REALIZZAZIONE TRAMITE TECNOLOGIA CUBLOC DI UN SISTEMA DI TELECONTROLLO CON FINALITA MULTIPLE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REALIZZAZIONE TRAMITE TECNOLOGIA CUBLOC DI UN SISTEMA DI TELECONTROLLO CON FINALITA MULTIPLE"

Transcript

1 Università degli Studi di Palermo Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria dell Automazione Dipartimento di Ingegneria dell Automazione e dei Sistemi Tesi di Laurea REALIZZAZIONE TRAMITE TECNOLOGIA CUBLOC DI UN SISTEMA DI TELECONTROLLO CON FINALITA MULTIPLE Anno Accademico 2006/2007 Relatore: Ing. Francesco Maria Raimondi Candidato: Giovanni Rallo Tutor Aziendale: Ing. Christian Ferranti

2 Università degli Studi di Palermo Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria dell Automazione e dei Sistemi Per informazioni sulle aziende, consultare il materiale allegato. Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 2

3 Sommario REALIZZAZIONE TRAMITE TECNOLOGIA CUBLOC DI UN SISTEMA DI TELECONTROLLO CON FINALITA MULTIPLE Il progetto nella sua completezza concretizza, grazie al contributo del Gruppo SOFTECNO, un sistema di telecontrollo via web, dove un PLC CUSB TM (COMFILE TECONOLOGY ) avente tecnologia CUBLOC TM, realizza in maniera indipendente un sistema di antifurto, antincendio, antiallagamento, antigas, e tramite l azione di una scheda XPORT TM (LANTRONIX ), trasmette su internet e ad una pagina web, lo stato di funzionamento e i relativi allarmi dei vari sistemi sopra elencati. L azione di telecontrollo rende quindi una informativa sullo stato di funzionamento dei vari sistemi e dà la possibilità ad un eventuale operatore di intervenire da remoto, con un azione manuale modificando lo stato di funzionamento di uno, alcuni o tutti i sistemi. Il progetto così realizzato è LOW-COST (a basso impatto economico). Il PLC CUSB TM, la scheda XPORT TM, tutta la sensoristica sono i più economici nelle loro categorie, il progetto finale è di ridottissime dimensioni (l Xport è tra i server più piccoli oggi in commercio); inoltre è utilizzabile sia in campo domestico che aziendale. Relatore: Ing. Francesco Maria Raimondi Candidato: Giovanni Rallo Tutor Aziendale: Ing. Christian Ferranti Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 3

4 Ai miei genitori, ad Elisabetta e a quanti come loro hanno creduto in me fino alla fine. Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 4

5 Indice Prefazione... 7 Cap.1 - TELECONTROLLO... 8 Introduzione I FONDAMENTI DEL TELECONTROLLO IL PLC IL SERVER INTERNET Cap.2 - HARDWARE Introduzione CUBLOC TM Il Multitasking: IL PLC CUSB TM LA SCHEDA WEB - XPORT TM SENSORI E ATTUATORI Cap.3 - SOFTWARE Introduzione I LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE IL BASIC L HTML IL JAVA CUBLOC STUDIO CFTerm MAXPORT NETBEANS LA PAGINA WEB Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 5

6 Cap.4 - IL PROGETTO Introduzione LA REALIZZAZIONE TEST Conclusioni Indice delle figure Indice delle tabelle Bibliografia Sitografia ALLEGATI Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 6

7 Prefazione Questa tesi scaturisce dall esigenza di un telecontrollo compatto ed economico, che faccia uso della tecnologia oggi estremamente diffusa: internet. Con la collaborazione del Dipartimento di Ingegneria dell Automazione e dei Sistemi (D.I.A.S.) presso l Università degli Studi di Palermo ed il Gruppo SOFTECNO, per l Università l Ing. Francesco Maria Raimondi 1 e per il Gruppo SOFTECNO l Ing. Christian Ferranti 2, si è dato vita a questo progetto di tesi. Il mio ruolo in azienda è stato quello di apprendere in maniera indiretta le tecniche e le conoscenze nel campo del telecontrollo e nella realizzazione pratica di un progetto esecutivo. La tesi si serve di tecnologie nuove ma comunque standardizzate, come quella del CUBLOC TM e del XPORT TM, la prima è l alternativa agli attuali microcontrollori e la seconda l alternativa alle schede di rete. L obiettivo finale raggiunto è la realizzazione di un sistema a basso impatto economico e dimensionale, adattabile e facilmente utilizzabile, includendo per quest ultimo anche l aspetto dedicato all istallazione e alla manutenzione. Con questo progetto si è prima studiata e poi sviluppata la coesione tra le due tecnologie il cui fine ha portato alla realizzazione di un sistema di telecontrollo con finalità multiple come ad esempio il sistema antintrusione o quello antiallagamento. Il sistema è modulare ed adattabile alle varie esigenze ed è in grado di lavorare sia da solo che inserito in un contesto più ampio (come ad esempio in supporto o ad espansione dei prodotti che il gruppo Softecno giornalmente propone). All interno del trattato si descrive la tecnologia Cubloc TM e quella dell Xport TM, nonche l hardware ed il software necessari e utilizzati al fine di realizzare il progetto e di renderlo esecutivo. Il primo capitolo si occupa di descrivere la tecnologia del telecontrollo spiegando alcuni concetti base, il secondo descrive l hardware necessario per realizzare il progetto di tesi cosi come è stato pensato, il terzo capitolo invece si occupa del software. Quindi il capitolo finale descrive il progetto in sé e la successiva fase di test indispensabile per la certificazione funzionale del progetto. In allegato si trovano informazioni utili per l approfondimento. 1 Per maggiori informazioni 2 Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 7

8 Cap.11 Telecontrollo Introduzione2 I cosiddetti edifici intelligenti sono un esempio di gestione automatica da parte di programmi software come ad esempio, controllo accessi, allarme antincendio, antifurti. Inoltre l avvento recente della telematica e lo sviluppo della rete cellulare GSM e UMTS hanno dato un ulteriore impulso all automazione grazie alla possibilità di comandare da località remote l esecuzione di alcuni compiti, per i quali è ovviamente richiesto un sistema automatico. Un esempio è la sorveglianza delle case di villeggiatura, o i sistemi di telecontrollo di acquedotti, dighe, antenne e ripetitori o comunque di impianti situati in località remote. Telecontrollo: <<Tecnica che permette di telecomandare e precisamente di comandare a distanza, in particolare di azionare a distanza dei dispositivi elettromeccanici, mediante cavo elettrico, oppure onde radio oppure ultrasuoni inviati da un apposita trasmittente>> 3 [1]. Partendo proprio da questa definizione si descriverà nel corso del capitolo cos è il telecontrollo, come nasce e perché, nonché i mezzi necessari per realizzarlo. 3 Vocabolario della lingua italiana Zingarelli edito da Zanichelli. Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 8

9 1.1 I FONDAMENTI DEL TELECONTROLLO3 Il telecontrollo è l atto di controllare, quindi, comandare un sistema, un evento, un processo a distanza, facendo uso di metodologie e tecnologie di diverso tipo dipendenti dal contesto e da ciò che si necessita controllare. Nasce quindi dall esigenza di dover controllare a distanza qualcosa, si pensi ad esempio a tutte quelle zone ad alto rischio come le centrali nucleari o i forni ad altissima temperatura, quei luoghi insomma dove l intervento diretto dell uomo non è consentito, proprio in queste circostanze il telecontrollo diventa indispensabile. Questa tecnica oggi si sta diffondendo in tutti i campi ed anche in quello domestico. La nascita del telecontrollo risale agli anni Settanta, quando l'evoluzione informatica mise in evidenza la necessità della creazione di nuovi servizi, capaci di immagazzinare, ricevere e trattare a distanza dati e informazioni. Si costituì allora la teleinformatica, che permetteva di diffondere le risorse offerte dall'informatica per mezzo delle reti di telecomunicazione. Queste reti consentirono anche di migliorare la trasmissione dei dati scritti, per sopperire alla lentezza del telex e del telegrafo, furono messe a punto la telecopiatura e altri servizi di automazione del lavoro d ufficio. L'insieme di questi servizi informatici, forniti da una rete di telecomunicazioni, furono raggruppati sotto il nome di telematica. Un servizio telematico, oggi, meglio indicato come telecontrollo necessita di un supporto informatico, un computer che tratti i dati, un terminale, dispositivi che consentano di stabilire le comunicazioni (commutatori, multiplexeurs, modem ecc.) ed eventuali periferiche. Inoltre, deve essere dotato di un sistema di comunicazione capace di stabilire una connessione tra i diversi supporti e con l esterno; il servizio infatti è solitamente parte di una rete di comunicazione informatica, che può essere pubblica (nazionale o internazionale) o privata (locale o nazionale). Per i collegamenti, un servizio di questo tipo può utilizzare la rete telefonica o telegrafica o un collegamento via satellite. Ogni servizio deve anche comprendere una fonte di informazioni (basi o banche dati, archivi) e deve disporre di software di elaborazione e di trasmissione. In base all ambiente da controllare e alla metodologia di controllo, i mezzi necessari variano, ma nella forma generale qualunque sistema di telecontrollo deve essere dotato Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 9

10 di un sistema di controllo e di un sistema di ricetrasmissione dei dati, che varia in base al mezzo di trasmissione (etere, cavo, ecc ). Questa tesi si occupa di realizzare un sistema di telecontrollo che sia facilmente adattabile alle abitazioni, ma anche alle attività commerciali e piccole imprese. Oggi il telecontrollo si pone in quella visione futuristica a cui la società moderna si proietta, vista anche la larga diffusione dei sistemi UMTS e la necessità oggi più che mai di trovarsi lontani da casa per svariati motivi (lavoro, vacanze, ecc ). Questo progetto utilizza un PLC per il sistema di controllo, un SERVER per il sistema di ricetrasmissione dei dati ed INTERNET come mezzo di comunicazione. 1.2 IL PLC4 I PLC (dall inglese Programmable Logic Controller) sono quelle apparecchiature di controllo in grado di realizzare tutte le principali funzioni logiche richieste per la conduzione di una macchina o di un processo operativo secondo un determinato programma, memorizzato in opportuni circuiti dell apparecchiatura stessa (memorie). Un PLC, quindi, è un sistema logico programmabile in grado di realizzare un insieme ordinato di operazioni, definite da comandi facilmente modificabili, strutturate in modo ciclico. I primi PLC sono stati utilizzati all inizio degli anni 70 nell industria automobilistica ove si sono posti come valida alternativa ai controllori a relè all epoca assai diffusi. La presenza dei PLC come soluzione ai problemi di automazione, controllo e monitoraggio nelle applicazioni industriali, è una realtà ormai matura e presente da molti anni, solo negli ultimi anni è però diventata alla portata di tutti. I PLC sono stati utilizzati in sostituzione delle logiche a relais grazie ai seguenti vantaggi: Riduzione dei cablaggi Elevata versatilità verso gli aggiornamenti Riduzione degli ingombri Riduzione della potenza (assorbimento» 100mA nei PLC più compatti) Aumento della velocità di elaborazione Semplice, robusto ed affidabile Consente nuovi campi d impiego (regolazione, controllo, calcolo multivariabile). Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 10

11 Quello che viene proposto per questo progetto di tesi è il CUSB 22-R della COMFILE TECNOLOGY, tutti i dettagli ed informazioni utili, ed i paragoni con i PLC tradizionali vengono descritti nel secondo capitolo. 1.3 IL SERVER5 Con il temine SERVER si indica un computer che opera con un software di amministrazione, controllando l'accesso di altri computer alle risorse della rete. In relazione a Internet, il server è qualunque computer collegato alla rete, che sia in grado di offrire informazioni a chi vi si connetta. In pratica, a ogni indirizzo Internet (URL) è associato un server, che nella maggior parte dei casi è un computer con elevate prestazioni, dischi di grandi dimensioni e sistema operativo UNIX. Quanto descritto sopra vale per i server tradizionali che fino ad ora sono stati soggetti a grosse dimensioni e costi elevati. Quello proposto per questa tesi è la scheda XPORT TM, realizzata dalla LANTRONIX, di minime dimensioni e costi ridottissimi (tutte le informazioni a riguardo vengono descritte nel paragrafo ad esso dedicato del capitolo secondo). 1.4 INTERNET6 Come tutti ormai sanno internet è un sistema integrato di interconnessione tra computer e reti locali, che consente la trasmissione di informazioni in tutto il mondo. Questo significa che un sistema di telecontrollo che faccia uso di questa tecnologia per la trasmissione dei dati, da vita ad un sistema utilizzabile da qualsiasi parte del mondo; per cui si pesi a chi si reca all estero, per esempio, per vacanze o lavoro e vuole tenere sotto controllo la propria abitazione, negozio, ecc, con questo sistema può farlo, ed oggi grazie al sistema UMTS integrato nei telefonini può farlo anche in movimento. Questa tesi utilizza il sistema internet classico come mezzo di scambio dati ed una pagina web (sito internet) come sistema di supervisione, consultabile da qualunque parte del mondo che abbia accesso ad internet (tutti i dettagli nel capitolo tre e quattro). Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 11

12 Questo primo capitolo si è occupato di descrive nel modo più semplice e breve possibile cos è un sistema di telecontrollo e quali sono i mezzi necessari per realizzarlo, nel prossimo capitolo si tratterà l hardware (i mezzi fisici) impiegati per la realizzazione del progetto di tesi. Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 12

13 Cap.2 7 Hardware Introduzione8 In questo secondo capitolo si tratterà una delle componenti fondamentali per la realizzazione del progetto di tesi, l hardware, ed il perché della sua scelta, mentre per quello che riguarda il software si rimanda al terzo capitolo. Nella parte iniziale, di questo capitolo si esporrà la tecnologia CUBLOC TM ideata dalla COMFILE TECNOLOGY, questa tecnologia, è il punto cardine di tutta la tesi in quanto su di essa è basata. Nel paragrafo successivo si esporrà il PLC CUSB TM anch esso ideato dalla COMFILE TECNOLOGY, questo è dotato di tecnologia CUBLOC TM, successivamente verranno esaminate: la scheda XPORT TM della LANTRONIX, indispensabile per poter connettere il CUSB TM ad internet e realizzare il telecontrollo, i componenti fondamentali che la caratterizzano rispetto ad altre (struttura interna, ridottissime dimensioni, ecc ), infine si darà un idea sulla sensoristica e gli attuatori impiegabili in questa tacnologia. Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 13

14 2.1 CUBLOC TM9 Il CUBLOC è un microcontrollore con funzionalità tipiche di un PLC. I PLC CUBLOC è un PLC / Computer Embedded in un Chip, realizzato dalla COMFILE TECNOLOGY Inc. (http://cubloc.com/index.php) [2]. I moduli CUBLOC TM in termini di programmazione Ladder Logic sono simili ai PLC tradizionali, ma le loro piccole dimensioni li rendono utilizzabili con semplici circuiti stampati, proprio come un microcontrollore. Figura 1 - Visione fisica dei CUBLOC TM. La tipologia di programmazione è sia del tipo a righe di comando, secondo le indicazioni tipiche del linguaggio BASIC (in realtà di tutti i linguaggi di programmazione a listato, si pensi al C, Assembly, Pascal, ecc ), sia a Ladder Logic tipico dei comuni PLC. Ci sono modelli differenti di CUBLOC TM, ognuno con caratteristiche proprie in termini di dimensioni della memoria programma e porte I/O; quello utilizzato per la realizzazione di questa tesi è il CB280 scelto per le sue caratteristiche ritenute più adatte allo scopo, caratteristiche queste che insieme allo schema della piedinatura, alla visione fisica e alla struttura interna sono riepilogate nella tabella e nelle figure a seguire: Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 14

15 Tabella 1 - Caratteristiche del CB 280 dati Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 15

16 Figura 2 - Visione fisica e schema della piedinatura del CB280. Figura 3 - Struttura interna del CUBLOC TM. L'interprete Basic contiene una memoria Flash per il programma utente, il processore Ladder possiede una sua memoria Flash per i programmi scritti in Ladder Logic, le porte I/O invece sono condivise tra il Basic ed il Ladder consentendo libero accesso ad entrambi. I dati presenti nella memoria Basic sono accessibili soltanto dall'interprete Basic, mentre quelli presenti nella memoria Ladder sono accessibili sia dall'interprete Basic che dal processore Ladder. Il vantaggio del sistema CUBLOC TM rispetto ai PLC, è nella programmazione, infatti il sistema è in grado di supportare la programmazione Ladder Logic integrata con il linguaggio Basic, eliminando di fatto i lati negativi della programmazione Ladder Logic Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 16

17 ottima per rappresentare diagrammi di flusso, ma piuttosto ostica quando si devono acquisire dati, stampare grafici, fare calcoli e altre operazioni più complesse. Con il sistema CUBLOC TM si ha a disposizione la semplicità e l efficienza della programmazione Ladder Logic unita alla potenza del linguaggio Basic. Un altro vantaggio del CUBLOC TM nei confronti di altri microcontrollori Basic e' la possibilità, da parte dell'utente, di separare la quantità di lavoro tra Ladder Logic e Basic. Figura 4 - Immagine del software di sviluppo CUBLOC Studio. Ci sono PLC sul mercato, che tutt ora supportano sia il Ladder che il Basic, ma questi PLC non sono multitasking come il CUBLOC TM, questo significa che il Basic e' parte del Ladder e non gira indipendentemente, costando molto caro in termini di programmazione, in quanto il Basic non e' un linguaggio real-time e può influenzare negativamente la parte Ladder del programma. Il CUBLOC TM invece e' in grado di Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 17

18 sopperire a queste problematiche tramite il funzionamento multitasking garantendo accuratezza e precisione nelle temporizzazioni. Diversamente dalla maggior parte dei microcontrollori Basic in commercio, il CUBLOC TM supporta processi real-time e multitasking. Figura 5 Paragone tra il Single Task ed il Multi Task. Il CUBLOC TM ha una struttura multitasking che fa girare il Basic ed il Ladder simultaneamente, questo consente al programma Ladder di girare con precisione ed accuratezza mentre continuano le elaborazioni in Basic [2]. Il Multitasking: 10 Ci sono molti sistemi per implementare entrambi i linguaggi Ladder e Basic in un processore, i prodotti attuali sul mercato supportano il Basic sotto la Ladder Logic ma questo evidentemente e' un difetto, in quanto nella maggior parte dei casi si generano almeno tre punti negativi: Il primo punto riguarda il tempo di esecuzione dei processi Basic, dove la Ladder Logic e' inevitabilmente coinvolta; se il codice Basic entra in un ciclo infinito la Ladder Logic viene a sua volta interrotta. Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 18

19 Figura 6 Esempio di programmazione integratra Basic-Ladder. Il secondo punto debole, considera l utilizzo del Basic soltanto come parte della Logica Ladder, ma essendo il Basic un linguaggio potente in grado di processare algoritmi complessi, utilizzato soltanto come parte del Ladder, non si beneficia delle sue eccezionali performance. Il terzo punto ha a che fare con le porte I/O, in quanto l'esecuzione del programma Basic può provocare collisioni involontarie con il Ladder; la ragione e' che le porte gestite dalla Logica Ladder sono aggiornate mentre quelle gestite dal Basic sono azionate direttamente. Dopo aver risolto questi problemi, e' stato creato un processore che supporta il Basic e la Logica Ladder che supporta il real-time ed è multitasking. Il Basic gira come il Basic e il Ladder come il Ladder, simultaneamente, senza provocare collisioni reciproche. Con il solo Basic, si e' in grado di creare molti dispositivi rispetto agli altri microcontrollori Basic oggi sul mercato, il CUBLOC TM ha una velocità superiore e delle capacità notevoli, ed inoltre utilizza il Basic come linguaggio principale. Come e' evidente, il CUBLOC TM rappresenta una nuova concezione di PLC/Microcontrollore essendo in grado di svolgere le normali funzioni di un PLC con tutte le caratteristiche del linguaggio Basic, espandendo i limiti di entrambe le tipologie di sistema. Questi due tipi di programmazione sono stati utilizzati in settori differenti per lungo tempo; la logica Ladder e' utilizzata nell'automazione che utilizza i PLC, Il Basic e altri linguaggi come il C e l'assembler sono utilizzati nei PC e nei microcontrollori. Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 19

20 Nella tabella sottostante si riassumono i due linguaggi di programmazione ed il loro uso: Tabella 2 - Paragone tra la programmazione Ladder e quella Basic. LADDER LOGIC Programming Languages (BASIC) Device PLC PC or Micro-Computer Application Automation, Control Machine-General Computing Advantages Sequencer, Bit Logic, Complex Math, Data Timers, Counters Communication, Data Collection & Process, Analysis, Graphic Interface Basic Parallel Mechanism Sequential La Logica Ladder è un sistema di programmazione molto logico, che purtroppo trova limitazioni dovendo svolgere compiti complessi, come per esempio ricevere dati da un tastierino numerico e nel contempo visualizzare su un display LCD e processare gli input dell'utente, questo e' un compito molto difficile da gestire con la programmazione Ladder, per contro, questi compiti raramente rappresentano un problema in un linguaggio di programmazione come il Basic. Il Basic, infatti, e' in grado di processare numeri a virgola mobile, comunicazioni e altri compiti che metterebbero facilmente in crisi la programmazione Ladder o addirittura sarebbero impossibili da eseguire. La Logica Ladder e' in grado di processare quello che non potrebbe essere fatto in Basic e il Basic e' in grado di eseguire facilmente delle procedure che sarebbero molto complesse da programmare in Ladder Logic, il fatto che i due linguaggi si integrano nello stesso chip è un eccezionale vantaggio. Normalmente si pensa al PLC come un cabinet rettangolare con linee di input e output, Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 20

21 Figura 7 Esempio di un cabinet classico. quando si utilizza uno di questi PLC, è necessario racchiuderlo in un cabinet ed eseguire le cablature spesso molto complicate (esempio in figura 7). Quando sono richieste soltanto un paio di applicazioni, la cablatura non e' un grande problema, ma quando occorrono decine, centinaia o migliaia di applicazioni, i costi di assemblaggio e i possibili errori possono creare molti problemi, motivo per cui il prodotto finale, sarà più grande e la produzione più costosa. Il CUBLOC TM è un PLC su un unico Chip, questo consente di posizionarlo su un circuito stampato. E possibile utilizzare un PLC quasi come un microcontrollore, si possono progettare circuiti stampati appositi per questo tipo di prodotto, Figura 8 Esempio di progettazione hardware. riducendo così i costi e le dimensioni del progetto finale, rendendolo unico e notevolmente economico. Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 21

22 La tabella sottostante, riassume le differenze tra il CUBLOC TM ed i PLC tradizionali: Figura 9 - Riassuntivo tra il CUBLOC TM ed il PLC tradizionale. Proprio per i motivi appena esposti, si è deciso di adottare per questa tesi tale tecnologia, visti tutti i vantaggi espressi sopra rispetto ai metodi tradizionali e alle tecnologie gia presenti, da non sottovalutare il costo ridotto anche del progetto finale, che di seguito sarà esposto e approfondito, nonché, le ridotte dimensioni che ne facilitano tra l altro anche l istallazione. Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 22

23 2.2 IL PLC CUSB TM 11 Tutte le caratteristiche elencate nel paragrafo precedente (CUBLOC) vengono rese utilizzabili grazie al PLC CUSB TM, anch esso realizzato dalla COMFILE TECNOLOGY. Questo PLC è di dimensioni estremamente compatte e al suo interno racchiude oltre alla tecnologia CUBLOC TM anche un perfetto ambiente di sviluppo hardware ideale per le applicazioni nel campo dell automazione, essendo esso stesso un PLC completo [3]. Figura 10 - Paragone dimensionale tra IL CUSB TM ed un classico PLC. Così come per il CUBLOC TM anche per il CUSB TM esistono diversi modelli le cui differenze risiedono sostanzialmente nel numero di ingressi e di uscite di cui sono dotati, il PLC che si utilizza per la realizzazione di questo progetto di tesi è il CUSB-22R, per le sue caratteristiche in fatto di numero di ingressi e uscite e di alimentazione, caratteristiche queste che insieme alla visione fisica aperta sono esposte di seguito: Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 23

24 Tabella 3 - Riassuntiva delle caratteristiche del CUSB-22R. Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 24

25 Figura Visione fisica aperta del PLC CUSB-22R 4 4 Dati CUSB User Manual Version 2.1 Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 25

26 le misure in millimetri del PLC CUSB 22R sono mostrate in figura: Figura 12 - Dimensioni del PLC CUSB-22R 4. Il PLC CUSB-22R una volta scaricatogli il firmware tramite la porta seriale RS-232c dedicata è già operativo, l ambiente di sviluppo è il CUBLOC STUDIO di cui se ne parlerà nei capitoli successivi, mentre il PLC può ancora essere interfacciato con tastierino numerico e display LCD anche grafico essendo dotato a bordo dei relativi connettori a questo scopo adibiti. Le dimensioni compatte, la tecnologia CUBLOC TM, le due porte seriali RS-232c, le 10 uscite a relè (5A, 250V), gli 11 ingressi digitali, l alimentazione a 220V, il costo ridotto e le altre caratteristiche prima menzionate, hanno favorito la scelta di questo PLC. Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 26

27 2.3 LA SCHEDA WEB - XPORT TM 12 Il modulo XPORT TM della LANTRONIX (www.lantroxix.com) è una soluzione compatta per abilitare qualsiasi dispositivo alla comunicazione tramite internet o LAN. Incorporando l XPORT TM al PLC (CUSB 22-R) si realizzerà una connessione di rete, questo permetterà il controllo via internet del dispositivo ad esso collegato da qualsiasi parte del mondo [4]. Figura 13 - La scheda WEB XPORT TM. L XPORT TM è il più piccolo ed utilizzato sistema di interfacciamento internet oggi disponibile (sul sito internet della Lantronix l elenco completo delle aziende che lo utilizzano), applicato con l XPORT Dongle permette di comunicare attraverso la rete LAN (ovvero Internet) tramite svariati protocolli di comunicazione con dispositivi che utilizzano la porta seriale come mezzo di comunicazione esterno. Figura 14 Esempio di connessione tra un pc ed il sisitema. Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 27

28 Dispone di due led bicolore di segnalazione, posti sul connettore RJ45 che permettono di monitorare il traffico dati, uscita seriale CMOS (Asincrona), RS-422 (4 fili) e RS-485 (2 fili) con velocità di trasmissione sino a 921 Kbps, porta Ethernet compatibile 10Base- T o 100Base-TX [5]. Figura 15 L Xport TM schema interno. Le specifiche tecniche sono: Web Server Interno: Capacità di memoria di 384 Kbyte per pagina web. CPU: Microcontrollore DSTni-EX a 16 bit, 48 MHz o 88 MHz. Memoria: 256 kbyte SRAM e 512 kbyte flash. Firmware: Aggiornabile via TFTP e seriale. Interfaccia Network: Ethernet 10Base-T o 100Base-TX. Connettore: RJ45. Protocolli di tramissione supportati: TCP/IP, UDP/IP, ARP, ICMP, SNMP, TFTP, Telnet, DHCP, BOOTP, HTTP e AutoIP. Indicatori LED: 10Base-T, 100Base-TX, Full / half duplex. Interfaccia seriale: CMOS (Asincrona), RS-422 (4 fili) e RS-485 (2 fili). Baudrate: 300 bps a 921,600 bps. Trasmissione dati: 7 e 8 bit. Segnali di controllo: DTR/DCD, CTS, RTS. I/O programmabili: 3 pin. Sicurezza: Password protection, optional 256 bit AES Rijndael encryption. Dimensioni: 33,9 x 16,25 x 13,5 mm. Peso: 9,6 g Alimentazione: 3,3 Vdc. Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 28

29 Come si era accennato sopra, applicando l XPORT TM alla scheda di interfacciamento XPORT Dongle (figura 16), si da la possibilità al CUSB TM (tramite le porte seriali) di utilizzare come mezzo di comunicazione la rete LAN e da li ovviamente anche internet. Figura 16 La visione fisica dell Xport TM completo di Dongle. Con l interfacciamento della XPORT TM con il Dongle, si realizza un vero e proprio convertitore LAN/Seriale (nel protocollo TCP/IP per quello che riguarda la comunicazione LAN e RS-232 per quello che riguarda la comunicazione seriale). Così facendo il CUSB 22-R si trasforma in una vera e propria unita di controllo che utilizza la rete come mezzo di comunicazione necessaria per la realizzazione del telecontrollo 5. Esistono infine vari modelli di Xport TM con diverse caratteristiche fra loro, quello utilizzato per la realizzazione del sistema è l XP R, la scelta è ricaduta su di esso perché le caratteristiche, le dimensioni ed il costo seguono a pieno la filosofia del progetto (tecnologie standardizzate, costi popolari e dimensioni ridotte). 5 Si ricorda che per la realizzazione di un sistema di telecontrollo sono necessarie tra le varie componenti anche un mezzo di trasmissione dati, come ad esempio la linea telefonica o via satellite (Cap1, par 1.1), ma si fa presente che per la navigazione su internet si deve implementare tutto l hardware necessario affinché possa avvenire (modem, router, server di rete, ecc ). Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 29

30 2.4 SENSORI E ATTUATORI13 In questo paragrafo si espone una tipologia di possibili sensori e attuatori low-cost che si possono utilizzare per la realizzazione pratica del progetto di tesi, ovviamente il tipo di sensore e attuatore utilizzato non è vincolante al fine della realizzazione del sistema di controllo (ad esempio si possono utilizzare sensori wireless), si elencano quindi, solamente per completezza. Per il sistema di controllo fughe di Gas: Semplice sensore a basso costo di rilevamento Gas, è dotato di segnalatore acustico e uscita a relè. Semplice elettrovalvola di uso generale standardizzata e a basso costo, serve a chiudere la condotta per evitare ulteriore fuga di gas. Semplice sirena a basso voltaggio e ad alto impatto sonoro, serve per avvisare acusticamente all interno e/o all esterno dei locali la presenza di Gas. Giovanni Rallo Ingegneria dell Automazione 30

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

MANUALE TECNICO 080406 E SMS

MANUALE TECNICO 080406 E SMS IT MANUALE TECNICO 080406 E SMS MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore E-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili a numeri telefonici preimpostati e di attivare uscite

Dettagli

Come difendersi dai VIRUS

Come difendersi dai VIRUS Come difendersi dai VIRUS DEFINIZIONE Un virus è un programma, cioè una serie di istruzioni, scritte in un linguaggio di programmazione, in passato era di solito di basso livello*, mentre con l'avvento

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web Attenzione!! Rif. Rev. 2.2 www.cws32.it Questa presentazione non sostituisce il manuale operativo del prodotto, in quanto

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it izticket Il programma izticket permette la gestione delle chiamate di intervento tecnico. E un applicazione web, basata su un potente application server java, testata con i più diffusi browser (quali Firefox,

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 www.pce-italia.it Istruzioni d uso Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 1 Istruzioni d uso www.pce-italia.it Indice dei contenuti Titolo 1. Visione generale... 3 2. Contenuto della spedizione... 3 3. Informazione

Dettagli

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Questa nota di applicazione descrive come installare e impostare la comunicazione tra l'inverter e il server di monitoraggio SolarEdge. Questo documento

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

AUTOMAZIONE DI FABRICA IDENTIFICAZIONE DEI CODICI 1D E 2D LETTORI PORTATILI DI CODICI DATA MATRIX

AUTOMAZIONE DI FABRICA IDENTIFICAZIONE DEI CODICI 1D E 2D LETTORI PORTATILI DI CODICI DATA MATRIX AUTOMAZIONE DI FABRICA IDENTIFICAZIONE DEI CODICI 1D E 2D LETTORI PORTATILI DI CODICI DATA MATRIX ADATTATO PER QUALSIASI APPLICAZIONE DISPOSITIVI PORTATILI DI PEPPERL+FUCHS SICUREZZA INTRINSECA I lettori

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA La più potente analisi retrospettiva dei dati relativi a un evento cardiaco. Prestazioni migliorate. Livello di assistenza più elevato. 1

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Firma Digitale Remota Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Versione: 0.3 Aggiornata al: 02.07.2012 Sommario 1. Attivazione Firma Remota... 3 1.1 Attivazione Firma Remota con Token YUBICO... 5

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131 Controllori a Logica mabile Nella presente lezione vedremo le caratteristiche principali del controllore a logica programmabile (in inglese, mable Logic Controller, o PLC). In particolare, ci soffermeremo

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi Con Vplus, BONFIGLIOLI VECTRON offre uno strumento per la messa in esercizio, la parametrizzazione, il comando e la manutenzione. VPlus consente di generare, documentare e salvare le impostazioni dei parametri.

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Installazione Modem USB Momo Gestione segnale di rete Connessione Internet Messaggi di errore "Impossibile visualizzare la pagina" o "Pagina

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic Temp 360 Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD - 0,01 C Temp 300 Professional Datalogger, a doppio canale, per sonde a termocoppia K, T, J, B, R, E, S, N Temp 16 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD Temp

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Controllo industriale SE-609

Controllo industriale SE-609 Controllo industriale SE-609 Controllo e visualizzazione uniti come soluzione per l automazione con comandi mediante touch Controlli industriali all avanguardia per impianti per il trattamento termico

Dettagli