ELETTRONICA. G. Licata DIGITALE. Pearson Italia spa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELETTRONICA. G. Licata DIGITALE. Pearson Italia spa"

Transcript

1 E L E T T R O N I C A G. Licata ELETTRONICA DIGITALE

2 G. Licata ELETTRONICA DIGITALE

3 Coordinamento editoriale: Paolo Tartaglino Redazione: Valeria Castellar Coordinamento grafico e di impaginazione: Michele Pomponio Segreteria di redazione: Vilma Cravero 41445Z Progetto grafico: Arnaldo Tranti Design, Quart (Ao) Impaginazione: Edit3000, Torino Elaborazione elettronica dei disegni: Matilde Rivetti, Torino Grafica di copertina: Arnaldo Tranti Design, Quart (Ao) LabVIEW è un marchio registrato da National Instruments Corporation. Electronics Workbench e Multisim sono prodotti da Electronics Workbench e distribuiti in Italia da Patrucco. LIBRI DI TESTO E SUPPORTI DIDATTICI La qualitˆ dei processi di progettazione, produzione e commercializzazione della casa editrice certificata in base alla norma UNI EN ISO 9001 Tutti i diritti riservati 2003, Paravia Bruno Mondadori Editori Per i passi antologici, per le citazioni, per le riproduzioni grafiche, cartografiche e fotografiche, appartenenti alla proprietà di terzi, inseriti in quest opera, l Editore è a disposizione degli aventi diritto non potuti reperire, nonché per eventuali non volute omissioni e/o errori di attribuzione nei riferimenti. È vietata la riproduzione, anche parziale o a uso interno didattico, con qualsiasi mezzo, non autorizzata. L editore potrà concedere a pagamento l autorizzazione a riprodurre una porzione non superiore a un decimo del presente volume. Le richieste di riproduzione vanno inoltrate all Associazione Italiana per i Diritti di Riproduzione delle Opere dell Ingegno (AIDRO), via delle Erbe 2, Milano, tel. e fax Stampato per conto della casa editrice presso A. G. Battaia Franco, Zibido San Giacomo (Mi), Italia Prima edizione Ristampe Anno

4 INDICE Presentazione IX Modulo 1 Unità 1 Unità 2 Fondamenti di elettronica digitale Sistemi di numerazione e codici digitali 2 1. Segnali binari 3 2. Il concetto di informazione 5 3. Sistemi di numerazione Sistema di numerazione decimale Sistema di numerazione binario Sistema di numerazione esadecimale Operazioni aritmetiche nei diversi sistemi di numerazione Operazioni nel sistema di numerazione binario Notazione in modulo e segno di numeri decimali e binari Complemento a 10 di un numero in notazione decimale Complemento a 2 di un numero binario Rappresentazione dei numeri non interi Operazioni logiche e algebra di Boole Codici digitali Codice BCD Codice EXCESS Codice Gray Codice ASCII Codici a rilevazione e a correzione di errore 34 Costruisci le tue conoscenze 36 Esercitiamoci Esercizi risolti 37 Esercizi proposti 42 Componenti e dispositivi utilizzati nei circuiti digitali Resistenza Legge di Ohm Resistori nei circuiti elettronici Partitore di tensione Capacità Relazione tensione-corrente Condensatori nei circuiti elettronici Induttanza Relazione tensione-corrente Induttori nei circuiti elettronici Diodi Relazione tensione-corrente Diodi nei circuiti elettronici Diodi LED 71 III

5 I N D I C E 5. Transistori Transistori BJT Transistori FET Dispositivi integrati Dispositivi integrati nei circuiti stampati Famiglie logiche Dispositivi realizzati con tecnologia bipolare Dispositivi realizzati con tecnologia unipolare Parametri che caratterizzano il funzionamento di un dispositivo integrato Interfacciamento di dispositivi realizzati con tecnologia diversa 102 Costruisci le tue conoscenze 105 Esercitiamoci Esercizi risolti 106 Esercizi proposti 122 Verifica del Modulo 124 In inglese 129 Modulo 2 Unità 1 Circuiti digitali combinatori Analisi e sintesi di circuiti combinatori Circuiti combinatori e funzioni logiche Porte logiche elementari e universali Porte logiche Porte logiche con più di due ingressi Analisi dei circuiti digitali combinatori Simulatori Sintesi dei circuiti digitali combinatori Mappe di Karnaugh Esempi di sintesi di circuiti 159 Costruisci le tue conoscenze 168 Esercitiamoci Esercizi risolti 169 Esercizi proposti 174 Unità 2 Principali funzioni combinatorie integrate Funzioni combinatorie integrate Codificatore (encoder) Selettore (multiplexer) Decodificatore (decoder) Convertitore di codice Dispositivi per il calcolo aritmetico Comparatore (comparator) Sommatore Moltiplicatore binario e unità aritmetico - logica (ALU) 196 Costruisci le tue conoscenze 200 Esercitiamoci Esercizi risolti 201 Esercizi proposti 203 IV

6 I N D I C E Verifica del Modulo 204 In inglese 207 Modulo 3 Unità 1 Circuiti sequenziali Dispositivi di base e circuiti di temporizzazione Circuiti digitali con memoria o circuiti sequenziali Cella elementare di memoria: latch SR Una prima applicazione: il circuito antirimbalzo Latch D Circuiti di generatori di impulsi Generatori di forma d onda quadra Dispositivi di memoria sincroni Segnali statici e dinamici Flip-flop Temporizzazione dei dati e del Clock nei flip-flop sincroni Divisori e contatori asincroni Divisori asincroni Contatori asincroni (ripple counter) 240 Costruisci le tue conoscenze 247 Esercitiamoci Esercizi risolti 248 Esercizi proposti 255 Unità 2 Analisi e sintesi dei circuiti sequenziali sincroni Circuiti sequenziali sincroni Automi di Moore e automi di Mealy Automa contatore Analisi di un automa contatore Progetto di un contatore sincrono Automi con ingressi sincroni esterni Un modo diverso per realizzare un contatore sincrono Contatori integrati Misure di frequenza e di periodo Automi in grado di riconoscere una sequenza Automi generatori di segnali con andamento arbitrario Registri 302 Costruisci le tue conoscenze 305 Esercitiamoci Esercizi risolti 306 Esercizi proposti 311 Verifica del Modulo 314 In inglese 317 V

7 I N D I C E Modulo 4 Unità 1 Componenti a elevata scala di integrazione Memorie Generalità Classificazione delle memorie Modalità di accesso Tipi di memorie ad accesso casuale Parametri delle memorie integrate Capacità e organizzazione di una memoria Velocità di risposta di una memoria Altri parametri delle memorie Memorie RAM Memorie SRAM Memorie DRAM Memorie SDRAM Memorie MRAM: una tecnologia innovativa Memorie di sola lettura o ROM Memorie PROM Memorie riprogrammabili Memorie a indirizzo implicito Collegamento in banchi delle memorie 348 Costruisci le tue conoscenze 352 Esercitiamoci Esercizi risolti 353 Esercizi proposti 356 Unità 2 Dispositivi programmabili Dispositivi programmabili che realizzano funzioni logiche Vantaggi derivanti dall uso di logiche PLD I dispositivi programmabili più semplici: gli SPLD Dispositivi PLA Dispositivi PROM e PAL Tipi diversi di fusibili Dispositivi GAL Dispositivi CPLD I dispositivi programmabili con maggiore trend di crescita: gli FPGA Tecniche per la realizzazione di un PLD ABEL: un linguaggio per la descrizione hardware Analisi di un programma Strumenti di descrizione delle funzioni logiche nel linguaggio ABEL 387 Costruisci le tue conoscenze 395 Esercitiamoci Esercizi risolti 396 Esercizi proposti 404 Verifica del Modulo 405 In inglese 409 VI

8 I N D I C E Modulo 5 Unità 1 Unità 2 Microprocessore La CPU Generalità sui microprocessori La comunicazione tra le varie parti del sistema: il bus Topologie di connessione Topologia utilizzata nel sistema di elaborazione dati Numero di linee dei bus e potenzialità di una CPU Unità funzionali di un microprocessore Come opera un microprocessore La sezione dei registri La sezione dei registri nelle CPU 8086 e Z Tipologie di istruzioni che possono essere eseguite dalla CPU Istruzioni che realizzano operazioni aritmetiche e logiche Istruzioni che operano lo spostamento dei dati Istruzioni che regolano il flusso del programma Modi di indirizzamento della memoria Indirizzamento immediato Indirizzamento diretto o assoluto Indirizzamento implicito Indirizzamento indiretto Indirizzamento relativo e indicizzato Indirizzamento per mezzo di registro di segmento Diagrammi di temporizzazione 444 Costruisci le tue conoscenze 448 Esercitiamoci Esercizi risolti 449 Esercizi proposti 455 Circuiti di interfaccia Circuiti di Clock e di Reset Il circuito di Clock Il circuito di Reset Memoria di sistema Trasferimento di dati con le periferiche di Input/Output Trasferimento controllato da programma Trasferimento controllato da interruzione Trasferimento con DMA Trasferimento di dati in forma seriale Serializzazione del dato Il problema della sincronizzazione Controllo di errore in trasmissione Flusso dei dati nelle connessioni seriali 486 Costruisci le tue conoscenze 487 Esercitiamoci Esercizi risolti 488 Esercizi proposti 497 Verifica del Modulo 498 In inglese 503 VII

9 I N D I C E In laboratorio Laboratorio di misure Strumenti di misura Strumenti di misura digitali Alimentatore Generatore di funzioni Generatori di impulsi logici o logic pulser Multimetro digitale Sonda logica di tensione o logic probe Sonda logica di corrente o current tracer Oscilloscopio digitale Analizzatore logico o logic analizer Misura delle grandezze elettriche fondamentali Misure di tensione e di corrente in corrente continua Misure di tensione e di corrente in corrente alternata Misure di resistenza Misure di induttanza e di capacità Misure di frequenza Laboratorio di misura reale e virtuale Le breadboard Electronics Workbench Indicazioni metodologiche Il laboratorio: prospettive future Architettura della porta parallela 540 Schede di laboratorio 542 Soluzioni 583 Indice analitico 595 VIII

10 PRESENTAZIONE La ricerca portata avanti in questi ultimi anni nel campo della Tecnologia dell educazione, ha focalizzato l attenzione sulle condizioni formali che bisogna rispettare affinché una procedura di intervento didattico possa considerarsi scientificamente fondata: è il caso, ad esempio, del mastery learning. Questa riflessione ha portato a considerare con attenzione alcune variabili quali i ritmi di apprendimento e gli stili cognitivi dei singoli studenti. A seguito delle acquisizioni di cui si è appena detto e dell applicazione della legge sull autonomia scolastica, si può prevedere che i contenuti proposti debbano essere organizzati in un insieme strutturato di unità di apprendimento brevi e omogenee, organizzate sia in serie sia in parallelo, e tali da consentire al docente di potere variare in modo flessibile sia i tempi di intervento, sia l ampiezza e la composizione del gruppo classe. Lo strumento più idoneo per realizzare percorsi didattici del tipo sopraindicato è la didattica modulare, in grado di consentire l organizzazione di itinerari didattici flessibili e di intervenire sui tempi del processo didattico, modificandoli. I moduli potranno essere di diverso tipo: moduli disciplinari, pluridisciplinari, multidisciplinari o interdisciplinari; moduli di integrazione, di formazione-lavoro e di recupero; moduli orientativi e formativi; tutti però devono essere realizzati in modo tale da perseguire obiettivi cognitivi verificabili (controllabili), documentabili (certificabili) e capitalizzabili (cumulabili). Il libro di testo deve essere in grado di supportare tale progetto; esso deve, da un lato, fornire supporto ai docenti per l organizzazione dei moduli disciplinari, dall altro deve essere uno strumento utilizzato realmente dallo studente e prevedere, quindi, un percorso agile affinché il processo di apprendimento sia favorito e agevolato e possano essere raggiunte le competenze specifiche del corso di studi. Il volume Elettronica digitale s inserisce in tale architettura e intende essere supporto ai docenti di Elettronica degli Istituti Tecnici Industriali nell organizzazione di moduli disciplinari. La didattica modulare orienta a scegliere i contenuti da proporre tra quelli più specifici della disciplina; per questo motivo si è preferito fornire un percorso particolarmente approfondito che consenta di acquisire competenze soprattutto nella parte più caratterizzante della disciplina: l analisi e la risoluzione di circuiti digitali, sia di tipo combinatorio sia di tipo sequenziale. IX

11 P R E S E N T A Z I O N E Il percorso è reso agile e organico, finalizzato al raggiungimento degli obiettivi prefissati. I contenuti sono organizzati in Moduli, suddivisi in Unità, che sviluppano un argomento disciplinare e sono finalizzati al raggiungimento di competenze specifiche. Per ciascuna Unità è fornita l indicazione dei prerequisiti necessari e delle conoscenze che dovranno essere acquisite al termine del percorso didattico. Per favorire l acquisizione di una buona autonomia sia nella ricerca delle informazioni sia nell uso del libro di testo, nella trattazione dei contenuti specifici è stato curato con particolare attenzione l uso del linguaggio, semplice e chiaro dal punto di vista formale, preciso e rigoroso sotto il profilo tecnico. Nella convinzione che il processo di apprendimento consista soprattutto nella capacità di porre in relazione concetti diversi, si ritiene che uno strumento di rappresentazione grafica come la mappa concettuale possa essere molto utile: favorisce, infatti, l individuazione dei concetti e delle possibili relazioni tra di essi. L apparato didattico è pensato per agevolare l acquisizione dei concetti chiave e delle relazioni che legano tali concetti ad altri nella rete delle conoscenze specifiche della disciplina. A tale scopo la rubrica Stop & Stay è inserita nel testo dove si ritiene necessario verificare l acquisizione di alcuni concetti chiave, mentre la rubrica Costruisci le tue conoscenze, inserita alla fine di ciascuna Unità, aiuta a realizzare la rete delle conoscenze. L acquisizione delle competenze tecniche è favorita dallo sviluppo organico di esempi, dalla presenza di un vasto numero di esercitazioni e dalla proposta di numerosi spunti operativi da utilizzare per i rilievi sperimentali; in tutte queste attività l utilizzo del simbolismo matematico è ridotto al minimo. Il percorso prevede la possibilità di certificare un credito formativo per ciascun Modulo, cosa che rende possibile di fatto la capitalizzazione della quantità e della qualità delle conoscenze e dei saperi fatti propri da ciascun soggetto dell apprendimento. A tale scopo alla fine di ciascuno dei Moduli è previsto un test di verifica strutturato che consente la rilevazione del raggiungimento degli obiettivi e delle relative competenze. Infine, la rubrica In inglese intende fornire un piccolo contributo al collegamento tra disciplina e terminologia tecnico-scientifica in lingua inglese, al fine di migliorare la possibilità di comprensione e di utilizzo di materiali e strumenti che vengono progressivamente sviluppati nel mondo anglosassone. Il volume è strutturato in cinque Moduli, ciascuno dei quali in grado di fornire competenze specifiche in uno dei settori in cui può essere suddivisa la disciplina. Il primo Modulo intende fornire quelle conoscenze di base necessarie al successivo sviluppo; esso è suddiviso in due Unità: la prima tratta sistemi di numerazione e codici digitali e introduce al concetto di informazione e di misura dell informazione, la seconda introduce i componenti e i dispositivi utilizzati nei circuiti digitali, esaminandone le caratteristiche e le prestazioni. X

12 P R E S E N T A Z I O N E Nel secondo Modulo si affronta l analisi dei circuiti digitali senza memoria, cioè dei circuiti combinatori. Anche questo modulo è suddiviso in due Unità; la prima si occupa dei metodi di analisi e di sintesi dei circuiti digitali di tipo combinatorio, mentre la seconda analizza le principali funzioni combinatorie integrate. Nel terzo Modulo vengono trattate l analisi e la sintesi dei circuiti digitali con memoria o sequenziali. La prima Unità presenta i dispositivi di base e i circuiti di temporizzazione, introducendo al concetto di cella elementare di memoria, la seconda affronta l analisi e la sintesi dei principali circuiti sequenziali sincroni. Il quarto Modulo è dedicato allo studio dei componenti integrati sequenziali a elevata scala di integrazione, trattando, nella prima Unità, le memorie e nella seconda i dispositivi programmabili, detti anche PLD. Di questi ultimi viene presentata un analisi accurata, in quanto oggi essi costituiscono di fatto una fetta rilevante delle applicazioni di tipo digitale. Nel modulo vengono proposti anche alcuni elementi di base del linguaggio ABEL, un linguaggio di descrizione hardware molto utilizzato per la realizzazione di PLD di media complessità. Il quinto Modulo, infine, si occupa dei componenti a elevata scala di integrazione che sono in grado di eseguire un programma, le CPU o microprocessori, esaminando, nella prima Unità, il principio di funzionamento di un microprocessore e nella seconda Unità i circuiti di interfaccia, cioè i componenti e i circuiti che risultano necessari per il corretto funzionamento del microprocessore. In laboratorio Particolare importanza è attribuita al laboratorio, inserito nella parte finale del volume, ma da considerarsi come una sezione che deve essere sviluppata contestualmente con gli argomenti presentati nei vari Moduli. Il laboratorio viene considerato sia come ambiente virtuale sia come ambiente reale. Per operare con strumenti virtuali simili agli strumenti reali e in grado quindi di consentire l acquisizione delle procedure di uso degli strumenti più utilizzati, viene proposto l uso del tool Electronics Workbench. Poiché uno strumento di scoperta come il laboratorio necessita dell esatta individuazione del problema che deve essere analizzato e degli ambiti concettuali coinvolti, ciascuna sessione di misura è organizzata attorno a una domanda nodale e strutturata in modo da evidenziare le varie fasi della procedura. Si ringraziano anticipatamente tutti coloro che, con suggerimenti e osservazioni, intenderanno contribuire al miglioramento dell opera e al suo sviluppo in chiave didattica e metodologica. l Autore XI

13

14 1 FONDAMENTI MODULO COMPETENZE Unità 1 Unità 2 DI ELETTRONICA DIGITALE Operare con i codici digitali. Analizzare e sintetizzare semplici circuiti combinatori. Valutare le prestazioni di un circuito digitale combinatorio. Sistemi di numerazione e codici digitali Componenti e dispositivi utilizzati nei circuiti digitali FORUM Aprendo un personal computer ci si accorge che sulla mother board sono presenti pochi componenti, ma con un numero impressionante di piedini; si tratta di componenti programmabili o in grado di eseguire un programma: sono composti da milioni di elementi base, integrati in un unico chip. Nonostante la loro complessità, essi operano seguendo le regole elementari dell algebra di Boole. PER NAVIGARE Siti consigliati MKB/courseware/algebra_booleana/

15 M O D U L O 1 FONDAMENTI DI ELETTRONICA DIGITALE 1. Segnali binari 2. Il concetto di informazione 1 U N I T À 3. Sistemi di numerazione 4. Operazioni aritmetiche nei diversi sistemi di numerazione 5. Operazioni logiche e algebra di Boole 6. Codici digitali SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI DIGITALI PREREQUISITI OBIETTIVI SAPERE SAPER FARE 3 Saper operare con i numeri utilizzando le operazioni aritmetiche Conoscere i concetti di informazione e di quantità di informazione. Conoscere l unità di misura della quantità di informazione. Definire e misurare la quantità di informazione contenuta in un messaggio digitale. Riconoscere un codice numerico o alfanumerico. Conoscere i sistemi di numerazione non decimale. Conoscere le operazioni elementari realizzate con numeri espressi in base due. Conoscere i codici numerici e alfanumerici. Codificare in ASCII un messaggio alfanumerico. Operare la trasformazione di un codice numerico in una base diversa. Svolgere operazioni aritmetiche elementari (addizione, sottrazione, moltiplicazione e divisione) con numeri in notazione binaria. 2

16 SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI DIGITALI U N I T À 1 1 Segnali binari Una categoria di circuiti elettronici che nel corso degli ultimi anni ha visto incrementare in modo esponenziale la propria importanza è quella dei circuiti digitali, attualmente utilizzati in tutti i campi. Il progresso delle Telecomunicazioni, ad esempio, è in gran parte dovuto a un uso capillare della tecnologia digitale. I motivi principali che hanno contribuito alla diffusione di questi circuiti sono, da un lato, lo sviluppo della tecnologia integrata, che ha abbattuto in maniera esponenziale i costi di realizzazione, dall altro la notevole affidabilità e immunità al rumore. La definizione di circuito digitale può essere data in base alle variabili in esso presenti: Si chiama circuito digitale un circuito descritto da variabili binarie, cioè da variabili che possono assumere due soli valori o livelli: alto (High) e basso (Low). Caratteristiche di un segnale binario L andamento temporale della tensione in un determinato punto di un circuito è una variabile; se alla variazione della grandezza nel tempo è associato un contenuto informativo, la variabile è definita segnale. Un segnale è una variabile, generalmente di tipo elettrico, cui è associato un contenuto informativo. Poiché il segnale è una variabile che contiene un informazione, in seguito utilizzeremo i termini di variabile e di segnale come sinonimi. Un segnale binario presenta un andamento temporale come quello mostrato in figura 1; si tratta di un segnale che può variare tra due livelli e che non ha, in genere, periodo di ripetizione. 1 FIGURA 1 Andamento nel tempo di un segnale binario. 0 t Il fronte di salita e quello di discesa tra i due livelli del segnale teoricamente dovrebbero essere verticali, cioè l intervallo di tempo in cui si compie il passaggio tra i due livelli dovrebbe essere nullo. In realtà ciò non si verifica mai e il segnale presenta un tempo di salita e un tempo di discesa, generalmente diversi, che dipendono dalle caratteristiche costruttive dei dispositivi che generano tali segnali. Come si può rilevare dalla figura 2, il tempo di salita è l intervallo di tempo compreso tra l istante in cui il segnale assume un valore pari al 10% del valore finale e l istante in cui assume un valore pari al 90% del valore finale. Il tempo di discesa è, invece, l intervallo di tempo compreso tra l istante in cui il segnale si è abbassato del 10% e l istante in cui si è abbassato del 90%. 3

17 M O D U L O 1 FONDAMENTI DI ELETTRONICA DIGITALE 1 90% FIGURA 2 Tempo di salita e tempo di discesa di un segnale binario. 10% 0 Tempo di salita Tempo di discesa t Esiste un tipo di segnale binario che presenta l andamento temporale mostrato in figura 3: si tratta di un segnale binario periodico, che ha un periodo di ripetizione T; in genere questo tipo di segnale costituisce il Clock o orologio che scandisce le diverse fasi dei processi sequenziali realizzati da alcuni particolari tipi di circuiti digitali che studieremo più avanti. 1 V m 0 t FIGURA 3 Segnale binario periodico. t ON T Oltre al tempo di salita, a quello di discesa e al periodo di ripetizione T, un segnale periodico binario è caratterizzato da un altro parametro, detto duty cycle. Il duty cycle è definito come il rapporto tra il tempo t ON durante il quale il segnale è alto e il periodo di ripetizione T del segnale: dc = t ON T Il duty cycle di una segnale periodico binario può assumere tutti i valori compresi tra 0 e 1, estremi esclusi; in corrispondenza dei valori estremi, infatti, il segnale periodico degenera in un segnale continuo nel tempo, con valore pari al valore alto se dc = 1, pari al valore basso se dc = 0. Il duty cycle di un segnale binario periodico viene in genere espresso in percentuale: dc% = 100 T Un dc% = 50% corrisponde a un segnale binario periodico simmetrico rispetto al tempo: in tale segnale il tempo in cui la forma d onda rimane alta è uguale a quello in cui essa rimane bassa. Il valore medio di un segnale periodico è dato dal rapporto tra l area racchiusa dal set ON 4

18 SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI DIGITALI U N I T À 1 gnale nel periodo e il periodo stesso; nel caso del segnale periodico binario di figura 3, ad esempio, il valore medio vale: Area t V m = = V H ON = V H dc T T dove V H è il valore alto del segnale digitale (indicato sul grafico con il valore 1). Il valore medio del segnale periodico binario è, quindi, funzione del suo duty cycle e può variare con continuità da 0 (con dc = 0) a V H (con dc = 1). 2 Il concetto di informazione Abbiamo detto che la caratteristica principale dei segnali è quella di trasportare un informazione. Pensiamo, ad esempio, alla temperatura della stanza in cui ci troviamo in questo momento. L informazione contenuta nel segnale di temperatura ci dice che è il caso di coprirci se non vogliamo ammalarci; se passiamo nella stanza accanto ci rendiamo conto che la temperatura è diversa, ad esempio che è più alta. L informazione che riusciamo a ricavare attraverso i recettori di temperatura del nostro corpo ci permette di conoscere una cosa che prima non sapevamo: la stanza in cui ci troviamo ora è più calda di quella che abbiamo appena lasciato. A partire dall esempio precedente, possiamo allora dare una prima definizione di informazione: Si chiama informazione tutto ciò che abbassa il livello di incertezza. L informazione è, allora, qualcosa che riguarda la capacità di descrivere la realtà; essa è legata, da un lato, alla realtà e, dall altro, alla capacità di interpretarla: non esisterebbe informazione senza il fenomeno, ma è altrettanto vero che essa non esisterebbe se non ci fosse un cervello in grado di colmare l incertezza sulla conoscenza del fenomeno. La definizione di informazione che abbiamo dato è di tipo qualitativo, essa non è in grado, cioè, di determinare la quantità di informazione presente in un determinato segnale. Per poter definire la quantità di informazione si deve effettuare una misura e quindi è necessario dapprima determinare l unità di misura dell informazione; una volta ricavata l unità di misura, risulterà possibile misurare la quantità di informazione come rapporto tra l informazione contenuta in un segnale e l unità di misura. Possiamo innanzitutto notare che: la quantità di informazione è direttamente proporzionale al numero di eventi diversi che possono essere realizzati; la quantità di informazione è funzione della probabilità che le informazioni possano essere già note. Soffermiamoci sulla prima delle due osservazioni, utilizzando un esempio. Se il fenomeno sul quale abbiamo incertezza è la situazione meteorologica in una città diversa da quella in cui risiediamo e gli eventi possibili sono solo due, ad esempio tempo bello e tempo brutto, la conoscenza di uno dei due abbassa sicuramente il livello di incertezza 5

19 M O D U L O 1 FONDAMENTI DI ELETTRONICA DIGITALE sulla conoscenza del fenomeno. Se però gli eventi possibili sono quattro, ad esempio temporale, pioggia, variabile e soleggiato, la comunicazione di uno dei quattro eventi, ad esempio pioggia, abbassa il livello di incertezza in misura maggiore rispetto al caso precedente; nel secondo caso la quantità di informazione trasmessa è maggiore che nel primo caso. Analogamente, se il numero di eventi che descrivono il fenomeno è maggiore, ad esempio sedici, la quantità di informazione è ancora più elevata. Chiariamo ora la seconda osservazione. Nel caso dell incertezza legata alla situazione meteorologica descritta da due soli eventi, il contenuto informativo è diverso se l informazione riguarda una città che dista qualche kilometro dalla nostra oppure una che dista migliaia di kilometri. Nel primo caso, infatti, possiamo prevedere il tempo nella città vicina in quanto è alta la probabilità che esso sia identico a quello della nostra città a causa della distanza modesta tra le due; nel secondo caso non abbiamo, invece, alcun modo di prevederlo. La stessa informazione, quindi, ha due contenuti informativi diversi in quanto le probabilità che i due eventi si realizzino sono diverse. Definiamo allora un unità che ci permette di misurare la quantità di informazione: Si dice unità di informazione U INF la quantità di informazione che elimina l incertezza di un evento che ha due soli valori possibili, ma entrambi equiprobabili. L unità di misura dell unità di informazione è il bit: U INF = 1 bit bit = binary digit Un segnale binario è in grado di trasportare una quantità di informazione pari a una unità, cioè a 1 bit: esso può infatti assumere due soli valori. Ad esempio, se l incertezza è legata alla conoscenza del fatto che la luce sia accesa o spenta, l informazione può essere associata al valore di un segnale binario; al livello basso si può associare il contenuto informativo luce spenta, al livello alto il contenuto informativo luce accesa. La quantità di informazione Q INF determina quante volte l informazione è maggiore rispetto all informazione unitaria ed è espressa, quindi, in numero di bit: Q INF = N bit Se pensiamo alla notevole quantità di informazioni con le quali abbiamo a che fare in ogni momento della giornata, viene naturale chiederci come sia possibile che un sistema digitale, descritto da variabili binarie con contenuto informativo davvero elementare, interagisca con un sistema informativo molto complesso come quello del nostro cervello. Se però riflettiamo sul tipo di informazioni che riceviamo, possiamo renderci conto che esse sono espresse per mezzo di una serie limitata di simboli che si ripetono e di regole sintattiche e grammaticali che consentono di costruire un messaggio in un determinato codice linguistico. Il testo che stiamo analizzando, ad esempio, è realizzato utilizzando le regole della lingua italiana e un numero limitato di simboli, le lettere dell alfabeto sia minuscole sia maiuscole, i segni di interpunzione e qualche segno grafico; anche la misura di una grandezza fisica, espressa per mezzo di un numero uguale al rapporto tra il valore della grandezza e l unità di misura, è realizzata utilizzando le regole della numerazione decimale e un numero di simboli veramente ridotto: i simboli da 0 a 9. Vedremo nei prossimi paragrafi in che modo un sistema digitale può mettere a disposizione i simboli necessari a questo tipo di comunicazione. 6

20 SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI DIGITALI U N I T À 1 S T O P & S T A Y ➊ Scrivi la definizione dei seguenti termini: Segnale: Tempo di salita: Duty cycle: Bit: ➋ Il valore medio del segnale periodico binario è funzione del suo duty cycle e può variare con continuità da 0 a V H. ➌ Completa: Vero Falso La quantità di informazione è... proporzionale al numero di eventi... che possono essere realizzati ed è funzione della... che le informazioni possano essere già... 3 Sistemi di numerazione Si definisce sistema di numerazione un insieme di simboli e di regole che consentono di scrivere i numeri. Un sistema di numerazione è quindi caratterizzato da: cifre o simboli; regole che esprimono le modalità per rappresentare il numero come sequenza di cifre; relazioni che permettono di effettuare le operazioni tra i numeri. Il numero di simboli presente in un sistema di numerazione è detto base del sistema. 3.1 Sistema di numerazione decimale Il sistema di numerazione decimale utilizza dieci simboli, le cifre da 0 a 9, dunque è un sistema con base 10. La scelta di utilizzare i dieci simboli che ci sono familiari è probabilmente una delle scelte che più delle altre ha contribuito al progresso scientifico ed è dovuta agli arabi che introdussero un fattore determinante: lo 0 come primo simbolo. Il sistema decimale è un sistema posizionale o pesato: ogni numero espresso in base decimale è composto da più cifre affiancate, ciascuna delle quali ha peso diverso a seconda dalla posizione che occupa. 7

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Codifica dei numeri negativi

Codifica dei numeri negativi E. Calabrese: Fondamenti di Informatica Rappresentazione numerica-1 Rappresentazione in complemento a 2 Codifica dei numeri negativi Per rappresentare numeri interi negativi si usa la cosiddetta rappresentazione

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Esercizi per il recupero del debito formativo:

Esercizi per il recupero del debito formativo: ANNO SCOLASTICO 2005/2006 CLASSE 3 ISC Esercizi per il recupero del debito formativo: Disegnare il diagramma e scrivere la matrice delle transizioni di stato degli automi a stati finiti che rappresentano

Dettagli

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765 COMPLEMENTO A 10 DI UN NUMERO DECIMALE Sia dato un numero N 10 in base 10 di n cifre. Il complemento a 10 di tale numero (N ) si ottiene sottraendo il numero stesso a 10 n. ESEMPIO 1: eseguire il complemento

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA LA NOTAZIONE SCIENTIFICA Definizioni Ricordiamo, a proposito delle potenze del, che = =.000 =.000.000.000.000 ovvero n è uguale ad seguito da n zeri. Nel caso di potenze con esponente negativo ricordiamo

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Così come le macchine meccaniche trasformano

Così come le macchine meccaniche trasformano DENTRO LA SCATOLA Rubrica a cura di Fabio A. Schreiber Il Consiglio Scientifico della rivista ha pensato di attuare un iniziativa culturalmente utile presentando in ogni numero di Mondo Digitale un argomento

Dettagli

Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno

Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno Federico Cerutti AA. 2011/2012 Modulo di Elementi di Informatica e Programmazione http://apollo.ing.unibs.it/fip/ 2011 Federico

Dettagli

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori"

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori" slide a cura di Salvatore Orlando & Marta Simeoni " Architettura degli Elaboratori 1 Interi unsigned in base 2" Si utilizza un

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense Linguaggio del calcolatore Circuiti e reti combinatorie ppendice + dispense Solo assenza o presenza di tensione: o Tante componenti interconnesse che si basano su e nche per esprimere concetti complessi

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC I.T.I. Modesto PANETTI A R I ia Re David, 86-8-54.54. - 75 ARI Fax 8-54.64.3 Internet http://www.itispanetti.it email : ATF5C@istruzione.it Tesina sviluppata dall alunno Antonio Gonnella della classe 5

Dettagli

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1 LATCH E FLIPFLOP. I latch ed i flipflop sono gli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi sequenziali. In entrambi i circuiti la temporizzazione è affidata ad un opportuno segnale di cadenza

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 L insieme N dei numeri naturali 4 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

ALGORITMI 1 a Parte. di Ippolito Perlasca. Algoritmo:

ALGORITMI 1 a Parte. di Ippolito Perlasca. Algoritmo: ALGORITMI 1 a Parte di Ippolito Perlasca Algoritmo: Insieme di regole che forniscono una sequenza di operazioni atte a risolvere un particolare problema (De Mauro) Procedimento che consente di ottenere

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Appunti di Matematica

Appunti di Matematica Silvio Reato Appunti di Matematica Settembre 200 Le quattro operazioni fondamentali Le quattro operazioni fondamentali Addizione Dati due numeri a e b (detti addendi), si ottiene sempre un termine s detto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

LA LEGGE DI OHM La verifica sperimentale della legge di Ohm

LA LEGGE DI OHM La verifica sperimentale della legge di Ohm Laboratorio di.... Scheda n. 2 Livello: Base A.S.... Classe. NOME..... DATA... Prof.... LA LEGGE D OHM La verifica sperimentale della legge di Ohm Conoscenze - Conoscere la legge di Ohm - Conoscere lo

Dettagli

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri?

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? I numeri Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? Come ti sarai reso conto, i numeri occupano un ruolo importante nella tua vita: dai numeri che esprimono il prezzo degli oggetti venduti in un

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Algoritmi Algoritmi Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Il procedimento (chiamato algoritmo) è composto da passi elementari

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Oggetti sintattici e oggetti semantici Rosario Culmone, Luca Tesei Lucidi tratti dalla dispensa Elementi di Semantica Operazionale R. Barbuti, P.

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Introduzione agli oscilloscopi

Introduzione agli oscilloscopi o s c i l l o s c o p i Indice Introduzione...3 Integrità del segnale Significato dell integrità del segnale..................................4 Perché l integrità del segnale è un problema?...........................4

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Un approccio inclusivo per Disturbi Specifici e Difficoltà di Apprendimento Anna Maria Antonucci AIRIPA Puglia Lo sviluppo dell intelligenza

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule.

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule. I db, cosa sono e come si usano. Il decibel è semplicemente una definizione; che la sua formulazione è arbitraria o, meglio, è definita per comodità e convenienza. La convenienza deriva dall osservazione

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Esperimentatori: Durata dell esperimento: Data di effettuazione: Materiale a disposizione:

Esperimentatori: Durata dell esperimento: Data di effettuazione: Materiale a disposizione: Misura di resistenza con il metodo voltamperometrico. Esperimentatori: Marco Erculiani (n matricola 454922 v.o.) Noro Ivan (n matricola 458656 v.o.) Durata dell esperimento: 3 ore (dalle ore 9:00 alle

Dettagli

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario I.T.I.S. "Antonio Meucci" di Roma Elementi di analisi delle reti elettriche a cura del Prof. Mauro Perotti Anno Scolastico 2009-2010 Sommario 1. Note sulla simbologia...4 2. Il generatore (e l utilizzatore)

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli