LINGUAGGIO JAVA: LE BASI PER COMINCIARE SEGO - TECH TOWN TEAM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LINGUAGGIO JAVA: LE BASI PER COMINCIARE SEGO - TECH TOWN TEAM"

Transcript

1 LINGUAGGIO JAVA: LE BASI PER COMINCIARE SEGO - TECH TOWN TEAM STORIA DEL LINGUAGGIO JAVA Il linguaggio che siamo abituati a conoscere come JAVA non è sempre stato chiamato così e gli obiettivi per i quali fu progettato inizialmente erano ben diversi da quelli di oggi. La storia di Java possiamo farla partire dalla fine del A quel tempo la Sun Microsystem decise di mettere assieme un team di sviluppatori con lo scopo di sviluppare un architettura software platform-indipendent che potesse essere facilmente installabile e funzionante su dispositivi elettronici di dimensioni medio-piccole: articoli elettronici domestici per intenderci. Il gruppo di ricerca in questione era chiamato Green Team e al progetto fu naturalmente dato il nome Green Project. Il primo ostacolo col quale si trovarono a fare i conti, fu il problema dell indipendenza dalla piattaforma: è assai problematico sviluppare un prodotto software senza sapere su che background si può contare. Non si potevano infatti fare assunzioni di alcuni tipo su CPU e sistema operativo a disposizione. Come molti sanno Java è linguaggio object-oriented, che deve molto in termini di sintassi al C++. Qualcuno potrebbe chiedersi perché? Beh la risposta è piuttosto semplice: la prima versione del linguaggio Java fu sviluppata a partire da un compilatore C++. In questo fermento di idee che vedeva come pilastro fondamentale del progetto la capacità di essere platformindipendent nacque verso la metà del 1991 Oak (l antenato di Java), un linguaggio ad oggetti, sicuro e robusto. Il motivo di questo nome è da ricercare, a quanto dicono nella quercia che James Gosling (una delle menti pulsanti del Green Team che non a torto si potrebbe definire il papà di Java) vedeva attraverso la finestra del suo ufficio. Il team non si fermò qui e nel giro di un anno, un anno e mezzo (fine del 1992) presentò un prototipo simile ad un PDA chiamato *7 o Star7 che era interamente basato su tecnologie sviluppate dal team stesso: 1. il neo-nato Oak 2. GreenOs, un sistema operativo 3. una interfaccia utente 4. il dispositivo stesso Naturalmente il mercato di un prodotto simile era quello dell elettronica e il successo del prodotto fu tutto sommato discreto. Il team allora puntò gli occhi su una fetta più specifica di mercato: quello delle TV digitali. Gli sforzi si concentrarono quindi nel creare un dispositivo elettronico che interfacciato alle normali tv rendesse disponibile quello che viene definito comunemente video-on-demand, la possibilità di scegliere cosa vedere e quando vederla: in sostanza si trattava di rivoluzionare il normale concetto di apparecchio televisivo.

2 Nonostante gli sforzi del team, il progetto naufragò vista soprattutto la mancanza di interesse da parte degli stessi finanziatori. A quel punto Gosling e il suo team si chiesero quale poteva essere la direzione verso cui puntare. La risposta fu Internet! In quel periodo infatti il web stava cominciando a diventare sempre più di uso domestico, e questo grazie anche allo sviluppo di nuovi tool e software, fra tutti spicca il primo browser web Mosaic. Questo portò alla nascita vera e propria di Java. Le potenzialità di Java furono portate davanti agli occhi di tutti quando venne scritto HotJava 1.0, un browser web (scritto in Java) che grazie a Java stesso era in grado di visualizzare oggetti dinamici inseriti nelle normali pagine web. Il giorno della svolta è stato il 23 maggio 1995, quando Java venne finalmente presentato al pubblico da Sun Microsystem in occasione del SunWorld 95. Da lì a rendere disponibile un tool di sviluppo per Java il passo fu breve. Fu così che sul sito di Sun comparve il JDK 1.0. E naturale che il pubblico fu piacevolmente sorpreso da questo nuovo linguaggio e dalla sua filosofia che va sotto il nome di WORE ossi Write Once Run Everywhere. E bastato vedere col passare degli anni come questo sia vero: su qualsiasi dispositivo si voglia eseguire un programma scritto in java basta scrivere una VirtualMachine in grado di interpretare il bytecode ed il gioco è fatto! Le motivazioni del successo di Java penso siano piuttosto chiare: 1. La filosofia platform-indipendent (o WORE, vedi sopra): qualsiasi dispositivo che supporti una Java Virtual Machine è potenzialmente in grado di eseguire un programma scritto in Java 2. L essere un linguaggio object-oriented: Java grazie a concetti chiave come oggetto, information-hiding, ereditarietà, overloading, etc. incarna appieno la filosofia di programmazione ad oggetti. Questo fa di lui un linguaggio sicuro, pulito, robusto. 3. Sintassi chiara e pulita: scrivere programmi in Java è molto più facile che scriverli in altri linguaggi (C++ stesso). E quindi molto più semplice leggere e comprendere i sorgenti. L esempio forse più lampante è l uso del sistema di Garbage Collection che si occupa di gestire la deallocazione della memoria sprecata da oggetti ormai inutilizzati. Niente più quindi necessità di liberare esplicitamente lo spazio sprecato come si è abituati a fare in C/C L aver reso freeware il linguaggio (attenzione freeware è un qualcosa di diverso da opensource): tutti possono accedere ai tool di sviluppo, segnalare bug, contribuire al miglioramento del linguaggio stesso. 5. Aver abbracciato il web: abbiamo visto quanto importante sia stato per il successo di Java aver puntato sul web. Ancor oggi molto spesso quando si parla di Java molti fanno riferimenti diretti/indiretti al web. Oramai però Java è talmente maturo che ha permeato tutti i campi della programmazione: dal networking al 3d, dall editing audio alla programmazione database, fino ad arrivare allo sviluppo per dispositivi mobili come PDA, cellulari,etc. E indubbio quindi che Java abbia compiuto un grosso passo avanti rispetto a quel lontano ARCHITETTURE SOFTWARE DIFFERENTI: J2SE, J2EE, J2ME Col passare del tempo Java ha cominciato a diffondersi coprendo un vasto numero di campi, diversificando i propri target di applicazione. Questo ha portato alla situazione attuale in cui Sun propone tre differenti architetture software. Tutte sono naturalmente basate su Java, ma ognuna di esse è sostanzialmente indirizzata ad ambienti e dispositivi diversi tra loro e che sono: J2SE Java 2 Standard Edition J2EE Java 2 Enterprise Edition J2ME Java 2 Micro Edition La piattaforma J2SE è per così dire il nucleo della Tecnologia Java: chiunque decida di programmare in Java prima o poi si troverà ad utilizzarla. Potremmo dire che a differenza dalle altre due architetture la J2SE copre un target di utenza molto più ampio e vasto, ed è per questo che è la più utilizzata. Diamo ora uno sguardo all architettura nel suo complesso:

3 FIGURA - Piattaforma J2SE. Una distinzione che può andar fatta subito anche vedendo la figura è quella tra SDK e JRE. SDK sta per Software Development Kit, mentre JRE sta per Java Runtime Environment. Si capisce immediatamente come il JRE sia indispensabile per eseguire il bytecode Java, mentre l SDK è fondamentale perché fornisce tutti quegli strumenti per lo sviluppo degli applicativi come librerie, debugger e il compilatore javac. Entrambi sono scaricabili gratuitamente dal sito di Sun Microsystems. Con J2SE il programmatore può fare praticamente di tutto: networking, comunicazione con porte seriali e parallela, RMI, manipolazione audio, grafica 2D/3D, interfaccie grafiche avanzate, accesso ai database, espressioni regolari. Tutto questo mediante classi java ordinate e collezionate in packages: al programmatore non serve far altro che importare le classi giuste, creare gli oggetti necessari e invocare i metodi adatti. La piattaforma J2EE è un architettura appositamente studiata per lo sviluppo di applicazioni enterprise. Questa piattaforma sfrutta tutte le caratteristiche della J2SE aggiungendone di nuove, orientate allo sviluppo business di applicazioni distribuite scalabili e transazionali. Tecnologie fondamentali di questa piattaforma sono JSP (Java Server Pages) e Servlets che unite a EJB (Enterprise Java Beans) consentono di ottenere applicazioni fortemente improntate all ambito internet/intranet. In pratica queste tre tecnologie sono l esempio lampante di come si possano costruire applicazioni enterprise multi-tier unendo parte frontend (JSP e Servlet) con parte back-end (EJB). La piattaforma J2EE utilizza un approccio a componenti garantendo così la modularità e il riutilizzo del codice. Che significa tutto questo? Garantire la possibilità di riutilizzare in progetti differenti componenti software esistenti e precedentemente sviluppati. Il framework.net di casa Microsoft in un certo senso sta tentando di porsi come antagonista del framework J2EE proprio perché entrambi incarnano la filosofia a componenti. Infine altra caratteristica fondamentale della piattaforma J2EE è che fornisce pieno supporto per progettare, sviluppare e testare i Web Services (interfacce applicative disponibili su Internet) permettendo di interagire in maniera ottimale anche con altri web services o client che girano su piattaforme diverse. La piattaforma J2ME è un sottoinsieme della piattaforma J2SE, che è stato alleggerito ed ottimizzato per poter essere compatibile e funzionante su tutti quei dispositivi elettronici, portatili e non, che sono dotati di scarse risorse in termini di hardware (ad esempio CPU e memoria). Tipicamente quando si parla di programmazione J2ME si pensa alla programmazione dei palmari o dei cellulari. Anche se il target principale sembrano essere proprio questi dispositivi, la visione è piuttosto limitativa, visto che sono interessati da questa tecnologia anche: Internet-Tv, telefoni fissi digitali, console per videogiochi, strumenti per la navigazione satellitare. La tecnologia J2ME è piuttosto recente (annunciata nella metà 1999), ma non per questo è meno diffusa, visto che ormai grazie alla moda di aver un telefonino di ultima generazione o un PDA, molti (a volte senza neanche saperlo) sul proprio dispositivo fanno uso di tecnologia Java. L esempio più classico sono naturalmente i giochi per cellulare. L architettura J2ME proprio perché interessa una vasta gamma di dispositivi con caratteristiche spesso molto diverse fra loro è stato progettato in modo molto modulare per fare in modo che ogni componente risponda ad esigenze particolari.

4 Qui non andremo oltre ma basti sapere che particolari configurazioni determinato quale tipo di virtual machine verrà impiegata da una particolare classe di dispositivi, mentre i profili determinano quali moduli applicativi (in parole povere che tipo di import) potranno essere impiegati dalle diverse configurazioni. INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE (WINDOWS E LINUX) Non sapevo se scrivere o meno questa sezione. In realtà nel 99% dei casi per installare correttamente java e relativo sdk basterebbe seguire le informazioni che sono riportate nelle relative pagine di documentazione sul sito di Sun. E vero anche che molto spesso invece la gente scarica l sdk e installa semplicemente (senza configurare alcunché) e poi si trova di fronte a qualcosa di non perfettamente funzionante specie quando si tratta di andare a compilare manualmente i sorgenti utilizzando javac. Ecco quindi che fioccano le domande nei forum e nei gruppi di discussione. Questa sezione diciamo così è una sorta di traduzione-riassunto delle informazioni che si possono reperire sul sito della Sun. - WINDOWS: INSTALLAZIONE - Prima di installare una nuova versione dell sdk è consigliabile disinstallare qualsiasi versione precedentemente installata, specie se si tratta di una versione beta. Il file da scaricare è un file.exe facilmente prelevabile dalle pagine web di Sun. Una volta scaricato è sufficiente lanciare il programma di installazione. Da notare che su sistemi NT-like come win2000 o winxp è necessario disporre dei privilegi di amministratore di sistema. In fase di installazione è possibile riscontrare dei warning dovuti magari ad una versione di windows non supportata dall ultimo sdk (se non sbaglio è la versione 1.4.2) o semplicemente perché il sistema operativo necessità dell ultimo service pack. In questo caso è consigliabile dare un occhiata alla lista dei requisiti di sistema. - LINUX: INSTALLAZIONE - Sinceramente ho dovuto installare l sdk sotto linux solo un bel po di tempo fa. Infatti ultimamente molte (se non quasi tutte) distribuzioni linux permettono di installare l sdk in fase in installazione del sistema operativo, quando ci si trova a selezionare i pacchetti. In ogni caso è possibile scaricare dal sito di Sun l sdk in due formati: o il classico rpm oppure un file.bin autoestraente. Il file.bin ha il vantaggio che può essere installato da qualsiasi utente, a differenza della versione rpm che può essere installata solamente da chi ha accesso root, questo perché tipicamente va a sostituire la versione Java precedentemente installata con Linux..BIN FILE: 1. Controllare che il file abbia settati i permessi di esecuzione: chmod +x <nome-file>.bin 2. Posizionarsi nella directory dove si vuole installare 3. Lanciare l installazione:./<nome-file>.bin. Attenzione viene creata una cartella del tipo j2sdk<version>..rpm FILE: 1. Controllare che il file abbia settati i permessi di esecuzione: chmod +x <nome-file>.rpm.bin 2. Eseguire il file:./<nome-file>.rpm.bin. Attenzione viene estratto un file <nome-file>.rpm 3. Assumere i permessi di root, nel caso non se ne disponga già, mediante il comando su. 4. Lanciare il comando: rpm iv <nome-file>.rpm 5. Cancellare pure i file.rpm e.bin. 6. Chiudere la shell di root. - WINDOWS & LINUX: CONFIGURAZIONE VARIABILI D AMBIENTE- Una volta che l installazione è andata a buon fine si può passare alla configurazione delle variabili d ambiente che ci permettono di sfruttare in maniera ottimale l sdk appena installato. La variabile fondamentale da settare è PATH. Questo ci permette di utilizzare i tool da linea di comando (java.exe, javac.exe, etc.) senza ogni volta dover specificare il percorso. In sistemi Linux basta aggiungere nel.profile o.bashrc la stringa: export PATH=$PATH:/<percorso>/<dell sdk>/bin In sistemi NT, Win2000 e WinXP: 1. entrare in Pannello di Controllo e selezionare la voce Sistema 2. clickare su Avanzate->Variabili d ambiente 3. aggiungere al path già esistente: ;C:\<percorso>\<dell sdk>\bin\ In sistemi Win98: 1. modificare il file autoexec.bat come al punto 3 sopra. Altra variabile che è utile settare è la variabile JAVA_HOME che viene utilizzata da programmi (ad esempio Tomcat) e altri tool per verificare dove sia installato l sdk. Quindi la variabile va configurata in maniera analoga a quanto visto precedentemente solo che questa volta la si fa puntare alla directory base del kit installato e non alla sottodirectory bin. Infine è buona prassi configurare anche la variabile CLASSPATH che dovrebbe puntare alle varie librerie che dovrebbero essere utilizzate dai file java. Tipicamente la si fa puntare alla sottocartella jre\lib\, anche se nulla vieta di modificarla appositamente per farla puntare anche ad altre dir in cui siano contenute magari file.jar e librerie scaricate da Internet o da noi progettate.

5 SEMPLICE EDITOR O IDE AVANZATO? Indubbiamente chi ha avuto qualche esperienza di programmazione sa benissimo che c è una differenza abissale tra lo scrivere codice usando il semplice editor di testi e lo scrivere codice usando un ambiente di sviluppo avanzato. Il consiglio che posso dare è quello di usare sempre e comunque un IDE, laddove sia possibile farlo. Questo non significa che non si debbano conoscere i comandi fondamentali come java o javac o ancora jar. E importante conoscerne il loro funzionamento fondamentale, perché può sempre capitare che ci si trovi in situazioni in cui sia impossibile scaricare/installare un ide e sia necessario compilare i propri sorgenti manualmente. E indubbio però che l utilizzo di un buon IDE oltre che fornire comode funzionalità quali completamente automatico del codice, autoindentazione, javadoc istantaneo, etc. permette di sviluppare programmi in maniera molto più veloce. Per quanto mi riguarda, fino ad ora ho avuto esperienze con ide come ECLIPSE e NETBEANS. Ognuno di questi programmi ha caratteristiche proprie che li rendono diversi l uno dall altro. Di sicuro quello che ho utilizzato di più è stato Netbeans che pur essendo un ottimo IDE, molto versatile e ricco di funzionalità si rivela piuttosto pesante se paragonato con il suo avversario Eclipse, decisamente più performante e veloce. Tuttavia come dicevo ciascuno in un modo o in un altro porta acqua al proprio mulino. Eclipse si rivela eccezionale qualora ci si trovi nella situazione di dover effettuare dei confronti tra sorgenti (come mi è successo di recente). La funzionalità di compare in esso integrata è in grado di effettuare delle analisi approfondite delle differenze strutturali che caratterizzano i singoli package o il progetto intero, permettendo poi di scendere in profondità analizzando le differenze tra file sorgenti.java veri e propri. D altra parte Netbeans si è rivelato un ottimo strumento qualora ci si trovi a dover sviluppare progetti di medie dimensioni riguardanti che richiedano l uso di servlet e jsp. Esso è dotato internamente di un motore Tomcat che permette così il test delle applicazioni sviluppate senza la necessità di dover installare a parte il servlet-engine Tomcat. E infatti semplicissimo creare una web application: si crea un webmodule e poi si precede alla creazione delle servlet e delle pagine jsp necessarie. Lo sviluppo di web application con Eclipse non è invece così immediato e richiede infatti oltre che l installazione del Tomcat vero e proprio anche l installazione/configurazione di un plugin adeguato. Niente di così impossibile, ma nulla di paragonabile all immediatezza di Netbeans. Questi che vi ho portato davanti agli occhi sono solo alcuni esempi: questo per far capire come ogni IDE possieda caratteristiche spesso diverso da un altro e che fanno di lui uno strumento adatto in particolari situazioni e meno in altre. Un altro ottimo IDE di cui ho sentito parlar bene (anche se non l ho mai usato) specie per quanto riguarda lo sviluppo di applicazioni visuali è il JBuilder della Borland, che se non vado errato nella versione Personal è disponibile gratuitamente per il download. Morale: provate vari ide e vedete quello che fa per voi! DOCUMENTAZIONE E MATERIALE ON-LINE Spesso chi si trova di fronte ad un nuovo argomento di studio ha il problema di trovare il materiale giusto con cui cominciare e approfondire le proprie conoscenze. Beh vi dico sin da ora che non avrete di certo molti problemi a trovare documentazione o materiale in rete che riguardi java. Quello che voglio fare io in questo piccolo spazio è tentare di segnalare i link, i documenti che a mio parere possono aiutare molto nello studio di questo linguaggio di programmazione. EBOOK E TUTORIALS: - THINKING IN JAVA 3RD EDITION: - JAVA MATTONE SU MATTONE: - MOKABOOK: - J2SE DOCUMENTATION: - CORSO JAVA ON-LINE: LINK UTILI: Infine un piccolo consiglio, cercando su google troverete on-line molti libri della O Reilly che trattano di Java. Sono ottimi e ben scritti quindi buona ricerca!

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma Dev C++ Note di utilizzo 1 Prerequisiti Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma 2 1 Introduzione Lo scopo di queste note è quello di diffondere la conoscenza

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Il linguaggio Java. Concetti base. I packages

Il linguaggio Java. Concetti base. I packages Il linguaggio Java I packages Concetti base Un package è una collezione di classi ed interfacce correlate che fornisce uno spazio dei nomi ed un controllo sugli accessi Un package facilita il reperimento

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa di Ilaria Lorenzo e Alessandra Palma Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa Code::Blocks

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi Il portafoglio VidyoConferencing Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi La qualità HD di Vidyo mi permette di vedere e ascoltare

Dettagli

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it izticket Il programma izticket permette la gestione delle chiamate di intervento tecnico. E un applicazione web, basata su un potente application server java, testata con i più diffusi browser (quali Firefox,

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura Dev-Pascal 1.9.2 1 Dev-Pascal è un ambiente di sviluppo integrato per la programmazione in linguaggio Pascal sotto Windows prodotto dalla Bloodshed con licenza GNU e liberamente scaricabile al link http://www.bloodshed.net/dev/devpas192.exe

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici Sommario Sommario... 1 Parte 1 - Nuovo canale di sicurezza ANPR (INA-AIRE)... 2 Parte 2 - Collegamento Client INA-SAIA... 5 Indicazioni generali... 5 Installazione e configurazione... 8 Operazioni di Pre-Installazione...

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

1.1.1 ATLAS Postazione Studente : CONFIGURAZIONE DI ATLAS CON CLIENT LINUX

1.1.1 ATLAS Postazione Studente : CONFIGURAZIONE DI ATLAS CON CLIENT LINUX 1.1.1 ATLAS Postazione Studente : CONFIGURAZIONE DI ATLAS CON CLIENT LINUX Configurazione di Atlas con client Linux DESCRIZIONE Di seguito sono descritte le operazioni da effettuare per configurare correttamente

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

come installare wordpress:

come installare wordpress: 9-10 DICEMBRE 2013 Istitiuto Nazionale Tumori regina Elena come installare wordpress: Come facciamo a creare un sito in? Esistono essenzialmente due modi per creare un sito in WordPress: Scaricare il software

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto

Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto Giovanni Dimauro 1, Marzia Marzo 2 1 Dipartimento di Informatica, Università degli Studi di Bari, dimauro@di.uniba.it

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Nella sezione del sito come partecipare sono presenti tutte le istruzioni utili ad un nuovo utente di Obiettivo Infermiere.

Nella sezione del sito come partecipare sono presenti tutte le istruzioni utili ad un nuovo utente di Obiettivo Infermiere. Istruzioni esemplificate per Iscrizione e fruizione Corsi ECM FAD La nuovissima piattaforma proprietaria FAD Ippocrates3 adottata a partire da gennaio 2013 da SANITANOVA S.r.l., è in grado di dimensionare

Dettagli

File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2

File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2 File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2 INDICE Indice File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2...4 Requisiti di sistema: QLA Server...5 Requisiti di sistema:

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta Web Conferencing and Collaboration tools Passo 1: registrazione presso il sito Accedere al sito www.meetecho.com e registrarsi tramite l apposito form presente nella sezione Reserved Area. In fase di registrazione

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE INTRODUZIONE BENVENUTO Benvenuto in SPARK XL l applicazione TC WORKS dedicata al processamento, all editing e alla masterizzazione di segnali audio digitali. Il design di nuova

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Utilizzare Dev-C++ Tutti i programmi che seranno realizzati richiedono progetti separati

Dettagli

Web Solution 2011 EUR

Web Solution 2011 EUR Via Macaggi, 17 int.14 16121 Genova - Italy - Tel. +39 010 591926 /010 4074703 Fax +39 010 4206799 Cod. fisc. e Partita IVA 03365050107 Cap. soc. 10.400,00 C.C.I.A.A. 338455 Iscr. Trib. 58109 www.libertyline.com

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

Il compilatore Dev-C++

Il compilatore Dev-C++ Il compilatore Dev-C++ A cura del dott. Marco Cesati 1 Il compilatore Dev-C++ Compilatore per Windows: http://www.bloodshed.net/devcpp.html Installazione Configurazione Utilizzazione 2 1 Requisiti di sistema

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Problema: al momento dell autenticazione si riceve il messaggio Certificato digitale non ricevuto Possibili cause: 1) La smart card non è una CNS e

Problema: al momento dell autenticazione si riceve il messaggio Certificato digitale non ricevuto Possibili cause: 1) La smart card non è una CNS e Problema: al momento dell autenticazione si riceve il messaggio Certificato digitale non ricevuto Possibili cause: 1) La smart card non è una CNS e non contiene il certificato di autenticazione: è necessario

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Enterprise Content Management vi semplifica la vita Enterprise-Content-Management Gestione dei documenti Archiviazione Workflow www.elo.com Karl Heinz

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company Manuale di installazione Data Protector Express Hewlett-Packard Company ii Manuale di installazione di Data Protector Express. Copyright Marchi Copyright 2005 Hewlett-Packard Limited. Ottobre 2005 Numero

Dettagli

U.N.I.F. - UNIONE NAZIONALE ISTITUTI di ricerche FORESTALI

U.N.I.F. - UNIONE NAZIONALE ISTITUTI di ricerche FORESTALI G.U.FOR. Gestione Utilizzazioni FORestali Procedura sperimentale, inerente la gestione centralizzata dei dati relativi alle utilizzazioni forestali (taglio, assegno, collaudo e vendita dei prodotti legnosi)

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Il Tutorial per BlueJ

Il Tutorial per BlueJ Il Tutorial per BlueJ Versione 1.4 per BlueJ Versione 1.2.x Michael Kölling Mærsk Institute University of Southern Denmark Tradotto in italiano da Vito Di Viggiano, Orlando Demauro, Gianluca Leo, Gianpaolo

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment Bloodshed Dev-C++ Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio IDE = Integrated Development Environment Gerardo Pelosi 01 Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 Dev-C++ - Installazione Potete

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Guida all'uso di StarOffice 5.2

Guida all'uso di StarOffice 5.2 Eraldo Bonavitacola Guida all'uso di StarOffice 5.2 Introduzione Dicembre 2001 Copyright 2001 Eraldo Bonavitacola-CODINF CODINF COordinamento Docenti INFormati(ci) Introduzione Pag. 1 INTRODUZIONE COS'È

Dettagli

Suggerimenti forniti da MetaQuotes per l utilizzo di MetaTrader 4 con Mac OS

Suggerimenti forniti da MetaQuotes per l utilizzo di MetaTrader 4 con Mac OS Suggerimenti forniti da MetaQuotes per l utilizzo di MetaTrader 4 con Mac OS Nonostante esistano già in rete diversi metodi di vendita, MetaQuotes il programmatore di MetaTrader 4, ha deciso di affidare

Dettagli

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti APRS su Linux con Xastir Installazione dai sorgenti L installazione di Xastir Per installare Xastir non è richiesto essere un guru di Linux, anche se una conoscenza minima della piattaforma è necessaria.

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

Manuale di KDE su Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci

Manuale di KDE su Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Usare KDE su 6 3 Funzionamento interno 8

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI ASPETTI: SCENARI DI ADOZIONE INDUSTRIALE

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI ASPETTI: SCENARI DI ADOZIONE INDUSTRIALE PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI ASPETTI: SCENARI DI ADOZIONE INDUSTRIALE Il grande successo della programmazione orientata agli oggetti non ha limitato la ricerca di nuovi paradigmi e tecnologie che possano

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli