Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE"

Transcript

1 Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza Modalità, Organizzazione e Procedure Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE A PREMESSA Normativa di riferimento...2 D APPROPRIATEZZA Attribuzione del profilo di rischio del cliente Aggiornamento delle informazioni relative al cliente Attribuzione del Profilo di rischio degli strumenti finanziari Valutazione di Appropriatezza Deroghe per clienti diversi dalla clientela al dettaglio Modalità di valutazione in caso di trading on line...6 C ADEGUATEZZA Valutazione di adeguatezza per le GPM collocate...8 D MERA ESECUZIONE Versione 2) settembre 2009 Pagina 1 di 10

2 A PREMESSA Il presente documento descrive, alla luce delle disposizioni introdotte con il recepimento della Direttiva MiFID in materia, le scelte attuate da Banca Popolare del Frusinate (di seguito la Banca) per applicare correttamente le regole di comportamento previste con lo scopo di garantire un adeguata tutela dell investitore. La Banca, in linea con le nuove disposizioni, riconosce che il complesso degli obblighi informativi e comportamentali previsti dalla nuova disciplina è funzionale all instaurazione di un rapporto personalizzato con il cliente, in cui nella selezione delle scelte d investimento e di disinvestimento sarà sempre tenuto conto delle specifiche esigenze rappresentate da ogni singolo cliente e della composizione quantitativa e qualitativa del patrimonio da investire. In particolare, gli intermediari sono tenuti ad effettuare: la valutazione di adeguatezza al fine di raccomandare i servizi di investimento e gli strumenti finanziari adatti al cliente o potenziale cliente nella prestazione dei servizi di consulenza in materia di investimenti o di gestione di portafogli; la valutazione di appropriatezza quando prestano servizi di investimento diversi dalla consulenza in materia di investimenti e dalla gestione di portafogli; la mera esecuzione dell ordine (di seguito anche execution only) qualora, nella prestazione dei servizi di ricezione e trasmissione ordini e/o esecuzione degli ordini siano soddisfatte tutte le condizioni previste dalla normativa di riferimento (art. 43 RI). Le norme introdotte si rivolgono quindi: ai servizi d investimento distinguendoli in due categorie: o da un lato consulenza e gestione che comportano la valutazione di adeguatezza, o dall altro gli altri servizi: ricezione e trasmissione di ordini, esecuzione di ordini, negoziazione per conto proprio, collocamento con o senza impegno irrevocabile; ai clienti o potenziali clienti; alla categoria di clienti retail e professionali con un diverso grado di invasività della valutazione richiesta dall intermediario. La Banca presta i seguenti servizi e attività di investimento di cui all art. 1 comma 5 del Decreto Legislativo 58 del 24 febbraio 1998: ricezione e trasmissione di ordini; collocamento senza assunzione a fermo né assunzione di garanzia nei confronti dell emittente; negoziazione per conto proprio (limitatamente alle azioni e obbligazioni di propria emissione). In relazione ai servizi prestati, la Banca è tenuta a procedere alla valutazione di appropriatezza in quanto, al momento, non prevede la prestazione congiunta del servizio di consulenza. Di seguito sono descritte le modalità operative adottate dalla Banca anche relativamente alla prestazione del servizio di ricezione e trasmissione degli ordini in execution only. 1. Normativa di riferimento DL1: direttiva 2004/39/CE di primo livello, DL2: direttiva 2006/73/CE di secondo livello, RCE: regolamento 2006/1287/CE RI: Regolamento Consob Intermediari 16190/2007 ed in particolare Titolo II - Adeguatezza, appropriatezza e "mera esecuzione o ricezione di ordini" Capo I - Adeguatezza Versione 2) settembre 2009 Pagina 2 di 10

3 Art Informazioni dai clienti nei servizi di consulenza in materia di investimenti e di gestione di portafogli Art Valutazione dell adeguatezza Capo II - Appropriatezza. Art Informazioni dai clienti nei servizi diversi da quelli di consulenza in materia di investimenti e di gestione di portafogli Art Valutazione dell appropriatezza Capo III - Mera esecuzione o ricezione di ordini. Art Condizioni Art Strumenti finanziari non complessi Versione 2) settembre 2009 Pagina 3 di 10

4 D APPROPRIATEZZA Le informazioni richieste al cliente ai fini della verifica di appropriatezza, attengono esclusivamente alle sue conoscenze ed esperienze in materia di investimenti, riguardo al tipo specifico di prodotto o servizio proposto o chiesto. Verificare l appropriatezza significa appurare che il cliente sia in grado di comprendere i rischi che il prodotto o il servizio comporta. La normativa di riferimento fa capo agli articoli 41 e 42 del RI. 1 Attribuzione del profilo di rischio del cliente Il Responsabile di Filiale e/o il personale addetto ai servizi di investimento in sede di sottoscrizione del contratto per la prestazione dei servizi di investimento 1 acquisisce dal cliente le informazioni ai fini della valutazione del profilo di appropriatezza del cliente. Il processo di valutazione prevede: la compilazione di un questionario informatico secondo un modello predisposto dal fornitore dei servizi informatici Cabel (il questionario è allegato alla presente procedura Allegato 1); il confronto tra il profilo di rischio attribuito al cliente in base alle informazioni fornite ed il profilo di rischio associato allo strumento finanziario richiesto/offerto. Le informazioni raccolte attraverso il questionario vengono elaborate elettronicamente dal sistema informatico aziendale sulla base dei punteggi 2 associati alle risposte al fine di attribuire per ciascun cliente un punteggio sintetico che esprime il livello di rischio associato allo stesso. In particolare, al completamento di tutte le domande previste per la valutazione dell appropriatezza, a seguito di conferma da parte dell operatore, il sistema calcola il punteggio del questionario in base ad un sistema di pesi associati a ciascuna risposta possibile ed il relativo esito, che sarà stampato insieme alla lettera di attribuzione del profilo finanziario, entrambi da consegnare in copia al cliente. Il punteggio è automaticamente inserito nell apposito campo dell anagrafica del dossier del cliente oggetto della valutazione come descritto nella tabella seguente: Indice di Rischio Punteggio Basso Da 0 a 10 Medio Basso Da 11 a 30 Medio Da 31 a 50 Medio Alto Da 51 a 70 Alto Da 71 in poi In fase di compilazione dei questionari, nel caso in cui il cliente scelga di rispondere Non desidero fornire questa informazione sul dossier verrà impostato un profilo NFO (- non fornite) e nell inserimento degli ordini verrà generata una dicitura particolare nel modulo da far firmare al cliente, in cui si dice che la Banca non è in grado di valutare l appropriatezza dell operazione in quanto non sono state fornite tutte le informazioni richieste. 1 Si specifica che la Banca ha predisposto un contratto unico per la prestazione dei servizi di investimento specificati in premessa, ed in particolare: Ricezione e Trasmissione Ordini, Collocamento e Negoziazione in conto proprio. 2 I pesi associati alle risposte previste nel questionario sono stati discussi e definiti insieme al gruppo di lavoro delle banche clienti di Cabel srl. Questo gruppo di lavoro, già dalla fine del 2006, ha proceduto ad esaminare le implicazioni pratiche della direttiva MiFID e riguardo alle valutazioni di adeguatezza e appropriatezza ha elaborato sia il contenuto delle domande che i relativi punteggi. Cabel srl ha provveduto a mettere a disposizione la nuova release del software che ha recepito le novità della MiFID alle Banche clienti. Versione 2) settembre 2009 Pagina 4 di 10

5 1.1 Aggiornamento delle informazioni relative al cliente Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza Le informazioni relative al cliente sono acquisite in sede di sottoscrizione del contratto per la prestazione dei servizi di investimento e sottoposto a revisione almeno annuale a cura del Responsabile Area Sviluppo e Finanza con il supporto dell ufficio Titoli sulla base dell operatività del cliente nel periodo di riferimento. Le eventuali variazioni intervenute al profilo di rischio del cliente sono comunicate al cliente su supporto duraturo in sede di rendicontazione annuale. 2. Attribuzione del Profilo di rischio degli strumenti finanziari Nel sistema informativo sono censiti tutti gli strumenti finanziari a cura della Invest Bank sulla base di apposito contratto c.d. contratto di anagrafica centralizzata attraverso il quale è demandato alla Invest Banca S.p.A. il censimento completo degli strumenti finanziari in anagrafica titoli. Relativamente agli strumenti finanziari l attribuzione del punteggio che identifica il profilo di rischio associato è effettuata, ad eccezione delle obbligazioni di propria emissione, con il supporto della Cabel. In particolare, il punteggio che indica la rischiosità del titolo è determinato sulla base dei parametri identificati dello strumento finanziario stesso. I parametri per assegnare l indice di rischio previsti dalla Cabel sono: Categoria Consob; Tipo strumento finanziario (es. Azioni, Obbligazioni, Fondi, ecc); Tipologia emittenti (Stato OCSE, Altri, Non OCSE); Tipologia divise (es. Euro, dollaro, yen, ecc); Tipologia mercati (Mercati UE, Mercati OCSE, altri, Non negoziati); Tipologia comparti (es. A: azioni Energia, ecc, O: Obbligazioni Strutturate, ecc B:Fondi Monetari, ecc); Tipologia paesi emittenti (es. America, Asia, Europa, ecc). Ad ogni valore di ogni parametro è associato un punteggio di rischio. L indice di rischio collegato allo strumento finanziario è determinato sulla base del valore massimo ottenuto tra i parametri di classificazione che lo riguardano. In questo modo l indice di rischio associato esprimerà, in maniera prudenziale, il massimo grado di rischio al quale è sottoposto. Per i dettagli delle modalità di calcolo e dei parametri individuati si rimanda ai manuali operativi della Cabel. Relativamente agli strumenti finanziari di propria emissione l attribuzione dell indice di rischio è effettuata come segue: Tipologia strumento finanziario Punteggio Indice di Rischio Azioni Banca Popolare del Frusinate 90 Alto Obbligazioni Banca Popolare del Frusinate a tasso variabile indipendentemente dalla vita residua Obbligazioni Banca Popolare del Frusinate a tasso fisso con vita residua fino a 12 mesi Obbligazioni Banca Popolare del Frusinate a tasso fisso con vita residua oltre 12 mesi e fino a 36 mesi Obbligazioni Banca Popolare del Frusinate a tasso fisso con vita residua oltre 36 mesi 10 Basso 10 Basso 30 Medio Basso 50 Medio Il Responsabile Area Sviluppo e Finanza verifica con cadenza almeno annuale la coerenza dei punteggi attribuiti agli strumenti finanziari di propria emissione rispetto alle tipologie similari di strumenti finanziari presenti sul mercato. Qualora ravvisi la necessità di una revisione dei suddetti punteggi ne da preventiva informazione al Consiglio di Amministrazione, ed a seguito di approvazione da parte di quest ultimo procede con il supporto dell Ufficio Titoli all aggiornamento nel sistema informativo. Versione 2) settembre 2009 Pagina 5 di 10

6 3 Valutazione di Appropriatezza Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza La valutazione dell appropriatezza delle operazioni avviene pertanto con il confronto tra il punteggio relativo alla propensione al rischio risultante in capo al cliente e quello del singolo strumento finanziario richiesto e/o offerto. In fase di inserimento dei singoli ordini il sistema mette a confronto il punteggio del profilo dell investitore con quello dello strumento finanziario ed in caso di strumento finanziario con punteggio superiore a quello del profilo viene evidenziata la non appropriatezza dell operazione. Il Responsabile di Filiale e/o il personale addetto ai servizi di investimento comunica al cliente l esito della valutazione, in particolare nel caso di non appropriatezza dell operazione chiede al cliente come intende procedere dando corso o meno all operazione. In quest ultimo caso è sottoposta all approvazione specifica da parte del cliente con relativa sottoscrizione di tale clausola e con la forzatura a terminale da parte dell operatore. In particolare, il sistema informativo prevede la stampa dell esito della valutazione con inclusa, nel caso di valutazione di non appropriatezza, la richiesta di autorizzazione del cliente. Il documento, firmato dal cliente è conservato dalla Filiale che ha dato esecuzione all ordine e registrato nell anagrafica del cliente. Nel caso in cui l ordine sia pervenuto per telefono le informazioni e la relativa autorizzazione di cui sopra sono registrate nel rispetto della normativa di riferimento (art. 29 Regolamento Congiunto). Al fine di garantire il rispetto degli adempimenti sopra descritti la procedura informatica fornita dalla Cabel è stata dotata di alcuni controlli automatici relativi alle modalità di valutazione dell adeguatezza e dell appropriatezza, pertanto si rimanda alla versione completa delle Note Operative Mifid elaborate da Cabel srl per quanto non specificato. 3.1 Deroghe per clienti diversi dalla clientela al dettaglio In funzione della classificazione attribuita al cliente (al dettaglio, professionale e controparte qualificata), si differenziano le regole di comportamento che l intermediario deve tenere nella prestazione dei servizi e delle attività d investimento. In particolare, per quanto riguarda i clienti professionali, la banca può presumere che: essi possiedano le necessarie esperienze e conoscenze per comprendere i rischi inerenti qualsiasi prodotto, operazione e servizio per i quali tale cliente è classificato nella categoria dei clienti professionali; essi siano finanziariamente in grado di sopportare qualsiasi rischio di investimento compatibile con gli specifici obiettivi di investimento, quando il servizio consista nella consulenza. Tale presunzione vale limitatamente ai clienti che possono essere qualificati come clienti professionali di diritto e solo in caso di prestazione del servizio di consulenza. Al fine di effettuare la valutazione di appropriatezza è necessario acquisire dal cliente informazioni in merito alle sue conoscenze ed esperienze in materia di investimenti riguardo al tipo specifico di prodotto o servizio proposto o chiesto, al fine di determinare se il servizio o prodotto in questione sia appropriato per il cliente. Dal momento che l intermediario ha diritto di presumere che il cliente professionale abbia il livello di esperienze e conoscenze necessario per comprendere i rischi connessi a qualsiasi servizio di investimento, prodotto od operazione per il quale il cliente è classificato come professionale, la valutazione di appropriatezza per le singole operazioni poste in essere da clienti professionali può essere omessa. Tale deroga normativa è stata riportata nei sistemi informativi forniti dalla Cabel ed utilizzati dalla Banca, pertanto in sede di esecuzione di un ordine da parte di un cliente classificato professionale, la Banca non procederà alla valutazione di appropriatezza. 3.2 Modalità di valutazione in caso di trading on line La Banca offre ai propri clienti il servizio MiTo (Multichannel internet tarding on line) per la prestazione del servizio di ricezione e trasmissione ordini a seguito di sottoscrizione di apposito contratto scritto nel quale sono descritte le modalità di prestazione del servizio stesso. Versione 2) settembre 2009 Pagina 6 di 10

7 Tutte le operazioni richieste attraverso l utilizzo di questo canale sono sottoposte alla valutazione di appropriatezza con gli stessi criteri indicati nel paragrafo 3. In particolare, il sistema informativo è fornito di controlli automatici che permettono l esecuzione dell ordine richiesto solo a seguito delle informative e/o autorizzazioni previste dalla normativa. Versione 2) settembre 2009 Pagina 7 di 10

8 C ADEGUATEZZA Il grado di tutela da assicurare al cliente al dettaglio è massimo nel caso dei servizi di consulenza e di gestione di portafoglio. Gli intermediari devono ottenere dal cliente o potenziale cliente le informazioni necessarie in merito: a) alla conoscenza ed esperienza nel settore di investimento rilevante per il tipo di strumento o di servizio; b) alla situazione finanziaria; c) agli obiettivi di investimento. Le informazioni di cui sopra sono analiticamente specificate nei commi 2, 3 e 4 dell art. 39 R.I.. Si evidenzia che la Banca non presta il servizio di consulenza congiuntamente agli altri servizi di investimento e non presta il servizio di gestione individuale di portafoglio. Pertanto le disposizioni di cui all art. 39 non si applicano. Tuttavia, la Banca colloca Gestioni Patrimoniali del Gruppo Banca Leonardo S.p.A. (di seguito Gestore), per le quali è necessario valutare l adeguatezza della linea di gestione richiesta dal cliente al fine di adempiere correttamente agli obblighi normativi previsti. Di seguito sono descritte le modalità operative con le quali la Banca procede a tale valutazione. 1. Valutazione di adeguatezza per le GPM collocate Il Responsabile di Filiale e/o il personale addetto ai servizi di investimento, esclusivamente in relazione al collocamento di Gestioni Patrimoniali del Gruppo Banca Leonardo S.p.A. (di seguito Gestore), procede/ono alla valutazione del profilo di adeguatezza dell investitore, sulla base del modello cartaceo predisposto dal Gestore. In particolare il gestore fornisce alla Banca: questionario per profilatura sulla base del quale acquisire le informazioni dal cliente; foglio di calcolo nel quale sono riportati i pesi associati alle risposte fornite non modificabile dall addetto di Filiale. Nel caso di variazioni intervenute nelle linee di gestione collocate e/o delle modalità di valutazione da parte di Banca Leonardo, il Gestore provvederà ad inviare al Responsabile Area Sviluppo e Finanza il foglio di calcolo aggiornato nonché la data di validità dello stesso. Quest ultimo provvederà tempestivamente alla relativa diffusione alle Filiali della Banca. Il foglio di calcolo messo a disposizione del Gestore a seguito di elaborazione del profilo di rischio del cliente, mostra le linee sottoscrivibili dal cliente in quanto adeguate al profilo di rischio calcolato. Nel caso in cui il cliente richieda una linea diversa da quelle suggerite dal foglio di calcolo (valutata pertanto non adeguata) il Responsabile di Filiale e/o il personale addetto ai servizi di investimento si asterrà dal procedere alla sottoscrizione della linea di gestione. Il Responsabile di Filiale e/o il personale addetto ai servizi di investimento acquisisce dal cliente le informazioni previste dal questionario messo a disposizione dal Gestore e procede, tramite il citato foglio di calcolo, alla determinazione del profilo di rischio ed alla valutazione dell adeguatezza della linea di gestione richiesta. L esito della valutazione è comunicato al cliente dal Responsabile di Filiale e/o dal personale addetto ai servizi di investimento che consegna copia del modello cartaceo, lo stesso è sottoscritto dal cliente per presa visione e conferma delle informazioni rilasciate. In ordine alla sezione A conoscenza ed esperienza, del citato modello cartaceo, il Gestore prevede le seguenti possibilità: Rifiuto da parte dell investitore di fornire le informazioni relative alla conoscenza ed esperienza, utili alla valutazione del profilo di adeguatezza. Tale decisione sottoscritta dall investitore non consente l effettuazione del servizio di gestione di portafogli e di consulenza in materia di investimenti. Versione 2) settembre 2009 Pagina 8 di 10

9 Rifiuto da parte dell investitore di fornire le informazioni relative alla conoscenza ed esperienza, utili alla valutazione del profilo di adeguatezza, in quanto cliente professionale di diritto. Tale decisione sottoscritta dall investitore, in virtù della deroga prevista dalla normativa e riportata al par. 3.1, consente l effettuazione del servizio di gestione di portafogli e di consulenza in materia di investimenti. L eventuale rifiuto del cliente di fornire le informazioni relative alla sezione B situazione finanziaria e/o sezione C obiettivi di investimento non consente l effettuazione del servizio di gestione. Pertanto, l addetto di Filiale si astiene dal collocamento delle Gestioni Patrimoniali in oggetto. La documentazione relativa alla valutazione di adeguatezza svolta ed i relativi esiti sono conservati nella cartella del cliente a cura della Filiale presso il quale ordine è stato eseguito. Versione 2) settembre 2009 Pagina 9 di 10

10 D MERA ESECUZIONE La Banca non è tenuta a valutare l appropriatezza nel caso di ricezione e trasmissione di ordini allorquando si verifichino le condizioni previste dall art.43 del Regolamento Intermediari: a) i suddetti servizi sono connessi ad azioni ammesse alla negoziazione in un mercato regolamentato, o in un mercato equivalente di un paese terzo, a strumenti del mercato monetario, obbligazioni o altri titoli di debito (escluse le obbligazioni o i titoli di debito che incorporano uno strumento derivato), OICR armonizzati ed altri strumenti finanziari non complessi; b) il servizio è prestato a iniziativa del cliente o potenziale cliente; c) il cliente o potenziale cliente è stato chiaramente informato che, nel prestare tale servizio, l intermediario non è tenuto a valutare l appropriatezza e che pertanto l investitore non beneficia della protezione offerta dalle relative disposizioni. L avvertenza può essere fornita utilizzando un formato standardizzato; d) l intermediario rispetta gli obblighi in materia di conflitti di interesse. La Banca presta il servizio di ricezione e trasmissione ordini in regime di mera esecuzione dietro sottoscrizione preventiva della parte contrattuale relativa a tale modalità ed esclusivamente su strumenti finanziari aventi le caratteristiche di cui al citato articolo 43 lett. a) e art. 44 del Regolamento Intermediari. Alle filiali è stato consegnato a cura del Responsabile Area Sviluppo e Finanza l elenco degli strumenti finanziari per i quali è possibile procedere in regime di mera esecuzione. L elenco è stato fornito da Invest Banca S.p.A. e risulta censito nei sistemi informativi della Banca. Su richiesta esplicita del cliente, pertanto, il Responsabile di Filiale e/o il personale addetto ai servizi di investimento darà esecuzione all ordine senza procedere alla valutazione dell appropriatezza, in particolare il deposito amministrato verrà classificato di tipologia execution only. L ordine eseguito in tale modalità riporterà nell execution ticket emesso in automatico dal sistema esplicita informazione circa la mancata valutazione di appropriatezza. L investitore può operare in execution only attraverso gli stessi canali dell operatività ordinaria (internet attraverso il sistema M.I.T.O., telefonicamente ed allo sportello). E previsto il controllo informatico sulla tipologia dello strumento finanziario ed in caso di strumenti non rientranti nelle categorie ammesse il sistema non consente l effettuazione dell operazione e si dovrà procedere alla preventiva valutazione dell appropriatezza. Versione 2) settembre 2009 Pagina 10 di 10

MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Documento approvato dal C.d.A. del 19/12/2014 Sommario 1. Premessa...3 2. Criteri Di Classificazione Statica Della Clientela...5 2.1. Controparti Qualificate...5

Dettagli

Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy)

Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy) Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy) La banca per un mondo che cambia Disposizioni generali La Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. ( BNL ), capitale sociale

Dettagli

MIFID Markets in Financial Instruments Directive

MIFID Markets in Financial Instruments Directive MIFID Markets in Financial Instruments Directive Il 1 1 Novembre 2007 è stata recepita anche in Italia, attraverso il Decreto Legislativo del 17 Settembre 2007 n.164n.164,, la Direttiva Comunitaria denominata

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Tipo: Normativa Pagina: 1/18 POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Oggetto Redatto da Validato da Approvazione Data approvazione Policy di Classificazione della clientela della Banca Alpi Marittime

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela

Policy di Classificazione della Clientela Policy di Classificazione della Clientela INDICE 1. CONTENUTI DEL DOCUMENTO... 3 2. RIFERIMENTI RMATIVI... 3 3. CATEGORIE DI CLIENTELA... 4 3.1 Clientela professionale... 4 3.2 Controparti qualificate...

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY DI CLASFICAZIONE DELLA CLIENTELA Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...1 2. CATEGORIE DI CLIENTI PREVISTE DALLA MIFID...2 3. CRITERI DI CLASFICAZIONE

Dettagli

POLITICHE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PROFILATURA DELLA CLIENTELA AI FINI MIFID

POLITICHE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PROFILATURA DELLA CLIENTELA AI FINI MIFID INDIRIZZO E CONTROLLO - GESTIONE DEL RISCHIO DI NON CONFORMITÀ POLITICHE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PROFILATURA DELLA CLIENTELA AI FINI MIFID Destinatari: Banca Popolare di Milano, Banca Popolare di Mantova

Dettagli

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Policy Sulla classificazione della clientela Data ultima modifica 29/03/2016 Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Approvato da : Consiglio di Amministrazione Massimo

Dettagli

Avv. Fabio Civale. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009

Avv. Fabio Civale. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009 Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009 I SERVIZI E LE ATTIVITA DI INVESTIMENTO NELLA DISCIPLINA MiFID Linee dell intervento A. Classificazione della clientela

Dettagli

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 Febbraio 2016 Premessa In conformità alle disposizioni di cui all Allegato 3 del Regolamento Intermediari CONSOB

Dettagli

La Direttiva Mifid. Principali novità e procedure di adeguamento. Avv. Fabio Civale Milano, 17 aprile 2007

La Direttiva Mifid. Principali novità e procedure di adeguamento. Avv. Fabio Civale Milano, 17 aprile 2007 La Direttiva Mifid Principali novità e procedure di adeguamento Milano, 17 aprile 2007 1 Linea dell intervento A. La Direttiva MIFID B. Regole di condotta e categorie di clientela C. Valutazione di adeguatezza

Dettagli

BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA IN AMBITO SERVIZI DI INVESTIMENTO

BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA IN AMBITO SERVIZI DI INVESTIMENTO BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA IN AMBITO SERVIZI DI INVESTIMENTO Versione Versione 03 Approvato da Consiglio di Amministrazione data approvazione 30/01/2013

Dettagli

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Versione Aggiornata

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Versione Aggiornata INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A Versione Aggiornata Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca

Dettagli

POLICY PER LA NEGOZIAZIONE DI AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Approvata dal CDA nella seduta del 30/07/2012

POLICY PER LA NEGOZIAZIONE DI AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Approvata dal CDA nella seduta del 30/07/2012 POLICY PER LA NEGOZIAZIONE DI AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A Approvata dal CDA nella seduta del 30/07/2012 INDICE PREMESSA...3 1.1. Fattori di Rischio...3 2.2. Funzionamento e formazione prezzi...4

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A. Versione Aggiornata 28/11/2014

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A. Versione Aggiornata 28/11/2014 INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A Versione Aggiornata 28/11/2014 Copia della presente Informativa è a disposizione della clientela presso tutte

Dettagli

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI maggio 2007 SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI INTRODUZIONE La MiFID (Markets in Financial Instruments Directive) affronta in modo globale la disciplina

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 8.0 del 14/03/2014. Approvata dal CDA nella seduta del 21/03/2014

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 8.0 del 14/03/2014. Approvata dal CDA nella seduta del 21/03/2014 POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Versione 8.0 del 14/03/2014 Approvata dal CDA nella seduta del 21/03/2014 e-mail: banca@bancadiimola.it - www.bancadiimola.it - Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

MiFID TUF Regolamento Emittenti

MiFID TUF Regolamento Emittenti La responsabilità dell'intermediario finanziario nelle negoziazioni e nelle gestioni patrimoniali a partire dall'arresto delle Sezioni Unite (19 dicembre 2007, n. 26725) e alla luce della normativa MiFID

Dettagli

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...1 2. FATTORI RILEVANTI AI FINI DELLA BEST EXECUTION...2 3. PROCEDURA PER IDENTIFICAZIONE

Dettagli

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A (Titolo illiquido ai sensi della Comunicazione Consob n. 9019104 del 2 marzo 2009) Copia della presente Policy è a disposizione

Dettagli

GRUPPO BANCARIO TERCAS. Modalità di gestione dell adeguatezza e appropriatezza

GRUPPO BANCARIO TERCAS. Modalità di gestione dell adeguatezza e appropriatezza GRUPPO BANCARIO TERCAS Modalità di gestione dell adeguatezza e appropriatezza Aggiornamenti Versione Data Autore Note 1-18/06/201 2 Giampiero Ferraioli Esclusione dei cd dalla mifid Doppio binario per

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA, FONTI NORMATIVE ED OBIETTIVO DEL DOCUMENTO... 3 1. CATEGORIE DI CLIENTELA...

Dettagli

GLI OBBLIGHI DI VALUTAZIONE DI ADEGUATEZZA E APPROPRIATEZZA DELLE SGR LINEE GUIDA

GLI OBBLIGHI DI VALUTAZIONE DI ADEGUATEZZA E APPROPRIATEZZA DELLE SGR LINEE GUIDA GLI OBBLIGHI DI VALUTAZIONE DI ADEGUATEZZA E APPROPRIATEZZA DELLE SGR LINEE GUIDA AVVERTENZE Le presenti Linee Guida sono state validate dalla CONSOB in data 24 marzo 2009 in esito alla procedura pubblicata

Dettagli

Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della Direttiva MIFID

Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della Direttiva MIFID Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della Direttiva MIFID Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della

Dettagli

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID)

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID) Roma, 15 settembre 2007 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID) L ANIA ha esaminato i contenuti della documentazione pubblicata

Dettagli

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A (Titolo illiquido ai sensi della Comunicazione Consob n. 9019104 del 2 marzo 2009) Copia della presente Policy è a disposizione

Dettagli

Copia della presente Informativa è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Cassa www.lacassa.com

Copia della presente Informativa è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Cassa www.lacassa.com INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A (Titolo illiquido ai sensi della Comunicazione Consob n. 9019104 del 2 marzo 2009) Copia della presente Informativa

Dettagli

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB AVVIO DEL LIVELLO 3 SUL NUOVO REGOLAMENTO INTERMEDIARI CONFRONTO CON IL MERCATO

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB AVVIO DEL LIVELLO 3 SUL NUOVO REGOLAMENTO INTERMEDIARI CONFRONTO CON IL MERCATO Roma, 30 gennaio 2008 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB AVVIO DEL LIVELLO 3 SUL NUOVO REGOLAMENTO INTERMEDIARI CONFRONTO CON IL MERCATO L ANIA ha esaminato i contenuti della documentazione

Dettagli

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 10 maggio 2011 INDICE 1. PREMESSA...1 2. FATTORI RILEVANTI AI FINI DELLA BEST EXECUTION...2 3. PROCEDURA PER IDENTIFICAZIONE

Dettagli

Documento di sintesi della

Documento di sintesi della Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del settembre 2015 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 1 Inquadramento normativo - la Mifid La Mifid ha introdotto nuove ed importanti modifiche alla disciplina del servizio di consulenza

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI Il presente documento descrive le misure per l esecuzione e la trasmissione degli ordini alle condizioni più favorevoli per il cliente (art. 45 e 48 del Regolamento Consob in materia di Intermediari) e

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Novembre 2011 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3 1.1

Dettagli

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE)

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Le principali novità introdotte con il recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Direttiva 2004/39/CE ( dirett. di 1 livello ) Markets in Financial Instruments Directive o MiFID Direttiva 2006/73/CE

Dettagli

Edizione in vigore dal 2 gennaio 2014

Edizione in vigore dal 2 gennaio 2014 Regolamento del contratto unico CONTRATTO UNICO PER LA PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI INVESTIMENTO ED ACCESSORI E LA DISTRIBUZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI E PRODOTTI FINANZIARI ASSICURATIVI SOMMARIO INFORMAZIONI

Dettagli

GLI OBBLIGHI DI VALUTAZIONE DI ADEGUATEZZA E APPROPRIATEZZA DELLE SGR LINEE GUIDA

GLI OBBLIGHI DI VALUTAZIONE DI ADEGUATEZZA E APPROPRIATEZZA DELLE SGR LINEE GUIDA GLI OLIGHI DI VALUTAZIONE DI ADEGUATEZZA E APPROPRIATEZZA DELLE SGR LINEE GUIDA INDICE INTRODUZIONE...4 Titolo I Ambito di applicazione...7 Linea Guida n. 1 Principi generali... 7 Titolo II Le informazioni

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a.

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Introduzione Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. offre diverse tipologie di servizi d investimento tra cui la ricezione e

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 11 ottobre 2011 v.0.5 Indice

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI PREMESSE La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento Europeo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Premessa La Direttiva dell'unione Europea MiFID (2004/39/CE), acronimo di Markets in Financial Instruments Directive, ha modificato,

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche,

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SAN MARZANO DI SAN GIUSEPPE Documento adottato con delibera del C.d.A. del 22/10/2007 Ultimo aggiornamento con delibera

Dettagli

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO I SERVIZI DI INVESTIMENTO Tali investimenti danno origine alla raccolta bancaria indiretta, termine con il quale si identificano alcuni

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari AGGIORNATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 19 DICEMBRE 2014 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. RELAZIONI CON ALTRE

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1. INTRODUZIONE Come previsto dalla disciplina in materia di best execution della direttiva MiFID 2004/39/CE e della direttiva 2010/43/UE (recante modalità

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CREDITO COOPERATIVO CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI ERCHIE Ultimo aggiornamento con delibera del C.d.A. del 06/12/2011 Indice 1 PRINCIPI GENERALI...

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI OPPIDO LUCANO E RIPACANDIDA Documento adottato con delibera del C.d.A. n. 11 del 12/10/2007 Aggiornata con delibere

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

CONTRATTO DI COLLOCAMENTO DI STRUMENTI FINANZIARI E DI DISTRIBUZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI E PRODOTTI FINANZIARI ASSICURATIVI

CONTRATTO DI COLLOCAMENTO DI STRUMENTI FINANZIARI E DI DISTRIBUZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI E PRODOTTI FINANZIARI ASSICURATIVI Regolamento contratto collocamento/distribuzione strumenti e prodotti finanziari assicurativi CONTRATTO DI COLLOCAMENTO DI STRUMENTI FINANZIARI E DI DISTRIBUZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI E PRODOTTI FINANZIARI

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Informazioni sulle strategie di trasmissione e di esecuzione degli ordini 1. Premessa La Direttiva

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

http://www.newsoftsrl.it

http://www.newsoftsrl.it Applicazione software per la Consulenza Finanziaria secondo la normativa MiFID http://www.newsoftsrl.it 1 MiFid Markets in Financial Instruments Directive MiFid e' la direttiva 2004/39/Ce relativa ai mercati

Dettagli

Fortune. Transmission Policy. Unifortune Asset Management SGR S.p.A. ASSET MANAGEMENT

Fortune. Transmission Policy. Unifortune Asset Management SGR S.p.A. ASSET MANAGEMENT Unifortune Asset Management SGR S.p.A. Transmission Policy Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 28 febbraio 2012 1 1 Premessa La Transmission Policy ( Policy ) illustra la Strategia di Trasmissione

Dettagli

BCC di Valledolmo Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

BCC di Valledolmo Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob BCC di Valledolmo Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob marzo 2012 Delibera Cda del 16 maggio 2012 Indice BCC di Valledolmo

Dettagli

novembre 2002 I SERVIZI D INVESTIMENTO : LA NEGOZIAZIONE

novembre 2002 I SERVIZI D INVESTIMENTO : LA NEGOZIAZIONE novembre 2002 Riflessioni sul sistema finanziario italiano nel nuovo testo unico finanziario e nel compendio delle norme di attuazione, di Marcello G. Pastrengo I SERVIZI D INVESTIMENTO : LA NEGOZIAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI D.D.S. STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI D.D.S. STRATEGIA ESECUZIONE E TRASMISSIONE ORDINI Ed. Marzo 2012 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

Dettagli

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA Classification Policy PREMESSA, FONTI NORMATIVE ED OBIETTIVO DEL DOCUMENTO... 3 1. DEFINIZIONI... 3 1.1. CLIENTI PROFESSIONALI...

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1 SOMMARIO Introduzione... 1 CAPITOLO 1 I SERVIZI E LE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO 1. L elenco dei servizi (e delle attività) di investimento... 9 2. Gli strumenti finanziari... 10 3. La nozione di prodotto

Dettagli

POLICY CONFLITTI D INTERESSE

POLICY CONFLITTI D INTERESSE POLICY CONFLITTI D INTERESSE Documento per la clientela 13/01/2014 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Definizioni 4 2. OBIETTIVI 5 3. ANALISI E VALUTAZIONI: IDENTIFICAZIONE DELLE SITUAZIONI DI POTENZIALE CONFLITTO

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Aggiornata nel CdA del 20/10/2011 Aggiornata nel CdA del 23/09/2015 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PRINCIPI GUIDA...

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Credito Cooperativo di Pitigliano

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Credito Cooperativo di Pitigliano Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Credito Cooperativo di Pitigliano Cda del 26/08/2015 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento

Dettagli

Regole interne per la negoziazione delle obbligazioni di Banca Agricola Popolare di Ragusa S.c.p.a.

Regole interne per la negoziazione delle obbligazioni di Banca Agricola Popolare di Ragusa S.c.p.a. Regole interne per la negoziazione delle obbligazioni di Banca Agricola Popolare di Ragusa S.c.p.a. Approvata dal Consiglio di Amministrazione 31 maggio 2013 Revisionata: 27 maggio 2014 Bozza per discussione

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA

DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA Edizione 05/2011 INDICE Informazioni su CheBanca! e sui servizi di investimento offerti 2 1. Dati che CheBanca! 2 2. Autorizzazione alla prestazione dei servizi di

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione ordini e strumenti finanziari

Strategia di esecuzione e trasmissione ordini e strumenti finanziari BCC BERGAMO E VALLI Strategia di esecuzione e trasmissione ordini e strumenti finanziari In vigore dal 01 luglio 2015 Release 1.0 Revisioni Data delibera CdA 2 INDICE INDICE... 3 PREMESSA... 4 1. Principi

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo di MARINA DI GINOSA Documento adottato con delibera del C.d.A. 10/06/2013 Ultimo Aggiornamento con delibera del C.d.A.

Dettagli

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Delibera C.d.A. del 23 dicembre 2010 LA NORMATIVA MIFID La Markets

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 IL CONTRATTO DI INVESTIMENTO: principi e regole di comportamento nelle trattative La disciplina

Dettagli

INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 2. STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 6

INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 2. STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 6 INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 1.1 STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE...4 2. STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 6 2.1 TITOLI AZIONARI E RELATIVI DIRITTI DI OPZIONE, COVERED WARRANTS,

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Approvata dal C.d.A. il 16/10/2007 Revisione deliberata dal C.d.A. il 14/04/2015 2 INDICE I - PREMESSA...4 II - RIFERIMENTI NORMATIVI...5 III - CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Banca di Credito Cooperativo di MARINA DI GINOSA Documento adottato con delibera del C.d.A. 10/06/2013 Ultimo Aggiornamento con delibera del C.d.A.

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 9/2015 **********

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 9/2015 ********** Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 9/2015 ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Flumeri Soc. Coop.

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Flumeri Soc. Coop. Strategia di trasmissione degli ordini su strumenti finanziari VERSIONE N 04 DEL 28/12/2011 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Flumeri Soc. Coop. Documento redatto ai sensi dell art. 48 del

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini Luglio 2013 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA...3 1 PRINCIPI GENERALI...3 1.1 Principi generali in tema di best execution...3 1.2 Esecuzione degli ordini

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c.

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c. BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c. Direttiva MiFID Strategia di esecuzione degli ordini e strategia di trasmissione degli ordini Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/05/2014

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI 1. Definizioni Strategia di Esecuzione o anche semplicemente Strategia : le misure, i meccanismi e le procedure adottate da MPS Capital Services - Banca

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca

Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca Banca di Credito Cooperativo Dell Alta Brianza Alzate Brianza Società Cooperativa Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca (Adottata ai

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SAN MARZANO DI SAN GIUSEPPE Documento adottato con delibera del C.d.A. del 22/10/2007 Ultimo aggiornamento con delibera

Dettagli

LENZI & ASSOCIATI STUDIO LEGALE

LENZI & ASSOCIATI STUDIO LEGALE LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA DELLE BANCHE QUALI INTERMEDIARI FINANZIARI: GLI OBBLIGHI INFORMATIVI E DI PROFILATURA DELLA CLIENTELA DOPO LA MIFID CASTELLANZA 11 MARZO 2010 ROBERTO LENZI

Dettagli

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Aprile 2014 Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Piergiorgio Leofreddi e Azzurra Campari, Simmons & Simmons Il presente articolo si propone di analizzare alcuni

Dettagli

Comunicazione del 31 marzo 2014 SIM e gruppi di SIM: applicazione della nuova normativa prudenziale europea

Comunicazione del 31 marzo 2014 SIM e gruppi di SIM: applicazione della nuova normativa prudenziale europea Comunicazione del 31 marzo 2014 SIM e gruppi di SIM: applicazione della nuova normativa prudenziale europea 1. Premessa Dal 1 gennaio 2014 è applicabile la nuova disciplina armonizzata per le banche e

Dettagli

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI (in vigore dal 15 aprile 2015) FONDI COMUNI Il presente Regolamento è stato approvato dall organo

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA POPOLARE PUGLIESE - DOCUMENTO DI SINTESI -

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA POPOLARE PUGLIESE - DOCUMENTO DI SINTESI - Società Cooperativa per Azioni * Codice ABI 05262.1 Sede Legale: 73052 Parabita (Le) Via Provinciale Matino, 5 Sede Amministrativa e Direzione Generale: 73046 Matino (Le) Via Luigi Luzzatti, 8 Partita

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob CdA 27/10/2014

Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob CdA 27/10/2014 Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob CdA 27/10/2014 (in vigore dal 01/12/2014) Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI...

Dettagli