Quando eccezionalmente i treni percorrono il binario di sinistra si dice che essi viaggiano su binario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quando eccezionalmente i treni percorrono il binario di sinistra si dice che essi viaggiano su binario"

Transcript

1 Metropolitana di Genova Regolamento di Esercizio la conoscenza Per Parte Dall art. necessità 2a del l esecutore 1 semplificativa Regolamento Termini sulla e definizioni ESTRATTO viene parte d Esercizio di pertinenza. seguito DEL del riportato 20 REGOLAMENTO novembre un estratto 2012 DI del attualmente ESERCIZIO Regolamento in vigore, Circolazione al fine di Treni portare che a è Cadenzamento O.D.S. D.C.T D.C.S. Ordine di Servizio Traffico Sicurezza D.C.M. P.C.O. Dall art. 2 libero: Disposizioni procedura sistema alcun situazione Posto Dirigente orario generali Centrale centrale automatica in predeterminato atto. Operativo: di della elaborazione di Manutenzione regolazione sede ma mantiene dei Dirigenti dati della relativi il circolazione cadenzamento Centrali agli impianti (DCT, che attuabile non DCM fa e riferimento DCS) con e del ad La Le degli norme del presente Regolamento sono integrate dal Regolamento Segnali, dal Regolamento d'uso Le Impianti Telecomunicazione, dal Regolamento Circolazione Carrelli nonché dalle Disposizioni ed marcia. Esercizio Dall art. Istruzioni circolazione linee, Tale di 3 particolari con norma, binario Ordini Linee si svolge, sono è e di denominato senso Esercizio Servizio attrezzate di norma, di (O.d.S.). circolazione e, "legale" per su quanto linee circolazione a dei doppio occorra, treni binario. da dei norme treni sul specifiche binario di emanate destra per dalla ciascun Direzione senso di di Quando eccezionalmente i treni percorrono il binario di sinistra si dice che essi viaggiano su binario 6. attrezzature "illegale". I binari della delle linea linee si distinguono sono indicati anche i binari in che "dispari" devono e essere "pari". denominati Nella descrizione pari o dispari. degli impianti e delle TELECOMUNICAZIONI 5 Attribuzioni facoltà responsabilità... dei Dirigenti Centrali. 1. Dall art. Il DCT è responsabile 6 Strumenti del a disposizione proprio operato degli e degli operatori. ordini che direttamente impartisce. Parte Genova, a) Per garantire impianti l'assunzione 2a: impianto trasmissione Regolamento 20 di a regolarità di informazioni, la trasmissione e la ricezione di notizie, ordini e prescrizioni atte a novembre telecomunicazione: "telefoni e ricezione Circolazione del servizio 2012 automatici" di dispacci Treni e per la sicurezza la - di trasmissione movimento. della circolazione, e ricezione di la notizie linea ESTRATTO è relative attrezzata al servizio con i seguenti e per la

2 Metropolitana d) Genova "telefoni emergenza" per le comunicazioni, ordini prescrizioni Regolamento di movimento, di Esercizio nei casi 2. e) mancato funzionamento delle precedenti linee e per lo scambio di comunicazioni con treni privi di Gli radiotelefono pronto impianto essere intervento suddetti usato precedenti.. "diffusione per funzionante. devono l'invio linea. sonora" di essere particolari Di per questa utilizzati le comunicazioni linea in possono conformità al servirsi al pubblico alle personale, norme anche e per espresse in le la caso squadre ricerca di nel impossibilita di "Regolamento manutenzione personale. d'uso Può d'uso di degli 11. degli impianti telecomunicazione".. Km/h. 3. E' fatto assoluto divieto di valersi degli impianti di telecomunicazione scopi diversi da quelli consentiti Dall art. 11 dal suddetto Arrivo, regolamento partenza e percorso dei treni. 1. I treni che viaggiano con veicoli spinti, ogni caso non devono superare la velocità massima di Dall art. 13 Manovre e stazionamento dei rotabili. 4. E' denominato "manovra" qualsiasi spostamento mezzi di trazione veicoli, eseguito nell'ambito delle 9. Nelle precauzioni stazioni stazioni e fermate, che le il manovre caso fatta richieda. eccezione sono di norma, l'ingresso comandate di un mezzo treno in segnali arrivo e debbono l'uscita di essere un treno eseguite in partenza. con le Articolo 1. Generalità Di Le responsabilità manovra, regola, le manovre non devono superare il punto protetto dal segnale di protezione. I manovre sul piazzale dei depositi si svolgono, nella parte non centralizzata, a cura e sotto la servizio. alle norme del personale del Regolamento della Manutenzione, Segnali. il quale deve attenersi, nel regolare i movimenti di 24. Treni materiali e carrelli (2.17) Deroghe dispaccio sospesa treni materiali (TM) sono treni straordinari effettuati per il trasporto di materiali o per altri motivi di Il che dal carico dei treni materiali deve essere sempre contenuto entro la sagoma limite prevista per la linea. Quando linea a al DCT tale norma che prescrive possono le procedure essere autorizzate da osservare solo durante dalla la Direzione marcia. In d Esercizio ogni caso, con deve apposito essere Parte Genova, I DCT transito dovrà deve la percorrere circolazione del preavvisare treno eccedente il treno di i altri viaggiatori con treni la carico sagoma lungo presenti eccedente limite. il tratto in banchina la di sagoma linea (se limite. necessario stazioni comprese in entrambi nell area i sensi interessata di marcia) provvista opportunamente Il eccezionale treni ricovero di contatto i treni TM in tensione. hanno carichi che eccedono la sagoma limite in altezza, non possono circolare con la 2a: Regolamento 20 TM novembre di non dei binario e treni dovranno previa emanate. di TM Circolazione 2012 ricovero autorizzazione con superare fermata secondo Treni i limiti in del linea - le di indicazione DCT velocità deve o avvenire, del indicati previste DL delegato, nelle di norma, all art. Disposizioni in 13. ESTRATTO nella una stazione qualsiasi di servizio, di stazione partenza di volta abilitata, o, in volta via

3 Metropolitana loro Durante sull altro I sosta di Genova Regolamento di Esercizio Eventuali essere binario l intervallo indipendentemente sospensione dal del senso servizio, di marcia. la circolazione dei treni TM può avvenire su uno o Nel intralciare treni composizione, TM devono rispettare al carico tassativamente per asse, alla velocità le norme di marcia, emanate ai dalla mezzi di frenatura, alla procedura in merito della alla L orario per carico e scarico linea (tratta di lavoro). operazioni deroghe potranno essere autorizzate, di volta in volta, della Direzione d Esercizio e dovranno Sull orario tratto indicate impegnato treno marcia sull orario TM del viene dal treno del treno compilato treno stesso. TM TM. non dalla dovranno Direzione essere d Esercizio eseguiti in accordo lavori che col DCT, possano, in relazione comunque, alle Eventuali regolamentari dell esercizio. Non da svolgere. le dei treni TM devono essere specificate tutte le prescrizioni particolari che, in aggiunta a quelle Il o emanate con Ordine di Servizio, si rendessero necessarie a garantire sicurezza eventualmente Le prescritti, è ammesso dimezzamento dei treni TM in linea per agevolare le operazioni di carico e scarico. Alla deroghe devono essere previste dall orario treno TM nel quale dovranno, inoltre, risultare condurre DCT relative stazioni condotta deve l avvenuta i norme treni. eventualmente provvedere del abilitate particolari. mezzo ricezione e a alla di comunicare, abilitate trazione Manutenzione della prescrizione. e di gli nei un incaricati modi che treno hanno prescritti, TM della devono richiesto Manutenzione l effettuazione essere il treno comandati TM. devono del treno confermare, due TM a agenti tutte le abilitati nei stazioni modi a 2. L avanzamento autorizzato di lavori, un treno alle quali dal TM, Responsabile del mediante personale treno TM, indicazioni, della guida che Manutenzione circola dovrà ordini durante attenersi. e richieste, (CT l intervallo e/o CO); relativi di il Responsabile sospensione alla circolazione del regolerà servizio, e all esecuzione inoltre deve la marcia essere dei 3. TM Durante sospesa l intervallo circolazione dei sospensione treni, si deve del considerare servizio, e nullo sui tratti l aspetto di linea dei segnali su quali fissi. sia temporaneamente I effettuati La dei treni come con circolazione treni TM fermata solo treni straordinari che durante straordinari devono dei linea treni (articolo gli fermarsi TM, intervalli (senza 17). di linea fermata sospensione per in in carico linea) linea, del e è scarico servizio soggetta o totale alle altri norme motivi (notturno) che di servizio regolano o parziale possono la (intervalli circolazione essere di Parte Genova, 4. TM dispaccio orario), In in La sede ogni oppure nei tratti di binario ove la circolazione dei treni è temporaneamente sospesa. 2a: con partenza caso dovranno essere rispettate le norme di sicurezza che regolano le operazioni del personale Regolamento ferroviaria attrezzata 20 fermata novembre o apposito dalla in stazione linea Circolazione con 2012 modulo durante di dai origine DCT Treni linea la sospensione direttamente del - contatto treno TM aerea. parziale o tramite con fermata (durante il DL, se in linea l esercizio) ESTRATTO stazione deve è essere abilitata. autorizzata con

4 Metropolitana di Genova Regolamento di Esercizio garantiranno, Durante sosta sul tratto di lavoro il treno TM deve essere stazionato secondo le modalità previste nel che, regolamento circolazione carrelli e protetto con segnali a mano come previsto dal Regolamento Segnali. Quando La circolazione dei treni TM sui binari interrotti alla normale circolazione è regolata dalle norme previste Responsabile dovrà nel successivo articolo 25. I richiesta riguarda l effettuazione di un treno TM durante un intervallo ad orario, la stessa sospesa, essere sottoscritta dai Responsabili (CT e/o CO) dei lavori lungo la linea; i suddetti Responsabili abilitate. nella tratta in interessata, tal modo, che non i siano lavori immessi di loro competenza altri carrelli. non intralcino circolazione del treno TM e durante dei l intervallo lavori eseguire è prevista connessi la circolazione all utilizzazione di un treno del treno TM, TM. Manutenzione dovrà indicare Le eventualmente treni TM purché possono tutte essere stazioni inoltrati di anche tale tratto, su tratti comprese di binario quelle ove che la circolazione delimitano il è tratto temporaneamente stesso, siano Il deve DCT deve provvedere a comunicare, nei modi prescritti, l effettuazione treno TM a tutte le stazioni Se abilitate ed al Responsabile dei lavori. della mediante stazioni prescrizione. ed Responsabile dei lavori devono confermare, nei modi prescritti, l avvenuta ricezione Il treno cessare TM, che il lavoro circola in tempo nei tratti per di ricoverarsi binario ove nella stazione circolazione prestabilita dei treni all ora è temporaneamente prescritta dal suo sospesa, orario. stata prescritti, modi responsabile per segnalata prescritti, Manutenzione cause segnali DCT, di la della ad forza a circolazione direttamente estendere mano. dovrà Manutenzione, maggiore darne la del o il comunicazione treno tramite treno tempestivo completato TM TM il stesso. DL non avviso della a potesse il tutti ricovero stazione al gli ricoverarsi DCT uffici del abilitata, e ed treno provvedere entro tutte TM, il quale i ne limiti stazioni alla darà provvederà, previsti, protezione annuncio, abilitate responsabile sempre del a nei cui treno modi era nei 5. In mezzo La sospesa caso riattivazione più di sollecito. sul interruzione quale del è normale delle atto telecomunicazioni, l effettuazione transito dei treni di un sul l avviso treno binario TM, sarà in potrà dato cui essere a la mezzo circolazione effettuata dispaccio è solo temporaneamente da quando recapitare treno col 6. TM Carrelli interessate, Durante con si sia fermata definitivamente nei modi linea prescritti. durante ricoverato la sospensione ed il DCT totale abbia del data servizio comunicazione alle stazioni abilitate La stazioni Parte Manutenzione e del sospensione telecomando totale del del PCO servizio per l effettuazione la Manutenzione dei TM può e richiedere per movimentare l utilizzo i dei carrelli. banchi ACEI delle Genova, In dispaccio. personale eventualmente tali circolazione dei dei carrelli carrelli è regolata contemporaneamente base all apposita a quella istruzione dei per treni la circolazione dovrà essere dei carrelli. richiesta dalla 2a: Regolamento 20 casi al DCT novembre autorizzato il responsabile abilitata, Circolazione solo interventi 2012 ad operare del conferma carrello Treni sugli di dovrà - d emergenza. essere impianti trasmettere giunto di segnalamento da ogni DCT, stazione direttamente su ESTRATTO ordine del tratto del o tramite di DCT) invio, della il con DL apposito stazione (o l altro

5 Metropolitana ricevuto Il treno concessione seguente il suddetto di Genova del a dispaccio, nullaosta detto carrello trasmesso al DCT, non per potrà dalla ripresa essere stazione licenziato del successiva. normale da servizio, una stazione, nel Regolamento caso se in prima cui vi il di è DCT Esercizio stata abbia 7. La circolazione Dall art. Manutenzione 42 di carrelli, Sospensione se deve deve eseguire essere totale vincolata lavori del servizio con al linea regolare aerea ricovero disalimentata tali mezzi. può chiedere tale intervento una 9. la DCT Il Ricevuto Nel DCT sua con caso utilizzazione. deve apposito tale confermare cui dispaccio l esecuzione modulo. la l avvenuta Manutenzione qualche disalimentazione lavoro, può impegnare che determini della la linea l interruzione con ed apposito iniziare o i dispaccio. lavori l ingombro per i della quali linea, ha chiesto al 10. Chi, dovesse dovrà ripristinare utilizzazione per informare protrarsi l esecuzione la o loro manomissione. subito oltre condizione il dei limite DCT. lavori, stabilito primitiva, utilizzi per non o manometta cessazione appena sono dell intervallo, enti cessate delle stazioni le il cause Responsabile o che della hanno linea di tali imposto è lavori tenuto tale a Parte Genova, 2a: Regolamento 20 novembre Circolazione 2012 Treni - ESTRATTO

ISTRUZIONI PER L'ESERCIZIO

ISTRUZIONI PER L'ESERCIZIO Ferrovia Roma - Viterbo Tratta Urbana Roma P.le Flaminio - Montebello ISTRUZIONI PER L'ESERCIZIO DEL BLOCCO AUTOMATICO Approvato dal Ministero dei Trasporti e della Navigazione USTIF LAZIO Con nota n.

Dettagli

REGISTRAZIONI DEGLI ORDINI DI SERVIZIO E DELLE DISPOSIZIONI CHE HANNO MODIFICATO LE PRESENTI NORME

REGISTRAZIONI DEGLI ORDINI DI SERVIZIO E DELLE DISPOSIZIONI CHE HANNO MODIFICATO LE PRESENTI NORME REGISTRAZIONI DEGLI ORDINI DI SERVIZIO E DELLE DISPOSIZIONI CHE HANNO MODIFICATO LE PRESENTI NORME Ordine di Servizio/Disposizione Data di entrata in vigore 1 41/2001 20/06/02 2 39/2003 08/02/04 3 38/2004

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI

REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI Edizione 1962 Testo aggiornato, in vigore dal 13/12/2009 (ultimo aggiornamento: decreto ANSF n. 12/2009) Elenco dei provvedimenti che hanno modificato l edizione

Dettagli

Riordino del quadro normativo. Firenze, 09 maggio 2012

Riordino del quadro normativo. Firenze, 09 maggio 2012 Riordino del quadro normativo Firenze, 09 maggio 2012 Nuovo TESTO UNICO Il Regolamento sui Segnale diventa una parte del RCT Testo unico: Regolamento per la circolazione dei treni TESTO UNICO Il Testo

Dettagli

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL Terminal Crociere - Piazzale dei Marmi 57123 Livorno (LI) Italia Tel. (+39) 0586 20.29.01 Fax (+39) 0586 89.22.09 info@portolivorno2000.it Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società

Dettagli

Modifiche alle PCT R 300.1 R 300.15 valevoli dal 1 luglio 2015 (ciclo di modifiche A2015), versione in lingua italiana. 1 Osservazioni preliminari

Modifiche alle PCT R 300.1 R 300.15 valevoli dal 1 luglio 2015 (ciclo di modifiche A2015), versione in lingua italiana. 1 Osservazioni preliminari Modifiche alle PCT R 300.1 R 300.15 valevoli dal 1 luglio 2015 (ciclo di modifiche A2015), versione in lingua italiana R o cfr fino ad ora modifica 300.1 1 1 Osservazioni preliminari L ufficio federale

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 05 - LE LINEE

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 05 - LE LINEE UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 05 - LE LINEE Docente: Ing. Marinella Giunta Le linee possono essere a semplice

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI Il presente Regolamento definisce i criteri, le modalità e le procedure cui i soggetti abilitati ad operare con MCC S.p.A. (di seguito MCC) devono attenersi per la concessione delle agevolazioni previste

Dettagli

Servizi on-line per le Aziende e i Consulenti disponibili su web INTERNET

Servizi on-line per le Aziende e i Consulenti disponibili su web INTERNET Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Direzione Centrale Organizzazione Servizi on-line per le Aziende

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI. (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione)

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI. (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione) REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione) Testo Approvato con Deliberazione C.C. n. 151 del 18/12/2004 Modificato

Dettagli

ISTRUZIONE. per l Esercizio sulle Linee a doppio binario Banalizzate (ad uso del personale dei treni) (I.E.L.B.) Disposizione 33/2003 EDIZIONE 2003

ISTRUZIONE. per l Esercizio sulle Linee a doppio binario Banalizzate (ad uso del personale dei treni) (I.E.L.B.) Disposizione 33/2003 EDIZIONE 2003 ISTRUZIONE per l Esercizio sulle Linee a doppio binario Banalizzate (ad uso del personale dei treni) (I.E.L.B.) Disposizione 33/2003 EDIZIONE 2003 METROTIPO SpA REGISTRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI CHE HANNO

Dettagli

FERROVIENORD NORME PER IL SERVIZIO DEL PERSONALE DI LINEA

FERROVIENORD NORME PER IL SERVIZIO DEL PERSONALE DI LINEA FERROVIENORD NORME PER IL SERVIZIO DEL PERSONALE DI LINEA Edizione 2009 N.S.P.L. 2 PARTE II ISTRUZIONE PER LA PROTEZIONE DEI CANTIERI DI LAVORO 10. REGIMI DI ESECUZIONE DEI LAVORI AGLI EFFETTI DELLA SICUREZZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI

REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI 1. DISPOSIZIONI GENERALI. 1.1. Il presente Regolamento e il Regolamento sui segnali contengono le norme di esercizio di competenza dell Agenzia Nazionale per la

Dettagli

Circolazione ed Impianti di Sicurezza e Segnalamento

Circolazione ed Impianti di Sicurezza e Segnalamento Circolazione ed Impianti di Sicurezza e Segnalamento Principali concetti relativi a: Segnali luminosi; Stazione; Treno; linea a semplice binario, incrocio; linea a doppio binario, precedenza, binario legale

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto. per il trasporto delle merci per ferrovia PRODOTTI

Condizioni Generali di Contratto. per il trasporto delle merci per ferrovia PRODOTTI Condizioni Generali di Contratto per il trasporto delle merci per ferrovia PRODOTTI Divisione Cargo EDIZIONE IN VIGORE DAL ORDINE DI SERVIZIO REGISTRAZIONE 1 01/03/2010 n. 3 del 28/01/2010 Serie 3 n.4633

Dettagli

Il Trasporto Pubblico Locale in Toscana, con particolare riferimento al trasporto ferroviario d interesse regionale e locale(tpf)

Il Trasporto Pubblico Locale in Toscana, con particolare riferimento al trasporto ferroviario d interesse regionale e locale(tpf) Settima Commissione consiliare MOBILITA E INFRASTRUTTURE Il Trasporto Pubblico Locale in Toscana, con particolare riferimento al trasporto ferroviario d interesse regionale e locale(tpf) Indagine conoscitiva

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA S.p.A Via Sant Euplio, 168 95125 - Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA 1.

Dettagli

Spett.le. Via. Egregi Signori, facciamo seguito alle intese intercorse per confermarvi quanto segue. Premesso che:

Spett.le. Via. Egregi Signori, facciamo seguito alle intese intercorse per confermarvi quanto segue. Premesso che: Spett.le. Via Oggetto: Designazione a Responsabile Esterno del trattamento dei Dati Personali ai sensi dell art. 29 D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (di seguito Codice Privacy ) Egregi Signori, facciamo seguito

Dettagli

IMPRESA IN UN GIORNO INIZIO DELL ATTIVITÀ 7

IMPRESA IN UN GIORNO INIZIO DELL ATTIVITÀ 7 Impresa in un giorno - 13 IMPRESA IN UN GIORNO INIZIO DELL ATTIVITÀ 7 Le imprese che iniziano l attività di agente o rappresentante di commercio devono presentare la segnalazione certificata di inizio

Dettagli

COMUNE DI NONE Provincia di Torino

COMUNE DI NONE Provincia di Torino COMUNE DI NONE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA 1 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE Numero: 2015/M/09036 Del: 26/08/2015 Esecutiva da: 26/08/2015 Proponente: Direzione Nuove Infrastrutture e Mobilità,Posizione Organizzativa (P.O.) Traffico e Provvedimenti viabilita'

Dettagli

DEIF n 42.4 del 16/05/2014

DEIF n 42.4 del 16/05/2014 Direzione Tecnica Direttore DEIF n 42.4 del 16/05/2014 In vigore dalle ore 00.01 del 25/06/2014 RIORDINO NORMATIVO MODIFICHE A: -DISCIPLINA DEI RAPPORTI FRA REGOLATORE DELLA CIRCOLAZIONE E PERSONALE DEI

Dettagli

COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO. DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011

COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO. DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011 COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011 AGGIORNAMENTO Delibera n.9 C.C. del 12 marzo 2012 RACCOLTA STATUTI E

Dettagli

Delibera n. 84/2015. VISTI in particolare, i commi 2 e 3 del citato art. 37 del decreto-legge n. 201/2011 e, specificamente:

Delibera n. 84/2015. VISTI in particolare, i commi 2 e 3 del citato art. 37 del decreto-legge n. 201/2011 e, specificamente: Delibera n. 84/2015 Prescrizioni a Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. relativamente ad alcune modifiche da essa apportate, nel corso del 2015, al Prospetto informativo della rete 2014 e 2015 L Autorità,

Dettagli

Nuovo Telecomando del traffico della linea B della Metropolitana di Roma Direzione Servizi Ingegneria del Trasporto Ing.

Nuovo Telecomando del traffico della linea B della Metropolitana di Roma Direzione Servizi Ingegneria del Trasporto Ing. Nuovo Telecomando del traffico della linea B della Metropolitana di Roma Direzione Servizi Ingegneria del Trasporto Ing. Carlo Scoppola Roma, 18 novembre 2009 Indice La linea B della metropolitana di Roma

Dettagli

Policy per la negoziazione e per il rimborso delle Azioni di propria emissione

Policy per la negoziazione e per il rimborso delle Azioni di propria emissione Azioni di propria emissione Marzo 2016 SOMMARIO Premessa... 5 Regole interne per la negoziazione di Azioni BPC... 5 Strategia di esecuzione... 5 Soggetti ammessi alla negoziazione... 6 Modalità di conferimento

Dettagli

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento -

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento - RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento - SCOPI E FUNZIONAMENTO DELLA SEZIONE Articolo 1 In attuazione dell Articolo 1 dello Statuto Sociale ed ai sensi di quanto prescritto dalle leggi, dalle deliberazioni

Dettagli

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO ARTICOLO 1 In attuazione dell art. 4 dello Statuto Sociale ed ai sensi di quanto prescritto dalle leggi, dalle deliberazioni del Comitato

Dettagli

DEIF n 41.4. del 16/05/2014 RIORDINO NORMATIVO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SUI SEGNALI DISPOSIZIONE DI ESERCIZIO RFI N. 01/2014 INTRODOTTE DALLA

DEIF n 41.4. del 16/05/2014 RIORDINO NORMATIVO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SUI SEGNALI DISPOSIZIONE DI ESERCIZIO RFI N. 01/2014 INTRODOTTE DALLA Direzione Tecnica Direttore DEIF n 41.4 del 16/05/2014 In vigore dalle ore 00.01 del 25/06/2014 RIORDINO NORMATIVO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SUI SEGNALI INTRODOTTE DALLA DISPOSIZIONE DI ESERCIZIO RFI N.

Dettagli

1. QUALI IMPIANTI SONO SOGGETTI A CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA?

1. QUALI IMPIANTI SONO SOGGETTI A CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA? 1. QUALI IMPIANTI SONO SOGGETTI A CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA? Tab. 1 - Impianti soggetti a controllo di efficienza energetica In base a quanto stabilito dal D.P.R. del 16 aprile 2013 n.74 ss.mm.ii,

Dettagli

Focus su alcuni temi rilevanti in materia di. del Decreto 4/2012. Firenze, 31 Luglio 2013

Focus su alcuni temi rilevanti in materia di. del Decreto 4/2012. Firenze, 31 Luglio 2013 Focus su alcuni temi rilevanti in materia di sicurezza a sei mesi dall entrata in vigore del Decreto 4/2012 Firenze, 31 Luglio 2013 Argomenti dell incontro Guasti alle porte dei Treni Passeggeri Utilizzo

Dettagli

LA SPECIALE DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI D OPERA E L'ESP2009

LA SPECIALE DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI D OPERA E L'ESP2009 E L'ESP2009 Alessandro Bicego Provincia di Bologna ARS2009 ed ESP2009 Attuazione ed aggiornamento Bologna 8 ottobre 2009 Mezzi d Opera I mezzi d Opera I mezzi d opera (art. 54, c.1, lett. n. del CDS) sono:

Dettagli

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 26.07.2006 1 Comune di Centallo REGOLAMENTO PER

Dettagli

COMUNE DI FANO PROVINCIA DI PESARO URBINO. Regolamento comunale per la disciplina della videosorveglianza

COMUNE DI FANO PROVINCIA DI PESARO URBINO. Regolamento comunale per la disciplina della videosorveglianza COMUNE DI FANO PROVINCIA DI PESARO URBINO Regolamento comunale per la disciplina della videosorveglianza Indice generale Art. 1 Oggetto e norme di riferimento...2 Art. 2 Definizioni...2 Art. 3 Finalità,

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

Procedura di gara e criteri di aggiudicazione: procedura aperta con il criterio del prezzo più

Procedura di gara e criteri di aggiudicazione: procedura aperta con il criterio del prezzo più PROVINCIA DI PISTOIA Piazza S. Leone n. 1, Pistoia Tel. 0573/374249, Fax 0573/374543: DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA APERTA PER PROVVISTA DI FONDI TRIENNIO 2006/2008 PER IL FINANZIAMENTO DI OPERE PUBBLICHE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 OGGETTO Oggetto del presente regolamento è la disciplina del trattamento dei dati personali effettuato

Dettagli

PIANO NEVE BOLOGNA Orario 2013/2014

PIANO NEVE BOLOGNA Orario 2013/2014 PIANO NEVE BOLOGNA Orario 2013/2014 Fase di ALLERTAMENTO Definizione Attivazione della fase di allertamento Piano Neve Rete Ferroviaria Italiana Disponibilità risorse/impianti/attrezzature Azioni preventive/disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Articolo 1 - Oggetto 1.1. Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci in conformità all'articolo 7 dello statuto sociale. 1.2. Tale

Dettagli

posticipato per causa di forza maggiore o in seguito ad un numero ridotto di materiale presentato. Eventuali proroghe di scadenza saranno pubblicate

posticipato per causa di forza maggiore o in seguito ad un numero ridotto di materiale presentato. Eventuali proroghe di scadenza saranno pubblicate Con la semplice navigazione tra le pagine di questo sito internet i visitatori ne accettano le condizioni. Chi ritenesse di non accettare le seguenti condizioni generali dovrà immediatamente uscire e sospendere

Dettagli

FERROVIA ROMA - VITERBO REGOLAMENTO DI ESERCIZIO

FERROVIA ROMA - VITERBO REGOLAMENTO DI ESERCIZIO FERROVIA ROMA - VITERBO REGOLAMENTO DI ESERCIZIO INDICE CAPITOLO 1 6 DISPOSIZIONI GENERALI 6 Art.1 OBBLIGHI DI OSSERVANZA DELLE DISPOSIZIONI. 6 Art.2 DEFINIZIONI LINEA E TRENI 6 Art. 3 COMPILAZIONE DEI

Dettagli

18 RIEVOCAZIONE STORICA STALLAVENA- BOSCO

18 RIEVOCAZIONE STORICA STALLAVENA- BOSCO REGOLAMENTO PARTICOLARE DELLA MANIFESTAZIONE 18 RIEVOCAZIONE STORICA STALLAVENA- BOSCO L Ass. STALLAVENA BOSCO Club Veicoli d Epoca Organizza: la 18 Rievocazione Storica Stallavena Bosco il 15 Giugno 2014.

Dettagli

www.laquilalavoro.it

www.laquilalavoro.it www.laquilalavoro.it Comunicazioni Obbligatorie on line Aspetti generali: La legge 296/2006 (finanziaria per il 2007) al comma 1184 prevede l obbligo per i datori di lavoro pubblici e privati (Soggetti

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PER LE ATTIVITÀ DI APERTURA DI NUOVI PUNTI DI RICONSEGNA E PER LA CHIUSURA/RIAPERTURA DI PUNTI DI RICONSEGNA ESISTENTI

PROCEDURA OPERATIVA PER LE ATTIVITÀ DI APERTURA DI NUOVI PUNTI DI RICONSEGNA E PER LA CHIUSURA/RIAPERTURA DI PUNTI DI RICONSEGNA ESISTENTI PROCEDURA OPERATIVA PER LE ATTIVITÀ DI APERTURA DI NUOVI PUNTI DI RICONSEGNA E PER LA CHIUSURA/RIAPERTURA DI PUNTI DI RICONSEGNA ESISTENTI Con riferimento alle disposizioni previste dal Codice di Rete

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l..

CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l.. COPIA PER IL RICHIEDENTE CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l.. Il sottoscritto.............., codice fiscale., nato a......, il / /, domiciliato

Dettagli

PER LA CONCESSIONE DEGLI INCENTIVI

PER LA CONCESSIONE DEGLI INCENTIVI MCC REGIONE PUGLIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEGLI INCENTIVI AREA SERVIZI PER LO SVILUPPO Il presente Regolamento definisce i criteri, le modalità e le procedure cui i soggetti abilitati ad operare

Dettagli

AMBITO DI APPLICAZIONE

AMBITO DI APPLICAZIONE PROCEDURA OPERATIVA PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO ALTERNATIVO DI FORNITURA DI GAS TRAMITE CARRO BOMBOLAIO PRESSO I PUNTI DI RICONSEGNA ALLACCIATI ALLA RETE NETENERGY SERVICE SRL OGGETTO La presente

Dettagli

Famiglia C o o p e r ativa M e z z o c o r o n a e San Michele all A dige Società C o o p erativa

Famiglia C o o p e r ativa M e z z o c o r o n a e San Michele all A dige Società C o o p erativa REGOLAMENTO DEL PRESTITO DA SOCI Scopi e funzionamento Art. 1. In esecuzione dell'art. 4 dello statuto sociale è istituita una sezione di attività denominata, gestita con apposita contabilità sezionale.

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti

Dettagli

GUIDA ALL ASSISTITO LE PRESTAZIONI IN REGIME DI ASSISTENZA SANITARIA IN FORMA RIMBORSUALE E DIRETTA

GUIDA ALL ASSISTITO LE PRESTAZIONI IN REGIME DI ASSISTENZA SANITARIA IN FORMA RIMBORSUALE E DIRETTA GUIDA ALL ASSISTITO LE PRESTAZIONI IN REGIME DI ASSISTENZA SANITARIA IN FORMA RIMBORSUALE E DIRETTA FASIFIAT è una associazione senza scopo di lucro che persegue lo scopo di garantire ai propri assistiti

Dettagli

Comune di Afragola Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L'UTIL IZZO DELL'IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

Comune di Afragola Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L'UTIL IZZO DELL'IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Comune di Afragola Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L'UTIL IZZO DELL'IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con DEL. di C.S. 1 INDICE INDICE 2 GENERALITÁ 3 ART.1 FINALITÁ

Dettagli

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL PARCHEGGIO COMUNALE NON CUSTODITO PICCOLO TORINO IN LOCALITÀ BAS VILLAIR

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL PARCHEGGIO COMUNALE NON CUSTODITO PICCOLO TORINO IN LOCALITÀ BAS VILLAIR COMUNE DI QUART VALLE D AOSTA COMMUNE DE QUART VALLÉE D AOSTE REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL PARCHEGGIO COMUNALE NON CUSTODITO PICCOLO TORINO IN LOCALITÀ BAS VILLAIR Approvato con deliberazione della Giunta

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

ACCORDO DI INTERCONNESSIONE

ACCORDO DI INTERCONNESSIONE ACCORDO DI INTERCONNESSIONE tra la Società RETRAGAS s.r.l. con sede legale in via Lamarmora, 230, CAP 25124 Brescia, partita IVA e C.F 02419860982, nella persona di Ing. Paolo Rossetti, in qualità di Presidente

Dettagli

COMUNE DI LECCO SETTORE LAVORI PUBBLICI Lecco, 21 Maggio 2009 Ufficio Viabilita N 129 R.O. SR.gf

COMUNE DI LECCO SETTORE LAVORI PUBBLICI Lecco, 21 Maggio 2009 Ufficio Viabilita N 129 R.O. SR.gf COMUNE DI LECCO SETTORE LAVORI PUBBLICI Lecco, 21 Maggio 2009 Ufficio Viabilita N 129 R.O. SR.gf OGGETTO: Strade classificate Zone a Traffico Limitato e relativa organizzazione. IL SINDACO Premesso che

Dettagli

MinisterodelloSviluppoEconomico

MinisterodelloSviluppoEconomico MinisterodelloSviluppoEconomico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 24 settembre 2014, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

TESTO INTEGRATO SULLA MOROSITA - DELIBERA ARG/gas 99/11 E SS.MM.II.

TESTO INTEGRATO SULLA MOROSITA - DELIBERA ARG/gas 99/11 E SS.MM.II. 1 TESTO INTEGRATO SULLA MOROSITA - DELIBERA ARG/gas 99/11 E SS.MM.II. 6 novembre 2012, Roma avv. Tiziana Sogari t.sogari@macchi-gangemi.com Deliberazione ARG/gas 99/11 di approvazione del Testo Integrato

Dettagli

TESTO UNICO DELLA NORMATIVA DI ESERCIZIO FERROVIARIA

TESTO UNICO DELLA NORMATIVA DI ESERCIZIO FERROVIARIA TESTO UNICO DELLA NORMATIVA DI ESERCIZIO FERROVIARIA PREMESSA: Emanazione norme; Contenuto del Testo Unico PARTE PRIMA: REQUISITI FUNZIONALI DEL SISTEMA DI TRASPORTO FERROVIARIO 1. Generalità 2. Infrastruttura:

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI Docente: Ing. Marinella Giunta DEFINIZIONI Vengono definite

Dettagli

Con la presente scrittura privata di convenzione da valere ad ogni effetto di legge TRA

Con la presente scrittura privata di convenzione da valere ad ogni effetto di legge TRA Convenzione fra il Comune di MONASTIER DI TREVISO e la Sezione di Polizia Giudiziaria della PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO il TRIBUNALE di Treviso per l accesso in consultazione alla banca dati anagrafica

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI COMUNE DI VITTORIA (Provincia di RAGUSA) REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPENDICE N. 2 DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA GESTIONE, ALL UTILIZZO ED ALLA GUIDA DEGLI AUTOMEZZI DI PROPRIETA

Dettagli

2. Il conto di risparmio cooperativo è nominativo ed intestato al Socio che ne ha richiesto l apertura.

2. Il conto di risparmio cooperativo è nominativo ed intestato al Socio che ne ha richiesto l apertura. Articolo1 (Istituzione del servizio) 1. In esecuzione dell articolo 4, comma 5, punto e) e dell articolo 34 dello Statuto Sociale della Cooperativa Edificatrice Ferruccio Degradi S.c.r.l. viene istituito

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA

COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA PROVINCIA DI VENEZIA Via Repubblica 34/36 C.A.P. 30010 Tel. 041/5145911 Fax 041/460017 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELL ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO PER L UTILIZZO DELL IMPIANTO ESTERNO DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO OPERATIVO PER L UTILIZZO DELL IMPIANTO ESTERNO DI VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO OPERATIVO PER L UTILIZZO DELL IMPIANTO ESTERNO DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera consiglio comunale n. 175 del 22/11/2006 Modificato con delibera consiglio comunale n. 36 DEL 14/03/2013

Dettagli

Servizi online per le Aziende e i Consulenti. Avvio sperimentazione della procedura di Iscrizione Azienda con dipendenti su web INTERNET

Servizi online per le Aziende e i Consulenti. Avvio sperimentazione della procedura di Iscrizione Azienda con dipendenti su web INTERNET Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Servizi online per le Aziende

Dettagli

CONVENZIONE SULLA PROTEZIONE DALLE MACCHINE, 1963 1

CONVENZIONE SULLA PROTEZIONE DALLE MACCHINE, 1963 1 Convenzione 119 CONVENZIONE SULLA PROTEZIONE DALLE MACCHINE, 1963 1 La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro ; Convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione dell Ufficio

Dettagli

Quota associativa della Scuola Germanica Roma per l anno scolastico 2014/15

Quota associativa della Scuola Germanica Roma per l anno scolastico 2014/15 Quota associativa della Scuola Germanica Roma per l anno scolastico 2014/15 Quota di nuova iscrizione una tantum/a fondo perduto Deposito cauzionale una tantum/rimborsabile con interessi Quota di conferma

Dettagli

Manuale degli Annunci sonori

Manuale degli Annunci sonori Manuale degli Annunci sonori Manuale degli Annunci sonori DICEMBRE 2007 AGGIORNAMENTO GIUGNO 2011 A cura di RFI - Rete Ferroviaria Italiana SpA Progetto Grafico di Ettore Festa, HaunagDesign Indice Definizioni

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2010 Progetto Istanze On Line 21 settembre 2010 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA...3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI...3 2 INSERIMENTO NUMERO DI TELEFONO CELLULARE IN CASO DI PRIMA REGISTRAZIONE

Dettagli

Sanzioni per violazioni del Codice della Strada Art. 174

Sanzioni per violazioni del Codice della Strada Art. 174 Sanzioni per violazioni del Codice della Strada Art. 174 ART. 174 COMMA 4 Conducente che supera la durata dei periodi di guida prescritti dal Regolamento CE 561/2006 per eccedenze fino al 10% 9 ore (540

Dettagli

I metodi di collocamento di una attività finanziaria non sono diversi da quelli utilizzati per altri beni. La vendita può avvenire per:

I metodi di collocamento di una attività finanziaria non sono diversi da quelli utilizzati per altri beni. La vendita può avvenire per: LE ASTE DEI TITOLI DI STATO INTRODUZIONE I metodi di collocamento di una attività finanziaria non sono diversi da quelli utilizzati per altri beni. La vendita può avvenire per: Asta pubblica, al fine di

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

REGOLAMENTO DEI GIOCATORI

REGOLAMENTO DEI GIOCATORI REGOLAMENTO DEI GIOCATORI Approvato dal Consiglio Federale il 3 settembre 2013 L attività dei giocatori è disciplinata dal Regolamento dei Giocatori, dal Regolamento delle Competizioni e da altre specifiche

Dettagli

COMUNE di PADERNO D'ADDA

COMUNE di PADERNO D'ADDA COMUNE di PADERNO D'ADDA c.a.p. 23877 PROVINCIA DI LECCO Allegato A File: RegolparcheggioTAMBORINI\2013 REGOLAMENTO PER L USO DEL PARCHEGGIO COMUNALE DI PALAZZO TAMBORINI Approvato con delibera C.C. n.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI GIOCATORI

REGOLAMENTO DEI GIOCATORI REGOLAMENTO DEI GIOCATORI Approvato dal Consiglio Federale il 3 luglio 2010 L attività dei giocatori è disciplinata dal Regolamento dei Giocatori, dal Regolamento delle Competizioni e da altre specifiche

Dettagli

SCRITTURA PRIVATA DI PROCACCATORE D AFFARI. Con la presente scrittura privata, da valersi ad ogni effetto di legge, tra le sottoscritte parti:

SCRITTURA PRIVATA DI PROCACCATORE D AFFARI. Con la presente scrittura privata, da valersi ad ogni effetto di legge, tra le sottoscritte parti: SCRITTURA PRIVATA DI PROCACCATORE D AFFARI Con la presente scrittura privata, da valersi ad ogni effetto di legge, tra le sottoscritte parti: la società Goldline S.r.l. con sede legale in Via Andrea Costa,

Dettagli

COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze)

COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze) 1 COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze) Regolamento per l utilizzo di autoveicoli e macchine operatrici Approvato con atto consiliare n 86 del 30.11.2006 1 2 ART. 1 Norma di carattere generale La gestione

Dettagli

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA (Provincia di Bologna) DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA GESTIONE, ALL UTILIZZO E ALLA GUIDA DELLE AUTO DI PROPRIETÀ COMUNALE Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 109

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

Roma, 23-09-2015. Messaggio n. 5864. 1. Premessa

Roma, 23-09-2015. Messaggio n. 5864. 1. Premessa Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 23-09-2015 Messaggio n. 5864 OGGETTO: Controlli sulle Dichiarazioni sostitutive uniche trasmesse

Dettagli

Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio

Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio ARTICOLO 1 FINALITA Le finalità che la Città di Desio intende perseguire con il progetto di videosorveglianza

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO

FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO Foglio informativo analitico recante le condizioni contrattuali praticate per i rapporti di prestito sociale dalla Cooperativa G. di Vittorio Società

Dettagli

Mansioni a rischio nel settore del TPL:

Mansioni a rischio nel settore del TPL: Mansioni a rischio nel settore del TPL: A. Conducenti di veicoli stradali per i quali è richiesto il possesso della patente di guida delle categorie C-D-E. B. Personale direttamente addetto alla circolazione

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DI ESERCIZIO IN PARALLELO CON RETI BT DI SGW ASM LACES DI IMPIANTI DI GENERAZIONE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DI ESERCIZIO IN PARALLELO CON RETI BT DI SGW ASM LACES DI IMPIANTI DI GENERAZIONE Ed. 1.0 ALLEGATO A REGOLAMENTO DI ESERCIZIO IN PARALLELO CON RETI BT DI SGW ASM LACES DI IMPIANTI DI GENERAZIONE 2010 N. PAG. 1/6 GENERALITÀ DEL PRODUTTORE Cliente.., con sede legale in.., Via/P.zza n,

Dettagli

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE INDICE Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 30 aprile 2015 CAPO I

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE SCOLASTICHE PER ATTIVITA SPORTIVE, IN ORARIO EXTRASCOLASTICO.

REGOLAMENTO PER L USO DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE SCOLASTICHE PER ATTIVITA SPORTIVE, IN ORARIO EXTRASCOLASTICO. Comune di Lecco REGOLAMENTO PER L USO DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE SCOLASTICHE PER ATTIVITA SPORTIVE, IN ORARIO EXTRASCOLASTICO. A) CRITERI PER LA CONCESSIONE 1) Gli edifici e le attrezzature scolastiche

Dettagli

TITOLO II REGOLAZIONE DEI SERVIZI DI DISPACCIAMENTO E DI TRASPORTO NEI CASI DI MOROSITA DEI CLIENTI FINALI DISALIMENTABILI...

TITOLO II REGOLAZIONE DEI SERVIZI DI DISPACCIAMENTO E DI TRASPORTO NEI CASI DI MOROSITA DEI CLIENTI FINALI DISALIMENTABILI... REGOLAZIONE DEL SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO E DEL SERVIZIO DI TRASPORTO (TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA) DELL ENERGIA ELETTRICA NEI CASI DI MOROSITÀ DEI CLIENTI FINALI O DI INADEMPIMENTO DA PARTE

Dettagli

ISTRUZIONE PER LA PROTEZIONE DEI CANTIERI

ISTRUZIONE PER LA PROTEZIONE DEI CANTIERI 1 ISTRUZIONE PER LA PROTEZIONE DEI CANTIERI Edizione 1986 Ristampa 2006 Aggiornata con OS 67/89-24/92-26/94-10/97. Disp. 38/01-42/03-38/04-46/05-84/05-87/05-21/06-29/06-41/06 Poligrafica Ruggiero s.r.l.

Dettagli

IL REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DELLE SEZIONI A.I.A.

IL REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DELLE SEZIONI A.I.A. IL REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DELLE SEZIONI A.I.A. All. D) ART. 1 RESPONSABILITÀ SEZIONALE L amministrazione delle sezioni è demandata al Presidente, il quale vi provvede di concerto con il Consiglio Direttivo

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE PER L UTILIZZO DELL ALBO FORNITORI E DELLE GARE ON-LINE

PROCEDURE OPERATIVE PER L UTILIZZO DELL ALBO FORNITORI E DELLE GARE ON-LINE Direzione Acquisti e Contratti Il Direttore PROCEDURE OPERATIVE PER L UTILIZZO DELL ALBO FORNITORI E DELLE GARE ON-LINE 1 PROCEDURA OPERATIVA ALBO FORNITORI 1.1 ALBO FORNITORI L Albo Fornitori contiene

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ORISTANO. Regolamento della pratica forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ORISTANO. Regolamento della pratica forense Allegato alla Delibera CdO n.52/2008 del 25/3/2008 ARTICOLO 1 ( Domanda) CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ORISTANO Regolamento della pratica forense Il praticante che intenda iscriversi deve presentare,

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL PARCHEGGIO SOTTERRANEO DI PIAZZA VITTORIO VENETO

REGOLAMENTO D USO DEL PARCHEGGIO SOTTERRANEO DI PIAZZA VITTORIO VENETO COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO D USO DEL PARCHEGGIO SOTTERRANEO DI PIAZZA VITTORIO VENETO (entrato in vigore il 26/02/2011 - approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 52

Dettagli

Città di Melegnano (Provincia di Milano)

Città di Melegnano (Provincia di Milano) Città di Melegnano (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEO SORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 81 del 27 novembre 2006 Città di Melegnano (Provincia di Milano)

Dettagli

Guida a SaraFree. Garanzia RCA

Guida a SaraFree. Garanzia RCA Guida a SaraFree Garanzia RCA Mod. 269/C ed. 01/2006 1 Condizioni Particolari di Assicurazione SaraFreeDay (cod. 272/B) 2 GARANZIE DI RESPONSABILITÀ CIVILE 1. Regolamentazione contrattuale La presente

Dettagli

10 Campionato Svizzero per conducenti di carrelli elevatori 2012-2013

10 Campionato Svizzero per conducenti di carrelli elevatori 2012-2013 10 Campionato Svizzero per conducenti di carrelli elevatori 2012-2013 Regolamento Pagina 1 di 8 Campionato Svizzero per conducenti di carrelli elevatori Swisslifter (per facilitarne la leggibilità, il

Dettagli

NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI

NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI Norme e Condizioni per il Pagamento dei Parcheggi con il Telepass NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI Art. 1 1.1 Le presenti norme e condizioni disciplinano l

Dettagli

Modelli documentazione per istruttoria e autorizzazioni

Modelli documentazione per istruttoria e autorizzazioni legato B Modelli documentazione per istruttoria e autorizzazioni Modello A Domanda di autorizzazione per la manomissione del suolo pubblico Modello B Domanda di autorizzazione, in sanatoria, per la manomissione

Dettagli

BOZZA DEL REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO.

BOZZA DEL REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO. COMUNE DI VALPELLINE REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA COMMUNE DE VALPELLINE RÉGION AUTONOME DE LA VALLÉE D AOSTE BOZZA DEL REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO. Art. 1 - Finalita'...2

Dettagli

3. Rendicontazione finale

3. Rendicontazione finale BANDO GALILEO 2012-2013 REGOLAMENTO 1. Accettazione del contributo Il conferimento del contributo è subordinato alla ricezione da parte del Segretariato italiano dell della seguente documentazione, che

Dettagli

Osservatorio per i Conflitti Sindacali P.zza della Croce Rossa, 1 ROMA. Commissione di Garanzia Legge 146/90 Via Po 16/a ROMA

Osservatorio per i Conflitti Sindacali P.zza della Croce Rossa, 1 ROMA. Commissione di Garanzia Legge 146/90 Via Po 16/a ROMA Osservatorio per i Conflitti Sindacali P.zza della Croce Rossa, 1 ROMA Commissione di Garanzia Legge 146/90 Via Po 16/a ROMA Trenitalia S.p.A. Risorse Umane Nord Ovest Dott. Manuela Rossi Milano Direzione

Dettagli