Logica combinatoria. La logica digitale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Logica combinatoria. La logica digitale"

Transcript

1 Logica combinatoria La logica digitale La macchina è formata da porte logiche Ogni porta riceve in ingresso dei segnali binari (cioè segnali che possono essere 0 o 1) e calcola una semplice funzione (ND, OR, ecc) lcune porte, collegate opportunamente, possono formare una memoria di un bit (bistabile) Combinando N memorie di un bit si può formare un registro capace di memorizzare un numero binario (non più grande di 2 N -1) Combinando le porte si realizzano i circuiti che formano i calcolatori Luciano aresi 2 1

2 Porte logiche Segnali e informazioni Per elaborare informazioni, occorre rappresentarle (o codificarle) Per rappresentare (o codificare) le informazioni si usano segnali I segnali devono essere elaborati, nei modi opportuni, tramite dispositivi di elaborazione Segnale binario una grandezza che può assumere due valori distinti, convenzionalmente indicati con 0 e 1 s {0, 1} Qualsiasi informazione è rappresentabile (o codificabile) tramite uno o più segnali binari (per esempio i caratteri del codice SCII) Luciano aresi 4 2

3 Il segnale binario Rappresentazione fisica del segnale binario: si usano svariate grandezze fisiche tensione elettrica (la più usata!) corrente elettrica potenza ottica altre grandezze fisiche Elaborazione del segnale binario: si usano svariate classi di dispositivi di elaborazione porte logiche reti combinatorie reti sequenziali Sono tutti circuiti digitali (o numerici) Luciano aresi 5 Porte logiche I circuiti digitali sono formati da componenti digitali elementari, chiamati porte logiche Le porte logiche sono i circuiti minimi per l elaborazione di segnali binari L elemento funzionale fondamentale per la costruzione di porte logiche è il transistor Classificazione Per modo di funzionamento: porta NOT, porta porta ND, porta OR (sono le porte logiche fondamentali) Per numero di ingressi: porte a 1 ingresso, porte a 2 ingressi, porte 3 ingressi, e così via... Luciano aresi 6 3

4 La porta NOT (invertitore) Se l ingresso vale 0 Volt, l uscita vale 5 Volt Se l ingresso vale 5 Volt, l uscita vale 0 Volt Se ai valori di tensione 0 e 5 Volt si associano convenzionalmente i valori binari 0 e 1, rispettivamente, si ottiene la cosiddetta tabella delle verità della porta logica, che corrisponde alla tabella di commutazione Luciano aresi 7 Porta NOT (invertitore, negatore) Simbolo funzionale X (a 1 ingresso) X simbolo semplificato Tabella delle verità X L uscita vale 1 se e solo se l ingresso vale 0 Luciano aresi 8 4

5 Porta ND Simbolo funzionale (a 2 ingressi) L uscita vale 1 se e solo se entrambi gli ingressi valgono 1 X Tabella delle verità X Luciano aresi 9 Porta OR Simbolo funzionale (a 2 ingressi) L uscita vale 1 se e solo se almeno un ingresso vale 1 X Tabella delle verità X Luciano aresi 10 5

6 Generalizzazioni lcuni tipi di porte a 2 ingressi si possono generalizzare a 3, 4, ecc ingressi Le due porte a più ingressi maggiormente usate sono la porta ND e la porta OR Tipicamente si usano ND (o OR) a 2, 4 o 8 ingressi (raramente più di 8) L uscita X della porta ND a 3 ingressi vale 1 se e soltanto se tutti e tre gli ingressi, e C valgono 1 L uscita X della porta OR a 3 ingressi vale 1 se e soltanto se almeno uno tra gli ingressi, e C vale 1 Si generalizza a più ingressi nel modo ovvio... Luciano aresi 11 Porta ND a 3 ingressi C Simbolo funzionale L uscita vale 1 se e solo se tutti e 3 gli ingressi valgono 1 X Tabella delle verità C X Luciano aresi 12 6

7 Porta OR a 3 ingressi Simbolo funzionale C L uscita vale 0 se e solo se tutti e 3 gli ingressi valgono 0 X Tabella delle verità C X Luciano aresi 13 Realizzazione ad albero La porta ND a 3 ingressi si realizza spesso come albero di porte ND a 2 ingressi (ma non è l unico modo) C X X C Nota bene: non tutti i tipi di porte a più di 2 ingressi si possono realizzare come alberi di porte a 2 ingressi (funziona sempre con ND e OR) Luciano aresi 14 7

8 lgebra di oole, funzioni e reti combinatorie lgebra di oole L algebra di oole (dal suo inventore G. oole) serve a descrivere matematicamente i circuiti digitali (o circuiti logici) Componenti dell algebra di oole: Operatori booleani Regole di trasformazione ed equivalenza tra operatori booleani Luciano aresi 16 8

9 Operatori booleani Nome Operazione Porta associata Inversione X =! Porta NOT Somma logica X = + Porta OR Prodotto logico X = Porta ND, e X sono variabili booleane,, X {0, 1} Il prodotto ha precedenza sulla somma Luciano aresi 17 Operatori booleani Somma Prodotto Inversione = = 0!0 = = = 0!1 = = = = = 1 Sono le tabelle delle verità della porta logica OR, ND e NOT, rispettivamente Luciano aresi 18 9

10 Proprietà degli op. booleani lcune proprietà degli operatori booleani somigliano a quelle dell algebra numerica tradizionale ltre sono piuttosto diverse (per esempio la proprietà di assorbimento)! Le proprietà degli operatori booleani si possono usare per trasformare espressioni booleane Luciano aresi 19 Proprietà degli op. booleani Legge Prodotto logico (ND) Somma logica (OR) Identità 1 = 0 + = Elemento nullo 0 = = 1 Idempotenza = + = Inverso! = 0 +! = 1 Commutativa = + = + ssociativa ( ) C = ( C) ( + ) + C = + ( + C) Distributiva + C = ( + ) ( + C) ( + C) = + C ssorbimento ( + ) = + = De Morgan!( ) =! +!!( + ) =!! Luciano aresi 20 10

11 Esempi F =!XYZ +!XY!Z + XZ F =!XY(Z +!Z) + XZ F =!XY1 + XZ F =!XY + XZ F = +! +!C F = +!(1+C) F = +!1 F = +! F = ( +!)( + ) F = 1( + ) F = + Luciano aresi 21 Tabella delle verità La tabella delle verità è un modo per rappresentare il comportamento di una funzione combinatoria La tabella delle verità ha due colonne: colonna degli ingressi, le cui righe contengono tutte le combinazioni di valori delle variabili della funzione colonna dell uscita, che riporta i corrispondenti valori assunti dalla funzione Luciano aresi 22 11

12 Esempio n = 3 ingressi colonna ingressi 2 n = 2 3 = 8 righe # riga C + /C F / / / / / / / /1 1 (per comodità nella colonna centrale è riportato anche il calcolo) colonna uscita Luciano aresi 23 Rete combinatoria ogni funzione combinatoria, data come espressione booleana, si può sempre associare un unico circuito digitale, formato da porte logiche, che viene chiamato rete combinatoria Gli ingressi della rete combinatoria sono le variabili della funzione L uscita della rete combinatoria emette il valore assunto dalla funzione Luciano aresi 24 12

13 Esempio F(,, C) = +!C rete combinatoria C / C F Luciano aresi 25 Rete combinatoria Una rete combinatoria è un circuito digitale: dotato di n 1 ingressi principali e di un uscita formato da porte logiche ND, OR e NOT e privo di retroazioni Eventualmente, una rete combinatoria può anche essere formata da porte logiche di altro tipo La tabella delle verità di una rete combinatoria può anche essere ricavata per simulazione del funzionamento circuitale della rete combinatoria stessa Per simulare il funzionamento circuitale di una rete combinatoria, si applicano dei valori agli ingressi, e li si propaga lungo la rete fino all uscita Luciano aresi 26 13

14 Simulazione circuitale (corrisponde alla riga 0 della tabella) C F Risultato della simulazione: F(0, 0, 0) = 1 Luciano aresi 27 Simulazione circuitale # riga C! +!C +! C F !0 0 +!0 +!0 0 1 (per comodità è riportato anche il calcolo) !0 0 +!1 +! !0 1 +!0 +! !0 1 +!1 +! !1 0 +!0 +! !1 0 +!1 +! !1 1 +!0 +! !1 1 +!1 +!1 1 0 Luciano aresi 28 14

15 Sintesi di reti combinatorie La sintesi di una rete combinatoria espressa come tabella delle verità, consiste nel ricavare lo schema logico (il circuito digitale) che calcola la funzione combinatoria In generale, per una data tabella delle verità possono esistere più reti combinatorie (la soluzione al problema di sintesi non è dunque unica) Due funzioni diverse sono le stesse se e solo se hanno la stessa tabella delle verità Luciano aresi 29 Sintesi di reti combinatorie Esistono svariate procedure di sintesi di reti combinatorie, che differiscono per: Complessità della procedura di sintesi Ottimalità della rete combinatoria risultante, per dimensioni e velocità Una tecnica di sintesi semplice e universale, benché non sempre ottimale, è la sintesi in 1a forma canonica, o come somma di prodotti (mintermini) Si considerano le righe della tabella delle verità il cui valore è 1 2a forma canonica: la funzione può essere espressa come il prodotto logico dei termini somma (maxtermini) Si considerano le righe della tabella delle verità il cui valore è 0 Luciano aresi 30 15

16 Sintesi in 1a forma canonica (o sintesi come somma di prodotti) Scrivere la tabella delle verità, a n 1 ingressi, della funzione da sintetizzare Introdurre n invertitori per generare la negazione di ogni segnale di ingresso principale Introdurre una porta ND a n ingressi per ogni 1 presente nella colonna dell uscita della tabella delle verità Collegare gli ingressi delle porte ND così introdotte agli ingressi principali, in forma diretta o negata, in modo appropriato Inviare l uscita di tutte le porte ND a un unica porta OR, dotata di tanti ingressi quante sono le porte ND così introdotte Vale il duale per la seconda forma canonica Si complementano le variabili il cui valore è 1 Luciano aresi 31 Funzione maggioranza Si chiede di sintetizzare (in 1a forma canonica) una funzione combinatoria dotata di 3 ingressi, e C, e di un uscita F, funzionante come segue: Se la maggioranza degli ingressi vale 0, l uscita vale 0 Se la maggioranza degli ingressi vale 1, l uscita vale 1 La tabella delle verità della funzione maggioranza è mostrata a lato L uscita vale 1 se e solo se 2 o tutti e 3 gli ingressi valgono 1 (cioè se e solo se il valore 1 è in maggioranza) # r i g a C F Luciano aresi 32 16

17 Rete combinatoria schema logico C!!!C 0 1 1! C 1 0 1! C F C 1 1 0!C C Luciano aresi 33 Espressione booleana Dallo schema logico della rete combinatoria così sintetizzata, si può ricavare la funzione combinatoria data come espressione booleana F(,, C) =! C +! C +!C + C Nota bene: è una somma di prodotti Luciano aresi 34 17

18 Reti combinatorie equivalenti Una funzione combinatoria, data come tabella delle verità, può ammettere più reti combinatorie differenti che la sintetizzano Reti combinatorie che realizzano la medesima funzione combinatoria si dicono equivalenti Esse hanno tutte la stessa funzione, ma struttura (e costo) differente Luciano aresi 35 Due reti equivalenti C C + C ( + C ) F F F1 = + C F2 = ( + C) Trasformazione: F1 = + C = = ( + C) = = F2 (prop. distributiva) C + C Luciano aresi 36 18

19 Costo e velocità Il costo di una rete combinatoria si valuta in vari modi (criteri di costo): Numero di porte, per tipo di porta e per quantità di ingressi della porta Numero di porte universali (NND o NOR) e altri ancora... La velocità di una rete combinatoria è misurata dal tempo che una variazione di ingresso impiega per modificare l uscita della rete (o ritardo di propagazione) Per calcolare la velocità di una rete combinatoria, occorre conoscere i ritardi di propagazione delle porte logiche componenti la rete, e poi analizzare i percorsi ingressi-uscita Luciano aresi 37 Velocità ns 0 2 ns C 0 1 ns 1 1 ns 3 ns = 5 ns F Ritardo totale = 5 ns = sec Freq. di commutazione = 1 / 5 ns = 200 MHz Luciano aresi 38 19

20 Operatori funzionalmente completi Gli operatori NND e NOR sono funzionalmente completi Significa che con soli NND (NOR) è possibile realizzare qualsiasi funzione logica Combinando opportunamente porte NND è possibile ottenere le funzioni ND, OR e NOT NND NOR X X X Y!(XY) X Y!(X + Y) Luciano aresi 39 ltri operatori XOR OR esclusivo L uscita vale uno solo quando uno dei due ingressi vale uno F = X Y =!XY + X!Y XNOR La negazione del precedente L uscita vale uno solo quando gli ingressi hanno il medesimo valore F = X Y =!X!Y + XY X Y (X Y) X Y (X Y) X X Luciano aresi 40 20

21 Mappe di Karnaugh Due mintermini o maxtermini sono logicamente adiacenti se differiscono per un unico letterale Mappe di karnaugh Per realizzare reti combinatorie su due livelli Utili per funzioni booleane con non più di 5/6 variabili Contengono la stessa informazione delle tabelle delle verità CD Luciano aresi 41 Sintesi con mappe di Karnaugh C D N CD N =!!C +!CD +!!D + D Luciano aresi 42 21

22 Rappresentazioni e aritmetica binaria Rappresentazione in modulo e segno Dato un numero intero N, codificato su n bit, il bit più significativo rappresenta il segno (0 significa positivo e 1 negativo) I restanti n-1 bit rappresentano il valore assoluto del numero N = 6 3 bit + 1 per il segno 0110 N = Problemi con le operazioni aritmetiche elementari nalisi del segno Confronto dei valori assoluti Luciano aresi 44 22

23 Somma tra due numeri NO segno = segno NO > SI RIS = + RIS = - RIS = - segno RIS = segno segno RIS = segno segno RIS = segno Luciano aresi 45 Rappresentazione in complemento a 1 Codifica diversa per semplificare l algoritmo di calcolo Non si distingue più il segno dal modulo Dato un numero N, il suo opposto si calcola complementando ad uno ad uno tutti i bit che compongono il numero N = N = Somma e sottrazione richiedono solo sommatori e negatori (per il calcolo dell opposto) Il risultato è corretto a meno di un 1 nel caso in cui si verifichi un riporto nella somma stessa Quindi si usa sempre una seconda somma per sommare il riporto generato (fosse zero la somma sarebbe inutile) Luciano aresi 46 23

24 Esempio N = (+25) e M = (+3) N + M = = (+28) K = (-3) N + K = = (1) = (+22) I due numeri devono essere rappresentati con lo stesso numero di cifre Sempre due somme Non è la soluzione ottima, ma è la meno costosa Luciano aresi 47 Rappresentazione in complemento a 2 Ulteriore miglioramento, ma rappresentazione sempre più complicata Somme algebriche con una sola addizione Notazione non simmetrica (-2 n-1 N 2 n-1-1) Una sola codifica per il numero zero Numeri positivi stessa codifica Numeri negativi -N è quel numero che sommato a N produce una configurazione di tutti zero e un bit di riporto che si trascura Operativamente Complemento a 1 e poi si somma uno Si scorre il numero da destra a sinistra, lasciando inalterate le cifre fino al primo uno (compreso) e complementando le altre Luciano aresi 48 24

25 Esempio N = (+25) -N = = oppure -N = Salvo solo il primo uno e complemento tutto il resto N = (+25) e M = (+3) K = (-3) N + K = = (1) = (+22) M N = = (-22) ttenzione a leggere i numeri negativi Luciano aresi 49 Confronto Codifica Modulo e segno Complemento a 1 Complemento a Luciano aresi 50 25

26 Circuiti integrati Circuiti integrati Le porte logiche non vengono prodotte isolatamente, ma sono realizzate su circuiti integrati Un circuito integrato è una piastrina di silicio (o chip), quadrata o rettangolare, sulla cui superficie vengono realizzati e collegati transistor e dunque porte logiche, che complessivamente realizzano uno o più circuiti digitali La piastrina di silicio di un circuito integrato ha solitamente dimensioni comprese tra: 5 5 mm e 1 1 cm (di rado superiore) La piastrina di silicio integra i transistor, i collegamenti tra i transistor e i collegamenti con i morsetti di ingresso/uscita del chip Luciano aresi 52 26

27 Famiglie di circuiti integrati I circuiti integrati sono classificati in base alle loro dimensioni, cioè al numero di porte logiche contenute: SSI (Small Scale Integrated): IC a scala di integrazione piccola, da 1 a 10 porte MSI (Medium Scale Integrated): IC a scala di integrazione media, da 10 a 100 porte LSI (Large Scale Integrated): IC a scala di integrazione grande, da 100 a porte VLSI (Very Large Scale Integrated): IC a scala di integrazione molto grande, > porte Ogni famiglia ha degli usi caratteristici nei calcolatori e in generale nei dispositivi elettronici, che dipendono dalle sue dimensioni, ovvero dalla quantità di porte presenti sul circuito integrato stesso Luciano aresi 53 Metodi di progetto logico Nessuno progetta un circuito integrato contenente 10 milioni di transistor, equivalenti a circa 2 milioni di porte logiche ND a 2 ingressi, trattandolo come un unica rete combinatoria (o sequenziale) di dimensioni enormi! Per progettare circuiti digitali di tali dimensioni, si usano tecniche modulari, per scomporre il problema Luciano aresi 54 27

28 Matrici logiche programmabili Esistono circuiti integrati programmabili, chiamati PL (Programmable Logic rray, matrici logiche programmabili), che permettono di realizzare qualsiasi rete combinatoria Il solo limite della PL è dato da: Il numero di piedini (che è fisso) Il numero massimo di porte logiche disponibili sulla PL Il produttore produce e commercializza PL vergini : esse non hanno a bordo alcun circuito digitale definito Spetta al compratore programmare la PL vergine, installandole a bordo una o più reti combinatorie (o anche sequenziali), secondo le esigenze Per programmare la PL occorre un apposito apparato programmatore Luciano aresi 55 Come funziona un PL La PL vergine contiene già un numero fissato di porte logiche ND, OR e NOT (o anche NND, ecc) Nella PL vergine i collegamenti tra queste porte logiche sono però indefiniti La PL vergine contiene delle matrici di microinterruttori a transistor: bruciandoli o lasciandoli intatti si realizzano collegamenti tra le porte L apparato programmatore di PL è in grado di bruciare selettivamente i microinterruttori presenti sulla PL Per farlo, esso applica ad alcuni piedini della PL (piedini di programmazione), speciali valori di tensione elettrica, che agiscono sui microinterruttori L operazione è del tutto automatica e relativamente veloce, e irreversibile Luciano aresi 56 28

29 29 Luciano aresi 57 C D M I C R O I N T E R R U T T O R I M I C R O I N T E R R U T T O R I C F p o r t a n o n u s a t a p o r t a n o n u s a t a D i n g r e s s o n o n u s a t o Funzione maggioranza a tre ingressi Circuiti combinatori elementari

30 Circuiti combinatori elementari Esiste una ben nota e ormai stabilizzata libreria di blocchi funzionali predefiniti di tipo combinatorio Essa contiene blocchi funzionali per tutte le funzioni combinatorie di base Questi blocchi appartengono alle famiglie MSI e (alcuni di essi) LSI La libreria contiene anche blocchi funzionali di tipo sequenziale Luciano aresi 59 Multiplexer Il blocco funzionale multiplexer ha: n 1 ingressi di selezione 2 n 2 ingressi dati un uscita Gli ingressi dati sono numerati a partire da 0: k = 0, 1, 2,, 2 n -1 Se sugli ingressi di selezione è presente il numero binario k, il kesimo ingresso dati viene inviato in uscita Luciano aresi 60 30

31 Un solo ingresso di controllo Ctrl OUT OUT =!!Ctrl +!Ctrl +!Ctrl + Ctrl Ctrl Possibilità di ingressi di più bit OUT = Ctrl +!Ctrl OUT Luciano aresi 61 Multiplexer a 2 ingressi di controllo S 0 S 1 Tabella delle verità I 1 I 2 I 3 I 4 MUX U # riga S1 S0 I1 I2 I3 I4 U X X X X X X X 0 X X X 1 X X X X 0 X X X 1 X X X X X X X 1 1 Luciano aresi 62 31

32 Demultiplexer Circuito logico che effettua l operazione inversa rispetto al MUX (multiplexer) Il blocco funzionale demultiplexer (DEMUX) ha: n 1 ingressi di selezione un ingresso dati 2n 2 uscite Selezione Uscite I S1 S2 O1 O2 O3 O4 D 0 0 D D D 0 0 D D 0 O1 =!S 1!S 2 I O2 = S 1!S 2 I O3 =!S 1 S 2 I O4 = S 1 S 2 I D D Luciano aresi 63 Demultiplexer O1 =!S 1!S 2 I O2 = S 1!S 2 I O3 =!S 1 S 2 I O4 = S 1 S 2 I S 1 S 2 S 1 S 2 O 1 O 1 (00) I O 2 I O 2 (10) O 3 O 3 (01) O 4 DMUX O 4 (11) Luciano aresi 64 32

33 Decoder Il blocco funzionale decoder ha: n 1 ingressi 2 n 2 uscite Le uscite sono numerate a partire da 0: k = 0, 1, 2,, 2 n - 1 Se sugli ingressi è presente il numero binario k, la kesima uscita assume il valore 1 e le restanti uscite assumono il valore 0 Luciano aresi 65 Decoder F1 F2 F3 F F1 =!! F2 =! F3 =! F4 = F 1 F 1 F 2 F 2 F 3 F 4 DECODER F 3 F 4 Luciano aresi 66 33

34 Shifter Effettua lo scorrimento verso sinistra o destra del valore presente agli ingressi Esempio: Sinistra: Destra: sinistra destra S/D 1 0 OUTn INn-1 Nuovo bit OUTi INi-1 INi+1 OUT0 Nuovo bit IN1 Luciano aresi 67 Shifter S/D nuovo bit nuovo I 4 I 3 I 2 I 0 I 1 bit 0 1 MUX 0 1 MUX 0 1 MUX 0 1 MUX 0 1 MUX O 4 O 3 O 2 O 1 O 0 Luciano aresi 68 34

35 Sommatore È la generalizzazione del sommatore completo: addizione di numeri interi binari naturali (positivi) a n bit Ha in ingresso due numeri interi binari naturali e da n 1 bit ciascuno In uscita presenta la somma a n bit dei due numeri interi e Può avere un riporto in ingresso e un riporto in uscita, non sempre usati Luciano aresi 69 Half-adder!! Somma! Carry! 0! 0! 0! 0! 0! 1! 1! 0!!! 1! 0! 1! 0! 1! 1! 0! 1! Carry! Somma =! +! = ±! Carry =! HLF-DDER! Somma! Luciano aresi 70 35

36 Full-hadder Carry in Somma Carry out Carry in Somma = ± ± CarryIn CarryOut = + CarryIn + CarryIn + CarryIn( + ) Carry out Somma FULL-DDER Luciano aresi 71 Sommatore per dati a 3 bit F F H R2 R1 R F F F 0 R2 R1 R0 Luciano aresi 72 36

37 Esempio di progetto in stile funzionale Si chiede di progettare un circuito digitale combinatorio, che abbia: in ingresso due numeri interi binari naturali (positivi) e da n 1 bit ciascuno in ingresso un segnale di comando C in uscita un numero intero binario naturale Z da n 1 bit Su Z deve uscire la somma + se C = 0, la differenza - se C = 1 Luciano aresi 73 Schema logico della soluzione n X + Y X C + S n Y n I 0 S n X - Y X n M U X U I 1 n Z - D n Y (si usa un multiplatore a 2 gruppi di ingressi dati; ciascun gruppo è da n bit) Luciano aresi 74 37

38 Unità ritmetico-logica c o m a n d i d d S u b R i n, P i n L U o p e r a n d i n n C L U E U n r i s u l t a t o e s i t i = 0 < = > R u s c P u s c Luciano aresi 75 Unità ritmetico-logica # riga Comando Operazione R Esito 0 dd somma e + + R in riporto in uscita R usc 1 Sub sottrae da P in prestito in uscita P usc 2 3 Pass Pass passa in uscita passa in uscita 4 Zero annulla uscita 0-5 Shift Left scorre a SX 2 bit più significativo di 6 Shift Right scorre a DX / 2 bit meno significativo di 7 8 Null Compare Confronta con 0 Confronta con - = 0 - <, =, > 9 Multiply prodotto di e riporto in uscita 10 Divide divisione / / divisione per 0? Luciano aresi

39 Schema logico di una LU da 1 bit Luciano aresi 77 Esercizio F0 F1 Output CarryOut LU che effettua ND, OR, NOT e somma algebrica F0 F1 Operazione 0 0 and 0 1 or 1 0! Luciano aresi 78 39

Circuiti integrati. Circuiti integrati

Circuiti integrati. Circuiti integrati Circuiti integrati Circuiti integrati Le porte logiche non vengono prodotte isolatamente, ma sono realizzate su circuiti integrati Un circuito integrato è una piastrina di silicio (o chip), quadrata o

Dettagli

Un circuito integrato è una piastrina di silicio (o chip), quadrata o rettangolare, sulla cui superficie vengono realizzati e collegati

Un circuito integrato è una piastrina di silicio (o chip), quadrata o rettangolare, sulla cui superficie vengono realizzati e collegati Il Livello LogicoDigitale i Blocchi funzionali combinatori Circuiti integrati Un circuito integrato è una piastrina di silicio (o chip), quadrata o rettangolare, sulla cui superficie vengono realizzati

Dettagli

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense Linguaggio del calcolatore Circuiti e reti combinatorie ppendice + dispense Solo assenza o presenza di tensione: o Tante componenti interconnesse che si basano su e nche per esprimere concetti complessi

Dettagli

Algebra di Boole. Le operazioni base sono AND ( ), OR ( + ), NOT ( )

Algebra di Boole. Le operazioni base sono AND ( ), OR ( + ), NOT ( ) Algebra di Boole Circuiti logici: componenti hardware preposti all'elaborazione delle informazioni binarie. PORTE LOGICHE (logical gate): circuiti di base. Allo scopo di descrivere i comportamenti dei

Dettagli

Algebra booleana e circuiti logici. a cura di: Salvatore Orlando

Algebra booleana e circuiti logici. a cura di: Salvatore Orlando lgebra booleana e circuiti logici a cura di: Salvatore Orlando rch. Elab. - S. Orlando lgebra & Circuiti Elettronici I calcolatori operano con segnali elettrici con valori di potenziale discreti sono considerati

Dettagli

Architettura dei Calcolatori Algebra delle reti Logiche

Architettura dei Calcolatori Algebra delle reti Logiche Architettura dei Calcolatori Algebra delle reti Logiche Ing. dell Automazione A.A. 20/2 Gabriele Cecchetti Algebra delle reti logiche Sommario: Segnali e informazione Algebra di commutazione Porta logica

Dettagli

Cap. 3 Reti combinatorie: analisi e sintesi operatori logici e porte logiche

Cap. 3 Reti combinatorie: analisi e sintesi operatori logici e porte logiche Cap. 3 Reti combinatorie: analisi e sintesi operatori logici e porte logiche 3.1 LE PORTE LOGICHE E GLI OPERATORI ELEMENTARI 3.2 COMPORTAMENTO A REGIME E IN TRANSITORIO DEI CIRCUITI COMBINATORI I nuovi

Dettagli

Calcolatori: Algebra Booleana e Reti Logiche

Calcolatori: Algebra Booleana e Reti Logiche Calcolatori: Algebra Booleana e Reti Logiche 1 Algebra Booleana e Variabili Logiche I fondamenti dell Algebra Booleana (o Algebra di Boole) furono delineati dal matematico George Boole, in un lavoro pubblicato

Dettagli

Codifica binaria e algebra di Boole

Codifica binaria e algebra di Boole Codifica binaria e algebra di Boole Corso di Programmazione A.A. 2008/09 G. Cibinetto Contenuti della lezione Codifica binaria dell informazione Numeri naturali, interi, frazionari, in virgola mobile Base

Dettagli

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi:

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi: Modulo 8 Elettronica Digitale Contenuti: Introduzione Sistemi di numerazione posizionali Sistema binario Porte logiche fondamentali Porte logiche universali Metodo della forma canonica della somma per

Dettagli

I.I.S. Primo Levi Badia Polesine A.S. 2012-2013

I.I.S. Primo Levi Badia Polesine A.S. 2012-2013 LGEBR DI BOOLE I.I.S. Primo Levi Badia Polesine.S. 2012-2013 Nel secolo scorso il matematico e filosofo irlandese Gorge Boole (1815-1864), allo scopo di procurarsi un simbolismo che gli consentisse di

Dettagli

Utilizzo I mintermini si usano quando si considererà la funzione di uscita Q come Somma di Prodotti (S. P.) ossia OR di AND.

Utilizzo I mintermini si usano quando si considererà la funzione di uscita Q come Somma di Prodotti (S. P.) ossia OR di AND. IPSI G. Plana Via Parenzo 46, Torino efinizione di Mintermine onsiderata una qualunque riga della tabella di verità in cui la funzione booleana di uscita Q vale, si definisce mintermine il prodotto logico

Dettagli

Esempi ed esercizi Aritmetica degli elaboratori e algebra di commutazione

Esempi ed esercizi Aritmetica degli elaboratori e algebra di commutazione Esempi ed esercizi Aritmetica degli elaboratori e algebra di commutazione Fondamenti di Informatica Michele Ceccarelli Università del Sannio ceccarelli@unisannio.it Angelo Ciaramella DMI-Università degli

Dettagli

Variabili logiche e circuiti combinatori

Variabili logiche e circuiti combinatori Variabili logiche e circuiti combinatori Si definisce variabile logica binaria una variabile che può assumere solo due valori a cui si fa corrispondere, convenzionalmente, lo stato logico 0 e lo stato

Dettagli

Algebra Di Boole. Definiamo ora che esiste un segnale avente valore opposto di quello assunto dalla variabile X.

Algebra Di Boole. Definiamo ora che esiste un segnale avente valore opposto di quello assunto dalla variabile X. Algebra Di Boole L algebra di Boole è un ramo della matematica basato sul calcolo logico a due valori di verità (vero, falso). Con alcune leggi particolari consente di operare su proposizioni allo stesso

Dettagli

Calcolatori Elettronici Parte IV: Logica Digitale e Memorie

Calcolatori Elettronici Parte IV: Logica Digitale e Memorie Anno Accademico 2013/2014 Calcolatori Elettronici Parte IV: Logica Digitale e Memorie Prof. Riccardo Torlone Università di Roma Tre Semplici elementi alla base di sistemi complessi Riccardo Torlone - Corso

Dettagli

Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE

Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE Andrea Bobbio Anno Accademico 2000-2001 Algebra Booleana 2 Calcolatore come rete logica Il calcolatore può essere visto come una rete logica

Dettagli

Lezione 7 Sommatori e Moltiplicatori

Lezione 7 Sommatori e Moltiplicatori Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 7 Sommatori e Moltiplicatori Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L 7 1/36 Sommario!

Dettagli

Architettura degli Elaboratori

Architettura degli Elaboratori Circuiti combinatori slide a cura di Salvatore Orlando, Andrea Torsello, Marta Simeoni 1 Circuiti integrati I circuiti logici sono realizzati come IC (circuiti integrati)! realizzati su chip di silicio

Dettagli

Architettura dei Calcolatori Reti Sequenziali Sincrone

Architettura dei Calcolatori Reti Sequenziali Sincrone Architettura dei Calcolatori Reti Sequenziali Sincrone Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Reti Sequenziali Sincrone Sommario: Introduzione, tipi e definizione Condizioni per il corretto

Dettagli

APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE

APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE ITIS MARCONI-GORGONZOLA docente :dott.ing. Paolo Beghelli pag.1/24 Indice 1.ELETTRONICA DIGITALE 4 1.1 Generalità 4 1.2 Sistema di numerazione binario 4 1.3 Operazioni con

Dettagli

Introduzione ai microcontrollori

Introduzione ai microcontrollori Introduzione ai microcontrollori L elettronica digitale nasce nel 1946 con il primo calcolatore elettronico digitale denominato ENIAC e composto esclusivamente di circuiti a valvole, anche se negli anni

Dettagli

Componenti combinatori

Componenti combinatori Componenti combinatori Reti combinatorie particolari (5.., 5.3-5.8, 5.) Reti logiche per operazioni aritmetiche Decoder ed encoder Multiplexer Dispositivi programmabili: PROM e PLA Reti combinatorie particolari

Dettagli

Codifica binaria dei numeri relativi

Codifica binaria dei numeri relativi Codifica binaria dei numeri relativi Introduzione All interno di un calcolatore, è possibile utilizzare solo 0 e 1 per codificare qualsiasi informazione. Nel caso dei numeri, non solo il modulo ma anche

Dettagli

Memorie ROM (Read Only Memory)

Memorie ROM (Read Only Memory) Memorie ROM (Read Only Memory) Considerando la prima forma canonica, la realizzazione di qualsiasi funzione di m variabili richiede un numero di porte AND pari al numero dei suoi mintermini e di prolungare

Dettagli

Operatori logici e porte logiche

Operatori logici e porte logiche Operatori logici e porte logiche Operatori unari.......................................... 730 Connettivo AND........................................ 730 Connettivo OR..........................................

Dettagli

Reti Logiche. Le reti logiche sono gli elementi architettonici di base dei calcolatori, e di tutti gli apparati per elaborazioni digitali.

Reti Logiche. Le reti logiche sono gli elementi architettonici di base dei calcolatori, e di tutti gli apparati per elaborazioni digitali. Reti Logiche Le reti logiche sono gli elementi architettonici di base dei calcolatori, e di tutti gli apparati per elaborazioni digitali. - Elaborano informazione rappresentata da segnali digitali, cioe

Dettagli

L algebra di Boole. Cenni Corso di Reti Logiche B. Mariagiovanna Sami

L algebra di Boole. Cenni Corso di Reti Logiche B. Mariagiovanna Sami L algebra di Boole Cenni Corso di Reti Logiche B Mariagiovanna Sami Algebra Booleana: sistema algebrico Operazione: Operazione α sull'insieme S={s1,s2,...} = funzione che da SxS (prodotto cartesiano S

Dettagli

Esercitazioni di Reti Logiche. Lezione 2 Algebra Booleana e Porte Logiche. Zeynep KIZILTAN zkiziltan@deis.unibo.it

Esercitazioni di Reti Logiche. Lezione 2 Algebra Booleana e Porte Logiche. Zeynep KIZILTAN zkiziltan@deis.unibo.it Esercitazioni di Reti Logiche Lezione 2 Algebra Booleana e Porte Logiche Zeynep KIZILTAN zkiziltan@deis.unibo.it Argomenti Algebra booleana Funzioni booleane e loro semplificazioni Forme canoniche Porte

Dettagli

Sintesi Combinatoria Uso di componenti diversi dagli operatori elementari. Mariagiovanna Sami Corso di reti Logiche 8 Anno 2007-08

Sintesi Combinatoria Uso di componenti diversi dagli operatori elementari. Mariagiovanna Sami Corso di reti Logiche 8 Anno 2007-08 Sintesi Combinatoria Uso di componenti diversi dagli operatori elementari Mariagiovanna Sami Corso di reti Logiche 8 Anno 27-8 8 Quali componenti, se non AND e OR (e NOT )? Si è detto inizialmente che

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 3 I Discip lina: Elettrotecnica ed Elettronica PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE Elaborata e sottoscritta dai docenti: cognome

Dettagli

Laboratorio di Architettura degli Elaboratori A.A. 2015/16 Circuiti Logici

Laboratorio di Architettura degli Elaboratori A.A. 2015/16 Circuiti Logici Laboratorio di Architettura degli Elaboratori A.A. 2015/16 Circuiti Logici Per ogni lezione, sintetizzare i circuiti combinatori o sequenziali che soddisfino le specifiche date e quindi implementarli e

Dettagli

Circuiti logici. Parte xxv

Circuiti logici. Parte xxv Parte xxv Circuiti logici Operatori logici e porte logiche....................... 729 Operatori unari....................................... 730 Connettivo AND...................................... 730

Dettagli

Comparatori. Comparatori di uguaglianza

Comparatori. Comparatori di uguaglianza Comparatori Scopo di un circuito comparatore é il confronto tra due codifiche binarie. Il confronto può essere effettuato per verificare l'uguaglianza oppure una relazione d'ordine del tipo "maggiore",

Dettagli

Algoritmo = Dati e Azioni Sistema numerico binario Rappresentazioni di numeri binari Rappresentazione in modulo e segno

Algoritmo = Dati e Azioni Sistema numerico binario Rappresentazioni di numeri binari Rappresentazione in modulo e segno Algoritmo = Dati e Azioni Dati: Numeri (naturali, interi, reali, ) Caratteri alfanumerici (a, b, c, ) Dati logici (vero, falso) Vettori di elementi, matrici, ([1,2,3], [[1,1],[1,2], ]) Azioni o istruzioni:

Dettagli

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts L algebra di Boole L'algebra di Boole comprende una serie di regole per eseguire operazioni con variabili logiche. Le variabili logiche possono assumere solo due valori. I due possibili stati che possono

Dettagli

1. Operazioni in logica binaria e porte logiche

1. Operazioni in logica binaria e porte logiche 1. Operazioni in logica binaria e porte logiche Espressione di un numero in base 10 (notare a pedice p.es del numero 21); 21 10 =210 1 +110 0 527,98 10 =5 10 2 +2 10 1 +7 10 0 +9 10 1 +8 10 2 407,563 10

Dettagli

Lezione 2 Circuiti logici. Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it

Lezione 2 Circuiti logici. Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Lezione 2 Circuiti logici Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Bit e configurazioni di bit Bit: una cifra binaria (binary digit) 0 oppure 1 Sequenze di bit per rappresentare l'informazione Numeri Caratteri

Dettagli

ALGEBRA BOOLEANA FONDAMENTI DI INFORMATICA 1. Algebra di Boole. Definizione NOT, AND, OR

ALGEBRA BOOLEANA FONDAMENTI DI INFORMATICA 1. Algebra di Boole. Definizione NOT, AND, OR Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica, Chimica, Elettrica e Meccanica FONDAMENTI DI INFORMATICA 1 http://www.diee.unica.it/~marcialis/fi1 A.A. 2010/2011 Docente: Gian

Dettagli

Matematica Computazionale Lezione 4: Algebra di Commutazione e Reti Logiche

Matematica Computazionale Lezione 4: Algebra di Commutazione e Reti Logiche Matematica Computazionale Lezione 4: Algebra di Commutazione e Reti Logiche Docente: Michele Nappi mnappi@unisa.it www.dmi.unisa.it/people/nappi 089-963334 ALGEBRA DI COMMUTAZIONE Lo scopo di questa algebra

Dettagli

Capitolo 2 - Algebra booleana

Capitolo 2 - Algebra booleana ppunti di Elettronica Digitale Capitolo - lgebra booleana Introduzione... Postulati di Huntington... Reti di interruttori... Esempi di algebra booleana... 4 Teoremi ondamentali dell'algebra booleana...

Dettagli

A L'operatore NOT si scrive con una linea sopra la lettera indicante la variabile logica A ; 0 1 1 0. NOT di A =

A L'operatore NOT si scrive con una linea sopra la lettera indicante la variabile logica A ; 0 1 1 0. NOT di A = ALGEBRA DI BOOLE L'algebra di Boole è un insieme di regole matematiche; per rappresentare queste regole si utilizzano variabili logiche, funzioni logiche, operatori logici. variabili logiche: si indicano

Dettagli

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole)

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole) 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ANGIOY La Logica Proposizionale (Algebra di Boole) Prof. G. Ciaschetti 1. Cenni storici Sin dagli antichi greci, la logica è intesa come lo studio del logos, che in greco

Dettagli

2AE 2BE [Stesura a.s. 2014/15]

2AE 2BE [Stesura a.s. 2014/15] Monte ore annuo Libro di Testo SETTEMBRE PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE 99 ore di cui 66 di laboratorio Appunti forniti dal docente, G. Chiavola ECDL Syllabus 5.0 Guida all esame per la patente

Dettagli

L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI

L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI Scienza ed industria hanno oggi costituito legami molto forti di collaborazione che hanno portato innovazione tecnologica sia a livello organizzativo-amministrativo

Dettagli

Flip-flop Macchine sequenziali

Flip-flop Macchine sequenziali Flip-flop Macchine sequenziali Introduzione I circuiti digitali possono essere così classificati Circuiti combinatori Il valore delle uscite ad un determinato istante dipende unicamente dal valore degli

Dettagli

Algebra di Boole ed Elementi di Logica

Algebra di Boole ed Elementi di Logica Algebra di Boole ed Elementi di Logica 53 Cenni all algebra di Boole L algebra di Boole (inventata da G. Boole, britannico, seconda metà 8), o algebra della logica, si basa su operazioni logiche Le operazioni

Dettagli

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità.

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. I METODI DI NUMERAZIONE I numeri naturali... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. Il numero dei simboli usati per valutare la numerosità costituisce la base

Dettagli

Lezione 3 Prof. Angela Bonifati

Lezione 3 Prof. Angela Bonifati Lezione 3 Prof. Angela Bonifati Complemento a 2 Algebra booleana Le infrastrutture hardware Esercizi sulla codifica dei numeri Eseguire le seguenti conversioni: Da base 2 e 16 in base 10: 110 2 =???? 10

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE

PROGRAMMAZIONE MODULARE PROGRAMMAZIONE MODULARE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 Indirizzo: ELETTROTECNICA - SIRIO Disciplina: ELETTRONICA Classe: 3^ Sezione: AES Numero di ore settimanali: 2 ore di teoria + 2 ore di laboratorio Modulo

Dettagli

Codifica binaria dei numeri

Codifica binaria dei numeri Codifica binaria dei numeri Caso più semplice: in modo posizionale (spesso detto codifica binaria tout court) Esempio con numero naturale: con 8 bit 39 = Codifica in virgola fissa dei numeri float: si

Dettagli

Sommario. Teoremi Maxterm Forme Canoniche Mappe di Karnaugh Fine lezione

Sommario. Teoremi Maxterm Forme Canoniche Mappe di Karnaugh Fine lezione Algebra di Boole e Funzioni Binarie Lezione Prima Sommario Variabili Binarie Negazione Somma Logica Prodotto Logico Relazioni- proprietà Funzioni Minterm Teoremi Maxterm Forme Canoniche Mappe di Karnaugh

Dettagli

LA NUMERAZIONE BINARIA

LA NUMERAZIONE BINARIA LA NUMERAZIONE BINARIA 5 I SISTEMI DI NUMERAZIONE Fin dalla preistoria l uomo ha avuto la necessità di fare calcoli, utilizzando svariati tipi di dispositivi: manuali (mani, bastoncini, sassi, abaco),

Dettagli

Sintesi di reti combinatorie. Sommario. Motivazioni. Sommario. Funzioni Espressioni. M. Favalli

Sintesi di reti combinatorie. Sommario. Motivazioni. Sommario. Funzioni Espressioni. M. Favalli Sommario Sintesi di reti combinatorie Funzioni Espressioni 1 Teorema di espansione di Shannon (Boole) M. Favalli Engineering Department in Ferrara 2 Forme canoniche 3 Metriche per il costo di una rete

Dettagli

Appunti di reti logiche. Ing. Luca Martini

Appunti di reti logiche. Ing. Luca Martini Appunti di reti logiche Ing. Luca Martini 11 aprile 2003 Capitolo 1 Reti combinatorie Sommario In questo breve documento mostreremo sia alcuni concetti base sulle reti combinatorie, che alcuni dei moduli

Dettagli

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Giuseppe Nicosia CdL in Matematica (Laurea Triennale) Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Università di Catania Bit e loro Memorizzazione Definizioni Algoritmo: una

Dettagli

Architettura degli Elaboratori e delle Reti

Architettura degli Elaboratori e delle Reti Architettura degli Elaboratori e delle Reti Pagina lasciata intenzionalmente bianca i Indice 9 Marzo 006... 1 Insiemi... 1 Funzioni booleane... 1 Mintermini... 4 14 Marzo 006... 5 Logica proposizionale...

Dettagli

Logica e codifica binaria dell informazione

Logica e codifica binaria dell informazione Politecnico di Milano Corsi di Laurea in Ingegneria Matematica e Ingegneria Fisica Dipartimento di Elettronica ed Informazione Logica e codifica binaria dell informazione Anno Accademico 2002 2003 L. Muttoni

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano Breve introduzione storica Nel 1854, il prof. Boole pubblica un trattato ormai famosissimo: Le leggi del pensiero. Obiettivo finale del trattato è di far nascere la matematica dell intelletto umano, un

Dettagli

Le Mappe di Karnaugh.

Le Mappe di Karnaugh. Le Mappe di Karnaugh. Introduzione Le mappe di Karnaugh rappresentano un metodo grafico-sistematico per la semplificazione di qualsiasi funzione booleana. Questo metodo si basa su poche regole e se applicate

Dettagli

ELEMENTI PROGETTAZIONE LOGICA

ELEMENTI PROGETTAZIONE LOGICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA ELEMENTI PROGETTAZIONE DI LOGICA Dispense per il Corso di PROGETTAZIONE LOGICA Prof. Giuliano F. BOELLA 2 i PREMESSA Queste dispense

Dettagli

Indice. 1 Rappresentazione dei dati... 3

Indice. 1 Rappresentazione dei dati... 3 INSEGNAMENTO DI INFORMATICA DI BASE LEZIONE II CODIFICA DELL'INFORMAZIONE PROF. GIOVANNI ACAMPORA Indice 1 Rappresentazione dei dati... 3 1.1. Rappresentazione dei numeri... 3 1.1.1 Rappresentazione del

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 05 La rappresentazione dell informazione Carla Limongelli Ottobre 2011 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ La rappresentazione

Dettagli

Parte II Indice. Operazioni aritmetiche tra valori rappresentati in binario puro. Rappresentazione di numeri con segno

Parte II Indice. Operazioni aritmetiche tra valori rappresentati in binario puro. Rappresentazione di numeri con segno Parte II Indice Operazioni aritmetiche tra valori rappresentati in binario puro somma sottrazione Rappresentazione di numeri con segno modulo e segno complemento a 2 esercizi Operazioni aritmetiche tra

Dettagli

Le memorie. Introduzione

Le memorie. Introduzione Le memorie Introduzione Una memoria è un sistema elettronico in grado di immagazzinare dati in forma binaria, per poi renderli disponibili ad ogni richiesta. Tale sistema è costituito da un insieme di

Dettagli

Sistemi di Numerazione

Sistemi di Numerazione Fondamenti di Informatica per Meccanici Energetici - Biomedici 1 Sistemi di Numerazione Sistemi di Numerazione I sistemi di numerazione sono abitualmente posizionali. Gli elementi costitutivi di un sistema

Dettagli

Architettura degli Elaboratori Implementazione di funzioni booleane

Architettura degli Elaboratori Implementazione di funzioni booleane Architettura degli Elaboratori Implementazione di funzioni booleane Giacomo Fiumara giacomo.fiumara@unime.it Anno Accademico 2012-2013 1 / 34 Introduzione /1 Ogni funzione booleana può essere implementata

Dettagli

Classe III specializzazione elettronica. Elettrotecnica e elettronica

Classe III specializzazione elettronica. Elettrotecnica e elettronica Classe III specializzazione elettronica Elettrotecnica e elettronica Macro unità n 1 Sistema binario e porte logiche Sistema di numerazione binario: conversioni binario-decimale e decimale-binario Porte

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

RETI COMBINATORIE CON USCITE MULTIPLE 1 GENERALITÀ SUI CONVERTITORI DI CODICE Un uso delle porte logiche nei sistemi digitali è quello dei convertitori di codice. I codici più usati comunemente sono: binario,

Dettagli

Alcune nozioni di base di Logica Matematica

Alcune nozioni di base di Logica Matematica Alcune nozioni di base di Logica Matematica Ad uso del corsi di Programmazione I e II Nicola Galesi Dipartimento di Informatica Sapienza Universitá Roma November 1, 2007 Questa é una breve raccolta di

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO E L E T T R O N I C A Anno Scolastico 2014/2015 Classe III Ae Prof. Boldrini Renato Prof. Procopio Sostene

PROGRAMMA SVOLTO E L E T T R O N I C A Anno Scolastico 2014/2015 Classe III Ae Prof. Boldrini Renato Prof. Procopio Sostene PROGRAMMA SVOLTO E L E T T R O N I C A Anno Scolastico 2014/2015 Classe III Ae Prof. Boldrini Renato Prof. Procopio Sostene LIBRI DI TESTO: Autore: Conte/Ceserani/Impallomeni Titolo: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

Sottrazione Logica. Sottrattore Parallelo

Sottrazione Logica. Sottrattore Parallelo Sottrazione Logica Il progetto digitale deve provvedere, con sofisticate macchine combinatorie, al supporto di tutte le operazioni aritmetiche; in questa puntata ci occupiamo dei dispositivi chiamati a

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.6. Unità di controllo microprogrammata

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.6. Unità di controllo microprogrammata Lezione n.6 Unità di controllo microprogrammata 1 Sommario Unità di controllo microprogrammata Ottimizzazione, per ottimizzare lo spazio di memoria occupato Il moltiplicatore binario Esempio di architettura

Dettagli

Base generica: B A = {... }, con A = B, sequenze di n simboli (cifre) c n

Base generica: B A = {... }, con A = B, sequenze di n simboli (cifre) c n Rappresentare le informazioni con un insieme limitato di simboli (detto alfabeto A) in modo non ambiguo (algoritmi di traduzione tra codifiche) Esempio: numeri interi assoluti Codifica decimale (in base

Dettagli

Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013

Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013 Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013 In questo documento vengono illustrate brevemente le operazioni aritmetiche salienti e quelle logiche ad esse strettamente collegate.

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Codifica dell informazione (parte 1) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente:

Dettagli

Macchine combinatorie

Macchine combinatorie Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Macchine combinatorie Lezione 10 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Analisi e Sintesi di un sistema 1/2 Per analisi di

Dettagli

Dispense di elettronica digitale per il corso di LAB 2 B

Dispense di elettronica digitale per il corso di LAB 2 B Dispense di elettronica digitale per il corso di LAB 2 B Prof. Flavio Fontanelli Versione 1.2 5 aprile 2006 Copyright 2000-2005. Questo documento è protetto dalla legge sul diritto di autore, e di proprietà

Dettagli

Algebra di Boole. Le operazioni, nell algebra booleana sono basate su questi tre operatori: AND ( ), OR ( + ),NOT ( )

Algebra di Boole. Le operazioni, nell algebra booleana sono basate su questi tre operatori: AND ( ), OR ( + ),NOT ( ) Algebra di Boole L algebra di Boole prende il nome da George Boole, matematico inglese (1815-1864), che pubblicò un libro nel 1854, nel quale vennero formulati i principi dell'algebra oggi conosciuta sotto

Dettagli

90.1 Sistemi di numerazione. 90.1.1 Sistema decimale. 605 Capitolo 90 Dai sistemi di numerazione all organizzazione della memoria

90.1 Sistemi di numerazione. 90.1.1 Sistema decimale. 605 Capitolo 90 Dai sistemi di numerazione all organizzazione della memoria 605 Capitolo 90 Dai sistemi di numerazione all organizzazione della memoria 90.1 Sistemi di numerazione.................................................... 605 90.1.1 Sistema decimale..................................................

Dettagli

Lezione 2 OPERAZIONI ARITMETICHE E LOGICHE ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE. Lez2 Informatica Sc. Giuridiche Op. aritmetiche/logiche arch.

Lezione 2 OPERAZIONI ARITMETICHE E LOGICHE ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE. Lez2 Informatica Sc. Giuridiche Op. aritmetiche/logiche arch. Lezione 2 OPERAZIONI ARITMETICHE E LOGICHE ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE Comunicazione importante dalla prossima settimana, la lezione del venerdì si terrà: dalle 15:00 alle 17.15 in aula 311 l orario

Dettagli

Macchine combinatorie: encoder/decoder e multiplexer/demultiplexer

Macchine combinatorie: encoder/decoder e multiplexer/demultiplexer Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 20-202 Macchine combinatorie: encoder/decoder e multiplexer/demultiplexer Lezione 5 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di

Dettagli

L informatica comprende:

L informatica comprende: Varie definizioni: INFORMATICA Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione Definizione proposta: Scienza della rappresentazione e dell elaborazione dell informazione

Dettagli

Algebra e Geometria. Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2)

Algebra e Geometria. Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2) Algebra e Geometria Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2) Traccia delle lezioni che saranno svolte nell anno accademico 2012/13 I seguenti appunti

Dettagli

Reti logiche e componenti di un elaboratore

Reti logiche e componenti di un elaboratore FONDAMENTI DI INFORMATICA Ing. Davide PIERATTONI Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Reti logiche e componenti di un elaboratore 2000-2007 P.L. Montessoro - D. Pierattoni (cfr. nota di

Dettagli

Fondamenti di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 19/11/2009. Prof. Raffaele Nicolussi

Fondamenti di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 19/11/2009. Prof. Raffaele Nicolussi Fondamenti di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 19/11/2009 Prof. Raffaele Nicolussi FUB - Fondazione Ugo Bordoni Via B. Castiglione 59-00142 Roma Docente Raffaele Nicolussi rnicolussi@fub.it Lezioni

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER L'INDUSTRIA E L ARTIGIANATO ALESSANDRO VOLTA GUSPINI. PROGRAMMA DIDATTICO con riferimento al programma ministeriale

ISTITUTO PROFESSIONALE PER L'INDUSTRIA E L ARTIGIANATO ALESSANDRO VOLTA GUSPINI. PROGRAMMA DIDATTICO con riferimento al programma ministeriale ISTITUTO PROFESSIONALE PER L'INDUSTRIA E L ARTIGIANATO ALESSANDRO VOLTA GUSPINI ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PROGRAMMA DIDATTICO con riferimento al programma ministeriale MATERIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

Aritmetica dei Calcolatori 2

Aritmetica dei Calcolatori 2 Laboratorio di Architettura 13 aprile 2012 1 Operazioni bit a bit 2 Rappresentazione binaria con segno 3 Esercitazione Operazioni logiche bit a bit AND OR XOR NOT IN OUT A B A AND B 0 0 0 0 1 0 1 0 0 1

Dettagli

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0 Rappresentazione dei numeri I numeri che siamo abituati ad utilizzare sono espressi utilizzando il sistema di numerazione decimale, che si chiama così perché utilizza 0 cifre (0,,2,3,4,5,6,7,8,9). Si dice

Dettagli

Dispense di Informatica per l ITG Valadier

Dispense di Informatica per l ITG Valadier La notazione binaria Dispense di Informatica per l ITG Valadier Le informazioni dentro il computer All interno di un calcolatore tutte le informazioni sono memorizzate sottoforma di lunghe sequenze di

Dettagli

LABORATORIO DI ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI lezione n 2. http://digilander.libero.it/rosario.cerbone

LABORATORIO DI ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI lezione n 2. http://digilander.libero.it/rosario.cerbone LABORATORIO DI ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI lezione n 2 Prof. Rosario Cerbone rosario.cerbone@libero.it http://digilander.libero.it/rosario.cerbone a.a. 2007-2008 Logica Combinatoria una rete combinatoria

Dettagli

Nel seguito verranno esaminati i diversi tipi di dato e il modo in cui essi sono rappresentati all interno del calcolatore.

Nel seguito verranno esaminati i diversi tipi di dato e il modo in cui essi sono rappresentati all interno del calcolatore. In una delle molteplici possibili definizioni di informazione, questa viene fatta corrispondere a qualunque elemento, in grado di essere rappresentato e comunicato, che consenta di fornire o aumentare

Dettagli

Laurea Specialistica in Informatica

Laurea Specialistica in Informatica Corso di Laurea in FISICA Laurea Specialistica in Informatica Fisica dell informazione 1 Elementi di Architettura degli elaboratori Prof. Luca Gammaitoni Informazioni sul corso: www.fisica.unipg unipg.it/gammaitoni/fisinfoit/gammaitoni/fisinfo

Dettagli

Le componenti fisiche di un computer: l hardware

Le componenti fisiche di un computer: l hardware Le componenti fisiche di un computer: l hardware In questa sezione ci occuperemo di come è strutturato e come funziona l hardware di un computer. In particolare, nella Sezione ci occuperemo del punto di

Dettagli

Algebra booleana. Si dice enunciato una proposizione che può essere soltanto vera o falsa.

Algebra booleana. Si dice enunciato una proposizione che può essere soltanto vera o falsa. Algebra booleana Nel lavoro di programmazione capita spesso di dover ricorrere ai principi della logica degli enunciati e occorre conoscere i concetti di base dell algebra delle proposizioni. L algebra

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE Istituto di Istruzione Superiore G. Curcio Ispica I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. Angelo Carpenzano Dispensa di Informatica per il Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate Sommario Sommario... I numeri...

Dettagli