AWM: Active Web Matrix. EDIZIONE Giugno 2004

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AWM: Active Web Matrix. EDIZIONE Giugno 2004"

Transcript

1 AWM: EDIZIONE Giugno 2004 EDIZIONE Gennaio 2005

2 I Rapporti Tecnici dello Usability LAB ENEA ACTIVE WEB MATRIX

3 EDIZIONE Giugno 2004

4 La realizzazione di questo rapporto tecnico è stata curata da: Umberto Annunziata, Flavio Fontana, lo staff dello Usability Lab

5 INDICE Introduzione 1. ANALISI DEI REQUISITI DELL UTENZA 1.1. Il modello della Cyber Enterprise 1.2. Classificazione dell utenza 1.3. Requisiti utente Requisiti generali Requisiti funzionali Requisiti tecnici.. 2. PROGETTAZIONE DEL SISTEMA Analisi e definizione dei meta dati Definizione delle meta informazioni e struttura del sito web Progettazione concettuale Progettazione logica Progettazione fisica Progettazione dei moduli applicativi Funzioni di gestione e relative procedure Funzioni di interrogazione. 3. AMBIENTE DI SVILUPPO 3.1. Linguaggi utilizzati per applicazioni web HTML I limiti di HTML, possibili soluzioni Le Active Server Pages Java: Applet e JSP Approcci misti Connessioni ai Database Access e Oracle con lo standard ODBC XML L ambiente di sviluppo del primo prototipo.. 4. Il prototipo del sistema Modulo News..

6 4.1.2.Modulo Multimedia Modulo Web Seminar Modulo Home Page Il Web Based Document Management System Gli altri moduli 5. Conclusioni e futuri sviluppi 5.1. Test di validazione Considerazioni finali Futuri sviluppi.. Bibliografia..

7 INTRODUZIONE Lo sviluppo della rete Internet, a partire dal 1991, in termini di classi di utenza e tipologie di siti web, è giunto alla terza generazione e si sta avviando verso la quarta dove il sito web resta ancora centrale. In questo contesto, il web viene integrato sempre di più con piattaforme innovative applicate a domini di informazioni e conoscenze dedicate a fornire: servizi avanzati di comunicazione, disseminazione delle informazioni, uso delle conoscenze e creazione di ambienti virtuali di lavoro cooperativi interfacciati in termini visivi e multimediali. Come conseguenza, nasce, quindi, l esigenza di realizzare siti multifunzionali e flessibili. L oggetto di questo lavoro, svolto presso lo Usability Lab ENEA (Centro Ricerche Casaccia) è uno studio e la, conseguente, realizzazione di un sito web per un modello di Virtual (o Cyber) Enterprise, svolto nell ambito del progetto di ricerca SOPHOCLES.1 Tale studio, ha portato alla progettazione ed implementazione di un prototipo di un sito web dinamico chiamato Active Web Matrix., finalizzato agli aspetti funzionali di una Cyber Enterprise, gestisce e recupera le informazioni e i dati multimediali per mezzo di una serie di moduli funzionali da un insieme di DBMS di supporto. Mediante l integrazione tra il Web ed i DBMS (integrazione Web-DB) il sito può essere gestito e configurato attraverso il web stesso. Il sistema fornisce anche adeguati strumenti per la comunicazione e lo scambio di informazioni e conoscenza. L implementazione di tale prototipo ha permesso di valutare le scelte di progetto mediante test di usabilità. La sperimentazione inoltre, ha messo in evidenza i limiti delle scelte effettuate e delle tecnologie utilizzate fornendo, allo stesso tempo, un insieme di soluzioni alternative. Il primo capitolo definisce e analizza il modello della Cyber Enterprise dal punto di vista funzionale; definisce, quindi, la classificazione dell utenza ed i requisiti utente in termini generali, funzionali e tecnici. Nel secondo capitolo è descritta la progettazione del sistema in termini di: set di dati, funzioni standard di gestione ed interrogazione, funzioni avanzate. Il terzo capitolo descrive brevemente alcune tecnologie per applicazioni web, e descrive l ambiente di sviluppo del primo 1 SOPHOCLES: System level development Platform based on HeterOgeneous models and Concurrent LanguagEs for System applicantions implementation 6

8 prototipo. Il quarto capitolo presenta il prototipo implementato e descrive i moduli del sistema in termini funzionali. Nel quinto capitolo vengono riportate le considerazioni finali relative al prototipo ed un accenno ai futuri sviluppi del sistema. è stato utilizzato in modo sperimentale come previsto dallo stesso scopo del progetto SOPHOCLES per validare, dal punto di vista concettuale, metodologie, piattaforme e tecnologie per supportare l integrazione di ambienti e applicazioni distribuite di sistemi complessi ed eterogenei definiti Componenti Virtuali di simulazione. 7

9 Capitolo 1 ANALISI DEI REQUISITI DELL UTENZA In questo capitolo si descrive l analisi dei requisiti dell utenza in relazione al modello generale della Cyber Enterprise e delle classi di utenza identificate nel corso dello studio sperimentale Il modello della Cyber Enterprise Il problema della competitività aziendale rende essenziale, per ogni azienda, la capacità di rispondere puntualmente alle richieste ed all andamento del mercato con flessibilità e velocità. Le imprese stanno abbandonando la struttura rigida, verticale e burocratica che le ha caratterizzate per anni, e si stanno orientando verso organizzazioni distribuite e più flessibili.2 La crescente decentralizzazione ha accresciuto le responsabilità di ogni singolo attore del processo produttivo e decisionale, generando, come effetto collaterale, l incremento del numero di persone coinvolte in tali processi. Come conseguenza le aziende hanno sentito la necessità di avere a disposizione nuovi sevizi che potessero consentire la comunicazione, la gestione e lo scambio di informazioni, servizi di supporto alla frammentazione geografica. Allo stesso tempo, lo sviluppo di nuove tecnologie dell informazione (ICT) e la crescente diffusione di Internet, hanno accresciuto e supportato tale processo di decentramento delle strutture, mettendo in evidenza nuove esigenze degli utenti, più complesse da soddisfare. La conseguenza di questa co-evoluzione ha delineato un modello relazionale di virtual enterprise, centrato sull evoluzione dei processi di comunicazione delle imprese (figura 1.1). 2 Commercio Elettronico e XML Scenari, tecnologie, applicazioni, vedi Bibliografia. 8

10 DIFF Virtual Enterprise model Employm Customers Employm Customers Information Partners Suppliers Partners Traditional model Suppliers Relational model Figura 1.1 Modello tradizionale e relazionale di Virtual Enterprise Il modello di Cyber Enterprise (CE) di SOPHOCLES si basa sul concetto relazionale di Virtual Enterprise. L obiettivo del progetto è la realizzazione di un modello di CE che faciliti sia l accesso ed il reperimento delle informazioni, che l utilizzo di network services, a tutti gli utenti, senza che quest ultimi abbiano la necessità di conoscere direttamente l organizzazione e gli aspetti tecnici della CE. Il termine virtuale usualmente è usato per introdurre ambienti e/o sistemi che non hanno strutture fisiche, ma che sono residenti su un computer. Nel nostro contesto applicativo ciò vale per la realtà virtuale e i componenti virtuali o prodotti virtuali. In altre parole, per un osservatore la realtà o il prodotto esistono nella mente, come prodotti d immaginazione (American Heritage Dictionary). Il termine impresa generalmente è associato ad oggetti durevoli, costituiti da edifici dove operano persone, secondo procedure definite nel rispetto di leggi e normative. La impresa virtuale può essere definita, quindi come un impresa che ha strutture e attributi caratteristici di una reale impresa, ma che esiste solo nell immaginazione dell osservatore. 9

11 Figura 1.2 Schema concettuale delle interazioni all interno della CE Mediante l utilizzo di un interfaccia visuale user-friendly integrata con il web, l utente può identificare, selezionare e reperire le informazioni cui è interessato. La CE ha quindi il compito di rendere l accesso alle informazioni omogeneo e standardizzato, indipendente dagli strumenti e dalle tecnologie utilizzate (database, linguaggi e ambienti). Extranet Extranet communication communicationand andservices services Internet Internet institutional institutionaland andproduct product communication communication public publicrelations relations e-commerce e-commerce knowledge knowledgeintegration integration (partners, (partners,customer,etc.) customer,etc.) assistance assistance Cyber Cyber Enterprise Enterprise Intranet Intranet internal internalcommunication communication collaboration collaborationwork work Figura 1.3 Il modello della CE e le sue funzionalità in relazione alle differenti reti 10

12 Per soddisfare le esigenze del mercato globale e le attese dei possibili clienti, la CE è stata progettata con un architettura distribuita, questo ha permesso di: rendere irrilevante la localizzazione geografica dei partner reali della CE; creare nuovi mercati; offrire nuovi prodotti e processi produttivi; assicurare quella flessibilità, come detto in precedenza, tanto importante per rispondere in modo adeguato e puntuale alle richieste del mercato. Il concetto generale di virtual enterprise può essere analizzato da due differenti punti di vista: uno funzionale ed uno istituzionale. Il punto di vista istituzionale considera la virtual enterprise come un insieme di imprese legalmente indipendenti che co-operano temporaneamente tra loro al fine di raggiungere obiettivi economici comuni; condividono risorse e conoscenza mediante l uso dell ICT. Gli aspetti presi in considerazione nel punto di vista funzionale riguardano invece le caratteristiche di ogni azienda, le componenti interne ed esterne alla virtual enterprise e le loro interazioni, l uso dell ICT rivolto alla definizione di strumenti per la gestione dell informazione che siano utilizzabili per generare un valore aggiunto per l impresa virtuale. Nel progetto SOPHOCLES si analizza il concetto generale di virtual enterprise dal punto di vista funzionale, definendone i moduli principali, le funzioni e l interfaccia. Questi aspetti possono essere identificati attraverso la definizione di un modello user-oriented. Tale approccio è stato seguito per definire le specifiche del sito web, in particolare per la definizione di funzioni Internet-based atte a consentire: 1. la collaborazione tra diverse applicazioni e le informazioni che esse manipolano; 2. il lavoro cooperativo tra individui o gruppi di lavoro; 3. la definizione di un ambiente specifico dove il rilascio e l accesso di ogni informazione condivisa (inclusi i documenti), prodotta dagli attori che partecipano al progetto, sia sicuro, monitorato e gestito in modo autonomo quasi trasparente, ed in tempi brevi; 4. l implementazione di un insieme di tool user-friendly per la gestione della CE; 5. l uso delle applicazioni che implementano i servizi virtuali per end-user. In accordo con i punti precedenti, sono state definite le funzionalità di un insieme di tool per gestire il sito web attraverso il web. Quest obiettivo ha portato alla realizzazione di Active Web Matrix, una piattaforma di prima generazione per la configurazione e la gestione dinamica di un sito 11

13 web integrato a basi dati distribuite e multimediali che offre servizi di impresa virtuale con una serie di moduli funzionali indipendenti e complementari tra loro. Il punto 3 ha portato alla realizzazione di un modulo per la gestione della documentazione: il WebBased Document Management System (WBDMS). Il modulo Web-Seminar rientra nella categoria di servizi al punto Classificazione dell utenza La classificazione dell utenza è presa in considerazione in questa fase di analisi user-oriented, per identificare gli utenti della CE. Le linee guida della metodologia applicata dall ENEA in materia di usability3, hanno permesso di identificare le classi di utenti ed i loro requisiti in relazione ad aspetti organizzativi, tecnici e funzionali. In questa fase, sono state analizzate le situazioni critiche in termini di accessibilità alle informazioni ed usabilità dei sistemi deputati alle specifiche funzioni. In particolare, sono state oggetto di ulteriori analisi le modalità del sistema nei momenti di accesso e recupero dell informazione, dove è complessa la definizione delle query da parte di utenti finali che non conoscono le strutture dei dati. Tale operazione è stata, quindi, affidata al sistema stesso che offre servizi diretti e facili da usare. Gli utenti possono essere classificati in base ai seguenti criteri: Frequenza di accesso ai servizi della CE; Frequenza d uso dei sistemi/tool della CE; Familiarità nell utilizzo del computer; Esperti in software; Capacità professionali, profilo, ruolo. In generale possiamo identificare le seguenti classi di utenza: End-users, alla ricerca di soluzioni innovative e competitive per i loro affari; Information brokers; Venture capitalists, alla ricerca di tecnologia innovativa su cui investire; 3 Multimedia Prosoma Link-Up Methodology, Metodologia di Progetto di Siti WEB (ENEA, Università di Roma La Sapienza ), vedi Bibliografia [12] 12

14 Industriali e imprenditori interessati a nuove soluzioni; Industrie, centri di ricerca e università che collaborano all implementazione dei servizi virtuali messi a disposizione dalla CE; Lo staff di gestione della CE. Partendo da tale classificazione generale, ed analizzando tali classi in funzione dell accesso, profilo e relazione con l ambiente della CE, sono state definite tre categorie di utenti: a) Generic user. In questa categoria rientrano gli utenti casuali che accedono alla CE per reperire informazioni sull organizzazione ed i suoi servizi. Di solito l informazione non fa parte della loro attività quotidiana ed accedono raramente e casualmente al sistema. Esempi di questa categoria sono il generico navigatore della rete (net surfer) che consulta il sito, il visitor che ricerca informazioni sui servizi offerti dalla CE e scarica delle demo. b) Professional user. A questa categoria appartengono quegli utenti che hanno bisogno delle informazioni fornite dalla CE come supporto alla propria attività professionale (Es. designer). Essi accedono frequentemente ai dati ed ai servizi, di solito con lo stesso tipo di interrogazioni dettate dalle loro necessità ( status commerciale dei servizi, rapporti tecnici, servizi di rete). c) Experienced user. Gli utenti che appartengono a questa categoria esplorano i contenuti dei database della CE con frequenza ed in dettaglio attraverso l interfaccia web del sistema, accedono ai servizi. In questa categoria rientra anche lo staff che gestisce la CE ed i suoi sistemi/servizi. Il Cyber Enterprise Manager, il Web CE Manager, il DataBase Administrator ed il Virtual Components Manager appartengono a questa tersa categoria. La tabella 1.1 riassume le caratteristiche della classificazione sopra descritta. Classe di utenza End User Visitor Business User Technical user CE Manager Web CE Manager Data Base Manager/Administrator VCs Manager Tipo External External External External Internal Internal Internal External/Internal Descrizione Generic Generic Professional Experienced Experienced Experienced Experienced Experienced Tabella 1.1 Classificazione degli utenti La figura 1.4 classifica gli utenti in termini di frequenza d uso del sistema. 13 Network Internet User Internet User Extranet User Extranet User Intranet User Intranet User Intranet User Intranet User

15 1.3. Requisiti utente I requisiti utente sono raggruppati in tre tipologie: requisiti generali, funzionali e tecnici. Alcuni sono relativi all accesso, browsing e visualizzazione delle informazioni, altri sono relativi alle funzionalità più significative Requisiti generali I requisiti generali, intesi come specifiche globali, ovvero, che s intendono avere un carattere comune a tutte le componenti del sistema, sono mostrati nella tabella

16 Codice Item Requisito UR/1.1 Accesso al sistema via Web Il sistema deve essere accessibile utilizzando un semplice browser, attraverso il quale l utente può reperire e gestire le informazioni, usufruire dei servizi, accedere ai database (integrazione Web-DB). UR/1.2 Utilizzo della rete UR/1.3 Facilità d uso UR/1.4 Robustezza Se possibile l utente deve avere a disposizione una rete con prestazioni elevate. Il sistema deve fornire un approccio di tipo visuale4. Attraverso una rappresentazione visuale dei processi e dello stato del sistema, l utente ha la possibilità di utilizzare i servizi messi a disposizione con naturalezza ed intuizione (grado di usabilità). Il sistema deve essere affidabile e robusto, realizzato con software certificato e/o validato; deve essere in grado di fornire assistenza all utente nel caso di operazioni errate. Accesso riservato al sistema mediante l utilizzo di login e password; identificazione e profilazione dell utente, privilegi e permessi. Indipendenza dal sistema operativo e dalla macchina, uso di Java (L ambiente WIN 2k è obbligatorio fase 1; Unix Solaris 5.7 e Linux - fase 2) Il sistema deve essere composto da un insieme di moduli funzionali tra loro indipendenti e gestibili separatamente, favorendo così l implementazione di sistemi distribuiti. UR/1.5 Sicurezza UR/1.6 Portabilità UR/1.5 Modularità Tabella 1.2 Requisisti generali 4 Le interfacce visuali sfruttano l elevata banda passante del sistema visivo umano che consente sia il riconoscimento che la manipolazione di vaste quantità di informazione pittorica così come l utilizzo della retroazione visiva per un dialogo efficiente fra uomo e macchina. [7] 15

17 Requisiti funzionali La tabella 1.3 mostra i requisiti funzionali più significativi. Codice UR/2.1 UR/2.2 UR/2.3 UR/2.3 UR/2.5 UR/2.6 Item Requisito Utilizzo del mouse e tastiera Il sistema, di tipo visuale, deve consentire di eseguire le operazioni mediante l uso del mouse e quando necessario della tastiera. Funzioni di gestione Il sistema deve fornire la possibilità di essere gestito e configurato attraverso il Web. In particolare l integrazione WebDB deve fornire la possibilità di effettuare l update del sistema via rete. Tali operazioni devono essere svolte mediante l utilizzo di menu di gestione e procedure di manutenzione ed aggiornamento. Funzioni di interrogazione In accordo con UR/1.3 e UR/2.1, il sistema deve fornire una metodologia di approccio basata sull utilizzo di query predefinite e funzioni di ricerca standard ed avanzate. Funzioni di comunicazione Il sistema deve fornire gli strumenti necessari alla comunicazione verso lo staff, le company e gli utenti. Il risultato delle query deve essere Result Display visualizzato in forma tabellare5. Utilizzo di applicativi appositi (IVQSS Funzioni avanzate e SES).6 Tabella 1.3 Requisisti funzionali 5 6 Per definizioni ed argomenti relativi alla rappresentazione visuali delle basi di dati si rimanda a [7] Vedi bibiliografia [10], [11] e [12] 16

18 Requisiti tecnici Nella tabella 1.4 sono mostrati i principali requisiti tecnici. Codice UR/3.1 Item Requisito Ambiente di sviluppo e rete Sistemi operativi: Windows NT/2000 Server, Unix/Linux DBMS: Access/Oracle Linguaggi di interrogazione: SQL Web Server: IIS 5.0, Apache Protocollo http su rete Tcp/Ip UR/3.2 Linguaggi Linguaggi Object Oriented (Java) Linguaggi di script (JavaScript, VBScript) UR/3.3 UR/3.4 HTML, ASP, JSP Video AVI, Mpeg Multimedia Plug-in Macroomedia Flash, Real Player Database distribuiti, eterogenei, basati su diverse piattaforme (Oracle, Access, altri). Database Tabella 1.4 Requisisti tecnici Nella fase di sviluppo del progetto SOPHOCLES, i requisiti sono stati testati, validati ed analizzati in base alle necessità ed aspettative di un gruppo di utenti che rappresenteva i differenti profili di una cyber enterprise afferente ad reale scenario applicativo (Progetto Sophocles). 17

19 Capitolo 2 PROGETTAZIONE DEL SISTEMA La progettazione di (AWM) necessita di affrontare in modo distinto e integrato sia le funzionalità del sito web che il dominio dei dati della Cyber Enterprise (CE). In questo capitolo sono descritte le fasi di progettazione delle basi di dati e la fase di progettazione dei moduli della CE in termini di procedure e applicazioni. La prima definisce la struttura e l organizzazione dei dati e delle informazioni; si suddivide in: Progettazione dell architettura del sito web; Progettazione concettuale (schema E-R); Progettazione logica (traduzione nel modello relazionale degli schemi E-R); Progettazione fisica (Database Access/Oracle, directory e file) La progettazione dei moduli applicativi, partendo dalla definizione delle informazioni e delle entità e relazioni dei dati, fornisce le specifiche caratteristiche e le funzioni dei programmi che operano sulla base di dati e sul sito web Analisi e definizione dei meta dati L analisi delle informazioni e l organizzazione dei dati è stata effettuata sulla base di metodologie top-down e bottom-up. I principali elementi della CE sono stati identificati mediante un approccio metodologico di tipo top-down. L approccio bottom-up ha invece definito la relazione tra gli elementi, le loro caratteristiche ed attributi. La figura 2.1.a fornisce un schema concettuale generale della CE; le principali meta-entità definite sono le seguenti: User; Cyber Enterprise System; Virtual Component; Company. Lo schema rappresenta inoltre le principali relazioni tra le entità. 18

20 COMPANY USER CYBER ENTERPRISE SYSTEM VC Figura 2.1.a Meta-entità della CE La figura 2.1.b mostra le entità che sono contenute nella meta-entità CYBER ENTERPRISE SYSTEM. CYBER ENTERPRISE SYSTEM MULTIMEDIA WEB SEMINAR CORE NEWS ALTRO WBDMS Figura 2.1.b Meta-entità CYBER ENTERPRISE SISTEM 19

21 L analisi dei dati ha identificato, per ogni meta-entità, le entità specifiche, le loro principali relazioni ed i Minimum Data Set (MDS). Questo tipo di analisi ha così permesso di organizzare e gestire tali dati mediante l utilizzo di database multimediali distribuiti ed eterogenei. L analisi preliminare dell architettura generale dei database ha individuato tre tipologie di database: User DBs; CE Central DBs; Company/Partner DBs. Questi database possono essere sia interni che esterni all ambiente della CE (figura 2.2). Cyber Enterprise CENTRAL DBs User Registration Security CE profile VC technical data Administration Web Site Queries Statistics USER DBs Company/ Partner DBs Figura 2.2 Database della CE Nelle pagine che seguono è descritta la progettazione dei CE Central DBs. Il compito di questi DB consiste nel mantenimento e nella gestione dei dati relativi alle informazioni ed ai servizi della CE.. Le informazioni mantenute in tali database sono accessibili attraverso il sito web. Le linee guida, descritte in Appendice-3 realtive al documento CE definition and specification, hanno determinato le seguenti tipologie di dati: informazioni sul progetto; informazioni generali; informazioni sui partner; sezioni tecniche (Cyber Enterprise, Utilities, Virtual Components); 20

22 news, newsletter, forum; informazioni multimediali; strumenti di amministrazione/servizi e documentazione. Di seguito sono descritte le specifiche dei principali contenuti multimediali ed ipertestuali. News. Hanno come target il generico utente che naviga sul sito. Sono costituite da testo accompagnato da immagini. Riportano informazioni più o meno specifiche su un determinato argomento e sono suddivise per tematica. Le news possono essere visualizzate in home page, in questo caso sono costituite da una piccola immagine accompagnata da un breve testo (abstract). Trailer, video, interviste. Le strutture informative di tipo multimediale7 sono associate alle informazioni testuali per garantire un elevato grado di usabilità da parte dell utente. Le interviste trattano argomenti sia di tipo commerciale che tecnico ed in generale sono utilizzate per introdurre la problematica di fondo ed il risultato che si viole (o si è voluto) raggiungere (è riportato anche il testo dell intervista). Hanno una durata di circa sec. I video ed i trailer costituiscono di solito dei flash sul progetto ed eventualmente sui partner che vi partecipano (sono accompagnati da una breve descrizione inerente l argomento). Il trailer standard dura circa sec. Seminari. Hanno come target sia l utente finale, sia gli utenti che lavorano nella CE. Svolgono una funzione divulgativa e di comunicazione. Sono costituiti da sue sezioni: la prima visualizza il video, la seconda mostra le slide della persona che sta parlando. Pubblicazioni. È l elenco delle pubblicazioni che trattano argomenti inerenti la CE. Documentazione di progetto. È l insieme dei documenti relativi al progetto. Devono essere catalogati e messi a disposizione dello staff. Seguono un determinato standard definito in [14] Informazioni sui servizi virtuali (VC) offerti dalla Cyber Enterprise. Hanno come target il visitor ed il customer. Descrivono le caratteristiche dei VC che la CE mette loro a disposizione Definizione delle meta informazioni e struttura del sito web 7 Vedi Bibliografia [8], [14] 21

23 Le linee guida definite dall ENEA8 per il design del sito web, sono state utilizzate per progettare l architettura del web per la CE del progetto SOPHOCLES. Risoluzione del monitor. Questo aspetto vincola fortemente l architettura del sito. Al crescere della risoluzione video aumenta la quantità di informazione visiva che può essere inserita nella pagina web. Una delle risoluzioni standard adottate da applicazioni web e non, è di 800x600 pixel, tipica dei monitor 15 pollici. Tuttavia la crescente diffusione del computer come strumento domestico ed il conseguente abbattimento dei costi di produzione per l hardware, permettono l acquisto di monitor con risoluzioni superiori anche per l utenza comune, non professionale. Un monitor 17 pollici permette di utilizzare una risoluzione di 1024x768 pixel, con un conseguente aumento dello spazio disponibile per la visualizzazione delle informazioni. L architettura del sito è stata disegnata in base alla risoluzione 1024x768, cercando comunque di garantire una certa compatibilità con quella di 800x600. Struttura del sito. La figura 2.3.a mostra la struttura principale della home page del sito Figura 2.3.a Struttura principale della home page del sito 8 Vedi Bibliografia [13] 22

24 La struttura visiva dell interfaccia web è composta da: console di navigazione (1); intestazione (2); home page, pagina web del sito (3). L area (1) è lo strumento attraverso il quale l utente può navigare all interno del sito. Durante la navigazione la console, che è comunque dinamica, consente all utente di avere sempre a disposizione uno strumento che gli fornisce la funzionalità necessaria per avere una completa e diretta navigabilità su tutto il sito. Anche l area (2) è dinamica, in termini di banner che può visivamente mostrare all utente lo specifico ambiente in cui sta operando (front-end, back-end). Quando l utente accede al sistema (login), nella parte inferiore dell intestazione viene visualizzato il suo nome. Tutte le pagine del sito vengono caricate nell area (3). Le sezioni sono suddivise in due sottoaree: a destra è visualizzata una consolle che contiene un insieme di link relativi alla sezione, a sinistra è visualizzata la pagina di dettaglio delle informazioni selezionate (figura 2.3.b). Area occupata dalla sezione Figura 2.3.b Struttura del sito, sottomenu di destra e pagina di dettaglio In figura 2.3.c è mostrato il mapping del sito relativo alla fase di progettazione. 23

25 Home HomePage Page Welcome Welcome 0 aa Links Links a a 1 Project Project Profile Profile Congress & Congress & Workshop Workshop 2 General General Information Information Partners 3 3 Partners Technical Technical Info Info VC VCCatalog Catalog 4 Cyber Cyber Enterprise Enterprise Target Target Groups Groups 4.1 Utilities Utilities 4.2 Cyber Cyber Enterprise Enterprise User User Regisration Regisration Access Access Public Public Doc Doc Technical Sections 5 Users Users Forum Forum FAQs FAQs News News Show ShowRoom Room (Multimedia) (Multimedia) 8 Network Network Services Services Trailer 7.1 Trailer 5.2 Video Video 5.3 Flash Flash Customer Sections Figura 2.3.c Mapping del sito Mediante un utilizzo appropriato della grafica (spazialità del testo, contrasto di colori) ed un raggruppamento delle informazioni per tipologia e tematica la home page è suddivisa in quattro aree verticali; partendo da sinistra si ha: una sezione dedicata alle news; una sezione dedicata alla presentazione di eventi quali interviste, seminari, congressi e workshop; una sezione dedicata alla Cyber Enterprise, con relativa funzione di registrazione o accesso; una sezione dedicata alla pubblicità (SPOT). Nel caso in cui l utente abbia una risoluzione di 800x600 pixel, la sezione pubblicitaria non verrà mostrata, rimanendo al di fuori dell area di visualizzazione dello schermo. Ogni area è a sua volta suddivisa in tre sezioni orizzontali. Viene così a determinarsi una sottostruttura a griglia, una Web Matrix, che racchiude tutto il sito web, come mostrato in figura 2.3.d. 24

26 W eb N avigation N ew s M u ltim ed ia C yb er E nte rp rise S p ot Figura 2.3.d Web Matrix L obiettivo di realizzare un sito dinamico e modulare (da qui il termine Active), unito a tale studio grafico ha portato alla definizione di una struttura a matrice in cui ogni cella è indipendente dalle altre e costituisce un singolo modulo funzioanle, gestibile in modo autonomo. La figura 2.3.e descrive i moduli che compongono e le loro interazioni. News Manager DB news Publications Manager Multimedia Manager DB publications DB multimedia Console Manager DB console Seminar Manager DB seminar Figura 2.3.e 25

27 Ogni modulo incluso nel sito adotta lo stesso standard grafico (banner, icone, titolozioni, font, colori, backgound, ecc.) ed ha modulo manager per la sua gestione, un database di supporto e un apposita sezione del sito a cui si può accedere mediante i link del menu principale. Le sezioni sono caricate nell area (3) di figura 2.3.a secondo la struttura mostrata in figura 2.3.b. Le informazioni di questa area sono quelle del menu di destra e della pagina di dettaglio. Tali informazioni sono recuperate dal relativo database di riferimento. AWM prevede una home page che può essere configurata in modo tale da ospitare in ogni cella un set ridotto di informazioni per ogni singolo modulo: la struttura della pagina (grafica, spazi e font) rimane la stessa, ma le informazioni al suo interno cambiano in base alla configurazione stabilita dall utente, operazione svolta attraverso un modulo manager dedicato. In figura 2.4 viene mostrato lo studio del layout del sito web in ambiente customer e staff. Il capitolo 4 descrive nel dettaglio sia il layout del sito per il prototipo realizzato che modulo Manager di AWM. Staff DBA DBA Figura 2.4 Layout Staff-View/DBA Progettazione concettuale Il modello concettuale della base di dati di supporto al sistema è descritto mediante lo schema Entità-Relazione (schema E-R) di figura

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Alb@conference GO e Web Tools

Alb@conference GO e Web Tools Alb@conference GO e Web Tools Crea riunioni virtuali sempre più efficaci Strumenti Web di Alb@conference GO Guida Utente Avanzata Alb@conference GO Per partecipare ad un audioconferenza online con Alb@conference

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta Web Conferencing and Collaboration tools Passo 1: registrazione presso il sito Accedere al sito www.meetecho.com e registrarsi tramite l apposito form presente nella sezione Reserved Area. In fase di registrazione

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

Figura 1 - Schermata principale di Login

Figura 1 - Schermata principale di Login MONITOR ON LINE Infracom Italia ha realizzato uno strumento a disposizione dei Clienti che permette a questi di avere sotto controllo in maniera semplice e veloce tutti i dati relativi alla spesa del traffico

Dettagli

MANUALE D USO LEXUN ver. 5.0. proprietà logos engineering - Sistema Qualità certificato ISO 9001 DNV Italia INDICE. 6. Flash top 6 C.

MANUALE D USO LEXUN ver. 5.0. proprietà logos engineering - Sistema Qualità certificato ISO 9001 DNV Italia INDICE. 6. Flash top 6 C. Pag. 1/24 INDICE A. AMMINISTRAZIONE pagina ADMIN Pannello di controllo 2 1. Password 2 2. Cambio lingua 2 3. Menù principale 3 4. Creazione sottomenù 3 5. Impostazione template 4 15. Pagina creata con

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Radar Web PA. Valutazione della qualità dei siti web. Valutazione della qualità dei siti web della Pubblica Amministrazione

Radar Web PA. Valutazione della qualità dei siti web. Valutazione della qualità dei siti web della Pubblica Amministrazione Radar Web PA Valutazione della qualità dei siti web Livello d interazione Sezione di trasparenza Open data Open Content Valutazione Partecipazione Presenza 2.0 Contenuti minimi Dominio.gov Dichiarazioni

Dettagli

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED L'ingegneria di Elocal Roberto Boccadoro / Luca Zucchelli OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED ELOCAL GROUP SRL Chi siamo Giorgio Dosi Lorenzo Gatti Luca Zucchelli Ha iniziato il suo percorso lavorativo in

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana -

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana - Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità OSSERVATORIO REGIONALE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via Camillo Camilliani, 87 90145 PALERMO LINEE GUIDA PER L UTILIZZO

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE INTRODUZIONE BENVENUTO Benvenuto in SPARK XL l applicazione TC WORKS dedicata al processamento, all editing e alla masterizzazione di segnali audio digitali. Il design di nuova

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Altre opzioni Optralmage

Altre opzioni Optralmage di Personalizzazione delle impostazioni............ 2 Impostazione manuale delle informazioni sul fax......... 5 Creazione di destinazioni fax permanenti................ 7 Modifica delle impostazioni di

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Parallels Plesk Panel

Parallels Plesk Panel Parallels Plesk Panel Notifica sul Copyright ISBN: N/A Parallels 660 SW 39 th Street Suite 205 Renton, Washington 98057 USA Telefono: +1 (425) 282 6400 Fax: +1 (425) 282 6444 Copyright 1999-2009, Parallels,

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli