72.4 GESTIONE BANCHE DATI E PORTALI WEB REALIZZAZIONE SOFTWARE NON PERSONALIZZATO (EDIZIONI DI SOFTWARE)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "72.4 GESTIONE BANCHE DATI E PORTALI WEB 72.21 REALIZZAZIONE SOFTWARE NON PERSONALIZZATO (EDIZIONI DI SOFTWARE)"

Transcript

1 UNIONE EUROPE Fondo FESR COMUNE DI BRINDISI Capofila del Piano Strategico Area Vasta Brindisina REGIONE PUGLIA Assessorato Sviluppo Economico Servizio Innovazione PO FESR Asse I Linea di Intervento 1.5 Azione :- Bando di gara per la realizzazione del progetto Sviluppo del sistema di e-government Regionale nell AREA VASTA Brindisina. Q1) Quesito: QUESITI: In merito alla gara in oggetto, vista la Lex Specialis, con la presente siamo a sottoporle i seguenti quesiti: 1 - rif. pag. 8 del Disciplinare di gara punto 4 art. 4.2 "Requisiti di idoneità professionale": si chiede conferma se tale requisito è soddisfatto da una Società nella quale la visura camerale contenga nel suo interno i seguenti codici: 72.4 GESTIONE BANCHE DATI E PORTALI WEB REALIZZAZIONE SOFTWARE NON PERSONALIZZATO (EDIZIONI DI SOFTWARE) e che inoltre nell'oggetto sociale vi è riportata la seguente dicitura: ATTIVITA' DI SVILUPPO SISTEMI INFORMATIVI: - la progettazione, l'ingegnerizzazione, l implementazione e la commercializzazione di sistemi informativi e di applicazioni softwares, compresa la predisposizione della relativa documentazione tecnica su supporto ottico, magnetico e cartaceo per elaboratori elettronici, sistemi informativi automatizzati e sistemi di telecomunicazioni; - la prestazione di servizi di elaborazione, bonifica e normalizzazione delle banche dati dei tributi comunali; - la prestazione di servizi di assistenza, di formazione, di manutenzione, di progettazione e di consulenza nel campo dell'informatica, della telematica, dei sistemi informativi e delle banche dati e nel campo dell'organizzazione aziendale pubblica e privata; - la fornitura, la connettività e i servizi a valore aggiunto sulle reti telematiche in genere ed in particolare internet; - gestione di centri telefonici e/o telematici e relativa assistenza; - la produzione ed il commercio di macchine elettromeccaniche ed elettroniche per ufficio in genere, elaboratori, home e personal computer, sistemi di elaborazione dati in genere, sistemi di telecomunicazioni, sistemi telematici, terminali, unità periferiche, pezzi di ricambio, componenti hardware in genere, accessori, materiali di consumo relativi nonché modulistica; - la promozione della vendita, sia come commercializzazione diretta, sia attraverso reti telematiche o per corrispondenza, che come agente di commercio per terzi, dei prodotti suindicati; 2 - rif. pag. 8 dell'allegato 1 punto 10): si chiede conferma che il sopralluogo può essere fatto autonomamente. Firmato R1) Risposta: 1) Indipendentemente dalla codificazione indicata all interno del certificato camerale alla gara sono ammessi coloro che risultino dallo stesso certificato camerale in attività per servizi oggetto della gara. In ogni caso, i requisiti di idoneità sono verificati dalla Commissione di gara. 2) Il punto 10 dell Allegato 1 consiste in una autocertificazione rilasciata dal concorrente.

2 Q2) Quesito: In riferimento alla gara relativa al Progetto Sviluppo del Sistema di e-government regionale nell Area Vasta Brindisina Le inoltriamo le seguenti richieste di chiarimenti: a) Sul Disciplinare di gara, a pagina 9, paragrafo 4.4 Requisiti minimi di partecipazione relativi alla capacità tecnica e professionale, circa il fatturato specifico è riportato: relativo a esecuzione di servizi affini.. intesi quali Progetti che prevedono almeno due dei seguenti interventi: Gestione Documentale, Protocollo Informatico,. Servizi Digitali,. - Cosa si intende col termine generico Servizi Digitali? Qualsiasi servizio ICT (compreso realizzazione e manutenzione di qualsiasi software, assistenza, gestione di procedure, ecc.)? - Come va intesa la frase precedente indicata al punto a)? In ogni progetto devono essere contenuti almeno due dei servizi indicati? Oppure tra i vari progetti almeno due devono essere relativi a servizi indicati? b) Sul Disciplinare di gara, a pag. 8, il paragrafo 4.1 parla di Requisiti di ordine generale per il concorrente. - in caso il concorrente sia un Consorzio Stabile di Imprese, la dichiarazione circa i requisiti previsti dall art. 38 del DL n. 163/2006 deve essere resa da tutte le aziende consorziate o dal solo Consorzio Stabile? Firmato R2) Risposta: a) In riferimento alla richiesta di chiarimenti: - Per servizio digitale ci si riferisce a quello che consente il trattamento e lo scambio di informazioni in formato digitale attraverso la rete. Un servizio digitale si basa, dunque, sull uso delle tecnologie elettroniche e informatiche e non consiste nella realizzazione e manutenzione di queste. - Ai fini della dimostrazione della capacità tecnica e professionale di cui al punto del Disciplinare è necessario che tra i vari progetti almeno due siano relativi ai servizi indicati da questa S.A. b) Si riporta integralmente il parere n. 234 del 21/12/2011 espresso dall Autorità di Vigilanza: - Per Il possesso dei requisiti generali deve sussistere in capo a tutte le imprese consorziate che partecipano alla gara, anche nel caso di consorzio stabile, atteso che la riconosciuta autonoma soggettività del consorzio, anche (e non solo) stabile non è incompatibile sul piano logico con la necessità che i requisiti di partecipazione di ordine generale (ex art. 38, D. Lgs. n. 163 del 2006) siano posseduti anche dalle singole consorziate designate quali esecutrici effettive del servizio appaltato. Con riferimento ai Consorzi stabili, il possesso dei requisiti generali di partecipazione alla gara d appalto, relativi alla regolarità della gestione delle singole imprese sotto il profilo dell ordine pubblico, di quello economico, nonché della moralità, va verificato non solo in capo al consorzio, ma anche rispetto alle singole imprese designate quali esecutrici del servizio. Diversamente opinando, la normativa sui consorzi finirebbe per tradursi oggettivamente in uno strumento idoneo a consentire mediante aggregazione in forma consortile di società prive dei requisiti di legge per la partecipazione alle gare e confluenti in un distinto soggetto dotato di esigua struttura ed (esso solo) in regola con detti requisiti l aggiramento di inderogabili prescrizioni normative discendenti dai principi generali delle procedure ad evidenza pubblica.

3 INFRASTRUTTURE E TECNOLOGIE DELLA RUPAR PUGLIA Q3) Quesito: - Adesione alla RUPAR Puglia Premessa: secondo il rapporto sulla copertura della banda larga e digital divide (http://bandalarga.regione.puglia.it/bandalarga/risultati.html) sul territorio della regione Puglia, tutti i comuni dell Area Vasta Brindisina (Brindisi, Carovigno, Ceglie Messapica, Cellino San Marco, Erchie, Fasano, Francavilla Fontana, Latiano, Mesagne, Oria, Ostuni, San Donaci, San Michele Salentino, San Pancrazio Salentino, San Pietro Vernotico, San Vito dei Normanni, Torchiarolo, Torre Santa Susanna, Villa Castelli) risulterebbero coperti, tuttavia, secondo i dati pubblicati in i seguenti comuni (ancora) non aderiscono alla RUPAR: Cellino San Marco Erchie Francavilla Fontana Mesagne, Oria Ostuni San Pietro Vernotico Domanda: Si può supporre che aderiranno nel corso del progetto? Quali sono le conseguenze di tale mancata adesione (ad es. i comuni che non aderiscono non sono in rete con gli altri, non sono raggiunti dalla banda larga, non è possibile erogare servizi di tipo cloud/asp verso questi comuni, etc.)? R3) Risposta: I Comuni che alla data odierna non hanno ancora aderito alla CN RUPAR-SPC PUGLIA sono: Francavilla Fontana, Mesagne, Ostuni e San Pietro Vernotico. - Il CAD - Codice dell Amministrazione Digitale (D.lgs n 235/2010) prescrive l obbligo, per le pubbliche amministrazioni a partecipare all utilizzo della SPC (Servizio Pubblico di Connettività); la CN RUPAR_SPC PUGLIA è parte integrante del Sistema Pubblico di Connettività (SPC). Supporre la non adesione alla CN RUPAR-SPC PUGLIA implica l esclusione dal progetto di cui trattasi del Comune inadempiente. Ovviamente la circostanza si riverbererà sulla contro prestazione dovuta dall Area Vasta che sarà considerata in sede contrattuale. Q4) Quesito: - Diffusione dei servizi della RUPAR Puglia Premessa: secondo quanto pubblicato sul sito il Centro Tecnico della RUPAR Puglia, avvalendosi dei propri fornitori, eroga i seguenti servizi: Connettività e Sicurezza (ma anche hosting e housing) Videoconferenza Posta Certificata Protocollo Informatico, solo nucleo minimo privo di funzionalità di gestione documentale, erogato in modalità ASP Cooperazione Applicativa, diffusione gratuita a tutti gli enti regionali ed ai loro fornitori del software PDDS sviluppato nell'ambito del progetto SCATEL Domanda: E possibile conoscere i servizi (connettività, hosting, PEC, protocollo, videoconferenza, etc.) di cui ogni ente dell Area Vasta Brindisina risulta già essere fruitore? Domanda: E possibile conoscere i tipi e le caratteristiche dei collegamenti alla RUPAR (in banda larga e non) di cui dispongono le sedi di ciascun ente? R4) Risposta: - I dati sui servizi CN RUPAR-SPC Puglia utilizzati dai Comuni dell Area Vasta sono riportati sul progetto definitivo. Si evidenzia, che sull istanza di partecipazione alla gara si dovrà dichiarare di essersi recati sul posto dove dovrà svolgersi il servizio e presa piena conoscenza delle condizioni

4 Q5) Quesito: amministrative e tecniche (allegato 1 - pag. 8 p.10); i dati acquisiti saranno utili al soggetto aggiudicatario dell appalto per la redazione del Piano Esecutivo di Progetto. - Data Center Premessa: il capitolato (a pag.5) indica che, per ottimizzare l uso delle risorse, lo sviluppo di soluzioni per il potenziamento delle infrastrutture tecnologiche hw/sw degli enti dovrà avvenire secondo una visione di cloud computing di area vasta. I prerequisiti per realizzare un infrastruttura in grado di erogare servizi a più enti secondo tale approccio sono due: a) la disponibilità di un data-center per ospitare le infrastrutture; b) la disponibilità di una connessione a larga banda verso il data-center da parte degli enti che fruiscono i servizi; Entrambe le esigenze possono essere soddisfatte facendo ricorso ai servizi previsti dall Accordo Quadro per la fornitura di Servizi di Connettività e Servizi di Sicurezza per la Community Network RUPAR Puglia, che prevede anche l erogazione di servizi di hosting e housing (rif. Sezione del capitolato, pag. 41) da parte di 5 fornitori: o BT ITALIA, o CLIO, o RTI FASTWEB - EDS TECNONET, o RTI TELECOM ITALIA - SVIMSERVICE o WIND TELECOMUNICAZIONI I criteri di integrazione, sicurezza ed interoperabilità stabiliti per la RUPAR Puglia fanno presupporre che l infrastruttura di virtualizzazione e cloud-computing dell Area Vasta Brindisina debba essere necessariamente ospitata presso uno dei data-center che già fanno parte di questo sistema. Domanda: I costi dei servizi di hosting/housing dell infrastruttura presso i suddetti data-center devono essere inclusi nella fornitura e sono a carico dell aggiudicatario? Domanda: in caso di risposta affermativa, l aggiudicatario può fare riferimento al listino valido per gli enti aderenti alla RUPAR Puglia? R5) Risposta: - L aggiudicatario deve provvedere alla fornitura di quanto necessita e per tutta la durata del progetto. - I costi applicati sono quelli di listino. Q6) Quesito: - Progetto SCATEL Premessa: il progetto SCATEL (Servizi di Cooperazione ed Applicazioni Trasversali per gli Enti Locali) ha realizzato uno strato di servizi infrastrutturali ed applicativi di base. Domanda: oltre ai servizi di nucleo minimo del Protocollo Informatico, Posta Elettronica Certificata, e Porte di Dominio erogati dalla RUPAR Puglia, esistono altri servizi sviluppati nell ambito di SCATEL da valutare per una eventuale integrazione nell attuale progetto? Premessa: SCATEL ha rilasciato il documento Specifiche Tecniche per il Servizio di Protocollo Informatico su Porta di Dominio (scaricabile dal sito che fornisce le specifiche per implementare un servizio di interoperabilità di protocollo fra le amministrazioni della RUPAR Puglia sulla porta delegata della PdD SCATEL. Domanda: Tali specifiche possono ritenersi superate dalle specifiche dei servizi documentali di interoperabilità definite nell allegato 2 delle Linee Guida Tecniche standard e specifiche tecniche Azione PO FESR , versione del 23/10/2009 approvate dalla riunione CRIPAL del 27 ottobre 2009 (Accordi di Servizio per l Indice della Pubblica Amministrazione (IPA) e Servizi Documentali)?

5 R6) Risposta: - I servizi da fornire sono quelli descritti nel progetto; eventuali integrazioni possono essere proposte nell offerta; - Se il documento citato nella premessa Specifiche tecniche. si riferisce al documento datato 09/09/2005 tali specifiche sono da ritenersi superati. Q7) Quesito: - Progetto NUSICI Comune di Brindisi Premessa: Circa un anno fa il comune di Brindisi ha pubblicato un bando di gara per la fornitura di beni e servizi del nuovo sistema informativo comunale integrato (NUSICI) per la fornitura e la manutenzione di tutti i principali sistemi informativi comunali e della relativa infrastruttura tecnica (incluso l allestimento di una nuova sala CED presso una sede comunale). Domanda: a chi è stato aggiudicato il progetto? Domanda: è possibile avere informazioni sull infrastruttura tecnica realizzata? R7) Risposta: - Sono in corso gli incontri della Commissione di gara per la selezione dell aggiudicatario provvisorio del progetto. Q8) Quesito: - Progetto A.pu.lie government DOMANDA: Esistono degli output del progetto A.pu.lie da considerare come rilevanti per le attività da svolgere? R8) Risposta: - Si porta all attenzione quanto riportato al punto 8 del Capitolato Tecnico Descrizione dei principali servizi richiesti Sviluppo soluzioni: Servizi anagrafici digitali e circolarità anagrafica (pag. 6). Q9) Quesito: SOLUZIONI SOFTWARE RESE DISPONIBILI DAL CENTRO TECNICO REGIONALE Premessa: le Linee Guida Tecniche standard e specifiche tecniche Azione PO FESR (http://www.regione.puglia.it/index.php?at_id=7&te_id=45&page=documenti&opz=getdoc&id=462) affermano che il Centro Tecnico Regionale (CTR) rende disponibili una serie di soluzioni e componenti software per le quali garantisce i seguenti servizi: - manutenzione conservativa ed evolutiva dei software - documentazione tecnica di installazione ed utilizzo - assistenza tecnica da remoto mediante strumenti quali i forum tecnici - organizzazione su richiesta di seminari tecnici (anche WEB Seminars) DOMANDA: il software di Protocollo Informatico è quello realizzato nell ambito del progetto SCATEL e limitato alle funzionalità di nucleo minimo? Può essere fruito solo in modalità ASP erogato dal Centro Tecnico o è possibile effettuare un installazione presso la sede del singolo ente? DOMANDA: il software di gestione degli atti amministrativi (MicroActa) è uno dei prodotti della piattaforma DoQui (http://www.doqui.it/cms/it/prodotti/acta.html) sviluppata da CSI Piemonte? È una personalizzazione? Da quanto riportato il software non viene erogato in ASP dal Centro Tecnico ma deve essere installato dai singoli enti, è corretto?

6 R9) Risposta: - In riferimento al quesito posto sul software di Protocollo Informatico, già nella nota introduttiva delle Linee Guida, al punto 2 - Normativa, Standard e Specifiche tecniche nel descrivere i Servizi con Priorità 1 (punto 2.1) chiarisce con quanto testualmente viene riportato:..., si deve tener presente che i servizi abilitanti descritti devono essere necessariamente interfacciati tra di loro. Per questo motivo il Protocollo Informatico richiesto non è un nucleo minimo di protocollo ma un protocollo interfacciato al Gestore Documentale ed alla PEC. Inoltre lo stesso Protocollo Informatico ed il Gestore Documentale devono essere dotati di Servizi di Cooperazione Applicativa per l accesso allo stato delle pratiche amministrative. Infine la firma digitale è una componente fondamentale di tutti i processi. Analogamente le specifiche che riguardano i dati e servizi territoriali sono strettamente correlate e quindi vanno tenute presente in modo unitario per poter produrre i risultati attesi di conformità, oltre che di efficacia. - Il sistema di Protocollo Informatico (denominato SCATEL PIS) è interamente basato su ambiente Open Source; si può fruire del servizio in modalità ASP o effettuare l installazione presso la sede del singolo Ente. - Si può fruire del sistema informatizzato degli atti amministrativi (denominata MicroActa) con l installazione del software dai singoli enti. Entrambi i servizi sono dotate delle componenti necessarie per interfacciarsi, una volta correttamente configurate, con la PDDS ed esporre quindi i servizi. I sistemi di protocollo informatico e di gestione documentale già in uso presso i Comuni dovranno, parimenti ai servizi realizzati nell ambito SCATEL essere in grado di interfacciarsi con la PDDS tramite web services. Q10) Quesito: Premessa: in accordo alle le Linee Guida Tecniche standard e specifiche tecniche Azione PO FESR , nell ambito del SIT regionale viene reso disponibile il software di Sportello Unico per l Edilizia, un applicazione di workflow che governa in maniera agevole e unitaria il ciclo di vita dei procedimenti necessari alla creazione, gestione e controllo delle pratiche riguardanti l Ufficio Tecnico. L applicazione consente di governare il ciclo di vita dei procedimenti, continuando ad utilizzare in modo sinergico le applicazioni di protocollo informatico e gestione degli atti amministrativi dell Ente. Il sito SIT Puglia (http://www.sit.puglia.it/portal/sit_urbanistica/documenti) segnala che è a disposizione degli enti un software per la Gestione dei Procedimenti che permette di automatizzare, eseguire, controllare, analizzare, migliorare i procedimenti amministrativi che preveda il coinvolgimento di attori interni e/o esterni, integrando archivi alfanumerici e componenti cartografiche. DOMANDA: si tratta dello stesso software? La documentazione non specifica se il software viene erogato in modalità ASP, se deve essere invece acquisito ed installato dagli enti o se sono disponibili entrambe le modalità. R10) Risposta: Il SUE è una applicazione del SIT ed è fruibile con l installazione del software da ogni singolo Ente. Q11) Quesito: Quali sono gli enti che già utilizzano o il servizio di PEC o il software di Protocollo Informatico o il software Gestione degli Atti Amministrativi (MicroActa) o il software SUE R11) Risposta: - I dati sui servizi CN RUPAR-SPC Puglia utilizzati dai Comuni dell Area Vasta sono riportati nel progetto definitivo.

7 Q12) Quesito: È prevista una qualche forma di garanzia per il software fornito (manutenzione correttiva) e/o di SLA per i servizi erogati? E possibile acquistare tali servizi di supporto, eventualmente anche da terze parti? Esiste un listino? R12) Risposta: Non è chiara la domanda. Per tutti i servizi forniti dal CTR viene garantita: - manutenzione conservativa ed evolutiva dei software; - ambiente di download in rete per l accesso ai software stessi ed alla documentazione tecnica di installazione ed utilizzo; - assistenza tecnica da remoto, tipicamente con l ausilio della stessa piattaforma di download mediante strumenti quali i forum tecnici che consentono il riuso immediato delle esperienze, ed altro. Q13) Quesito: - Piano di comunicazione Domanda: Ci sono indicazioni in merito alla tipologia di interventi che si ritiene più opportuno/efficace inserire nel piano di comunicazione? Ad es. la comunicazione può essere orientata in via prevalente alla diffusione interna del progetto nel contesto delle PA partecipanti o di contro alla pubblicizzazione delle iniziative in corso presso cittadini, imprese, associazioni di categoria, etc. Domanda: Con riferimento alla tipologia di comunicazione (interna o esterna) quali canali di comunicazione si ritengono essere più efficaci date le caratteristiche del territorio e degli enti coinvolti? Quale ruolo dare al comune di Brindisi quale ente capofila dell AVBR? Quale ruolo alla provincia? R13) Risposta: - Il Piano di comunicazione dovrà essere presentato dalla Società aggiudicataria della gara insieme al progetto esecutivo. L indicazione è un mix di azioni di promozione e pubblicità per colpire il target in modo diretto, nello specifico l organizzazione di incontri di informazione e diffusione, la progettazione di alcuni strumenti pubblicitari, la promozione dei servizi nella fase sperimentale. Di particolare rilevanza l uso del sito internet, soprattutto per il raggiungimento degli obiettivi verso il target interno. L utilizzo di un marchio distintivo del progetto ne rafforzerà l immagine e caratterizzerà l intera comunicazione. Si propone nell ultima fase del progetto di impostare, di concerto con i Comuni, un azione di comunicazione capillare che raggiunga tutta la popolazione del territorio brindisino e abbia il carattere di una vera e propria campagna pubblicitaria di massa. - Relativamente al progetto in questione, il Comune di Brindisi esercita le funzioni di capofila dell aggregazione dei Comuni dell Area Vasta Brindisina ed ha il compito di coordinamento dell attività di progetto; l Ente Provincia è uno dei partner istituzionali dell AVBR. Q14) Quesito: In riferimento alla gara in oggetto si richiede il seguente chiarimento: 4.2 Requisiti di idoneità professionale Il concorrente, a pena di esclusione, deve essere iscritto, se dovuto, nel registro della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura con attività esercitata relativa all'oggetto della gara, ovvero rientrante in uno dei seguenti codici: - Servizi informatici: consulenza, sviluppo di software, Internet e supporto ( ) - Servizi generali di consulenza gestionale ( ). Domanda: è giusto interpretare che per partecipare può essere sufficiente il possesso di uno dei due codici indicati? Ovvero in caso di imprese riunite in costituendo raggruppamento le stesse devono possedere il requisito dimostrando il possesso anche di uno solo dei due codici ad esempio ambedue il ?

8 R14) Risposta: In relazione al quesito posto si conferma l interpretazione data sul requisito di ordine generale per la idoneità professionale ad uno dei codici indicati. Nel merito si fa riferimento a quanto già esplicitato con la risposta al quesito Q1) che, in parte, si riporta: Indipendentemente dalla codificazione indicata all interno del certificato camerale, alla gara sono ammessi coloro che risultino dallo stesso certificato camerale in attività per servizi oggetto della gara. In ogni caso, i requisiti di idoneità sono verificati dalla Commissione di gara. Q15) Quesito: - Datacenter Infrastruttura Tecnologica Principale Viene riportato sul Progetto Definitivo Par.3.2 Pag.17: E preferibile adottare per l infrastruttura tecnologica una architettura cloud-oriented, al fine di ottimizzare le risorse e salvaguardare gli investimenti dei singoli Comuni, nell ottica della virtualizzazione. Pertanto, non sarà importante l ubicazione fisica, ma l architettura diffusa delle risorse, utilizzabili da ciascun ente. L allestimento dell infrastruttura tecnologica principale è previsto in un datacenter dell Amministrazione oppure i locali devono essere messi a disposizione dal soggetto realizzatore (housing dei sistemi)? Nel caso in cui i locali vengano resi disponibili dall Amministrazione, si conferma che non sono previsti eventuali attività di allestimento/adeguamento (impianto di condizionamento, impianto elettrico, connettività, etc...)? In caso di housing, invece, la durata del servizio sarà di 18 mesi? R15) Risposta: I locali del data center saranno indicati e messi a disposizione dagli enti dell AV, non potendo tuttavia escludere altre soluzioni che potrebbero essere valutate idonee per l intera durata del progettuale e che saranno definite puntualmente dal soggetto aggiudicatario in fase di analisi e progetto di dettaglio. Q16) Quesito: - RUPAR-SPC Viene riportato Capitolato Tecnico Par. 8 Pag. 6 e Progetto Definitivo Par.2.1 Pag.7: I servizi dovranno utilizzare il sistema di connessione RUPAR SPC ed i relativi standard di performance e livelli di sicurezza previsti ed omogenei per tutti i Comuni interessati. 16 Comuni su 19 hanno attivato Rupar SPC Si conferma che gli eventuali costi di interconnessione alla Rupar SPC dei 3 Comuni che ad oggi non dispongono di questo servizio, non è oggetto di fornitura? R16) Risposta: Si conferma quanto già detto con la risposta al quesito Q3). Le connessioni a RUPAR SPC non sono oggetto di fornitura e pertanto i relativi costi non sono contemplati nella stessa.

9 Q17) Quesito: - Garanzia e Manutenzione Capitolato Tecnico Par. 4 Pag. 3 Si conferma che la manutenzione/supporto dell hardware e del software di base fornito dove essere pari alla durata del servizio (18 mesi)? R17) Risposte: Ovviamente il proponente dovrà coprire con la manutenzione /supporto dell hardware e del software di base pari almeno all intera durata progettuale. Q18) Quesito: - Bacino d utenza Qual è il bacino d utenza interno (postazioni di lavoro dei Comuni) che graveranno sui sistemi centrali? R18) Risposta: I dati di dettaglio del bacino di utenza sono oggetto di analisi di dettaglio, con il quale il fornitore aggiudicatario potrà rilevare i parametri di dimensionamento dei servizi e delle forniture. Q19) Quesito: - Posta certificata Viene riportato: o Sviluppo soluzioni: Servizi digitali priorità 1 o... o Fornitura/Servizi per l attivazione della Posta Elettronica Certificata PEC o... Le caselle di posta certificata, sono oggetto di fornitura? Se sì, in che numero e di che dimensione necessitano? R19) Risposta: Le PEC sono oggetto di fornitura. Il numero di PEC per ciascun Comune sarà oggetto di analisi di dettaglio dalla quale il fornitore aggiudicatario potrà dimensionare la fornitura stessa. Q20) Quesito: In relazione alla procedura aperta di cui all oggetto, si richiedono i seguenti chiarimenti: Domanda: Progetto Definitivo pg E' corretto adottare la seguente legenda per la tavola riportata a pg. 9

10 Colonna A: numero postazioni dedicate Colonna B: SI/NO Colonna C: dipendenti dotati di firma digitale Colonna D: SI/NO Colonna E: SI/NO Colonna F: numero postazioni dedicate Colonna G: numero postazioni dedicate Colonna H numero postazioni dedicate Colonna I numero postazioni dedicate Colonna L numero postazioni dedicate R20) Risposta: Alle colonne A-F-G-H-I-L- non viene indicato il numero di postazioni bensì il tipo di applicazione installata e in uso. Lo schema del quadro di sintesi e la legenda per la compilazione sono riportate nel progetto definitivo della Mis. 1.5 Azione approvato dalla Regione Puglia e pubblicato sul BUR Puglia n. 123 del (pagg ). Q21) Quesito: Domanda: Progetto Definitivo pg 5 E' scritto: "lo sviluppo del progetto non può pertanto prescindere dall'uso di moduli applicativi e/o soluzioni ICT già realizzate o in corso di realizzazione nell'ambito di progetti e iniziative regionali". Si chiede se è corretto ritenere che la capofila dell'area vasta procederà alla stipula dei contratti di riuso delle soluzioni (individuate nel prosieguo del progetto definitivo o dal Fornitore nella sua offerta) e detti accordi non avranno alcun impatto sul conto economico della fornitura di cui alla presente gara. R21) Risposte: La stipula dei contratti dovrà essere supportata dalla ditta aggiudicataria che, all occorrenza, dovrà intervenire onerosamente con gli interventi di personalizzazione, attivazione, configurazione e integrazione dei servizi digitali. Q22) Quesito: Domanda: Progetto Definitivo chiarimento generale Gli interventi che il fornitore riterrà necessari per adeguare i software preesistenti presso i comuni alla piattaforma condivisa dell'area Vasta sono da ritenersi a carico dei fornitori dei medesimi software e/o delle amministrazioni che li detengono? R22) Risposte: I costi di adeguamento sono ricompresi nel conto economico della presente gara. Il fornitore aggiudicatario dovrà governare il processo di adeguamento dei software preesistenti rapportandosi con i relativi fornitori. L Amministrazione avrà il ruolo di facilitatore dei processi di cambiamento curando le iniziative di sensibilizzazione degli attuali fornitori verso l adeguamento funzionale e tecnologico agli standard regionali. Q23) Quesito:

11 Domanda: Progetto Definitivo pg. 38 Attività A6.4 Descrizione del lavoro previsto nell attività: In questa attività in particolare è previsto il supporto operativo da parte del Fornitore per l aggiornamento del SIT regionale con la toponomastica di tutti i Comuni in base alle risultanze delle attività svolte per il censimento ISTAT della popolazione.. Si richiede cosa si intende nel dettaglio tale attività. R23) Risposta: Trattasi di supporto finalizzato a impostare il metodo migliore per l aggiornamento dei dati toponomastici a livello regionale, sulla base dei dati comunali, in particolare partendo dalla rilevazione del censimento ISTAT, intervenendo anche operativamente presso gli enti per attivare il meccanismo per la migrazione dei dati stessi verso i sistemi regionali, qualora fosse necessario Q24) Quesito: E possibile fornire maggiori informazioni rispetto a quelle fornite nell allegato Linee Guida tecniche (file 5_CRIPAL_DetDir31-09_Adozione_LineeGuidaTecniche.pdf) al capitolo 3 par. 3.1 e 3.2 pag. 652, relativamente ai Prodotti resi disponibili dal Cripal per quanto riguarda: Protocollo e Gestione Atti Amministrativi, o indicare dove reperirle? R24) Risposta: La funzione del CRIPAL non è di rendere disponibili prodotti ma criteri per il raggiungimento degli obiettivi nell ambito della Mis azione (ved. BUR Puglia n. 109 del ). Tenuto conto anche degli altri quesiti presentati, si richiama l attenzione sugli Obiettivi funzionali che il progetto dell Azione vuole raggiungere e allo Sviluppo delle soluzioni da realizzare per i servizi richiesti descritti nel Progetto Definitivo e riportati nel Capitolato Tecnico. Il progetto non prevede necessariamente l utilizzo dei software forniti dal CTR, ma pone la priorità che i servizi forniti a ciascun Ente (o già in uso da questi), siano sviluppati in una visione di cloud computing e si interfacciano con la RUPAR SPC secondo gli standards e le specifiche tecniche imposte dal CRIPAL descritte nelle Linee Guida. Nel merito del quesito posto è sicuramente indicativa la risposta data al quesito Q9). Q25) Quesito: IL SUE reso disponibile dal Cripal che nelle stesse linee guida tecniche (file 5_CRIPAL_DetDir31-09_Adozione_LineeGuidaTecniche.pdf) è descritto funzionalmente da pag. 660 a pag. 669 a quali caratteristiche tecniche risponde? R25) Risposta: Riguardo a SUAE del SIT regionale, è il proponente che dovrà verificare la disponibilità delle funzionalità per garantire il raggiungimento degli scopi della gara, optando per le soluzioni che riterrà più vantaggiose per l AV. Q26) Quesito: Relativamente ai Servizi on line nel progetto definitivo (file Linea1.5.2_ProgettoDefinitivo_Feb2012.pdf) allegato al capitolato si fa espresso riferimento per quanto

12 attiene l attività A.7.3 ( pag. 41) al riuso dei servizi resi disponibili dal Centro Regionale in modalità open source ( eventi della vita essere cittadino ). E possibile chiarirne il senso? E qui da intendersi soltanto che vengono fornite le specifiche dei Web Services da realizzarsi lato applicativi di back office dei comuni o che per i servizi anagrafici on line al cittadino bisogna interfacciarsi con un Portale di livello Regionale? E possibile inoltre fornire un elenco esaustivo degli eventi della vita essere cittadino? R26) Risposta: La risposta è data nello stesso Progetto definitivo (attività A7.1 e segg.); lo stesso argomento viene integrato a pag. 6 del Capitolato Tecnico Sviluppo soluzioni: Servizi anagrafici digitali e circolarità anagrafica. Q27) Quesito: E facoltà del fornitore proporre soluzioni sw alternative a quelle fornite dal Cripal purchè aderenti alle linee guida dello stesso ai Comuni che ne fossero sprovvisti e in modalità ASP attraverso l infrastruttura tecnologica comune dell Area Vasta? R27) Risposta: Si veda la risposta al quesito Q24). Si ribadisce: Il progetto non prevede necessariamente l utilizzo dei software forniti dal CTR, ma pone la priorità che i servizi forniti a ciascun Ente (o già in uso da questi), siano sviluppati in una visione di cloud computing e si interfacciano con la RUPAR SPC secondo gli standards e le specifiche tecniche imposte dal CRIPAL descritte nelle Linee Guida. Alla pag. 51 del Progetto definitivo viene puntualmente descritto il modello di gestione ipotizzato ed esclude utilizzo di servizi in modalità ASP attraverso l infrastruttura Tecnologica dell Area Vasta. La valutazione su soluzioni diverse è a carico del proponente che, se risulterà aggiudicatario della gara, dovrà analizzare in dettaglio gli elementi che riterrà maggiormente utili per raggiungere gli scopi della presente gara, dimensionando al meglio le forniture. In ogni caso, il proponente dovrà prendere in considerazione le specifiche tecniche dettate dal CRIPAL. Q28) Quesito: Rif. pag. 8 del disciplinare di gara punto 4 Requisiti di capacità economica e finanziaria 4.3 e requisiti di capacità tecnica e professionale 4.4 Se una azienda costituita nel 2008 ha iniziato la sua attività dal 10/05/2010 con quale documento,ritenuto idoneo dalla stazione appaltante, ai sensi art comma 3 e art.42 D. Lgs 163/06 può dimostrare il soddisfacimento dei requisiti economici e tecnici richiesti per il triennio ? R28) Risposta: Presupposto per la partecipazione alla gara è il possesso di tutti i requisiti di qualificazione prescritti dai punti 4.4 e 4.3 del Disciplinare di Gara. Nel caso specifico, per la dimostrazione degli stessi si potrà far riferimento al solo periodo di attività.

Comune di Spoleto QUESITI E RISPOSTE

Comune di Spoleto QUESITI E RISPOSTE Procedura aperta per fornitura chiavi in mano di una suite applicativa gestionale Web based completamente integrata e comprensiva dei relativi servizi di assistenza e manutenzione QUESITI E RISPOSTE Quesito

Dettagli

PARTE SECONDA. VISTO il PO 2007 2013 FESR della Regione Puglia, come approvato dalla Commissione Europea con C(2007) 5726 del 20/11/2007;

PARTE SECONDA. VISTO il PO 2007 2013 FESR della Regione Puglia, come approvato dalla Commissione Europea con C(2007) 5726 del 20/11/2007; 50014 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 175 del 24 12 2014 PARTE SECONDA Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO ECONOMICO, IL LAVORO E L IN NOVAZIONE 18 dicembre

Dettagli

ALLEGATO 2 BANDO. Servizio Sistema Integrato Servizi Sociali. Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1

ALLEGATO 2 BANDO. Servizio Sistema Integrato Servizi Sociali. Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 + BANDO Servizio Sistema Integrato Servizi Sociali ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B DENOMINATA Offerta tecnica PROCEDURA APERTA, INDETTA

Dettagli

Capitolato speciale per la fornitura di

Capitolato speciale per la fornitura di ALLEGATO A Capitolato speciale per la fornitura di Servizi di verifica procedurale e funzionale delle componenti di servizio della Community Network dell'umbria nell'ambito del piano di Semplificazione

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Relazione Attività Di Progetto Uno degli obiettivi del progetto CST Area di TARANTO è stato quello di garantire la diffusione dei servizi innovativi

Dettagli

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi L AMMINISTRAZIONE LOCALE: IL FRONT OFFICE DELL INTERO MONDO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Con il Piano di E-Government, con il ruolo centrale

Dettagli

CHIARIMENTI AL 12 SETT. 2007

CHIARIMENTI AL 12 SETT. 2007 CHIARIMENTI AL 12 SETT. 2007 > Alle ditte interessate Oggetto: comunicazione relativa alla gara d appalto con procedura aperta per l affidamento del servizio ad oggetto la realizzazione del primo stralcio

Dettagli

PRAGMA PRogetto Avanzato di Gestione e Monitoraggio per le Amministrazioni pubbliche POR Campania 2007-2013 FESR O.O.5.1 FAQ

PRAGMA PRogetto Avanzato di Gestione e Monitoraggio per le Amministrazioni pubbliche POR Campania 2007-2013 FESR O.O.5.1 FAQ FAQ D - In merito al bando di gara a procedura aperta ai sensi del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per la realizzazione del Progetto complesso ICT (Information & Communication Technology) Progetto e-government

Dettagli

ERRATA CORRIGE AL DISCIPLINARE DI GARA

ERRATA CORRIGE AL DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: gara a procedura aperta ai sensi del D. Lgs. 157/95 e s.m.i., per l affidamento dei servizi professionali per il supporto nella realizzazione di progetti e servizi di gestione degli ambienti del

Dettagli

Quesiti pervenuti entro il decimo giorno antecedente la scadenza del bando

Quesiti pervenuti entro il decimo giorno antecedente la scadenza del bando Quesiti pervenuti entro il decimo giorno antecedente la scadenza del bando Quesito n.1 Bando di gara Sezione II, punto 1.1 Denominazione conferita all'appalto dall'amministrazione aggiudicatrice e punto

Dettagli

RUPAR Puglia. La Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione Regionale in Puglia. Apulie_government Servizi di e_government per cittadini ed imprese

RUPAR Puglia. La Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione Regionale in Puglia. Apulie_government Servizi di e_government per cittadini ed imprese RUPAR Puglia La Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione Regionale in Puglia Marco Curci Centro Tecnico della RUPAR Puglia L e_government e la Regione Puglia La Regione Puglia ha promosso, nel quadro

Dettagli

RISPOSTE IN ORDINE AI CHIARIMENTI RICHIESTI AI SENSI DEL PAR. 3 DEL DISCIPLINARE DI GARA

RISPOSTE IN ORDINE AI CHIARIMENTI RICHIESTI AI SENSI DEL PAR. 3 DEL DISCIPLINARE DI GARA Procedura aperta sottosoglia comunitaria, ai sensi del d. lgs. 163/2006, per la realizzazione del portale web dell'istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo RISPOSTE

Dettagli

RICOGNIZIONE DELLA SITUAZIONE ESISTENTE...7

RICOGNIZIONE DELLA SITUAZIONE ESISTENTE...7 COMUNE DI SPECCHIA Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione e la compilazione on-line da parte di cittadini e imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al Comune INDICE

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE Si fornisce qui di seguito risposta a quesiti formulati da società interessate alla gara europea riguardante l affidamento,

Dettagli

Il progetto P.E.O.P.L.E. Progetto Enti On-line Portali Locali E-government

Il progetto P.E.O.P.L.E. Progetto Enti On-line Portali Locali E-government Il progetto P.E.O.P.L.E. Dimensioni del progetto Presentato da 55 enti con quasi 7,4 milioni di abitanti, circa il 13% della popolazione nazionale. P.E.O.P.L.E. si basa su un budget iniziale complessivo

Dettagli

OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna

OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna COMUNE DI OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna PROPOSTA DI DELIBERAZIONE PER LA GIUNTA MUNICIPALE LA GIUNTA MUNICIPALE

Dettagli

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE Prot. 13/2011 del 25/01/2011 Pag. 0 di 11 ADMINISTRA COMUNE DI NAPOLI Il progetto Administra nasce dall esigenza del Comune di Napoli di disporre di un unica infrastruttura tecnologica permanente di servizi

Dettagli

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc.

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Risultati attesi 1 / Deliverables 2 Fase 1 - Infrastrutture di base La fase 1 prevede lo svolgimento delle seguenti

Dettagli

Nr. QUESITO RISPOSTA QUESITI INFRASTRUTTURA HARDWARE. La fornitura della connettività ADSL non è oggetto della presente gara.

Nr. QUESITO RISPOSTA QUESITI INFRASTRUTTURA HARDWARE. La fornitura della connettività ADSL non è oggetto della presente gara. 1 QUESITI INFRASTRUTTURA HARDWARE a) Rif. Pag. 9 Capitolato Tecnico Si richiede di esplicitare se i costi di connettività per n. 300 linee Adsl sperimentali, siano a carico della Ditta aggiudicataria e

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CRITERI DI SCELTA DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO DEI SERVIZI AL TERZO SETTORE E AGLI ALTRI SOGGETTI PRIVATI

REGOLAMENTO SUI CRITERI DI SCELTA DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO DEI SERVIZI AL TERZO SETTORE E AGLI ALTRI SOGGETTI PRIVATI REGOLAMENTO SUI CRITERI DI SCELTA DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO DEI SERVIZI AL TERZO SETTORE E AGLI ALTRI SOGGETTI PRIVATI Art. 1 (Principi generali) Il presente Regolamento disciplina l affidamento dei

Dettagli

ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT

ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT QUESITO N. 1 DEL 16 LUGLIO 2010 Dove posso reperire la documentazione relativa al bando di gara? RISPOSTA QUESITO N. 1 Tutta la documentazione relativa al bando di gara è disponibile sul sito www.regione.sardegna.it

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORADU DE S'INDÙSTRIA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORADU DE S'INDÙSTRIA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Servizio Bilancio, Contenzioso e Affari Generali Coordinamento Regionale SUAP AVVISO PUBBLICO di selezione per titoli e colloquio per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni COMUNE DI SANTA GIUSTINA IN COLLE (PD) * * * Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni 1 CONTESTO La realizzazione del Piano di informatizzazione

Dettagli

ASSESSORADU DE SOS ENTES LOCALES, FINÀNTZIAS E URBANÌSTICA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE E URBANISTICA

ASSESSORADU DE SOS ENTES LOCALES, FINÀNTZIAS E URBANÌSTICA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE E URBANISTICA PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI PRODOTTI HARDWARE, SOFTWARE E SERVIZI FINALIZZATI ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SISTEMA INFORMATIVO DELLA CENTRALE DI COMMITTENZA REGIONALE INTERVENTO SI-CC CIG 59373307B5

Dettagli

COMUNE DI FRABOSA SOTTANA P r o v i n c i a d i C u n e o

COMUNE DI FRABOSA SOTTANA P r o v i n c i a d i C u n e o COMUNE DI FRABOSA SOTTANA P r o v i n c i a d i C u n e o Via IV Novembre, 12 C.A.P. 12083 - Tel.0174/244481-2 - Fax.0174/244730 e-mail: comune@comune.frabosa-sottana.cn.it PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso Piazza Caduti, 8 31021 Cod. Fiscale 00565860269 Partita IVA 00476370267 Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni

Dettagli

La Provincia di Imperia, rappresentata dal Presidente Avv. Gianni GIULIANO, in qualità di coordinatore del progetto banda larga;

La Provincia di Imperia, rappresentata dal Presidente Avv. Gianni GIULIANO, in qualità di coordinatore del progetto banda larga; PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI IMPERIA, LE COMUNITÀ MONTANE E I COMUNI PER LA REALIZZAZIONE DI UNA INFRASTRUTTURA A BANDA LARGA SU TUTTO IL TERRITORIO PROVINCIALE. La Provincia di Imperia, rappresentata

Dettagli

Tabella 6: Tipologie di azioni della Società dell Informazione, Progetti di InnovaPuglia

Tabella 6: Tipologie di azioni della Società dell Informazione, Progetti di InnovaPuglia Tabella 6: della Società dell Informazione, Asse I - Infrastruttura a banda larga 1. Completamento della copertura a banda larga degli Enti pubblici e dei siti strategici per l erogazione di servizi di

Dettagli

Pisa Convegno Legautonomie

Pisa Convegno Legautonomie Spunti di riflessione sui nuovi scenari della amministrazione pubblica digitale Pisa Convegno Legautonomie 25 ottobre 2010 Elena Tabet Il lungo cammino dell amministrazione digitale Istituzione di un Autorità

Dettagli

Provincia di Olbia Tempio AREA AMBIENTE ED ENERGIA BANDO DI GARA

Provincia di Olbia Tempio AREA AMBIENTE ED ENERGIA BANDO DI GARA COMUNE DI MONTI Provincia di Olbia Tempio AREA AMBIENTE ED ENERGIA BANDO DI GARA Si informa che in esecuzione della propria Determinazione n.32 del 25/03/2015 è indetta gara d'appalto, mediante procedura

Dettagli

Progetto di riuso unitario Comunas

Progetto di riuso unitario Comunas Progetto di riuso unitario Comunas La Regione Autonoma della Sardegna, con l occasione della pubblicazione dell Avviso per la realizzazione di progetti di riuso del CNIPA, si fa promotrice di un progetto

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014)

Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014) Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014) Comune di Argelato Comune di Bentivoglio Comune di Castel Maggiore Comune di Castello d Argile Comune

Dettagli

di seguito indicate anche semplicemente come le Parti, PREMESSI

di seguito indicate anche semplicemente come le Parti, PREMESSI ACCORDO DI PROGRAMMA FRA GLI ENTI PARTECIPANTI ALLA COSTITUZIONE DI UN CENTRO SERVIZI TERRITORIALE NELLA PROVINCIA DI TORINO PER L INCLUSIONE DEI PICCOLI COMUNI NELL ATTUAZIONE DELL E-GOVERNMENT La Regione

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area organizzazione e riforma dell amministrazione Servizio Affari Generali A.P. Contratti di rilevanza comunitaria

REGIONE PUGLIA Area organizzazione e riforma dell amministrazione Servizio Affari Generali A.P. Contratti di rilevanza comunitaria REGIONE PUGLIA Area organizzazione e riforma dell amministrazione Servizio Affari Generali A.P. Contratti di rilevanza comunitaria PROCEDURA APERTA INDETTA AI SENSI DEL D.LGS. N. 163/2006, PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE)

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) Comune di Vigonovo Sistemi Informativi Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni

Dettagli

ALLEGATO 2 BANDO. Area Organizzazione e Riforma. Offerta Tecnica. dell Amministrazione Servizio E. E democracy e Cittadinanza.

ALLEGATO 2 BANDO. Area Organizzazione e Riforma. Offerta Tecnica. dell Amministrazione Servizio E. E democracy e Cittadinanza. BANDO Area Organizzazione e Riforma ALLEGATO 2 Offerta Tecnica dell Amministrazione Servizio E Government E democracy e Cittadinanza Attiva Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA

Dettagli

sviluppo della Società dell Informazione

sviluppo della Società dell Informazione Le attività della Regione Abruzzo per il supporto alle Smart Community Domenico Longhi Bologna 16 ottobre 2013 Sviluppo della Società dell Informazione La Regione Abruzzo si èdotata di strumenti normativi,

Dettagli

Agenda Digitale. Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line

Agenda Digitale. Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line Agenda Digitale Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line Dott. Nicola A. Coluzzi Ufficio Società dell'informazione

Dettagli

GARA PORTALE Chiarimenti 2

GARA PORTALE Chiarimenti 2 13 6.1.1 Pag. 53 [...] Evolvere ed ampliare i servizi già offerti dall Amministrazione, attraverso la realizzazione di servizi innovativi, sia informativi, interattivi e trasnazionali, sia di natura collaborativa

Dettagli

Codice dell Amministrazione digitale

Codice dell Amministrazione digitale Dlgs. 7 marzo 2005, n. 82 Codice dell Amministrazione digitale (Estratto relativo ai soli articoli riguardanti il Sistema pubblico di connettività) Capo VIII Sistema pubblico di connettività e rete internazionale

Dettagli

In riferimento alla procedura in oggetto e alle richieste di chiarimenti pervenute da alcune Ditte, si precisa che:

In riferimento alla procedura in oggetto e alle richieste di chiarimenti pervenute da alcune Ditte, si precisa che: U.O. Provveditorato-Economato Tel 02 2394 2323 Fax 02 2394 2528 provveditorato@istituto-besta.it PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZIO DI PRENOTAZIONE TELEFONICA, SPORTELLO E FRONT OFFICE Aggiudicazione

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE VII APPENDICE I CASI DI STUDIO Servizi pubblici territoriali online

Dettagli

COMUNE DI MAGIONE Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 coordinato con la legge di Conversione 11 agosto 2014, n.

COMUNE DI MAGIONE Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 coordinato con la legge di Conversione 11 agosto 2014, n. COMUNE DI MAGIONE Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 coordinato con la legge di Conversione 11 agosto 2014, n. 114 Rif. int. : Rev. : 0.0 Vers. Prec. : Sommario 1- Revisioni...

Dettagli

2. Piattaforma CCS: quali sono le funzionalità da implementare sulle Consolle remote presso le tre Autorità Portuali?

2. Piattaforma CCS: quali sono le funzionalità da implementare sulle Consolle remote presso le tre Autorità Portuali? 812 Risposta: L appaltatore dovrà fornire le soluzioni hardware e software previste in Capitolato Tecnico e, come già detto, farsi carico dell allestimento di un singolo Centro Servizi SITIP presso una

Dettagli

COMUNE DI BARDONECCHIA

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNE DI BARDONECCHIA PROVINCIA DI TORINO DETERMINAZIONE SERVIZIO AFFARI GENERALI N. 69 DEL 06 NOVEMBRE 2014 OGGETTO: SOSTITUZIONE PROGRAMMA PROTOCOLLO INFORMATICO DELL ENTE AFFIDAMENTO FORNITURA ALLA

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Introduzione alla Cooperazione applicativa in Campania

Introduzione alla Cooperazione applicativa in Campania Introduzione alla Cooperazione applicativa in Campania Cos è SPICCA è una infrastruttura costituita dall insieme di risorse hardware e componenti applicative, rappresenta la piattaforma per la realizzazione

Dettagli

Smart. SUAP Area Tecnico Territoriale. Descrizione sintetica. Funzionalità principali SCHEDA PRODOTTO. Dematerializzazione. Sistema.

Smart. SUAP Area Tecnico Territoriale. Descrizione sintetica. Funzionalità principali SCHEDA PRODOTTO. Dematerializzazione. Sistema. SCHEDA PRODOTTO Descrizione sintetica Il modulo consente di gestire i procedimenti amministrativi legati alle sportello unico per le attività produttive. Fa parte dell area dedicata alla componente tecnico

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CARLO Via Potito Petrone 85100 Potenza - Tel. 0971-61 11 11 Codice Fiscale e Partita IVA 01186830764

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CARLO Via Potito Petrone 85100 Potenza - Tel. 0971-61 11 11 Codice Fiscale e Partita IVA 01186830764 Unità Operativa: Sistema Informativo Ospedaliero Tel. 0971 612582 Fax 0971-613115 e mail: sio.segreteria@ospedalesancarlo.it OGGETTO: Fornitura del Sistema RIS/PACS Regionale: chiarimenti. CHIARIMENTI

Dettagli

Aggiornate alle richieste pervenute al 31.03.2009. Pubblicata in data 03.0.4.2009

Aggiornate alle richieste pervenute al 31.03.2009. Pubblicata in data 03.0.4.2009 Aggiornate alle richieste pervenute al 31.03.2009. Pubblicata in data 03.0.4.2009 Regione Calabria - BANDO SIAR - Chiarimenti e risposte ai quesiti 45 46 E possibile utilizzare, per la gestione del SIAR,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 (deliberato dal C. di A. nella seduta del 19 giugno 2015) 1 1 - Introduzione e normativa di riferimento Il Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Dettagli

Il Sistema di gestione del fascicolo penale digitale

Il Sistema di gestione del fascicolo penale digitale APQ PUGLIA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE PROGETTO PILOTA Informatizzazione Procura della Repubblica di Lecce Il Sistema di gestione del fascicolo penale digitale ForumPA 11 maggio 2009 Maurizio Natale InnovaPuglia

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Evoluzione del CST 1. Introduzione Il prossimo 30 settembre 2008 termina il progetto di esercizio sperimentale dei servizi e, quindi, il Centro Servizi

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery COMUNE DI PALOMONTE Provincia di Salerno Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

Concertazione e cooperazione applicativa nel progetto Comunas

Concertazione e cooperazione applicativa nel progetto Comunas Concertazione e cooperazione applicativa nel progetto Comunas Fabrizio Gianneschi Regione Autonoma della ardegna Alcuni dati Circa 1.700.000 abitanti 377 Comuni 83% sotto i 5.000 abitanti 30% ha una intranet

Dettagli

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004 Documento di programmazione del progetto denominato: Realizzazione della seconda fase di sviluppo di intranet: Dall Intranet istituzionale all Intranet per la gestione e condivisione delle conoscenze.

Dettagli

CIG 6125186762 CUP E29G10000140009 RISPOSTE AI QUESITI

CIG 6125186762 CUP E29G10000140009 RISPOSTE AI QUESITI DIREZIONE GENERALE DEGLI AFFARI GENERALI E DELLA SOCIETÀ DELL'INFORMAZIONE SERVIZIO DELL INNOVAZIONE, PROGETTAZIONE, GARE E CONTRATTI IN AMBITO ICT PROCEDURA APERTA PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

MUDE Piemonte. Adempimenti per i Comuni. STATO DELLE VARIAZIONI Versione Paragrafo o Pagina Descrizione della variazione V02 2.1

MUDE Piemonte. Adempimenti per i Comuni. STATO DELLE VARIAZIONI Versione Paragrafo o Pagina Descrizione della variazione V02 2.1 MUDE Piemonte Adempimenti per i Comuni STATO DELLE VARIAZIONI Versione Paragrafo o Pagina Descrizione della variazione V02 2.1 Aggiornamento casella di posta elettronica per comunicazioni 3 3.3; 3.3.1;

Dettagli

ISTITUTO DI SANTA MARGHERITA Piazza Santa Balbina, 8-00153 Roma, Tel 06 5750955 Fax 0657138655

ISTITUTO DI SANTA MARGHERITA Piazza Santa Balbina, 8-00153 Roma, Tel 06 5750955 Fax 0657138655 DISCIPLINARE DI GARA Art. 1 - OGGETTO DELL APPALTO L'appalto ha per oggetto il servizio di pulizia dei locali della sede dell Istituto di Santa Margherita. Art. 2 - LUOGO DI ESECUZIONE DELL'APPALTO I servizi

Dettagli

BANDO DI GARA AVVISO DI PRECISAZIONE 26/10/2012

BANDO DI GARA AVVISO DI PRECISAZIONE 26/10/2012 BANDO DI GARA Progettazione, Fornitura e posa in opera, avvio operativo, collaudo e manutenzione in garanzia di un sistema di controllo autorizzato degli accessi al centro della Città di Prato AVVISO DI

Dettagli

Allegato Tecnico IcarER

Allegato Tecnico IcarER Allegato Tecnico IcarER Nota di lettura 1 Descrizione del Servizio 1.1 Definizioni e Acronimi 1.2 Descrizione generale 1.2.1 Accordo di servizio 1.3 Descrizione dei servizi offerti 1.3.1 Gestione in service

Dettagli

Unità Operativa Complessa Appalti e Forniture Tel. 091.7808725 Fax. 091.7808394

Unità Operativa Complessa Appalti e Forniture Tel. 091.7808725 Fax. 091.7808394 Azienda Ospedaliera OSPEDALI RIUNITI VILLA SOFIA CERVELLO Legge Regionale n.5 del 14/04/2009 Sede Legale Viale Strasburgo n.233 90146 Palermo -Tel 0917801111 - P.I.05841780827 Unità Operativa Complessa

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Ai sensi del comma 3 bis dell art. 24 del D.L. 90/2014 convertito nella legge 11/08/2014 n. 114

Dettagli

COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano

COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano 20060 Trezzano Rosa Piazza XXV Aprile, 1 C.F. 83502090158 P.IVA 04670940156 info@comune.trezza norosa.mi.it www.comune.trezzanorosa.mi.it Tel. 02 920199 Tecnico

Dettagli

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura... 3 2 Composizione della Fornitura... 3 2.1 Piattaforma

Dettagli

Livorno città digitale

Livorno città digitale Comune di Livorno Livorno città digitale Livorno città digitale Uno degli adempimenti dei primi 100 giorni del mandato è stata l ideazione e la formalizzazione nel Libro Bianco dell Innovazione tecnologica,

Dettagli

COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso

COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni ai sensi dell articolo 24, comma 3 bis del D.L.

Dettagli

Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013. Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche

Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013. Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013 Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE della Conferenza di servizi telematica per l approvazione

Dettagli

BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda

BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda 1 Finalità dell intervento... 2 2 Modello di riferimento... 2 3 Soggetti abilitati

Dettagli

Infrastrutture tecnologiche e Banda Larga

Infrastrutture tecnologiche e Banda Larga Infrastrutture tecnologiche e Banda Larga La connettività a banda larga rappresenta un fattore strategico per lo sviluppo di un territorio in termini di crescita economica e di coesione sociale, come ormai

Dettagli

CITTÀ DI AVOLA Ufficio tecnici informatici

CITTÀ DI AVOLA Ufficio tecnici informatici Ufficio tecnici informatici DISCIPLINARE DI GARA Affidamento del servizio di manutenzione e assistenza di un Sistema Informativo Integrato - piattaforma software con banca dati unificata per tutti gli

Dettagli

Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop

Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop Francesco Tortorelli Il quadro normativo e regolatorio di riferimento 2 Il codice dell amministrazione digitale (CAD) CAD Servizi Access di services

Dettagli

CIG 55550658A6 CHIARIMENTI

CIG 55550658A6 CHIARIMENTI BANDO DI GARA Appalto di progettazione esecutiva ed esecuzione lavori mediante procedura ristretta, art.53 comma 2 lett. b) del Codice dei contatti pubblici CIG 55550658A6 CHIARIMENTI 1. La gara si suddivide

Dettagli

EG4G. (EGovernment for Government) Sistema integrato per la governance del territorio. Il progetto di riuso. Tasso Elvio Direzione Sistema Informatico

EG4G. (EGovernment for Government) Sistema integrato per la governance del territorio. Il progetto di riuso. Tasso Elvio Direzione Sistema Informatico EG4G (EGovernment for Government) Sistema integrato per la governance del territorio Il progetto di riuso Tasso Elvio Direzione Sistema Informatico Unità Complessa per l e-government l e la Società dell

Dettagli

I chiarimenti della gara sono visibili su www.mef.gov.it; www.consip.it; www.acquistinretepa.it

I chiarimenti della gara sono visibili su www.mef.gov.it; www.consip.it; www.acquistinretepa.it GARA A PROCEDURA APERTA PER LA CONCLUSIONE DI UN ACCORDO QUADRO, AI SENSI DELL ART. 59, COMMI 6 E 7, DEL D.LGS. N. 163/2006 PER LA FORNITURA, MESSA IN OPERA E MANUTENZIONE DI CENTRALI TELEFONICHE EVOLUTE

Dettagli

ASSESSORADU DE SOS AFÀRIOS GENERALES, PERSONALE E REFORMA DE SA REGIONE ASSESSORATO AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE

ASSESSORADU DE SOS AFÀRIOS GENERALES, PERSONALE E REFORMA DE SA REGIONE ASSESSORATO AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE ASSESSORADU DE SOS AFÀRIOS GENERALES, PERSONALE E REFORMA DE SA REGIONE ASSESSORATO AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE Direzione generale degli affari generali e della società dell'informazione

Dettagli

Comunità della Val di Non. Gestione associata in materia informatica

Comunità della Val di Non. Gestione associata in materia informatica in materia Presentazione in sintesi del servizio in gestione Incontri territoriali Gennaio 2013 1 Finalità dell incontro Con questi incontri d ambito ci poniamo l obiettivo di illustrare ad amministratori

Dettagli

La Società A, che esegue il servizio di conservazione con le proprie applicazioni,

La Società A, che esegue il servizio di conservazione con le proprie applicazioni, QUESITO 1: DOMANDA: In riferimento al requisito tecnologico ( che indicheremo in seguito con RT1 ) di cui all Art. 7 pag.10 del Capitolato Speciale d Appalto. E fatta esplicita richiesta all outsourcer

Dettagli

Il Consorzio CSA si occupa della fornitura di servizi e sistemi per la gestione degli archivi e delle informazioni

Il Consorzio CSA si occupa della fornitura di servizi e sistemi per la gestione degli archivi e delle informazioni Il Consorzio CSA si occupa della fornitura di servizi e sistemi per la gestione degli archivi e delle informazioni nella P.A. e, con la propria organizzazione, è garanzia d immediata risposta alle necessità

Dettagli

CITTA DI BAVENO Provincia del Verbano Cusio Ossola. Ufficio TURISMO

CITTA DI BAVENO Provincia del Verbano Cusio Ossola. Ufficio TURISMO CITTA DI BAVENO Provincia del Verbano Cusio Ossola Ufficio TURISMO DISCIPLINARE PER LA GARA D APPALTO PER SVILUPPO ED IMPLEMENTAZIONE DEL NUOVO PORTALE WEB PER IL TURISMO (PWT) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE:

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA

COMUNE DI TERNO D ISOLA COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di BERGAMO Piano triennale di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni (Art 24 comma 3bis D.L. 90/2014) INDICE 1)

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER L ICT 2009-2011 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE BOZZE DI PIANO DA PARTE DELLE AMMINISTRAZIONI

PIANO TRIENNALE PER L ICT 2009-2011 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE BOZZE DI PIANO DA PARTE DELLE AMMINISTRAZIONI Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione Area Amministrazioni centrali PIANO TRIENNALE PER L ICT 2009-2011 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE BOZZE DI PIANO DA PARTE DELLE AMMINISTRAZIONI

Dettagli

BANDO DI GARA Servizi

BANDO DI GARA Servizi BANDO DI GARA Servizi 1. SOGGETTO AGGIUDICATORE FERSERVIZI S.p.A. - Società con socio unico, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Ferrovie dello Stato Italiane S.p.A., - Via Tripolitania

Dettagli

Il nuovo codice della PA digitale

Il nuovo codice della PA digitale Il nuovo codice della PA digitale 1. Cosa è e a cosa serve Le pubbliche amministrazioni sono molto cambiate in questi ultimi anni: secondo i sondaggi i cittadini stessi le vedono mediamente più veloci

Dettagli

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 Comune di Sospirolo P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione

Dettagli

COMITATO OPERATIVO PER LA RETE UNITARIA

COMITATO OPERATIVO PER LA RETE UNITARIA COMITATO OPERATIVO PER LA RETE UNITARIA SCOR / INTEROPERABILITA VERBALE DELLA RIUNIONE DELL'8 NOVEMBRE 2001 L anno duemilauno il giorno otto del mese di novembre alle ore 10.30 si è riunito a Roma, Via

Dettagli

Chiarimenti richiesti via fax in data 29 novembre 2012 pervenuti il 30.11.2012

Chiarimenti richiesti via fax in data 29 novembre 2012 pervenuti il 30.11.2012 CHIARIMENTI RICHIESTI RELATIVAMENTE ALLA PROCEDURA APERTA PER LA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E GESTIONE IN REGIME DI OUTSOURCING DEL SISTEMA INFORMATIVO INFORMATICO AZIENDALE. Chiarimenti richiesti via

Dettagli

IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE

IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE SCHEDA Il Codice è il risultato di oltre due anni di lavoro, di continue interazioni con tutti i livelli istituzionali, con le Regioni e le Autonomie Locali. È stato

Dettagli

Sistemi informativi a supporto della gestione associata dei Comuni

Sistemi informativi a supporto della gestione associata dei Comuni CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLE FUNZIONI DI ORGANIZZAZIONE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE, GESTIONE FINANZIARIA E CONTABILE E CONTROLLO TRA I COMUNI DI ARQUA POL., FRASSINELLE POL., COSTA DI

Dettagli

Un caso concreto di dematerializzazione e semplificazione dei processi inter -amministrazioni: la gestione dei contratti dei docenti

Un caso concreto di dematerializzazione e semplificazione dei processi inter -amministrazioni: la gestione dei contratti dei docenti FORUMPA 2008 13 maggio 2008 Un caso concreto di dematerializzazione e semplificazione dei processi inter -amministrazioni: la gestione dei contratti dei docenti Modello applicativo e tecnologico dott.ssa

Dettagli

Governance e linee guida tecnicoorganizzative

Governance e linee guida tecnicoorganizzative Allegato 1 Servizio Governance e linee guida tecnicoorganizzative del sistema ICAR-ER INDICE 1. Introduzione 3 1.1 Definizione e Acronimi 3 1.2 Scopo del documento 4 1.3 Destinatari 4 2. Il Sistema ICAR-ER

Dettagli

C I T T A D I A L T A M U R A

C I T T A D I A L T A M U R A C I T T A D I A L T A M U R A PROVINCIA DI BARI (Servizio Contratti-Appalti) Piazza Municipio, n.2 Tel. 080/3107285 Fax 080/310/7204 BANDO DI GARA D APPALTO MEDIANTE PROCEDURA APERTA lì, 2 Novembre 2011

Dettagli

COMUNE DI ARICCIA PROVINCIA DI ROMA DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE

COMUNE DI ARICCIA PROVINCIA DI ROMA DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE COMUNE DI ARICCIA PROVINCIA DI ROMA UFFICIO DI STAFF SEGRETARIO GENERALE DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Registro Generale: Determina n 658 del 08/10/2015 Determina di Settore n 197 del 07/10/2015 OGGETTO:

Dettagli

Più sicurezza ICT per migliorare i servizi ai cittadini: il caso del Comune di Milano

Più sicurezza ICT per migliorare i servizi ai cittadini: il caso del Comune di Milano DSSI, Direzione Specialistica Sistemi Informativi Più sicurezza ICT per migliorare i servizi ai cittadini: il caso del Comune di Milano 21 maggio 2007 Forum PA - ROMA Alessandro Musumeci Direttore Centrale

Dettagli

I finanziamenti erogati a valere sul Fondo sono destinati unicamente agli Enti locali.

I finanziamenti erogati a valere sul Fondo sono destinati unicamente agli Enti locali. Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Guida per la presentazione dei progetti Fondo per il sostegno agli investimenti per l innovazione negli enti locali - Art. 1, comma 893, della legge 27 dicembre

Dettagli

1. altra Ditta in possesso di attestazione SOA OS22 classifica II, sprovvista di Sistema di Qualità Aziendale?

1. altra Ditta in possesso di attestazione SOA OS22 classifica II, sprovvista di Sistema di Qualità Aziendale? QUESITO N 1 La ns. Ditta, attestata SOA nelle categorie OG1, OG6 e OS22, tutte in classifica II, sprovvista del Sistema di Qualità Aziendale ISO 9000, può partecipare alla procedura aperta per i lavori

Dettagli