REPUBBLICA ITALIANA. la Corte dei conti. in Sezione centrale di controllo. sulla gestione delle amministrazioni dello Stato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPUBBLICA ITALIANA. la Corte dei conti. in Sezione centrale di controllo. sulla gestione delle amministrazioni dello Stato"

Transcript

1 Deliberazione n. 12/2011/G REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti in Sezione centrale di controllo sulla gestione delle amministrazioni dello Stato I, II e Collegio per il controllo sulle entrate nell adunanza del 18 ottobre 2011 * * * Vista la legge 14 gennaio 1994, n. 20 ed, in particolare, l art. 3, comma 4, ai sensi del quale la Corte dei conti svolge il controllo sulle gestioni delle amministrazioni pubbliche, verificandone la legittimità e la regolarità, il funzionamento degli organi interni, nonché la corrispondenza dei risultati dell attività amministrativa agli obiettivi stabiliti dalla legge, valutando comparativamente costi, modi e tempi dello svolgimento dell azione amministrativa; vista la deliberazione della Sezione n. 25/2009/G, con la quale è stato approvato il programma di controllo sulla gestione per l esercizio 2010; visto il regolamento per l organizzazione delle funzioni di controllo, approvato con deliberazione n. 14/2000 delle Sezioni Riunite in data 16 giugno 2000 e successive modificazioni; visto l art. 1, comma 172, della legge 23 dicembre 2005, n. 266 (legge finanziaria 2006), con cui, ad integrazione dell articolo 3, c. 6,

2 2 della legge 14 gennaio 1994, n. 20, viene stabilito che le amministrazioni comunichino alla Corte dei conti ed agli Organi elettivi (Parlamento Consigli regionali), entro sei mesi dalla data di ricevimento delle relazioni della Corte stessa, le misure conseguentemente adottate in esito ai controlli effettuati; visto l art. 3, comma 64, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 (legge finanziaria 2008), con cui viene stabilito che, ove l amministrazione ritenga di non ottemperare ai rilievi formulati dalla Corte a conclusione di controlli su gestioni di spesa o di entrata svolti a norma dell articolo 3 della legge 14 gennaio 1994, n. 20, adotti, entro trenta giorni dalla ricezione dei rilievi, un provvedimento motivato da comunicare alle Presidenze delle Camere, alla Presidenza del Consiglio dei ministri ed alla Presidenza della Corte dei conti; vista la relazione dei Consiglieri istruttori, dott. Diodoro Valente e dott.ssa Maria Teresa Polverino, concernente gli esiti dell indagine condotta sulle Modalità di impiego delle garanzie fideiussorie in materia di crediti tributari e non da parte delle pubbliche amministrazioni ; vista l ordinanza in data 30 settembre 2011 con la quale venivano convocati il I e II Collegio della Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato per il giorno 18 ottobre 2011; vista la nota n del 03 ottobre 2011 con la quale il Servizio di segreteria per le adunanze ha trasmesso la relazione alle seguenti Amministrazioni:

3 3 - Presidenza Consiglio dei Ministri - Segretariato Generale - Organismo indipendente di valutazione; Ufficio Centrale di bilancio presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri; - Ministero dell Economia e delle Finanze - Gabinetto del Ministro - Dipartimento delle finanze - Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato - Organismo indipendente di valutazione - Ufficio Centrale di bilancio presso il Ministero dell economia e delle finanze; - Ministero degli Affari Esteri Gabinetto del Ministro- Organismo indipendente di valutazione - Ufficio Centrale di bilancio presso il Ministero degli affari esteri; - Ministero dell Interno - Gabinetto del Ministro - Organismo indipendente di valutazione - Ufficio centrale di bilancio presso il Ministero dell interno; - Ministero della Giustizia - Gabinetto del Ministro - Organismo indipendente di valutazione - Ufficio centrale di bilancio presso il Ministero della Giustizia; - Ministero della Difesa - Gabinetto del Ministro -Organismo indipendente di valutazione - Ufficio centrale di bilancio presso il Ministero della Difesa; - Ministero dello Sviluppo economico - Gabinetto del Ministro Organismo indipendente di valutazione - Ufficio centrale di bilancio presso il Ministero dello Sviluppo economico;

4 4 - Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali - Gabinetto del Ministro - Organismo indipendente di valutazione - Ufficio centrale di bilancio presso il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali; - Ministero dell Ambiente, Tutela del Territorio e del Mare - Gabinetto del Ministro - Organismo indipendente di valutazione - Ufficio centrale di bilancio presso il Ministero dell ambiente della tutela del territorio e del mare; - Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti - Gabinetto del Ministro - Organismo indipendente di valutazione - Ufficio centrale di bilancio presso il Ministero delle infrastrutture; - Ministero del Lavoro e Politiche Sociali - Gabinetto del Ministro - Organismo indipendente di valutazione - Ufficio Centrale di Bilancio presso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali; - Ministero della Salute - Gabinetto del Ministro - Organismo indipendente di valutazione - Ufficio Centrale di Bilancio presso il Ministero della salute; - Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca - Gabinetto del Ministro - Organismo indipendente di valutazione - Ufficio Centrale di Bilancio presso i Ministeri dell università, ricerca e della pubblica istruzione; - Ministero dei Beni e le Attività Culturali - Gabinetto del Ministro - Organismo indipendente di valutazione - Ufficio Centrale di Bilancio presso il Ministero dei beni e le attività culturali;

5 5 - Agenzia delle Entrate-Direzione Generale; - Agenzia del Demanio-Direzione Generale; - Agenzia del Territorio-Direzione Generale; - Agenzia delle Dogane-Direzione Generale; - Equitalia -Direzione Generale; uditi i relatori Cons. Diodoro Valente e Cons. Maria Teresa Polverino; uditi in rappresentanza delle Amministrazioni convocate: - per la Presidenza del Consiglio dei Ministri Dott.ssa Margherita Cappelletti Dirigente dell Ufficio di Segreteria della Conferenza Stato- Regioni; per l Ufficio di controllo interno Cons. Dott. Andrea Mancinelli; - per il Ministero dell Economia e delle Finanze - Direzione Legislazione Tributaria - Dott.ssa Silvia Allegrini; - per il Ministero degli Affari Esteri - Direzione Generale Amministrazione ed informatica - Dott. Francesco Lazzaro; Direzione Cooperazione allo Sviluppo - Dott. Gerardo Bellantone; - per il Ministero dell Interno Direzione Centrale Risorse finanziarie e strumentali- Dott.ssa Ester Fusco, Dott. Raffaele Manfredi e Dott.ssa Giuseppina Inzerilli;

6 6 - per il Ministero della Giustizia - Organismo indipendente di valutazione Dott. Angelo Gargani Presidente e Dott.ssa Emanuela Caldarera Direttore Generale Dipartimento Giustizia Minorile; - per il Ministero della Difesa Segretariato Generale - Dott. Vincenzo Spoltore e Dott. Fabrizio Scarcella, per l Ufficio centrale di bilancio presso il Ministero della Difesa Dott. Valter Pastena; - per il Ministero dello Sviluppo economico - Gabinetto del Ministro Dott.ssa Stefania De Angelis e Dr.ssa Giampaola Zappalà; per l Organismo indipendente di valutazione, Dott.ssa Caterina Alvino; - per il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali - Gabinetto del Ministro Dott. Paolo Pocchi; per l Organismo indipendente di valutazione Dott. Gianfranco Laccone e Dott. Vito Sciancalepore, Dott. Alberto Bigioni Dirigente della Direzione Generale delle politiche comunitarie ed internazionali di mercato e Dott. Plinio Conte Dirigente della Direzione Generale della pesca; - per il Ministero dell Ambiente, Tutela del Territorio e del Mare Dott.ssa Giovanna Francesca Dettori, dott.ssa Tiziana Sterpi e Dott. Pierluca Maceroni; - per il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti - Dott. Anna Schianchi Dirigente del Dipartimento Trasporti terrestri, Dott.ssa Loredana Cappelloni Direttore Generale del Dipartimento delle infrastrutture-affari generali e personale, Dott. Giovanni Di Mambro e

7 7 dott.ssa Tiziana Rossi; per l Ufficio centrale di bilancio presso il Ministero delle infrastrutture Dott.ssa D Onofrio Giovanna e Dott. Francesco Sciortino; per il Corpo delle Capitanerie di Porto Capitano di Vascello dott. Vincenzo Morante; - per il Ministero del Lavoro e Politiche Sociali dott. Romillo Roberto; - per il Ministero della Salute - Organismo indipendente di valutazione- Dott. Dario Petrella; per l Ufficio Centrale di Bilancio presso il Ministero della salute dott. Roberto Coffa e Dott. Luigi Campanile; - per il Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca - Ufficio Centrale di Bilancio presso il Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca dott. Sandro De Fazi; - per il Ministero dei Beni e le Attività Culturali - Organismo indipendente di valutazione - Dott Onofrio Spalla e per il Segretariato dell Ufficio Centrale di Bilancio presso il Ministero dei beni e le attività culturali Dott. Nello Antonelli; - per l Agenzia delle Entrate - Direzione Generale Dott. Felice Schipani e Dott. Fabio Ignaccolo; Dott. Pierlorenzo Campa e Dott. Paolo Pace; - per l Agenzia del Territorio - Direzione Generale - Direzione Centrale pubblicità immobiliare e affari legali Dott.ssa Laura Rossi, per la Direzione centrale Risorse umane agli acquisti Dott.ssa Cristiana Pattumelli; per la Direzione Centrale dei Sistemi informativi-ufficio gestione contratti e contenzioso Dott.ssa Margherita Arcieri;

8 8 - per l Agenzia delle Dogane - Direzione Generale Dott. Simone D Ecclesiis; - per Equitalia S.p.a. - Direzione Generale - Dott. Silvio Tucci e dott. Marco Paglia. DELIBERA di approvare, con le modifiche apportate dal Collegio in camera di consiglio, la Relazione concernente Modalità di impiego delle garanzie fidejussorie in materia di crediti tributari e non tributari da parte delle pubbliche amministrazioni. INVIA la presente deliberazione e l unita relazione ai sensi e per gli effetti dell art. 3, comma 6, della legge 20/94, come modificato dall art. 1, comma 172, della legge 23 dicembre 2005, n. 266 (legge finanziaria 2006) e dall art. 3, comma 64, della legge 24 dicembre 2007, n 244, a cura della Segreteria della Sezione: - alle Presidenze del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati; - alle Presidenze delle Commissioni Bilancio del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati; - alla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Segretariato Generale; - alle Amministrazioni convocate citate in premessa. TRASMETTE

9 9 ai sensi dell art. 41 del regio decreto 12 luglio 1934, n la presente delibera al competente Collegio delle Sezioni riunite, affinché possa trarne deduzioni circa le modalità con le quali le Amministrazioni interessate si sono conformate alla vigente disciplina finanziaria e contabile. Le Amministrazioni interessate comunicheranno alla Corte e al Parlamento, entro sei mesi dalla data di ricevimento della presente relazione, le misure conseguenziali adottate ai sensi e per gli effetti dell articolo 3, comma 6, della legge n. 20/94, come modificato dall articolo 1, comma 172, della legge 23 dicembre 2005, n Adotteranno, entro trenta giorni dalla ricezione della relazione, l eventuale provvedimento motivato previsto dall articolo 3, comma 64, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, ove ritengano di non ottemperare ai rilievi formulati. Il Presidente (Dott. Giorgio CLEMENTE) I RELATORI Cons. Diodoro Valente Cons. Maria Teresa Polverino Depositata in Segreteria il 14 NOV IL DIRIGENTE (Dott.ssa Cesira CASALANGUIDA)

10 CORTE DEI CONTI Sezione centrale di controllo sulla gestione delle amministrazioni dello Stato MODALITÀ DI IMPIEGO DELLE GARANZIE FIDEJUSSORIE IN MATERIA DI CREDITI TRIBUTARI E NON TRIBUTARI DA PARTE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Magistrati Istruttori: DIODORO VALENTE MARIA TERESA POLVERINO

11 SOMMARIO Sintesi. pag Premessa pag INQUADRAMENTO NORMATIVO pag Soggetti abilitati a prestare fidejussione pag. 6 Intermediari finanziari ex art. 106 pag. 9 Confidi (ex art. 155 comma 4) pag Ipotesi per la quali è richiesta la fidejussione pag. 10 Contratti pubblici pag. 10 Acquisizioni di beni o servizi in economia (in amministrazione diretta o a cottimo fiduciario) e a trattativa privata. pag I RISULTATI DELL INDAGINE pag PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI pag. 16 Dipartimento della protezione civile pag. 17 Dipartimento per le politiche della famiglia pag. 18 Dipartimento per l informazione e l editoria pag. 19 Dipartimento per lo sviluppo e la competitività del turismo pag. 20 Ufficio nazionale per il servizio civile pag. 20 Dipartimento della funzione pubblica pag. 20 Dipartimento della gioventù pag. 20 Dipartimento per la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione e l innovazione tecnologica pag. 20 Dipartimento per le politiche di gestione delle risorse umane pag. 21 Dipartimento per le risorse strumentali pag. 21 Dipartimento per lo sviluppo delle economie territoriali pag. 21 Segreteria della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato e le Regioni pag. 21 Ufficio per lo sport pag. 21 Dipartimento per gli affari regionali pag. 21 Dipartimento per le pari opportunità pag. 22 Unità tecnica di missione pag. 22

12 5. MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE pag. 22 Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato pag. 22 Ispettorato generale di finanza pag. 22 Dipartimento delle finanze pag. 22 Direzione legislazione tributaria pag AGENZIA DELLE ENTRATE pag Attività di liquidazione delle imposte dovute in base alle dichiarazioni pag Attività di liquidazione dei rimborsi IVA pag Durata della garanzia pag Esonero dalla presentazione della garanzia pag Attività di controllo formale e sostanziale pag Criticità connesse alle fidejussioni rilasciate a garanzia dei crediti pag Processo tributario; pag Articoli 47 e 47-bis del d.lgs. n. 546 del 1992 pag Articolo 19 del d.lgs. n. 472 del 1997 pag Articolo 48 del d.lgs. n. 546 del 1992 pag Rimborsabilità dei costi sostenuti per la fidejussione pag Natura giuridica dell obbligazione fidejussoria prevista dall articolo 38-bis del D.P.R. n. 633/1972 pag Fidejussioni in materia di riscossione pag Cauzioni in materia di riscossione a mezzo ruolo pag Procedure di gara ad evidenza pubblica pag EQUITALIA S.p.a pag AGENZIA DELLE DOGANE pag AGENZIA DEL TERRITORIO pag AGENZIA DEL DEMANIO pag MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO pag. 39 Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione pag. 39 Direzione generale per la politica industriale e la competitività pag. 39 Direzione generale per la lotta alla contraffazione Ufficio italiano brevetti e marchi pag. 39 Direzione generale per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica pag. 40 Direzione generale per le piccole e medie imprese e gli enti cooperativi pag. 43 Direzione generale per la politica commerciale internazionale pag. 44 Direzione generale per le politiche di internazionalizzazione e la promozione degli scambi pag. 45

13 Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica pag. 46 Direzione generale per la politica regionale unitaria nazionale pag. 46 Direzione generale per la politica regionale unitaria comunitaria pag. 46 Direzione generale per l incentivazione delle attività imprenditoriali pag. 46 Commissario ad acta ex art. 86 L. 289/02 pag. 48 Attività di avvalimento ex art. 33 del D.Lgs. 163/2006: Provveditorato interregionale per le Opere Pubbliche Puglia Basilicata Sede coordinata Potenza pag. 49 Provveditorato interregionale per le Opere Pubbliche Campania Molise Sede centrale di Napoli pag. 49 Dipartimento per le comunicazioni pag. 49 Direzione generale per la pianificazione e la gestione dello spettro Radioelettrico pag. 49 Istituto superiore delle comunicazioni e delle tecnologie dell informazione pag MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI pag. 50 Direzione generale del mercato del lavoro pag. 50 Direzione generale dell immigrazione pag. 51 Direzione generale per l innovazione tecnologica e la comunicazione pag. 53 Direzione generale degli ammortizzatori sociali e degli incentivi all occupazione pag. 53 Direzione generale per l inclusione e i diritti sociali e la responsabilità sociale delle imprese; pag. 54 Direzione generale della tutela delle condizioni di lavoro pag. 55 Direzione generale per le politiche per l orientamento e la formazione pag MINISTERO DELLA GIUSTIZIA pag. 58 Dipartimento dell organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi pag. 58 Direzione generale del bilancio e della contabilità pag. 58 Dipartimento per la giustizia minorile pag. 58 Dipartimento per l amministrazione penitenziaria pag. 58 Direzione generale delle risorse materiali, dei beni e dei servizi pag. 58 Ufficio contratti di lavori, forniture e servizi pag. 58 Ufficio centrale archivi notarili pag MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI pag MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA pag. 62

14 Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali pag. 62 Direzione generale risorse umane pag. 62 Direzione Generale per gli studi la statistica ed i sistemi informativi pag. 62 Dipartimento per l Università, l AFAM e per la ricerca pag. 62 Fondo agevolazioni alla ricerca; pag. 63 Risorse PON Ricerca 2000/2006 pag. 64 FIRB pag MINISTERO DELL INTERNO pag. 65 Dipartimento per gli affari interni e territoriali pag. 65 Direzione centrale per i servizi demografici pag. 65 Direzione Centrale per la finanza locale pag. 66 Direzione centrale dei servizi elettorali pag. 66 Dipartimento per le politiche del personale dell amministrazione civile e per le risorse strumentali e finanziarie pag. 66 Direzione centrale risorse finanziarie e strumentali pag. 66 Dipartimento per le libertà civili e l immigrazione pag. 66 Ufficio VII Affari economici e finanziari pag. 66 Dipartimento dei Vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile pag. 67 Direzione centrale emergenza pag. 67 Direzione centrale risorse logistiche e strumentali pag. 67 Dipartimento della pubblica sicurezza pag. 67 Direzione centrale dell immigrazione e polizia delle frontiere pag. 67 Direzione centrale dei servizi tecnico-logistici e della gestione patrimoniale; pag Accasermamento P.S. pag Casermaggio pag Equipaggiamento pag Fidejussioni rogante pag Ufficio motorizzazione pag Ufficio impianti tecnici, telecomunicazione e informatica pag Settore P.O.N. asse I obiettivo operativo 1.1 pag Settore P.O.N. obiettivo operativo I.2; pag. 71 Direzione centrale per gli affari generali della Polizia di Stato pag Servizio assistenza ed attività sociali pag Servizio Polizia ferroviaria pag Criminale pag Direzione investigativa antimafia pag Direzione centrale per gli istituti di istruzione pag. 71

15 - Servizio gestioni contabili Divisione 2^ pag Segreteria Dipartimento pag Servizio vettovagliamento e pulizia pag Stradale pag Trattamento economico del personale (T.E.P) pag MINISTERO DELL AMBIENTE Direzione generale per la protezione della natura e del mare pag. 73 Direzione generale per le valutazioni ambientali pag. 73 Direzione generale affari generali e del personale pag. 73 Direzione generale per lo sviluppo sostenibile, il clima e l energia pag. 73 Direzione generale per la tutela del territorio e delle risorse idriche pag MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI pag Consiglio superiore dei lavori pubblici pag Dipartimento per i trasporti, la navigazione ed i sistemi informatici e Statistici pag. 74 Acquisizione di beni e servizi per l erogazione dei servizi all utenza in materia di motorizzazione; pag. 75 Azioni volte a diffondere i valori della sicurezza stradale ed a rafforzare le strutture tecniche e le strumentazioni a ciò dedicate; pag. 75 Erogazione di contributi a favore del trasporto pubblico locale pag. 75 Erogazione di contributi al settore navale pag. 75 Trasporto marittimo e interno pag. 76 Gestione amministrativa delle concessioni demaniali marittime pag. 76 Dipartimento per le infrastrutture, gli affari generali ed il personale pag. 78 Direzione generale per le dighe e le infrastrutture idriche ed elettriche pag. 78 Direzione generale per l edilizia statale e gli interventi speciali pag. 78 Direzione generale per gli affari generali e del personale pag Magistrato alle acque pag Provveditorato interregionale alle OO.PP. del Veneto Trentino Alto Adige - Friuli Venezia Giulia; pag. 79 Nucleo operativo di Padova pag. 79 Nucleo operativo di Vicenza pag. 79 Nucleo operativo di Treviso pag. 79 Ufficio 4 salvaguardia di Venezia pag. 80 Ufficio 2 centro sperimentale di Voltabarozzo pag. 80 Ufficio 2 tecnico Regione Veneto Nucleo operativo di Verona pag. 80 Direzione generale per lo sviluppo del territorio, la programmazione ed i progetti internazionali; pag. 80

16 PON pag. 81 PIC INTERREG. III B MEDOCC pag. 81 PIC INTERREG. III B CADSES pag Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto pag Provveditorato interregionale per le Opere Pubbliche Toscana Umbria - Firenze pag Provveditorato interregionale per le Opere Pubbliche Toscana Umbria Ufficio Opere Marittime e Toscana costiera pag Provveditorato interregionale per le Opere Pubbliche Toscana Umbria - sede Coordinata di Perugia pag Provveditorato interregionale per le Opere Pubbliche per l Emilia Romagna e Marche Sede di Bologna pag Provveditorato interregionale per le Opere Pubbliche Veneto- Trentino Alto Adige - Friuli Venezia Giulia pag Provveditorato interregionale per le Opere Pubbliche del Piemonte e della Valle D Aosta pag Provveditorato interregionale alle Opere Pubbliche per la Lombardia e la Liguria pag Provveditorato interregionale per le Opere Pubbliche Campania Molise pag Provveditorato interregionale per le Opere Pubbliche Puglia e Basilicata pag Provveditorato interregionale per le Opere Pubbliche Sicilia Calabria pag MINISTERO DELLA DIFESA pag Segretariato generale della difesa e direzione nazionale degli Armamenti pag. 85 Direzione generale per il personale militare pag. 86 Direzione generale per gli armamenti aereonautici pag. 86 Direzione generale degli armamenti navali pag. 86 Direzione generale della sanità militare pag. 86 Direzione generale di Commissariato e di servizi generali pag. 86 Direzione generale dei lavori e del demanio pag Stato Maggiore dell Esercito pag. 87 Ufficio generale del Centro di responsabilità amministrativa ESERCITO ITALIANO pag. 87 Marina Militare pag. 87 Centro di responsabilità Amministrativa Ufficio generale pag. 87 Direzione di amministrazione 2 Reparto pag. 87

17 Direzione di amministrazione Sezione La Spezia pag Aeronautica Militare pag. 88 Stato Maggiore dell Aeronautica pag. 88 Centro di responsabilità amministrativa pag Comando Generale dell Arma dei Carabinieri pag MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI pag Corpo forestale dello Stato pag Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari pag Dipartimento delle politiche competitive del mondo rurale e della qualita pag. 89 Direzione generale della competitività per lo sviluppo rurale pag. 89 Cosvir X (Zootecnia) pag. 89 Cosvir IV (Ricerca) pag. 90 Cosrvir II pag. 90 Direzione generale dei servizi amministrativi pag. 90 Seam I pag. 90 Seam II pag. 90 Direzione generale dello sviluppo agroalimentare e della qualità pag. 90 SAQ II pag. 90 SAQ IV pag. 90 SAQ V pag. 91 SAQ XI pag Dipartimento delle politiche Europee e internazionali pag. 91 Direzione generale della pesca marittima e dell acquacoltura pag MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI pag MINISTERO DELLA SALUTE pag. 93 Conclusioni e raccomandazioni pag. 94 APPENDICE pag. 102 Prospetto riepilogativo Ministeri pag. 103 Tabella Presidenza Consiglio dei Ministri pag. 104 Tabella Ministero dell economia e delle finanze pag. 106 Tabella Agenzia delle Entrate pag. 106

18 Tabella Equitalia pag. 107 Tabella Agenzia delle Dogane pag. 108 Tabella Agenzia del Territorio pag. 109 Tabella Agenzia del Demanio pag. 110 Tabella Ministero dello sviluppo economico pag. 110 Tabella Ministero del lavoro pag. 112 Tabella Ministero della Giustizia pag. 114 Tabella Ministero Affari Esteri pag. 114 Tabella Ministero dell istruzione dell università e della ricerca pag. 115 Tabella Ministero dell interno pag. 116 Tabella Ministero dell Ambiente del territorio e del mare pag. 119 Tabella Ministero delle infrastrutture e dei trasporti pag. 119 Tabella Ministero della difesa pag. 123 Tabella Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali pag. 132 Tabella Ministero dei beni e delle attività culturali pag. 133 Tabella Ministero della salute pag. 135

19 SINTESI Le risultanze del controllo eseguito, in esito alla presente indagine Modalità di impiego delle garanzie fidejussorie in materia di crediti tributari e non tributari da parte delle pubbliche amministrazioni, con riferimento al triennio , hanno dato conto di un ampio utilizzo dell istituto particolarmente in materia di contratti di appalti e di forniture di beni e servizi da parte di tutte le amministrazioni nonché in materie, analiticamente esaminate con riferimento alle singole amministrazioni interessate, di specifica competenza di ciascuna di esse ed, infine, nelle ipotesi di crediti tributari. Con riferimento alla legittimazione a prestare la garanzia fidejussoria, attesa l importanza del profilo dei requisiti di solvibilità del garante, le amministrazioni accettano fidejussioni da istituti bancari e da società di assicurazioni; l Agenzia delle entrate, per l attività di liquidazione sia delle imposte dovute in base alle dichiarazioni che dei rimborsi IVA, ha ammesso i Confidi, iscritti negli elenchi previsti dagli artt. 106 e 107 del TUB (Testo Unico Bancario), ma solo fino al 19 settembre 2010, data di entrata in vigore della riforma del TUB ad opera del d.lgs. 141/2010; analogamente hanno ammesso i Confidi alcune strutture della Presidenza del Consiglio, del Ministero della Difesa e del Ministero delle infrastrutture. La disamina delle ipotesi normative di ricorso all istituto ha condotto alla conclusione che la fattispecie astratta della fidejussione, qualora prestata a favore della pubblica amministrazione, per effetto delle deroghe alla disciplina recata dal codice civile, si possa configurare piuttosto quale contratto autonomo di garanzia, come rilevato in numerose pronunce della Corte di Cassazione (Cass. Sez. III n Cass. Sez. I 19/6/2001 n. 8324; Cass. Sez. III 3/3/2009 n Trib. Bologna Sez. II 22/6/2004). Relativamente ad alcune questioni d interpretazione normativa la Corte auspica l intervento dell autorità competente per l emanazione di norme amministrative che assicurino l uniforme comportamento da parte di tutte le pubbliche amministrazioni. Dai dati raccolti è emerso che la maggior parte dei contratti si conclude regolarmente e le polizze vengono svincolate e che le ipotesi di inadempimento di contratti o di non completamento di progetti sono seguite dall escussione del fidejussore. Con riferimento alle ipotesi di contenzioso sorto a seguito di opposizione alla liquidazione della garanzia fidejussoria, provvisoria o definitiva, le criticità e le problematiche manifestatesi attengono al comportamento sostanzialmente e processualmente dilatorio dei fidejussori che non rendono agevole il recupero del credito; le contestazioni opposte a vario titolo in sede giudiziaria dai fidejussori, nella maggior parte dalle compagnie di assicurazione, contravvengono anzitutto alle stesse 1

20 condizioni generali di polizza, che impediscono di sollevare eccezioni spettanti in via esclusiva al debitore principale e, in secondo luogo, mirano alla non estensibilità a loro carico della procedura d iscrizione a ruolo. Al riguardo la Sezione auspica un intervento normativo che preveda che l iscrizione a ruolo del credito, espressamente prevista per la riscossione delle imposte, possa essere attivata sempre anche a carico dei garanti, quindi anche per il caso, segnalato dall Agenzia delle Entrate, in cui il fidejussore eccepisce l estinzione della propria obbligazione qualora il garantito abbia aderito al condono (in relazione alle rate insolute) di cui alla legge 27 dicembre 2002, n A tutela dell interesse dell erario e al fine di contenere atteggiamenti dilatori da parte dei garanti, la Corte raccomanda alle Amministrazioni un ampio ricorso all emissione del provvedimento di fermo amministrativo, ex art. 69 del Regio decreto n del 1923, che consente la compensazione con le somme di cui il fidejussore risulti debitore; all istituto ha fatto, in particolare, ricorso l Agenzia delle Entrate che, nel periodo , ha emesso 89 provvedimenti, 21 dei quali revocati a seguito del pagamento delle somme dovute; nonché il Ministero dello sviluppo economico - Direzione generale incentivazione attività imprenditoriali, che da una ricognizione effettuata nel 2007 della complessiva situazione debitoria oggetto di contenzioso dei fidejussori pari a ,00 euro ha recuperato, applicando il fermo amministrativo, ,00 euro. La Sezione, infine, raccomanda alle amministrazioni di implementare un sistema informatizzato e condiviso di raccolta e archiviazione dei dati per consentire, tra l altro, la conoscibilità da parte delle medesime di una c.d. black list in cui iscrivere i garanti inaffidabili, riferendosi l inaffidabilità non solo all esposizione debitoria ma anche alla quantità e alla sistematicità di contenziosi instaurati. Peraltro i dati potrebbero essere elaborati al fine di creare indici di anomalia che, diffusi tra le amministrazioni, potrebbero metterle in allarme tempestivamente al fine di poter valutare l affidabilità dei garanti in sede di accettazione di ulteriori fidejussioni in ogni fase del procedimento. 2

21 1. PREMESSA Con deliberazione n. 25 del 18 dicembre 2009 la Sezione centrale del controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato ha deliberato l indagine Modalità di impiego delle garanzie fidejussorie in materia di crediti tributari e non tributari da parte delle pubbliche amministrazioni. La Sezione evidenzia che la Pubblica Amministrazione fa largo uso delle garanzie fidejussorie a tutela sia dei crediti di carattere tributario che per rapporti di natura diversa, quali contratti per pubbliche forniture ed appalti, erogazione di contributi, ecc. In sede applicativa si è voluta verificare l idoneità di tali strumenti di garanzia a tutelare efficacemente e tempestivamente l interesse pubblico per molteplici ragioni, per lo più riferibili a situazioni di insolvenza dei soggetti che hanno rilasciato le garanzie o ad atteggiamenti ostruzionistici e dilatori dei medesimi. L indagine della Corte è, pertanto, indirizzata ad analizzare entità e cause del fenomeno e ad evidenziare eventuali criticità, sia con riferimento agli aspetti di ordine sostanziale (conoscenza della effettiva situazione patrimoniale dei fidejubenti), sia relativamente agli aspetti di ordine procedimentale (corretta redazione delle clausole contrattuali, aspetti processuali, ecc.). L istituto della garanzia fidejussoria trova applicazione, nell amministrazione pubblica, in materia di contratti e appalti, di concessioni e oneri di urbanizzazione, di concessione di contributi e di imposte e tasse. Al fine di valutare le modalità di applicazione dell istituto della fidejussione presso la pubblica amministrazione, è stata avviata un ampia attività istruttoria, relativa al triennio , presso la Presidenza del Consiglio, i Ministeri e Agenzie delle Entrate, del Territorio, del Demanio e delle Dogane (con estensione a Equitalia S.p.a.). L esame degli elementi acquisiti, tenuto conto della loro ampiezza ed eterogeneità, ha evidenziato l opportunità di illustrare preliminarmente un quadro normativo delle tipologie dei legittimati a rilasciare una fidejussione e delle fattispecie di più frequente ricorso all istituto dando, quindi, contezza, relativamente alle singole Amministrazioni, dei casi specifici di applicazione e delle problematiche che ne sono conseguite. 3

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

DIREZIONE BILANCIO FINANZA E TRIBUTI SETTORE GESTIONE BILANCIO FINANZIARIO APPUNTI IN MATERIA DI FIDEIUSSIONI

DIREZIONE BILANCIO FINANZA E TRIBUTI SETTORE GESTIONE BILANCIO FINANZIARIO APPUNTI IN MATERIA DI FIDEIUSSIONI DIREZIONE BILANCIO FINANZA E TRIBUTI SETTORE GESTIONE BILANCIO FINANZIARIO APPUNTI IN MATERIA DI FIDEIUSSIONI PREMESSA Il presente lavoro vuole essere un piccolo riassunto dei principali aspetti che è

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO GARANZIA ISMEA - SGFA PER LE IMPRESE AGRICOLE

DOCUMENTO INFORMATIVO GARANZIA ISMEA - SGFA PER LE IMPRESE AGRICOLE INFORMAZIONI SU COOPERFIDI ITALIA DOCUMENTO INFORMATIVO GARANZIA ISMEA - SGFA PER LE IMPRESE AGRICOLE Versione N. 9 aggiornata all 26.03.2015 Cooperfidi Italia soc. coop. Sede legale e direzione generale

Dettagli

Guida pratica antiriciclaggio

Guida pratica antiriciclaggio Guida pratica antiriciclaggio UFFICIO STUDI NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO per le Agenzie Immobiliari e i Mediatori Creditizi Ufficio Studi FIAIP a cura di Armando Barsotti Dal 22 Aprile 2006 sono in vigore

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

SCHEMA DI POLIZZA FIDEJUSSORIA

SCHEMA DI POLIZZA FIDEJUSSORIA PO FESR Campania 2007/2013 Obiettivo Operativo 2.4 Credito e Finanza Innovativa Migliorare la capacità di accesso al credito e alla finanza per l impresa per gli operatori economici presenti sul territorio

Dettagli

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari INTERMEDIARI FINANZIARI ART. 106 TUB, CONFIDI, AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA, MEDIATORI CREDITIZI E OPERATORI PROFESSIONALI

Dettagli

PROGRAMMA. SECONDA GIORNATA 17 febbraio 2016 1. La fidejussione: nozione. 2. Le diverse tipologie di fidejussione.

PROGRAMMA. SECONDA GIORNATA 17 febbraio 2016 1. La fidejussione: nozione. 2. Le diverse tipologie di fidejussione. "La fidejussione: nozione e caratteristiche, le diverse tipologie di fidejussione, la costruzione della fidejussione e le principali clausole negoziali" Avv. Lucio Nicastro PROGRAMMA SECONDA GIORNATA 17

Dettagli

Schema di garanzia fideiussoria per la richiesta dell anticipazione (punto 7.1 della circolare)

Schema di garanzia fideiussoria per la richiesta dell anticipazione (punto 7.1 della circolare) Schema di garanzia fideiussoria per la richiesta dell anticipazione (punto 7.1 della circolare) Allegato n. 22 Contratto fidejussorio per l'anticipazione della prima quota delle agevolazioni di cui al

Dettagli

CORTE DEI CONTI. nell adunanza del 16 ottobre 2008

CORTE DEI CONTI. nell adunanza del 16 ottobre 2008 1 CORTE DEI CONTI nell adunanza del 16 ottobre 2008 Composta dai seguenti magistrati: Pres. Sez. Mario G. C. Sancetta Presidente Cons. Francesco Amabile Cons. Raffaele Del Grosso Cons. Silvano Di Salvo

Dettagli

FIDEJUSSIONE A PRIMA RICHIESTA ASSICURATIVA/BANCARIA N.

FIDEJUSSIONE A PRIMA RICHIESTA ASSICURATIVA/BANCARIA N. Modello 2 FIDEJUSSIONE A PRIMA RICHIESTA ASSICURATIVA/BANCARIA N. Oggetto: Fidejussione a prima richiesta a favore di Finpiemonte S.p.A a garanzia della quota di contributo a fondo perduto a titolo di

Dettagli

Schema di garanzia fideiussoria per la richiesta dell anticipazione

Schema di garanzia fideiussoria per la richiesta dell anticipazione Allegato 3 fidejussione bancaria o polizza assicurativa REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO ATTIVITA PRODUTTIVE Finanziamento agevolato nell ambito dell Asse VII, Linea di Intervento 7.1.1.3 del P.O.R. F.E.S.R.

Dettagli

DELIBERAZIONE/PRONUNCIA N. 35/2007.

DELIBERAZIONE/PRONUNCIA N. 35/2007. SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA DELIBERAZIONE/PRONUNCIA N. 35/2007. nell adunanza pubblica del 9 novembre 2007 composta dai seguenti magistrati: Presidente di Sez. Mario G.C. Sancetta Cons.

Dettagli

Del. n. 4/2013/PAR. Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati:

Del. n. 4/2013/PAR. Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: Del. n. 4/2013/PAR Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: - Pres. Sez. Vittorio GIUSEPPONE Presidente - Cons. Raimondo POLLASTRINI Componente - 1 Ref. Laura d AMBROSIO Componente

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

ALLE BANCHE CONCESSIONARIE ALLA CONFINDUSTRIA ALL ABI ALL A.N.I.A.

ALLE BANCHE CONCESSIONARIE ALLA CONFINDUSTRIA ALL ABI ALL A.N.I.A. Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICA DIREZIONE GENERALE PER L INCENTIVAZIONE DELLE ATTIVITA IMPRENDITORIALI Prot. 43138 del 21 dicembre 2012 ALLA AGENZIA

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

FIDEJUSSIONE A PRIMA RICHIESTA ASSICURATIVA/BANCARIA N.

FIDEJUSSIONE A PRIMA RICHIESTA ASSICURATIVA/BANCARIA N. Fac simile FIDEJUSSIONE A PRIMA RICHIESTA ASSICURATIVA/BANCARIA N. Oggetto: Fidejussione a prima richiesta a favore di Finpiemonte S.p.A a garanzia della quota di contributo a fondo perduto a titolo di

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

La Società di Mutuo Soccorso 2. I Fondi pensione e la previdenza integrativa 2.1 Generalità della disciplina

La Società di Mutuo Soccorso 2. I Fondi pensione e la previdenza integrativa 2.1 Generalità della disciplina 16 La Società di Mutuo Soccorso 2. I Fondi pensione e la previdenza integrativa 2.1 Generalità della disciplina Con l'emanazione del D. Lgs. 21 aprile 1993, n. 124 come modificato dalla L. 8 agosto 1995,

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLE RATEAZIONI Confindustria Vicenza 29 gennaio 2014. Equitalia Nord SpA. Per un Paese più giusto.

LA NUOVA DISCIPLINA DELLE RATEAZIONI Confindustria Vicenza 29 gennaio 2014. Equitalia Nord SpA. Per un Paese più giusto. LA NUOVA DISCIPLINA DELLE RATEAZIONI Confindustria Vicenza 29 gennaio 2014 Equitalia Nord SpA Facilitazioni intervenute Dall entrata in vigore della nuova normativa (1/3/2008) - che ha attribuito agli

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi AGREA Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 194 del 23/03/2011 Proposta: DAG/2011/196 del 21/03/2011 Struttura proponente: Oggetto: Autorità emanante:

Dettagli

La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati:

La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 28/2014/SRCPIE/VSGF La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott. Mario PISCHEDDA Dott. Giancarlo

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ENTRATE PATRIMONIALI

REGOLAMENTO DELLE ENTRATE PATRIMONIALI Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DELLE ENTRATE PATRIMONIALI 1. Le norme del presente regolamento costituiscono la disciplina generale dell accertamento e della riscossione di tutte le entrate comunali non aventi

Dettagli

Schema di garanzia fideiussoria per la richiesta dell anticipazione

Schema di garanzia fideiussoria per la richiesta dell anticipazione Schema di garanzia fideiussoria per la richiesta dell anticipazione Contratto fidejussorio per l'anticipazione della prima quota delle agevolazioni di cui al decreto della Regione Siciliana - Assessorato

Dettagli

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE Schema di decreto legislativo recante ulteriori modifiche ed integrazioni al decreto legislativo n. 141 del 2010, recante attuazione della direttiva 2008/48/CE relativa ai contratti di credito ai consumatori,

Dettagli

SCHEMA DI FIDEJUSSIONE

SCHEMA DI FIDEJUSSIONE Allegato n. 11 SCHEMA DI FIDEJUSSIONE Contratto fidejussorio per l'anticipazione della prima quota delle agevolazioni tra l impresa beneficiaria delle agevolazioni ed il Gestore Concessionario (punto 6.2

Dettagli

Informazioni sul Confidi

Informazioni sul Confidi Foglio Informativo n. 1/e Per finanziamenti a medio lungo termine con garanzia al 100%, ai sensi della L. 108/96 con fondo Antiusura Ministeriale o Regionale Informazioni sul Confidi COFIDI PUGLIA S.C.

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012

L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012 L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012 1. IL NUOVO SISTEMA DELL INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA 1.1. La riforma dell intermediazione del credito 1 GLOSSARIO 6 APPROFONDIMENTI 9 NORMATIVA 10 1.1. LA RIFORMA

Dettagli

CAPITOLO 5 INDEBITAMENTO

CAPITOLO 5 INDEBITAMENTO CAPITOLO 5 INDEBITAMENTO LIMITE DELLA SPESA PER INTERESSI La Legge di stabilità 2012 (articolo 8, comma 1, legge n. 183/2011) modifica le regole per il ricorso all indebitamento restringendo drasticamente

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis. Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio.. Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato

Dettagli

CIRCOLARE 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI

CIRCOLARE 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI CIRCOLARE n. 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI www.ghidini-associati.it (N.B. La presente circolare è meramente informativa e non costituisce parere)

Dettagli

Deliberazione n. 133/2009/Par.

Deliberazione n. 133/2009/Par. Deliberazione n. 133/2009/Par. REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO Nell adunanza del 15 luglio 2009 composta da: Bruno PROTA Diana CALACIURA Aldo CARLESCHI

Dettagli

LA SEZIONE DI CONTROLLO PER GLI AFFARI COMUNITARI ED INTERNAZIONALI

LA SEZIONE DI CONTROLLO PER GLI AFFARI COMUNITARI ED INTERNAZIONALI LA SEZIONE DI CONTROLLO PER GLI AFFARI COMUNITARI ED INTERNAZIONALI Delibera n. 3/2009 composta dai Magistrati: Dott. Bartolomeo MANNA Presidente Dott. Franco FRANCESCHETTI Consigliere Dott. Ivan DE MUSSO

Dettagli

Definizione, tipologie e struttura negoziale (1)

Definizione, tipologie e struttura negoziale (1) LE POLIZZE FIDEIUSSORIE INQUADRAMENTO GIURIDICO E TEMATICHE OPERATIVE AVV. MATTEO BET DOTTORE DI RICERCA - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA 0 Definizione, tipologie e struttura negoziale (1) E il contratto

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE CONSILIARE NR. 32 DD. 13/10/2011 OGGETTO: Esame ed approvazione schema contratto di servizio a disciplina delle modalità amministrative e tecniche per l affidamento a Trentino Riscossioni

Dettagli

Foglio Informativo Per finanziamenti a medio lungo termine con garanzia al 100%, ai sensi della L. 108/96 con fondo Antiusura Ministeriale o Regionale

Foglio Informativo Per finanziamenti a medio lungo termine con garanzia al 100%, ai sensi della L. 108/96 con fondo Antiusura Ministeriale o Regionale Foglio informativo n 1/E Aggiornamento n 005 data ultima aggiornamento 14.11.2014 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli artt. 115 e segg. T.U.B. Informazioni

Dettagli

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI APPROVATO con delibera di C.C. n. 19 del 28 Febbraio

Dettagli

Art. 14. Soppressione, incorporazione e riordino di enti ed organismi pubblici

Art. 14. Soppressione, incorporazione e riordino di enti ed organismi pubblici Soppressione dell Istituto nazionale per il Commercio Estero Costituzione dell ICE/Agenzia Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Art. 14, commi 17-27, D.L.

Dettagli

Bando per la concessione di borse di studio a.s. 2009-2010 Agli studenti frequentanti le Scuole Secondarie di primo grado

Bando per la concessione di borse di studio a.s. 2009-2010 Agli studenti frequentanti le Scuole Secondarie di primo grado Assessorato Scuola, Formazione Professionale, Università, Lavoro COMUNE DI FRASSINORO Provincia di Modena P.zza Miani, 16 41044 Frassinoro Mo Bando per la concessione di borse di studio a.s. 2009-2010

Dettagli

SCHEMA DI GARANZIA A PRIMA RICHIESTA

SCHEMA DI GARANZIA A PRIMA RICHIESTA SCHEMA DI GARANZIA A PRIMA RICHIESTA Spett.le Ministero dell'istruzione, Università e Ricerca Dipartimento per l Università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca Direzione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2699 PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA il 16 settembre 2009 (v. stampati Senato nn. 414-507)

Dettagli

Si precisa che il cliente, che si avvale dell offerta fuori sede, non è tenuto a riconoscere al soggetto incaricato alcun costo od onere aggiuntivo.

Si precisa che il cliente, che si avvale dell offerta fuori sede, non è tenuto a riconoscere al soggetto incaricato alcun costo od onere aggiuntivo. DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Le condizioni di seguito pubblicizzate non costituiscono offerta al pubblico a norma dell'art. 1336 del Codice Civile)

Dettagli

Assessorato regionale dei beni culturali e dell'identità siciliana Via delle Croci, n 8 90139 Palermo

Assessorato regionale dei beni culturali e dell'identità siciliana Via delle Croci, n 8 90139 Palermo Allegato n. 5 SCHEMA DI POLIZZA FIDEJUSSORIA Schema di polizza fideiussoria bancaria o assicurativa ai fini dell erogazione dell anticipazione del contributo per un importo pari al 50% di quanto concesso

Dettagli

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella Camera di consiglio

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella Camera di consiglio CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 4/2011/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella Camera di consiglio del 26 gennaio 2011, composta dai

Dettagli

Foglio informativo n. 3

Foglio informativo n. 3 Foglio informativo n. 3 Operazioni e servizi offerti ai soci/clienti CONVENZIONE ANTIUSURA (L.108/96) Garanzia su linee di credito a medio e lungo termine iscritto nell elenco speciale degli intermediari

Dettagli

FIDEIUSSIONE A PRIMA RICHIESTA N.

FIDEIUSSIONE A PRIMA RICHIESTA N. Fac simile Spettabile Luogo, data FIDEIUSSIONE A PRIMA RICHIESTA N. _ Oggetto: Fidejussione a prima richiesta a favore di Regione Piemonte a garanzia dell erogazione della quota di finanziamento erogato

Dettagli

Tua Assicurazioni S.p.A.

Tua Assicurazioni S.p.A. Fascicolo Informativo Copertina Tua Assicurazioni S.p.A. Gruppo Cattolica Assicurazioni Contratto di garanzia fidejussoria per l'ingresso in Italia Il presente Fascicolo Informativo, contenente a. Nota

Dettagli

È consentito, in sostituzione della marcatura, riportare tali informazioni su di una etichetta adesiva resistente all acqua.

È consentito, in sostituzione della marcatura, riportare tali informazioni su di una etichetta adesiva resistente all acqua. È consentito, in sostituzione della marcatura, riportare tali informazioni su di una etichetta adesiva resistente all acqua. Art. 3. Su ciascun contenitore delle zattere di cui al precedente articolo dovranno

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO del 01/01/2010 Numero 6 aggiornato al 02/07/2013 Relativo al rilascio di garanzia

FOGLIO INFORMATIVO del 01/01/2010 Numero 6 aggiornato al 02/07/2013 Relativo al rilascio di garanzia FOGLIO INFORMATIVO del 01/01/2010 Numero 6 aggiornato al 02/07/2013 Relativo al rilascio di garanzia INFORMAZIONI SUL CONFIDI CONFIDI IMPRESE TOSCANE Società Cooperativa di garanzia collettiva dei fidi

Dettagli

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali Roma, 12 maggio 2010 Circolare n. 123/2010 Al SIG. PRESIDENTE CONFSERVIZI MARCHE A TUTTI GLI ASSOCIATI AL SIG. PRESIDENTE CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI E A TUTTI GLI ALTRI ENTI, AZIENDE E SOCIETA

Dettagli

RESPONSABILITA TRIBUTARIE NEI CONTRATTI DI APPALTO 4. RESPONSABILITA SOLIDALE NEI CONTRATTI DI TRASPORTO

RESPONSABILITA TRIBUTARIE NEI CONTRATTI DI APPALTO 4. RESPONSABILITA SOLIDALE NEI CONTRATTI DI TRASPORTO NEWSLETTER n.19 13 febbraio 2015 RESPONSABILITA TRIBUTARIE NEI CONTRATTI DI APPALTO E RESPONSABILITA SOLIDALE NEI CONTRATTI DI TRASPORTO ALLA LUCE DELLE NOVITA DEL DECRETO SEMPLIFICAZIONI E DELLA LEGGE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 9/E. Interpello Ordinario - Tassa sulle concessioni governative per il servizio radiomobile pubblico terrestre di comunicazione

RISOLUZIONE N. 9/E. Interpello Ordinario - Tassa sulle concessioni governative per il servizio radiomobile pubblico terrestre di comunicazione RISOLUZIONE N. 9/E Roma, 18 gennaio 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello Ordinario - Tassa sulle concessioni governative per il servizio radiomobile pubblico terrestre di comunicazione

Dettagli

Deliberazione n. SCCLEG/5/2012/PREV

Deliberazione n. SCCLEG/5/2012/PREV 1 Deliberazione n. SCCLEG/5/2012/PREV REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato formata dai Magistrati:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo all offerta di garanzia

FOGLIO INFORMATIVO relativo all offerta di garanzia Pagina 1 di 5 FOGLIO INFORMATIVO relativo all offerta di garanzia INFORMAZIONI SUL CONFIDI Ifidi società cooperativa (identificata come Confidi ) Filiale di MILANO sede legale Viale Restelli, 29 tel 02.28340163

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI D IPARTIMENTO PER GLI AFFARI REGIONALI, LE AUTONOMIE E LO SPORT

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI D IPARTIMENTO PER GLI AFFARI REGIONALI, LE AUTONOMIE E LO SPORT Ritenuto che risulta dimostrato l interesse pubblico concreto ed attuale alla revoca del provvedimento in esame; Decreta: Art. 1. Il decreto dirigenziale n. 3/CC/2013 regione Calabria del 30 gennaio 2013

Dettagli

RISOLUZIONE N. 113 /E

RISOLUZIONE N. 113 /E RISOLUZIONE N. 113 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Interpello - articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento tributario dell attività di mediazione svolta ai sensi

Dettagli

SCHEMA DI GARANZIA FIDEIUSSORIA A FAVORE FINLOMBARDA PREMESSO

SCHEMA DI GARANZIA FIDEIUSSORIA A FAVORE FINLOMBARDA PREMESSO SCHEMA DI GARANZIA FIDEIUSSORIA A FAVORE FINLOMBARDA PREMESSO 1 Che con deliberazione della Giunta Regionale n. VIII del 18/07/2007 è stato istituito il Fondo di Rotazione per l Internazionalizzazione

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 29 DICEMBRE 2014 666/2014/R/EEL ESTENSIONE DEL SISTEMA DI GARANZIE PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI IMPORTI A CONGUAGLIO PER L ANNO 2013 AFFERENTI ALLE AGEVOLAZIONI RELATIVE AGLI ONERI GENERALI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

Garanzia tipo 1 (Sviluppo Rurale)

Garanzia tipo 1 (Sviluppo Rurale) ALLEGATO 1 (Carta intestata della Banca/Assicurazione) Garanzia tipo 1 (Sviluppo Rurale) POLIZZA FIDEJUSSORIA/FIDEJUSSIONE BANCARIA PER L ANTICIPO DELL AIUTO PREVISTO DAL REG. CE N. 1698/2005, PER IL SOSTEGNO

Dettagli

Deliberazione n. 1/2008/P

Deliberazione n. 1/2008/P Deliberazione n. 1/2008/P REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti in Sezione del controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato nell adunanza congiunta del I e II Collegio

Dettagli

Tra PREMESSO CHE. Pag. 1 di 8. fonte: http://burc.regione.campania.it

Tra PREMESSO CHE. Pag. 1 di 8. fonte: http://burc.regione.campania.it Accordo tra Agenzia delle Entrate e Regioni per la gestione delle compensazioni, eseguite tramite modello F24, in relazione al credito d imposta per la creazione di nuovo lavoro stabile nel Mezzogiorno,

Dettagli

REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020. Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili. Riferimenti normativi

REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020. Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili. Riferimenti normativi REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020 Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili Riferimenti normativi Atti normativi comunitari, nazionali e regionali, unitamente alle principali disposizioni

Dettagli

Spett.le COOPERATIVA ARTIGIANA DI GARANZIA DELLA PROVINCIA DI TRENTO Società cooperativa CONFIDI Via San Daniele Comboni, 7/9 38122 TRENTO

Spett.le COOPERATIVA ARTIGIANA DI GARANZIA DELLA PROVINCIA DI TRENTO Società cooperativa CONFIDI Via San Daniele Comboni, 7/9 38122 TRENTO Spett.le COOPERATIVA ARTIGIANA DI GARANZIA DELLA PROVINCIA DI TRENTO Società cooperativa CONFIDI Via San Daniele Comboni, 7/9 38122 TRENTO Il/la sottoscritto/a nato/a a residente a il via titolare/socio/legale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (REGOLAMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE IN DATA 30.10.2012 CON DELIBERAZIONE N. 60/121562) INDICE Art. 1 Oggetto..pag. 3 Art. 2 Abitazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO Deliberazione n 007/2009/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO Nell adunanza del 14 gennaio 2009, composta da: Bruno PROTA Aldo CARLESCHI Luca FAZIO Daniela

Dettagli

Direzione Centrale Posizione Assicurativa Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/10/2014

Direzione Centrale Posizione Assicurativa Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/10/2014 Direzione Centrale Posizione Assicurativa Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 10/10/2014 Circolare n. 121 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori

Dettagli

REGIONE TOSCANA_PROGRAMMA REGIONALE POR-CReO FESR 2007/2013_Attività 1.5.a e 1.6_BANDO UNICO R&S 2012 (PARTENARIATO)

REGIONE TOSCANA_PROGRAMMA REGIONALE POR-CReO FESR 2007/2013_Attività 1.5.a e 1.6_BANDO UNICO R&S 2012 (PARTENARIATO) NB: "La presente garanzia fideiussoria può essere rilasciata soltanto da banche, imprese di assicurazione indicate nella L 348/1982, intermediari finanziari iscritti nell'elenco speciale di cui all'art.

Dettagli

Il Ministro dell economia e delle finanze

Il Ministro dell economia e delle finanze Il Ministro dell economia e delle finanze Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642, e successive modificazioni ed integrazioni recante la disciplina dell imposta di bollo;

Dettagli

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA. nell'adunanza del 26 settembre 2007

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA. nell'adunanza del 26 settembre 2007 SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA Del/Par n. 12 /2007 nell'adunanza del 26 settembre 2007 Composta dai seguenti magistrati: Pres. di Sezione Mario G. C. Sancetta Presidente Consigliere Francesco

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO

COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE, BENEFICIARIO DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO A COPERTURA DELLE SPESE EFFETTIVAMENTE SOSTENUTE E DOCUMENTATE FINALIZZATO

Dettagli

Deliberazione n.15/2001/g REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei Conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo

Deliberazione n.15/2001/g REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei Conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo Deliberazione n.15/2001/g REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei Conti in Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato I e II Collegio nell adunanza congiunta

Dettagli

OGGETTO: ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SOSTITUTIVI INPS, INAIL E CASSE EDILI REGIONE EMILIA ROMAGNA E COMMISSARIO DELEGATO DL N.

OGGETTO: ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SOSTITUTIVI INPS, INAIL E CASSE EDILI REGIONE EMILIA ROMAGNA E COMMISSARIO DELEGATO DL N. DIREZIONE GENERALE CENTRALE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIO SERVIZIO GESTIONE DELLA SPESA REGIONALE IL RESPONSABILE MARCELLO BONACCURSO TIPO ANNO NUMERO REG. PG / 2014 / 377035 DEL 15 / 10 / 2014 Alle

Dettagli

Deliberazione n.75/pareri/2008

Deliberazione n.75/pareri/2008 Deliberazione n.75/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Antonio Caruso dott. Giorgio

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

PROGETTI DI LEGGE REGIONALI DI PARTICOLARE INTERESSE

PROGETTI DI LEGGE REGIONALI DI PARTICOLARE INTERESSE PROGETTI DI LEGGE REGIONALI DI PARTICOLARE INTERESSE Regione Piemonte Proposta di legge regionale d iniziativa consiliare Oggetto n. 248 Istituzione dell anagrafe degli eletti Con il presente progetto

Dettagli

SCHEMA DI FIDEIUSSIONE

SCHEMA DI FIDEIUSSIONE SCHEMA DI FIDEIUSSIONE Schema di fideiussione bancaria/polizza assicurativa per la richiesta dell'anticipazione dell aiuto concesso a valere su operazioni della Programmazione 2014-2020 ai sensi dell art.

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 1024 Data: 24-12-2012

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 1024 Data: 24-12-2012 Comune di Lecco Piazza Diaz, 1-23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111 - Fax 286874 - C.F. 00623530136 N. 1024-2012 Reg. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 1024 Data: 24-12-2012 SETTORE : LAVORI PUBBLICI

Dettagli

La riforma della Legge 488/92

La riforma della Legge 488/92 Ministero delle Attività Produttive IPI Istituto per la Promozione Industriale La riforma della Legge 488/92 Nuovi criteri e modalità per la concessione delle agevolazioni ex lege 488/92 a seguito della

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 2 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 2 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 6 febbraio 2015 Oggetto: Informativa n. 2 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito ad alcune novità della FINANZIARIA

Dettagli

DELIBERAZIONE n.63/2015/par. Repubblica Italiana. Corte dei Conti. Sezione regionale di controllo per il Molise. nell adunanza del 2 aprile 2015

DELIBERAZIONE n.63/2015/par. Repubblica Italiana. Corte dei Conti. Sezione regionale di controllo per il Molise. nell adunanza del 2 aprile 2015 DELIBERAZIONE n.63/2015/par Repubblica Italiana la Corte dei Conti Sezione regionale di controllo per il Molise nell adunanza del 2 aprile 2015 *********** composta dai magistrati: dott. Silvio Di Virgilio

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di sicurezza 2015/S 201-364396. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di sicurezza 2015/S 201-364396. Bando di gara. Servizi 1/15 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:364396-2015:text:it:html Italia-Roma: Servizi di sicurezza 2015/S 201-364396 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione I:

Dettagli

OGGETTO: Approvazione contratto e affidamento servizio a Trentino Riscossioni S.p.A.. IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: Approvazione contratto e affidamento servizio a Trentino Riscossioni S.p.A.. IL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione del Consiglio Comunale n. 08 dd. 18.03.2015 OGGETTO: Approvazione contratto e affidamento servizio a Trentino Riscossioni S.p.A.. IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che: - gli artt. 33 e 34 della

Dettagli

Produzione di beni e servizi.

Produzione di beni e servizi. Produzione di beni e servizi. Dalla tua idea alla tua impresa. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo I e Capo II Le norme nazionali e comunitarie hanno

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 Decreto legislativo 3 novembre 2003 n. 307, di attuazione delle direttive 2002/12 CE e 2002/13 CE, che modifica i decreti legislativi 17 marzo 1995 nn. 174 e 175

Dettagli

IL MINISTRO DEL TESORO

IL MINISTRO DEL TESORO Decreto del Ministro del tesoro 8 luglio 1992 (1). Disciplina e criteri di definizione del tasso annuo effettivo globale per la concessione di credito al consumo. IL MINISTRO DEL TESORO VISTO il regio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti in Sezione regionale di controllo per la Puglia. Nella camera di consiglio del 18 luglio 2014 composta da:

REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti in Sezione regionale di controllo per la Puglia. Nella camera di consiglio del 18 luglio 2014 composta da: Deliberazione n. 133/PAR/2014 REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti in Sezione regionale di controllo per la Puglia Nella camera di consiglio del 18 luglio 2014 composta da: Consigliere Luca Fazio Presidente

Dettagli

Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni

Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni Pagina 1 di 5 Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni giovedì 17 settembre 2015 Chiamparino: soddisfazione per una scelta condivisa, ora accelerazione nei confronti con il

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. la Corte dei conti. Sezione centrale di controllo. sulla gestione delle amministrazioni dello Stato.

REPUBBLICA ITALIANA. la Corte dei conti. Sezione centrale di controllo. sulla gestione delle amministrazioni dello Stato. Deliberazione n. 21/2011/G REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione centrale di controllo sulla gestione delle amministrazioni dello Stato I e II Collegio nell adunanza del 6 e del 16 dicembre 2011

Dettagli

del. n. 187 /2015/PAR Repubblica italiana La Corte dei conti in Sezione regionale di controllo per l Abruzzo

del. n. 187 /2015/PAR Repubblica italiana La Corte dei conti in Sezione regionale di controllo per l Abruzzo del. n. 187 /2015/PAR Repubblica italiana La Corte dei conti in Sezione regionale di controllo per l Abruzzo nella Camera di consiglio del 17 luglio 2015 composta dai Magistrati: Maria Giovanna GIORDANO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO FIDEIUSSIONE LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO

FOGLIO INFORMATIVO FIDEIUSSIONE LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO UNIFIDI Emilia Romagna soc. coop a r.l. Via Brugnoli, 6 40122 Bologna Tel. 051 6496800 Fax 051 0822010 www.unifidi.eu info@unfidi.eu Iscritta nell Elenco speciale degli Intermediari finanziari vigilati

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA In presenza di un credito IVA risultante dalla dichiarazione annuale al contribuente è concesso di scegliere tra: il riporto all anno successivo con utilizzo

Dettagli

ALLEGATO D) PREMESSA. 1.1 Competenze conferite a SGFA

ALLEGATO D) PREMESSA. 1.1 Competenze conferite a SGFA ALLEGATO D) PREMESSA SGFA (Società Gestione Fondi per l'agroalimentare) è una società di scopo a responsabilità limitata al 100% di proprietà dell'ismea. SGFA gestisce ad oggi gli interventi per il rilascio

Dettagli

Piacenza, 04 Settembre 2015 Alle Cooperative in indirizzo

Piacenza, 04 Settembre 2015 Alle Cooperative in indirizzo SERVIZIO FISCALE Piacenza, 04 Settembre 2015 Alle Cooperative in indirizzo Prot. n. 105 Oggetto: NUOVO MODELLO DI POLIZZA FIDEIUSSORIA O FIDEIUSSIONE BANCARIA PER IL RIMBORSO IVA Provv. Direttore Agenzia

Dettagli

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi Regolamento di Attuazione L.R. 7/2006 art. 25 L.R. n.

Dettagli