COMPONENTI DI UN SISTEMA TRASMISSIONE DATI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMPONENTI DI UN SISTEMA TRASMISSIONE DATI"

Transcript

1 OMPONENI DI UN SISEM RSMISSIONE DI Doveo eeuare u ollegameo ra u ompuer e ua perieria o u alro ompuer poso a ua era isaza a esso, si può riorrere alla liea eleoia. l ie i uilizzare ua liea o aaa a segali igiali, bisoga aaare i ai alle araerisihe alla liea usaa rasormao il segale igiale i u segale le ui araerisihe si aaio a quelle ella liea. iò si realizza isereo i rasmissioe e i riezioe u moem. Il sisema i rasmissioe sarà quii osiuio a: ieraia seriale, moem, aale i rasmissioe, moem, ieraia seriale. X DE Moem aale Moem DE RX Si possoo eeuare oamealmee ue ipi i ollegamei i rasmissioe ai: puo a puo e muli puo. Nel ollegameo puo a puo la liea può essere ommuaa o irea (eiaa o privaa). Nel muli puo si uilizzao solo liee iree eiae o privae. La rasmissioe ai può avveire i re moi: IPO DI ESERIZIO. Simplex (SPX): la rasmissioe è uiirezioale, ioè ispoe i u uio aale el quale i ai vegoo iviai solo i ua irezioe. X RX. Hal uplex (HDX): la rasmissioe è biirezioale su u uio aale, ma o si può rasmeere e rievere ai simulaeamee. X RX RX X 3. Full uplex (FDX): è osiuio a ue aali (o quao meo a u aale o ue bae i rasmissioe), per ui è possibile rievere e rasmeere oemporaeamee. X RX RX X

2 IPI DI LINEE Liea ommuaa: è la liea su ui rasia ormalmee il segale eleoio. È limiaa i baa a 3Hz a 34Hz e passa araverso le erali eleoihe i ommuazioe. È ua liea rumorosa la ui qualià ipee oremee al ipo i perorso oeuo araverso le erali. Liea eiaa (o aiaa): è ua liea pubblia limiaa i baa; o passa, però, araverso le erali i ommuazioe e, periò, è meo rumorosa ella ommuaa. Si ha, quii, ua oessioe isia issa. Liea isia (o privaa): è ua liea he o ha limiazioe i baa (a meo ella risposa i requeza ella liea sessa). Può essere privaa o pubblia (solo i erriorio urbao). IPI DI NLE I sisemi i omuiazioe possoo veire isii a seoo ella baa i requeze he possoo essere rasmesse lugo il loro aale i omuiazioe. ui i aali isii rasmeoo ua baa limiaa i requeze. U aale he può rasmeere u segale i qualsiasi requeza i ua baa è oo ome aale passa-baa se o è piolo i oroo a. segali le ui ompoei i requeza apparegoo a ale iervallo soo hiamai segali passa.baa. U aale he può rasmeere u segale i ua requeza qualsiasi purhé ompresa ella baa b si ie aale i baa base e i segali le ui ompoei apparegoo a ale iervallo vegoo ei segali i baa base. I segali he evoo essere rasmessi soo geeralmee segali i baa base. Per rasmeere segali i baa base uilizzao u sisema i omuiazioe o u aale passa-baa, si usa moulare il segale prima i rasmeerlo, per overire il segale i baa base i u segale passa-baa aao al aale i rasmissioe. Possiamo, periò, suiviere i sisemi i omuiazioe i sisemi i baa base e sisemi passa-baa. RSMISSIONE IN BND BSE DI DI BINRI Quao ai biari evoo essere rasmessi lugo u aale i baa base, può essere uilizzaa ua ampia varieà i ormai el segale. I geerale, il ormao el segale viee selo i moo a aaarlo alle araerisihe el aale. aali o araerisihe i isorsioe he li reoo iaai alla rasmissioe igiale possoo essere ugualmee impiegai aaao u opporuo ormao el segale. È ovvio he, a pao i poer rioeere i ai biari i moo uivoo, è iieree il ormao i segale uilizzao. Diversi ormai i segali ao origie a segali he ierisoo ella oupazioe i baa, elle araerisihe emporali e ella isesibilià al rumore. Quese araerisihe possoo essere uilizzae ome base per aoppiare il segale al aale. osì, u eermiao ormao i segale può essere selo per orire uo spero i segale he si aori o la gamma i requeza el aale, o può essere impiegao per riurre le ompoei el segale a ala o bassa requeza, ome eveualmee rihieso. È eessaria la rimozioe elle ompoei i segale a bassa requeza i rasmissioe sulla ree eleoia per

3 la quale o soo ammessi segali i oiua. Le araerisihe emporali el segale oribuisoo alla ailià o ui il rieviore può riosruire i ai rasmessi. Per esempio, se i roi i ommuazioe possoo essere esrai al segale rievuo, essi possoo essere uilizzai per siroizzare il ampioaore, assiurao i osegueza he vega ampioao ogi impulso rievuo. Iolre alui ormai i segale prouoo segali o u'elevaa resiseza al rumore, mere alri prouoo segali i ui errori i rasmissioe possoo essere rilevai e orrei. SEGNLI BINRI. MODULZIONE DIGILE DI PORNE DIGILE Il moo più semplie i rasmeere ai biari o ua veloià i rasmissioe i / bi/se è quello i selezioare ue orme 'oa i uraa, eomiae S () e S (), e i rasmeere la prima quao l'igresso ai è e la seoa quao esso è. Quao si usa la rasmissioe i impulsi reagolari i baa base, le orme 'oa el segale possoo essere sele i vario moo. Se segliamo le orme 'oa ome S () = per S () = V per ove V è u umero posiivo, i segali he e risulao, el ipo i quelli riporai i ig. a, soo ei uipolari. Quao () S = V per S () = V per I segali he e risulao, el ipo i quelli i ig. b, soo ei bipolari. Erambe le sele i quese orme 'oa i segale orisoo segali he o riorao a zero (NRZ), ao he ua luga serie i (o i ) ei ai a si he il segale maega u livello osae seza riorare a zero. Durae quese sequeze o viee oria alua iormazioe emporale e il segale o è aao alla rasmissioe lugo u aale eleoio. i soo ormai i segale orrispoei alla siuazioe i rioro a zero (RZ), e i segali he soo oeuo soo riporai elle ig. e. Le orme 'oa ei segali soo egli impulsi he urao meo ell'iero perioo, osihé il segale riora a zero i ogi perioo, reeo eviee ua rasizioe el segale he può essere uilizzao a sopo i emporizzazioe. Dao he gli impulsi RZ soo più srei i quelli NZ, i segali RZ rihieoo ua ampiezza i baa superiore. U alro ormao he orise iormazioi emporali meiae rasizioi sia ella orma S () he ella orma S (), è il oppio impulso bipolare, i ig. e. Le orme 'oa soo: () S V = V per per () S V = V per per 3

4 V a b V V V V V V e V ENIHE DIGILI SU PORNE RMONI Quao il segale moulae è u segale a ue livelli, ome quello i ig. a, he rappresea ua sequeza i ai biari, il segale orrispoee moulao è omposo a ue orme 'oa i segalazioe oameali, iasua elle quali orrispoe a u livello i baa base. Per orire al rieviore la migliore possibilià i rioosere iasua orma 'oa i segalazioe ella sequeza osiuee il segale moulao, el aso he sia rievuo i irosaze più o meo avverse, si eve are i moo he le ue ampiezze i segalazioe siao il più isiguibili possibile. bbiamo re ipi oameali i moulazioe impulsiva su porae aalogia e soo i seguei: SK (mpliuie Shi Key): moulazioe a sposameo i ampiezza; FSK (Frequey Shi Key): moulazioe a sposameo i requeza; PSK (Phase Shi Key): moulazioe a sposameo i ase; 4

5 Moulazioe SK Il oie i rasmissioe uilizzao i quesa eia può essere bipolare (; -), moulazioe SK, oppure può essere biario o uipolare (; ), moulazioe OOK (O O Key). La più uilizzaa è la seoa eia. Quao la veloià i segalazioe el segale moulae è i / bi/se, le orme 'oa i segalazioe el segale SK soo os(π ) per per e rappreseao rispeivamee l' e lo. Nella ig. b è rappreseaa la moulazioe SK el segale i ig. a. Quao la orma 'oa porae os(π è moulaa i ampiezza a s() il segale risulae è s() os(π poihé ϕ è osae o si pere i geeralià quao ϕ =, il he ree il segale moulao s() + ϕ os(π Nel aso pariolare he s() sia u segale a ue livelli oi livelli e, il segale moulao risula essere ) + ϕ ) ) os(π ) o egli iervalli i empo appropriai. Moulazioe FSK La moulazioe FSK si oiee assoiao a iasu simbolo ue requeze iverse i valore osae. Quii la requeza p ella porae sposa il suo valore ra ue requeze e isse ( < ); ioè viee rasmessa la requeza i orrispoeza el bi e la requeza i orrispoeza el bi. osierao la veloià i segalazioe el segale moulae / bi/se si avrà quii: os(π ) per os(π ) per La iereza p = p è eiia eviazioe i requeza. I ig. è rappreseaa la moulazioe FSK el segale i ig. a. Quao la orma 'oa porae è moulaa i requeza a s(), il segale risulae è 5

6 os(π + k s() + ϕ ) o k s() = ks() = π( ) La sua requeza isaaea è Ks() + π Quao s() è u segale a ue livelli e, la sela el aore i moulazioe ao a K = π ( proue u segale FSK o requeza i segalazioe e. Moulazioe PSK Nella moulazioe PSK la porae varia la sua ase i moo isoiuo. Si assoia a ogi sao logio u eermiao salo i ase ella porae. Per la moulazioe i ase per permeere al rieviore i rioosere il messaggio i iormazioe ahe i preseza i oizioi savorevoli è eessario he le ue asi elle ue orme 'oa i segalazioe ierisao i π. Per la p.s.k. se la veloià i segalazioe ella moulae è i / bi/se si avrao le seguei orme i segalazioe: os(π + π) = os(π ) per os(π ) per Nella ig. è rappreseaa la moulazioe PSK el segale i ig. a. Quao la orma 'oa porae è moulaa i ase a s(), il segale risulae PSK è: os(π ) + πks() + ϕ Impoeo ϕ = e seglieo il aore i moulazioe K = /, il segale moulao ivea ) os(π egli iervalli i empo appropriai. + π) oppure os(π ) Moulazioe PSDK Nella ormale moulazioe i ase 'è u grosso ioveiee i quao se la porae e il segale rievuo o soo pereamee siroizzai è possibile he il segale o vega ierpreao orreamee. Per eviare he iò suea si riorre alla moulazioe iereziaa i ui ella geerazioe e ella eoiia i si basa sul bi preeee elimiao, opo la geerazioe el primo bi la porae. Ogi vola he si iora u uo si ambia la ase, se si iora uo zero essa rimae osae. U segale moulao PSDK è rappreseao i ig. e. 6

7 ig. a ig. b ig. ig. ig. e SHEMI BLOHI DI DEMODULORI Negli iervalli i empo appropriai. Si possoo realizzare moulaori oreo i ai i igresso ireamee a u ierruore he può segliere la orma oa i segale appropriaa a ua elle ue sorgei i segale moulao. ig. a Osillaore Segale moulao ai ig. b Osillaore Segale moulao Osillaore ai ig. Osillaore Segale moulao Riaro λ/ ai 7

8 Il moulaore a.s.k., rappreseao ella ig. a, aee o spege sempliemee la sorgee ella porae seoo al livello logio el segale i igresso. Per prourre u segale a.s.k. o ue ampiezze isie e erambe iverse a zero l ierruore può essere realizzao per irourre ua aeuazioe. Il moulaore.s.k. ella ig. b ommua ra ue sorgei i segale i requeza ieree: il segale risulae può essere isoiuo ei pui i rasizioe ra le ue orme oa i segalazioe (isoiuià ella ase ei ue segali). Si possoo prourre segali preservaoe la oiuià ella ase uilizzao u moulaore he ommei la requeza i u sigolo osillaore. L ierruore el moulaore p.s.k., ig., iroue u riaro ella uraa i mezza lughezza oa (ioè mezzo perioo) el segale proveiee alla sorgee i moo a prourre u ambiameo i ase i π el segale moulao. SHEMI BLOHI DI DEMODULORI Quao si rieve il segale moulao, esso eve veire emoulao per riosruire il segale origiario a ue livelli. Dao he u segale p.s.k. può assumere solo ue valori os(π ) oppure os(π ) i ogi iervallo i empo, la sua emoulazioe può essere realizzaa rivelao il suo sego i iasu iervallo i empo. Queso è equivalee a rilevare la sua ase. U emoulaore per segali p.s.k. è riporao i moo shemaio i igura. molipliaore segale rievuo X Filro passabasso ampioaore e rigeeraore ai os( π ) Esso uzioa molipliao il segale i igresso per il segale i rierimeo os( π ), he è ua versioe geeraa loalmee ella porae o moulaa. Il segale i rierimeo eve essere i ase o la porae o moulaa. L usia el molipliaore è ± os ( π ) = ± [ + os( 4π ) ] α os = ± osα + ove il sego ipee al sego el segale moulao. Quao queso segale i usia è ilrao a u ilro passa basso, uo quello he resa è u segale i baa base i ui livelli soo ±. Il segale i baa base è ampioao el rigeeraore, il quale ha il suo livello i soglia messo a zero e i osegueza proue u se il valore el ampioe supera il livello i soglia e uo alrimei. Il rigeeraore ha bisogo solao i eiere quale elle ue orme oa i segalazioe è saa rievua. Basao la sua eisioe sul ao he il ampioe superi o meo il 8

9 valore i soglia, può orire ua proezioe oro il rumore he può oamiare il segale rievuo. La emoulazioe ei segali a.s.k. può essere realizzaa o lo sesso emoulaore, solao he il livello i soglia el rigeeraore eve essere messo su poihé i livelli risulai i 4 baa base soo quesa vola V e. La emoulazioe o l aiuo i u segale i rierimeo è iiao ome emoulazioe oeree. Il segale i rierimeo geerao loalmee i u emoulaore p.s.k. può essere prelevao al segale moulao uilizzao ua ree el ipo i igura. segale rievuo Quaraore Filro passabaa Divisore per ella requeza segale i rierimeo I quesa ree, l usia el iruio quaraore è [ ± os( π ) ] = os ( π ) = [ + os( 4π ) ] he rappresea il segale a ui è saa rimossa la moulazioe. Il ilro passa baa rimuove la sua ompoee i baa base (e eveuali ompoei a requeza elevaa), oreo u segale os( 4π ) a requeza a ui o ua ivisioe a meà ella requeza si oiee la porae o moulaa. U ipo aleraivo i emoulazioe per segali p.s.k., eo emoulaore oeree iereziale, è riporao i igura. molipliaore segale rievuo X Filro passabasso ampioaore e rigeeraore ai Riaro Queso ipo i emoulazioe evia l uso el segale i rierimeo paragoao il segale i iasu iervallo i empo o quello ell iervallo preeee. Se il segale è posiivo, ioè o è ambiameo i ase, il rigeeraore maiee la sessa usia, se il segale è egaivo, il rigeeraore à i usia u livello opposo al preeee. Il iagramma a blohi i u emoulaore per segali.s.k. è mosrao i igura. Esso rihiee ue segali i rierimeo. I ogi iervallo i empo il segale.s.k. può assumere solao ua elle ue orme seguei: ll igresso el ilro passa basso vi sarà: os(π ) oppure os(π ) 9

10 Se il segale rievuo è os( ) os π ( π ) os( π ) os( π ) = [ + os( 4π ) ] os( π ) os( π ) Se il segale rievuo è os( ) os π ( π ) os( π ) os ( π ) = os( π ) os( π ) [ + os( 4π ) ] X segale rievuo os( π ) + Filro passabasso ampioaore e rigeeraore ai X os( π ) Se il ilro passa passo rimuove ue le ompoei a quesi segali, eeo la ompoee i baa base, aaao u ilro più sreo i quello per la p.s.k., la sua usia sarà ±. Passao queso segale a u rigeeraore o livello i soglia messo a zero si oiee la rigeerazioe ei ai biari esaamee ello sesso moo i ui la si oiee ella moulazioe p.s.k. ONFRONO DELLE ENIHE DI MODULZIONE I aori priipali he iluisoo sulla sela i u meoo i moulazioe per la rasmissioe, o ua porae armoia, i ai biari soo la ailià o ui il meoo può essere realizzao, la quaià i larghezza i baa rihiesa per rasmeere i segali, e iie la sesibilià al rumore el segale rasmesso. L imporaza relaiva i quesi aori ipee alla siuazioe, osihé o è possibile segliere u meoo ome il migliore i assoluo. La esrizioe ei moulaori e ei emoulaori aa mosra he i sisemi rihiesi per la a.s.k., p.s.k.,.s.k. soo ui i omplessià equivalee. La ooseza egli speri ei segali ree possibile l esame elle rihiese i ampiezza i baa i iasu meoo i moulazioe e il oroo o quelle egli alri. U meoo he rihiea ua larghezza i baa ieriore a quella egli alri ha su i essi u hiaro vaaggio. alogamee, quao si oroio le presazioi ei ierei sisemi i preseza i rumori, il sisema he raggiuge la probabilià miima i errore i orrispoeza o u rapporo segale/rumore issao ore u vaaggio sugli alri sisemi.

11 SPERI DEI SEGNLI osieriamo la sequeza i ai ripeua perioiamee emessa a ua sorgee o ua requeza i / bps. Queso messaggio può essere rappreseao a u segale s(), ome mosrao i igura, perioio i perioo Per oeere le ompoei i requeza i queso segale si eermia la sua serie i Fourier. La sela ell origie ei empi aa ree il segale simmerio rispeo al empo, eslueo ue le ompoei siusoiali. La serie i Fourier per s() è periò aa a = + s() a a = π os ove a = s() = = e per > a π π π = s() os = os = si π = π si = si π a = ; = a π = = ; = 3 π π π si 3 a = 3 = ; π 3π 3 si π = 4 a 4 = = ; = 5 π π si 5 = si 3π a 5 = ; = 6 a π 6 = = 5π 3π 5 Da iò si vee he le armoihe i orie pari soo ue ulle. Le ompoei requeza i s() soo: π si π π π π s() = + os = + os os 3 + os s +... = π π 3π 5π Queso spero è riporao i igura

12 ampiezza armoia b 3 b 5 b Poo più el 95% ella poeza oale meia el segale è oeraa ella sua ompoee i orree oiua e elle sue prime ue ompoei i requeza. Per ui, se l ampiezza i baa B i u segale è eiia, i moo abbasaza arbirario, ome l iervallo i variazioe ella requeza oeee il 95% ella poeza meia oale el segale, allora per queso segale B = 3 = 3 = 3 = Se la sequeza osieraa è quella he varia più rapiamee ra quelli he ua sorgee può emeere, il segale orrispoee è quello he varia più rapiamee, e he rihiee periò l ampiezza i baa superiore a quella i qualsiasi alro segale. L aalisi i queso segale perioio, periò, ree possibile u aalisi el aso peggiore he si possa veriiare, per ui se u aale può sopporare queso segale, può sopporare il segale rappreseae u qualsiasi alro messaggio he la sorgee può emeere. Quao l ampiezza i ua porae è moulaa a s(), ahe il segale risulae è perioio. Può periò essere srio ome: s() os(π ) = + = a,5 π os os e usao gli a eermiai allo sviluppo i serie i Fourier i s() = π + os( ) a = π + os( ) a = π + ( π ) π os os( π )= ( π ) + os ( π ) = ; π = π + os( ) a = os π + + os π os α osβ = [ os( α + β) + os( α β) ] Queso spero, riporao i igura, osise i ua raslazioe ello spero i s() a = a = olre alla rilessioe i queso spero rispeo a =. L ampiezza i baa el segale moulao i ampiezza è 6 3 B = = = 6 b

13 ioè oppia ell ampiezza i baa el segale i baa base s(). ampiezza armoia b + b 3 b + 3 b Il segale.s.k. oeuo a ua porae moulaa i requeza a s() può essere viso ome osisee i ue orme oa ieralae, iasua avee la sessa orma ella orma oa moulaa i ampiezza. Il segale.s.k. può essere periò srio ome (il sego perhé quese ompoei soo sasae i, ioè i π, rispeo a quelle per ) s() os(π ) + s( ) os(π ) = π = + a os os = = ( π ) + a os os( π )= π = os = = ( π ) + a os os( π ) + os( π ) a os os( π )= = os = + os π π ( π ) + a os π + + os π + ( ) π a os π + + os π = ampiezza armoia b + b b + b 3 b + 3 b 3 b + 3 b Lo spero.s.k. è la somma ei ue speri a.s.k. La larghezza i baa.s.k. è B = 3 + ( ) = 6 + ( ) I ui si è assuo >, e quii è più el oppio ella larghezza i baa el segale origiale i baa base. he il segale p.s.k. oeuo moulao i ase ua porae o u segale s() può essere pesao ome osisee i ue segali a.s.k. ieralai. Possiamo srivere: 3

14 s() os(π ) + s( ) { os(π }= π = + a os os = = ( π ) + a os os( π ) π = os = = = π [ ]= ( π ) + a os os( π ) os( π ) + a os os( π )= a os os( π ) = a os π + + os π = = π Lo spero p.s.k. è periò lo spero a.s.k. o le ompoei elle sequeze raoppiae i ampiezza e il ermie porae elimiao. ampiezza armoia π b + b 3 b + 3 b La larghezza i baa è la sessa i quella el segale a.s.k., e oppia el segale i baa base. Riassumeo, i segali a.s.k. e p.s.k. rihieoo le sesse larghezze i baa per la rasmissioe, mere i segali.s.k. e rihieoo più el oppio. I requisii mei per la larghezza i baa ei segali moulai possoo essere eermiai o l ausilio i eihe più soisiae i quelle impiegae qui, he soo ivee aae al aso peggiore. Le olusioi ao omuque le sesse iiazioi qui oeue. EFFEI DEL RUMORE SUI SEGNLI Quao i ai biari soo rasmessi meiae meoi he usao ua porae, il rumore he oamia i segali moulai può are origie a errori al rieviore, aeo si he queso sambi ua orma i segalazioe per u alra. La probabilià he si veriihio errori ipee al rapporo segale/rumore. I igura è riporaa la probabilià i errore i uzioe el rapporo porae/rumore i eibel per i re meoi i moulazioe. prob. i errore p.s.k. a.s.k..s.k. S/N i B 4

15 Da quesa igura, risula hiaramee he, i ermii i immuià al rumore, la p.s.k. è la migliore, seguia alla.s.k., o i ulimo la a.s.k. SEL DELLE ENIHE DI MODULZIONE Quao si seglie ua eia i moulazioe, ella praia, la a.s.k. è raramee uilizzaa, poihé la moulazioe ella porae riue auomaiamee la poeza meia el segale moulao. Le moulazioi i ase e i requeza permeoo ivee erambe la massima ampiezza i segalazioe. Periò, la a.s.k. si rova i svaaggio i ermii i rapporo segale/rumore e è iolre sesibile all aeuazioe el segale ovua alla propagazioe lugo perorsi o iramazioi. Nella sela ra la.s.k. e la p.s.k. per la rasmissioe i ai biari o ua porae, la p.s.k è avvaaggiaa ao he rihiee ua larghezza i baa miore e possiee ua immuià superiore agli eei el rumore. La sela più omue ome meoo i moulazioe al momeo sembra essere la p.s.k. a quaro asi, i ui la ase ella porae assume ua elle quaro asi i iasu iervallo i segalazioe e periò rappresea ua oppia i ire biarie. Quesa rova larga appliazioe i ala requeza. La sela ella.s.k. preomia ivee elle appliazioi i bassa requeza, quale la rasmissioe i ai su porae lugo avi, ahe a ausa ella sua ailià i realizzazioe. La p.s.k. a quaro asi può essere realizzaa o l aiuo i quaro orme oa i segalazioe, iasua elle quali rappresea ua oppia iversa i ire biarie. Per ua presazioe oimizzaa, le asi elle orme oa evoo essere ugualmee spaziae, esse porebbero essere: π π s () = os π + s () = os π π π s () = os π + 5 s 3 () = os π Quese orme oa i segalazioe possoo essere srie ahe osì: s () = os(π ) si(π ) s() = os(π ) si(π ) s () = os(π ) si(π ) s 3 () = os(π ) si(π ) Quesa orma i p.s.k. può periò essere realizzaa o ua moulazioe biaria i ase simulaea elle ue porai i quaraura os(π ) e si(π ) Le orme oa i segalazioe ella a.s.k. e ella p.s.k. possoo essere rappreseae per pui i moo semplie su u iagramma polare per are le rispeive asi e ampiezze. 5

16 a.s.k. p.s.k. p.s.k. a 4 asi La riera i sempre migliori eihe i moulazioe ha porao all aalisi elle eihe i moulazioe ombiae, ome i meoi ella moulazioe ampiezza e i ase. p.s.k. a 8 asi p.s.k. a 4 asi e ampiezze MODULZIONE MULILIVELLO. QM La moulazioe mulilivello è quella i ui i u bau vegoo rasmessi bi i ui è maggiore o uguale a. esempio ella moulazioe 4PSK la sequeza i bi a rasmeere viee ivisa i oppie i ue bi, hiamai ibi, e si assoia a oguo i essi u eermiao salo i ase (, 9, 8, 7 ). La veloià i rasmissioe è oppia e lo spero el segale risula essere imezzao. Nella moulazioe 8PSK la sequeza i bi viee ivisa i gruppi i re bi, hiamai ribi, ai quali viee assoiao u opporuo salo i ase (, 45, 9, 35, 8, 5, 7, 35 ). La veloià i rasmissioe è ripla e lo spero ivea u erzo rispeo a quello ella ormale moulazioe PSK. U pariolare ipo i moulazioe mulilivello è la QM el quale si usa il quaribi (la sequeza i bi viee suivisa i gruppi i quaro bi) aumeao la veloià i rasmissioe e imiueo la larghezza i baa. Si uilizza ua moulazioe ombiaa i ase e ampiezza e più preisamee i re bi più sigiiaivi eermiao la moulazioe i ase seoo il oie ella 8PSK (Q, Q 3, Q 4 ) mere il primo bi (Q ) eermia l'ampiezza. 6

17 Spero emesso i u segale moulao PSK: a) segale PSK; b) segale 4PSK; ) segale 8PSK; ) segale QM. 7

18 PPENDIE SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Ua uzioe perioia el empo, avee ua eermiaa requeza, può essere somposa ella somma i u ermie osae e i iiii ermii siusoiali i ampiezza opporua e i requeza uguale o mulipla i quella aa. () = + os ω + os ω os ω B seω + B seω B seω +... I ui è u ermie osae, avee valore pari al valore meio ella uzioe aa: = () Mere i oeiiei egli aei, si possoo riavare alle seguei ormule: = ()os ω B = ()seω a) Se la uzioe è simmeria rispeo all'asse elle oriae, si eiise pari: () = (-) M () / x M allora ello sviluppo i Fourier si aullerao i ermii siusoiali, ioè si aullao i oeiiei B, per ui lo sviluppo risula ormao ai soli ermii osiusoiali: () = + osω + osω osω + b) Se la uzioe perioia è aisimmeria rispeo all'asse elle oriae (simmeria rispeo all'origie) si ie ispari: () = (-)... () V M / V M 8

19 Nello sviluppo i Fourier soo ulli i oeiiei e, per ui lo sviluppo è ormao ai soli ermii siusoiali: () = B seω + Bseω Bseω +... ) se la uzioe perioia è ahe aleraiva, o semiperioi o simmerii rispeo all'asse meio el semiperioo, il suo sviluppo maa elle armoihe i orie pari, ioè: () = = 4 =... = = = B = B4 = B6 =... = ) Se la uzioe perioia è aleraiva o semiperioi simmerii rispeo all'asse meio el semiperioo, lo sviluppo maa elle armoihe i orie pari e ei ermii osiusoiali: () = B seω + B3se3ω +... () 9

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

2. Duration. Stefano Di Colli

2. Duration. Stefano Di Colli 2. Duraio Meodi Saisici per il Credio e la Fiaza Sefao Di Colli Tassi di ieresse e redimei La reddiivià di u obbligazioe è misuraa dal asso di redimeo o dal asso di ieresse U idicaore del redimeo deve

Dettagli

Schemi a blocchi. Sistema in serie

Schemi a blocchi. Sistema in serie Scem a blocc Nel caso ssem semplc, ques possoo essere scemazza meae blocc, ce rappreseao vers compoe, collega ra loro sere o parallelo a secoa ella logca uzoameo. Vl Valvolal solvee Sesore Pompa Pompa

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio del tempo

Analisi dei segnali nel dominio del tempo Appui di Teoria dei Segali a.a. / Aalisi dei segali el domiio del empo L.Verdoliva I quesa prima pare del corso sudieremo come rappreseare i segali empo coiuo e discreo el domiio del empo e defiiremo le

Dettagli

Modelli statistici per caratterizzare canali affetti da multipath

Modelli statistici per caratterizzare canali affetti da multipath Rihiami sul anale di omuniazione radio Modulo di Modulo Tenihe di Avanzae Informazione di Trasmissione e Codifia a.a. a.a. 2009-2010 2007-08 1 Rihiami sul anale di omuniazione radio Modelli saisii per

Dettagli

CAPITOLO 4 Misurazioni nel dominio del tempo Pagina 46 CAPITOLO 4 MISURAZIONI NEL DOMINIO DEL TEMPO CON CONTATORE NUMERICO

CAPITOLO 4 Misurazioni nel dominio del tempo Pagina 46 CAPITOLO 4 MISURAZIONI NEL DOMINIO DEL TEMPO CON CONTATORE NUMERICO CAPIOLO 4 Misurazioni nel dominio del empo Pagina 46 CAPIOLO 4 MISURAZIONI NEL DOMINIO DEL EMPO CON CONAORE NUMERICO Misurare il empo he inerorre ra due eveni signifia onfronare due inervalli di empo,

Dettagli

Il motore asincrono (3 parte): coppie parassite, raccorciamento di passo, rendimento, reattanza di dispersione Lucia FROSINI

Il motore asincrono (3 parte): coppie parassite, raccorciamento di passo, rendimento, reattanza di dispersione Lucia FROSINI Il motore asiroo ( parte): oppie parassite, raoriameto di passo, redimeto, reattaza di dispersioe uia FROSINI Dipartimeto di Igegeria Idustriale e dell Iormazioe Uiversità di Pavia E-mail: luia@uipv.it.

Dettagli

Capitolo 3: Procedure e funzioni ricorsive

Capitolo 3: Procedure e funzioni ricorsive Capitolo 3: Proedure e fuzioi riorsive L'uso di proedure riorsive (o di riorreza o riorreti ) permette spesso di desrivere u algoritmo i maiera semplie e oisa, mettedo i rilievo la teia adottata per la

Dettagli

Corso di Economia del Lavoro Daniele Checchi Blanchard-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15

Corso di Economia del Lavoro Daniele Checchi Blanchard-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15 Corso i Economia el Lavoro Daniele Checchi Blanchar-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15 I MERCATI FINANZIARI Esise una grane varieà i aivià finanziarie. Il risparmiaore eve scegliere in quali forme eenere

Dettagli

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO Nel dominio del empo le variabili sono esaminae secondo la loro evoluzione emporale. Normalmene si esamina la risposa del sisema a un segnale di prova canonico, cioè si sollecia

Dettagli

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo)

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo) V A = AMPIEZZA = lunghezza di V A ALTERNATA Proiezione di V X ISTANTE = velocià angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un inervallo di empo) DEVE ESSERE COSTANTE Angolo

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

Dai segnali analogici a quelli numerici

Dai segnali analogici a quelli numerici Appuni di eoria dei Segnali a.a. 200/20 L.Verdoliva In queso capiolo descriveremo i passi che subisce un segnale analogico quando viene discreizzao per oenere un segnale numerico (conversione A/D), e quelle

Dettagli

Moltiplicazione di segnali lineari

Moltiplicazione di segnali lineari Moliplicazione di segnali lineari Processo non lineare: x ( x ( x ( Meodologia uilizzaa per: Campionameno ed acquisizione dai Processi di comunicazione (modulazione Abbiamo viso con il campionameno dei

Dettagli

Trasformata di Fourier (1/7)

Trasformata di Fourier (1/7) 1 rasormaa di Fourier (1/7 + De: Un segnale x( è impulsivo se x ( d < + F : + j X( x( e π d F{ x( }, < < + F -1 + jπ 1 : x( X( e d F { X( }, < < + X( è una rappresenazione di x( nel dominio della requenza

Dettagli

m=d/n (33.1) p= π d/n = π m (33.2)

m=d/n (33.1) p= π d/n = π m (33.2) G. Perucci Lezioi di Cosruzioe di Macchie 33. LE RUOTE DENTATE Le ruoe deae soo elemei di macchia uilizzai er la rasmissioe del moo roaorio e della oeza mediae aleri o coassiali, cioè aralleli (ruoe cilidriche),

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Universià di Napoli Parenope Facolà di Ingegneria Corso di Comunicazioni Elerice docene: Prof. Vio Pascazio a Lezione: 7/04/003 Sommario Caraerizzazione energeica di processi aleaori Processi aleaori nel

Dettagli

COMUNE DI ASSEMINI - Ufficio Servizi Sociali. L. 431/98 art. 11 - BENEFICIARI ANNO 2015 N. COGNOME E NOME INDIRIZZO FASCIA

COMUNE DI ASSEMINI - Ufficio Servizi Sociali. L. 431/98 art. 11 - BENEFICIARI ANNO 2015 N. COGNOME E NOME INDIRIZZO FASCIA OUE I EII - Ufficio ervizi ociali. 431/98 art. 11 - EEIII O 2015. OOE E OE IIIO I 1 I EO VI OI n. 13 p. 2 U O VI OE n. 32 p. 1 3 OIO IEE VI II n. 380 p. 2 4 IOI EO VI IU n. 1 p. 2 5 QUII OIO Q VI I n.

Dettagli

Verifica delle Deformazioni Verifica della Velocità al Contatto

Verifica delle Deformazioni Verifica della Velocità al Contatto Verifica elle Deformazioni Verifica ella Velocià al Conao Ing. Piero Bongio Lezione 4 Borghi Azio S.p.A. Via Papa Giovanni XXIII, 15 400 San Polo Enza RE Tel 05.873193 Fax 05.87367 E-Mail info@borghiazio.com

Dettagli

ESERCIZI SUI MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE INTERNA

ESERCIZI SUI MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE INTERNA ESERCIZI SUI MOTORI ALTERNATII A COMBUSTIONE INTERNA U oor alraivo co cilidri a ua cilidraa oal di 0,999 d, u rapporo cora diaro di 0,9 fuzioa a ri a 000 iri/i. riar la CORSA la ELOCITÀ MEIA EL PISTONE

Dettagli

Soluzione degli esercizi del Capitolo 2

Soluzione degli esercizi del Capitolo 2 Sisemi di auomazione indusriale - C. Boniveno, L. Genili, A. Paoli 1 degli esercizi del Capiolo 2 dell Esercizio E2.1 Il faore di uilizzazione per i processi in esame è U = 8 16 + 12 48 + 6 24 = 1. L algorimo

Dettagli

Modelli attuariali per la previdenza complementare

Modelli attuariali per la previdenza complementare Modelli auariali per la prevideza complemeare Fabio Grasso Diparimeo di Scieze Saisiche Uiversià degli Sudi di Roma La Sapieza fabiograsso@uiroma1i Riassuo Il presee lavoro esamia i profili auariali della

Dettagli

273 CAPITOLO 18: PALI DI FONDAZIONE IN CONDIZIONI DI ESERCIZIO

273 CAPITOLO 18: PALI DI FONDAZIONE IN CONDIZIONI DI ESERCIZIO 27 nrouzione Per i pali si può fare un iscorso analogo a quello viso per le fonazioni superficiali. Si è viso che nel caso elle fonazioni superficiali l analisi ella eformabilià ella sruura non poeva essere

Dettagli

Collegamenti Albero-mozzo

Collegamenti Albero-mozzo Collegameni Albero-mozzo /11/01 Obieivo: Collegare assialmene ue organi (in moo fisso o mobile) al fine i rasmeere coia orcene e quini eviare che vi sia un moo roaorio relaivo Accoiameno i forma Faore

Dettagli

SCUOLA POLITECNICA IN ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE VILFREDO PARETO MASTER IN E-BUSINESS CAPITAL BUDGETING

SCUOLA POLITECNICA IN ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE VILFREDO PARETO MASTER IN E-BUSINESS CAPITAL BUDGETING CAPITAL BUDGETING VALUTAZIONE DI PROGETTI D INVESTIMENTO CON PREVISIONE DEI FLUSSI DI CASSA ATTESI: l impresa ivese moea oggi per oeere flussi moeari icremeali el fuuro.* PROGETTO: Ivesimeo i arezzaure

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1 La programmazione aggregaa nella supply chain La programmazione aggregaa nella supply chain 1 Linea guida Il ruolo della programmazione aggregaa nella supply chain Il problema della programmazione aggregaa

Dettagli

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI A.A. 2013/14 Eserciazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepio, nel corso dell anno correne, i segueni reddii: - Reddii da lavoro dipendene

Dettagli

La previsione della domanda nella supply chain

La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda 1 Linea guida Il ruolo della prerevisione nella supply chain Le caraerisiche della previsione Le componeni della previsione ed

Dettagli

LEZIONI DI ANALISI ECONOMETRICA

LEZIONI DI ANALISI ECONOMETRICA LEZIONI DI ANALISI ECONOMETRICA Idice Lisa degli esempi applicaivi Iroduzioe Il modello lieare. Aalisi ecoomica ed aalisi ecoomerica Primi obieivi dell Ecoomeria. I modelli e il lugo periodo Modelli saici

Dettagli

L operatività in titoli e in cambi e i servizi bancari

L operatività in titoli e in cambi e i servizi bancari Moulo 8 L operatività in titoli e in ambi e i servizi banari 7 I estinatari el Moulo sono gli stuenti he, opo aver analizzato e appreso le aratteristihe fonamentali ell attività elle aziene i reito, le

Dettagli

Introduzione OFDM. Motivazioni. Introduzione

Introduzione OFDM. Motivazioni. Introduzione Uiversità degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale i Igegeria Elettroia e delle eleomuiazioi Orthogoal Frequey Divisio Multiplexig Itroduzioe L ossia multiplazioe a divisioe di frequeza ortogoale

Dettagli

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo 1 Raddrizzaore - Generalià I circuii raddrizzaori uilizzano componeni come i Diodi che presenano la caraerisica di unidirezionalià, cioè permeono il passaggio della correne solo in un verso. In figura

Dettagli

Calibrazione di tranche CDO con il modello dinamico GPL

Calibrazione di tranche CDO con il modello dinamico GPL Calibrazioe di rache CDO co il modello diamico GPL La calibrazioe di u idice di credio e delle sue rache cosiseemee sulle varie scadeze co u sigolo modello i asseza di opporuià di arbiraggio è u problema

Dettagli

Capitolo 24. Elementi di calcolo finanziario

Capitolo 24. Elementi di calcolo finanziario Cpiolo 24 Elemei di clcolo fizirio 24. Le divere forme dell ieree Cpile (C, ock di moe dipoibile i u do momeo) Ieree (I, prezzo d uo del cpile) Sggio o o di ieree (r) (ieree muro dll uià di cpile,, ell

Dettagli

Il progetto allo SLU per la flessione semplice e composta

Il progetto allo SLU per la flessione semplice e composta Il progetto allo SLU per la leione emplie e ompota Nomenlatura σ R h y.n. σ 0,8y b σ T /0 Ipotei i bae onervazione elle ezioni piane La eormazione in ogni punto ella ezione è proporzionale alla itanza

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

Esercizio no.1 soluzione a pag.3

Esercizio no.1 soluzione a pag.3 Edutenia.it Modulazioni digitali eserizi risolti 1 Eserizio no.1 soluzione a pag.3 Quanti bit sono neessari per trasmettere 3 simboli e quale è la veloità di modulazione e la veloità di trasmissione se

Dettagli

Sommario. Introduzione. Progetto di alberi di trasmissione Concentrazione di tensioni

Sommario. Introduzione. Progetto di alberi di trasmissione Concentrazione di tensioni 3 La orsione Sommario Inroduzione Alberi saiamene indeerminai Carihi orsionali su alberi irolari Momeno dovuo a ensioni inerne Deformazioni angenziali parallele all asse Progeo di alberi di rasmissione

Dettagli

QUESITI DI PSICOLOGIA

QUESITI DI PSICOLOGIA QUESITI DI PSICOLOGIA appunti 23 TEST DI VERIFICA 1 Che osa si intene on il onetto i atteniilità? a L effiaia he un test ha nel preveere i renimenti i un soggetto nelle ailità speifihe misurate Il grao

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di Primo Grado Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno...

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di Primo Grado Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno... VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA Suol Seonri i Primo Gro Clsse Prim Suol..........................................................................................................................................

Dettagli

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendie mensili di shampoo Mese y 1 266,0 2 145,9 3 183,1 4 119,3 5 180,3 6 168,5 7 231,8 8 224,5 9 192,8 10 122,9 11 336,5 12 185,9 1 194,3 2 149,5 3 210,1

Dettagli

Prova scritta di Analisi Matematica I - 1 febbraio 2011 Proff. B. CIFRA F. ILARI. Compito A

Prova scritta di Analisi Matematica I - 1 febbraio 2011 Proff. B. CIFRA F. ILARI. Compito A SEDE DISTACCATA DI LATINA a.a. / Prova sritta di Aalisi Matmatia I - fbbraio Proff. B. CIFRA F. ILARI Compito A COGNOME...... NOME. Matr... Corso di Laura o o o Ambit Trritorio Risors Iformazio Maia firma

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Fondamenti di TLC - Prof. G. Shemra Corso di Fondamenti di Teleomuniazioni 8 MODULAZIONI DIGITALI Prof. Giovanni Shemra 1 Fondamenti di TLC - Prof. G. Shemra Struttura della lezione Modulazioni digitali

Dettagli

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia.

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia. Risparmio Energeico Risparmio Energeico per Scale e Tappei Mobili La riduzione dei consumi di energia proveniene dalle foni fossili non rinnovabili (perolio, carbone) è una delle priorià assolue, insieme

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facolà di Ecoomia Diparimeo di Maemaica, saisica, iformaica e applicazioi "Lorezo Mascheroi" Doorao di Ricerca i: Meodi compuazioali per le previsioi e decisioi ecoomiche

Dettagli

1. Considerazioni generali

1. Considerazioni generali . osiderazioi geerali Il processaeto di ob su acchie parallele è iportate sia dal puto di vista teorico che pratico. Dal puto di vista teorico questo caso è ua geeralizzazioe dello schedulig su acchia

Dettagli

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale Teoria della Finanza Aziendale Rischio e Valuazione degli invesimeni 9 1-2 Argomeni raai Coso del capiale aziendale e di progeo Misura del bea Coso del capiale e imprese diversificae Rischio e flusso di

Dettagli

Minicorso Stocks Market Trading Analysis

Minicorso Stocks Market Trading Analysis Pare 1 Miicorso Socks Marke Tradig Aalysis di Adrea Saviao Vedo prevedo sravedo, premessa L aalisi ecica e l albero di Naale Il bravo scieziao: sadard e ormale, iaziuo Gli srumei a disposizioe del bravo

Dettagli

Corso di Comunicazioni Elettriche. 2 RICHIAMI DI TEORIA DEI SEGNALI Prof. Giovanni Schembra TEORIA DEI SEGNALI DETERMINATI

Corso di Comunicazioni Elettriche. 2 RICHIAMI DI TEORIA DEI SEGNALI Prof. Giovanni Schembra TEORIA DEI SEGNALI DETERMINATI Corso di Comunicazioni Eleriche RICHIAMI DI TEORIA DEI SEGNALI Pro. Giovanni Schembra Richiami di Teoria dei segnali TEORIA DEI SEGNALI DETERMINATI Richiami di Teoria dei segnali Valori caraerisici di

Dettagli

2. Politiche di gestione delle scorte

2. Politiche di gestione delle scorte deerminisica variabile nel empo Quando la domanda viaria nel empo, il problema della gesione dell invenario divena preamene dinamico. e viene deo di lo-sizing. Consideriamo il caso in cui la domanda pur

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

4 La riserva matematica

4 La riserva matematica 4 La riserva maemaica 4.1 Inroduzione La polizza, come si è viso, viene cosruia in modo da essere in equilibrio auariale alla daa di sipula = 0 e rispeo alla base ecnica del I ordine: se X è il flusso

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Universià di Napoli Parhenope Facolà di Ingegneria Corso di Comunicazioni Eleriche docene: Prof. Vio Pascazio 2 a Lezione: 13/03/2003 Sommario Schema di un Sisema di TLC Schema di un Sisema di TLC digiale

Dettagli

Ottobre 2009. ING ClearFuture

Ottobre 2009. ING ClearFuture Oobre 2009 ING ClearFuure Una crescia cosane. Con una solida proezione nel empo. ING ClearFuure è la soluzione assicuraiva Uni Linked di dirio lussemburghese, realizzaa apposiamene da ING Life Luxembourg

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA

TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA Storia delle comuicazioi ottiche 84 a.c.: caduta di Troia comuicata a Micee (550km di distaza) attraverso ua serie di fuochi allieati 794 d.c.: rete di Chappe collega Parigi

Dettagli

Ma nel dettaglio, come si svolge una seduta di allenamento con la metodica SPLIT SYSTEM?

Ma nel dettaglio, come si svolge una seduta di allenamento con la metodica SPLIT SYSTEM? LO SPLIT SYSTEM Di Fabio Zonin Volee oenere oimi guadagni di forza e massa e enere conemporaneamene soo conrollo la percenuale di grasso corporeo e farlo allenandovi solo per un ora re vole la seimana?

Dettagli

Minicorso Stocks Trading Analisys

Minicorso Stocks Trading Analisys MINICORSO: Soks marke Trading Analisys (pare 1/5) di Andrea Saviano Pare 1 Miniorso Soks Trading Analisys di Andrea Saviano Vedo prevedo sravedo, premessa L analisi enia e l albero di Naale Il bravo sienziao:

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DI IMBRAGATURA A CATENA PER AGGANCIARE, ACCORCIARE, SOLLEVARE

SISTEMA INTEGRATO DI IMBRAGATURA A CATENA PER AGGANCIARE, ACCORCIARE, SOLLEVARE SISTEMA INTEGRATO DI IMBRAGATURA A CATENA PER AGGANCIARE, ACCORCIARE, SOLLEVARE Isruzioni e manuenzione nuovo grado +, con poraa maggioraa del 5% rispeo al radizionale grado ; allungameno minimo a roura

Dettagli

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Valutazioe e riduzioe della vulerailità sismia di ediii esisteti i.a. Roma, 9-0 maggio 00 DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Di Ludovio

Dettagli

Indice. Le derivate. Successioni e serie numeriche

Indice. Le derivate. Successioni e serie numeriche Iie pitolo Suessioi e serie umerihe. Suessioi umerihe Rppresetzioe grfi, Suessioi mootòe,. Limiti elle suessioi Suessioi overgeti, Suessioi ivergeti, Suessioi ietermite, 6. Teoremi e operzioi sui limiti

Dettagli

Il PLL: anello ad aggancio di fase

Il PLL: anello ad aggancio di fase 9 Il PLL: anello ad aggancio di ase l PLL (Phase-Locked Loop) è un circuio, le cui applicazioni sono descrie nel SOTTOPARAGRAFO 9., cosiuio da re blocchi (FIGURA ) che realizzano un sisema in reroazione

Dettagli

Processi stocastici. Corso Segnale e Rumore Giorgio Brida Giugno/luglio 2007 Pagina 1 di 33

Processi stocastici. Corso Segnale e Rumore Giorgio Brida Giugno/luglio 2007 Pagina 1 di 33 Processi socasici Inroduzione isemi lineari e sazionari; luuazioni casuali, derive e disurbi; processi socasici sazionari in senso lao, unzione di auocorrelazione e spero di poenza; risposa di un sisema

Dettagli

Analisi statistica dell Output

Analisi statistica dell Output Aalisi statistica dell Output IL Simulatore è u adeguata rappresetazioe della Realtà! E adesso? Come va iterpretato l Output? Quado le Osservazioi soo sigificative? Quati Ru del Simulatore è corretto effettuare?

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

Tutti i diritti di sfruttamento economico dell opera appartengono alla Esselibri S.p.A. (art. 64, D.Lgs. 10-2-2005, n. 30)

Tutti i diritti di sfruttamento economico dell opera appartengono alla Esselibri S.p.A. (art. 64, D.Lgs. 10-2-2005, n. 30) Copyright 2005 Esselibri S.p.A. Via F. Russo, 33/D 8023 Napoli Azieda co sistema qualità certificato ISO 400: 2003 Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzioe ache parziale e co qualsiasi mezzo

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

IMPLICAZIONE TRA VARIABILI BINARIE: L Implicazione di Gras

IMPLICAZIONE TRA VARIABILI BINARIE: L Implicazione di Gras IMPLICAZIONE TRA VARIABILI BINARIE: L Implicazioe di Gras Date due variabili biarie a e b, i quale misura posso assicurare che i ua popolazioe da ogi osservazioe di a segue ecessariamete quella di b? E

Dettagli

Campi vettoriali conservativi e solenoidali

Campi vettoriali conservativi e solenoidali Campi vettoriali coservativi e soleoidali Sia (x,y,z) u campo vettoriale defiito i ua regioe di spazio Ω, e sia u cammio, di estremi A e B, defiito i Ω. Sia r (u) ua parametrizzazioe di, fuzioe della variabile

Dettagli

Campionamento stratificato. Esempio

Campionamento stratificato. Esempio ez. 3 8/0/05 Metodi Statiici per il Marketig - F. Bartolucci Uiversità di Urbio Campioameto ratificato Ua tecica molto diffusa per sfruttare l iformazioe coteuta i ua variabile ausiliaria (o evetualmete

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

r i =. 100 In generale faremo riferimento al tasso unitario.

r i =. 100 In generale faremo riferimento al tasso unitario. . Operazioni finanziarie Si efinisce operazione finanziaria (O.F.) ogni operazione relativa a impegni monetari e si efinisce operazione finanziaria elementare uno scambio, tra ue iniviui, i capitali iversi.

Dettagli

APPUNTI DI ANALISI DEI SEGNALI DAVIDE BASSI

APPUNTI DI ANALISI DEI SEGNALI DAVIDE BASSI UNIVERIÀ DEGLI UDI DI RENO FACOLÀ DI CIENZE MAEMAICHE, FIICHE E NAURALI CORO DI LAUREA IN FIICA APPLICAA DAVIDE BAI APPUNI DI ANALII DEI EGNALI Indice Risposa impulsionale dei sisemi lineari -. isemi lineari

Dettagli

Azionamenti Elettrici

Azionamenti Elettrici Azionameni Elerici 2.4. CONVERTITORI DC/DC... 33 2.4.1. Conrollo dei converiori DC/DC... 33 2.4.2. FullBridge converer (DC/DC)... 34 2.4.2.1. PWM con commuazione di ensione bipolare...35 2.4.2.2. PWM con

Dettagli

Conversione Analogico-Digitale

Conversione Analogico-Digitale Capiolo 4 Conversione Analogico-Digiale I segnali del mondo reale sono analogici, menre un elaboraore digiale è in grado di memorizzare e raare esclusivamene sequenze finie di bi. Per raare con ecniche

Dettagli

Manuale applicazioni Esempi schemi applicativi

Manuale applicazioni Esempi schemi applicativi Manuale applicazioni Esempi schemi applicativi Sistemi basati su dispositivi di controllo Robur MAUALE ALICAZIOI - ESEMI SCHEMI ALICAIVI OE IMORAI: Attenersi sempre alle normative locali o nazionali in

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

Titoli obbligazionari (Bond) Tipi di titoli obbligazionari

Titoli obbligazionari (Bond) Tipi di titoli obbligazionari Tol obblgazoar Bod U obblgazoe è u olo d debo emesso da ua soceà da uo sao o da u ee pubblco che dà dro al suo possessore al rmborso del capale presao alla scadeza e al pagameo d eress cedole. La emssoe

Dettagli

ESERCIZI IN PIÙ ESERCIZI DI FINE CAPITOLO

ESERCIZI IN PIÙ ESERCIZI DI FINE CAPITOLO L RLZIONI L FUNZIONI serizi in più SRIZI IN PIÙ SRIZI I FIN PITOLO TST Nell insieme ell figur, l relzione rppresentt goe ell o elle proprietà: TST L relzione «essere isenente i», efinit nell insieme egli

Dettagli

PARAMETRI DEL MOTO SISMICO

PARAMETRI DEL MOTO SISMICO PARAMETRI DEL MOTO SISMICO Attività microsismica: caratterizzata da vibrazioi di debole ampiezza e periodi molto gradi tali da o essere percepiti dai più comui strumeti di registrazioe (importate soprattutto

Dettagli

l M DA 03/09/07 Termonovela in 17 puntate

l M DA 03/09/07 Termonovela in 17 puntate a e i a d l a c e n e l o i a z a M s n? e o d n n a o s c n e d n o c e s ì S 1 ermonovela in 17 puntate DAI ERMODINAMICI RELAIVI ALLA CONDENSAZIONE BRUCIANDO 1 m3 DI GAS SI OIENE: 8127 Kcal + 1,55 Kg

Dettagli

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice Eserciazione 7: Modelli di crescia: arimeica, geomerica, esponenziale. Calcolo del asso di crescia e del empo di raddoppio. Popolazione sabile e sazionaria. Viviana Amai 03/06/200 Modelli di crescia Nella

Dettagli

Lezione 15. Lezione 15. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. Sommario. Materiale di riferimento

Lezione 15. Lezione 15. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. Sommario. Materiale di riferimento Sommario Lezione 15 Converiore di ipo Flash Converiore a gradinaa Converiore a rampa Converiore ad approssimazioni successive (SA) Converiore di ipo SigmaDela Esempi di converiori preseni a bordo di mc

Dettagli

Lezione 6. Anno accademico 2005-06. Titolare corso: Prof. Costanza Torricelli Docente a contratto: Dott. Marianna Brunetti

Lezione 6. Anno accademico 2005-06. Titolare corso: Prof. Costanza Torricelli Docente a contratto: Dott. Marianna Brunetti Inrouzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M (Prooi Derivai Lezione 6 Anno accaemico 005-06 Tiolare corso: Prof. Cosanza Torricelli Docene a conrao: Do. Marianna Brunei L'immunizzazione

Dettagli

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p =

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p = 5. Rette e piani in R 3 ; sfere. In questo paragrafo studiamo le rette, i piani e le sfere in R 3. Ci sono due modi per desrivere piani e rette in R 3 : mediante equazioni artesiane oppure mediante equazioni

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

Le carte di controllo

Le carte di controllo Le carte di cotrollo Dott.ssa Bruella Caroleo 07 dicembre 007 Variabilità ei processi produttivi Le caratteristiche di qualsiasi processo produttivo soo caratterizzate da variabilità Le cause di variabilità

Dettagli

Risk Italia. L'attività in prodotti derivati di BancoPosta. Intervista con Stefano Calderano, responsabile dei prodotti retail OTTOBRE 2002

Risk Italia. L'attività in prodotti derivati di BancoPosta. Intervista con Stefano Calderano, responsabile dei prodotti retail OTTOBRE 2002 OTTOBRE www.ris.e Ris Ialia CURRECIES ITEREST RATES EQUITIES COMMODITIES CREDIT RISK ITALIA VOL / O OTTOBRE L'aivià i prodoi derivai di BacoPosa Iervisa co Sefao Calderao, resposabile dei prodoi reail

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

SCHEDULING INDICE SCHEDULING ESEMPIO INTRODUTTIVO ESEMPIO INTRODUTTIVO SCHEDULING SCHEDULING

SCHEDULING INDICE SCHEDULING ESEMPIO INTRODUTTIVO ESEMPIO INTRODUTTIVO SCHEDULING SCHEDULING orso di Laurea Triennale in INGEGNERIA GESTIONALE Anno Accademico 2012/13 Prof. Davide GIGLIO INDIE Esempio Inroduivo Generalià sui problemi di scheduling SINGLE MAHINE SPT (shores processing ime) scheduling

Dettagli

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni Foglio di esercizi N. - Soluzioi. Determiare il domiio della fuzioe f) = log 3 + log 3 3)). Deve essere + log 3 3) > 0, ovvero log 3 3) >, ovvero prededo l espoeziale i base 3 di etrambi i membri) 3 >

Dettagli

Questioni di Economia e Finanza

Questioni di Economia e Finanza Quesioni di Economia e Finanza (Occasional Papers) La grande disribuzione organizzaa e l indusria alimenare in Ialia di Eliana Viviano (coordinaore), Luciana Aimone Gigio, Emanuela Ciapanna, Daniele Coin,

Dettagli

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica ELT A-Z Docete: dott. F. Zucca Esercitazioe # 4 1 Distribuzioe Espoeziale Esercizio 1 Suppoiamo che la durata della vita di ogi membro di

Dettagli

L ambiente prima di tutto

L ambiente prima di tutto ambiene prima di uo CATAOGO AMPAE ambiene prima di uo a ireiva Europea (2005/32/CE) viea da Seembre 2009 la prima iissione sul mercao di lampade ad elevao consumo energeico per uso domesico. a decisione

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Universià di Napoi Parhenope Facoà di Ingegneria Corso di Comunicazioni Eeriche docene: Pro. Vio Pascazio 14 a Lezione: 8/5/3 Sommario Fasori Segnai passabanda Trasmissione di segnai passabanda in sisemi

Dettagli

Tema 3. Insiemi, elementi di logica, calcolo combinatorio, relazioni e funzioni

Tema 3. Insiemi, elementi di logica, calcolo combinatorio, relazioni e funzioni Tema 3 Iniemi, elemeni di logica, calcolo combinaorio, relazioni e funzioni 3.1 Queii di livello bae 3.1.1 Si coniderino i egueni enunciai: n è un muliplo di 3 o è un numero pari, e inolre è minore di

Dettagli

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE)

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE) Analisi degli invesimeni Il bilancio è una sinesi a poseriori della siuazione di un'azienda. La valuazione degli invesimeni è un enaivo di valuare a priori la validià delle scele dell'azienda. L'invesimeno

Dettagli