Elementi dell'automazione! 3. Funzioni! 3. Comando! 3. Regolazione! 3. Schema a blocchi di base! 3. Regolatori a due posizioni! 4

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elementi dell'automazione! 3. Funzioni! 3. Comando! 3. Regolazione! 3. Schema a blocchi di base! 3. Regolatori a due posizioni! 4"

Transcript

1 Automazione Indice Elementi dell'automazione! 3 Funzioni! 3 Comando! 3 Regolazione! 3 Schema a blocchi di base! 3 Regolatori a due posizioni! 4 Segnale analogico! 4 Segnale digitale! 4 Conversione da decimale - binario / binario - decimale! 4 Memorie! 4 Tipi di memorie! 4 Memorie magnetiche! 5 Memorie ottiche: CD (Compact Disc)! 5 CD ROM (CD stampati)! 5 CD-R (CD registrabili)! 5 CD-RW (CD riscrivibili)! 5 DVD (Digital Versatile Disc)! 6 Memorie elettriche! 6 Memorie elettroniche! 6 Logica di commutazione! 6 Simboli base, di connessione, di equivalenza ed antivalenza! 7 Realizzazione pratica tramite elementi pneumatici! 10 Realizzazione pratica tramite circuiti integrati! 10 Logica sequenziale! 10 Temporizzatori! 11!! 1

2 Mono-Flop! 11 Flip-Flop! 12 Flip-Flop Set-Reset (SR)! 12!! 2

3 Elementi dell'automazione Operazione: bloccaggio di pezzi / utensili spostamenti di pezzi controllo di profondità posizionamento corretto controllo velocità livello temperatura controllo sequenza fasi Elementi: cilindri, magneti, valvole, molle motori elettrici, cilindri fine-corsa, sensori sensori dinamo galleggiante, sensore ottico termocoppia programma, PLC Funzioni Un processo lavorativo automatizzato è una sequenza di operazioni che sono il risultato dell'interazione di diverse singole funzioni: Comando In un comando la grandezza d'entrata interagisce continuamente sulla grandezza d'uscita: Regolazione In una regolazione la grandezza d'uscita misurata è comparata con un'altra grandezza (detta di riferimento) ed eventualmente adattata a quest'ultima: Schema a blocchi di base COMANDO (caratteristica del comando: sistema aperto) REGOLAZIONE (caratteristica della regolazione: sistema chiuso)!! 3

4 Regolatori a due posizioni È la regolazione più semplice. Per la grandezza di regolazione sono possibili solo due valori: attivato / disattivato ; acceso / spento ; aperto / chiuso Esempio: riscaldamento di una casa Segnale analogico Con questo segnale il parametro informativo IP può assumere un qualsiasi valore all'interno di un intervallo o di determinati limiti. sono disponibili tutti i valori intermedi Segnale digitale Con questo segnale il parametro informativo IP può assumere solo valori multipli interi di un'unità di base E non possiamo avere valori intermedi Conversione da decimale - binario / binario - decimale 2¹⁰ 2⁹ 2⁸ 2⁷ 2⁶ 2⁵ 2⁴ 2³ 2² 2¹ 2⁰ decimale a binario: 93 = binario a decimale: = Con la calcolatrice CASIO fx-991es si può eseguire una conversione eseguendo "MODE 4" e scegliendo tra DEC, HEX, BIN e OCT. Memorie Le memorie devono conservare i dati per un lungo periodo in modo sicuro, inoltre deve essere garantito un accesso ai dati in tempi brevi. Tipi di memorie MECCANICA MAGNETICA OTTICA ELETTRONICA sciablana cassette CD relé interruttori a cammes hard-disk DVD RAM, ROM nastro perforato dischetti Mini-Disk EPROM disco in vinile ZIP memory card videocassette flash card!! 4

5 Memorie magnetiche I segnali sono memorizzati in forma binario: segnale presente (1) segnale non presente (0). Il dischetto è realizzato con un supporto flessibile (film di PET) come base sul quale si trova uno strato di moltissime particelle magnetiche, ognuna con un polo N e un poso S. Le particelle sono forzate ad assumere una determinata posizione, con il tempo tendono a ritornare nella loro posizione originale. Memorie ottiche: CD (Compact Disc) Il CD è un supporto di 12 cm di diametro e 1.2 mm di spessore, con una capacità di 700 Mb. Le informazioni, in modo binario, sono memorizzate in modo ottico: riflette luce (1) non riflette luce (0). CD ROM (CD stampati) Un CD è realizzato con: uno strato di policarbonato come base uno strato metallico riflettente uno strato trasparente di protezione (lacca) Le informazioni sono memorizzate su una traccia disposta a spirale sul disco con un passo di 1.6 μm e viene letta dall'interno verso l'esterno. Nella fabbricazione sullo strato metallico vengono creati dei avvallamenti (detti pits o bumps) di larghezza 0.5 μm, profondità 0.11 μm e di lunghezza variabile da 0.8 a 3.0 μm. La lettura la effettua con un raggio laser di un diametro di circa 0.8 mm. Per le leggi dell'ottica nel passaggio dello strato di policarbonato il diametro si restringe fino a 1.7 μm che colpisce lo strato riflettente. Il laser viene riflesso (1) se raggiunge lo strato metallico o non riflesso (0) quando giungo ad uno degli avvallamenti creati. CD-R (CD registrabili) Un CD registrabile è realizzato con: uno strato di policarbonato come base uno strato colorato di registrazione uno strato metallico riflettente uno strato trasparente di protezione (lacca) In scrittura il laser agisce con una potenza maggiore e "brucia" delle zone dello strato colorato di registrazione in modo da creare un buco verso lo strato riflettente sottostante. Nelle zone non bruciate il laser colpisce lo strato colorato quindi non rifletterà la luce (0) CD-RW (CD riscrivibili) Un CD riscrivibile è realizzato con: uno strato di policarbonato come base uno strato di una lega argento-indio-antimonio-tellurio racchiusa tra due strati di materiale dielettrico uno strato trasparente di protezione (lacca) Il principio di funzionamento è lo stesso, creare zone riflettenti (1) e non riflettenti (0). La registrazione si basa sul cambiamento di struttura della lega metallica: inizialmente la lega ha una struttura cristallina ordinaria e riflette la luce. Durante la masterizzazione il laser crea delle parti non riflettenti riscaldando la lega fino a 600 C, temperatura che porta un mutamento alla struttura facendola passare ad uno stato amorfo non riflettente, a questo punto è necessario raffreddare rapidamente per fissarla a quello stato (per questo motivo è racchiusa tra due strati di materiale dielettrico). Il processo è reversibile, riscaldando la lega a 200 C per un periodo di tempo abbastanza lungo, la lega torna al suo stato cristallino, riflettendo la luce.!! 5

6 DVD (Digital Versatile Disc) Le capacità di un CD sono sufficienti per applicazioni audio e memorizzazione di dati, per i video fu necessario sviluppare (nel 1993) i DVD, che con le stesse dimensioni hanno una capienza di dati maggiore. L'aumento di capacità è ottenuto con: aumento della densità di pits o bumps utilizzazione di un secondo strato per lato utilizzazione dei due lati L'aumento di densità di pits (avvallamenti) significa che sono di dimensioni minori e più ravvicinati rispetto ai CD, di conseguenza si utilizza un raggio laser con una dimensione minore (lunghezza d'onda minore e focalizzazione maggiore). Il primo strato ha una capacità di 4.7 Gb, il secondo strato, che si trova sotto il primo, ha una capacità di 4 Gb. Come per i CD esistono i DVD stampati, registrabili e rescrivibili. Memorie elettriche Nella tecnica di comando come memorie sono utilizzati i relè che mantengono (memorizzano) la posizione di un contatto. Memorie elettroniche Un circuito integrato di memorie possiamo immaginarlo come un circuito composto da milioni di piccoli interruttori, che possono essere aperti (0) o chiusi (1). Come interruttori sono utilizzati transistor, condensatori, diodi o delle combinazioni di questi elementi. RAM Random Access Memory (memoria ad accesso casuale) tipica memoria di lavoro di un PC La RAM è una memoria volatile. Si divide in: DRAM Dynamic RAM bassa velocità, grande capacità, basso costo, richiede refresh SRAM Static RAM alta velocità, minore capacità, costo maggiore SDRAM Synchronous DRAM (DRAM sincrona) incremento prestazioni della DRAM ROM PROM EPROM Read Only Memory (memoria di sola lettura) I dati possono essere letti ma non modificati, in quanto i dati sono scritti in modo permanente durante la fase di costruzione. La ROM non è una memoria volatile. Programmable ROM (ROM programmabile) La realizzazione è molto costosa, per questo vengono sviluppati circuiti integrati vuoti che possono essere configurati tramite un congegno elettrico: il programmatore. In seguito la memoria viene "bruciata" per bloccare i dati in una determinata posizione: è programmabile una sola volta. Erasable PROM (ROM cancellabile e programmabile) Configurate come le PROM con un apposita apparecchiatura, però i dati possono essere cancellati con gli ultravioletti, quindi è programmabile più volte. EEPROM Electrically Erasable PROM (ROM cancellabile e programmabile elettricamente) Queste memorie sono programmabili e modificabili elettricamente in un modo più pratico delle EPROM. Hanno una vasta diffusione nelle console, macchine fotografiche digitali, lettori MP3, supporti di dati,... I vantaggi sono ingombro limitato, accesso veloce, non hanno parti meccaniche e sono silenziose. Sono conosciute coi nomi di Memory Card, Memory Stick, Compact Flash, Multimedia Card, Memory Pen, carte SIM,... Logica di commutazione Per poter elaborare uno schema di comando e rinviare in un secondo tempo la scelta della sua realizzazione pratica utilizziamo degli elementi logici. Gli elementi logici lavorano con segnali binari e possiedono delle entrate (generalmente 2) e una uscita. Le possibili combinazioni si possono calcolare con N entrate: k = 2^N combinazioni = 2 elevato numero di entrate!! 6

7 Simboli base, di connessione, di equivalenza ed antivalenza!! 7

8 !! 8

9 !! 9

10 Realizzazione pratica tramite elementi pneumatici Realizzazione pratica tramite circuiti integrati Un circuito integrato (IC detto anche chip) è un componente al cui interno è inserito un circuito elettronico sostituito da poche unità a molte decine di milioni di componenti elettronici elementari come transistor, diodi, condensatori e resistenze su un substrato di materiale semiconduttore. La combinazione di questi elementi formano le funzioni logiche. Logica sequenziale Nella logica sequenziale viene introdotto un passo successivo di comando e di regolazione con elementi di memoria e di tempo.!! 10

11 Temporizzatori Mono-Flop Applicazioni: tergicristalli automobile illuminazione scale di un palazzo asciugamani ad aria calda nei WC!! 11

12 Flip-Flop I Flip-Flop sono elementi, o circuiti semplici, utilizzati come dispositivi di memoria per la memorizzazione per lungo tempo di un segnale. Esistono diversi tipi di Flip-Flop: SR, JK, T, D. Flip-Flop Set-Reset (SR) il Flip-Flop ha due ingressi: S (set) e R (reset), generalmente ha anche 2 uscite: Q e Q inverso quando il segnale di S = 1 (e R = 0) il Flip-Flop si "setta" cioè porta il valore di Q a 1 (indipendentemente alla durata del segnale S) quando il segnale di R = 1 ( e S = 0) il Flip-Flop si "resetta" cioè porta il valore di Q a 0 (indipendentemente dalla durata del segnale R) se entrambe le entrate S e R sono a 0 il Flip-Flop si trova in uno stato "neutro" e mantiene il valore delle uscite all'ultimo stato impostato con una delle entrate S o R. In questo caso il Flip-Flop fa da memoria. con lo stato S = 1 e R = 1 abbiamo una condizione non definita che porta ad un non funzionamento dell'elemento o ad una sua insatabilità. Per questa ragione la condizione S = 1 e R = 1 non viene ammessa.!! 12

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione:

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione: Modulo 1 Le memorie Le Memorie 4 ETA Capitolo 1 Struttura di un elaboratore Un elaboratore elettronico è un sistema capace di elaborare dei dati in ingresso seguendo opportune istruzioni e li elabora fornendo

Dettagli

ECDL MODULO 1 Le Memorie. Prof. Michele Barcellona

ECDL MODULO 1 Le Memorie. Prof. Michele Barcellona ECDL MODULO 1 Le Memorie Prof. Michele Barcellona Le memorie servono a memorizzare dati e programmi Memoria Memorie CPU Centrale di massa Periferiche I/O Bus Memoria Centrale E una memoria a semiconduttore

Dettagli

Memoria secondaria. Memoria secondaria

Memoria secondaria. Memoria secondaria Memoria secondaria La CPU opera su programmi e dati presenti nella RAM, ma questa da sola non basta a contenere tutti i programmi e i dati presenti sull elaboratore. Per questo motivo i dati e i programmi

Dettagli

Memoria secondaria. Architettura dell elaboratore. Memoria secondaria. Memoria secondaria. Memoria secondaria

Memoria secondaria. Architettura dell elaboratore. Memoria secondaria. Memoria secondaria. Memoria secondaria Architettura dell elaboratore Capacità di memorizzazione dei dispositivi di memoria: Memoria centrale attualmente si arriva ad alcuni GB centinaia di GB o TB Memoria principale e registri: volatilità,

Dettagli

Gerarchia delle memorie

Gerarchia delle memorie Memorie Gerarchia delle memorie Cache CPU Centrale Massa Distanza Capacità Tempi di accesso Costo 2 1 Le memorie centrali Nella macchina di Von Neumann, le istruzioni e i dati sono contenute in una memoria

Dettagli

MEMORIA CENTRALE. eseguire o dei dati da elaborare) e scrittura (ad es. dei dati elaborati).

MEMORIA CENTRALE. eseguire o dei dati da elaborare) e scrittura (ad es. dei dati elaborati). MEMORIA CENTRALE Insieme di celle, ciascuna delle quali è individuata da un indirizzo espresso da n bit (n = lunghezza del registro MA). Es. Registro Indirizzi di 32 bit 2 32 celle = 4 Gcelle 4 Gbyte Il

Dettagli

Lez. 5 Memorie Secondarie

Lez. 5 Memorie Secondarie Prof. Giovanni Mettivier 1 Dott. Giovanni Mettivier, PhD Dipartimento Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II Compl. Univ. Monte S.Angelo Via Cintia, I-80126, Napoli mettivier@na.infn.it +39-081-676137

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Memorie secondarie o di massa Le memorie secondarie

Dettagli

Lez. 6 Memorie Secondarie. Prof. Pasquale De Michele (Gruppo 2) e Raffaele Farina (Gruppo 1) 1

Lez. 6 Memorie Secondarie. Prof. Pasquale De Michele (Gruppo 2) e Raffaele Farina (Gruppo 1) 1 Lez. 6 Memorie Secondarie Prof. Pasquale De Michele (Gruppo 2) e Raffaele Farina (Gruppo 1) 1 Dott. Pasquale De Michele Dott. Raffaele Farina Dipartimento di Matematica e Applicazioni Università di Napoli

Dettagli

Organizzazione della memoria

Organizzazione della memoria Memorizzazione dati La fase di codifica permette di esprimere qualsiasi informazione (numeri, testo, immagini, ecc) come stringhe di bit: Es: di immagine 00001001100110010010001100110010011001010010100010

Dettagli

Esempio di Motherboard (Scheda Madre)

Esempio di Motherboard (Scheda Madre) 1:ISA slot 2:PCI slot 3:AGP slot 4:ATX power connector 5:Chipset 6:CPU socket 7:RAM slot 8:IDE connector 9:Floppy disk connector 10:Batteria 11:BIOS chip Esempio di Motherboard (Scheda Madre) La memoria

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 02 Guardiamo dentro alla scatola: l hardware In questa lezione impareremo: a conoscere le parti che permettono a un computer di elaborare e

Dettagli

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO. ---- Memorie ---- Materia: Elettronica. Ricca Giuseppe Scalise Pietro Scalise Teresa. prof. Ing.

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO. ---- Memorie ---- Materia: Elettronica. Ricca Giuseppe Scalise Pietro Scalise Teresa. prof. Ing. I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO a.s. 2010/2011 -classe III- Materia: Elettronica ---- Memorie ---- alunni Ricca Giuseppe Scalise Pietro Scalise Teresa prof. Ing. Zumpano Luigi LE MEMORIE Le memorie sono dispositivi

Dettagli

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale)

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tipologie di memoria: Elettroniche Magnetiche Ottiche La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tempo di accesso:

Dettagli

Dispositivi di memorizzazione

Dispositivi di memorizzazione Dispositivi di memorizzazione Corso di Calcolatori Elettronici I Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università degli Studi di Napoli Federico II Necessità della memoria di massa La memoria RAM»

Dettagli

SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI

SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì, 14.00-15.30. Aula opposta aula 10b Modalità esame: scritto + tesina facoltativa

Dettagli

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE MEMORIE SECONDARIE I dati e i programmi devono essere conservati su memorie non volatili, di adeguate dimensioni e di costo contenuto. Occorre utilizzare dispositivi di memoria di massa quali ad esempio

Dettagli

Lezione 4: Hardware (cont(

Lezione 4: Hardware (cont( Lezione 4: Hardware (cont( cont.) Memorie Periferiche ed interfacce di I/O La memoria La memoria Le memorie sono dispositivi usati per immagazzinare e reperire informazioni: dati e i programmi Supporto

Dettagli

Materiali per il modulo 1 ECDL. Autore: M. Lanino

Materiali per il modulo 1 ECDL. Autore: M. Lanino Materiali per il modulo 1 ECDL Autore: M. Lanino RAM, l'acronimo per "random access memory", ovvero "memoria ad acceso casuale", è la memoria in cui vengono caricati i dati che devono essere utilizzati

Dettagli

Memorie di massa. Dischi magnetici

Memorie di massa. Dischi magnetici Memorie di massa Dischi magnetici Sono costituiti da piatti rigidi (hard disk) o flessibili (Floppy disk) con ciascuna superficie ricoperta da materiale magnetizzabile Sono posti in rotazione a velocità

Dettagli

Memorizzazione delle informazioni

Memorizzazione delle informazioni Memorizzazione delle informazioni Parte 1 Definizioni Linguaggio binario Gli odierni calcolatori digitali (o elaboratori, o computer) operano in linguaggio binario Un linguaggio binario è composto da simboli

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 02 Guardiamo dentro alla scatola: l hardware In questa lezione impareremo: a conoscere le parti che permettono a un computer di elaborare e

Dettagli

Lezione 3 ARCHITETTURA: JOHN VON NEUMANN (1946) INPUT OUTPUT MEMORIA CPU MEMORIE

Lezione 3 ARCHITETTURA: JOHN VON NEUMANN (1946) INPUT OUTPUT MEMORIA CPU MEMORIE Lezione 3 ARCHITETTURA: JOHN VON NEUMANN (1946) INPUT OUTPUT MEMORIA CPU Bus MEMORIE RAM (Random Access Memory). Memoria Centrale, Memoria di Lavoro, Memoria principale. Consiste in una matrice di celle

Dettagli

Tecnologie Informatiche n 3 LE MEMORIE

Tecnologie Informatiche n 3 LE MEMORIE LE MEMORIE La memoria è la parte del computer destinata a conservare informazioni per un certo periodo di tempo. Le memorie si dividono in Memorie principali o centrali Sono anche dette memorie veloci

Dettagli

Livello logico digitale. bus e memorie

Livello logico digitale. bus e memorie Livello logico digitale bus e memorie Principali tipi di memoria Memoria RAM Memorie ROM RAM (Random Access Memory) SRAM (Static RAM) Basata su FF (4 o 6 transistor MOS) Veloce, costosa, bassa densità

Dettagli

Le Memorie interne: RAM, ROM, cache. Appunti per la cl. IV sez. D a cura del prof. Ing. Mario Catalano

Le Memorie interne: RAM, ROM, cache. Appunti per la cl. IV sez. D a cura del prof. Ing. Mario Catalano Le Memorie interne: RAM, ROM, cache Appunti per la cl. IV sez. D a cura del prof. Ing. Mario Catalano 1 Le memorie Cosa vorremmo : una memoria veloce abbastanza grande da contenere tutti i dati e i programmi

Dettagli

La Memoria Principale. La Memoria Principale. La Memoria Interna. La Memoria Principale

La Memoria Principale. La Memoria Principale. La Memoria Interna. La Memoria Principale Fondamenti di Informatica B Lezione n.13 n.13 Fondamenti di Informatica B Lezione n. 13 MEMORIE VLSI, MEMORIE MAGNETICHE EVOLUZIONE, COSTI, CAPACITÀ, PRESTAZIONI CONCETTI DI BASE E TECNOLOGIA DELLE MEMORIE

Dettagli

LABORATORIO DI SISTEMI

LABORATORIO DI SISTEMI ALUNNO: Fratto Claudio CLASSE: IV B Informatico ESERCITAZIONE N : 1 LABORATORIO DI SISTEMI OGGETTO: Progettare e collaudare un circuito digitale capace di copiare le informazioni di una memoria PROM in

Dettagli

Le memorie. Introduzione

Le memorie. Introduzione Le memorie Introduzione Una memoria è un sistema elettronico in grado di immagazzinare dati in forma binaria, per poi renderli disponibili ad ogni richiesta. Tale sistema è costituito da un insieme di

Dettagli

La Memoria d Uso. La Memoria d Uso

La Memoria d Uso. La Memoria d Uso Fondamenti dell Informatica A.A. 2000-2001 La Memoria d Uso Prof. Vincenzo Auletta 1 Fondamenti dell Informatica A.A. 2000-2001 Memorie di Massa Processore CU e ALU Memorie di massa esterne La Memoria

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Memorie di massa!2 Le memorie di massa Le memorie secondarie o di massa sono utilizzate per

Dettagli

Architettura di un sistema di elaborazione N.1

Architettura di un sistema di elaborazione N.1 Architettura di un sistema di elaborazione N.1 Le memorie (Unità 3) La memoria è la parte del computer destinata a conservare informazioni per un certo periodo di tempo. La memorizzazione di informazioni

Dettagli

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Le Memorie Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Memorie Memoria Principale (centrale) Si accede direttamente dalla CPU non permanente Memoria Secondaria (di massa) Si accede tramite il sottosistema di input/output

Dettagli

1.1.3.3. Dispositivi di memorizzazione

1.1.3.3. Dispositivi di memorizzazione 1.1.3.3 Dispositivi di memorizzazione Le memorie di massa come dicevamo sono destinate a conservare grandi quantità di dati necessari al computer anche quando questo è spento. Principalmente parliamo di

Dettagli

05 Le memorie secondarie. Dott.ssa Ramona Congiu

05 Le memorie secondarie. Dott.ssa Ramona Congiu 05 Le memorie secondarie Dott.ssa Ramona Congiu 1 Come vengono memorizzati i dati Nonostante le numerose funzioni che svolge, la memoria RAM dispone di uno spazio limitato, per cui no riesce a contenere

Dettagli

Unità Periferiche. Rete Di Controllo

Unità Periferiche. Rete Di Controllo MODELLO LOGICO-FUNZIONALE DI UN ELABORATORE Centrale di canale Periferiche CPU Memoria centrale ALU CU Memoria Locale ALU = Aritmetic Logic Unit CU = Registri CU ISTRUZIONE Decodificatore Rete Di Controllo

Dettagli

Le memorie di massa. Il disco floppy 1

Le memorie di massa. Il disco floppy 1 Le memorie di massa Tutti i sistemi di elaborazione dispongono di alcuni supporti per memorizzare permanentemente le informazioni: le memorie di massa Dischetti o floppy disk Dischi fissi o hard disk CD

Dettagli

I dischi ottici. Informatica di Base -- R.Gaeta 18

I dischi ottici. Informatica di Base -- R.Gaeta 18 I dischi ottici Le tecnologie dei dischi ottici sono completamente differenti e sono basate sull'uso di raggi laser Il raggio laser è un particolare tipo di raggio luminoso estremamente focalizzato che

Dettagli

Le Memorie. Il concetto di bit. Indirizzi di memoria. La memoria principale (RAM)

Le Memorie. Il concetto di bit. Indirizzi di memoria. La memoria principale (RAM) Le Memorie Giuseppe Pozzi Impianti di Elaborazione Facoltà di Ingegneria dell'informazione Politecnico di Milano giuseppe.pozzi@polimi.it - versione del 3 settembre 23 - La memoria principale (RAM) Bibliografia:

Dettagli

INFORMATICA CORSO DI INFORMATICA DI BASE ANNO ACCADEMICO 2015/2016 DOCENTE: SARRANTONIO ARTURO

INFORMATICA CORSO DI INFORMATICA DI BASE ANNO ACCADEMICO 2015/2016 DOCENTE: SARRANTONIO ARTURO INFORMATICA CORSO DI INFORMATICA DI BASE ANNO ACCADEMICO 2015/2016 DOCENTE: SARRANTONIO ARTURO PROGRAMMA Descrizione funzionale di un calcolatore elementare, COS'E' UN ELETTRONICO HARDWARE SOFTWARE HARDWARE

Dettagli

Informatica per l Ingegneria Industriale. Introduzione ai calcolatori

Informatica per l Ingegneria Industriale. Introduzione ai calcolatori Informatica per l Ingegneria Industriale Introduzione ai calcolatori Gualtiero Volpe gualtiero.volpe@unige.it 1. Struttura del calcolatore 1 Che cosa è un computer? A prescindere dalle dimensioni e dal

Dettagli

Informatica - A.A. 2010/11

Informatica - A.A. 2010/11 Ripasso lezione precedente Facoltà di Medicina Veterinaria Corso di laurea in Tutela e benessere animale Corso Integrato: Matematica, Statistica e Informatica Modulo: Informatica Esercizio: Convertire

Dettagli

Componenti del Sistema di Elaborazione

Componenti del Sistema di Elaborazione Componenti del Sistema di Elaborazione Il Sistema di Elaborazione Monitor Tastiera Processore Memoria Centrale (Programmi + Dati) Memorie di massa Altre periferiche Rete Rete a.a. 2002-03 L. Borrelli 2

Dettagli

Architettura di un PC

Architettura di un PC Architettura di un PC Hardware Insieme di circuiti elettronici ed elettromeccanici che costituiscono un calcolatore Architettura Combinazione delle funzionalità operative delle singole unità hardware del

Dettagli

1.4b: Hardware. (Memoria Centrale)

1.4b: Hardware. (Memoria Centrale) 1.4b: Hardware (Memoria Centrale) Bibliografia Curtin, Foley, Sen, Morin Informatica di base, Mc Graw Hill Ediz. Fino alla III : cap. 3.11, 3.13 IV ediz.: cap. 2.8, 2.9 Questi lucidi Memoria Centrale Un

Dettagli

L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono generalmente che le uscite di 2 o più componenti

L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono generalmente che le uscite di 2 o più componenti Banco di registri e memoria Corso ACSO prof. Cristina SILVANO Politecnico di Milano Componenti di memoria e circuiti di pilotaggio L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica per chimica industriale e chimica applicata e ambientale LEZIONE 4 - parte II La memoria 1 La memoriaparametri di caratterizzazione Un dato dispositivo di memoria è caratterizzato da : velocità di accesso,

Dettagli

Introduzione all uso del Personal Computer

Introduzione all uso del Personal Computer Introduzione all uso del Personal Computer Cenni di storia dei calcolatori Il Personal Computer: Processo di avvio del computer Sistemi Operativi Il computer, invece, è composto da piccoli rettangoli

Dettagli

Le memorie secondarie. Memoria magnetica. Memoria ottica. Memoria magneto-ottica

Le memorie secondarie. Memoria magnetica. Memoria ottica. Memoria magneto-ottica Le memorie secondarie Memoria magnetica Comprendono due elementi distinti: Il dispositivo ha la funzione di leggere e scrivere i dati Il supporto componente fisico su cui vengono immagazzinati i dati 1)

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Architettura di Von Neumann Memorie secondarie Dette anche Memoria

Dettagli

T9 REGISTRI, CONTATORI, MEMORIE A SEMICONDUTTORE

T9 REGISTRI, CONTATORI, MEMORIE A SEMICONDUTTORE T9 REGISTRI, CONTATORI, MEMORIE A SEMICONDUTTORE T9.1 I registri integrati hanno spesso una capacità di 4 bit o multipla di 4 bit. Nel linguaggio informatico un gruppo di 4 bit viene detto: [a] byte....

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

Architettura di un calcolatore

Architettura di un calcolatore Architettura di un calcolatore Appunti di Antonio BERNARDO Corso di Informatica di base A. Bernardo, Informatica di base 1 1 Compiti del computer Elaborazione di dati Memorizzazione di dati Scambio di

Dettagli

Architettura dei computer

Architettura dei computer Architettura dei computer In un computer possiamo distinguere quattro unità funzionali: il processore (CPU) la memoria principale (RAM) la memoria secondaria i dispositivi di input/output Il processore

Dettagli

Modulo 1. Sommario. Dispositivi di memoria. Memoria veloce. Rappresentazione logica di un elaboratore. ROM (Read Only Memory)

Modulo 1. Sommario. Dispositivi di memoria. Memoria veloce. Rappresentazione logica di un elaboratore. ROM (Read Only Memory) Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Dispositivi di memoria Concetti di base Hardware Dispositivi di memoria Software Reti informatiche Il computer nella vita di ogni giorno Information

Dettagli

Le memorie. Generalità E applicazioni

Le memorie. Generalità E applicazioni Le memorie Generalità E applicazioni Caratteristiche generali Tempo di risposta Capacità Alimentazione Dissipazione di potenza Numero di pin Costo per bit Modalità di accesso Per poter scrivere un dato

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni LEZIONE 2 (HARDWARE) a.a. 2011/2012 Francesco Fontanella Tre concetti Fondamentali Algoritmo; Automa (o anche macchina); Calcolo; 2 Calcolatore MACCHINA

Dettagli

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido.

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido. Informatica II Nozioni di hardware docente: Ilaria Venturini Componenti essenziali della struttura interna di un PC Porte Disco rigido CPU scheda video memorie scheda audio bus 1 Struttura hardware dell

Dettagli

P. L. C. Marino prof. Mazzoni. (Programmable Logic Controller)

P. L. C. Marino prof. Mazzoni. (Programmable Logic Controller) 1 P. L. C. Marino prof. Mazzoni (Programmable Logic Controller) Il PLC è nato nell anno 1960 concepito dalla General Motors, prima dell avvento del microprocessore. Negli anni 70 il PLC si trasformò da

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Architettura del calcolatore (seconda parte) Sotto-sistema di memoria! Due necessità contrastanti: 1. Elevata velocità di accesso 2. Elevata capacità (dimensioni)!

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it La memoria principale 2 izzazione della memoria principale ria principale è organizzata come

Dettagli

Reti logiche e componenti di un elaboratore

Reti logiche e componenti di un elaboratore FONDAMENTI DI INFORMATICA Ing. Davide PIERATTONI Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Reti logiche e componenti di un elaboratore 2000-2007 P.L. Montessoro - D. Pierattoni (cfr. nota di

Dettagli

Il computer e i suoi sottosistemi

Il computer e i suoi sottosistemi pag.1 Il primo approccio al COMPUTER è 'a scatola nera'. Individuiamo quindi: SCOPO Elaborare informazioni. Eseguire istruzioni INGRESSI Dati da elaborare. Istruzioni USCITE Dati elaborati SCHEMA A BLOCCHI:

Dettagli

I dischi magnetici floppy disk

I dischi magnetici floppy disk I dischi magnetici floppy disk I floppy disk (dischetti flessibili) sono supporti rimovibili Ogni elaboratore è dotato di almeno una unità di lettura-scrittura detta drive, all'interno della quale l'utente

Dettagli

I dischi ottici. Fondamenti di Informatica -- Rossano Gaeta 43

I dischi ottici. Fondamenti di Informatica -- Rossano Gaeta 43 I dischi ottici Le tecnologie dei dischi ottici sono completamente differenti e sono basate sull'uso di raggi laser Il raggio laser è un particolare tipo di raggio luminoso estremamente focalizzato che

Dettagli

Indice. 1 La memoria di un computer... 3

Indice. 1 La memoria di un computer... 3 INSEGNAMENTO DI INFORMATICA DI BASE LEZIONE IV I DISPOSITIVI DI MEMORIA PROF. GIOVANNI ACAMPORA Indice 1 La memoria di un computer... 3 1.1 L unità di misura della memoria... 4 1.2 Le memorie principali...

Dettagli

LA GESTIONE DELLA MEMORIA

LA GESTIONE DELLA MEMORIA LA GESTIONE DELLA MEMORIA Indice Introduzione La memoria virtuale La memoria centrale Memoria ROM Registri della CPU Memoria RAM Memoria Cache La memoria secondaria: i supporti magnetici Hard disk Floppy

Dettagli

La memoria. La memoria

La memoria. La memoria La memoria La memoria - Supporto alla CPU: deve fornire alla CPU dati e istruzioni il più rapidamente possibile - Archivio: deve consentire di archiviare dati e programmi garantendone la conservazione

Dettagli

Le infrastrutture Hardware: architettura

Le infrastrutture Hardware: architettura Le infrastrutture Hardware: architettura Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Il calcolatore: modello concettuale 1. Elaborazione 2. Memorizzazione Interconnessione

Dettagli

Architettura dei calcolatori

Architettura dei calcolatori Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica C.I. 3 Modulo Informatica 2 c.f.u. Anno Accademico 2009/2010 Docente: ing. Salvatore Sorce Architettura dei calcolatori II parte

Dettagli

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2)

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2) Modulo 1 Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2) Prof. Valerio Vaglio Gallipoli Rielaborazione: prof. Claudio Pellegrini - Sondrio LA CPU Central Processing Unit Detto anche processore,,

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

PLC Programmable Logic Controller

PLC Programmable Logic Controller PLC Programmable Logic Controller Sistema elettronico, a funzionamento digitale, destinato all uso in ambito industriale, che utilizza una memoria programmabile per l archiviazione di istruzioni orientate

Dettagli

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (DF-M) Memorie

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (DF-M) Memorie 2009-2010 Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (DF-M) 9 Memorie 1 Memoria In generale : qualsiasi supporto delegato alla memorizzazione di dati

Dettagli

Corso PLC - Manuale Pratico 1

Corso PLC - Manuale Pratico 1 Corso PLC - Manuale Pratico 1 "!#$ % L'unità centrale di un PLC, chiamata più semplicemente CPU, normalmente occupa il primo modulo del rack. Si individua subito in quanto tipicamente è dotata di un selettore,

Dettagli

Il sistema di elaborazione

Il sistema di elaborazione Il sistema di elaborazione Stefano Brocchi stefano.brocchi@unifi.it Stefano Brocchi Il sistema di elaborazione 1 / 37 Informatica Il termine informatica deriva dalle parole informazione e automatica Stefano

Dettagli

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer MONIA MONTANARI Appunti di Trattamento Testi Capitolo 1 Il Computer 1. Introduzione La parola informatica indica la scienza che rileva ed elabora l informazione, infatti : Informatica Informazione Automatica

Dettagli

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C.

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. L automazione di un qualunque procedimento industriale si ottiene mediante un insieme d apparecchiature, opportunamente collegate tra loro, in modo

Dettagli

Organizzazione della memoria principale Il bus

Organizzazione della memoria principale Il bus Corso di Alfabetizzazione Informatica 2001/2002 Organizzazione della memoria principale Il bus Organizzazione della memoria principale La memoria principale è organizzata come un insieme di registri di

Dettagli

Le memorie. Università degli Studi di Salerno

Le memorie. Università degli Studi di Salerno Le memorie Università degli Studi di Salerno Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Informatica generale (matr. Dispari) Docente: Angela Peduto A.A. 25/26 Le memorie Cosa vorremmo : una memoria

Dettagli

SISTEMI E APPLICAZIONI PER L AMMINISTRAZIONE DIGITALE

SISTEMI E APPLICAZIONI PER L AMMINISTRAZIONE DIGITALE Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Giurisprudenza Scienze dell amministrazione pubblica e privata (Classe LM-63) SISTEMI E APPLICAZIONI PER L AMMINISTRAZIONE DIGITALE LE MEMORIE DI MASSA

Dettagli

SOMMARIO. La CPU I dispositivi iti i di memorizzazione Le periferiche di Input/Output. a Montagn Maria

SOMMARIO. La CPU I dispositivi iti i di memorizzazione Le periferiche di Input/Output. a Montagn Maria Parte 4: HARDWARE SOMMARIO La CPU I dispositivi iti i di memorizzazione i Le periferiche di Input/Output na a Montagn Maria LA CPU CPU: Central Processing Unit. L unità centrale di processo si occupa dell

Dettagli

Architettura del computer (C.Busso)

Architettura del computer (C.Busso) Architettura del computer (C.Busso) Il computer nacque quando fu possibile costruire circuiti abbastanza complessi in logica programmata da una parte e, dall altra, pensare, ( questo è dovuto a Von Neumann)

Dettagli

DEFINIZIONE 1/2 memoria ad accesso casuale RAM

DEFINIZIONE 1/2 memoria ad accesso casuale RAM CORSO BASE DI TECNICO RIPARATORE HARDWARE RAM Docente: Dott. Ing. Antonio Pagano DEFINIZIONE 1/2 In informatica la memoria ad accesso casuale, acronimo RAM (del corrispondente termine inglese Random-Access

Dettagli

Architettura dei calcolatori I parte Introduzione, CPU

Architettura dei calcolatori I parte Introduzione, CPU Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica C.I. 1 Informatica ed Elementi di Statistica 2 c.f.u. Anno Accademico 2009/2010 Docente: ing. Salvatore Sorce Architettura dei calcolatori

Dettagli

03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu

03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu 03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu 1 Anatomia del computer Dott.ssa Ramona Congiu 2 L Unità centrale 3 Anatomia del computer 4 La scheda madre All interno del computer

Dettagli

Corso di Informatica. ASP G. Mazzini 2004-05

Corso di Informatica. ASP G. Mazzini 2004-05 Corso di Informatica ASP G. Mazzini 2004-05 Hardware, software, information technology Qual è il significato del termine informatica? E' la scienza che si propone di raccogliere, organizzare, conservare

Dettagli

CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012

CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012 CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012 COS È L INFORMATICA? Il termine informatica proviene dalla lingua francese, esattamente da INFORmation electronique ou automatique ; tale termine intende che

Dettagli

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014 Corso: Informatica+ Andrea Cremonini Lezione del 20/10/2014 1 Cosa è un computer? Un elaboratore di dati e immagini Uno smartphone Il decoder di Sky Una console di gioco siamo circondati! andrea.cremon

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Fogli di Calcolo Reti informatiche

Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Fogli di Calcolo Reti informatiche Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Fogli di Calcolo Reti informatiche Laboratorio di Informatica - CLEF 7 Ci sono due modi per non

Dettagli

L architettura del calcolatore (Terza parte)

L architettura del calcolatore (Terza parte) L architettura del calcolatore (Terza parte) Ingegneria Meccanica e dei Materiali Università degli Studi di Brescia Prof. Massimiliano Giacomin I dispositivi periferici periferia parte centrale sottosistema

Dettagli

Architettura hardware

Architettura hardware Ricapitolando Architettura hardware la parte che si può prendere a calci Il funzionamento di un elaboratore dipende da due fattori principali 1) dalla capacità di memorizzare i programmi e i dati 2) dalla

Dettagli

Dispensa di Informatica I.4

Dispensa di Informatica I.4 LA MEMORIA In ambito informatico la memoria è la parte del computer destinata a conservare informazioni per un certo periodo di tempo. La memorizzazione di informazioni in memoria, e il successivo recupero

Dettagli

Elementi di Informatica. Hardware

Elementi di Informatica. Hardware Elementi di Informatica Hardware Scopo della lezione Introduzione alle tecnologie ICT L'hardware Il processore La memoria Tipologie di computer Personal computer Notebook/Laptop Palmare Console da gioco

Dettagli

INFORMATICA, IT e ICT

INFORMATICA, IT e ICT INFORMATICA, IT e ICT Informatica Informazione automatica IT Information Technology ICT Information and Communication Technology Computer Mini Computer Mainframe Super Computer Palmare Laptop o Portatile

Dettagli

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it INFORMATION TECNOLOGY 1 a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it 1 IT, HARDWARE E SOFTWARE Information Tecnology (o Informazione automatica): tecnologia hadware e software utilizzata per la progettazione

Dettagli

Lo schema funzionale di un PC corrisponde ancora oggi a quello della macchina di Von Neumann

Lo schema funzionale di un PC corrisponde ancora oggi a quello della macchina di Von Neumann Lo schema funzionale di un PC corrisponde ancora oggi a quello della macchina di Von Neumann MA lo sviluppo della tecnologia e del software ha permesso la realizzazione di computer sempre più veloci e

Dettagli

Le memorie di massa e i dispositivi di memorizzazione

Le memorie di massa e i dispositivi di memorizzazione Le memorie di massa e i dispositivi di memorizzazione Le memorie di massa Per molti anni, ai tempi delle prime applicazioni gestionali dell informatica moderna, la scheda perforata è stata il più diffuso

Dettagli

Dispositivi di ingresso/uscita (I/O)

Dispositivi di ingresso/uscita (I/O) Dispositivi di ingresso/uscita (I/O) Possono essere i piu svariati: mouse, tastiera, monitor, altoparlanti, stampanti, ecc. Tra essi rivestono un importanza particolare i dispositivi di memorizzazione

Dettagli