Powerpoint Templates TRADE MARKETING RELAZIONI DI FILIERA E STRATEGIE. Powerpoint Templates. Page 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Powerpoint Templates TRADE MARKETING RELAZIONI DI FILIERA E STRATEGIE. Powerpoint Templates. Page 1"

Transcript

1 TRADE MARKETING RELAZIONI DI FILIERA E STRATEGIE COMMERCIALI Powerpoint Templates Page 1

2 MATERIALE CONSULTATO Daniele Fornari Trade marketing-relazioni di filiera e strategie commerciali Egea Consultazioni web. Page 2

3 GRUPPO DI LAVORO Ciro D Antuono Giuseppe Oliveri Aniello Fiengo Giacomo Ciarrocchi Page 3

4 OBIETTIVI Identificazione i Trade Marketing Relazioni negoziali di filiera Funzione acquisti imprese commerciali Category Management Leva scontistica Page 4

5 IDENTIFICAZIONE TRADE MARKETING Page 5

6 TRADE MARKETING Che cos è? È l insieme delle tecniche di marketing indirizzate al distributore piuttosto che al consumatore finale OBIETTIVO Raggiungere il completo soddisfacimento delle esigenze dei propri clienti commerciali Questo significa che un impresa produttrice pianificherà le strategie e le attività di mktg avendo come obiettivo un mercato intermedio, quello costituito dai distributori Page 6

7 L ATTIVITÀ DI MKTG È FORMATA DA 2 GRANDI AREE CONSUMER MKTG TRADE MKTG IL PRINCIPALE OBIETTIVO DELLA PIANIFICAZIONE DI MKTG È QUELLO DI INDIVIDUARE IL PUNTO DI EQUILIBRIO TRA INVESTIMENTI DI CONSUMER E TRADE MKTG, CHE PERMETTE DI MASSIMIZZARE LE PERFORMANCE AZIENDALI Il punto di equilibrio i è fortemente condizionato i dal posizionamento i di mercato delle imprese Page 7

8 POSIZIONAMENTO DI MERCATO DELLE IMPRESE nale keting) ollo del ca rade mark do di contro tamento tr Grad (Orient B ASSO ALT TO D B TRADE MARKETING INFERNO PARADISO CONSUMER MARKETING A C BASSO ALTO Forza della marca (Orientamento consumer marketing) Page 8

9 Verso nuove strategie di trade mktg complementari ed integrate con quelle consumer mktg Page 9

10 Esigenza di un nuovo approccio di pianificazione e gestione degli investimenti sul mercato intermedio, sviluppando attività di trade marketing come: ATTIVITÀ DI TRADE MKTG insieme attività di natura strategica ed operativa che, basate sul trinomio prodotto / cliente / canale, si prefiggono di pianificare/organizzare/gestire le relazioni verticali di filiera con l obiettivo di soddisfare i bisogni del distributore e del consumatore massimizzando gli investimenti nel mercato finale e nel mercato intermedio Nuovo approccio alla pianificazione delle politiche di vendita Page 10

11 LA PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE DI VENDITA IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DI TRADE MKTG 1 CHECK UP MERCATO DISTRIBUTIVO 2 ANALISI CLIENTELA COMMERCIALE 3 VALUTAZIONE PERFORMANCE AZ. NELLA CLIENTELA 4 OBIETTIVI 5 STRATEGIE 6 AZIONI 7 PROGRAMMAZIONE 8 CONTROLLO 3 FINALITÀ Analizzare le tendenze di sviluppo del mercato distributivo Verificare il posizionamento competitivo dell azienda Controllare il livello di ritorno e di redditività degli investimenti commerciali Page 11

12 DA BRAND LOYALTY A STORE LOYALTY Page 12

13 STORE LOYALTY: è il risultato di diverse variabili che definiscono il sistema valutativo dei consumatori nei confronti delle diverse forme distributive/insegne. Si basa su due dimensioni - comportamentale: tasso di riacquisto dei prodotti presso gli stessi pv - cognitiva: immagine favorevole che il consumatore ha nei confronti della stessa insegna. L intensità ità della store loyaltylt è determinata t dalla presenza congiunta dei due fattori. L immagine del pv deriva dalla combinazione di più attributi (funzionali e psicologici) PARTICOLARE RILEVANZA RIVESTE LA FIDUCIA Page 13

14 LA SELEZIONE PUÒ ESSERE DETERMINATA DA TRE CRITERI: - criteri di servizio: infrastrutture, assistenza - criteri di convenienza: vantaggi economici - criteri i di assortimento: t varietà di offerta CRITERI DI MISURAZIONE Quota di acquisti Frequenza di acquisto Sequenza di acquisti OBIETTIVO DEL TRADE accrescere il livello di store loyalty della clientela (ne consegue maggior spesa, minor esposizione alla concorrenza) Page 14

15 IL RAPPORTO TRA BRAND LOYALTY E STORE LOYALTY NEI MERCATI DI LARGO CONSUMO IL RAPPORTO TRA BRAND E STORE LOYALTY SI È EVOLUTO A FAVORE DELLA STORE LOYALTY QUESTO RISULTATO È EMERSO DAI COMPORTAMENTI CHE ASSUMONO GLI ACQUIRENTI QUANDO NON TROVANO LA MARCA PREFERITA NEI PUNTI VENDITA FREQUENTATI Page 15

16 IL COMPORTAMENTO DI Powerpoint ACQUISTO Templates IN ASSENZA DELLA MARCA PREFERITA ( % consumatori 2008 ) Categoria Eff. Mobilità Eff. Sostituzione Eff. Rinvio (frequenta un altro pv) (acquista un altra marca) (rinvia l acquisto) totale Acqua 12,1 72,8 14,1 100,0 Bibite gas 11,3 60,9 27,8 100,00 Caffè 22,4 42,9 34,7 100,0 Cioccolatini 10,3 67,4 22,3 100,00 Dentifricio 16,1 72,0 11,9 100,0 Latte fresco 16,8 65,3 17,9 100,0 Liquori 15,1 60,5 24,4 100,0 Merende 9,1 74,4 16,5 100,0 Pannolini 21,9 52,4 25,7 100,0 shampoo 16,7 64,9 18,4 100,0 Sughi 12,0 74,77 13,33 100,00 Fonte: laboratorio di trade mktg Università Bocconi Page 16

17 LE RELAZIONI NEGOZIALI DI FILIERA Page 17

18 Il ruolo delle relazioni negoziali che intercorrono tra industria e distribuzione, è quello di definire il valore degli scambi di merci e servizi tra i diversi stadi della filiera. SERVIZI INDUSTRIA: SERVIZI DISTRIBUZIONE: Tempi e modalità di consegna delle merci; Tipologia p g di packaging; g Livello innovazione prodotti; Investimenti in comunicazione; Competenze venditori; Dilazione pagamenti. Quantità/qualità spazio espositivo assegnato ai prodotti; Velocità inserimento nuovi prodotti; Rispetto prezzo consigliato; Collaborazione nell attività di store promotion; Sinergie nella supply chain. Page 18

19 RAPPORTI INDUSTRIA - DISTRIBUZIONE Influenzano le performance delle parti creando uno squilibrio tra servizio erogato/ricevuto e condizioni economiche negoziate. SITUAZIONI DISCRIMINATORIE: condizioni di vendita differenti per diversi clienti non giustificate da differenze nei costi di fornitura; condizioni di vendita simili a clienti con una diversa quantità/qualità q dei servizi offerti; prestazioni di servizi a clienti differenti a cui non corrispondono differenziali di costo sostenuti per l attività di fornitura. Page 19

20 NUOVO MODELLO NEGOZIALE DA Conflittualità Focus sulle attività Standardizzazione Incremento % Fornitore NKA Buyer Contratti di fornitura Inefficienza nell adozione dell innovazione A Condivisione e trasparenza Condivisione obiettivi e strategie di mercato Implementazione politiche commerciali differenziate Verif. congiunta risultati finali/performance Canale Team multifunzionale ID GD Business plan congiunti Piani di innovazione Page 20

21 MIGLIORAMENTO RELAZIONI NEGOZIALI Nel corso degli anni si è verificato uno spostamento di potere dall industria alla distribuzione, causato dai cambiamenti registrati nei vari stadi della filiera. Stadio domanda finale: fiducia consumatore vs i punti vendita (da brand loyalty a store loyalty). Stadio distribuzione: autonomia di mktg delle imprese commerciali e concorrenza con i produttori. Stadio industria: trend di banalizzazione dei prodotti (poca innovazione). Page 21

22 L evoluzione delle relazioni di filiera ha comportato un conseguente cambiamento delle strutture organizzative di trade mktg con effetti sui ruoli e sulle funzioni di vendita. MAGGIORE IMPORTANZA ALLA FUNZIONE VENDITE TRADE MKTG COME ISTITUTO DI RIFERIMENTO Page 22

23 Page 23

24 FUNZIONI CUSTOMER MANAGEMENT p fornitura Confronto con buyer per condivisione piani commerciali FUNZIONI TRADE MKTG p budget di investimento Progettare politiche promozionali FUNZIONI FIELD Predisporre contratti Proporre scontistica e Migliorare servizio punti vendita Migliorare rotazione prodotti Determ. condizioni vendita per canale Analizz. performance clienti Gestire lancio di nuovi prodotti Svolgere test per valutare posizionamento prodotti sullo scaffale Promuovere aggiornamento manageriale Page 24

25 FUNZIONE ACQUISTI IMPRESE COMMERCIALI Page 25

26 LA FUNZIONE ACQUISTI NELLE IMPRESE COMMERCIALI Nella distribuzione la funzione organizzativa che svolge un ruolo di interfaccia nei rapporti negoziali con l industria è la funzione acquisti. VANTAGGI: SVANTAGGI: Gestione ottimale dei flussi logistici; Gestione ottimale delle risorse umane; Gestione ottimale delle condizioni di fornitura. Problematiche territoriali; Elevati costi di coordinamento; Asimmetria informativa. Page 26

27 MODELLO BUYING Direzione i Generale Direzione Commerciale Acquisti Food Acquisti No Food Scatolame Freschi Igiene casa/ Casalinghi persona Abbigliamento buyer buyer buyer buyer buyer Page 27

28 MODELLO BUYING La funzione acquisti svolge il ruolo di: Sviluppo conoscenze merceologiche; Verifiche strutture dei mercati di produzione e la condotta delle imprese industriali; Consolidamento competenze negoziali con i fornitori; Condivide con la direzione vendite il processo di formazione degli assortimenti; Sottoscrive contratti tti con i fornitori. i Page 28

29 Powerpoint Templates Page 29

30 MODELLO CATEGORY La valutazione del modello category ha evidenziato 3 criticità: proliferazione dei ruoli aziendali e la necessità di coordinamento; carico di lavoro assegnato ai singoli buyer; difficoltà di selezionare risorse umane per la copertura dei ruoli di category. Page 30

31 CATEGORY MANAGEMENT Page 31

32 Questa fase si caratterizza con il forte sviluppo di funzioni di Marketing all interno delle imprese distributive, che sfocia nel passaggio da una logica negoziale per fornitore ad una logica per categoria di prodotto con l affermarsi di logiche organizzative basate sul CATEGORY MANAGEMENT Page 32

33 Definizione di Category Management (CM) Nuova metodologia e ideologia dei rapporti tra Industria e Distribuzione. Processo interattivo tti e interfunzionale i tra Industria ti e Distribuzione Ditib i che punta a organizzare, pianificare e gestire gli assortimenti come un insieme di SBU con l obiettivo di massimizzare il livello delle politiche di marketing delle imprese industriali e commerciali migliorando sia la profittabilità aziendale sia la soddisfazione dei consumatori. Tale approccio richiede il rispetto di alcuni principi i i Modelli organizzativi integrati sia a livello industriale che distributivo Passaggio da logiche negoziali push a logiche di tipo pull, dove le politiche commerciali sono guidate più dai comportamenti dei consumatori che dagli accordi commerciali Condivisione delle informazioni - maggiore conoscenze dei processi di mktg industriali e commerciali Rapido trasferimento delle sperimentazioni nelle attività operative. Questo trasferimento si realizza attraverso la costruzione di PIANI OPERATIVI DI CATEGORIA nei quali definire, in base ai ruoli di mktg dei prodotti, gli obiettivi e le azioni da intraprendere negli assortimenti. Page 33

34 OSTRUZIONE PIANI OPERATIVI DI CATEGORIA Il punto di partenza per progettare e costruire i piani di categoria è l assegnazione dei ruoli di marketing svolti lidai prodotti. Nella prassi aziendale si tende a realizzare un processo di semplificazione attraverso la valutazione del grado di importanza delle diverse variabili e la costruzione di alcuni indicatori sintetici. Page 34

35 OSTRUZIONE PIANI OPERATIVI DI CATEGORIA: ruoli di marketing delle categorie Routine (detersivi, pasta, acqua) Mercati importanti e basici Elevata pianificazione e frequenza di spesa Bassa marginalità Obiettivo di allineamento al mercato Sostengono l immagine di convenienza (prezzi, promozioni) Destination (reparti freschi) Categorie importanti per il consumatore e per il distributore Il distributore si pone l obiettivo di essere il riferimento di mercato nella categoria Elevati investimenti e sviluppo differenziazione/immagine Servizio (sale, zucchero, birra) Categorie meno importanti Obiettivo immagine di convenience (praticità, comodità, velocità acquisti) Assortimento selettivo; margini sopra media. Sviluppo Acquisto occasionale, stagionale o di nicchia Assortimenti e spazi espositivi in alta stagionalità Acquisti gratificanti/ludici visual merchandising Page 35

36 Page 36 Per ogni categoria è possibile prevedere la realizzazione congiunta di più strategie in quanti i singoli segmenti possono comportare problematiche differenti OSTRUZIONE PIANI OPERATIVI DI CATEGORIA: e strategie di categoria per intraprendere obiettivi di ncremento fatturati e margini. Traffico Aumentare il giro d affari incrementando il numero degli acquirenti e quindi degli scontrini. La funzione di traffico svolta da alcune categorie diventa un generatore di traffico per il reparto / punto vendita. (assortimenti ampi, promozioni aggressive, livello prezzo medio basso per referenze chiave) Transazione aumentare la spesa media (scontrino) attraverso upgrading della struttura assortimentale (promozioni su prodotti ad alto valore unitario, i evidenziare i referenze premium). Margine aumentare la redditività della categoria agendo sul mix assortimentale a favore delle marche e dei prodotti a maggiore marginalità (es. assortimento t con più marche di nicchia, assortimenti innovativi i con margini i alti) Cassa incrementare i flussi monetari attraverso l incremento dei volumi (numero acquirenti, frequenza di acquisto) e dei valori (scontrino) con azioni aggressive sul prezzo, alta visibilità prodotti a maggiore vendibilità) Entusiasmo generare coinvolgimento e stimolo nel consumatore (es. agendo sulle leve di comunicazione in store - eventi)

37 PIANI OPERATIVI DI CATEGORIA COME AREA DI INTEGRAZIONE TRA INDUSTRI E DISTRIBUZIONE I piani di categoria possono rappresentare un area di integrazione tra Industria e Distribuzione se vengono soddisfatte alcune condizioni: 1. Condivisione patrimonio informativo di filiera, il produttore è interessato a conoscere le performance dei prodotti nei PV, il distributore avverte la necessità di capire le dimensioni di sviluppo dei mercati. 2. Adeguare responsabilità e funzioni delle organizzazioni alle metodologie e ai contenuti di category management con l obiettivo di massimizzare le performance di categoria. 3. Adottare la categoria come SBU allineando gli obiettivi i di mktg delle parti (ID-GD) in funzione del livello di soddisfazione dei consumatori. 4. Concordare il ruolo di mktg da assegnare a ogni categoria, industria e distribuzione pianificano insieme le strategie. 5. Evitare comportamenti opportunistici nell attività negoziale tra distribuzione e industria (es.leva scontistica). Page 37

38 LEVA SCONTISTICA Page 38

39 LA LEVA DELLA SCONTISTICA Rapporti Industria/Distribuzione Sono disciplinate da 2 modalità negoziali Accordi Extracontratto Contratti di fornitura Page 39

40 LA LEVA DELLA SCONTISTICA I rapporti contrattuali tra produttori/distributori possono essere articolati su più livell negoziali: Livello della Supercentrale (nazionali ed internazionali); Singola insegna nazionale; Gruppo distributivo locale. Page 40

41 LA LEVA DELLA SCONTISTICA 1. Sconto di canale/cliente; 2. Sconti convass; 3. Termini di pagamento; 4. Contributi di referenziamento (Listing fee). Page 41

42 IN CONCLUSIONE nell'ambito delle strategie aziendali gli investimenti di Trade Marketing stanno assumendo un ruolo ed una rilevanza economica crescenti tanto che, nel settore del Largo Consumo Confezionato (LCC), assorbono circa il 50% degli investimenti di Marketing delle imprese industriali (Fonte: CERMES - Univesità Bocconi). Page 42

43 GRAZIE PER L ATTENZIONE Page 43

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 La configurazione della funzione di Trade Marketing I fenomeni che hanno influito sui processi

Dettagli

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO A ACQUISTO D'IMPULSO Acquisto da parte del consumatore non programmato; effettuato in seguito alla percezione di uno stimolo, senza che abbia tenuto conto di fattori di effettivo bisogno. ACQUISTO SUGGERITO

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

MARKETING La gestione dei canali distributivi. Marketing - Prof. Giovanni Mattia Roma Tre, Economia

MARKETING La gestione dei canali distributivi. Marketing - Prof. Giovanni Mattia Roma Tre, Economia MARKETING La gestione dei canali distributivi Che cosa è un canale distributivo? E un insieme di imprese il cui compito è trasferire un bene fisico o un servizio dal produttore al consumatore, generando

Dettagli

Marketing Operativo: Distribuzione

Marketing Operativo: Distribuzione Fondamenti di Marketing Turistico Università degli Studi di Roma Tor Vergata Marketing Operativo: Distribuzione Dott. Mario Liguori Comunicazione Martedì 14 e Mercoledì 15 no lezione 1 Canali distributivi

Dettagli

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ]

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] PRODUTTORE CHIAMA DISTRIBUTORE L UNIONE FA LA FORZA I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] 1. [PRODUTTORI

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING LEZIONI N. 13 e 14 La Gestione dei Canali di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI

Dettagli

DEFINIZIONE DI CANALE DI DISTRIBUZIONE

DEFINIZIONE DI CANALE DI DISTRIBUZIONE DEFINIZIONE DI CANALE DI DISTRIBUZIONE Il canale di distribuzione di un bene è il percorso che questo segue nel suo trasferimento dal produttore (industriale o agricolo) al consumatore finale o all utilizzatore

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE DELLE IMPRESE COMMERCIALI

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE DELLE IMPRESE COMMERCIALI LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE DELLE IMPRESE COMMERCIALI Comunicazione esterna Comunicazione interna I target group della comunicazione: la domanda finale il personale di vendita i fornitori i concorrenti.

Dettagli

CAP 11: La gestione dei canali distributivi

CAP 11: La gestione dei canali distributivi CAP 11: La gestione dei canali distributivi La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi 2. I rapporti con gli intermediari La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE Introduzione Il perché della ricerca La presenza di prodotti non alimentari nelle diverse formule della distribuzione

Dettagli

La formazione degli assortimenti commerciali. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01

La formazione degli assortimenti commerciali. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 La formazione degli assortimenti commerciali Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 La funzione degli acquisti nelle aziende commerciali L efficiente svolgimento della funzione acquisti

Dettagli

Corso di MARKETING OPERATIVO

Corso di MARKETING OPERATIVO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Bari Corso di MARKETING OPERATIVO Distribuzione Luca Petruzzellis lu.petruzzellis@disag.uniba.it Case Study

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

/(',0(16,21,'(,&$1$/,',',675,%8=,21(

/(',0(16,21,'(,&$1$/,',',675,%8=,21( /(',0(16,21,'(,&$1$/,',',675,%8=,21( Abbiamo visto, nel paragrafo precedente, quali sono le figure e le strutture che possono costituire i canali di vendita per l impresa produttrice di olio di oliva,

Dettagli

Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati

Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati La nuova qualità nel settore delle carni Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati Roberta Moruzzo Dipartimento di Produzioni Animali, Università di Pisa robemoru@vet.unipi.it

Dettagli

Marketing Agroalimentare Marketing mix

Marketing Agroalimentare Marketing mix Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari Corso di Valutazione qualitativa e promozione dei prodotti agroalimentari Marketing Agroalimentare Marketing mix Prof.ssa Agata Nicolosi Dott. Marco Strazzulla

Dettagli

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price Pricing Strategy Approfondimenti tematici settembre 2013 Le informazioni contenute nel presente documento sono classificate riservate e confidenziali ad esclusivo

Dettagli

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Capitolo 1 Il marketing nell economia e nella gestione d impresa 1 1.1 Il concetto e le caratteristiche del marketing 2 1.2 L evoluzione del pensiero

Dettagli

CORSO GRATUITO ADDETTO VENDITE COMMESSO DI NEGOZIO (STORE MANAGER) SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.

CORSO GRATUITO ADDETTO VENDITE COMMESSO DI NEGOZIO (STORE MANAGER) SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte. CORSO GRATUITO ADDETTO VENDITE COMMESSO DI NEGOZIO (STORE MANAGER) SEDI E CONTATTI ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA Frequenza infrasettimanale Corso gratuito Corpo docente formato

Dettagli

Area Retail. Area Management. Indice Corsi. Pag6

Area Retail. Area Management. Indice Corsi. Pag6 Catalogo Formativo Indice Corsi Area Retail Analisi dello scenario ed elementi di economia della distribuzione La Gestione strategica delle imprese distributive Le Politiche assortimentali La Formulazione

Dettagli

Il Marketing Analitico

Il Marketing Analitico Il Marketing Analitico Terza Lezione Bari, 19 Novembre 2007 Agenda Il mercato (follow-up) Le performance interne Esercitazione interattiva 2 Il Marketing Analitico 1 2 3 Il consumatore Il mercato Le performance

Dettagli

PREZZI E MERCATI INTERNAZIONALI

PREZZI E MERCATI INTERNAZIONALI PREZZI E MERCATI INTERNAZIONALI Fare i prezzi sui mercati internazionali è una delle attività più complesse - elevata quantità di informazioni interne ed esterne all impresa - molte variabili da considerare

Dettagli

Mercato Lavatrice LAVATRICE LIQUIDI POLVERI LIQUIDI CONCENTRATI PROFUMATI COLORATI MARSIGLIA TRADIZIONALI PREDOSATI

Mercato Lavatrice LAVATRICE LIQUIDI POLVERI LIQUIDI CONCENTRATI PROFUMATI COLORATI MARSIGLIA TRADIZIONALI PREDOSATI 2 0 1 1 Mercato Lavatrice LAVATRICE LIQUIDI POLVERI CONCENTRATI TRADIZIONALI PROFUMATI COLORATI MARSIGLIA LIQUIDI PREDOSATI Mercato Lavatrice - Predosati 2 0 1 0 Nascono i detersivi lavatrice liquidi pre-dosati

Dettagli

locali e nazionali della GDO per entrare in questo canale distributivo

locali e nazionali della GDO per entrare in questo canale distributivo Le principali strategie di approccio che le Pmi possono sviluppare nei confronti della GDO Uno dei principali problemi delle piccole e medie imprese (Pmi) produttrici di beni di largo consumo (vale a dire,

Dettagli

I N D I C E 1 [ FILIALE LEGGERA O CLIENTE? ] 2 [ GESTIONE PER MATRICE O PER SOCIETA? ] 3 [ EFFICACIA O EFFICIENZA? ]

I N D I C E 1 [ FILIALE LEGGERA O CLIENTE? ] 2 [ GESTIONE PER MATRICE O PER SOCIETA? ] 3 [ EFFICACIA O EFFICIENZA? ] MODELLI DI SVILUPPO INTERNAZIONALE I N D I C E 1 [ FILIALE LEGGERA O CLIENTE? ] 2 [ GESTIONE PER MATRICE O PER SOCIETA? ] 3 [ EFFICACIA O EFFICIENZA? ] La scelta del modello ottimale per lo sviluppo nei

Dettagli

CATEGORY MANAGEMENT. Il modello operativo per il Sistema Italia

CATEGORY MANAGEMENT. Il modello operativo per il Sistema Italia CATEGORY MANAGEMENT Il modello operativo per il Sistema Italia Al servizio delle imprese Indicod-Ecr è una associazione di categoria senza scopo di lucro che raggruppa aziende industriali e distributive

Dettagli

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA MARKETING E VENDITE COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA PREMESSA Per sviluppare un piano di marketing bisogna tenere in considerazione alcuni fattori

Dettagli

DECATHLON Portfolio delle competenze, Libretto formativo e riconoscimento di crediti formativi

DECATHLON Portfolio delle competenze, Libretto formativo e riconoscimento di crediti formativi DECATHLON Portfolio delle competenze, Libretto formativo e riconoscimento di crediti formativi Proposta Accordo di Riconoscimento CFU Schede descrittive dei corsi Decathlon per venditori Settembre 2014

Dettagli

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media Capitolo 2 Comprendere le relazioni UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media IL CONCETTO DI RELAZIONE Le implementazioni di CRM sono concepite nell ottica

Dettagli

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 LEZIONE GESTIONE STRATEGICA DEGLI ACQUISTI DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 1.1. Prima

Dettagli

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Bologna 19 Febbraio 2003 1 Il mercato Internet Il numero totale degli utenti varia a seconda delle fonti ma è stimabile intorno a 9/10 milioni di persone.

Dettagli

TEAM: Abbondanzieri Davide Caporaletti Francesco Deluca Gambini Valentina

TEAM: Abbondanzieri Davide Caporaletti Francesco Deluca Gambini Valentina Fonti: Trade marketing. Relazioni di filiera e strategie commerciali Fornari Daniele Egea 2009 Le relazioni strategiche tra industria e distribuzione Sinergie n.19, 1989 TEAM: Abbondanzieri Davide Caporaletti

Dettagli

CATEGORY MANAGEMENT. Il modello operativo per il Sistema Italia

CATEGORY MANAGEMENT. Il modello operativo per il Sistema Italia CATEGORY MANAGEMENT Il modello operativo per il Sistema Italia La voce di 35mila aziende INDICOD-ECR, l associazione che raggruppa 35MILA aziende, si occupa della diffusione degli standard adottati a

Dettagli

Risorse, capacità e competenze per fare impresa

Risorse, capacità e competenze per fare impresa Risorse, capacità e competenze per fare impresa Renato Fiocca Parma - 21 marzo 2014 Gli argomenti di oggi: Le relazioni impresa-mercato e la centralità del cliente Individuare e generare valore per il

Dettagli

EVOLUZIONE Il Marketing Integrato

EVOLUZIONE Il Marketing Integrato EVOLUZIONE Il Marketing Integrato IL NUOVO CHE AVANZA Tutto si trasforma. Anche il mercato. Industria, distribuzione, consumi: gli attori sono sempre gli stessi ma evolvono i rapporti di forza, i ruoli,

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

Ringraziamenti dell Editore

Ringraziamenti dell Editore 00 Pratesi romane.qxp:. 23-12-2008 16:56 Pagina VII INDICE Prefazione Ringraziamenti dell Editore XVII XXI Capitolo 1 Introduzione al processo di marketing management 1 1.1 La filosofia del marketing,

Dettagli

Confini del business e supply chain management

Confini del business e supply chain management Confini del business e supply chain management Roberta Bocconcelli a.a. 2011/2012 DESP Dipartimento di Eonomia, Società, Politica 1/27 La soddisfazione del cliente e la qualità totale Il cliente e la sua

Dettagli

1) la segmentazione della domanda è focalizzata più sul comportamento di consumo che non sul comportamento di acquisto

1) la segmentazione della domanda è focalizzata più sul comportamento di consumo che non sul comportamento di acquisto TRADE MRK Con lo sviluppo di una configurazione dei rapporti di filiera hanno imposto una revisione dei paradigmi tradizionali del mrk management industriale. Questi paradigmi si basano su 10 principi

Dettagli

Specializzazione in commercio estero. Mara Granzotto

Specializzazione in commercio estero. Mara Granzotto Specializzazione in commercio estero Mara Granzotto Stage svolto nell azienda Canalcom 28/05/2007-30/06/2007 CANALCOM - servizio consulenza UFFICIO STAMPA CLIENTI: Fornaci Calce Grigolin spa Superbeton

Dettagli

IL MARKETING. Prof. Francesco Bifulco

IL MARKETING. Prof. Francesco Bifulco IL MARKETING E il processo sociale e manageriale mediante il quale una persona o un gruppo ottiene ciò che costituisce oggetto dei propri bisogni e desideri creando, offrendo e scambiando prodotti e valori

Dettagli

PROMOMERCHANDISING COMPLEMENTARE IPOTESI DI PROFICUA METODOLOGIA AL SERVIZIO DEL RETAILING

PROMOMERCHANDISING COMPLEMENTARE IPOTESI DI PROFICUA METODOLOGIA AL SERVIZIO DEL RETAILING PROMOMERCHANDISING COMPLEMENTARE IPOTESI DI PROFICUA METODOLOGIA AL SERVIZIO DEL RETAILING Definizione di PMC (Promo Merchandising Complementare) Disciplina su cui convergono operazioni finalizzate a valorizzare

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Il concetto di marketing MARKETING. Corso di. Luca Petruzzellis. a.a. 2004/2005. Bari. lu.petruzzellis@disag.uniba.it FACOLTA DI ECONOMIA

Il concetto di marketing MARKETING. Corso di. Luca Petruzzellis. a.a. 2004/2005. Bari. lu.petruzzellis@disag.uniba.it FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Economia Aziendale Bari a.a. 2004/2005 Corso di MARKETING Il concetto di marketing Luca Petruzzellis lu.petruzzellis@disag.uniba.it Programma del

Dettagli

IL CHECK UP DEL PUNTO VENDITA

IL CHECK UP DEL PUNTO VENDITA Attilio Rossi, Emanuele Schmidt IL CHECK UP DEL PUNTO VENDITA Incrementare la redditività di grandi e medie superfici MANUALI/FrancoAngeli GUIDA OPERATIVA PER LO STORE MANAGER Attilio Rossi, Emanuele

Dettagli

POLITICHE E CLASSIFICAZIONE DEL PRODOTTO COMMERCIALE

POLITICHE E CLASSIFICAZIONE DEL PRODOTTO COMMERCIALE POLITICHE E CLASSIFICAZIONE DEL PRODOTTO COMMERCIALE Per prodotto s intende tutto ciò che può essere offerto ai consumatori per soddisfare un loro bisogno IN BASE ALLE ABITUDINI DEL CONSUMATORE I PRODOTTI

Dettagli

Marketing Roger A. Kerin, Steven W. Hartley, Eric N. Berkowitz, William Rudelius Copyright 2007 The McGraw-Hill Companies srl

Marketing Roger A. Kerin, Steven W. Hartley, Eric N. Berkowitz, William Rudelius Copyright 2007 The McGraw-Hill Companies srl Copyright 2007 The Companies srl CAPITOLO 1 CREARE RELAZIONI CON I CLIENTI E VALORE CON IL MARKETING 1. Che cos è il marketing? 2. L obiettivo del marketing è e i bisogni dei consumatori. 3. Quali sono

Dettagli

TECNICA INDUSTRIALE E COMMERCIALE (TRADE MARKETING) Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01

TECNICA INDUSTRIALE E COMMERCIALE (TRADE MARKETING) Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 TECNICA INDUSTRIALE E COMMERCIALE (TRADE MARKETING) Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 Indice Le funzioni di marketing nei canali di distribuzione Il ciclo del potere nei rapporti

Dettagli

Mondo Pharma gcs Software

Mondo Pharma gcs Software Strumenti & Servizi Mondo Pharma gcs Software Prima di Iniziare Alcuni Riposanti Istanti tratti da Come eravamo Ieri La Cara Vecchia Farmacia Oggi Oggi in Farmacia lo spazio attribuito ad una categoria/reparto

Dettagli

Principi di marketing

Principi di marketing Principi di marketing Corso di Gestione e Marketing delle Imprese Editoriali (A Z) Prof.ssa Fabiola Sfodera Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione Anno Accademico 2013/2014 1 L utilità

Dettagli

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1 Capitolo 13 La distribuzione al dettaglio e all ingrosso Capitolo 13- slide 1 e all ingrosso Obiettivi di di apprendimento La distribuzione al dettaglio. Le decisioni di marketing dell impresa al dettaglio.

Dettagli

IL MARKETING IN FARMACIA

IL MARKETING IN FARMACIA IL MARKETING IN FARMACIA 1 IL MARKETING IN FARMACIA Tutte le farmacie erano imprese commerciali: che non dovevano attirare clientela in quanto la loro area di competenza era (ed è) già definita per legge;

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PRODOTTO O SERVIZIO. a cura di Annamaria Annicchiarico

DEFINIZIONE DEL PRODOTTO O SERVIZIO. a cura di Annamaria Annicchiarico DEFINIZIONE DEL PRODOTTO O SERVIZIO a cura di Annamaria Annicchiarico Settembre 2005 Indice dei contenuti Definizioni utili Il prodotto/servizio Il rapporto col mercato Valutare le idee Il piano d azione

Dettagli

Come fare un piano di marketing

Come fare un piano di marketing Come fare un piano di marketing Marketing strategico e operativo Definizione Un Un piano di di marketing è un un piano finanziario arricchito di di informazioni su su origini e destinazioni dei dei flussi

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Prefazione all edizione italiana Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura. Capitolo 1 Creare relazioni con i clienti e valore con il marketing 3

Prefazione all edizione italiana Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura. Capitolo 1 Creare relazioni con i clienti e valore con il marketing 3 VI Indice Prefazione all edizione italiana Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura XX XXIII XXIV Parte prima Il processo di marketing: come iniziare Capitolo 1 Creare relazioni con i clienti e valore

Dettagli

PIANO STRATEGICO MARKETING

PIANO STRATEGICO MARKETING PIANO STRATEGICO di MARKETING a che serve il Piano strategico? ad individuare ed esprimere in modo chiaro e sistematico le SCELTE aziendali a MEDIO e LUNGO TERMINE DECISIONI E PROGRAMMI DI AZIONE per giungere,

Dettagli

Piano di marketing internazionale

Piano di marketing internazionale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO CORSO DI MARKETING INTERNAZIONALE anno accademico 2004/2005 ISSUE 6: Piano di marketing internazionale Prof. Mauro Cavallone Dott.ssa Chiara Zappella Materiale didattico

Dettagli

Figura Professionale codice FP205 AGENTE DI COMMERCIO

Figura Professionale codice FP205 AGENTE DI COMMERCIO settore Comparto descrizione COMMERCIO ALL'INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI, MOTOCICLI E DI BENI PERSONALI E PER LA CASA COMMERCIO ALL'INGROSSO E INTERMEDIARI DEL COMMERCIO, AUTOVEICOLI

Dettagli

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Docente di Gestione dei Processi e dei Progetti La Sapienza Università di Roma Agenda Perché le ICT a supporto dei processi di gestione della

Dettagli

LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG

LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE STRATEGICA LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA DI MTKG È LA SEQUENZA LOGICA DI ATTIVITÀ CHE CONSENTE DI: Stabilire gli obiettivi di mtkg, Formulare

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Customer Plan. La soluzione completa per gestire il piano cliente in maniera semplice ed efficace

Customer Plan. La soluzione completa per gestire il piano cliente in maniera semplice ed efficace Customer Plan La soluzione completa per gestire il piano cliente in maniera semplice ed efficace RISORSA RISORSA SalesWare Customer Plan Il piano Cliente come strumento di pianificazione aziendale nei

Dettagli

Sostenibilità e servizi in farmacia

Sostenibilità e servizi in farmacia Milano, 22 Aprile 2013 Università Commerciale L. Bocconi Stefano Casati Andrea Misticoni Michele Popolo Angelica Vallarino Gancia Agenda 1 2 3 4 Introduzione Analisi e Market Overview Linee di sviluppo

Dettagli

Progetto S.A.M. Strategic Assets Management

Progetto S.A.M. Strategic Assets Management Progetto S.A.M. Strategic Assets Management Gestione Strategica delle Scorte Synergic S.r.l. - Via Amola, 12-40050 Bologna Tel 051 320011 - Fax 0515880448 www.synergic.it cell.348/1315671 2007 Synergic

Dettagli

Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI. Marketing Mix - PREZZO

Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI. Marketing Mix - PREZZO Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI Marketing Mix - PREZZO Erika Pignatti Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie A.A. 2007-2008 30/11/2007 1 Le decisioni di prezzo Per

Dettagli

controllo finanziario Colmare la distanza tra le strategie di mercato e i risultati attesi GIBELLINI & ROSSI STUDIO ASSOCIATO

controllo finanziario Colmare la distanza tra le strategie di mercato e i risultati attesi GIBELLINI & ROSSI STUDIO ASSOCIATO La Laricerca ricercadell equilibrio dell equilibriotra traobiettivi obiettivicommerciali commerciali eecontrollo finanziario controllo finanziario Colmare la distanza tra le strategie di mercato e i risultati

Dettagli

LA NOSTRA CATEGORIA FOOD

LA NOSTRA CATEGORIA FOOD MELTIN BOX GDOWeek THINKTANK Contest 2014 Progetto di Trade Marketing e Category Management Gruppo Foodastic Martina Ascoli, Anna Frassanito, Lara Mazzoleni, Giulia Moretto, Silvia Travaglini LA NOSTRA

Dettagli

profilo aziendale sviluppo delle vendite ed il recupero di competitività e marginalità dei prodotti. approccio operativo e orientato ai risultati

profilo aziendale sviluppo delle vendite ed il recupero di competitività e marginalità dei prodotti. approccio operativo e orientato ai risultati profilo aziendale ROSTEAM è una società di consulenza direzionale nata nel 2004 su iniziativa di un team di professionisti con ampia visione delle problematiche inerenti lo sviluppo delle vendite ed il

Dettagli

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing Il processo di comunicazione (1) Fonte: chi emette il messaggio nei confronti di un altro soggetto

Dettagli

Roberto Ravazzoni Università di Modena e Reggio Emilia Come sta cambiando il consumatore

Roberto Ravazzoni Università di Modena e Reggio Emilia Come sta cambiando il consumatore Roberto Ravazzoni Università di Modena e Reggio Emilia Come sta cambiando il consumatore Montelupo Fiorentino, 20 marzo 2014 Una nuova prospettiva di marketing: dai segmenti di consumo ai meeting - points

Dettagli

La passione degli italiani per gli animali da compagnia

La passione degli italiani per gli animali da compagnia Paolo Garro Business Insights Director 1 Introduzione Nelle case degli italiani gli animali da compagnia non sono una presenza rara: in circa una su tre è presente almeno un cane o un gatto, senza contare

Dettagli

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP.

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2015/2016 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. 19, 20, 21, 22) Unit 12 Slide 12.2.1 SODDISFARE

Dettagli

Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali *

Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali * Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali * Vincenzo Tassinari ** Abstract Un retailer moderno ed evoluto deve saper innovare ed arricchire il valore dell offerta nella propria

Dettagli

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE Fermo, 31 Gennaio 2015 CHE COS E IL MARKETING? Il marketing può intendersi come il complesso di attività che un azienda

Dettagli

Marketing - Unità Didattica 01 Introduzione al Marketing

Marketing - Unità Didattica 01 Introduzione al Marketing INTRODUZIONE diapositiva #1 introduzione Introduzione Cos è il marketing? In termini generali è un attività finalizzata alla gestione dei rapporti con l ambiente esterno e con i mercati di riferimento.

Dettagli

Comportamento di acquisto e consumo a.a. 2008/09

Comportamento di acquisto e consumo a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Comportamento di acquisto e consumo a.a. 2008/09 Dott. Mario Liguori 1 Definizioni Comportamento di acquisto = l insieme delle

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Università : Università degli studi di Bologna Facoltà : Economia Indice di questo documento L' Appunto Le Domande d'esame e' un sito di

Dettagli

Le Politiche Distributive

Le Politiche Distributive Le Politiche Distributive Condizioni di contesto: Liberalizzazione Internazionalizzazione Evoluzione rapporti industria/distribuzione collaborazione Riconfigurazione catene del valore: network RETI DI

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Il Marketing Strategico Nicola Marinelli nicola.marinelli@unifi.it Cosa vuol dire strategia aziendale? Determinazione dei

Dettagli

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO 1 LE ORIGINI I primi studi sul marketing relazionale risalgono alla seconda metà degli anni ' 70 e sono riferiti al settore dei beni industriali negli

Dettagli

FORUM COLDIRETTI Cernobbio 20-21 ottobre 2006

FORUM COLDIRETTI Cernobbio 20-21 ottobre 2006 FORUM COLDIRETTI Cernobbio 20-21 ottobre 2006 Il PRODOTTO arriva al CONSUMATORE attraverso la DISTRIBUZIONE La DISTRIBUZIONE è il più potente selettore di offerte e il parametro di questa selezione è la

Dettagli

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi concorrenti. IL VANTAGGIO COMPETITIVO NASCE DA FONTI ESTERNE E/O

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli

FMCG (dati Nielsen, 2006) Nel 2003: + 2,7% Nel 2004: + 2,3% l investimento pubblicitario è cresciuto. 2003 e 2004: ALTA CONCENTRAZIONE

FMCG (dati Nielsen, 2006) Nel 2003: + 2,7% Nel 2004: + 2,3% l investimento pubblicitario è cresciuto. 2003 e 2004: ALTA CONCENTRAZIONE FMCG (dati Nielsen, 2006) Nel 2003: + 2,7% Nel 2004: + 2,3% l investimento pubblicitario è cresciuto 2003 e 2004: ALTA CONCENTRAZIONE Prime 5 aziende : 30% 5 a < azienda < 14 a : 25% 20 a < azienda < 200

Dettagli

Più fatturato o più margine? Entrambi. Come fare i prezzi e pianificare la crescita del fatturato e del margine

Più fatturato o più margine? Entrambi. Come fare i prezzi e pianificare la crescita del fatturato e del margine Più fatturato o più margine? Entrambi. Come fare i prezzi e pianificare la crescita del fatturato e del margine Perché il margine e non solo il fatturato Viviamo grazie al margine! Se vogliamo puntare

Dettagli

L OSA DI UN PRODUTTORE CON PIU DISTRIBUTORI. Stefania Montagner Customer Supply Chain Development Manager

L OSA DI UN PRODUTTORE CON PIU DISTRIBUTORI. Stefania Montagner Customer Supply Chain Development Manager L OSA DI UN PRODUTTORE CON PIU DISTRIBUTORI Stefania Montagner Customer Supply Chain Development Manager Nestlé Waters ItalIa Numeri chiave (Actual 2007) Fatturato: 907 m Export in più di 100 paesi Litri:

Dettagli

Le scelte nella rete di distribuzione. La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente

Le scelte nella rete di distribuzione. La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente Distribuzione Le scelte nella rete di distribuzione La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente Le scelte nella rete di distribuzione Dove vogliamo

Dettagli

INDICOD-ECR Istituto per le imprese di beni di consumo

INDICOD-ECR Istituto per le imprese di beni di consumo INDICOD-ECR Istituto per le imprese di beni di consumo GLOBAL SCORECARD Uno strumento di autovalutazione, linguaggio e concetti comuni Versione base - Entry Level Introduzione Introduzione La Global Scorecard

Dettagli

Figura Professionale codice FP107 ADDETTO VENDITA NO FOOD

Figura Professionale codice FP107 ADDETTO VENDITA NO FOOD settore Comparto descrizione COMMERCIO ALL'INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI, MOTOCICLI E DI BENI PERSONALI E PER LA CASA COMMERCIO AL DETTAGLIO, ESCLUSO QUELLO DI AUTOVEICOLI E DI MOTOCICLI;

Dettagli

Page 1. GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2.

Page 1. GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2014/2015 GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2.1 SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ

Dettagli

La ricerca del VALORE nelle aggregazioni tra farmacie

La ricerca del VALORE nelle aggregazioni tra farmacie La ricerca del VALORE nelle aggregazioni tra farmacie Dott. Gianluca Strata Napoli - 7 febbraio 2010 Evoluzione delle Teorie del Valore Teorie classiche Il valore intrinseco di una cosa è la misura della

Dettagli