido, un liquido all apparenza senza nulla di particolare, ma che si rivela stupefacente non appena gli si avvicina un campo magnetico!

Dettagli

CHIMICA. Una teoria è scientifica solo se è falsificabile (cioè se è possibile sperimentalmente smentire le sue previsioni)

CHIMICA. Una teoria è scientifica solo se è falsificabile (cioè se è possibile sperimentalmente smentire le sue previsioni) CHIMICA SCIENZA SPERIMENTALE: cioè si basa sul metodo sperimentale (Galileo è il precursore). Osservazione dei fenomeni (raccolta e interpretazioni dati) Formulazione ipotesi Verifica sperimentale (eventualmente

Dettagli

DISTILLAZIONE e ANALISI MERCEOLOGICHE

DISTILLAZIONE e ANALISI MERCEOLOGICHE DISTILLAZIONE e ANALISI MERCEOLOGICHE ANNA M. DI MARIA Determinazione del grado alcolico del vino (distillazione semplice) pallone di ebollizione da 250 ml tubo adduttore con bolla di sicurezza refrigerante

Dettagli

Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli

Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli la composizione e quindi le proprietà intensive sono le stesse in ogni parte del sistema La composizione e le proprietà intensive variano da una

Dettagli

CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015

CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015 KIT DI RECUPERO DI GEOGRAFIA CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO a.s. 2014/ 2015 MATERIALE DIDATTICO SOSPENSIONE DI GIUDIZIO GEOGRAFIA CLASSI PRIME Tecnico Grafico a.s. 2014 / 2015 COGNOME : NOME: CLASSE:. Il

Dettagli

miscela di reazione miscela di reazione

miscela di reazione miscela di reazione Alla fine della reazione: miscela di reazione 1.Si tratta con acqua o acqua e ghiaccio 2.Si aggiunge un solvente organico immiscibile e si agita Si lava (estrae) con una base Si lava (estrae) con un acido

Dettagli

FENOMENI DI SUPERFICIE 1 Un possibile percorso: LA TENSIONE SUPERFICIALE Scheda esperienza 1

FENOMENI DI SUPERFICIE 1 Un possibile percorso: LA TENSIONE SUPERFICIALE Scheda esperienza 1 PIANO ISS P r e s i d i o M I L A N O I s t i t u t o T e c n i c o I n d u s t r i a l e S t a t a l e L i c e o S c i e n t i f i c o T e c n o l o g i c o E t t o r e M o l i n a r i Via Crescenzago,

Dettagli

L ENERGIA. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una mano sopra!

L ENERGIA. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una mano sopra! L ENERGIA 1 COS E L ENERGIA? L energia è una cosa astratta, non si tocca e non si vede, ma se ne conoscono gli aspetti e gli effetti. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una

Dettagli

SEMPLICEMENTE ACQUA. Museo Scienze Naturali Bergamo

SEMPLICEMENTE ACQUA. Museo Scienze Naturali Bergamo SEMPLICEMENTE ACQUA Museo Scienze Naturali Bergamo L ACIDITA Prendete i contenitori riempiti con varie sostanze di uso comune e provate a metterli in fila a partire dalla sostanza secondo voi più acida

Dettagli

Acidi e basi. HCl H + + Cl - (acido cloridrico) NaOH Na + + OH - (idrossido di sodio; soda caustica)

Acidi e basi. HCl H + + Cl - (acido cloridrico) NaOH Na + + OH - (idrossido di sodio; soda caustica) Acidi e basi Per capire che cosa sono un acido e una base dal punto di vista chimico, bisogna riferirsi ad alcune proprietà chimiche dell'acqua. L'acqua, sia solida (ghiaccio), liquida o gassosa (vapore

Dettagli

Conclusione e domande Informazioni per il PD

Conclusione e domande Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/6 Compito Gli alunni concludono le lezioni sul tema del sale vicino all esposizione e rispondono a una serie di domande. Obiettivi Gli alunni sono in grado di rispondere alle domande

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI LABORATORIO TECNOLOGIE CHIMICHE INDUSTRIALI, PRINCIPI DI AUTOMAZIONE E ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE

PROGRAMMAZIONE DI LABORATORIO TECNOLOGIE CHIMICHE INDUSTRIALI, PRINCIPI DI AUTOMAZIONE E ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE PROGRAMMAZIONE DI LABORATORIO TECNOLOGIE CHIMICHE INDUSTRIALI, PRINCIPI DI AUTOMAZIONE E ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE VD-VE chimica a.s. 2013-2014 Docente: Gaetana Mirabelli ORGANIZZAZIONE MODULARE DELL

Dettagli

Lavoro di. Istituto Comprensivo Statale Console Marcello MILANO

Lavoro di. Istituto Comprensivo Statale Console Marcello MILANO Lavoro di Istituto Comprensivo Statale Console Marcello MILANO Anno Scolastico 2009/2010 INDICE Presentazione Prima parte : -Gli elementi del computer (presentazione degli elementi del computer al fine

Dettagli

Fis-193 Determinazione del coefficiente di dilatazione dei gas a pressione costante

Fis-193 Determinazione del coefficiente di dilatazione dei gas a pressione costante Fis-19 Determinazione del coefficiente di dilatazione dei gas a pressione costante Riassunto / Abstract L'esperimento consente di determinare in modo semplice il coefficiente di dilatazione dei gas e di

Dettagli

LE ACQUE DISTILLATE. La distillazione

LE ACQUE DISTILLATE. La distillazione LE ACQUE DISTILLATE La distillazione La distillazione è un operazione tecnica per ottenere la separazione dei liquidi, di una miscela omogenea, basandosi sulla differenza del punto di ebollizione dei suoi

Dettagli

Verifica sperimentale della legge di Proust delle proporzioni costanti

Verifica sperimentale della legge di Proust delle proporzioni costanti Verifica sperimentale della legge di Proust delle proporzioni costanti Un lavoro degli studenti della classe 4B del Liceo Scientifico Ernesto Balducci di Pontassieve Gli scienziati francesi Antoine Lavoisier

Dettagli

Ciao! Come fa il Sole a tenere legati i pianeti, gli asteroidi... che pure sono

Ciao! Come fa il Sole a tenere legati i pianeti, gli asteroidi... che pure sono Ciao! La volta scorsa abbiamo detto che il Sistema Solare è una sfera. Abbiamo parlato di tutti gli strati che formano questa sfera, li abbiamo descritti all incirca. Adesso parliamo del Sole! Dicono gli

Dettagli

ESPERIENZA 1 MATERIALE - UNA BACINELLA, UN BARATTOLO DI VETRO, UN TAPPO DI SUGHERO, ACQUA, CARTA E PENNA.

ESPERIENZA 1 MATERIALE - UNA BACINELLA, UN BARATTOLO DI VETRO, UN TAPPO DI SUGHERO, ACQUA, CARTA E PENNA. Prof. Fucini Marco ESPERIMENTO 1 ESPERIMENTO 2 ESPERIMENTO 3 ESPERIMENTO 4 ESPERIMENTO 5 ESPERIMENTO 6 ESPERIMENTO 7 ESPERIMENTO 8 ESPERIMENTO 9 ESPERIMENTO 10 ESPERIMENTO 11 ESPERIMENTO 12 ESPERIMENTO

Dettagli

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola.

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. L ENERGIA Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. La giornata è appena iniziata e hai già usato tantissima ENERGIA:

Dettagli

ELETTROCOLORAZIONE DELL ALLUMINIO.

ELETTROCOLORAZIONE DELL ALLUMINIO. ELETTROCOLORAZIONE DELL ALLUMINIO. MATERIALE OCCORRENTE: PRODOTTI CHIMICI: - Soda caustica ( NaOH ) - Acido nitrico ( HNO3 ) - Acido solforico ( H2SO4 ) - Acqua distillata ( H2O ) - Solfato di nichel (

Dettagli

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 COGNOME E NOME: 1. Br 1 si è trasformato in Br +3 in una reazione in cui lo ione bromuro: A) ha acquistato 3 elettroni B) ha ceduto 4 elettroni

Dettagli

Laura Beata Classe 4 B Concorso Sperimento Anch io Silvia Valesano Classe 4 B

Laura Beata Classe 4 B Concorso Sperimento Anch io Silvia Valesano Classe 4 B Laura Beata Classe 4 B Concorso Sperimento Anch io Silvia Valesano Classe 4 B RELAZINI DI LABRATRI (Italiano) Titolo: : Cosa mangiamo veramente? Scopo: 1. Scoprire in quali alimenti ci sono o non ci sono

Dettagli

I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO IL FENOMENO DELLA COMBUSTIONE

I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO IL FENOMENO DELLA COMBUSTIONE I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO IL FENOMENO DELLA COMBUSTIONE COMPETENZE ATTESE AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA Osservare, registrare, classificare organismi viventi e fenomeni fisici con la guida dell

Dettagli

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado ECOLOGIA A MIRABILANDIA Gli organismi delle comunità di un ambiente naturale non vivono isolati. Ciascuno

Dettagli

Domanda 1 Quesiti preliminari

Domanda 1 Quesiti preliminari Domanda 1 Quesiti preliminari 1.1 A che temperatura bolle l acqua nella vostra aula di scienze? 1.2 Se in una pentola senza coperchio posta su di un fornello ho dell acqua che bolle e continuo a riscaldare,

Dettagli