COMPONENTI DI UN SISTEMA TRASMISSIONE DATI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMPONENTI DI UN SISTEMA TRASMISSIONE DATI"

Transcript

1 OMPONENI DI UN SISEM RSMISSIONE DI Doveo eeuare u ollegameo ra u ompuer e ua perieria o u alro ompuer poso a ua era isaza a esso, si può riorrere alla liea eleoia. l ie i uilizzare ua liea o aaa a segali igiali, bisoga aaare i ai alle araerisihe alla liea usaa rasormao il segale igiale i u segale le ui araerisihe si aaio a quelle ella liea. iò si realizza isereo i rasmissioe e i riezioe u moem. Il sisema i rasmissioe sarà quii osiuio a: ieraia seriale, moem, aale i rasmissioe, moem, ieraia seriale. X DE Moem aale Moem DE RX Si possoo eeuare oamealmee ue ipi i ollegamei i rasmissioe ai: puo a puo e muli puo. Nel ollegameo puo a puo la liea può essere ommuaa o irea (eiaa o privaa). Nel muli puo si uilizzao solo liee iree eiae o privae. La rasmissioe ai può avveire i re moi: IPO DI ESERIZIO. Simplex (SPX): la rasmissioe è uiirezioale, ioè ispoe i u uio aale el quale i ai vegoo iviai solo i ua irezioe. X RX. Hal uplex (HDX): la rasmissioe è biirezioale su u uio aale, ma o si può rasmeere e rievere ai simulaeamee. X RX RX X 3. Full uplex (FDX): è osiuio a ue aali (o quao meo a u aale o ue bae i rasmissioe), per ui è possibile rievere e rasmeere oemporaeamee. X RX RX X

2 IPI DI LINEE Liea ommuaa: è la liea su ui rasia ormalmee il segale eleoio. È limiaa i baa a 3Hz a 34Hz e passa araverso le erali eleoihe i ommuazioe. È ua liea rumorosa la ui qualià ipee oremee al ipo i perorso oeuo araverso le erali. Liea eiaa (o aiaa): è ua liea pubblia limiaa i baa; o passa, però, araverso le erali i ommuazioe e, periò, è meo rumorosa ella ommuaa. Si ha, quii, ua oessioe isia issa. Liea isia (o privaa): è ua liea he o ha limiazioe i baa (a meo ella risposa i requeza ella liea sessa). Può essere privaa o pubblia (solo i erriorio urbao). IPI DI NLE I sisemi i omuiazioe possoo veire isii a seoo ella baa i requeze he possoo essere rasmesse lugo il loro aale i omuiazioe. ui i aali isii rasmeoo ua baa limiaa i requeze. U aale he può rasmeere u segale i qualsiasi requeza i ua baa è oo ome aale passa-baa se o è piolo i oroo a. segali le ui ompoei i requeza apparegoo a ale iervallo soo hiamai segali passa.baa. U aale he può rasmeere u segale i ua requeza qualsiasi purhé ompresa ella baa b si ie aale i baa base e i segali le ui ompoei apparegoo a ale iervallo vegoo ei segali i baa base. I segali he evoo essere rasmessi soo geeralmee segali i baa base. Per rasmeere segali i baa base uilizzao u sisema i omuiazioe o u aale passa-baa, si usa moulare il segale prima i rasmeerlo, per overire il segale i baa base i u segale passa-baa aao al aale i rasmissioe. Possiamo, periò, suiviere i sisemi i omuiazioe i sisemi i baa base e sisemi passa-baa. RSMISSIONE IN BND BSE DI DI BINRI Quao ai biari evoo essere rasmessi lugo u aale i baa base, può essere uilizzaa ua ampia varieà i ormai el segale. I geerale, il ormao el segale viee selo i moo a aaarlo alle araerisihe el aale. aali o araerisihe i isorsioe he li reoo iaai alla rasmissioe igiale possoo essere ugualmee impiegai aaao u opporuo ormao el segale. È ovvio he, a pao i poer rioeere i ai biari i moo uivoo, è iieree il ormao i segale uilizzao. Diversi ormai i segali ao origie a segali he ierisoo ella oupazioe i baa, elle araerisihe emporali e ella isesibilià al rumore. Quese araerisihe possoo essere uilizzae ome base per aoppiare il segale al aale. osì, u eermiao ormao i segale può essere selo per orire uo spero i segale he si aori o la gamma i requeza el aale, o può essere impiegao per riurre le ompoei el segale a ala o bassa requeza, ome eveualmee rihieso. È eessaria la rimozioe elle ompoei i segale a bassa requeza i rasmissioe sulla ree eleoia per

3 la quale o soo ammessi segali i oiua. Le araerisihe emporali el segale oribuisoo alla ailià o ui il rieviore può riosruire i ai rasmessi. Per esempio, se i roi i ommuazioe possoo essere esrai al segale rievuo, essi possoo essere uilizzai per siroizzare il ampioaore, assiurao i osegueza he vega ampioao ogi impulso rievuo. Iolre alui ormai i segale prouoo segali o u'elevaa resiseza al rumore, mere alri prouoo segali i ui errori i rasmissioe possoo essere rilevai e orrei. SEGNLI BINRI. MODULZIONE DIGILE DI PORNE DIGILE Il moo più semplie i rasmeere ai biari o ua veloià i rasmissioe i / bi/se è quello i selezioare ue orme 'oa i uraa, eomiae S () e S (), e i rasmeere la prima quao l'igresso ai è e la seoa quao esso è. Quao si usa la rasmissioe i impulsi reagolari i baa base, le orme 'oa el segale possoo essere sele i vario moo. Se segliamo le orme 'oa ome S () = per S () = V per ove V è u umero posiivo, i segali he e risulao, el ipo i quelli riporai i ig. a, soo ei uipolari. Quao () S = V per S () = V per I segali he e risulao, el ipo i quelli i ig. b, soo ei bipolari. Erambe le sele i quese orme 'oa i segale orisoo segali he o riorao a zero (NRZ), ao he ua luga serie i (o i ) ei ai a si he il segale maega u livello osae seza riorare a zero. Durae quese sequeze o viee oria alua iormazioe emporale e il segale o è aao alla rasmissioe lugo u aale eleoio. i soo ormai i segale orrispoei alla siuazioe i rioro a zero (RZ), e i segali he soo oeuo soo riporai elle ig. e. Le orme 'oa ei segali soo egli impulsi he urao meo ell'iero perioo, osihé il segale riora a zero i ogi perioo, reeo eviee ua rasizioe el segale he può essere uilizzao a sopo i emporizzazioe. Dao he gli impulsi RZ soo più srei i quelli NZ, i segali RZ rihieoo ua ampiezza i baa superiore. U alro ormao he orise iormazioi emporali meiae rasizioi sia ella orma S () he ella orma S (), è il oppio impulso bipolare, i ig. e. Le orme 'oa soo: () S V = V per per () S V = V per per 3

4 V a b V V V V V V e V ENIHE DIGILI SU PORNE RMONI Quao il segale moulae è u segale a ue livelli, ome quello i ig. a, he rappresea ua sequeza i ai biari, il segale orrispoee moulao è omposo a ue orme 'oa i segalazioe oameali, iasua elle quali orrispoe a u livello i baa base. Per orire al rieviore la migliore possibilià i rioosere iasua orma 'oa i segalazioe ella sequeza osiuee il segale moulao, el aso he sia rievuo i irosaze più o meo avverse, si eve are i moo he le ue ampiezze i segalazioe siao il più isiguibili possibile. bbiamo re ipi oameali i moulazioe impulsiva su porae aalogia e soo i seguei: SK (mpliuie Shi Key): moulazioe a sposameo i ampiezza; FSK (Frequey Shi Key): moulazioe a sposameo i requeza; PSK (Phase Shi Key): moulazioe a sposameo i ase; 4

5 Moulazioe SK Il oie i rasmissioe uilizzao i quesa eia può essere bipolare (; -), moulazioe SK, oppure può essere biario o uipolare (; ), moulazioe OOK (O O Key). La più uilizzaa è la seoa eia. Quao la veloià i segalazioe el segale moulae è i / bi/se, le orme 'oa i segalazioe el segale SK soo os(π ) per per e rappreseao rispeivamee l' e lo. Nella ig. b è rappreseaa la moulazioe SK el segale i ig. a. Quao la orma 'oa porae os(π è moulaa i ampiezza a s() il segale risulae è s() os(π poihé ϕ è osae o si pere i geeralià quao ϕ =, il he ree il segale moulao s() + ϕ os(π Nel aso pariolare he s() sia u segale a ue livelli oi livelli e, il segale moulao risula essere ) + ϕ ) ) os(π ) o egli iervalli i empo appropriai. Moulazioe FSK La moulazioe FSK si oiee assoiao a iasu simbolo ue requeze iverse i valore osae. Quii la requeza p ella porae sposa il suo valore ra ue requeze e isse ( < ); ioè viee rasmessa la requeza i orrispoeza el bi e la requeza i orrispoeza el bi. osierao la veloià i segalazioe el segale moulae / bi/se si avrà quii: os(π ) per os(π ) per La iereza p = p è eiia eviazioe i requeza. I ig. è rappreseaa la moulazioe FSK el segale i ig. a. Quao la orma 'oa porae è moulaa i requeza a s(), il segale risulae è 5

6 os(π + k s() + ϕ ) o k s() = ks() = π( ) La sua requeza isaaea è Ks() + π Quao s() è u segale a ue livelli e, la sela el aore i moulazioe ao a K = π ( proue u segale FSK o requeza i segalazioe e. Moulazioe PSK Nella moulazioe PSK la porae varia la sua ase i moo isoiuo. Si assoia a ogi sao logio u eermiao salo i ase ella porae. Per la moulazioe i ase per permeere al rieviore i rioosere il messaggio i iormazioe ahe i preseza i oizioi savorevoli è eessario he le ue asi elle ue orme 'oa i segalazioe ierisao i π. Per la p.s.k. se la veloià i segalazioe ella moulae è i / bi/se si avrao le seguei orme i segalazioe: os(π + π) = os(π ) per os(π ) per Nella ig. è rappreseaa la moulazioe PSK el segale i ig. a. Quao la orma 'oa porae è moulaa i ase a s(), il segale risulae PSK è: os(π ) + πks() + ϕ Impoeo ϕ = e seglieo il aore i moulazioe K = /, il segale moulao ivea ) os(π egli iervalli i empo appropriai. + π) oppure os(π ) Moulazioe PSDK Nella ormale moulazioe i ase 'è u grosso ioveiee i quao se la porae e il segale rievuo o soo pereamee siroizzai è possibile he il segale o vega ierpreao orreamee. Per eviare he iò suea si riorre alla moulazioe iereziaa i ui ella geerazioe e ella eoiia i si basa sul bi preeee elimiao, opo la geerazioe el primo bi la porae. Ogi vola he si iora u uo si ambia la ase, se si iora uo zero essa rimae osae. U segale moulao PSDK è rappreseao i ig. e. 6

7 ig. a ig. b ig. ig. ig. e SHEMI BLOHI DI DEMODULORI Negli iervalli i empo appropriai. Si possoo realizzare moulaori oreo i ai i igresso ireamee a u ierruore he può segliere la orma oa i segale appropriaa a ua elle ue sorgei i segale moulao. ig. a Osillaore Segale moulao ai ig. b Osillaore Segale moulao Osillaore ai ig. Osillaore Segale moulao Riaro λ/ ai 7

8 Il moulaore a.s.k., rappreseao ella ig. a, aee o spege sempliemee la sorgee ella porae seoo al livello logio el segale i igresso. Per prourre u segale a.s.k. o ue ampiezze isie e erambe iverse a zero l ierruore può essere realizzao per irourre ua aeuazioe. Il moulaore.s.k. ella ig. b ommua ra ue sorgei i segale i requeza ieree: il segale risulae può essere isoiuo ei pui i rasizioe ra le ue orme oa i segalazioe (isoiuià ella ase ei ue segali). Si possoo prourre segali preservaoe la oiuià ella ase uilizzao u moulaore he ommei la requeza i u sigolo osillaore. L ierruore el moulaore p.s.k., ig., iroue u riaro ella uraa i mezza lughezza oa (ioè mezzo perioo) el segale proveiee alla sorgee i moo a prourre u ambiameo i ase i π el segale moulao. SHEMI BLOHI DI DEMODULORI Quao si rieve il segale moulao, esso eve veire emoulao per riosruire il segale origiario a ue livelli. Dao he u segale p.s.k. può assumere solo ue valori os(π ) oppure os(π ) i ogi iervallo i empo, la sua emoulazioe può essere realizzaa rivelao il suo sego i iasu iervallo i empo. Queso è equivalee a rilevare la sua ase. U emoulaore per segali p.s.k. è riporao i moo shemaio i igura. molipliaore segale rievuo X Filro passabasso ampioaore e rigeeraore ai os( π ) Esso uzioa molipliao il segale i igresso per il segale i rierimeo os( π ), he è ua versioe geeraa loalmee ella porae o moulaa. Il segale i rierimeo eve essere i ase o la porae o moulaa. L usia el molipliaore è ± os ( π ) = ± [ + os( 4π ) ] α os = ± osα + ove il sego ipee al sego el segale moulao. Quao queso segale i usia è ilrao a u ilro passa basso, uo quello he resa è u segale i baa base i ui livelli soo ±. Il segale i baa base è ampioao el rigeeraore, il quale ha il suo livello i soglia messo a zero e i osegueza proue u se il valore el ampioe supera il livello i soglia e uo alrimei. Il rigeeraore ha bisogo solao i eiere quale elle ue orme oa i segalazioe è saa rievua. Basao la sua eisioe sul ao he il ampioe superi o meo il 8

9 valore i soglia, può orire ua proezioe oro il rumore he può oamiare il segale rievuo. La emoulazioe ei segali a.s.k. può essere realizzaa o lo sesso emoulaore, solao he il livello i soglia el rigeeraore eve essere messo su poihé i livelli risulai i 4 baa base soo quesa vola V e. La emoulazioe o l aiuo i u segale i rierimeo è iiao ome emoulazioe oeree. Il segale i rierimeo geerao loalmee i u emoulaore p.s.k. può essere prelevao al segale moulao uilizzao ua ree el ipo i igura. segale rievuo Quaraore Filro passabaa Divisore per ella requeza segale i rierimeo I quesa ree, l usia el iruio quaraore è [ ± os( π ) ] = os ( π ) = [ + os( 4π ) ] he rappresea il segale a ui è saa rimossa la moulazioe. Il ilro passa baa rimuove la sua ompoee i baa base (e eveuali ompoei a requeza elevaa), oreo u segale os( 4π ) a requeza a ui o ua ivisioe a meà ella requeza si oiee la porae o moulaa. U ipo aleraivo i emoulazioe per segali p.s.k., eo emoulaore oeree iereziale, è riporao i igura. molipliaore segale rievuo X Filro passabasso ampioaore e rigeeraore ai Riaro Queso ipo i emoulazioe evia l uso el segale i rierimeo paragoao il segale i iasu iervallo i empo o quello ell iervallo preeee. Se il segale è posiivo, ioè o è ambiameo i ase, il rigeeraore maiee la sessa usia, se il segale è egaivo, il rigeeraore à i usia u livello opposo al preeee. Il iagramma a blohi i u emoulaore per segali.s.k. è mosrao i igura. Esso rihiee ue segali i rierimeo. I ogi iervallo i empo il segale.s.k. può assumere solao ua elle ue orme seguei: ll igresso el ilro passa basso vi sarà: os(π ) oppure os(π ) 9

10 Se il segale rievuo è os( ) os π ( π ) os( π ) os( π ) = [ + os( 4π ) ] os( π ) os( π ) Se il segale rievuo è os( ) os π ( π ) os( π ) os ( π ) = os( π ) os( π ) [ + os( 4π ) ] X segale rievuo os( π ) + Filro passabasso ampioaore e rigeeraore ai X os( π ) Se il ilro passa passo rimuove ue le ompoei a quesi segali, eeo la ompoee i baa base, aaao u ilro più sreo i quello per la p.s.k., la sua usia sarà ±. Passao queso segale a u rigeeraore o livello i soglia messo a zero si oiee la rigeerazioe ei ai biari esaamee ello sesso moo i ui la si oiee ella moulazioe p.s.k. ONFRONO DELLE ENIHE DI MODULZIONE I aori priipali he iluisoo sulla sela i u meoo i moulazioe per la rasmissioe, o ua porae armoia, i ai biari soo la ailià o ui il meoo può essere realizzao, la quaià i larghezza i baa rihiesa per rasmeere i segali, e iie la sesibilià al rumore el segale rasmesso. L imporaza relaiva i quesi aori ipee alla siuazioe, osihé o è possibile segliere u meoo ome il migliore i assoluo. La esrizioe ei moulaori e ei emoulaori aa mosra he i sisemi rihiesi per la a.s.k., p.s.k.,.s.k. soo ui i omplessià equivalee. La ooseza egli speri ei segali ree possibile l esame elle rihiese i ampiezza i baa i iasu meoo i moulazioe e il oroo o quelle egli alri. U meoo he rihiea ua larghezza i baa ieriore a quella egli alri ha su i essi u hiaro vaaggio. alogamee, quao si oroio le presazioi ei ierei sisemi i preseza i rumori, il sisema he raggiuge la probabilià miima i errore i orrispoeza o u rapporo segale/rumore issao ore u vaaggio sugli alri sisemi.

11 SPERI DEI SEGNLI osieriamo la sequeza i ai ripeua perioiamee emessa a ua sorgee o ua requeza i / bps. Queso messaggio può essere rappreseao a u segale s(), ome mosrao i igura, perioio i perioo Per oeere le ompoei i requeza i queso segale si eermia la sua serie i Fourier. La sela ell origie ei empi aa ree il segale simmerio rispeo al empo, eslueo ue le ompoei siusoiali. La serie i Fourier per s() è periò aa a = + s() a a = π os ove a = s() = = e per > a π π π = s() os = os = si π = π si = si π a = ; = a π = = ; = 3 π π π si 3 a = 3 = ; π 3π 3 si π = 4 a 4 = = ; = 5 π π si 5 = si 3π a 5 = ; = 6 a π 6 = = 5π 3π 5 Da iò si vee he le armoihe i orie pari soo ue ulle. Le ompoei requeza i s() soo: π si π π π π s() = + os = + os os 3 + os s +... = π π 3π 5π Queso spero è riporao i igura

12 ampiezza armoia b 3 b 5 b Poo più el 95% ella poeza oale meia el segale è oeraa ella sua ompoee i orree oiua e elle sue prime ue ompoei i requeza. Per ui, se l ampiezza i baa B i u segale è eiia, i moo abbasaza arbirario, ome l iervallo i variazioe ella requeza oeee il 95% ella poeza meia oale el segale, allora per queso segale B = 3 = 3 = 3 = Se la sequeza osieraa è quella he varia più rapiamee ra quelli he ua sorgee può emeere, il segale orrispoee è quello he varia più rapiamee, e he rihiee periò l ampiezza i baa superiore a quella i qualsiasi alro segale. L aalisi i queso segale perioio, periò, ree possibile u aalisi el aso peggiore he si possa veriiare, per ui se u aale può sopporare queso segale, può sopporare il segale rappreseae u qualsiasi alro messaggio he la sorgee può emeere. Quao l ampiezza i ua porae è moulaa a s(), ahe il segale risulae è perioio. Può periò essere srio ome: s() os(π ) = + = a,5 π os os e usao gli a eermiai allo sviluppo i serie i Fourier i s() = π + os( ) a = π + os( ) a = π + ( π ) π os os( π )= ( π ) + os ( π ) = ; π = π + os( ) a = os π + + os π os α osβ = [ os( α + β) + os( α β) ] Queso spero, riporao i igura, osise i ua raslazioe ello spero i s() a = a = olre alla rilessioe i queso spero rispeo a =. L ampiezza i baa el segale moulao i ampiezza è 6 3 B = = = 6 b

13 ioè oppia ell ampiezza i baa el segale i baa base s(). ampiezza armoia b + b 3 b + 3 b Il segale.s.k. oeuo a ua porae moulaa i requeza a s() può essere viso ome osisee i ue orme oa ieralae, iasua avee la sessa orma ella orma oa moulaa i ampiezza. Il segale.s.k. può essere periò srio ome (il sego perhé quese ompoei soo sasae i, ioè i π, rispeo a quelle per ) s() os(π ) + s( ) os(π ) = π = + a os os = = ( π ) + a os os( π )= π = os = = ( π ) + a os os( π ) + os( π ) a os os( π )= = os = + os π π ( π ) + a os π + + os π + ( ) π a os π + + os π = ampiezza armoia b + b b + b 3 b + 3 b 3 b + 3 b Lo spero.s.k. è la somma ei ue speri a.s.k. La larghezza i baa.s.k. è B = 3 + ( ) = 6 + ( ) I ui si è assuo >, e quii è più el oppio ella larghezza i baa el segale origiale i baa base. he il segale p.s.k. oeuo moulao i ase ua porae o u segale s() può essere pesao ome osisee i ue segali a.s.k. ieralai. Possiamo srivere: 3

14 s() os(π ) + s( ) { os(π }= π = + a os os = = ( π ) + a os os( π ) π = os = = = π [ ]= ( π ) + a os os( π ) os( π ) + a os os( π )= a os os( π ) = a os π + + os π = = π Lo spero p.s.k. è periò lo spero a.s.k. o le ompoei elle sequeze raoppiae i ampiezza e il ermie porae elimiao. ampiezza armoia π b + b 3 b + 3 b La larghezza i baa è la sessa i quella el segale a.s.k., e oppia el segale i baa base. Riassumeo, i segali a.s.k. e p.s.k. rihieoo le sesse larghezze i baa per la rasmissioe, mere i segali.s.k. e rihieoo più el oppio. I requisii mei per la larghezza i baa ei segali moulai possoo essere eermiai o l ausilio i eihe più soisiae i quelle impiegae qui, he soo ivee aae al aso peggiore. Le olusioi ao omuque le sesse iiazioi qui oeue. EFFEI DEL RUMORE SUI SEGNLI Quao i ai biari soo rasmessi meiae meoi he usao ua porae, il rumore he oamia i segali moulai può are origie a errori al rieviore, aeo si he queso sambi ua orma i segalazioe per u alra. La probabilià he si veriihio errori ipee al rapporo segale/rumore. I igura è riporaa la probabilià i errore i uzioe el rapporo porae/rumore i eibel per i re meoi i moulazioe. prob. i errore p.s.k. a.s.k..s.k. S/N i B 4

15 Da quesa igura, risula hiaramee he, i ermii i immuià al rumore, la p.s.k. è la migliore, seguia alla.s.k., o i ulimo la a.s.k. SEL DELLE ENIHE DI MODULZIONE Quao si seglie ua eia i moulazioe, ella praia, la a.s.k. è raramee uilizzaa, poihé la moulazioe ella porae riue auomaiamee la poeza meia el segale moulao. Le moulazioi i ase e i requeza permeoo ivee erambe la massima ampiezza i segalazioe. Periò, la a.s.k. si rova i svaaggio i ermii i rapporo segale/rumore e è iolre sesibile all aeuazioe el segale ovua alla propagazioe lugo perorsi o iramazioi. Nella sela ra la.s.k. e la p.s.k. per la rasmissioe i ai biari o ua porae, la p.s.k è avvaaggiaa ao he rihiee ua larghezza i baa miore e possiee ua immuià superiore agli eei el rumore. La sela più omue ome meoo i moulazioe al momeo sembra essere la p.s.k. a quaro asi, i ui la ase ella porae assume ua elle quaro asi i iasu iervallo i segalazioe e periò rappresea ua oppia i ire biarie. Quesa rova larga appliazioe i ala requeza. La sela ella.s.k. preomia ivee elle appliazioi i bassa requeza, quale la rasmissioe i ai su porae lugo avi, ahe a ausa ella sua ailià i realizzazioe. La p.s.k. a quaro asi può essere realizzaa o l aiuo i quaro orme oa i segalazioe, iasua elle quali rappresea ua oppia iversa i ire biarie. Per ua presazioe oimizzaa, le asi elle orme oa evoo essere ugualmee spaziae, esse porebbero essere: π π s () = os π + s () = os π π π s () = os π + 5 s 3 () = os π Quese orme oa i segalazioe possoo essere srie ahe osì: s () = os(π ) si(π ) s() = os(π ) si(π ) s () = os(π ) si(π ) s 3 () = os(π ) si(π ) Quesa orma i p.s.k. può periò essere realizzaa o ua moulazioe biaria i ase simulaea elle ue porai i quaraura os(π ) e si(π ) Le orme oa i segalazioe ella a.s.k. e ella p.s.k. possoo essere rappreseae per pui i moo semplie su u iagramma polare per are le rispeive asi e ampiezze. 5

16 a.s.k. p.s.k. p.s.k. a 4 asi La riera i sempre migliori eihe i moulazioe ha porao all aalisi elle eihe i moulazioe ombiae, ome i meoi ella moulazioe ampiezza e i ase. p.s.k. a 8 asi p.s.k. a 4 asi e ampiezze MODULZIONE MULILIVELLO. QM La moulazioe mulilivello è quella i ui i u bau vegoo rasmessi bi i ui è maggiore o uguale a. esempio ella moulazioe 4PSK la sequeza i bi a rasmeere viee ivisa i oppie i ue bi, hiamai ibi, e si assoia a oguo i essi u eermiao salo i ase (, 9, 8, 7 ). La veloià i rasmissioe è oppia e lo spero el segale risula essere imezzao. Nella moulazioe 8PSK la sequeza i bi viee ivisa i gruppi i re bi, hiamai ribi, ai quali viee assoiao u opporuo salo i ase (, 45, 9, 35, 8, 5, 7, 35 ). La veloià i rasmissioe è ripla e lo spero ivea u erzo rispeo a quello ella ormale moulazioe PSK. U pariolare ipo i moulazioe mulilivello è la QM el quale si usa il quaribi (la sequeza i bi viee suivisa i gruppi i quaro bi) aumeao la veloià i rasmissioe e imiueo la larghezza i baa. Si uilizza ua moulazioe ombiaa i ase e ampiezza e più preisamee i re bi più sigiiaivi eermiao la moulazioe i ase seoo il oie ella 8PSK (Q, Q 3, Q 4 ) mere il primo bi (Q ) eermia l'ampiezza. 6

17 Spero emesso i u segale moulao PSK: a) segale PSK; b) segale 4PSK; ) segale 8PSK; ) segale QM. 7

18 PPENDIE SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Ua uzioe perioia el empo, avee ua eermiaa requeza, può essere somposa ella somma i u ermie osae e i iiii ermii siusoiali i ampiezza opporua e i requeza uguale o mulipla i quella aa. () = + os ω + os ω os ω B seω + B seω B seω +... I ui è u ermie osae, avee valore pari al valore meio ella uzioe aa: = () Mere i oeiiei egli aei, si possoo riavare alle seguei ormule: = ()os ω B = ()seω a) Se la uzioe è simmeria rispeo all'asse elle oriae, si eiise pari: () = (-) M () / x M allora ello sviluppo i Fourier si aullerao i ermii siusoiali, ioè si aullao i oeiiei B, per ui lo sviluppo risula ormao ai soli ermii osiusoiali: () = + osω + osω osω + b) Se la uzioe perioia è aisimmeria rispeo all'asse elle oriae (simmeria rispeo all'origie) si ie ispari: () = (-)... () V M / V M 8

19 Nello sviluppo i Fourier soo ulli i oeiiei e, per ui lo sviluppo è ormao ai soli ermii siusoiali: () = B seω + Bseω Bseω +... ) se la uzioe perioia è ahe aleraiva, o semiperioi o simmerii rispeo all'asse meio el semiperioo, il suo sviluppo maa elle armoihe i orie pari, ioè: () = = 4 =... = = = B = B4 = B6 =... = ) Se la uzioe perioia è aleraiva o semiperioi simmerii rispeo all'asse meio el semiperioo, lo sviluppo maa elle armoihe i orie pari e ei ermii osiusoiali: () = B seω + B3se3ω +... () 9

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio del tempo

Analisi dei segnali nel dominio del tempo Appui di Teoria dei Segali a.a. / Aalisi dei segali el domiio del empo L.Verdoliva I quesa prima pare del corso sudieremo come rappreseare i segali empo coiuo e discreo el domiio del empo e defiiremo le

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Valutazioe e riduzioe della vulerailità sismia di ediii esisteti i.a. Roma, 9-0 maggio 00 DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Di Ludovio

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p =

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p = 5. Rette e piani in R 3 ; sfere. In questo paragrafo studiamo le rette, i piani e le sfere in R 3. Ci sono due modi per desrivere piani e rette in R 3 : mediante equazioni artesiane oppure mediante equazioni

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

Esercizi svolti di teoria dei segnali

Esercizi svolti di teoria dei segnali Esercizi svoli di eoria dei segnali Alessia De Rosa Mauro Barni Novembre Indice Inroduzione ii Caraerisiche dei segnali deerminai Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Trasformaa di Fourier

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

Figura 2.1. A sottoinsieme di B

Figura 2.1. A sottoinsieme di B G Sammito, ernardo, Formulario di matematia Insiemi F Cimolin, L arletta, L Lussardi Insiemi Generalità Un insieme è una ollezione distinguibile di oggetti, detti elementi dell'insieme Quando un elemento

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

1 2-6 7-74 Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a]

1 2-6 7-74 Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a] La programmazione è l'arte di far ompiere al omputer una suessione di operazioni atte ad ottenere il risultato voluto. Srivere un programma è un po' ome dialogare ol omputer, dobbiamo fornirgli delle informazioni

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI APPROFONDIMENTI SUI NUMERI. Il sistem di umerzioe deimle Be presto, ll operzioe turle del otre, si è ggiut l esigez di «rppresetre» i umeri. I sistemi di umerzioe possiili soo molti; per or i limitimo

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C.

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C. Motoi 1 Idie ue aatteistihe meaihe di motoi elettii.. osideazioi geeali Motoi ad eitazioe idipedete 1 Opeazioi o oete d eitazioe ostate Opeazioi o oete d eitazioe aiabile e tesioe d amatua ostate Motoi

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

Il linguaggio Pascal. Piero Gallo Fabio Salerno

Il linguaggio Pascal. Piero Gallo Fabio Salerno Il linguaggio Pasal Piero Gallo Fabio Salerno Introduzione alla programmazione in Pasal In ogni momento della nostra vita siamo hiamati a risolvere dei problemi. A volte operiamo senza riflettere, spinti

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

Circuiti del primo ordine

Circuiti del primo ordine Circuii del primo ordine Un circuio del primo ordine è caraerizzao da un equazione differenziale del primo ordine I circuii del primo ordine sono di due ipi: L o C Teoria dei Circuii Prof. Luca Perregrini

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

IT\lOSSIDAE}TLEX. úîmúli tendenze. dei mercati spingono verso il rinnovamento delle tradizionali linee di ricottura e

IT\lOSSIDAE}TLEX. úîmúli tendenze. dei mercati spingono verso il rinnovamento delle tradizionali linee di ricottura e ACGAO T\lOSSDAE}TLEX Silupp* sw &'$me d,x raamem&m, l Y r*cm&&wra & deempagg,fim per masr* & ea&dw.i*'*sssidab,$&* *lx A. Dulceí, S. Maríes, D. Moroí L r fr1 Ls úîmúli edeze. dei mercai spigoo erso il

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua MACCHINE ELETTRICHE Mahine in Corrente Continua Stefano Pastore Dipartiento di Ingegneria e Arhitettura Corso di Elettrotenia (IN 043) a.a. 2012-13 Statore Sistea induttore (Statore): anello in ghisa o

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli IL PIANETA TERRA IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli all a r e a su. EQUATORE: piano perpendic lare all i rotazione,

Dettagli

x = AP = AC PC = R (θ sen θ) y = PB = PQ + BQ = R (1 cos θ).

x = AP = AC PC = R (θ sen θ) y = PB = PQ + BQ = R (1 cos θ). L iloide L urv no oggi ome iloide fu onsider per primo d Glileo, he in un primo momeno ongeurò he l re dell figur rhius fosse re vole quell del erhio he l gener Più rdi, forse us di qulhe esperimeno ml

Dettagli

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono Buon appeio comunicazione Cosa desidera? Vorrei solo un primo Che cosa avee oggi? Prende un caffè? Scusi, mi pora ancora un po di pane? Il cono, per coresia È possibile prenoare un avolo? grammaica I verbi

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica www.suolinweb.ltevist.og L Dinmi Poblemi di isi L Dinmi PROBLEA N. Un opo di mss m 4 kg viene spostto on un foz ostnte 3 N su un supefiie piv di ttito pe un ttto s,3 m. Supponendo he il opo inizilmente

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

Analisi funzionale. Riccarda Rossi Lezione 9

Analisi funzionale. Riccarda Rossi Lezione 9 Riarda Rossi Lezione 9 Caratterizzazione della onvergenza debole in L p (Ω) Siano 1 < p < e {f n}, f L p (Ω): allora f n f in L p (Ω) Teorema di ompattezza debole in L p (Ω) Teorema Siano 1 < p < e {f

Dettagli

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio Il Moello elzionle Proposto E. F. o nel 1970 per vorire l inipenenz ei ti e reso isponiile ome moello logio in DM reli nel 1981 si s sul onetto mtemtio i relzione, questo ornise l moello un se teori he

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

TEORIA DELLA PROBABILITÀ II

TEORIA DELLA PROBABILITÀ II TEORIA DELLA PROBABILITÀ II Diprtimento di Mtemti ITIS V.Volterr Sn Donà di Pive Versione [14-15] Indie 1 Clolo omintorio 1 1.1 Introduzione............................................ 1 1.2 Permutzioni...........................................

Dettagli

I NUMERI DECIMALI A. Osserva il bruco: è formato da 10 parti. Colora l intero bruco, 1 bruco.

I NUMERI DECIMALI A. Osserva il bruco: è formato da 10 parti. Colora l intero bruco, 1 bruco. I NUMERI DECIMALI A.Osserva il brco: è formato a parti. Colora l intero brco, 1 brco. Hai colorato s parti el brco, ieci ecimi el brco, cioè 1 brco. Ne poi colorare meno i no? Prova! B.Colora 2/ el brco.

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie C o rs o d i L a u re a in In fe rm ie ris tic a Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROG E T T O DI AP P RE N DIME N T O IN AMB

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer Mea a punto avanzata più emplice utilizzando Funzione Load Oberver EMEA Speed & Poition CE Team AUL 34 Copyright 0 Rockwell Automation, Inc. All right reerved. Co è l inerzia? Tutti comprendiamo il concetto

Dettagli

Soluzioni Esercitazione VIII. p(t)dt = R

Soluzioni Esercitazione VIII. p(t)dt = R S. a Si ha Soluioni Esercitaione VIII PT > + ptt ptt perché pt per t u + perché

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle Nota metooogica sua strategia i campionamento e sistema nazionae i vautazione ee competenze per e cassi secona e quinta e primo cico ea scuoa primaria Stefano Faorsi. Obiettivi I Sistema Nazionae i Vautazione

Dettagli

Swisscodes 2003 Corso di postformazione SUP

Swisscodes 2003 Corso di postformazione SUP Swisscoes 2003 Corso i postformazione SUP SIA 267 Geotecnica Basi e concetto i imensionamento 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA 267 - Geotecnica 1 Basi e concetti i imensionamento 1. Introuzione,

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli