Piano di Numerazione per i servizi di. novità, risposte alle istanze del mercato e tematiche aperte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano di Numerazione per i servizi di. novità, risposte alle istanze del mercato e tematiche aperte"

Transcript

1 Piano di Numerazione per i servizi di comunicazione elettronica: novità, risposte alle istanze del mercato e tematiche aperte Alceo Barbadoro Francesco Bernabei W k h N Pi di N i li l i i li ià Workshop Nuovo Piano di Numerazione: quali le principali novità emerse e quali i prossimi passi? Milano 12 settembre 2012

2 Piano di numerazione nazionale Contenuti Novità e risposte alle istanze del mercato Tempistica per la configurazione da parte degli operatori di accesso delle numerazioni assegnate Codici per la realizzazione della prestazione di dual billing Numerazione per servizi SMS/MMSS/ S non a sovrapprezzo Numerazione per servizi SMS/MMS a sovrapprezzo Revisione della delibera n. 74/10/CIR per la decade 3 Tematiche aperte Comunicazioni machine-to-machine (M2M) Alias Mobile-payment emobile-ticketing 2

3 Piano di numerazione nazionale (1/3) Il Codice delle comunicazioni i i elettroniche, art. 15, comma 2, prevede che L'Autorità stabilisce i piani di numerazione nazionale dei servizi di comunicazione elettronica, incluse le connesse modalità di accesso e svolgimento dei servizi di comunicazione elettronica, ele procedure di assegnazione della numerazione nazionale, nel rispetto dei principi di obiettività, trasparenza e non discriminazione, i i i in modo da assicurare parità di trattamento a tutti i fornitori dei servizi di comunicazione elettronica accessibili al pubblico. 3

4 Piano di numerazione nazionale (2/3) Il Piano di numerazione nazionale è disciplinatoi dal regolamento contenuto nell allegato A della delibera n. 52/12/CIR di maggio Il nuovo regolamento ha modificato il precedente a seguito della procedimento di consultazione pubblica avviata con la delibera n. 154/11/CIR pubblicata a gennaio 2012, la cui sintesi è contenuta nell allegato B della delibera n. 52/12/CIR 4

5 Piano di numerazione nazionale (3/3) Il piano di numerazione è organizzato per servizi sulla base della prima cifra come di seguito indicato: 0 Numerazione geografica 1 Numerazione per servizi specifici, numerazione breve e per servizi armonizzati europei a valenza sociale 2 Riservato per esigenze future 3 Numerazioni e codici per servizi di comunicazioni mobili e personali 4 Numerazione per servizi interni di rete e servizi tramite SMS/MMS e trasmissione dati 5 Numerazioni per servizi di comunicazione telefonica nomadici 6 Riservato per esigenze future 7 Numerazione per servizi di accesso ad Internet e codici per servizi di comunicazioni mobili e personali 8 Numerazione per servizi con addebito al chiamato, per servizi con addebito ripartito e per servizi a sovrapprezzo 9 Riservato per esigenze future 5

6 Problema: Tempistica per la configurazione da parte degli operatori di accesso delle numerazioni assegnate (1/4) Sono stati segnalati tempi lunghi richiesti da parte degli operatori (primariamente di accesso) per la configurazione sulle proprie reti di numerazioni assegnate ad operatori concorrenti. Ogni ritardo in tal senso si concretizza in un danno per gli assegnatari della numerazione, in termini di contributi versati per diritti d uso non sfruttabili, di ritardi nella commercializzazione dei servizi e conseguenti mancati introiti a fronte di investimenti effettuati. Il Piano pone un limite temporale massimo per l utilizzo lutilizzo della numerazione assegnata (12 mesi), mentre non prevedeva nessuna norma per regolare la tempistica ammissibile per rendere accessibile la numerazione su una data rete, a seguito di richiesta dell operatore assegnatario. 6

7 Tempistica per la configurazione da parte degli operatori di accesso delle numerazioni assegnate (2/4) Dalle prime analisi svolte emerge che la situazione per la determinazione della tempistica corretta è complessa: si contrappongono due esigenze Operatore assegnatario: tempi sufficientemente contenuti per diventare operativo Altri operatori: tempi sufficientemente i t lunghi per ridurre i costi (anche concentrando le operazioni di aggiornamento in cadenze prefissate) la tecnologia consente sempre più di ridurre i tempi di configurazione, tuttaviatt parte significativa ifi della tempistica ti è la negoziazione i tra le parti che può essere anche influenzata da comportamenti dilatori tesi a creare una barriera all ingresso o ai servizi dei concorrenti 7

8 Tempistica per la configurazione da parte degli operatori di accesso delle numerazioni assegnate (3/4) Primo intervento (coerenza normativa): Imporre all operatore di accesso un termine massimo di dodici mesi, calcolato a decorrere dalla data della richiesta da parte dell assegnatario della numerazione, per la configurazione sulla propria rete della numerazione oggetto della richiesta stessa. Nel caso che sia già in atto un accordo tra i due soggetti, per la semplice configurazione in rete di nuova numerazione, è imposto un termine di quattro mesi. Tali obblighi sono rivolti alla generalità dei soggetti ed attengono alla gestione della numerazione non sono pertanto da confondersi con gli obblighi specifici della stessa natura, ma certo più rigorosi, imposti all operatore che risulta dominante a seguito di analisi di mercato. 8

9 Tempistica per la configurazione da parte degli operatori di accesso delle numerazioni assegnate (4/4) L attuale situazione potrà essere rivista in funzione : dell evoluzione dei sistemi dell eventuale determinazione di una più approfondita classificazione dei casi di configurazione dell eventuale semplificazione del piano di numerazione delle best practice attuate in altri Paesi ed in particolare in quelli della Comunità europea Va considerata inoltre l esigenza espressa nelle nuove direttive europee recepite nel nuovo Codice delle comunicazioni i i elettroniche che prescrive la raggiungibilità di tutte le numerazioni dei diversi piani dei paesi della Comunità Europea. 9

10 Codici per la realizzazione della prestazione di dual billing Prestazione di dual billing : impiego di un codice che, anteposto al numero chiamato, consente di contabilizzare i costi delle chiamate con addebito all utilizzatore o all azienda Ferma restando la possibilità di impiegoi di numerazione per servizi interni di rete, l Autorità ha riservato allo scopo il codice 77 (armonizzazione della numerazione per servizi armonizzati) Digitando 3xy -> addebito all azienda Digitando 77 3xy -> addebito all utilizzatore Vantaggio: praticità per la clientela la possibilità di disporre di una modalità unificata di accesso alla prestazione di dual billing: nessun aggiornamento della rubrica in caso di portabilità del numero 10

11 Nuova numerazione per servizi SMS/MMS non a sovrapprezzo E stata introdotta una nuova numerazione in decade 4, espressamente riservata a servizi non a sovrapprezzo: a)43xu 1 U 2 conx=0e1 U i =0 9 i=1 2 b)43xu 1 U 2 U 3 U 4 conx=4e5 U i =0 9 i=1 4 c)43xu 1 U 2 U 3 U 4 U 5 U 6 U 7 con X=9 U i =0 9 i=1 7 Obiettivi: consentire che il mercato sia aperto a tutti i soggetti autorizzati a fornire servizi dati o SMS e non solo ai fornitori di servizi mobili in decade 3 creare parità di condizioni di utilizzo, incluse quelle relative alla portabilità, rispetto alle numerazioni in decade 3 Non si applicano le norme relative ai servizi a sovrapprezzo Per parità di trattamento dei servizi non a sovrapprezzo: nessun limite riguardo all impiego della numerazione a particolari tipologie di servizi o contenuti 11

12 Numerazione per servizi SMS/MMS a sovrapprezzo Revisione i dei tettitti di prezzo Estensione della definizione i i di servizi isociali-informativi i i Revisione delle modalità di assegnazione delle numerazioni di lunghezza 7 12

13 Revisione dei tetti di prezzo per i servizi a sovrapprezzo in decade 4 Innalzamento del limite massimo dei tetti di prezzo accompagnato da un contemporaneo innalzamento dei livelli di tutela degli utenti/clienti Tetti di prezzo 2 euro: livello di consapevolezza invariata 5 euro: necessaria maggiore consapevolezza: affidamento su misure che riguardino l informazione generale preventiva e la pubblicità: ità insufficiente i E richiesto pertanto: indicazione esplicita del prezzo nella sintassi di richiesta del servizio invio al cliente di un SMS con richiesta di accettazione esplicita del prezzo mediante un ulteriore SMS da parte dell utente/cliente un diverso sistema proposto dai fornitori del servizio e preventivamente approvato dall Autorità 13

14 Numerazione per servizi SMS/MMS a sovrapprezzo Per i servizi sociali-informativi, su richiesta degli operatori è stata estesa la definizione dei servizi socialiinformativi includendo ulteriori descrizioni sintetiche che fanno riferimento a: i) informazioni connesse ai servizi bancari ed assicurativi, ii) servizi informativi che rivestono carattere di interesse generalizzato per la collettività. Per le numerazione a lunghezza sette cifre l assegnazione non è più a blocchi di 10 numeri, bensì a singolo numero, ciò comporta i seguenti vantaggi: Minore spreco di numerazione Minor costo per l assegnazione della numerazione per gli operatori Più corretta attribuzione degli oneri amministrativi in caso di portabilità 14

15 Richieste degli istanti: Istanza di revisione della delibera n. 74/10/CIR per la decade 3 (1/2) Per i codici destinati alla numerazione d utente, propongono di confermare le assegnazioni a 3 cifre già effettuate e di prevedere l assegnazione a 4 cifre solo per le nuove assegnazioni Per i codici utilizzati come Routing Numbers, chiedono di mantenere la lunghezza a 3 cifre, prevedendo il mantenimento delle assegnazioni ed utilizzando per le nuove richieste di assegnazione codici in decade 7, sempre a 3 cifre (73X), dedicando all occorrenza successivamente un nuovo arco in decade 7 a 3 cifre Per i codici utilizzati per la segreteria telefonica, propongono di mantenere le attuali assegnazioni a 3 cifre e di soddisfare eventuali esigenze future con codici i in decaded 7, ma sempre a 3 cifre 15

16 Decisioni adottate: Istanza di revisione della delibera n. 74/10/CIR per la decade 3 (2/2) Tutte le numerazioni in decade 3, sono da considerarsi come assegnate a blocchi con codice a 4 cifre Rimangono immutati i codici in decade 3 già assegnati, provvedendo al rilascio dei nuovi codici, sempre a tre cifre, mediante la decade 7 Nessuna modifica per le disposizioni inerenti i codici per il servizio di segreteria telefonica 16

17 Comunicazioni Machine-to-Machine (M2M) (1/2) La tematicati riguarda le modalità di identificazione i e instradamento per il colloquio tra apparati in cui l intervento umano è nullo o alquanto limitato Crescente il numero di applicazioni M2M: sistemi di allarme, domotica, sicurezza, Un primo lavoro condotto dal gruppo NaN dell Electronic Communications Committee (ECC) della CEPT è ECC Report 153 del 2010 Numbering and addressing in Machine-to-Machine (M2M) communications Nel 2011 è stata pubblicata la Raccomandazione ECC/REC/(11)03 sulla medesima tematica 17

18 Comunicazioni Machine-to-Machine (M2M) (2/2) La raccomandazione prevede tra l altro that the National Regulatory Authorities (NRAs) should establish numbering solutions for M2M applications as part of the national numbering plan; NRAs should consider either using the existing number ranges for mobile networks or, in case of scarcity in existing mobile ranges or if different regulatory approach should be applied, opening up new number range(s) for M2M applications A seguito della consultazione pubblica n. 154/11/CIR, si è ritenuto di non prendere al momento alcuna decisione al riguardo Permane comunque un attenzione su tale tema in particolare per evitare situazioni di scarsità di risorse. 18

19 Alias (1/5) Normativa attuale: per tutte le comunicazioni, incluse quelle SMS/MMS, possono essere utilizzati come CLI (identità del chiamante) solo numeri E.164 Il problema principale per consentire normativamente gli alias è la tutela dell utenza da possibili frodi, infatti un alias può determinare nel ricevente una maggiore certezza sul chiamante rispetto ad un numero. Ciò si traduce in due esigenze irrinunciabili: i) univocità dell Alias; ii) certezza dell origine: blocco dei messaggi con Alias provenienti dall estero Situazione europea: tipicamente l uso è vietato con alcune eccezioni anche in fase sperimentale (Belgio, Francia) 19

20 Prima ipotesi di soluzione: Alias (2/5) Blocco degli alias provenienti dall estero. Utilizzare come alias un nome a dominio di secondo livello del registro italiano, e.g. agcom.it. L operatore assegnatario di numerazione può associare al numero un alias e permettere al proprio cliente di utilizzarlo in sostituzione del numero attribuito al cliente. Vantaggi: Esistono già delle regole di assegnazione dei nomi ed i costi per l assegnazione di nomi a dominio di secondo livello sono contenuti Possibilità di verificare il mittente anche tramite whois Il Ministero ai sensi del Codice delle comunicazione ha il potere di vigilanza sui nomi a dominio Svantaggio: Vincolo su stato esistente, in particolare per coloro che hanno un nome a dominio non di secondo livello. 20

21 Alias (3/5) Altra ipotesi i di soluzione: Blocco degli alias provenienti dall estero Costituzione di uno specifico database Vantaggi: Svincolo dai nomi a dominio esistenti minore lunghezza dell Alias rispetto alla prima ipotesi (3 caratteri) Svantaggi Costo di costituzione di uno specifico database Necessità di costituzione tu o di regole e e risoluzione o delle e controversie o e 21

22 Alias (4/5) Soluzione applicata inaltro Paese europeo Alias è costituito da numero seguito da un nome Vantaggi: Semplificazione per i controlli e la vigilanza Svantaggi: Maggiore lunghezza dell Alias In assenza di blocco di Alias dall estero potrebbe essere facilitata la falsificazione del mittente In caso di uso di medesima pratica da altri Paesi, possibilità di confusione se non è riportato l identificativo del Paese di origine 22

23 Alias (5/5) Per il controllo e vigilanza il Piano all art. 6 prevede che: 3. L operatore Loperatore che fornisce il servizio di comunicazione elettronica al cliente che origina la comunicazione è responsabile della fornitura e correttezza del CLI nonché della consegna di tale informazione all operatore di destinazione o all eventuale operatore di transito. A tal fine, nel caso di CLI generati dal cliente, verifica la corrispondenza di questo con le numerazioni attribuite alla linea che origina la comunicazione, eventualmente trasmettendo un CLI addizionale o sovrascrivendo lo stesso, nel rispetto degli standard internazionali e nei limiti della fattibilità tecnica.. 4. Nel transito attraverso una rete, il CLI non è ingiustificatamente rimosso o modificato,. 5. Resta in capo all operatore che fornisce il servizio di comunicazione elettronica al cliente che origina la comunicazione la responsabilità, per le comunicazioni dirette a numerazioni E.164 del presente piano che prevedono il coinvolgimento di operatori di transito, di stipulare con questi ultimi accordi contrattuali tali da consentire il rispetto del precedente comma 4. 23

24 mobile-payment mobile-ticketing E stata concessa l autorizzazione in via derogatoria ad effettuare il servizio di mobile ticketing per la città di Firenze sotto specifiche condizioni e altre sono allo studio. L intera questione relativa a tali problematiche è al momento oggetto di approfondimento nell ambito dell attività di revisione delle norme sui servizi a sovrapprezzo di cui al regolamento contenuto nel decreto ministeriale i i n.145/2006. Occorre tenere conto delle norme che regolano i pagamenti elettronici. 24

25 Piano di Numerazione per i servizi di comunicazione elettronica: novità, risposte alle istanze del mercato e tematiche aperte Grazie per l attenzione Domande? Alceo Barbadoro e Francesco Bernabei Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Via Isonzo 21/b Roma web: 25

Allegato B alla delibera n. 7 /13/CIR

Allegato B alla delibera n. 7 /13/CIR Allegato B alla delibera n. 7/13/CIR CONSULTAZIONE PUBBLICA CONCERNENTE IL PIANO DI NUMERAZIONE NEL SETTORE DELLE COMUNICAZIONI ELETTRONICHE DI CUI ALLA DELIBERA N. 52/12/CIR NORME PER LA SPERIMENTAZIONE

Dettagli

NetFun Italia Servizi Web e Business Telecommunications

NetFun Italia Servizi Web e Business Telecommunications CODICE DI CONDOTTA PER LA GESTIONE DEGLI ALIAS A seguito della Delibera n. 42/13/CIR circa le norme per la sperimentazione di indicatori alfanumerici per l'identificazione del soggetto chiamante negli

Dettagli

Piano di numerazione nel settore delle telecomunicazioni e disciplina attuativa

Piano di numerazione nel settore delle telecomunicazioni e disciplina attuativa Allegato A alla delibera n. 26/08/CIR Piano di numerazione nel settore delle telecomunicazioni e disciplina attuativa Articolo 1 (Definizioni) Articolo 2 (Piano di numerazione per servizi) Articolo 3 (Assegnazione

Dettagli

DELIBERA N. 42/13/CIR

DELIBERA N. 42/13/CIR DELIBERA N. 42/13/CIR NORME PER LA SPERIMENTAZIONE DI INDICATORI ALFANUMERICI PER L IDENTIFICAZIONE DEL SOGGETTO CHIAMANTE NEGLI SMS/MMS IMPIEGATI PER SERVIZI DI MESSAGGISTICA AZIENDALE L AUTORITA 2013;

Dettagli

Allegato A alla delibera n. 52/12/CIR

Allegato A alla delibera n. 52/12/CIR Allegato A alla delibera n. 52/12/CIR PIANO DI NUMERAZIONE NEL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIONI E DISCIPLINA ATTUATIVA Articolo 1 (Definizioni) Articolo 2 (Piano di numerazione per servizi) Articolo 3 (Assegnazione

Dettagli

PIANO DI NUMERAZIONE NEL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIONI E DISCIPLINA ATTUATIVA

PIANO DI NUMERAZIONE NEL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIONI E DISCIPLINA ATTUATIVA Allegato A alla delibera n. 26/08/CIR come modificato ed integrato dalle delibere n. 79/08/CIR, n. 34/09/CIR, n. 72/09/CIR, n. 80/09/CIR e n. 74/10/CIR PIANO DI NUMERAZIONE NEL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIONI

Dettagli

DELIBERA N. 113/07/CIR

DELIBERA N. 113/07/CIR DELIBERA N. 113/07/CIR MISURE URGENTI IN MATERIA DI ASSEGNAZIONE DELLE RISORSE DI NUMERAZIONE A SEGUITO DELL INGRESSO NEL MERCATO DEI FORNITORI AVANZATI DI SERVIZI L AUTORITÁ NELLA riunione della Commissione

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni PIANO DI NUMERAZIONE NEL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIONI E DISCIPLINA ATTUATIVA Articolo 1 (Definizioni) Articolo 2 (Piano di numerazione per servizi) Articolo 3 (Assegnazione dei diritti d uso delle numerazioni)

Dettagli

Codice di Condotta relativo alla fornitura di servizi di messaggistica aziendale contenenti codici alfanumerici (Alias) come mittenti ( Codice )

Codice di Condotta relativo alla fornitura di servizi di messaggistica aziendale contenenti codici alfanumerici (Alias) come mittenti ( Codice ) Codice di Condotta relativo alla fornitura di servizi di messaggistica aziendale contenenti codici alfanumerici (Alias) come mittenti ( Codice ) Premessa Il presente Codice di Condotta è redatto ai sensi

Dettagli

IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE. Prof. Riccardo Mussari

IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE. Prof. Riccardo Mussari IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE Prof. Riccardo Mussari INDICE Il principio della programmazione I documenti della programmazione: DUP PEG Il principio della programmazione La programmazione nella riforma

Dettagli

DELIBERA N. 52/12/CIR

DELIBERA N. 52/12/CIR DELIBERA N. 52/12/CIR ADOZIONE DEL NUOVO PIANO DI NUMERAZIONE NEL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIONI E DISCIPLINA ATTUATIVA, CHE MODIFICA ED INTEGRA IL PIANO DI NUMERAZIONE DI CUI ALLA DELIBERA N. 26/08/CIR

Dettagli

ELENCO DELLE STRUTTURE DI ROUTING NUMBER ASSOCIATE AI SERVIZI

ELENCO DELLE STRUTTURE DI ROUTING NUMBER ASSOCIATE AI SERVIZI ALLEGATO NORMATIVO n. 1 ALLA SPECIFICA TECNICA 763-4 ELENCO DELLE STRUTTURE DI ROUTING NUMBER ASSOCIATE AI SERVIZI Versione 12 (giugno 2011) ST 763-4 Allegato 1 Versione 12 Giugno 2011 1/5 INTRODUZIONE

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI MESSAGGISTICA AZIENDALE TRAMITE INDICATORI ALFANUMERICI (ALIAS)

CODICE DI CONDOTTA PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI MESSAGGISTICA AZIENDALE TRAMITE INDICATORI ALFANUMERICI (ALIAS) CODICE DI CONDOTTA PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI MESSAGGISTICA AZIENDALE TRAMITE INDICATORI ALFANUMERICI (ALIAS) VERSIONE 2.0 DEL 01/10/2014 WIND TELECOMUNICAZIONI S.p.A. ( Wind ): VISTA la legge 31

Dettagli

DELIBERA N. 147/11/CIR REVISIONE DELLE NORME RIGUARDANTI LA PORTABILITA DEL NUMERO MOBILE APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO L AUTORITA

DELIBERA N. 147/11/CIR REVISIONE DELLE NORME RIGUARDANTI LA PORTABILITA DEL NUMERO MOBILE APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO L AUTORITA DELIBERA N. 147/11/CIR REVISIONE DELLE NORME RIGUARDANTI LA PORTABILITA DEL NUMERO MOBILE APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO L AUTORITA NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 30

Dettagli

Cap. Soc. 34.800.000,00 P. IVA e C.C.I.A.A. Cagliari 02508100928 R.E.A. 204250 Direzione e coordinamento: Tiscali S.p.A.

Cap. Soc. 34.800.000,00 P. IVA e C.C.I.A.A. Cagliari 02508100928 R.E.A. 204250 Direzione e coordinamento: Tiscali S.p.A. Codice di condotta per la fornitura di servizi di messaggistica aziendale contenenti codici alfanumerici (Alias) come mittenti e per la tutela dell utenza Tiscali Italia S.p.A. con socio unico - www.tiscali.it

Dettagli

Frodi in Internet: quali difese per il cittadino

Frodi in Internet: quali difese per il cittadino Frodi in Internet: quali difese per il cittadino Gilberto Nava Dipartimento Vigilanza e Controllo Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Competenze dell AGCOM Il fenomeno delle frodi in Internet

Dettagli

DELIBERA N. 628/07/CONS

DELIBERA N. 628/07/CONS DELIBERA N. MERCATO DELLA TERMINAZIONE DI CHIAMATE VOCALI SU SINGOLE RETI MOBILI (MERCATO N. 16 FRA QUELLI IDENTIFICATI DALLA RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA N. 2003/311/CE): VALUTAZIONE AI SENSI

Dettagli

1. Revisione dei tetti di prezzo per le numerazioni in decade 4 per servizi a sovrapprezzo.

1. Revisione dei tetti di prezzo per le numerazioni in decade 4 per servizi a sovrapprezzo. Premessa SINTESI DELLA CONSULTAZIONE DI CUI ALLA DELIBERA N. 154/11/CIR La consultazione in discorso si è articolata attraverso i contributi pervenuti e le audizione richieste dai singoli partecipanti

Dettagli

CARTA DELLE GARANZIE PER L ACCESSO DEI CLIENTI DI TELECOM ITALIA ALLE NUMERAZIONI NON GEOGRAFICHE 1 14 MARZO 2001

CARTA DELLE GARANZIE PER L ACCESSO DEI CLIENTI DI TELECOM ITALIA ALLE NUMERAZIONI NON GEOGRAFICHE 1 14 MARZO 2001 CARTA DELLE GARANZIE PER L ACCESSO DEI CLIENTI DI TELECOM ITALIA ALLE NUMERAZIONI NON GEOGRAFICHE 1 14 MARZO 2001 * * * La presente Carta delle Garanzie è prevista dall Offerta di Interconnessione di Riferimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

DELIBERA N. 126/07/CIR

DELIBERA N. 126/07/CIR DELIBERA N. 126/07/CIR AVVIO DEL PROCEDIMENTO PER LA REVISIONE DELLE NORME RIGURDANTI LA PORTABILITA DEL NUMERO MOBILE E DISPOSIZIONI PER L ADEGUAMENTO DELLA CAPACITÀ GIORNALIERA DI EVASIONE DEGLI ORDINI

Dettagli

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA COSTITUZIONE E L AMMINISTRAZIONE DELLE GESTIONI SEPARATE DELLE IMPRESE CHE ESERCITANO L ASSICURAZIONE SULLA VITA, AI SENSI DELL ARTICOLO 191,

Dettagli

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 L'ISVAP ha pubblicato sul proprio sito il Provvedimento 2720 del 2 luglio 2009, che

Dettagli

LE FRODI SUI SERVIZI A SOVRAPPREZZO

LE FRODI SUI SERVIZI A SOVRAPPREZZO Frodi in Internet: quali difese per il cittadino Smau 3 Ottobre 2003 LE FRODI SUI SERVIZI A SOVRAPPREZZO 1 1 I SERVIZI DI INFORMAZIONE Il crescente sviluppo del mercato dei servizi di informazione, frutto

Dettagli

ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO. relativo alla

ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO. relativo alla ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO relativo alla Procedura selettiva n. 238/2014 ai sensi dell art. 125 comma 11 del D.Lgs. n.163/2006 per l affidamento del servizio di consulenza ed assistenza di carattere

Dettagli

Codice di Condotta relativo alla fornitura di servizi di messaggistica aziendale contenenti codici alfanumerici (Alias) come mittenti ( Codice )

Codice di Condotta relativo alla fornitura di servizi di messaggistica aziendale contenenti codici alfanumerici (Alias) come mittenti ( Codice ) Codice di Condotta relativo alla fornitura di servizi di messaggistica aziendale contenenti codici alfanumerici (Alias) come mittenti ( Codice ) Premessa Il presente Codice di Condotta è redatto ai sensi

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI MESSAGGISTICA AZIENDALE TRAMITE INDICATORI ALFANUMERICI (ALIAS) Aggiornato al 26 Febbraio 2016

CODICE DI CONDOTTA PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI MESSAGGISTICA AZIENDALE TRAMITE INDICATORI ALFANUMERICI (ALIAS) Aggiornato al 26 Febbraio 2016 CODICE DI CONDOTTA PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI MESSAGGISTICA AZIENDALE TRAMITE INDICATORI ALFANUMERICI (ALIAS) Aggiornato al 26 Febbraio 2016 SYNIVERSE TECHNOLOGIES S.A.R.L. ( SYNIVERSE ): VISTA la

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 9 MAGGIO 2013 191/2013/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEI CLIENTI FINALI DEL GAS DISTRIBUITO A MEZZO DI GASDOTTI LOCALI E DI RETI DI TRASPORTO, PER IL PERIODO 1 GENNAIO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. Ministero dell Economia e delle Finanze Ragioneria Generale dello Stato

PROTOCOLLO D INTESA TRA. Ministero dell Economia e delle Finanze Ragioneria Generale dello Stato PROTOCOLLO D INTESA TRA Ministero dell Economia e delle Finanze Ragioneria Generale dello Stato E Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture PREMESSO CHE la legge 31

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA RELATIVO ALLA FORNITURA DI SERVIZI DI MESSAGGISTICA AZIENDALE CONTENENTI CODICI ALFANUMERICI

CODICE DI CONDOTTA RELATIVO ALLA FORNITURA DI SERVIZI DI MESSAGGISTICA AZIENDALE CONTENENTI CODICI ALFANUMERICI CODICE DI CONDOTTA RELATIVO ALLA FORNITURA DI SERVIZI DI MESSAGGISTICA AZIENDALE CONTENENTI CODICI ALFANUMERICI Premessa CWNET S.r.l. adotta il presente Codice di Condotta ai sensi del comma della delibera

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

Il giorno 12 dicembre 2014 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti:

Il giorno 12 dicembre 2014 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti: DELIBERA N. 52/2014 TITOLO 2014.1.10.4 2014.1.10.21.35 LEGISLATURA IX Il giorno 12 dicembre 2014 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei

Dettagli

SERVIZI DI COMUNICAZIONE ITC CONTACT

SERVIZI DI COMUNICAZIONE ITC CONTACT ALLEGATI A - B ALLEGATO A SERVIZI DI COMUNICAZIONE ITC CONTACT Enterprise Contact ha intercettato la difficoltà dei Comuni nel comunicare con le grandi realtà territoriali, in specie nei in casi straordinari

Dettagli

Convergenza Fisso Mobile: Aspetti Giuridici e Regolatori

Convergenza Fisso Mobile: Aspetti Giuridici e Regolatori ANFOV Convergenza Fisso / Mobile Aspetti Giuridici e Regolatori Convergenza Fisso Mobile: Aspetti Giuridici e Regolatori Massimo Donna - Baker & McKenzie Studio Professionale Associato a Baker & McKenzie

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 35/08 APPROFONDIMENTI FINALI SULLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 17 dicembre 2008 Pagina 1 di 12 Premessa

Dettagli

Direzione Organizzazione 2014 02021/004 Servizio Formazione Ente CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Organizzazione 2014 02021/004 Servizio Formazione Ente CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Organizzazione 2014 02021/004 Servizio Formazione Ente CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 615 approvata il 24 aprile 2014 DETERMINAZIONE: AFFIDAMENTO IN ECONOMIA E ISCRIZIONE

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO DI BROKER DI ASSICURAZIONE

DISCIPLINARE D INCARICO DI BROKER DI ASSICURAZIONE DISCIPLINARE D INCARICO DI BROKER DI ASSICURAZIONE L anno duemilaquattordici (2014), il giorno del mese di con la presente scrittura privata da valere ad ogni effetto di legge, TRA Il comune di Campotosto

Dettagli

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it La legge che agevola l Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all avvio di piccole

Dettagli

Guida alla registrazione al sistema Alias nell ambito della sperimentazione di cui alla Delibera n. 42/13/CIR. Versione 1.0

Guida alla registrazione al sistema Alias nell ambito della sperimentazione di cui alla Delibera n. 42/13/CIR. Versione 1.0 nell ambito della sperimentazione di cui alla Delibera n. 42/13/CIR Versione 1.0 1 Introduzione L impiego di Alias come mittente nei messaggi è attualmente regolato dalla delibera n. 42/13/CIR concernente

Dettagli

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA AVVISO ESPLORATIVO Oggetto: Fornitura di energia elettrica e servizi connessi per sessantacinque utenze intestate all EFS. - Importo complessivo annuo stimato 37.000,00 oltre iva di legge. - Procedura

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

http://www.studiodicarlo.org

http://www.studiodicarlo.org Contratto di affiliazione commerciale Tra le Parti: A s.p.a. , con sede in (provincia di ) in via al civico numero (), capitale sociale deliberato euro (/00),

Dettagli

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI Approvato con deliberazione n. 463 del 10.08.2015

Dettagli

SPECIFICA TECNICA N. 763-14 relativa alle. Caratteristiche tecniche dell interconnessione tra reti di telecomunicazioni

SPECIFICA TECNICA N. 763-14 relativa alle. Caratteristiche tecniche dell interconnessione tra reti di telecomunicazioni SPECIFICA TECNICA N. 763-14 relativa alle Caratteristiche tecniche dell interconnessione tra reti di telecomunicazioni Number Portability tra reti fisse per numeri non geografici Versione 3 (giugno 2011)

Dettagli

Premessa. I servizi di messaggistica

Premessa. I servizi di messaggistica CODICE DI CONDOTTA RELATIVO ALLA FORNITURA DI SERVIZI DI MESSAGGISTICA AZIENDALE CONTENENTI CODICI ALFANUMERICI (ALIAS) COME MITTENTI E PER LA TUTELA DELL UTENZA Premessa KPNQwest Italia SpA (KQI) adotta

Dettagli

AUTORITA PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI Direzione Servizi Media Direzione Reti e Servizi di Comunicazione Elettronica Via Isonzo, 21/B 00198 Roma

AUTORITA PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI Direzione Servizi Media Direzione Reti e Servizi di Comunicazione Elettronica Via Isonzo, 21/B 00198 Roma Associazione Radio AUTORITA PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI Direzione Servizi Media Direzione Reti e Servizi di Comunicazione Elettronica Via Isonzo, 21/B 00198 Roma Via P.E.C. all indirizzo: agcom@cert.agcom.it

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Tra

PROTOCOLLO D INTESA. Tra ALLEGATO A PROTOCOLLO D INTESA Tra Poste Italiane S.p.A. con sede legale in Roma, Viale Europa 190, rappresentata dall Ing. Massimo Sarmi, (omissis) nella sua qualità di Amministratore Delegato di Poste

Dettagli

PROVINCIA di MANTOVA DISCIPLINARE D INCARICO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA per.. in esecuzione della Determinazione n. PREMESSO che:

PROVINCIA di MANTOVA DISCIPLINARE D INCARICO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA per.. in esecuzione della Determinazione n. PREMESSO che: PROVINCIA di MANTOVA DISCIPLINARE D INCARICO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA per.. in esecuzione della Determinazione n PREMESSO che: vista la Delibera di Giunta Provinciale n. 198 del 04/12/2008 recante: Modifiche

Dettagli

DELIBERA N. 169/13/CONS

DELIBERA N. 169/13/CONS DELIBERA N. 169/13/CONS ORDINE AGLI OPERATORI TELECOM ITALIA S.P.A., OKCOM S.P.A., E UNIDATA S.P.A. DI CESSAZIONE DI COMPORTAMENTI LESIVI DEI DIRITTI DEGLI UTENTI, AI SENSI DELL ARTICOLO 2, COMMA 20, LETT.

Dettagli

REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari (approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 122 del 29/09/2008)

REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari (approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 122 del 29/09/2008) COMUNE DI BORGOSATOLLO Provincia di Brescia REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari (approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 122 del 29/09/2008) Art. 1 Oggetto

Dettagli

SENATO. 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507

SENATO. 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507 SENATO 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507 Disposizioni di contrasto al furto d identità e in materia di prevenzione delle

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico CODICE ETICO Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico Revisionato e approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 11.12.2014 INDICE PREMESSA pag. 04 1. Ambito di applicazione pag. 05 2. Valore contrattuale

Dettagli

Città di Nardò (Provincia di Lecce) Settore Economico Finanziario Servizio Provveditorato

Città di Nardò (Provincia di Lecce) Settore Economico Finanziario Servizio Provveditorato Città di Nardò (Provincia di Lecce) Settore Economico Finanziario Servizio Provveditorato GARA PER L APPALTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO DI TELEFONIA MOBILE Ente appaltante: COMUNE DI NARDO (LE) P.ZA C.

Dettagli

RIEPILOGO DEI COSTI (in Euro)

RIEPILOGO DEI COSTI (in Euro) CONTO TELEFONICO Intestatario COMUNE DI MELISSANO VIA CASARANO, 59 MELISSANO 73040 MELISSANO LE P. IVA 02166190757 Codice Cliente 000053279 Codice Account 496789739 Cod. Domiciliazione Bancaria / Identificativo

Dettagli

La tutela del consumatore e la qualità dei servizi di distribuzione e di vendita di energia elettrica e gas naturale

La tutela del consumatore e la qualità dei servizi di distribuzione e di vendita di energia elettrica e gas naturale La tutela del consumatore e la qualità dei servizi di distribuzione e di vendita di energia elettrica e gas naturale Gabriella Utili Responsabile Unità informazione e tutela dei consumatori Direzione Consumatori

Dettagli

DELIBERA N. 78/10/CIR. Definizione della controversia Seppia/ Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA,

DELIBERA N. 78/10/CIR. Definizione della controversia Seppia/ Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA, DELIBERA N. 78/10/CIR Definizione della controversia Seppia/ Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA, NELLA riunione della Commissione per le Infrastrutture e le Reti dell 11 novembre e, in particolare, nella

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 30 LUGLIO 2015 400/2015/R/EEL INTERVENTI FINALIZZATI ALLA SEMPLIFICAZIONE DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA CONNESSIONE ALLE RETI CON OBBLIGO DI CONNESSIONE DI TERZI DEGLI IMPIANTI

Dettagli

Micro Azioni Partecipate 2013 per il sostegno indiretto ad attività co-progettate e co-realizzate con le ODV della provincia di Vibo Valentia

Micro Azioni Partecipate 2013 per il sostegno indiretto ad attività co-progettate e co-realizzate con le ODV della provincia di Vibo Valentia CENTRO SERVIZI PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI VIBO VALENTIA Micro Azioni Partecipate 2013 per il sostegno indiretto ad attività co-progettate e co-realizzate con le ODV della provincia di Vibo

Dettagli

La formazione per la sicurezza nell accordo statoregioni: un occasione da non sprecare

La formazione per la sicurezza nell accordo statoregioni: un occasione da non sprecare www.adapt.it, 23 febbraio 2012 La formazione per la sicurezza nell accordo statoregioni: un occasione da non sprecare di Marco Lai Di particolare rilievo sono gli accordi sottoscritti in sede di Conferenza

Dettagli

DELIBERA N. 42/13/CIR

DELIBERA N. 42/13/CIR DELIBERA N. 42/13/CIR NORME PER LA SPERIMENTAZIONE DI INDICATORI ALFANUMERICI PER L IDENTIFICAZIONE DEL SOGGETTO CHIAMANTE NEGLI SMS/MMS IMPIEGATI PER SERVIZI DI MESSAGGISTICA AZIENDALE L AUTORITA 2013;

Dettagli

Roma, 28 febbraio 2014

Roma, 28 febbraio 2014 Roma, 28 febbraio 2014 Protocollo: 22965/RU ALL AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE protocollo@pec.agid.gov.it Rif.: Allegati : 1 ALL A.I.C.I.G. ASSOCIAZIONE ITALIANA CONSORZI INDICAZIONI GEOGRAFICHE info@aicig.it

Dettagli

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI MONITORAGGIO DEI MERCATI DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 10 giugno

Dettagli

OFFERTA DI RIFERIMENTO DEI SERVIZI DI INTERCONNESSIONE ALLA RETE MOBILE NOVERCA ANNO 2016

OFFERTA DI RIFERIMENTO DEI SERVIZI DI INTERCONNESSIONE ALLA RETE MOBILE NOVERCA ANNO 2016 OFFERTA DI RIFERIMENTO DEI SERVIZI DI INTERCONNESSIONE ALLA RETE MOBILE NOVERCA ANNO 2016 Sommario 1 Introduzione 2 Servizi offerti 2.1 Servizio di terminazione sulla rete mobile 2.2 Servizi finalizzati

Dettagli

Tra le parti PAT. Enti strumentali (.) le Banche/intermediari finanziari aderenti (..) PREMESSO CHE

Tra le parti PAT. Enti strumentali (.) le Banche/intermediari finanziari aderenti (..) PREMESSO CHE SCHEMA DI PROTOCOLLO PER IL SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO E DEI SUOI ENTI STRUMENTALI ATTRAVERSO LA CESSIONE, PRO SOLUTO O PRO SOLVENDO, DEI CREDITI

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

Contratto. assistenza software. anno 2015. Comune di TESERO (TN)

Contratto. assistenza software. anno 2015. Comune di TESERO (TN) info@icasystems.it A LESSANDRIA - BERGAMO - VERONA CREMONA - CAGLIA R I - FOGGIA - NAPOLI - PALMI (RC) CATANIA Contratto di assistenza software anno 2015 Comune di TESERO (TN) 62//2015 ICA SYSTEMS Srl

Dettagli

Delibera 6/00Cir Delibera n. 6/00/CIR "Piano di numerazione nel settore delle telecomunicazioni e disciplina attuativa" In corso di pubblicazione

Delibera 6/00Cir Delibera n. 6/00/CIR Piano di numerazione nel settore delle telecomunicazioni e disciplina attuativa In corso di pubblicazione Delibera 6/00Cir Delibera n. 6/00/CIR "Piano di numerazione nel settore delle telecomunicazioni e disciplina attuativa" In corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana Pubblicata

Dettagli

R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE. Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale. Servizio Segreteria della Giunta

R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE. Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale. Servizio Segreteria della Giunta R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale Servizio Segreteria della Giunta Disciplinare sull utilizzo della posta elettronica certificata

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA.

SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l articolo 87, quinto

Dettagli

SPECIFICA TECNICA N. 763-3 relativa alle. Caratteristiche tecniche dell interconnessione tra reti di telecomunicazioni

SPECIFICA TECNICA N. 763-3 relativa alle. Caratteristiche tecniche dell interconnessione tra reti di telecomunicazioni SPECIFICA TECNICA N. 763-3 relativa alle Caratteristiche tecniche dell interconnessione tra reti di telecomunicazioni Trattamento del Routing Number (RgN) e del Calling Line Identity (CLI) per l accesso

Dettagli

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE Protocollo/Segreteria: 0171.925240 fax 0171.925249 Via Roma, 32 CAP 12015 Provincia di Cuneo P.IVA 00461550048 C.F.80003770049 http://www.limonepiemonte.it Comune Certificato

Dettagli

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di assicurazione sulla vita di cui all art. 28, comma 1,

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni SINTESI DELLA CONSULTAZIONE CONCERNENTE INTEGRAZIONE DELL ARTICOLO 22 DELLA DELIBERA N. 8/15/CIR IN RELAZIONE ALLE MODALITÀ D USO DEI CODICI 499 Sommario Premessa... 1 a. Contributo amministrativo per

Dettagli

OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA

OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA Prima pubblicazione OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA 2013 REMUNERAZIONE PER IL SERVIZIO DI FATTURAZIONE CONTO TERZI PER L ACCESSO DI ABBONATI DI TELECOM ITALIA AI SERVIZI SU NUMERAZIONI NON GEOGRAFICHE

Dettagli

Pubblicata su questo Sito in data 02/03/07 Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 53 del 5 marzo 2007

Pubblicata su questo Sito in data 02/03/07 Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 53 del 5 marzo 2007 Delibera n. 96/07/CONS Modalità attuative delle disposizioni di cui all articolo 1, comma 2, del decreto-legge 31 gennaio 2007, n. 7 Pubblicata su questo Sito in data 02/03/07 Gazzetta Ufficiale della

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI Il presente documento, recante lo schema di Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari,

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTAL ALLEGATO 4 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO PER ANNI 3 DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO

Dettagli

Allegato B alla Delibera 714/06/CONS DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE. 1. Premessa

Allegato B alla Delibera 714/06/CONS DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE. 1. Premessa Allegato B alla Delibera 714/06/CONS DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 1. Premessa A seguito di una richiesta di chiarimenti da parte della Commissione Europea in materia di costi di ricarica per gli utenti

Dettagli

Allegato 4 CAPITOLATO TECNICO

Allegato 4 CAPITOLATO TECNICO Allegato 4 CAPITOLATO TECNICO Indice 1. Oggetto... 3 2. Caratteristiche della fornitura... 4 3. Gestione della fornitura... 5 4. Servizi connessi... 6 4.1 Call Center... 6 4.2 Responsabile della fornitura...

Dettagli

Argos Energia srl Via Chiara Varotari, 11 35030 Rubano (PD)

Argos Energia srl Via Chiara Varotari, 11 35030 Rubano (PD) DELIBERAZIONE 21 FEBBRAIO 2013 67/2013/R/COM - DISPOSIZIONI PER IL MERCATO DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE IN MATERIA DI COSTITUZIONE IN MORA L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

Approfondimenti sull art. 62 e ripercussioni sui processi di relazione lungo la filiera

Approfondimenti sull art. 62 e ripercussioni sui processi di relazione lungo la filiera Piergiorgio Licciardello Approfondimenti sull art. 62 e ripercussioni sui processi di relazione lungo la filiera Verona, 17 ottobre 2012 INDICE Introduzione all articolo 62 I riferimenti normativi Cosa

Dettagli

Atto Dirigenziale n. 4180 del 15/12/2009

Atto Dirigenziale n. 4180 del 15/12/2009 Atto Dirigenziale N. 4180 del 15/12/2009 Classifica: 003.02.01 Anno 2009 (3032475) Oggetto ADEMPIMENTI IN MATERIA DI PRIVACY. DESIGNAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI SISTEMA INTERNI ED INDIVIDUAZIONE DEGLI

Dettagli

VISTI CONSIDERATO CHE

VISTI CONSIDERATO CHE Convenzione tra l Università degli Studi di Siena e l Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana relativa alle modalità di riscossione della tassa regionale ed alla definizione

Dettagli

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti PAG. / 9 GD Srl N Specificato il Foro Competente AQ CQ DIR 05/02/5 Barigazzi Torchio Giannitti N 0 Allineamento ai requisiti della norma UNI EN ISO 900:2008 e della specifica tecnica ISO/TS 6949:2009 AQ

Dettagli

AVVISO PUBBLICO ISTITUZIONE DI ELENCHI DI OPERATORI ECONOMICI DA CONSULTARE PER L AFFIDAMENTO DELL ESECUZIONE DI LAVORI MEDIANTE PROCEDURA NEGOZIATA

AVVISO PUBBLICO ISTITUZIONE DI ELENCHI DI OPERATORI ECONOMICI DA CONSULTARE PER L AFFIDAMENTO DELL ESECUZIONE DI LAVORI MEDIANTE PROCEDURA NEGOZIATA AVVISO PUBBLICO ISTITUZIONE DI ELENCHI DI OPERATORI ECONOMICI DA CONSULTARE PER L AFFIDAMENTO DELL ESECUZIONE DI LAVORI MEDIANTE PROCEDURA NEGOZIATA ART. 1 - OGGETTO 1. Il Comune di Formigine e la Formigine

Dettagli

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza Modalità, Organizzazione e Procedure Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE A PREMESSA...2 1. Normativa di riferimento...2 D APPROPRIATEZZA...4

Dettagli

Regolamento in materia di trasparenza e efficacia del servizio di televoto. Art. 1 (Definizioni)

Regolamento in materia di trasparenza e efficacia del servizio di televoto. Art. 1 (Definizioni) Allegato A alla delibera n. 38/11/CONS Regolamento in materia di trasparenza e efficacia del servizio di televoto Art. 1 (Definizioni) 1. Ai fini dell applicazione di quanto previsto dal presente regolamento

Dettagli

FRA. il sig. Caio Sempronio Cod Fiscale:. Residente in. Tel. Cell. - email :

FRA. il sig. Caio Sempronio Cod Fiscale:. Residente in. Tel. Cell. - email : CONTRATTO PER LA FORNITURA E INSTALLAZIONE COMPLETA CHIAVI IN MANO DI IMPIANTO FOTOVOLTAICO con DICHIARAZIONE DI CONFORMITA e COLLEGAMENTO IN RETE idoneo all accesso del CONTRIBUTO G.S.E. (Gestore Servizi

Dettagli

Allegato A Guida ai Diritti Guida al sito dell Autorità

Allegato A Guida ai Diritti Guida al sito dell Autorità Criteri per la selezione e il finanziamento di progetti da realizzare nell ambito del Protocollo di intesa tra l Autorità per l energia elettrica e il gas e il Consiglio nazionale dei consumatori e degli

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE. Con atto approvato dal Commissario Straordinario del Comune di Roma n.. del.. e dalla Deliberazione Consiliare

Dettagli

Fase 1: la Fatturazione Elettronica

Fase 1: la Fatturazione Elettronica GUIDA OPERATIVA ALLA DEMATERIALIZZAZIONE DEL CICLO DEGLI ACQUISTI IN EMILIA ROMAGNA Fase 1: la Fatturazione Elettronica Data: 19 giugno 2014 Versione: 3.1 Autori: Intercent-ER Par-ER INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

Circolare N.108 del 28 Giugno 2013

Circolare N.108 del 28 Giugno 2013 Circolare N.108 del 28 Giugno 2013 Lavoro a chiamata. Dal 3 luglio entrano in vigore le modalità di comunicazione on line e per sms Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che sono state

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ----------------------------------------------

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- DIREZIONE CENTRALE Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- Protocollo d Intesa tra Il Comune di Milano e l Ordine dei Consulenti del

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

PROVVEDIMENTO del Funzionario delegato DAL DIRETTORE

PROVVEDIMENTO del Funzionario delegato DAL DIRETTORE ISTITUZIONE SERVIZI EDUCATIVI SCOLASTICI CULTURALI E SPORTIVI DEL COMUNE DI CORREGGIO Viale della Repubblica, 8 - Correggio (RE) 42015 tel. 0522/73.20.64-fax 0522/63.14.06 P.I. / C.F. n. 00341180354 PROVVEDIMENTO

Dettagli

PROCEDURA PER LA REGISTRAZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N.761/2001 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DEL 19 MARZO 2001

PROCEDURA PER LA REGISTRAZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N.761/2001 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DEL 19 MARZO 2001 COMITATO ECOLABEL ED ECOAUDIT SEZIONE EMAS ITALIA PROCEDURA PER LA REGISTRAZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N.761/2001 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DEL 19 MARZO 2001 Rev.

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 21 FEBBRAIO 2013 67/2013/R/COM DISPOSIZIONI PER IL MERCATO DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE IN MATERIA DI COSTITUZIONE IN MORA L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

LA TUTELA DEI CONSUMATORI IN MERCATI RETAIL LIBERALIZZATI

LA TUTELA DEI CONSUMATORI IN MERCATI RETAIL LIBERALIZZATI LA TUTELA DEI CONSUMATORI IN MERCATI RETAIL LIBERALIZZATI Alberto Grossi Direttore Consumatori e qualità del servizio Autorità per l energia elettrica e il gas Questa presentazione non è un documento ufficiale

Dettagli

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi Il metodo tariffario transitorio per il calcolo delle tariffe idriche e la prima direttiva per la trasparenza della bolletta dell acqua: sintesi delle principali novità

Dettagli