Un pensiero randagio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un pensiero randagio"

Transcript

1 Un pensiero randagio Marco Delugan 1 Abstract In questo testo si descrive un ambiente di lavoro per molti aspetti inusuale, le dinamiche della sua evoluzione, i suoi pregi e i suoi difetti e, soprattutto, come questo ambiente possa contribuire allo sviluppo di nuove idee: la comunità virtuale SaperInvestire (http://www.saperinvestire.it). E stato recentemente pubblicato come post fazione del libro di Roberto Domenichini dal titolo Il metodo frattale applicato ai mercati edito da Trading Library. Le tecniche di investimento proposte nel libro, infatti, sono state sviluppate dall autore anche grazie al contributo dei partecipanti alla comunità. E la scrittura, e i processi cognitivi che stimola, il fattore creativo che caratterizza questo contributo; e il modo in cui la scrittura stessa incrocia le competenze e le abilità necessarie per investire in modo profittevole. Su questo secondo punto è stata elaborata una prima ipotesi di ricerca che si ispira al lavoro di Donald Schon. Alcuni elementi della visione della pratica professionale elaborata da questo autore sono stati applicati all interpretazione dei racconti di trading scritti da uno degli autori più seguiti della community. Introduzione 2 Il pensiero randagio, come vedrete, sarà uno dei protagonisti della storia. Michel Polanyi, uno dei più importanti epistemologi del secolo scorso, descriveva così l intuizione dello scienziato quando va a stanare le questioni importanti su cui applicarsi. Allo stresso modo, come tenterò di mostrare, si muove il pensiero del trader che va alla ricerca di un metodo di investimento profittevole. E randagio anche se in termini più umilmente pratici è stato il percorso seguito fin qui dal progetto SaperInvetire e dai suoi gestori. Non solo perché si prova e si sbaglia, ma anche perché l ambiente internet favorisce gli incontri e le scoperte casuali, e l auto organizzazione spontanea delle reti di relazione. L altra protagonista di questo capitolo sarà la scrittura. La parola scritta è, infatti, il mezzo di comunicazione più importante nelle relazioni on line, ma il processo indotto dalla scrittura, oltre alla comunicazione con gli altri, permette di richiamare e rielaborare le proprie conoscenze, anche quelle meno consapevoli, e di stimolare, nei casi migliori, la creatività. A cosa serve internet? A cosa serve internet? A molte cose che sappiamo: informarsi, comunicare, acquistare. Per ognuna 1 Breve Curriculum professionale (max 15 righe) 2 Questo articolo nasce come postfazione del libro di Roberto Domenichini. L intuizione iniziale - la visione randagia di una possibilità ancora non scoperta (Conoscere ed essere, Polanyi, Armando Editore, 1988) - viene da lì, così come gran parte dello sviluppo successivo di quell idea. Ma un contributo a questo sviluppo è venuto anche dal contesto, dall ambiente di lavoro che Roberto frequenta da quasi un anno: il progetto SaperInvestire. SaperInvetire è nato da un idea di Diego Pastorino, socio fondatore e dirigente del sito di informazione finanziaria Soldionline.it. L idea è diventata un progetto, poi finanziato dal Fondo Sociale Europeo. Lo scopo del progetto è promuovere lo sviluppo di una comunità virtuale il cui centro di interesse sia il risparmio e l investimento finanziario.. Pagina 1 di 16

2 ha ridotto tempi e costi, aumentato quantità e velocità. E agenzia di informazione in tempo reale, posta rapidissima, sportello bancario, agenzia viaggi, mercato finanziario e altro ancora. In alcuni casi si possono fare cose che prima non si sarebbero fatte proprio perché aver ridotto i tempi e aumentato le quantità permette di farle, portando ad un cambiamento anche qualitativo, ad un passaggio di soglia, come nel caso il trading on line, ad esempio. Va bene, ma non basta. Tanti anni fa, in un paese lontano lontano Era l inizio dell era informatica, nella prima metà degli anni 70, e il progenitore del personal computer era una scatola, grande come una voluminosa radio a transistor, da cui al massimo si poteva cavar fuori il lampeggiare di quattro lucette. E se invece era il ritornello di una canzone famosa, allora era gloria eterna per l autore della stringa. Ma divenne velocemente molto di più, in un mondo, le università americane di quel tempo, caratterizzato da un forte spirito di condivisione e scambio, che ci vedeva dentro, e voleva farne, una macchina relazionale, un terminale intelligente che potesse connettere le persone. Quelle idee sono diventate cose. La rete internet è un infrastruttura relazionale! E molti la usano così, anche se in molti modi diversi. Con SaperInvestire stiamo tentando di promuovere una community finanziaria di investitori individuali, di persone, cioè, che decidono di occuparsi dei propri risparmi in prima persona. Tipi diversi tra loro, anche molto. Si va da chi si affida ad altri ma vuole capire di più, all estremo opposto dei trader lillipuziani che non potranno mai legare il loro Gulliver, ma che ci scorrazzano intorno sperando di non farsi prendere troppo presto. Saranno loro, usandolo secondo i loro bisogni e i loro desideri, a decidere il destino di questo progetto. A volte le cose avvengono per caso I pezzi sono andati insieme un po alla volta. Sia le idee, sia gli elementi dell offerta, e non sempre in questa sequenza. Nel mese di ottobre dell anno 2005 ho ricevuto dalla società per cui lavoro Informazione e Finanza, la stessa che gestisce Soldionline.it - l incarico di portare a compimento la prima fase del progetto SaperInvestire. Si trattava, in sintesi, di organizzare il materiale già prodotto e di renderlo fruibile on line, e di gestire le prime successive fasi di sviluppo del progetto. L idea iniziale prevedeva un articolazione complessa, voleva coinvolgere analisti, ricercatori, studiosi e istituzioni universitarie, operatori del mondo della finanza e risparmiatori, e costruire una comunità virtuale sui temi del risparmio e dell investimento finanziario che facesse da centro propulsore di varie attività di formazione. Con le grandi istituzioni, però, che fossero Università, Banche o Sim, non siamo riusciti a collaborare. Salvo che con l Università Vita e Salute, facoltà di Psicologia, membro dell ATS (Associazione Temporanea di Scopo) che ha contribuito alle fasi iniziali del progetto. Questione di tempo? Chissà. Forse internet, quando siamo partiti, non era ancora il loro ambiente, o forse non lo erano iniziative come quella che andavamo a proporre. Magari eravamo noi a non essere, allora e per loro, abbastanza attraenti. Pagina 2 di 16

3 Ma la rete è fitta di incroci, e questo significa possibilità di incontri inattesi. E così, anche grazie a questi, il progetto si è sviluppato nel suo ambiente naturale, tra i suoi simili, come nodo della rete e come catalizzatore di interessi e di flussi di comunicazione. Durante la prima fase di sviluppo (gennaio-luglio 2006) abbiamo proposto ai lettori articoli prodotti durante il periodo di preparazione del progetto, e cioè i due anni precedenti il varo (dicembre 2005). La redazione era in fase di formazione e di rodaggio. Anche chi gestiva il progetto stava prendendo le misure di quanto si apprestava a gestire, e nemmeno in questo prendere le misure è mancata una buona dose di casualità. Nel senso che casualmente sono arrivati libri e corsi, nuove conoscenze e opportunità di collaborazione. Non solo casualità in senso stretto. Non è stata solo fortuna, o sfortuna. Un progetto di riferimento, forse un po scolastico, ma non banale, c è sempre stato. Diciamo che sono accadute cose impreviste, che obiettivi previsti sono stati raggiunti per vie inattese, che altri non sono stati raggiunti, ma ci sono stati anche progetti che sono arrivati a destinazione per come erano stati pensati. Tutto questo ha guidato a risultati migliori delle attese, sia in termini di originalità e qualità dell offerta, sia in termini di utilizzo del sito da parte dei lettori. Intendiamoci, non stiamo parlando di un capolavoro, ma di un esperimento che ci ha dato buoni indizi e soprattutto ha confermato l idea che in rete ci sia lo spazio per community finanziarie di tipo educational. Magari integrando l utilizzo di strumenti di community con modalità di formazione più strutturata, sia on line che in presenza, migliorando la funzionalità del sito, sperimentando nuove modalità di interazione, eccetera. Nella seconda fase (settembre 2006-febbraio 2007) l offerta di contenuti è diventata più strutturata e stabile. Sono partite altre nuove collaborazioni, sempre su autosegnalazione degli autori. Un ruolo importante, in questo senso, lo ha svolto la rete esterna che si è via via formata intorno a SaperInvestire. Gli autori attivi quelli che scrivono stabilmente per SaperInvestire sono, infatti, raggiungibili via posta elettronica dai lettori. Molti lettori scrivono agli autori. Alcuni lettori si conoscono su SaperInvestire e poi intrattengono relazioni private. Gli autori si scrivono tra loro. Così, col tempo, intorno a SaperInvestire si è formata una rete informale. E da questa rete esterna, luogo di scambio e di gestione della conoscenza, anche se in senso lato, sono emerse idee, ipotesi per nuove rubriche e candidati alla collaborazione. Altra evidenza di questa attitudine delle reti di relazione on line all imprevedibilità e all auto organizzazione viene dall andamento dei contributi dei lettori alla produzione di contenuti. L unico spazio disponibile, in questo senso, è stato quello dei commenti agli articoli; la possibilità, cioè, di inserire e veder pubblicate le proprie opinioni e domande su quanto scritto dall autore in fondo all articolo dell autore stesso. Per circa otto mesi non è successo quasi nulla. Poi, nel solo mese di settembre ne sono arrivati tanti quanti quelli di tutto il periodo precedente: 400. E difficile da spiegare. E, probabilmente, dato che non vediamo quello che accade nella testa dei lettori, se non in maniera indiretta, avremo sempre ipotesi molto parziali. L andamento dei commenti non ha seguito un percorso lineare, ma è cresciuto per piccole esplosioni di partecipazione avvenute intorno a specifici articoli. Pagina 3 di 16

4 La prima si è sviluppata intorno all articolo Analisi tecnica: scienza o arte?, di Roberto Domenichini, di cui, arrivati a questo punto, sapete già molto. Il titolo dell articolo e l argomentazione hanno scatenato critiche e complimenti; il dibattito è esploso, almeno per i ritmi precedenti, e i contributi dei lettori hanno affrontato il tema della validità e dei limiti dell analisi tecnica. Un altro balzo, ma di natura diversa, è partito dall articolo Sulle tracce del Maestro di Mario Elia, uno degli autori più apprezzati di SaperInvestire, e prima di Soldionline.it, esperto di trading e profondo conoscitore dei diversi saperi coinvolti in questa attività. L articolo riportava uno scambio via tra Elia e un suo lettore su William Delbert Gann, uno dei più grandi e misteriosi trader della storia della finanza. La palla è stata letteralmente presa al balzo da un tal Osservatore questo è il soprannome con cui si presenta on line - fedele adepto del Maestro, che ha trasformato in breve tempo lo spazio dei commenti all articolo in una sorta di blog personale. Nella prima fase di questa conquista del territorio l Osservatore occupava lo spazio da solo, nel senso che scriveva solo lui, e scriveva molti post al giorno. Col tempo altri hanno cominciato a partecipare, arricchendolo con contributi e approcci diversi. Il tema di questo dibattito è la previsione dell andamento dei mercati finanziari secondo metodi, diciamo così, non convenzionali. Gli interventi sono di tipo strettamente previsionale o di approfondimento della parte teorica. Storia ancora diversa quella di Promotore o consulente, la dura lotta per la sopravvivenza, articolo di Roberto Domenichini, che ha un successo quasi costante dalla data della sua pubblicazione. Riguarda le due categorie professionali ricordate nel titolo, le loro caratteristiche e la loro affidabilità, quello che fanno e quanto si fanno pagare, i problemi nel rapporto con i clienti e le possibilità di collaborazione e integrazione. Il filone iniziale, quello sorto intorno ad Analisi tecnica: scienza o arte?, di tipo metodologico, continua ancora intorno ad altri articoli e ad altre rubriche. Tre filoni emersi dal basso, non del tutto da soli, ma certamente non previsti. Ed è possibile che allargando l offerta di contenuti seguendo anche questo tipo di indicazioni possano emergere altri temi di interesse per la futura comunità di SaperInvestire. Tutto questo per dire di come l evoluzione di una community dipenda in buona parte, anche se non del tutto, dalla capacità della stessa di auto organizzarsi. La responsabilità di chi, come in questo caso, la propone, è di definirne il dominio, la struttura concettuale dello stesso e il piano di pubblicazione iniziale, di normare e presidiare gli spazi di interazione in modo da arginare gli inevitabili scontri di opinione in ambiti non distruttivi, e di adattare entrambi proposta di contenuti e spazi di interazione all evoluzione della community stessa. Comunità virtuali e gestione della conoscenza Come abbiamo già visto sopra, SaperInvestire è stato creato nell ambito di un progetto finanziato dal Fondo Sociale Europeo. La filosofia che gli ha dato forma è ben sintetizzata da questo estratto dalla presentazione del progetto consultabile sul sito e scritta da Diego Pastorino. Io sono assolutamente convinto che la vera tutela del risparmio (e dei risparmiatori) passi attraverso un informazione semplice, trasparente e indipendente rispetto a ciò che accade sui Pagina 4 di 16

5 mercati, supportata da un continuo sviluppo della conoscenza e competenza da parte tutti gli attori coinvolti nell industria finanziaria, produttori, venditori, consumatori-risparmiatori. L informazione senza la consapevolezza non è sufficiente, anzi spesso è fuorviante. La finanza è una materia molto più semplice di quanto vogliano farvi credere, e con sforzi contenuti si può imparare moltissimo soprattutto si può imparare a preservare e proteggere ciò che si ha. Sul piano operativo il progetto consisteva in questo: 1. Nella creazione di un sito "contenitore" nel quale inserire contributi di conoscenza e cultura economica e finanziaria, catalogati e organizzati in modo tale da diventare, sviluppandosi, un corpus completo e facilmente navigabile di contenuti formativi e educativi. 2. Nella creazione della comunità che avrà come obiettivo lo scambio orizzontale e circolare delle conoscenze, la possibilità di confrontare esperienze, errori e soluzioni, di fare domande e ottenere risposte. SaperInvestire, quindi, si propone, fin dall inizio, come una infrastruttura on line di apprendimento. Un tipo di apprendimento che, nel caso specifico, può contare su due modalità fondamentali: l auto istruzione, realizzata dalla libera navigazione dei contenuti proposti dalla redazione; e l apprendimento mutuato, basato sullo scambio e la condivisione, tramite parola scritta, di esperienze e conoscenze. Uno scambio che, come abbiamo visto, può avvenire sia sul sito, utilizzando lo spazio dei commenti in modo da rendere pubblico il proprio pensiero, sia attraverso scambi privati via posta elettronica. L apprendimento mutuato è un modo di apprendere alla pari [...] che si basa sull attivazione di un processo tanto naturale quanto efficace (Apprendimento in rete e condivisione delle conoscenze, Trentin, Franco Angeli, 2004). Un processo fondato sui seguenti quattro movimenti: chiedere aiuto ad altri, imparare dalle esperienze degli altri, raccontare le proprie esperienze, cercare la soluzione assieme ad altri. Per inquadrare questa idea di apprendimento prendiamo a prestito alcuni concetti dalla letteratura sul knowledge management. Ed in particolare, come vedremo, quelli di conoscenza esplicita e di conoscenza tacita. Il knowledge management (gestione della conoscenza) è un tema molto vasto. Negli ultimi decenni con questo termine si indica soprattutto una disciplina aziendale che si fonda sull idea che la conoscenza sia un fattore competitivo di grande importanza, e che la gestione consapevole delle conoscenze rilevanti per l azienda sia una funzione decisiva per la sopravvivenza e lo sviluppo dell azienda stessa. Le pratiche che vanno sotto il nome di knowledge management sono volte ad individuare, selezionare, distribuire e generare conoscenza. In senso aziendale e/o professionale, queste possono riguardare singole aziende e reti di aziende legate da rapporti di collaborazione, ma anche reti di professionisti. Ma in senso lato il kmowledge management è una pratica antichissima. Le biblioteche, ad esempio, e il loro raffinato sistema di raccolta, catalogazione, recupero e distribuzione possono essere considerate, infatti, sistemi di gestione della conoscenza. Esistono diversi approcci al knowledge management modelli interpretativi, indicazioni normative, Pagina 5 di 16

6 pratiche manageriali, soluzioni tecnologiche, formule organizzative - che dipendono dalla teoria della conoscenza su cui si fondano. Due tipi di conoscenza L investimento finanziario è una attività ad alta intensità di conoscenza. Come vedremo meglio in seguito, per investire bisogna conoscere le caratteristiche dei mercati e degli strumenti e le tecniche di investimento più accreditate; bisogna definire un metodo in base alle caratteristiche dei mercati e degli strumenti stessi, ma anche in base alla propria capacità di sostenere emotivamente e cognitivamente i metodi e le pratiche che si sono scelte; e sviluppare, tramite l esperienza, le capacità intuitive necessarie a adattare il metodo alle circostanze continuamente mutevoli del mercato. Serve una particolare miscela, unica, come è facile capire, per ogni investitore, di intuizione e di metodo. La conoscenza che permette al trader di operare è, per definizione, una conoscenza di tipo applicativo. Semplificando molto, secondo la visione costruttivista una delle teorie della conoscenza più influenti nell ambito del knowledge management - la conoscenza di tipo applicativo è il risultato dell incontro di elementi espliciti e di elementi taciti. I concetti di conoscenza esplicita e conoscenza tacita risalgono soprattutto al lavoro dell epistemologo ungherese Michael Polanyi che li definisce così: La conoscenza umana è di due tipi. Ciò che è descritto di solito come conoscenza quale è formulata in parole scritte, schema, o formule matematiche, è soltanto un tipo di conoscenza; mentre la conoscenza non formulata quale è quella che noi abbiamo di qualcosa che noi siamo nell atto di fare, è un altra forma di conoscenza. Se noi chiamiamo la prima conoscenza esplicita e la seconda conoscenza tacita [...] (Studio dell uomo. Individuo e processo conoscitivo, Polanyi, Morcelliana, 1973) Gli esempi classici di conoscenza tacita riguardano le capacità psicomotorie del nuotatore e del ciclista. Entrambi sanno fare, ma entrambi non sanno, di solito, spiegare come e perché lo fanno. Il nuotatore non sa che per stare a galla deve evitare di vuotare del tutto i polmoni quando espira, e deve gonfiarli più del solito quando inspira. Così come il ciclista non sa che per stare in equilibrio deve zigzagare continuamente in modo da generare una forza centrifuga che si opponga alla forza di gravità che lo tirerebbe verso il basso facendolo cadere. (Conoscenza personale, Polanyi, Rusconi, 1990) Ma, come ricordano anche Nelson e Winter, la dimensione tacita non riguarda solo le capacità psicomotorie. Si estende, invece, anche alle abilità specificamente cognitive che, come vedremo ancora in seguito, sono quelle che ci interessano. L esempio, in questo caso, riguarda la capacità di risolvere equazioni algebriche. Chiaramente gli assiomi sui numeri reali e una lista di metodi per la soluzione delle equazioni possono costituire, in un certo senso, una descrizione accurata delle capacità necessarie. Ma è altrettanto chiaro che l abile risolutore di equazioni non ha la consapevolezza cosciente di quella specifica articolazione di competenze mentre agisce. Non pensa a quelle regole, ma percepisce la possibilità di trasformazione dell espressione che ha di fronte e la realizza, facendo spesso più di una trasformazione alla volta mentre la riscrive. (An evolutionary theory of economic change, Nelson e Winter, Belknap Harvard, 1982) La generazione di nuova conoscenza, per i costruttivisti, dipende dalla capacità di ricombinare gli elementi espliciti e, soprattutto, di scoprire ed esplicitare quelli taciti. Secondo questo approccio, il ruolo centrale, nei sistemi di knowledge management, deve essere assegnato alle connessioni Pagina 6 di 16

7 interpersonali in modo da facilitare l emersione e la condivisione della conoscenza tacita. E così torniamo all inizio del paragrafo precedente e quindi all apprendimento mutuato. Un pensiero randagio Cercare di capire come dovesse funzionare una virtual community per dare il meglio di sé mi portò, come abbiamo appena visto, ad incontrare la letteratura sul knowledge management. Fin dai primi approcci fu chiaro che una community poteva essere uno strumento di gestione della conoscenza e che l investitore individuale, chi decide di investire in prima persona i propri risparmi, un knowledge worker, perché investire è una attività che richiede un alto livello di conoscenza e di esperienza. Diventava importante, quindi, capire quali fossero le conoscenze e le abilità necessarie per investire in modo profittevole. Le tipologie di investitori individuali sono varie ed è più che probabile che ognuna di esse abbia necessità diverse. L idea di focalizzare l attenzione su una figura, il trader on line, è nata con l esigenza di scrivere questo capitolo come contestualizzazione del lavoro di Roberto Domenichini sulla finanza frattale, che proprio ai trader si rivolge. Le fonti per descriverlo sono state la rubrica autobiografica di Matteo Brunelli, ideata da lui e da Mario Elia, e gli scambi avuti dall autore con i lettori dei suoi articoli. Per esaminare questo racconto le sue prime nove puntate, per la precisione ho utilizzato parte della teoria della pratica professionale elaborata da Donald Schon. Semplificando molto, Schon propone una visione della pratica professionale, che chiama Riflessione nel corso dell azione, come alternativa al tradizionale Modello della razionalità tecnica. Nel modello della razionalità tecnica la pratica professionale è intesa come applicazione di tecniche, appunto, alla soluzione di problemi. Le tecniche si basano sulla conoscenza scientifica del dominio della pratica professionale in questione. Il professionista di valore è colui che è diventato esperto nell applicazione di tali tecniche. L idea della pratica professionale del modello della razionalità tecnica implica l esistenza di una conoscenza di base che sia sistematica, specialistica, solidamente definita e standardizzata il cui prototipo è la conoscenza scientifica. Implica, inoltre, una sufficiente uniformità dei problemi e delle situazioni che il professionista può incontrare e la stabilità della realtà osservata. I limiti di questo modello, secondo Schon, si incontrano quando le situazioni e i problemi affrontati sono caratterizzati da complessità, incertezza, instabilità, unicità e conflitti di valore. Quando il professionista, cioè, non si trova di fronte ad un problema dato, in qualche modo standardizzato, ma alla necessità di impostare di volta in volta il problema che si trova ad affrontare, che si fonda, a sua volta, su una realtà complessa e incerta. In casi come questi il professionista non può basarsi solo su una competenza di tipo strettamente tecnico, ma deve attingere alle capacità intuitive e alle conoscenze tacite che ha accumulato anche grazie all esperienza, e realizzare una sorta di dialogo interattivo con la situazione che si trova ad affrontare. Un dialogo che Schon ha denominato riflessione nel corso dell azione. Pagina 7 di 16

8 L approccio di Schon è sembrato interessante per diversi motivi. Il primo, forse il più immediato, è che i mercati finanziari sono difficilmente prevedibili. In questo senso credo che si possa affermare che l investitore assomiglia ai professionisti di cui parla Schon che si trovano ad affrontare situazioni di lavoro sempre diverse, almeno per qualcuno dei loro tratti essenziali. La necessità di far uso di capacità intuitive che, seguendo questa ipotesi, sarebbe diretta conseguenza dell instabilità dei mercati, permette poi di spostare l attenzione dalle tecniche, all abilità del singolo investitore. Secondo alcuni autorevoli studiosi, infatti, non esisterebbero rilevanze statistiche sufficienti a dimostrare la superiorità di una tecnica di analisi rispetto ad un altra. E se non è la tecnica a fare la differenza, potrebbero esserlo altre capacità, più opache e meno facilmente acquisibili delle regole esplicite delle diverse discipline e più legate all esperienza e alle capacità intuitive personali. Nel caso dell investimento finanziario, il tipo di intuizione coinvolto potrebbe essere definito come la capacità di vedere con un buon grado di probabilità la presenza di una coerenza nascosta nelle cose (Conoscere ed essere, Polanyi, Armando Editore, 1988), nell andamento di un grafico, ad esempio, nel quadro delineato da un insieme di indicatori, o nell insieme dei dati di bilancio di una azienda. L apprendista stregone Come ho accennato sopra, i materiali utilizzati per tentare una prima descrizione del modo in cui un trader definisce, nel tempo, il proprio modo di andare a mercato, sono tratti dalla rubrica L apprendista stregone di Matteo Brunelli. La storia dell apprendista stregone inizia con l intuizione di una possibilità: quella di poter valorizzare parte del proprio patrimonio in una attività che sia interessante ed emozionante, oltre che remunerativa. E si realizza come una serie ininterrotta di esperimenti sul campo. Gli elementi che andranno a formare il suo sistema di trading prenderanno corpo un po alla volta. A dargli forma non saranno solo i risultati concreti i guadagni e le perdite di borsa ma anche vincoli più sottili, ma non per questo meno efficaci, come la sostenibilità emotiva o cognitiva dei sistemi via via sperimentati. Oltre all interesse personale per l approccio adottato. Donald Schon, propone tre accezioni del termine esperimento sul campo. Tutte tre presenti nel racconto di Brunelli. La prima, la sperimentazione esplorativa, è l azione intrapresa per vedere cosa ne deriva, senza ipotesi o teorie da mettere alla prova. Risponde alla domanda: e se?. Come avviene nei primissimi tentativi dell apprendista stregone, quelli in cui decide di rompere gli indugi e si butta per vedere che effetto fa. La seconda accezione è quella che Schon chiama di verifica della mossa. In questo caso una azione viene messa in atto per capire se è funzionale al raggiungimento di uno specifico obiettivo. Ad un livello di maggiore elaborazione le azioni possono implicare ipotesi e teorie da mettere alla prova. E questa la terza accezione proposta da Schon: la sperimentazione come verifica delle ipotesi. Le ipotesi messe alla prova negli esperimenti sul campo possono essere esplicite oppure implicite. Vedremo in seguito come sarà proprio la scoperta di ipotesi implicite e di altre dimensioni non tecniche dell attività di trading a segnare importanti punti di svolta nell evoluzione del sistema di trading del protagonista. Pagina 8 di 16

9 Gli esperimenti possono riuscire o non riuscire. I risultati possono confermare o smentire le strategie e le ipotesi fatte dallo sperimentatore. La revisione del metodo sarà imposta da risultati negativi, mentre risultati positivi spingeranno a proseguire senza dover necessariamente metter mano alle ipotesi adottate. Almeno fino a quando i risultati daranno ragione. Due degli esperimenti dell apprendista stregone sono sembrati particolarmente significativi. Vediamoli. Dopo i primi tentativi di esplorare il campo dell investimento finanziario, il nostro protagonista comincia ad elaborare strategie complesse, che incorporano ipotesi sia sull operatività in senso stretto, sia sulla sostenibilità della stessa. La prima, stando al racconto, è quella di dedicarsi allo scalping e alle operazioni intraday. La scelta, le ipotesi implicate nella stessa e come l esperienza le abbia negate sono descritte dall autore nel modo che segue. Lì per lì, l approccio ai miei occhi migliore sembrò subito quello dello scalping, o delle operazioni intraday. Mi dissi che alla fine della giornata tutto sarebbe ritornato al suo posto, avrei potuto periodicamente appianare il capitale prelevando i profitti, permettendomi di sfruttare la leva del 1000% consentita dalla sim. In questo modo mi metterò al riparo da qualsiasi avvenimento malsano potrà capitare nel globo. Cosa posso dire, solamente che sono stato fortunato. Lo scalping, o l intraday sono un metodo d investimento che non disdegno, anzi. Lo considero molto affascinante in virtù della possibilità di puntare, e far fuoco sovente; è stimolante. Nel mio caso, però, per poco non sono andato a fuoco io. Frenetiche sessioni con mouse alla mano, cercando di capire quanti titoli dovevano essere considerati contemporaneamente, come controllarli, che indicatori guardare, se il grafico o il book, per non parlare di tutte le domande alle quali non riuscivo ancora a dare una risposta. Capii dopo qualche soldino lasciato sul piatto e una forte congiuntivite, che ciò che andavo cercando era qualcosa di diverso. I risultati di questa prima strategia adottata sono quindi diversi da quelli attesi. E non solo in termini strettamente economici. Ci sono i soldi lasciati sul piatto, ma anche la difficoltà di sostenere la strategia dal punto di vista cognitivo - quali titoli seguire, quali indicatori osservare, le troppe domande senza risposta - e psicofisico: la forte congiuntivite che Brunelli sembra attribuire alla tensione accumulata in quel periodo. Dal successivo esame dalla strategia adottata emergono due elementi interessanti. [...] compresi ben presto che la possibilità di commerciare esclusivamente attraverso i segnali operativi dettati dall incrocio delle medie mobili non era sufficiente [...] mi resi conto che ero stato tutt altro che prudente, e che di ciò che avevo letto fin lì, avevo preso e fatto mio solo ciò che psicologicamente di primo acchito non mi toglieva nulla e mi faceva sognare sopra un panfilo da 40 metri [...] Lo dimostravano gli errori commessi per l ansia che mi portavo dietro in ogni singolo trade [...] Il primo passo di questo esame consiste in una riflessione sugli elementi tecnici della strategia, l incrocio delle medie mobili, mentre il secondo consiste nell esplicitazione di una componente tacita del suo approccio al mercato: [...] avevo preso e fatto mio solo ciò che psicologicamente di primo acchito non mi toglieva nulla e mi faceva sognare sopra un panfilo da 40 metri. La scoperta di questo nuovo elemento, che condizionava silenziosamente le sue scelte strategiche, gli permette di spiegare ansia ed errori, e di decidersi per una strategia più metodica e prudente. La Pagina 9 di 16

10 soluzione sarà quella di abbandonare lo scalping e di passare ad una operatività di breve-medio termine. La seconda ipotesi messa alla prova, quella che un sistema sempre più sofisticato gli avrebbe garantito risultati e tranquillità, viene descritta così. Continuavo a porre mano a tutti gli elementi che componevano il sistema, con interventi che risultavano via via più invasivi, con l intento di ottenere risultati sempre migliori, con minori perdite e con la possibilità di sfruttare sempre più i movimenti dei titoli. Questa strategia lo porta Fino allo sfinimento. Il motivo della sconfitta è nella difficoltà di sostenere da un punto di vista cognitivo la nuova strategia: Converrete con me che analizzare tutti i dati qui esposti potrebbe diventare alquanto complicato! Anche in questo caso i risultati negativi spingono il protagonista a rivedere la propria strategia. Ho allora capito, che, nonostante gli innumerevoli sforzi, occorreva piegarsi all evidenza per cui, essendo il mercato fatto di persone come me, o che non la pensano come me, era impossibile prevederne le mosse. E soprattutto ricordando che perdere in borsa è fisiologico altrimenti, se tutti guadagnassimo, non esisterebbero i mercati. La revisione lo porterà in direzione opposta, verso un metodo più semplice e sostenibile: Credo, e chiedo venia per la bontà di questa affermazione, che ai più potrà sembrare casereccia, che la semplicità paghi, eccome! Insieme ai pochi altri elementi che costituiscono il mio metodo di investimento e di cui vi ho parlato fin qui, una metodologia poco complicata è per me il miglior modo per poter essere costruttivo. Due esempi sono poca cosa rispetto alla ricchezza dell intero racconto. Chi volesse leggerlo per intero non deve far altro che andare all indirizzo e cercare nella spalla sinistra la voce L apprendista stregone, cliccarla, e accedere all indice della rubrica. Da queste prime note, però, appare chiaramente che il percorso raccontato da Brunelli non sia lineare. Sembra piuttosto caratterizzato da una sorta di pensiero randagio capace di scovare opportunità e problemi, di sperimentare scommettendo su possibili soluzioni, di deviare e tornare indietro di fronte a fallimenti inattesi. Un pensiero in grado di raccogliere e considerare conoscenze tacite e conoscenze esplicite; di utilizzare modalità razionali e intuitive; di valorizzare le dimensioni emotive e quelle cognitive; di focalizzarsi sui particolari e di osservare il problema nella sua interezza. Un pensiero che non è né casuale né deterministico, ma che cerca esplorando e sperimentando e facendosi guidare dai risultati sperimentali. La parte dell intuizione, si allargherebbe, probabilmente, se si esaminasse l operatività quotidiana. Nel racconto di Brunelli questa dimensione quotidiana è meno esplorata rispetto alla descrizione dell evoluzione del metodo. E possibile che questo sia dovuto anche al fatto che l intuizione opera durante l azione, mentre il racconto è una sorta di riflessione sull azione. E l intuizione, inoltre, è difficilmente raccontabile. Alcuni indizi sono comunque rintracciabili. E poi, per rinforzare questa ipotesi sull importanza dell intuizione nell attività di trading, ci facciamo aiutare da Renato Di Lorenzo quando afferma che per tracciare le linee di trend non c è niente che superi il potere risolutore dell occhio umano. (Guadagnare in Borsa con l Analisi Tecnica, Di Lorenzo, Il Sole 24 Ore, 1992). Se non è una capacità guidata da un innato senso per la coerenza questa! Pagina 10 di 16

11 Il potere di scrivere Abbiamo visto al paragrafo Un pensiero randagio come l evoluzione della strategia di trading del protagonista avvenga grazie ad una sorta di dialogo riflessivo con la propria esperienza. Un dialogo che può avvenire durante l azione o in momenti separati da questa, come riflessione sull azione. I materiali coinvolti in questo processo sono vari e di diversa natura: i risultati delle strategie realizzate; le strategie e le ipotesi che incorporano, sia esplicite che tacite; la sostenibilità emotiva o cognitiva delle strategie stesse. In Un pensiero randagio abbiamo anche visto come questo tipo di riflessione possa essere considerato come esperimento sul campo. Un tipo di esperimento diverso da quello controllato e tipico della ricerca scientifica, ma comunque dotato di propri criteri di validità. Ma perché, visto tutto questo, un investitore dovrebbe partecipare ad una comunità virtuale? Che vantaggi può trarne? La partecipazione ad una comunità virtuale è un esercizio di lettura e scrittura. Anche se si realizzano diversi modi e gradi di partecipazione, quella piena le richiede entrambe. Il primo elemento, la lettura, permette di accedere a repertori di conoscenza esplicita che riguardano l investimento. Il vantaggio che deriva dalla partecipazione, in questo senso, dipende dalla qualità e dalla varietà dei contenuti proposti. Entrambe, qualità e varietà, consentono ai lettori di migliorare e arricchire il proprio bagaglio di conoscenze esplicite e, nei casi migliori, di reinterpretare le proprie esperienze alla luce di ciò che hanno appreso. La caratteristica distintiva di una comunità virtuale, però, è l interazione via parola scritta, che non è, in questo caso, solo strumento di comunicazione, ma anche possibilità di riflessione sull esperienza e, quindi, di stimolo per l evoluzione delle proprie strategie. Scrivere è faticoso: richiede tempo, energia e, soprattutto, idee. A prima vista, inoltre, comunicare in questo modo può apparire un impoverimento della comunicazione se confrontata all interazione in presenza o in videoconferenza. Ma se si riflette sul processo indotto dalla scrittura, basato sulla formulazione delle proprie idee, sul confronto con quelle degli altri, sul riscontro e le valutazioni che provengono dagli interlocutori, ecco che il medium diventa un ottimo strumento per stimolare la riflessione, la condivisione di conoscenze, lo sviluppo del senso critico, in sintesi, la costruzione di nuove conoscenze e abilità (Apprendimento in rete e condivisione delle conoscenze, Trentin, Franco Angeli, 2004). Scrivere, allora, non diventa solo uno strumento di dialogo con gli altri, ma anche con la propria esperienza. Diventa dialogo tra esperienza e intelligenza (Parole incrociate, Crovi, Piemme, 1995) sia a livello individuale che di gruppo. Permette di conoscere altri punti di vista, altre interpretazioni, e di scoprirle all interno di un sistema di relazioni oltre che per via, diciamo così, teorica. E di percepire la complessità naturale che definisce i domini di conoscenza e le loro interrelazioni (Apprendimento in rete e condivisione delle conoscenze, Trentin, Franco Angeli, 2004). Scrivere le proprie opinioni nel contesto di un dibattito obbliga a chiarire a se stessi le proprie idee anche in relazione con quelle sostenute da altri, e stimola ad indagare la propria esperienza, a rielaborarla anche nelle sue dimensioni tacite. Pagina 11 di 16

12 Il dibattito stesso può generare nuove domande e nuovi tentativi di risposta, oltre che rendere disponibili elementi di conoscenza già provati dall esperienza. Indizi della validità di queste brevi note sul potere di scrivere vengono da alcuni scambi via posta elettronica - tanto per restare in tema avuti con Domenichini e Brunelli. Avevo chiesto loro di descrivere come l aver partecipato al progetto SaperInvestire avesse contribuito all evoluzione delle loro capacità e dei loro metodi di trading. Il tema centrale del lavoro di Domenichini per SaperInvestire è stato, fino ad oggi, l utilizzo della scienza frattale come strumento di trading, mentre Brunelli ha redatto un diario pubblico delle sue esperienze di investitore. La risposta di Domenichini ha evidenziato, in particolare, l importanza dello scambio di opinioni con i lettori sugli elementi espliciti e tecnici della questione: sul significato e le possibilità di utilizzo in senso predittivo del coefficiente di Hurst, su quali potessero essere gli strumenti di analisi tecnica più adatti ad essere incrociati con Hurst, sulla scelta delle medie mobili e del cross su queste da utilizzare; l importanza, cioè, come lui stesso mi ha scritto, dell interazione tra le sue intuizioni, quello che leggeva su SaperInvestire e altrove, e gli scambi pubblici e privati con i lettori. La rubrica di Brunelli è meno tecnica di quella di Domenichini. I suoi testi, come discorso autobiografico, coinvolgono anche altre dimensioni. Lui stesso definisce terapeutico l aver scritto per SaperInvestire: mi ha permesso di consapevolizzarmi di diverse cose, sopratutto della direzione nella quale era assolutamente necessario lavorare. E questo non solo grazie alla scrittura, ma anche all interazione con i lettori e, soprattutto, con Mario Elia, che gli ha consentito, inoltre, di approfondire diversi aspetti dell attività di trading dal punto di vista operativo. Entrambi gli autori, quindi, sembrano aver realizzato un processo creativo. Il primo incentrato su elementi espliciti e finalizzato alla definizione di un nuovo metodo; mentre il secondo ha permesso all autore di rivisitare e riordinare la propria esperienza, e ridefinire, anche grazie a questo, le sue strategie operative. Visioni (per ora) lontane SaperInvestire è stato, fino ad oggi, un piccolo esperimento. Abbiamo tentato di giocare nuove carte, nuove per noi, che non avevamo giocato prima. Abbiamo dovuto imparare la teoria e tentare di applicarla. I risultati sono stati lusinghieri, sotto certi aspetti, ma hanno anche evidenziato alcuni punti di debolezza del progetto. Il grafico che segue mostra l andamento mensile della pagine viste. I valori assoluti non sono stati riportati. I dati mensili sono infatti il risultato di stime fatte su serie storiche parziali, che coprono periodi non sovrapposti, e calcolate con strumenti diversi. Hanno valore come indicatori della tendenza evolutiva del fenomeno osservato. Pagina 12 di 16

13 Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Gennaio Febbraio Il grafico permette di definire l esistenza di due microcicli. Il primo va da gennaio a luglio Agosto è un mese di vacanze ed è difficile interpretarne i dati. Il secondo ciclo va da settembre 2006 a febbraio I due periodi corrispondono probabilmente a due diversi modi di utilizzare il sito da parte dei lettori/partecipanti. Nel primo periodo il sito è stato esplorato, con tempi di permanenza e pagine viste per visitatori unici piuttosto alti. Gran parte dell offerta consisteva nella riproposizione di articoli già presenti nell archivio e prodotti nella fase di preparazione del progetto. La redazione era in via di formazione e di rodaggio. Come in ogni esplorazione il territorio da esplorare si riduce un po alla volta. Così, dopo il picco di marzo, le pagine viste sono andate via via calando. Nel secondo microciclo la modalità di partecipazione è cambiata. Tra gennaio e agosto i contributi della community che nel caso di SaperInvestire consistevano in testi scritti spediti a commento degli articoli pubblicati erano stati circa 50 al mese. Solo in settembre ne sono arrivati 400. Oltre a leggere, quindi, i lettori cominciavano a trasformarsi in partecipanti. Su questo aspetto dell attività della community i dati disponibili sono invece solidi e rilevanti anche da un punto di vista quantitativo. I dati dei mesi successivi a settembre, fino a febbraio 2007, sono presentati nella seguente tabella. Settembre 400 Ottobre 691 Novembre 578 Dicembre 358 Gennaio 457 Febbraio 345 A settembre ha ricominciato a crescere anche il numero delle pagine viste. A quel tempo la redazione era cresciuta e con questa la quantità e la qualità dei contributi proposti ai lettori. L offerta era maggiormente strutturata rispetto al periodo precedente. Pagina 13 di 16

14 Cosa possono voler dire questi numeri? Per quanto si può capire dai pochi dati a disposizione, le due fasi sembrano abbastanza ben delineate, sia in termini di caratteristiche dell offerta e che di modalità di fruizione, e corrispondono a quelle che nella letteratura sulle virtual community vengono indicate come fase di lancio e fase di crescita. Entrando nei dettagli, però, non troviamo un quadro altrettanto chiaro, ma l indicazione di nuove questioni. I contributi della community superano di molto quelli della redazione 470 commenti contro 44 articoli nuovi al mese, in media - e questo, stando alla letteratura sull argomento, potrebbe essere interpretato come un segno importante di vitalità della stessa. Se consideriamo, però, che di fronte ai 470 commenti medi mensili stanno, ogni mese, circa visite - dato, questo, abbastanza credibile - allora scopriamo che solo nell 1% dei casi la visita corrisponde ad un atto di partecipazione. Non molto, quindi. Come elemento positivo, invece, possiamo notare che si stanno formando tre gruppi di lettori/partecipanti di circa 10/15 persone l uno, con alcuni che partecipano a più gruppi, che alimentano tre diverse direzioni di indagine: sono tre piccoli nuclei di community. Sono dati misti, come si vede, e mi è difficile darne un interpretazione univoca. Anche perché non ho ancora trovato, nella letteratura sull argomento, degli standard di riferimento utili ad inquadrare la questione nella sua specificità. Le luci e le ombre aiutano, però, a sottolineare alcuni dei punti di forza e di debolezza del progetto. Il punto debole di una comunità on line è proprio quello di essere solo on line. E in un caso come quello di SaperInvestire, che vorrebbe diventare un occasione di reale apprendimento, l essere solo on line diventa un punto debole di rilevante portata strategica. La definizione precisa dell obiettivo del progetto SaperInvestire potrebbe essere quello di promuovere lo sviluppo di una Rete di pratica, perché l investimento è un attività che ha importanti conseguenze sul reddito e sul patrimonio e non un semplice interesse, e proporre uno spazio di formazione vuol dire, in questo caso, mettere in atto processi che, se funzionano, vanno ad incidere sul modo di praticare l investimento. Per evidenziarne i punti di forza e di debolezza, il concetto di Rete di pratica viene solitamente confrontato con quello di Comunità di pratica. [...] la comunità di pratica sono caratterizzate da gruppi di persone fra loro strettamente coese e che si conoscono molto bene l un l altra. Esse alcune volte lavorano insieme e comunque mantengono fra loro uno stretto legame attraverso la condivisione delle pratiche. I membri di tali comunità basano la loro comunicazione prevalentemente sull interazione in presenza con un levato grado di reciprocità, condividendo, contribuendo, supportandosi a vicenda, in modo naturale, senza che questo venga percepito come un onere aggiuntivo per il proprio lavoro. Le reti di pratica, invece, rappresentano comunità blandamente connesse, nelle quali la maggior parte dei membri non si conoscono fisicamente. (Apprendimento in rete e condivisione delle conoscenze, Trentin, Franco Angeli, 2004). Il concetto di comunità di pratica si è sviluppato nel campo delle teorie sociali dell apprendimento, teorie che sottolineano l importanza dell esperienza e del coinvolgimento attivo, e del contesto sociale e relazionale all interno del quale l apprendimento avviene come elementi fondamentali per Pagina 14 di 16

15 la qualità dello stesso. In termini di gestione della conoscenza le comunità di pratica possono essere viste come uno strumento o, meglio, uno spazio sociale di raccolta, distribuzione e generazione di conoscenza. Le reti di pratica sono comunità on line o almeno anche on line che si caratterizzano per avere un interesse distintivo di tipo professionale. Come abbiamo visto dalla citazione proposta sopra, la differenza principale tra comunità di pratica e rete di pratica è il fatto che le persone non si conoscono e non hanno relazioni in presenza. E questo ha due conseguenze importanti per lo sviluppo di una rete di apprendimento. La prima è la mancanza di trust, della fiducia negli altri che viene dalla conoscenza e dalla frequentazione in presenza. Questo non favorisce gli scambi, che sarebbero invece la fonte più importante di innovazione, anche per una comunità on line. La seconda è la mancanza del lavoro concreto in comune. Questo, oltre a non permettere lo scambio di conoscenza a livello tacito, possibile solo in presenza, rende molto più problematica la trasformazione dei novizi in membri a pieno titolo (L apprendimento situato, Leave e Wenger, Erickson, 2006). Entrambe contribuiscono a spiegare il livello quantitativo e qualitativo della partecipazione. I commentatori sono pochi rispetto ai solo lettori, quindi, perché le persone non si conoscono direttamente, non sanno chi sta loro di fronte, e per questo non sentono un livello di appartenenza al gruppo tale da indurli a condividere idee ed esperienze. I commenti sono pochi ma quasi sempre di livello alto. Questo, da un lato, è positivo perché un dibattito di buon livello può fungere da attrattore di nuovi lettori. Ma, per un altro verso, può significare che solo i bravi scrivono. E se solo i bravi scrivono, può voler dire che il passaggio di conoscenza resta solo tra chi già ce l ha e quella che passa oltre questa cerchia non è sufficiente a ridurre il gap cognitivo tra esperti e novizi. Nessuno dei due limiti appena elencati può essere del tutto superato, ma se ne possono arginare gli effetti negativi. Per aumentare il trust, il capitale sociale della comunità, una possibilità è quella di far crescere il tasso di realtà nelle relazioni virtuali, consentendo, ad esempio, la partecipazione ai soli iscritti, e permettendo solo iscrizioni non anonime, come avviene in The Well (http://www.well.com/), una delle più famose community on line del mondo, attiva dal L iscrizione a The Well è a pagamento. Per aumentare il livello di fiducia nella comunità stessa, su The Well non ci sono intrusioni pubblicitarie e viene garantito agli iscritti che nessuna informazione sul loro conto verrà venduta ad altre aziende. Così che il tutto assume alcuni dei tratti di una comunità reale. La questione dell estensione degli scambi e del coinvolgimento dei meno esperti richiede probabilmente l utilizzo di strategie di formazione più strutturate di quelle adottate fino ad oggi, di veri programmi di e-learning, ma anche di formazione d aula, e la loro integrazione con gli strumenti di community. L aumento di competenza, e di fiducia, potrebbe portare ad un incremento degli scambi e arricchire, di conseguenza, anche la dimensione collaborativa dell apprendimento. Dalla mancanza di scambi in presenza deriva una terza importante questione, quella dei tipi di conoscenza gestibili on line. Abbiamo visto al paragrafo Il potere di scrivere come l interazione Pagina 15 di 16

16 via parola scritta permetta di rielaborare la propria esperienza e di arricchire la propria pratica di investimento, e come tutto questo possa coinvolgere sia gli elementi espliciti della conoscenza che quelli taciti. Rispetto ad una Comunità di Pratica, dove le persone praticano assieme, in una Rete di Pratica non è possibile lo scambio di conoscenza a livello tacito, quel tipo di scambio, per semplificare, che si realizza con l osservazione diretta e con l imitazione dei modi di fare dei colleghi più esperti. E questo vuol dire avere di fronte un confine invalicabile. Non è chiaro cosa stia al di là di quel confine, ma è molto probabile che uno dei fattori più importanti, il potere risolutore dell occhio umano, la capacità di intuire coltivata dall esperienza, non siano trasferibili con gli strumenti e negli spazi frequentabili on line. Il punto di forza del progetto è il suo stesso dominio. L investimento finanziario, per chi lo pratica, è un interesse forte spesso accompagnato da una spiccata propensione alla ricerca di nuovi mercati, strumenti e metodi. Gli investitori individuali chi gestisce in prima persona i propri risparmi, inoltre, per motivazioni diverse, economiche, politiche, culturali, stanno crescendo sia in termini qualitativi che quantitativi. E, secondo alcune ricerche sul tema, cominciano ad esprimere bisogni di apprendimento più raffinati che in passato. Quali sono, quindi, le visioni lontane del titolo di questo paragrafo? Forse, semplicemente, che si può tentare. Una Rete di Pratica, e cioè mettere assieme delle persone in modo utile attraverso internet, generando un tipo di utilità che vada ad incidere sulle loro pratiche concrete, è possibile. Non bastano certamente le forze che abbiamo messo in campo fino ad oggi. Servono un lavoro migliore sulla parte on line, una maggiore definizione della comunità, dei diritti e dei doveri dei partecipanti e dei vincoli di accesso, per dare maggiore realtà alle relazioni; e serve una nuova integrazione con altri strumenti on line, come l e-learning, e con modalità di relazione del mondo reale, come il corso d aula e il libro di carta. Pagina 16 di 16

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report DIREZIONE TIMEFRAME STRATEGIA / POSIZIONE LIVELLI ENTRATA EUR / USD S-TERM GBP / USD

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli