Quando eccezionalmente i treni percorrono il binario di sinistra si dice che essi viaggiano su binario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quando eccezionalmente i treni percorrono il binario di sinistra si dice che essi viaggiano su binario"

Transcript

1 Metropolitana di Genova Regolamento di Esercizio la conoscenza Per Parte Dall art. necessità 2a del l esecutore 1 semplificativa Regolamento Termini sulla e definizioni ESTRATTO viene parte d Esercizio di pertinenza. seguito DEL del riportato 20 REGOLAMENTO novembre un estratto 2012 DI del attualmente ESERCIZIO Regolamento in vigore, Circolazione al fine di Treni portare che a è Cadenzamento O.D.S. D.C.T D.C.S. Ordine di Servizio Traffico Sicurezza D.C.M. P.C.O. Dall art. 2 libero: Disposizioni procedura sistema alcun situazione Posto Dirigente orario generali Centrale centrale automatica in predeterminato atto. Operativo: di della elaborazione di Manutenzione regolazione sede ma mantiene dei Dirigenti dati della relativi il circolazione cadenzamento Centrali agli impianti (DCT, che attuabile non DCM fa e riferimento DCS) con e del ad La Le degli norme del presente Regolamento sono integrate dal Regolamento Segnali, dal Regolamento d'uso Le Impianti Telecomunicazione, dal Regolamento Circolazione Carrelli nonché dalle Disposizioni ed marcia. Esercizio Dall art. Istruzioni circolazione linee, Tale di 3 particolari con norma, binario Ordini Linee si svolge, sono è e di denominato senso Esercizio Servizio attrezzate di norma, di (O.d.S.). circolazione e, "legale" per su quanto linee circolazione a dei doppio occorra, treni binario. da dei norme treni sul specifiche binario di emanate destra per dalla ciascun Direzione senso di di Quando eccezionalmente i treni percorrono il binario di sinistra si dice che essi viaggiano su binario 6. attrezzature "illegale". I binari della delle linea linee si distinguono sono indicati anche i binari in che "dispari" devono e essere "pari". denominati Nella descrizione pari o dispari. degli impianti e delle TELECOMUNICAZIONI 5 Attribuzioni facoltà responsabilità... dei Dirigenti Centrali. 1. Dall art. Il DCT è responsabile 6 Strumenti del a disposizione proprio operato degli e degli operatori. ordini che direttamente impartisce. Parte Genova, a) Per garantire impianti l'assunzione 2a: impianto trasmissione Regolamento 20 di a regolarità di informazioni, la trasmissione e la ricezione di notizie, ordini e prescrizioni atte a novembre telecomunicazione: "telefoni e ricezione Circolazione del servizio 2012 automatici" di dispacci Treni e per la sicurezza la - di trasmissione movimento. della circolazione, e ricezione di la notizie linea ESTRATTO è relative attrezzata al servizio con i seguenti e per la

2 Metropolitana d) Genova "telefoni emergenza" per le comunicazioni, ordini prescrizioni Regolamento di movimento, di Esercizio nei casi 2. e) mancato funzionamento delle precedenti linee e per lo scambio di comunicazioni con treni privi di Gli radiotelefono pronto impianto essere intervento suddetti usato precedenti.. "diffusione per funzionante. devono l'invio linea. sonora" di essere particolari Di per questa utilizzati le comunicazioni linea in possono conformità al servirsi al pubblico alle personale, norme anche e per espresse in le la caso squadre ricerca di nel impossibilita di "Regolamento manutenzione personale. d'uso Può d'uso di degli 11. degli impianti telecomunicazione".. Km/h. 3. E' fatto assoluto divieto di valersi degli impianti di telecomunicazione scopi diversi da quelli consentiti Dall art. 11 dal suddetto Arrivo, regolamento partenza e percorso dei treni. 1. I treni che viaggiano con veicoli spinti, ogni caso non devono superare la velocità massima di Dall art. 13 Manovre e stazionamento dei rotabili. 4. E' denominato "manovra" qualsiasi spostamento mezzi di trazione veicoli, eseguito nell'ambito delle 9. Nelle precauzioni stazioni stazioni e fermate, che le il manovre caso fatta richieda. eccezione sono di norma, l'ingresso comandate di un mezzo treno in segnali arrivo e debbono l'uscita di essere un treno eseguite in partenza. con le Articolo 1. Generalità Di Le responsabilità manovra, regola, le manovre non devono superare il punto protetto dal segnale di protezione. I manovre sul piazzale dei depositi si svolgono, nella parte non centralizzata, a cura e sotto la servizio. alle norme del personale del Regolamento della Manutenzione, Segnali. il quale deve attenersi, nel regolare i movimenti di 24. Treni materiali e carrelli (2.17) Deroghe dispaccio sospesa treni materiali (TM) sono treni straordinari effettuati per il trasporto di materiali o per altri motivi di Il che dal carico dei treni materiali deve essere sempre contenuto entro la sagoma limite prevista per la linea. Quando linea a al DCT tale norma che prescrive possono le procedure essere autorizzate da osservare solo durante dalla la Direzione marcia. In d Esercizio ogni caso, con deve apposito essere Parte Genova, I DCT transito dovrà deve la percorrere circolazione del preavvisare treno eccedente il treno di i altri viaggiatori con treni la carico sagoma lungo presenti eccedente limite. il tratto in banchina la di sagoma linea (se limite. necessario stazioni comprese in entrambi nell area i sensi interessata di marcia) provvista opportunamente Il eccezionale treni ricovero di contatto i treni TM in tensione. hanno carichi che eccedono la sagoma limite in altezza, non possono circolare con la 2a: Regolamento 20 TM novembre di non dei binario e treni dovranno previa emanate. di TM Circolazione 2012 ricovero autorizzazione con superare fermata secondo Treni i limiti in del linea - le di indicazione DCT velocità deve o avvenire, del indicati previste DL delegato, nelle di norma, all art. Disposizioni in 13. ESTRATTO nella una stazione qualsiasi di servizio, di stazione partenza di volta abilitata, o, in volta via

3 Metropolitana loro Durante sull altro I sosta di Genova Regolamento di Esercizio Eventuali essere binario l intervallo indipendentemente sospensione dal del senso servizio, di marcia. la circolazione dei treni TM può avvenire su uno o Nel intralciare treni composizione, TM devono rispettare al carico tassativamente per asse, alla velocità le norme di marcia, emanate ai dalla mezzi di frenatura, alla procedura in merito della alla L orario per carico e scarico linea (tratta di lavoro). operazioni deroghe potranno essere autorizzate, di volta in volta, della Direzione d Esercizio e dovranno Sull orario tratto indicate impegnato treno marcia sull orario TM del viene dal treno del treno compilato treno stesso. TM TM. non dalla dovranno Direzione essere d Esercizio eseguiti in accordo lavori che col DCT, possano, in relazione comunque, alle Eventuali regolamentari dell esercizio. Non da svolgere. le dei treni TM devono essere specificate tutte le prescrizioni particolari che, in aggiunta a quelle Il o emanate con Ordine di Servizio, si rendessero necessarie a garantire sicurezza eventualmente Le prescritti, è ammesso dimezzamento dei treni TM in linea per agevolare le operazioni di carico e scarico. Alla deroghe devono essere previste dall orario treno TM nel quale dovranno, inoltre, risultare condurre DCT relative stazioni condotta deve l avvenuta i norme treni. eventualmente provvedere del abilitate particolari. mezzo ricezione e a alla di comunicare, abilitate trazione Manutenzione della prescrizione. e di gli nei un incaricati modi che treno hanno prescritti, TM della devono richiesto Manutenzione l effettuazione essere il treno comandati TM. devono del treno confermare, due TM a agenti tutte le abilitati nei stazioni modi a 2. L avanzamento autorizzato di lavori, un treno alle quali dal TM, Responsabile del mediante personale treno TM, indicazioni, della guida che Manutenzione circola dovrà ordini durante attenersi. e richieste, (CT l intervallo e/o CO); relativi di il Responsabile sospensione alla circolazione del regolerà servizio, e all esecuzione inoltre deve la marcia essere dei 3. TM Durante sospesa l intervallo circolazione dei sospensione treni, si deve del considerare servizio, e nullo sui tratti l aspetto di linea dei segnali su quali fissi. sia temporaneamente I effettuati La dei treni come con circolazione treni TM fermata solo treni straordinari che durante straordinari devono dei linea treni (articolo gli fermarsi TM, intervalli (senza 17). di linea fermata sospensione per in in carico linea) linea, del e è scarico servizio soggetta o totale alle altri norme motivi (notturno) che di servizio regolano o parziale possono la (intervalli circolazione essere di Parte Genova, 4. TM dispaccio orario), In in La sede ogni oppure nei tratti di binario ove la circolazione dei treni è temporaneamente sospesa. 2a: con partenza caso dovranno essere rispettate le norme di sicurezza che regolano le operazioni del personale Regolamento ferroviaria attrezzata 20 fermata novembre o apposito dalla in stazione linea Circolazione con 2012 modulo durante di dai origine DCT Treni linea la sospensione direttamente del - contatto treno TM aerea. parziale o tramite con fermata (durante il DL, se in linea l esercizio) ESTRATTO stazione deve è essere abilitata. autorizzata con

4 Metropolitana di Genova Regolamento di Esercizio garantiranno, Durante sosta sul tratto di lavoro il treno TM deve essere stazionato secondo le modalità previste nel che, regolamento circolazione carrelli e protetto con segnali a mano come previsto dal Regolamento Segnali. Quando La circolazione dei treni TM sui binari interrotti alla normale circolazione è regolata dalle norme previste Responsabile dovrà nel successivo articolo 25. I richiesta riguarda l effettuazione di un treno TM durante un intervallo ad orario, la stessa sospesa, essere sottoscritta dai Responsabili (CT e/o CO) dei lavori lungo la linea; i suddetti Responsabili abilitate. nella tratta in interessata, tal modo, che non i siano lavori immessi di loro competenza altri carrelli. non intralcino circolazione del treno TM e durante dei l intervallo lavori eseguire è prevista connessi la circolazione all utilizzazione di un treno del treno TM, TM. Manutenzione dovrà indicare Le eventualmente treni TM purché possono tutte essere stazioni inoltrati di anche tale tratto, su tratti comprese di binario quelle ove che la circolazione delimitano il è tratto temporaneamente stesso, siano Il deve DCT deve provvedere a comunicare, nei modi prescritti, l effettuazione treno TM a tutte le stazioni Se abilitate ed al Responsabile dei lavori. della mediante stazioni prescrizione. ed Responsabile dei lavori devono confermare, nei modi prescritti, l avvenuta ricezione Il treno cessare TM, che il lavoro circola in tempo nei tratti per di ricoverarsi binario ove nella stazione circolazione prestabilita dei treni all ora è temporaneamente prescritta dal suo sospesa, orario. stata prescritti, modi responsabile per segnalata prescritti, Manutenzione cause segnali DCT, di la della ad forza a circolazione direttamente estendere mano. dovrà Manutenzione, maggiore darne la del o il comunicazione treno tramite treno tempestivo completato TM TM il stesso. DL non avviso della a potesse il tutti ricovero stazione al gli ricoverarsi DCT uffici del abilitata, e ed treno provvedere entro tutte TM, il quale i ne limiti stazioni alla darà provvederà, previsti, protezione annuncio, abilitate responsabile sempre del a nei cui treno modi era nei 5. In mezzo La sospesa caso riattivazione più di sollecito. sul interruzione quale del è normale delle atto telecomunicazioni, l effettuazione transito dei treni di un sul l avviso treno binario TM, sarà in potrà dato cui essere a la mezzo circolazione effettuata dispaccio è solo temporaneamente da quando recapitare treno col 6. TM Carrelli interessate, Durante con si sia fermata definitivamente nei modi linea prescritti. durante ricoverato la sospensione ed il DCT totale abbia del data servizio comunicazione alle stazioni abilitate La stazioni Parte Manutenzione e del sospensione telecomando totale del del PCO servizio per l effettuazione la Manutenzione dei TM può e richiedere per movimentare l utilizzo i dei carrelli. banchi ACEI delle Genova, In dispaccio. personale eventualmente tali circolazione dei dei carrelli carrelli è regolata contemporaneamente base all apposita a quella istruzione dei per treni la circolazione dovrà essere dei carrelli. richiesta dalla 2a: Regolamento 20 casi al DCT novembre autorizzato il responsabile abilitata, Circolazione solo interventi 2012 ad operare del conferma carrello Treni sugli di dovrà - d emergenza. essere impianti trasmettere giunto di segnalamento da ogni DCT, stazione direttamente su ESTRATTO ordine del tratto del o tramite di DCT) invio, della il con DL apposito stazione (o l altro

5 Metropolitana ricevuto Il treno concessione seguente il suddetto di Genova del a dispaccio, nullaosta detto carrello trasmesso al DCT, non per potrà dalla ripresa essere stazione licenziato del successiva. normale da servizio, una stazione, nel Regolamento caso se in prima cui vi il di è DCT Esercizio stata abbia 7. La circolazione Dall art. Manutenzione 42 di carrelli, Sospensione se deve deve eseguire essere totale vincolata lavori del servizio con al linea regolare aerea ricovero disalimentata tali mezzi. può chiedere tale intervento una 9. la DCT Il Ricevuto Nel DCT sua con caso utilizzazione. deve apposito tale confermare cui dispaccio l esecuzione modulo. la l avvenuta Manutenzione qualche disalimentazione lavoro, può impegnare che determini della la linea l interruzione con ed apposito iniziare o i dispaccio. lavori l ingombro per i della quali linea, ha chiesto al 10. Chi, dovesse dovrà ripristinare utilizzazione per informare protrarsi l esecuzione la o loro manomissione. subito oltre condizione il dei limite DCT. lavori, stabilito primitiva, utilizzi per non o manometta cessazione appena sono dell intervallo, enti cessate delle stazioni le il cause Responsabile o che della hanno linea di tali imposto è lavori tenuto tale a Parte Genova, 2a: Regolamento 20 novembre Circolazione 2012 Treni - ESTRATTO

ISTRUZIONI PER L'ESERCIZIO

ISTRUZIONI PER L'ESERCIZIO Ferrovia Roma - Viterbo Tratta Urbana Roma P.le Flaminio - Montebello ISTRUZIONI PER L'ESERCIZIO DEL BLOCCO AUTOMATICO Approvato dal Ministero dei Trasporti e della Navigazione USTIF LAZIO Con nota n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI

REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI Edizione 1962 Testo aggiornato, in vigore dal 13/12/2009 (ultimo aggiornamento: decreto ANSF n. 12/2009) Elenco dei provvedimenti che hanno modificato l edizione

Dettagli

REGISTRAZIONI DEGLI ORDINI DI SERVIZIO E DELLE DISPOSIZIONI CHE HANNO MODIFICATO LE PRESENTI NORME

REGISTRAZIONI DEGLI ORDINI DI SERVIZIO E DELLE DISPOSIZIONI CHE HANNO MODIFICATO LE PRESENTI NORME REGISTRAZIONI DEGLI ORDINI DI SERVIZIO E DELLE DISPOSIZIONI CHE HANNO MODIFICATO LE PRESENTI NORME Ordine di Servizio/Disposizione Data di entrata in vigore 1 41/2001 20/06/02 2 39/2003 08/02/04 3 38/2004

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI

REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI 1. DISPOSIZIONI GENERALI. 1.1. Il presente Regolamento e il Regolamento sui segnali contengono le norme di esercizio di competenza dell Agenzia Nazionale per la

Dettagli

Modifiche alle PCT R 300.1 R 300.15 valevoli dal 1 luglio 2015 (ciclo di modifiche A2015), versione in lingua italiana. 1 Osservazioni preliminari

Modifiche alle PCT R 300.1 R 300.15 valevoli dal 1 luglio 2015 (ciclo di modifiche A2015), versione in lingua italiana. 1 Osservazioni preliminari Modifiche alle PCT R 300.1 R 300.15 valevoli dal 1 luglio 2015 (ciclo di modifiche A2015), versione in lingua italiana R o cfr fino ad ora modifica 300.1 1 1 Osservazioni preliminari L ufficio federale

Dettagli

FERROVIENORD NORME PER IL SERVIZIO DEL PERSONALE DI LINEA

FERROVIENORD NORME PER IL SERVIZIO DEL PERSONALE DI LINEA FERROVIENORD NORME PER IL SERVIZIO DEL PERSONALE DI LINEA Edizione 2009 N.S.P.L. 2 PARTE II ISTRUZIONE PER LA PROTEZIONE DEI CANTIERI DI LAVORO 10. REGIMI DI ESECUZIONE DEI LAVORI AGLI EFFETTI DELLA SICUREZZA

Dettagli

ISTRUZIONE. per l Esercizio sulle Linee a doppio binario Banalizzate (ad uso del personale dei treni) (I.E.L.B.) Disposizione 33/2003 EDIZIONE 2003

ISTRUZIONE. per l Esercizio sulle Linee a doppio binario Banalizzate (ad uso del personale dei treni) (I.E.L.B.) Disposizione 33/2003 EDIZIONE 2003 ISTRUZIONE per l Esercizio sulle Linee a doppio binario Banalizzate (ad uso del personale dei treni) (I.E.L.B.) Disposizione 33/2003 EDIZIONE 2003 METROTIPO SpA REGISTRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI CHE HANNO

Dettagli

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL Terminal Crociere - Piazzale dei Marmi 57123 Livorno (LI) Italia Tel. (+39) 0586 20.29.01 Fax (+39) 0586 89.22.09 info@portolivorno2000.it Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società

Dettagli

Circolazione ed Impianti di Sicurezza e Segnalamento

Circolazione ed Impianti di Sicurezza e Segnalamento Circolazione ed Impianti di Sicurezza e Segnalamento Principali concetti relativi a: Segnali luminosi; Stazione; Treno; linea a semplice binario, incrocio; linea a doppio binario, precedenza, binario legale

Dettagli

Riordino del quadro normativo. Firenze, 09 maggio 2012

Riordino del quadro normativo. Firenze, 09 maggio 2012 Riordino del quadro normativo Firenze, 09 maggio 2012 Nuovo TESTO UNICO Il Regolamento sui Segnale diventa una parte del RCT Testo unico: Regolamento per la circolazione dei treni TESTO UNICO Il Testo

Dettagli

Focus su alcuni temi rilevanti in materia di. del Decreto 4/2012. Firenze, 31 Luglio 2013

Focus su alcuni temi rilevanti in materia di. del Decreto 4/2012. Firenze, 31 Luglio 2013 Focus su alcuni temi rilevanti in materia di sicurezza a sei mesi dall entrata in vigore del Decreto 4/2012 Firenze, 31 Luglio 2013 Argomenti dell incontro Guasti alle porte dei Treni Passeggeri Utilizzo

Dettagli

Parte III NORME SULL USO DELLE ETICHETTE

Parte III NORME SULL USO DELLE ETICHETTE Parte III NORME SULL USO DELLE ETICHETTE INDICE Parte III NORME SULL USO DELLE ETICHETTE...5 1 GENERALITÀ...5 2 TIPI DI ETICHETTE... 11 2.1 Modello Na... 13 2.2 Modello K... 15 2.3 Modello M... 17 2.4

Dettagli

FERROVIA ROMA - VITERBO REGOLAMENTO DI ESERCIZIO

FERROVIA ROMA - VITERBO REGOLAMENTO DI ESERCIZIO FERROVIA ROMA - VITERBO REGOLAMENTO DI ESERCIZIO INDICE CAPITOLO 1 6 DISPOSIZIONI GENERALI 6 Art.1 OBBLIGHI DI OSSERVANZA DELLE DISPOSIZIONI. 6 Art.2 DEFINIZIONI LINEA E TRENI 6 Art. 3 COMPILAZIONE DEI

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 05 - LE LINEE

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 05 - LE LINEE UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 05 - LE LINEE Docente: Ing. Marinella Giunta Le linee possono essere a semplice

Dettagli

Delibera n. 84/2015. VISTI in particolare, i commi 2 e 3 del citato art. 37 del decreto-legge n. 201/2011 e, specificamente:

Delibera n. 84/2015. VISTI in particolare, i commi 2 e 3 del citato art. 37 del decreto-legge n. 201/2011 e, specificamente: Delibera n. 84/2015 Prescrizioni a Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. relativamente ad alcune modifiche da essa apportate, nel corso del 2015, al Prospetto informativo della rete 2014 e 2015 L Autorità,

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE Numero: 2015/M/09036 Del: 26/08/2015 Esecutiva da: 26/08/2015 Proponente: Direzione Nuove Infrastrutture e Mobilità,Posizione Organizzativa (P.O.) Traffico e Provvedimenti viabilita'

Dettagli

DISPOSIZIONE N del. Il Gestore dell Infrastruttura Ferroviaria nazionale

DISPOSIZIONE N del. Il Gestore dell Infrastruttura Ferroviaria nazionale DISPOSIZIONE N del Modifiche al Regolamento per la circolazione dei treni ed al Regolamento sui segnali Il Gestore dell Infrastruttura Ferroviaria nazionale VISTO il D.P.R. 11 luglio 1980 n. 753, recante

Dettagli

0.742.140.24. Traduzione 1 Convenzione

0.742.140.24. Traduzione 1 Convenzione Traduzione 1 Convenzione fra l Amministrazione delle Ferrovie italiane dello Stato e l Amministrazione delle Ferrovie federali svizzere per l esercizio del tronco di strada ferrata dalla stazione internazionale

Dettagli

DEIF n 41.4. del 16/05/2014 RIORDINO NORMATIVO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SUI SEGNALI DISPOSIZIONE DI ESERCIZIO RFI N. 01/2014 INTRODOTTE DALLA

DEIF n 41.4. del 16/05/2014 RIORDINO NORMATIVO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SUI SEGNALI DISPOSIZIONE DI ESERCIZIO RFI N. 01/2014 INTRODOTTE DALLA Direzione Tecnica Direttore DEIF n 41.4 del 16/05/2014 In vigore dalle ore 00.01 del 25/06/2014 RIORDINO NORMATIVO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SUI SEGNALI INTRODOTTE DALLA DISPOSIZIONE DI ESERCIZIO RFI N.

Dettagli

Osservatorio per i Conflitti Sindacali P.zza della Croce Rossa, 1 ROMA. Commissione di Garanzia Legge 146/90 Via Po 16/a ROMA

Osservatorio per i Conflitti Sindacali P.zza della Croce Rossa, 1 ROMA. Commissione di Garanzia Legge 146/90 Via Po 16/a ROMA Osservatorio per i Conflitti Sindacali P.zza della Croce Rossa, 1 ROMA Commissione di Garanzia Legge 146/90 Via Po 16/a ROMA Trenitalia S.p.A. Risorse Umane Nord Ovest Dott. Manuela Rossi Milano Direzione

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI Docente: Ing. Marinella Giunta DEFINIZIONI Vengono definite

Dettagli

DEIF n 42.4 del 16/05/2014

DEIF n 42.4 del 16/05/2014 Direzione Tecnica Direttore DEIF n 42.4 del 16/05/2014 In vigore dalle ore 00.01 del 25/06/2014 RIORDINO NORMATIVO MODIFICHE A: -DISCIPLINA DEI RAPPORTI FRA REGOLATORE DELLA CIRCOLAZIONE E PERSONALE DEI

Dettagli

Regolamento per la Circolazione dei Treni

Regolamento per la Circolazione dei Treni Edizione 1962 Regolamento per la Circolazione dei Treni Art. 1 Disposizioni generali 1. Le norme del presente Regolamento sono integrate dal Regolamento sui segnali nonché dalle Disposizioni ed Istruzioni

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti ferroviari

Dettagli

TESTO UNICO DELLA NORMATIVA DI ESERCIZIO FERROVIARIA

TESTO UNICO DELLA NORMATIVA DI ESERCIZIO FERROVIARIA TESTO UNICO DELLA NORMATIVA DI ESERCIZIO FERROVIARIA PREMESSA: Emanazione norme; Contenuto del Testo Unico PARTE PRIMA: REQUISITI FUNZIONALI DEL SISTEMA DI TRASPORTO FERROVIARIO 1. Generalità 2. Infrastruttura:

Dettagli

Regolamento per il servizio di noleggio da rimessa con conducente di autobus per il trasporto di viaggiatori su strada 1

Regolamento per il servizio di noleggio da rimessa con conducente di autobus per il trasporto di viaggiatori su strada 1 Regolamento per il servizio di noleggio da rimessa con conducente di autobus per il trasporto di viaggiatori su strada 1 1 Approvato con D.C.C. n 49 del 30/12/1999 esecutiva il 23/03/2000 art. 1 Disciplina

Dettagli

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI(DUVRI) E INFORMATIVA IN MERITO AI RISCHI SPECIFICI PER LE FASI DI ALLESTIMENTO E DISALLESTIMENTO

Dettagli

STRALCIO. Descrizione delle modalità di circolazione del sistema Tram - Treno.

STRALCIO. Descrizione delle modalità di circolazione del sistema Tram - Treno. REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA spa trasporti regionali della sardegna Via Zagabria, 54 09129 Cagliari tel (+39) 070 4098 1 fax (+39) 070 4098 237 www.arst.sardegna.it STRALCIO Progetto finanziato dall

Dettagli

METROPOLITANA DI GENOVA MANUALE DI ISTRUZIONE PER IL PERSONALE DI GUARDIANAGGIO

METROPOLITANA DI GENOVA MANUALE DI ISTRUZIONE PER IL PERSONALE DI GUARDIANAGGIO 1 di 13 METROPOLITANA DI GENOVA MANUALE DI ISTRUZIONE PER IL PERSONALE DI GUARDIANAGGIO INDICE 1. PREMESSA...3 2. ISTRUZIONI OPERATIVE PER IL GUARDIANO NOTTURNO (PIANTONAMENTO DEL PCO)...3 2.1 USO DELLA

Dettagli

ISTRUZIONE PER LA PROTEZIONE DEI CANTIERI

ISTRUZIONE PER LA PROTEZIONE DEI CANTIERI 1 ISTRUZIONE PER LA PROTEZIONE DEI CANTIERI Edizione 1986 Ristampa 2006 Aggiornata con OS 67/89-24/92-26/94-10/97. Disp. 38/01-42/03-38/04-46/05-84/05-87/05-21/06-29/06-41/06 Poligrafica Ruggiero s.r.l.

Dettagli

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE 1 INFRASTRUTTURE FERROVIARIE TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE A.A. 2008-09 2 DISTANZIAMENTO DEI TRENI Criteri di sicurezza La tecnica della marcia guida vincolata si basa sul vincolo, imposto dalla via per la

Dettagli

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7.1 - ACCESSI E DIRAMAZIONI. DEFINIZIONI E TIPOLOGIA Tra i diversi fattori che possono influire sulle prestazioni, in termini di sicurezza e di funzionalità, di una strada, occupano

Dettagli

LA RIFORMA DEL CODICE DELLA STRADA

LA RIFORMA DEL CODICE DELLA STRADA LA RIFORMA DEL CODICE DELLA STRADA Tabella comparativa delle modifiche del codice della strada previste dalla legge n. 120 del 29.07.2010 di riforma del codice della strada: - nella colonna a sinistra

Dettagli

MODIFICHE REGOLAMENTARI. Chiusi, novembre 2007

MODIFICHE REGOLAMENTARI. Chiusi, novembre 2007 MODIFICHE REGOLAMENTARI Chiusi, novembre 2007 Disposizione 43/2007 MODIFICHE ALLE DELB - IELB 2 Disposizione 43/2007 MODIFICHE ALLE DELB 3 Modifiche alle DELB Articolo 1 - comma 7-8 In linea, i segnali

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO IN TELECOMANDO

DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO IN TELECOMANDO 1 DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO IN TELECOMANDO Edizione 1987 Ristampa 2005 aggiornata con OS 24/1992-26/1994-10/1997 Disp. 5/2001 33/2001 50/2001 11/2002 16/2002 43/2002 15/2005 40/2005 48/2005 Poligrafica

Dettagli

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI(DUVRI) E INFORMATIVA IN MERITO AI RISCHI SPECIFICI PER LE FASI DI ALLESTIMENTO E DISALLESTIMENTO

Dettagli

Federazione Autonoma dei Sindacati dei Trasporti Segreteria Generale

Federazione Autonoma dei Sindacati dei Trasporti Segreteria Generale Federazione Autonoma dei Sindacati dei Trasporti Segreteria Generale Roma lì 23 Febbraio 2012 Prot.08/07/SG Amministratore Delegato FS SpA Ing. Mauro Moretti Amministratore Delegato Trenord Ing. Giuseppe

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI E DELLE PISTE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI E DELLE PISTE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI E DELLE PISTE Gli sciatori e gli utenti degli impianti di risalita devono osservare le disposizioni del presente regolamento, le disposizioni per i viaggiatori

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 OGGETTO Oggetto del presente regolamento è la disciplina del trattamento dei dati personali effettuato

Dettagli

Roma, 18 febbraio 2011

Roma, 18 febbraio 2011 SICUREZZA ED ESERCIZIO FERROVIARIO: innovazione e nuove sfide nei sistemi ferroviari Il miglioramento dell accessibilità laterale ai binari quale elemento strategico per la manutenzione e per l aumento

Dettagli

La sicurezza nel trasporto delle persone

La sicurezza nel trasporto delle persone TRASPORTO SANITARIO Obiettivi definire i principi della sicurezza della circolazione stradale; fornire cenni di segnaletica stradale; definire la velocità pericolosa e le regole di utilizzo dei sistemi

Dettagli

Roma 21 giugno 2007 L ORARIO DI LAVORO E LE NUOVE NORME IN MATERIA DI TEMPI DI GUIDA, INTERRUZIONI E PERIODI DI RIPOSO PER IL PERSONALE VIAGGIANTE

Roma 21 giugno 2007 L ORARIO DI LAVORO E LE NUOVE NORME IN MATERIA DI TEMPI DI GUIDA, INTERRUZIONI E PERIODI DI RIPOSO PER IL PERSONALE VIAGGIANTE Roma 21 giugno 2007 L ORARIO DI LAVORO E LE NUOVE NORME IN MATERIA DI TEMPI DI GUIDA, INTERRUZIONI E PERIODI DI RIPOSO PER IL PERSONALE VIAGGIANTE 1 IL QUADRO NORMATIVO Orario di lavoro, guida, interruzioni

Dettagli

N A U T I C A 1 8 0 S.r.l. RIMESSAGGIO E MANUTENZIONE IMBARCAZIONI FORNITURE NAUTICHE

N A U T I C A 1 8 0 S.r.l. RIMESSAGGIO E MANUTENZIONE IMBARCAZIONI FORNITURE NAUTICHE Regolamento di Uso e Gestione di Ormeggio e Rimessaggio Nautico del Marina Nautica 180 S.r.l. S.r.l. Art. 1 Oggetto del regolamento CAPO I - NORME GENERALI Il presente regolamento disciplina l accesso,

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

CONDIZIONI PER IL TRASPORTO DEGLI AUTOVEICOLI COMMERCIALI

CONDIZIONI PER IL TRASPORTO DEGLI AUTOVEICOLI COMMERCIALI CONDIZIONI PER IL TRASPORTO DEGLI AUTOVEICOLI COMMERCIALI COMPAGNIA ITALIANA DI NAVIGAZIONE S.P.A.", con sede legale in Cagliari, Via Sassari n. 3 denominata di seguito "la Società", assume il trasporto

Dettagli

Incontro con le OOSS Roma, 27.09.2011

Incontro con le OOSS Roma, 27.09.2011 Abilitazioni del personale per la Circolazione dei Mezzi d opera utilizzati, esclusivamente in interruzione, per la costruzione e la manutenzione dell Infrastruttura Ferroviaria Nazionale Incontro con

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Introduzione Nelle varie fasi lavorative, si è visto come ricorra spesso l utilizzo di ausili per la movimentazione meccanica dei carichi,

Dettagli

TRASPORTO PUBBLICO URBANO ORARI E TURNI DI SERVIZIO DEL PERSONALE DI GUIDA

TRASPORTO PUBBLICO URBANO ORARI E TURNI DI SERVIZIO DEL PERSONALE DI GUIDA TRASPORTO PUBBLICO URBANO ORARI E TURNI DI SERVIZIO DEL PERSONALE DI GUIDA FONTI LEGISLATIVE 1) R.D.L. 19 ottobre 1923, n. 2328 (orari e turni di servizio); 2) Legge 22 febbraio 1934, n. 370 (riposo settimanale);

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova UFFICIO DEL SINDACO

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova UFFICIO DEL SINDACO Prot. N. 6768 COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova UFFICIO DEL SINDACO Oggetto: Sistema di Videosorveglianza del territorio comunale AVVISO AI SENSI DEL CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI

Dettagli

Servizi on-line per le Aziende e i Consulenti disponibili su web INTERNET

Servizi on-line per le Aziende e i Consulenti disponibili su web INTERNET Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Direzione Centrale Organizzazione Servizi on-line per le Aziende

Dettagli

LA SPECIALE DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI D OPERA E L'ESP2009

LA SPECIALE DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI D OPERA E L'ESP2009 E L'ESP2009 Alessandro Bicego Provincia di Bologna ARS2009 ed ESP2009 Attuazione ed aggiornamento Bologna 8 ottobre 2009 Mezzi d Opera I mezzi d Opera I mezzi d opera (art. 54, c.1, lett. n. del CDS) sono:

Dettagli

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI(DUVRI) E INFORMATIVA IN MERITO AI RISCHI SPECIFICI PER LE FASI DI ALLESTIMENTO E DISALLESTIMENTO

Dettagli

Il Trasporto Pubblico Locale in Toscana, con particolare riferimento al trasporto ferroviario d interesse regionale e locale(tpf)

Il Trasporto Pubblico Locale in Toscana, con particolare riferimento al trasporto ferroviario d interesse regionale e locale(tpf) Settima Commissione consiliare MOBILITA E INFRASTRUTTURE Il Trasporto Pubblico Locale in Toscana, con particolare riferimento al trasporto ferroviario d interesse regionale e locale(tpf) Indagine conoscitiva

Dettagli

PER LA CONCESSIONE DEGLI INCENTIVI

PER LA CONCESSIONE DEGLI INCENTIVI MCC REGIONE PUGLIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEGLI INCENTIVI AREA SERVIZI PER LO SVILUPPO Il presente Regolamento definisce i criteri, le modalità e le procedure cui i soggetti abilitati ad operare

Dettagli

Il DIRETTORE dell AGENZIA NAZIONALE per la SICUREZZA delle FERROVIE

Il DIRETTORE dell AGENZIA NAZIONALE per la SICUREZZA delle FERROVIE DECRETO n. x/2015 CONDIZIONI di AMMISSIONE al TRASPORTO COMBINATO FERROVIARIO dei CONTENITORI e delle UNITÀ di CARICO INTERMODALI e RELATIVE ATTRIBUZIONI di COMPETENZE IN AMBITO NAZIONALE Il DIRETTORE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE COMUNALI AI CIRCHI EQUESTRI, AGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E AI PARCHI DI DIVERTIMENTO

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE COMUNALI AI CIRCHI EQUESTRI, AGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E AI PARCHI DI DIVERTIMENTO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE COMUNALI AI CIRCHI EQUESTRI, AGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E AI PARCHI DI DIVERTIMENTO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 133 del 20.11.1968, esecutiva

Dettagli

ORDINANZA N. 16 /2016

ORDINANZA N. 16 /2016 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Otranto TEL.(+39) 0836/801073 - FAX (+39) 0836/805405 - Email: ucotranto@mit.gov.it ORDINANZA N. 16 /2016 LAVORI DI ADEGUAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. Regolamento della Fraternità di Misericordia di Pescara revisione ed aggiornamento seduta del C.D. Del 07/01/2014.

REGOLAMENTO INTERNO. Regolamento della Fraternità di Misericordia di Pescara revisione ed aggiornamento seduta del C.D. Del 07/01/2014. C.F. 91041370684 Associazione con Personalità Giuridica Riconosciuta con D.P.G.R. Abruzzo 70/2007 Autorizzazione Presidente Giunta Regionale n. 653 del 16/10/1996 REGOLAMENTO INTERNO Regolamento della

Dettagli

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO Scheda n. 1 Il segnale n. 1 1) preavvisa una doppia curva VF 2) preavvisa un tratto di strada in cattivo stato V F 3) preavvisa una discesa pericolosa

Dettagli

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE COMUNE DI SCARPERIA E SAN PIERO Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

COMUNE DI LONGARE. Provincia di Vicenza Area Lavori Pubblici Gestione e Manutenzione Patrimonio Ambiente

COMUNE DI LONGARE. Provincia di Vicenza Area Lavori Pubblici Gestione e Manutenzione Patrimonio Ambiente Provincia di Vicenza Area Lavori Pubblici Gestione e Manutenzione Patrimonio Ambiente Via G. Marconi 26 36023 Longare(VI) cod. fisc. 00415090240 tel. 0444/555444 fax 0444/953441 SERVIZIO DI MANUTENZIONE

Dettagli

Segnaletica Ferroviaria. Segnaletica di linea e articoli complementari per il settore ferroviario

Segnaletica Ferroviaria. Segnaletica di linea e articoli complementari per il settore ferroviario Segnaletica Ferroviaria Segnaletica di linea e articoli complementari per il settore ferroviario LA NOSTRA SOCIETÀ Prealux, società costituita da circa trent anni, è operativa nel settore della segnaletica

Dettagli

Audizione informale di rappresentanti ATAC S.p.A. sui gravi disservizi verificatisi recentemente sulla linea B1 della metropolitana di Roma

Audizione informale di rappresentanti ATAC S.p.A. sui gravi disservizi verificatisi recentemente sulla linea B1 della metropolitana di Roma Camera dei Deputati IX Commissione (Trasporti, Poste e Telecomunicazioni) Audizione informale di rappresentanti ATAC S.p.A. sui gravi disservizi verificatisi recentemente sulla linea B1 della metropolitana

Dettagli

PROVINCIA DI RIMINI Disciplina dei servizi automobilistici commerciali di trasporto pubblico di persone di competenza provinciale

PROVINCIA DI RIMINI Disciplina dei servizi automobilistici commerciali di trasporto pubblico di persone di competenza provinciale PROVINCIA DI RIMINI Disciplina dei servizi automobilistici commerciali di trasporto pubblico di persone di competenza provinciale approvato con delibera di Consiglio provinciale n.15 del 23.3.2010 Art.1

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, DELLA CIRCOLAZIONE E DELLA SOSTA DEI VEICOLI NEL PORTO DI NAPOLI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, DELLA CIRCOLAZIONE E DELLA SOSTA DEI VEICOLI NEL PORTO DI NAPOLI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, DELLA CIRCOLAZIONE E DELLA SOSTA DEI VEICOLI NEL PORTO DI NAPOLI NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 - Accesso, circolazione e sosta in porto dei veicoli e dei

Dettagli

Corso di organizzazione e sicurezza dell esercizio delle reti ferroviarie. Il sistema di segnalamento sulla rete ferroviaria italiana

Corso di organizzazione e sicurezza dell esercizio delle reti ferroviarie. Il sistema di segnalamento sulla rete ferroviaria italiana Corso di organizzazione e sicurezza dell esercizio delle reti ferroviarie Il sistema di segnalamento sulla rete ferroviaria italiana Il sistema di segnalamento Che cosa è? Il sistema di segnalamento è

Dettagli

il Patentino per il ciclomotore

il Patentino per il ciclomotore Marco Ferrari il Patentino per il ciclomotore Manuale di preparazione per il conseguimento del certificato di idoneità alla guida Disposizioni e novità introdotte dai Decreti 1 e 23 marzo 2011 del Ministero

Dettagli

Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria?

Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria? Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria? FFS Infrastruttura, luglio 2015 Il prezzo della traccia copre circa il 40 percento delle spese infrastrutturali. Mediante

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE E SICUREZZA PROPRIA NONCHE' DI TERZI

NOTA INFORMATIVA PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE E SICUREZZA PROPRIA NONCHE' DI TERZI NOTA INFORMATIVA PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE E SICUREZZA PROPRIA NONCHE' DI TERZI Egr. Sig. Lavoratori... Oggetto: 1. Obblighi lavoratori ex artt. 20 e 44 D.Lgs. 81/2008. 2. Lavoratrici madri. 3.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI Il presente Regolamento definisce i criteri, le modalità e le procedure cui i soggetti abilitati ad operare con MCC S.p.A. (di seguito MCC) devono attenersi per la concessione delle agevolazioni previste

Dettagli

D.Lgs. 81/08. Art. 26. Redazione Servizio Prevenzione e Protezione. Stato -/--/--/---/X P = Proposta; A = Attivo; T = Temporaneamente -/--/--/RXX/-

D.Lgs. 81/08. Art. 26. Redazione Servizio Prevenzione e Protezione. Stato -/--/--/---/X P = Proposta; A = Attivo; T = Temporaneamente -/--/--/RXX/- D.Lgs. 81/08 Art. 26 Documento preliminare di valutazione dei rischi e informazione sui rischi specifici, esistenti in ambito ferroviario [sede ferroviaria (piazzali, linea, P.L.), locali tecnologici,

Dettagli

Segnalazione Certificata di inizio attività

Segnalazione Certificata di inizio attività 0Spett.le COMUNE DI SAN MARCELLO PISTOIESE Servizi Culturali e Turistici 51028 SAN MARCELLO Pistoiese OGGETTO: SCIA per attività di pubblico spettacolo ed intrattenimento art. 68, 69 e 80 TULPS. Il sottoscritto,

Dettagli

colonna è indicato con una M se il provvedimento normativo dell RTB è incoerente con i principi contenuti nel nuovo RCF; - nella 4a

colonna è indicato con una M se il provvedimento normativo dell RTB è incoerente con i principi contenuti nel nuovo RCF; - nella 4a TABELLA D RAFFRONTO RTB-RCF. Nella 1 a colonna è riportato il testo della Normativa per l esercizio degli impianti di Rilevamento Temperatura Boccole (RTB) in vigore sulle linee tradizionali e sulle linee

Dettagli

Manuale degli Annunci sonori

Manuale degli Annunci sonori Manuale degli Annunci sonori Manuale degli Annunci sonori DICEMBRE 2007 AGGIORNAMENTO GIUGNO 2011 A cura di RFI - Rete Ferroviaria Italiana SpA Progetto Grafico di Ettore Festa, HaunagDesign Indice Definizioni

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

COMUNE DI NONE Provincia di Torino

COMUNE DI NONE Provincia di Torino COMUNE DI NONE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA 1 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo

Dettagli

TABELLA DI RAFFRONTO NETE-RCF.

TABELLA DI RAFFRONTO NETE-RCF. TABELLA DI RAFFRONTO NETE-RCF. Nella 1 a colonna è riportato il testo delle Norme per l Effettuazione dei Trasporti Eccezionali (NETE) sudviso in commi, punti o articoli. Per ciascuna sudvisione del testo

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO PROCEDURA DI SICUREZZA PER INDICE 1 Scopo 2 Campo di applicazione e funzioni coinvolte 3 Contenuti 4 Attività e responsabilità ALLEGATI 1 Scheda informativa di sicurezza 2 Modulo di verifica di idoneità

Dettagli

TITOLO II REGOLAZIONE DEI SERVIZI DI DISPACCIAMENTO E DI TRASPORTO NEI CASI DI MOROSITA DEI CLIENTI FINALI DISALIMENTABILI...

TITOLO II REGOLAZIONE DEI SERVIZI DI DISPACCIAMENTO E DI TRASPORTO NEI CASI DI MOROSITA DEI CLIENTI FINALI DISALIMENTABILI... REGOLAZIONE DEL SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO E DEL SERVIZIO DI TRASPORTO (TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA) DELL ENERGIA ELETTRICA NEI CASI DI MOROSITÀ DEI CLIENTI FINALI O DI INADEMPIMENTO DA PARTE

Dettagli

GUIDA ALL UTILIZZO DELLA METRO

GUIDA ALL UTILIZZO DELLA METRO GUIDA ALL UTILIZZO DELLA METRO TITOLO DI VIAGGIO Sulla metropolitana, sugli impianti di Zecca Righi e Granarolo valgono tutti i titoli di viaggio per le linee urbane di superficie ad esclusione: del biglietto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Sondrio Città Alpina dell anno 2007 REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato dal Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio comunale con deliberazione

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO Allegato A TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS IN MATERIA DI QUALITA DEI SERVIZI DI DISTRIBUZIONE, MISURA E VENDITA DELL ENERGIA ELETTRICA Periodo di regolazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE INDICE Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 30 aprile 2015 CAPO I

Dettagli

Capitolo. Sosta, fermata, definizioni stradali. 6.1 Sosta

Capitolo. Sosta, fermata, definizioni stradali. 6.1 Sosta . S. p. A 6 Sosta, fermata, definizioni stradali Capitolo br i 6.1 Sosta La sosta è la sospensione della marcia del veicolo protratta nel tempo. La sosta non è consentita: Es se li in corrispondenza o

Dettagli

COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO. DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011

COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO. DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011 COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011 AGGIORNAMENTO Delibera n.9 C.C. del 12 marzo 2012 RACCOLTA STATUTI E

Dettagli

BIBLIOTECA DELL AUTO E DELLA MOTO D EPOCA Club Auto d Epoca Scalea & Motoretrò (C.A.E.S.M.)

BIBLIOTECA DELL AUTO E DELLA MOTO D EPOCA Club Auto d Epoca Scalea & Motoretrò (C.A.E.S.M.) NOZIONE DI VEICOLO E CLASSIFICAZIONE DEI VEICOLI IN GENERALE ART. 46, 47, 48, 49, 50, 51, 52, 53, 54, 55, 56, 57, 58 e 59 del Codice della Strada NOZIONE DI VEICOLO (ART. 46 C.d.S.) 1. Ai fini delle norme

Dettagli

NON DI LINEA (2) (3).

NON DI LINEA (2) (3). L. 15 GENNAIO 1992, N. 21 (1). (giurisprudenza di legittimità) LEGGE QUADRO PER IL TRASPORTO DI PERSONE MEDIANTE AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 23 gennaio 1992,

Dettagli

POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Finalità e definizioni Art. 2 - Ambito di applicazione Art. 3 - Trattamento

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE

PROVINCIA DI BENEVENTO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE PROVINCIA DI BENEVENTO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE Art. 1 - Oggetto del Regolamento: 1. Il presente regolamento disciplina le procedure da seguire per

Dettagli

COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO

COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 18 del 20 aprile 2009 In vigore dal 7 giugno 2009

Dettagli

Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio

Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio ARTICOLO 1 FINALITA Le finalità che la Città di Desio intende perseguire con il progetto di videosorveglianza

Dettagli

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI UFFICIO DI REGISTRAZIONE E RILASCIO DI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE DIGITALE TRA

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI UFFICIO DI REGISTRAZIONE E RILASCIO DI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE DIGITALE TRA CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI UFFICIO DI REGISTRAZIONE E RILASCIO DI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE DIGITALE TRA InfoCert S.p.A., con sede legale in Roma, Piazza Sallustio n. 9, in persona del

Dettagli

COMUNE DI ALBISOLA SUPERIORE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI ALBISOLA SUPERIORE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA CITTA DI ALBISOLA SUPERIORE Provincia di SAVONA COMUNE DI ALBISOLA SUPERIORE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 25/3/2013

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE SULL'IMPIANTO ATAF

REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE SULL'IMPIANTO ATAF Associazione Ticinese Amici della Ferrovia Casella postale 1005 6648 Minusio www.ataf.ch info@ataf.ch REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE SULL'IMPIANTO ATAF Questo regolamento definisce le regole base per

Dettagli

Esecutivo Nazionale www.associazionecat.it cat@pec.associazionecat.it via dei Camapani 43 00185 ROMA tel.3294555203 fax.

Esecutivo Nazionale www.associazionecat.it cat@pec.associazionecat.it via dei Camapani 43 00185 ROMA tel.3294555203 fax. Esecutivo Nazionale www.associazionecat.it cat@pec.associazionecat.it via dei Camapani 43 00185 ROMA tel.3294555203 fax. 0108935794 Prot. N.26 E.N /CAT 2015 Roma, 10. 3. 2015 Osservatorio sui conflitti

Dettagli

PIANO NEVE BOLOGNA Orario 2013/2014

PIANO NEVE BOLOGNA Orario 2013/2014 PIANO NEVE BOLOGNA Orario 2013/2014 Fase di ALLERTAMENTO Definizione Attivazione della fase di allertamento Piano Neve Rete Ferroviaria Italiana Disponibilità risorse/impianti/attrezzature Azioni preventive/disposizioni

Dettagli

Art. 1 (Oggetto, definizioni e tipologie)

Art. 1 (Oggetto, definizioni e tipologie) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA COLLOCAZIONE DI ELEMENTI DI ARREDO DI VARIA TIPOLOGIA SU SUOLO PUBBLICO OVVERO PRIVATO GRAVATO DI SERVITU DI PUBBLICO PASSAGGIO Art. 1 (Oggetto, definizioni e tipologie)

Dettagli

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas. naturale per uso domestico e civile

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas. naturale per uso domestico e civile COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas naturale per uso domestico e civile Approvato con deliberazione di C.C. n. 15 del 12.03.1982 COMUNE DI CARNAGO

Dettagli