Tecniche e strumenti per il troubleshooting di un sistema DNS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecniche e strumenti per il troubleshooting di un sistema DNS"

Transcript

1 6 Teciche e strumeti per il troubleshootig di u sistema DNS Itroduzioe I questo capitolo vegoo presetate alcue teciche e strumeti (utility) per procedere co l aalisi e la risoluzioe di evetuali problemi riscotrati operado all itero di u ifrastruttura DNS pubblica e/o privata. I particolare, verrao prese i cosiderazioe problematiche legate alla risoluzioe dei omi. Viceversa, dei problemi, delle teciche e degli strumeti coessi alla gestioe delle zoe e dei domii DNS si è già discusso el Capitolo 5, Progettazioe, implemetazioe e gestioe di u sistema DNS. Prima di effettuare le prove idicate ei paragrafi segueti è ecessario accertarsi della dispoibilità delle porte utilizzate dai relativi protocolli (e.g.: Whois 43/tcp; DNS 53/tcp e 53/udp), el caso i cui la coessioe a Iteret è mediata da proxy e/o firewall. Iterrogazioe di u database Whois per risalire alle coordiate di registrazioe di u domiio o agli assegatari di u idirizzo IP Come trattato el Capitolo 3, Gli orgaismi che goverao Iteret, e ell Appedice C, Cliet Widows Whois, mediate u cliet Whois (sia tramite iterfaccia grafica Web che dal prompt dei comadi), è possibile otteere molte iformazioi riguardati i omi di domiio registrati, ed i particolare alcui loro attributi (e.g.: coordiate degli assegatari, admi-c, tech-c, server DNS di riferimeto, data di scadeza del cotratto di assegazioe di u ome a domiio, ecc.), come ache evetuali assegatari di idirizzi IP pubblici assegati dai Regioal Iteret Registry (RIR). Ad esempio, tramite ua query Whois su u ome di domiio è possibile accertare se u ome a domiio è già registrato oppure idividuare i server DNS autoritativi per la relativa zoa DNS Radazzo.idd :46:33

2 Guida al DNS: dalla teoria alla pratica Esempio: whois guidads.it ****************************************************************************** Whois server: whois.ic.it ****************************************************************************** ************************************************** * Please ote that ay results obtaied are a * * subgroup of the data cotaied i the database * * * * The full objects data ca be visualised at: * * * ************************************************** domai: learig-solutios.it org: Silmar Cosultig sas di Radazzo Leoe admi-c: LR2916-ITNIC tech-c: AB91-ITNIC postmaster: AB91-ITNIC zoe-c: AB91-ITNIC server: ds.seeweb.it server: ds2.seeweb.it mt-by: STT-MNT created: expire: source: IT-NIC perso: Leoe Radazzo address: IT-NIC address: piazza Durate 8 address: I Milao ic-hdl: LR2916-ITNIC source: IT-NIC perso: Atoio Baldassarra address: C.so Lazio, 9/a address: I Frosioe address: Italy ic-hdl: AB91-ITNIC mt-by: STT-MNT source: IT-NIC Oppure, cooscedo u idirizzo IP, è possibile risalire all assegatario (oltre che al registro competete) DNS Radazzo.idd :46:33

3 Capitolo 6 Teciche e strumeti per il troubleshootig di u sistema DNS C:\etc\dig>whois -r whois.ripe.et ****************************************************************************** Whois server: whois.ripe.et ****************************************************************************** % This is the RIPE Whois query server #2. % The objects are i RPSL format. % % Note: the default output of the RIPE Whois server % is chaged. Your tools may eed to be adjusted. See % % for more details. % % Rights restricted by copyright. % See % Note: This output has bee filtered. % To receive output for a database update, use the -B flag % Iformatio related to ietum: etame: IANA-BLK descr: The whole IPv4 address space coutry: EU # Coutry is really world wide org: ORG-IANA1-RIPE admi-c: IANA1-RIPE tech-c: IANA1-RIPE status: ALLOCATED UNSPECIFIED remarks: The coutry is really worldwide. remarks: This address space is assiged at various other places i remarks: the world ad might therefore ot be i the RIPE database. mt-by: RIPE-NCC-HM-MNT mt-lower: RIPE-NCC-HM-MNT mt-routes: RIPE-NCC-RPSL-MNT source: RIPE # Filtered orgaisatio: org-ame: org-type: address: remarks: remarks: remarks: ORG-IANA1-RIPE Iteret Assiged Numbers Authority IANA see The IANA allocates IP addresses ad AS umber blocks to RIRs see ad DNS Radazzo.idd :46:33

4 Guida al DNS: dalla teoria alla pratica admi-c: tech-c: mt-ref: mt-by: source: role: address: admi-c: tech-c: ic-hdl: remarks: remarks: mt-by: source: IANA1-RIPE IANA1-RIPE RIPE-NCC-HM-MNT RIPE-NCC-HM-MNT RIPE # Filtered Iteret Assiged Numbers Authority see IANA1-RIPE IANA1-RIPE IANA1-RIPE For more iformatio o IANA services go to IANA web site at RIPE-NCC-MNT RIPE # Filtered Per ulteriori iformazioi sul formato di u database Whois e sull uso del cliet Whois si rimada il lettore ai capitoli ed all appedice sopra idicati. Nslookup Nslookup (il cui ome deriva da Name Server Lookup) è uo strumeto distribuito i qualsiasi sistema operativo el quale è utilizzato il protocollo TCP/IP (Liux/Uix, Novel, MAC OS X, Widows NT/2K/XP/2K3/2K3-R2/Vista, ecc.). Esso cosete di verificare il corretto fuzioameto del processo di risoluzioe dei omi tramite il servizio DNS e di simulare l ivio di query da parte di u DNS resolver (stub o full). Ifatti, è possibile far agire slookup allo stesso modo di come agirebbe u DNS cliet ormale (stub resolver) oppure u DNS server (full resolver), el caso i cui quest ultimo si trovi coivolto i u processo di risoluzioe di ua query ricorsiva per coto di u DNS resolver di tipo stub, laddove si richiede la capacità di emettere delle query iterative e seguire l iter della risoluzioe dei omi attraverso l iterazioe co i server DNS autoritativi per i domii/zoe itermedie. Gli esempi segueti soo stati effettuati i ambiete Wi2K/2K3/2K3-R2/XP/Vista, Liux Red Hat 9.0 e Fedora Core 4. Da otare che, el caso dei sistemi operativi Liux, la versioe di slookup dispoibile o implemeta tutte le fuzioalità previste per la versioe Microsoft Widows; addirittura, i alcue distribuzioi, l uso del comado slookup è deprecated a beeficio di dig, il quale o è di default compreso i ambiete Widows (trae se si effettua l istallazioe del package BIND per Widows XP/2K/2K3/2K3-R2/Vista). Come utilizzare slookup È possibile utilizzare l applicazioe slookup i due modi: o-iterattivo e iterattivo. Di seguito vegoo presetate le due modalità DNS Radazzo.idd :46:33

5 Capitolo 6 Teciche e strumeti per il troubleshootig di u sistema DNS Qualche osservazioe relativa all uso di slookup Prestare attezioe al fatto che slookup accetta comadi solo i miuscolo. Iseredo dei comadi i maiuscolo (e.g.: SET ALL) questi vegoo cosiderati dei omi da risolvere. Naturalmete ci possoo essere degli effetti collaterali, utilizzado il comado slookup, se per caso esistoo sulla rete degli host che si chiamao set o help. Modo o-iterattivo La modalità o-iterattiva è utilizzata per verificare occasioalmete (i.e.: ua-tatum) la risoluzioe di sigoli omi, mediate l ivio di u apposito comado. La sitassi da utilizzare i tal caso è la seguete: slookup [-opzioe] hostame [server] Esempio di query slookup i modalità debug (-ds) co FQDN completo (i.e.: termiato dal domiio Root DNS (puto)) C:\>slookup -ds Got aswer: HEADER: opcode = QUERY, id = 1, rcode = NOERROR header flags: respose, auth. aswer, wat recursio, recursio avail. questios = 1, aswers = 1, authority records = 0, additioal = 0 QUESTIONS: i-addr.arpa, type = PTR, class = IN ANSWERS: -> i-addr.arpa ame = calajuco-2k3.isoleeolie2003.org ttl = 3600 (1 hour) Server: calajuco-2k3.isoleeolie2003.org Address: Got aswer: HEADER: opcode = QUERY, id = 2, rcode = NOERROR header flags: respose, wat recursio, recursio avail. questios = 1, aswers = 1, authority records = 0, additioal = 0 Da otare la query di reverse lookup scateata i fase di avvio di slookup (cf. la sezioe Troubleshootig slookup, alla fie di questo capitolo). È importate osservare che la suddetta query viee emessa solo se esiste la zoa di reverse corrispodete alla subet IP all itero della quale ricade l idirizzo IP del server DNS cotattato DNS Radazzo.idd :46:33

6 Guida al DNS: dalla teoria alla pratica QUESTIONS: type = A, class = IN ANSWERS: -> iteret address = ttl = 101 (1 mi 41 secs) No-authoritative aswer: Name: Address: Esempio per il reperimeto dei record MX relativi al domiio silmarcosultig.it: slookup -querytype=mx silmarcosultig.it. ds.seeweb.it Modo iterattivo La modalità iterattiva viee utilizzata quado è ecessario effettuare ua serie di verifiche e prove di fuzioameto avazate (e.g.: simulare la modalità di risoluzioe dei omi di u DNS server). I tal caso, iseredo il comado slookup si etra ell ambiete, o shell, dell applicazioe, caratterizzato dal prompt dei comadi idetificato dal carattere >. L uscita dalla modalità iterattiva avviee tramite il comado exit oppure iviado la sequeza di cotrollo Cotrol-C. Esempio slookup Default Server: s1.isoleeolie.org Address: > Guida/Help Per otteere ua guida sui comadi dispoibili, digitare help o il carattere? dal prompt dei comadi > di slookup: >? Commads: NAME NAME1 NAME2 help or? set OPTION all [o]debug [o]d2 [o]defame [o]recurse [o]search [o]vc domai=name (idetifiers are show i uppercase, [] meas optioal) - prit ifo about the host/domai NAME usig default server - as above, but use NAME2 as server - prit ifo o commo commads - set a optio - prit optios, curret server ad host - prit debuggig iformatio - prit exhaustive debuggig iformatio - apped domai ame to each query - ask for recursive aswer to query - use domai search list - always use a virtual circuit - set default domai ame to NAME DNS Radazzo.idd :46:34

7 Capitolo 6 Teciche e strumeti per il troubleshootig di u sistema DNS srchlist=n1[/n2/.../n6] - set domai to N1 ad search list to N1,N2, etc. root=name - set root server to NAME retry=x - set umber of retries to X timeout=x - set iitial time-out iterval to X secods type=x - set query type (ex. A,ANY,CNAME,MX,NS,PTR,SOA,SRV) querytype=x - same as type class=x - set query class (ex. IN (Iteret), ANY) [o]msxfr - use MS fast zoe trasfer ixfrver=x - curret versio to use i IXFR trasfer request server NAME - set default server to NAME, usig curret default server lserver NAME - set default server to NAME, usig iitial server figer [USER] - figer the optioal NAME at the curret default host root - set curret default server to the root ls [opt] DOMAIN [> FILE] - list addresses i DOMAIN (optioal: output to FILE) -a - list caoical ames ad aliases -d - list all records -t TYPE - list records of the give type (e.g. A,CNAME,MX,NS,PTR etc.) view FILE - sort a ls output file ad view it with pg exit - exit the program Iterpretazioe delle query: query autoritative e o-autoritative I caso di query rivolte alla risoluzioe di omi di computer remoti (i.e.: o apparteeti a essua delle zoe per le quali il DNS server locale è autoritativo), la prima risposta sarà sempre autoritativa, metre quelle successive sarao o-autoritative. Ifatti, metre la prima volta il DNS server locale cotatta il DNS server remoto autoritativo per il RR richiesto (tramite ua query ricorsiva), le volte successive che si richiederà lo stesso RR (ei limiti di valita del TTL ad esso associato) sarà il DNS server locale a rispodere o-autoritativamete, prelevado il RR dalla propria cache, ella quale era stato precedetemete iserito a seguito della prima query. I tal caso la risposta sarà esplicitamete segalata come No-authoritative aswer. Attezioe al coflitto tra cache del server e cache del cliet/resolver i ambiete Wi2K/ XP/2K3/2K3-R2/Vista Nel caso di verifica dell elaborazioe delle query ricorsive e delle query iterative i ambiete Wi2K/ XP/2K3/2K3-R2/Vista, ricordarsi sempre di azzerare, oltre alla cache DNS del server (fare clic co il pulsate destro del mouse sul DNS server e selezioare la voce Clear Cache ), ache la cache DNS del resolver/cliet, i uo dei due segueti modi: ipcofig flushds. Restart del servizio DNS Cliet, tramite il comado: et stop dscache && et start dscache. Cofigurare la modalità di debug Per visualizzare i dettaglio i messaggi di iterrogazioe e di risposta che itercorroo tra u cliet ed u DNS server, è ecessario abilitare la modalità di debug iseredo i comadi segueti dal prompt di slookup, secodo il livello di accuratezza desiderato: set debug: livello di debug base. set d2: livello di debug esaustivo o debug di livello DNS Radazzo.idd :46:34

8 Guida al DNS: dalla teoria alla pratica Esempi di iterrogazioe e cofigurazioe delle opzioi avazate di slookup Cofigurado opportuamete le opzioi di slookup, è possibile modificare il suo comportameto i modo tale da simulare delle query più o meo avazate, su qualsiasi tipo di classe e di RR DNS. I particolare, è ache possibile far agire slookup allo stesso modo di u DNS server i fase di risoluzioe di query ricorsive per coto di u resolver di tipo stub. Di seguito vegoo mostrati alcui esempi di utilizzo delle opzioi avazate di slookup e di ivio di query. Tutti i comadi di seguito idicati devoo essere iseriti dalla shell (i.e.: prompt dei comadi) di slookup: Verificare le opzioi di default o cofigurate i u determiato istate durate l utilizzo di slookup i modalità iterattiva: set all. Abilitare/disabilitare l utilizzo della lista di ricerca (per default è sempre abilitata): set [o]search. Modificare la lista di ricerca: set srchlist=domiio1/domiio2/.../domiion. Cofigurazioe della lista di ricerca i ambiete Wi2K/2K3/2K3-R2/Vista Normalmete la lista di ricerca comprede il ome del domiio di apparteeza del computer, idicato come Primary suffix for this computer e specificato sulla scheda Network Idetificatio elle proprietà di My Computer (o i Cotrol Pael, System), più evetuali domii specificati come ulteriori domii da aggiugere i fase di risoluzioe dei omi. Ad esempio el caso dei sistemi operativi Wi2K/2K3/2K3-R2/Vista (cf. Fig. 1), elle proprietà di ua coessioe TCP/IP è possibile specificare: DNS suffix for this coectio Apped these DNS suffixes (i order) La lista di ricerca o viee presa i cosiderazioe el caso i cui il ome da risolvere è i formato FQDN qualificato ovvero termiato dal. fiale (www.ic.it.). Cofigurazioe della lista di ricerca i ambiete Liux/Uix I caso di utilizzo di computer co sistema operativo Uix/Liux (e.g.: Apple Mac OS X, Red Hat, Fedora Core, Suse, Koppix, ecc.), è possibile cofigurare gli idirizzi IP dei server DNS Primary, Secodary e Tertiary e i domii DNS utilizzati per la ricerca, iseredoli el file /etc/resolv.cof. U esempio di file resolv.cof è il seguete: search isoleeolie.org. silmarcosultig.it ameserver ameserver ameserver DNS Radazzo.idd :46:34

9 Capitolo 6 Teciche e strumeti per il troubleshootig di u sistema DNS Come evideziato ella figura questa serie di tre opzioi servoo per istruire il DNS Cliet/Resolver su come agire per gestire la risoluzioe di omi DNS o qualificati (i.e.: omi o FQDN o termiati dal. ). Per default il ome o qualificato viee completato co il suffisso primario specificato ella scheda Idetificatio (el caso di Wi2K) o Computer Name (el caso di WiXP/2003) e co il suffisso specifico di questa coessioe se idicato el campo DNS suffix for this coectio seguete. Selezioado la successiva casella Apped paret suffixes of primary DNS suffix vegoo aggiuti ache i suffissi parziali preseti el suffisso primario fio al secodo livello (e.g.: se il suffisso primario è lipari. isoleeolie.org verrà aggiuto prima il suffisso lipari.isoleeolie.org e poi isoleeolie.org). Permette di specificare u suffisso DNS specifico per questa coessioe di rete. I caso di cliet DHCP, viee presa i cosiderazioe l opzioe cofigurata a livello di server DHCP el caso il campo sia vuoto. Viceversa assume priorità il valore specificato localmete (come sempre). Specifica che il computer deve tetare la registrazioe diamica del proprio idirizzo IP e del ome completo del computer, come idicato i Cotrol Pael, System, Network Idetificatio, putado al server DNS locale. Se abilitata la registrazioe diamica (casella superiore) è possibile forzare ua doppia registrazioe (RR A e PTR) oltre che i base al suffisso primario specificato ella scheda Idetificatio (el caso di Wi2K) o Computer Name (el caso di WiXP/2003) ache utilizzado il suffisso specifico di questa coessioe idicato el campo DNS suffix for this coectio. Cosete di specifica ua lista di suffissi DNS da utilizzare per la risoluzioe di omi DNS o qualificati (i.e.: FQDN o termiati co il. ). Selezioado questa opzioe o viee preso i cosiderazioe è il suffisso primario è quello specifico alla coessioe. Figura 6.1 Cofigurazioi avazate DNS/DDNS Selezioare ua porta UDP/TCP diversa da quella default (53): set port=xx: dove xx deve coicidere co la porta specificata sul server DNS. Per default è 53. Selezioare il tipo di RR da ricercare: set q=<querytype-del-rr> oppure set type=<tipo-di-rr>: dove <tipo-di-rr> può essere SOA, A, MX, CNAME, SRV, ecc. Di default viee utilizzato il tipo di RR A e l abbreviazioe q al posto di querytype DNS Radazzo.idd :46:34

10 Guida al DNS: dalla teoria alla pratica Selezioare ua classe di RR da ricercare: set class=<in Hesiod Chaos Ay>. IN=Iteret è la classe di default; ANY cosidera tutte le classi. Selezioare u DNS server diverso da quello di default: server <idirizzo-ip> oppure server <Nome-Server>. Selezioare u domiio DNS server diverso da quello di default, se esistete (e.g.: computer co sistema operativo Widows XP/2K/2K3/2K3-R2/Vista, apparteete ad u domiio Active Directory): set domai=<omedomiio>. Esempio: set domai=isoleeolie2003.org. Così facedo, evetuali omi FQDN o-be-qualificati verrao completati co il suffisso specificato co la precedete direttiva. Simulare il fuzioameto di u server DNS, tracciado i vari passi di risoluzioe tra vari server DNS seguedo u percorso iterativo, a partire dai server DNS di root Iteret: Dopo aver laciato il comado slookup, posizioarsi su uo dei tredici server DNS di root di Iteret (e.g.: a.root-servers.et.). Da otare che iseredo il comado set all dal prompt di slookup viee visualizzato il ome del server DNS di root di riferimeto. set orecurse: disabilita la ricorsioe e forza slookup ad iviare query di tipo iterative. set osearch: disabilita l utilizzo da parte del resolver della search list. Ciò è ecessario, i quato u DNS server, cotrariamete ad u resolver DNS, o utilizza la fuzioe lista suffissi di ricerca. <iserire il ome host da risolvere> seguito da INVIO. Selezioare il primo server DNS della lista dei DNS autoritativi per il ome richiesto ed impostarlo come server di default tramite il comado seguete: server <ome server DNS autoritativo scelto> Ripetere la query iiziale: <iserire il ome host da risolvere> seguito da INVIO. Cotiuare fio ad arrivare all ultimo server DNS autoritativo per l hostame ricercato il quale, fialmete, risolverà la query iiziale. Forzare u operazioe di Full Zoe Trasfer: Dopo aver idetificato il server DNS autoritativo per il domiio/zoa i questioe (e.g.: ), è possibile eseguire il seguete comado: > ls d <FQDN-Domiio/Zoa> È da otare che l esito del suddetto comado dipede dalla cofigurazioe della zoa DNS. Ifatti, esso richiede l autorizzazioe allo Zoe Trasfer verso u prefissato isieme di idirizzi IP oppure verso tutti gli host (deprecabile a livello di sicurezza). Determiare la versioe di BIND utilizzata su u server UNIX/Liux remoto, tramite delle query slookup. Dal prompt di slookup (modalità iterattiva) iserire la seguete sequeza di comadi (attezioe: il risultato o sempre è garatito, i quato il RR corrispodete può essere stato ache modificato dall ammiistratore del DNS BIND remoto). > server > set class=chaos DNS Radazzo.idd :46:34

11 Capitolo 6 Teciche e strumeti per il troubleshootig di u sistema DNS > set type=txt > versio.bid Risposta: versio.bid text = versio.bid > ameserver = versio.bid Query DNS qualificate e o-qualificate Utilizzado slookup come cliet DNS per simulare l ivio di query ad uo o più DNS server, è possibile otare dei comportameti diversi a secoda della cofigurazioe del cliet/resolver (e.g.: lista dei domii DNS da accodare ad u ome host i fase di risoluzioe (search list)) e, soprattutto, del tipo di ome utilizzato: Nome host (e.g.: paarea). Nome FQDN o-qualificato o o-be-formato, ovvero o termiato dal domiio root idicato dal carattere. (e.g.: paarea.isoleeolie.org). Nome FQDN qualificato o be-formato o completo, ovvero termiato dal domiio root (e.g.: paarea.isoleeolie.org.) come el caso del path assoluto di u file all itero di u File System (e.g.: /etc/services oppure c:\widows\system32\drivers\etc\services). A tal proposito è possibile verificare quato detto, utilizzado slookup e iviado due query, ua co FQDN o qualificato ed ua co FQDN qualificato. Negli esempi sotto riportati, la lista di ricerca impostata per il cliet DNS è costituita da isoleeolie2003.org. Esempio di query co FQDN icompleto (o termiato dal puto fiale) C:\>slookup -ds Got aswer: HEADER: opcode = QUERY, id = 1, rcode = NOERROR header flags: respose, auth. aswer, wat recursio, recursio avail. questios = 1, aswers = 1, authority records = 0, additioal = 0 QUESTIONS: i-addr.arpa, type = PTR, class = IN ANSWERS: -> i-addr.arpa ame = calajuco-2k3.isoleeolie2003.org ttl = 1200 (20 mis) DNS Radazzo.idd :46:35

12 Guida al DNS: dalla teoria alla pratica Server: calajuco-2k3.isoleeolie2003.org Address: Got aswer: HEADER: opcode = QUERY, id = 2, rcode = NXDOMAIN header flags: respose, auth. aswer, wat recursio, recursio avail. questios = 1, aswers = 0, authority records = 1, additioal = 0 QUESTIONS: type = A, class = IN AUTHORITY RECORDS: -> isoleeolie2003.org ttl = 3600 (1 hour) primary ame server = calajuco-2k3.isoleeolie2003.org resposible mail addr = leoer.isoleeolie2003.org serial = 36 refresh = 900 (15 mis) retry = 600 (10 mis) expire = (1 day) default TTL = 3600 (1 hour) Got aswer: HEADER: opcode = QUERY, id = 3, rcode = NOERROR header flags: respose, wat recursio, recursio avail. questios = 1, aswers = 1, authority records = 4, additioal = 5 QUESTIONS: type = A, class = IN ANSWERS: -> iteret address = ttl = 120 (2 mis) AUTHORITY RECORDS: -> ic.it ameserver = itgeo.mix-it.et ttl = (21 hours 54 mis 59 secs) -> ic.it ameserver = ameserver.cr.it ttl = (21 hours 54 mis 59 secs) DNS Radazzo.idd :46:35

13 Capitolo 6 Teciche e strumeti per il troubleshootig di u sistema DNS -> ic.it ameserver = DNS.ic.it ttl = (21 hours 54 mis 59 secs) -> ic.it ameserver = ds2.ic.it ttl = (21 hours 54 mis 59 secs) ADDITIONAL RECORDS: -> DNS.ic.it iteret address = ttl = (21 hours 54 mis 59 secs) -> DNS.ic.it AAAA IPv6 address = 2001:760:4000:1f5::5 ttl = (3 hours 13 mis 16 secs) -> ds2.ic.it iteret address = ttl = (21 hours 54 mis 55 secs) -> itgeo.mix-it.et iteret address = ttl = (21 hours 55 mis 2 secs) -> ameserver.cr.it iteret address = ttl = (21 hours 54 mis 53 secs) No-authoritative aswer: Name: Address: Esempio di query co FQDN completo (i.e.: termiato co il puto fiale) Got aswer: HEADER: opcode = QUERY, id = 1, rcode = NOERROR header flags: respose, auth. aswer, wat recursio, recursio avail. questios = 1, aswers = 1, authority records = 0, additioal = 0 QUESTIONS: i-addr.arpa, type = PTR, class = IN ANSWERS: -> i-addr.arpa ame = calajuco-2k3.isoleeolie2003.org ttl = 1200 (20 mis) DNS Radazzo.idd :46:35

14 Guida al DNS: dalla teoria alla pratica Server: calajuco-2k3.isoleeolie2003.org Address: Got aswer: HEADER: opcode = QUERY, id = 2, rcode = NOERROR header flags: respose, wat recursio, recursio avail. questios = 1, aswers = 1, authority records = 4, additioal = 5 QUESTIONS: type = A, class = IN ANSWERS: -> iteret address = ttl = 120 (2 mis) AUTHORITY RECORDS: -> ic.it ameserver = ameserver.cr.it ttl = (21 hours 7 mis 54 secs) -> ic.it ameserver = DNS.ic.it ttl = (21 hours 7 mis 54 secs) -> ic.it ameserver = ds2.ic.it ttl = (21 hours 7 mis 54 secs) -> ic.it ameserver = itgeo.mix-it.et ttl = (21 hours 7 mis 54 secs) ADDITIONAL RECORDS: -> DNS.ic.it iteret address = ttl = (21 hours 7 mis 54 secs) -> DNS.ic.it AAAA IPv6 address = 2001:760:4000:1f5::5 ttl = 8771 (2 hours 26 mis 11 secs) -> ds2.ic.it iteret address = ttl = (21 hours 7 mis 50 secs) -> itgeo.mix-it.et iteret address = ttl = (21 hours 7 mis 57 secs) -> ameserver.cr.it iteret address = ttl = (21 hours 7 mis 48 secs) DNS Radazzo.idd :46:35

15 Capitolo 6 Teciche e strumeti per il troubleshootig di u sistema DNS Come si può otare, el primo caso slookup esegue u tetativo di ricerca compoedo u FQDN completo, composto dal FQDN o-be-formato passato come argometo e completato di volta i volta co uo dei domii che compogoo la lista dei suffissi DNS di ricerca cofigurati sul computer utilizzato. Viceversa, el secodo caso, essedo il ome da ricercare già i formato FQDN completo, il cliet slookup ivia ua sola query. Troubleshootig slookup Laciado slookup i modalità iterattiva, viee visualizzato il seguete messaggio: Default Server: localhost Address: > Oppure quest altro: *** Default servers are ot available Default Server: UKow Address: > Causa: el primo caso è stato idicato (probabilmete forzato dal sistema operativo) come idirizzo IP del server DNS quello di loopback o localhosts ( ). Nel secodo caso, ivece, è probabile che il computer o sia acora stato cofigurato co essu idirizzo IP, è proprio è del server DNS. Ciò può verificarsi per u computer cofigurato come DHCP cliet, i attesa di ricevere u idirizzo IP dal DHCP server. Laciado slookup i modalità iterattiva, viee visualizzato il seguete messaggio di errore: *** Ca t fid server ame for address : No-existet domai *** Default servers are ot available Default Server: UKow Address: Causa: i fase di avvio il comado slookup ivia ua query di tipo reverse al proprio server DNS locale, allo scopo di risalire dall idirizzo IP del server, idicato ella cofigurazioe IP del computer, al ome. Probabili cause del problema possoo essere: No è stata creata la zoa di reverse per la subet IP di cui fa parte il server DNS (e.g.: i-addr.arpa). La zoa di reverse è stata creata, ma o esiste il RR PTR corrispodete al server DNS locale. Laciado slookup i modalità iterattiva, viee visualizzato il seguete messaggio i seguito all iserimeto di u comado set (e.g.: per cofigurare delle query di tipo MX o visualizzare le opzioi di cofigurazioe): *** Ca t fid address for server TYPE=MX: Timed out oppure: *** Ca t fid address for server ALL: Timed out Causa: il comado è stato iserito i maiuscolo metre slookup accetta solo comadi i miuscolo DNS Radazzo.idd :46:35

16 Guida al DNS: dalla teoria alla pratica Dig Dig (il cui ome deriva dal verbo iglese to dig, scavare, scoprire o ivestigare) è ua utility presete i qualsiasi sistema operativo all itero del quale è istallato l ambiete DNS BIND; pertato essa è dispoibile ativamete i ambiete Liux/Uix. Cotrariamete a slookup, dig o cotempla ua modalità iterattiva, ma è dispoibile solamete i modalità o iterattiva o batch. Utilizzare dig e host i ambito Widows Per disporre i ambito Widows delle utility dig e host è ecessario scaricare dal sito org il package BIND (e.g.: e procedere co l estrazioe dei file i ua directory (e.g.: c:\bid9.3.2). Alcui esempi di utilizzo della utility dig soo mostrati di seguito. Alcui esempi di utilizzo dell utility dig Help (sitassi del comado dig): dig h Esempio: c:\etc\dig -h Usage: dig [domai] [q-type] [q-class] {q-opt} {global-d-opt} host {local-d-opt} [ host {local-d-opt} [...]] Where: domai is i the Domai Name System q-class is oe of (i,hs,ch,...) [default: i] q-type is oe of (a,ay,mx,s,soa,hifo,axfr,txt,...) [default:a] (Use ixfr=versio for type ixfr) q-opt is oe of: -x dot-otatio (shortcut for i-addr lookups) -i (IP6.INT reverse IPv6 lookups) -f fileame (batch mode) -b address[#port] (bid to source address/port) -p port (specify port umber) -t type (specify query type) -c class (specify query class) -k keyfile (specify tsig key file) -y ame:key (specify amed base64 tsig key) -4 (use IPv4 query trasport oly) -6 (use IPv6 query trasport oly) d-opt is of the form +keyword[=value], where keyword is: DNS Radazzo.idd :46:35

17 Capitolo 6 Teciche e strumeti per il troubleshootig di u sistema DNS +[o]vc (TCP mode) +[o]tcp (TCP mode, alterate sytax) +time=### (Set query timeout) [5] +tries=### (Set umber of UDP attempts) [3] +retry=### (Set umber of UDP retries) [2] +domai=### (Set default domaiame) +bufsize=### (Set EDNS0 Max UDP packet size) +dots=### (Set NDOTS value) +[o]search (Set whether to use searchlist) +[o]defame (Ditto) +[o]recurse (Recursive mode) +[o]igore (Do t revert to TCP for TC resposes.) +[o]fail (Do t try ext server o SERVFAIL) +[o]besteffort (Try to parse eve illegal messages) +[o]aaoly (Set AA flag i query (+[o]aaflag)) +[o]adflag (Set AD flag i query) +[o]cdflag (Set CD flag i query) +[o]cl (Cotrol display of class i records) +[o]cmd (Cotrol display of commad lie) +[o]commets (Cotrol display of commet lies) +[o]questio (Cotrol display of questio) +[o]aswer (Cotrol display of aswer) +[o]authority (Cotrol display of authority) +[o]additioal (Cotrol display of additioal) +[o]stats (Cotrol display of statistics) +[o]short (Disable everythig except short form of aswer) +[o]ttlid (Cotrol display of ttls i records) +[o]all (Set or clear all display flags) +[o]qr (Prit questio before sedig) +[o]ssearch (Search all authoritative ameservers) +[o]idetify (ID respoders i short aswers) +[o]trace (Trace delegatio dow from root) +[o]dssec (Request DNSSEC records) +[o]multilie (Prit records i a expaded format) global d-opts ad servers (before host ame) affect all queries. local d-opts ad servers (after host ame) affect oly that lookup. -h (prit help ad exit) -v (prit versio ad exit) DNS Radazzo.idd :46:35

18 Guida al DNS: dalla teoria alla pratica Numero di versioe della utility dig: dig v Esempio: c:\etc\dig -v DiG Come determiare la versioe di u server DNS BIND (aturalmete, come già detto a proposito del comado slookup, l esito di questo comado dipede dalla cofigurazioe del server BIND e dalla possibilità che l ammiistratore abbia o meo filtrato tale risposta): txt chaos versio.bid Esempio: - chaos txt versio.bid Oppure: - txt chaos versio.bid ; <<>> DiG txt chaos versio.bid ; (1 server foud) ;; global optios: pritcmd ;; Got aswer: ;; ->>HEADER<<- opcode: QUERY, status: NOERROR, id: 1003 ;; flags: qr aa rd; QUERY: 1, ANSWER: 1, AUTHORITY: 1, ADDITIONAL: 0 ;; QUESTION SECTION: ;versio.bid. CH TXT ;; ANSWER SECTION: versio.bid. 0 CH TXT ;; AUTHORITY SECTION: versio.bid. 0 CH NS versio.bid. ;; Query time: 15 msec ;; SERVER: #53( ) ;; WHEN: Su Feb 05 15:03: ;; MSG SIZE rcvd: Query di reverse (i.e.: a partire da u idirizzo IP risalire al ome di u host): -x <idirizzo-ip-oggetto-della-query> Esempio: c:\etc\ -x ; <<>> DiG x DNS Radazzo.idd :46:36

19 Capitolo 6 Teciche e strumeti per il troubleshootig di u sistema DNS ; (1 server foud) ;; global optios: pritcmd ;; Got aswer: ;; ->>HEADER<<- opcode: QUERY, status: NOERROR, id: 1537 ;; flags: qr aa rd; QUERY: 1, ANSWER: 1, AUTHORITY: 2, ADDITIONAL: 3 ;; QUESTION SECTION: ; i-addr.arpa. IN PTR ;; ANSWER SECTION: i-addr.arpa IN PTR hp4550.ic.it. ;; AUTHORITY SECTION: i-addr.arpa IN NS ds.ic.it i-addr.arpa IN NS ameserver.cr.it. ;; ADDITIONAL SECTION: ds.ic.it IN A ds.ic.it IN AAAA 2001:760:4000:1f5::5 ameserver.cr.it IN A ;; Query time: 187 msec ;; SERVER: #53( ) ;; WHEN: Su Feb 05 19:11: ;; MSG SIZE rcvd: 179 Query multiple: elecare tutti i RR coteuti i due zoe/domii gestite da u server DNS/ BIND: <FQDN-domiio> -t <ay> <FQDN-domiio> -t <ay> Esempio: learig-solutios.it -t ay silmarcosultig.it -t ay ;; Got aswer: ;; ->>HEADER<<- opcode: QUERY, status: NOERROR, id: 1776 ;; flags: qr aa rd; QUERY: 1, ANSWER: 8, AUTHORITY: 0, ADDITIONAL: 15 ;; QUESTION SECTION: ;learig-solutios.it. IN ANY ;; ANSWER SECTION: learig-solutios.it IN SOA ds.seeweb.it. hostmaster.seeweb.it DNS Radazzo.idd :46:36

20 Guida al DNS: dalla teoria alla pratica learig-solutios.it IN NS ds2.seeweb.it. learig-solutios.it IN NS ds.seeweb.it. learig-solutios.it IN MX 10 wx-5b.seeweb.it. learig-solutios.it IN MX 20 smtp-f1.seeweb.it. learig-solutios.it IN MX 20 smtp-f2.seeweb.it. learig-solutios.it IN MX 20 smtp-f3.seeweb.it. learig-solutios.it IN MX 20 smtp-f4.seeweb.it. ;; ADDITIONAL SECTION: ds.seeweb.it IN A ds2.seeweb.it IN A wx-5b.seeweb.it IN A smtp-f1.seeweb.it IN A smtp-f1.seeweb.it IN A smtp-f1.seeweb.it IN A smtp-f2.seeweb.it IN A smtp-f2.seeweb.it IN A smtp-f2.seeweb.it IN A smtp-f3.seeweb.it IN A smtp-f3.seeweb.it IN A smtp-f3.seeweb.it IN A smtp-f4.seeweb.it IN A smtp-f4.seeweb.it IN A smtp-f4.seeweb.it IN A ;; Query time: 406 msec ;; SERVER: #53( ) ;; WHEN: Su Feb 05 15:49: ;; MSG SIZE rcvd: 489 ; <<>> DiG learig-solutios.it -t ay silmarcosultig.it -t ay ; (1 server foud) ;; global optios: pritcmd ;; Got aswer: ;; ->>HEADER<<- opcode: QUERY, status: NOERROR, id: 1563 ;; flags: qr aa rd; QUERY: 1, ANSWER: 4, AUTHORITY: 0, ADDITIONAL: ;; QUESTION SECTION: ;silmarcosultig.it. IN ANY 06 DNS Radazzo.idd :46:36

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

Livello applicazione: Protocollo DNS

Livello applicazione: Protocollo DNS Livello applicazione: Protocollo DNS Gaia Maselli Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose and

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

I servizi GARR - LIR e GARR - NIC

I servizi GARR - LIR e GARR - NIC I servizi GARR - LIR e GARR - NIC gabriella.paolini@garr.it con il contributo di Daniele Vannozzi IAT-CNR Indice GARR-LIR Il GARR-LIR Chi gestisce gli Indirizzi IP Cos e un LIR Regole di assegnazione Assegnazione

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

Fingerprinting ed attacco ad un sistema informatico

Fingerprinting ed attacco ad un sistema informatico Fingerprinting ed attacco ad un sistema informatico Ci sono più cose tra cielo e terra... Angelo Dell Aera - Guido Bolognesi 1 Free Advertising 2 Name lookup Strumenti: nslookup, host, dig Risoluzione

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

DNS cache poisoning e Bind

DNS cache poisoning e Bind ICT Security n. 19, Gennaio 2004 p. 1 di 5 DNS cache poisoning e Bind Il Domain Name System è fondamentale per l'accesso a internet in quanto risolve i nomi degli host nei corrispondenti numeri IP. Se

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Sicurezza del DNS DNSSEC & Anycast Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Perché il DNS Fino a metà degli anni '80, la traduzione da nomi a indirizzi IP era fatta con un grande file hosts Fino ad allora non

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute DNS: Domain Name System I name DNS Persone: identificatori: CF, nome, Numero di Passaporto Host e router Internet: Indirizzo IP ( bit) - usato per instradare i pacchetti nome, per es., massimotto.diiie.unisa.it

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

Università degli Studi di Parma

Università degli Studi di Parma Università degli Studi di Parma Information and Communication Technology Base Esercitazione di laboratorio ultima revisione in data 30 aprile 2003 esercitazione 8 maggio 2003 Questa esercitazione ha lo

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO La seguente guida mostra come trasferire un SiteManager presente nel Server Gateanager al Server Proprietario; assumiamo a titolo di esempio,

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP Reti di Calcolatori IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 6-1 Applicazioni di Rete Domain Name System (DNS) Simple Network Manag. Protocol (SNMP) Posta elettronica

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Lista di controllo per la migrazione del dominio a Swisscom/IP-Plus

Lista di controllo per la migrazione del dominio a Swisscom/IP-Plus Lista di controllo per la migrazione del dominio a /IP-Plus Iter: : ufficio cantonale di coordinamento per Per la scuola: (nome, indirizzo e località) Migrazione di record DNS esistenti a IP-Plus nonché

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

DHCP Dynamic Host Configuration Protocol

DHCP Dynamic Host Configuration Protocol DHCP Dynamic Host Configuration Protocol L assegnazione automatica dei parametri di configurazione (e.g. network address) al momento dell avvio dei client di una rete, semplifica l amministrazione della

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali TeamPortal Servizi integrati con ambienti Gestionali 12/2013 Modulo di Amministrazione Il modulo include tutte le principali funzioni di amministrazione e consente di gestire aspetti di configurazione

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Alb@conference GO e Web Tools

Alb@conference GO e Web Tools Alb@conference GO e Web Tools Crea riunioni virtuali sempre più efficaci Strumenti Web di Alb@conference GO Guida Utente Avanzata Alb@conference GO Per partecipare ad un audioconferenza online con Alb@conference

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

IP number, DNS e nomi di dominio. Lezione n. 10

IP number, DNS e nomi di dominio. Lezione n. 10 IP number, DNS e nomi di dominio Lezione n. 10 IP, Domain Name Server, nome di dominio Gli IP sono numeri che identificano una determinata macchina Poiché è difficile ricordarsi i numeri nella pratica

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Guida dell amministratore

Guida dell amministratore Guida dell amministratore Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzie di alcun tipo, sia espresse che implicite,

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

PostaCertificat@ Configurazione per l accesso alla Rubrica PA da client di Posta

PostaCertificat@ Configurazione per l accesso alla Rubrica PA da client di Posta alla Rubrica PA da client di Posta Postecom S.p.A. Poste Italiane S.p.A. Telecom Italia S.p.A. 1 Indice INDICE... 2 PREMESSA... 3 CONFIGURAZIONE OUTLOOK 2007... 3 CONFIGURAZIONE EUDORA 7... 6 CONFIGURAZIONE

Dettagli

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail Xerox WorkCentre M118i Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail 701P42705 Questa guida fornisce un riferimento rapido per l'impostazione della funzione Scansione su e-mail su Xerox WorkCentre

Dettagli

Cosa è lo spoofing. Cosa è lo spoofing. Argomenti. Spoofing conosciuti. Introduzione. Corso di Sistemi di Elaborazione: Sicurezza su Reti

Cosa è lo spoofing. Cosa è lo spoofing. Argomenti. Spoofing conosciuti. Introduzione. Corso di Sistemi di Elaborazione: Sicurezza su Reti Introduzione Corso di Sistemi di Elaborazione: Sicurezza su Reti A.A. 2001/2002 Prof. A. De Santis A cura di: Angelo Celentano matr. 53/11544 Raffaele Pisapia matr. 53/10991 Mariangela Verrecchia matr.

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP Eseguire il collegamento al NAS tramite WebDAV A S U S T O R C O L L E G E OBIETTIVI DEL CORSO Al termine di questo corso si dovrebbe

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk by Gassi Vito info@gassielettronica.com Questa breve guida pratica ci consentirà installare Zeroshell su pen drive o schede

Dettagli

Corso Base su Linux. Basato su Fedora 7 Lezione 4

Corso Base su Linux. Basato su Fedora 7 Lezione 4 Corso Base su Linux Basato su Fedora 7 Lezione 4 Configurare la rete Esistono diversi metodi per configurare il servizio di rete: editare i singoli file di configurazione del networking (per applicare

Dettagli