pianificazione installazione...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "pianificazione installazione..."

Transcript

1 pianificazione installazione... E fondamentale avere ben chiaro in fase di installazione di un sistema operativo quali compiti quel sistema andrà effettivamente a svolgere. La scelta di un sistema operativo per i sistemi aziendali riveste una notevole importanza, per i suoi effetti sul breve e sul lungo periodo. GNU/Linux ha dimostrato sul campo di poter essere una valida scelta in numerosi settori, con un occhio di riguardo per l ambiente server in generale (web server, print server, mail server, ). Oltre agli aspetti meramente tecnici dell installazione, è bene, se possibile pianificare un budget ed il ROI di un installazione GNU/Linux. Particolare importanza possono poi assumere eventuali costi di migrazione e di formazione del personale addetto. Deve poi essere preso in considerazione ed attentamente valutato il costo di reingegnerizzazione e riprogettazione degli applicativi aziendali che dovranno essere riscritti in funzione del nuovo sistema operativo. 1

2 pianificazione installazione... Una migrazione di un sistema aziendale a GNU/Linux deve essere attentamente programmata e non improvvisata, esattamente come per tutte le operazioni sistemistiche in generale. Le principali distribuzioni prevedono la possibilità di scaricare immagini ISO dei CD o DVD di supporto all installazione, o di installare la distribuzione via Internet. Prima di procedere all installazione è buona norma prendere nota delle principali componenti hardware del sistema in modo da semplificare ed ottimizzare il processo di installazione. Verificare in particolar modo: tipo di tastiera e mouse, tipo e dimensioni del disco fisso, scheda grafica, monitor e scheda di rete. La stessa scelta della distribuzione deve tendere al miglior compromesso possibile tra stabilità, disponibilità e supporto tra le soluzioni proposte dal mercato: spesso ottime distribuzioni per un uso personale sono inadatte per un sistema aziendale e viceversa. 2

3 pianificazione installazione... Red Hat gestisce una lista di compatibilità hardware all indirizzo internet: In fase di installazione viene richiesta opzionalmente la creazione di un dischetto di boot: questa operazione andrebbe sempre eseguita per prevenire eventuali problemi in fase di post-installazione. A seconda del tipo di installazione pianificata le dimensioni necessarie sul disco fisso possono variare anche di molto: possiamo variare da 1.1 GB per alcune installazioni server molto ridotte, passando per i 2.3 GB di un installazione desktop, per arrivare ai 3 GB delle installazioni Workstation fino ad oltre 7 GB per un installazione pressochè totale. 3

4 pianificazione installazione E opportuno anche prendere nota degli eventuali parametri di rete necessari per il corretto funzionamento del sistema: indirizzo IP o DHCP, subnet mask, Host DNS, nomi di dominio (FQND), DNS server e gateway Internet. La configurazione di rete è una fase molto delicata, ma comunque rimandabile, pertanto nel caso di informazioni non precise o incomplete è possibile procedere sia con dei parametri temporanei che decidendo di saltare direttamente tale fase, rimandandola alla fase di post-installazione. In ogni caso è sempre opportuno documentare il più possibile tutte le scelte fatte in fase di installazione, per poter poi gestire al meglio il mantenimento della macchina e la sua successiva configurazione. Qualora l installazione insista su di un macchina con dei dati importanti a bordo, è buona norma procedere prima di ogni altra operazione ad effettuare un backup di tali dati, al fine di limitare al minimo eventuali disservizi derivanti da difficoltà o errori in fase di installazione. 4

5 tipologie di installazione E possibile installare le distribuzioni GNU/Linux utilizzando diverse metodologie, le più diffuse sono: da supporto (CD/DVD) da floppy e supporto (CD/DVD) tramite rete via FTP via NFS via HTTP e compilazione ad hoc (Gentoo) Durante il corso esamineremo la procedura più comune di installazione, ovverosia quella tramite supporto, citando ove possibile gli altri metodi. 5

6 verifica dei supporti Presupposto basilare per il successo di un installazione GNU/Linux è l integrità fisica e a livello di codice dei supporti: è necessario quindi procedere ad una loro verifica prima di installare il sistema. Oltre ad errori in fase di scaricamento delle immagini ISO, potrebbero anche verificarsi alterazioni dolose del contenuto delle ISO al fine di minare la sicurezza del sistema per intrusioni non autorizzate. Per ridurre questi pericoli è necessario procedere sempre alla verifica degli hash MD5 delle immagini ISO e scaricare dette immagini solo da siti attendibili. Fedora Core prevede in fase di installazione una procedura di verifica dell integrità fisica dei supporti, valida sia per CD che per DVD. Ubuntu non prevede espressamente una procedura di verifica dei supporti, ma è comunque possibile ricavare e verificare gli hash MD5, oltre ovviamente a poter montare direttamente le immagini ISO per verificarne l'integrità. 6

7 inizio dell'installazione Normalmente è possibile scegliere tra un installazione di tipo testuale o grafico, Fedora Core opta in automatico per quella grafica. Dopo l avvio dell installazione è possibile definire la lingua del processo di installazione stesso e del sistema. Salvo esigenze particolari, i programmi andrebbero sempre installati nella lingua originale, in modo da minimizzare i problemi derivanti dalla localizzazione. Ricordarsi di impostare correttamente il layout di tastiera. Definire il tipo di installazione: normalmente sono presenti alcune opzioni preimpostate oltre ad una opzione di totale personalizzazione. 7

8 partizionamento del disco fisso... Il disco fisso risulta sempre diviso in partizioni: tale suddivisione permette di gestire in maniera più efficiente lo spazio al suo interno, ed inoltre permette l autonomia delle singole partizioni, minimizzando il rischio di cancellazione accidentale dei dati. Non esiste un dimensionamento standard per le partizioni di un sistema GNU/Linux: esso dipende unicamente dallo spazio a disposizione e dai compiti per cui il sistema verrà utilizzato. E possibile utilizzare sia strumenti automatici che manuali per la definizione e l esecuzione del partizionamento del disco. Le richieste minime per il funzionamento di una distribuzione GNU/Linux prevedono l esistenza di una partizione di root (/) ed una di swap. 8

9 partizionamento del disco fisso... Utilizzando Disk Druid è possibile decidere se utilizzare tutto il disco o solo lo spazio libero. Per ridimensionare le partizioni Windows è necessario ricorrere a programmi quali Partition Magic, fips o QTParted. E necessario prestare molta attenzione alle partizioni NTFS con i prodotti free, in quanto il formato non è documentato e quindi non sono stabili. Ovviamente, è fondamentale procedere ad un backup dei dati prima di operare il ridimensionamento. E possibile anche rimuovere una partizione per ottenere lo spazio necessario, ma questo comporta la perdita dei dati in essa contenuti. 9

10 ipotesi di partizionamento (per disco da 8 GB) Tipo dimensione Mount Point Impiego Ext3/Ext MB / Root Ext3/Ext2 1 8 GB /usr Sistema Ext3/Ext2 1 8 GB /home Directory Ext3/Ext2 Ext3/Ext2 SWAP MB MB DOPPIO RAM /var /boot Amm. Avvio Swap 10

11 tipi di file system GNU/Linux... Un file system è uno strumento mediate il quale vengono memorizzate e conservate le informazioni su di un Hard Disk o altra memoria di massa. Non sempre i file system interagiscono direttamente con i dispositivi di memorizzazione. Nella rappresentazione grafica dei file system è spesso usata la metafora della cartella per indicare i raggruppamenti logici dei files sul disco, ma nulla di tutto questo avviene realmente. I primi sistemi operativi altro non erano che dei gestori di file system, cosa che viene riflessa anche dal loro nome (DOS, QDOS). Molti file system permettono digestire anche la sicurezza dei dati in essi contenuti tramite la creazione di apposite ACL (Access Control List). 11

12 tipi di file system GNU/Linux... EXT2: Il file system ext2 (Second Extended Filesystem) è stato a lungo il file system standard dei sistemi GNU/Linux. E' ancora pienamente supportato da tutti i sistemi Unix free ed esistono anche programmi per Windows. EXT3: Possiamo considerarlo come una naturale evolulzione di EXT2, da cui deriva e che ripsetto al suo genitore ottimizza le operazioni di I/O sul disco, introducendo anche il del file system. ReiserFS: Si tratta di un file system Journaling sviluppato da Hans Reiser, attualmente disponibile solo per GNU/Linux. Si tratta anche del primo file system journaling ad essere stato incluso nel Kernel. Gestisce inoltre in modo ottimale directory con molti file di piccole dimensioni, caratteristica molto utile in particolari ambienti. E' l'opzione di default per molte distribuzioni GNU/Linux 12

13 tipi di file system GNU/Linux ll journaling è un sistema per prevenire perdite accidentali di dati dovute a malfunzionamenti. Esso si basa sul concetto di transazione: in pratica ogni scrittura su disco è interpretata dal file system come una transazione. Prima di scrivere fisicamente i dati sul disco, infatti, il file system provvedere a compilare un file di log con tutte le operazioni che andrà a compiere. In caso di malfunzionamenti si potranno verificare le operazioni non effettuate e ripristinare l'integrità del file system. E' importante rilevare come i dati da salvare vadano comunque persi: ciò che si salvaguarda, infatti, è il file system. Alcuni file sytem sono: ext3, ReiserFS, XFS (Open Source), JFS, VxFS, (Proprietari) ed infine il file-system di Apple per il Mac OS X: HFS+. Anche NTFS è un file system Journaling. 13

14 File system alieni GNU/Linux permette di interfacciarsi con molti filesystem di altri sistemi operativi: FAT: File system nativo Windows: viene letto e scritto senza problemi da GNU/Linux FAT32: File system nativo Windows: viene letto e scritto senza problemi da GNU/Linux NTFS: File system nativo di Windows: viene letto senza problemi mentre il supporto in scrittura è ancora allo stato sperimentale (può richiedere moduli o ricompilazioni del Kernel) NFS: Protocollo ideato da SUN per la gestione di dischi remoti, perfettamente funzionante con GNU/Linux. HFS/HFS+: File system nativi Apple: vengono letti e scritti da GNU/Linux (possono richiedere moduli o ricompilazioni del kernel) 14

15 RAID... Un RAID (Redundant array of independent disks) ovvero Insieme ridondante di dischi indipendenti è un sistema che usa più dischi fissi per gestire i dati. L obiettivo del RAID è quelo di ridurre i danni da guasti, aumentare la sicurezza dei dati e talvolta le prestazioni Ecco i tipi più diffusi: RAID 0 RAID 1 RAID 5 RAID 10 JBOD (Non un vero e proprio RAID) 15

16 RAID Il kernel Linux garantisce sia raid software che il supporto di controller hardware RAID. Ovviamente un RAID Hardware è da preferirsi, sia come prestazioni che come sicurezza. Il supporto RAID software del Kernel vale per Raid 0, Raid 1, Raid 4, Raid 5, anche se il formato RAID 4 è molto poco usato. Il codice per il software RAID è stato riscritto nel Kernel 2.4, pertanto i comandi precedenti sono stati deprecati e sostituiti. La configurazione di RAID a livello software viene fatta utilizzando i metadevice /dev/md# che possono essere montati esattamente come dei normali filesystem. Il file di configurazione è /etc/raidtab. 16

17 LVM (Logical Volume Manger) ll gestore logico dei volumi (logical volume management o LVM) è uno schema di partizionamento disegnato per essere più flessibile del normale partizionamento fisico del disco. E possibile ridimensionare ogni singolo file system senza riavviare la macchina ed addirittura, talvolta, con il filesystem montato. Ovviamente tali opzioni sono molto utili per macchine ad alta affidabilità che non possono essere riavviate. Fedora Core prevede LVM come opzione predefinita in caso di partizionamento automatico dei dischi, questo per permettere una più agevole implementazione di nuove unità disco sul sistema. 17

18 SELinux (Security Enhanced Linux)... Si tratta di un add-on di sicurezza che la NSA ha sviluppato, in stretta collaborazione con la comunità di Linux, con funzionalità avanzate, ma tuttora in fase sperimentale. Possiamo vederlo come una sorta di firewall interno che permette di mantenere i programmi segregati. SELinux implementa i MAC (Mandatory Access Control), a cui deve sottostare perfino l utente root, di fatto trattato come un utente normale. Senza SELinux la sicurezza è affidata al modellodac (Discretionary Access Control) che aassegna le risorse in base all identità dell utente. Con DAC è quindi possibile sfruttare le falle di un servizio per ottenere le credenziali di root e con queste accedere ad altri servizi. Con MAC, invece ogni servizio gira in un area protetta e quindi non è possibile accedervi avendo compromesso un altro servizio 18

19 SELinux (Security Enhanced Linux) Non tutti i programmi sono predisposti per funzionare in un ambiente SELinux, pertanto è consigliabile in sede di prima installazione procedere con SELinux disabilitato o, meglio, settato in condizioni di warning. Il comando chiave per abilitare SELinux è setenforce, oppure ricorrere al pannello di controllo Applicazioni -> Impostazioni di sistema->livello di sicurezza, o editando il file /etc/selinux/config. Il futuro di SELinux è quello di realizzare policy sempre più flessibili, e di poter gestire anche X, tramite il Security Enhanced X, per avere infine il controllo delle sessioni di X Window ed impedire operazioni quali il tracciamento di tastiera e mouse da parte di programmi maliziosi. 19

20 password shadow... Quando si parla di ambienti multiutente la sicurezza dei singoli account è molto importante: Fedora Core abilita di default l opzione password shadow per la gestione dei file di autenticazione del sistema. La sicurezza è maggiore in quanto le password non vengono più memorizzate, seppur cifrate, in /etc/passwd, ovvero in un file leggibile da tutti gli utenti, ma in /etc/shadow, leggibile solo dal superutente root. Vengono tracciate poi altre informazioni, come la datazione delle password, ovvero il tempo trascorso dall ultimo cambio di password. La struttura di /etc/shadow è la seguente: <utente>:<password>:<modifica>:<validità-min>:<validità-max>:<preavviso>:<tempo-di-riserva>:<termine>:<riservato> 20

21 password shadow Con password shadow viene generato anche il file /etc/login.defs che permette di stabilire alcune caratteristiche predefinite delle utenze che utilizzano le password shadow. Il file /etc/login.defs (per le distro basate su RedHat/Fedora) permette anche di configurare alcuni aspetti del programma di login stesso, come il numero di tentativi ammessi, il ritardo dopo un errore ed altre procedure di sicurezza. E comunque chiaro che un sistema accessibile fisicamente non è sicuro per definizione, in quanto sarà sempre possibile riavviare questo sistema con strumenti atti a modificare le impostazioni di sicurezza del sistema stesso. Quindi l unico sistema sicuro a presindere è quello: spento, scollegato della rete e chiuso a chiave 21

22 cenni di crittografia La crittografia permette di rendere illeggibile un testo in chiaro tramite un algoritmo ed una chiave con cui il testo è stato cifrato. Gli algoritmi di cifratura sono pubblici, ma questo non inficia la sicurezza, in quanto l elemento vincolante è la chiave. Per riottenere il messaggio in chiaro è necessario procedere ad una decifrazione tramite la chiave. Uno dei primi esempi di cifratura è il codice di Cesare. Esistono due tipologie di algoritmi di cifratura: algoritmi a chiave segreta (o simmetrici): hanno una singola chiave sia per la codifica che per la decodifica algoritmi a chiave pubblica (o asimmetrici): si ha una chiave privata, vincolata al possessore, ed una pubblica, nota, con cui si può anche accertare la provenienza di un messaggio (firma digiltale). 22

23 Kickstart ed automazione dell'installazione Fedora Core fornisce un utile strumento per automatizzare una installazione seriale di Linux su più sistemi: si tratta di KickStart. KickStart è un semplice file di testo, opportunamente configurato per fornire al processo di installazione tutte le informazioni necessarie senza alcun intervento umano. Per accedere a KickStart basta digitare il comando /usr/sbin/kickstart da una shell, oppure usare il comando system-config-kickstart oppure usare l icona kickstart nel pannello di controllo. Volendo, e conoscendo la sintassi, è possibile editare direttamente il file ks.cfg di configurazione per le proprie necessità. E possibile configurare ogni aspetto del sistema GNU/Linux con KickStart, eccetto schede audio, stampanti e modem con ks.cfg. 23

24 completamento dell'installazione In Fedora Core dopo la fine della copia dei pacchetti selezionati si deve riavviare il sistema per procedere al completamento dell installazione. In questa fase sarà necessario: Definire un account utente Verificare ed eventualmente correggere data ed ora Definire le impostazione audio e video Configurare Red Hat Network Installare eventuale software aggiuntivo A questo punto Fedora Core è pronto per essere avviato: come opzione preimpostata abbiamo la modalità grafica e GNOME come windows manager predefinito con il tema BlueCurve. 24

Installare GNU/Linux

Installare GNU/Linux Installare GNU/Linux Installare GNU/Linux Linux non è più difficile da installare ed usare di qualunque altro sistema operativo Una buona percentuale di utenti medi si troverebbe in difficoltà ad installare

Dettagli

FreeNAS Raid1 Virtuale (Network Attached Storage Redundant Array of Independent Disks su VitualBox)

FreeNAS Raid1 Virtuale (Network Attached Storage Redundant Array of Independent Disks su VitualBox) FreeNAS Raid1 Virtuale (Network Attached Storage Redundant Array of Independent Disks su VitualBox) Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 gennaio 2011 Esistono solo due tipi di utenti:

Dettagli

Modulo 3: Gestione delle Periferiche (Dispositivi di input/output)

Modulo 3: Gestione delle Periferiche (Dispositivi di input/output) Parte 3 Modulo 3: Gestione delle Periferiche (Dispositivi di input/output) Gestione Input/Output UTENTE SW APPLICAZIONI Sistema Operativo SCSI Keyboard Mouse Interfaccia utente Gestione file system Gestione

Dettagli

Quaderni per l'uso di computer

Quaderni per l'uso di computer Quaderni per l'uso di computer con sistemi operativi Linux Ubuntu 0- a cura di Marco Marchetta Aprile 2014 1 HARDWARE MASTERIZZATORE CONNESSIONE INTERNET CD - DVD Chiavetta USB o Router ADSL (*) COMPONENTI

Dettagli

Laboratorio di Informatica (a matematica)

Laboratorio di Informatica (a matematica) Laboratorio di Informatica (a matematica) schermo schermo stampante SERVER WMAT22 WMAT18 WMAT20 WMAT19 WMAT16 WMAT17 WMAT21 WMAT15 WMAT 10 WMAT9 WMAT8 WMAT7 WMAT6 WMAT?? WMAT13 WMAT14 WMAT12 server WMATT??

Dettagli

Modulo 4: Gestore del File System (Memoria secondaria) Componenti

Modulo 4: Gestore del File System (Memoria secondaria) Componenti Parte 3 Modulo 4: Gestore del File System (Memoria secondaria) Componenti Interfaccia utente Gestore dell I/O Gestore del File System Gestore dei Processi Gestore della Memoria Centrale *KERNEL Informatica

Dettagli

Corso di Informatica Modulo L2 2-Installazione

Corso di Informatica Modulo L2 2-Installazione Corso di Informatica Modulo L2 2-Installazione 1 Prerequisiti Uso pratico elementare di un sistema operativo Concetto di macchina virtuale Scaricare e installare software 2 1 Introduzione Sebbene le istruzioni

Dettagli

Introduzione Il sistema operativo Linux è oggi una delle principali distribuzioni di Unix, in grado di portare in ogni PC tutta la potenza e la flessibilità di una workstation Unix e un set completo di

Dettagli

SUSE Linux Enterprise Desktop 10

SUSE Linux Enterprise Desktop 10 SUSE Linux Enterprise Desktop 10 Riferimento ramarpido di installazione SP1 Novell SUSE Linux Enterprise Desktop 10 GUIDA RAPIDA Marzo 2007 www.novell.com SUSE Linux Enterprise Desktop Utilizzare i seguenti

Dettagli

QUICK START GUIDE F640

QUICK START GUIDE F640 QUICK START GUIDE F640 Rev 1.0 PARAGRAFO ARGOMENTO PAGINA 1.1 Connessione dell apparato 3 1.2 Primo accesso all apparato 3 1.3 Configurazione parametri di rete 4 2 Gestioni condivisioni Windows 5 2.1 Impostazioni

Dettagli

1) Introduzione ai sistemi operativi (O.S.=operative system)

1) Introduzione ai sistemi operativi (O.S.=operative system) 1) Introduzione ai sistemi operativi (O.S.=operative system) Sistema Operativo: è un componente del software di base di un computer che gestisce le risorse hardware e software, fornendo al tempo stesso

Dettagli

SELEZIONE DELLA PRIORITA' DI BOOT

SELEZIONE DELLA PRIORITA' DI BOOT In questa piccola guida esamineremo l'installazione di un sistema Windows XP Professional, ma tali operazioni sono del tutto simili se non identiche anche su sistemi Windows 2000 Professional. SELEZIONE

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE. Sistemi Operativi. Utilizzo dei sistemi operativi ELEMENTI DI INFORMATICA UFC_05

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE. Sistemi Operativi. Utilizzo dei sistemi operativi ELEMENTI DI INFORMATICA UFC_05 Sistemi Operativi Utilizzo dei sistemi operativi ELEMENTI DI INFORMATICA UFC_05 1 Software di sistema e applicativo Di sistema: controlla e regola il comportamento del sistema stesso il più importante

Dettagli

Come installare Ubuntu Linux

Come installare Ubuntu Linux Come installare Ubuntu Linux Come procurarsi Ubuntu Acquistando riviste del settore: www.linuxpro.it - www.linux-magazine.it - www.oltrelinux.com Chiedere a un amico di masterizzarcene una copia Richiederlo

Dettagli

Quaderni per l'uso di computer

Quaderni per l'uso di computer Quaderni per l'uso di computer con sistemi operativi Linux Ubuntu 0- INSTALLAZIONE a cura di Marco Marchetta Aprile 2013 1 HARDWARE MASTERIZZATORE CD - DVD (*) (*) Requisiti minimi richiesti da da Ubuntu

Dettagli

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina Corso base GNU/Linux 2014 Latina Linux Group Sito web: www.llg.it Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina Corso Base 2014 Lezione 3 15/04/2014 1 / 21 Obiettivi di questo incontro Conoscere cosa

Dettagli

jt - joetex - percorsi didattici

jt - joetex - percorsi didattici jt - joetex - percorsi didattici Primi passi con linux Avvio della macchina Spegnere (o riavviare) il Computer Installare su HD il programma Linux EduKnoppix a. Avvio della macchina Una volta spento il

Dettagli

Networking Wireless con Windows XP

Networking Wireless con Windows XP Networking Wireless con Windows XP Creare una rete wireless AD HOC Clic destro su Risorse del computer e quindi su Proprietà Clic sulla scheda Nome computer e quindi sul pulsante Cambia Digitare il nome

Dettagli

Introduzione a Windows XP Professional Installazione di Windows XP Professional Configurazione e gestione di account utente

Introduzione a Windows XP Professional Installazione di Windows XP Professional Configurazione e gestione di account utente Programma Introduzione a Windows XP Professional Esplorazione delle nuove funzionalità e dei miglioramenti Risoluzione dei problemi mediante Guida in linea e supporto tecnico Gruppi di lavoro e domini

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

Indice. Indice V. Introduzione... XI

Indice. Indice V. Introduzione... XI V Introduzione........................................................ XI PARTE I Installazione di Linux come Server.............................. 1 1 Riepilogo tecnico delle distribuzioni Linux e di Windows

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Il computer: primi elementi

Il computer: primi elementi Il computer: primi elementi Tommaso Motta T. Motta Il computer: primi elementi 1 Informazioni Computer = mezzo per memorizzare, elaborare, comunicare e trasmettere le informazioni Tutte le informazioni

Dettagli

SICUREZZA. Sistemi Operativi. Sicurezza

SICUREZZA. Sistemi Operativi. Sicurezza SICUREZZA 14.1 Sicurezza Il Problema della Sicurezza Convalida Pericoli per i Programmi Pericoli per il Sistema Difendere i Sistemi Scoperta di Intrusioni Cifratura Esempio: Windows NT 14.2 Il Problema

Dettagli

Sistemi Operativi SICUREZZA. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL 14.1

Sistemi Operativi SICUREZZA. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL 14.1 SICUREZZA 14.1 Sicurezza Il Problema della Sicurezza Convalida Pericoli per i Programmi Pericoli per il Sistema Difendere i Sistemi Scoperta di Intrusioni Cifratura Esempio: Windows NT 14.2 Il Problema

Dettagli

Corso Linux per Principianti

Corso Linux per Principianti Corso Linux per Principianti In questa lezione vedremo come installare l'ultima versione di Ubuntu al momento disponibile, la 8.04, nome in codice Hardy Heron. Oltre ad essere l'ultima versione scaricabile

Dettagli

Sistemi Operativi. Implementazione del File System

Sistemi Operativi. Implementazione del File System Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Implementazione del file system Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Implementazione del File System Sommario Realizzazione del

Dettagli

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore)

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) 1. L hardware del PC (3 Lezioni - 9 ore) 2. Troubleshooting (1 Lezione - 3 ore) 3. Ambiente Operativo (5 Lezioni - 15 ore) 4.

Dettagli

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore)

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) 1. L hardware del PC (3 Lezioni - 9 ore) 2. Troubleshooting (1 Lezione - 3 ore) 3. Ambiente Operativo (5 Lezioni - 15 ore) 4.

Dettagli

Implementazione del File System

Implementazione del File System Implementazione del file system Implementazione del File System Struttura del file system. Realizzazione del file system. Implementazione delle directory. Metodi di allocazione. Gestione dello spazio libero.

Dettagli

#GNU/Linux for NaLUG member

#GNU/Linux for NaLUG member #GNU/Linux for NaLUG member Sistemistica di base per hardcore associate members - Brainstorming #2 - Filesystem Init daemons && runlevel Terminale (operazioni su files e cotillons) Filesystem (in teoria)

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 3 Introduzione 4 Cosa ti occorre 5 Panoramica dell installazione 5 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 5 Passo 2: Per preparare

Dettagli

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI Introduzione ai sistemi operativi pag. 3 La shell pag. 3 Tipi di sistemi operativi pag. 4 I servizi del sistema operativo pag. 4 La gestione dei file e il file system Il

Dettagli

Corso Specialista Sistemi Ambiente Web. Test finale conoscenze acquisite - 15.12.2003. Windows 2000 Server

Corso Specialista Sistemi Ambiente Web. Test finale conoscenze acquisite - 15.12.2003. Windows 2000 Server Windows 2000 Server 1 A cosa serve il task manager? A A monitorare quali utenti stanno utilizzando una applicazione B A restringere l'accesso a task determinati da parte degli utenti C Ad interrompere

Dettagli

Indice. Indice V INTRODUZIONE... XIII PARTE PRIMA... 1

Indice. Indice V INTRODUZIONE... XIII PARTE PRIMA... 1 Indice V Indice INTRODUZIONE................................................ XIII PARTE PRIMA...................................................... 1 1 Il business delle reti di computer.........................................

Dettagli

INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI

INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI Il sistema operativo è il software che permette l esecuzione di programmi applicativi e lo sviluppo di nuovi programmi. CARATTERISTICHE Gestisce le risorse hardware e

Dettagli

Tecnico Hardware & Sistemistica

Tecnico Hardware & Sistemistica Tecnico Hardware & Sistemistica Modulo 1 - Hardware (6 ore) Modulo 2 - Software (8 ore) Modulo 3 - Reti LAN e WLAN (12 ore) Modulo 4 - Backup (4 ore) Modulo 5 - Cloud Computing (4 ore) Modulo 6 - Server

Dettagli

Lezione 11. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata.

Lezione 11. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Lezione 11 system Sistemi operativi 12 maggio 2015 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata SO 15 11.1 Di cosa parliamo in questa lezione? L interfaccia : system 1 Il

Dettagli

I.S. Sobrero. Dipartimento di Informatica. Utilizzo. install.linux@home. 16/02/2007 install.linux@home Marco Marchisotti

I.S. Sobrero. Dipartimento di Informatica. Utilizzo. install.linux@home. 16/02/2007 install.linux@home Marco Marchisotti I.S. Sobrero Dipartimento di Informatica Utilizzo install.linux@home 1 La shell La shell di Linux è a linea di comando. Appare obsoleta e difficile da usare, ma in realtà è molto più potente e versatile

Dettagli

Realizzazione di un Firewall con IPCop

Realizzazione di un Firewall con IPCop Realizzazione di un Firewall con IPCop Con questo articolo vedremo come installare IpCop, una distribuzione GNU/Linux per firewall facile da installare e da gestire (grazie alla sua interfaccia di amministrazione

Dettagli

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi Parte V & Reti Sistema operativo: insieme di programmi che gestiscono l hardware Hardware: CPU Memoria RAM Memoria di massa (Hard Disk) Dispositivi di I/O Il sistema operativo rende disponibile anche il

Dettagli

Software relazione. Software di base Software applicativo. Hardware. Bios. Sistema operativo. Programmi applicativi

Software relazione. Software di base Software applicativo. Hardware. Bios. Sistema operativo. Programmi applicativi Software relazione Hardware Software di base Software applicativo Bios Sistema operativo Programmi applicativi Software di base Sistema operativo Bios Utility di sistema software Software applicativo Programmi

Dettagli

6.1 LA STRUTTURA GERARCHICA AD ALBERO

6.1 LA STRUTTURA GERARCHICA AD ALBERO CAPITOLO 6 IL FILESYSTEM DI LINUX Pietro Buffa Uno degli scogli con cui un novello utente Linux deve fare i conti è indubbiamente la gestione dei files. La prima cosa che salta agli occhi è infatti la

Dettagli

Informatica di Base. Il software

Informatica di Base. Il software di Base 1 Sistemi informatici Hardware Microprocessore Memoria Periferiche di input e output Software Software di sistema Programmi applicativi 2 Il sw applicativo Il sw applicativo è costituito dall insieme

Dettagli

# DISPENSA SECONDA GIORNATA

# DISPENSA SECONDA GIORNATA # DISPENSA SECONDA GIORNATA Indice 0. Cosa vi serve 1. Scelta della distribuzione (perche abbiamo scelto fedora) 2. Partizionamento I - Ridimensionare Windows con partition Magic 3. Boot 4. Test del Cd

Dettagli

LaCie Ethernet Disk mini Domande frequenti (FAQ)

LaCie Ethernet Disk mini Domande frequenti (FAQ) LaCie Ethernet Disk mini Domande frequenti (FAQ) Installazione Che cosa occorre fare per installare l unità LaCie Ethernet Disk mini? A. Collegare il cavo Ethernet alla porta LAN sul retro dell unità LaCie

Dettagli

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows IBM SPSS Modeler Server può essere installato e configurato per l esecuzione in modalità di analisi distribuita insieme ad altre installazioni

Dettagli

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 4: SoftWare. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 4: SoftWare. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 4: SoftWare Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Software È un insieme di programmi che permettono di trasformare un insieme di circuiti elettronici (=

Dettagli

Introduzione...xv. I cambiamenti e le novità della quinta edizione...xix. Ringraziamenti...xxi. Condivisione delle risorse con Samba...

Introduzione...xv. I cambiamenti e le novità della quinta edizione...xix. Ringraziamenti...xxi. Condivisione delle risorse con Samba... Indice generale Introduzione...xv I cambiamenti e le novità della quinta edizione...xix Ringraziamenti...xxi Capitolo 1 Capitolo 2 Condivisione delle risorse con Samba...1 Reti Windows... 2 Struttura base

Dettagli

Indice. Introduzione. Capitolo 1

Indice. Introduzione. Capitolo 1 indice Xp pro.qxd 4-04-2002 19:42 Pagina V Indice Introduzione XV Capitolo 1 Sistemi operativi Windows di nuova generazione 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Introduzione alla famiglia Windows XP 1 Windows XP Home

Dettagli

confinamento e virtualizzazione 2006-2009 maurizio pizzonia sicurezza dei sistemi informatici e delle reti

confinamento e virtualizzazione 2006-2009 maurizio pizzonia sicurezza dei sistemi informatici e delle reti confinamento e virtualizzazione 1 oltre i permessi dei file... nei sistemi operativi standard il supporto per il confinamento è abbastanza flessibile per quanto riguarda i files scarso per quanto riguarda

Dettagli

SMOOTHWALL EXPRESS Traduzione in Italiano TRADUZIONE DA INGLESE A ITALIANO DELLA GUIDA DI INSTALLAZIONE DI SMOOTHWALL EXPRESS 2.0.

SMOOTHWALL EXPRESS Traduzione in Italiano TRADUZIONE DA INGLESE A ITALIANO DELLA GUIDA DI INSTALLAZIONE DI SMOOTHWALL EXPRESS 2.0. TRADUZIONE DA INGLESE A ITALIANO DELLA GUIDA DI INSTALLAZIONE DI SMOOTHWALL EXPRESS 2.0 by kjamrio9 Il prodotto è sotto licenza GPL (Gnu Public License) e Open Source Software, per semplicità non riporto

Dettagli

L installer di Torinux

L installer di Torinux L installer di Torinux Installazione nel Disco Per un installazione normale si raccomanda usare ext3 o reiserfs. Prima di procedere con l installazione per favore rimuova tutti i dispositivi USB, tipo

Dettagli

Installazione di Linux. Gianluca Antonacci e-mail: giaaan@tin.it

Installazione di Linux. Gianluca Antonacci e-mail: giaaan@tin.it Installazione di Linux Gianluca Antonacci e-mail: giaaan@tin.it Sommario 1) Distribuzioni Linux 2) Partizioni del disco 3) Installazione di Ubuntu linux (guida adattata dal sito http://wiki.ubuntu-it.org/installazione/

Dettagli

Guida pratica all utilizzo di Zeroshell

Guida pratica all utilizzo di Zeroshell Guida pratica all utilizzo di Zeroshell Il sistema operativo multifunzionale creato da Fulvio.Ricciardi@zeroshell.net www.zeroshell.net Proteggere una piccola rete con stile ( Autore: cristiancolombini@libero.it

Dettagli

EUCIP IT Administrator - Modulo 2 Sistemi operativi Syllabus Versione 3.0

EUCIP IT Administrator - Modulo 2 Sistemi operativi Syllabus Versione 3.0 EUCIP IT Administrator - Modulo 2 Sistemi operativi Syllabus Versione 3.0 Copyright 2011 ECDL Foundation Tutti i diritti riservati. Questa pubblicazione non può essere riprodotta in alcuna forma se non

Dettagli

17.2. Configurazione di un server di Samba

17.2. Configurazione di un server di Samba 17.2. Configurazione di un server di Samba Il file di configurazione di default (/etc/samba/smb.conf) consente agli utenti di visualizzare le proprie home directory di Red Hat Linux come una condivisione

Dettagli

Come esportare una distribuzione Live di Linux per un laboratorio

Come esportare una distribuzione Live di Linux per un laboratorio Come esportare una distribuzione Live di Linux per un laboratorio Attività svolta dal dr. Alessi e dal dr. Farolfi Dipartimento di Matematica Università degli Studi di Milano Knoppix è una distribuzione

Dettagli

ISTVAS Ancona Introduzione ai sistemi operativi Tecnologie Informatiche

ISTVAS Ancona Introduzione ai sistemi operativi Tecnologie Informatiche ISTVAS Ancona Introduzione ai sistemi operativi Tecnologie Informatiche Sommario Definizione di S. O. Attività del S. O. Struttura del S. O. Il gestore dei processi: lo scheduler Sistemi Mono-Tasking e

Dettagli

AMBIENTE GRAFICO DI FEDORA: ATTIVITA ESEGUIBILI DA SUPERUSER (root)

AMBIENTE GRAFICO DI FEDORA: ATTIVITA ESEGUIBILI DA SUPERUSER (root) AMBIENTE GRAFICO DI FEDORA: ATTIVITA ESEGUIBILI DA SUPERUSER (root) GESTIONE DEI SERVIZI CONDIVISIONE DELLE RISORSE E UTILIZZO DI PARTIZIONI DOS CONNESSIONE ALLA RETE LOCALE E REMOTA COMPATIBILITA' FRA

Dettagli

Splash RPX-iii Xerox 700 Digital Color Press. Guida alla soluzione dei problemi

Splash RPX-iii Xerox 700 Digital Color Press. Guida alla soluzione dei problemi Splash RPX-iii Xerox 700 Digital Color Press Guida alla soluzione dei problemi 2008 Electronics for Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione

Dettagli

InfoCertLog. Allegato Tecnico

InfoCertLog. Allegato Tecnico InfoCertLog Allegato Tecnico Data Maggio 2012 Pagina 2 di 13 Data: Maggio 2012 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Le componenti del servizio InfoCertLog... 4 2.1. Componente Client... 4 2.2. Componente Server...

Dettagli

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione Backup Exec 2012 Guida rapida all'installazione Installazione Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Elenco di controllo pre-installazione di Backup Exec Esecuzione di un'installazione

Dettagli

Xerox EX8002 Print Server, Powered by Fiery. Guida introduttiva

Xerox EX8002 Print Server, Powered by Fiery. Guida introduttiva Xerox EX8002 Print Server, Powered by Fiery Guida introduttiva 2009 Electronics for Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato

Dettagli

Indice. Introduzione PARTE PRIMA ELEMENTI DI BASE DI SUSE LINUX 1

Indice. Introduzione PARTE PRIMA ELEMENTI DI BASE DI SUSE LINUX 1 Indice Introduzione XIII PARTE PRIMA ELEMENTI DI BASE DI SUSE LINUX 1 Capitolo 1 Installazione di SUSE 10 3 1.1 Scelta del metodo di installazione 3 1.2 Avvio dell installazione 5 1.3 Controllo del supporto

Dettagli

Il Sistema Operativo

Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo Si intende per Sistema Operativo (o software di sistema) un gruppo di programmi che gestisce il funzionamento di base del computer. Il sistema operativo rimane sempre attivo dal momento

Dettagli

NetCrunch 6. Server per il controllo della rete aziendale. Controlla

NetCrunch 6. Server per il controllo della rete aziendale. Controlla AdRem NetCrunch 6 Server per il controllo della rete aziendale Con NetCrunch puoi tenere sotto controllo ogni applicazione, servizio, server e apparato critico della tua azienda. Documenta Esplora la topologia

Dettagli

Samsung Auto Backup FAQ

Samsung Auto Backup FAQ Samsung Auto Backup FAQ Installazione D: Ho effettuato il collegamento con l Hard Disk esterno Samsung ma non è successo nulla. R: Controllare il collegamento cavo USB. Se l Hard Disk esterno Samsung è

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Implementazione del file system Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Implementazione del File System Sommario Realizzazione del

Dettagli

Gestione del database Gidas

Gestione del database Gidas Gestione del database Gidas Manuale utente Aggiornamento 20/06/2013 Cod. SWUM_00535_it Sommario 1. Introduzione... 3 2. Requisiti e creazione del Database Gidas... 3 2.1.1. SQL Server... 3 2.1.2. Requisiti

Dettagli

Indice generale. Directory opt... 24 Directory proc... 24

Indice generale. Directory opt... 24 Directory proc... 24 Prefazione...xiii Ringraziamenti...xv Capitolo 1 Capitolo 2 Un Linux (veramente) per tutti...1 Un codice di onore...4 Le barriere iniziali...5 La dotazione software predefinita...6 Origini importanti...7

Dettagli

Sistemi informatici. Informatica. Il software. Il sw di sistema. Il sw applicativo. Il sw di sistema. Il sistema operativo. Hardware.

Sistemi informatici. Informatica. Il software. Il sw di sistema. Il sw applicativo. Il sw di sistema. Il sistema operativo. Hardware. http://159.149.98.238/lanzavecchia/docum enti/sscta.htm Sistemi informatici Hardware Microprocessore Memoria Periferiche di input e output Software Software di sistema Programmi applicativi 1 2 Il sw applicativo

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

File system. Realizzazione del file system. Struttura del file system. Struttura del file system. Realizzazione del file system

File system. Realizzazione del file system. Struttura del file system. Struttura del file system. Realizzazione del file system Realizzazione del file system Struttura del file system Metodi di allocazione: Contigua Concatenata Indicizzata Gestione dello spazio libero Realizzazione delle directory Efficienza e prestazioni Ripristino

Dettagli

3. Come realizzare un Web Server

3. Come realizzare un Web Server 3. Come realizzare un Web Server 3.1 Che cos'è un web server Il web server, è un programma che ha come scopo principale quello di ospitare delle pagine web che possono essere consultate da un qualsiasi

Dettagli

Realizzazione di un HotSpot su rete Fastweb con ZeroShell su VMWare

Realizzazione di un HotSpot su rete Fastweb con ZeroShell su VMWare Realizzazione di un HotSpot su rete Fastweb con ZeroShell su VMWare Il sistema operativo multifunzionale creato da Fulvio Riccardi www.zeroshell.net Autore: Antonio C. Hardware e software utilizzato: Pentium

Dettagli

Come recuperare file da un hard disk danneggiato

Come recuperare file da un hard disk danneggiato Luca Zamboni Come recuperare file da un hard disk danneggiato Per tutti i sistemi operativi, particolarmente Windows Luca Zamboni 01/11/2009 Sommario Introduzione... 3 Backup rapido con LiveCD... 4 Ottenere

Dettagli

Ubuntu 8.04 LTSP in un dominio Windows 2000

Ubuntu 8.04 LTSP in un dominio Windows 2000 Premessa Ubuntu 8.04 LTSP in un dominio Windows 2000 La presenta guida ha lo scopo di facilitare l installazione e la configurazione di un server Ubuntu LTSP all interno di una rete Windows già configurata

Dettagli

IPCop: un pinguino come Firewall

IPCop: un pinguino come Firewall Sommario IPCop: un pinguino come Firewall rino[at]lugbari[.]org ottobre 2006 Copyright (C) 2006 (rino at lugbari dot org) La copia letterale e la distribuzione di questa presentazione nella sua integrità

Dettagli

Sommario. 1. Introduzione. Samba - Monografia per il Corso di "Laboratorio di Sistemi Operativi".

Sommario. 1. Introduzione. Samba - Monografia per il Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi. Sommario SAMBA Raphael Pfattner 10 Giugno 2004 Diario delle revisioni Revisione 1 10 Giugno 2004 pralph@sbox.tugraz.at Revisione 0 17 Marzo 2004 roberto.alfieri@unipr.it Samba - Monografia per il Corso

Dettagli

Informazioni più recenti: versione del firmware 5.10

Informazioni più recenti: versione del firmware 5.10 Server di CD/DVD-ROM HP SureStore Informazioni più recenti: versione del firmware 5.10 Nota per gli aggiornamenti Per le versioni del firmware 5.10 e quelle successive, queste Informazioni più recenti

Dettagli

> P o w e r D R E A M < Catalogazione Sogni

> P o w e r D R E A M < Catalogazione Sogni > P o w e r D R E A M < Catalogazione Sogni Guida rapida all utilizzo del software (rev. 1.4 - lunedì 29 ottobre 2012) INSTALLAZIONE, ATTIVAZIONE E CONFIGURAZIONE INIZIALE ESECUZIONE DEL SOFTWARE DATI

Dettagli

Tecnologie Gnu Linux per la sicurezza della rete aziendale

Tecnologie Gnu Linux per la sicurezza della rete aziendale Tecnologie Gnu Linux per la sicurezza della rete aziendale Massimiliano Dal Cero, Stefano Fratepietro ERLUG 1 Chi siamo Massimiliano Dal Cero CTO presso Tesla Consulting Sicurezza applicativa e sistemistica

Dettagli

Reti Informatiche. Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica. Ing. Domenico De Guglielmo. 2008 Vanessa Gardellin & Sara Lioba Volpi

Reti Informatiche. Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica. Ing. Domenico De Guglielmo. 2008 Vanessa Gardellin & Sara Lioba Volpi Reti Informatiche Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica Ing. Domenico De Guglielmo 2008 Vanessa Gardellin & Sara Lioba Volpi Informazioni Generali (1/2) Ricevimento su appuntamento (tramite

Dettagli

Indice 1 L architettura di un sistema GNU/Linux 1 1.1 L architettura del sistema................................ 1 1.1.1 L architettura di base.............................. 1 1.1.2 Il funzionamento del

Dettagli

Installazione di un secondo sistema operativo

Installazione di un secondo sistema operativo Installazione di un secondo sistema operativo Fare clic su un collegamento riportati di seguito per visualizzare una delle seguenti sezioni: Panoramica Termini ed informazioni chiave Sistemi operativi

Dettagli

Realizzazione del file system

Realizzazione del file system Realizzazione del file system Struttura del file system Metodi di allocazione: Contigua Concatenata Indicizzata Gestione dello spazio libero Realizzazione delle directory Efficienza e prestazioni Ripristino

Dettagli

SELinux. di Maurizio Pagani

SELinux. di Maurizio Pagani SELinux di Maurizio Pagani 1. Introduzione Il SELinux (Security-Enhanced Linux) è un prodotto di sicurezza creato dalla NSA (National Security Agency) che gira direttamente nel kernel, implementando così

Dettagli

Guida in linea di Symantec pcanywhere Web Remote

Guida in linea di Symantec pcanywhere Web Remote Guida in linea di Symantec pcanywhere Web Remote Connessione da un browser Web Il documento contiene i seguenti argomenti: Informazioni su Symantec pcanywhere Web Remote Metodi per la protezione della

Dettagli

Log Manager. 1 Connessione dell apparato 2. 2 Prima configurazione 2. 2.1 Impostazioni di fabbrica 2. 2.2 Configurazione indirizzo IP e gateway 3

Log Manager. 1 Connessione dell apparato 2. 2 Prima configurazione 2. 2.1 Impostazioni di fabbrica 2. 2.2 Configurazione indirizzo IP e gateway 3 ver 2.0 Log Manager Quick Start Guide 1 Connessione dell apparato 2 2 Prima configurazione 2 2.1 Impostazioni di fabbrica 2 2.2 Configurazione indirizzo IP e gateway 3 2.3 Configurazione DNS e Nome Host

Dettagli

Xerox EX Print Server, Powered by Fiery, per Xerox 700 Digital Color Press. Stampa da Mac OS

Xerox EX Print Server, Powered by Fiery, per Xerox 700 Digital Color Press. Stampa da Mac OS Xerox EX Print Server, Powered by Fiery, per Xerox 700 Digital Color Press Stampa da Mac OS 2008 Electronics for Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente

Dettagli

DUAL BOOT WINDOWS-LINUX.

DUAL BOOT WINDOWS-LINUX. DUAL BOOT WINDOWS-LINUX. Realizzato da Jona Lelmi Nickname PyLinx Iniziato il giorno 5 Luglio 2010 - terminato il giorno 8 Luglio 2010 email autore: jona.jona@ymail.com Canale Youtube http://www.youtube.com/user/pylinx

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Corso amministratore di sistema Linux. Corso amministratore di sistema Linux Programma

Corso amministratore di sistema Linux. Corso amministratore di sistema Linux Programma Corso amministratore di sistema Linux Programma 1 OBIETTIVI E MODALITA DI FRUIZIONE E VALUTAZIONE 1.1 Obiettivo e modalità di fruizione L obiettivo del corso è di fornire le conoscenze tecniche e metodologiche

Dettagli

Windows NT Workstation Manuale di configurazione

Windows NT Workstation Manuale di configurazione Windows NT Workstation Manuale di configurazione 1 Indice 1. COMPONENTI PRINCIPALI DI WINDOWS NT WORKSTATION... 3 1.1 GRUPPI DI LAVORO E CONDIVISIONE RISORSE... 3 1.2 INTERFACCIA UTENTE DI FACILE UTILIZZO...

Dettagli

Auditing di Eventi. Daniele Di Lucente

Auditing di Eventi. Daniele Di Lucente Auditing di Eventi Daniele Di Lucente Un caso che potrebbe essere reale Un intruso è riuscito a penetrare nella rete informatica della società XYZ. Chi è l intruso? Come ha fatto ad entrare? Quali informazioni

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 1 Sistema software 1 Prerequisiti Utilizzo elementare di un computer Significato elementare di programma e dati Sistema operativo 2 1 Introduzione In questa Unità studiamo

Dettagli

2006-2011 maurizio pizzonia sicurezza dei sistemi informatici e delle reti. confinamento e virtualizzazione

2006-2011 maurizio pizzonia sicurezza dei sistemi informatici e delle reti. confinamento e virtualizzazione confinamento e virtualizzazione 1 oltre i permessi dei file... nei sistemi operativi standard il supporto per il confinamento è abbastanza flessibile per quanto riguarda i files scarso per quanto riguarda

Dettagli

Sistema Operativo Compilatore

Sistema Operativo Compilatore MASTER Information Technology Excellence Road (I.T.E.R.) Sistema Operativo Compilatore Maurizio Palesi Salvatore Serrano Master ITER Informatica di Base Maurizio Palesi, Salvatore Serrano 1 Il Sistema

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli