Isontino = Friuli Orientale (anche nella cartografia storica)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Isontino = Friuli Orientale (anche nella cartografia storica)"

Transcript

1 Isontino = Friuli Orientale (anche nella cartografia storica) Lucio Peressi A considerare con sincero distacco, l'attribuzione di un nome molto diverso, rispetto all'originale, ad un popolo autoctono ed al suo territorio - perfino in tempi brevissimi, per motivi politici o militari - appare un fatto paradossale. Pensiamo, ad esempio, agli abitanti dell'istria, che nel giro di pochi decenni sono stati considerati via via prima austriaci, poi italiani, poi jugoslavi ed ora devono definirsi (o si definiscono) croati o sloveni. Una simile situazione si è verificata pure nel territorio orientale del Friuli, posto maggiormente alla destra dell'isonzo, dove - per la forza del potere dominante - gli autoctoni sono stati denominati, nel corso di un breve periodo, prima austriaci, poi italiani e giuliani (o più recentemente isontini ), trascurando l'oggettività di essere innanzitutto friulani, poiché abitanti in un territorio chiaramente simile e contiguo 1 al Friuli centrale e compartecipi di un'evidente comunanza linguistico-culturale con i vicini confratelli 2. Ritengo che - qualora non vi siano costrittive esigenze di carattere burocratico - dovrebbe essere logico e corretto riferirsi alla denominazione storicogeografica di appartenenza o di collocazione. Ciò se non altro perché essa è un elemento di riferimento stabile e non mutevole come le ricorrenti variazioni politico-amministrative. L'uso improprio di indicare una specifica zona geografica con una instabile e generica denominazione politicoamministrativa (come ad esempio Friuli Venezia Giulia, ora addirittura senza trattino di distinzione) ingenera incertezza nella individuazione del territorio ed equivoci, che sfociano talvolta nella comicità 3. La persistenza di tale pessimo uso non si sa se si debba attribuire più alla superficialità dei comunicatori, alla 1 La continuità geografica del territorio goriziano con quella del Friuli centrale è stata ben descritta anche dal nazionalista Giulio Caprin nel capitolo Il Friuli Austriaco del volumetto Paesaggi e spiriti di confine (Milano, Fratelli Treves, 1915), là dove si annota: «La continuità delle cose [per indicare l'ambiente fisico e antropico] è tanto perfetta che il confine per dividerlo in due in qualche punto pare che abbia voluto ridere di se stesso». 2 Un caso analogo si sta verificando anche nel Friuli Occidentale dopo l'istituzione della Provincia di Pordenone. Infatti - da parte di comunicatori dei mass-media - piuttosto spesso, per indicare località della Destra Tagliamento situate anche molto lontane dal capoluogo, viene usata l'espressione del Pordenonese, come esse si trovassero nell'hinterland. Perfino le vallate alpine del Cellina e del Meduna vengono qualificate vallate pordenonesi (sic! Vedi la vignetta sullo «Strolic furlan pal 2006», p. 42). 3,Riferisco qui solo due episodi fra i tanti che si potrebbero citare. Un'annunciatrice dell'emittente radiofonica regionale, dopo aver riportato la cronaca del Friuli Centrale, avverte: «... Ed ora dal Friuli passiamo alla Venezia Giulia: a Mariano del Friuli...». Altro episodio radiofonico (ma anche giornalistico): «... le stazioni sciistiche del Friuli Venezia Giulia...» ed inoltre: «... le nostre Dolomiti del Friuli Venezia Giulia...». Viene da chiedersi istintivamente in quali località della Venezia Giulia si trovino le stazioni sciistiche e le Dolomiti. 25

2 loro disinformazione, a una forma di campanilismo provinciale o piuttosto ad un pedissequo adeguamento ad un certo andazzo o calcolo politico. Ciò asseconda il piano di alcuni (o tanti?) politici che vogliono una Regione indifferenziata, omologata, immemore del proprio passato, anestesizzata e in tal modo resa arrendevole a modifiche dell'assetto amministrativo (ad esempio inizialmente l'aggregazione del Monfalconese alla Provincia di Trieste, che ha bisogno di espandersi), codificando così in seguito il definitivo smembramento del Friuli (vedi D'Aronco 1983, Nazzi 1991 e Strassoldo 2005). Non sto qui a soffermarmi sugli stretti legami di carattere linguistico, etnografico, artistico con il territorio del Friuli Centrale, legami che sono stati descritti nel volume Cultura friulana del Goriziano (vedi Tassin 2003). Qualche studioso ha tenuto (o ci tiene) a sminuire la friulanità del territorio, mettendo in luce maggiormente gli apporti ed i condizionamenti culturali e politici del periodo austriaco; ma forse era opportuno precisare che tali contaminazioni erano più evidenti nei centri urbani (e nell'apparato istituzionale) che nella zona agricola, dove la friulanità si palesava nelle strutture abitative 4, nei sistemi di vita 5 e nella consapevolezza di appartenere alla piccola patria. Questa coscienza traspariva e traspare ancor oggi (anche in ambienti cittadini) attraverso numerose testimonianze letterarie in italiano ed in friulano nelle descrizioni del proprio ambiente fisico e familiare 6. Anche i geografi e i cartografi del passato e dei primi decenni del secolo scorso (fossero italiani o stranieri) avevano la consapevolezza della continuità del territorio friulano, evidente non solo nelle numerose carte geografiche del Friuli (in alcune con analitiche Descriptio) 7, ma anche nelle carte politiche con la specificazione di Friuli Veneto e Friuli Austriaco 8 oppure di Friuli Goriziano ed Udinese. Non mi soffermo ad esaminare il caso del territorio di Monfalcone, che - avendo esso seguito politicamente le sorti del Friuli Centrale ed Occidentale fino all'epoca napoleonica - è stato considerato Friuli non solo nelle carte geografiche e politiche, ma anche nei saggi 9 e nelle indicazione segnaletiche (fig. 1) Vedi Nice 1940 per la tipologia della casa friulana. 5 Per una conoscenza di uno dei tre musei etnografici del Goriziano vedi Fain Basti citare a titolo esemplificativo: per l'800 Federico Comelli che nel suo Almanac Il me pais proclama: «Chista nestra patria si clama Friûl», nel primo '900 Dolfo Carrara che scrive la poesia Soi furlan ed in tempi recenti Guido Maghet con le belle pagine El scuvierzimi furlàn. Un'altra prova dell'innato sentirsi friulani è stata dimostrata dalla larga diffusione degli almanacchi o strolics in friulano (vedi Gianni Nazzi, I lunaris dal '800 dal Friûl Orientâl, «Ladinia», VIII (1984), pp ) e dei catechismi (vedi Ciceri 1969, pp ). E non è certo di secondaria importanza - per capire la rispondenza che rivestiva la lingua friulana nella popolazione locale del Goriziano - la stampa di manifesti delle autorità austriache con testo in friulano accanto a quello in tedesco, in ungherese e in italiano (vedi Chiurlo 1922, pp e Peressi 1976, pp ). 7 Vedi ad esempio: la Vera Descrizione del Friuli nella Carta omonima di G. Andrea Valvassore del 1553 in Lago 1998, p Vedi ad esempio: la scritta trasversale di Friuli su tutto il territorio, anche sulla Contea di Gorizia ed inoltre con la specificazione di Friuli Austriaco nella carta Li Ducati [...] che compongono Parte del Circolo d'austria di Giacomo Cantelli del 1686 in LAGO, cit., p Vedi ad esempio le riproduzioni - pubblicate nel n. 1 del 2009 a p. 72 di questa rivista - delle copertine del Ragguaglio geografico-storico del territorio di Monfalcone nel Friuli di B. Asquini del 1741 e delle Dissertazioni di ogni coltura [...] del Friuli Austriaco di M. Tuzzi del Vedi ad esempio la foto (g.c.) della stazione di Ronchi (tratta dalla rivista annuale «T. Q.- Tiliaventum Quaderni», n ) che reca la tabella Ronchi Ferr. Friul.. Anche la progettata trenovia diretta Gorizia-Aquileia avrebbe dovuto far parte della rete friulana (vedi Comitato Promotore, La trenovia friulana, Proposta di progetto finanziario, Gorizia 1894). 26

3 Fig. 1. Stazione ferroviaria di Ronchi durante la Prima Guerra Mondiale con l'interessante Tabella (per g. c. della rivista «T.Q.»). Quanto fin qui scritto serve per presentare tre cartine ufficiali che - essendo state stampate tra la fine dell'800 ed i primi decenni del contribuiscono a rendere più lungo l'elenco delle carte del Goriziano con l'intitolazione Friuli 11. La prima (fig. 2), molto nitida, è interessante non solo perché si riferisce esplicitamente al Friuli Austriaco, ma anche perché - essendo promossa da un'istituzione ufficiale (la Camera di Commercio di Gorizia) - rappresenta il progetto di linee tranviarie nella parte pianeggiante per un più intenso interscambio economico-culturale nella zona 12. La seconda carta (fig. 3) è intitolata Friuli Orientale (a sud di Caporetto). È stata stampata dalla prestigiosa casa editrice U.T.E.T. di Torino nel e quindi nell'immediato dopo-guerra. Essa riveste una certa importanza perché dimostra che in quel periodo la denominazione politica Venezia Giulia non aveva ancora fatto breccia nella cartografia ufficiale italiana. La terza carta (fig. 4), stampata dalla tipografia C. Capello di Milano per conto dell'editore V. Molesini di Gorizia e pubblicata dopo la fine della Prima Guerra Mondiale, è significativa non solo per il titolo Friuli Orientale, ma anche per il sottotitolo che indica il Timavo come confine - che 11 Sarebbe interessante tener presenti anche altre cartine non ufficiali con tale intitolazione, come quella nell'almanacco - già citato - di F. Comelli Il me pais del 1855 (con i toponimi in friulano!), quella dell'edizione Vallardi del 1865 (pubblicata nel volume di P. Antonini, Il Friuli Orientale, dello stesso anno), quella di P. Meyer del 1910 (pubblicato nel volume di R. Jacumin, Le lotte contadine del Friuli Orientale ) e quella di A. Tellini - pure con i toponimi friulani - dei primi anni '30 (pubblicata come allegata ai fascicoli della rivista «Archivi di Leteradure Furlane», n ). A questo breve elenco dovrebbero essere ovviamente aggiunte le numerose carte ufficiali che nella presentazione della configurwazione geografica del Friuli tra l'800 e il primo '900 comprendono anche il territorio goriziano (vedi le opere degli esimi geografi G.B. De Gasperi, G. Marinelli, A. Tellini). 12 La carta, di 34x36 cm, è inserita nell'opuscolo Oesterreichisch Friaul. Eine wirtschaftliche Studie. Herausgegeben von der Handels-und Gewerbekammer in Görz, stampato a Graz nel L'opuscolo è reperibile nella biblioteca della Società Filologica Friulana. 13 La carta, di 29x29 cm, è allegata al volume di A. Brunialti Il Friuli Orientale, della collana Nuove Province Italiane, Torino

4 possiamo definire storico - del Friuli 14. Anche in questo caso è evidente che la denominazione politica non si era ancora affermata, perché le regioni non avevano ancora una configurazione istituzionale ben definita La carta, formato 41x30 cm, faceva parte del fotolibro Gorizia (dal Rombon al Timavo). L'album, con elegante copertina, reca numerose foto di località del Goriziano e due pagina di Cenni storici senza indicazione di autori e di data. La scheda bibliografica fa risalire la stampa agli anni '10, ma le notizie storiche ivi contenute inducono a datare con certezza la stampa dopo la fine della guerra. La carta ha costituito un documento di riferimento per l'interessante articolo Il Friul di Jevat. Il confin oriental: storia e memoria di Anna Madriz, pubblicato sul settimanale «Voce Isontina» del 13 settembre Fig. 2. Particolare della carta con progetto di rete tramviaria del 1888 nel Friuli austriaco (di proprietà S.F.F.). 28

5 15 Che il confine storico e naturale del Friuli venisse ritenuto il Timavo è attestato non solo dalla cartografia storica riguardante specificatamente il Friuli ma anche da quella relativa ai territori attigui. Fig. 3. Particolare della carta del 1920 (per g. c. della Biblioteca Civica di Udine). 29

6 Fig. 5. Serie di copertine di recenti volumi relativi al Friuli Orientale. 31

7 Le suddette puntualizzazioni risultano opportune e di attualità in considerazione del fatto che - ora anche da parte di istituzioni - si tende a minimizzare, cioè a ridurre territorialmente il Friuli alla zona udinese attraverso svariati ed incauti colpi di mano 17. Fig. 6. Frontespizio di un testo ufficiale del Si ringraziano per la cortese collaborazione la dott.ssa Marzia Di Donato della Sezione Friuli della Biblioteca Civica di Udine e il dott. Romano Vecchiet direttore della Biblioteca Civica di Udine. Bibliografia Bindo Chiurlo, Manifesti austriaci in friulano durante l'occupazione nemica, «Rivista della Società Filologica Friulana», III (1922), pp e spec Luigi Ciceri, La lingua friulana nelle chiese di Gorizia e del Friuli Orientale, in Luigi Ciceri (a cura di), Guriza, Numero Unico, 46 Congres, 28 setembar 1969, Udine, Società Filologica Friulana, 1969, pp Gianfranco D'Aronco, Friuli: regione mai nata, Udine, Clape culturâl furlane Hermes di Colored, Gino di Caporiacco, Venezia Giulia: la regione inesistente, Reana del Rojale, Chiandetti, Daniela Lorena Fain (a cura di), Il museo di documentazione della civiltà contadina di Colmello di Grotta, Mariano del Friuli, Edizioni della Laguna, Luciano Lago, Imago Adriae, Trieste, La Mongolfiera, Roberta Michieli-Giuliano Zelco (a cura di), Venezia Giulia. La regione inventata, Udine, Kappa Vu, Gianni Nazzi, Defriulanizzazione di Gorizia, Udine, Clape culturâl Acuilee, Bruno Nice, La casa rurale della Venezia Giulia, Bologna, Zanichelli, Lucio Peressi, Pe storie dal manifest furlan, «Ce fastu?» LII (1976), pp e spec Raimondo Strassoldo, Friuli: la soluzione finale, Udine, Clape culturâl Acuilee, Ferruccio Tassin (a cura di), Cultura friulana del Goriziano, 2. ed. aggiornata e ampliata [Gorizia, Istituto di Storia Sociale e Religiosa, 1988], Udine, Forum, Fra i tanti colpi di mano, quelli che hanno attirato recentemente l'attenzione sono: il primo, l'attribuzione dell'i.g.t. (cioè l'indicazione Geografica Tipica) Venezia Giulia, non interpretando correttamente la Legge 164/92, al vino prodotto nella parte centrale del Friuli (ad esempio Bertiolo, San Giorgio della Richinvelda, Spessa di Cividale!) [vedi Roberta Michieli, Il vigneto Venezia Giulia: una storia emblematica, nel volume Venezia Giulia: la Regione inventata, Udine, 2008]; un secondo episodio: la proposta di abolire la dizione della cultura friulana nell'intitolazione dell'auditorium Regionale di Gorizia. A questo proposito il Comitato Direttivo della Società Filologica Friulana il 3 ottobre u. s. ha stilato una mozione (si veda «Sot la Nape» LXII (2010), n. 1, p. 109), che è stata inviata alle autorità competenti al fine di un non accoglimento della proposta. 32

Fabiana Fusco Università di Udine. Il Friuli Venezia Giulia: mosaico di lingue, lingue di minoranza e dialetti

Fabiana Fusco Università di Udine. Il Friuli Venezia Giulia: mosaico di lingue, lingue di minoranza e dialetti Fabiana Fusco Università di Udine Il Friuli Venezia Giulia: mosaico di lingue, lingue di minoranza e dialetti Carta tratta dall Enciclopedia dell Italiano Treccani L.R. n. 5 del 17 febbraio 2010 Valorizzazione

Dettagli

I. DIVISIONE AMMINISTRATIVA E CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNE REGIONI ITALIANE

I. DIVISIONE AMMINISTRATIVA E CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNE REGIONI ITALIANE I. DIVISIONE AMMINISTRATIVA E CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNE REGIONI ITALIANE 1. LE REGIONI ITALIANE Amministrativamente il territorio della Repubblica Italiana è deviso in 20 regioni. Ogni regione ha il

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Repertorio Cartografico REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Geografia regionale Il Friuli Venezia Giulia è una regione autonoma a statuto speciale con circa 1,2 milioni di abitanti, formata dal Friuli (che costituisce

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Mendrisio, 18 marzo 2008 Conferenza stampa del 18.03.2008 - ore 10.30 - Mendrisio

COMUNICATO STAMPA Mendrisio, 18 marzo 2008 Conferenza stampa del 18.03.2008 - ore 10.30 - Mendrisio COMUNICATO STAMPA Mendrisio, 18 marzo 2008 Conferenza stampa del 18.03.2008 - ore 10.30 - Mendrisio Il coordinamento di piccoli e grandi istituti culturali di una Regione e la promozione delle loro attività

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Simbolismi Storici dell Architettura

Simbolismi Storici dell Architettura Simbolismi Storici dell Architettura Mariachiara Mongelli Facoltà di Architettura Corso di Laurea Magistrale in Progettazione architettonica Federico Petronzi Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

UN INVITO PER I 120 ANNI DELLA MATHESIS. Gabriele Lucchini 1

UN INVITO PER I 120 ANNI DELLA MATHESIS. Gabriele Lucchini 1 Lettera al Presidente della Mathesis UN INVITO PER I 120 ANNI DELLA MATHESIS Gabriele Lucchini 1 I 120 anni della Mathesis sono una occasione di festa e di soddisfazione per Dirigenti, Iscritti, Amici

Dettagli

COMUNE DI SAN PIETRO AL NATISONE PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA TUTELA E L USO

COMUNE DI SAN PIETRO AL NATISONE PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA TUTELA E L USO COMUNE DI SAN PIETRO AL NATISONE PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA TUTELA E L USO DELLA LINGUA E DEL DIALETTO SLOVENI Approvato con delibera consiliare n 53 del 10.07.2002 CAPO I Art. 1 NORME GENERALI

Dettagli

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI IL GIORNALE Il termine giornale deriva da giorno. Tra i giornali distinguiamo i periodici (settimanali, quindicinali, mensili, trimestrali ecc.) e i quotidiani (dal latino cotidie che significa ogni giorno

Dettagli

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010.

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. L occasione mi è gradita per ricordare che la Società Dante

Dettagli

Il riordino dell Archivio della Questura di Modena e la serie A 11, Prima Divisione, terzo titolario

Il riordino dell Archivio della Questura di Modena e la serie A 11, Prima Divisione, terzo titolario LICIA FIORENTINI, FEDERICA VALENTINI Il riordino dell Archivio della Questura di Modena e la serie A 11, Prima Divisione, terzo titolario LICIA FIORENTINI, FEDERICA VALENTINI Il riordino dell Archivio

Dettagli

Le biblioteche raccontate a mia fi glia

Le biblioteche raccontate a mia fi glia La collana Conoscere la biblioteca si rivolge direttamente agli utenti delle biblioteche per spiegare, con un linguaggio semplice, il ruolo e i diversi aspetti di questo servizio. Per tali caratteristiche

Dettagli

Ponzio a Bologna Maggio 2009

Ponzio a Bologna Maggio 2009 Ponzio a Bologna Maggio 2009 Intervento di Gregorio Scalise Il filosofo Hans Blumenberg parla di esistenza di un inadeguatezza del linguaggio rispetto alla sensazione, topos che ricorre nella poesia, e

Dettagli

ANECDOTA VENETA. Studi di storia culturale e religiosa veneziana. Collana della Biblioteca della Fondazione Studium Generale Marcianum - 7

ANECDOTA VENETA. Studi di storia culturale e religiosa veneziana. Collana della Biblioteca della Fondazione Studium Generale Marcianum - 7 ANECDOTA VENETA Studi di storia culturale e religiosa veneziana Collana della Biblioteca della Fondazione Studium Generale Marcianum - 7 ANECDOTA VENETA COMITATO SCIENTIFICO: Edoardo Barbieri, direttore

Dettagli

Istituto Nazionale di Statistica. Dipartimento per la Produzione statistica e il Coordinamento Tecnico Scientifico

Istituto Nazionale di Statistica. Dipartimento per la Produzione statistica e il Coordinamento Tecnico Scientifico Istituto Nazionale di Statistica Dipartimento per la Produzione statistica e il Coordinamento Tecnico Scientifico Direzione Centrale dei Censimenti Generali Circolare n. 8 Ai Responsabili degli Uffici

Dettagli

Comune di Cividale del Friuli. Convitto Nazionale Paolo Diacono di Cividale del Friuli

Comune di Cividale del Friuli. Convitto Nazionale Paolo Diacono di Cividale del Friuli Comune di Cividale del Friuli Convitto Nazionale Paolo Diacono di Cividale del Friuli Istituto d Istruzione Superiore Paolino d Aquileia - di Cividale del Friuli Convegno Cividale Longobarda patrimonio

Dettagli

Che cos'è la tesina? un testo scritto di tipo saggistico (argomento, documenti, lunghezza a discrezione dello studente)

Che cos'è la tesina? un testo scritto di tipo saggistico (argomento, documenti, lunghezza a discrezione dello studente) OBIETTIVI Migliorare le capacitàdi svolgimento di un progetto autonomo di scrittura documentata. Consolidare le abilità di ricerca delle fonti. Rafforzare le abilitàdi organizzazione dei contenuti. Che

Dettagli

Chiesa cattolica e imposta ICI. Decaduto il decreto 163/2005 resta in vigore la legge 504/1992

Chiesa cattolica e imposta ICI. Decaduto il decreto 163/2005 resta in vigore la legge 504/1992 Chiesa cattolica e imposta ICI. Decaduto il decreto 163/2005 resta in vigore la legge 504/1992 Nota dell'ufficio Avvocatura della Diocesi di Milano Con la rinuncia da parte del Governo a richiedere alla

Dettagli

DGR 1645 dd. 8.7.2005

DGR 1645 dd. 8.7.2005 DGR 1645 dd. 8.7.005 VISTI gli articoli 1,, 3, 4, 5 e 6 della legge regionale 6.0.00, n. 7 Nuova disciplina degli interventi regionali in materia di corregionali all estero e di rimpatriati ; VISTO in

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

A relazione dell'assessore Pentenero:

A relazione dell'assessore Pentenero: REGIONE PIEMONTE BU5 04/02/2016 Deliberazione della Giunta Regionale 21 dicembre 2015, n. 83-2691 L.r. 28/2007, art. 21. Rinnovo della convenzione tra la Regione Piemonte, l'ufficio Scolastico Regionale,

Dettagli

30 Ottobre 2009. Rassegna Stampa. a cura dell Infopoint del Consiglio Regionale della Puglia

30 Ottobre 2009. Rassegna Stampa. a cura dell Infopoint del Consiglio Regionale della Puglia 30 Ottobre 2009 Rassegna Stampa a cura dell Infopoint del Consiglio Regionale della Puglia 4 Novembre 2009 Estratto da pag. 11 2 Novembre 2009 Estratto da www.puglialibre.it Q U A T T R O L I B R I D E

Dettagli

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE Allegato n 2 Data:10/03/2015 COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE n 13 art.63, 5 comma della L.R.5/2007 art.

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Storia del giornalismo e Storia del giornalismo europeo Prof. Marina Milan

Storia del giornalismo e Storia del giornalismo europeo Prof. Marina Milan Storia del giornalismo e Storia del giornalismo europeo Prof. Marina Milan ISTRUZIONI GENERALI PER L'IMPAGINAZIONE E LA REDAZIONE DELLE NOTE Ogni testo redazionale richiede un editing adeguato che valorizzerà

Dettagli

LA RACCOLTA DEGLI ABITI USATI IN ITALIA Il sistema ufficiale e i circuiti paralleli

LA RACCOLTA DEGLI ABITI USATI IN ITALIA Il sistema ufficiale e i circuiti paralleli LA RACCOLTA DEGLI ABITI USATI IN ITALIA Il sistema ufficiale e i circuiti paralleli Giugno 215 Il sistema ufficiale Secondo l ultimo Rapporto sui Rifiuti Urbani pubblicato dall ISPRA, nel 213 sono state

Dettagli

Articolo 1 Oggetto Articolo 2 Requisiti Articolo 3 Modalità di partecipazione Articolo 4 Obiettivi Articolo 5 Promozione del progetto

Articolo 1 Oggetto Articolo 2 Requisiti Articolo 3 Modalità di partecipazione Articolo 4 Obiettivi Articolo 5 Promozione del progetto REGOLAMENTO 1 Articolo 1 Oggetto Per favorire la diffusione della cultura scientifica tra gli studenti e sviluppare le potenzialità di giovani aspiranti giornalisti che vogliano dedicarsi alla divulgazione

Dettagli

Rapporto del Garante della Comunicazione

Rapporto del Garante della Comunicazione PROVINCIA DI PISTOIA Il Garante della Comunicazione Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale Variante Generale Fase di Approvazione Rapporto del Garante della Comunicazione ex art. 5 del Regolamento

Dettagli

ISTITUTO DI DIRITTO CANONICO SAN PIO X MANUALI 2 COLLANA DIRETTA DAL PROF. ARTURO CATTANEO

ISTITUTO DI DIRITTO CANONICO SAN PIO X MANUALI 2 COLLANA DIRETTA DAL PROF. ARTURO CATTANEO ISTITUTO DI DIRITTO CANONICO SAN PIO X MANUALI 2 COLLANA DIRETTA DAL PROF. ARTURO CATTANEO PÉTER ERDÖ Storia delle Fonti del Diritto Canonico a cura di d. Natalino Bonazza 4 Titolo originale dell opera:

Dettagli

Geografia 5ª. PRIMO PERCORSO Le comunità territoriali organizzate (pag. 102-113) Antares 5 a. Programmazione. Percorsi - conoscenze - competenze

Geografia 5ª. PRIMO PERCORSO Le comunità territoriali organizzate (pag. 102-113) Antares 5 a. Programmazione. Percorsi - conoscenze - competenze VERSO I TRAGUARDI DI COMPETENZA Geografia 5ª si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici e punti cardinali; riconosce e denomina i principali oggetti

Dettagli

Il pendolarismo nel Comune di Udine Dati censuari

Il pendolarismo nel Comune di Udine Dati censuari COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali Unità Organizzativa Studi e Statistica Il pendolarismo nel Comune di Udine Dati censuari A cura di: Dr. Daniele Paolitti Hanno collaborato: Dr. Rosangela Dominici

Dettagli

COMITATO ADOTTA UN TERRAZZAMENTO

COMITATO ADOTTA UN TERRAZZAMENTO COMITATO ADOTTA UN TERRAZZAMENTO IN CANALE DI BRENTA STATUTO PRESENTAZIONE E FINALITÀ Il Comitato Adotta un terrazzamento in Canale di Brenta si forma a partire dalla convinzione che il processo di abbandono

Dettagli

Milano, 12 ottobre 2015. Alla Cortese attenzione: Presidenti di Sezione Ana Referenti Centro Studi Ana per copia conoscenza: Comm.

Milano, 12 ottobre 2015. Alla Cortese attenzione: Presidenti di Sezione Ana Referenti Centro Studi Ana per copia conoscenza: Comm. Milano, 12 ottobre 2015 Alla Cortese attenzione: Presidenti di Sezione Ana Referenti Centro Studi Ana per copia conoscenza: Comm. Centro Studi Ana Prot. N. CS 98_2015 Oggetto: concorso per le scuole Il

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 22-03-1996 - REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA - 22/03/1996, n. 15 - B.U.R. 27/03/1996, n.13

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 22-03-1996 - REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA - 22/03/1996, n. 15 - B.U.R. 27/03/1996, n.13 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 22-03-1996 - REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA - 22/03/1996, n. 15 - B.U.R. 27/03/1996, n.13 EPIGRAFE NORME PER LA TUTELA E LA PROMOZIONE DELLA LINGUA E DELLA CULTURA FRIULANE E ISTITUZIONE

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU32 07/08/2014

REGIONE PIEMONTE BU32 07/08/2014 REGIONE PIEMONTE BU32 07/08/2014 Codice DB1814 D.D. 19 marzo 2014, n. 85 Museo Regionale di Scienze Naturali. Approvazione dei bandi del Concorso Letterario Michele Lessona raccontare la natura... dedicato

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore VACCARI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 12 MARZO 2009 Disposizioni per la valorizzazione del Santuario dei SS. Vittore

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Cinzia Petris 10/a, Fr. Pradumbli, I-33020 Prato Carnico Telefono(i) Cellulare: +39 329 4016493 Skype E-mail Cittadinanza

Dettagli

D- Localizzazione La zona è vicina al centro storico di Schio, ed è situata tra la Fabbrica Alta e il torrente Leogra.

D- Localizzazione La zona è vicina al centro storico di Schio, ed è situata tra la Fabbrica Alta e il torrente Leogra. Il Quartiere operaio Nuova Schio di Schio ( Vicenza ) A- Indirizzo del sito Via Maraschin/ Torrente Leogra I-36015 SCHIO B- Contatto Arch. Farida Cavedon, Comune di Schio, Servizio Urbanistica Via Pasini

Dettagli

ANALISI SULLE RETI D IMPRESA REGIONALI AL 3 ottobre 2015

ANALISI SULLE RETI D IMPRESA REGIONALI AL 3 ottobre 2015 AZIENDA SPECIALE CONCENTRO DELLA CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI PORDENONE ANALISI SULLE RETI D IMPRESA REGIONALI AL 3 ottobre 2015 Al 3 ottobre 2015 si sono registrati in Italia 2.405 contratti di rete

Dettagli

------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 15 aprile 2015

------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 15 aprile 2015 PROVINCIA DI UDINE NOTIZIE PER LA STAMPA ------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 15 aprile 2015 Grande Guerra, presentazione nuovi

Dettagli

il milite...non più ignoto

il milite...non più ignoto il milite...non più ignoto concorso nazionale anno scolastico 2015-16 1 ottobre 2015-31 marzo 2016 www.milite.ana.it IL MILITE... NON PIÙ IGNOTO L Associazione Nazionale Alpini, in collaborazione con Ministero

Dettagli

STATI GENERALI DEI CORREGIONALI ALL ESTERO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA DOCUMENTO CONCLUSIVO Trieste, 16 e 17 ottobre 2015

STATI GENERALI DEI CORREGIONALI ALL ESTERO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA DOCUMENTO CONCLUSIVO Trieste, 16 e 17 ottobre 2015 STATI GENERALI DEI CORREGIONALI ALL ESTERO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA DOCUMENTO CONCLUSIVO Trieste, 16 e 17 ottobre 2015 STÂTS GJENERÂI DAI COREGJONÂI TAL FOREST DAL FRIÛL VIGNESIE JULIE DOCUMENT FINÂL

Dettagli

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO DELLE PREALPI GIULIE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio di Qualità

Dettagli

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente.

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente. Che cos è un testo? Il termine testo (dal latino textus "intreccio, tessuto") sta ad indicare un insieme di parole, scritte od orali, strutturato in base alle norme di una certa lingua per comunicare un

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE NEN STEFANO

PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE NEN STEFANO PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 24 OTTOBRE 2011 Presente Assente FONTANINI PIETRO Presidente X MACORIG DANIELE Vicepresidente X DECORTE ENIO Assessore X IOAN

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Pianificazione Territoriale di Area Vasta e Dolomiti UNESCO

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Pianificazione Territoriale di Area Vasta e Dolomiti UNESCO REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Pianificazione Territoriale di Area Vasta e Dolomiti UNESCO Proposta nr. 19 del 27/08/2015 - Determinazione nr. 2036 del 27/08/2015

Dettagli

In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned

In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned Gli anni della persecuzione nazista Dario Venegoni li ha vissuti attraverso

Dettagli

CASA EDITRICE TABACCO. Un impresa friulana di successo

CASA EDITRICE TABACCO. Un impresa friulana di successo CASA EDITRICE TABACCO Un impresa friulana di successo Tabacco 2011 La storia La Casa Editrice Tabacco nasce agli inizi anni 60, su iniziativa di Giuseppe Tabacco, per rispondere alle esigenze e richieste

Dettagli

Gregorio Scalise, A capo (1968) e L erba al suo erbario (1969)

Gregorio Scalise, A capo (1968) e L erba al suo erbario (1969) Gregorio Scalise, A capo (1968) e L erba al suo erbario (1969) La prima raccolta di poesie di Gregorio Scalise qui riprodotta costituisce un esempio lampante di quanto fosse artigianale la realizzazione

Dettagli

NOVE DA FIRENZE. L evoluzione della cartografia militare dai Lorena ai Savoia

NOVE DA FIRENZE. L evoluzione della cartografia militare dai Lorena ai Savoia NOVE DA FIRENZE www.nove.firenze.it http://www.nove.firenze.it/levoluzione-della-cartografia-militare-dai-lorena-ai-savoia.htm L evoluzione della cartografia militare dai Lorena ai Savoia sabato 07 novembre

Dettagli

TRA OTTOCENTO E NOVECENTO

TRA OTTOCENTO E NOVECENTO GIUSEPPE DI BENEDETTO PALERMO TRA OTTOCENTO E NOVECENTO LA CITTÀ ENTRO LE MURA nella collezione fotografica di Enrico Di Benedetto Giuseppe Di Benedetto PALERMO TRA OTTOCENTO E NOVECENTO La città entro

Dettagli

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA VIALE MICHELANGELO GRIGOLETTI, 5 PORDENONE Tel. 0434/362431 - Fax 0434/1702623 - Cell. 340-5900148 e-mail: chiesabattistapn@libero.it chiesabattistapn@gmail.com sito:

Dettagli

Udine bombardata una mostra all Archivio di Stato di Udine

Udine bombardata una mostra all Archivio di Stato di Udine Udine bombardata una mostra all Archivio di Stato di Udine di Laura Cerno * INTRODUZIONE La propaganda del regime fascista così si esprimeva sulla stampa specializzata, in merito all' eventuale possibilità

Dettagli

1. Qualità..10 punti Valutazione della eccellenza scientifica del prodotto Contenuto i. organicità ii. rigore dell analisi iii. metodo scientifico

1. Qualità..10 punti Valutazione della eccellenza scientifica del prodotto Contenuto i. organicità ii. rigore dell analisi iii. metodo scientifico I CRITERI E LA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELLE PUBBLICAZIONI DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE DELL'UNIVERSITÀ DELLA TUSCIA Nell'aprile del 2007, il nucleo di valutazione dell'università della Tuscia

Dettagli

Al centro dell ultimo dibattito dell Agorà Il terremoto del 1908 e la solidarietà ungherese

Al centro dell ultimo dibattito dell Agorà Il terremoto del 1908 e la solidarietà ungherese 7 aprile 2009 Al centro dell ultimo dibattito dell Agorà Il terremoto del 1908 e la solidarietà ungherese Federica Bellè Gli aiuti ungheresi al popolo reggino in occasione del terremoto del 1908 è il tema

Dettagli

OSSERVAZIONE AL PIANO URBANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE DI MILANO

OSSERVAZIONE AL PIANO URBANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE DI MILANO OSSERVAZIONE AL PIANO URBANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE DI MILANO CIRCOLO ARCOBALENO LEGAMBIENTE 20/04/2015 OSSERVAZIONI AL PUMS DELLA CITTA DI MILANO Il Circolo Arcobaleno di Legambiente, con sede a Melegnano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALI TERME PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE P.O.F. 2013-2014 I TRE ORDINI DI SCUOLA DELL ISTITUTO TITOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALI TERME PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE P.O.F. 2013-2014 I TRE ORDINI DI SCUOLA DELL ISTITUTO TITOLO ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALI TERME PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE I TRE ORDINI DI SCUOLA DELL ISTITUTO P.O.F. 2013-2014 TITOLO I docenti dell Istituto Comprensivo, in base alle disposizioni dell art. 230

Dettagli

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia di formazione continua, definendone le finalità, i

Dettagli

Circolare n. 347 Trieste, 08 giugno 2013

Circolare n. 347 Trieste, 08 giugno 2013 LICEO ARTISTICO e ISTITUTO STATALE D ARTE Enrico e Umberto NORDIO Distretto scolastico n. XVII - 34143 TRIESTE Via Calvola, 2 - Tel. (040) 30.06.60 - Fax (040) 31.16.46 - Cod. Fisc. 80019860321 Circolare

Dettagli

PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI SCIENZE DELLA TERRA INCASTRI

PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI SCIENZE DELLA TERRA INCASTRI PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI SCIENZE DELLA TERRA INCASTRI INCASTRI Studiando la Deriva dei Continenti, abbiamo appreso come Wegener, osservando le linee della costa occidentale africana e di quella

Dettagli

Il progetto: DOLOMITI - MONTAGNE E PAESAGGI: DA TEATRO DI GUERRA A SIMBOLO UNIVERSALE

Il progetto: DOLOMITI - MONTAGNE E PAESAGGI: DA TEATRO DI GUERRA A SIMBOLO UNIVERSALE Il progetto: DOLOMITI - MONTAGNE E PAESAGGI: DA TEATRO DI GUERRA A SIMBOLO UNIVERSALE Promosso da: Fondazione Dolomiti Dolomiten Dolomites Dolomitis Unesco Rete del patrimonio geologico (Provincia Autonoma

Dettagli

CONCORSO EDUCATIVO Al fronte e nelle retrovie, l Italia durante la Prima Guerra Mondiale

CONCORSO EDUCATIVO Al fronte e nelle retrovie, l Italia durante la Prima Guerra Mondiale CONCORSO EDUCATIVO Al fronte e nelle retrovie, l Italia durante la Prima Guerra Mondiale Un progetto realizzato da CONCORSO EDUCATIVO Al fronte e nelle retrovie, l Italia durante la Prima Guerra Mondiale

Dettagli

Cicloturismo: un opportunità di sviluppo per il Friuli Venezia Giulia. Elisabetta Rosso Per il Coordinamento regionale FIAB FVG

Cicloturismo: un opportunità di sviluppo per il Friuli Venezia Giulia. Elisabetta Rosso Per il Coordinamento regionale FIAB FVG Cicloturismo: un opportunità di sviluppo per il Friuli Venezia Giulia Elisabetta Rosso Per il Coordinamento regionale FIAB FVG AGENDA 1. Cos'è la FIAB 2. Perché investire sul CICLOTURISMO 3. NUMERI sul

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA 1. L identificazione del sito: dati generali Per capire chi proponga i contenuti di un sito è bene, all inizio del lavoro di analisi, chiarire chi ha prodotto i materiali

Dettagli

Struttura di Missione per il Centenario della Prima Guerra Mondiale MIUR Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Struttura di Missione per il Centenario della Prima Guerra Mondiale MIUR Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Per l anno scolastico 2014-2015 la Struttura di Missione per il Centenario della Prima Guerra Mondiale Presidenza del Consiglio dei Ministri e il MIUR Ministero dell Istruzione, dell Università e della

Dettagli

Perché parlare di territorio nella scuola? Importanza della conoscenza del proprio territorio, identità e legame affettivo.

Perché parlare di territorio nella scuola? Importanza della conoscenza del proprio territorio, identità e legame affettivo. Perché parlare di territorio nella scuola? Importanza della conoscenza del proprio territorio, identità e legame affettivo. Workshop di formazione per insegnanti Progetto LIFE TIB PERCHE VALORIZZARE LA

Dettagli

DALLE CARTE D ARCHIVIO ALL EDIZIONE DIGITALE: UN ESPERIENZA DIDATTICA DEL LICEO LAURA BASSI DI BOLOGNA

DALLE CARTE D ARCHIVIO ALL EDIZIONE DIGITALE: UN ESPERIENZA DIDATTICA DEL LICEO LAURA BASSI DI BOLOGNA DALLE CARTE D ARCHIVIO ALL EDIZIONE DIGITALE: UN ESPERIENZA DIDATTICA DEL LICEO LAURA BASSI DI BOLOGNA Nell anno scolastico 2012-2013 le cinque classi della sezione E del Liceo Laura Bassi di Bologna sono

Dettagli

La Protezione civile a Manzano: 20 anni al fianco dei cittadini

La Protezione civile a Manzano: 20 anni al fianco dei cittadini La Protezione civile a Manzano: 20 anni al fianco dei cittadini Istituita nel 1991, la Squadra di Pc del Comune di Manzano festeggia il suo compleanno ricordando il passato pionieristico e premiando i

Dettagli

OGGETTO: Trattamento giuridico degli infermieri professionali extracomunitari nella provincia di Trieste.

OGGETTO: Trattamento giuridico degli infermieri professionali extracomunitari nella provincia di Trieste. Sez. regionale del Friuli-Venezia Giulia ASGI Sede di Trieste, via Fabio Severo, 31 - Trieste Tel. Fax 040/368463 e-mail: walter.citti@asgi.it www.asgi.it Spett. Ministero dell Interno Dipartimento per

Dettagli

C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani

C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani COPIA DI DELIBERAZIONE DEL N. 188 / del Reg. DATA 04/11/2014 OGGETTO: Presa atto donazione al Comune di Pantelleria dell opera Gelkamar da parte del Maestro

Dettagli

ISTITUZIONE GAIA DA CAMINO Comune di Portobuffolè

ISTITUZIONE GAIA DA CAMINO Comune di Portobuffolè ISTITUZIONE GAIA DA CAMINO Comune di Portobuffolè DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 7 del 08/10/2012 OGGETTO: Estensione incarico alla Associazione Pro Loco di Portobuffolè concernente

Dettagli

SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA IL CONTENUTO Attraverso la tesi di laurea lo studente deve elaborare in modo approfondito ed originale l argomento di ricerca assegnato. Il lavoro di tesi

Dettagli

LA GIUNTA PROVINCIALE

LA GIUNTA PROVINCIALE LA GIUNTA PROVINCIALE Premesso che: con Legge n. 64 del 06/03/2001 è stato istituito il Servizio Civile Volontario Nazionale, le cui finalità contemplano: il concorso al dovere di difendere la Patria con

Dettagli

GenSanDir. Piazza Duca degli Abruzzi, 2-34132 Trieste www.gensandir.it RELAZIONE E BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014

GenSanDir. Piazza Duca degli Abruzzi, 2-34132 Trieste www.gensandir.it RELAZIONE E BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 GenSanDir Fondo Sanitario dei Dirigenti delle società del Gruppo Generali CF 90069610328, Iscritto all Anagrafe dei Fondi Sanitari presso il Ministero della Salute Piazza Duca degli Abruzzi, 2-34132 Trieste

Dettagli

I.C. "L.DA VINCI" LIMBIATE CURRICOLO IN VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 GEOGRAFIA

I.C. L.DA VINCI LIMBIATE CURRICOLO IN VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 GEOGRAFIA GEOGRAFIA Osservare gli spazi circostanti Saper distinguere sopra-sotto, davantidietro etc. svolgendo semplici percorsi sul foglio e attraverso giochi di psicomotricità (AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA)

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Le linee ferroviarie di Trieste

Le linee ferroviarie di Trieste Le linee ferroviarie di Trieste Trieste è da sempre una città porto cosmopolita, ricca di scambi, di afflussi di merci e di commercianti da tutto il Mediterraneo: basti pensare che fino a 5 anni fa era

Dettagli

PREMIO NAZIONALE NATI PER LEGGERE

PREMIO NAZIONALE NATI PER LEGGERE PREMIO NAZIONALE NATI PER LEGGERE Il riconoscimento dedicato ai libri per l infanzia e ai progetti di lettura ad alta voce per bambini da 0 a 6 anni di età Promotori del Premio Obiettivi del Premio VII

Dettagli

Stelio Mattioni Lo scrittore perduto

Stelio Mattioni Lo scrittore perduto Stelio Mattioni Lo scrittore perduto Intervista a Maria Mattioni Oblique Studio 2010 Stelio Mattioni. Lo scrittore perduto. Intervista a Maria Mattioni di Annalisa Bizzarri Oblique Studio 2010 La signora

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Provinciale seduta n. 24. Deliberazione di Giunta N. 55

Verbale di deliberazione della Giunta Provinciale seduta n. 24. Deliberazione di Giunta N. 55 Verbale di deliberazione della Giunta Provinciale seduta n. 24 Deliberazione di Giunta N. 55 OGGETTO: Inserimento dei trasporti pubblici terrestri della provincia di Trieste nel circuito FVGcard. Approvazione

Dettagli

LEGENDA. Sulle domande di movimento sono permesse anche forme sintetiche di preferenza riferite al comune, al distretto o alla provincia.

LEGENDA. Sulle domande di movimento sono permesse anche forme sintetiche di preferenza riferite al comune, al distretto o alla provincia. Scuola dell'infanzia LEGENDA 1. Contenuto Questo numero del Bollettino Ufficiale riporta l'elenco delle scuole dell'infanzia statali fatta eccezione per le scuole della provincia di Aosta, Bolzano e Trento.

Dettagli

COMUNE DI SCERNI Provincia di Chieti

COMUNE DI SCERNI Provincia di Chieti COMUNE DI SCERNI Provincia di Chieti Regolamento comunale per la disciplina delle sagre, feste popolari e similari e per la concessione del patrocinio e di contributi. Approvato dal Consiglio Comunale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Pianificazione Territoriale di Area Vasta e Dolomiti UNESCO

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Pianificazione Territoriale di Area Vasta e Dolomiti UNESCO I L D I R I G E N T E Rilevato che: - la,unitamente alle Province di Udine e Belluno nonché alle Province autonome di Trento e Bolzano, ha promosso e sostenuto tutte le iniziative finalizzate alla candidatura

Dettagli

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante I luoghi della conservazione dei beni culturali Francesco Morante Beni culturali mobili e immobili Ci sono beni culturali che devono essere conservati nel sito in cui sorgono e non possono essere spostati:

Dettagli

Bilancio Preventivo 2014

Bilancio Preventivo 2014 Bilancio Preventivo 2014 Bilancio Preventivo 2014 Societât Filologjiche Furlane - Società Filologica Friulana «Graziadio Isaia Ascoli» Via Manin, 18 33100 Udine Indice 1. Relazione preventiva 2014 2. Preventivo

Dettagli

Curricolo di geografia Biennio scuola secondaria di primo grado Contenuti Obiettivi di apprendimento Attività messe in atto

Curricolo di geografia Biennio scuola secondaria di primo grado Contenuti Obiettivi di apprendimento Attività messe in atto Curricolo di geografia Biennio scuola secondaria di primo grado Contenuti Obiettivi di apprendimento Attività messe in atto Gli elementi dello spazio geografico: Ambiente naturale Ambiente antropizzato

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Comune di SAN PIER D ISONZO Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 28/03/2014 1 SOMMARIO Obiettivi di

Dettagli

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa).

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa). L età comunale può essere suddivisa in due periodi: 1. periodod affermazione daffermazione(da metà XII secolo agli inizi del Trecento); 2. periodo di crisi (dai primi decenni del Trecento al 1378 circa).

Dettagli

Si apre un nuovo ciclo nella vita politico-amministrativa di Torino. Alle nostre spalle sta un periodo di trasformazioni della città.

Si apre un nuovo ciclo nella vita politico-amministrativa di Torino. Alle nostre spalle sta un periodo di trasformazioni della città. Desidero innanzitutto ringraziare il Presidente del Tribunale, dottor Luciano Panzani, la dottoressa Giovanna Dominici, Presidente dell Ufficio Centrale Elettorale e tutti i loro collaboratori per lo scrupolo

Dettagli

OGGETTO: interrogazioni con risposta scritta prot. n. 125339/10 e prot. n. 7673/11 sul Museo del Risorgimento

OGGETTO: interrogazioni con risposta scritta prot. n. 125339/10 e prot. n. 7673/11 sul Museo del Risorgimento L' Assessore alla Cultura, Turismo e Promozione della città Data 4 aprile 2011 Prot. n. PG 39623 Al Consigliere Comunale Michele Barcaiuolo Gruppo Consigliare PDL c/o Ufficio Supporto Attività Consigliari

Dettagli

L. 38/2001, ART. 8 /// L.R. 26/2007, ART. 19 - ESERCIZIO 2011 = ELENCO PER APPROVAZIONE PRELIMINARE

L. 38/2001, ART. 8 /// L.R. 26/2007, ART. 19 - ESERCIZIO 2011 = ELENCO PER APPROVAZIONE PRELIMINARE L. 38/2001, ART. 8 /// L.R. 26/2007, ART. 19 - ESERCIZIO 2011 = ELENCO PER APAZIONE PRELIMINARE 1 TS Provincia di Trieste Attività di traduzione a supporto degli organi politici e degli uffici provinciali,

Dettagli

BANDO DI CONCORSO LA STORIA DELLA GRANDE GUERRA RILETTA DAI GIOVANI DI OGGI MAI PIÙ TRINCEE

BANDO DI CONCORSO LA STORIA DELLA GRANDE GUERRA RILETTA DAI GIOVANI DI OGGI MAI PIÙ TRINCEE BANDO DI CONCORSO INDETTO DAL MINISTERO DELLA DIFESA, CON LA COLLABORAZIONE DEL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA, APERTO AGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO PER

Dettagli

MAI PIU. A 100 anni dalla prima guerra mondiale Meeting di pace. nelle trincee della Grande Guerra 17-18 aprile 2015

MAI PIU. A 100 anni dalla prima guerra mondiale Meeting di pace. nelle trincee della Grande Guerra 17-18 aprile 2015 MAI PIU A 100 anni dalla prima guerra mondiale Meeting di pace nelle trincee della Grande Guerra 17-18 aprile 2015 Un'intera nottata, buttato vicino a un compagno massacrato ho scritto lettere piene d'amore

Dettagli

INDIRIZZI DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE GRAFICA DEGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE

INDIRIZZI DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE GRAFICA DEGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE INDIRIZZI DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE GRAFICA DEGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE Facendo riferimento alla documentazione tecnica relativa alla progettazione definitiva degli interventi finanziati ai

Dettagli

REGIONE PUGLIA Servizio Formazione professionale Via Corigliano 1 - Zona Industriale - BARI

REGIONE PUGLIA Servizio Formazione professionale Via Corigliano 1 - Zona Industriale - BARI Allegato 2 REGIONE PUGLIA Servizio Formazione professionale Via Corigliano 1 - Zona Industriale - BARI FORMULARIO Avviso n. 7/2012 DIRITTI A SCUOLA Denominazione progetto DIRITTI A SCUOLA TIPO B finalizzato

Dettagli

Deliberazione n. 28 /III C./2008

Deliberazione n. 28 /III C./2008 Deliberazione n. 28 /III C./2008 REPUBBLICA ITALIANA la CORTE DEI CONTI Sezione di controllo della regione Friuli Venezia Giulia III Collegio composto dai seguenti magistrati: PRESIDENTE: CONSIGLIERE:

Dettagli

Regolamento del sistema di garanzia

Regolamento del sistema di garanzia REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio

Dettagli