Inter-Process Communication

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Inter-Process Communication"

Transcript

1 Inter-Process Communication (IPC) IPCS 1 1. Code di messaggi 2. Semafori 3. Memoria condivisa send receive 2? 3 p1 p3 p2 CODE DI MESSAGGI

2 Modello di Comunicazione Code di Messaggi Il processo ricevente può sospendersi in attesa di un messaggio oppure no Send(mesg) MECCANISMO ASINCRONO Receive(mesg) L invio avviene quando il messaggio è pronto; il ricevente si accorge del messaggio solo se va a controllare la coda (non viene avvisato) P1 P2 P3 P4 P5 Più processi possono leggere/scrivere messaggi dalla/nella stessa coda; Mailbox = caso particolare Operazioni relative a una coda di messaggi 1. Creazione coda 2. Invio di un messaggio 3. Recezione di un messaggio 4. Eliminazione coda Una coda è una struttura dati condivisa da più processi: un processo è il creatore, gli altri come possono accedere alla coda??? Se più processi ricevono messaggi in una stessa coda come posso distinguere il destinatario di un particolare messaggio? Chi può inviare messaggi? Chi può leggere messagi da una coda? Quale formato devono avere i messaggi? Code di Messaggi Strutture dati key msqid 0 1 Tabella di Descrittori msqid_ds mode Key: numero che ha senso per il processo ipc_perm msqid: identificatore interno assegnato dal sistema

3 Che differenza c è fra KEY e MSQID??? Identificatore esterno scelto dall utente key msqid 0 1 Identificatore interno generato e restituito dal sistema È usato dalle system call per inviare e ricevere messaggi Una coda di messaggi è identificata da un numero intero (msqid) al quale è associata una struttura dati (msqid_ds) così costituita: msqid_ds: struct ipc_perm msg_perm; ---prossimo lucido struct msg * msg_first; puntatore al primo messaggio in coda struct msg * msg_last; puntatore all ultimo messaggio in coda ulong_t msg_cbytes; dimensione attuale della coda (in byte) ulong_t msg_qnum; numero dei msg attualmente in coda ulong_t msg_qbytes; max num. di byte ammesso per la coda pid_t msg_lspid; PID dell ultimo processo che ha eseguito una send pid_t msg_lrpid; PID dell ultimo processo che ha eseguito una receive time_t msg_stime; ora di esecuz. dell ultima send time_t msg_rtime; ora di esecuz. dell ultima receive time_t msg_ctime; ora di esecuzione dell ultima msgctl msg_perm: uid_t cuid; UID del creatore della coda gid_t cgid; GID del creatore della coda mode_t mode; diritti di accesso key_t key; chiave 1. Se l effective user id del processo è ROOT l accesso è sempre garantito 2. Se cuid corrisponde all effective user id del processo ed è settato il valore 0600 l accesso è garantito 3. Se il processo ha GID corrispondente a cgid e 0060 è settato l accesso è garantito 4. Negli altri casi se 0006 è settato l accesso è garantito READ proprietario WRITE proprietario READ gruppo WRITE gruppo READ altri WRITE altri

4 #include <sys/msg.h> int msgget(key_t key, int msgflg); int msgctl(int msqid, int cmd, struct msqid_ds *buf); int msgsnd(int msqid, const void *msgp, size_t msgsz, int msgflg); int msgrcv(int msqid, void *msgp, size_t msgsz, long msgtyp, int msgflg); MSGGET (1) int msgget(key_t key, int msgflg); key_t rinomina del tipo intero Effetti di msgget: 1. Restituisce l identificatore della coda di messaggi associata alla chiave key, se esiste 2. Crea una nuova coda di messaggi se: key = IPC_PRIVATE (costante predefinita) key non ha associata una coda di messaggi e msgflag&ipc_creat vale true in caso di errore

5 Esempio di utilizzo di int msgget(key_t key, int msgflg) int msqid; msqid = msgget(1234, IPC_CREAT 666); Numero che ha un senso all interno del mio programma Costante che indica l intenzione di creare una coda se la chiave non ne ha associate OR bit a bit Lettura e scrittura sulla coda abilitate per tutti i processi Esempio di utilizzo di int msgget(key_t key, int msgflg) int msqid; msqid = msgget(1234, 0); Se so che un altro processo deve avere già creato la coda a cui voglio accedere posso passare come msgflg il valore ZERO Inizializzazione della struttura 1. A cuid e a cgid vengono assegnati l effective user id e l effective group id del processo creante 2. Ai 9 bit inferiori di mode.msg_perm vengono assegnati i 9 bit inferiori di msg_flg 3. A qnum, lspid, lrpid, stime ed rtime viene assegnato 0 4. A ctime l ora corrente 5. A qbytes il limite fissato da sistema

6 Primo modo per far sì che più processi conoscano l id di una stessa coda 1 coda.h #define ID_CODA 789 proc1.c #include coda.h proc2.c #include coda.h Secondo modo per far sì che più processi conoscano l id di una stessa coda 2 padre.c int ID_CODA = msgget(789, IPC_CREAT 666); padre = fork(); if (padre) { <<codice padre>> Padre e figlio possono comunicare attraverso la coda di messaggi } else { << il figlio eredita una copia di ID_CODA >> } Terzo modo per far sì che più processi conoscano l id di una stessa coda 3 proc1.c int ID_CODA = msgget(getppid(), IPC_CREAT 666); Viene usata come chiave un informazione comune (es. due processi con lo sesso padre possono usare il PID del padre proc1.c int ID_CODA = msgget(getppid(), IPC_CREAT 666);

7 MSGSND MSGSRCV Ci aspettiamo Send(coda, messaggio) Invece abbiamo a disposizione una system call molto più complessa e a basso livello: Send(coda, messaggio, dimensione, azione) int msgsnd(int msqid, id della coda const void *msgp, buffer tipo definito dall utente -- fra due lucidi -- size_t msgsz, è relativo a msgp int msgflg); azione specifica cosa fare se la coda è piena Analogamente ci aspettiamo Receive(coda, &messaggio) Anche in questo caso abbiamo a disposizione una system call molto più complessa e a basso livello Receive(coda, &messaggio, dimensione, tipo, azione) int msgrcv(int msqid, void *msgp, size_t msgsz, long msgtyp, int msgflg); id della coda buffer che conterrà un msg dimensione di msgp tipo di msg da accettare azione da eseguire se non c è un msg del tipo atteso

8 Non esiste un tipo di dato predefinito per i messaggi, il programmatore può creare una propria struttura a patto che questa contenga i due campi: long mesg_type; Mio_tipo *mesg_data; In una coda possono essere inseriti msg di diverso tipo per destinatari diversi, mesg_type consente di distinguerli È il messaggio vero e proprio: ad es. una stringa di caratteri Es. typedef struct { int mesg_len; long mesg_type; char mesg_data[maxmesgdata]; } mio_messaggio; msgsnd copia i dati spediti nella coda indicata ma NON copia l intera struttura definita dal programmatore! Copia solo mesg_type e gli msgsz byte che seguono mesg_type Es. typedef struct { int mesg_len; Questa parte contiene informazioni di servizio che servono a costruire il messaggio senza farne parte Parte copiata long mesg_type; char mesg_data[maxmesgdata]; } mio_messaggio; msgsnd(int msqid, const void *msgp, size_t msgsz, int msgflg); mio_messaggio da_spedire; Suppongo che dato venga passato dall utente sprintf(da_spedire.msg_data, val%d, dato); da_spedire.mesg_len = strlen(da_spedire.msg_data); da_spedire.mesg_type = 1; msgsnd(id_coda, (char *)&(da_spedire->mesg_type), da_spedire.mesg_len, 0); Indirizzo di mesg_type 5 1 val32 da_spedire len type data Solo questo pezzo viene spedito! Vengono copiati solo mesg_type e i mesg_len byte successivi a mesg_type

9 Tramite msgsnd e msgrcv possono essere implementate molte Send e Receive diverse Se non c è spazio aspetta Se non c è spazio termina Bloccante Non bloccante Accetta qualsiasi msg Accetta solo msg di un tipo Le azioni sono codificate in msgflg msgflg può valere (nelle varie system call IPC): 1. IPC_CREAT: se non è associato un oggetto alla chiave, lo crea 2. IPC_EXCL: se non è associato alcun oggetto alla chiave produce un errore 3. IPC_PRIVATE: crea un oggetto privato per il processo 4. IPC_NOWAIT : regola il comportamento in caso di accesso msgsnd: se non c è spazio suff per il messaggio fallisce msgrcv: se non c è un msg del tipo desiderato termina subito MSGCTL

10 Questa system call consente di eseguire una varietà di operazioni di controllo su di una coda di messaggi: 1. IPC_STAT :: restituisce i valori contenuti nella struttura dati associata a msqid 2. IPC_SET :: assegna valori ai campi della struttura dati associata a msqid 3. IPC_RMID :: disallocazione della coda di messaggi int msgctl(int msqid, id coda su cui eseguire un comando int cmd, comando da eseguire struct msqid_ds *buf); struttura di supporto Restituisce 0 se tutto ok, - 1 in caso di errore

IPC System V. Code di messaggi

IPC System V. Code di messaggi IPC System V Code di messaggi Panoramica coda di messaggi una lista concatenata di messaggi, FIFO semaforo un contatore condiviso, atomicamente modificabile memoria condivisa uno spazio di memoria accessibile

Dettagli

Inter-Process Communication

Inter-Process Communication Inter-Process Communication C. Baroglio a.a. 2002-2003 1 Introduzione In Unix i processi possono essere sincronizzati utilizzando strutture dati speciali, appartenti al pacchetto IPC (inter-process communication).

Dettagli

Corso di Sistemi Operativi

Corso di Sistemi Operativi Corso di Sistemi Operativi Comunicazione tra processi (IPC) a.a. 2012/2013 Francesco Fontanella Comunicazione tra processi I processi in esecuzione concorrente possono essere indipendenti o cooperanti.

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

Corso di Sistemi Operativi Programmazione di Sistema e Concorrente

Corso di Sistemi Operativi Programmazione di Sistema e Concorrente Università di Roma La Sapienza Dipartimento di Informatica e Sistemistica Corso di Sistemi Operativi Programmazione di Sistema e Concorrente Lezione VII Code di messaggi PIPE - FIFO Argomenti della lezione

Dettagli

Argomenti della lezione. Messaggi. Formato di un messaggio. Corso di Sistemi Operativi Programmazione di Sistema e Concorrente

Argomenti della lezione. Messaggi. Formato di un messaggio. Corso di Sistemi Operativi Programmazione di Sistema e Concorrente Università di Roma La Sapienza Dipartimento di Informatica e Sistemistica Argomenti della lezione Corso di Sistemi Operativi Programmazione di Sistema e Concorrente Nozioni preliminari sullo scambio di

Dettagli

CREAZIONE PROCESSI IN UNIX 20

CREAZIONE PROCESSI IN UNIX 20 CREAZIONE PROCESSI IN UNIX 20 STRUTTURE DATI PER PROCESSI Un processo puo' essere in escuzione in 2 modi: kernel e utente. Un processo ha almeno 3 regioni: codice, dati e stack Lo stack è allocato dinamicamente.

Dettagli

Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi

Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi Lezione 6 Alessandro Dal Palù email: alessandro.dalpalu@unipr.it web: www.unipr.it/~dalpalu Interazione tra Processi I processi concorrenti possono interagire

Dettagli

Sistemi Operativi I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Facolta di Ingegneria, Universita La Sapienza Docente: Francesco Quaglia

Sistemi Operativi I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Facolta di Ingegneria, Universita La Sapienza Docente: Francesco Quaglia Sistemi Operativi I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Facolta di Ingegneria, Universita La Sapienza Docente: Francesco Quaglia Scambio di messaggi: 1. Nozioni preliminari 2. Primitive 3. Indirizzamento

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Lezione 22 Martedì 7-1-2014 1 System Call per l'uso dei segnali Un processo che

Dettagli

uid_t getuid(void); //real-user-id del chiamante getegid(void); //effective-user-id del chiamante gid_t getgid(void); //real-group-id del chiamante

uid_t getuid(void); //real-user-id del chiamante getegid(void); //effective-user-id del chiamante gid_t getgid(void); //real-group-id del chiamante #include // typedef long pid_t; // typedef long uid_t; // typedef long gid_t; pid_t getpid(void); //pid del chiamante; pid_t getppid(void); //pid del padre uid_t getuid(void); //real-user-id

Dettagli

Interprocess Communications - II. Franco Maria Nardini

Interprocess Communications - II. Franco Maria Nardini Interprocess Communications - II Franco Maria Nardini XSI IPC Tre tipi di IPC introdotti da System V: semafori shared memory code di messaggi Comunicazioni tra processi su stesso host Tutte consentono

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Operativi 29-01-2009. Cognome Nome Mat.

Laboratorio di Sistemi Operativi 29-01-2009. Cognome Nome Mat. Il compito è costituito da domande chiuse, domande aperte ed esercizi. Non è consentito l uso di libri, manuali, appunti., etc. Tempo massimo 2 ore. Domande chiuse: ogni domanda corrisponde ad un punteggio

Dettagli

System call fcntl e record locking

System call fcntl e record locking System call fcntl e record locking Esempio: prenotazione di voli aerei La compagnia ACME Airlines usa un sistema di prenotazione dei voli basato su unix. Possiede due uffici per la prenotazione, A e B,

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI 14 settembre 2015 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR

SISTEMI OPERATIVI 14 settembre 2015 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR SISTEMI OPERATIVI 14 settembre 2015 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR Cognome: Nome: Matricola: 1. Ricordate che non potete usare calcolatrici o materiale

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) La comunicazione tra processi Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Sommario Processi cooperanti La comunicazione tra processi Necessità

Dettagli

I/O su Socket TCP: read()

I/O su Socket TCP: read() I/O su Socket TCP: read() I socket TCP, una volta che la connessione TCP sia stata instaurata, sono accedibili come se fossero dei file, mediante un descrittore di file (un intero) ottenuto tramite una

Dettagli

AXO. Operativo. Architetture dei Calcolatori e Sistema. programmazione di sistema

AXO. Operativo. Architetture dei Calcolatori e Sistema. programmazione di sistema AXO Architetture dei Calcolatori e Sistema Operativo programmazione di sistema Il sistema operativo Il Sistema Operativo è un insieme di programmi (moduli software) che svolgono funzioni di servizio nel

Dettagli

ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C IN AMBIENTE UNIX

ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C IN AMBIENTE UNIX ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C IN AMBIENTE UNIX Introduzione In questa dispensa sono stati raccolti alcuni esercizi di programmazione C in ambiente Unix, tratti dagli esami di Sistemi Operativi svoltisi

Dettagli

Esercizio sulla gestione di file in Unix

Esercizio sulla gestione di file in Unix Esercizio sulla gestione di file in Unix 1 Esercizio Si vuole realizzare un programma C che, utilizzando le system call di Unix, realizzi uno schema di comunicazione tra due processi (padre e figlio) mediante

Dettagli

CAPITOLO 27 SCAMBIO DI MESSAGGI

CAPITOLO 27 SCAMBIO DI MESSAGGI CAPITOLO 27 SCAMBIO DI MESSAGGI SCAMBIO DI MESSAGGI Sia che si guardi al microkernel, sia a SMP, sia ai sistemi distribuiti, Quando i processi interagiscono fra loro, devono soddisfare due requisiti fondamentali:

Dettagli

Chiamate di sistema per la Gestione dei processi in POSIX. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

Chiamate di sistema per la Gestione dei processi in POSIX. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Chiamate di sistema per la Gestione dei processi in POSIX E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Process id ed altri identificatori pid_t getpid(); // Process id del processo chiamante pid_t getppid(); // Process

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16 Pietro Frasca Lezione 15 Martedì 24-11-2015 Struttura logica del sottosistema di I/O Processi

Dettagli

Scrivere alla fine di un file Vi sono due modi per scrivere alla fine di un file:

Scrivere alla fine di un file Vi sono due modi per scrivere alla fine di un file: Scrivere alla fine di un file Vi sono due modi per scrivere alla fine di un file: usare lseek per spostarsi alla fine del file e poi scrivere: lseek(filedes, (off_t)0, SEEK_END); write(filedes, buf, BUFSIZE);

Dettagli

Sommario. G. Piscitelli

Sommario. G. Piscitelli Sommario Interprocess Communication Processi (e thread) cooperanti Il paradigma produttore-consumatore Shared Memory e Inter Process Communication (IPC) facility Proprietà caratteristiche della comunicazione

Dettagli

Esercitazione Laboratorio di Sistemi Operativi 20-01-2014. Cognome Nome Mat.

Esercitazione Laboratorio di Sistemi Operativi 20-01-2014. Cognome Nome Mat. Il compito è costituito da domande chiuse e domande aperte. Non è consentito l uso di libri, manuali, appunti., etc. Tempo massimo 2 ore. Domande chiuse: ogni domanda corrisponde ad un punteggio di 1 punto

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

Esempio produttori consumatori. Primitive asincrone

Esempio produttori consumatori. Primitive asincrone Primitive asincrone Send non bloccante: il processo mittente, non appena inviato il messaggio, prosegue la sua esecuzione. Il supporto a tempo di esecuzione deve fornire un meccanismo di accodamento dei

Dettagli

Appunti di Sistemi Operativi, Processi e Segnali.

Appunti di Sistemi Operativi, Processi e Segnali. Appunti di Sistemi Operativi, Processi e Segnali. 1 Sistemi Operativi L'evoluzione continua degli elaboratori in termini di velocità, capacità di calcolo e di interconnessione non è accompagnata da un

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Sincronizzazione dei processi. Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 30/05/2007

SISTEMI OPERATIVI. Sincronizzazione dei processi. Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 30/05/2007 2007 SISTEMI OPERATIVI Sincronizzazione dei processi Domande di verifica Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 30/05/2007 Sincronizzazione dei processi 1. Si descrivano i tipi di interazione tra processi?

Dettagli

Sistemi Operativi. Lez. 13: primitive per la concorrenza monitor e messaggi

Sistemi Operativi. Lez. 13: primitive per la concorrenza monitor e messaggi Sistemi Operativi Lez. 13: primitive per la concorrenza monitor e messaggi Osservazioni I semafori sono strumenti particolarmente potenti poiché consentono di risolvere ogni problema di sincronizzazione

Dettagli

CAPITOLO 7 - SCAMBIO DI MESSAGGI

CAPITOLO 7 - SCAMBIO DI MESSAGGI CAPITOLO 7 - SCAMBIO DI MESSAGGI Lo scambio di messaggi è una forma di comunicazione nel quale un processo richiede al sistema operativo di mandare dei dati direttamente ad un altro processo. In alcuni

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Operativi

Laboratorio di Sistemi Operativi II Semestre - Marzo/Giugno 2008 Matricole congr. 0 mod 3 File & Directory #include #include stat,fstat e lstat int stat (const char *pathname, struct stat *buf); int fstat (int

Dettagli

rsystem Maximiliano Marchesi maximiliano.marchesi@studenti.unipr.it

rsystem Maximiliano Marchesi maximiliano.marchesi@studenti.unipr.it Maximiliano Marchesi 28 Settembre 2005 Diario delle Revisioni Revisione 1.2 28 Settembre 2005 maximiliano.marchesi@studenti.unipr.it Sommario Introduzione..................................................................................

Dettagli

Sincronizzazione e comunicazione tra processi in Unix. usati per trasferire ad un processo l indicazione che un determinato evento si è verificato.

Sincronizzazione e comunicazione tra processi in Unix. usati per trasferire ad un processo l indicazione che un determinato evento si è verificato. Processi parte III Sincronizzazione e comunicazione tra processi in Unix Segnali: usati per trasferire ad un processo l indicazione che un determinato evento si è verificato. Pipe: struttura dinamica,

Dettagli

Processi in Linux. Igino Corona igino.corona@diee.unica.it. 20 Ottobre 2009

Processi in Linux. Igino Corona igino.corona@diee.unica.it. 20 Ottobre 2009 Sistemi Operativi Processi in Linux Igino Corona igino.corona@diee.unica.it 20 Ottobre 2009 Contenuti della lezione Come funzionano i programmi in Linux? Schema base di esecuzione di un programma Modalità

Dettagli

Send/receive sincrona, assumendo che la condivisione avvenga mediante riferimenti logici coincidenti, invece che con capability.

Send/receive sincrona, assumendo che la condivisione avvenga mediante riferimenti logici coincidenti, invece che con capability. Implementazione delle primitive di comunicazione Send/receive sincrona, assumendo che la condivisione avvenga mediante riferimenti logici coincidenti, invece che con capability. Struttura dati canale {

Dettagli

Introduzione alla programmazione in C

Introduzione alla programmazione in C Introduzione alla programmazione in C Testi Consigliati: A. Kelley & I. Pohl C didattica e programmazione B.W. Kernighan & D. M. Ritchie Linguaggio C P. Tosoratti Introduzione all informatica Materiale

Dettagli

Lab. di Sistemi Operativi - Esercitazione n 9- -Thread-

Lab. di Sistemi Operativi - Esercitazione n 9- -Thread- Lab. di Sistemi Operativi - Esercitazione n 9- -Thread- 1 Sommario Esercizi su: Comunicazione tra processi: la funzione pipe() Condivisione dati e codice tra due o più processi: concetto di Thread 2 -

Dettagli

Digressione: man 2...

Digressione: man 2... Syscall File I/O Digressione: man 2... Le funzioni della libreria standard UNIX associate alle system call di Linux sono documentate nella sezione 2 di man e.g.: man 2 open Ogni manpage di system call

Dettagli

dall argomento argomento della malloc()

dall argomento argomento della malloc() Allocazione dinamica Quando? Tutte le volte in cui i dati possono crescere in modo non prevedibile staticamente a tempo di sviluppo Un array con dimensione i fissata a compile-time non è sufficiente È

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Pietro Frasca Lezione 5 Martedì 21-10-2014 Thread Come abbiamo detto, un processo è composto

Dettagli

File I/O. M. R. Guarracino: File I/O 1

File I/O. M. R. Guarracino: File I/O 1 File I/O M. R. Guarracino: File I/O 1 File I/O Gran parte delle operazioni su file in ambiente UNIX possono essere eseguite utilizzando solo cinque funzioni: open read write lseek close M. R. Guarracino:

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI 3 febbraio 2014 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR

SISTEMI OPERATIVI 3 febbraio 2014 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR SISTEMI OPERATIVI 3 febbraio 2014 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR Cognome: Nome: Matricola: 1. Ricordate che non potete usare calcolatrici o materiale didattico,

Dettagli

Esercitazione [5] Input/Output su Socket

Esercitazione [5] Input/Output su Socket Esercitazione [5] Input/Output su Socket Leonardo Aniello - aniello@dis.uniroma1.it Daniele Cono D'Elia - delia@dis.uniroma1.it Sistemi di Calcolo - Secondo modulo (SC2) Programmazione dei Sistemi di Calcolo

Dettagli

CORSO DI SISTEMI OPERATIVI A - ESERCITAZIONE 3. 1 strace : visualizzazione delle system call invocate da un processo

CORSO DI SISTEMI OPERATIVI A - ESERCITAZIONE 3. 1 strace : visualizzazione delle system call invocate da un processo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica a.a. 2005-2006 CORSO DI SISTEMI OPERATIVI A - ESERCITAZIONE 3 1 strace : visualizzazione delle system call

Dettagli

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Introduzione ai Device Drivers in Linux E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it 1 Device Drivers Moduli software che gestiscono le periferiche attraverso il file system Tutte le periferiche sono viste come file

Dettagli

Processi e Sincronizzazione. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese M. Grotto

Processi e Sincronizzazione. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese M. Grotto Processi e Sincronizzazione C. Brandolese M. Grotto Sommario 1. Processi Concetti fondamentali Stati in GNU/Linux 2. Creazione Descrizione Creazione con system() Creazione con fork() Effetto di fork()

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Lezione 16 Martedì 3-12-2013 1 La tecnica di gestione di un dispositivo a interruzione

Dettagli

IPC. System V ha introdotto per primo in Unix alcuni meccanismi di interprocess communication: message queues (code di brevi messaggi) semafori

IPC. System V ha introdotto per primo in Unix alcuni meccanismi di interprocess communication: message queues (code di brevi messaggi) semafori IPC System V ha introdotto per primo in Unix alcuni meccanismi di interprocess communication: message queues (code di brevi messaggi) semafori shared memory (memoria condivisa) N.B.: i processi comunicanti

Dettagli

Record locking con la system call fcntl

Record locking con la system call fcntl Record locking con la system call fcntl Il record locking è un metodo per disciplinare la cooperazione tra processi. Permette ad un processo di poter accedere ad un file in modo esclusivo. È utile quindi

Dettagli

Processi UNIX. I Processi nel SO UNIX. Gerarchie di processi UNIX. Modello di processo in UNIX

Processi UNIX. I Processi nel SO UNIX. Gerarchie di processi UNIX. Modello di processo in UNIX Processi UNIX I Processi nel SO UNIX UNIX è un sistema operativo multiprogrammato a divisione di tempo: unità di computazione è il processo Caratteristiche del processo UNIX: processo pesante con codice

Dettagli

Il sistema operativo LINUX Semafori. Semaforo. Sommario. Sommario. Uso delle pipe. Gestione di semafori tramite pipe. Sistemi operativi Modulo II

Il sistema operativo LINUX Semafori. Semaforo. Sommario. Sommario. Uso delle pipe. Gestione di semafori tramite pipe. Sistemi operativi Modulo II Il sistema operativo LINUX Semafori Semaforo Giorgio Di Natale Stefano Di Carlo Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica Un semaforo è una variabile

Dettagli

MODELLO AD AMBIENTE GLOBALE

MODELLO AD AMBIENTE GLOBALE MODELLI DI INTERAZIONE TRA PROCESSI Modello ad ambiente globale ( global environment ) Modello a scambio di messaggi ( message passing ) MODELLO AD AMBIENTE GLOBALE Il sistema è visto come un insieme di

Dettagli

Sistemi Operativi. Lez. 16 File System: aspetti implementativi

Sistemi Operativi. Lez. 16 File System: aspetti implementativi Sistemi Operativi Lez. 16 File System: aspetti implementativi Layout disco Tutte le informazioni necessarie al file system per poter operare, sono memorizzate sul disco di boot MBR: settore 0 del disco,

Dettagli

Sistemi operativi Modulo II I semafori 2 Select

Sistemi operativi Modulo II I semafori 2 Select Il sistema operativo LINUX Semafori 2 Giorgio Di Natale Stefano Di Carlo Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica La system call read è bloccante Non

Dettagli

Modello a scambio di messaggi

Modello a scambio di messaggi PRIMITIVE PER LO SCAMBIO DI MESSAGGI Un messaggio si può considerare costituito da: origine, destinazione e contenuto Modello a scambio di messaggi type messaggio = record origine: ; destinazione: ; contenuto:

Dettagli

Socket. Nei sistemi operativi moderni i servizi disponibili in rete si basano principalmente sul modello client/server.

Socket. Nei sistemi operativi moderni i servizi disponibili in rete si basano principalmente sul modello client/server. Socket Nei sistemi operativi moderni i servizi disponibili in rete si basano principalmente sul modello client/server. Tale architettura consente ai sistemi di condividere risorse e cooperare per il raggiungimento

Dettagli

File e Directory. M. Guarracino - File e Directory 1

File e Directory. M. Guarracino - File e Directory 1 File e Directory M. Guarracino - File e Directory 1 Date dei file Ogni volta che accediamo ai dati contenuti in un file, il sistema memorizza la data di ultimo accesso La stessa cosa accade quando modifichiamo

Dettagli

Appunti tratti dal videocorso on-line di Algoritmi e Programmazione Avanzata By ALeXio

Appunti tratti dal videocorso on-line di Algoritmi e Programmazione Avanzata By ALeXio Appunti tratti dal videocorso on-line di Algoritmi e Programmazione Avanzata By ALeXio 1-La memoria dinamica La scrittura di un programma (indipendentemente dal linguaggio adottato) deve sempre tener conto

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Paolo Torroni Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università degli

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Docente: Camillo Fiorentini 18 dicembre 2007 Esercizio 1: rappresentazione di una tabella di occorrenze L obiettivo è quello di rappresentare in modo efficiente

Dettagli

CAP. 6: Nucleo del sistema operativo (La gestione dei processi)

CAP. 6: Nucleo del sistema operativo (La gestione dei processi) Struttura interna del sistema operativo Linux CAP. 6: Nucleo del sistema operativo (La gestione dei processi) Architettura del sistema operativo shell Programmi utente Modo utente Interfaccia delle chiamate

Dettagli

Processi. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Processi. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Processi Laboratorio Software 2008-2009 Introduzione I calcolatori svolgono operazioni simultaneamente Esempio Compilazione di un programma Invio di un file ad una stampante Visualizzazione di una pagina

Dettagli

Gestione dei processi

Gestione dei processi Gestione dei processi Dormire unsigned int sleep(unsigned int); Attende un numero specificato di secondi a meno che non si verifichi un segnale Restituisce 0 se l'attesa è terminata senza interruzioni,

Dettagli

Dove die( stringa ) è una funzione di utilità del php che stampa la stringa e fa terminare lo script.

Dove die( stringa ) è una funzione di utilità del php che stampa la stringa e fa terminare lo script. I file in PHP Un file è un archivio elettronico contenente informazioni (dati) memorizzate su memoria di massa. Il file ha la caratteristica di consentire la lettura, la scrittura e la modifica dei dati

Dettagli

Reti e problematiche di Rete

Reti e problematiche di Rete Reti e problematiche di Rete I Processi Concorrenti Enrico Cavalli Anno Accademico 2008-2009 I problemi con i processi concorrenti 1 I processi concorrenti La concorrenza tra processi avviene secon diverse

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario L hardware di I/O Struttura Interazione tra computer e controllori

Dettagli

Lab. di Sistemi Operativi - Esercitazione n 7- -Gestione dei processi Unix-

Lab. di Sistemi Operativi - Esercitazione n 7- -Gestione dei processi Unix- Lab. di Sistemi Operativi - Esercitazione n 7- -Gestione dei processi Unix- 1 Sommario Esercizi sulla gestione dei processi Creazione di un nuovo processo: fork Sincronizzazione tra processi: wait 2 -

Dettagli

Gestione dei processi. Marco Cesati. Schema della lezione. Blocco di controllo 2. Sezioni e segmenti. Gestione dei processi. Job.

Gestione dei processi. Marco Cesati. Schema della lezione. Blocco di controllo 2. Sezioni e segmenti. Gestione dei processi. Job. Di cosa parliamo in questa lezione? Lezione 4 Cosa è un processo e come viene gestito dal SO 1 e job 2 Il blocco di controllo Sistemi operativi 3 Struttura di un file eseguibile 4 La schedulazione dei

Dettagli

Appello di Informatica B

Appello di Informatica B Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria Industriale 19 febbraio 2004 Appello di Informatica B Prof. Angelo Morzenti - Prof. Vincenzo Martena Cognome e nome: Matricola: Tipo di prova: recupero I prova

Dettagli

20 - Input/Output su File

20 - Input/Output su File 20 - Input/Output su File Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

POSIX - Gestione dei Segnali. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

POSIX - Gestione dei Segnali. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it POSIX - Gestione dei Segnali E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Segnali in POSIX Segnali in Posix Modalità di notifiche relative a vari eventi asincroni I signal interrompono un processo e possono o meno essere

Dettagli

Processi parte IV. Processi parte IV

Processi parte IV. Processi parte IV Processi parte IV Processi parte IV Grafi di precedenza Sincronizzazione dei processi Unix mediante: fork-join cobegin-coend semafori Grafi di precedenza Un grafo di precedenza è un grafo diretto aciclico

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA PROCESSI REMOTI IN UNIX

COMUNICAZIONE TRA PROCESSI REMOTI IN UNIX A cura del prof. Gino Tombolini 1 COMUNICAZIONE TRA PROCESSI REMOTI IN UNIX Il sistema UNIX TCP/IP fornisce un meccanismo di comunicazione tra processi residenti su nodi distinti di una rete, compatibili

Dettagli

Digressione: man (2)...

Digressione: man (2)... Syscall File I/O Digressione: man (2)... Le funzioni della libreria standard UNIX associate alle system call di Linux sono documentate nella sezione 2 di man e.g.: man 2 open Ogni manpage di system call

Dettagli

Sistemi Operativi II

Sistemi Operativi II Sistemi Operativi II Massimo Bernaschi Istituto per le Applicazioni del Calcolo Mauro Picone Consiglio Nazionale delle Ricerche Viale del Policlinico, 137-00161 Rome - Italy http://www.iac.cnr.it/ e-mail:

Dettagli

Il costrutto monitor [Hoare 74]

Il costrutto monitor [Hoare 74] Il monitor 1 Il costrutto monitor [Hoare 74] Definizione: Costrutto sintattico che associa un insieme di operazioni (entry, o public) ad una struttura dati comune a più processi, tale che: Le operazioni

Dettagli

Il costrutto monitor [Hoare 74]

Il costrutto monitor [Hoare 74] Il monitor 1 Il costrutto monitor [Hoare 74] Definizione: Costrutto sintattico che associa un insieme di operazioni (entry o public) ad una struttura dati comune a più processi, tale che: Le operazioni

Dettagli

I puntatori e l allocazione dinamica di memoria

I puntatori e l allocazione dinamica di memoria I puntatori e l allocazione dinamica di memoria L allocazione delle variabili Allocazione e rilascio espliciti di memoria Le funzioni malloc e free 2 2006 Politecnico di Torino 1 Allocare = collocare in

Dettagli

Corso di Sistemi Operativi A.A. 2008-2009 - CHIAMATE DI SISTEMA PER IL CONTROLLO DEI PROCESSI. Fabio Buttussi

Corso di Sistemi Operativi A.A. 2008-2009 - CHIAMATE DI SISTEMA PER IL CONTROLLO DEI PROCESSI. Fabio Buttussi Corso di Sistemi Operativi A.A. 2008-2009 - CHIAMATE DI SISTEMA PER IL CONTROLLO DEI PROCESSI Fabio Buttussi La programmazione di sistema Il kernel è la parte di Unix che corrisponde al sistema operativo

Dettagli

Esercitazione [6] Client/Server con Socket

Esercitazione [6] Client/Server con Socket Esercitazione [6] Client/Server con Socket Leonardo Aniello - aniello@dis.uniroma1.it Daniele Cono D'Elia - delia@dis.uniroma1.it Sistemi di Calcolo - Secondo modulo (SC2) Programmazione dei Sistemi di

Dettagli

BOZZA. cin per la comunicazione dal dispositivo di input standard, la tastiera, al programma (stream di input standard)

BOZZA. cin per la comunicazione dal dispositivo di input standard, la tastiera, al programma (stream di input standard) Capitolo 6 Input/output su file BOZZA 6.1 Stream e file L input/output in C ++, in particolare quello su file, avviene tramite stream. stream. Uno stream è un astrazione di un canale di comunicazione,

Dettagli

La struttura dati ad albero binario

La struttura dati ad albero binario La struttura dati ad albero binario L albero è una struttura dati nella quale le informazioni sono organizzate in modo gerarchico, dall alto verso il basso. Gli elementi di un albero si chiamano nodi,

Dettagli

Le system call: fork(), wait(), exit()

Le system call: fork(), wait(), exit() Le system call: fork(), wait(), exit() Di seguito viene mostrato un programma che fa uso di puntatori a funzione, nel quale si mette in evidenza il loro utilizzo. Programma A1 #include int add(a,b,c)

Dettagli

CORSO DI SISTEMI OPERATIVI A - ESERCITAZIONE 3

CORSO DI SISTEMI OPERATIVI A - ESERCITAZIONE 3 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica-Informatica-Telecomunicazioni a.a. 2001-2002 CORSO DI SISTEMI OPERATIVI A - ESERCITAZIONE 3 1 Trasferimento

Dettagli

Esercitazione [8] Pipe e FIFO

Esercitazione [8] Pipe e FIFO Esercitazione [8] Pipe e FIFO Leonardo Aniello - aniello@dis.uniroma1.it Daniele Cono D'Elia - delia@dis.uniroma1.it Sistemi di Calcolo - Secondo modulo (SC2) Programmazione dei Sistemi di Calcolo Multi-Nodo

Dettagli

2. I THREAD. 2.1 Introduzione

2. I THREAD. 2.1 Introduzione 2. I THREAD 2.1 Introduzione Il tipo di parallelismo che è opportuno avere a disposizione nelle applicazioni varia in base al grado di cooperazione necessaria tra le diverse attività svolte in parallelo:

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Sottoprogrammi: astrazione procedurale

Sottoprogrammi: astrazione procedurale Sottoprogrammi: astrazione procedurale Incapsulamento di un segmento di programma presente = false; j = 0; while ( (j

Dettagli

Program m azione di Sistem a 6

Program m azione di Sistem a 6 Program m azione di Sistem a 6 Lucidi per il corso di Laboratorio di Sistemi Operativi tenuto da Paolo Baldan presso l'università Ca' Foscari di Venezia, anno accademico 2004/ 2005. Parte di questo materiale

Dettagli

Comunicazione. La comunicazione point to point e' la funzionalita' di comunicazione fondamentale disponibile in MPI

Comunicazione. La comunicazione point to point e' la funzionalita' di comunicazione fondamentale disponibile in MPI Comunicazione La comunicazione point to point e' la funzionalita' di comunicazione fondamentale disponibile in MPI Concettualmente la comunicazione point to point e' molto semplice: Un processo invia un

Dettagli

Drivers. Introduzione Tipologie Struttura Interazione con il kernel

Drivers. Introduzione Tipologie Struttura Interazione con il kernel Drivers Introduzione Tipologie Struttura Interazione con il kernel Driver Un driver è un modulo del sistema operativo Esterno al kernel Dedicato alla gestione di una specifica periferica Come altre funzionalità

Dettagli

Il tipo di dato astratto Pila

Il tipo di dato astratto Pila Il tipo di dato astratto Pila Il tipo di dato Pila Una pila è una sequenza di elementi (tutti dello stesso tipo) in cui l inserimento e l eliminazione di elementi avvengono secondo la regola seguente:

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli

Compito di Fondamenti di Informatica

Compito di Fondamenti di Informatica Compito di Fondamenti di Informatica In un magazzino viene utilizzato un archivio informatico, nel quale vengono memorizzate le informazioni relative ai prodotti contenuti nel magazzino e che ne permette

Dettagli

Indice. settembre 2008 Il File System 2

Indice. settembre 2008 Il File System 2 Il File System Indice 4. Il File System 5. Vantaggi del FS 6. Protezione 7. Condivisione 8. I file - 1 9. I file - 2 10. Attributi dei file 11. Directory 12. Livelli di astrazione - 1 13. Livelli di astrazione

Dettagli

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 3 LEZIONE PROCESSI CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 3 LEZIONE PROCESSI CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08 Sistemi Operativi Docente: Ugo Erra ugoerr+so@dia.unisa.it 3 LEZIONE PROCESSI CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Sommario della lezione Concetto di processo

Dettagli

Blocchi funzione: FbModbusAsciiMs

Blocchi funzione: FbModbusAsciiMs Pagina 1 di 6 ELSIST Srl, www.elsist.it Blocchi funzione MNL041Q000 FbModbusAsciiMs Questo blocco funzione permette lo scambio di dati tra due sistemi, uno master ed uno slave, utilizzando una connessione

Dettagli