Logica binaria. Porte logiche.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Logica binaria. Porte logiche."

Transcript

1 Logica binaria Porte logiche. Le porte logiche sono gli elementi fondamentali su cui si basa tutta la logica binaria dei calcolatori. Ricevono in input uno, due (o anche più) segnali binari in input, e ne restituiscono uno in output. Ne esistono diversi tipi, a seconda della loro tabella di verità. Le più importanti, il cui simbolo è raffigurato a lato, solo: la porta AND. Riceve in input due segnali A e B (i due pin a sx nella figura) e ne restituisce uno in output (il pin a dx). La tabella di verità è la seguente, e corrisponde al valore della comunissima congiunzione logica e fra due enunciati A e B. A in B in Out la porta NOT. Riceve in input un segnali A (il pin a sx nella figura) e ne restituisce uno in output (il pin a dx). La tabella di verità è la seguente, e corrisponde al valore della congiunzione logica non di un enunciato A. A in Out la porta XOR. Riceve in input due segnali A e B (i due pin a sx della figura) e ne restituisce uno in output (il pin a dx). La tabella di verità è la seguente, e corrisponde al valore della congiunzione logica o esclusivo fra due enunciati A e B (o uno, o l'altro ma non tutti e due): A in B in Out la porta OR. Riceve in input due segnali A e B (i due pin a sx della figura) e ne restituisce uno in output (il pin a dx). La tabella di verità è la seguente, e corrisponde al valore della congiunzione logica o fra due enunciati A e B (uno, oppure l'altro, oppure tutti e due).

2 A in B in Out la porta NAND. Come puoi vedere dalla figura il simbolo è identico a quello della porta AND a meno di un pallino sull'uscita. Il pallino sta ad indicare una negazione di quando esce dalla porta AND a sx. La tabella di verità sarà quindi la seguente, e corrisponde a quella della porta AND negata, ovvero con i valori in uscita invertiti. A in B in Out Allo stesso modo della porta NAND esistono anche le porte NOR e NXOR. Progettiamo un sommatore Utilizzando le porte logiche sopra riportate, proviamo ora a costruire l'elemento fondamentale di una piccola calcolatrice che sommi due bit A e B in input, e che restituisca in output il bit corrispondente alla somma e l'eventuale bit di riporto. La tabella di verità del circuito dovrà quindi essere A in B in Somma out A xor B Riporto out A and B

3 Verifica che il precedente circuito funzioni come da richiesta. Uno schema di questo genere è detto half adder, ovvero mezzo sommatore. Ora vogliamo costruire un circuito che sommi due numeri binari come di seguito. Potremmo pensare di usare un half adder per ogni bit, ovvero uno per la prima cifra a dx (i colori corrispondono a quelli dello schema del circuito). Per la prima cifra avremo riporto di 1. Proviamo ad utilizzare un altro circuito half adder per la seconda cifra: Ci accorgiamo però che per la seconda cifra gli addendi sono in realtà 3: i due bit dei due numeri più l'eventuale riporto del precedente bit! Il cosiddetto half adder non è quindi più sufficiente. Dobbiamo complicarlo in modo avere in input i bit dei due addendi più l'eventuale riporto, ottenendo il cosiddetto full adder, composto da due half adder più una porta or. Verifica che la seguente tabella di verità corrisponda al circuito in figura. Verifica che esegua le operazioni richieste.

4 A in B in Rrip in Somma A xor B Riporto A and B Somma out Rip_in xor Somma Riporto Rip_in and Somma Riporto out Riporto or Riporto Per calcolare la somma possiamo quindi usare un circuito full adder per ogni bit. Ovvero per il primo bit avremo A_in=1, B_in=1, e Rip_in=0 dato che non abbiamo ancora nessun riporto in entrata. In uscita otterremo quindi 0 con riporto di 1. Utilizzando un secondo full adder per il secondo bit, avremo che A_in=1, B_in=1, e Rip_in=1 dato che il precedente circuito ha restituito il riporto 1. In uscita otterremo quindi 1 con riporto di 1. Stesso discorso per i rimanenti bit. Per sommare due numeri a N bit, si necessiteranno di N circuiti full adder collegati in cascata. Cominciamo a giocare L'elettronica digitale lavora generalmente a basso voltaggio in corrente continua. Noi lavoreremo a 5V (5 volt). Cominciamo a capire come accendere una lampadina. In uscita dal nostro alimentatore a 5V abbiamo 2 cavi, uno corrispondente ai +5V, uno corrispondente alla cosiddetta massa o terra, detta in inglese anche ground e spesso abbreviata in GND. Per accendere una comune lampadina come quella di una torcia elettrica, collegheremo uno dei due poli della lampadina ai +5V dell'alimentatore e l'altro polo al GND. In questo modo la corrente

5 elettricità potrà circolare da un capo dell'alimentatore all'altro, così come indicato dalla freccia in figura. Se interrompiamo un circuito, così come se colleghiamo i poli della lampadina ad uno stesso capo dell'alimentatore, la lampadina rimarrà spenta poiché non può più circolare corrente elettrica da un capo all'altro dell'alimentatore. Noi anziché lampadine useremo dei LED, ovvero dei piccoli dispositivi a semiconduttore che, se correttamente connessi ed alimentati, si illuminano. Sono costituiti da una capocchia di plastica colorata e da due contatti, uno più lungo ed uno più corto. Il contatto più corto va collegato al GND. Fra il led e l'alimentatore deve sempre essere presente una piccola resistenza (vedi figura) per limitare la corrente in circolazione, e quindi per evitare di bruciare l'alimentatore I microchip Le porte logiche che useremo saranno integrati in piccoli microchip, come in figura.

6 Ognuno di questi microchip ha più connessioni ( o pin ), corrispondenti ai pin di input e di output delle varie porte logiche. Vi saranno anche due pin per alimentare il microchip direttamente, uno dovrà essere connesso ai +5V dell'alimentatore, l'altro al GND. Ogni chip ha un semicerchio ad una estremità per saper orientare nel verso corretto il circuito, ed ha stampato anche uno o più codici che lo identificano. Avremo pertanto il chip 7408 che contiene 4 porte AND ed è così schematizzato: Il chip 7486 contiene invece 4 porte XOR ed è così schematizzato: Il chip 7432 contiene 4 porte OR ed è così schematizzato: Vediamo che questi 3 microchip vanno sempre alimentati con +5V sul pin 14, mentre il pin 7 va connesso a GND.

7 Half adder Abbiamo precedentemente visto lo schema logico di un half adder. Ora proviamo a implementarlo usando due dei tre microchip appena visti. Lo schema del circuito risulterà pertanto come quello in figura.

8 Full adder Ora proviamo a realizzare un full adder come precedentemente visto. Lo schema del circuito risulterà il seguente. Calcolatrice a più bit Ora proveremo a collegare più full adder in cascata, in modo da ottenere una calcolatrice binaria a tanti bit quanti i full adder usati.

Calcolatori: Algebra Booleana e Reti Logiche

Calcolatori: Algebra Booleana e Reti Logiche Calcolatori: Algebra Booleana e Reti Logiche 1 Algebra Booleana e Variabili Logiche I fondamenti dell Algebra Booleana (o Algebra di Boole) furono delineati dal matematico George Boole, in un lavoro pubblicato

Dettagli

Aritmetica dei Calcolatori 2

Aritmetica dei Calcolatori 2 Laboratorio di Architettura 13 aprile 2012 1 Operazioni bit a bit 2 Rappresentazione binaria con segno 3 Esercitazione Operazioni logiche bit a bit AND OR XOR NOT IN OUT A B A AND B 0 0 0 0 1 0 1 0 0 1

Dettagli

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi:

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi: Modulo 8 Elettronica Digitale Contenuti: Introduzione Sistemi di numerazione posizionali Sistema binario Porte logiche fondamentali Porte logiche universali Metodo della forma canonica della somma per

Dettagli

Algebra booleana e circuiti logici. a cura di: Salvatore Orlando

Algebra booleana e circuiti logici. a cura di: Salvatore Orlando lgebra booleana e circuiti logici a cura di: Salvatore Orlando rch. Elab. - S. Orlando lgebra & Circuiti Elettronici I calcolatori operano con segnali elettrici con valori di potenziale discreti sono considerati

Dettagli

Sottrazione Logica. Sottrattore Parallelo

Sottrazione Logica. Sottrattore Parallelo Sottrazione Logica Il progetto digitale deve provvedere, con sofisticate macchine combinatorie, al supporto di tutte le operazioni aritmetiche; in questa puntata ci occupiamo dei dispositivi chiamati a

Dettagli

Le componenti fisiche di un computer: l hardware

Le componenti fisiche di un computer: l hardware Le componenti fisiche di un computer: l hardware In questa sezione ci occuperemo di come è strutturato e come funziona l hardware di un computer. In particolare, nella Sezione ci occuperemo del punto di

Dettagli

Storia dell informatica

Storia dell informatica Storia dell informatica INFORMATICA INFORMATICA INTRODUZIONE PERCHE' I COMPUTER? LIMITI DELLE CAPACITA' ELABORATIVE UMANE. VELOCITA' LIMITATA 2. PESANTI LIMITI ALLA COMPLESSITA DEI PROBLEMI AFFRONTABILI

Dettagli

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts L algebra di Boole L'algebra di Boole comprende una serie di regole per eseguire operazioni con variabili logiche. Le variabili logiche possono assumere solo due valori. I due possibili stati che possono

Dettagli

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0 Rappresentazione dei numeri I numeri che siamo abituati ad utilizzare sono espressi utilizzando il sistema di numerazione decimale, che si chiama così perché utilizza 0 cifre (0,,2,3,4,5,6,7,8,9). Si dice

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano Breve introduzione storica Nel 1854, il prof. Boole pubblica un trattato ormai famosissimo: Le leggi del pensiero. Obiettivo finale del trattato è di far nascere la matematica dell intelletto umano, un

Dettagli

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole)

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole) 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ANGIOY La Logica Proposizionale (Algebra di Boole) Prof. G. Ciaschetti 1. Cenni storici Sin dagli antichi greci, la logica è intesa come lo studio del logos, che in greco

Dettagli

Algebra Di Boole. Definiamo ora che esiste un segnale avente valore opposto di quello assunto dalla variabile X.

Algebra Di Boole. Definiamo ora che esiste un segnale avente valore opposto di quello assunto dalla variabile X. Algebra Di Boole L algebra di Boole è un ramo della matematica basato sul calcolo logico a due valori di verità (vero, falso). Con alcune leggi particolari consente di operare su proposizioni allo stesso

Dettagli

Componenti combinatori

Componenti combinatori Componenti combinatori Reti combinatorie particolari (5.., 5.3-5.8, 5.) Reti logiche per operazioni aritmetiche Decoder ed encoder Multiplexer Dispositivi programmabili: PROM e PLA Reti combinatorie particolari

Dettagli

Introduzione ai microcontrollori

Introduzione ai microcontrollori Introduzione ai microcontrollori L elettronica digitale nasce nel 1946 con il primo calcolatore elettronico digitale denominato ENIAC e composto esclusivamente di circuiti a valvole, anche se negli anni

Dettagli

manuale d uso e documentazione Descrizione pag. 1 Caratteristiche e specifiche 2 Note tecniche ed avvertenze 2 Layout dispositivo 3

manuale d uso e documentazione Descrizione pag. 1 Caratteristiche e specifiche 2 Note tecniche ed avvertenze 2 Layout dispositivo 3 BMP 198 scheda di controllo motore passo passo manuale d uso e documentazione Descrizione pag. 1 Caratteristiche e specifiche 2 Note tecniche ed avvertenze 2 Layout dispositivo 3 Descrizione comandi e

Dettagli

RETI COMBINATORIE CON USCITE MULTIPLE 1 GENERALITÀ SUI CONVERTITORI DI CODICE Un uso delle porte logiche nei sistemi digitali è quello dei convertitori di codice. I codici più usati comunemente sono: binario,

Dettagli

Algebra di Boole. Le operazioni base sono AND ( ), OR ( + ), NOT ( )

Algebra di Boole. Le operazioni base sono AND ( ), OR ( + ), NOT ( ) Algebra di Boole Circuiti logici: componenti hardware preposti all'elaborazione delle informazioni binarie. PORTE LOGICHE (logical gate): circuiti di base. Allo scopo di descrivere i comportamenti dei

Dettagli

Lezione 2 OPERAZIONI ARITMETICHE E LOGICHE ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE. Lez2 Informatica Sc. Giuridiche Op. aritmetiche/logiche arch.

Lezione 2 OPERAZIONI ARITMETICHE E LOGICHE ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE. Lez2 Informatica Sc. Giuridiche Op. aritmetiche/logiche arch. Lezione 2 OPERAZIONI ARITMETICHE E LOGICHE ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE Comunicazione importante dalla prossima settimana, la lezione del venerdì si terrà: dalle 15:00 alle 17.15 in aula 311 l orario

Dettagli

2AE 2BE [Stesura a.s. 2014/15]

2AE 2BE [Stesura a.s. 2014/15] Monte ore annuo Libro di Testo SETTEMBRE PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE 99 ore di cui 66 di laboratorio Appunti forniti dal docente, G. Chiavola ECDL Syllabus 5.0 Guida all esame per la patente

Dettagli

Memorie ROM (Read Only Memory)

Memorie ROM (Read Only Memory) Memorie ROM (Read Only Memory) Considerando la prima forma canonica, la realizzazione di qualsiasi funzione di m variabili richiede un numero di porte AND pari al numero dei suoi mintermini e di prolungare

Dettagli

1. Operazioni in logica binaria e porte logiche

1. Operazioni in logica binaria e porte logiche 1. Operazioni in logica binaria e porte logiche Espressione di un numero in base 10 (notare a pedice p.es del numero 21); 21 10 =210 1 +110 0 527,98 10 =5 10 2 +2 10 1 +7 10 0 +9 10 1 +8 10 2 407,563 10

Dettagli

Definire all'interno del codice un vettore di interi di dimensione DIM, es. int array[] = {1, 5, 2, 4, 8, 1, 1, 9, 11, 4, 12};

Definire all'interno del codice un vettore di interi di dimensione DIM, es. int array[] = {1, 5, 2, 4, 8, 1, 1, 9, 11, 4, 12}; ESERCIZI 2 LABORATORIO Problema 1 Definire all'interno del codice un vettore di interi di dimensione DIM, es. int array[] = {1, 5, 2, 4, 8, 1, 1, 9, 11, 4, 12}; Chiede all'utente un numero e, tramite ricerca

Dettagli

Cap. 3 Reti combinatorie: analisi e sintesi operatori logici e porte logiche

Cap. 3 Reti combinatorie: analisi e sintesi operatori logici e porte logiche Cap. 3 Reti combinatorie: analisi e sintesi operatori logici e porte logiche 3.1 LE PORTE LOGICHE E GLI OPERATORI ELEMENTARI 3.2 COMPORTAMENTO A REGIME E IN TRANSITORIO DEI CIRCUITI COMBINATORI I nuovi

Dettagli

Capitolo 1 - Numerazione binaria

Capitolo 1 - Numerazione binaria Appunti di Elettronica Digitale Capitolo - Numerazione binaria Numerazione binaria... Addizione binaria... Sottrazione binaria... Moltiplicazione binaria... Divisione binaria... Complementazione... Numeri

Dettagli

Logica combinatoria. La logica digitale

Logica combinatoria. La logica digitale Logica combinatoria La logica digitale La macchina è formata da porte logiche Ogni porta riceve in ingresso dei segnali binari (cioè segnali che possono essere 0 o 1) e calcola una semplice funzione (ND,

Dettagli

Classe 1Q - Appunti MODULO 3 http://lnx.brescianet.com/scuolaforum2011/viewtopic.php?f=18&t=30

Classe 1Q - Appunti MODULO 3 http://lnx.brescianet.com/scuolaforum2011/viewtopic.php?f=18&t=30 Brescianet.com Sito didattico - Prof. Sechi Marco http://lnx.brescianet.com/scuolaforum2011/ Classe 1Q - Appunti MODULO 3 http://lnx.brescianet.com/scuolaforum2011/viewtopic.php?f=18&t=30 Classe 1Q - Appunti

Dettagli

Appunti di informatica. Lezione 2 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio

Appunti di informatica. Lezione 2 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio Appunti di informatica Lezione 2 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio Sistema binario e logica C è un legame tra i numeri binari (0,1) e la logica, ossia la disciplina che si occupa del ragionamento

Dettagli

Comparatori. Comparatori di uguaglianza

Comparatori. Comparatori di uguaglianza Comparatori Scopo di un circuito comparatore é il confronto tra due codifiche binarie. Il confronto può essere effettuato per verificare l'uguaglianza oppure una relazione d'ordine del tipo "maggiore",

Dettagli

SPECIFICHE IOG4AX-HD100-P

SPECIFICHE IOG4AX-HD100-P Via Ettore Majorana, 4 20054 NOVA MILANESE - MI Tel. +39 0362-492-1 Fax +39 0362-44337 SPECIFICHE IOG4AX-HD100-P Modulo di Interfaccia GALIL La scheda IOG4AX-HD ha lo scopo di permettere all'utilizzatore

Dettagli

Big-wifi Descrizione e modalità d uso

Big-wifi Descrizione e modalità d uso TELECONTROLLO VIA RETE BIG-WIFI Big-wifi Descrizione e modalità d uso Rev.1509-1 - Pag.1 di 10 www.carrideo.it INDICE 1. IL TELECONTROLLO BIG-WIFI... 3 1.1. DESCRIZIONE GENERALE... 3 1.1.1. Uscite open-collector...

Dettagli

Indice. 1 Rappresentazione dei dati... 3

Indice. 1 Rappresentazione dei dati... 3 INSEGNAMENTO DI INFORMATICA DI BASE LEZIONE II CODIFICA DELL'INFORMAZIONE PROF. GIOVANNI ACAMPORA Indice 1 Rappresentazione dei dati... 3 1.1. Rappresentazione dei numeri... 3 1.1.1 Rappresentazione del

Dettagli

Architettura degli Elaboratori

Architettura degli Elaboratori Circuiti combinatori slide a cura di Salvatore Orlando, Andrea Torsello, Marta Simeoni 1 Circuiti integrati I circuiti logici sono realizzati come IC (circuiti integrati)! realizzati su chip di silicio

Dettagli

ELETTRONICA DIGITALE PRATICA V

ELETTRONICA DIGITALE PRATICA V Roberto Berardi (Robert8) ELETTRONICA DIGITALE PRATICA V COMPARATOR & 7 SEGMENT DISPLAY 26 July 2012 Introduzione Oggi ci divertiamo con qualche esperimento col comparatore digitale 74LS85. Potrebbe sempre

Dettagli

Configurazioni degli Ingressi con 80C31

Configurazioni degli Ingressi con 80C31 Configurazioni degli Ingressi con 80C31 Pulsante o interruttore (verso massa) VCC S1 10K IN PUSH=0 RELEASE=1 Il modo più semplice di collegare un pulsante o un interruttore al Microcontrollore 80C31 è

Dettagli

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014 Tracking ADC M. De Vincenzi 1 Introduzione La digitalizzazione di segnali analogici si realizza tramite dispositivi che vengono detti ADC (acronimo per Analog

Dettagli

LOGICA BINARIA E CIRCUITI

LOGICA BINARIA E CIRCUITI LOGICA BINARIA E CIRCUITI 1. Espressioni e calcolo algebrico. 2 2. Funzioni booleiane. 3 3. Operatori logici 5 4. Espressioni logiche. 6 5. Il teorema fondamentale 8 6. e circuiti. 9 7. Relè 10 8. Reti

Dettagli

RETI E SOTTORETI. Copyright 2010 Marco Salatin Pagina 1

RETI E SOTTORETI. Copyright 2010 Marco Salatin Pagina 1 RETI E SOTTORETI Copyright 2010 Marco Salatin Pagina 1 COME CREARE UNA RETE DI COMPUTER Le maschere di rete Una maschera è uno schema usato per filtrare precisi caratteri o numeri da stringhe di caratteri

Dettagli

L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI

L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI Scienza ed industria hanno oggi costituito legami molto forti di collaborazione che hanno portato innovazione tecnologica sia a livello organizzativo-amministrativo

Dettagli

Cenni di logica & algebra booleana

Cenni di logica & algebra booleana Cenni di algebra booleana e dei sistemi di numerazione Dr. Carlo Sansotta - 25 2 Parte Cenni di logica & algebra booleana 3 introduzione L elaboratore elettronico funziona secondo una logica a 2 stati:

Dettagli

Macchine combinatorie

Macchine combinatorie Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Macchine combinatorie Lezione 10 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Analisi e Sintesi di un sistema 1/2 Per analisi di

Dettagli

Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE

Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE Andrea Bobbio Anno Accademico 2000-2001 Algebra Booleana 2 Calcolatore come rete logica Il calcolatore può essere visto come una rete logica

Dettagli

Convertitori numerici in Excel

Convertitori numerici in Excel ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA Convertitori numerici in Excel Prof. G. Ciaschetti Come attività di laboratorio, vogliamo realizzare dei convertitori numerici con Microsoft Excel

Dettagli

Encoder 1.60. Encoder 1 su 15. Descrizione. Codifica filo per piano max. 15 piani + 2 frecce + segnale di movimento

Encoder 1.60. Encoder 1 su 15. Descrizione. Codifica filo per piano max. 15 piani + 2 frecce + segnale di movimento Displays ACCESSORI DISPLAY Encoder Encoder 1 su 1 Il dispositivo Encoder è necessario per una codifica 1 filo per piano con display concepiti per codice binario. Il dispositivo Encoder converte i segnali

Dettagli

Così come le macchine meccaniche trasformano

Così come le macchine meccaniche trasformano DENTRO LA SCATOLA Rubrica a cura di Fabio A. Schreiber Il Consiglio Scientifico della rivista ha pensato di attuare un iniziativa culturalmente utile presentando in ogni numero di Mondo Digitale un argomento

Dettagli

FT536 DISPLAY GIGANTE 3 IN 1: ORA, DATA, TEMPERATURA 1/5 FT536 CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO

FT536 DISPLAY GIGANTE 3 IN 1: ORA, DATA, TEMPERATURA 1/5 FT536 CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO DISPLAY GIGANTE 3 IN 1: ORA, DATA, TEMPERATURA Sulla scia dei differenti tipi di display multifunzionali già presentati, ecco un nuovo dispositivo che utilizza i moduli giganti a sette segmenti con led

Dettagli

Introduzione. è uguale a 0, spostamento di dati da una parte della memoria del calcolatore ad un altra.

Introduzione. è uguale a 0, spostamento di dati da una parte della memoria del calcolatore ad un altra. Appunti di Calcolatori Elettronici Modello di macchina multilivello Introduzione... 1 Linguaggi, livelli e macchine virtuali... 3 La struttura a livelli delle macchine odierne... 4 Evoluzione delle macchine

Dettagli

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense Linguaggio del calcolatore Circuiti e reti combinatorie ppendice + dispense Solo assenza o presenza di tensione: o Tante componenti interconnesse che si basano su e nche per esprimere concetti complessi

Dettagli

Laboratorio di Architettura degli Elaboratori - A.A. 2012/13

Laboratorio di Architettura degli Elaboratori - A.A. 2012/13 Università di Udine - Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Architettura degli Elaboratori - A.A. 2012/13 Circuiti logici, lezione 1 Sintetizzare

Dettagli

[RELAZIONE DI LABORATORIO DI ELETTRONICA 2]

[RELAZIONE DI LABORATORIO DI ELETTRONICA 2] Angelo Antonio Salatino Politecnico di Bari Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Anno Accademico 2009/2010 Disciplina: Docente: V. Passaro [ [RELAZIONE DI LABORATORIO DI ELETTRONICA 2] INVERTITORE,

Dettagli

Codifica binaria dei numeri relativi

Codifica binaria dei numeri relativi Codifica binaria dei numeri relativi Introduzione All interno di un calcolatore, è possibile utilizzare solo 0 e 1 per codificare qualsiasi informazione. Nel caso dei numeri, non solo il modulo ma anche

Dettagli

Circuiti logici. Parte xxv

Circuiti logici. Parte xxv Parte xxv Circuiti logici Operatori logici e porte logiche....................... 729 Operatori unari....................................... 730 Connettivo AND...................................... 730

Dettagli

Il PLC per tutti PRATICA

Il PLC per tutti PRATICA Settima parte: Settembre 2007 I Relays e la gestione dei dati Ottava parte: Ottobre 2007 Utilizzare il modulo Led a 7 segmenti giganti Nona parte: Novembre 2007 Applicazioni con i display a 7 segmenti

Dettagli

Dispense di Informatica per l ITG Valadier

Dispense di Informatica per l ITG Valadier La notazione binaria Dispense di Informatica per l ITG Valadier Le informazioni dentro il computer All interno di un calcolatore tutte le informazioni sono memorizzate sottoforma di lunghe sequenze di

Dettagli

MA 434 MODULO ALLARMI PER IP DSLAM

MA 434 MODULO ALLARMI PER IP DSLAM MA 434 MODULO ALLARMI PER IP DSLAM MONOGRAFIA DESCRITTIVA EDIZIONE Novembre 2005 MON. 232 REV. 2.0 1 di 14 INDICE 1.0 GENERALITÁ 03 2.0 INTERFACCE 03 3.0 CARATTERISTICHE TECNICHE 07 3.1 CARATTERISTICHE

Dettagli

ALGEBRA DELLE PROPOSIZIONI

ALGEBRA DELLE PROPOSIZIONI Università di Salerno Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Corso B Docente: Ing. Giovanni Secondulfo Anno Accademico 2010-2011 ALGEBRA DELLE PROPOSIZIONI Fondamenti di Informatica Algebra

Dettagli

Chapter 1. Circuiti sequenziali: macchine a stati

Chapter 1. Circuiti sequenziali: macchine a stati Chapter 1 Circuiti sequenziali: macchine a stati Nella prima parte del corso ci siamo occupati dei circuiti combinatori. In un circuito combinatorio con un ouput Z funzione degli input X 1 ; : : : X n,

Dettagli

Una calcolatrice a due cifre

Una calcolatrice a due cifre Una calcolatrice a due cifre L idea di realizzare questo circuito è nata da un paio di topic sul forum di Grix. Ci si chiedeva se fosse possibile realizzare una calcolatrice per eseguire somme e sottrazioni

Dettagli

ENCODER. Fig. 1. attivi C B A. APPUNTI DI ELETTRONICA ENCODER DECODER rel. 01/06 Prof. Domenico Di Stefano pag. 19

ENCODER. Fig. 1. attivi C B A. APPUNTI DI ELETTRONICA ENCODER DECODER rel. 01/06 Prof. Domenico Di Stefano pag. 19 ENCODER Gli encoder (codificatori) sono dispositivi elettronici che trasformano una informazione non binaria ( ottale, decimale, codice gray, ecc.) in un codice binario. Ad esempio l encoder di Fig. 1

Dettagli

LABORATORIO DI ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI lezione n 2. http://digilander.libero.it/rosario.cerbone

LABORATORIO DI ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI lezione n 2. http://digilander.libero.it/rosario.cerbone LABORATORIO DI ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI lezione n 2 Prof. Rosario Cerbone rosario.cerbone@libero.it http://digilander.libero.it/rosario.cerbone a.a. 2007-2008 Logica Combinatoria una rete combinatoria

Dettagli

ESERCITAZIONI PRATICHE: Ø Creazione di un decoder BCD/DEC con porte logiche. Ø Esercitazione con decoder 4511 e display 7 segmenti.

ESERCITAZIONI PRATICHE: Ø Creazione di un decoder BCD/DEC con porte logiche. Ø Esercitazione con decoder 4511 e display 7 segmenti. BCD 7 SEGMENTI Il display BCD 7 segmenti è un visualizzatore di numeri che possono andare da zero a nove, ed è un dispositivo optoelettrico, cioè fornisce luce all applicazione di tensione ai suoi capi.

Dettagli

APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE

APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE ITIS MARCONI-GORGONZOLA docente :dott.ing. Paolo Beghelli pag.1/24 Indice 1.ELETTRONICA DIGITALE 4 1.1 Generalità 4 1.2 Sistema di numerazione binario 4 1.3 Operazioni con

Dettagli

Aritmetica binaria sui numeri relativi (somme e sottrazioni) e Unità aritmetiche

Aritmetica binaria sui numeri relativi (somme e sottrazioni) e Unità aritmetiche Aritmetica binaria sui numeri relativi (somme e sottrazioni) e Unità aritmetiche Esercizi da laboratorio ed esercizi per l esame 30 ottobre 20 Reti Logiche Numeri relativi: rappresentazione in complemento

Dettagli

per(il(corso(di(architetture(dei(sistemi(di(elaborazione(

per(il(corso(di(architetture(dei(sistemi(di(elaborazione( Esercizi(Assembler(8086(e(ARM( per(il(corso(di(architetture(dei(sistemi(di(elaborazione( Prof.(Mezzalama,(Ing.(Bernardi( v1.0marzo2013 Autore:MaggioLuigi E6mail:luis_may86@libero.it Portfolio:http://www.luigimaggio.altervista.org

Dettagli

Università degli Studi di Messina Cattedra di Chirurgia Generale Prof. Salvatore Gorgone. Informatica

Università degli Studi di Messina Cattedra di Chirurgia Generale Prof. Salvatore Gorgone. Informatica Università degli Studi di Messina Cattedra di Chirurgia Generale Prof. Salvatore Gorgone Informatica Informatica = Informazione automatica Philippe Dreyfus 962 Scienza che studia i sistemi per l elaborazione

Dettagli

Informatica. Appunti della lezione 11

Informatica. Appunti della lezione 11 Informatica Appunti della lezione 11 Architettura dei calcolatori La maggior parte degli strumenti informatici oggi in uso si basano sull architettura di Von Neumann E un modello astratto che include tutti

Dettagli

la conversione digitale/analogica

la conversione digitale/analogica Conversione A/D-D/A Esiste la possibilità di mettere in comunicazione un dispositivo analogico con uno digitale. -Un segnale analogico è un segnale che varia con continuità, al quale possono essere associate

Dettagli

Che cos è la barriera luminosa?

Che cos è la barriera luminosa? BARRIERA LUMINOSA Che cos è la barriera luminosa? Pezzi da contare Diodo IR o Laser (emittente) Pezzi contati Direzione del nastro trasportatore FOTODIODO (ricevitore) Direzione del nastro trasportatore

Dettagli

Gli oscillatori a basso jitter: perché si sentono

Gli oscillatori a basso jitter: perché si sentono Gli oscillatori a basso jitter: perché si sentono Guido Tent, Novembre 2000 Introduzione In un lettore CD è necessario un clock stabile per una corretta conversione D/A. Il clock è un segnale elettrico

Dettagli

Descrizione VHDL di componenti combinatori

Descrizione VHDL di componenti combinatori Descrizione VHDL di componenti combinatori 5 giugno 2003 1 Decoder Il decoder è un componente dotato di N ingressi e 2 N uscite. Le uscite sono poste tutte a 0 tranne quella corrispondente al numero binario

Dettagli

Unità realizzata con la collaborazione dell alunno GIANMARCO BERTONATI (Elaborato d Esame a.s.:2011/2012 classe 3 D)

Unità realizzata con la collaborazione dell alunno GIANMARCO BERTONATI (Elaborato d Esame a.s.:2011/2012 classe 3 D) 1 Unità realizzata con la collaborazione dell alunno GIANMARCO BERTONATI (Elaborato d Esame a.s.:2011/2012 classe 3 D) 2 circuito realizzato dall alunno Gianmarco Bertonati grazie al quali ha potuto spiegare

Dettagli

2. Generalità sui circuiti digitali

2. Generalità sui circuiti digitali 2. Generalità sui circuiti digitali 2.1 Segnali elettrici e variabili logiche Pur essendo la maggior parte delle grandezze fisiche in natura rappresentabili con segnali analogici, si é trovato molto spesso

Dettagli

Appunti di Logica Matematica

Appunti di Logica Matematica Appunti di Logica Matematica Francesco Bottacin 1 Logica Proposizionale Una proposizione è un affermazione che esprime un valore di verità, cioè una affermazione che è VERA oppure FALSA. Ad esempio: 5

Dettagli

Algebra di Boole. Le operazioni, nell algebra booleana sono basate su questi tre operatori: AND ( ), OR ( + ),NOT ( )

Algebra di Boole. Le operazioni, nell algebra booleana sono basate su questi tre operatori: AND ( ), OR ( + ),NOT ( ) Algebra di Boole L algebra di Boole prende il nome da George Boole, matematico inglese (1815-1864), che pubblicò un libro nel 1854, nel quale vennero formulati i principi dell'algebra oggi conosciuta sotto

Dettagli

Il corso di INFORMATICA

Il corso di INFORMATICA Docente: Maurizio QUARTA Il corso di INFORMATICA BIOTECNOLOGIE 25/6 6 CFU E-mail: maurizio.quarta@unisalento.it m.quarta@alice.it Tel: 832-297532 Ricevimento: martedi dalle 9.3 alle.3 altri giorni per

Dettagli

I Sistemi di numerazione e la rappresentazione dei dati

I Sistemi di numerazione e la rappresentazione dei dati I Sistemi di numerazione e la rappresentazione dei dati LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI (1) Per utilizzare un computer è necessario rappresentare in qualche modo le informazioni da elaborare e il

Dettagli

Matematica Computazionale Lezione 4: Algebra di Commutazione e Reti Logiche

Matematica Computazionale Lezione 4: Algebra di Commutazione e Reti Logiche Matematica Computazionale Lezione 4: Algebra di Commutazione e Reti Logiche Docente: Michele Nappi mnappi@unisa.it www.dmi.unisa.it/people/nappi 089-963334 ALGEBRA DI COMMUTAZIONE Lo scopo di questa algebra

Dettagli

ELETTRONICA II. Prof. Dante Del Corso Prof. Pierluigi Civera Esercitazioni e laboratorio: Ing. Claudio Sansoe. Politecnico di Torino

ELETTRONICA II. Prof. Dante Del Corso Prof. Pierluigi Civera Esercitazioni e laboratorio: Ing. Claudio Sansoe. Politecnico di Torino ELETTRONICA II Lezioni: Prof. Dante Del Corso Prof. Pierluigi Civera Esercitazioni e laboratorio: Ing. Claudio Sansoe Politecnico di Torino Lezioni Gruppo B rev 7 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi) DISCIPLINA A.S. 2011-12 di dipartimento individuale del/i docenti Sarro Alessandro Mete Nicola per la classe 4TIEL 1) PREREQUISITI Concetti di matematica,fisica ed elettrotecnica. 2) SITUAZIONE DI PARTENZA

Dettagli

Dispense di elettronica digitale per il corso di LAB 2 B

Dispense di elettronica digitale per il corso di LAB 2 B Dispense di elettronica digitale per il corso di LAB 2 B Prof. Flavio Fontanelli Versione 1.2 5 aprile 2006 Copyright 2000-2005. Questo documento è protetto dalla legge sul diritto di autore, e di proprietà

Dettagli

Ricerca e Sviluppo di Innovazioni Tecnologiche. TecnoaXess503 Specifiche Tecniche

Ricerca e Sviluppo di Innovazioni Tecnologiche. TecnoaXess503 Specifiche Tecniche Specifiche Tecniche Pagina 2 Terminale di controllo accessi 503 TecnoRS Specifiche Tecniche Rev. 00 EDIZIONE Maggio 2008 Pagina 3 Indice 1 Generalità... 3 1.1 Descrizione del dispositivo... 3 1.2 Caratteristiche

Dettagli

cablaggi, distanze, connettori v1 (nov. 07)

cablaggi, distanze, connettori v1 (nov. 07) Guida d approfondimento ORDERMAN cablaggi, distanze, connettori v1 (nov. 07) Pagina2 Cablaggi e distanze La connessione tra porta seriale del PC/cassa e della stazione base RF Orderman avviene tramite

Dettagli

Resuscitare un router DLink-604+

Resuscitare un router DLink-604+ Resuscitare un router DLink-604+ Vincenzo La Spesa 2006 Copyright (c) 2006 by Vincenzolaspesa@gmail.com.This material may be distributed only subject to the terms and conditions set forth in the Open Publication

Dettagli

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica D.Gamba,P.P.Trapani April 9, 2004 1 1 Circuiti Digitali Integrati: Timer, ADC e DAC In questo Lab. si imparera ad usare alcuni circuiti integrati

Dettagli

DISPLAY LCD SMALL PROGRAMMABILE

DISPLAY LCD SMALL PROGRAMMABILE Rev. n. 07 Data: 24/11/09 hardware 1.2 frw 2.3 DISPLAY LCD SMALL PROGRAMMABILE Display di piano per ogni tipologia di impianto Display di cabina per le piattaforme elevatrici ICARO_DPLXX Manuale di programmazione

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

DOWNGRADE AL FW 3.55 DELLE PS3 CON NOR

DOWNGRADE AL FW 3.55 DELLE PS3 CON NOR DOWNGRADE AL FW 3.55 DELLE PS3 CON NOR Per procedere avremo bisogno di: - un ProgSkeet - Una PS3 Fat 80GB oppure una Qualsiasi Ps3 Slim con Fw superiore al 3.55 ma che NATIVAMENTE (quindi al primo avvio

Dettagli

Servizio Fonia Cloud PBX

Servizio Fonia Cloud PBX Servizio Fonia Cloud PBX Manuale utente Telefono VoIP Snom 710 e servizi offerti dalla piattaforma Cloud PBX Acantho Revisioni del documento Revisione Autore Data Descrizione 1.0 P. Pianigiani 12/12/2014

Dettagli

PICLOCK. Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica. Ivancich Stefano. Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici

PICLOCK. Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica. Ivancich Stefano. Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici PICLOCK Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica Ivancich Stefano Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici Istituto tecnico C. Zuccante Mestre A.S. 2013/2014 progetto n

Dettagli

Esempi ed esercizi Aritmetica degli elaboratori e algebra di commutazione

Esempi ed esercizi Aritmetica degli elaboratori e algebra di commutazione Esempi ed esercizi Aritmetica degli elaboratori e algebra di commutazione Fondamenti di Informatica Michele Ceccarelli Università del Sannio ceccarelli@unisannio.it Angelo Ciaramella DMI-Università degli

Dettagli

Algebra booleana. Si dice enunciato una proposizione che può essere soltanto vera o falsa.

Algebra booleana. Si dice enunciato una proposizione che può essere soltanto vera o falsa. Algebra booleana Nel lavoro di programmazione capita spesso di dover ricorrere ai principi della logica degli enunciati e occorre conoscere i concetti di base dell algebra delle proposizioni. L algebra

Dettagli

Servizio Fonia Cloud PBX

Servizio Fonia Cloud PBX Servizio Fonia Cloud PBX Manuale utente Telefono VoIP Polycom VVX 400 e servizi offerti dalla piattaforma Cloud PBX Acantho Revisioni del documento Revisione Autore Data Descrizione 1.0 P. Pianigiani 11/12/2014

Dettagli

Lezione 4. Figura 1. Schema di una tastiera a matrice di 4x4 tasti

Lezione 4. Figura 1. Schema di una tastiera a matrice di 4x4 tasti Lezione 4 Uno degli scogli maggiori per chi inizia a lavorare con i microcontroller, è l'interfacciamento con tastiere a matrice. La cosa potrebbe a prima vista sembrare complessa, ma in realtà è implementabile

Dettagli

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati.

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati. IL PLC 1/9 Storia Il motivo per il quale nacque il PLC fu la necessità di eliminare i costi elevati per rimpiazzare i sistemi complicatissimi basati su relè. Nel anni 70 la società Beadford Associates

Dettagli

Manuale d uso. Regolatore di carica REGDUO. per camper, caravan, barche, bus e altri mezzi in movimento ITALIANO

Manuale d uso. Regolatore di carica REGDUO. per camper, caravan, barche, bus e altri mezzi in movimento ITALIANO Manuale d uso Regolatore di carica REGDUO per camper, caravan, barche, bus e altri mezzi in movimento ITALIANO INSTALLAZIONE È consigliabile utilizzare cavi di lunghezza più corta possibile, per ridurre

Dettagli

Progetto Esami Di Stato Anno 2014/2015

Progetto Esami Di Stato Anno 2014/2015 Progetto Esami Di Stato Anno 2014/2015 Candidato: Ardilio Angelica Classe: 5 B - I.T.I.S. Elettronica ed Elettrotecnica. T.P.S.E.E. Tecnologia & Progettazione di Sistemi Elettrici ed Elettronici ARDUINO.

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

! ISO/ASA 25 50 100 200 400 800 1600 3200

! ISO/ASA 25 50 100 200 400 800 1600 3200 Rolleiflex T (Type 1)" Capire l esposizione Una breve guida di Massimiliano Marradi mmarradi.it Prima di tutto occorre scegliere il modo in cui valutare l esposizione. Se valutativa, quindi a vista, useremo

Dettagli

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE Ing. Paolo Domenici SISTEMI A MICROPROCESSORE PREFAZIONE Il corso ha lo scopo di fornire i concetti fondamentali dei sistemi a microprocessore in modo semplice e interattivo. È costituito da una parte

Dettagli

TENERE a distanza le persone non qualificate e non autorizzate dell area del test DISPORRE le stazioni di test in maniera sicura e ordinata MAI

TENERE a distanza le persone non qualificate e non autorizzate dell area del test DISPORRE le stazioni di test in maniera sicura e ordinata MAI TENERE a distanza le persone non qualificate e non autorizzate dell area del test DISPORRE le stazioni di test in maniera sicura e ordinata MAI toccare prodotti o connessioni durante lo svolgimento di

Dettagli

Lezione 1 Caratteristiche principali del PIC16C84 L'hardware

Lezione 1 Caratteristiche principali del PIC16C84 L'hardware Lezione 1 Nella prima lezione del corso, cercheremo di comprendere come sia fatto internamente il controller più conosciuto di Microchip, ovvero il PIC16C84 poi evoluto nel PIC16F84. Sebbene i microcontroller

Dettagli