LE TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI E LA SPESA DELLE FAMIGLIE. UN ANALISI SUI PRINCIPALI COMUNI DEL PIEMONTE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI E LA SPESA DELLE FAMIGLIE. UN ANALISI SUI PRINCIPALI COMUNI DEL PIEMONTE"

Transcript

1 LE TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI E LA SPESA DELLE FAMIGLIE. UN ANALISI SUI PRINCIPALI COMUNI DEL PIEMONTE Settembre 2009

2 LE TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI E LA SPESA DELLE FAMIGLIE. UN ANALISI SUI PRINCIPALI COMUNI DEL PIEMONTE Settembre 2009 Rapporto realizzato dal gruppo di lavoro del progetto FORUM-SPL della Fondazione per l Ambiente Teobaldo Fenoglio - ONLUS (Coordinamento scientifico: Franco Becchis e Andrea Sbandati. Gruppo di lavoro: Vanna Tessore, Beatrice Alfonso, Daniele Russolillo, Fulvio Bersanetti). Il progetto è sostenuto da: Si ringrazia l Ufficio Studi di Unioncamere Piemonte e il responsabile il dott. Roberto Strocco per i dati forniti; i Comuni e i Gestori per la disponibilità nelle rilevazioni. Licenza di utilizzo e distribuzione Questo rapporto è pubblico e scaricabile gratuitamente presso il sito della Fondazione per l Ambiente Tutti i dati e le informazioni pubblicate all'interno di questo documento possono essere distribuite, trasmesse, ripubblicate o in altro modo utilizzate, in tutto o in parte, senza il preventivo consenso della Fondazione per l Ambiente, a condizione che tali utilizzazioni avvengano per finalità esclusivamente di uso personale, studio e ricerca. Per finalità differenti (es. commerciali, istituzionali, etc.) è necessario contattare la Fondazione per l Ambiente e fare richiesta scritta via all indirizzo E sempre obbligatorio, per ogni utilizzazione e finalità, citare correttamente la fonte, riportando per esteso il nome del documento ed il mese ed anno di pubblicazione (riportati in copertina) e la dicitura Fondazione per l Ambiente impressa in caratteri ben visibili.

3 Sommario Presentazione... 5 Premessa... 6 Modalità di svolgimento del lavoro... 7 Prima fase: acquisizione delle fonti di riferimento utili per lo svolgimento del lavoro... 7 Seconda fase: acquisizione delle informazioni tariffarie... 7 Terza fase: calcolo del costo dei singoli servizi sulle famiglie Fonte: Autorità Energia Elettrica e Gas Quarta fase: analisi di impatto Il quadro della regolazione e i sistemi tariffari Servizio idrico integrato Gestione dei rifiuti urbani La vendita e distribuzione di gas naturale La vendita e distribuzione di energia elettrica Le tariffe Servizio idrico integrato Sistemi tariffari applicati Quota fissa Quota variabile acquedotto Scaglioni Quota variabile fognatura e depurazione Dinamica nel tempo Rifiuti solidi urbani Sistemi tariffari applicati Comuni che applicano la Tarsu Dinamica dei Comuni a TARSU Comuni passati a tariffa Dinamica della tariffa Erogazione di gas naturale Sistemi tariffari applicati Tariffe Dinamica tariffaria Erogazione di energia elettrica Sistemi tariffari applicati Tariffe Conclusioni Analisi delle tariffe La spesa delle famiglie La spesa delle famiglie per il servizio idrico La spesa delle famiglie per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti La spesa delle famiglie piemontesi per il gas per uso domestico La spesa complessiva e l impatto sui consumi

4 Sommario delle tabelle Sommario delle figure Bibliografia

5 Presentazione Il contributo ad un mercato con regole chiare e condivise è il principio che motiva il sostegno della Camera di commercio di Torino alla realizzazione di questo studio condotto dalla Fondazione per l Ambiente Teobaldo Fenoglio sulle tariffe dei servizi pubblici locali e sulla loro incidenza all interno dei bilanci familiari. La possibilità di usufruire di servizi, dall acqua potabile alla gestione dei rifiuti urbani, alla vendita e distribuzione di energia elettrica e di gas naturale, è uno degli elementi distintivi della vita nei paesi sviluppati economicamente. Non sempre però il cittadino è in grado di comprendere appieno complessità e regole economiche che sono alla base delle ben note bollette. Con l obiettivo di favorire la consapevolezza dei cittadini, la Camera di commercio di Torino ha ideato la collana Guide ai diritti, rivolta ai consumatori in cerca di informazioni chiare e trasparenti. Tra queste è presente una pubblicazione sulle tariffe dei servizi pubblici. La guida Dubbi sulle bollette? Vai sul sicuro, realizzata in collaborazione con la Fondazione per l Ambiente Teobaldo Fenoglio, spiega cosa c è veramente dentro e dietro ogni bolletta, analizzando, con un taglio divulgativo, i servizi in base a specifici parametri. La collana Guide ai diritti continua ad ampliarsi, con nuovi titoli e aggiornamenti. Per il 2010, sempre in collaborazione con la Fondazione Teobaldo Fenoglio, è previsto un focus dedicato al tema del teleriscaldamento nella città di Torino. Le Guide ai diritti, così come l attenta analisi condotta nelle pagine che seguono, sono tutte iniziative che vedono coinvolte sempre più istituzioni locali in un grande lavoro di sistema per raggiungere insieme l obiettivo di un consumatore più consapevole e di una politica sul territorio più attenta e informata. Camera di Commercio di Torino 5

6 Premessa Questo terzo rapporto contiene i dati relativi alle tariffe di acqua, rifiuti e gas e quelle 2008 di energia elettrica, per le utenze domestiche nei capoluoghi di Provincia piemontesi ed in altri nove Comuni piemontesi scelti fra quelli con il maggior numero di abitanti. In analogia a quanto realizzato nei rapporti precedenti questa edizione contiene una analisi delle diverse tariffe ed articolazioni tariffarie, il calcolo della spesa media familiare per diverse tipologie di nuclei ed una analisi dell impatto sulla spesa e sul reddito delle fasce deboli. La realizzazione di un sistema di monitoraggio delle tariffe dei Servizi Pubblici Locali e del loro impatto sui bilanci delle famiglie consente di mettere a disposizione del sistema camerale e delle amministrazioni competenti una analisi ragionata delle tariffe applicate in Piemonte nei principali Servizi Pubblici Locali: servizio idrico integrato, gestione dei rifiuti urbani, distribuzione e vendita di gas metano, distribuzione e vendita di energia elettrica. Scopo del lavoro è quello di disporre di un set informativo analitico e approfondito sulla struttura e la dinamica delle tariffe dei Servizi Pubblici Locali, sulla loro relazione con il costo della vita e sull incidenza della spesa sui bilanci familiari. Si tratta di informazioni utili per gestire in modo consapevole il dibattito sui servizi pubblici, rendendo disponibili ai diversi attori (soggetti istituzionali, regolatori, aziende, consumatori) informazioni attendibili e definite con procedure e metodologie certificate. Il progetto consente al sistema camerale e alle amministrazioni competenti di svolgere in modo più informato i ruoli (informativo-promozionale, regolatorio e di moral suasion) che sono loro assegnati, dalle diverse normative, in relazione alle tariffe dei settori considerati, facendo fronte anche alle pressioni che provengono dalla attenzione crescente da parte dei media e delle associazioni dei consumatori. 6

7 Modalità di svolgimento del lavoro Prima fase: acquisizione delle fonti di riferimento utili per lo svolgimento del lavoro In questa fase sono state individuate ed analizzate tutte le fonti informative utili per lo svolgimento del lavoro, in particolar modo riferite alle tariffe dei diversi settori, ai consumi nei diversi settori, ai sistemi di regolazione, ai bilanci e ai consumi delle famiglie. In particolar modo sono state oggetto di consultazione e analisi le seguenti fonti: Autorità per l Energia Elettrica e il Gas; Comitato di Vigilanza sulle risorse idriche; Osservatorio Nazionale Rifiuti; CIPE - NARS; Ministero dell Economia e delle Finanze; ISTAT; Regione Piemonte; Associazioni di categoria nazionali e regionali; Centri di ricerca nazionali di settore; Pubblicazioni delle associazioni di consumatori. Tali fonti sono utili per le attività di analisi e confronto dei risultati raggiunti dal presente studio. Seconda fase: acquisizione delle informazioni tariffarie Per i settori acqua e rifiuti si sono acquisite le informazioni tariffarie dai gestori integrate da informazioni provenienti dai singoli Comuni e dai regolatori locali (ATO). Quanto ai settori del gas e dell energia elettrica si sono utilizzate le informazioni tariffarie relative alle condizioni per gli utenti che rimangono legati al gestore preesistente alla liberalizzazione, condizioni interamente regolate dall Autorità (condizioni di maggior tutela). Nel gas queste informazioni sono fornite dal soggetto di vendita legato al distributore locale, nel settore energia elettrica esiste una tariffa unica nazionale. 7

8 Tabella 1: I gestori dei servizi acqua e rifiuti Comune Servizio idrico Gestione rifiuti 1 Alessandria AMAG AMIU 2 Asti ASP ASP 3 Biella CORDAR SEAB 4 Cuneo ACDA CEC 5 Novara SIN ASSA 6 Torino SMAT AMIAT 7 Vercelli ATENA ATENA 8 Verbania SPV CONSERVCO 9 Alba ACQUAMBIENTE COMUNE (1) 10 Bra ACQUAMBIENTE COMUNE (1) 11 Casale AMC COMUNE (1) 12 Chieri SMAT CONSORZIO CHIERESE SERVIZI 13 Ivrea SMAT COMUNE (1) 14 Moncalieri SMAT COVAR Novi Ligure GESTIONE ACQUA COMUNE (1) 16 Pinerolo ACEA ACEA 17 Rivoli SMAT COMUNE (1) (1) In alcuni casi i Comuni appaltano a privati parte del servizio Si sono acquisiti i dati tariffari relativi ai consumi domestici (prima casa) per gli anni 2005, 2006, 2007 e Si sono acquisiti i dati della tariffa domestica nei diversi settori, rilevando l intera batteria di valori per scaglione tariffario laddove esiste e distinguendo la componente fissa da quella variabile e da quella fiscale. I settori sono caratterizzati da normative tariffarie diverse. Nella vendita e distribuzione di gas le regole tariffarie sono definite dalla Autorità per l Energia Elettrica e il Gas ed applicate dai singoli gestori, con variazioni in parte trimestrali (materia prima), in parte annuali (distribuzione); il consumatore riceve la fattura da parte della società scelta per la vendita di gas, fattura che include anche i costi di distribuzione sostenuti dal distributore locale. L indagine verrà quindi condotta sulle società di vendita collegate alle società di distribuzione operanti nei diversi Comuni individuati e si riferisce alle condizioni di maggior tutela previste dalla Autorità per gli utenti che non optano per il regime di libero mercato. La struttura della tariffa è la seguente: quota fissa (distinta in fase di vendita e distribuzione); quota variabile (per scaglioni di consumo); imposta sui consumi ed addizionale regionale (per scaglioni di consumo); 8

9 IVA (con aliquota al 10% per consumi fino a 480 mc/anno e del 20% per consumi superiori). Il sistema tariffario in vigore prevede una differenziazione locale delle tariffe applicate, collegata agli investimenti e al potere calorifico del gas. Nella vendita e distribuzione di energia elettrica le regole tariffarie sono definite dalla Autorità per l Energia Elettrica e il Gas ed applicate dai singoli operatori, con variazioni trimestrali (materia prima) e annuali (distribuzione); il consumatore riceve la fattura da parte della società scelta per la vendita, fattura che include anche i costi di distribuzione sostenuti dal sistema di distribuzione ed altri oneri. L indagine fa riferimento alle condizioni di maggior tutela previste dalla Autorità per gli utenti che non optano per il regime di libero mercato. La struttura della tariffa è la seguente: quota fissa (distinta in fase di vendita e distribuzione); quota variabile (per scaglioni di consumo); imposta sui consumi ed addizionale comunale (per scaglioni di consumo); IVA (con aliquota al 10%). Nel settore idrico a partire dal 2008 tutti i Comuni oggetto dell indagine applicano il sistema tariffario definito dalle Autorità di Ambito negli affidamenti del servizio idrico integrato così come definito dal D. Lgs. 152/06. La struttura della tariffa è la seguente: quota fissa (in alcuni casi distinta fra fasi di acquedotto, fognatura e depurazione, in altri casi unica per tutto il servizio idrico integrato); quota variabile per scaglioni per il servizio acquedotto (agevolata, base, prima, seconda, terza eccedenza, etc.); quota variabile a scaglione unico nei servizi fognatura e depurazione; IVA (al 10%). Nella gestione dei rifiuti urbani esistono due sistemi tariffari: la tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani (Tarsu) decisa e riscossa dai singoli Comuni e la tariffa per la gestione dei rifiuti (Tia) decisa dal Comune o dall ATO e riscossa dal gestore (o dal Comune). L indagine ha preso in esame il tipo di tariffazione adottata dal Comune nell anno oggetto dell indagine. Nel caso della Tarsu il calcolo è esclusivamente basato sulla superficie dell immobile occupato e sul coefficiente di produzione applicato dal Comune. Alla tassa non si applica l IVA, mentre si applica l ex addizionale ECA ed il tributo ambientale provinciale. La struttura della tariffa invece è la seguente: quota fissa (per numero di persone del nucleo familiare e superficie); 9

10 quota variabile (per numero di persone del nucleo familiare e superficie, o in alcuni casi numero di svuotamenti); IVA (al 10 %); tributo ambientale provinciale. Terza fase: calcolo del costo dei singoli servizi sulle famiglie Per definire la spesa media familiare nei diversi servizi occorre procedere ad alcune elaborazioni, caratterizzate dalla individuazione di alcuni scenari familiari medi. Si sono prese in considerazione famiglie composte da uno, tre e cinque componenti. La tabella seguente riporta la distribuzione delle tipologie di famiglie in Piemonte. Tabella 2: Distribuzione delle famiglie piemontesi per numero di componenti PROVINCE Numero di componenti 1 persona 2 persone 3 persone 4 persone 5 persone 6 o più persone Totale Torino Vercelli Biella Verbano- Cusio-Ossola Novara Cuneo Asti Alessandria Piemonte Quanto alla definizione del valore di prodotto acquistato dalle famiglie si sono utilizzati i seguenti criteri. Gas: il consumo medio nazionale di gas per uso domestico (cucina e riscaldamento) è pari a 1400 metri cubi nell anno medio, per una famiglia media (circa 2,3 persone per nucleo familiare). Si tratta di un valore medio che fornisce indicazioni molto generiche per un caso di studio regionale. É infatti immaginabile che in Piemonte il consumo di gas sia maggiore della media nazionale. Va inoltre considerato che il consumo di gas è correlato alle temperature dell anno, dato che presenta una certa variabilità. Infine il consumo di gas non cresce linearmente con l aumento del numero dei componenti (una famiglia di quattro persone consuma il 56% in più di una famiglia di due), ma risente di altre variabili (come la superficie della abitazione, il suo volume, i coefficienti di dispersione termica, etc.). 10

11 Sulla base si alcuni dati nazionali e regionali si propone la seguente griglia: Tabella 3: Consumo medio di gas in Piemonte per numero dei componenti la famiglia Tipologia di famiglia Metri cubi/anno 1 componente componenti componenti componenti componenti 2100 Energia elettrica: per la valutazione dei consumi medi delle diverse tipologie di famiglie si sono adottati i calcoli definiti dalla Autorità per l Energia Elettrica e il Gas. Tabella 4: Consumo medio di energia elettrica per numero dei componenti la famiglia Tipologia di famiglia kwh/anno 1 componente componenti componenti componenti componenti 4990 Fonte: Autorità Energia Elettrica e Gas Acqua: il dato di riferimento utilizzato è quello previsto dal decreto attuativo della Legge 36/94 in materia di standard di servizio, che indica un consumo medio standard di 150 litri ad abitante al giorno (55 metri cubi all anno). Anche nel caso del servizio idrico la crescita dei consumi non è lineare con l aumento del numero dei componenti della famiglia (un nucleo di quattro persone consuma il 66% in più di una famiglia di due). Si è pertanto utilizzato un coefficiente di correzione studiato in altri contesti del nord Italia. Tabella 5: Consumo medio di acqua per numero dei componenti la famiglia Tipologia di famiglia Metri cubi/anno 1 componente 55 2 componenti componenti componenti componenti 200 Rifiuti: ai fini del calcolo della tassa o della tariffa dei rifiuti è rilevante la superficie occupata dalla famiglia. Tale dato varia molto da regione a regione. L ipotesi di lavoro per il Piemonte è la seguente: 11

12 Tabella 6: Superficie abitativa media per numero dei componenti la famiglia Tipologia di famiglia Superficie media abitazione (mq) 1 componente 75 2 componenti 88 3 componenti 95 4 componenti componenti 105 In alcuni Comuni si sono utilizzati tecniche di calcolo diverse: nel Comune di Chieri, che adotta una tariffa variabile legata al numero degli svuotamenti, si sono acquisiti i dati del gestore relativi agli svuotamenti medi per tipologia di famiglia; nel Comune di Moncalieri si è proceduto al calcolo della tariffa utilizzando lo specifico software di calcolo fornito dal Comune stesso. Il presente rapporto contiene alcune modifiche della elaborazione dei dati relativi alla gestione dei rifiuti riferiti agli anni , dovuti al perfezionamento del sistema di calcolo. Per questo motivo i dati contenuti nel presente rapporto possono essere leggermente diversi da quelli contenuti nei rapporti precedenti. Quarta fase: analisi di impatto Sulla base dei risultati della seconda fase sono state elaborate simulazioni di impatto economico sui bilanci familiari. Si tratta di una operazione complessa in quanto non esistono dati aggiornati attendibili sui redditi per tipologia di famiglia, mentre l Istat aggiorna in modo analitico i dati sui consumi delle famiglie. A tal fine si è proceduto ad una doppia valutazione: l incidenza dell insieme delle tariffe dei Servizi Pubblici Locali sui consumi di una famiglia; l incidenza dell insieme delle tariffe dei Servizi Pubblici Locali sui redditi di una famiglia. Per individuare l impatto delle tariffe sui redditi bassi si è utilizzata la metodologia definita dall Istat per individuare le soglie di povertà, definita sulla base di una percentuale sui consumi medi di una famiglia. Il primo confronto è stato effettuato con i dati ed i risultati riscontrati in letteratura. Si è proceduto inoltre ad una analisi di dinamica intertemporale, provvedendo a confrontare il dato con la dinamica dei prezzi e dell inflazione e verificando se le dinamiche tariffarie reali siano o meno in linea con i tassi di incremento del costo della vita. Si sono fatti, infine, confronti fra le diverse realtà analizzate per verificare se esistano differenziali locali rilevanti e se possano essere riconducibili a fattori oggettivi (densità, temperatura, etc.). 12

13 Al termine del lavoro sarà possibile integrare i risultati dello studio, con altri dati elaborati in modo analogo a livello nazionale. 13

14 Il quadro della regolazione e i sistemi tariffari Servizio idrico integrato Il settore idrico è interessato in Piemonte, come nel resto dell Italia, dal graduale passaggio da gestioni comunali a gestioni a scala di Ambito, così come previsto dalla Legge 36/94 (Legge Galli), oggi modificata e inglobata nel D. Lgs. 152/06 (Codice dell Ambiente), con il conseguente passaggio da un sistema tariffario (regolato dal CIPE) al sistema tariffario regolato ancora oggi dal D.M. 1 agosto 2006, in attesa del nuovo regolamento previsto dal D. Lgs. 152/06. Nel corso del 2008 tutti i Comuni presi in esame dallo studio sono passati al nuovo metodo tariffario (tabella 7). Tabella 7: Metodi tariffari utilizzati Comuni Alessandria Asti Biella Cuneo Novara Torino Verbania Vercelli Alba Bra Casale Chieri Ivrea Moncalieri Novi Pinerolo Rivoli CIPE Metodo Normalizzato Nel settore idrico la tariffa (volume dei ricavi tariffari autorizzati al gestore) è definita ed approvata dall Autorità di Ambito e collegata al Piano di Ambito. La dinamica tariffaria nel tempo è quindi predefinita dal Piano di Ambito al momento dell affidamento, e può subire modifiche nel quadro dei processi di revisione periodica (annuale o triennale). Il Metodo tariffario prevede un tetto massimo agli incrementi tariffari annui, mediamente fissato al 5% rispetto all anno precedente. L articolazione tariffaria prevede una quota fissa e una quota variabile per la parte acquedotto legata a scaglioni di consumo, con incrementi del costo a metro cubo all aumentare dei consumi (scaglioni a blocchi crescenti). Per la parte fognatura e depurazione la quota variabile è applicata al totale del consumo, senza scaglioni (scaglione unico). É sempre compito dell Autorità di Ambito definire il valore delle quote fisse e variabili e la dimensione degli scaglioni. L IVA sul totale del valore tariffario è pari al 10%. 14

15 Gestione dei rifiuti urbani Il settore della gestione dei rifiuti urbani è interessato in Piemonte, come nel resto dell Italia, dal graduale passaggio da tassa a tariffa, così come previsto dalla D. Lgs. 22/97 (Decreto Ronchi), oggi modificata e inglobata nel D. Lgs. 152/06 (Codice dell Ambiente). Il passaggio da tassa a tariffa è stato caratterizzato negli anni da continui rinvii e incertezze normative. Negli ultimi anni le leggi finanziarie annuali hanno di fatto congelato la situazione dei singoli Comuni, i quali hanno conservato la modalità di pagamento adottata. Per questo ancora oggi, a dieci anni dalla Legge istitutiva della Tariffa, solo una parte dei Comuni ha adottato questo nuovo strumento di remunerazione del servizio di gestione dei rifiuti urbani. Per questa ragione il sistema di pagamento nelle città piemontesi è riconducibile a due tipologie diverse; in alcuni casi nel corso del periodo preso in esame si è passati da un regime tariffario all altro. Trattandosi di sistemi tariffari molto diversi fra di loro, questo aspetto deve essere tenuto in grande considerazione nella analisi dei risultati dello studio e nei confronti fra città e città e fra anno e anno. La Tarsu, infatti, non prevede necessariamente la copertura dei costi del servizio, né prevede la remunerazione del capitale investito sugli investimenti realizzati. Il Metodo Normalizzato, definito con il D.M. 158/99, prevede invece la totale copertura dei costi, una definita remunerazione del capitale investito e una forte spinta agli investimenti. Nel periodo preso in esame ( ) undici Comuni hanno conservato la Tarsu, mentre quattro (Alessandria, Asti, Biella e Chieri) hanno sempre utilizzato il Metodo Normalizzato previsto dal D.M. 158/99; altri due (Moncalieri e Verbania), infine, sono passati nel periodo in esame da tassa a tariffa nel 2006 (tabella 8). Tabella 8: Metodi tariffari adottati Comune Alessandria Asti Biella Cuneo Novara Torino Verbania Vercelli Alba Bra Casale Chieri Ivrea Moncalieri Novi Pinerolo Rivoli Tarsu Tariffa 15

16 Nel settore dei rifiuti la tassa è definita, approvata e riscossa dal singolo Comune annualmente. Non esistono criteri tariffari veri e propri per la determinazione della Tarsu e non esistono tetti al suo incremento negli anni. Per le utenze domestiche il Comune approva una tariffa al metro quadro che viene applicata alla superficie della abitazione. Sulla Tarsu non si applica l IVA, ma si applica il tributo ambientale provinciale nella misura massima del 5% sul totale del costo della Tarsu. In genere le utenze singole (una sola persona) beneficiano di agevolazioni. In alcuni casi le agevolazioni si applicano sulla base del reddito a tutte le tipologie di famiglie. L applicazione della Tariffa è più complessa: essa è determinata dal Comune o dall ATO ed è riscossa dal gestore del servizio (in alcuni casi dallo stesso Comune). L articolazione tariffaria prevede una quota fissa e una quota variabile. La quota fissa varia a seconda del numero dei componenti il nucleo familiare ed è definita in Euro all anno. La quota variabile è sempre legata al numero dei componenti del nucleo familiare e può essere legata al quantitativo, stimato in modo parametrico, di rifiuti prodotti o ad altre variabili (ad esempio il numero di svuotamenti dei contenitori). L IVA sul totale del valore tariffario è pari al 10%. Anche nel caso della tariffa si applica il tributo ambientale provinciale nella misura massima del 5% sul totale del costo della tariffa. La vendita e distribuzione di gas naturale La regolazione tariffaria del servizio di vendita e distribuzione di gas naturale dipende dalla struttura regolatoria del settore, nel quale la domanda opera in regime di completa liberalizzazione ma allo stesso tempo si applica un meccanismo tariffario - messo a punto dall Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas - che ne consente un estesa tutela (condizioni di maggior tutela). Le tariffe del gas sono aggiornate dalla Autorità ogni trimestre, per quanto riguarda la componente materia prima, ed annualmente per quanto riguarda le altre componenti. La tariffa del gas prevede una quota fissa ed una quota variabile. La quota fissa: è da pagare a prescindere dai consumi per la parte relativa al periodo di riferimento (una bolletta trimestrale addebiterà un quarto della quota fissa annua); è divisa in quota fissa della tariffa di distribuzione e quota fissa della tariffa di vendita; il suo valore è stabilito all inizio di ogni anno termico (1 ottobre) e rimane invariata per i dodici mesi successivi. La quota variabile comprende: una componente pari alla quota variabile della tariffa di distribuzione (espressa in /mc); una per il servizio di trasporto sulla rete nazionale; 16

17 una per il servizio di stoccaggio; una per la commercializzazione all ingrosso; una per la vendita al dettaglio. Il valore della quota variabile è articolato in scaglioni di consumo annuo limitatamente alla tariffa di distribuzione, per le altre componenti tariffarie la parte variabile si applica al totale dei consumi, con scaglione unico. Il primo scaglione è il più basso, il secondo è il più alto, gli scaglioni successivi decrescono. Il valore della quota variabile relativa al costo della materia prima può aumentare o diminuire ogni tre mesi in base ad un meccanismo di indicizzazione stabilito dall Autorità sulla base dell andamento dei prezzi internazionali di alcuni combustibili. Esiste un certo grado di differenziazione delle tariffe ascrivibile in particolare alla componente tariffaria della distribuzione. L articolazione 1 di queste tariffe è infatti basata su ambiti territoriali, dando così origine ad una elevata frammentazione, con circa 2150 strutture tariffarie applicate da oltre 500 imprese nei quasi 6800 Comuni. La forte variabilità è dovuta alla metodologia di calcolo dei ricavi riconosciuti: il fatto che essi siano funzione del numero di utenti e della lunghezza della rete ha comportato che siano state individuate tariffe diverse anche per clienti con profili di prelievo simili, serviti dalla stessa impresa ma in ambiti differenti. La componente fiscale della fattura del gas è particolarmente complessa ed incide in modo consistente sulla spesa globale. Sul valore del calcolo tariffario si applica l imposta di consumo e l addizionale regionale, che vengono calcolate sulla base di quattro scaglioni di consumo. Al totale del costo tariffario e di questa prima componente fiscale si applica l IVA, con una aliquota del 10% fino a 480 mc di consumo annuo e del 20% per i consumi superiori. La vendita e distribuzione di energia elettrica La regolazione tariffaria del servizio di vendita e distribuzione di energia elettrica dipende dalla struttura regolatoria del settore, nel quale la domanda opera in regime di completa liberalizzazione ma allo stesso tempo si applica un meccanismo tariffario - messo a punto dall Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas - che ne consente una estesa tutela (condizioni di maggior tutela). Le tariffe dell energia elettrica sono aggiornate dalla Autorità ogni trimestre, per quanto riguarda la componente materia prima, ed annualmente per quanto riguarda le altre componenti. La tariffa dell energia elettrica prevede una quota fissa ed una quota variabile. La quota fissa: 1 Cfr. Medio Credito Centrale, Lucky Town Il sistema delle local utilities in Italia, gennaio

18 è da pagare a prescindere dai consumi per la parte relativa al periodo di riferimento (una bolletta trimestrale addebiterà un quarto della quota fissa annua); è divisa in corrispettivo di potenza (legato alla potenza installata del contratto) e corrispettivo fisso (unica per ogni utente); il suo valore è stabilito all inizio di ogni anno termico (1 ottobre) e rimane invariata per i dodici mesi successivi. La quota variabile comprende: una componente pari alla quota variabile della tariffa di distribuzione (espressa in /kwh); una per il servizio di trasporto sulla rete nazionale; una per la commercializzazione all ingrosso; una per la vendita al dettaglio. Il valore della quota variabile è articolato in scaglioni di consumo annuo limitatamente alla tariffa di distribuzione, per le altre componenti tariffarie la parte variabile si applica al totale dei consumi, con scaglione unico. Il primo scaglione è il più basso, il secondo è il più alto, gli scaglioni successivi decrescono. Il valore della quota variabile relativa al costo della materia prima può aumentare o diminuire ogni tre mesi in base ad un meccanismo di indicizzazione stabilito dall Autorità sulla base dell andamento dei prezzi internazionali di alcuni combustibili. Nel settore dell energia elettrica esiste una tariffa unica nazionale, per cui non esistono differenze tariffarie nei diversi ambiti o Comuni. La componente fiscale della fattura dell energia elettrica prevede l imposta erariale e l addizionale comunale, che vengono calcolate sulla base di uno scaglione unico eccedente un consumo di 1800 kwh/anno. Al totale del costo tariffario e di questa prima componente fiscale si applica l IVA, con una aliquota del 10%. 18

19 Le tariffe Servizio idrico integrato Sistemi tariffari applicati Nel 2008 tutti i diciassette Comuni analizzati hanno applicato le tariffe previste dal Metodo Normalizzato. I diversi Comuni presentano strutture tariffarie diverse, omogenee solo (ed in parte) a livello dei singoli ATO o sub ATO (quindi di solito a livello dei singoli gestori). Quota fissa Il calcolo della quota fissa della tariffa viene effettuato in alcuni casi distinguendo i tre servizi (acquedotto, fognatura e depurazione), in altri casi con un valore unico per l intero servizio idrico integrato. I valori applicati sono diversi e variano, nel complesso dei tre servizi, da un minimo di 10 ad un massimo di 24 Euro all anno (tabella 9). Tabella 9: Valore della quota fissa nel 2008 Comune Euro/anno Alessandria 24,00 Asti 22,00 Biella 24,00 Cuneo 24,00 Novara 19,07 Torino 12,00 Verbania 23,32 Vercelli 18,00 Alba 24,00 Bra 24,00 Casale 10,00 Chieri 12,00 Ivrea 12,00 Moncalieri 12,00 Novi 24,00 Pinerolo 12,00 Rivoli 12,00 Il valore della quota fissa tende a rimanere stabile negli anni presi in esame per la maggior parte dei Comuni. In alcuni casi la quota fissa è stata adeguata nel 2008 (tabella 10). 19

20 Tabella 10: Dinamica della quota fissa (euro/anno/utente) Comune Alessandria 24,00 24,00 24,00 24,00 24,00 Asti 22,00 22,00 22,00 22,00 22,00 Biella 24,00 24,00 24,00 24,00 24,00 Cuneo 6,78 6,78 6,78 6,78 24,00 Novara 4,54 4,54 4,54 18,60 19,07 Torino 12,00 12,00 12,00 12,00 12,00 Verbania 2,79 2,79 2,79 22,12 23,32 Vercelli 20,00 14,00 14,00 16,00 18,00 Alba 8,37 8,37 24,00 24,00 Bra 8,37 8,37 24,00 24,00 Casale 8,00 8,50 9,00 10,00 Chieri 12,00 12,00 12,00 12,00 Ivrea - 12,00 12,00 12,00 Moncalieri 12,00 12,00 12,00 12,00 Novi 24,00 24,00 24,00 24,00 Pinerolo 12,19 12,00 12,00 12,00 Rivoli 12,00 12,00 12,00 12,00 Quota variabile acquedotto Nella maggior parte dei casi viene utilizzata un articolazione tariffaria a blocchi crescenti per il servizio acquedotto ed un articolazione a scaglione fisso (flat) per i servizi di fognatura e depurazione. In alcune città (Alessandria e Novi Ligure) si è adottata un articolazione a blocchi crescenti in tutti i tre servizi. In un solo Comune (Biella) si è utilizzata una tariffa flat anche per il servizio acquedotto. Nel servizio acquedotto il valore della quota variabile nel 2008 nei diversi scaglioni è molto diversificato nei vari Comuni e tende ad essere omogeneo per Comuni gestiti dallo stesso operatore (tabella 11). I regolatori locali adottano scelte molto diverse in materia di articolazione tariffaria, utilizzando l elasticità consentita in questa parte della politica tariffaria per raggiungere obiettivi di politica sociale (scaglione a tariffa agevolata con tariffe molto inferiori alle tariffa media) ed obiettivi di politica ambientale (scaglioni di massima eccedenza con tariffe molto superiori alla tariffa media, finalizzati a scoraggiare gli sprechi). La figura 1 indica il rapporto fra il primo scaglione e l ultimo; come si nota in alcuni casi la distanza è contenuta, in altri è molto accentuata. Ne deriva un maggiore o minor sussidio interno agli utenti. Scaglioni La variabilità di scelte fra i vari Comuni riguarda anche la dimensione dei diversi scaglioni di consumo (tabella 12) anche se in modo meno evidente. Lo scaglione agevolato varia fra 0-50 e metri cubi, lo scaglione di base varia fra 50 e 160, la prima eccedenza varia fra 100 e 250. Quota variabile fognatura e depurazione A parte i sistemi in cui la quota variabile di fognatura e depurazione è unificata a quella dell acquedotto, in alcuni casi viene distinta la quota 20

21 variabile del servizio depurazione da quella del servizio fognatura, in altri casi esiste una quota variabile unica per questi due servizi (tabella 13). La quota fognatura varia da 0,08 euro a metro cubo (Cuneo) a 0,14, quella depurazione da 0,27 a 0,37. Nell insieme le due quote variano da 0,36 a 0,51 euro a metro cubo, presentando una variabilità molto più contenuta di quella relativa alla quota variabile dell acquedotto. 21

22 Tabella 11: Articolazione tariffaria 2008 (Euro/mc) Alessandria (1) Asti Biella Cuneo Novara Torino Verbania Vercelli Alba (2) Bra (2) Casale Chieri Ivrea Moncalieri Novi (1) Pinerolo Rivoli Tariffa agevolata 0,58 0,40 0,61 0,10 0,22 0,20 0,39 0,67 0,10 0,25 0,34 0,22 0,22 0,22 0,58 0,22 0,22 Tariffa base 1,00 0,78 0,61 0,30 0,50 0,59 0,83 0,25 0,50 0,86 0,54 0,54 0,54 1,00 0,54 0,54 Primo scaglione 1,27 1,14 0,61 0,50 0,42 0,65 0,75 0,85 0,40 0,75 1,32 0,71 0,71 0,71 1,27 0,71 0,71 Secondo scaglione 1,68 1,50 0,61 1,25 0,58 1,11 0,91 0,97 1,35 1,35 1,48 1,20 1,20 1,20 1,68 1,20 1,20 (1) include la tariffa di fognatura e depurazione; (2) si riferisce al secondo semestre. Scaglioni Tabella 12: Articolazione tariffaria 2008 (mc) Alessandria Asti Biella (1) Cuneo Novara Torino Verbania Vercelli Alba Bra Casale Chieri Ivrea Moncalieri Novi Pinerolo Rivoli Agevolata Base Primo scaglione Secondo scaglione oltre oltre oltre 181-oltre 200-oltre oltre (1) la tariffa è flat Tabella 13: Quota variabile fognatura e depurazione 2008 (Euro/mc) Alessandria Asti Biella Cuneo Novara Torino Verbania Vercelli Alba Bra Casale Chieri Ivrea Moncalieri Novi Pinerolo Rivoli Quota variabile fognatura 0,11 0,09 0,15 0,15 0,15 0,11 0,11 0,15 0,15 0,15 0,15 0,15 Quota variabile depurazione 0,32 0,27 0,39 0,40 0,39 0,31 0,31 0,40 0,40 0,40 0,40 0,40 Totale Fognatura +Depurazione 0,43 0,67 0,36 0,54 0,55 0,54 0,53 0,42 0,42 0,47 0,55 0,55 0,55 0,55 0,55 22

23 Figura 1: Rapporto fra scaglione agevolato e scaglione massimo Dinamica nel tempo Le tariffe di tutti i Comuni tendono prevalentemente ad aumentare nel tempo, sulla base delle previsioni del Piano di Ambito e delle conseguenti decisioni tariffarie. Questo vale sia per il servizio acquedotto (tabella 14, figura 2) che per il servizio fognatura e depurazione (tabella 15, figura 3). Tabella 14: Dinamica della tariffa dello scaglione di prima eccedenza Comune Asti 0,98 1,02 1,02 1,14 Cuneo 0,22 0,22 0,22 0,50 Novara 0,32 0,32 0,38 0,42 Torino 0,57 0,61 0,65 0,65 Verbania 0,44 0,44 0,52 0,75 Vercelli 0,72 0,74 0,84 0,85 Alba 0,30 0,30 0,40 0,40 Bra 0,76 0,76 0,75 0,75 Casale 1,09 1,09 1,21 1,32 Chieri 0,57 0,61 0,65 0,71 Ivrea 0,61 0,65 0,71 Moncalieri 0,57 0,61 0,65 0,71 Pinerolo 0,73 0,61 0,65 0,71 Rivoli 0,57 0,61 0,65 0,71 23

24 Tabella 15: Dinamica della tariffa di fognatura e depurazione Comune Asti 0,36 0,38 0,38 0,43 Biella 0,57 0,59 0,62 0,67 Cuneo 0,36 0,36 0,36 0,36 Novara 0,37 0,37 0,50 0,54 Torino 0,44 0,47 0,51 0,55 Verbania 0,37 0,37 0,50 0,54 Vercelli 0,39 0,41 0,46 0,53 Alba 0,35 0,35 0,42 0,42 Bra 0,39 0,39 0,42 0,42 Casale 0,39 0,41 0,43 0,47 Chieri 0,44 0,47 0,51 0,55 Ivrea 0,47 0,51 0,55 Moncalieri 0,44 0,47 0,51 0,55 Pinerolo 0,37 0,47 0,51 0,55 Rivoli 0,44 0,47 0,51 0,55 Figura 2: Dinamica della tariffa dello scaglione di prima eccedenza 1,4 1,2 1 0,8 0,6 0,4 0, Asti Cuneo Novara Torino Verbania Vercelli Alba Bra Casale Chieri Ivrea Moncalieri Pinerolo 24

25 Figura 3: Dinamica della tariffa di fognatura e depurazione Asti 0,8 Biella 0,7 Cuneo 0,6 Novara 0,5 Torino Verbania 0,4 Vercelli 0,3 Alba 0,2 Bra Casale 0,1 Chieri 0 Ivrea Moncalieri 25

26 Rifiuti solidi urbani Sistemi tariffari applicati Nel 2008 sei Comuni hanno applicato le tariffe previste dal Metodo Normalizzato ed undici Comuni ancora la Tarsu. Nel 2008 nessun Comune è passato a tariffa, nel rispetto della normativa nazionale che prevedeva il congelamento delle forme di tassazione e tariffazione del 2007 per il I diversi Comuni, sia che applichino la tariffa sia che applichino la Tarsu, presentano strutture tariffarie diverse. Comuni che applicano la Tarsu Nei Comuni che utilizzano la Tarsu il valore a metro quadro nel 2008 (ex ECA inclusa) varia da 1,56 euro a 2,39 euro (tabella 16, figura 4). Una variazione significativa, riconducibile a due ordini di motivi: la diversa struttura dei costi di gestione dei rifiuti urbani nei vari Comuni, spiegabile sia con le reali differenze tecniche del servizio (forme di raccolta e di smaltimento, incidenza della raccolta differenziata, intensità del servizio di spazzamento), sia con diversi livelli di efficienza dei gestori operanti nei diversi Comuni; il tasso di copertura dei costi che ogni singolo Comune decide di affidare al gettito della Tarsu (quindi il livello del sussidio pubblico) e le diverse modalità di sussidio incrociato (tasse a metro quadro applicate alle diverse categorie di produttori di rifiuti), tecnica che molti Comuni usano per ridurre il peso della Tarsu sulle utenze domestiche. Quasi tutti i Comuni adottano un agevolazione per gli utenti domestici composti da una sola persona, che si solito si aggira sul 30% del totale della tariffa a metro quadro. In un caso (Casale Monferrato) il Comune applica agevolazioni per tutti gli utenti, ma sulla base del reddito (tabella 17). 26

27 Tabella 16: Tarsu applicata nel 2008 (euro/mq) Comune Tassa Alba 1,73 Cuneo 1,65 Novara 1,55 Torino 2,26 Vercelli 1,65 Bra 2,35 Casale 2,39 Ivrea 1,56 Novi 1,98 Pinerolo 2,17 Rivoli 1,79 Figura 4: Valore della Tarsu nel 2008 (euro/mq) 3 2,5 2 1,5 1 0,5 0 Alba Cuneo Novara Torino Vercelli Bra Casale Ivrea Novi Pinerolo Rivoli Tabella 17: Agevolazioni applicate alla Tarsu Comune Agevolazione Cuneo 10 % Novara 30% Torino 10 % Vercelli 33% di agevolazione Alba nessuna agevolazione Bra 33% Casale agevolazioni solo su base reddito Ivrea 20% Novi 30% Pinerolo 30% Rivoli 33% 27

28 Dinamica dei Comuni a TARSU Nel 2008 la dinamica della Tarsu appare stabile nella maggioranza dei Comuni presi in esame. Solo due Comuni indicano un aumento, negli altri casi il valore rimane stabile (tabella 18, figura 5). Tabella 18: Dinamica della Tarsu (euro/mq) Comune Cuneo 1,65 1,65 1,65 1,65 Novara 1,55 1,55 1,55 1,55 Torino 2,1 2,14 2,18 2,26 Vercelli 1,63 1,65 1,65 1,65 Alba 1,30 1,30 1,73 1,73 Bra 1,98 1,98 2,35 2,35 Casale 2,17 2,17 2,39 2,39 Ivrea 1,56 1,56 1,56 1,56 Novi 1,56 1,66 1,98 1,98 Pinerolo 2,07 2,07 2,07 2,17 Rivoli 1,79 1,79 1,79 1,79 Figura 5: Dinamica della Tarsu 3 2,5 2 1,5 1 0, Cuneo Novara Torino Vercelli Alba Bra Casale Ivrea Novi Pinerolo Rivoli Comuni passati a tariffa Nei Comuni passati a tariffa i sistemi di calcolo variano molto da Comune a Comune, sia per quanto riguarda la quota fissa, che per quanto riguarda la quota variabile. In un caso (Chieri) la quota variabile è abbinata al numero di svuotamenti dei contenitori. In un altra città (Verbania) viene applicata solo la quota fissa; in un altra città ancora (Moncalieri) per il calcolo tariffario si deve utilizzare un foglio di calcolo abbastanza complesso, costruito con criteri diversi rispetto agli altri Comuni passati a tariffa. Il 28

29 confronto fra i diversi casi appare molto difficoltoso in ragione di criteri molto differenziati che vengono applicati (tabelle 19 e 20). Agli utenti che pagano la tariffa è applicata l IVA al 10%. Anche in questo caso si applica il contributo ambientale provinciale, con una aliquota massima del 5% sul totale della tariffa. Componenti nucleo familiare Tabella 19: Quota fissa 2008 (euro/mq) Alessandria Asti Biella Chieri Moncalieri Verbania 1 0,6658 1,8800 0,7930 0,552 0,8000 1, ,7824 2,2814 0,9318 0,648 0,9400 2, ,8739 2,4350 1,0409 0,724 1,0500 2, ,9488 2,5092 1,1301 0,786 1,1400 2, ,0237 2,5283 1,2193 0,848 1,2300 2,1790 Dinamica della tariffa Tabella 20: Quota variabile 2008 (euro/anno) Componenti nucleo familiare Alessandria Asti Biella Moncalieri 1 64,45 1,44 52,53 0, ,02 18,38 105,06 1, ,91 21,68 131,32 2, ,59 27,17 170,72 2, ,93 36,61 210,11 3,20 É molto complesso procedere ad un confronto della tariffa nei diversi anni presi in esame, sia perché alcuni Comuni sono passati da tassa a tariffa nel corso del quadriennio, sia perché i diversi Comuni hanno proceduto ad aggiustamenti negli scaglioni nei diversi anni, anche per correggere eventuali problemi sorti proprio nei primi anni di applicazione della tariffa stessa. In generale non si registrano aumenti consistenti delle tariffe negli anni successivi al passaggio a questo sistema di pagamento, forse anche per compensare il salto di costo di solito derivante dall introduzione della tariffa. A titolo esemplificativo si riporta l andamento della quota fissa e variabile di una famiglia di tre persone (tabelle 21 e 22, figure 6 e 7). Tabella 21: Dinamica della quota fissa nei Comuni a tariffa (famiglia di tre persone) - (euro/mq) Comune Alessandria 0,88 0,87 0,87 0,87 Asti 2,43 2,43 2,43 2,43 Biella 0,99 1,03 1,02 1,04 Verbania - 2,08 2,08 2,14 Chieri 0,95 0,85 0,86 0,72 Moncalieri - 1,05 1,05 1,05 29

30 Tabella 22: Dinamica della quota variabile nei Comuni a tariffa (famiglia di tre persone) - (euro/anno) Comune Alessandria 129,9 128,91 128,91 128,91 Asti 21,68 21,68 21,68 21,68 Biella ,1 128,44 131,32 Verbania Chieri Moncalieri Il Comune di Verbania applica solo la quota fissa, nel Comune di Chieri la quota variabile è espressa in Euro/svuotamento mentre nel Comune di Moncalieri la quota variabile è calcolata in un modo particolarmente complesso, difficilmente confrontabile con gli altri Figura 6: Dinamica della quota fissa Alessandria Asti Biella

31 Figura 7: Dinamica della quota variabile 3 2,5 2 1,5 1 0,5 Alessandria Asti Biella Verbania Chieri Moncalieri

32 Erogazione di gas naturale Sistemi tariffari applicati Per tutti i Comuni si sono considerate le tariffe regolate dall Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas e riferite ai clienti che rimangono legati al mercato regolato, ovvero che non scelgono il mercato libero e quindi beneficiano delle condizioni tariffario di maggior tutela. Il sistema tariffario applicato è quindi uguale per tutti i Comuni. Le differenze fra le singole realtà sono quindi da ricondursi alle caratteristiche tecniche alle quali è sensibile il sistema tariffario: potere calorifico del gas venduto, altitudine del Comune, livello degli investimenti, applicazione o meno dell aliquota comunale sulla tariffa di distribuzione destinata al sostegno degli utenti deboli. Tariffe La quota fissa è ormai unica in tutti i Comuni (30 euro ad utente per la distribuzione e 3,6 euro ad utente per il servizio di vendita), mentre variano le quote variabili dei diversi scaglioni e la stessa definizione degli scaglioni (tabella 23 e figura 8). 32

33 Tabella 23: Tariffe della quota variabile nel 2008 (euro/mc) Scaglioni Alessandria Asti Biella Cuneo Novara Torino Verbania Vercelli Alba Bra Casale Chieri Moncalieri Novi Pinerolo Rivoli 1 scaglione 0, , , , , , , , , , , , , , , , scaglione 0, , , , , , , , , , , , , , , , scaglione 0, , , , , , , , , , , , , , , , scaglione 0, , , , , , , , , , , , , , , , Figura 8: Tariffa variabile anno ,8 1,6 1,4 1,2 1 0,8 0,6 0,4 0,2 0 Alessandria Asti Biella Cuneo Novara Torino Verbania Vercelli Alba Bra Casale Chieri Moncalieri Novi Pinerolo Rivoli 4 scaglione 3 scaglione 2 scaglione 1 scaglione 33

34 Dinamica tariffaria La quota fissa è rimasta stabile nel quinquennio, non essendo stata oggetto questa componente tariffaria di modifiche da parte dell Autorità. In generale la dinamica tariffaria della quota variabile ha subito una crescita dal 2005 al 2006 per poi avere un andamento altalenante nella prima parte del 2007 e risalire costantemente nei trimestri successivi e per tutto il A titolo esemplificativo si riporta l andamento della tariffa in uno dei Comuni preso in esame nei diversi trimestri: la curva è simile anche negli altri Comuni (figura 9). Figura 9: Andamento della quota variabile della tariffa gas regolata dei diversi scaglioni 0, , , , , scaglione 2scaglione 3scaglione 4scaglione 0, ,

35 Erogazione di energia elettrica Sistemi tariffari applicati Per tutti i Comuni si sono considerate le tariffe regolate dall Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas e riferite ai clienti che rimangono legati al mercato regolato, ovvero che non scelgono il mercato libero e quindi beneficiano delle condizioni tariffarie di maggior tutela. Il sistema tariffario applicato è quindi uguale per tutti i Comuni. Esistendo nel settore elettrico una tariffa unica nazionale, essa è identica per ciascun Comune e altrettanto vale per il costo sostenuto da famiglie analoghe. Tariffe La tabella 24 riporta i valori delle quote fisse e delle quote variabili nel La quota variabile ha subito un costante aumento nel 2008, compensato da una riduzione del corrispettivo di potenza. La figura 10 rappresenta l andamento della quota variabile per il Tabella 24: Tariffe della quota variabile nel 2008 (euro/kwh) Corrispettivo di energia I trimestre II trimestre III trimestre IV trimestre /kwh gennaio-marzo aprile-giugno luglio-settembre ottobre-dicembre fino a 900 kwh/anno 0,1036 0, , ,12003 da 901 a 1800 kwh/anno 0, ,1244 0, ,13316 da 1801 a 2640 kwh/anno 0, , , ,18955 da 2641 a 3540 kwh/anno 0, , , ,27298 da 3541 a 4440 kwh/anno 0, , , ,26894 oltre 4440 kwh/anno 0, , , ,18489 Corrispettivo di potenza /kwh/anno Corrispettivo fisso /anno 5,3285 4,9133 4,9133 4,4981 4,

36 Figura 10: Dinamica quota variabile 0,3 0,25 0,2 0,15 0,1 0,05 0 gennaiomarzo aprile - giugno aprile - giugno ottobredicembre I II III IV trimestre trimestre trimestre trimestre fino a 900 kwh/anno da 901 a 1800 kwh/anno da 1801 a 2640 kwh/anno da 2641 a 3540 kwh/anno da 3541 a 4440 kwh/anno oltre 4440 kwh/anno 36

37 Conclusioni Analisi delle tariffe Si riportano di seguito le principali criticità e prospettive che il gruppo di lavoro della FA ha elaborato a conclusione della rilevazione e della analisi delle tariffe nei diciassette Comuni oggetto di analisi e per i quattro servizi considerati: 1. I sistemi tariffari applicati appaiono tecnicamente molto complessi e difficilmente comprensibili dagli utenti. Un maggiore sforzo di trasparenza e semplificazione potrebbe essere utile. 2. I sistemi tariffari tendono ormai alla copertura integrale dei costi industriali regolati, ma questo risultato non è ancora stato del tutto raggiunto. Persistono ancora sistemi di tariffazione che occultano all utente il reale costo del servizio e, per quel che riguarda la gestione dei rifiuti urbani, molti Comuni utilizzano ancora la Tarsu (anche se con tassi di copertura dei costi di solito abbastanza alti). 3. Nella gestione dei rifiuti solidi urbani all introduzione della tariffa non è corrisposto un ricorso generalizzato alla pesatura dei rifiuti prodotti (nei Comuni esaminati un solo caso). Uno sforzo di promozione di queste tecniche potrebbe essere utile. 4. In generale si tende ad utilizzare l articolazione tariffaria per perseguire scopi socio assistenziali. Il meccanismo di solito adottato è quello di ridurre il costo unitario del servizio per il primo scaglione di consumo, in modo da garantire i consumi essenziali sottocosto. Si tratta di meccanismi solo in parte efficaci: talvolta si agevolano le famiglie di piccole dimensioni o i single, a scapito delle famiglie numerose. Sarebbe preferibile adottare sistemi di agevolazione che non facciano riferimento all articolazione tariffaria, ma ad interventi di sussidio pubblico diretto sul costo reale della bolletta per gli utenti deboli. 5. L articolazione tariffaria viene utilizzata nel servizio idrico per scoraggiare sprechi e usi impropri, attraverso il sistema dei blocchi crescenti, che fa pagare agli utenti un costo unitario più alto con il crescere dei consumi. Tale tecnica non viene utilizzata invece nel gas, nell energia elettrica e nei rifiuti, servizi in cui la tariffa diminuisce con il crescere dei consumi, dopo il secondo scaglione (sempre nei rifiuti). 37

LE TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI E LA SPESA DELLE FAMIGLIE UN ANALISI SUI PRINCIPALI COMUNI DEL PIEMONTE Edizione 2013

LE TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI E LA SPESA DELLE FAMIGLIE UN ANALISI SUI PRINCIPALI COMUNI DEL PIEMONTE Edizione 2013 MONSPL2013 LE TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI E LA SPESA DELLE FAMIGLIE UN ANALISI SUI PRINCIPALI COMUNI DEL PIEMONTE Edizione 2013 Executive Summary Il progetto MONSPL 2013 ambisce ad offrire al sistema

Dettagli

LE TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI E LA SPESA DELLE FAMIGLIE UN ANALISI SUI PRINCIPALI COMUNI DEL PIEMONTE

LE TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI E LA SPESA DELLE FAMIGLIE UN ANALISI SUI PRINCIPALI COMUNI DEL PIEMONTE LE TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI E LA SPESA DELLE FAMIGLIE UN ANALISI SUI PRINCIPALI COMUNI DEL PIEMONTE DICEMBRE 2013 (pagina lasciata intenzionalmente bianca) LE TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

Dettagli

LE TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI E LA SPESA DELLE FAMIGLIE UN ANALISI SUI PRINCIPALI COMUNI DEL PIEMONTE

LE TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI E LA SPESA DELLE FAMIGLIE UN ANALISI SUI PRINCIPALI COMUNI DEL PIEMONTE LE TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI E LA SPESA DELLE FAMIGLIE UN ANALISI SUI PRINCIPALI COMUNI DEL PIEMONTE LUGLIO 2012 (pagina lasciata intenzionalmente bianca) LE TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

Dettagli

Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di mercato libero con l offerta tariffa sicura

Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di mercato libero con l offerta tariffa sicura Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di mercato libero con l offerta tariffa sicura Voce di spesa Descrizione del prezzo Componenti incluse Tariffa di vendita (Offerta

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it Energia Elettrica Ottobre 2012

Osservatorio SosTariffe.it Energia Elettrica Ottobre 2012 Osservatorio SosTariffe.it Energia Elettrica Ottobre 2012 FORNITURA ENERGIA ELETTRICA: CON QUALI TARIFFE RISPARMIO SE UTILIZZO UNA POTENZA CONTRATTUALMENTE IMPEGNATA MAGGIORE? INDICE p. 1 1. Introduzione

Dettagli

Bolletta 2.0 Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di tutela

Bolletta 2.0 Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di tutela Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di tutela Voce di spesa Descrizione del prezzo Componenti incluse Spesa per la materia gas naturale Spesa per il trasporto e la gestione

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNCATO Energia: da ottobre nessun aumento per l elettricità, gas +5,5% Sui prezzi del gas hanno pesato le quotazioni del petrolio e l incremento dell va Milano,

Dettagli

I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche

I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche - III trimestre 2013 - Centro Studi Unioncamere Basilicata SCHEDE: In sintesi I costi per la fornitura di gas naturale alle famiglie Il costo della bolletta

Dettagli

Servizi pubblici locali e utenze domestiche: un salasso da 5.349 a famiglia, negli ultimi 4 anni + 314

Servizi pubblici locali e utenze domestiche: un salasso da 5.349 a famiglia, negli ultimi 4 anni + 314 Servizi pubblici locali e utenze domestiche: un salasso da 5.349 a famiglia, negli ultimi 4 anni + 314 5.349 ogni anno. A tanto ammonta la spesa per una famiglia tipo per acqua, luce, gas, rifiuti, bus

Dettagli

GLOSSARIO BOLLETTE GAS QUADRO SINTETICO

GLOSSARIO BOLLETTE GAS QUADRO SINTETICO GLOSSARIO BOLLETTE GAS Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) che intende rendere più comprensibili i termini utilizzati nelle bollette di

Dettagli

MONSPL2014. LE TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI E LA SPESA DELLE FAMIGLIE Un analisi sui principali comuni del Piemonte.

MONSPL2014. LE TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI E LA SPESA DELLE FAMIGLIE Un analisi sui principali comuni del Piemonte. MONSPL2014 LE TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI E LA SPESA DELLE FAMIGLIE Un analisi sui principali comuni del Piemonte Executive Summary La Turin School of Local Regulation è una iniziativa promossa

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLA BOLLETTA DEL GAS NATURALE

GUIDA ALLA LETTURA DELLA BOLLETTA DEL GAS NATURALE 3 5 4 6 1 2 7 8 9 10 11 Pag. 1 di 9 12 13 14 15 16 18 19 Pag. 2 di 9 20 Pag. 3 di 9 21 Pag. 4 di 9 22 Pag. 5 di 9 RIEPILOGO DATI FATTURA 1 INTESTATARIO DELLA FORNITURA: sono i dati che identificano il

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: bollette ancora in calo, dal 1 luglio energia elettrica -1%, gas -7,7% Da inizio anno calo medio totale del 13,1% - La spesa media annua delle

Dettagli

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Mercato libero Dal 1 gennaio 2003, i clienti possono liberamente scegliere da quale fornitore

Dettagli

Al momento attuale tutte le regioni con l esclusione del Trentino Alto Adige dove non trova applicazione hanno recepito la legge 36/94.

Al momento attuale tutte le regioni con l esclusione del Trentino Alto Adige dove non trova applicazione hanno recepito la legge 36/94. Il riordino dei servizi idrici è stato avviato in Italia con la legge 36/94 (c.d. Legge Galli) che al fine di superare la frammentazione gestionale e ridurre i livelli di inefficienza produttivi ed infrastrutturali

Dettagli

GLOSSARIO Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale

GLOSSARIO Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale GLOSSARIO Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di energia elettrica (alimentati in Bassa tensione) e di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) per rendere più comprensibili i termini

Dettagli

Per ulteriori informazioni e consigli

Per ulteriori informazioni e consigli Per ulteriori informazioni e consigli Alcuni siti presso i quali è possibile visionare e scaricare consigli utili a risparmiare energia sia nell uso quotidiano sia nel corretto acquisto di determinati

Dettagli

Le tariffe dell energia elettrica

Le tariffe dell energia elettrica Consumatori in cifre Le tariffe dell energia elettrica Michele Cavuoti Oggetto della presente analisi sono le tariffe dell energia elettrica destinate ai consumatori ovvero le tariffe ancora oggi in regime

Dettagli

ASSOELETTRICA. La riforma delle tariffe elettriche domestiche. Incontro con la stampa Roma, 17 febbraio 2015

ASSOELETTRICA. La riforma delle tariffe elettriche domestiche. Incontro con la stampa Roma, 17 febbraio 2015 ASSOELETTRICA La riforma delle tariffe elettriche domestiche Incontro con la stampa Roma, 17 febbraio 2015 1 Cos è il mercato tutelato? Dal 1 luglio 2007 il mercato dell energia elettrica è completamente

Dettagli

I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche

I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche - III trimestre 2012 - Centro Studi Unioncamere Basilicata SCHEDE: I costi per la fornitura di gas naturale alle famiglie Il costo della bolletta per

Dettagli

I Contratti per l energia elettrica e il gas nel settore privato Normative e mercati Struttura Bollette elettrica e del gas

I Contratti per l energia elettrica e il gas nel settore privato Normative e mercati Struttura Bollette elettrica e del gas I Contratti per l energia elettrica e il gas nel settore privato Normative e mercati Struttura Bollette elettrica e del gas Mauro Antonetti Corso per Energy Manager ANEA Napoli 16 Novembre 2012 Struttura

Dettagli

La bolletta elettrica: quanto e cosa paghiamo?

La bolletta elettrica: quanto e cosa paghiamo? La bolletta elettrica: quanto e cosa paghiamo? Maria Rosalia Cavallaro Area Analisi Economico Finanziarie Indice La filiera elettrica Approvvigionamento Infrastruttura Vendita Sistema tariffario Sistema

Dettagli

Ma l incidenza delle componenti fiscali al 60% limita fortemente i benefici

Ma l incidenza delle componenti fiscali al 60% limita fortemente i benefici DIREZIONE COMUNICAZIONE E IMMAGINE UFFICIO STAMPA 59/16 Roma, 26.4.2016 Ma l incidenza delle componenti fiscali al 60% limita fortemente i benefici INDICE COSTO ENERGIA CONFCOMMERCIO: PER IMPRESE TERZIARIO

Dettagli

Elettricità: la bolletta trasparente

Elettricità: la bolletta trasparente Elettricità: la bolletta trasparente Con la bolletta dell energia elettrica, famiglie e piccoli consumatori serviti in maggior tutela 1 (pagano sostanzialmente per quattro principali voci di spesa. In

Dettagli

Come leggere la bolletta dell acqua

Come leggere la bolletta dell acqua LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS Come leggere la bolletta dell acqua Guida alla bolletta dell acqua a contatore per uso domestico LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS La tariffa dell acqua per uso domestico Da quando

Dettagli

Fattura di energia elettrica. Quadro normativo

Fattura di energia elettrica. Quadro normativo Workshop 1 Quadro normativo Con legge n. 481 del 14 novembre 1995 è stata istituita l Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (www.autorita.energia.it) che ha il compito di tutelare gli interessi dei

Dettagli

Dubbi sulle bollette? Vai sul sicuro.

Dubbi sulle bollette? Vai sul sicuro. Dubbi sulle bollette? Vai sul sicuro. Indice Premessa...5 Capitolo primo Servizio Idrico Integrato 1.1 Tutti paghiamo la bolletta dell acqua...7 1.2 Cosa paghiamo: il servizio idrico integrato...7 1.3

Dettagli

ICET 4. Indice Costo Energia Terziario. Energia elettrica. a cura di Confcommercio-Imprese per l Italia in collaborazione con REF Ricerche

ICET 4. Indice Costo Energia Terziario. Energia elettrica. a cura di Confcommercio-Imprese per l Italia in collaborazione con REF Ricerche Ambiente e Utilities ICET 4 Indice Costo Energia Terziario a cura di Confcommercio-Imprese per l Italia in collaborazione con REF Ricerche aprile 2016, numero 4 Sintesi Energia Elettrica Prevista una riduzione

Dettagli

Come leggere la bolletta del Servizio Idrico Integrato

Come leggere la bolletta del Servizio Idrico Integrato Come leggere la bolletta del Servizio Idrico Integrato La tariffa dell acqua Il D.L. n.201/2011, convertito nella Legge n. 214/2011, ha disposto il passaggio delle competenze relative alla regolazione

Dettagli

VII INDAGINE NAZIONALE SULLE BOLLETTE ELETTRICHE E DEL GAS

VII INDAGINE NAZIONALE SULLE BOLLETTE ELETTRICHE E DEL GAS VII INDAGINE NAZIONALE SULLE BOLLETTE ELETTRICHE E DEL GAS Nel 2006 le famiglie italiane hanno dovuto fronteggiare una spesa annua record per le bollette elettriche e del gas E la bolletta più alta degli

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Per caro petrolio, elettricità + 3,8 % e gas + 3,4% nel 1 trimestre 2008 Scatta ulteriore riduzione tariffe trasporto e distribuzione- In arrivo le

Dettagli

Indice Costo Elettricità Terziario

Indice Costo Elettricità Terziario ICET Indice Costo Elettricità Terziario NOTA METODOLOGICA Documento realizzato da Confcommercio-Imprese per l Italia Informazioni: Direzione Comunicazione e Immagine Confcommercio Tel 065866.228-219 email:stampa@confcommercio.it

Dettagli

COMUNE DI CASTELLALTO

COMUNE DI CASTELLALTO COMUNE DI CASTELLALTO ACCORDI DI URBANISTICA NEGOZIATA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI TRASFORMAZIONE URBANISTICA - ALLEGATO A (BOZZA DEL 18.04.2013) Ufficio Urbanistica via Madonna degli Angeli,

Dettagli

Quaderno di energy management 31 LEGGERE LE BOLLETTE

Quaderno di energy management 31 LEGGERE LE BOLLETTE Quaderno di energy management 31 LEGGERE LE BOLLETTE 4 Le bollette dei vettori energetici appaiono generalmente quasi un documento oscuro, quasi cripticocriptate. Vengono In esse si trovanoinnumerevoliriportate

Dettagli

I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche

I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche - IV trimestre 2013 - Centro Studi Unioncamere Basilicata SCHEDE: In sintesi I costi per la fornitura di gas naturale alle famiglie Il costo della bolletta

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 17 GENNAIO 2008

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 17 GENNAIO 2008 CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 17 GENNAIO 2008 Oggetto: Disposizioni in materia di aliquota di imposta sul valore aggiunto sul gas naturale per combustione per usi civili

Dettagli

50 Stoccaggio di gas naturale. Stoccaggio di gas naturale

50 Stoccaggio di gas naturale. Stoccaggio di gas naturale 50 Stoccaggio di gas naturale Stoccaggio di gas naturale Stoccaggio di gas naturale 51 PRINCIPALI INDICATORI DI PERFORMANCE (milioni di e) 2012 2013 2014 Var.ass. Var.% Ricavi totali (a) (b) 402 489 541

Dettagli

Liberalizzazione del mercato elettrico: chi tutelerà famiglie e consumatori

Liberalizzazione del mercato elettrico: chi tutelerà famiglie e consumatori Liberalizzazione del mercato elettrico: chi tutelerà 23 Aprile 2015 Ennio Fano 1 Nelle recenti settimane sul tema dell energia elettrica si sono succedute: A) la proposta dell Autorità sulla riforma delle

Dettagli

Energia: da ottobre elettricità +3,4%, gas +2,4%, ma nel 2015 risparmi per 60 euro

Energia: da ottobre elettricità +3,4%, gas +2,4%, ma nel 2015 risparmi per 60 euro COMUNICATO Energia: da ottobre elettricità +3,4%, gas +2,4%, ma nel 2015 risparmi per 60 euro Milano, 29 settembre 2015 Dopo i ribassi nei primi 9 mesi dell anno, in aumento le bollette nell ultimo trimestre,

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: dal 1 gennaio elettricità +0,7%, nessun aumento per il gas Al via il nuovo Metodo tariffario idrico e un indagine per le

Dettagli

Lo SCAMBIO SUL POSTO (SSP): cos è, come funziona, quanto rende economicamente. Prima di spiegare cosa sono e quanto valgono, servono due premesse:

Lo SCAMBIO SUL POSTO (SSP): cos è, come funziona, quanto rende economicamente. Prima di spiegare cosa sono e quanto valgono, servono due premesse: INFORMA Lo SCAMBIO SUL POSTO (SSP): cos è, come funziona, quanto rende economicamente Premessa Attualmente il contributo di scambio sul posto e il pagamento dell eccedenza (oltre le detrazioni di costi

Dettagli

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi Il metodo tariffario transitorio per il calcolo delle tariffe idriche e la prima direttiva per la trasparenza della bolletta dell acqua: sintesi delle principali novità

Dettagli

La nuova bolletta Due Energie. Chiara, semplice e facile da consultare.

La nuova bolletta Due Energie. Chiara, semplice e facile da consultare. La nuova bolletta Due Energie. Chiara, semplice e facile da consultare. Nuova linea grafica, chiarezza nei contenuti e facilità di consultazione sono le caratteristiche principali della nuova bolletta

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista ad utente non domestico prezzo prevalente della componente energia "franco centrale" per contratti della durata

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

Facile Fisso 12! F0 0,0618. Id. E100172-1 0,0648 0,0562. Id. E100173-1 F1 F2 F3 0,0649 0,0646 0,0523

Facile Fisso 12! F0 0,0618. Id. E100172-1 0,0648 0,0562. Id. E100173-1 F1 F2 F3 0,0649 0,0646 0,0523 Facile Il prezzo della fornitura di energia elettrica, al netto delle imposte e di quanto espressamente previsto nelle condizioni generali di fornitura (CGF) per tutti i punti di prelievo indicati nell

Dettagli

CONTABILITÀ ENERGETICA PER LA GESTIONE E PIANIFICAZIONE DEI COSTI ENERGETICI AZIENDALI

CONTABILITÀ ENERGETICA PER LA GESTIONE E PIANIFICAZIONE DEI COSTI ENERGETICI AZIENDALI CONTABILITÀ ENERGETICA PER LA GESTIONE E PIANIFICAZIONE DEI COSTI ENERGETICI AZIENDALI RELATORE Ing. Giuseppe Coduri Servizi Industriali srl Gestione costi energetici 18/03/2010 ENERGIA: VOCE DI COSTO

Dettagli

FORZA DOPPIA CASA OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA

FORZA DOPPIA CASA OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA FORZA DOPPIA CASA OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA Mercato libero Validità offerta: fino al 25 gennaio 2016 Denominazione: FORZA DOPPIA CASA Codice: ATFDC/2015 Destinatari offerta La presente offerta

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 19 DICEMBRE 2013 614/2013/R/EFR AGGIORNAMENTO DEL LIMITE MASSIMO PER LA RESTITUZIONE DEGLI ONERI GENERALI DI SISTEMA NEL CASO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI CHE ACCEDONO ALLO

Dettagli

Certificati bianchi titoli di efficienza energetica a portata di mano

Certificati bianchi titoli di efficienza energetica a portata di mano 3 Conferenza Annuale Fire Roma, 10 aprile 2014 Certificati bianchi titoli di efficienza energetica a portata di mano Le nuove regole sul rimborso in tariffa e sui grandi progetti Marco De Min Direzione

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da gennaio deciso calo per la bolletta elettricità -3%, in lieve riduzione il gas -0,3% sull anno risparmi per oltre 72 euro

Dettagli

Come leggere la bolletta dell acqua

Come leggere la bolletta dell acqua LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS Come leggere la bolletta dell acqua Guida alla bolletta dell acqua a contatore per uso domestico LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS La tariffa dell acqua per uso domestico Da quando

Dettagli

Scatti al 30 giugno 2014

Scatti al 30 giugno 2014 Scatti al 30 giugno 2014 1 Il mercato dell energia elettrica in Italia 2013 Bilancio anno 2013-4,4% Previsione anno 2014 Domanda Energia Elettrica 298 TWh (totale) 233 TWh al mercato non domestico www.consulenzaenergetica.it

Dettagli

La raccolta domiciliare e l applicazione della tariffa puntuale nel comune di Mantova

La raccolta domiciliare e l applicazione della tariffa puntuale nel comune di Mantova La raccolta domiciliare e l applicazione della tariffa puntuale nel comune di Mantova Anzio Negrini Mantova Direttore Ambiente Gruppo Mantova Ambiente Tea 1 Chi è Mantova Ambiente Mantova Ambiente è una

Dettagli

Monitoraggio delle tariffe dei Servizi Pubblici Locali in Provincia di Genova

Monitoraggio delle tariffe dei Servizi Pubblici Locali in Provincia di Genova Monitoraggio delle tariffe dei Servizi Pubblici Locali in Provincia di Genova Genova - 29 giugno 2011 Samir Traini economista Trasparenza, pubblicità e accountability Quali strumenti? Repertori amministrativi

Dettagli

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Audizione del Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Roma, 3 luglio 2014 Indice Il Gruppo GSE Decreto-Legge 24

Dettagli

Approvvigionamenti di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamenti di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Roma, 24 novembre 2015 Sommario Struttura dei prezzi per i clienti finali Clienti ed energia nel servizio di maggior tutela Quotazioni dei prodotti energia Portafoglio di AU 2 Sistema elettrico nel contesto

Dettagli

Distribuzione di gas naturale

Distribuzione di gas naturale 56 Distribuzione di gas naturale PRINCIPALI INDICATORI DI PERFORMANCE (milioni di ) 2010 2011 2012 Var.ass. Var.% Ricavi della gestione caratteristica (*) 1.233 1.297 1.434 137 10,6 - di cui ricavi di

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Delibera 167/10 Autorità per l'energia Elettrica e il Gas

Delibera 167/10 Autorità per l'energia Elettrica e il Gas Delibera 167/10 Autorità per l'energia Elettrica e il Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Mercato libero: è il mercato in cui

Dettagli

Bolletta 2.0 Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di tutela

Bolletta 2.0 Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di tutela Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di tutela Voce di spesa Descrizione del prezzo Componenti incluse Spesa per la materia energia Spesa per il trasporto e la gestione

Dettagli

Spettabile Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico Piazza Cavour 5 20121, MILANO

Spettabile Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico Piazza Cavour 5 20121, MILANO Spettabile Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico Piazza Cavour 5 20121, MILANO Direzione infrastrutture, unbundling e certificazione infrastrutture@autorita.energia.it Direzione

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista ad utente non domestico prezzo prevalente della componente energia "franco centrale" per contratti della durata

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

ACEA ATO 2 S.P.A. P.le Ostiense, 2 00154 Roma. Cap Soc Euro 362.834.320 iv-cf e P.IVA 05848061007 CCIA RM REA 930803-TRIB RM 218931/99

ACEA ATO 2 S.P.A. P.le Ostiense, 2 00154 Roma. Cap Soc Euro 362.834.320 iv-cf e P.IVA 05848061007 CCIA RM REA 930803-TRIB RM 218931/99 ACEA ATO 2 S.P.A. P.le Ostiense, 2 00154 Roma Cap Soc Euro 362.834.320 iv-cf e P.IVA 05848061007 CCIA RM REA 930803-TRIB RM 218931/99 OGGETTO: tariffe del Servizio Idrico Integrato per i Comuni, appartenenti

Dettagli

FORZA DOPPIA WEB - Small OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA

FORZA DOPPIA WEB - Small OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA Validità offerta: fino al 25 Aprile 2016 Denominazione: FORZA DOPPIA WEB small Codice: ATFDWS/16 Destinatari offerta La presente offerta è riservata ai Clienti

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: nuovo calo delle bollette, dal 1 aprile energia elettrica -2%, gas -7,5% La spesa media per le famiglie si riduce ulteriormente di 92 euro

Dettagli

fiscalità imposte erariali sull energia elettrica (accise), dell IVA e degli oneri generali del sistema elettrico*,

fiscalità imposte erariali sull energia elettrica (accise), dell IVA e degli oneri generali del sistema elettrico*, Il peso della fiscalità nelle bollette elettriche e l agevolazione dei SEU (sistemi efficienti di utenza dotati di fotovoltaico o in assetto cogenerativo ad alto rendimento) Facendo riferimento alla bolletta

Dettagli

2. Nella sezione Contatti trovi tutti i riferimenti per comunicare con noi, per ricevere informazioni e assistenza relative alle sue forniture. 4. In quest area trovi il totale da pagare, la data di scadenza

Dettagli

Roberto Meregalli as.ambiente@comune.calco.lc.it

Roberto Meregalli as.ambiente@comune.calco.lc.it Roberto Meregalli as.ambiente@comune.calco.lc.it Il sistema elettrico Mercato libero o a maggior tutela? Mercato libero o a maggior tutela? Gli Oneri A2 decommissioning nucleare A3 incentivi alle fonti

Dettagli

Dieci anni di certificati bianchi a cura di Fire

Dieci anni di certificati bianchi a cura di Fire Key Energy 2014 Rimini, 6 novembre 2014 Dieci anni di certificati bianchi a cura di Fire Le nuove regole sul rimborso in tariffa Marco De Min Direzione Mercati Unità Produzione di energia, fonti rinnovabili

Dettagli

FORZA DOPPIA WEB Medium OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA

FORZA DOPPIA WEB Medium OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA FORZA DOPPIA WEB Medium OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA Validità offerta: fino al 25 aprile 2016 Denominazione: FORZA DOPPIA WEB medium Codice: ATFDWM/16 Destinatari offerta La presente offerta

Dettagli

FORZA DOPPIA WEB - Small OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA

FORZA DOPPIA WEB - Small OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA Mercato libero OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA Validità offerta: fino al 25 ottobre 2015 Denominazione: FORZA DOPPIA WEB small Codice: ATFDWS/15 Destinatari offerta La presente offerta è riservata

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 11 DICEMBRE 2014 610/2014/R/EEL AGGIORNAMENTO PER L ANNO 2015 DELLE TARIFFE E DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CONNESSIONE E ALTRE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL EROGAZIONE

Dettagli

Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010

Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010 8 aprile 2011 Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. +39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

- rilevazione al 1 aprile 2012 -

- rilevazione al 1 aprile 2012 - I MERCURIALI DELL ENERGIA I prezzi del gas naturale praticati alle imprese lucane - rilevazione al 1 aprile 2012 - Primo numero del mercuriale del gas naturale Con il secondo trimestre entra a regime anche

Dettagli

GUIDA ALLA BOLLETTA DEL GAS

GUIDA ALLA BOLLETTA DEL GAS GUIDA ALLA BOLLETTA DEL GAS PACCHETTO SIMPLE Scopri la NUOVA BOLLETTA, l abbiamo disegnata in base alle vostre richieste per renderla ancora PIÙ SEMPLICE E FACILE DA LEGGERE www.romagas.it Roma Gas & Power

Dettagli

elettricità il quadro sintetico della bolletta Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale

elettricità il quadro sintetico della bolletta Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale IL Glossario della bolletta L Autorità per l energia ha reso disponibile per tutti i clienti finali di energia elettrica, alimentati in bassa tensione, e di gas, con consumi fino a 200.000 standard metro

Dettagli

-GUIDA ALLA LETTURA-

-GUIDA ALLA LETTURA- -GUIDA ALLA LETTURA- Questa piccola guida si propone di aiutare il consumatore nella lettura della bolletta così da consentire una facile comprensione delle voci e dei contenuti che compongono l importo

Dettagli

Relazione tecnica alla deliberazione 24 novembre 2011, EEN 12/11

Relazione tecnica alla deliberazione 24 novembre 2011, EEN 12/11 Presupposti e fondamenti per la determinazione del valore del contributo tariffario per il conseguimento degli obiettivi di risparmio energetico per l anno 2012 di cui ai decreti ministeriali 20 luglio

Dettagli

Prezzi: autorità energia e garante insieme per sorvegliare prezzi gas e elettricità

Prezzi: autorità energia e garante insieme per sorvegliare prezzi gas e elettricità Autorità per l energia elettrica e il gas Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la sorveglianza dei prezzi COMUNICATO STAMPA Prezzi: autorità energia e garante insieme per sorvegliare prezzi gas

Dettagli

Voce presente in bolletta. Elementi minimi obbligatori. Descrizione

Voce presente in bolletta. Elementi minimi obbligatori. Descrizione GLOSSARIO DELLA BOLLETTA PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE Bolletta sintetica La bolletta sintetica è il documento di fatturazione, valido ai fini fiscali, che viene reso disponibile periodicamente al cliente

Dettagli

FORZA DOPPIA WEB Medium OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA

FORZA DOPPIA WEB Medium OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA FORZA DOPPIA WEB Medium OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA Validità offerta: fino al 25 ottobre 2015 Denominazione: FORZA DOPPIA WEB medium Codice: ATFDWM/15 Destinatari offerta La presente offerta

Dettagli

Fraterni saluti. - A tutte le strutture UIL. IL SEGRETARIO CONFEDERALE (Paolo Carcassi) All./1

Fraterni saluti. - A tutte le strutture UIL. IL SEGRETARIO CONFEDERALE (Paolo Carcassi) All./1 Data 12 Gennaio 2015 Protocollo: 05/15/ML/cm Servizio: Politiche Industria Contrattazione Sviluppo Sostenibile Agricoltura Cooperazione Oggetto: Comunicato Autorità per l Energia su riduzione energia elettrica

Dettagli

il Fotovoltaico Eticamente Sensibile

il Fotovoltaico Eticamente Sensibile il Fotovoltaico Eticamente Sensibile Coopwork è un impresa sociale no-profit che realizza integrazione sociale e lavorativa offrendo servizi alla persona finalizzati all inserimento lavorativo di persone

Dettagli

DIRETTIVA PER L ARMONIZZAZIONE E LA TRASPARENZA DEI DOCUMENTI DI FATTURAZIONE DEI CONSUMI DI ELETTRICITÀ E/O DI GAS DISTRIBUITO A MEZZO DI RETI URBANE

DIRETTIVA PER L ARMONIZZAZIONE E LA TRASPARENZA DEI DOCUMENTI DI FATTURAZIONE DEI CONSUMI DI ELETTRICITÀ E/O DI GAS DISTRIBUITO A MEZZO DI RETI URBANE DIRETTIVA PER L ARMONIZZAZIONE E LA TRASPARENZA DEI DOCUMENTI DI FATTURAZIONE DEI CONSUMI DI ELETTRICITÀ E/O DI GAS DISTRIBUITO A MEZZO DI RETI URBANE TITOLO I Definizioni e ambito di applicazione Articolo

Dettagli

Testo risultante dalle modifiche ed integrazioni apportate con deliberazione 11 febbraio 2009, EEN 1/09

Testo risultante dalle modifiche ed integrazioni apportate con deliberazione 11 febbraio 2009, EEN 1/09 Testo risultante dalle modifiche ed integrazioni apportate con deliberazione 11 febbraio 2009, EEN 1/09 Deliberazione 16 dicembre 2004 Determinazione del contributo tariffario da erogarsi ai sensi dell

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile doppia riduzione delle bollette, elettricità -1,1% e gas -3,8% In un anno la spesa per il gas è diminuita di oltre

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 ALLEGATO N. 2 ALLA DELIBERAZIONE N. DEL AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle politiche

Dettagli

PROGETTO OSSERVATORIO TARIFFE E TRIBUTI LOCALI Rapporto 2009-2010

PROGETTO OSSERVATORIO TARIFFE E TRIBUTI LOCALI Rapporto 2009-2010 PROGETTO OSSERVATORIO TARIFFE E TRIBUTI LOCALI Rapporto 2009-2010 L osservatorio è uno strumento di informazione dei cittadini adottato con il Programma Generale denominato Informazione ed assistenza ai

Dettagli

FORZA DOPPIA SEMPLICE OFFERTA ENERGIA ELETTRICA

FORZA DOPPIA SEMPLICE OFFERTA ENERGIA ELETTRICA OFFERTA ENERGIA ELETTRICA Validità offerta: fino al 15 aprile 2014 Denominazione: Codice: ATEE5/2014 Destinatari offerta La presente offerta è riservata ai Clienti che desiderano attivare, nel mercato

Dettagli

La normativa nazionale in tema di distribuzione di gas naturale

La normativa nazionale in tema di distribuzione di gas naturale La normativa nazionale in tema di distribuzione di gas naturale Vincenzo Cavicchia Gas naturale - Liberalizzazione nel mercato della distribuzione - Situazione e prospettive in provincia di Torino Torino

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista ad utente non domestico prezzo prevalente della componente energia "franco centrale" per contratti della durata

Dettagli

CLIENTI DOMESTICI: NUOVE TARIFFE E CONSAPEVOLEZZA DEI CONSUMI E DEL PRELIEVO DI POTENZA

CLIENTI DOMESTICI: NUOVE TARIFFE E CONSAPEVOLEZZA DEI CONSUMI E DEL PRELIEVO DI POTENZA CLIENTI DOMESTICI: NUOVE TARIFFE E CONSAPEVOLEZZA DEI CONSUMI E DEL PRELIEVO DI POTENZA Luca Lo Schiavo AEEGSI, Direzione infrastrutture lloschiavo@autorita.energia.it University Day, Energy@Home, Torino

Dettagli

Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive

Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive Ing. Nicolò Di Gaetano Responsabile Relazioni Esterne ed Analisi di Mercato Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema

Dettagli

Lo schema di connessione dell impianto fotovoltaico

Lo schema di connessione dell impianto fotovoltaico Il Conto Energia fotovoltaico : quali forme di incentivazione Con il meccanismo di incentivazione del conto energia, oltre al riconoscimento ed all emissione delle tariffe incentivanti per tutta la quantità

Dettagli

ESTENERGY ZERO PENSIERI

ESTENERGY ZERO PENSIERI ESTENERGY ZERO PENSIERI OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA A PREZZO FISSO Validità offerta: fino al 10 Gennaio 2013 Denominazione: EstZeroPensieri Codice ee: DOEF101201 Cod.gas: 20 Destinatari offerta

Dettagli

PROGETTO OSSERVATORIO TARIFFE E TRIBUTI LOCALI Rapporto 2009-2010

PROGETTO OSSERVATORIO TARIFFE E TRIBUTI LOCALI Rapporto 2009-2010 PROGETTO OSSERVATORIO TARIFFE E TRIBUTI LOCALI Rapporto 2009-2010 L osservatorio è uno strumento di informazione dei cittadini adottato con il Programma Generale denominato Informazione ed assistenza ai

Dettagli