Laboratorio 8 Convertitore Analogico/Digitale Parte I. Figura 8-2. VI di LabVIEW per simulare un ADC a rampa a 8 bit

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Laboratorio 8 Convertitore Analogico/Digitale Parte I. Figura 8-2. VI di LabVIEW per simulare un ADC a rampa a 8 bit"

Transcript

1 Laboratorio 8 Convertitore Analogico/Digitale Parte I Laboratorio 8 Convertitore Analogico/Digitale Parte I Il convertitore Analogico/Digitale, noto come convertitore A/D o ADC, è il secondo componente chiave che consente di collegare gli ambienti analogico e digitale. L ADC è il fondamento dei voltmetri digitali, dei multimetri digitali, degli analizzatori multicanale, degli oscilloscopi e di molti altri strumenti. Ci sono molti diverse tecniche per realizzare gli ADC; i convertitori più comuni sono del tipo a rampa, a inseguimento e per approssimazioni successive. Questo laboratorio presenta i convertitori A/D del tipo a rampa e a inseguimento. Scopo del convertitore Analogico/Digitale Lo scopo del convertitore ADC è di produrre un numero binario digitale che sia proporzionale al segnale analogico in ingresso. Il processo di conversione nella sua essenza è mostrato nello schema seguente. ADC a rampa Figura 8-1. Architettura di un convertitore Analogico/Digitale a 8 bit Un contatore crea una sequenza binaria di prova la sua uscita digitale viene convertita in una tensione analogica utilizzando un convertitore Digitale/Analogico. Il DAC è un elemento fondamentale di molti circuiti ADC ed è stato analizzato nel laboratorio 7 (è opportuno ripassare il suo funzionamento se non avete familiarità con il DAC). La tensione generata dal DAC viene quindi confrontata con il segnale in ingresso. Se il segnale di ingresso è maggiore del segnale generato internamente, il contatore viene incrementato per portare il segnale generato internamente il più vicino possibile al segnale in ingresso. Il processo continua fino a quando il comparatore cambia segno; a quel punto il livello del segnale generato internamente sarà pari, a meno di un bit, al valore del segnale in ingresso. Aumentando il numero di bit del contatore e del DAC aumenta la risoluzione della conversione. Gli ADC a rampa utilizzano un contatore binario per generare una forma d'onda a rampa. In questa dimostrazione, si usa un contatore binario a 8 bit in salita, Binary Counter.vi, insieme al DAC a 8 bit, DAC.vi (introdotto nel laboratorio precedente) per generare la forma d onda di riferimento. Il livello del segnale di riferimento sale National Instruments Corporation 8-1 Elementi di Elettronica Digitale

2 Laboratorio 8 Convertitore Analogico/Digitale Parte I da 0 a 255, ripetendosi ciclicamente se il programma viene lasciato in esecuzione. Quando il livello del segnale di riferimento diventa maggiore, o in questo caso uguale, al livello del segnale in ingresso, il comparatore cambia segno e si ferma. Figura 8-2. VI di LabVIEW per simulare un ADC a rampa a 8 bit L ultimo valore presente sui bit binari (b7-b0) è il valore digitalizzato della tensione in ingresso; nella simulazione realizzata con LabVIEW si è scelto di introdurre un tempo di attesa di 60 ms per consentire di seguire lo svolgersi delle operazioni. La funzione comparatore viene simulata con la funzione Equal di LabVIEW. Caricate ed eseguite il VI Ramp.vi e seguitene il funzionamento sul pannello frontale. Provate altri valori per la tensione in ingresso e osservate che il tempo di conversione dipende dal valore della tensione. Figura 8-3. Pannello frontale LabVIEW di un convertitore ADC a 8 bit. Il LED Comparator cambia di stato quando il valore numerico del segnale di riferimento supera la tensione in ingresso Nella simulazione successiva, Ramp4.vi, il contatore binario è in esecuzione libera. Ogni volta che il segnale di riferimento è maggiore del segnale in ingresso, il comparatore cambia segno. L'intersezione della forma d onda a rampa con la tensione in ingresso è visualizzata graficamente, e il valore binario del contatore nel punto di intersezione è il segnale digitalizzato; la transizione del comparatore segnala il verificarsi dell'evento. National Instruments Corporation 8-2 Elementi di Elettronica Digitale

3 Laboratorio 8 Convertitore Analogico/Digitale Parte I Se il cambiamento di stato del comparatore azzera il contatore binario, viene simulato un vero ADC a rampa. In questo caso, il contatore binario viene sostituito dal contatore binario con reset presentato nel laboratorio 6. Caricate il VI Ramp2.vi e osservatene il funzionamento; notate che appena il livello del segnale di riferimento raggiunge il livello del segnale in ingresso, il contatore binario viene azzerato e il ciclo di generazione della rampa ricomincia dall'inizio. Nella figura sottostante la tensione in ingresso è stata cambiata tre volte. Figura 8-4. Il grafico che mostra l'adc a rampa in funzione Una caratteristica interessante, tipica dell'adc a rampa, è che il tempo di conversione dipende dall ampiezza del segnale di ingresso. Segnali di ingresso di valore modesto sono digitalizzati più velocemente di segnali molto ampi; il tempo di conversione dipende quindi dal segnale di ingresso e dalla velocità di clock del circuito. Per un DAC a 8 bit il fatto che il tempo di conversione sia variabile può non essere un problema quando il clock ha frequenze dell'ordine dei megahertz, ma per i DAC a 12 bit questa caratteristica rappresenta un inconveniente. L'ADC a rampa funziona altrettanto bene con un contatore a decremento che effettua il conteggio da 255 a 0. Il cambio di stato del comparatore segnala anche in questo caso che il contatore binario ha generato un segnale di riferimento il cui livello è uguale a quello del segnale in ingresso. La sfida in LabVIEW Progettate un ADC a rampa che utilizzi un contatore a decremento per generare la forma d onda di riferimento. Potreste utilizzare un contatore up/down per valutare il livello del segnale in ingresso? La risposta è sì; questa tecnica di conversione è chiamata "ADC a inseguimento" e possiede un tempo di conversione inferiore. ADC a inseguimento La prima attività compiuta da un ADC a inseguimento è di usare una qualche tecnica, come la forma d onda a rampa, per capire qual è il livello del segnale in ingresso. A quel punto, indicato graficamente dall intersezione della rampa con il segnale in ingresso, l algoritmo di inseguimento prende il controllo del sistema. National Instruments Corporation 8-3 Elementi di Elettronica Digitale

4 Laboratorio 8 Convertitore Analogico/Digitale Parte I Figura 8-5. L'ADC a inseguimento deve raggiungere per prima cosa il livello del segnale in ingresso e poi ne inizia l'inseguimento L algoritmo alla base di questa tecnica di conversione è semplice, se livello di riferimento superiore al livello del segnale, diminuisci il contatore di 1 se invece livello di riferimento inferiore al livello del segnale, aumenta il contatore di 1 e ripeti continuamente. Nell esempio seguente, viene usata la tecnica della rampa positiva per giungere sino al valore del segnale in ingresso pari a Una volta raggiunto questo valore, entra in gioco l algoritmo di inseguimento. Espandendo la scala verticale, potete vedere l algoritmo in azione Figura 8-6. Uscita dell' ADC in inseguimento quando il segnale in ingresso è costante Se il livello del segnale in ingresso cambia, l ADC deve ritornare a una forma d'onda a rampa per trovare il nuovo valore del segnale; se il clock è sufficientemente veloce, l'algoritmo di inseguimento può riuscire a mantenere il passo, ma se il segnale cambia troppo velocemente, il segnale digitalizzato viene perso sino a che la tensione di riferimento interna non riesce a raggiungere il valore del segnale in ingresso. In pratica è la velocità con cui il DAC si adegua al nuovo valore che limita la massima frequenza in ingresso per l'adc a inseguimento. National Instruments Corporation 8-4 Elementi di Elettronica Digitale

5 Laboratorio 8 Convertitore Analogico/Digitale Parte I Figura 8-7. Un cambiamento improvviso nel livello di ingresso determina l'adeguamento del livello del segnale di riferimento sino al nuovo livello. Dato che l ADC a inseguimento utilizza un contatore up/down, si presenta lo stesso problema quando il segnale in ingresso improvvisamente scende al di sotto del livello del segnale di riferimento. L'ADC a inseguimento utilizza una rampa decrescente (Figura 8-8) per diminuire il valore del segnale di riferimento sino a che raggiunge il livello del segnale in ingresso. Figura 8-8. Una diminuzione del livello del segnale in ingresso determina la discesa del livello dl segnale di riferimento sino al nuovo valore. Si è utilizzato il VI chiamato Tracking ADC.vi per presentare questa tecnica e per generare tutti i grafici mostrati in precedenza. L algoritmo mostrato nel diagramma a blocchi è abbastanza semplice. L'implementazione dell'algoritmo avviene utilizzando la funzione Select di LabVIEW ed il registro a scorrimento nel ciclo While. Figura 8-9. VI di LabVIEW per l'adc a inseguimento La funzione Wait è impostata a 0.10 secondi in modo che l utente possa osservare il funzionamento del programma sul pannello frontale. Potete utilizzare inoltre lo strumento Operate value per ingrandire la scala dell asse verticale nel corso della simulazione. Per osservare come l'algoritmo è in grado di inseguire un valore in National Instruments Corporation 8-5 Elementi di Elettronica Digitale

6 Laboratorio 8 Convertitore Analogico/Digitale Parte I ingresso variabile, riducete la costante di ingresso per la funzione Wait rappresentata nella Figura 8-9 a 1 ms. VI del Laboratorio 8 (in ordine di presentazione) Ramp.vi (ADC a rampa a 8 bit, conversione rallentata per un osservazione più comoda) Ramp4.vi (ADC rampa senza feedback dal comparatore) Ramp2.vi (ADC rampa a 8 bit con rappresentazione grafica dell'uscita) Tracking ADC1.vi Binary Counter.vi (subvi contatore binario a 8 bit) BIN_RST.vi (subvi contatore binario a 8 bit con reset esterno) DAC.vi (SubVI DAC a 8 bit) FlipFlop.vi (subvi) National Instruments Corporation 8-6 Elementi di Elettronica Digitale

7 Laboratorio 9 Convertitori Analogico/Digitali, Parte II Laboratorio 9 Convertitori Analogico/Digitali, Parte II Nell ultimo laboratorio, i contatori binari up/down sono stati utilizzati per creare forme d onda di riferimento per gli ADC a rampa e a inseguimento. Un altro ADC molto usato è basato su una forma d onda di riferimento creata da un registro ad approssimazioni successive (SAR, dall inglese Successive Approximation Register). Questi ADC sono significativamente più veloci degli ADC a rampa e hanno un tempo di conversione costante e noto. I SAR fanno uso di uno schema di ponderazione binaria generando ciascun bit in successione dal bit più significativo (MSB, dall inglese Most Significant Bit) al bit meno significativo (LSB, dall inglese Least Significant Bit). L algoritmo SAR è il seguente: 1. Azzera il registro SAR e imposta il DAC a zero. 2. Imposta l'msb di SAR: Se V DAC è maggiore di V in, allora disattiva il bit. se invece VDAC è minore di Vin, lascia il bit attivo. 3. Ripete il passo 2 per il successivo MSB, fino a che tutti gli n bit del SAR sono stati impostati e controllati 4. Dopo n cicli, l uscita digitale del SAR conterrà il valore digitalizzato del segnale di ingresso. Questo algoritmo può essere meglio compreso con l aiuto di un grafico che mostra il livello del segnale in ingresso e la forma d onda DAC prodotta dal SAR. Supponiamo di applicare all'ingresso di un circuito DAC il valore 153. Il numero 153 è pari a In notazione binaria, leggendo da destra a sinistra, il numero è = ( ) 2 L algoritmo SAR richiede che il bit più significativo, di valore 128, sia elaborato per primo. Essendo 128 minore di 153, MSB viene mantenuto impostato a 1. La miglior stima dopo il primo ciclo è ( ). Durante il ciclo successivo, il successivo MSB, che vale 64, viene sommato alla stima migliore (in questo caso, = 192). Dato che 192 è maggiore di 153, questo bit non viene impostato, e quindi la stima migliore resta ( ). Durante il ciclo seguente, il successivo bit che vale 32 produce un valore di controllo pari a = 160. Come prima, il valore di controllo è maggiore del valore in ingresso, il bit non viene impostato e la stima migliore resta ( ). Nel ciclo seguente, il successivo valore di controllo è 16 che dà = 144. Questo valore è minore di 153, quindi questo bit viene impostato a 1. Dopo 4 cicli, la stima migliore è ( ). I cicli rimanenti si possono osservare nella simulazione di LabVIEW per un convertitore Analogico/Digitale ad approssimazioni successive. National Instruments Corporation 9-1 Elementi di Elettronica Digitale

8 Laboratorio 9 Convertitori Analogico/Digitali, Parte II Nella figura sottostante il grafico in funzione del tempo mostra esattamente questo processo. La linea piena rappresenta il valore di controllo per ogni ciclo, mentre la linea tratteggiata è il valore in ingresso di 153. Eseguendo anche i quattro cicli successivi si genera il valore binario finale visualizzato con otto indicatori LED. Figura 9-1. Il metodo delle approssimazioni successive usato per digitalizzare la tensione in ingresso Caricate il VI chiamato SAR.vi ed eseguitelo in modalità continua. Potete utilizzare lo strumento Operate value per cambiare il valore in ingresso; la forma d'onda generata dall'algoritmo SAR seguirà diligentemente questo valore, impiegando in tutti i casi 8 cicli per digitalizzare il valore in ingresso. Il tempo di assestamento dell'msb dell uscita DAC rappresenta il vincolo fondamentale per la velocità di conversione. Molti ADC basati su SAR hanno tempi di conversione inferiori a 100 ms. Figura 9-2. Valore digitalizzato di un ADC SAR visualizzato come vettore Booleano Un secondo VI, SAR0.vi, opera in modo rallentato in modo che si possa osservare ciascun ciclo. Il livello di ingresso è impostato a 153. Il livello di collaudo è l uscita DAC, con ogni valore di bit sommato alla precedente stima migliore, come discusso in precedenza. Il valore digitalizzato è la miglior stima del livello di ingresso dopo 8 cicli. Il vettore Booleano degli indicatori mostra il valore binario della miglior stima nel modo in cui è stata sviluppata, dopo 8 cicli il vettore contiene il valore digitalizzato. National Instruments Corporation 9-2 Elementi di Elettronica Digitale

9 Laboratorio 9 Convertitori Analogico/Digitali, Parte II Simulazione SAR La simulazione in LabVIEW è piuttosto complessa, come lo è anche un vero chip SAR. Per questo motivo il diagramma a blocchi SAR0.vi verrà analizzato in due parti - prima l algoritmo SAR, e poi la rappresentazione binaria effettuata con un array Booleano. Il bit di controllo si forma prendendo il numero 256 e dividendolo successivamente per due otto volte in un registro a scorrimento. La sequenza che si leggerà sull'indicatore Bit Value è (128, 64, 32,16, 8, 4, 2, 1) mentre il contatore del ciclo va da 0 a 7. Il nono ciclo è necessario per caricare il valore iniziale nei registri a scorrimento. Il valore di controllo è costruito sommando il nuovo valore del bit alla precedente migliore stima. La funzione di confronto decide se il bit corrente deve essere incluso nella nuova migliore stima. Dopo 8 cicli di SAR, la migliore stima è il valore digitalizzato. Figura 9-3. Simulazione in LabVIEW dell algoritmo SAR utilizzando i registri a scorrimento Per generare una rappresentazione binaria della migliore stima viene utilizzato un accumulatore Booleano sotto forma di un registro a scorrimento Booleano. Il bit di controllo (Test Bit), sia esso alto o basso, viene inserito nel vettore dopo ogni ciclo utilizzando la funzione Replace Array Element di LabVIEW. Il valore Booleano Vero (TRUE) o Falso (FALSE) è inserito nel vettore Booleano al valore dell indice specificato dal contatore del ciclo. Inizialmente, il vettore a otto elementi è inizializzato a FALSE per assicurare che tutti i LED del vettore Booleano siano spenti. Figura 9-4. Simulazione in LabVIEW di un SAR utilizzando i vettori National Instruments Corporation 9-3 Elementi di Elettronica Digitale

10 Laboratorio 9 Convertitori Analogico/Digitali, Parte II Durante il calcolo della migliore stima, viene visualizzato sul pannello frontale il valore binario digitalizzato. Dopo 8 cicli, il valore binario è completo, e il suo equivalente decimale è identico al valore digitalizzato mostrato sul display numerico. La funzione stringa Format and Strip di LabVIEW formatta qualunque stringa in ingresso come un numero in base allo schema di conversione che le viene fornito. In SAR_Hex.vi, una stringa di due caratteri che rappresenta un valore esadecimale da $00 a $FF viene convertita in una cifra numerica da 0 a 255 e digitalizzata utilizzando l algoritmo SAR con i vettori. Provate ad eseguire questo VI. In sintesi Negli ultimi due laboratori sono stati presentati e analizzati 3 tipi di convertitori Analogico/Digitale L'ADC a rampa è concettualmente il più semplice, ma ha lo svantaggio di avere un tempo di conversione variabile proporzionale all ampiezza del segnale di ingresso. L'ADC a inseguimento è il convertitore più veloce, sempre che non avvengano cambiamenti rapidi nel livello del segnale di ingresso. La scelta complessivamente migliore è l ADC ad approssimazioni successive, con tempo di conversione costante e noto. VI del Laboratorio 9 (in ordine di presentazione) SAR.vi (ADC ad approssimazioni successive basate sui registri) SAR0.vi (versione rallentata dell ADC SAR per osservare il processo di conversione) SAR_Hex.vi (ADC SAR con ingresso esadecimale) National Instruments Corporation 9-4 Elementi di Elettronica Digitale

11 Laboratorio 10 Display Digitale a Sette Segmenti Laboratorio 10 Display Digitale a Sette Segmenti I display digitali collegano il mondo digitale di uni e zeri con il mondo dei numeri degli uomini. Avete visto come rappresentazioni parallele di uni e zeri possano rappresentare numeri binari, esadecimali o digitali. Per la maggior parte degli strumenti più semplici, i display digitali utilizzano i numeri 0-9 e sono realizzati utilizzando display a sette segmenti. Ogni segmento viene controllato da un singolo bit, e le combinazioni di segmenti in posizione ON o OFF possono visualizzare tutti i numeri 0-9 e qualche carattere, come per esempio A, b, c, d, E e F. Display a Sette Segmenti Il display a LED a sette segmenti utilizza sette diodi che emettono luce e che sono disposti in modo tale da formare il numero 8, come è mostrato nella figura seguente: Figura Display a sette segmenti che utilizza sette LED a barra I singoli segmenti vengono codificati con le lettere a, b, c, d, e, f, g e ordinati in senso orario, con l ultimo segmento (g) utilizzato come barra centrale. Quando si alimenta un LED con polarizzazione diretta esso emette luce. Si può costruire un segmento disponendo il LED in orizzontale o in verticale. Molti dispositivi di uscita, come le porte parallele dei computer, hanno un'ampiezza di 8 bit. In alcuni display a sette segmenti è anche disponibile un ottavo diodo di forma rotonda per indicare il punto decimale. Eseguite il VI 7 Segment.vi, una simulazione in LabVIEW di un display a sette segmenti. Provate diverse combinazioni degli interruttori. National Instruments Corporation 10-1 Elementi di Elettronica Digitale

12 Laboratorio 10 Display Digitale a Sette Segmenti Quanti caratteri alfabetici si possono visualizzare? Figura Simulazione in LabVIEW di un display a sette segmenti I bit di ingresso 0-7 sono rappresentati da otto interruttori Booleani. I segmenti corrispondenti nel display a sette segmenti sono tradizionalmente indicati con le lettere a g e dp (posizione decimale, dall inglese decimal place). Il bit 0, meno significativo, è collegato al segmento a, il successivo bit 1 è collegato al segmento b e così via. Il bit più significativo in uscita, il bit 7, è spesso collegato ad un ottavo LED e utilizzato come punto decimale. Agendo sugli interruttori si possono visualizzare tutti i numeri e qualche carattere. Dopo aver fatto qualche prova, tentate di far apparire il messaggio help call 911 un carattere alla volta. La maggior parte dei display a sette segmenti è azionata da un codificatore che converte un nibble binario (pari a mezzo byte) in un valore numero, che sua volta attiva i segmenti opportuni del display. Il primo passo nella simulazione LabVIEW è di convertire i nibble binari composti da 4 bit in un numero compreso tra 0 e 15. Il VI chiamato Bin->Digit.vi simula questa operazione. Figura Pannello frontale del programma di conversione da binario a digitale a 4 bit. Nel diagramma a blocchi, un convertitore digitale/analogico a 4 bit completa le operazioni necessarie. National Instruments Corporation 10-2 Elementi di Elettronica Digitale

13 Laboratorio 10 Display Digitale a Sette Segmenti Figura VI di LabVIEW per un convertitore digitale/analogico a 4 bit Il passo successivo consiste nel convertire le cifre da 0 a 15 nell opportuno a visualizzazione sul display a sette segmenti. Per i numeri da 10 a 15, viene usato un unico carattere esadecimale [A F]. In Encoder Hex.vi si utilizzano comandi Case multipli per fornire la funzione di codifica. Il terminale? del Case è collegato ad un controllo numerico predisposto per consentire la selezione di un solo numero intero. Il numero 0 genera il codice a sette segmenti per zero, il numero 1 genera il codice per 1, e così via sino a F. Le costanti Booleane all interno di ogni istruzione Case sono opportunamente inizializzate in modo da generare il codice a sette segmenti corretto. Figura VI di LabVIEW per Display Numerici/Sette Segmenti Il numero esadecimale all'interno del riquadro del Case è la rappresentazione esadecimale della configurazione di 8 bit necessaria per rappresentare il numero #n. Ogni uscita ha un unico indirizzo che deve essere selezionato prima che i dati possano essere scritti o letti dal mondo reale. L indirizzo corretto deve essere inserito nel pannello frontale per accedere alla porta. In questa simulazione l indirizzo aziona il comando di esecuzione. National Instruments Corporation 10-3 Elementi di Elettronica Digitale

14 Laboratorio 10 Display Digitale a Sette Segmenti Figura Codificatore e visualizzatore in un display esadecimale a sette segmenti Selezionate l indirizzo della porta 1 ed eseguite Encoder.vi. Con lo strumento Operate value fate click sul controllo a scorrimento e provate i diversi valori tra 0 a 15. Potrete vedere tutti i numeri codificati come caratteri esadecimale a sette segmenti. Questi due VI, Bin->Digit.vi ed Encoder.vi, possono essere combinati per costruire codificatore e un display binario/sette segmenti. Figura Architettura di un circuito che effettua la conversione e la visualizzazione da binario a sette segmenti. In generale, l ingresso dovrebbe essere un numero a 4 bit e l uscita un codice a sette segmenti corrispondente alla configurazione di bit binari in ingresso. Prima di tutto, il nibble binario viene convertito in 16 uscite che selezionano il codice a sette segmenti idoneo e vengono infine trasferite ad un display a sette segmenti. Caricate ed eseguite il VI Display7.vi, che esegue queste operazioni. National Instruments Corporation 10-4 Elementi di Elettronica Digitale

15 Laboratorio 10 Display Digitale a Sette Segmenti Figura Pannello frontale del VI da binario a sette segmenti. La sfida in LabVIEW Progettate un contatore a due cifre che conti da 0 a 99. Utilizzate il contatore binario a 8 bit del laboratorio 6 modificato per contare in decimale. VI del Laboratorio 10 (in ordine di presentazione) 7Segment.vi (simulazione in LabVIEW di un display a sette segmenti) Bin->Digit.vi (convertitore digitale/analogico a 4 bit) Encoder Hex.vi (display a sette segmenti, versione esadecimale) Display7.vi (display esadecimale codificato binario/sette segmenti) National Instruments Corporation 10-5 Elementi di Elettronica Digitale

16 Laboratorio 10 Display Digitale a Sette Segmenti Note National Instruments Corporation 10-6 Elementi di Elettronica Digitale

17 Laboratorio 11 Comunicazione seriale Laboratorio 11 Comunicazione seriale La maggior parte degli strumenti, dei controller e dei computer sono dotati di una interfaccia seriale. La capacità di comunicare con questi dispositivi attraverso un interfaccia seriale apre nuovi orizzonti alle applicazioni di misurazione e controllo. Il formato seriale standard, RS-232, stabilisce l ordine dei bit e l aspetto della forma d onda sia nell'andamento temporale che in ampiezza. Nella configurazione più essenziale sono necessarie solo tre linee di comunicazione tra un computer ed un dispositivo esterno: trasmetti (Transmit), ricevi (Receive) e massa (Ground) di riferimento. Figura Linee di comunicazione seriale Nella comunicazione seriale un livello alto viene chiamato stato Mark, mentre il livello basso è detto stato Space. Nel corso del normale funzionamento, la linea di uscita è in uno stato alto, spesso indicato come 1 o come True Booleano in LabVIEW. Il trasmettitore segnala al ricevente che sta per spedire i dati portando la linea di trasmissione allo stato basso, cioè Space (0). Questa transizione negativa, o fronte discendente, segnala al ricevente che deve prepararsi a ricevere i dati in ingresso. Nella comunicazione RS-232, tutti i bit di dati vengono spediti e mantenuti per un periodo di tempo costante. Questo intervallo di tempo è il reciproco del baud rate, la frequenza della trasmissione dei dati misurata in bit al secondo. Ad esempio, un baud rate pari a 300 ha un periodo di 1/300 di secondo ovvero 3.33 ms. All inizio di ogni intervallo di tempo, la linea di uscita viene posta alta o bassa e quindi mantenuta in quello stato per tutto l intervallo. Questa transizioni ed i corrispondenti livelli di segnale creano una forma d onda seriale. Considerate un byte di dati a 8 bit $3A (oppure ( ) in cifre binarie). Per la comunicazione seriale il protocollo richiede che il bit meno significativo, b0, sia trasmesso per primo ed il bit più significativo, b7, per ultimo. Per convenzione, il tempo è rappresentato come se scorresse da sinistra a destra, perciò il suddetto bit di dati sarà trasmesso come ( ), in ordine inverso. Figura In una trasmissione seriale viene spedito prima LSB (b0) Il protocollo richiede inoltre che i byte di dati siano racchiusi tra due bit speciali, il bit di Start (stato Space) ed il bit di Stop (stato Mark). National Instruments Corporation 11-1 Elementi di Elettronica Digitale

18 Laboratorio 11 Comunicazione seriale Figura I bit di Start and Stop racchiudono i byte di dati Nel complesso sono necessari 10 cicli di temporizzazione per inviare un byte di dati. Se ogni byte rappresenta un carattere ASCII, vengono spediti 10 bit seriali per ogni carattere. Ad esempio, un modem da 9600 baud è in grado di inviare 960 caratteri al secondo.in termini di andamento temporale, la forma d onda seriale RS-232 per la trasmissione del byte di dati $3A sarà di questo tipo. Figura Forma d onda seriale Trasmettitore seriale In LabVIEW, un trasmettitore seriale può essere realizzato utilizzando un registro a scorrimento ed un ciclo di ritardo che simula il baud rate. Lanciate il VI Serial.vi. Figura Simulazione in LabVIEW di un trasmettitore seriale Sul pannello frontale potete introdurre il byte dei dati nel registro a scorrimento agendo sugli otto interruttori. Osservate che l ordine dei bit in notazione esadecimale pone il bit più significativo a sinistra, quindi $33 viene inserito come ( ). I dati però fuoriescono in ordine inverso, cioè viene trasmesso prima il bit meno significativo. L uscita seriale viene visualizzata tramite il grosso LED quadrato; all inizio è nello stato Mark. Prima dell esecuzione tutti i bit di dati e i bit accessori sono impostati a zero. Appena viene premuto il pulsante Run, $33 è caricato nel registro a scorrimento, il bit finale (Stop) diventa 1 e quello iniziale (Start) diventa 0. Il bit di uscita immediatamente va nello stato off (spento), segnalando l inizio della trasmissione. Dopo un ritardo pari a (1/baud rate) viene emesso il bit successivo. Il diagramma a blocchi visualizza l algoritmo usato dal trasmettitore. National Instruments Corporation 11-2 Elementi di Elettronica Digitale

19 Laboratorio 11 Comunicazione seriale Figura Il diagramma a blocchi in LabVIEW per la simulazione della trasmissione seriale Il primo bit che viene trasmesso (Start) è inizializzato allo stato Space (0), corrispondente al valore Booleano FALSE. Gli otto elementi seguenti sono i byte dei dati in sequenza, dal bit meno significativo a quello più significativo. L ultimo elemento del registro a scorrimento (il bit Stop) è inizializzato allo stato Mark (1), corrispondente al valore Booleano TRUE. Il VI, quando viene richiamato, esegue il ciclo 10 volte e ogni ciclo genera un bit seriale. Una struttura con il comando Wait simula "la base dei tempi" pari a 1/baud rate. Via via che i dati vengono trasmessi lungo la linea seriale, il registro a scorrimento è riempito con 1, per garantire che l uscita sarà nello stato Mark alla fine della trasmissione, dopo 10 cicli. Figura Buffer del trasmettitore dopo la trasmissione del byte dati Diventa più semplice visualizzare le forme d onda seriali scrivendo l uscita seriale su un oscilloscopio o su un registratore a carta. Nel secondo VI, Serial1.vi, l uscita seriale viene convertita in notazione numerica e scritta nel diagramma di LabVIEW. Selezionando opportunamente i simboli e le caratteristiche di interpolazione, il tracciato assomiglierà a quello di un oscilloscopio, e potrete vedere le forme d onda seriali trasmesse con valori di baud rate bassi. La figura seguente mostra le forme d onda per i numeri $00 ( ), $55 ( ), e $FF ( ). National Instruments Corporation 11-3 Elementi di Elettronica Digitale

20 Laboratorio 11 Comunicazione seriale Figura Forme d onda seriali per trasmissione ripetitiva dello stesso byte di dati. Osservate che nel caso centrale, $55, sull uscita seriale si genera un onda quadra. Una volta costruito, il convertitore parallelo/seriale può essere salvato come un subvi e utilizzato in altri programmi. In generale questo VI avrà otto ingressi binari per l ingresso parallelo del byte di dati, una uscita binaria per il flusso di bit seriali e un vettore numerico per la rappresentazione grafica. Trasmissione in seriale di una tensione In questa prima applicazione un valore numerico, compreso tra 0 e 255, simula un ingresso analogico. RampADC.vi, introdotto nel laboratorio 9, converte il segnale analogico in un numero binario a 8 bit, che viene trasferito a sua volta al convertitore parallelo/seriale. Per osservare il segnale, la forma d onda seriale viene trasferita in un vettore e visualizzata graficamente sul pannello frontale. Figura Il trasmettitore seriale utilizza i SubVI di LabVIEW Caricate il VI chiamato V->Serial.vi ed osservate le forme d onda seriali. Ogni numero compreso tra 0 e 255 produrrà una diversa forma d onda. Provate i byte di dati $00, $5 e $FF per verificare le forme d onda mostrate nella figura Nel secondo esempio, una stringa ASCII codificata esadecimale a due caratteri viene immessa in un subvi chiamato Hex->Numeric.vi, che converte i caratteri esadecimali in numeri. National Instruments Corporation 11-4 Elementi di Elettronica Digitale

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi:

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi: Modulo 8 Elettronica Digitale Contenuti: Introduzione Sistemi di numerazione posizionali Sistema binario Porte logiche fondamentali Porte logiche universali Metodo della forma canonica della somma per

Dettagli

Misure di frequenza e di tempo

Misure di frequenza e di tempo Misure di frequenza e di tempo - 1 Misure di frequenza e di tempo 1 - Contatori universali Schemi e circuiti di riferimento Per la misura di frequenza e di intervalli di tempo vengono diffusamente impiegati

Dettagli

Elementi di Elettronica Digitale

Elementi di Elettronica Digitale Elementi di Elettronica Digitale Professor Barry Paton Dalhousie University Traduzione italiana Settembre 2000 basata sull edizione inglese Marzo 1998 a cura di CT2 Srl (http://www.ct2.it) Copyright 1998

Dettagli

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Giuseppe Nicosia CdL in Matematica (Laurea Triennale) Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Università di Catania Bit e loro Memorizzazione Definizioni Algoritmo: una

Dettagli

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A)

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) ELABORAZIONE ANALOGICA O DIGITALE DEI SEGNALI ELABORAZIONE ANALOGICA ELABORAZIONE DIGITALE Vantaggi dell elaborazione

Dettagli

la conversione digitale/analogica

la conversione digitale/analogica Conversione A/D-D/A Esiste la possibilità di mettere in comunicazione un dispositivo analogico con uno digitale. -Un segnale analogico è un segnale che varia con continuità, al quale possono essere associate

Dettagli

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014 Tracking ADC M. De Vincenzi 1 Introduzione La digitalizzazione di segnali analogici si realizza tramite dispositivi che vengono detti ADC (acronimo per Analog

Dettagli

Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013

Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013 Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013 In questo documento vengono illustrate brevemente le operazioni aritmetiche salienti e quelle logiche ad esse strettamente collegate.

Dettagli

acquisire informazioni su grandezze analogiche, trasformandole in stringhe di bit

acquisire informazioni su grandezze analogiche, trasformandole in stringhe di bit Convertitori analogico/digitali Un convertitore analogico digitale ha la funzione inversa a quella di un convertitore DAC, poiché il suo scopo è quello di permetter ad un sistema a microprocessore di acquisire

Dettagli

COMUNICAZIONE SERIALE

COMUNICAZIONE SERIALE LA COMUNICAZIONE SERIALE Cod. 80034-02/2000 1 INDICE GENERALE Capitolo 1 Introduzione alla comunicazione seriale Pag. 3 Capitolo 2 Protocollo CENCAL Pag. 19 Capitolo 3 Protocollo MODBUS Pag. 83 2 CAPITOLO

Dettagli

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0 Rappresentazione dei numeri I numeri che siamo abituati ad utilizzare sono espressi utilizzando il sistema di numerazione decimale, che si chiama così perché utilizza 0 cifre (0,,2,3,4,5,6,7,8,9). Si dice

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dell informazione negli elaboratori

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dell informazione negli elaboratori Informazione e computer Si può rappresentare l informazione attraverso varie forme: Numeri Testi Suoni Immagini 0001010010100101010 Computer Cerchiamo di capire come tutte queste informazioni possano essere

Dettagli

Programmazione dello Z80

Programmazione dello Z80 Il microprocessore si incarica di: gestire il programma e i suoi dati di eseguire i calcoli richiesti. Le azioni appena elencate rendono necessario che il microprocessore abbia da qualche parte, al suo

Dettagli

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità.

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. I METODI DI NUMERAZIONE I numeri naturali... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. Il numero dei simboli usati per valutare la numerosità costituisce la base

Dettagli

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C.

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. L automazione di un qualunque procedimento industriale si ottiene mediante un insieme d apparecchiature, opportunamente collegate tra loro, in modo

Dettagli

Capitolo 8 - Protocollo Modbus RTU per Drive SIRCO

Capitolo 8 - Protocollo Modbus RTU per Drive SIRCO Capitolo 8 - Protocollo Modbus RTU per Drive SIRCO 8.1 Introduzione I parametri Drive vengono riferiti nel capitolo come registri Modbus di 16 bit; un parametro Drive di 32 bit occupa quindi 2 registri

Dettagli

Lezione 2 OPERAZIONI ARITMETICHE E LOGICHE ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE. Lez2 Informatica Sc. Giuridiche Op. aritmetiche/logiche arch.

Lezione 2 OPERAZIONI ARITMETICHE E LOGICHE ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE. Lez2 Informatica Sc. Giuridiche Op. aritmetiche/logiche arch. Lezione 2 OPERAZIONI ARITMETICHE E LOGICHE ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE Comunicazione importante dalla prossima settimana, la lezione del venerdì si terrà: dalle 15:00 alle 17.15 in aula 311 l orario

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 05 La rappresentazione dell informazione Carla Limongelli Ottobre 2011 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ La rappresentazione

Dettagli

Informatica B a.a 2005/06 (Meccanici 4 squadra) PhD. Ing. Michele Folgheraiter

Informatica B a.a 2005/06 (Meccanici 4 squadra) PhD. Ing. Michele Folgheraiter Informatica B a.a 2005/06 (Meccanici 4 squadra) Scaglione: da PO a ZZZZ PhD. Ing. Michele Folgheraiter Architettura del Calcolatore Macchina di von Neumann Il calcolatore moderno è basato su un architettura

Dettagli

DATAPROCESS INDUSTRIA S.p.A. INDICE 1. CONFIGURAZIONE DEL VISORE 1 2. ACCENSIONE DELLO STRUMENTO 1 3. OPERAZIONI DI PESATURA 2

DATAPROCESS INDUSTRIA S.p.A. INDICE 1. CONFIGURAZIONE DEL VISORE 1 2. ACCENSIONE DELLO STRUMENTO 1 3. OPERAZIONI DI PESATURA 2 Indice INDICE 1. CONFIGURAZIONE DEL VISORE 1 2. ACCENSIONE DELLO STRUMENTO 1 3. OPERAZIONI DI PESATURA 2 3.1. PESATURA SEMPLICE 2 3.2. TARA SEMIAUTOMATICA 2 3.3. BLOCCO DELLA TARA 3 4. TASTIERA 3 5. INTERFACCIA

Dettagli

(71,1), (35,1), (17,1), (8,1), (4,0), (2,0), (1,0), (0,1) 0, 7155 2 = 1, 431 0, 431 2 = 0, 862 0, 896 2 = 1, 792 0, 724 2 = 1, 448 0, 448 2 = 0, 896

(71,1), (35,1), (17,1), (8,1), (4,0), (2,0), (1,0), (0,1) 0, 7155 2 = 1, 431 0, 431 2 = 0, 862 0, 896 2 = 1, 792 0, 724 2 = 1, 448 0, 448 2 = 0, 896 2 Esercizio 2.2 La rappresentazione esadecimale prevede 16 configurazioni corrispondenti a 4 bit. Il contenuto di una parola di 16 bit può essere rappresentato direttamente con 4 digit esadecimali, sostituendo

Dettagli

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE Ing. Paolo Domenici SISTEMI A MICROPROCESSORE PREFAZIONE Il corso ha lo scopo di fornire i concetti fondamentali dei sistemi a microprocessore in modo semplice e interattivo. È costituito da una parte

Dettagli

FONDAMENTI DI LOGICA DIGITALE 1 DL 3155E20 LOGICA. Blocchi funzionali. Argomenti teorici

FONDAMENTI DI LOGICA DIGITALE 1 DL 3155E20 LOGICA. Blocchi funzionali. Argomenti teorici L1 LOGICA FONDAMENTI DI LOGICA DIGITALE 1 Concetti di logica: teoremi fondamentali dell'algebra booleana Sistema binario Funzioni logiche Descrizione algebrica delle reti logiche e le tavole della verità

Dettagli

Informazione analogica e digitale

Informazione analogica e digitale L informazione L informazione si può: rappresentare elaborare gestire trasmettere reperire L informatica offre la possibilità di effettuare queste operazioni in modo automatico. Informazione analogica

Dettagli

ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE

ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE 1. INTRODUZIONE In questo capitolo viene presentata la struttura, sia interna che esterna, di un microprocessore generico riprendendo i concetti esposti nella

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE

APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE ITIS MARCONI-GORGONZOLA docente :dott.ing. Paolo Beghelli pag.1/24 Indice 1.ELETTRONICA DIGITALE 4 1.1 Generalità 4 1.2 Sistema di numerazione binario 4 1.3 Operazioni con

Dettagli

Acquisizione dati e digitalizzazione

Acquisizione dati e digitalizzazione Acquisizione dati e digitalizzazione Il trattamento digitale dei dati Informatica ed elettronica sono due discipline innovative che hanno caratterizzato l epoca moderna. Queste due discipline operano in

Dettagli

Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors)

Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors) Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors) Il microprocessore è un dispositivo integrato digitale che può essere programmato con una serie di istruzioni per effettuare una specifica

Dettagli

PLC Sistemi a Logica Programmabile

PLC Sistemi a Logica Programmabile PLC Sistemi a Logica Programmabile Prof. Nicola Ingrosso Guida di riferimento all applicazione applicazione dei Microcontrollori Programmabili IPSIA G.Ferraris Brindisi nicola.ingrosso @ ipsiaferraris.it

Dettagli

CAPITOLO 16 ACQUISIZIONE ED ELABORAZIONE DEI SEGNALI

CAPITOLO 16 ACQUISIZIONE ED ELABORAZIONE DEI SEGNALI 352 CAPITOLO 16 ACQUISIZIONE ED ELABORAZIONE DEI SEGNALI Un settore importante dell'elettronica che svolge la funzione di interfaccia tra le grandezze fisiche reali e quelle elettriche è il settore che

Dettagli

ALGEBRA BOOLEANA FONDAMENTI DI INFORMATICA 1. Algebra di Boole. Definizione NOT, AND, OR

ALGEBRA BOOLEANA FONDAMENTI DI INFORMATICA 1. Algebra di Boole. Definizione NOT, AND, OR Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica, Chimica, Elettrica e Meccanica FONDAMENTI DI INFORMATICA 1 http://www.diee.unica.it/~marcialis/fi1 A.A. 2010/2011 Docente: Gian

Dettagli

TECNICHE AVANZATE DI I/O. Al loro livello più basso, tutti i file scritti sull hard disk. Training per esperti SU FILE

TECNICHE AVANZATE DI I/O. Al loro livello più basso, tutti i file scritti sull hard disk. Training per esperti SU FILE Training per esperti TECNICHE AVANZATE DI I/O SU FILE Spesso, la decisione di dividere in processi differenti la produzione dei dati dall uso degli stessi viene presa perché occorre scrivere i dati su

Dettagli

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Corso di Misure per la Automazione e la Produzione Industriale (Studenti Ingegneria Elettrica e Meccanica V anno Vecchio Ordinamento) Misure per la Automazione e la Qualità (Studenti Ingegneria Elettrica

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica Architetture degli Elaboratori

Corso di Laurea in Informatica Architetture degli Elaboratori Corso di Laurea in Informatica Architetture degli Elaboratori Corsi A e B Esonero del 25 maggio 2005 Esercizio 1 (punti 3) Una scheda di memoria di un telefono cellulare mette a disposizione 8Mbyte di

Dettagli

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale di Calcolatori Elettronici Rappresentazione dei dati numerici Aritmetica dei registri Anno Accademico 2012/2013 Alessandra Scotto di Freca Si ringrazia

Dettagli

SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI

SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI Il Sistema di Numerazione Decimale Il sistema decimale o sistema di numerazione a base dieci usa dieci cifre, dette cifre decimali, da O a 9. Il sistema decimale è un sistema

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ERBORISTICHE E DEI PRODOTTI NUTRACEUTICI

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ERBORISTICHE E DEI PRODOTTI NUTRACEUTICI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ERBORISTICHE E DEI PRODOTTI NUTRACEUTICI Informatica con esercitazioni Prof. Onofrio Greco Modulo 1 Concetti di base dell ICT Modulo 2 Uso del Computer e Gestione dei File Modulo

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Part. Y1792A - 06/06-01 PC. Protocollo di comunicazione seriale Modbus

Part. Y1792A - 06/06-01 PC. Protocollo di comunicazione seriale Modbus Part. Y1792A - 06/06-01 PC Protocollo di comunicazione seriale Modbus 3 INDICE 1. Protocollo Modbus Pag. 4 1.1 Impostazione parametri di comunicazione Pag. 4 2. Protocollo Modbus RTU Pag. 5 2.1 Funzioni

Dettagli

SISTEMA DI RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI E. Giordani

SISTEMA DI RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI E. Giordani SISTEMA DI RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI E. Giordani LEMS- Laboratorio Elettronico per la Musica Sperimentale Conservatorio di Musica G. Rossini- Pesaro,QWURGX]LRQH Tutti i FDOFRODWRUL HOHWWURQLFL

Dettagli

9. Conversione Analogico/Digitale

9. Conversione Analogico/Digitale Dipartimento di Ingegneria Elettrica Università di Pavia Corso di Misure Elettriche Capitolo 9 9. Conversione Analogico/Digitale http://ims.unipv.it/~piero/misure.html 9.1. Generalità In un convertitore

Dettagli

Le componenti fisiche di un computer: l hardware

Le componenti fisiche di un computer: l hardware Le componenti fisiche di un computer: l hardware In questa sezione ci occuperemo di come è strutturato e come funziona l hardware di un computer. In particolare, nella Sezione ci occuperemo del punto di

Dettagli

PROVA INTRACORSO TRACCIA A Pagina 1 di 6

PROVA INTRACORSO TRACCIA A Pagina 1 di 6 PROVA INTRACORSO DI ELEMENTI DI INFORMATICA MATRICOLA COGNOME E NOME TRACCIA A DOMANDA 1 Calcolare il risultato delle seguenti operazioni binarie tra numeri interi con segno rappresentati in complemento

Dettagli

L informatica comprende:

L informatica comprende: Varie definizioni: INFORMATICA Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione Definizione proposta: Scienza della rappresentazione e dell elaborazione dell informazione

Dettagli

Esercizi di base per l apprendimento di LabView

Esercizi di base per l apprendimento di LabView Esercizi di base per l apprendimento di LabView Esercizio 1 Conversione di temperatura Realizzare un VI in grado di convertire una temperatura impostata mediante un controllo di tipo knob da C a F Soluzione

Dettagli

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Corso di Strumentazione e Misure per l Automazione (Studenti Ingegneria Meccanica II anno Laurea Magistrale curr. Automazione e Produzione) I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Andrea Bernieri bernieri@unicas.it

Dettagli

39 Il linguaggio grafico a contatti

39 Il linguaggio grafico a contatti 39 Il linguaggio grafico a contatti Diagramma a contatti, ladder, diagramma a scala sono nomi diversi usati per indicare la stessa cosa, il codice grafico per la programmazione dei PLC con il linguaggio

Dettagli

L architettura del calcolatore (Prima parte)

L architettura del calcolatore (Prima parte) L architettura del calcolatore (Prima parte) Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Calcolatore astratto e reale Concetto astratto

Dettagli

Taratura di un multicanale

Taratura di un multicanale COSO DI LABOATOIO DI FISICA A Scopo dell esperienza è la verifica della relazione lineare tra il canale individuato da un analizzatore multicanale (M.C.A.) e la carica elettrica media relativa a segnali

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Rappresentazione binaria - operazioni. riporti

Un ripasso di aritmetica: Rappresentazione binaria - operazioni. riporti Un ripasso di aritmetica: Rappresentazione binaria - operazioni A queste rappresentazioni si possono applicare le operazioni aritmetiche: riporti 1 1 0 + 1 0 = 1 0 0 24 Un ripasso di aritmetica: Rappresentazione

Dettagli

Conversione dati (A/D) e (D/A) Sommario

Conversione dati (A/D) e (D/A) Sommario I.T.I.S. "Antonio Meucci" di Roma Conversione dati (A/D) e (D/A) a cura del Prof. Mauro Perotti Anno Scolastico 2009-2010 Sommario Introduzione...3 1. Conversione D/A...3 1.1 Il DAC a resistori pesati...

Dettagli

Architettura hardware

Architettura hardware Architettura dell elaboratore Architettura hardware la parte che si può prendere a calci Sistema composto da un numero elevato di componenti, in cui ogni componente svolge una sua funzione elaborazione

Dettagli

90.1 Sistemi di numerazione. 90.1.1 Sistema decimale. 605 Capitolo 90 Dai sistemi di numerazione all organizzazione della memoria

90.1 Sistemi di numerazione. 90.1.1 Sistema decimale. 605 Capitolo 90 Dai sistemi di numerazione all organizzazione della memoria 605 Capitolo 90 Dai sistemi di numerazione all organizzazione della memoria 90.1 Sistemi di numerazione.................................................... 605 90.1.1 Sistema decimale..................................................

Dettagli

la scienza della rappresentazione e della elaborazione dell informazione

la scienza della rappresentazione e della elaborazione dell informazione Sistema binario Sommario informatica rappresentare informazioni la differenza Analogico/Digitale i sistemi di numerazione posizionali il sistema binario Informatica Definizione la scienza della rappresentazione

Dettagli

ENCODER. Fig. 1. attivi C B A. APPUNTI DI ELETTRONICA ENCODER DECODER rel. 01/06 Prof. Domenico Di Stefano pag. 19

ENCODER. Fig. 1. attivi C B A. APPUNTI DI ELETTRONICA ENCODER DECODER rel. 01/06 Prof. Domenico Di Stefano pag. 19 ENCODER Gli encoder (codificatori) sono dispositivi elettronici che trasformano una informazione non binaria ( ottale, decimale, codice gray, ecc.) in un codice binario. Ad esempio l encoder di Fig. 1

Dettagli

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Rappresentazione dell Informazione

Dettagli

Tecnica basata su Relazioni I/O Motore: Marcia/Motore/Arresto

Tecnica basata su Relazioni I/O Motore: Marcia/Motore/Arresto SIMULAZIONE: Tecnica basata su Relazioni I/O Motore: Marcia/Motore/Arresto Richiamare con il menu «Strumenti» la voce «Simula unità» Click qui In alternativa posso usare questo bottone Chiudere eventuali

Dettagli

11010010 = 1*2^7 + 1*2^6 + 0*2^5 + 1*2^4 + 0*2^3 + 0*2^2 + 1*2^1 + 0*2^0 = 210

11010010 = 1*2^7 + 1*2^6 + 0*2^5 + 1*2^4 + 0*2^3 + 0*2^2 + 1*2^1 + 0*2^0 = 210 Il sistema BINARIO e quello ESADECIMALE. Il sistema di numerazione binario è particolarmente legato ai calcolatori in quanto essi possono riconoscere solo segnali aventi due valori: uno alto e uno basso;

Dettagli

Verificare il funzionamento delle memorie RAM Saper effettuare misure di collaudo. Dip switch Pulsante n.a. Octal tri-state buffer IC2 = MM 2114

Verificare il funzionamento delle memorie RAM Saper effettuare misure di collaudo. Dip switch Pulsante n.a. Octal tri-state buffer IC2 = MM 2114 SCH 31 Scrittura/lettura RAM Obiettivi Strumenti e componenti Verificare il funzionamento delle memorie RAM Saper effettuare misure di collaudo S1 S5 P1 IC1 = 74LS244 Dip switch Pulsante n.a. Octal tri-state

Dettagli

PLC Programmable Logic Controller

PLC Programmable Logic Controller PLC Programmable Logic Controller Sistema elettronico, a funzionamento digitale, destinato all uso in ambito industriale, che utilizza una memoria programmabile per l archiviazione di istruzioni orientate

Dettagli

Classe III specializzazione elettronica. Elettrotecnica e elettronica

Classe III specializzazione elettronica. Elettrotecnica e elettronica Classe III specializzazione elettronica Elettrotecnica e elettronica Macro unità n 1 Sistema binario e porte logiche Sistema di numerazione binario: conversioni binario-decimale e decimale-binario Porte

Dettagli

L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI

L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI Scienza ed industria hanno oggi costituito legami molto forti di collaborazione che hanno portato innovazione tecnologica sia a livello organizzativo-amministrativo

Dettagli

[http://www.di.univaq.it/muccini/labarch]

[http://www.di.univaq.it/muccini/labarch] [http://www.di.univaq.it/muccini/labarch] Modulo di Laboratorio di Architettura degli Elaboratori Corso di Architettura degli Elaboratori con Laboratorio Docente: H. Muccini Lecture 3: Introduzione a SPIM

Dettagli

Logica e codifica binaria dell informazione

Logica e codifica binaria dell informazione Politecnico di Milano Corsi di Laurea in Ingegneria Matematica e Ingegneria Fisica Dipartimento di Elettronica ed Informazione Logica e codifica binaria dell informazione Anno Accademico 2002 2003 L. Muttoni

Dettagli

LA NUMERAZIONE BINARIA

LA NUMERAZIONE BINARIA LA NUMERAZIONE BINARIA 5 I SISTEMI DI NUMERAZIONE Fin dalla preistoria l uomo ha avuto la necessità di fare calcoli, utilizzando svariati tipi di dispositivi: manuali (mani, bastoncini, sassi, abaco),

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE

PROGRAMMAZIONE MODULARE PROGRAMMAZIONE MODULARE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 Indirizzo: ELETTROTECNICA - SIRIO Disciplina: ELETTRONICA Classe: 3^ Sezione: AES Numero di ore settimanali: 2 ore di teoria + 2 ore di laboratorio Modulo

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO E L E T T R O N I C A Anno Scolastico 2014/2015 Classe III Ae Prof. Boldrini Renato Prof. Procopio Sostene

PROGRAMMA SVOLTO E L E T T R O N I C A Anno Scolastico 2014/2015 Classe III Ae Prof. Boldrini Renato Prof. Procopio Sostene PROGRAMMA SVOLTO E L E T T R O N I C A Anno Scolastico 2014/2015 Classe III Ae Prof. Boldrini Renato Prof. Procopio Sostene LIBRI DI TESTO: Autore: Conte/Ceserani/Impallomeni Titolo: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA

Dettagli

Comunicazione codifica dei dati. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni

Comunicazione codifica dei dati. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Comunicazione codifica dei dati Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Trasmissione dati La trasmissione dati,permette di trasmettere a distanza informazioni di tipo digitale

Dettagli

IL DSP - Digital Signal Processor

IL DSP - Digital Signal Processor IL DSP - Digital Signal Processor Processore dei segnali digitali 1. Generalità Il Digital Signal Processor (DSP, processore di segnali digitali) è un particolare tipo di microprocessore, ottimizzato per

Dettagli

Microcontrollore. Ora invece passiamo a spiegare come funzionano i convertitori A/D interni ai microcontrollori

Microcontrollore. Ora invece passiamo a spiegare come funzionano i convertitori A/D interni ai microcontrollori Microcontrollore Il microcontrollore è un sistema a microprocessore completo,integrato in un unico chip, progettato per avere la massima autosufficienza e versatilità. Infatti visto il loro prezzo esiguo,

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica per chimica industriale e chimica applicata e ambientale LEZIONE 4 La CPU e l esecuzione dei programmi 1 Nelle lezioni precedenti abbiamo detto che Un computer è costituito da 3 principali componenti:

Dettagli

Laboratorio di Architettura degli Elaboratori A.A. 2015/16 Circuiti Logici

Laboratorio di Architettura degli Elaboratori A.A. 2015/16 Circuiti Logici Laboratorio di Architettura degli Elaboratori A.A. 2015/16 Circuiti Logici Per ogni lezione, sintetizzare i circuiti combinatori o sequenziali che soddisfino le specifiche date e quindi implementarli e

Dettagli

Circuiti sequenziali e elementi di memoria

Circuiti sequenziali e elementi di memoria Il Livello Logicoigitale I circuiti sequenziali Corso ACSO prof. Cristina SILVANO Politecnico di Milano Sommario Circuiti sequenziali e elementi di memoria Bistabile SR asincrono Temporizzazione e clock

Dettagli

Aritmetica dei Calcolatori 1

Aritmetica dei Calcolatori 1 Architettura degli Elaboratori e Laboratorio 1 Marzo 2013 1 Sistema di numerazione sistema posizionale 2 rappresentazione binaria cambio di base basi potenze di 2 3 Rappresentazione binaria con segno Sistema

Dettagli

1. Operazioni in logica binaria e porte logiche

1. Operazioni in logica binaria e porte logiche 1. Operazioni in logica binaria e porte logiche Espressione di un numero in base 10 (notare a pedice p.es del numero 21); 21 10 =210 1 +110 0 527,98 10 =5 10 2 +2 10 1 +7 10 0 +9 10 1 +8 10 2 407,563 10

Dettagli

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Hardware, software e periferiche Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Riepilogo - Concetti di base dell informatica L'informatica è quel settore scientifico disciplinare

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

5 Amplificatori operazionali

5 Amplificatori operazionali 5 Amplificatori operazionali 5.1 Amplificatore operazionale: caratteristiche, ideale vs. reale - Di seguito simbolo e circuito equivalente di un amplificatore operazionale. Da notare che l amplificatore

Dettagli

Rappresentazione digitale

Rappresentazione digitale I BIT POSSONO RAPPRESENTARE TUTTO Tutta l informazione interna ad un computer è codificata con sequenze di due soli simboli : 0 e 1 è facile realizzare dispositivi elettronici che discriminano fra due

Dettagli

Sistemi di numerazione: generalità

Sistemi di numerazione: generalità Sistemi di numerazione: generalità Nel corso della storia sono stati introdotti diversi sistemi di numerazione, dettati di volta in volta dalle specifiche esigenze dei vari popoli. Poiché ogni numero maggiore

Dettagli

Il protocollo MODBUS. Il protocollo MODBUS Pag. 1 di 11

Il protocollo MODBUS. Il protocollo MODBUS Pag. 1 di 11 Il protocollo MODBUS Il protocollo MODBUS Pag. 1 di 11 1. IL PROTOCOL MODBUS II protocollo MODBUS definisce il formato e la modalità di comunicazione tra un "master" che gestisce il sistema e uno o più

Dettagli

I Sistemi di numerazione e la rappresentazione dei dati

I Sistemi di numerazione e la rappresentazione dei dati I Sistemi di numerazione e la rappresentazione dei dati LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI (1) Per utilizzare un computer è necessario rappresentare in qualche modo le informazioni da elaborare e il

Dettagli

Elaborazione dei dati

Elaborazione dei dati Elaborazione dei dati Architettura dei computer Esploreremo i fondamenti dell architettura dei computer. Vedremo come un computer elabora i dati e comunica con periferiche come stampanti e tastiere. Linguaggio

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

LABORATORIO DI SISTEMI

LABORATORIO DI SISTEMI ALUNNO: Fratto Claudio CLASSE: IV B Informatico ESERCITAZIONE N : 1 LABORATORIO DI SISTEMI OGGETTO: Progettare e collaudare un circuito digitale capace di copiare le informazioni di una memoria PROM in

Dettagli

Indice. 1 Rappresentazione dei dati... 3

Indice. 1 Rappresentazione dei dati... 3 INSEGNAMENTO DI INFORMATICA DI BASE LEZIONE II CODIFICA DELL'INFORMAZIONE PROF. GIOVANNI ACAMPORA Indice 1 Rappresentazione dei dati... 3 1.1. Rappresentazione dei numeri... 3 1.1.1 Rappresentazione del

Dettagli

Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore

Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 01 Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore Marzo 2009 L architettura del calcolatore 1 Nota bene Alcune parti

Dettagli

Esercitazione 2 di verifica

Esercitazione 2 di verifica Architettura degli Elaboratori, 27-8 Esercitazione 2 di verifica Soluzione: mercoledì 24 ottobre Una unità di elaborazione U è così definita: Domanda 1 i) possiede al suo interno due componenti logici

Dettagli

Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware

Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware 1. Introduzione. I segnali binari. La parola informatica deriva dal termine francese informatique: è la fusione di due parole information e automatique che significa

Dettagli

Architettura del computer (C.Busso)

Architettura del computer (C.Busso) Architettura del computer (C.Busso) Il computer nacque quando fu possibile costruire circuiti abbastanza complessi in logica programmata da una parte e, dall altra, pensare, ( questo è dovuto a Von Neumann)

Dettagli

Megabyte (MB) = 1024KB 1 milione di Byte (e.g. un immagine di 30MB) Gigabyte (GB) = 1024MB 1 miliardo di Byte (e.g. un hard disk da 80GB)

Megabyte (MB) = 1024KB 1 milione di Byte (e.g. un immagine di 30MB) Gigabyte (GB) = 1024MB 1 miliardo di Byte (e.g. un hard disk da 80GB) Unità di misura per l informatica Un bit (b) rappresenta una cifra binaria. E l unità minima di informazione. Un Byte (B) è costituito da 8 bit. Permette di codificare 256 entità di informazione distinte

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Codifica dell informazione (parte 1) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente:

Dettagli

Automi. Sono così esempi di automi una lavatrice, un distributore automatico di bibite, un interruttore, una calcolatrice tascabile,...

Automi. Sono così esempi di automi una lavatrice, un distributore automatico di bibite, un interruttore, una calcolatrice tascabile,... Automi Con il termine automa 1 s intende un qualunque dispositivo o un suo modello, un qualunque oggetto, che esegue da se stesso un particolare compito, sulla base degli stimoli od ordini ricevuti detti

Dettagli

USO DEL PROGRAMMA FLIP

USO DEL PROGRAMMA FLIP Corso di BASCOM 8051 - (Capitolo 2 ) Corso Teorico/Pratico di programmazione in BASCOM 8051. Autore: DAMINO Salvatore. Gestione BZ1 e T1. Dopo avere preso confidenza con la generazione del ns. primo programma,

Dettagli

Rappresentazione delle informazioni

Rappresentazione delle informazioni Rappresentazione delle informazioni Abbiamo informazioni (numeri, caratteri, immagini, suoni, video... ) che vogliamo rappresentare (e poter elaborare) in un calcolatore. Per motivi tecnologici un calcolatore

Dettagli

In questa puntata scopriremo

In questa puntata scopriremo TEORIA MHZ RISORSE SPECIALE PRATICA Sesta parte n 258 - Dicembre 2006 Uso delle interfacce seriali Settima parte n 259 - Gennaio 2007 Interfacce SPI, I2C e 1-Wire Ottava parte n 260 - Febbraio 2007 Uso

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. G. Ciaschetti Fin dall antichità, l uomo ha avuto il bisogno di rappresentare le quantità in modo simbolico. Sono nati

Dettagli