ECONOMIA DEL FAIR TRADE DEFINIZIONI DI RIFERIMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ECONOMIA DEL FAIR TRADE DEFINIZIONI DI RIFERIMENTO"

Transcript

1 ECONOMIA DEL FAIR TRADE DEFINIZIONI DI RIFERIMENTO 1

2 COSA S INTENDE CON FAIR TRADE Cos è FT per la gente della strada 20 Un movimento di cooperative, associazioni, organizzazioni non profit che commercializza e distribuisce prodotti dei paesi del sud del mondo, aiutando i piccoli produttori Un commercio di prodotti che rispetta precisi criteri sociali (ad es. non utilizzando manodopera infantile, pagando retribuzioni corrette ai produttori ) 12 Un movimento di solidarietà che distribuisce ai poveri, gratis o a prezzi ridotti, le eccedenze delle aziende Un'iniziativa dei movimenti dei consumatori per favorire relazioni più trasparenti fra consumatori e aziende Non sa N = popolazione italiana 2

3 DEFINIZIONE DI FAIR TRADE Cos è FT per gli attori internazionali del movimento (FINE!) Il commercio equo e solidale è una partnership economica basata sul dialogo, trasparenza e rispetto che mira ad una maggiore equità nel commercio internazionale Il commercio equo e solidale contribuisce ad uno sviluppo sostenibile complessivo attraverso l offerta di migliori condizioni economiche ed assicurando i diritti dei produttori marginalizzati dal mercato, specialmente nel Sud del mondo Le organizzazioni di commercio equo e solidale, supportate dai consumatori, sono coinvolte attivamente nell assistenza tecnica ai produttori, nell azione di sensibilizzazione, dell opinione pubblica e delle istituzioni e nello sviluppo di campagne volte al cambiamento delle regole e delle pratiche del commercio internazionale Il Fair Trade, o commercio equo e solidale, è nato e cresciuto come movimento di base decentrato e dinamico sicché la complessità e la diversità dei tanti soggetti coinvolti, che pur concordano sui principi fondamentali alla base del concetto di commercio equo, rendono difficile una sua categorizzazione rigorosa e le definizioni sono numerose Nella definizione italiana di FT, la doppia aggettivazione, che non esiste nella dizione inglese, ha origine dalla volontà di evidenziare i concetti di giustizia sociale o equità e di solidarietà che affondano le loro radici nella cultura della mutualità propria dei movimenti popolari di fine Ottocento e della prima parte del Novecento e che ha fortemente caratterizzato la storia del movimento dei lavoratori italiani. La solidarietà senza equità che implica una relazione sociale finisce con il trasformarsi in carità. E la carità non produce trasformazione, non cambia lo stato delle cose. D altra parte l equità senza la solidarietà ovvero senza la fratellanza diventa un senso astratto di giustizia, una giustizia vuota perché non calata in una dimensione sociale (Ctm altromercato Utopie concrete: 15 anni di commercio equo e solidale; 2004:6) 3

4 CARTA ITALIANA CRITERI DEL FT Cos è FT per gli attori italiani del movimento (AGICES) Il commercio equo e solidale è un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove giustizia sociale ed economica, sviluppo sostenibile, rispetto per le persone e per l'ambiente, attraverso il commercio, la crescita della consapevolezza dei consumatori, l'educazione, l'informazione e l'azione politica Il commercio equo e solidale è una relazione paritaria fra tutti i soggetti coinvolti nella catena della commercializzazione: dai produttori ai consumatori Il Fair Trade può essere definito nel contempo come un insieme di pratiche socioeconomiche ed un movimento (Jones e Bayley, 2000: 3) alternativi al commercio internazionale convenzionale Il Fair Trade promuove relazioni commerciali basate non sulla competizione quanto sulla cooperazione e può definirsi, quindi, un partenariato fondato sulla parità e l uguaglianza fra i produttori del Sud e le controparti del Nord (Johnson, 2003: 9-16) (modello win-win) Il Fair Trade, quindi costituisce: a) un modello di cooperazione economica a favore dei piccoli produttori (contadini ed artigiani) del Sud del mondo; b) un sistema economico di organizzazioni non profit che assicura la filiera di produzione e di commercializzazione equa e solidale, dal produttore al consumatore c) un movimento per l economia responsabile (o solidale) che promuove strumenti quali il consumo critico, la finanza etica, la responsabilità sociale delle imprese e lo sviluppo di sistemi di economia dal basso (Laville, 1998) 4

5 COMPARAZIONE FRA VISIONI DEL FT Il commercio equo e solidale è una partnership economica basata sul dialogo, trasparenza e rispetto che mira ad una maggiore equità nel commercio internazionale Il commercio equo e solidale contribuisce ad uno sviluppo sostenibile complessivo attraverso l offerta di migliori condizioni economiche ed assicurando i diritti dei produttori marginalizzati dal mercato, specialmente nel Sud del mondo Le organizzazioni di commercio equo e solidale, supportate dai consumatori, sono coinvolte attivamente nell assistenza tecnica ai produttori, nell azione di sensibilizzazione, dell opinione pubblica e delle istituzioni e nello sviluppo di campagne volte al cambiamento delle regole e delle pratiche del commercio internazionale Peculiarità e limiti Il commercio equo e solidale è un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove giustizia sociale ed economica, sviluppo sostenibile, rispetto per le persone e per l'ambiente, attraverso il commercio, la crescita della consapevolezza dei consumatori, l'educazione, l'informazione e l'azione politica Il commercio equo e solidale è una relazione paritaria fra tutti i soggetti coinvolti nella catena della commercializzazione: dai produttori ai consumatori Il Fair Trade può essere definito nel contempo come un insieme di pratiche socioeconomiche ed un movimento (Jones e Bayley, 2000: 3) alternativi al commercio internazionale convenzionale Il Fair Trade promuove relazioni commerciali basate non sulla competizione quanto sulla cooperazione e può definirsi, quindi, un partenariato fondato sulla parità e l uguaglianza fra i produttori del Sud e le controparti del Nord (Johnson, 2003: 9-16) (modello win-win) Il Fair Trade, quindi costituisce: a) un modello di cooperazione economica a favore dei piccoli produttori (contadini ed artigiani) del Sud del mondo; b) un sistema economico di organizzazioni non profit che assicura la filiera di produzione e di commercializzazione equa e solidale, dal produttore al consumatore c) un movimento per l economia responsabile (o solidale) che promuove strumenti quali il consumo critico, la finanza etica, la responsabilità sociale delle imprese e lo sviluppo di sistemi di economia dal basso (Laville, 1998) 5

6 COMPONENTI (VISIONI) DEL FT TRADING PARTNERSHIP un modello di sviluppo sostenibile e di commercio internazionale concretamente alternativo per i produttori e i consumatori che ne sono coinvolti ECONOMIA ETICA Fair Trade come operazionalizzazione del concetto ideale di commercio (ideal-tipo di commercio) Il Fair Trade può essere considerato come una strategia che opera simultaneamente nel mercato e contro il mercato, "dentro e fuori In altre parole, il commercio equo e solidale si pone come un modello teorico e un insieme di pratiche, come una forma nuova ed alternativa di economia etica che sfida le logiche competitive del mercato capitalistico proponendo una maggiore giustizia sociale ed ecologica e una cultura del consumo critico e responsabile Nel contempo, operando nel sistema degli scambi internazionali e tentando di uscire dalla sua posizione di nicchia, si sporca le mani e appare, in un certo senso, ancor più sovversivo in quanto cerca di cambiare da dentro le regole del commercio mondiale, aspirando al difficile compromesso tra principi etici e logiche di mercato Considerando le attività e le pratiche consolidate nel movimento del Fair Trade, si può evidenziare la polarizzazione tra due componenti basilari che co-esistono ma risultano in tensione tra loro: da un lato, la componente economica e di mercato che identifica le organizzazioni Fair Trade come agenti di partecipazione al mercato e di redistribuzione delle risorse, dall altro la componente solidale che identifica le organizzazioni Fair Trade come agenti di educazione, di lobbing e di rafforzamento della rete (Poncelet, Defourny e Pelsmaker, 2004: 8-9) 6

7 TRADING PARTNERSHIP Il FT costituisce nel contempo un trading business, ossia un attività con fini commerciali, ed uno strumento di sviluppo (Hopkins, 2000) in quanto attività, commerciale promuove relazioni paritarie e legami di solidarietà fra i diversi soggetti che lo animano, al Sud e al Nord in quanto strumento di sviluppo, supera la logica dell aiuto su cui si fonda la cooperazione pubblica e privata 7

8 ECONOMIA ETICA il FT travalica logiche strettamente commerciali ed economiche, lanciando la sfida di creare nuove relazioni sociali fra produttori del Sud e compratori del Nord il FT è uno strumento politico di pressione che lancia una sfida al sistema capitalistico ortodosso, prospettando un cambio di direzione nelle regole e nelle pratiche del commercio internazionale, attraverso l appoggio partecipato dei consumatori 8

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI MODENA, GIUGNO 2006 Pagina 1 di 6 Premessa Questo documento nasce dalla volontà di formalizzare l avvio di una rete di soggetti operanti, a vario titolo,

Dettagli

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità Carissimi/e soci/e, avete già ricevuto la lettera che vi preavvisava del Forum soci del prossimo 1 Febbraio 2004. Vi possiamo oggi confermare che il luogo dell incontro sarà il Santuario N.S. del Monte

Dettagli

La pausa caffè Equa e Solidale

La pausa caffè Equa e Solidale La pausa caffè Equa e Solidale Distributori automatici con prodotti Fair Trade La cooperativa GARABOMBO, in collaborazione con la cooperativa PUNTO EQUO, è lieta di offrivi la possibilità di portare anche

Dettagli

Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese

Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese I prezzi non dovrebbero essere fissati al livello più basso possibile, ma a quello sufficiente per fornire ai produttori degli standard adeguati

Dettagli

Il commercio equo e solidale

Il commercio equo e solidale Il commercio equo e solidale Materiale e testi rispettivamente da Becchetti L. (Università di Roma Tor Vergata) e Becchetti L. e Paganetto L. (2005) Una definizione Il commercio equo e solidale (fair trade)

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

ACQUISTI PUBBLICI E COMMERCIO EQUO E SOLIDALE. Pubbliche amministrazioni protagoniste dello sviluppo sostenibile

ACQUISTI PUBBLICI E COMMERCIO EQUO E SOLIDALE. Pubbliche amministrazioni protagoniste dello sviluppo sostenibile ACQUISTI PUBBLICI E COMMERCIO EQUO E SOLIDALE Pubbliche amministrazioni protagoniste dello sviluppo sostenibile Realizzato con il contributo della Commissione Europea Europeaid, progetto: ONG-ED/2003/065-502/NL/212

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

Allegato allo Schema di Contratto

Allegato allo Schema di Contratto Allegato allo Schema di Contratto AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D. LGS. N. 163/2006 E S.M.I. DELLE INDAGINI GEOGNOSTICHE, GEOTECNICHE E ARCHEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

LINEE-GUIDA PER LA REDAZIONE DEL COSTO STANDARD NELLA SCUOLA STATALE E PARITARIA

LINEE-GUIDA PER LA REDAZIONE DEL COSTO STANDARD NELLA SCUOLA STATALE E PARITARIA LINEE-GUIDA PER LA REDAZIONE DEL COSTO STANDARD NELLA SCUOLA STATALE E PARITARIA Prof. Marco Grumo (Docente università Cattolica del sacro Cuore di Milano e Responsabile scientifico del corso di alta formazione

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

CORPORATE RESPONSIBILITY

CORPORATE RESPONSIBILITY CORPORATE RESPONSIBILITY Mario Molteni Alta Scuola Impresa e Società Milano, 21 giugno 2005 1. CSR: DIMENSIONE DELLA STRATEGIA AZIENDALE Natura della CSR l integrazione volontaria delle preoccupazioni

Dettagli

partecipare e diventare Fair trade town

partecipare e diventare Fair trade town partecipare e diventare Fair trade town VERSO IL RICONOSCIMENTO www.fairtradetown.ch Contenuto 3 PREMESSE 4 CAMPAGNA 5 COMMERCIO EQUO 6 SWISS FAIR TRADE 8 PRODOTTI DEL COMMERCIO EQUO 10 COME FUNZIONA 12

Dettagli

Bando per il finanziamento di progetti di comunicazione nell ambito di TERRA DI TUTTI ART FESTIVAL

Bando per il finanziamento di progetti di comunicazione nell ambito di TERRA DI TUTTI ART FESTIVAL Bando per il finanziamento di progetti di comunicazione nell ambito di TERRA DI TUTTI ART FESTIVAL Diritti, comunità e collaborazione tra cinema sociale e arti performative 9a edizione speciale per l Anno

Dettagli

L Etica della Finanza nella Cooperativa sociale Fare il Mappamondo - MESSAGGIO RISERVATO AI SOCI DELLA COOPERATIVA -

L Etica della Finanza nella Cooperativa sociale Fare il Mappamondo - MESSAGGIO RISERVATO AI SOCI DELLA COOPERATIVA - 1 FARE il mappamondo L Etica della Finanza nella Cooperativa sociale Fare il Mappamondo - MESSAGGIO RISERVATO AI SOCI DELLA COOPERATIVA - Introduzione Risparmio sociale Alcune domande INTRODUZIONE La Cooperativa

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale!

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! Indice dei contenuti ActionAid Italia Giornata Mondiale per la Giustizia Sociale ActionAid e la Giustizia Sociale Progetto Etiopia Aziende in azione per

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA. Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia

CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA. Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia Obiettivi della serata Presentazione del contesto in cui si inserisce il percorso «Famiglie

Dettagli

EQUO CIOCCOLATO, GUSTO E DIRITTI NELLA RISTORAZIONE SCOLASTICA

EQUO CIOCCOLATO, GUSTO E DIRITTI NELLA RISTORAZIONE SCOLASTICA EQUO CIOCCOLATO, GUSTO E DIRITTI NELLA RISTORAZIONE SCOLASTICA Realizzato con il contributo della Commissione Europea Europeaid, progetto: ONG-ED/2003/065-502/NL/212 Realizzazione a cura della cooperativa

Dettagli

CASSA PADANA BCC Progetto Ecuador Microfinanza Campesina. Ottobre 2014

CASSA PADANA BCC Progetto Ecuador Microfinanza Campesina. Ottobre 2014 CASSA PADANA BCC Progetto Ecuador Microfinanza Campesina Ottobre 2014 Il Progetto Microfinanza Campesina rappresenta una collaborazione tra le strutture locali di finanza popolare dell Ecuador sostenute

Dettagli

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA Introduzione: le strategie di marketing territoriale L Agenzia di Sviluppo Economico della Regione Sumadija-Pomoravlja, nell ambito

Dettagli

IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE: UN MODELLO DI SVILUPPO ECONOMICO BASATO SULLA SOLIDARIETÁ

IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE: UN MODELLO DI SVILUPPO ECONOMICO BASATO SULLA SOLIDARIETÁ Istituto Tecnico Commerciale Astolfo Lunardi Paderno Elisa, classe 5^G IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE: UN MODELLO DI SVILUPPO ECONOMICO BASATO SULLA SOLIDARIETÁ Anno scolastico 2011-2012 INDICE: Mappa concettuale

Dettagli

Donne cattoliche riflettono sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile nel quadro dell Agenda di Sviluppo post-2015

Donne cattoliche riflettono sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile nel quadro dell Agenda di Sviluppo post-2015 Donne cattoliche riflettono sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile nel quadro dell Agenda di Sviluppo post-2015 E indubbio che dobbiamo fare molto di più in favore della donna, se vogliamo ridare più

Dettagli

ALLEGATO 2: ECONOMIA E DIRITTI IN GIOCO

ALLEGATO 2: ECONOMIA E DIRITTI IN GIOCO ALLEGATO 2: ECONOMIA E DIRITTI IN GIOCO Associazione Mondo Solidale Economia e diritti in gioco Percorso dentro l'economia per scoprire giocando come i diritti delle persone entrano in gioco Obiettivo

Dettagli

FIERA MONDIALE DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 28-31 MAGGIO 2015 - FABBRICA DEL VAPORE - MILANO

FIERA MONDIALE DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 28-31 MAGGIO 2015 - FABBRICA DEL VAPORE - MILANO FIERA MONDIALE DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 28-31 MAGGIO 2015 - FABBRICA DEL VAPORE - MILANO organizzato da World Fair Trade Organisation e Agices-Equo Garantito nell ambito della World Fair Trade Week

Dettagli

SINTESI. Introduzione

SINTESI. Introduzione SINTESI Introduzione Il mandato che ci è stato conferito verte su un argomento esteso e complesso: la dimensione sociale della globalizzazione. La nostra Commissione è ampiamente rappresentativa degli

Dettagli

Prot. 262/09. Venezia, 18 dicembre 2009

Prot. 262/09. Venezia, 18 dicembre 2009 Prot. 262/09 Venezia, 18 dicembre 2009 Ogg.: Presentazione del Progetto Europeo Sensibilizzazione ed educazione allo sviluppo in Europa anno 2010-2011 Egregi Signori/Direttori scolastici, siamo lieti di

Dettagli

Tabella dei principali marchi ambientali e sociali di prodotto e di processo

Tabella dei principali marchi ambientali e sociali di prodotto e di processo UNI-EN ISO TR 14021 International Organization for Standardization Autodichiarazioni ambientali per prodotti e servizi di consumo a scopo informativo senza obbligo di verifica esterna indipendente. Ad

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA Il Gruppo tematico Politiche ambientali e educazione chiede a tutte le realtà del Terzo Settore di impegnarsi per un futuro sostenibile e propone:

Dettagli

Arval, attore della mobilità sostenibile

Arval, attore della mobilità sostenibile La sicurezza delle flotte auto Fleet Manager Academy 13 Marzo 2014 Arval, attore della mobilità sostenibile CSR Policy: 4 pilastri ricchi di impegni Supportare e finanziare un economia etica: Etica di

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA' DI ECONOMIA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA' DI ECONOMIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TRADE MARKETING E STRATEGIE COMMERCIALI --------------------------------- MARKETING NEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

Dettagli

Campagna di Solidarietà Quaresima 2009. Dare potere ai poveri nel mondo in via di sviluppo. USG/UISG JPIC Commission

Campagna di Solidarietà Quaresima 2009. Dare potere ai poveri nel mondo in via di sviluppo. USG/UISG JPIC Commission Campagna di Solidarietà Quaresima 2009 Dare potere ai poveri nel mondo in via di sviluppo Un appello ai religi- osi/e a Roma USG/UISG JPIC Commission UNA PROPOSTA PER LA QUARESIMA DEL 2009 La Commissione

Dettagli

BOZZA DI PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE

BOZZA DI PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE BOZZA DI PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE "Norme per la promozione e il sostegno dell Economia Solidale (versione 22.06.2013) TITOLO I - PRINCIPI, FINALITÀ' E DEFINIZIONI Art. 1 (Principi) 1. Per promuovere

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

Proposta di revisione delle regole in tema di prezzo al pubblico e prezzo trasparente

Proposta di revisione delle regole in tema di prezzo al pubblico e prezzo trasparente Assemblea dei Soci AGICES Genova, 4-6 aprile 2008 Proposta di revisione delle regole in tema di prezzo al pubblico e prezzo trasparente A) Il prezzo al pubblico Cari Soci, come previsto e a conclusione

Dettagli

Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe

Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe Maggio 2015 L Europa è la culla del Fair Trade: come e quanto è diffuso?

Dettagli

I Volti del Consumo. Il consumo nella decrescita. Settima settimana

I Volti del Consumo. Il consumo nella decrescita. Settima settimana I Volti del Consumo Il consumo nella decrescita Settima settimana Come accostarci.. 1. Il consumo di massa: trend 2. Consumo e stili di vita: gruppi sociali 3. Il consumo: ponte tra produzione e smaltimento

Dettagli

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion)

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) SCHEDA 1 Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) Prima Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute Ottawa, Canada, 7-21 novembre 1986 II primo Congresso

Dettagli

Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA. Dati generali

Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA. Dati generali SCHEDA DI PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA Dati generali 1 Denominazione CEA capofila: Ente titolare: Indirizzo: Telefono:

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Cooperativa sociale Raggio Verde Onlus

Cooperativa sociale Raggio Verde Onlus Cooperativa sociale Raggio Verde Onlus AGENDA LA COOPERATIVA IL RAGGIO VERDE LA NOSTRA STORIA LA NOSTRA VISION LA NOSTRA MISSION LE NOSTRE ATTIVITA E I NOSTRI OBIETTIVI I NOSTRI VALORI PERCHÉ CI CREDIAMO

Dettagli

PROGRAMMA : Piattaforma d appoggio al settore privato e alla valorizzazione della diaspora senegalese in Italia PLASEPRI

PROGRAMMA : Piattaforma d appoggio al settore privato e alla valorizzazione della diaspora senegalese in Italia PLASEPRI PROGRAMMA : Piattaforma d appoggio al settore privato e alla valorizzazione della diaspora senegalese in Italia PLASEPRI PAESE TITOLO DEL PROGRAMMA CANALE SETTORE Senegal Piattaforma d appoggio al settore

Dettagli

Banca Popolare Etica L interesse più alto è quello di tutti

Banca Popolare Etica L interesse più alto è quello di tutti Banca Popolare Etica L interesse più alto è quello di tutti Adriano Pallaro Area Innovazione Banca popolare Etica mercoledì 21 novembre 2012 Banca popolare Etica È punto di incontro tra: risparmiatori

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010 MISURA 19 CLLD LEADER LA SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 1 Piemonte PROGRAMMAZIONE 2007-2013 PSR 2007-2013 ASSE IV LEADER 13 GRUPPI

Dettagli

L etica come investimento:

L etica come investimento: L etica come investimento: il coinvolgimento in cause sociali ragione sociale: Monti Ascensori S.p.a. provincia: Bologna addetti: 140 settore: installazione, manutenzione e riparazione di ascensori sito

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO

CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO Identità DarVoce è un associazione di volontariato di secondo livello in quanto i suoi soci sono associazioni di volontariato; ha personalità giuridica;

Dettagli

Progetto Educarsi al futuro Scuole ed Enti di Roma e Provincia

Progetto Educarsi al futuro Scuole ed Enti di Roma e Provincia Progetto Educarsi al futuro Scuole ed Enti di Roma e Provincia La premessa Alcune scuole di Roma e provincia, su invito dell'itis Einstein di Roma, si sono incontrate il 12 giugno 2006 per assistere alla

Dettagli

PER LE TUE CERIMONIE

PER LE TUE CERIMONIE PER LE TUE CERIMONIE SCEGLI IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE bomboniere INFO Chico Mendes Altromercato altromercato@chicomendes.it 02.54107745 www.chicomendes.it liste nozze album fotografici partecipazioni

Dettagli

CSR INFORMATION DAYS. Napoli, 27 aprile 2005

CSR INFORMATION DAYS. Napoli, 27 aprile 2005 CSR INFORMATION DAYS Napoli, 27 aprile 2005 LA SFIDA DEL GLOBAL COMPACT ALLE IMPRESE: la creazione di Business Sostenibile Scegliamo di unire il potere dei mercati all autorevolezza degli ideali universalmente

Dettagli

Scenari di mercato e nuove sfide per le agenzie di assicurazione

Scenari di mercato e nuove sfide per le agenzie di assicurazione Scenari di mercato e nuove sfide per le agenzie di assicurazione Enea Dallaglio, Managing Partner IAMA Consulting R004-08 Un mercato in evoluzione Il divieto di esclusiva L eliminazione delle barriere

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

La prima edizione si svolgerà nel Comune di Castelfranco di Sotto (PI) dal 21 marzo al 23 marzo 2014.

La prima edizione si svolgerà nel Comune di Castelfranco di Sotto (PI) dal 21 marzo al 23 marzo 2014. POP_UP Apriamo la città POP_UP Apriamo la città nasce per restituire nuova vita alla città e per lanciare una sfida al processo di svuotamento dei centri storici e alla immagine simbolo di questo processo:

Dettagli

TITOLO I - PRINCIPI, FINALITÀ E DEFINIZIONI Art. 1 - Principi Art. 2 - Finalità Art. 3 - Definizioni

TITOLO I - PRINCIPI, FINALITÀ E DEFINIZIONI Art. 1 - Principi Art. 2 - Finalità Art. 3 - Definizioni 1 1 LEGGE REGIONALE 23 luglio 2014, n. 19#LR-ER-2014-19# NORME PER LA PROMOZIONE E IL SOSTEGNO DELL'ECONOMIA SOLIDALE Bollettino Ufficiale n. 225 del 23 luglio 2014 INDICE TITOLO I - PRINCIPI, FINALITÀ

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DIREZIONE E REDAZIONE PRESSO LA PRESIDENZA DELLA REGIONE - VIALE ALDO MORO 52 - BOLOGNA Parte prima - N. 26 Anno 45 23 luglio 2014 N. 225 LEGGE REGIONALE 23 LUGLIO

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Progetto di legge n. 83/9^

Progetto di legge n. 83/9^ Consiglio regionale della Calabria Seconda Commissione Progetto di legge n. 83/9^ Norme per il sostegno dei gruppi di acquisto solidale (GAS), dei gruppi organizzati per la domanda offerta, e la promozione

Dettagli

"Pure Performance" per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune

Pure Performance per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune "Pure Performance" per i Partner Una direzione chiara per una crescita comune 2 "Pure Performance" per i Partner "Pure Performance" per i Partner 3 Alfa Laval + Partner Valore per il Cliente Partner per

Dettagli

CARTA della promozione della

CARTA della promozione della Il Forum è un'iniziativa del DSS e del DECS per migliorare la qualità della vita nella scuola CARTA della promozione della in Ticino c/o Centro didattico cantonale Viale Stefano Franscini 32 6500 Bellinzona

Dettagli

Le strategie internazionali

Le strategie internazionali Le strategie internazionali Le strategie internazionali costituiscono alternative di fondo seguite nella costruzione e/o nel rafforzamento del vantaggio competitivo in ambito internazionale (Valdani &

Dettagli

Tra agricoltura e sociale, no profit e imprenditorialità Stato dell arte dell agricoltura sociale in Italia 1 Francesco Di Iacovo 2 & Paolo Pieroni 3

Tra agricoltura e sociale, no profit e imprenditorialità Stato dell arte dell agricoltura sociale in Italia 1 Francesco Di Iacovo 2 & Paolo Pieroni 3 Tra agricoltura e sociale, no profit e imprenditorialità Stato dell arte dell agricoltura sociale in Italia 1 Francesco Di Iacovo 2 & Paolo Pieroni 3 1. La definizione Il termine agricoltura sociale non

Dettagli

Fondazione. per la diffusione della Responsabilità. Sociale delle Imprese. L essenziale sulla. Corporate. Social Responsibility

Fondazione. per la diffusione della Responsabilità. Sociale delle Imprese. L essenziale sulla. Corporate. Social Responsibility Fondazione per la diffusione della Responsabilità Sociale delle Imprese L essenziale sulla Corporate Social Responsibility Fondazione per la diffusione della Responsabilità Sociale delle Imprese Faq Frequently

Dettagli

Cos è Etico nella Finanza Etica?

Cos è Etico nella Finanza Etica? Università degli Studi di Trento Educazione alla Finanza Etica, Responsabile e Felice Trento 28 novembre 2009 Struttura dell Intervento Cosa vuol dire finanza etica? Il ruolo del sistema finanziario Finanza

Dettagli

1.3 Educazione Ambientale

1.3 Educazione Ambientale 1.3 Educazione Ambientale La definizione di Educazione Ambientale e soprattutto l individuazione delle professionalità ad essa legate sono da anni al centro di molti dibattiti; spesso all interno di dichiarazioni

Dettagli

Cosa sono e come utilizzare le reti solidali

Cosa sono e come utilizzare le reti solidali Freebook è un progetto di libro libero. L Edup dona ai suoi lettori dei veri e propri libri, prodotti editoriali completi rispetto all opera da cui sono tratti. Possono essere letti, stampati, citati,

Dettagli

FOCUS ON: I finanziamenti per lo sport nel programma

FOCUS ON: I finanziamenti per lo sport nel programma Questo mese parliamo di: L Unione europea e lo sport FOCUS ON: I finanziamenti per lo sport nel programma Erasmus + I partenariati di collaborazione Gli eventi europei senza scopo di lucro I criteri di

Dettagli

progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE

progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE 02 EDIZIONE 2008/2009 Per presentare il vostro progetto d impresa cooperativa dovete compilare una scheda di partecipazione. 6 Si tratta di una griglia standard,

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE IN GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E TEAM BUILDING

CORSO DI FORMAZIONE IN GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E TEAM BUILDING CORSO DI FORMAZIONE IN GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E TEAM BUILDING Modulo Modelli organizzativi e dinamiche di gruppo nelle organizzazioni complesse Rita Palidda Qualche dato.. Spesa pubblica per il sistema

Dettagli

RICOMPORRE LA FRAMMENTAZIONE DEL SISTEMA DI WELFARE: L ESPERIENZA DEI PATTI DI SUSSIDIARIETA

RICOMPORRE LA FRAMMENTAZIONE DEL SISTEMA DI WELFARE: L ESPERIENZA DEI PATTI DI SUSSIDIARIETA WELFARE DI SECONDA GENERAZIONE PER IL BENESSERE E LA SALUTE RICOMPORRE LA FRAMMENTAZIONE DEL SISTEMA DI WELFARE: L ESPERIENZA DEI PATTI DI SUSSIDIARIETA Mission del Forum Terzo Settore, ruolo e responsabilità

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

MODULI FORMAZIONE A DISTANZA 2004 Area Comunicazione e Promozione della Salute Modulo Educazione Sanitaria e Promozione della Salute Unità 1

MODULI FORMAZIONE A DISTANZA 2004 Area Comunicazione e Promozione della Salute Modulo Educazione Sanitaria e Promozione della Salute Unità 1 La dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21secolo, 4 a Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute, nuovi attori per una nuova era: introdurre la promozione della salute

Dettagli

Sportello Ecoidea : un esempio di comunicazione nella Pubblica Amministrazione

Sportello Ecoidea : un esempio di comunicazione nella Pubblica Amministrazione Sportello Ecoidea : un esempio di comunicazione nella Pubblica Amministrazione Cento, 12 settembre 2007 Gabriella Dugoni - Politiche della Sostenibilità e Cooperazione internazionale - Alida Nepa Sportello

Dettagli

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI Position Paper ASVI IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI a cura di R. Randazzo e M. Crescenzi, 11 luglio 2012. Indice 1. Alcune domande d impatto sociale, M. Crescenzi, R. Randazzo p. 2 2. Abstract

Dettagli

Prestiti per studenti condizionati al reddito: Finanza pericolosa o gioco a somma positiva?

Prestiti per studenti condizionati al reddito: Finanza pericolosa o gioco a somma positiva? Prestiti per studenti condizionati al reddito: Finanza pericolosa o gioco a somma positiva? Andrea Ichino università di bologna Daniele Terlizzese eief e banca d italia 29 febbraio 2012 1 Gli obiettivi

Dettagli

Rapporto annuale 2011

Rapporto annuale 2011 Rapporto annuale 2011 Pag 3 L età adulta del Commercio Equo Pag 4 I Soci AGICES a inizio 2011 Pag 9 AGICES: un sistema di garanzia Pag 10 Partecipazione e impegno sociale Pag 11 Lavorare per il Commercio

Dettagli

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRALISATION AND COORDINATION: THE TWIN CHALLENGES OF LABOUR

Dettagli

Soluzioni energetiche dedicate. A contatto con le vostre attività

Soluzioni energetiche dedicate. A contatto con le vostre attività Soluzioni energetiche dedicate A contatto con le vostre attività A contatto con le vostre attività Il successo dei nostri clienti è da sempre al centro dei nostri interessi. Li consideriamo, infatti, come

Dettagli

Agenda. Granarolo in breve. La storia, i valori. Company overview. Business overview. Financial overview

Agenda. Granarolo in breve. La storia, i valori. Company overview. Business overview. Financial overview Agenda Granarolo in breve La storia, i valori Company overview Business overview Financial overview 2 Il Gruppo in breve Fondato nel 1957, il Gruppo Granarolo oggi conta: 1.600 dipendenti, 7 stabilimenti

Dettagli

Obiettivi strategici 2013-2016

Obiettivi strategici 2013-2016 Obiettivi strategici 2013-2016 Colophon Editore: Grafica: Stampa: Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari FINMA Einsteinstrasse 2 CH-3003 Berna Tel. +41 (0)31 327 91 00 Fax +41 (0)31 327

Dettagli

La Scuola dei Diritti Umani

La Scuola dei Diritti Umani La Scuola dei Diritti Umani «Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.»

Dettagli

GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI BILANCIO SOCIALE 2013

GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI BILANCIO SOCIALE 2013 GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI BILANCIO SOCIALE 2013 Il bilancio sociale nasce dalla consapevolezza che esistono diverse categorie di persone, definiti stakeholders ossia portatori di interessi, che hanno

Dettagli

FONDACA Fondazione per la cittadinanza attiva. Attività di supporto e consulenza alle imprese

FONDACA Fondazione per la cittadinanza attiva. Attività di supporto e consulenza alle imprese FONDACA Fondazione per la cittadinanza attiva Attività di supporto e consulenza alle imprese Prendere sul serio la cittadinanza d impresa Sebbene negli ultimi anni, accademici ed esperti abbiano ampiamente

Dettagli

Il consumo critico come forma di cittadinanza attiva per il cambiamento sociale

Il consumo critico come forma di cittadinanza attiva per il cambiamento sociale Il consumo critico come forma di cittadinanza attiva per il cambiamento sociale di Francesca Forno, Università degli studi di Bergamo Il consumo critico, se mediato da attori collettivi radicati nella

Dettagli

RELAZIONI UMANE E LA QUALITA

RELAZIONI UMANE E LA QUALITA IL «GIUSTO» NET-WORKING CHE MIGLIORA LA PROFESSIONE, LE RELAZIONI UMANE E LA QUALITA DELLA VITA SIAMO QUI RIUNITI. PER APPRENDERE E SPERIMENTARE NUOVI SISTEMI PER : AFFRONTARE CONSAPEVOLMENTE I CAMBIAMENTI

Dettagli

La scuola valutata: Europa, Italia, OCSE-PISA e altro

La scuola valutata: Europa, Italia, OCSE-PISA e altro 5 N PRMO PANO La scuola valutata: Europa, talia, OCSE-PSA e altro La scuola valutata: Europa, talia, OCSE-PSA e altro D PATRZA BORETT La scuola italiana bocciata ancora una volta n talia il dibattito sulla

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 1 Il quarto Quadro strategico del Fondo regioni, di insicurezza alimentare

Dettagli

Sistemi di welfare 7. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

Sistemi di welfare 7. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 7. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del

Dettagli

DONNE E UOMINI PER UNA ECONOMIA DI CONDIVISIONE

DONNE E UOMINI PER UNA ECONOMIA DI CONDIVISIONE DONNE E UOMINI PER UNA ECONOMIA DI CONDIVISIONE Anche il più piccolo atto nelle circostanze più limitate ha in sé il germe della stessa illimitatezza, perché un solo atto, e qualche volta una sola parola,

Dettagli

C S R N E W S N o t i z i a r i o s u l l a r e s p o n s a b i l i t à s o c i a l e d i m p r e s a

C S R N E W S N o t i z i a r i o s u l l a r e s p o n s a b i l i t à s o c i a l e d i m p r e s a C S R N E W S N o t i z i a r i o s u l l a r e s p o n s a b i l i t à s o c i a l e d i m p r e s a N. V II/10 -- o tt ttob rre 2011 I N D I C E F O C U S Le pratiche di CSR nelle imprese turistiche

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Manifesto della sostenibilità per la moda italiana. Promosso da Camera Nazionale della Moda Italiana

Manifesto della sostenibilità per la moda italiana. Promosso da Camera Nazionale della Moda Italiana Manifesto della sostenibilità per la moda italiana. Promosso da Camera Nazionale della Moda Italiana Milano, 13 giugno 2012 0. PREMESSA L obiettivo del Decalogo sulla Responsabilità sociale e ambientale

Dettagli

Dalla CSR al Social Commitment

Dalla CSR al Social Commitment Dalla CSR al Social Commitment il progetto del Governo Italiano per il semestre di Presidenza dell UEd 1 Definizione di CSR Il Libro Verde della Commissione Europea (luglio 2001) definisce la CSR come

Dettagli

BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI

BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI Pochi giorni fa a un incontro organizzato dalla Provincia di Roma in occasione dei 60 anni dell Unesco, ho conosciuto un sacerdote,

Dettagli

una scelta consapevole

una scelta consapevole EthicalBanking. una scelta consapevole Risparmiare e investire responsabilmente. Date un volto al vostro investimento. Promuovere la sostenibilità. Generare benefici. Per misurare il rendimento di un investimento

Dettagli

AMBIENTE E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Valorizzare l ambiente nei progetti di sviluppo sostenibile

AMBIENTE E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Valorizzare l ambiente nei progetti di sviluppo sostenibile Corso di diploma AMBIENTE E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Valorizzare l ambiente nei progetti di sviluppo sostenibile CALENDARIO inizio del corso: 14 aprile 2015 scadenza iscrizioni: 31 marzo 2015 (sconto

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli