Retroazione In lavorazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Retroazione In lavorazione"

Transcript

1 Retroazione 1 In lavorazione.

2 Retroazione - introduzione La reazione negativa (o retroazione), consiste sostanzialmente nel confrontare il segnale di uscita e quello di ingresso di un dispositivo / circuito, allo scopo di rendere più stabile la relazione tra questi due segnali. Essa è da molto tempo applicata nel controllo dei sistemi industriali, ma la formulazione matematica dei suoi principi è dovuta a H.S. Black che nel 1934 ha pubblicato dei lavori sull applicazione di tali principi agli amplificatori elettronici. 2

3 Retroazione Una importante proprietà della retroazione può essere subito compresa se si analizza la sua applicazione agli amplificatori elettronici nell esempio dovuto a J. H. Pierce, che è qui di seguito presentato. Vi Av=10 Vo Vi Av=5 Vo Vi = 1V Vo = 10V Vi = 1V Vo = 5V A = 10-5 = 5 A / A = 5 / 10 = % Vo = 10V 5V = 5V Vo / Vo = 5V / 10V = % Dunque: una variazione dell amplificazione A del 50% comporta un variazione della tensione di uscita del 50%, quindi uguale. 3

4 Retroazione Vi Ve Av=100 Vo Vi Ve Av=50 Vo Vr= 0.9 V Vr 0.09 Vr= V Vr 0.09 Vi= 1V Vo= 10V Vi= 1V Vo= 9.09 V Vi = 1V Vo = 10V Vi = 1V Vo = 9.09V A = = 50 A / A = 50 / 100 = % Vo = 10V 9.09V = 0.91V Vo / Vo = 0.91V / 10V = % Dunque: una variazione dell amplificazione A del 50% comporta un variazione della tensione di uscita dell amplificatore retroazionato del 9.1%, quindi sensibilmente inferiore. Pertanto la retroazione STABILIZZA il guadagno di un amplificatore rispetto alle variazioni di A. 4

5 PROPRIETA DELLA RETROAZIONE Retroazione La retroazione negativa è utilizzata nel progetto degli amplificatori allo scopo di modificarne il funzionamento. Infatti essa può servire a: stabilizzare il guadagno stabilizzare il punto di riposo modificare la resistenza di ingresso o di uscita modificare la risposta in frequenza ridurre gli effetti dei disturbi ridurre la distorsione ASPETTI NEGATIVI Osserviamo però che retroazionare un amplificatore comporta: riduzione del guadagno problemi di stabilità (oscillazioni). 5

6 Retroazione SISTEMA RETROAZIONATO: SCHEMA CANONICO E DEFINIZIONI Definizioni: A = guadagno ad anello aperto (open loop gain) β = fattore di retroazione A β = guadagno d anello (loop gain) 1+ A β = grado (coefficiente) di retroazione ( numero magico ) Si + - Se A So Sr β Nota: A e β sono in generale numeri complessi funzione della frequenza: A(jω), β(jω). 6

7 Retroazione DETERMINAZIONE DEL GUADAGNO AD ANELLO CHIUSO DI UN AMPLIFICATORE RETROAZIONATO Si + - Se A So Sr β Si ha: So = A Se Sr = β So Se = Si Sr Quindi: So = A ( Si Sr ) e perciò: So = A ( Si β So ) ed ancora So = A Si A β So e poi So + A β So = A Si 7

8 Retroazione raccogliendo So si ha: So (1 + A β) = A Si. Dividendo poi i due membri per Si: (So / Si) (1 + A β) = A Infine, indicando il rapporto So / Si con A R, si ottiene l equazione canonica: A R = 1+ A A β 8

9 Retroazione Negativa e Positiva RETROAZIONE NEGATIVA (degenerativa) Si ha, quando il segnale d errore Se è inferiore al segnale d ingresso Si: Se < Si Ora, essendo: Ar = So / Si e A = So / Se ne deriva che: Ar < A Quindi: 1 + A β > 1 NOTA: la retroazione negativa causa la diminuzione dell amplificazione A R, poiché fa diminuire il segnale applicato all amplificatore base A. 9

10 Retroazione Negativa e Positiva RETROAZIONE POSISTIVA (rigenerativa) Si ha, quando il segnale d errore Se è superiore al segnale d ingresso Si: Se > Si Ora, essendo: Ar = So/ Si e A = So/ Se ne deriva che: Ar > A Quindi: 1 + A β < 1 NOTA: la retroazione positiva causa l aumento dell amplificazione A R, poiché fa aumentare il segnale applicato all amplificatore base A. 10

11 Retroazione effetto sul guadagno Osservazione importante. Nel caso in cui si abbia un elevato valore del guadagno d anello, cioè quando A β >> 1, l equazione canonica si semplifica ( 1 si trascura) e pertanto si ha: A R1 A Aβ quindi A R1 1 β Questa ultima formula mostra che, in un amplificatore reazionato negativamente, A R dipende solo dal blocco di reazione β. Per ottenere una relazione ingresso-uscita STABILE è perciò sufficiente che tale blocco sia formato da elementi circuitali stabili e precisi (componenti passivi di buona qualità, ad esempio). 11

12 Retroazione - effetto sul guadagno Tuttavia, utilizzare la relazione approssimata A R1 al posto di quella canonica A R, comporta un errore. Calcoliamolo. Essendo A R1 il guadagno approssimato e pari a 1/β, si ha per l errore assoluto ε A R1 A R β 1 1 ( ) + Aβ ε r ε A R β 1 1 ( + Aβ) L errore relativo è cioè A 1+ A β ε r 1 Aβ Quello percentuale: ε r% ε r

13 Retroazione - stabilizzazione guadagno Importante effetto della retroazione è la stabilizzazione del guadagno di un amplificatore. Infatti sono molti i fattori che possono determinare una variazione del guadagno ad anello aperto A, modificando i parametri dei componenti; tra questi: invecchiamento dei componenti variazioni di temperatura sostituzione di componenti guasti. La retroazione negativa di un ampificatore RIDUCE la SENSIBILITÀ dell amplificatore rispetto a tali variazioni. Valutiamo quantitativamente questo effetto. 13

14 Retroazione - stabilizzazione guadagno Indichiamo con A la variazione dell amplificazione ad anello aperto A, dovuta alle cause prima esaminate, e con A R quella subita, per conseguenza, dall amplificazione retroazionata A R. Le variazioni relative saranno allora: Per l amplificazione ad anello aperto A: Per l amplificazione ad anello chiuso A R : A A A R A R Si può dimostrare che la variazione relativa dell amplificazione retroazionata è A R A R A A A β 14

15 Retroazione - stabilizzazione guadagno La precedente relazione mostra che: la variazione relativa dell amplificazione ad anello chiuso è RIDOTTA di un fattore pari a 1/1+Aβ rispetto a quella relativa di A. Cioè l amplificatore retroazionato è desensibilizzato rispetto alle variazioni dell amplificazione ad anello aperto A. Il fattore 1/1+Aβ è pertanto spesso definito come FATTORE DI DESENSIBILIZZAZIONE. 15

16 Retroazione riduzione distorsione ln generale un bipolo si dice a caratteristica lineare quando la funzione che lega la tensione ad esso applicata alla corrente che lo percorre è di PRIMO grado. Ad esempio (legge di Ohm): V = R I. Se invece la caratteristica del bipolo non è lineare, il legame tra V ed I è una funzione di grado superiore al primo (ad esempio di secondo o di terzo grado). 16

17 Retroazione riduzione distorsione Quando un generico circuito contiene dispositivi a caratteristica non lineare, la legge che lega il segnale d'ingresso a quello di uscita non sarà rappresentata da un equazione di primo grado, ma da una funzione di grado superiore. Ad esempio, in un quadripolo non lineare le tensioni di ingresso ed uscita potrebbero essere legate dalla relazione seguente: Se all'ingresso di un tale quadripolo si applicasse un segnale sinusoidale, in uscita si avrebbe 17

18 Retroazione riduzione distorsione che, utilizzando una nota formula di trigonometria, diventa Da una successiva elaborazione algebrica si ha: Pertanto: ad una tensione d'ingresso sinusoidale non corrisponde in uscita una tensione sinusoidale, ma una tensione costituita da un termine costante e da due componenti sinusoidali, una di frequenza pari a quella del segnale d'ingresso (armonica fondamentale) e l'altra di frequenza doppia (seconda armonica). 18

19 Retroazione riduzione distorsione Se la funzione di non linearità fosse stata di terzo grado, si sarebbe ottenuta in uscita anche una componente di frequenza tripla di quella del segnale d'ingresso (terza armonica), e così via. In conclusione, la non linearità produce all'uscita la comparsa di armoniche non presenti nel segnale d'ingresso. Per tale ragione la DISTORSIONE che subisce il segnale di uscita (distorsione di non linearità) viene detta anche distorsione armonica. 19

20 Retroazione riduzione distorsione La valutazione della distorsione armonica di un quadripolo si effettua mediante il parametro quando all'ingresso di esso è applicato un segnale sinusoidale. Normalmente, dal punto di vista della distorsione, un quadripolo è caratterizzato mediante il coefficiente di distorsione armonica totale (THD), espresso in percentuale: 20

21 Retroazione riduzione distorsione Nel caso (usuale) in cui il valore efficace V1 della fondamentale è molto maggiore dei valori efficaci V2, V3,...,Vn delle singole armoniche, il coefficiente di distorsione totale è, più semplicemente: Se poi si definiscono i coefficienti di distorsione di 2 a, 3 a, 4 a,... armonica, come la distorsione armonica totale può, più semplicemente, essere data da: 21

22 Retroazione riduzione distorsione Negli amplificatori la distorsione di non linearità riguarda di solito soltanto stadio finale di potenza, dove il segnale d'ingresso è così ampio da interessare anche il tratto non lineare della caratteristica ingresso-uscita Applicando a questo stadio una REAZIONE NEGATIVA, è possibile ridurre l ampiezza delle armoniche di distorsione presenti nel segnale di uscita. La riduzione di guadagno che la controreazione comporta può essere compensata con l'aggiunta di uno stadio preamplificatore che, funzionando a bassi livelli di tensione e corrente, può essere fatto lavorare nel tratto lineare della sua caratteristica di uscita, senza introdurre distorsione di non linearità. 22

23 Retroazione riduzione distorsione Per valutare l'effetto di riduzione della distorsione ad opera della controreazione, si può fare riferimento allo schema a blocchi di fig.1a. In essa il blocco A è considerato lineare, ma alla sua uscita viene sommato il segnale Vr, non presente nel segnale d'ingresso, corrispondente per esempio alla componente di distorsione di seconda armonica. Fig 1a 23

24 Retroazione riduzione distorsione ll nodo di applicazione di Vo può essere spostato a monte dell'amplificatore (dopo essere stato diviso per A), e fuso con il nodo di confronto (fig. 1b). Fig 1b 24

25 Retroazione riduzione distorsione ln assenza di reazione, il segnale di uscita è: con coefficiente di distorsione: In presenza della controreazione, si ha invece: 25

26 Retroazione riduzione distorsione Se allora si aggiunge uno stadio preamplificatore lineare con amplificazione pari a 1+ βa, il nuovo segnale di uscita diventa cioè un segnale avente una componente fondamentale AVi uguale a quella in assenza di reazione, ma con coefficiente di distorsione ridotto in rapporto al fattore di desensibilizzazione dell'amplificatore reazionato: 26

27 Retroazione riduzione distorsione Negli amplificatori, oltre a generare in uscita armoniche indesiderate, la non linearità ha l'effetto di rendere il guadagno dipendente dall'ampiezza segnale d'ingresso. Su questo effetto è basato il metodo pratico comunemente usato per descrivere la non linearità, mediante un grafico che rappresenta la potenza del segnale di uscita in funzione della potenza del segnale d'ingresso, quando quest'ultimo è un segnale sinusoidale. Per la costruzione del grafico si considera la sola componente fondamentale dell'uscita (trascurando le armoniche a frequenza multipla di quella segnale d'ingresso) e la curva risultante viene detta curva AM-AM. 27

28 Retroazione riduzione distorsione Questa denominazione deriva dal fatto che ad una variazione periodica o modulazione di ampiezza del segnale d'ingresso (Amplitude Modulation) corrisponde una modulazione distorta del segnale di uscita, differente da quella di ingresso che I'ha prodotta. La seguente figura rappresentata una tipica curva AM-AM. Le potenze sui due assi sono espresse in dbm (livelli rispetto a 1 mw). La retta tratteggiata esprime un comportamento ideale, privo di distorsione di non linearità. 28

29 Retroazione riduzione distorsione Un parametro caratteristico degli amplificatori, deducibile dalla curva AM, e il cosiddetto punto di compressione a 1 db: P c1db. Esso è definito come: il valore della potenza d'ingresso in corrispondenza della quale la potenza di uscita e inferiore di 1 db a quella prevista dal comportamento reale. In realtà la semplice riduzione del guadagno non è un effetto importante, ma è indicativa della non linearità e del fatto che in tali condizioni si generano frequenze armoniche non desiderate. Generalmente, quindi, un amplificatore deve essere utilizzato con una potenza d'ingresso inferiore al punto di compressione a 1 db. 29

30 Tipi di Retroazione Negativa Con riferimento allo schema a blocchi generale di un amplificatore reazionato, i vari tipi di reazione possono essere classificati in base al modo con cui si effettua il PRELIEVO all'uscita del segnale da inviare al blocco di reazione al modo con cui si effettua il CONFRONTO tra il segnale d'ingresso e quello di reazione. Si + - Se A So Sr β 30

31 Tipi di Retroazione Negativa Secondo il modo di PRELIEVO si distinguono i due tipi di reazione seguenti: reazione di tensione: il segnale prelevato in uscita è la tensione presente ai capi del carico dell'amplificatore; ciò significa che l'ingresso del blocco di reazione è collegato in parallelo all'uscita dell'amplificatore; reazione di corrente: la grandezza prelevata in uscita è la corrente nel carico, perchè I'ingresso del blocco di reazione è collegato in serieall'uscita dell'amplificatore base, formando una maglia in comune con il carico. 31

32 Tipi di Retroazione Negativa A seconda del tipo di confronto, si distinguono due tipi di comparazione: comparazione serie: I'uscita del blocco di reazione ed il generatore del segnale d'ingresso formano una maglia unica all'ingresso dell'amplificatore, per cui il confronto avviene sotto forma di differenza fra tensioni; comparazione parallelo: I'uscita del blocco di reazione è collegata in parallelo al generatore di segnale, formando così un nodo in cui avviene il confronto fra le correnti che vi confluiscono. 32

33 Tipi di Retroazione Negativa Combinando le varie modalità di prelievo e di confronto, si ottengono quattro configurazioni fondamentali di reazione seguenti: a) tensione-serie; b) tensione-parallelo; c) corrente-serie; d) corrente-parallelo. 33

34 a) tensione - serie Tipi di Retroazione Negativa Confronto: tensione Prelievo: tensione 34

35 b) tensione - parallelo Tipi di Retroazione Negativa Confronto: corrente Prelievo: tensione 35

36 c) corrente - serie Tipi di Retroazione Negativa Confronto: tensione Prelievo: corrente 36

37 d) corrente - parallelo Tipi di Retroazione Negativa Confronto: corrente Prelievo: corrente 37

38 Resistenze d'ingresso e di uscita Gli effetti della reazione negativa sui valori della resistenza d'ingresso e di quella di uscita dipendono dal tipo di reazione: dal tipo di comparazione all'ingresso (serie o parallelo) per la resistenza d'ingresso dal tipo di segnale prelevato all'uscita (tensione o corrente) per la resistenza di uscita. Qualitativamente si possono prevedere i seguenti effetti: 38

39 Resistenze d'ingresso e di uscita nella comparazione serie, la tensione di reazione V R si oppone alla tensione d'ingresso V i per cui la corrente d'ingresso dell'amplificatore è minore di quella in assenza di reazione: la resistenza d'ingresso aumenta; Confronto: tensione 39

40 Resistenze d'ingresso e di uscita nella comparazione parallelo, la corrente fornita dal generatore di segnale in presenza di reazione è maggiore di quella in assenza di reazione, perchè comprende anche la corrente di reazione IR: la resistenza d'ingresso diminuisce Confronto: corrente 40

41 Resistenze d'ingresso e di uscita la reazione negativa di tensione stabilizza la tensione di uscita, tendendo a renderla indipendente dal carico; pertanto, all'aumentare del grado di reazione, l'amplificatore si comporta sempre più da generatore ideale di tensione (resistenza interna nulla), e ciò equivale a dire che la resistenza di uscita diminuisce; Prelievo: tensione 41

42 Resistenze d'ingresso e di uscita la reazione negativa di corrente stabilizza la corrente di uscita, tendendo a renderla indipendente dal carico; pertanto, all'aumentare del grado di reazione, l'amplificatore sì comporta sempre più da generatore ideale di corrente (resistenza interna infinita), e ciò equivale a dire che la resistenza di uscita aumenta. Prelievo: corrente 42

43 Resistenze d'ingresso e di uscita Dal punto di vista quantitativo, si può dimostrare che le suddette variazioni di resistenza avvengono secondo un fattore legato al coefficiente di reazione 1+Aβ, nel modo indicato nella tabella seguente. Nota: nelle formule della tabella, relative alla resistenza di uscita, con A' si intende I'ampificazione in assenza di carico, perchè si suppone che la R ur venga misurata staccando il carico, applicando ai morsetti di uscita un generatore e misurando la corrispondente corrente. 43

Appendice Circuiti con amplificatori operazionali

Appendice Circuiti con amplificatori operazionali Appendice Circuiti con amplificatori operazionali - Appendice Circuiti con amplificatori operazionali - L amplificatore operazionale Il componente ideale L amplificatore operazionale è un dispositivo che

Dettagli

Valutazione delle impedenze equivalenti nei circuiti con retroazione.

Valutazione delle impedenze equivalenti nei circuiti con retroazione. UNIVERSITÀ DI PADOVA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Tesina di Laurea Triennale Valutazione delle impedenze equivalenti nei circuiti con retroazione. -La formula di

Dettagli

ELETTRONICA. L amplificatore Operazionale

ELETTRONICA. L amplificatore Operazionale ELETTRONICA L amplificatore Operazionale Amplificatore operazionale Un amplificatore operazionale è un amplificatore differenziale, accoppiato in continua e ad elevato guadagno (teoricamente infinito).

Dettagli

L amplificatore operazionale 1. Claudio CANCELLI

L amplificatore operazionale 1. Claudio CANCELLI L amplificatore operazionale Claudio CANCELLI L amplificatore operazionale Indice dei contenuti. L'amplificatore...3. L'amplificatore operazionale - Premesse teoriche....5 3. Circuito equivalente... 5

Dettagli

E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali

E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali hanno però caratteristiche che approssimano molto bene il

Dettagli

Circuiti amplificatori

Circuiti amplificatori Circuiti amplificatori G. Traversi Strumentazione e Misure Elettroniche Corso Integrato di Elettrotecnica e Strumentazione e Misure Elettroniche 1 Amplificatori 2 Amplificatori Se A V è negativo, l amplificatore

Dettagli

Stadio di uscita o finale

Stadio di uscita o finale Stadio di uscita o finale È l'ultimo stadio di una cascata di stadi amplificatori e costituisce l'interfaccia con il carico quindi è generalmente un buffer con funzione di adattamento di impedenza. Considerato

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

OSCILLATORI SINUSOIDALI. Generalità

OSCILLATORI SINUSOIDALI. Generalità OSCILLATORI SINUSOIDALI Generalità Per comprendere il principio di funzionamento di un oscillatore, si consideri un amplificatore reazionato privo del segnale esterno d ingresso, e quindi privo del nodo

Dettagli

Fig. 3: Selezione dell analisi: Punto di polarizzazione. Fig. 4: Errori riscontrati nell analisi

Fig. 3: Selezione dell analisi: Punto di polarizzazione. Fig. 4: Errori riscontrati nell analisi Elettronica I - Sistemi Elettronici I/II Esercitazioni con PSPICE 1) Amplificatore di tensione con componente E (file: Amplificatore_Av_E.sch) Il circuito mostrato in Fig. 1 permette di simulare la classica

Dettagli

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI INTEGRATORE E DERIVATORE REALI -Schemi elettrici: Integratore reale : C1 R2 vi (t) R1 vu (t) Derivatore reale : R2 vi (t) R1 C1 vu (t) Elenco componenti utilizzati : - 1 resistenza da 3,3kΩ - 1 resistenza

Dettagli

a b c Figura 1 Generatori ideali di tensione

a b c Figura 1 Generatori ideali di tensione Generatori di tensione e di corrente 1. La tensione ideale e generatori di corrente Un generatore ideale è quel dispositivo (bipolo) che fornisce una quantità di energia praticamente infinita (generatore

Dettagli

Capitolo II Le reti elettriche

Capitolo II Le reti elettriche Capitolo II Le reti elettriche Fino ad ora abbiamo immaginato di disporre di due soli bipoli da collegare attraverso i loro morsetti; supponiamo ora, invece, di disporre di l bipoli e di collegarli tra

Dettagli

AMPLIFICATORI DI POTENZA

AMPLIFICATORI DI POTENZA AMPLIFICATORI DI POTENZA I segnali applicati ad utilizzatori, quali servo-motori e impianti audio, sono associati generalmente ad elevati livelli di potenza; questo significa alti valori di corrente oltre

Dettagli

PLL (anello ad aggancio di fase)

PLL (anello ad aggancio di fase) PLL (anello ad aggancio di fase) Il PLL ( Phase Locked Loop, anello ad aggancio di fase) è un circuito integrato a reazione negativa. E un componente molto versatile e può essere usato come: demodulatore

Dettagli

Y (s) X(s) = H(s) 1 + G(s)H(s) H(s) e la funzione di transfert open loop e Y (s)/x(s) indica la funzione di transfert closed loop.

Y (s) X(s) = H(s) 1 + G(s)H(s) H(s) e la funzione di transfert open loop e Y (s)/x(s) indica la funzione di transfert closed loop. 1 Cenni introduttivi sulle proprieta elementari del Feedback La tecnica del feedback e applicata molto estesamente nei circuiti analogici, ad es. il feedback negativo permette eleborazioni i segnali con

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

5 Amplificatori operazionali

5 Amplificatori operazionali 5 Amplificatori operazionali 5.1 Amplificatore operazionale: caratteristiche, ideale vs. reale - Di seguito simbolo e circuito equivalente di un amplificatore operazionale. Da notare che l amplificatore

Dettagli

( a ) ( ) ( Circuiti elettrici in corrente alternata. I numeri complessi. I numeri complessi in rappresentazione cartesiana

( a ) ( ) ( Circuiti elettrici in corrente alternata. I numeri complessi. I numeri complessi in rappresentazione cartesiana I numeri complessi I numeri complessi in rappresentazione cartesiana Un numero complesso a è una coppia ordinata di numeri reali che possono essere pensati come coordinate di un punto nel piano P(a,a,

Dettagli

Applicazioni dell amplificatore operazionale

Applicazioni dell amplificatore operazionale Capitolo 10 Applicazioni dell amplificatore operazionale Molte applicazioni dell amplificatore operazionale si basano su circuiti che sono derivati da quello dell amplificatore non invertente di fig. 9.5

Dettagli

Amplificatori Audio di Potenza

Amplificatori Audio di Potenza Amplificatori Audio di Potenza Un amplificatore, semplificando al massimo, può essere visto come un oggetto in grado di aumentare il livello di un segnale. Ha quindi, generalmente, due porte: un ingresso

Dettagli

CONVERTITORI DIGITALE/ANALOGICO (DAC)

CONVERTITORI DIGITALE/ANALOGICO (DAC) CONVERTITORI DIGITALE/ANALOGICO (DAC) Un convertitore digitale/analogico (DAC: digital to analog converter) è un circuito che fornisce in uscita una grandezza analogica proporzionale alla parola di n bit

Dettagli

Sia data la rete di fig. 1 costituita da tre resistori,,, e da due generatori indipendenti ideali di corrente ed. Fig. 1

Sia data la rete di fig. 1 costituita da tre resistori,,, e da due generatori indipendenti ideali di corrente ed. Fig. 1 Analisi delle reti 1. Analisi nodale (metodo dei potenziali dei nodi) 1.1 Analisi nodale in assenza di generatori di tensione L'analisi nodale, detta altresì metodo dei potenziali ai nodi, è un procedimento

Dettagli

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL.

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL. P5 CONVERSIONE DI REQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. P. P5. Un segnale modulato in ampiezza con portante e banda di modulazione B=9 khz centrata su, deve essere convertito in frequenza su una portante

Dettagli

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ Appunti di Elettronica Capitolo 3 Parte II Circuiti limitatori di tensione a diodi Introduzione... 1 Caratteristica di trasferimento di un circuito limitatore di tensione... 2 Osservazione... 5 Impiego

Dettagli

Esercitazione n 1: Circuiti di polarizzazione (1/2)

Esercitazione n 1: Circuiti di polarizzazione (1/2) Esercitazione n 1: Circuiti di polarizzazione (1/2) 1) Per il circuito in Fig. 1 determinare il valore delle resistenze R B ed R C affinché: = 3 ma - V CE = 7 V. Siano noti: = 15 V; β = 120; V BE = 0,7

Dettagli

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Ø Prof. Attilio Santocchia Ø Ufficio presso il Dipartimento di Fisica (Quinto Piano) Tel. 075-585 2708 Ø E-mail: attilio.santocchia@pg.infn.it Ø Web: http://www.fisica.unipg.it/~attilio.santocchia

Dettagli

Transitori del primo ordine

Transitori del primo ordine Università di Ferrara Corso di Elettrotecnica Transitori del primo ordine Si consideri il circuito in figura, composto da un generatore ideale di tensione, una resistenza ed una capacità. I tre bipoli

Dettagli

Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4

Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4 Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4 2 Aprile 26 Sia dato il sistema di controllo a controreazione di Fig. 1, in cui il processo ha funzione di trasferimento P (s) = 1 (1 +.1s)(1 +.1s).

Dettagli

Appunti tratti dal videocorso di Elettrotecnica 1 del prof. Graglia By ALeXio

Appunti tratti dal videocorso di Elettrotecnica 1 del prof. Graglia By ALeXio Appunti tratti dal videocorso di Elettrotecnica 1 del prof. Graglia By ALeXio Parte b Bipoli elettrici - potenza entrante Tensione e corrente su di un bipolo si possono misurare secondo la convenzione

Dettagli

L'amplificatore operazionale - principi teorici

L'amplificatore operazionale - principi teorici L'amplificatore operazionale - principi teorici Cos'è? L'amplificatore operazionale è un circuito integrato che produce in uscita una tensione pari alla differenza dei suoi due ingressi moltiplicata per

Dettagli

Le applicazioni lineari dell amplificatore operazionale. Sommario

Le applicazioni lineari dell amplificatore operazionale. Sommario I.T.I.S. "Antonio Meucci" di Roma Le applicazioni lineari dell amplificatore operazionale a cura del Prof. Mauro Perotti Anno Scolastico 2009-2010 Sommario 1. L'amplificatore operazionale (A.O.) ideale...3

Dettagli

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83 I convertitori c.c.-c.c. monodirezionali sono impiegati per produrre in uscita un livello di tensione diverso da quello previsto per la sorgente. Verranno presi in considerazione due tipi di convertitori

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Un sistema di controllo può essere progettato fissando le specifiche:

Un sistema di controllo può essere progettato fissando le specifiche: 3. Specifiche dei Sistemi Un sistema di controllo può essere progettato fissando le specifiche: nel dominio del tempo (tempo di salita, tempo di assestamento, sovraelongazione, ecc.); nel dominio della

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

Rappresentazione grafica di un sistema retroazionato

Rappresentazione grafica di un sistema retroazionato appresentazione grafica di un sistema retroazionato La f.d.t. di un.o. ha generalmente alcune decine di poli Il costruttore compensa il dispositivo in maniera da dotarlo di un singolo polo (polo dominante).

Dettagli

Generatore di forza elettromotrice f.e.m.

Generatore di forza elettromotrice f.e.m. Generatore di forza elettromotrice f.e.m. Un dispositivo che mantiene una differenza di potenziale tra una coppia di terminali batterie generatori elettrici celle solari termopile celle a combustibile

Dettagli

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase.

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase. Come nel caso dei convertitori c.c.-c.c., la presenza di un carico attivo non modifica il comportamento del convertitore se questo continua a funzionare con conduzione continua. Nei convertitori trifase

Dettagli

Esercitazione n 5: Stadi di uscita

Esercitazione n 5: Stadi di uscita Esercitazione n 5: Stadi di uscita 1) Per il circuito in Fig. 1 sostituire il generatore di corrente con uno specchio di corrente. Dimensionare quest'ultimo in modo tale da ottenere la massima dinamica

Dettagli

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Davide Giglio Introduzione alle eti Elettriche e reti elettriche costituite da resistori, condensatori e induttori (bipoli),

Dettagli

ELETTRONICA II. Circuiti misti analogici e digitali 2. Riferimenti al testo. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino

ELETTRONICA II. Circuiti misti analogici e digitali 2. Riferimenti al testo. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino ELETTRONICA II Circuiti misti analogici e digitali 2 Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino Parte E: Circuiti misti analogici e digitali Lezione n. 20 - E - 2: Oscillatori e generatori di segnale

Dettagli

Basi di matematica per il corso di micro

Basi di matematica per il corso di micro Basi di matematica per il corso di micro Microeconomia (anno accademico 2006-2007) Lezione del 21 Marzo 2007 Marianna Belloc 1 Le funzioni 1.1 Definizione Una funzione è una regola che descrive una relazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA UNIVRSITÀ DGLI STUDI DI ROMA TOR VRGATA FAOLTÀ DI SINZ MATMATIH FISIH NATURALI orso di laurea in FISIA - orso di laurea in SINZ DI MATRIALI LAORATORIO 3: omplementi di teoria alle esperienze Modelli semplificati

Dettagli

BLOCCO AMPLIFICATORE. Amplificatore ideale. ELETTRONICA 1 per Ingegneria Biomedica Prof. Sergio Cova

BLOCCO AMPLIFICATORE. Amplificatore ideale. ELETTRONICA 1 per Ingegneria Biomedica Prof. Sergio Cova ELETTRONIC per Ingegneria Biomedica Prof. Sergio Cova BLOCCO MPLIFICTORE v i È un circuito integrato v i v v v i quindi v i mplificatore ideale resistenza di ingresso corrente assorbita dagli ingressi

Dettagli

Lez. 17/12/13 Funzione di trasferimento in azione e reazione, pulsazione complessa, introduzione alla regolazione

Lez. 17/12/13 Funzione di trasferimento in azione e reazione, pulsazione complessa, introduzione alla regolazione Lez. 7/2/3 unzione di trasferimento in azione e reazione, pulsazione complessa, introduzione alla regolazione consideriamo il risultato del filtro passa alto che si può rappresentare schematicamente nel

Dettagli

1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico

1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico 1 L AZIONAMENTO ELETTRICO COME SISTEMA 1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico Si definisce Azionamento Elettrico (A.E.) l insieme composto da un motore elettrico e dagli apparati d alimentazione,

Dettagli

L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO

L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO Per errore a regime si intende quello rilevato dopo un intervallo sufficientemente lungo dal verificarsi di variazioni del riferimento o da eventuali

Dettagli

Elementi di elettronica per Sensori

Elementi di elettronica per Sensori Elementi di elettronica per Sensori Molti sensori sono dispositivi passivi che condizionano i circuiti nei quali sono inseriti inserendo una dipendenza funzionale delle grandezze elettriche (I, V, f, φ)

Dettagli

Amplificatore a collettore comune (Emitter follower)

Amplificatore a collettore comune (Emitter follower) Amplificatore a collettore comune (Emitter follower) Vcc 15V g 1k in C1 10µF R1 15k B R2 15k 2N2222 E C2 10µF 1k fig.17 out RL 10k In questo amplificatore, l'ingresso è in base mentre il segnale di uscita

Dettagli

Prova Parziale 1 Corso di Biosensori - Ing. Mazzei (22 Aprile 2013)

Prova Parziale 1 Corso di Biosensori - Ing. Mazzei (22 Aprile 2013) Prova Parziale 1 Corso di Biosensori - Ing. Mazzei (22 Aprile 2013) Esercizio 1 Considerando la seguente tabella riportante i dati raccolti per la taratura di un sensore di temperatura. Si determini: -

Dettagli

Amplificatori Differenziali e specchi di corrente

Amplificatori Differenziali e specchi di corrente Amplificatori Differenziali e specchi di corrente Direttive di esecuzione dell esperienza: 1) Riportare sul quaderno tutto il presente contenuto; 2) Ricercare su datasheet il valore di h fe, Ic MAX,e la

Dettagli

Elettronica II Proprietà e applicazioni della trasformata di Fourier; impedenza complessa; risposta in frequenza p. 2

Elettronica II Proprietà e applicazioni della trasformata di Fourier; impedenza complessa; risposta in frequenza p. 2 Elettronica II Proprietà e applicazioni della trasformata di Fourier; impedenza complessa; risposta in frequenza Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO a.s. 2010/2011 -classe III- Materia: Telecomunicazioni ---- Oscillatori ---- alunna Serafini Rossella prof. Ing. Zumpano Luigi L'oscillatore L'oscillatore è l'elemento fondamentale

Dettagli

Ambiente di apprendimento

Ambiente di apprendimento ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA MAIO LINO, PALUMBO GAETANO 3EET Settembre novembre Saper risolvere un circuito elettrico in corrente continua, e saperne valutare i risultati. Saper applicare i teoremi dell

Dettagli

Indice. Cap. 1 Studio di reti RLC in regime sinusoidale pag. 1

Indice. Cap. 1 Studio di reti RLC in regime sinusoidale pag. 1 Indice Cap. 1 Studio di reti RLC in regime sinusoidale pag. 1 1.1 Circuiti risonanti 1 1.2 Fattori di merito e pertide dei componenti 7 1.2.a Caso dell induttanza 8 1.2.b Caso della capacità 9 1.2.c Caso

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: robustezza e prestazioni Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it

Dettagli

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo Generatori di segnale Generatore sinusoidale BF Generatori di funzione Generatori sinusoidali a RF Generatori a battimenti Generatori di segnale sintetizzati Generatori per sintesi indiretta 2 2006 Politecnico

Dettagli

Segnali e Sistemi. Dispensa integrativa per l insegnamento di Elementi di Controlli Automatici. Gianni Borghesan e Giovanni Marro

Segnali e Sistemi. Dispensa integrativa per l insegnamento di Elementi di Controlli Automatici. Gianni Borghesan e Giovanni Marro Segnali e Sistemi Dispensa integrativa per l insegnamento di Elementi di Controlli Automatici Gianni Borghesan e Giovanni Marro Indice Introduzione 2. Notazione............................. 2 2 Classificazione

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

LINEE AEREE PARALLELE

LINEE AEREE PARALLELE LINEE AEREE PARALLELE Coefficiente di autoinduzione di una linea bifilare Sia data la linea riportata in fig. 1 Fig. 1 Linea bifilare a conduttori paralleli essa è costituita da due conduttori aerei paralleli

Dettagli

2 Qual è il guadagno totale di due stadi amplificatori da 6 db e da 3 db : A 4,5 db B 9 db C 6 db

2 Qual è il guadagno totale di due stadi amplificatori da 6 db e da 3 db : A 4,5 db B 9 db C 6 db 3.- CIRCUITI 3.1.- Combinazione dei componenti: Circuiti in serie e in parallelo di resistori, bobine, condensatori, trasformatori e diodi - Corrente e tensione nei circuiti Impedenza. 3.2.- Filtri: Filtri

Dettagli

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI Capitolo3:Layout 1 17-10-2012 15:33 Pagina 73 CAPITOLO 3 GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI OBIETTIVI Conoscere le grandezze fisiche necessarie alla trattazione dei circuiti elettrici Comprendere la necessità

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

Radiotecnica 4 Oscillatori e tipi di modulazione

Radiotecnica 4 Oscillatori e tipi di modulazione A.R.I. - Sezione di Parma Corso di preparazione esame di radiooperatore 2015 Radiotecnica 4 Oscillatori e tipi di modulazione Carlo Vignali, I4VIL FEEDBACK OSCILLATORE ARMSTRONG Tuned grid tuned plate

Dettagli

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA Risposta al quesito a Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA (A CURA DEL PROF. Giuseppe SPALIERNO docente di Elettronica

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1 Funzioni di trasferimento

Dettagli

Corso di orientamento. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI

Corso di orientamento. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI M320 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Corso di orientamento Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI Tema di: ELETTRONICA (Testo valevole per i corsi di ordinamento e per i corsi sperimentali

Dettagli

A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO

A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO Sono stati trattati gli elementi base per l'analisi e il dimensionamento dei sistemi di controllo nei processi continui. E' quindi importante:

Dettagli

Prestazioni dei sistemi in retroazione

Prestazioni dei sistemi in retroazione Prestazioni dei sistemi in retroazione (ver..2). Sensitività e sensitività complementare Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig... Vogliamo determinare quanto è sensibile il sistema in anello

Dettagli

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione 0.0. 3.2 Diagrammi di Bode Possibili rappresentazioni grafiche della funzione di risposta armonica F (ω) = G(jω) sono: i Diagrammi di Bode, i Diagrammi di Nyquist e i Diagrammi di Nichols. I Diagrammi

Dettagli

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale 2. Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale Un amplificatore è realizzato con un LM74, con Ad = 00 db, polo di Ad a 0 Hz. La controreazione determina un guadagno ideale pari a 00.

Dettagli

I sistemi di controllo possono essere distinti in due categorie: sistemi ad anello aperto e sistemi ad anello chiuso:

I sistemi di controllo possono essere distinti in due categorie: sistemi ad anello aperto e sistemi ad anello chiuso: 3.1 GENERALITÀ Per sistema di controllo si intende un qualsiasi sistema in grado di fare assumere alla grandezza duscita un prefissato andamento in funzione della grandezza di ingresso, anche in presenza

Dettagli

Programmazione modulare

Programmazione modulare Programmazione modulare Indirizzo: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Disciplina: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Docenti: Erbaggio Maria Pia e Iannì Gaetano Classe: IV A e settimanali previste: 6 Prerequisiti

Dettagli

Comportamento in frequenza degli amplificatori

Comportamento in frequenza degli amplificatori Comportamento in degli amplificatori Il guadagno e tutte le grandezze che caratterizzano un amplificatore sono funzione della (cioè AA(f ), in in (f ), out out (f ), etc.). Questo perché con il crescere

Dettagli

p atm 1. V B ; 2. T B ; 3. W A B 4. il calore specifico a volume costante c V

p atm 1. V B ; 2. T B ; 3. W A B 4. il calore specifico a volume costante c V 1 Esercizio (tratto dal Problema 13.4 del Mazzoldi 2) Un gas ideale compie un espansione adiabatica contro la pressione atmosferica, dallo stato A di coordinate, T A, p A (tutte note, con p A > ) allo

Dettagli

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO Può essere espressa sia nel dominio della s che nel dominio della j Definizione nel dominio della s. è riferita ai soli sistemi con un ingresso ed un uscita 2. ha per oggetto

Dettagli

4. Amplificatori lineari a transistors

4. Amplificatori lineari a transistors orso: Autronica (LS Veicoli Terrestri) a.a. 2005/2006 4. Transistor JT 4. Amplificatori lineari a transistors Analizziamo ora uno stadio per amplificazione dei segnali basato su transistori bipolari JT

Dettagli

OUT. Domande per Terza prova di Sistemi. Disegnare la struttura generale di un sistema di controllo. retroazionato. (schema a blocchi)

OUT. Domande per Terza prova di Sistemi. Disegnare la struttura generale di un sistema di controllo. retroazionato. (schema a blocchi) Domande per Terza prova di Sistemi Disegnare la struttura generale di un sistema di controllo retroazionato. (schema a blocchi) IN Amp. di Potenza Organo di Regolazione OUT ( ) Regolatore Attuatore Sistema

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Lampadina Ferro da stiro Altoparlante Moto di cariche elettrice Nei metalli i portatori di carica sono gli elettroni Agitazione termica - moto caotico velocità media 10 5 m/s Non costituiscono una corrente

Dettagli

Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale. 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito

Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale. 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito I fenomeni energetici connessi al passaggio della corrente in un circuito, possono essere distinti

Dettagli

PROPRIETÀ DEI CIRCUITI DI RESISTORI

PROPRIETÀ DEI CIRCUITI DI RESISTORI CAPITOLO 5 PROPRIETÀ DEI CIRCUITI DI RESISTORI Nel presente Capitolo, verrà introdotto il concetto di equivalenza tra bipoli statici e verranno enunciati e dimostrati alcuni teoremi (proprietà) generali

Dettagli

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Catene di Misura Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

I.P.S.I.A. BOCCHIGLIERO

I.P.S.I.A. BOCCHIGLIERO I.P.S.I.A. di BOCCHIGLIERO a.s. 2012/2013 -classe V- Materia: Sistemi Automazione e Organizzazione della Produzione ----Trasduttori e sensori---- Alunna: Rossella Serafini prof. Ing. Zumpano Luigi TRASDUTTORI

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

Amplificatori in classe B

Amplificatori in classe B Amplificatori in classe B Lo schema semplificato di un amplificatore in classe B è mostrato in figura. Si tratta di una classica configurazione push-pull a simmetria complementare, nella quale i due componenti

Dettagli

Il diodo ideale. Caratteristica di un diodo ideale

Il diodo ideale. Caratteristica di un diodo ideale Il diodo ideale Caratteristica di un diodo ideale Simbolo circuitale Il diodo è un bibolo non lineare i cui morsetti sono denominati anodo e catodo. Prima di raffinare il modello di questo componente,

Dettagli

Corrente ele)rica. Cariche in movimento e legge di Ohm

Corrente ele)rica. Cariche in movimento e legge di Ohm Corrente ele)rica Cariche in movimento e legge di Ohm Corrente ele)rica Nei metalli si possono avere elettroni che si muovono anche velocemente fra un estremo e l altro del metallo, ma la risultante istante

Dettagli

Corrente elettrica stazionaria

Corrente elettrica stazionaria Corrente elettrica stazionaria Negli atomi di un metallo gli elettroni periferici non si legano ai singoli atomi, ma sono liberi di muoversi nel reticolo formato dagli ioni positivi e sono detti elettroni

Dettagli

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L.

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010 Parte 3, 1 Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento Prof. Lorenzo Marconi DEIS-Università di Bologna Tel. 051 2093788 Email: lmarconi@deis.unibo.it URL:

Dettagli

Le reti elettriche possono contenere i componenti R, C, L collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi.

Le reti elettriche possono contenere i componenti R, C, L collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi. e reti elettriche in alternata (- ; - ; --) e reti elettriche possono contenere i componenti,, collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi. l loro studio in alternata parte dall analisi

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli