LINGUAGGIO JAVA: LE BASI PER COMINCIARE SEGO - TECH TOWN TEAM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LINGUAGGIO JAVA: LE BASI PER COMINCIARE SEGO - TECH TOWN TEAM"

Transcript

1 LINGUAGGIO JAVA: LE BASI PER COMINCIARE SEGO - TECH TOWN TEAM STORIA DEL LINGUAGGIO JAVA Il linguaggio che siamo abituati a conoscere come JAVA non è sempre stato chiamato così e gli obiettivi per i quali fu progettato inizialmente erano ben diversi da quelli di oggi. La storia di Java possiamo farla partire dalla fine del A quel tempo la Sun Microsystem decise di mettere assieme un team di sviluppatori con lo scopo di sviluppare un architettura software platform-indipendent che potesse essere facilmente installabile e funzionante su dispositivi elettronici di dimensioni medio-piccole: articoli elettronici domestici per intenderci. Il gruppo di ricerca in questione era chiamato Green Team e al progetto fu naturalmente dato il nome Green Project. Il primo ostacolo col quale si trovarono a fare i conti, fu il problema dell indipendenza dalla piattaforma: è assai problematico sviluppare un prodotto software senza sapere su che background si può contare. Non si potevano infatti fare assunzioni di alcuni tipo su CPU e sistema operativo a disposizione. Come molti sanno Java è linguaggio object-oriented, che deve molto in termini di sintassi al C++. Qualcuno potrebbe chiedersi perché? Beh la risposta è piuttosto semplice: la prima versione del linguaggio Java fu sviluppata a partire da un compilatore C++. In questo fermento di idee che vedeva come pilastro fondamentale del progetto la capacità di essere platformindipendent nacque verso la metà del 1991 Oak (l antenato di Java), un linguaggio ad oggetti, sicuro e robusto. Il motivo di questo nome è da ricercare, a quanto dicono nella quercia che James Gosling (una delle menti pulsanti del Green Team che non a torto si potrebbe definire il papà di Java) vedeva attraverso la finestra del suo ufficio. Il team non si fermò qui e nel giro di un anno, un anno e mezzo (fine del 1992) presentò un prototipo simile ad un PDA chiamato *7 o Star7 che era interamente basato su tecnologie sviluppate dal team stesso: 1. il neo-nato Oak 2. GreenOs, un sistema operativo 3. una interfaccia utente 4. il dispositivo stesso Naturalmente il mercato di un prodotto simile era quello dell elettronica e il successo del prodotto fu tutto sommato discreto. Il team allora puntò gli occhi su una fetta più specifica di mercato: quello delle TV digitali. Gli sforzi si concentrarono quindi nel creare un dispositivo elettronico che interfacciato alle normali tv rendesse disponibile quello che viene definito comunemente video-on-demand, la possibilità di scegliere cosa vedere e quando vederla: in sostanza si trattava di rivoluzionare il normale concetto di apparecchio televisivo.

2 Nonostante gli sforzi del team, il progetto naufragò vista soprattutto la mancanza di interesse da parte degli stessi finanziatori. A quel punto Gosling e il suo team si chiesero quale poteva essere la direzione verso cui puntare. La risposta fu Internet! In quel periodo infatti il web stava cominciando a diventare sempre più di uso domestico, e questo grazie anche allo sviluppo di nuovi tool e software, fra tutti spicca il primo browser web Mosaic. Questo portò alla nascita vera e propria di Java. Le potenzialità di Java furono portate davanti agli occhi di tutti quando venne scritto HotJava 1.0, un browser web (scritto in Java) che grazie a Java stesso era in grado di visualizzare oggetti dinamici inseriti nelle normali pagine web. Il giorno della svolta è stato il 23 maggio 1995, quando Java venne finalmente presentato al pubblico da Sun Microsystem in occasione del SunWorld 95. Da lì a rendere disponibile un tool di sviluppo per Java il passo fu breve. Fu così che sul sito di Sun comparve il JDK 1.0. E naturale che il pubblico fu piacevolmente sorpreso da questo nuovo linguaggio e dalla sua filosofia che va sotto il nome di WORE ossi Write Once Run Everywhere. E bastato vedere col passare degli anni come questo sia vero: su qualsiasi dispositivo si voglia eseguire un programma scritto in java basta scrivere una VirtualMachine in grado di interpretare il bytecode ed il gioco è fatto! Le motivazioni del successo di Java penso siano piuttosto chiare: 1. La filosofia platform-indipendent (o WORE, vedi sopra): qualsiasi dispositivo che supporti una Java Virtual Machine è potenzialmente in grado di eseguire un programma scritto in Java 2. L essere un linguaggio object-oriented: Java grazie a concetti chiave come oggetto, information-hiding, ereditarietà, overloading, etc. incarna appieno la filosofia di programmazione ad oggetti. Questo fa di lui un linguaggio sicuro, pulito, robusto. 3. Sintassi chiara e pulita: scrivere programmi in Java è molto più facile che scriverli in altri linguaggi (C++ stesso). E quindi molto più semplice leggere e comprendere i sorgenti. L esempio forse più lampante è l uso del sistema di Garbage Collection che si occupa di gestire la deallocazione della memoria sprecata da oggetti ormai inutilizzati. Niente più quindi necessità di liberare esplicitamente lo spazio sprecato come si è abituati a fare in C/C L aver reso freeware il linguaggio (attenzione freeware è un qualcosa di diverso da opensource): tutti possono accedere ai tool di sviluppo, segnalare bug, contribuire al miglioramento del linguaggio stesso. 5. Aver abbracciato il web: abbiamo visto quanto importante sia stato per il successo di Java aver puntato sul web. Ancor oggi molto spesso quando si parla di Java molti fanno riferimenti diretti/indiretti al web. Oramai però Java è talmente maturo che ha permeato tutti i campi della programmazione: dal networking al 3d, dall editing audio alla programmazione database, fino ad arrivare allo sviluppo per dispositivi mobili come PDA, cellulari,etc. E indubbio quindi che Java abbia compiuto un grosso passo avanti rispetto a quel lontano ARCHITETTURE SOFTWARE DIFFERENTI: J2SE, J2EE, J2ME Col passare del tempo Java ha cominciato a diffondersi coprendo un vasto numero di campi, diversificando i propri target di applicazione. Questo ha portato alla situazione attuale in cui Sun propone tre differenti architetture software. Tutte sono naturalmente basate su Java, ma ognuna di esse è sostanzialmente indirizzata ad ambienti e dispositivi diversi tra loro e che sono: J2SE Java 2 Standard Edition J2EE Java 2 Enterprise Edition J2ME Java 2 Micro Edition La piattaforma J2SE è per così dire il nucleo della Tecnologia Java: chiunque decida di programmare in Java prima o poi si troverà ad utilizzarla. Potremmo dire che a differenza dalle altre due architetture la J2SE copre un target di utenza molto più ampio e vasto, ed è per questo che è la più utilizzata. Diamo ora uno sguardo all architettura nel suo complesso:

3 FIGURA - Piattaforma J2SE. Una distinzione che può andar fatta subito anche vedendo la figura è quella tra SDK e JRE. SDK sta per Software Development Kit, mentre JRE sta per Java Runtime Environment. Si capisce immediatamente come il JRE sia indispensabile per eseguire il bytecode Java, mentre l SDK è fondamentale perché fornisce tutti quegli strumenti per lo sviluppo degli applicativi come librerie, debugger e il compilatore javac. Entrambi sono scaricabili gratuitamente dal sito di Sun Microsystems. Con J2SE il programmatore può fare praticamente di tutto: networking, comunicazione con porte seriali e parallela, RMI, manipolazione audio, grafica 2D/3D, interfaccie grafiche avanzate, accesso ai database, espressioni regolari. Tutto questo mediante classi java ordinate e collezionate in packages: al programmatore non serve far altro che importare le classi giuste, creare gli oggetti necessari e invocare i metodi adatti. La piattaforma J2EE è un architettura appositamente studiata per lo sviluppo di applicazioni enterprise. Questa piattaforma sfrutta tutte le caratteristiche della J2SE aggiungendone di nuove, orientate allo sviluppo business di applicazioni distribuite scalabili e transazionali. Tecnologie fondamentali di questa piattaforma sono JSP (Java Server Pages) e Servlets che unite a EJB (Enterprise Java Beans) consentono di ottenere applicazioni fortemente improntate all ambito internet/intranet. In pratica queste tre tecnologie sono l esempio lampante di come si possano costruire applicazioni enterprise multi-tier unendo parte frontend (JSP e Servlet) con parte back-end (EJB). La piattaforma J2EE utilizza un approccio a componenti garantendo così la modularità e il riutilizzo del codice. Che significa tutto questo? Garantire la possibilità di riutilizzare in progetti differenti componenti software esistenti e precedentemente sviluppati. Il framework.net di casa Microsoft in un certo senso sta tentando di porsi come antagonista del framework J2EE proprio perché entrambi incarnano la filosofia a componenti. Infine altra caratteristica fondamentale della piattaforma J2EE è che fornisce pieno supporto per progettare, sviluppare e testare i Web Services (interfacce applicative disponibili su Internet) permettendo di interagire in maniera ottimale anche con altri web services o client che girano su piattaforme diverse. La piattaforma J2ME è un sottoinsieme della piattaforma J2SE, che è stato alleggerito ed ottimizzato per poter essere compatibile e funzionante su tutti quei dispositivi elettronici, portatili e non, che sono dotati di scarse risorse in termini di hardware (ad esempio CPU e memoria). Tipicamente quando si parla di programmazione J2ME si pensa alla programmazione dei palmari o dei cellulari. Anche se il target principale sembrano essere proprio questi dispositivi, la visione è piuttosto limitativa, visto che sono interessati da questa tecnologia anche: Internet-Tv, telefoni fissi digitali, console per videogiochi, strumenti per la navigazione satellitare. La tecnologia J2ME è piuttosto recente (annunciata nella metà 1999), ma non per questo è meno diffusa, visto che ormai grazie alla moda di aver un telefonino di ultima generazione o un PDA, molti (a volte senza neanche saperlo) sul proprio dispositivo fanno uso di tecnologia Java. L esempio più classico sono naturalmente i giochi per cellulare. L architettura J2ME proprio perché interessa una vasta gamma di dispositivi con caratteristiche spesso molto diverse fra loro è stato progettato in modo molto modulare per fare in modo che ogni componente risponda ad esigenze particolari.

4 Qui non andremo oltre ma basti sapere che particolari configurazioni determinato quale tipo di virtual machine verrà impiegata da una particolare classe di dispositivi, mentre i profili determinano quali moduli applicativi (in parole povere che tipo di import) potranno essere impiegati dalle diverse configurazioni. INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE (WINDOWS E LINUX) Non sapevo se scrivere o meno questa sezione. In realtà nel 99% dei casi per installare correttamente java e relativo sdk basterebbe seguire le informazioni che sono riportate nelle relative pagine di documentazione sul sito di Sun. E vero anche che molto spesso invece la gente scarica l sdk e installa semplicemente (senza configurare alcunché) e poi si trova di fronte a qualcosa di non perfettamente funzionante specie quando si tratta di andare a compilare manualmente i sorgenti utilizzando javac. Ecco quindi che fioccano le domande nei forum e nei gruppi di discussione. Questa sezione diciamo così è una sorta di traduzione-riassunto delle informazioni che si possono reperire sul sito della Sun. - WINDOWS: INSTALLAZIONE - Prima di installare una nuova versione dell sdk è consigliabile disinstallare qualsiasi versione precedentemente installata, specie se si tratta di una versione beta. Il file da scaricare è un file.exe facilmente prelevabile dalle pagine web di Sun. Una volta scaricato è sufficiente lanciare il programma di installazione. Da notare che su sistemi NT-like come win2000 o winxp è necessario disporre dei privilegi di amministratore di sistema. In fase di installazione è possibile riscontrare dei warning dovuti magari ad una versione di windows non supportata dall ultimo sdk (se non sbaglio è la versione 1.4.2) o semplicemente perché il sistema operativo necessità dell ultimo service pack. In questo caso è consigliabile dare un occhiata alla lista dei requisiti di sistema. - LINUX: INSTALLAZIONE - Sinceramente ho dovuto installare l sdk sotto linux solo un bel po di tempo fa. Infatti ultimamente molte (se non quasi tutte) distribuzioni linux permettono di installare l sdk in fase in installazione del sistema operativo, quando ci si trova a selezionare i pacchetti. In ogni caso è possibile scaricare dal sito di Sun l sdk in due formati: o il classico rpm oppure un file.bin autoestraente. Il file.bin ha il vantaggio che può essere installato da qualsiasi utente, a differenza della versione rpm che può essere installata solamente da chi ha accesso root, questo perché tipicamente va a sostituire la versione Java precedentemente installata con Linux..BIN FILE: 1. Controllare che il file abbia settati i permessi di esecuzione: chmod +x <nome-file>.bin 2. Posizionarsi nella directory dove si vuole installare 3. Lanciare l installazione:./<nome-file>.bin. Attenzione viene creata una cartella del tipo j2sdk<version>..rpm FILE: 1. Controllare che il file abbia settati i permessi di esecuzione: chmod +x <nome-file>.rpm.bin 2. Eseguire il file:./<nome-file>.rpm.bin. Attenzione viene estratto un file <nome-file>.rpm 3. Assumere i permessi di root, nel caso non se ne disponga già, mediante il comando su. 4. Lanciare il comando: rpm iv <nome-file>.rpm 5. Cancellare pure i file.rpm e.bin. 6. Chiudere la shell di root. - WINDOWS & LINUX: CONFIGURAZIONE VARIABILI D AMBIENTE- Una volta che l installazione è andata a buon fine si può passare alla configurazione delle variabili d ambiente che ci permettono di sfruttare in maniera ottimale l sdk appena installato. La variabile fondamentale da settare è PATH. Questo ci permette di utilizzare i tool da linea di comando (java.exe, javac.exe, etc.) senza ogni volta dover specificare il percorso. In sistemi Linux basta aggiungere nel.profile o.bashrc la stringa: export PATH=$PATH:/<percorso>/<dell sdk>/bin In sistemi NT, Win2000 e WinXP: 1. entrare in Pannello di Controllo e selezionare la voce Sistema 2. clickare su Avanzate->Variabili d ambiente 3. aggiungere al path già esistente: ;C:\<percorso>\<dell sdk>\bin\ In sistemi Win98: 1. modificare il file autoexec.bat come al punto 3 sopra. Altra variabile che è utile settare è la variabile JAVA_HOME che viene utilizzata da programmi (ad esempio Tomcat) e altri tool per verificare dove sia installato l sdk. Quindi la variabile va configurata in maniera analoga a quanto visto precedentemente solo che questa volta la si fa puntare alla directory base del kit installato e non alla sottodirectory bin. Infine è buona prassi configurare anche la variabile CLASSPATH che dovrebbe puntare alle varie librerie che dovrebbero essere utilizzate dai file java. Tipicamente la si fa puntare alla sottocartella jre\lib\, anche se nulla vieta di modificarla appositamente per farla puntare anche ad altre dir in cui siano contenute magari file.jar e librerie scaricate da Internet o da noi progettate.

5 SEMPLICE EDITOR O IDE AVANZATO? Indubbiamente chi ha avuto qualche esperienza di programmazione sa benissimo che c è una differenza abissale tra lo scrivere codice usando il semplice editor di testi e lo scrivere codice usando un ambiente di sviluppo avanzato. Il consiglio che posso dare è quello di usare sempre e comunque un IDE, laddove sia possibile farlo. Questo non significa che non si debbano conoscere i comandi fondamentali come java o javac o ancora jar. E importante conoscerne il loro funzionamento fondamentale, perché può sempre capitare che ci si trovi in situazioni in cui sia impossibile scaricare/installare un ide e sia necessario compilare i propri sorgenti manualmente. E indubbio però che l utilizzo di un buon IDE oltre che fornire comode funzionalità quali completamente automatico del codice, autoindentazione, javadoc istantaneo, etc. permette di sviluppare programmi in maniera molto più veloce. Per quanto mi riguarda, fino ad ora ho avuto esperienze con ide come ECLIPSE e NETBEANS. Ognuno di questi programmi ha caratteristiche proprie che li rendono diversi l uno dall altro. Di sicuro quello che ho utilizzato di più è stato Netbeans che pur essendo un ottimo IDE, molto versatile e ricco di funzionalità si rivela piuttosto pesante se paragonato con il suo avversario Eclipse, decisamente più performante e veloce. Tuttavia come dicevo ciascuno in un modo o in un altro porta acqua al proprio mulino. Eclipse si rivela eccezionale qualora ci si trovi nella situazione di dover effettuare dei confronti tra sorgenti (come mi è successo di recente). La funzionalità di compare in esso integrata è in grado di effettuare delle analisi approfondite delle differenze strutturali che caratterizzano i singoli package o il progetto intero, permettendo poi di scendere in profondità analizzando le differenze tra file sorgenti.java veri e propri. D altra parte Netbeans si è rivelato un ottimo strumento qualora ci si trovi a dover sviluppare progetti di medie dimensioni riguardanti che richiedano l uso di servlet e jsp. Esso è dotato internamente di un motore Tomcat che permette così il test delle applicazioni sviluppate senza la necessità di dover installare a parte il servlet-engine Tomcat. E infatti semplicissimo creare una web application: si crea un webmodule e poi si precede alla creazione delle servlet e delle pagine jsp necessarie. Lo sviluppo di web application con Eclipse non è invece così immediato e richiede infatti oltre che l installazione del Tomcat vero e proprio anche l installazione/configurazione di un plugin adeguato. Niente di così impossibile, ma nulla di paragonabile all immediatezza di Netbeans. Questi che vi ho portato davanti agli occhi sono solo alcuni esempi: questo per far capire come ogni IDE possieda caratteristiche spesso diverso da un altro e che fanno di lui uno strumento adatto in particolari situazioni e meno in altre. Un altro ottimo IDE di cui ho sentito parlar bene (anche se non l ho mai usato) specie per quanto riguarda lo sviluppo di applicazioni visuali è il JBuilder della Borland, che se non vado errato nella versione Personal è disponibile gratuitamente per il download. Morale: provate vari ide e vedete quello che fa per voi! DOCUMENTAZIONE E MATERIALE ON-LINE Spesso chi si trova di fronte ad un nuovo argomento di studio ha il problema di trovare il materiale giusto con cui cominciare e approfondire le proprie conoscenze. Beh vi dico sin da ora che non avrete di certo molti problemi a trovare documentazione o materiale in rete che riguardi java. Quello che voglio fare io in questo piccolo spazio è tentare di segnalare i link, i documenti che a mio parere possono aiutare molto nello studio di questo linguaggio di programmazione. EBOOK E TUTORIALS: - THINKING IN JAVA 3RD EDITION: - JAVA MATTONE SU MATTONE: - MOKABOOK: - J2SE DOCUMENTATION: - CORSO JAVA ON-LINE: LINK UTILI: Infine un piccolo consiglio, cercando su google troverete on-line molti libri della O Reilly che trattano di Java. Sono ottimi e ben scritti quindi buona ricerca!

Panoramica: che cosa è necessario

Panoramica: che cosa è necessario Scheda 02 L installazione dell SDK G IOVANNI PULITI Panoramica: che cosa è necessario Per poter lavorare con applicazioni Java o crearne di nuove, il programmatore deve disporre di un ambiente di sviluppo

Dettagli

Installazione del Software. per lo Sviluppo di Applicazioni Java

Installazione del Software. per lo Sviluppo di Applicazioni Java Installazione del Software per lo Sviluppo di Applicazioni Java Ing. Luca Ferrari ferrari.luca@unimore.it Tel. 0592056142 Installazione del Software per lo Sviluppo di Applicazioni Java 1 Il Compilatore

Dettagli

Linguaggi 2 e laboratorio

Linguaggi 2 e laboratorio Linguaggi 2 e laboratorio Docente: Leonardo Badia Contatti: leonardo.badia@gmail.com Pagina web del corso: www.unife.it/scienze/informatica/ insegnamenti/linguaggi-2-laboratorio Argomenti del corso: Java

Dettagli

Tutorial per l installazione del J2SE 6 e configurazione del sistema operativo

Tutorial per l installazione del J2SE 6 e configurazione del sistema operativo Tutorial per l installazione del J2SE 6 e configurazione del sistema operativo Ing. Giovanni Ponti DEIS Università della Calabria gponti@deis.unical.it La piattaforma Java mette a disposizione una serie

Dettagli

Il linguaggio di programmazione JAVA

Il linguaggio di programmazione JAVA Introduzione a JAVA Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it http://www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Informatica. Prof. A. Longheu. Introduzione a Java

Informatica. Prof. A. Longheu. Introduzione a Java Informatica Prof. A. Longheu Introduzione a Java 1 Code-Name Green Nome del progetto Sun con l obiettivo di fornire intelligent consumer-electronic devices. Il risultato fu Oak Un linguaggio basato su

Dettagli

APPENDICE. Appendice. Strumenti per lo sviluppo dei programmi Java

APPENDICE. Appendice. Strumenti per lo sviluppo dei programmi Java APPENDICE Appendice Strumenti per lo sviluppo dei programmi Java Per imparare a programmare non è sufficiente leggere gli esempi del testo, ma è necessario scrivere ed eseguire realmente i programmi. Tutti

Dettagli

Strumenti per la programmazione

Strumenti per la programmazione Editing del programma Il programma deve essere memorizzato in uno o più files di testo editing codice sorgente 25 Traduzione del programma Compilazione: è la traduzione effettuata da un compilatore Un

Dettagli

Scrivere un programma in Java

Scrivere un programma in Java Programmare in JAVA Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA uff. 0577 234850 - interno: 7102 Stanza 119 rigutini@dii.unisi.it http://www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Installazione SOFTWARE JDK ECLIPSE 03/03/2011 2 ALGORITMI E PROGRAMMI PROBLEMA ALGORITMO PROGRAMMA metodo risolutivo linguaggio di

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA0 0 Linguaggio Java 1 Prerequisiti Utilizzo elementare di un pc Utilizzo di Internet per il downloading di file 2 1 Introduzione In questa lezione si descrivono gli

Dettagli

Java & Linux. Stefano Sanna Gruppo Utenti Linux Cagliari

Java & Linux. Stefano Sanna Gruppo Utenti Linux Cagliari Java & Linux Perché Java e Linux? Linux è un ottimo sistema operativo, disponibile per piattaforme desktop, server e su sistemi embedded. Java è un ottimo linguaggio di programmazione, con una libreria

Dettagli

Programmazione ad Oggetti. Java Parte I

Programmazione ad Oggetti. Java Parte I Programmazione ad Oggetti Java Parte I Overview Caratteristiche generali 1 Caratteristiche generali Un moderno linguaggio orientato agli oggetti Pensato per lo sviluppo di applicazioni che devono essere

Dettagli

Prova Finale a.a. 2011/2012. Laboratorio 1: Introduzione a Java e Eclipse

Prova Finale a.a. 2011/2012. Laboratorio 1: Introduzione a Java e Eclipse Prova Finale a.a. 2011/2012 Laboratorio 1: Introduzione a Java e Eclipse 1 Java 6 Standard Edition Linguaggio Java (... (javac, Tool di sviluppo Librerie per l'interfaccia grafica Librerie di base Macchina

Dettagli

2 - Introduzione al linguaggio Java

2 - Introduzione al linguaggio Java 2 - Introduzione al linguaggio Java Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo

Dettagli

e l ambiente Info L 4 Le operazioni sui dati L 1 L ambiente di programmazione L 5 Le stringhe L 2 La struttura del codice

e l ambiente Info L 4 Le operazioni sui dati L 1 L ambiente di programmazione L 5 Le stringhe L 2 La struttura del codice 1La sintassi Java e l ambiente di sviluppo UNITÀ DI APPRENDIMENTO L 1 L ambiente di programmazione L 2 La struttura del codice L 3 Le variabili e i tipi primitivi L 4 Le operazioni sui dati L 5 Le stringhe

Dettagli

Programmazione in ambiente

Programmazione in ambiente Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Programmazione in ambiente Android Laura Montanini - laura.montanini@univpm.it Corso di Tecnologie per le TLC 2013-2014

Dettagli

Ambienti di Sviluppo

Ambienti di Sviluppo Ambienti di Sviluppo Insieme omogeneo di strumenti adatti allo sviluppo di progetti software. Editor; Compilatori e/o interpreti; Strumenti di test; Applicazioni che permettono di editare / disegnare il

Dettagli

Programmazione a Oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013

Programmazione a Oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013 Programmazione a Oggetti e JAVA Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013 Sommario Contenuti del Corso Riferimenti Regole del Corso Materiale Didattico Scheduling Esami Strumenti Software 16/01/2013 2 Contenuti

Dettagli

Informatica. Terzo anno Prof. A. Longheu

Informatica. Terzo anno Prof. A. Longheu Informatica Terzo anno Prof. A. Longheu INTRODUZIONE AL LINGUAGGIO JAVA Originariamente, il progetto che avrebbe portato al linguaggio Java era noto come progetto Green Nome del progetto Sun con l obiettivo

Dettagli

Un primo programma Java. Introduzione alla programmazione in Java. Programmi e mondo reale. Programmare ad oggetti. I programmi come modelli

Un primo programma Java. Introduzione alla programmazione in Java. Programmi e mondo reale. Programmare ad oggetti. I programmi come modelli 4 Un primo programma Java Introduzione alla programmazione in Java class Program1 { System.out.println("Benvenuti al corso"); 1 5 Programmi e mondo reale Programmare ad oggetti Il codice di un programma

Dettagli

Come fare a leggere questi dati generati da un programma windows?

Come fare a leggere questi dati generati da un programma windows? Come fare a leggere questi dati generati da un programma windows? A questo punto siamo in possesso di tutti gli elementi per sfruttare appieno le potenzialità di Linux: sappiamo destreggiarci (mai abbastanza)

Dettagli

Introduzione alla programmazione in Java

Introduzione alla programmazione in Java Introduzione alla programmazione in Java 1 Programmare ad oggetti La programmazione come attività di creazione di modelli. I concetti di classe, oggetto e scambio di messaggi. Un primo esempio di programma

Dettagli

Installazione del JDK 6

Installazione del JDK 6 Sommario Installazione del JDK 6 Anton Soppelsa Dipartimento di Ingegneria Elettrica http://www.die.unipd.it 15 Ottobre 2007 Sommario Sommario 1 Editor di testo Perché serve un editor di testo Editor per

Dettagli

Introduzione alla programmazione Java. Dott. Ing. M. Banci, PhD

Introduzione alla programmazione Java. Dott. Ing. M. Banci, PhD Introduzione alla programmazione Java Dott. Ing. M. Banci, PhD Obiettivi del corso Creare, compilare, e eseguire programmi Java Tipi di dato primitivi Flusso di controllo Java Metodi Arrays Introduzione

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica. Traduzione ed esecuzione di programmi. Dispensa 08

Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica. Traduzione ed esecuzione di programmi. Dispensa 08 Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 08 Traduzione ed esecuzione di programmi Traduzione ed esecuzione di programmi 1 Nota bene Alcune parti del presente materiale didattico

Dettagli

Java? Sì, grazie. Scopo del corso

Java? Sì, grazie. Scopo del corso Modulo di Java? Sì, grazie Il linguaggio di Internet? Portabilità su qualunque piattaforma (non solo calcolatori): It works everywhere Supporto e disponibilità di strumenti, librerie e documentazione garantiti

Dettagli

Primi passi con Apache Tomcat. L application server dell Apache group

Primi passi con Apache Tomcat. L application server dell Apache group Primi passi con Apache Tomcat L application server dell Apache group 2 J2EE Direttive Sun Microsystem Che cos è un application server EJB Maggiori application server open source 3 Tomcat Open Source e

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Classi e Oggetti: Conclusioni Parte b versione 2.1 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB.

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB Web Server TOMCAT Ing. Marco Mamei Anno Accademico 2004-2005 M. Mamei - Tecnologie

Dettagli

PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE

PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE 1 PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE Write once, write everywhere è il motto dei progettisti del linguaggio java. Infatti questo linguaggio è il risultato dell esigenza di programmare per quello che si può chiamare

Dettagli

Tale attività non è descritta in questa dispensa

Tale attività non è descritta in questa dispensa Fondamenti di informatica Oggetti e Java ottobre 2014 1 Nota preliminare L installazione e l uso di Eclipse richiede di aver preliminarmente installato Java SE SDK Tale attività non è descritta in questa

Dettagli

Installazione e Configurazione della strumentazione necessaria. Antonio Gallo info@laboratoriolibero.com

Installazione e Configurazione della strumentazione necessaria. Antonio Gallo info@laboratoriolibero.com Installazione e Configurazione della strumentazione necessaria Antonio Gallo info@laboratoriolibero.com Installazione e Configurazione della strumentazione necessaria Programmi accessori per poter sviluppare

Dettagli

Le command line di Java

Le command line di Java Le command line di Java Esercitazioni di Programmazione 2 Novella Brugnolli brugnoll@science.unitn.it Ambiente di lavoro Per compilare ed eseguire un programma Java abbiamo bisogno di: The JavaTM 2 Platform,

Dettagli

Fondamenti di programmazione in Java. Lezione III

Fondamenti di programmazione in Java. Lezione III Fondamenti di programmazione in Java Lezione III Scopo della lezione Descrivere gli strumenti che utilizzeremo nel resto del corso per sviluppare programmi in java UltraEdit Java SDK Imparare a scrivere

Dettagli

Programmazione II. Lezione 4. Daniele Sgandurra 30/09/2011. daniele.sgandurra@iit.cnr.it

Programmazione II. Lezione 4. Daniele Sgandurra 30/09/2011. daniele.sgandurra@iit.cnr.it Programmazione II Lezione 4 Daniele Sgandurra daniele.sgandurra@iit.cnr.it 30/09/2011 1/46 Programmazione II Lezione 4 30/09/2011 Sommario 1 Esercitazione 2 Panoramica della Programmazione Ad Oggetti 3

Dettagli

Guida all'installazione di Jug4Tenda

Guida all'installazione di Jug4Tenda Indice generale Guida all'installazione di Jug4Tenda WORK IN PROGRESS di Andrea Del Bene Guida all'installazione di Jug4Tenda...1 Nota...2 1Prerequisiti software...3 1.1Installazione Java JDK...3 1.2Installazione

Dettagli

LABORATORIO DI Tecnologie di Sviluppo per il Web. Guida all installazione del Software

LABORATORIO DI Tecnologie di Sviluppo per il Web. Guida all installazione del Software LABORATORIO DI Tecnologie di Sviluppo per il Web Guida all installazione del Software Il Software da installare: 1) Ambiente di programmazione Java 2 Software Developement Kit v. 1.4 2) Server HTTP Apache

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME NOME

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME NOME INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME NOME Curriculum Vitae GIOVANNETTI ANTONIO INDIRIZZO Via della Riserva Nuova, 73 00132 Roma TELEFONO +39 328 8990184 EMAIL antonio.giovannetti@gmail.com GVNNTN74H05I838O Italiana

Dettagli

Java. Traditional portability (ideal)

Java. Traditional portability (ideal) 1 Java JAVA: una introduzione 2 Traditional portability (ideal) C-code (Linux) (Pentium) Executable (Linux) Executable (Win32) Linux Windows 32 (Mac) Executable (Mac) Mac 1 1 3 Portability of Java programs

Dettagli

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma Dev C++ Note di utilizzo 1 Prerequisiti Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma 2 1 Introduzione Lo scopo di queste note è quello di diffondere la conoscenza

Dettagli

Software utilizzato per le esercitazioni

Software utilizzato per le esercitazioni SW Software utilizzato per le esercitazioni Software utilizzato per le esercitazioni Editor testuale per pagine html, xhtml, css Browser Web server Motore Php Motore JSP JDK JSDK Ambiente di sviluppo Java

Dettagli

Application Server per sviluppare applicazioni Java Enterprise

Application Server per sviluppare applicazioni Java Enterprise Application Server per sviluppare applicazioni Java Enterprise Con il termine Application Server si fa riferimento ad un contenitore, composto da diversi moduli, che offre alle applicazioni Web un ambiente

Dettagli

Applicazioni web. Sommario. Parte 6 Servlet Java. Applicazioni web - Servlet. Alberto Ferrari 1. Servlet Introduzione alle API ed esempi

Applicazioni web. Sommario. Parte 6 Servlet Java. Applicazioni web - Servlet. Alberto Ferrari 1. Servlet Introduzione alle API ed esempi Applicazioni web Parte 6 Java Alberto Ferrari 1 Sommario Introduzione alle API ed esempi Tomcat Server per applicazioni web Alberto Ferrari 2 Alberto Ferrari 1 Java: da applet a servlet In origine Java

Dettagli

Una novità di Microsoft per il lancio sul mercato di Microsoft Visual Studio 2005 è stata quella sia

Una novità di Microsoft per il lancio sul mercato di Microsoft Visual Studio 2005 è stata quella sia STRUMENTI DI APPROCCIO PER IL CORSO VISUAL BASIC 2005 Versione Express Edition Premessa Versioni Express Edition di Visual Studio 2005 Una novità di Microsoft per il lancio sul mercato di Microsoft Visual

Dettagli

Ambienti di programmazione.net Lezione n. 1

Ambienti di programmazione.net Lezione n. 1 Il Framework Redistribuitable Package e il Framework Sdk (Software Development Kit) 1.1 Italian Presentazione del corso Con l avvento della piattaforma applicativa.net Microsoft è riuscita a portare un

Dettagli

Lezione 2 Strumenti di sviluppo

Lezione 2 Strumenti di sviluppo Lezione 2 Strumenti di sviluppo Prima di inoltrarsi nello studio di Java, bisogna procurarsi tutti gli strumenti di sviluppo necessari. In questa lezione sono illustrate le soluzioni software di Sun Microsystems,

Dettagli

Strumenti per lo sviluppo del software

Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software è l attività centrale del progetto e ha lo scopo di produrre il codice sorgente che, una volta compilato e messo

Dettagli

Informatica I. Ingegneria Medica. Prof. Diego Salamon

Informatica I. Ingegneria Medica. Prof. Diego Salamon Informatica I Ingegneria Medica Prof. Diego Salamon Introduzione ai linguaggi Un elaboratore è un insieme di risorse tra loro coordinate. Perché utilizzare un elaboratore? Dato di Fatto : Esiste un problema

Dettagli

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50 Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE JCreator LE 4.50 Inizializzazione: creazione del nuovo progetto e del file sorgente in ambiente JCreator Al lancio del programma si apre la finestra

Dettagli

Linguaggi e Laboratorio. Panoramica su Java

Linguaggi e Laboratorio. Panoramica su Java Linguaggi e Laboratorio Laurea in Ingegneria Telematica Università Kore di Enna A.A. 2009-2010 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it - lezione 03 -

Dettagli

Linguaggio Java e il paradigma della programmazione ad oggetti

Linguaggio Java e il paradigma della programmazione ad oggetti Linguaggio Java e il paradigma della programmazione ad oggetti Marco La Cascia Aula Magna Ingegneria 26/11/2015 Outline Introduzione ai paradigmi di programmazione Storia di Java Introduzione a Java Componenti

Dettagli

Capitolo 1 Introduzione a Gambas

Capitolo 1 Introduzione a Gambas Capitolo 1 Introduzione a Gambas Gambas è stato creato inizialmente da Benoit Minisini, un residente della periferia di Parigi. Secondo Benoit, Gambas è un linguaggio Basic con estensioni per la programmazione

Dettagli

Architetture per le applicazioni web-based. Mario Cannataro

Architetture per le applicazioni web-based. Mario Cannataro Architetture per le applicazioni web-based Mario Cannataro 1 Sommario Internet e le applicazioni web-based Caratteristiche delle applicazioni web-based Soluzioni per l architettura three-tier Livello utente

Dettagli

Ingegneria del Software 1: Eclipse

Ingegneria del Software 1: Eclipse Ingegneria del Software 1: Eclipse Da completare entro Aprile 21, 2015 Srđan Krstić and Marco Scavuzzo 1 Contents 1 Introduzione 3 1.1 Java (JRE vs JDK).......................................... 3 1.2

Dettagli

Appunti di Informatica www.mimmocorrado.it 1

Appunti di Informatica www.mimmocorrado.it 1 Installare Java Il programma può essere scaricato dal seguente indirizzo: http://www.java.com/it/download/windows_ie.jsp?locale=it&host=www.java.com Per installare la JDK è necessario: 1. scaricare il

Dettagli

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi Linguaggio Java Robusto Non permette costrutti pericolosi Eredità Multipla Gestione della Memoria Orientato agli oggetti Ogni cosa ha un tipo Ogni tipo è un oggetto (quasi) Protegge e gestisce dagli errori

Dettagli

Programmazione Java Avanzata Concetti su Java

Programmazione Java Avanzata Concetti su Java Programmazione Java Avanzata Concetti su Java Ing. Giuseppe D'Aquì Testi di Riferimento Java ( R. Liguori, P. Liguori), O'Reilly Hops Tecniche Nuove (2008) Java Virtual Machine Il codice scritto in Java

Dettagli

Corso Android Corso Online Sviluppo su Cellulari con Android

Corso Android Corso Online Sviluppo su Cellulari con Android Corso Android Corso Online Sviluppo su Cellulari con Android Accademia Futuro info@accademiafuturo.it Programma Generale del Corso di Sviluppo su Cellulari con Android Programma Base Modulo Uno - Programmazione

Dettagli

Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE

Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE INTRODUZIONE L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionalerelativa alla realizzazione sistematica e alla manutenzione di un software rispettando

Dettagli

Programmazione Client-Server

Programmazione Client-Server Programmazione Client-Server Davide Taibi davide.taibi@uninsubria.it The Java Platform Java Technology Enabled Devices Java Technology Enabled Desktop Workgroup Server High-End Server The Java Platform

Dettagli

ANDROID 4.2 JELLY BEAN Installazione e configurazione dell ambiente

ANDROID 4.2 JELLY BEAN Installazione e configurazione dell ambiente INTRODUZIONE Per sviluppare applicazioni in grado di girare su sistemi Android servono tre cose: il Java JDK (Java Development Kit), che contiene tutti gli strumenti necessari a sviluppare nel linguaggio

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Programmazione Web: Architetture versione 2.2 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina) G. Mecca mecca@unibas.it

Dettagli

Corso Eclipse. Prerequisiti. 1 Introduzione

Corso Eclipse. Prerequisiti. 1 Introduzione Corso Eclipse 1 Introduzione 1 Prerequisiti Uso elementare del pc Esecuzione ricerche su Internet Esecuzione download Conoscenza elementare della programmazione 2 1 Cos è Eclipse Eclipse è un IDE (Integrated

Dettagli

DEL SENDER GUIDA INTEGRATIVA ALL INSTALLAZIONE. Versione N.1.0. Data 11/05/2009. Sender - Guida integrativa alla installazione

DEL SENDER GUIDA INTEGRATIVA ALL INSTALLAZIONE. Versione N.1.0. Data 11/05/2009. Sender - Guida integrativa alla installazione GUIDA INTEGRATIVA ALL INSTALLAZIONE DEL SENDER Versione N.1.0 Data 11/05/2009 Versione 1.0, Data emissione 11/05/2009 Pag. 1 di 15 Revisione Capitolo Modifica Data 1.0 Prima Emissione 11/05/2009 Versione

Dettagli

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1 Struttura dei Componenti Servizi di un sistema operativo System Call Programmi di sistema Struttura del sistema operativo Macchine virtuali Progettazione e Realizzazione

Dettagli

Istruzioni di installazione di Intel Utilities

Istruzioni di installazione di Intel Utilities Istruzioni di installazione di Intel Utilities Queste istruzioni spiegano come installare Intel Utilities dal CD n. 1 di Intel System Management Software (per i due CD della versione solo in inglese) o

Dettagli

L ambiente di sviluppo Android Studio

L ambiente di sviluppo Android Studio L ambiente di sviluppo Android Studio Android Studio è un ambiente di sviluppo integrato (IDE, Integrated Development Environment) per la programmazione di app con Android. È un alternativa all utilizzo

Dettagli

www.cineinformatica.com

www.cineinformatica.com www.cineinformatica.com 8Start Launcher, facciamo ordine in Windows 8Start Launcher 1.6 è un software freeware progettato per rendere più usabili i sistemi operativi Windows, inoltre è anche un tool per

Dettagli

Visual basic base Lezione 01. L'ambiente di sviluppo

Visual basic base Lezione 01. L'ambiente di sviluppo L'ambiente di sviluppo L'ambiente di sviluppo Visual basic è un linguaggio di programmazione Microsoft. In questo corso prenderemo in considerazione, l'ultima versione. net di questo linguaggio. Microsoft

Dettagli

Cosa consente di fare Gea.Net App

Cosa consente di fare Gea.Net App Cosa consente di fare Gea.Net App Gea.Net App per Android e una piccola app che gira su device con sistema operativo Android condividendo i dati del gestionale Gea.Net. Questa versione permette di disporre

Dettagli

Manca un programma importante

Manca un programma importante Manca un programma importante Finalmente, dopo tutte le volte che si è notato che un programma che vorremmo usare manca, impareremo ad installare nuovi pacchetti in modo molto semplice. Si è già detto

Dettagli

Appunti dei corsi di Programmazione di Rete Sistemi di elaborazione: Reti II

Appunti dei corsi di Programmazione di Rete Sistemi di elaborazione: Reti II Appunti dei corsi di Programmazione di Rete Sistemi di elaborazione: Reti II PROF. G. BONGIOVANNI 0) INTRODUZIONE AL LINGUAGGIO JAVA PER PROGRAMMATORI C++...2 0.1) Caratteristiche principali... 2 0.1.1)

Dettagli

Modulo 6 Proviamo Wordpress gratuitamente

Modulo 6 Proviamo Wordpress gratuitamente Copyright Andrea Giavara wppratico.com Modulo 6 Proviamo Wordpress gratuitamente 1. Wordpress.com una piattaforma gratuita per il blogging 2. Installare Wordpress in locale 3. Creare un sito gratis con

Dettagli

Il SOFTWARE DI BASE (o SOFTWARE DI SISTEMA)

Il SOFTWARE DI BASE (o SOFTWARE DI SISTEMA) Il software Software Il software Il software è la sequenza di istruzioni che permettono ai computer di svolgere i loro compiti ed è quindi necessario per il funzionamento del calcolatore. Il software può

Dettagli

Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005

Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005 Sommario Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005 Introduzione.................................................................................. 1 SOAP........................................................................................

Dettagli

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Componenti del sistema Servizi di un sistema operativo Chiamate del sistema Programmi di sistema Struttura del sistema Macchine virtuali Progettazione e realizzazione

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Concetti base. Impianti Informatici. Web application

Concetti base. Impianti Informatici. Web application Concetti base Web application La diffusione del World Wide Web 2 Supporto ai ricercatori Organizzazione documentazione Condivisione informazioni Scambio di informazioni di qualsiasi natura Chat Forum Intranet

Dettagli

corrispondente server Web (l applicazione server) viene inviata una richiesta, alla quale il server normalmente risponde inviando la pagina HTML che

corrispondente server Web (l applicazione server) viene inviata una richiesta, alla quale il server normalmente risponde inviando la pagina HTML che Prefazione In questo volume completiamo l esplorazione del linguaggio Java che abbiamo iniziato in Java Fondamenti di programmazione. I due testi fanno parte di un percorso didattico unitario, come testimoniano

Dettagli

Strutture dei Sistemi Operativi

Strutture dei Sistemi Operativi Strutture dei Sistemi Operativi Componenti di sistema Servizi del sistema operativo Chiamate di sistema Programmi di sistema Struttura del sistema Macchine virtuali Progetto e implementazione di sistemi

Dettagli

DigiSiS. Manuale di installazione di una postazione Workstation per l utilizzo di Digital Sign Server

DigiSiS. Manuale di installazione di una postazione Workstation per l utilizzo di Digital Sign Server DigiSiS Manuale di installazione di una postazione Workstation per l utilizzo di Digital Sign Server Funzione emittente 10800 Servizi Professionali Redatto da Verificato da MU/ICCA Manuale installazione

Dettagli

Introduzione all ambiente di sviluppo

Introduzione all ambiente di sviluppo Laboratorio II Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio II. A.A. 2006-07 CdL Operatore Informatico Giuridico. Introduzione all ambiente di sviluppo Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio

Dettagli

Manuale Operativo per la firma digitale

Manuale Operativo per la firma digitale Manuale Operativo per la firma digitale Indice 1. Introduzione... 1 2. Installazione del lettore di smart card... 1 3. Installazione del Dike e Dike Util... 7 1. Premessa... 8 2. Installazione DikeUtil...

Dettagli

JAVA: storia e peculiarità

JAVA: storia e peculiarità JAVA: storia e peculiarità Code-Name Green Nome del progetto Sun con obiettivo di fornire intelligent consumer-electronic devices. Il risultato fu Oak Un linguaggio basato su C++ Creato da James Gosling

Dettagli

Indice: Introduzione 1 Strumenti di lavoro 2 Istallare Eclipse e SDK 3 Istallare l ADT in eclipse 4. Powered by: Vincenzo Acinapura

Indice: Introduzione 1 Strumenti di lavoro 2 Istallare Eclipse e SDK 3 Istallare l ADT in eclipse 4. Powered by: Vincenzo Acinapura Indice: Introduzione 1 Strumenti di lavoro 2 Istallare Eclipse e SDK 3 Istallare l ADT in eclipse 4 Introduzione Salve a tuttiù Mi presento mi chiamo Vincenzo Acinapura e studio ingegneria informatica,

Dettagli

Telematica II 5. Esercitazione/Laboratorio 1

Telematica II 5. Esercitazione/Laboratorio 1 IDE Ambiente di sviluppo IDE - Integrated Development Environment Telematica II 5. Esercitazione/Laboratorio 1 e un Ambiente di Sviluppo Integrato che consente di creare in modo semplice progetti composti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA Elaborato di Tecnologie del Software per Internet JMSWEB 2 SISTEMA PER LO SCAMBIO DI MESSAGGI TRA APPLICAZIONI

Dettagli

Introduzione ad Eclipse

Introduzione ad Eclipse Introduzione ad Eclipse Corso di Metodi Avanzati di Programmazione 2014-2015 Docente: Dr. Annalisa Appice Tutor di Laboratorio: dott. Roberto Corizzo Ambiente Eclipse Sommario Java: ambiente Eclipse L

Dettagli

Elementi del calcolatore: CPU

Elementi del calcolatore: CPU Elementi del calcolatore: CPU Elementi del calcolatore: Memoria Elementi del calcolatore: Memoria Elementi del calcolatore: Hard Disk Antefatto Sistema Operativo Come il computer appare Il calcolatore

Dettagli

Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP

Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP Corso di Gestione della Conoscenza d Impresa A. A. 2006/2007 Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Bari 1 Servlet e JSP: il contesto Un applicazione

Dettagli

Università degli Studi di Parma Facoltà di Ingegneria

Università degli Studi di Parma Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Parma Facoltà di Ingegneria Corso di Dispositivi Programmabili A - A.A. 2008_2009 Docente: Guido Matrella - guido.matrella@unipr.it Gruppo: Cozzani Federico - 185896 - fede.a.d.v.lerici@hotmail.it

Dettagli

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA Salerno Formazione, società operante nel settore della didattica, della formazione professionale e certificata

Dettagli

SPSS Inc. Data Access Pack - Istruzioni di installazione per Windows

SPSS Inc. Data Access Pack - Istruzioni di installazione per Windows i SPSS Inc. Data Access Pack - Istruzioni di installazione per Windows Per ulteriori informazioni sui prodotti software SPSS Inc., visitare il sito Web all indirizzo http://www.spss.it o contattare: SPSS

Dettagli

Info Architettura, JVM Installazione JDK (Windows, Linux) Hello world!

Info Architettura, JVM Installazione JDK (Windows, Linux) Hello world! Info Architettura, JVM Installazione JDK (Windows, Linux) Hello world! Laboratorio di Programmazione Esercitazioni - Iuri Frosio - frosio@dsi.unimi.it 1 Info Orario: Lunedì (8,30) 9,00 12,30, Aula 309

Dettagli

La prima applicazione Java con NetBeans IDE. Dott. Ing. M. Banci, PhD

La prima applicazione Java con NetBeans IDE. Dott. Ing. M. Banci, PhD La prima applicazione Java con NetBeans IDE Dott. Ing. M. Banci, PhD Creare la prima applicazione 1. Creare un progetto: Quando si crea un progetto IDE occorre creare un ambiente nel quale costruire e

Dettagli

I TUTOR. Massimiliano Cattafi e-mail: massimiliano.cattafi@student.unife.it. Ilaria Laurenti e-mail: ilaria.laurenti@student.unife.

I TUTOR. Massimiliano Cattafi e-mail: massimiliano.cattafi@student.unife.it. Ilaria Laurenti e-mail: ilaria.laurenti@student.unife. I TUTOR Massimiliano Cattafi e-mail: massimiliano.cattafi@student.unife.it Ilaria Laurenti e-mail: ilaria.laurenti@student.unife.it IL LABORATORIO Perché il laboratorio? Alcune problematiche si capiscono

Dettagli