Decreto Ministeriale 24 aprile DECRETO BALDUZZI pubblicato sulla GU n. 169 del 20/07/2013. Disciplina della certificazione dell attivit

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Decreto Ministeriale 24 aprile 2013. DECRETO BALDUZZI pubblicato sulla GU n. 169 del 20/07/2013. Disciplina della certificazione dell attivit"

Transcript

1 Decreto Ministeriale 24 aprile 2013 DECRETO BALDUZZI pubblicato sulla GU n. 169 del 20/07/2013 Disciplina della certificazione dell attivit attività sportiva non agonistica e linee guida sulla dotazione e l utilizzo l di defibrillatori DECRETO DI ATTUAZIONE DELLA DISCIPLINA INTRODOTTA dall Art. 7 comma 11 DL n. 158 convertito dalla legge 8 novembre 2012 n. 189 Illustrazione del Decreto Balduzzi a cura del Responsabile dell'ufficio Sport del Comune di Noventa Vicentina Vice Segretario dott.ssa Cristina Zanaica 1

2 DEFINIZIONE DI ATTIVITA AMATORIALE art 2 Attività ludico-motoria praticata da soggetti non tesserati alle Federazioni sportive nazionali o agli Enti riconosciuti dal CONI, svolta in forma individuale o collettiva non occasionale, finalizzata al raggiungimento e mantenimento del benessere psico-fisico della persona Per l attivitl attività amatoriale l obbligo l del certificato medico prevista nella legge e nel DM è stato ABROGATO dal 2 agosto 2013

3 D.L n. 69 art. 42 bis convertito in Legge n. 98 in vigore dal 21 agosto 2013 SOPPRESSIONE DELL OBBLIGO DEL CERTIFICATO MEDICO PER ATTIVITA LUDICO-MOTORIA E AMATORIALE MOTIVAZIONI per non gravare sui Cittadini e sul SSN l obbligo previsto dal DL convertito in L. 189 dell e dal DM è stato soppresso RIMANE TALE OBBLIGO SOLO PER ATTIVITA SPORTIVA NON AGONISTICA

4 Definizione di attività non agonistica art. 3 Attività sportiva svolta da coloro che svolgono attività organizzata da associazioni affiliate: alle Federazioni Sportive Nazionali, alle discipline associate, agli Enti di Promozione riconosciuti dal CONI e che non siano considerati atleti agonisti (ai( sensi del decreto ministeriale 18 febbraio 1982); Attività sportiva svolta dagli alunni, organizzata dalla scuola nell ambito di attività parascolastiche; Attività di partecipazione ai giochi sportivi studenteschi nelle fasi precedenti a quella nazionale.

5 A.S.N.A. (attività sportiva non agonistica) Attività fisica: strutturata secondo regole affini a qualsiasi sport, caratterizzata o meno da aspetti di competitività, praticata in ambiti diversi da quello agonistico (esempio scuola, centri ricreativi, associazioni culturali o di promozione dello sport, ecc.) Attività fisica che va dal semplice gioco-sport alla vera e propria gara

6 I praticanti attività sportiva non agonistica devono essere in possesso di certificato di idoneità fisica Tale requisito non può essere autocertificato Va acquisito certificato medico su apposito modello approvato dal ministero (allegato C) Va detenuto dall associazione associazione sportiva E obbligo dell associazione averlo in originale o copia conforme

7 Certificazione medica per l attivitl attività non agonistica DM è rilasciata dal medico di base o dal pediatra o dal medico dello sport su apposito modello predefinito nel decreto nell allegato C ha validità 12 mesi è propedeutico per il rilascio di questo certificato: la preventiva misurazione della pressione l effettuazione di un elettrocardiogramma NOVITA Il DL 69 del convertito in L in vigore dal 21 agosto 2013 considera l ECG l non un obbligo ma una valutazione del medico

8 Attività ritenute di impegno cardiovascolare obbligo di certificazione anche per non tesserati (art. 4) manifestazioni podistiche superiori ai 20 Km, gran fondo di ciclismo, di nuoto, di sci di fondo altre tipologie analoghe (il decreto non lo specifica) in questi casi anche se l atleta l non è tessarato ma partecipa a manifestazioni non agonistiche è necessario certificato medico comprende: -la rilevazione della pressione arteriosa, -un elettrocardiogramma basale, -uno step test o un test ergometrico -altri accertamenti che il medico riterrà necessari Il certificato è rilasciato su apposito modello predefinito allegato D

9 DEFIBRILLATORE OBBLIGO MORALE O ADEMPIMENTO PER LEGGE

10 Legge 3 aprile 2001 n. 120 Ha consentito l'uso del defibrillatore automatico esterno (DAE) in sede extraospedaliera anche al personale sanitario non medico, nonché al personale non sanitario che abbia ricevuto una formazione specifica nelle attività di rianimazione cardio-polmonare polmonare,, e ha stabilito che le regioni e le province autonome disciplinano il rilascio da parte delle aziende sanitarie locali e delle aziende ospedaliere dell'autorizzazione all'utilizzo extraospedaliero, nell'ambito del sistema di emergenza 118 competente per territorio.

11 OBBLIGO DEL DEFIBRILLATORE (articolo 5 e Linee Guida) Sia le società sportive professionistiche che le ASD o SSD hanno l obbligo l di dotarsi di defibrillatore semiautomatico secondo le linee guida contenute in allegato al Decreto Sono esonerate da questo obbligo le asd ssd solo nel caso di svolgimento di attività con ridotto impegno cardiovascolare che il decreto così elenca: bocce, biliardo, sport di tiro golf, pesca sportiva di superficie, caccia sportiva, giochi da tavolo e sport assimilati

12 Società o associazioni dilettantistiche Per la definizione il Decreto Balduzzi fa rinvio alla L. 289 del art. 90 comma 17 Si tratta di una società o associazioni che hanno l obbligo di indicare nella loro denominazione la finalità sportiva e la ragione o la denominazione sociale IL NOME VA PRECEDUTO SEMPRE DA A.S.D. o S.S.D. e possono assumere con atto costitutivo e statuto la forma di: a) associazione sportiva priva di personalità giuridica; b) associazione sportiva con personalità giuridica c) società sportiva di capitali o cooperativa

13 adeguamento alla norma: 6 mesi per le Società Professionistiche 30 mesi per le ASD SSD Decreto Balduzzi 24 aprile 2013 Pubblicazione avvenuta in GU 169 del Obbligo del DSA per le ASD 30 mesi dalla pubblicazione del Decreto Gennaio 2016

14 OBBLIGO MORALE CONTESTI OVE POSIZIONARE UN DAE I contesti dove si pratica attività fisica e sportiva, agonistica e non agonistica, possono essere scenario di arresto cardiaco più frequentemente di altre sedi. La defibrillazione precoce rappresenta in tal caso il sistema più efficace per garantire le maggiori percentuali di sopravvivenza. Fermo restando l obbligo l della dotazione di DAE da parte di società sportive professionistiche e dilettantistiche, si evidenzia l opportunitl opportunità di dotare, sulla base dell afflusso di utenti, di un defibrillatore anche i luoghi nei qualì vengono svolte attività in grado di interessare l attivitl attività cardiovascolare, secondo quanto stabilito dal D.M. 18 marzo 2011, punto B.1B dell allegato. Alcune Regioni hanno già previsto nel loro piano di diffusione delle attività di defibrillazione di dotare di DAE anche alcune tipologie di impianti sportivi pubblici come le palestre scolastiche

15 DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI Nonostante la disponibilità di mezzi di soccorso territoriali del sistema di emergenza sanitaria, che intervengono nei tempi indicati dalle norme vigenti, esistono situazioni e località per le quali l intervento l del defibrillazione, efficace se erogato nei primi cinque (5 ) ) minuti può essere ancora più precoce qualora sia presente sul posto personale non sanitario addestrato ( first responder ), che interviene prima dell arrivo dell equipaggio dell emergenza emergenza sanitaria. Per queste ragioni occorre che le tecniche di primo soccorso diventino un bagaglio di conoscenza diffusa e comune che sia tempestivamente disponibile un DAE che sia presente personale non sanitario certificato all utilizzo. I DAE attualmente disponibili sul mercato permettono a personale p non sanitario specificamente addestrato di effettuare con sicurezza le procedure di defibrillazione, esonerandolo dal compito della diagnosi che viene effettuata dall apparecchiatura stessa.

16 OBBLIGO DI LEGGE Modalità Organizzative DAE Sono descritte nell allegato E del Decreto Balduzzi L onere della dotazione del defibrillatore e della sua manutenzione è a carico della società sportiva Un impianto sportivo può definirsi cardioprotetto quando: si è in presenza di un DAE di facile accessibilità tenuto in adeguata manutenzione con volontari o personale formato, pronto ad intervenire, addestramento, aggiornato Le società che operano in uno stesso impianto sportivo, ivi compresi quelli scolastici, possono associarsi ai fini dell attuazione delle indicazioni di cui al presente allegato Le società possono demandare l onere del defibrillatore al proprietario o gestore dell impianto sportivo attraverso un accordo che definisca le responsabilità in ordine all uso e alla gestione dei defibrillatori.

17 LA FORMAZIONE NELLA REGIONE VENETO DGRV 4282/2009 (BUR 14 del ) REGOLAMENTO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ENTI FORMATORI E DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE EXTRAOSPEDALIERO ALL USO DEI DAE (definiti( volontari o laici )

18 ATTIVITA SPORTIVA ASSIMILATA ALLA MANIFESTAZIONE Le partite di campionato programmate da associazioni sportive dilettantistiche considerate manifestazione sportiva con presenza di pubblico spettatore comportano l obbligo l di Servizio Sanitario o presenza di DAE con volontario in grado di saperlo usare

19 OBBLIGHI DI SERVIZIO SANITARIO NELLE MANIFESTAZIONI chiunque organizzi manifestazioni sportive è tenuto ad assicurare a proprie spese, per i partecipanti alle competizioni, i servizi di assistenza, di controllo medico e di primo soccorso, previsti dai regolamenti delle federazioni sportive nazionali ed internazionali e comunque chiunque organizzi manifestazioni pubbliche a partecipazione libera concernenti attività motorie e ricreative è tenuto ad assicurare a proprie spese adeguati servizi di primo soccorso 19

La certificazione per le attività sportive non agonistiche secondo le nuove norme

La certificazione per le attività sportive non agonistiche secondo le nuove norme La certificazione per le attività sportive non agonistiche secondo le nuove norme Paolo Romanelli DECRETO DEL MINISTRO DELLA SALUTE 24 APRILE 2013 (Decreto Balduzzi) Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE. di concerto con IL MINISTRO PER GLI AFFARI REGIONALI, IL TURISMO E LO SPORT

IL MINISTRO DELLA SALUTE. di concerto con IL MINISTRO PER GLI AFFARI REGIONALI, IL TURISMO E LO SPORT MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 24 aprile 2013 Disciplina della certificazione dell'attività sportiva non agonistica e amatoriale e linee guida sulla dotazione e l'utilizzo di defibrillatori semiautomatici

Dettagli

DECRETO 24 aprile 2013 (GU n.169 del 20-7-2013)

DECRETO 24 aprile 2013 (GU n.169 del 20-7-2013) DECRETO 24 aprile 2013 (GU n.169 del 20-7-2013) Disciplina della certificazione dell'attivita' sportiva non agonistica e amatoriale e linee guida sulla dotazione e l'utilizzo di defibrillatori semiautomatici

Dettagli

IN CAMPO CON IL CUORE DEFIBRILLATORI NELLO SPORT Le Norme e gli aspetti legali

IN CAMPO CON IL CUORE DEFIBRILLATORI NELLO SPORT Le Norme e gli aspetti legali IN CAMPO CON IL CUORE DEFIBRILLATORI NELLO SPORT Le Norme e gli aspetti legali Milano, 17 maggio 2014 FONDAZIONE AEM Avv. Katia D Avanzo Agente di Calciatori F.I.G.C.- F.I.F.A. Docente di Diritto dello

Dettagli

F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri

F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. Veneto ad uso del pediatra convenzionato

Dettagli

La certificazione all attività sportiva Le FAQ, domande e risposte, sui Certificati di idoneità allo sport (aggiornate al 01/10/2014)

La certificazione all attività sportiva Le FAQ, domande e risposte, sui Certificati di idoneità allo sport (aggiornate al 01/10/2014) La certificazione all attività sportiva Le FAQ, domande e risposte, sui Certificati di idoneità allo sport (aggiornate al 01/10/2014) Dr. Maurizio Schiavon Responsabile dell UO Centro di Medicina dello

Dettagli

Certificazione medica e responsabilità

Certificazione medica e responsabilità LA FISCALITÀ E LA GESTIONE DELLE ASD E DELLE COOPERATIVE SPORTIVE Modena, 9 ottobre 2014 Certificazione medica e responsabilità Renato Balduzzi, ex-ministro della Salute, di concerto con Piero Gnudi, ex-

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE. di concerto con IL MINISTRO PER GLI AFFARI REGIONALI, IL TURISMO E LO SPORT

IL MINISTRO DELLA SALUTE. di concerto con IL MINISTRO PER GLI AFFARI REGIONALI, IL TURISMO E LO SPORT Leggi d'italia Ministero della salute D.M. 24-4-2013 Disciplina della certificazione dell'attività sportiva non agonistica e amatoriale e linee guida sulla dotazione e l'utilizzo di defibrillatori semiautomatici

Dettagli

LA TUTELA SANITARIA DELLE ATTIVITÀ SPORTIVE ALLA LUCE DEL D.L. 24 APRILE 2013 (DECRETO BALDUZZI)

LA TUTELA SANITARIA DELLE ATTIVITÀ SPORTIVE ALLA LUCE DEL D.L. 24 APRILE 2013 (DECRETO BALDUZZI) Roma 02 settembre 2013 LA TUTELA SANITARIA DELLE ATTIVITÀ SPORTIVE ALLA LUCE DEL D.L. 24 APRILE 2013 (DECRETO BALDUZZI) Il 20 luglio 2013 è stato pubblicato nella G.U. n. 169 il Decreto 24 aprile 2013

Dettagli

Il certificato medico nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico

Il certificato medico nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico Il certificato medico nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico linee guida della F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Ufficio Educazione Fisica UST Verona 1 Attività

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 24 aprile 2013 Disciplina della certificazione dell'attivita' sportiva non agonistica e amatoriale e linee guida sulla dotazione e l'utilizzo di defibrillatori semiautomatici

Dettagli

CERTIFICATI PER ATTIVITÀ

CERTIFICATI PER ATTIVITÀ CERTIFICATI PER ATTIVITÀ SPORTIVA FIMMG Catanzaro QUALI SONO LE NORME CHE REGOLAMENTANO L'ATTIVITÀ SPORTIVA? L attività sportiva agonistica è regolamentata dal Decreto Ministeriale del 18 febbraio 1982,

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI Al predetto commissario sono conferiti i poteri spettanti al consiglio comunale, alla giunta ed al sindaco. Dato a Roma, addì 4 luglio 2013 NAPOLITANO A LFANO, Ministro dell interno Al Presidente della

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 43/2015 (Atti del Consiglio) Disposizioni per la diffusione dei defibrillatori semiautomatici esterni nell'ambito della pratica fisica e sportiva. ***************

Dettagli

Allegato 1 - LINEE GUIDA DI INDIRIZZO IN MATERIA DI CERTIFICATI MEDICI PER L'ATTIVITA' SPORTIVA NON AGONISITICA

Allegato 1 - LINEE GUIDA DI INDIRIZZO IN MATERIA DI CERTIFICATI MEDICI PER L'ATTIVITA' SPORTIVA NON AGONISITICA 1 di 5 11/01/2015 14:05 Leggi d'italia Ministero della salute D.M. 8-8-2014 Approvazione delle linee guida in materia di certificati medici per l'attività sportiva non agonistica. Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

Defibrillatore obbligatorio e certificati Un decreto salva la vita ai calciatori

Defibrillatore obbligatorio e certificati Un decreto salva la vita ai calciatori DECRETO ENTRO 6/30 MESI Defibrillatori obbligatori per tutti i club Defibrillatore obbligatorio e certificati Un decreto salva la vita ai calciatori Un test con il defibrillatore iva VALERIO PICCIONI ^H

Dettagli

Art. 1 1 Educazione sanitaria motoria e sportiva e tutela sanitaria delle attività sportive

Art. 1 1 Educazione sanitaria motoria e sportiva e tutela sanitaria delle attività sportive LEGGE REGIONALE 30 novembre 1981, n. 66 Norme per la promozione dell educazione sanitaria motoria e sportiva e per la tutela sanitaria delle attività sportive. (B.U.R. 2 Dicembre 1981, n. 48, 1 suppl.

Dettagli

Bando per la concessione di contributi per l acquisto di defibrillatori 2015.

Bando per la concessione di contributi per l acquisto di defibrillatori 2015. Bando per la concessione di contributi per l acquisto di defibrillatori 2015. L AZIENDA ULSS 12 VENEZIANA INFORMA CHE LA REGIONE VENETO, AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 2 APRILE 2014, N. 11 ART. 26, CON

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 8 agosto 2014 Approvazione delle linee guida in materia di certificati medici per l'attività sportiva non agonistica. (14A08029) (GU n.243 del 18-10-2014) IL MINISTRO DELLA

Dettagli

A) Decreto 24 aprile 2013, recante "Disciplina della certificazione dell'attività

A) Decreto 24 aprile 2013, recante Disciplina della certificazione dell'attività lt a l ia Coni Coordinamento Attività Politiche e Istituzionali Prot. n. 0000165/13 Alle Federazioni sportive nazionali Alle Discipline sportive associate Agli Enti di Promozione Sportiva Ai Comitati Regionali

Dettagli

1. CHIUSURA ISCRIZIONI 2. PUBBLICAZIONE CALENDARI 3. INIZIO PREVISTO ATTIVITA' CALCIO ATTIVITA' PALLAVOLO

1. CHIUSURA ISCRIZIONI 2. PUBBLICAZIONE CALENDARI 3. INIZIO PREVISTO ATTIVITA' CALCIO ATTIVITA' PALLAVOLO GIOCABIMBI ATTIVITA GIOVANILE 1. CHIUSURA ISCRIZIONI UNDER 10 UNDER 9 BIG SMALL 16/09/2014 PRIMICALCI PRIMOBASKET INVERNO 31/10/2014 2. PUBBLICAZIONE CALENDARI UNDER 10 UNDER 9 BIG SMALL 03/10/2014 PRIMICALCI

Dettagli

la Legge 3 aprile 2001, n. 120: "Utilizzo dei defibrillatori semiautomatici in ambiente extraospedaliero";

la Legge 3 aprile 2001, n. 120: Utilizzo dei defibrillatori semiautomatici in ambiente extraospedaliero; Deliberazione Giunta Regionale 19 settembre 2014 n. 1161 Indirizzi per il riconoscimento dei soggetti abilitati allo svolgimento dei corsi di rianimazione cardiopolmonare adulto e pediatrico e al rilascio

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DEI DEFIBRILLATORI AUTOMATICI ESTERNI IN AMBITO EXTRAOSPEDALIERO

DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DEI DEFIBRILLATORI AUTOMATICI ESTERNI IN AMBITO EXTRAOSPEDALIERO giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2847 del 29 dicembre 2014 pag. 1/10 DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DEI DEFIBRILLATORI AUTOMATICI ESTERNI IN AMBITO EXTRAOSPEDALIERO

Dettagli

Delibera del Direttore Generale n. 463 del 31/05/2014. Oggetto: Corsi di emergenza sanitaria - quote di iscrizione per partecipanti esterni.

Delibera del Direttore Generale n. 463 del 31/05/2014. Oggetto: Corsi di emergenza sanitaria - quote di iscrizione per partecipanti esterni. Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 Delibera del

Dettagli

COMUNE DI S. GIUSTINA IN COLLE

COMUNE DI S. GIUSTINA IN COLLE COPIA Deliberazione n 114 COMUNE DI S. GIUSTINA IN COLLE PROVINCIA DI PADOVA Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto:direttive agli Uffici per la dotazione di defibrillatori negli impianti

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 4717 Seduta del 23/01/2013

DELIBERAZIONE N IX / 4717 Seduta del 23/01/2013 Oggetto: DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE LINEE GUIDA REGIONALI SULL UTILIZZO DEI DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI (DAE) E SULL ATTIVAZIONE DEI PROGETTI DI DEFIBRILLAZIONE SEMI-AUTOMATICA SUL TERRITORIO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE RIZZETTO, PRODANI, CURRÒ, ROSTELLATO, TURCO, PINNA, MUCCI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE RIZZETTO, PRODANI, CURRÒ, ROSTELLATO, TURCO, PINNA, MUCCI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2393 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI RIZZETTO, PRODANI, CURRÒ, ROSTELLATO, TURCO, PINNA, MUCCI Disposizioni concernenti l obbligo

Dettagli

Linee guida regionali per l accreditamento dei soggetti erogatori dei corsi. BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION (BLSD) a personale non sanitario

Linee guida regionali per l accreditamento dei soggetti erogatori dei corsi. BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION (BLSD) a personale non sanitario ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1014 DEL 30 MAGGIO 2014 PREMESSA Linee guida regionali per l accreditamento dei soggetti erogatori dei corsi BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION (BLSD) a personale non sanitario

Dettagli

DELEGAZIONE PROVINCIALE DI PAVIA

DELEGAZIONE PROVINCIALE DI PAVIA FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO DELEGAZIONE PROVINCIALE DI PAVIA Via Tasso 44/46-27100 PAVIA Tel. 0382/539153 0382/532218 Fax 0382/29480 Internet: http://www.lnd.it e-mail: del.pavia@lnd.it Stagione

Dettagli

Coordinamento Attività Politiche e Istituzionali Prot. n. 0000165/13 Oggetto: A) Decreto 24 aprile 2013, recante "Disciplina della certificazione

Coordinamento Attività Politiche e Istituzionali Prot. n. 0000165/13 Oggetto: A) Decreto 24 aprile 2013, recante Disciplina della certificazione Coordinamento Attività Politiche e Istituzionali Prot. n. 0000165/13 Oggetto: A) Decreto 24 aprile 2013, recante "Disciplina della certificazione dell'attività sportiva non agonistica e amatoriale e linee

Dettagli

cardiologica, con ECG a riposo e dopo sforzo, esame completo urine e spirografia). La visita ha validità

cardiologica, con ECG a riposo e dopo sforzo, esame completo urine e spirografia). La visita ha validità From: laquila@federvolley.it Sent: Wednesday, March 12, 2014 5:38 PM To: indirizzi e-mail (comunicatici dalle stesse società per l attività sportiva federale) di tutte le società del territorio affiliate

Dettagli

COMUNE DI SANLURI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI SANLURI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI SANLURI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 150 Data 11.09.2015 OGGETTO: PROGETTO DI ACQUISIZIONE E SEGNALETICA NEL TERRITORIO COMUNALE DI DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI

Dettagli

Art. 1. Finalità ed obiettivi

Art. 1. Finalità ed obiettivi LEGGE REGIONALE 2 dicembre 1996 n. 59 Norme per la tutela sanitaria delle attività sportive. (B.U.R. 3 dicembre 1996, n. 58) Art. 1 Finalità ed obiettivi 1. La Regione Basilicata, in attuazione della legge

Dettagli

In relazione a quanto sopra riportato, sono state identificate e concordate le aree di intervento e operatività, definite Oggetto della Convenzione.

In relazione a quanto sopra riportato, sono state identificate e concordate le aree di intervento e operatività, definite Oggetto della Convenzione. Milano: 21 luglio 2014 Oggetto: Proposta Convenzione con il Centro di Medicina dello Sport Via Manin, 110 Sesto San Giovanni MI Premessa e Obiettivi: Il Centro di Medicina dello Sport di Sesto San Giovanni

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE IL MINISTRO DELLA SALUTE VISTO l'articolo 42-bis del decreto-iegge 21 giugno 2013, n. 69, convertito dalla legge 9 agosto 2013, n.98, e s. m. ed in particolare il comma 2, nel rispetto del quale i certificati

Dettagli

ASSOCIAZIONI SICURE. Ce.Se.Vo.Ca. LA MIA ASSOCIAZIONE RISPETTA GLI ADEMPIMENTI PREVISTI DALLA NORMATIVA SULLA SICUREZZA? Ce.Se.Vo.Ca.

ASSOCIAZIONI SICURE. Ce.Se.Vo.Ca. LA MIA ASSOCIAZIONE RISPETTA GLI ADEMPIMENTI PREVISTI DALLA NORMATIVA SULLA SICUREZZA? Ce.Se.Vo.Ca. Ce.Se.Vo.Ca. Centro Servizi per il Volontariato di Capitanata ASSOCIAZIONI SICURE LA MIA ASSOCIAZIONE RISPETTA GLI ADEMPIMENTI PREVISTI DALLA NORMATIVA SULLA SICUREZZA? associazionismo Ce.Se.Vo.Ca. (Centro

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA 2015-66 DEL GIORNO 18/12/2015

PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA 2015-66 DEL GIORNO 18/12/2015 PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA 2015-66 DEL GIORNO 18/12/2015 Presente Assente FONTANINI PIETRO Presidente X MATTIUSSI FRANCO Vicepresidente X BARBERIO LEONARDO Assessore

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 958 Prot. n. U192 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: "Disciplina della formazione del personale operante nel Sistema di emergenza

Dettagli

SPORT: GESTIONI DINAMICHE PER IL FUTURO

SPORT: GESTIONI DINAMICHE PER IL FUTURO SPORT: GESTIONI DINAMICHE PER IL FUTURO Avv. Guido Martinelli Modena, 28 Marzo 2015 1 NORME FISCALI E FINANZIARIE PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI 2 Defibrillatore. Quando entra in vigore? Art.

Dettagli

CONSIGLIO SANITARIO REGIONALE. Seduta del 14 aprile 2015

CONSIGLIO SANITARIO REGIONALE. Seduta del 14 aprile 2015 http://www.regione. toscana.it/sst Firenze Il Vice slite - Seduta del 14 aprile 2015 PARERE 37/2015 REGIONALE Vista la hr. 24 febbraio 2005 n. 40 Disciplina del Servizio sanitario regionale ; luglio 2011;

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 25-05-2015 (punto N 54 ) Delibera N 677 del 25-05-2015 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI

CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI Convenzione FIPAV, ai tesserati e alle società sportive affiliate alla FEDERAZIONE ITALIANA DI PALLAVOLO, sono riservate particolari

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2090 del 07 dicembre 2011 pag. 1/6

ALLEGATOA alla Dgr n. 2090 del 07 dicembre 2011 pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2090 del 07 dicembre 2011 pag. 1/6 Programma Regionale per la diffusione e l utilizzo dei DAE ai sensi del Decreto 18/3/2011, art. 2, comma 1 1 Scopo

Dettagli

Progetto Sport Sicuro

Progetto Sport Sicuro Allegato A) Progetto Sport Sicuro Prevenzione dell arresto cardiaco durante l attività sportiva agonistica, non agonistica e ludico-motoria INTRODUZIONE ARRESTO CARDIACO E MORTE IMPROVVISA DURANTE SPORT

Dettagli

CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI

CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI Convenzione FIPAV, ai tesserati e alle società sportive affiliate alla FEDERAZIONE ITALIANA DI PALLAVOLO, sono riservate particolari

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE

REGOLAMENTO REGIONALE REGOLAMENTO REGIONALE L.R. n.18 del 19 luglio 2013 Semplificazioni in materia di rilascio di certificazioni di idoneità all attività sportiva agonistica Integrazioni alla Legge Regionale n. 26 del 9 agosto

Dettagli

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Sabato, 20 luglio 2013 AVVISO ALLE AMMINISTRAZIONI

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Sabato, 20 luglio 2013 AVVISO ALLE AMMINISTRAZIONI SERIE GENERALE Spediz. abb. post. - art. 45% 1, - comma art. 2, 1 comma 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46662 - Filiale - Filiale di Roma di Roma GAZZETTA Anno 154 - Numero 169 UFFICIALE DELLA

Dettagli

D A E = DEFIBRILLATORE AUTOMATICO ESTERNO. informazione. formazione BLS-D. defibrillatore. gestione e assistenza DAE

D A E = DEFIBRILLATORE AUTOMATICO ESTERNO. informazione. formazione BLS-D. defibrillatore. gestione e assistenza DAE i l t ui ol tdue of idber iflil ba rt oi lrlea. ti to r e. i t Cometech, azienda giovane, dinamica e creativa con sede a Jesi (AN), è specializzata nella progettazione e sviluppo di programmi di Cardio-Protezione;

Dettagli

PREMESSO. che ogni anno in Italia e nel mondo un numero assai rilevante di persone sono colpite da arresto cardiaco;

PREMESSO. che ogni anno in Italia e nel mondo un numero assai rilevante di persone sono colpite da arresto cardiaco; Allegato B) PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO SPORT SICURO TRA IL COMUNE DI MIRANO E I SEGUENTI GRUPPI SPORTIVI MIRANESI: Pallacanestro Mirano CAI Mirano Polisportiva Antares Campocroce Miranese Volley Officina

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU39 27/09/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 24 settembre 2012, n. 32-4611 DGR 49-2905 del 14 novembre 2011. Regolamentazione attivita' formativa per la gestione dei Defibrillatori

Dettagli

Myerburg RJ, Castellanos A 1980; Task-force on SD of ESC. Eur Heart J 2001; 22: 1374-1450

Myerburg RJ, Castellanos A 1980; Task-force on SD of ESC. Eur Heart J 2001; 22: 1374-1450 Morte naturale, preceduta da improvvisa perdita della conoscenza, che si verifica entro un ora dall inizio dei sintomi, in soggetti con o senza cardiopatia nota preesistente, ma in cui l epoca e la modalità

Dettagli

Domenica 28 Settembre 2014. Abbondante Ristoro alla fattoria didattica La MERLETTA con prodotti tipici

Domenica 28 Settembre 2014. Abbondante Ristoro alla fattoria didattica La MERLETTA con prodotti tipici Domenica 28 Settembre 2014 Abbondante Ristoro alla fattoria didattica La MERLETTA con prodotti tipici SolidAlmènte 12 a SolidAlmènte Manifestazione podistica ludico motoria non competitiva a carattere

Dettagli

Convenzione FIV - AMI ITALIA Defibrillatori Saver One Series

Convenzione FIV - AMI ITALIA Defibrillatori Saver One Series Convenzione FIV - AMI ITALIA Defibrillatori Saver One Series Convenzione FIV, ai tesserati e alle società sportive affiliate alla FEDERAZIONE ITALIANA VELA, sono riservate particolari condizioni commerciali

Dettagli

Regolamento Sanitario

Regolamento Sanitario Regolamento Sanitario Approvato dalla Giunta Nazionale del CONI Delibera n. 122 del 25 maggio 2009 Nota esplicativa approvata dal Consiglio Federale del 3-4 febbraio 2012 Modifiche approvate dal Consiglio

Dettagli

Cosa dice la legge. Legge 3 aprile 2001, n. 120

Cosa dice la legge. Legge 3 aprile 2001, n. 120 Cosa dice la legge Legge 3 aprile 2001, n. 120 "Utilizzo dei defibrillatori semiautomatici in ambiente extraospedaliero" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2001 Art. 1. 1. È consentito

Dettagli

Comune di Quinto Vicentino Provincia di Vicenza

Comune di Quinto Vicentino Provincia di Vicenza Comune di Quinto Vicentino Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI E L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI, GRUPPI, SOCIETA ED ENTI CHE OPERANO NEL

Dettagli

L ARRESTO CARDIACO IN AMBITO SPORTIVO

L ARRESTO CARDIACO IN AMBITO SPORTIVO L ARRESTO CARDIACO IN AMBITO SPORTIVO PARMA, 6 OTTOBRE 2015 DOTT. VINCENZO CASTELLI UOC DI MEDICINA INTERNA OSPEDALE M.G. VANNINI ROMA FONDAZIONE GIORGIO CASTELLI ONLUS Dimensioni del problema in Italia

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA IL MINISTRO DELLA SALUTE VISTA la legge 18 giugno 2009, n. 69, recante disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, nonché

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF REGOLAMENTO SANITARIO

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF REGOLAMENTO SANITARIO FEDERAZIONE ITALIANA GOLF REGOLAMENTO SANITARIO 2 Nuovo Regolamento Sanitario della Federazione Italiana Golf II regolamento sanitario della Federazione Italiana Golf (FIG) disciplina le esigenze specifiche

Dettagli

Associazione di Cultura Sport e Tempo Libero. Norme Tesseramento

Associazione di Cultura Sport e Tempo Libero. Norme Tesseramento Associazione di Cultura Sport e Tempo Libero Norme Tesseramento 2014-2015 Il tesseramento dell ACSI per l anno 2015 inizia il 1 settembre 2014 e termina il 31 dicembre 2015 La stagione sportiva decorre

Dettagli

TORINO 18 GIUGNO 2013 CENTRO INCONTRI REGIONE PIEMONTE CONVEGNO : SICUREZZA SUL LAVORO DEFIBRILLATORE COME,QUANDO E PERCHE

TORINO 18 GIUGNO 2013 CENTRO INCONTRI REGIONE PIEMONTE CONVEGNO : SICUREZZA SUL LAVORO DEFIBRILLATORE COME,QUANDO E PERCHE TORINO 18 GIUGNO 2013 CENTRO INCONTRI REGIONE PIEMONTE CONVEGNO : SICUREZZA SUL LAVORO DEFIBRILLATORE COME,QUANDO E PERCHE Relatore dr roberto carlin In Italia, le malattie cardiovascolari sono la causa

Dettagli

Informa Scuola & EF N.11 del 13 settembre 2014

Informa Scuola & EF N.11 del 13 settembre 2014 Informa Scuola & EF N.11 del 13 settembre 2014 Certificati medici per attività sportiva non agonistica. Le nuove Linee guida del Ministero della Salute L 8 agosto 2014 il Ministro della Salute Beatrice

Dettagli

Date Pescara 5-26 Settembre 2015 OGNI CORSO HA LA DURATA DI UN (1) SOLO GIORNO

Date Pescara 5-26 Settembre 2015 OGNI CORSO HA LA DURATA DI UN (1) SOLO GIORNO C.O.N.I. CIRCOLARE INTERNA STRUTTURE/ISCRITTI Con rilascio di certificato BLSD Provider emesso da DAN EUROPE, fondazione medico-scientifica internazionale Date Pescara 5-26 Settembre 2015 OGNI CORSO HA

Dettagli

CORSO: RCP Hands Only (approvato e riconosciuto dall associazione Progetto Vita di PC)

CORSO: RCP Hands Only (approvato e riconosciuto dall associazione Progetto Vita di PC) IL COMITATO PROVINCIALE FIASP DI PIACENZA IN COLLABORAZIONE CON LA PUBBLICA ASSISTENZA VALNURE ORGANIZZA PER IL GIORNO 8 MAGGIO 2014 ALLE ORE 21,00 PRESSO LA SEDE DELLA P.A. VALNURE A PONTE DELL OLIO CORSO

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO PROGETTO BLSD CRI

REGOLAMENTO APPLICATIVO PROGETTO BLSD CRI REGOLAMENTO APPLICATIVO PROGETTO BLSD CRI Il progetto BLSD CRI si pone come finalità la diffusione della cultura della rianimazione cardiopolmonare e delle competenze necessarie ad intervenire su persone

Dettagli

350 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 33 del 7 aprile 2015 DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA REGIONALE

350 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 33 del 7 aprile 2015 DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA REGIONALE 350 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 33 del 7 aprile 2015 DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA REGIONALE (Codice interno: 294516) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 2847 del 29 dicembre 2014

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Sede Telefono Fax Mail Ospedale di Noale

CARTA DEI SERVIZI. Sede Telefono Fax Mail Ospedale di Noale Servizio Sanitario Nazionale Regione Veneto AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO - SANITARIA N.13 Unità Operativa Complessa di MEDICINA dello SPORT e dell ESERCIZIO FISICO Presidio Ospedaliero di Noale (VE) Direttore:

Dettagli

IL CERTIFICATO MEDICO

IL CERTIFICATO MEDICO IL CERTIFICATO MEDICO Facendo seguito agli impegni assunti tra i rappresentanti dell'asl di Mantova, delle Organizzazioni Sindacali dei Medici di Medicina Generale di Mantova e dei Medici Pediatri e dell'ufficio

Dettagli

L anno 2015 addì 10 del mese di giugno alle ore 19.15 nella Residenza Municipale si è riunita la Giunta Comunale.

L anno 2015 addì 10 del mese di giugno alle ore 19.15 nella Residenza Municipale si è riunita la Giunta Comunale. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 63/2015 Seduta del 10.06.2015 OGGETTO CONVALIDA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEI SERVIZI ALLA PERSONA N. 101 DEL 25.05.2015 L anno 2015 addì 10 del mese di giugno

Dettagli

Intesa tra. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Federazione Regionale Toscana. sulle certificazioni mediche

Intesa tra. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Federazione Regionale Toscana. sulle certificazioni mediche Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Prot. 109 degli Ordini dei Medici della Toscana Prot. 128 Firenze, 8 gennaio 2015 Intesa tra Ministero

Dettagli

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 27 FEBBRAIO 2003

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 27 FEBBRAIO 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 27 FEBBRAIO 2003 Repertorio Atti n. 1626 del 27 febbraio 2003 Oggetto:Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano

Dettagli

A.S.D. RUNNING PEOPLE NOICATTARO REGOLAMENTO INTERNO. Regolamento Interno

A.S.D. RUNNING PEOPLE NOICATTARO REGOLAMENTO INTERNO. Regolamento Interno 1 Regolamento Interno 2 INDICE ART. 1 FINALITÀ DELL ASSOCIAZIONE pag. 3 ART. 2 TESSERAMENTO pag. 3 ART. 3 QUOTA SOCIALE pag. 4 ART. 4 DIVISA SOCIALE pag. 4 ART. 5 VISITE MEDICHE pag. 4 ART. 6 GARE AGONISTICHE:

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Principali disposizioni fiscali e tributarie OBBLIGHI FISCALI L Associazione è soggetta a specifiche norme fiscali, anche se svolge soltanto l attività

Dettagli

Comune di Nuoro. Regolamento per la concessione di contributi alle Società Sportive

Comune di Nuoro. Regolamento per la concessione di contributi alle Società Sportive Comune di Nuoro Regolamento per la concessione di contributi alle Società Sportive Pubblicato a cura dei Servizi Assistenza Organi Istituzionali, Ufficio di Presidenza del Consiglio e Innovazione Informatica

Dettagli

FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI ASPETTI AMMINISTRATIVI E GESTIONALI LA COMUNICAZIONE DEI DATI FISCALMENTE RILEVANTI IL MODELLO EAS

FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI ASPETTI AMMINISTRATIVI E GESTIONALI LA COMUNICAZIONE DEI DATI FISCALMENTE RILEVANTI IL MODELLO EAS SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA VELA RICONOSCIMENTO ENTI AGGREGATI NORMATIVA 2015

FEDERAZIONE ITALIANA VELA RICONOSCIMENTO ENTI AGGREGATI NORMATIVA 2015 FEDERAZIONE ITALIANA VELA RICONOSCIMENTO ENTI AGGREGATI NORMATIVA 2015 NORMATIVA PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ENTI AGGREGATI DIVERSI DALLE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DI CLASSE Secondo quanto previsto dall'art

Dettagli

Nuovo accordo Stato Regioni sulla Formazione dei Dirigenti, dei Preposti, dei Lavoratori e dei Datori di lavoro/rspp

Nuovo accordo Stato Regioni sulla Formazione dei Dirigenti, dei Preposti, dei Lavoratori e dei Datori di lavoro/rspp Nuovo accordo Stato Regioni sulla Formazione dei Dirigenti, dei Preposti, dei Lavoratori e dei Datori di lavoro/rspp Il 21 dicembre 2011, la Conferenza Stato Regioni ha approvato gli accordi per la formazione

Dettagli

D. LGS 81/2008. Informazione ai lavoratori

D. LGS 81/2008. Informazione ai lavoratori D. LGS 81/2008 L INFORMAZIONE E LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI L ADDESTRAMENTO Informazione ai lavoratori 1. Il datore di lavoro provvede affinché ciascun lavoratore riceva una adeguata informazione: a)

Dettagli

COMUNE DI CERNUSCO SUL NAVIGLIO

COMUNE DI CERNUSCO SUL NAVIGLIO COMUNE DI REGOLAMENTO DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI NO-PROFIT APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 38 DEL 13/05/13 2 Indice Articolo 1 Fonti.......p.3 Articolo 2 - Finalità ed oggetto.........p.3

Dettagli

REGOLAMENTO SANITARIO DELLA F.I.S.

REGOLAMENTO SANITARIO DELLA F.I.S. REGOLAMENTO SANITARIO DELLA F.I.S. REGOLAMENTO SANITARIO Premessa Il presente regolamento disciplina le funzioni specifiche del Settore Sanitario Federale, nel rispetto della normativa nazionale e regionale,

Dettagli

Organizzazioni di volontariato: quadro sintetico degli adempimenti in materia di salute e sicurezza dei lavoratori.

Organizzazioni di volontariato: quadro sintetico degli adempimenti in materia di salute e sicurezza dei lavoratori. Sede operativa via Ricasoli, 9-50122 Firenze Sede Legale via de' Martelli 8-50129 Firenze Tel. 055 271731 - Fax 055 214720 http://www.cesvot.it Organizzazioni di volontariato: quadro sintetico degli adempimenti

Dettagli

Centro Sportivo Italiano Comitato Provinciale di Chieti

Centro Sportivo Italiano Comitato Provinciale di Chieti Centro Sportivo Italiano Comitato Provinciale di Chieti e la Medical Assistance Regione Abruzzo in collaborazione con il: Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA VELA RICONOSCIMENTO ENTI AGGREGATI NORMATIVA 2016

FEDERAZIONE ITALIANA VELA RICONOSCIMENTO ENTI AGGREGATI NORMATIVA 2016 FEDERAZIONE ITALIANA VELA RICONOSCIMENTO ENTI AGGREGATI NORMATIVA 2016 Sommario: normativa per il riconoscimento di Enti Aggregati diversi dalle Associazioni di Classe primo riconoscimento 3 rinnovo riconoscimento

Dettagli

PROVINCIA DELLA SPEZIA Settore 3 Servizio edilizia scolastica e patrimonio

PROVINCIA DELLA SPEZIA Settore 3 Servizio edilizia scolastica e patrimonio PROVINCIA DELLA SPEZIA Settore 3 Servizio edilizia scolastica e patrimonio Il sottoscritto. nato a.., il, residente in.. via. nella sua qualità di della società associazione sportiva ente di promozione

Dettagli

SPECIALE SAPI. salute e sicurezza sul lavoro IL NUOVO TESTO UNICO

SPECIALE SAPI. salute e sicurezza sul lavoro IL NUOVO TESTO UNICO Supplemento n. 1 al periodico l Ar tigianato Anno LIX - N. 8 - Luglio 2008 Lavoratori autonomi e impresa familiare TAB. B - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv.

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 107 Prot. 24623/2015 adottata nella seduta del 19 agosto 2015

PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 107 Prot. 24623/2015 adottata nella seduta del 19 agosto 2015 PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 107 Prot. 24623/2015 adottata nella seduta del 19 agosto 2015 alla quale partecipano i Signori: GHERGHETTA Enrico Presidente A ČERNIC

Dettagli

CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DEGLI SPAZI PUBBLICI ATTREZZATI PER LO SPORT

CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DEGLI SPAZI PUBBLICI ATTREZZATI PER LO SPORT CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DEGLI SPAZI PUBBLICI ATTREZZATI PER LO SPORT ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 192 DEL 29 LUGLIO 1993 MODIFICATO

Dettagli

Comune di Coccaglio Provincia di Brescia. Regolamento Comunale PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E SUSSIDI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E PRIVATI

Comune di Coccaglio Provincia di Brescia. Regolamento Comunale PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E SUSSIDI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E PRIVATI Comune di Coccaglio Provincia di Brescia Regolamento Comunale PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E SUSSIDI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E PRIVATI Approvato con delibera C.C. n 34 del 21.06.2010 Deliberazione C.C.

Dettagli

Niente agevolazioni a società sportive dilettantistiche non riconosciute dal CONI ( Articolo di Vincenzo D'Andò 11.06.2004 )

Niente agevolazioni a società sportive dilettantistiche non riconosciute dal CONI ( Articolo di Vincenzo D'Andò 11.06.2004 ) Niente agevolazioni a società sportive dilettantistiche non riconosciute dal CONI ( Articolo di Vincenzo D'Andò 11.06.2004 ) NOVITA FISCALI PER LE ASSOCIZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE Niente agevolazioni

Dettagli

Inquadramento del volontario ai sensi del D. Lgs.81/08. Expo - Sabato 4 aprile 2014 Dott. Massimo Lombardi

Inquadramento del volontario ai sensi del D. Lgs.81/08. Expo - Sabato 4 aprile 2014 Dott. Massimo Lombardi Inquadramento del volontario ai sensi del D. Lgs.81/08 Riferimenti legislativi Decreto legislativo 9 aprile 2008 n. 81 Decreto Interministeriale 13 aprile 2011 Decreto del capo Dipartimento della Protezione

Dettagli

CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani

CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani Siciliana ia Regionale di Trapani REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI SPORTIVI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 02 febbraio

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER LA PROMOZIONE DELLE ATTIVITA FISICO MOTORIE ANNO 2015

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER LA PROMOZIONE DELLE ATTIVITA FISICO MOTORIE ANNO 2015 AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER LA PROMOZIONE DELLE ATTIVITA FISICO MOTORIE ANNO 2015 LEGGE REGIONALE 22.12.1995, N. 93 NORME PER LO SVILUPPO DELLO SPORT E DELLE ATTIVITA FISICO

Dettagli

UNIONE ITALIANA TIRO A SEGNO TESSERAMENTO FEDERALE NORME DI ATTUAZIONE ANNO 2010

UNIONE ITALIANA TIRO A SEGNO TESSERAMENTO FEDERALE NORME DI ATTUAZIONE ANNO 2010 UNIONE ITALIANA TIRO A SEGNO TESSERAMENTO FEDERALE NORME DI ATTUAZIONE ANNO 2010 1 TESSERAMENTO Il tesseramento UITS è indispensabile per la partecipazione alle competizioni ed all attività federale di

Dettagli

A relazione dell'assessore Saitta:

A relazione dell'assessore Saitta: REGIONE PIEMONTE BU5S2 05/02/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 2 febbraio 2015, n. 16-979 Aggiornamento regolamentazione attivita' formativa per la gestione dei Defibrillatori Automatici Esterni

Dettagli

COMUNE DI FRABOSA SOTTANA P r o v i n c i a d i C u n e o Via IV Nove mb re, 12 - C. A.P. 120 8 3 - T el.01 74 /24448 1-2 - Fax.

COMUNE DI FRABOSA SOTTANA P r o v i n c i a d i C u n e o Via IV Nove mb re, 12 - C. A.P. 120 8 3 - T el.01 74 /24448 1-2 - Fax. COMUNE DI FRABOSA SOTTANA P r o v i n c i a d i C u n e o Via IV Nove mb re, 12 - C. A.P. 120 8 3 - T el.01 74 /24448 1-2 - Fax.0174/2 4 4 73 0 Prot. n. 1610 Spett.li organizzatori eventi o manifestazioni

Dettagli

visto ir decreto ministeriare 1g febbr aio 79gz, "Norme per la tutela sanitaria dell'attività sportiva agonistica";

visto ir decreto ministeriare 1g febbr aio 79gz, Norme per la tutela sanitaria dell'attività sportiva agonistica; MINISTERO DELLA SALUTE Decreto Ministero della Salute 24 aprile 2013 ficazione clell'attivita' sportiva non agonistica e amatoriale e linee e e l'utilizzo didefibriitatori semiautomatici e di eventuali

Dettagli

Il DAE neiluoghidi lavoro

Il DAE neiluoghidi lavoro Il DAE neiluoghidi lavoro IL RUOLO DEL MEDICO COMPETENTE dott.ssa Milena Perini INCONTRO SPISAL ULSS 6 MEDICI COMPETENTI VICENZA 18 NOVEMBRE 2015 I numeri: L arresto cardiaco extra ospedaliero è responsabile

Dettagli

COMUNE DI TARZO Provincia di Treviso

COMUNE DI TARZO Provincia di Treviso COMUNE DI TARZO Provincia di Treviso BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEI CAMPI DA CALCIO (CIG. 5088440984) Il Comune di Tarzo, in esecuzione della delibera consiliare n.11

Dettagli

Emergenza Urgenza Soccorso

Emergenza Urgenza Soccorso Emergenza Urgenza Soccorso I corsi di formazione...poche ore della tua vita possono salvare una vita... Premessa Una serie di anelli può formare una catena, dove la forza della catena è costituita dalla

Dettagli