DT7 - Analisi di scenari tecnologici e identificazione di un

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DT7 - Analisi di scenari tecnologici e identificazione di un"

Transcript

1 Realizzazione Studi di Settore al fine di facilitare l'emersione di cluster di imprese operanti nel settore ICT Intervento SD07B) CLUOS DT7 - Analisi di scenari tecnologici e identificazione di un numero limitato di piattaforme tecnologiche per lo sviluppo di cluster locali di PMI ICT Destinatario Regione Campania DING- Dipartimento di Ingegneria dell Università del Sannio 1

2 Indice Premessa Introduzione Organizzazione del documento Caratterizzazione delle imprese ICT Distribuzione delle imprese ICT per tipologia di cliente Distribuzione delle imprese ICT per tipologia di prodotti Distribuzione delle imprese ICT per competenze delle risorse umane Considerazioni Descrizione dei Cluster Tecnologie ICT Tecnologie Orientate agli Oggetti Tecnologie DBMS Tecnologie di Programmazione non OO Tecnologie per il WEB Gestione del ciclo di vita Service Oriented Architecture (SOA) SAP Tecnologia per immagini virtuali Open Source Software Meccanica Elettronica Reti SDH Descrizione dei Cluster identificati Piattaforme tecnologiche Piattaforme tecnologiche generiche Piattaforme tecnologiche specialistiche Piattaforme tecnologiche innovative Piattaforme software Product Lifecycle Management (PLM) Enterprise resource Planning (ERP) Service Delivery Platform (SDP) Customer Relationship Management (CRM) Content Management System (CMS) Enterprise Content Management (ECM) Piattaforme per lo sviluppo software Sistemi per la logistica ed il controllo E-learning E-government Associazione tra le piattaforme Conclusioni Bibliografia Indice delle Figure Indice delle Tabelle

3 PREMESSA Il presente documento è finalizzato a fornire alla Regione Campania una analisi dello stato dell ICT e delle aziende campane basandosi sull analisi dei dati raccolti ed organizzati secondo le linee guida delineate nei precedenti deliverable. L attività è stata svolta tenendo conto degli scenari tecnologici ed applicativi e delle aree di forecasting tecnologico di potenziale impatto sul sistema regionale ICT campano che sono state oggetto dei deliverable precedenti Le finalità del documento sono state perseguite a partire dai dati elaborati nel corso del progetto sul settore ICT con riferimento alle caratteristiche specifiche del contesto delle PMI Campane operanti nel settore. 3

4 1. Introduzione Per rafforzare e sostenere le competenze sviluppate dalle imprese ICT nei progetti finanziati e per stimolare la competitività sia a livello nazionale che internazionale, i contenuti dei progetti stessi, oltre che essere per loro natura innovativi, devono rientrare in aree tematiche ritenute strategiche a livello non solo nazionale ma anche europeo e mondiale. Questo consentirà alle piccole e medie imprese campane una più facile partecipazione a progetti di ricerca sia nazionali che internazionali e la formazione di consorzi di imprese tesi a far massa critica per la produzione su larga scala di prodotti innovativi di interesse diffuso. Per l analisi dello stato dell arte in ambito tecnologico e di capacità di competere sul mercato ICT sono stati considerati i dati relativi a tre caratterizzazioni statistiche condotte durante il progetto: distribuzione delle imprese ICT per tipologia di cliente, distribuzione delle imprese ICT per tipologia di prodotti e Distribuzione delle imprese ICT per competenze delle risorse umane. Tali analisi sono state poi ulteriormente dettagliate e la classificazione ha portato alla descrizione di raggruppamenti di tecnologie e competenze: le piattaforme tecnologiche. Tali piattaforme consentono un maggiore focalizzazione degli obiettivi aziendali ed il loro orientamento a fruttuose collaborazioni inter-aziendali. 1.1 Organizzazione del documento Nei paragrafi seguenti sono riportati un breve descrizione delle analisi effettuate sulle aziende e la descrizione dei risultati. Tali analisi sono poi impiegate per definire e descrivere delle piattaforme tecnologiche per raggruppare le aziende ICT. 4

5 2. Caratterizzazione delle imprese ICT Di seguito vengono illustrati i principali risultati emersi dall indagine avente per oggetto le piccole e medie imprese ICT della regione Campania. Le analisi sono state condotte, nell ambito del progetto, per identificare e caratterizzare le imprese nelle loro caratteristiche economiche, tecnologiche e giuridiche. In questo documento considereremo le analisi relative a tre caratterizzazioni di interesse per i raggruppamenti in piattaforme tecnologiche e di competenza. Le tre caratterizzazioni sono quelle basate su: distribuzione delle imprese ICT per tipologia di cliente, distribuzione delle imprese ICT per tipologia di prodotti e distribuzione delle imprese ICT per competenze delle risorse umane. La distribuzione delle imprese per tipologia di cliente consente di identificare l obiettivo delle attività produttive di una azienda e conseguentemente permette di definire la natura dei processi produttivi e realizzativi. La tipologia di prodotti consente una ulteriore caratterizzazione dei processi produttivi e dei loro obiettivi commerciali e tecnologici. La competenza delle risorse umane, infine, consente di identificare la natura delle tecnologie impiegate dalle aziende in relazione alla capacità di tradurre in un processo produttivo l accesso a metodologie e tecniche proprie di settori differenti delle discipline informatiche. Di seguito presenteremo una descrizione delle categorie identificate nelle varie analisi e una breve discussione dei risultati, disponibili in forma maggiormente dettagliata negli altri documenti di progetto. 2.1 Distribuzione delle imprese ICT per tipologia di cliente La prima caratterizzazione statistica impiegata durante le analisi delle imprese ICT è stata orientata ad identificare la natura dei clienti tipo per le aziende. Il seguente grafico illustra, impiegando un istogramma a barre, la situazione delle aziende rispetto alle tipologie di cliente 5

6 28,68% 21,32% 14,71% 8,82% 7,35% 5,15% 3,68% 2,94% 2,94% 1,47% 1,47% 1,47% Professionisti e piccole imprese Enti pubblici Locali Medie e grandi imprese di servizi Medie e grandi imprese ad alta tecnologia Medie e grandi imprese manifatturiere Grandi imprese del settore aereospaziale Clienti interni Consumatori finali Università Alberghi e ristoranti Enti pubblici extra- Locali Mercati vari Figura 1. Istogramma raffigurante la distribuzione delle imprese ICT per tipologia di cliente. Come è possibile vedere dal grafico esistono tre tipologie di clienti preminenti nel mondo ICT campano che sono: I professionisti e le piccole imprese Enti pubblici locali Medie e grandi imprese di servizi Le imprese ICT quindi stabiliscono relazioni di fornitura dei loro prodotti soprattutto con piccole realtà imprenditoriali, professionisti o piccole imprese oppure con enti pubblici su scala locale. Rilevante è anche l interazione con PMI presenti nel mondo dei servizi. Queste tre tipologie di clienti coprono il 64% circa dei clienti delle imprese ICT. Un 16%, circa, è dedicato a clienti di tipo PMI tecnologiche o manifatturiere. Vi sono poi altre sette diverse tipologie di cliente che in modo frammentario coprono il rimanente 20% circa delle tipologie. 2.2 Distribuzione delle imprese ICT per tipologia di prodotti La seconda caratterizzazione considerata tra le analisi statistiche ottenute durante il progetto riguarda la natura dei prodotti realizzati dalle aziende ICT nelle loro attività produttive nei confronti dei clienti identificati al punto precedente. 6

7 Software Consulenza IT Servizi IT Software gestionali Customizzazione software Commercializzazione hw e sw Ricerca e sviluppo Consulenza aziendale Servizi internet Sw per servizi CAD/CAM Componenti per uso aerospaziale Piattaforme per l'e-learning Sistemi integrati hw sw Reti Servizi telecomunicazioni Call center Monitoraggio controllo tracciabilità Impiantistica Progettazione meccanica Servizi internet/giochi on line Prodotti CRM in ambiente client/server Formazione Piattaforma e-governement Produzione hw Integrazione Hw e sw per uso spaziale Software per l'edilizia Software alberghi e ristoranti Figura 2. Istogramma raffigurante la distribuzione delle imprese ICT per tipologia di prodotti. Il prodotto sviluppato in modo preminente, viene identificato, dalle stesse imprese, come prodotto software generico e quindi lo si può meglio descrivere come sistemi o componenti generiche da impiegare nelle forniture di prodotti e servizi per i clienti identificati nella analisi precedente. La natura dei cliente permette di identificare tali software come software di natura generale orientati a soddisfare esigenze specifiche. Un altra fetta rilevante è relativa alla fornitura di consulenza e di servizi riguardanti il settore IT in generale, attività orientata a soddisfare la necessità di gestire prodotti IT o usufruire di servizi IT che i clienti preferiscono non gestire autonomamente. Di seguito si rilevano prodotti software per la realizzazione di funzionalità orientata ai servizi, alle attività gestionali, di archiviazione e altre funzionalità ausiliare a queste. Continuando l analisi si rilevano tipologie di prodotti rilevanti nell ambito della customizzazione del software, ovvero realizzazione di prodotti aventi come target il cliente specifico. Di interesse minore risultano i prodotti che integrano componenti hardware e software. Di rilevanza minore sono le attività svolte nell ambito della ricerca e dello sviluppo di nuove tipologie di servizi ed applicazioni. Seguono attività di consulenza alle aziende di natura generica, non relative e ristrette solo alle teconologie IT ma che le coinvolgono solo parzialmente. Vi sono poi un numero elevato 7

8 di altre tipologie di prodotti meno rilevanti come peso generale ma che evidenziano la capacità delle imprese ICT di proporsi nei vari aspetti del multiforme mercato che le riguarda. 2.3 Distribuzione delle imprese ICT per competenze delle risorse umane L ultimo aspetto di caratterizzazione delle imprese ICT che si è tenuto in considerazione è quello legato alle competenze delle risorse umane impiegate dalle imprese. Programmazione O.O. Linguaggi Web Reti Meccanica Programmazione NON O.O. Progettazione DB n.d. Sap Esperti marketing Assemblaggio e riparazione Tecnologie per immagini virtuali SOA SDH PLM OSS EDM Elettronica Figura 3. Istogramma raffigurante la distribuzione delle imprese ICT per competenze delle risorse umane. La competenza relativa alla programmazione Orientata agli Oggetti (Paradigma O.O.) raccoglie i maggiori consensi nell ambito delle imprese ICT essendo vista come una metodologia che non solo consente una elevata efficacia durante le fasi di sviluppo e realizzazione di applicazioni software ma consente anche una elevata efficienza durante le successive fasi di manutenzione e gestione delle applicazioni durante il loro ciclo di vita. La programmazione O.O. viene dichiarata come competenza posseduta dal 48% delle aziende. Le competenze immediatamente seguenti tra quelle dichiarate dalle aziende riguardano i Linguaggi per il Web e le reti di computer, tecnologie abilitanti alla realizzazione di applicazioni distribuite ed accessibili mediante internet. Tali competenze sono presenti nel 26% circa delle aziende. Vi sono poi metodologie inerenti il trattamento di tecnologie riguardanti il settore della meccanica, rilevanti per il 6% circa delle aziende. 8

9 Seguono svariati altri settori con percentuali molto ridotte, di cui si considerano come rilevanti solo quelle relative alla programmazione di tipo non Orientato agli Oggetti, quindi di tipo procedurale un paradigma usato precedentemente a quello O.O. ed ancora in uso in alcune nicchie del mondo ICT. Tale metodologia è dichiarata dal 4% delle aziende. 2.4 Considerazioni Le caratterizzazioni illustrate e riassunte sono state impiegate per identificare dei cluster di tecnologie da impiegare. Nel seguito ogni cluster verrà identificato rispetto al prodotto realizzato, legato ad un tipo di cliente quindi, ed alle competenze coinvolte. Le competenze di ogni cluster verranno quindi descritte rispetto alle tecnologie ed alle metodologie dichiarate. 9

10 3. Descrizione dei Cluster In questa parte del documento si considereranno i cluster identificati rispetto ai prodotti realizzati e le rispettive competenze dichiarate dalle aziende. CLUSTER Cliente Competenze 1. Commercializzazione 2. Componenti meccaniche 3. Consulenza 4. Customizzazione SW 5. Integrazione Hw e SW 6. Piattaforme SW Professionisti e piccole imprese 71% Programmazione NON O.O. 29% Enti pubblici Locali 15% Assemblaggio e riparazione hw 29% Consumatori finali 14% Programmazione O.O. 14% Linguaggi web 14% Reti 14% Grandi imprese del settore aereospaziale 40% Meccanica 60% Medie e grandi imprese ad alta tecnologia 40% Programmazione O.O. 20% Clienti interni 20% PLM 20% Enti pubblici Locali 42% Programmazione O.O. 54% Medie e grandi imprese di servizi 27% Linguaggi Web 15% Medie e grandi imprese manifatturiere 12% SAP 8% Professionisti e piccole imprese 12% Medie e grandi imprese ad alta tecnologia 7% Medie e grandi imprese di servizi 33% Programmazione O.O. 67% Medie e grandi imprese manifatturiere 22% Linguaggi Web 11% Professionisti e piccole imprese 22% Reti 11% Medie e grandi imprese ad alta tecnologia 12% Progettazione DB 11% Enti pubblici Locali 11% Professionisti e piccole imprese 28% Programmazione O.O. 29% Enti pubblici Locali 15% Reti 29% Grandi imprese del settore aereospaziale 15% Programmazione NON O.O. 14% Medie e grandi imprese di servizi 14% Progettazione DB 14% Medie e grandi imprese manifatturiere 14% Meccanica 14% Medie e grandi imprese ad alta tecnologia 14% Università 60% Programmazione O.O. 60% Enti pubblici Locali 20% Linguaggi Web 20% Medie e grandi imprese ad alta tecnologia 20% Progettazione DB 20% 7. R&S Clienti interni 57% Programmazione O.O. 57% Enti pubblici extra locali 15% SOA 15% Medie e grandi imprese ad alta tecnologia 14% Elettronica 14% Università 14% Tecnologie per immagini virtuali 14% Medie e grandi imprese di servizi 50% 8. Reti Reti 100% 9. Servizi ICT Professionisti e piccole imprese 46% Linguaggi Web 58% Consumatori finali 12% Programmazione O.O. 25% Medie e grandi imprese di servizi 12% Reti 8% Medie e grandi imprese manifatturiere 12% Esperti marketing 5% Enti pubblici Locali 8% SDH 4% Mercati vari 5% Medie e grandi imprese ad alta tecnologia 5% 10

11 10. SW gestionale 11. SW per l'ingegneria 12. SW TLC 13. n.cl. Professionisti e piccole imprese 42% Programmazione O.O. 71% Enti pubblici Locali 29% Linguaggi Web 17% Medie e grandi imprese di servizi 12% Programmazione NON O.O. 8% Alberghi e ristoranti 8% Progettazione DB 4% Enti pubblici extra locali 5% Medie e grandi imprese ad alta tecnologia 4% Professionisti e piccole imprese 38% Programmazione O.O. 69% Grandi imprese del settore aereospaziale 30% Meccanica 31% Enti pubblici Locali 16% Medie e grandi imprese ad alta tecnologia 16% Medie e grandi imprese di servizi 50% Programmazione O.O. 50% Mercati vari 50% OSS 50% Enti pubblici Locali 60% Linguaggi Web 20% Medie e grandi imprese di servizi 20% Programmazione O.O. 20% Medie e grandi imprese manifatturiere 20% Reti 20% Tabella 1. Tabella descrittiva dei Cluster di imprese per prodotti, con i relativi clienti e le competenze dichiarate dalle aziende appartenenti al Cluster. Dalla tabella si possono vedere i 12 cluster identificati, più un 13esimo cluster che raggruppa tipologie di prodotti di natura generica e non caratterizzabili con una specificità sufficiente. Di seguito descriveremo, nel dettaglio le tecnologie dichiarate dalle aziende e che caratterizzano i differenti cluster. Forniremo quindi una descrizione dei cluster dal punto di vista del prodotto realizzato. 3.1 Tecnologie ICT In questo raggruppamento di competenze rientrano tutte le tecnologie e le metodologie di natura strettamente ICT che sono state suddivise in diverse categorie, per rendere possibile una migliore rilevazione delle effettive competenze delle aziende Tecnologie Orientate agli Oggetti Le tecnologie O.O. che supportano solo il paradigma di programmazione orientata agli oggetti sono Smalltalk ed Eiffel(poco usati). Le tecnologie che supportano anche il paradigma di programmazione orientata agli oggetti sono: C++; Java; Delphi; Python; 11

12 C#; Visual Basic.NET; Prendiamo in considerazione il C++ [1], le sue caratteristiche peculiari sono: - è un linguaggio di programmazione orientato agli oggetti, con tipizzazione statica, supporta l'ereditarietà multipla e programmazione generica con i template; - è possibile scrivere programmi C validi anche come programmi C++ - ha una libreria standard. Di particolare importanza è la Standard Template Library (STL), la parte della libreria standard che utilizza i template per implementare contenitori generici, come vettori, code, array associativi, e così via; - manipolazione degli oggetti tramite puntatori; Problematiche: - a causa della variabilità del comportamento dei compilatori nel maneggiare le funzioni più avanzate del linguaggio, i programmatori C++ che scelgono di farne uso si rivolgono ad un'architettura (processore, sistema operativo e compilatore) particolare sacrificando la portabilità su altre piattaforme. Ci sono però standard di terze parti per particolari macchine o sistemi operativi che cercano di standardizzare i compilatori per tali piattaforme, ad esempio l'abi per C++, ed ora molti compilatori hanno standardizzato questi elementi; - lo standard del C++ non specifica l'implementazione della decorazione dei nomi, della gestione delle eccezioni e altre funzioni specifiche dell'implementazione, e ciò rende incompatibile il codice oggetto prodotto da compilatori diversi; - non supporta con librerie proprie la costruzione di GUI; supporto: - compilatori per C++ sono: GCC (disponibile per molte piattaforme diverse), MinGW (porting di GCC per Windows) e DJGPP. Oltre a questi ci sono i compilatori commerciali come VisualC++ e il compilatore di Borland C++ Builder. Consideriamo ora il linguaggio Java [2]: - la piattaforma di programmazione Java è fondata sul linguaggio stesso, sulla Macchina virtuale Java (Java Virtual Machine o JVM) e sulle API Java; - la sintassi di base (strutture di controllo, operatori e così via) è stata 12 alla

13 mantenuta pressoché identica a quella del C; - è completamente orientato agli oggetti; - manipolazione trasparente degli oggetti tramite riferimenti; - è indipendente dalla piattaforma: possibile con la compilazione del codice di Java in un linguaggio intermedio, il bytecode, eseguito dalla JVM; - contenere strumenti e librerie per il networking; - è progettato per eseguire codice da sorgenti remote in modo sicuro: Un Java applet è un particolare tipo di applicazione che può essere avviata all'interno del browser dell'utente, eseguendo codice scaricato da un server web remoto. Questo codice viene eseguito in un'area (sandbox) altamente ristretta, che protegge l'utente dalla possibilità che il codice sia malevolo o abbia un comportamento non desiderato. Presuppone che il client in cui essi vengono eseguiti abbia installata la JRE; - possibilità di costruire GUI (interfacce grafiche) con strumenti standard e non proprietari utilizzando i package java.awt e javax.swing; - supporta il multithreding; - supporta la programmazione generica; - supporta la reflection (la capacità di un programma di agire sulla propria struttura e di utilizzare classi caricate dinamicamente dall'esterno); - vastità delle librerie standard di cui il linguaggio è dotato, e che in particolare contribuiscono a renderlo altamente integrabile con le altre tecnologie. Supporto: - JDK Java Development Kit, comprende Java Runtime (la virtual machine e le librerie di classi), e gli strumenti di sviluppo (es. il compilatore Java); - JRE pacchetto che comprende solo Java runtime. Le caratteristiche della tecnologia Delphi sono: - è sia un linguaggio di programmazione sia un ambiente di sviluppo; - è molto utilizzato per lo sviluppo di applicazioni desktop e aziendali che utilizzano database, ma essendo uno strumento di sviluppo di carattere generico lo si può utilizzare per molti tipi di progetti; - manipolazione degli oggetti tramite puntatori; - le componenti principali degli ambienti di lavoro Delphi sono il 13

14 linguaggio, Delphi, la VCL (Visual Component Library) e CLX (Component Library for Cross Platform), e una facile e robusta connettività ai database, combinati con un potente IDE (Integrated Development Environment) e altri strumenti di supporto; - Può compilare in un singolo eseguibile, semplificando la distribuzione e riducendo i problemi di diverse versioni delle DLL; - La VCL e i componenti di altri produttori sono solitamente disponibili con il codice sorgente; - Compilatore potente, veloce e ottimizzante; - Compilazione in codice nativo per diverse piattaforme dallo stesso codice sorgente; - Supporto per le più moderne tecnologie e standard. Caratteristiche del linguaggio Python [3]: - è un linguaggio di programmazione ad alto livello interpretato; - è un linguaggio multi-paradigma. Infatti permette in modo agevole di scrivere programmi seguendo il paradigma object oriented, oppure la programmazione strutturata, oppure la programmazione funzionale; - spesso è classificato linguaggio di scripting, ma pur essendo utile per scrivere script di sistema (in alternativa ad esempio a bash), la grande quantità di librerie disponibili e la facilità con cui questo linguaggio permette di scrivere software modulare favoriscono anche lo sviluppo di applicazioni molto complesse; - dalla versione 2.4 sono disponibili anche i numeri decimali (decimal), ovvero numeri con la virgola a precisione illimitata, che non soffrono di numeri floating point classici; problemi di arrotondamento e stabilità tipici dei - ha una vasta libreria standard, il che lo rende adatto a molti impieghi. Oltre ai moduli della libreria standard se ne possono aggiungere altri scritti in C oppure Python per soddisfare le proprie esigenze particolari. Tra i moduli già disponibili ce ne sono per scrivere applicazioni web (sono supportati MIME, HTTP e tutti gli altri standard internet). Sono disponibili anche moduli per creare applicazioni con interfaccia grafica, per connettersi a database relazionali, per usare le espressioni regolari etc.; - la libreria standard è uno dei punti forti di Python. Essa infatti è compatibile con tutte le piattaforme; - possibile scrivere un'estensione in C o C++ e poi utilizzarla 14

15 all'interno di Python, sfruttando così l'elevata velocità di un linguaggio compilato solo nelle parti in cui effettivamente serve, e sfruttando invece la potenza e versatilità di Python per tutto il resto del software. Problematiche: - la velocità di esecuzione non è uno dei punti di forza di Python, specie nel calcolo matematico; Caratteristiche del linguaggio C# [4]: - supporta la programmazione generica; - Type safe, Consistenza, Supporto alle versioni, Object Orientation, Flessibilità; - non ci sono i puntatori; - può essere considerato il linguaggio di programmazione per eccellenza del Framework.NET: diversamente dagli altri linguaggi, come Visual Basic o C++, esso è nato espressamente per la nuova piattaforma. In questo senso, è significativo il fatto che Microsoft stessa si sia servita di C# per scrivere gran parte delle librerie di.net Microsoft Visual Basic.NET [5] è un linguaggio di sviluppo interpretato e orientato agli oggetti appartenente alla famiglia Microsoft.NET. Il VB.NET (come è comunemente chiamato), e il suo corrispondente C#, è un punto di congiunzione di tante iniziative e tecnologie di sviluppo Microsoft del passato come ad esempio: il COM e gli ActiveX, sostituiti con assembly e classi di oggetti completamente gestiti. Con VB.NET è possibile realizzare applicazioni windows forms, web, servizi, componenti COM, MQ, Web service ed anche destinate a dispositivi mobile tramite l'uso delle librerie del Compact framework. Visual Basic.Net è implementato in Visual Studio, la suite per programmatori della Microsoft, basata interamente sul.net Tecnologie DBMS MYSQL [6]: - composto da un client con interfaccia a caratteri e un server, entrambi disponibili sia per sistemi Unix come GNU/Linux che per Windows; - viene distribuito con la licenza GNU GPL oltre che con una licenza commerciale; - supporta la maggior parte della sintassi SQL; - possiede delle interfacce per diversi linguaggi, compreso un driver 15

16 ODBC, due driver Java e un driver per Mono e.net; - MySQL, essendo scritto in linguaggio C e C++, è disponibile su molti differenti sistemi operativi tra cui AIX, AmigaOS, BSDi, Digital Unix, FreeBSD, HP-UX, GNU/Linux, Mac OS X, NetBSD, Novell NetWare, OpenBSD, OS/2 Warp, SGI IRIX, Solaris, SunOS, SCO OpenServer, SCO UnixWare, SGI Irix, Tru64, Windows 95, Windows 98, Windows NT, Windows 2000, Windows XP, Windows 2003, Windows Vista. PostgreSQL [7]: - è un completo database relazionale ad oggetti rilasciato con licenza libera. Oracle [8]: - piattaforme supportate:linux[9] x86, Linux x86-64, Linux POWER, Linux zseries, Linux Itanium, Microsoft Windows x86, Microsoft Windows x86-64, Microsoft Windows Itanium, Sun Solaris x86, Sun Solaris x86-64, Sun Solaris SPARC,HP HP-UX PA-RISC, HP HP-UX Itanium, HP Tru64 UNIX Alpha, HP OpenVMS Alpha, IBM AIX5L POWER, IBM z/os PowerPC,Apple Inc. Mac OS X Server x86-64; - licenza proprietaria. DB2 [9]: - DBMS relazionale a oggetti; zseries, Apple Inc. Mac OS X Server - diffuso su qualsiasi tipo di server, perfino su PDA e altri dispositivi portatili; esistono versioni per GNU/Linux, Unix (AIX, HP-UX, Solaris) e Microsoft Windows; - piattaforme supportate: FreeBSD, Linux, Mac OS X, Solaris, Windows ; - licenza proprietaria. MICROSOFT SQL SERVER [10]: - usa una variante del linguaggio SQL standard chiamata T-SQL; - licenza proprietaria Tecnologie di Programmazione non OO La programmazione non orientata agli oggetti viene usata principalmente in: Ambienti embedded: dove la dimensione del programma è un fattore fondamentale; Ambienti performance critical: dove è necessario ottenere le massime prestazioni possibili; 16

17 Ambienti legacy: dove è troppo costoso oppure non conveniente cambiare tecnologie; Inoltre dato che i linguaggi di programmazione non object oriented sono sul mercato da ormai più di 50 anni, c'è da considerare che esistono già migliaia di righe di codice scritte e testate in modo più che approfondito, che permettono di risolvere quasi tutti i problemi legati alla programmazione. Vi sono diverse classi di linguaggi di programmazione non Object Oriented: Linguaggi imperativi In questi linguaggi ogni istruzione è un comando esplicito, che opera su una o più variabili oppure sullo stato interno della macchina e le suddette istruzioni vengono eseguite in un ordine prestabilito. Esempi di linguaggi imperativi sono: Assembly, Cobol, Basic e Fortran Linguaggi strutturati Lo scopo per cui questa famiglia di linguaggi è nata è di limitare la complessità della struttura del controllo dei programmi. Il programmatore è vincolato ad usare solo le strutture di controllo canoniche ovvero la sequenza, la selezione e il ciclo, evitando le istruzioni di salto incondizionato. Esempi di linguaggi strutturati sono: Pascal e C Linguaggi funzionali Basati sul concetto matematico di funzione; l'assegnazione esplicita risulta completamente assente (si utilizza soltanto il passaggio dei parametri ad ogni funzione invocata). Esempi di linguaggi funzionali sono: Logo e Lisp Linguaggi logici In questo tipo di programmazione ci si limita a descrivere le relazioni esistenti fra i dati ed il risultato voluto, ogni istruzione è una clausola. L'esempio più noto di questo tipo di programmazione è il Prolog Un generico programma scritto con programmazione non Object Oriented attraversa le seguenti fasi: Generazione del codice sorgente: il programmatore scrive uno o più file di testo rispettando le regole sintattiche e semantiche definite dal linguaggio di programmazione utilizzato Compilazione: il codice sorgente viene tradotto in codice eseguibile da un componente detto compilatore. La compilazione se da un lato ha il vantaggio di produrre eseguibili molto piccoli e veloci, dato che vengono generati sulla base dell'hardware e del sistema operativo 17

18 utilizzato, ha però lo svantaggio di dover produrre eseguibili diversi nel caso le condizioni sopra descritte mutino Collegamento Se il programma è composto da più file sorgente e fa uso di librerie, è necessario collegare fra loro suddetti componenti. Tale incombenza viene assolta dal linker, che si occupa di risolvere le interconnessioni fra i diversi moduli di cui un programma può essere composto Tecnologie per il WEB I linguaggi per il web sono molteplici e articolati, quelli riconosciuti, nella loro versione ufficiale, sono standardizzati dal W3C (World Wide Web Consortium - ). Ad oggi i più diffusi sono: HTML Acronimo di HyperText Markup Language, è senza dubbio il linguaggio per il web più diffuso. Ha accompagnato il web fin dai suoi primi utilizzi commerciali, ad oggi siamo alla versione E' un linguaggio di markup, pensato per descrivere la struttura dei documenti ipertestuali del web. Un'importante caratteristica di HTML è che esso è stato concepito per definire il contenuto logico e non l'aspetto finale del documento. JAVASCRIPT È un linguaggio di scripting lato client (che opera cioè nel browser dell'utente), incorporato da HTML. È utilizzabile per compiere azioni non possibili con il solo HTML come ad esempio controllare i valori nei campi di input, nascondere o visualizzare determinati elementi, etc..., ma anche per implementare applicazioni più complesse basate sul web. CSS I fogli di stile CSS (Cascading Style Sheet ) vengono usati principalmente per definire la rappresentazione di documenti HTML. L'introduzione dei fogli di stile è stata dettata dalla necessità di separare i contenuti dalla formattazione XML Acronimo di extensible Markup Language è un metalinguaggio di markup, ovvero un linguaggio che definisce un meccanismo sintattico che consente di estendere o controllare il significato di altri linguaggi di markup. Il suo scopo ed uso principale è di descrivere documenti strutturati, permettendo in questo modo l'interscambio di informazioni 18

19 fra sistema diversi. È molto utilizzato anche per lo scambio di dati fra diversi database. CGI Acronimo per Common Gateway Interface, si tratta di un'applicazione scritta in un qualsiasi linguaggio di programmazione (anche se per lo più si utilizza il C), che se invocata genera un output formattato secondo le regole dell'html. Vengono di solito utilizzate per risolvere problemi che richiedono una logica più complessa di quanto possa gestire il semplice HTML. Ad oggi si tende ad abbandonare le applicazioni CGI per diversi motivi. Uno dei principali è che i CGI sono solitamente in forma compilata e non di sorgente e questo comporta la difficile verifica della bontà dell'applicazione stessa rendendo il server che le esegue vulnerabile ad attacchi di tipo buffer overflow. Inoltre le applicazioni CGI soffrono di intrinseca rigidezza. Lo sviluppo di un'applicazione CGI risulta complesso ed una volta portata a termine si tende ad adattarne l'uso piuttosto che modificarla. ASP Acronimo di Active Server Pages sono pagine web contenenti, oltre al puro codice HTML, degli script che verranno eseguiti dal server per generare runtime il codice HTML da inviare al browser dell'utente. In questo modo è possibile mostrare contenuti dinamici (ad esempio estratti da database che risiedono sul server web) e modificarne l'aspetto secondo le regole programmate negli scripts, il tutto senza dover inviare il codice del programma all'utente finale (al quale va inviato solo il risultato), con un notevole risparmio di tempi e di banda, ottenendo contestualmente un aumento della sicurezza. Di recente introduzione è l'estensione ASP.NET che coniuga alla flessibilità di ASP le potenzialità del framework.net. PHP Acronimo ricorsivo di PHP Hypertext Preprocessor, è un linguaggio di scripting con licenza open source e parzialmente libera. Nei server web che gestiscono il PHP è possibile inserire pagine web dinamiche con codice PHP misto a HTML; le funzionalità offerte sono quelle tipiche di tutte le altre pagine web dinamiche, ma restano ancore irrisolte alcune falle di sicurezza, principalmente dovute al mancato adempimento della best practice nella scrittura del codice e da vulnerabilità presenti in vecchie versioni. JSP 19

20 Acronimo di Java Server Pages è una tecnologia Java per lo sviluppo di applicazioni web che forniscono contenuti dinamici. All'atto della prima invocazione le pagine JSP vengono tradotte automaticamente da un compilatore JSP in servlet. Richiede quindi la presenza di un server web dotato di un servlet container e di un motore JSP (ad esempio Tomcat). Differisce dagli altri sistemi per il tipo di architettura interna, che va ad impattare positivamente sui tempi di sviluppo, la portabilità, le prestazioni ed in generale sulla qualità del software prodotto AJAX Acronimo di Asynchronous JavaScript and XML, è una tecnica di sviluppo per applicazioni web interattive. Lo sviluppo di tali applicazioni si basa su uno scambio di dati in background fra web browser e server che consente l'aggiornamento dinamico di una pagina web Gestione del ciclo di vita La gestione del ciclo di vita del prodotto, o Product Lifecycle Management (PLM) è un approccio strategico alla gestione delle informazioni, dei processi e delle risorse a supporto del ciclo di vita di prodotti e servizi, dalla loro ideazione, allo sviluppo, al lancio sul mercato, al ritiro. Il PLM non è solo una tecnologia informatica, ma piuttosto un approccio integrato, basato su un insieme di tecnologie, su metodologie di organizzazione del lavoro collaborativo e sulla definizione di processi. L'obiettivo del PLM è ottimizzare (minor tempo, minori costi, maggiore qualità, minori rischi) lo sviluppo, la modifica e il ritiro dei prodotti o servizi dal mercato Service Oriented Architecture (SOA) Con l'acronimo di SOA (Service Oriented Architecture) si indica generalmente un'architettura software adatta a supportare l'uso di softare come servizi per garantire l'interoperabilità tra diversi sistemi così da consentire l'utilizzo delle singole applicazioni come componenti del processo di business e soddisfare le richieste degli utenti in modo integrato e trasparente. Di SOA esistono molte definizioni formali, ma quella universalmente accettata è quella prodotta dall'oasis: "SOA è un paradigma per l'organizzazione e l'utilizzazione delle risorse distribuite che possono essere sotto il controllo di domini di 20

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET)

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso

Dettagli

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Informatiche Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Le architetture informatiche definiscono le modalità secondo le quali sono collegati tra di loro i diversi sistemi ( livello fisico

Dettagli

Componenti Web: client-side e server-side

Componenti Web: client-side e server-side Componenti Web: client-side e server-side side Attività di applicazioni web Applicazioni web: un insieme di componenti che interagiscono attraverso una rete (geografica) Sono applicazioni distribuite logicamente

Dettagli

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Informatiche Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Le architetture informatiche definiscono le modalità secondo le quali sono collegati tra di loro i diversi sistemi ( livello fisico

Dettagli

Protocolli e architetture per WIS

Protocolli e architetture per WIS Protocolli e architetture per WIS Web Information Systems (WIS) Un Web Information System (WIS) usa le tecnologie Web per permettere la fruizione di informazioni e servizi Le architetture moderne dei WIS

Dettagli

Corso basi di dati Introduzione alle ASP

Corso basi di dati Introduzione alle ASP Corso basi di dati Introduzione alle ASP Gianluca Di Tomassi Email: ditomass@dia.uniroma3.it Università di Roma Tre Web statico e Web interattivo In principio il Web era una semplice collezione di pagine

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

La realizzazione di WebGis con strumenti "Open Source".

La realizzazione di WebGis con strumenti Open Source. La realizzazione di WebGis con strumenti "Open Source". Esempi di impiego di strumenti a sorgente aperto per la realizzazione di un Gis con interfaccia Web Cos'è un Web Gis? Da wikipedia: Sono detti WebGIS

Dettagli

Siti web centrati sui dati (Data-centric web applications)

Siti web centrati sui dati (Data-centric web applications) Siti web centrati sui dati (Data-centric web applications) 1 A L B E R T O B E L U S S I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 2 / 2 0 1 3 WEB La tecnologia del World Wide Web (WWW) costituisce attualmente

Dettagli

Tecnologie per il Web. Il web: Architettura HTTP HTTP. SSL: Secure Socket Layer

Tecnologie per il Web. Il web: Architettura HTTP HTTP. SSL: Secure Socket Layer Tecnologie per il Web Il web: architettura e tecnologie principali Una analisi delle principali tecnologie per il web Tecnologie di base http, ssl, browser, server, firewall e proxy Tecnologie lato client

Dettagli

catalogo corsi di formazione 2015/2016

catalogo corsi di formazione 2015/2016 L offerta formativa inserita in questo catalogo è stata suddivisa in quattro sezioni tematiche che raggruppano i corsi di formazione sulla base degli argomenti trattati. Organizzazione, progettazione e

Dettagli

Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it

Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it 1 Il web come architettura di riferimento Architettura di una applicazione web Tecnologie lato server: Script (PHP, Pyton, Perl), Servlet/JSP, ASP Tecnologie lato

Dettagli

Database e reti. Piero Gallo Pasquale Sirsi

Database e reti. Piero Gallo Pasquale Sirsi Database e reti Piero Gallo Pasquale Sirsi Approcci per l interfacciamento Il nostro obiettivo è, ora, quello di individuare i possibili approcci per integrare una base di dati gestita da un in un ambiente

Dettagli

Classificazione del software

Classificazione del software Classificazione del software Classificazione dei software Sulla base del loro utilizzo, i programmi si distinguono in: SOFTWARE Sistema operativo Software applicativo Sistema operativo: una definizione

Dettagli

Software. Definizione, tipologie, progettazione

Software. Definizione, tipologie, progettazione Software Definizione, tipologie, progettazione Definizione di software Dopo l hardware analizziamo l altra componente fondamentale di un sistema di elaborazione. La macchina come insieme di componenti

Dettagli

Applicazioni web centrati sui dati (Data-centric web applications)

Applicazioni web centrati sui dati (Data-centric web applications) Applicazioni web centrati sui dati (Data-centric web applications) 1 ALBERTO BELUSSI ANNO ACCADEMICO 2009/2010 WEB La tecnologia del World Wide Web (WWW) costituisce attualmente lo strumento di riferimento

Dettagli

Sistemi Operativi di Rete. Sistemi Operativi di rete. Sistemi Operativi di rete

Sistemi Operativi di Rete. Sistemi Operativi di rete. Sistemi Operativi di rete Sistemi Operativi di Rete Estensione dei Sistemi Operativi standard con servizi per la gestione di risorse in rete locale Risorse gestite: uno o più server di rete più stampanti di rete una o più reti

Dettagli

Content Management Systems

Content Management Systems Content Management Systems L o Guido Porruvecchio Tecnologia e Applicazioni della Rete Internet Definizione Un Content Management System (CMS) è letteralmente un sistema per la gestione dei contenuti Definisce

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

Concetti base. Impianti Informatici. Web application

Concetti base. Impianti Informatici. Web application Concetti base Web application La diffusione del World Wide Web 2 Supporto ai ricercatori Organizzazione documentazione Condivisione informazioni Scambio di informazioni di qualsiasi natura Chat Forum Intranet

Dettagli

Corso di Sistemi di elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di elaborazione delle informazioni Biacco Sabrina ENTERPRISE RESOURCE PLANNING Gli ERP sono delle soluzioni applicative in grado di coordinare l'insieme delle attività aziendali automatizzando

Dettagli

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Il File System È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Le operazioni supportate da un file system sono: eliminazione di dati modifica

Dettagli

Componenti di una applicazione. Un programma applicativo è strutturato come un insieme organizzato di tre componenti funzionali:

Componenti di una applicazione. Un programma applicativo è strutturato come un insieme organizzato di tre componenti funzionali: Componenti di una applicazione Un programma applicativo è strutturato come un insieme organizzato di tre componenti funzionali: Un sottosistema di interfaccia con l utente (IU, user interface o anche presentation

Dettagli

Architetture Web a tre livelli: CGI, SSI, ISAPI e codice mobile Architetture a 3 livelli (1)

Architetture Web a tre livelli: CGI, SSI, ISAPI e codice mobile Architetture a 3 livelli (1) Pagina 1 di 10 Architetture Web a tre livelli: CGI, SSI, ISAPI e codice mobile Architetture a 3 livelli (1) Nel corso della lezione precedente abbiamo analizzato le caratteristiche dell'architettura CGI.

Dettagli

Architetture Software

Architetture Software Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software Architetture Software Giulio Destri Ing. del Sw: Architettura - 1 Scopo del modulo

Dettagli

.EVERYWHERE LOGIN. entra nel futuro. partnership signed

.EVERYWHERE LOGIN. entra nel futuro. partnership signed .EVERYWHERE LOGIN entra nel futuro. partnership signed Sinergia per l innovazione. Studio Ferroli e Acknow Per essere competitivi e vincenti in un mercato sempre più dinamico e globalizzato, che richiede

Dettagli

18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET

18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET 18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso ai database

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Sme.UP Web Application

Sme.UP Web Application Sme.UP Web Application Web Application Web.UP Una interfaccia web per i vostri dati gestionali Il modulo applicativo Web.UP fornisce al progettista di siti Internet una serie di potenti strumenti per l'integrazione

Dettagli

Gruppo 4: Gelmi Martina, Morelato Francesca, Parisi Elisa. La mia scuola ha un sito Web

Gruppo 4: Gelmi Martina, Morelato Francesca, Parisi Elisa. La mia scuola ha un sito Web Gruppo 4: Gelmi Martina, Morelato Francesca, Parisi Elisa La mia scuola ha un sito Web Presentazione del corso Contenuti e obiettivi del corso Imparare a lavorare con le metodologie dell ingegneria del

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

Introduzione all elaborazione di database nel Web

Introduzione all elaborazione di database nel Web Introduzione all elaborazione di database nel Web Prof.ssa M. Cesa 1 Concetti base del Web Il Web è formato da computer nella rete Internet connessi fra loro in una modalità particolare che consente un

Dettagli

Laboratorio Matematico Informatico 2

Laboratorio Matematico Informatico 2 Laboratorio Matematico Informatico 2 (Matematica specialistica) A.A. 2006/07 Pierluigi Amodio Dipartimento di Matematica Università di Bari Laboratorio Matematico Informatico 2 p. 1/1 Informazioni Orario

Dettagli

CV di giuseppe scalzi

CV di giuseppe scalzi CV di giuseppe scalzi Iscritto il 28-12-2010 all'offerta Sviluppatori Web Senior e Junior In esame Nome completo: giuseppe scalzi Luogo: Bologna Data di nascita: 09/12/1978 Provincia: [Emilia-Romagna]

Dettagli

INFORMATICA. Obiettivi Biennio Economico in termini di competenze:

INFORMATICA. Obiettivi Biennio Economico in termini di competenze: INFORMATICA Obiettivi Biennio Economico in termini di competenze: 1. individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi. 2. utilizzare e produrre testi multimediali. 3. analizzare dati ed

Dettagli

Corso di PHP. Prerequisiti. 1 - Introduzione

Corso di PHP. Prerequisiti. 1 - Introduzione Corso di PHP 1 - Introduzione 1 Prerequisiti Conoscenza HTML Principi di programmazione web Saper progettare un algoritmo Saper usare un sistema operativo Conoscere il concetto di espressione 2 1 Introduzione

Dettagli

InfoTecna ITCube Web

InfoTecna ITCube Web InfoTecna ITCubeWeb ITCubeWeb è un software avanzato per la consultazione tramite interfaccia Web di dati analitici organizzati in forma multidimensionale. L analisi multidimensionale è il sistema più

Dettagli

CIG 6223997CCB COD. ALICE G00292

CIG 6223997CCB COD. ALICE G00292 APPENDICE 2 Descrizione dei profili professionali richiesti Sommario APPENDICE 2 Descrizione dei profili professionali richiesti... 1 1. PROFILI PROFESSIONALI RICHIESTI... 2 1.1 Capo progetto... 2 1.2

Dettagli

Linguaggi di programmazione

Linguaggi di programmazione Linguaggi di programmazione Programmazione L attività con cui si predispone l elaboratore ad eseguire un particolare insieme di azioni su particolari dati, allo scopo di risolvere un problema Dati Input

Dettagli

CENTRO DI FORMAZIONE CORSI DI INFORMATICA PER TUTTI I LIVELLI

CENTRO DI FORMAZIONE CORSI DI INFORMATICA PER TUTTI I LIVELLI CENTRO DI FORMAZIONE CORSI DI INFORMATICA PER TUTTI I LIVELLI Azienda con Sistema di gestione per la qualità certificata secondo le norme UNI EN ISO 9001:2000 Azienda Accreditata Azienda Associata: CHI

Dettagli

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni SERVER E VIRTUALIZZAZIONE Windows Server 2012 Guida alle edizioni 1 1 Informazioni sul copyright 2012 Microsoft Corporation. Tutti i diritti sono riservati. Il presente documento viene fornito così come

Dettagli

Missione e Company Profile

Missione e Company Profile Missione e Company Profile Aritech Consulting è una Agenzia di Rappresentanza che si propone come Internet Company pura, attiva nella fornitura di servizi e soluzioni ad alto valore aggiunto nella rete

Dettagli

Corso di Web Programming

Corso di Web Programming Corso di Web Programming 1. Introduzione a Internet e al WWW Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea in Informatica

Dettagli

JScout ERP modulare per la gestione, pianificazione e controllo dei processi aziendali

JScout ERP modulare per la gestione, pianificazione e controllo dei processi aziendali JScout ERP modulare per la gestione, pianificazione e controllo dei processi aziendali La progettazione di JScout è frutto della esperienza pluriennale di GLOBAL Informatica nell implementazione delle

Dettagli

Conoscere Dittaweb per:

Conoscere Dittaweb per: IL GESTIONALE DI OGGI E DEL FUTURO Conoscere Dittaweb per: migliorare la gestione della tua azienda ottimizzare le risorse risparmiare denaro vivere meglio il proprio tempo IL MERCATO TRA OGGI E DOMANI

Dettagli

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server 1 Prerequisiti Pagine statiche e dinamiche Pagine HTML Server e client Cenni ai database e all SQL 2 1 Introduzione In questa Unità si illustra il concetto

Dettagli

Programmazione Server Side e Database in rete

Programmazione Server Side e Database in rete Programmazione Server Side e Database in rete Prof. Massimo PALOMBO -IIS A. MEUCCI Casarano La programmazione Stand-Alone consente di costruire applicazioni, più o meno complesse, ma utilizzabili esclusivamente

Dettagli

Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard

Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard Architettura ABSCARD Pagina 1 di 13 INDICE GENERALE 1 Architettura...3 1.1 Introduzione...3 1.1.1 Sicurezza...4 1.1.2 Gestione...5 1.1.3 ABScard

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI CLASSE III INDIRIZZO S.I.A. UdA n. 1 Titolo: conoscenze di base Conoscenza delle caratteristiche dell informatica e degli strumenti utilizzati Informatica e sistemi di elaborazione Conoscenza delle caratteristiche

Dettagli

Gestione WEB Viaggi e Turismo

Gestione WEB Viaggi e Turismo Pag. 1 di 11 Gestione WEB Viaggi e Turismo Pag. 2 di 11 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...3 2. CARATTERISTICHE E VANTAGGI DI IN.TOUR...4 3. FUNZIONALITA E STRUTTURA SOFTWARE E HARDWARE...6 4. STRUTTURA E CONTENUTI

Dettagli

WEBsfa: l automazione della forza vendita via Web

WEBsfa: l automazione della forza vendita via Web WEBsfa: l automazione della forza vendita via Web White Paper 1 Gennaio 2005 White Paper Pag. 1 1/1/2005 L automazione della Forza Vendita Le aziende commerciali che che sviluppano e alimentano il proprio

Dettagli

APPENDICE 5 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 5 AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE 5 AL CAPITOLATO TECNICO Descrizione dei profili professionali INDICE 1 PROFILI PROFESSIONALI RICHIESTI 3 1.1 CAPO PROGETTO 3 1.2 ANALISTA FUNZIONALE 4 1.3 ANALISTA PROGRAMMATORE 5 1.4 PROGRAMMATORE

Dettagli

Mausoleo COMUNE DI NUORO PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DEL CIMITERO MULTIMEDIALE. Arch.Marco Cerina Ing.Enrico Dini

Mausoleo COMUNE DI NUORO PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DEL CIMITERO MULTIMEDIALE. Arch.Marco Cerina Ing.Enrico Dini COMUNE DI NUORO D O C U M E N T O D I S P E C I F I C A P E R I L P R O D O T T O Mausoleo PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DEL CIMITERO MULTIMEDIALE Arch.Marco Cerina Ing.Enrico Dini Descrizione introduttiva

Dettagli

ISIS C.Facchinetti Sede: via Azimonti, 5 21053 Castellanza Modulo Gestione Qualità UNI EN ISO 9001 : 2008

ISIS C.Facchinetti Sede: via Azimonti, 5 21053 Castellanza Modulo Gestione Qualità UNI EN ISO 9001 : 2008 PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA - TECNOLOGIE INFORMATICHE CLASSI 1 e - PIANO DELLE UDA ANNO SCOLASTICO 2013-2014 UDA COMPETENZE della UDA ABILITA UDA UDA n. 1 Struttura hardware del computer e rappresentazione

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

Come funziona internet

Come funziona internet Come funziona internet Architettura client server URL/URI Richiesta (Request) Risposta (Response) Pagina url e uri Uno Uniform Resource Identifier (URI, acronimo più generico rispetto ad "URL") è una stringa

Dettagli

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software di sistema e software applicativo I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software soft ware soffice componente è la parte logica

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

DBMS e Linguaggi di programmazione nell'era di Internet

DBMS e Linguaggi di programmazione nell'era di Internet DBMS e Linguaggi di programmazione nell'era di Internet Crippa Francesco fcrippa@tiscalinet.it Crippa Francesco (GPL) 1 Programma del corso DBMS nati per il WEB: MySQL Postgres Il cuore del WWW, il web

Dettagli

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI 1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI Per implementare una piattaforma di e-learning occorre considerare diversi aspetti organizzativi, gestionali e tecnici legati essenzialmente

Dettagli

sito web sito Internet

sito web sito Internet Siti Web Cos è un sito web Un sito web o sito Internet è un insieme di pagine web correlate, ovvero una struttura ipertestuale di documenti che risiede, tramite hosting, su un web server e accessibile

Dettagli

Introduzione ai Sistemi Operativi

Introduzione ai Sistemi Operativi Introduzione ai Sistemi Operativi Sistema Operativo Software! Applicazioni! Sistema Operativo! È il livello di SW con cui! interagisce l utente! e comprende! programmi quali :! Compilatori! Editori di

Dettagli

Implementazione di MVC. Gabriele Pellegrinetti

Implementazione di MVC. Gabriele Pellegrinetti Implementazione di MVC Gabriele Pellegrinetti 2 Come implementare il pattern Model View Controller con le tecnologie JSP, ASP e XML Implementazione del pattern MVC in Java (JSP Model 2) SUN è stato il

Dettagli

Architetture per le applicazioni web-based. Mario Cannataro

Architetture per le applicazioni web-based. Mario Cannataro Architetture per le applicazioni web-based Mario Cannataro 1 Sommario Internet e le applicazioni web-based Caratteristiche delle applicazioni web-based Soluzioni per l architettura three-tier Livello utente

Dettagli

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari Gubiani & Montanari Il DBMS Oracle 1 Il DBMS Oracle Express Edition Donatella Gubiani e Angelo Montanari Il DBMS Oracle Il DBMS Oracle Oracle 10g Express Edition Il DBMS Oracle (nelle sue versioni più

Dettagli

All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI ABILITATORI

All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI ABILITATORI 1 Lo scenario: i soggetti che operano su Internet All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI E-market player Digitalizzatori di processi

Dettagli

Corso Analista Programmatore Web PHP Corso Online Analista Programmatore Web PHP

Corso Analista Programmatore Web PHP Corso Online Analista Programmatore Web PHP Corso Analista Programmatore Web PHP Corso Online Analista Programmatore Web PHP Accademia Futuro info@accademiafuturo.it Programma Generale del Corso Analista Programmatore Web PHP Tematiche Trattate

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 3-Compilatori e interpreti 1 Prerequisiti Principi di programmazione Utilizzo di un compilatore 2 1 Introduzione Una volta progettato un algoritmo codificato in un linguaggio

Dettagli

INTRODUZIONE AL WEB DINAMICO

INTRODUZIONE AL WEB DINAMICO INTRODUZIONE AL WEB DINAMICO Internet: la rete delle reti Internet rappresenta oggi l espressione del forte bisogno dell uomo di comunicare, al fine, non solo di incrementare le conoscenze, ma anche di

Dettagli

ListinoWX. Versione 2010 Estratto Dal Manuale. Depliant illustrativo. ListinoWX ScriptLab vers.2010 Depliant illustrativo

ListinoWX. Versione 2010 Estratto Dal Manuale. Depliant illustrativo. ListinoWX ScriptLab vers.2010 Depliant illustrativo ListinoWX Depliant illustrativo Versione 2010 Estratto Dal Manuale 1 ListinoWX Framework gestionale ERP nato dalla collaborazione con aziende del settore agroalimentare, adattabile a tutte quelle imprese

Dettagli

WEB TECHNOLOGY. Il web connette. LE persone. E-book n 2 - Copyright Reserved

WEB TECHNOLOGY. Il web connette. LE persone. E-book n 2 - Copyright Reserved WEB TECHNOLOGY Il web connette LE persone Indice «Il Web non si limita a collegare macchine, ma connette delle persone» Il Www, Client e Web Server pagina 3-4 - 5 CMS e template pagina 6-7-8 Tim Berners-Lee

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Progettaz. e sviluppo Data Base

Progettaz. e sviluppo Data Base Progettaz. e sviluppo Data Base! Introduzione ai Database! Tipologie di DB (gerarchici, reticolari, relazionali, oodb) Introduzione ai database Cos è un Database Cos e un Data Base Management System (DBMS)

Dettagli

Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione. Dr Damiano Macedonio Università di Verona

Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione. Dr Damiano Macedonio Università di Verona Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione Dr Damiano Macedonio Università di Verona Architettura del calcolatore La prima decomposizione di un calcolatore è relativa a due macrocomponenti:

Dettagli

Configuratore di Prodotto Diapason

Configuratore di Prodotto Diapason Configuratore di Prodotto Diapason Indice Scopo di questo documento...1 Perché il nuovo Configuratore di Prodotto...2 Il configuratore di prodotto...3 Architettura e impostazione tecnica...5 Piano dei

Dettagli

Capitolo 16 I servizi Internet

Capitolo 16 I servizi Internet Capitolo 16 I servizi Internet Storia di Internet Il protocollo TCP/IP Indirizzi IP Intranet e indirizzi privati Nomi di dominio World Wide Web Ipertesti URL e HTTP Motori di ricerca Posta elettronica

Dettagli

catalogo corsi di formazione 2014/2015

catalogo corsi di formazione 2014/2015 L offerta formativa inserita in questo catalogo è stata suddivisa in quattro sezioni tematiche che raggruppano i corsi di formazione sulla base degli argomenti trattati. Organizzazione, progettazione e

Dettagli

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Le Reti (gli approfondimenti a lezione)

Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Per migliorare la produttività gli utenti collegano i computer tra di loro formando delle reti al fine di condividere risorse hardware e software. 1 Una rete di

Dettagli

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine Siti interattivi e dinamici in poche pagine 1 Siti Web interattivi Pagine Web codificate esclusivamente per mezzo dell HTML non permettono alcun tipo di interazione con l utente, se non quella rappresentata

Dettagli

RETI DI COMPUTER Reti Geografiche. (Sez. 9.8)

RETI DI COMPUTER Reti Geografiche. (Sez. 9.8) RETI DI COMPUTER Reti Geografiche (Sez. 9.8) Riepilogo Reti lez precedente reti locali o LAN (Local Area Network): connette fisicamente apparecchiature su brevi distanze Una LAN è solitamente interna a

Dettagli

Programmazione II. Lezione 4. Daniele Sgandurra 30/09/2011. daniele.sgandurra@iit.cnr.it

Programmazione II. Lezione 4. Daniele Sgandurra 30/09/2011. daniele.sgandurra@iit.cnr.it Programmazione II Lezione 4 Daniele Sgandurra daniele.sgandurra@iit.cnr.it 30/09/2011 1/46 Programmazione II Lezione 4 30/09/2011 Sommario 1 Esercitazione 2 Panoramica della Programmazione Ad Oggetti 3

Dettagli

Novità di Visual Studio 2008

Novità di Visual Studio 2008 Guida al prodotto Novità di Visual Studio 2008 Introduzione al sistema di sviluppo di Visual Studio Visual Studio Team System 2008 Visual Studio Team System 2008 Team Foundation Server Visual Studio Team

Dettagli

Corso di Informatica Modulo T3 B1 Programmazione web

Corso di Informatica Modulo T3 B1 Programmazione web Corso di Informatica Modulo T3 B1 Programmazione web 1 Prerequisiti Architettura client/server Elementi del linguaggio HTML web server SQL server Concetti generali sulle basi di dati 2 1 Introduzione Lo

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica CL3 - Biotecnologie Orientarsi nel Web Prof. Mauro Giacomini Dott. Josiane Tcheuko Informatica - 2006-2007 1 Obiettivi Internet e WWW Usare ed impostare il browser Navigare in internet

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Modulo 7: Reti informatiche Cod. J612 ISBN-13 : 978-88-8433-612-5 pp. 112

Modulo 7: Reti informatiche Cod. J612 ISBN-13 : 978-88-8433-612-5 pp. 112 Patente Europea del Computer AREA WEB ECDL Il sito www.loescher.it/ecdl permette di esercitarsi e consolidare le proprie esperienze per conseguire la Patente Europea del Computer: contiene un archivio

Dettagli

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Reti di elaboratori Rete di calcolatori: insieme di dispositivi interconnessi Modello distribuito INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Funzioni delle reti: comunicazione condivisione di

Dettagli

RETI DIGITALI E TECNOLOGIE ABILITANTI

RETI DIGITALI E TECNOLOGIE ABILITANTI RETI DIGITALI E TECNOLOGIE ABILITANTI LE RETI DIGITALI Interconnessioni elettroniche tra imprese e soggetti economici in cui si svolgono comunicazioni e transazioni Costituiscono la base su cui nell era

Dettagli

Il CMS Moka. Giovanni Ciardi Regione Emilia Romagna

Il CMS Moka. Giovanni Ciardi Regione Emilia Romagna Il CMS Moka Giovanni Ciardi Regione Emilia Romagna Moka è uno strumento per creare applicazioni GIS utilizzando oggetti (cartografie, temi, legende, database, funzioni) organizzati in un catalogo condiviso.

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file. Elaborazione testi. Foglio elettronico. Strumenti di presentazione

Uso del computer e gestione dei file. Elaborazione testi. Foglio elettronico. Strumenti di presentazione Il è finalizzato a elevare il livello di competenza nell utilizzo del computer, del pacchetto Office e delle principali funzionalità di Internet. Il percorso formativo si struttura in 7 moduli Concetti

Dettagli

Tipi fondamentali di documenti web

Tipi fondamentali di documenti web Tipi fondamentali di documenti web Statici. File associati al web server il cui contenuto non cambia. Tutte le richieste di accesso conducano alla visualizzazione della stessa informazione. Dinamici. Non

Dettagli

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Componenti del sistema Servizi di un sistema operativo Chiamate del sistema Programmi di sistema Struttura del sistema Macchine virtuali Progettazione e realizzazione

Dettagli

MANUALE www.logisticity.it. Copryright 2015 - All rights reserved Email: info@logisticity.it - P.IVA 04183950403

MANUALE www.logisticity.it. Copryright 2015 - All rights reserved Email: info@logisticity.it - P.IVA 04183950403 MANUALE www.logisticity.it Copryright 2015 - All rights reserved Email: info@logisticity.it - P.IVA 04183950403 INDICE Presentazione... pag. 02 Applicativo... pag. 03 Amministrazione...pag. 06 Licenza...pag.

Dettagli

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Cos è un linguaggio Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle parole usati e compresi da una comunità di persone. È una

Dettagli

Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006. Chiara Renso. ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it. Contenuti del Corso

Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006. Chiara Renso. ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it. Contenuti del Corso WEB & GIS Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006 ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it Contenuti del Corso 1. Introduzione 2. Internet e Tecnologia Web 3. Il server web: IIS, Apache, IIS 4. Il

Dettagli

PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE

PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE Relatore: prof. Michele Moro Laureando: Marco Beggio Corso di laurea in Ingegneria Informatica Anno Accademico 2006-2007

Dettagli

Informatica I per la. Fisica

Informatica I per la. Fisica Corso di Laurea in Fisica Informatica I per la Fisica Lezione: Software applicativo II Fogli elettronici e Data Base Software: software di sistema (BIOS) sistema operativo software applicativo ROM Dischi

Dettagli

Architettura del. Sintesi dei livelli di rete. Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4)

Architettura del. Sintesi dei livelli di rete. Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4) Architettura del WWW World Wide Web Sintesi dei livelli di rete Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4) - Connessione fisica - Trasmissione dei pacchetti ( IP ) - Affidabilità della comunicazione

Dettagli

Una novità di Microsoft per il lancio sul mercato di Microsoft Visual Studio 2005 è stata quella sia

Una novità di Microsoft per il lancio sul mercato di Microsoft Visual Studio 2005 è stata quella sia STRUMENTI DI APPROCCIO PER IL CORSO VISUAL BASIC 2005 Versione Express Edition Premessa Versioni Express Edition di Visual Studio 2005 Una novità di Microsoft per il lancio sul mercato di Microsoft Visual

Dettagli