Cronaca di un incidente quasi annunciato. Giacomo Costa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cronaca di un incidente quasi annunciato. Giacomo Costa giacomo_costa@hotmail.com"

Transcript

1 Cronaca di un incidente quasi annunciato Giacomo Costa

2 Caso studio: l'incidente Il 30 dicembre 1996 alle ore 11.35, il treno passeggeri D255, formato da un locomotore e due carrozze, si scontra con il treno passeggeri R4, composto di singola automotrice. Il bilancio del disastro è pesante: 5 morti e 43 feriti. Il treno R4, che viaggiava verso Iseo, doveva sostare alla stazione di Bornato-Calino. Il personale viaggiante doveva effettuare manualmente il cambio di binario e, una volta transitato il treno proveniente da Edolo, ripartire alla volta di Iseo, ma questa serie di operazioni non è stata eseguita.

3 Breve introduzione tecnica La linea Brescia Iseo Edolo

4 Caratteristiche - La Brescia Iseo Edolo è una linea a semplice binario, lunga 106 km - Può essere percorsa da treni in entrambi i sensi solo se esistono stazioni intermedie atte all'incrocio di treni marciati in senso opposto. - Le stazioni hanno un binario di corsa e uno o più binari di circolazione per incrocio. - La stazione di Bornato-Calino è stazione di diramazione per la presenza di due linee che vi convergono: linea Brescia-Bornato-Iseo; linea Rovato-Bornato (generalmente percorsa da treni merci).

5

6 Sinottico della stazione di Bornato-Calino e delle stazioni vicine. Le linee bianche rappresentano i binari della linea, i rettangoli con la freccia rappresentano i treni (la freccia indica la direzione di percorrenza). Il numero all'interno del treno identifica lo stesso e il quadrato colorato indica se il treno è in orario (giallo), in anticipo (verde) o in ritardo (rosso). Al momento dello scatto di questa immagine era in corso un incrocio fra due treno presso la stazione di Bornato-Calino. Fonte FNME

7 I segnali: tipologia

8 Segnali: stazione Bornato-Calino Segnale di avviso: - luce verde (inferiore) da avviso di "via libera". Il successivo segnale di 1^ libera" per il 1^ impedita". corretto rallentamento in stazione; categoria è disposto a "via 2 e il 3 binario; - luce gialla (superiore) da avviso di "via impedita". Il successivo segnale di categoria è disposto a "via Segnale di 1^ categoria: - luce verde (inferiore) "via libera" per l'ingresso del treno sul binario di tracciato (il 2 binario); - luce gialla "via libera" per l'ingresso del treno sul 3 binario. Impone il a 20 km/h e l'arresto del treno - luce rossa (superiore) "via impedita" impone l'arresto del treno senza oltrepassare il segnale.

9 Segnali: stazione Bornato-Calino Treni provenienti da Iseo: questi possono essere ricevuti sul binario di corretto tracciato (2 binario) e sui binari di circolazione 1 e 3 binario. La dislocazione e l'aspetto dei segnali è del tutto simile a quanto riportato per i treni provenienti dal lato Brescia. Treni provenienti da Rovato: essi possono essere ricevuti solo sul 1 binario di circolazione. La dislocazione e l'aspetto dei segnali è del tutto simile a quanto riportato per i treni provenienti dal lato Brescia. Il segnale di 1^ categoria non ha la luce verde.

10 Manovra dei deviatoi e incroci La manovra dei deviatoi: - nelle stazioni presenziate da agente non addetto al movimento sono eseguite dal capotreno; - nelle stazioni rette dal dirigente locale (capostazione) sono eseguite dal dirigente locale o dal capotreno, quest'ultimo sotto la responsabilità del dirigente locale. Le operazioni di incrocio: 1 - Nelle stazioni di incrocio i treni devono sempre arrestarsi, anche se non hanno indicata o prescritta la fermata. 2 - Nelle stazioni di incrocio entra per primo il treno che per primo dispone per la "via libera" il segnale di protezione dal suo lato ed a "via impedita" il segnale di protezione del lato opposto. 3 - Il capotreno del primo treno entrato, prima di accordare la partenza del secondo treno arrivato, dovrà assicurare l'itinerario per l'uscita del secondo arrivato. 4 - Lo stesso capotreno, effettuato l'incrocio, dovrà disporre ed assicurare i deviatoi nella posizione normale.

11

12 Il Dirigente Unico La circolazione viene attuata tramite il sistema d'esercizio detto a "Dirigente Unico". La dirigenza unica è in uso in Italia dal Si è sviluppata su linee a scarso traffico (30-35 treni/giorno) per la semplicità delle necessarie infrastrutture. La dirigenza della linea viene affidata al solo dirigente unico che, con la collaborazione dei capitreno, regola direttamente la circolazione da un unico posto centrale. In base ai fonogrammi di giunto e partenza trasmessi dai posti di servizio da parte dei capitreno compila un grafico reale dell'andamento dei treni che gli permette di gestire il traffico sulla linea. Spesso, in alcune stazioni rette da personale non abilitato al movimento il capotreno è esonerato dalla trasmissione del fonogramma di giunto e partenza, che avviene a cura dell'agente addetto alla località. Le stazioni sono dotate di solo segnalamento di protezione della stazione, senza segnale di partenza.

13 L'incidente Il giorno 30 dicembre 1996 alle ore 11 31' 30'', sulla linea a un binario Brescia Iseo Edolo (all'altezza del km 7+700), in località Valli di Calino, avveniva lo scontro frontale fra il treno regionale R4 proveniente da Brescia e il treno diretto D255 proveniente da Iseo. A seguito dell'urto: - decedevano il Macchinista ed il Capotreno del D255 e tre viaggiatori; - rimanevano feriti il Macchinista ed il Capotreno del treno R4 e 43 viaggiatori, con prognosi variabili, alcuni gravissimi.

14 Il treno R4 Treno del tutto simile al treno R4 (fonte Solotreni.net)

15 Il treno D255 Treno del tutto simile al treno D255 (fonte solotreni.net)

16 Nella stazione di Bornato-Calino il treno R4 è appena giunto in stazione. L'orario di servizio del treno prevede l'arrivo alle ore 11.33'30'' e la partenza alle ore 11.35'30'', dopo l'incrocio con il treno D255 che avrebbe dovuto arrivare alle ore 11.34' e partire alle 11.35'. Il Dirigente Unico riporta in grafico l'arrivo del treno R4 alle ore 11.33'30''. Nel Rapporto sul movimento dei treni compilato nella Stazione di Bornato-Calino viene riportato che il treno R4 arriva alle 11.33'30'' e parte alle 11.34'. In realtà il treno R4 arriva con 4 minuti di anticipo alle ore 11.29'30'' e riparte su ordine del Capotreno alle ore 11.30' con 5'30'' di anticipo senza aspettare il treno incrociante D255. il capotreno del treno R4, dopo una sosta di circa 20'' nella Stazione di Bornato-Calino, ordinava la partenza del proprio treno senza attendere l'arrivo del treno incrociante D255 e senza svolgere nessuna procedura prevista per l'incrocio. Il Macchinista, trasgredendo a quanto riportato dall'orario di Servizio, partiva dalla Stazione.

17 Questo di fatto ha consentito che il convoglio impegnasse il tratto di linea fra le Stazioni di Bornato-Calino e Borgonato proprio in coincidenza dell'occupazione in senso inverso della stessa tratta da parte del treno D255 viaggiante in orario e già transitato alle ore 11.28'30'' dalla Stazione di Borgonato.

18 L'operatore non addetto al movimento: il Sig. Scaramuzza si attardava all'interno degli Uffici di Stazione mentre il Treno R4 arrivava e ripartiva. Nel frattempo entrava in Stazione il Manovratore comunicandogli che lo stesso treno era ripartito e chiedendogli se era in corso uno spostamento d'incrocio. Il Sig. Scaramuzza resosi conto della gravità del fatto, provvedeva ad avvisare il D.U. con il telefono di servizio. L'operatore al momento dell'arrivo del treno avrebbe dovuto trovarsi all'esterno del fabbricato viaggiatori. Il Dirigente Unico sig. Cominelli Fausto dopo la telefonata del Sig. Scaramuzza con la quale veniva comunicata l'anormale partenza del treno R4, cercava di contattare il Capotreno del treno R4 con il telefono cellulare che dava occupato a più chiamate successive, cosa che si ripeteva al tentativo di chiamata del Capotreno del Treno D255. Successivamente, ad incidente avvenuto, riusciva a contattare per la prima volta il Capotreno Barucchelli, che lo informava del disastro.

19 Sig. Lancini, Macchinista del treno R4: ha superato il limite di velocità raggiungendo punte di 80 km/h su un tracciato che prevede il raggiungimento, al massimo, dei 65 Km/h non ha ricordato al Capotreno l'incrocio che doveva essere effettuato alla stazione di Bornato-Calino accumulando circa 4' 00'' di anticipo sull'orario previsto di transito ha favorito l'incidente probabilmente non ha attivato il comando di frenata rapida, ma si è lanciato fuori dalla cabina pochi istanti prima che il treno urtasse il D255 che proveniva in senso contrario non ha emesso il fischio previsto dal regolamento in fase di partenza dalla stazione e non ha emesso il fischio, a scopo di avvertimento, nemmeno quando si è avveduto della tragedia imminente

20 Sig. Barucchelli, Capotreno del treno R4 non ha invitato il Macchinista a moderare la velocità non si ricorda di dover effettuare la procedura di incrocio alla stazione di Bornato-Calino e quindi dopo pochi secondi dall'arrivo in stazione da il comando di partenza dalla stazione stessa, con un anticipo di oltre 5 minuti non rispetta l'orario previsto per il transito del treno

21 Gli altri operatori coinvolti Sig. Cominelli, Dirigente Unico non si avvede dell'anticipo del treno R4, alla stazione di Bornato-Calino presta poca attenzione alla compilazione della documentazione relativa al movimento dei treni e agli orari. Compila in anticipo parte della documentazione relativa agli orari dei treni in movimento. Sig. Scaramuzza, Addetto Operativo di Gestione registra l'arrivo in orario del treno R4 doveva trovarsi all'esterno del fabbricato viaggiatori cancella una riga del protocollo presumibilmente aveva scritto il passaggio in orario del treno D255

22 Secondo il modello fattore umano Se fossimo in presenza di un semplice errore umano dovremmo avere tutti gli elementi per capire chi ha commesso l'errore determinante e quindi trovare il colpevole. Cercando di spiegare l'incidente con il concetto di errore umano ci verrebbe automatico riconoscere nel macchinista e nel capotreno i responsabili dell'accaduto. Al Sig. Scaramuzza verrebbe riconosciuto un concorso di colpa nel momento in cui ha permesso che accadesse l'incidente.

23 Oltre il fattore umano : Non dovrebbe essere riconosciuto un concorso di colpa anche al Dirigente Unico, che non ha imposto al treno di fermarsi, quando era in anticipo, e di attendere l'ora di partenza previsto dall'orario di servizio? Perchè buona parte degli operatori hanno violato le norme regolamentari registrando in anticipo la comunicazione dell'arrivo e della partenza del treno successivo? Nessuno al momento della distribuzione dei cellulari aveva verificato che su tutta la linea ci fosse una buona ricezione di campo? Che senso aveva munire il personale viaggiante di cellulari se questi non ricevono? Come testimoniato dal un passeggero le porte non si aprirono immediatamente dopo l'impatto; perchè le stesse si aprono solo tempo dopo? Perchè un altro passeggero, fortunatamente incolume, trova a bordo del treno solo estintori non funzionanti?

24 Caratteristiche di un incidente organizzativo Sbagliata percezione del tempo. L'incidente è avvenuto di lunedì, era il 30 dicembre Era un giorno feriale, ma l'orario era quello dei giorni festivi. I due operatori erano convinti di dover effettuare la manovra di incrocio a Borgonato, in quanto giorno feriale. Fallimento della ridondanza? Il treno R4 viaggia con un anticipo di oltre 4 minuti. La responsabilità diretta dell'accaduto è di nuovo del macchinista e del capotreno, ma l'unico responsabile dell'andamento dei treni è il Dirignete Unico. L'errore organizzativo che ha compromesso la sicurezza della Brescia-Iseo-Edolo consiste nella soppressione di una figura che garantiva la sicurezza a livello locale, o la mancata responsabilizzazione degli Agenti non abilitati al movimento.

25 Cultura della sicurezza sulla BIE Nel 1993 le Ferrovie Nord acquisirono la linea Brescia-Edolo. La nuova gestione di FN puntò fin dall'acquisizione della linea sull'automazione e sull'eliminazione del fattore umano. Il processo di ammodernamento della BIE ha visto la cultura della sicurezza e dell'automazione propria di FN imporsi in modo forte e determinato nei confronti delle abitudini e delle pratiche che gli operatori della linea condividevano e si tramandavano da decenni. La dirigenza di FN non ha puntato ad una modifica della cultura della sicurezza degli operatori, ma ha cercato di impiantare in modo diretto e non mediato il proprio concetto di cultura. La prima fase di cambiamenti fu percepita dai "vecchi" operatori della BIE come una forma di colonizzazione e imposizione quasi violenta. Il clima che si era creato ostacolava il dialogo fra i diversi attori in competizione. Da una parte i vecchi lavoratori cercavano di mantenere lo status quo, dall'altra la nuova gestione cercava di entrare in pieno possesso del controllo della linea.

26 In un ambiante caratterizzato da queste dinamiche le scelte imposte dalla dirigenza FN e la resistenza dei vecchi operatori hanno favorito l'instaurarsi di alcune forme di adattamento:il permanere delle vecchie abitudini che formavano la quotidianità degli operatori della ferrovia, se possibile mascherate da nuove pratiche o come violazioni normative. Questo comportamento adattivo ha comportato il peggioramento delle condizioni lavorative per gli operatori e della sicurezza per la linea, ma per i lavoratori era il prezzo da pagare al mantenimento della propria identità culturale. In definitiva, non è avvenuto quell'incontro delle diverse comunità di pratiche che potrebbe, in un circolo virtuoso di reciproco riconoscimento e valorizzazione, avviare un cambiamento che superi la fase di competizione per arrivare ad un processo di integrazione delle diverse conoscenze e pratiche lavorative in una nuova cultura della sicurezza, che sappia costruire e diffondere pratiche quotidiane basate sull'attenzione alla sicurezza del sistema.

27 Problemi ed etica della ricerca L'iniziale vaghezza del personale della BIE L'appiattimento dei sindacati La disponibilità di un treno per la vita Il silenzio degli esperti La rincorsa ai giudici La voglia di tranquillità del Sig. Scaramuzza La svolta della BIE

28 L'iniziale vaghezza del personale BIE Incontrai il responsabile della sicurezza della BIE: l'ing. Bicelli. Avevo individuato una serie di domande da fare al responsabile, domande che dovevano fornirmi una conoscenza di base della linea e soprattutto dell'ing. Bicelli; con grande sorpresa ho trovato ad accogliermi due persone: il responsabile incaricato e il responsabile precedente, ormai in pensione. In generale i due ingegneri erano molto restii a fornire informazioni dettagliate sullo stato attuale della linea BIE, rispondevano con cautela e si sostenevano a vicenda nelle accuse ad enti o organizzazioni esterne. Il responsabile anziano sembrava avere un forte ascendente sul responsabile di più recente nomina, che a volte pareva quasi timoroso. Per ottenere informazioni sullo stato dei lavori di messa in sicurezza della linea a metà di settembre ho telefonato alla sede centrale delle Ferrovie Nord Milano. Sono stato indirizzato all'ufficio relazioni con il pubblico. Dopo vari contatti e parecchia insistenza, a distanza di quasi tre mesi dal primo contatto, mi sono stati spediti via alcuni file poco interessanti. Non ho insistito ulteriormente.

29 L'appiattimento dei sindacati Il sindacalista, avendo smesso l'attività sindacale a pieno titolo, si rendeva disponibile a darmi la documentazione in possesso dei sindacati, ma non voleva rilasciare alcuna dichiarazione in merito alla situazione del processo di ammodernamento e alla sicurezza. Il comportamento del signor Zugni rispecchia l'atteggiamento tenuto dai sindacati dal '93 ad oggi: un sostanziale appiattimento sulle posizioni della FNME.

30 Un treno per la vita Ho reperito i recapiti e contattato i responsabili dell'associazione un Treno per la vita, che si è occupata del problema della messa in sicurezza dei passaggi a livello. La nascita dell'associazione è da collegarsi ai molteplici incidenti occorsi sulla tratta, che erano costati la vita a trenta persone nell'arco di dieci anni ( ). il Sig. Illarietti contattato telefonicamente mi ha rimandato alla sig.ra Cristina Marchina, scusandosi per la sua scarsa disponibilità a parlare dei fatti in esame, ma riferendomi che gli stessi riaprivano in lui ricordi e ferite che non voleva rivivere. Purtroppo la moglie e la figlia del Sig. Illarietti perirono travolte dal treno ad un passaggio a livello non custodito. La Sig. Marchina e il Sig. Zucca mi hanno raccontato le ragioni che li hanno portati a fondare il comitato Un treno per la vita e i successi che hanno caratterizzato questo impegno fino al più importante e cioè il raggiungimento dell'obiettivo ultimo dell'associazione: la messa in sicurezza dei passaggi a livello, avvenuta nel 2004.

31 Il silenzio degli esperti Ho incontrato fortunosamente il sig. Ganzerla in biblioteca. Mi espresse la sua perplessità in merito alla possibilità di entrare in possesso della documentazione sulle caratteristiche tecniche della BIE. Mi disse che difficilmente chi ha informazioni di questo tipo le divulga. Mi fornì il nominativo dell'ingegner Bicchierai, giornalista e storico, invitandomi a chiamarlo dicendomi che forse lui mi avrebbe fornito qualche dato di natura tecnica. Ad un primo contatto telefonico Bicchierai era sembrato essere abbastanza disponibile. Ho ricontattato l'ingegner Bicchierai chiedendogli un incontro specificando in questa occasione il mio ruolo di tesista e l'oggetto della mia ricerca. Queste informazioni hanno provocato nel mio interlocutore un sostanziale cambiamento della disponibilità nei miei confronti. Repentinamente ha interrotto la comunicazione dicendomi che ciò che sapeva sulla BIE era contenuto in uno speciale pubblicato e che non aveva niente altro da aggiungere.

32 L'inseguimento dei giudici Per reperire gli atti processuali ho preso contatto con la giudice di primo grado, la quale mi ha rimandato alla giudice che aveva istruito il processo. Interpellata e incontrata mi ha indicato quello che lei riteneva il luogo di giacenza degli atti processuali. Mi ha indicato inoltre il GIP che aveva sostenuto l'accusa in aula. Con il prezioso aiuto della sig.ra Castelli, segretaria del GIP, ho individuato il luogo di giacenza di due dei cinque fascicoli della pratica e per i tre fascicoli mancanti mi ha fornito delle indicazioni su dove reperirli. Seguendo le indicazioni mi sono recato dal giudice Bianchetti (GIP) che mi ha a sua volta rimandato alla Corte di Appello. La signora Castelli, ricontattata per ottenere indicazioni per ritrovare i tre fascicoli mancanti, mi ha fornito il nominativo di un cancellerie della Corte d'appello. Per poter visionare la documentazione il cancelliere mi ha richiesto un'istanza da presentare al Presidente della Seconda Corte di Appello. Dopo sette mesi di ricerca ho preso visione di tutti e cinque i fascicoli relativi al processo di primo grado.

33 Il Sig. Scaramuzza Ho contattato telefonicamente il ferroviere. Non ero a conoscenza dei rapporti che intercorrevano fra il sig. Scaramuzza e la FNME. Mi presentai come uno studente che scriveva la tesi di laurea e affermai che la stessa riguardava la BIE, l'ammodernamento e la sicurezza della linea. Gli dissi che se fosse stato disponibile avrei voluto fargli un'intervista. Rimase in silenzio un attimo e poi mi disse che pensava di non poterlo fare, che il suo contratto con la FNME lo vincolava a non divulgare informazioni relative alla BIE. Mi chiese se sapevo del disastro del '96, risposi affermativamente e lui mi disse che era stata una brutta storia, una tragedia che gli sarebbe piaciuto poter dimenticare.

34 La svolta della BIE Stavo per limitare la mia tesi ad un'analisi dell'incidente ma ho voluto fare un ultimo tentativo e ho contattato nuovamente l'ing. Bicelli. Dall'ultimo contatto erano passati parecchi mesi, ed egli aveva un'idea molto vaga di chi fossi, anche se si ricordava del precedente incontro e del fatto che raccoglievo informazioni e dati per la tesi. Trovai una persona disponibile ed accogliente. Sembrava che qualcosa fosse cambiato e me ne accorsi subito anche per l'apertura con cui rispose alle domande che gli posi. Mi presentò l'ing. Bino che si occupa di innovazione degli impianti e dei sistemi di sicurezza. L'ing. Bino divenne il mio interlocutore per le questioni tecniche. Durante l'incontro con l'ing. Bicelli si prodigò di chiamare l'ing. Ghitti che si interessa delle questioni legate al rinnovo del parco macchine. Mi fu aperta una porta che non esitai ad entrare.

C È CHI DICE NO: RICARDO ANTONINI Di Giuliano Marrucci

C È CHI DICE NO: RICARDO ANTONINI Di Giuliano Marrucci C È CHI DICE NO: RICARDO ANTONINI Di Giuliano Marrucci Riccardo Antonini è un ferroviere e anche portavoce dell assemblea 29 giugno, nata dopo la strage di Viareggio, con lo scopo di contribuire alla ricerca

Dettagli

Esecutivo Nazionale www.associazionecat.it cat@pec.associazionecat.it via dei Camapani 43 00185 ROMA tel.3294555203 fax.

Esecutivo Nazionale www.associazionecat.it cat@pec.associazionecat.it via dei Camapani 43 00185 ROMA tel.3294555203 fax. Esecutivo Nazionale www.associazionecat.it cat@pec.associazionecat.it via dei Camapani 43 00185 ROMA tel.3294555203 fax. 0108935794 Prot. N.26 E.N /CAT 2015 Roma, 10. 3. 2015 Osservatorio sui conflitti

Dettagli

Risposte al questionario conoscitivo della Regione Lombardia

Risposte al questionario conoscitivo della Regione Lombardia Risposte al questionario conoscitivo della Regione Lombardia 1) La valutazione della puntualità del servizio non ha valore se non viene considerato il raffronto con i tempi di percorrenza del vecchio orario

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO Sezione Lavoro IL GIUDICE

TRIBUNALE DI MILANO Sezione Lavoro IL GIUDICE Procedimento R.G. n. 6853/14 TRIBUNALE DI MILANO Sezione Lavoro IL GIUDICE Letti gli atti, sciogliendo la riserva che precede, osserva: Il ricorrente Incarbona Paolo, dipendente della società ANDREIS srl

Dettagli

5 CONSIGLI PER VENDERE MEGLIO L innovazione nella Forza Vendita - articolo a cura di Lorenzo Brollo Settembre 2014

5 CONSIGLI PER VENDERE MEGLIO L innovazione nella Forza Vendita - articolo a cura di Lorenzo Brollo Settembre 2014 5 CONSIGLI PER VENDERE MEGLIO L innovazione nella Forza Vendita - articolo a cura di Lorenzo Brollo Settembre 2014 Un appuntamento importante Vi racconto un aneddoto tratto dalla mia esperienza quotidiana:

Dettagli

Inizio a lavorare come consulente a questo progetto per tutto il 1997 senza nessuna copertura di contratto.

Inizio a lavorare come consulente a questo progetto per tutto il 1997 senza nessuna copertura di contratto. SINTESI VICENDA GRAPPOLINI FRIGO Fase iniziale. Frigo insieme alla figlia con il marito ed un italiano come interprete vengono in visita presso l azienda alla fine del 1996. Dopo l incontro-intervista

Dettagli

53 milioni di Euro. il Parcheggio di Acilia Nord, 550 mila Euro. Acilia sud.

53 milioni di Euro. il Parcheggio di Acilia Nord, 550 mila Euro. Acilia sud. Gent.mo sig. Mazzanti, la stazione di Tor di Valle non è certo abbandonata a se stessa come non lo è l intera tratta Roma Lido. Lo dimostrano i provvedimenti che il nostro Assessorato alla Mobilità ha

Dettagli

Credevo di essere un fisico

Credevo di essere un fisico Credevo di essere un fisico Giorgio Roncolini CREDEVO DI ESSERE UN FISICO biografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Giorgio Roncolini Tutti i diritti riservati A mia moglie Anna Ai miei figli

Dettagli

ISTRUZIONI PER L'ESERCIZIO

ISTRUZIONI PER L'ESERCIZIO Ferrovia Roma - Viterbo Tratta Urbana Roma P.le Flaminio - Montebello ISTRUZIONI PER L'ESERCIZIO DEL BLOCCO AUTOMATICO Approvato dal Ministero dei Trasporti e della Navigazione USTIF LAZIO Con nota n.

Dettagli

Focus su alcuni temi rilevanti in materia di. del Decreto 4/2012. Firenze, 31 Luglio 2013

Focus su alcuni temi rilevanti in materia di. del Decreto 4/2012. Firenze, 31 Luglio 2013 Focus su alcuni temi rilevanti in materia di sicurezza a sei mesi dall entrata in vigore del Decreto 4/2012 Firenze, 31 Luglio 2013 Argomenti dell incontro Guasti alle porte dei Treni Passeggeri Utilizzo

Dettagli

Manuale degli Annunci sonori

Manuale degli Annunci sonori Manuale degli Annunci sonori Manuale degli Annunci sonori DICEMBRE 2007 AGGIORNAMENTO GIUGNO 2011 A cura di RFI - Rete Ferroviaria Italiana SpA Progetto Grafico di Ettore Festa, HaunagDesign Indice Definizioni

Dettagli

Federazione Autonoma dei Sindacati dei Trasporti Segreteria Generale

Federazione Autonoma dei Sindacati dei Trasporti Segreteria Generale Federazione Autonoma dei Sindacati dei Trasporti Segreteria Generale Roma lì 23 Febbraio 2012 Prot.08/07/SG Amministratore Delegato FS SpA Ing. Mauro Moretti Amministratore Delegato Trenord Ing. Giuseppe

Dettagli

Carta dei Servizi 2010. Valle d Aosta. Il nostro impegno con te

Carta dei Servizi 2010. Valle d Aosta. Il nostro impegno con te Carta dei Servizi 2010 Valle d Aosta Il nostro impegno con te Indice 3 4 5 6 7 8 10 11 Introduzione Trenitalia: il servizio, i principi La Direzione territoriale: l offerta La Carta dei servizi: obiettivi

Dettagli

Polizia Locale. Citizen Satisfaction 2012

Polizia Locale. Citizen Satisfaction 2012 Polizia Locale Citizen Satisfaction 2012 QUESTIONARI ELABORATI: 65 Modalità di rilevazione Questionari online su www.comune.udine.it (compilati n. 36) Questionari cartacei distribuiti presso gli uffici

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

Sempre sicuri alla meta.

Sempre sicuri alla meta. Sempre sicuri alla meta. Per arrivare rapidi, comodi e sicuri. Giorno per giorno quasi un milione di passeggeri utilizzano le FFS. Perché il treno è affidabile. Perché viaggiare in treno è comodo e piacevole.

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Osservatorio per i Conflitti Sindacali P.zza della Croce Rossa, 1 ROMA. Commissione di Garanzia Legge 146/90 Via Po 16/a ROMA

Osservatorio per i Conflitti Sindacali P.zza della Croce Rossa, 1 ROMA. Commissione di Garanzia Legge 146/90 Via Po 16/a ROMA Osservatorio per i Conflitti Sindacali P.zza della Croce Rossa, 1 ROMA Commissione di Garanzia Legge 146/90 Via Po 16/a ROMA Trenitalia S.p.A. Risorse Umane Nord Ovest Dott. Manuela Rossi Milano Direzione

Dettagli

Problematica relativa agli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle porte nelle fasi di salita e discesa dai treni

Problematica relativa agli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle porte nelle fasi di salita e discesa dai treni Problematica relativa agli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle porte nelle fasi di salita e discesa dai treni La problematica sugli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

Quadrante EST Incontro 19 maggio 2014

Quadrante EST Incontro 19 maggio 2014 A seguire i brevi verbali di riunioni del 19 e 20 maggio 2014 alle quali il CPB ha partecipato, la consueta riunione di Quadrante in occasione del cambio orario e una riunione straordinaria indetta da

Dettagli

DICHIARAZIONE TESTIMONIALE. Io sottoscritto Cognome Nome, nato a Città il giorno/mese/anno e residente in città in indirizzo DICHIARO

DICHIARAZIONE TESTIMONIALE. Io sottoscritto Cognome Nome, nato a Città il giorno/mese/anno e residente in città in indirizzo DICHIARO Io sottoscritto Cognome Nome, nato a Città il giorno/mese/anno e residente in città in indirizzo DICHIARO Che il giorno/mese/anno mi trovavo in qualità di trasportato sull autovettura marca modello targata

Dettagli

Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali

Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali UTP / UFT / HTP Programma di mobilità per i disabili Ferrovie: fermate D2-It pag. 1/5 Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali

Dettagli

QUIZ PER IL CONSEGUIMENTO DELL'ATTESTATO PER LA GUIDA DEI CICLOMOTORI

QUIZ PER IL CONSEGUIMENTO DELL'ATTESTATO PER LA GUIDA DEI CICLOMOTORI DELL'ATTESTATO PER LA GUIDA DEI CICLOMOTORI 1 CAPITOLO 1 - Segnali di pericolo 01001) Il segnale n. 1 V01) preavvisa un tratto di strada con pavimentazione irregolare V02) preavvisa un tratto di strada

Dettagli

Termini e Condizioni Particolari del Servizio. di noleggio con conducente

Termini e Condizioni Particolari del Servizio. di noleggio con conducente Termini e Condizioni Particolari del Servizio di noleggio con conducente 1 Premessa Il presente Allegato descrive il Servizio nonché le condizioni e modalità tecniche di esecuzione. Una volta effettuata

Dettagli

Le Condizioni Generali di Trasporto dei passeggeri di Trenitalia

Le Condizioni Generali di Trasporto dei passeggeri di Trenitalia Le Condizioni Generali di Trasporto dei passeggeri di Trenitalia 1 Parte I Norme Comuni Aggiornata al 1 marzo 2015 2 Indice Parte I Norme comuni Pagina 1. Ambito di applicazione 4 2. Principali fonti normative

Dettagli

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CICLICO FS- BORSA ATTENZIONE: ATTENDI QUALCHE SECONDO PER IL CORRETTO CARICAMENTO DEL MANUALE APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CHE UTILIZZO PER LE MIE ANALISI - 1 - www.fsborsa.com NOTE SUL

Dettagli

SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la

SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la seguente S E N T E N Z A nella causa civile iscritta

Dettagli

Infortunistica Ferroviaria Manuale ad uso degli operatori della Polizia Ferroviaria chiamati ad intervenire su incidenti o disastri ferroviari

Infortunistica Ferroviaria Manuale ad uso degli operatori della Polizia Ferroviaria chiamati ad intervenire su incidenti o disastri ferroviari SEGRETERIA REGIONALE MARCHE www.fastferrovie.it Infortunistica Ferroviaria Manuale ad uso degli operatori della Polizia Ferroviaria chiamati ad intervenire su incidenti o disastri ferroviari PdM - PdB

Dettagli

Quando eccezionalmente i treni percorrono il binario di sinistra si dice che essi viaggiano su binario

Quando eccezionalmente i treni percorrono il binario di sinistra si dice che essi viaggiano su binario Metropolitana di Genova Regolamento di Esercizio la conoscenza Per Parte Dall art. necessità 2a del l esecutore 1 semplificativa Regolamento Termini sulla e definizioni ESTRATTO viene parte d Esercizio

Dettagli

FILT CGIL Pisa Porte dei treni e sicurezza 1

FILT CGIL Pisa Porte dei treni e sicurezza 1 FILT CGIL Pisa Porte dei treni e sicurezza 1 Sommario pag. 2 Premessa pag. 3 Tipologia e conseguenze degli incidenti legati alla salita e alla discesa dai treni pag. 4 Procedura prevista per la partenza

Dettagli

Agli stranieri che guidano un veicolo in Giappone

Agli stranieri che guidano un veicolo in Giappone 7.1.2011 Divisione Patenti Agli stranieri che guidano un veicolo in Giappone Introduzione Questo opuscolo è stato predisposto per spiegarvi le regole principali del Codice della Strada giapponese. Tenete

Dettagli

alla scoperta del binario 9¾

alla scoperta del binario 9¾ campania onlus 2013 Metropolitana di Salerno alla scoperta del binario 9¾ al binario invisibile il viaggio della metro pronta, inaugurata, ma mai entrata in funzione marzo 2013 Il viaggio immaginifico

Dettagli

Circolazione ed Impianti di Sicurezza e Segnalamento

Circolazione ed Impianti di Sicurezza e Segnalamento Circolazione ed Impianti di Sicurezza e Segnalamento Principali concetti relativi a: Segnali luminosi; Stazione; Treno; linea a semplice binario, incrocio; linea a doppio binario, precedenza, binario legale

Dettagli

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO Scheda n. 1 Il segnale n. 1 1) preavvisa una doppia curva VF 2) preavvisa un tratto di strada in cattivo stato V F 3) preavvisa una discesa pericolosa

Dettagli

S.P.A. NAVICELLI DI PISA PROCEDURA 08 MOVIMENTAZIONE PONTI E CONTROLLO DELLA NAVIGAZIONE

S.P.A. NAVICELLI DI PISA PROCEDURA 08 MOVIMENTAZIONE PONTI E CONTROLLO DELLA NAVIGAZIONE S.P.A. NAVICELLI DI PISA PROCEDURA 08 0 01-06-2012 Prima emissione RSGI VICEPRESIDENTE PRESIDENTE / AD REV. DATA DESCRIZIONE REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE Pag. 2 di 8 INDICE 1. SCOPO... 3 2. DOCUMENTI

Dettagli

Unità 1. Numeri di emergenza. Lavoriamo sulla comprensione. In questa unità imparerai:

Unità 1. Numeri di emergenza. Lavoriamo sulla comprensione. In questa unità imparerai: Unità 1 Numeri di emergenza In questa unità imparerai: I principali numeri di emergenza le parole relative alle emergenze più comuni l uso di alcuni avverbi e locuzioni avverbiali di modo ad alta frequenza:

Dettagli

In qualità di responsabili del servizio clienti IKEA in Italia ricevete la lettera di protesta allegata.

In qualità di responsabili del servizio clienti IKEA in Italia ricevete la lettera di protesta allegata. In qualità di responsabili del servizio clienti IKEA in Italia ricevete la lettera di protesta allegata. - Utilizzando uno schema concettuale a vostra scelta individuate le singole defaillance del servizio

Dettagli

Indice. 1 Gli organi e i modi della notificazione. --------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Gli organi e i modi della notificazione. --------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI PROCEDURA PENALE I LEZIONE X LE NOTIFICAZIONI PROF. GIANLUCA D AIUTO Indice 1 Gli organi e i modi della notificazione. --------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA Ministero Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale Tarra Via Correggio, 80-20020 Busto Garolfo (MI) Tel. 0331 569087 - Fax 0331 564462 Cod. Mec.: MIIC8DL00N

Dettagli

Liberalizzazione del trasporto ferroviario in Italia

Liberalizzazione del trasporto ferroviario in Italia Contributo personale Ing. Patrizio Grillo - Rappresentanza Commissione Europea - D.G. Move (Deputy of Head Unit) Liberalizzazione del trasporto ferroviario in Italia Osservazioni preliminari Nel corso

Dettagli

Sindacato Padano - SIN. PA.

Sindacato Padano - SIN. PA. Illustrazione ddl iniziativa popolare "Garanzia delle pensioni di anzianità con quaranta anni di contributi e delle pensioni di vecchiaia" Marzo 2012 Voglio illustrare il disegno di legge di iniziativa

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Direzione e uffici: Via Mazenta, 51 20013 Magenta (Mi) codice fiscale n. 93035720155 e-mail: miis09100v@istruzione.it Posta Elettronica Certificata miis09100v@pec.istruzione.it

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano GABRIELLA tanti master,

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.3 del 19.03.2012 COMUNE DI OLGIATE OLONA Provincia di Varese REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI

Dettagli

NUMERI PIENI GIOCHI SUL QUADRATO. Incrocio sulle 4e verticali e orizzontali

NUMERI PIENI GIOCHI SUL QUADRATO. Incrocio sulle 4e verticali e orizzontali NUMERI PIENI GIOCHI SUL QUADRATO Incrocio sulle 4e verticali e orizzontali Ultimamente mi è stato chiesto di pubblicare un sistema sui numeri pieni. Da lungo tempo non consideravo questi giochi perché

Dettagli

RACCOLTA FIRME. Proposta di Legge di iniziativa popolare R. C. AUTO, TARIFFA ITALIA

RACCOLTA FIRME. Proposta di Legge di iniziativa popolare R. C. AUTO, TARIFFA ITALIA RACCOLTA FIRME Proposta di Legge di iniziativa popolare R. C. AUTO, TARIFFA ITALIA Come raccogliere le 50.000 firme necessarie per il deposito della proposta di legge di iniziativa popolare 1 Contattaci

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Maresciallo il giorno 29 febbraio quando sono rientrato a casa ho notato che la porta era socchiusa, Giulia era meticolosa chiudeva tutto aveva l

Maresciallo il giorno 29 febbraio quando sono rientrato a casa ho notato che la porta era socchiusa, Giulia era meticolosa chiudeva tutto aveva l Maresciallo il giorno 29 febbraio quando sono rientrato a casa ho notato che la porta era socchiusa, Giulia era meticolosa chiudeva tutto aveva l ossessione dell ordine, mi sembra strano che fosse uscita

Dettagli

Comune di Prato AREA W Infrastrutture e Ambiente

Comune di Prato AREA W Infrastrutture e Ambiente Comune di Prato AREA W Infrastrutture e Ambiente RELAZIONE DI FATTIBILITA ECONOMICA Progetto per la costruzione di una rete di trasporto pubblico locale urbano ad alta capacità. Progetto Preliminare 1

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Paolo Ruffini Via del Poggio,30-01018 Valentano (VT) 0761/422558 e-mail vtic80100@istruzione.it

Istituto Comprensivo Statale Paolo Ruffini Via del Poggio,30-01018 Valentano (VT) 0761/422558 e-mail vtic80100@istruzione.it MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Comprensivo Statale Paolo Ruffini Via del Poggio,30-01018 Valentano (VT) 0761/422558 e-mail

Dettagli

L AZIENDUCCIA. Personaggi: Cav. Persichetti, Agente 008, Cav. Berluscotti, Assunto.

L AZIENDUCCIA. Personaggi: Cav. Persichetti, Agente 008, Cav. Berluscotti, Assunto. L AZIENDUCCIA Analisi: Sketch con molte battute dove per una buona riuscita devono essere ben caratterizzati i personaggi. Il Cavalier Persichetti e il cavalier Berluscotti devono essere 2 industriali

Dettagli

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011 PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo Sistemazione attrezzature sportive all interno dell area di proprietà comunale in Via Gorizia. Modifica deliberazione C.C.

Dettagli

IX ISTITUO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO PIANIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA SCUOLA DELL INFANZIA AQUILONE

IX ISTITUO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO PIANIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA SCUOLA DELL INFANZIA AQUILONE IX ISTITUO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO.. PIANIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA SCUOLA DELL INFANZIA AQUILONE Dirigente scolastico : dott.ssa Luisa Imbriani RSPP : Ing. Davide Riccardi Docenti : Robertina

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

Ernesto Bazan. La fotografia un aspetto essenziale della mia esistenza. Fotogiornalista dice di no. Fotografo di strada, forse.

Ernesto Bazan. La fotografia un aspetto essenziale della mia esistenza. Fotogiornalista dice di no. Fotografo di strada, forse. Ernesto Bazan La fotografia un aspetto essenziale della mia esistenza Fotogiornalista dice di no. Fotografo di strada, forse. Ernesto ama definirsi piuttosto "Fotografo Poeta" e basta davvero poco per

Dettagli

APPENDICE 1 AL PEE PIANO di EMERGENZA ESTERNA - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE ALLERTAMENTO DELLA POPOLAZIONE

APPENDICE 1 AL PEE PIANO di EMERGENZA ESTERNA - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE ALLERTAMENTO DELLA POPOLAZIONE 1 APPENDICE 1 AL PEE PIANO di EMERGENZA ESTERNA - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE ALLERTAMENTO DELLA POPOLAZIONE IN CASO DI EMERGENZA VENGONO MESSE IN EVIDENZA LE ATTIVITÀ DA SVOLGERE DA PARTE DELLA DITTA

Dettagli

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni In una riunione del Comitato di direzione, la nostra direzione

Dettagli

vuoto o una ferita" come dice Antonio Origgi.

vuoto o una ferita come dice Antonio Origgi. Cambiare la vita... dalla Auto-Osservazione Cambiare vita richiede prima di tutto una consapevolezza del punto reale in cui ci si trova adesso. Cambiare vita richiede poi una consapevolezza di cosa realmente

Dettagli

COMUNE DI BITONTO. Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE. N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO

COMUNE DI BITONTO. Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE. N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO Si trasmette in copia l esecuzione a... Il Segretario Generale COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO INSEDIAMENTO INTERVENTI VARI. L anno

Dettagli

Termini e Condizioni Particolari del Servizio. di noleggio con conducente

Termini e Condizioni Particolari del Servizio. di noleggio con conducente Termini e Condizioni Particolari del Servizio di noleggio con conducente 1 Premessa Il presente Allegato descrive il Servizio nonché le condizioni e modalità tecniche di esecuzione. Una volta effettuata

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti

Dettagli

La mediazione genitoriale nell uso di internet e dello smartphone

La mediazione genitoriale nell uso di internet e dello smartphone La mediazione genitoriale nell uso di internet e dello smartphone Ricerca a cura di Giovanna Mascheroni e Barbara Scifo OssCom per Vodafone Università Cattolica di Milano, 2 febbraio 2012 Metodologia Ricerca

Dettagli

Decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti 26 giugno 2015

Decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti 26 giugno 2015 Decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti 26 giugno 2015 Recepimento della direttiva 2014/88/UE della Commissione del 9 luglio 2014, che modifica l'allegato I della direttiva 2004/49/CE,

Dettagli

GESTIONE DELLA CLIENTELA

GESTIONE DELLA CLIENTELA GESTIONE DELLA CLIENTELA Presupposto fondamentale per una corretta gestione, telefonica e diretta, dei clienti e delle relative richieste di finanziamento è l ottima conoscenza: 1) dei prodotti; 2) dei

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

CORRERE IN SICUREZZA

CORRERE IN SICUREZZA CORRERE IN SICUREZZA PROGETTO CORRERE IN SICUREZZA Codice della Strada Le figure in corsa Vetture in corsa Comportamento dei corridori La Federazione Ciclistica Italiana CODICE DELLA STRADA Il Codice della

Dettagli

REGOLAMENTO. Squadre partecipanti Al torneo saranno ammesse 9 squadre. Ogni squadra giocherà una partita a settimana per tutta la durata del torneo

REGOLAMENTO. Squadre partecipanti Al torneo saranno ammesse 9 squadre. Ogni squadra giocherà una partita a settimana per tutta la durata del torneo REGOLAMENTO Sede, date, giorni e orari Il torneo Vamos a Madrid, organizzato dall Acsi in collaborazione con Quasi Gol, si disputerà a Milano nei seguenti centri sportivi: Masseroni 1 (Via Madruzzo 3)

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

Il principio delle «Autostrade Ferroviarie»

Il principio delle «Autostrade Ferroviarie» Milano 24 Giugno 2014 Il principio delle «Autostrade Ferroviarie» Un tipo di trasporto combinato che consiste nel trasportare, via ferrovia, dei mezzi pesanti stradali come semirimorchi o casse mobili.

Dettagli

COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno)

COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno) COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno) COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 78 Del 02-08-2013 Oggetto: Festeggiamenti 100 anni Sig.ra De Rosa Antonia L'anno duemilatredici il giorno due

Dettagli

AV: MORETTI, IN SCELTE PASSATE TRASCURATE GRANDI CITTA' (ANSA) - FIRENZE, 15 SET - "Per la realizzazione dell'alta Velocità siamo partiti dalle cose pi㹠facili, tra Roma e Napoli; non da quelle pi㹠complicate.

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Un servizio ferroviario di qualità sulla linea Bologna-Vignola: obiettivo (im)possibile?

Un servizio ferroviario di qualità sulla linea Bologna-Vignola: obiettivo (im)possibile? Un servizio ferroviario di qualità sulla linea Bologna-Vignola: obiettivo (im)possibile? Una delle costanti che dal 2003 (anno della riattivazione) ad oggi ha caratterizzato la linea ferroviaria Bologna-Vignola

Dettagli

Le false Poste. Figura 1: Il testo della lettera.

Le false Poste. Figura 1: Il testo della lettera. Le false Poste La lettera Può capitare di ricevere, in posta elettronica, lettere false come quella riportata in figura 1. Analizziamola insieme. Leggiamo la prima riga che indica l'indirizzo di posta

Dettagli

1. Da quanto tempo è stato nominato incaricato diocesano per la promozione del sovvenire? anni (2) (3)

1. Da quanto tempo è stato nominato incaricato diocesano per la promozione del sovvenire? anni (2) (3) Gentile Incaricato, La preghiamo di compilare il questionario mettendo una crocetta sulle risposte scelte, oppure le scriva per esteso, laddove è richiesto. Se non vi sono specifiche particolari, scelga

Dettagli

Domenica 2 ottobre 2011 ciclopedalata Pavia-San Donato M.se

Domenica 2 ottobre 2011 ciclopedalata Pavia-San Donato M.se Domenica 2 ottobre 2011 ciclopedalata Pavia-San Donato M.se (treno + bici) passeggiata turistica-culturale organizzata da: claudio Per contatti e/o eventuali ulteriori informazioni sulla ciclopasseggiata:

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

Roma 21 giugno 2007 L ORARIO DI LAVORO E LE NUOVE NORME IN MATERIA DI TEMPI DI GUIDA, INTERRUZIONI E PERIODI DI RIPOSO PER IL PERSONALE VIAGGIANTE

Roma 21 giugno 2007 L ORARIO DI LAVORO E LE NUOVE NORME IN MATERIA DI TEMPI DI GUIDA, INTERRUZIONI E PERIODI DI RIPOSO PER IL PERSONALE VIAGGIANTE Roma 21 giugno 2007 L ORARIO DI LAVORO E LE NUOVE NORME IN MATERIA DI TEMPI DI GUIDA, INTERRUZIONI E PERIODI DI RIPOSO PER IL PERSONALE VIAGGIANTE 1 IL QUADRO NORMATIVO Orario di lavoro, guida, interruzioni

Dettagli

Modifiche alle PCT R 300.1 R 300.15 valevoli dal 1 luglio 2015 (ciclo di modifiche A2015), versione in lingua italiana. 1 Osservazioni preliminari

Modifiche alle PCT R 300.1 R 300.15 valevoli dal 1 luglio 2015 (ciclo di modifiche A2015), versione in lingua italiana. 1 Osservazioni preliminari Modifiche alle PCT R 300.1 R 300.15 valevoli dal 1 luglio 2015 (ciclo di modifiche A2015), versione in lingua italiana R o cfr fino ad ora modifica 300.1 1 1 Osservazioni preliminari L ufficio federale

Dettagli

Impianti di stazione. Corso TRASPORTI FERROVIARI, AEREI, NAVALI SLIDE 1

Impianti di stazione. Corso TRASPORTI FERROVIARI, AEREI, NAVALI SLIDE 1 1B Impianti di stazione Corso TRASPORTI FERROVIARI, AEREI, NAVALI SLIDE 1 LA STAZIONE FERROVIARIA CIRCOLAZIONE FERROVIARIA: movimento dei treni sulla linea ferroviaria ( strada ferrata ) in base a modalità

Dettagli

Viaggiare in treno. I diritti dei passeggeri

Viaggiare in treno. I diritti dei passeggeri Viaggiare in treno I diritti dei passeggeri Indice Questo opuscolo fornisce informazioni sui diritti del passeggero per viaggi su treni regionali, nazionali ed internazionali da/per altri Paesi dell'unione

Dettagli

Che cosa è un Defibrillatore Semiautomatico Esterno (DAE)? Un DAE è una macchina di piccole dimensioni che contiene al suo interno due piastre

Che cosa è un Defibrillatore Semiautomatico Esterno (DAE)? Un DAE è una macchina di piccole dimensioni che contiene al suo interno due piastre Che cosa è un Defibrillatore Semiautomatico Esterno (DAE)? Un DAE è una macchina di piccole dimensioni che contiene al suo interno due piastre adesive in grado di rilevare le alterazioni del'attività elettrica

Dettagli

RISARCIMENTO DIRETTO

RISARCIMENTO DIRETTO RISARCIMENTO DIRETTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE E FARE DIVISIONE SPECIALE RC AUTO A cura di Andrea Caldirola Responsabile Ufficio Sinistri Gruppo Assiteca indiceindiceindiceindic Andrea Caldirola Responsabile

Dettagli

j via Trento, 8 20081 Abbiategrasso (MI) te\. 02 94692.422/403 fax 02 94692.432

j via Trento, 8 20081 Abbiategrasso (MI) te\. 02 94692.422/403 fax 02 94692.432 ------------------- --- COMUNE di ABBIATEGRASSO Comando Polizia Locale ORDINANZA DI VIABILITA' E DI CANTIERE NR. 9l2) /2013 o\~ ~~ ~,.u\ ~ \3 AUTORIZZAZIONE N. 51: /2013 cad~ f'

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

AUTONOLEGGIO DI SPERANZA GIUSEPPE & C. SNC. - Speranza Autolinee -

AUTONOLEGGIO DI SPERANZA GIUSEPPE & C. SNC. - Speranza Autolinee - AUTONOLEGGIO DI SPERANZA GIUSEPPE & C. SNC - Speranza Autolinee - 84030 Caselle in Pittari (SA)- Via Sandro Pertini snc - P.Iva 03005920651 Info e prenotazioni: 0974/988151-988594 info@speranzaautolinee.it

Dettagli

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto.

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. Attività: ascolto di un racconto. La bambola diversa Lettura dell insegnante

Dettagli

Tenersi per mano nella società dell incertezza.

Tenersi per mano nella società dell incertezza. Tenersi per mano nella società dell incertezza. Ricerca Spi Cgil Lombardia-AASter, settembre 2004 Discorsi sugli anziani. Viviamo, anziani e non anziani, nel postmoderno. Che in prima approssimazione si

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ 213-214 Μάθημα: Iταλικά Επίπεδο: E3 Διάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία:

Dettagli

O r.s.a. In form a AGGRESSIONI PDA INIZIAMO VERAMENTE A RISOLVERE IL PROBLEMA

O r.s.a. In form a AGGRESSIONI PDA INIZIAMO VERAMENTE A RISOLVERE IL PROBLEMA O r.s.a. In form a AGGRESSIONI PDA INIZIAMO VERAMENTE A RISOLVERE IL PROBLEMA L azienda mette in atto alcune iniziative che riteniamo insufficienti (antievasione/filtri a terra/affiancamenti tutor/ nuova

Dettagli

PALSO ESAMI DI LINGUA ITALIANA LIVELLO A2 MAGGIO 2006. Certificazione riconosciuta dall ICC ISTRUZIONI. Nome:... Cognome:...

PALSO ESAMI DI LINGUA ITALIANA LIVELLO A2 MAGGIO 2006. Certificazione riconosciuta dall ICC ISTRUZIONI. Nome:... Cognome:... Nome:... Cognome:... ESAMI DI LINGUA ITALIANA PALSO LIVELLO A2 Certificazione riconosciuta dall ICC ISTRUZIONI MAGGIO 2006 Scrivi il tuo nome e cognome (in questa pagina, in alto). Non aprire questo fascicolo

Dettagli

CHANCES SEMPLICI Mutualità del terzo 2 A Parte

CHANCES SEMPLICI Mutualità del terzo 2 A Parte CHANCES SEMPLICI Mutualità del terzo 2 A Parte Con il precedente inserto abbiamo visto il sistema dei doppioni giocati in mutualità fra le tre Chances. Il gioco è giustificato dalla Legge del terzo che,

Dettagli

LA 6 ORE DI NOVELLARA - REGOLAMENTO TECNICO

LA 6 ORE DI NOVELLARA - REGOLAMENTO TECNICO LA 6 ORE DI NOVELLARA - REGOLAMENTO TECNICO Regolamento Tecnico Sportivo de LA 6 ORE - Manifestazione Motoristica Goliardica L'associazione sportiva indice un meeting automobilistico di regolarità denominato

Dettagli

DEIF n 41.4. del 16/05/2014 RIORDINO NORMATIVO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SUI SEGNALI DISPOSIZIONE DI ESERCIZIO RFI N. 01/2014 INTRODOTTE DALLA

DEIF n 41.4. del 16/05/2014 RIORDINO NORMATIVO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SUI SEGNALI DISPOSIZIONE DI ESERCIZIO RFI N. 01/2014 INTRODOTTE DALLA Direzione Tecnica Direttore DEIF n 41.4 del 16/05/2014 In vigore dalle ore 00.01 del 25/06/2014 RIORDINO NORMATIVO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SUI SEGNALI INTRODOTTE DALLA DISPOSIZIONE DI ESERCIZIO RFI N.

Dettagli

1.Addetti alla circolazione treni e attività complementari : dalle ore 10.00 alle ore 14 del 7 LUGLIO 2009.

1.Addetti alla circolazione treni e attività complementari : dalle ore 10.00 alle ore 14 del 7 LUGLIO 2009. Ministero dei Trasporti Roma Commissione di Garanzia Roma Gruppo FS Roma NORME TECNICHE SCIOPERO GENERALE DEI FERROVIERI DALLE ORE 10.00 ALLE ORE 14 DEL 7 LUGLIO 2009. Trattasi di sciopero nei giorni feriali.

Dettagli

PRONTUARIO PER MINI CORSO

PRONTUARIO PER MINI CORSO PRONTUARIO PER MINI CORSO TEMPI DI GUIDA E DI RIPOSO CON ALLEGATA RELATIVA TABELLA SIA PER TEMPI CHE PER INFRAZIONI Art. 174 del Codice della Strada modificato dalla Legge 120 del 29/07/2010 in vigore

Dettagli

Al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Gorizia

Al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Gorizia Al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Gorizia DOMANDA D AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO(1) Il sottoscritto/a nato/a prov. il cittadinanza residente in (via) n. CAP Città prov. codice

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli