Diritto Penale Dell Economia. Autore S.C.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Diritto Penale Dell Economia. Autore S.C."

Transcript

1 Diritto Penale Dell Economia Autore S.C.

2 Lezione del 1 Ottobre 2012 Alessandra Bianconi I reati fallimentari I delitti di bancarotta Ci occuperemo dei reati del fallito, ed in modo particolare, delle fattispecie di bancarotta. Alcuni cenni sulla dichiarazioni di fallimento sono però doverosi. L articolo 16 della L.F. stabilisce che : Art.16 Sentenza dichiarativa di fallimento. Il tribunale dichiara il fallimento con sentenza, con la quale: 1) nomina il giudice delegato per la procedura; 2) nomina il curatore; 3) ordina al fallito il deposito dei bilanci e delle scritture contabili e fiscali obbligatorie, nonche' dell'elenco dei creditori, entro tre giorni, se non e' stato ancora eseguito a norma dell'articolo 14; 4) stabilisce il luogo, il giorno e l'ora dell'adunanza in cui si procedera' all'esame dello stato passivo, entro il termine perentorio di non oltre centoventi giorni dal deposito della sentenza, ovvero centottanta giorni in caso di particolare complessita' della procedura; 5) assegna ai creditori e ai terzi, che vantano diritti reali o personali su cose in possesso del fallito, il termine perentorio di trenta giorni prima dell'adunanza di cui al numero 4 per la presentazione in cancelleria delle domande di insinuazione. La sentenza produce i suoi effetti dalla data della pubblicazione ai sensi dell'articolo 133, primo comma, del codice di procedura civile. Gli effetti nei riguardi dei terzi si producono dalla data di iscrizione della sentenza nel registro delle imprese ai sensi dell'articolo 17, secondo co. Il presupposto per la dichiarazione di fallimento è invece individuato nello stato di INSOLVENZA, disciplinato dall articolo 5 Art.5 Stato d'insolvenza. L'imprenditore che si trova in stato d'insolvenza è dichiarato fallito. Lo stato d'insolvenza si manifesta con inadempimenti od altri fatti esteriori, i quali dimostrino che il debitore non è più in grado di soddisfare regolarmente le proprie obbligazioni. Per ciò che riguarda la qualificazione della Natura della sentenza dichiarativa di fallimento, in una pronuncia del 2008 (n ), la Cassazione a sezione unite ha specificato che si tratterebbe di un provvedimento giurisdizionale il cui accertamento dei fatti non rientrerebbe nella descrizione della fattispecie penale. Da ciò si desume l insindacabilità dell accertamento compiuto dagli organi del fallimento. In altri termini, i fatti accertati nella dichiarazione non costituisco questioni pregiudiziali ai sensi dell articolo 3 del c.p.p. La dottrina, a tal riguardo, afferma che l efficacia della sentenza muti a seconda del tipo di bancarotta: per la post-fallimentare costituisce un dato di fatto; per la pre-fallimentare il giudice dovrà accertare la sussistenza della qualifica di imprenditore, per la quale la sentenza non fa stato.. Per quanto riguarda invece la Funzione della sentenza dichiarativa di fallimento, bisognerà distinguere tra tipi di bancarotta. In una prima sentenza 44884/2007 la Cassazione afferma che la sentenza costituisce il presupposto per la perseguibilità di tutte le condotte distruttive in qualunque momento poste in essere: in mancanza di dichiarazione non saremmo in presenza di reati fallimentari, bensì di altre tipologie delittuose (es. appropriazione indebita). In una successiva sentenza, 39043/2009, la Cassazione afferma che, per valutare il momento di consumazione dell offesa nella bancarotta patrimoniale per distrazione, bisogna far riferimento alla dichiarazione giudiziale stesse, non al momento in cui è stato commesso l atto antidoveroso. L ultima sentenza, 1825/2006, stabilisce che la sentenza dichiarativa è elemento costitutivo del reato e non condizione obiettiva di punibilità, pertanto il reato si perfezione solo nel caso in cui il soggetto che abbia agito sia dichiarato fallito. Ciò ha delle ripercussioni evidenti sull elemento soggettivo in quanto, salve le ipotesi di 1

3 cui al 223.co2 n.1 e 2, 224 n.2, il dolo dovrà coprire anche questo elemento (cioè la consapevolezza dell esistenza della sentenza). Per quanto concerne Soggetti attivi del reato, la nozione di IMPRENDITORE ha subito varie interpretazioni ai sensi della legge fallimentare. In modo particolare, la questione si è posta, in seguito alle modifiche del 2006/2007, sotto il profilo delle modifiche intertemporali, ossia: un soggetto, definito come imprenditore dalla previgente disciplina ma non più tale alla stregua dei parametri dell articolo 1 L.F. sarà possibile autore dei reati di bancarotta che ne presuppongono la fallibilità? Secondo la sentenza 19601/2008 non rileva il termine imprenditore di per sé, ma solo in quanto individua un soggetto dichiarato fallito. Inquadriamo il problema in termini normativi. L articolo 1 della L. F. individua i casi di imprese soggette al fallimento Art.1 Imprese soggette al fallimento e al concordato preventivo. Sono soggetti alle disposizioni sul fallimento e sul concordato preventivo gli imprenditori che esercitano una attivita' commerciale, esclusi gli enti pubblici. Non sono soggetti alle disposizioni sul fallimento e sul concordato preventivo gli imprenditori di cui al primo comma, i quali dimostrino il possesso congiunto dei seguenti requisiti: a) aver avuto, nei tre esercizi antecedenti la data di deposito della istanza di fallimento o dall'inizio dell'attivita' se di durata inferiore, un attivo patrimoniale di ammontare complessivo annuo non superiore ad euro trecentomila; Art. 2 Successione di leggi penali Nessuno puo' essere punito per un fatto che, secondo la legge del tempo in cui fu commesso, non costituiva reato. Nessuno puo' essere punito per un fatto che, secondo una legge posteriore non costituisce reato; e, se vi e' stata condanna, ne cessano la esecuzione e gli effetti penali. b) aver realizzato, in qualunque modo risulti, nei tre esercizi antecedenti la data di deposito dell'istanza di fallimento o dall'inizio dell'attivita' se di durata inferiore, ricavi lordi per un ammontare complessivo annuo non superiore ad euro duecentomila; c) avere un ammontare di debiti anche non scaduti non superiore ad euro cinquecentomila. I limiti di cui alle lettere a), b) e c) del secondo comma possono essere aggiornati ogni tre anni con decreto del Ministro della giustizia, sulla base della media delle variazioni degli indici ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati intervenute nel periodo di riferimento. Se la legge del tempo in cui fu commesso il reato e le posteriori sono diverse, si applica quella le cui disposizioni sono piu' favorevoli al reo, salvo che sia stata pronunciata sentenza irrevocabile. Se si tratta di leggi eccezionali o temporanee, non si applicano le disposizioni dei capoversi precedenti. Le disposizioni di questo articolo si applicano altresi' nei casi di decadenza e di mancata ratifica di un decreto legge e nei casi di un decreto legge convertito in legge con emendamenti Prima delle modifiche del 2007, la giurisprudenza tendeva ad applicare le disposizioni dell articolo 2083, escludendo le società commerciali dal novero dei piccoli imprenditori. Oggi,l area negativa dell articolo 1 individua proprio la figura del piccolo imprenditore non fallibile. Sulla domanda che ci siamo posti all inizio ci sono state varie interpretazioni: nel 2007 (n.19297) la Cassazione afferma l applicabilità della normativa originaria in quanto l articolo 150 della legge prevede una disciplina transitoria applicabile solo ai procedimenti in corso, non anche alle condanne già avvenuta. Nel 2008 la Cassazione corregge il tiro ritenendo applicabile al novella sia ai giudizi pendenti sia a quelli irrevocabili, e ciò alla stregua di tre parametri: 1. il giudice penale è vincolato alla sentenza di fallimento in quanto i fatti in essa accertati non 2

4 costituiscono questione pregiudiziale 2. il concetto di imprenditore è avvinto alla qualifica di fallito. 3. la disciplina transitoria opera pro futuro. Altra questione di diritto intertemporale ha riguardato l abrogazione della norma sull amministrazione concordata. In merito la cassazione ha specificato che a diverse procedure concorsuali corrispondono diversi schemi di reato. Considerando che il decreto di ammissione all amministrazione controllata, come la sentenza dichiarativa di fallimento, è elemento costituivo del reato, vendendo meno la procedura viene meno la configurabilità del tipo di illecito. CLASSIFICAZIONE DEI REATI DI BANCAROTTA Art.216 Bancarotta fraudolenta. È punito con la reclusione da tre a dieci anni, se è dichiarato fallito, l'imprenditore, che: 1) ha distratto, occultato, dissimulato, distrutto o dissipato in tutto o in parte i suoi beni ovvero, allo scopo di recare pregiudizio ai creditori, ha esposto o riconosciuto passività inesistenti; [FRAUDOLENTA PATRIMONIALE] Salve le altre pene accessorie, di cui al capo III, titolo II, libro I del codice penale, la condanna per uno dei fatti previsti nel presente articolo importa per la durata di dieci anni l'inabilitazione all'esercizio di una impresa commerciale e l'incapacità per la stessa durata ad esercitare uffici direttivi presso qualsiasi impresa. 2) ha sottratto, distrutto o falsificato, in tutto o in parte, con lo scopo di procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto o di recare pregiudizi ai creditori, i libri o le altre scritture contabili o li ha tenuti in guisa da non rendere possibile la ricostruzione del patrimonio o del movimento degli affari. [ FRAUDOLENTA DOCUMENTALE] La stessa pena si applica all'imprenditore, dichiarato fallito, che, durante la procedura fallimentare, commette alcuno dei fatti preveduti dal n. 1 del comma precedente ovvero sottrae, distrugge o falsifica i libri o le altre scritture contabili. [FRAUDOLENTA PRE- FALLIMENTARE] È punito con la reclusione da uno a cinque anni il fallito, che, prima o durante la procedura fallimentare, a scopo di favorire, a danno dei creditori, taluno di essi, esegue pagamenti o simula titoli di prelazione.[fraudolenta PREFERENZIALE] 3

5 Nella bancarotta patrimoniale abbiamo uno scostamento tra bene tutelato e oggetto materiale della condotta: garanzia dei creditori, patrimonio dell imprenditore stesso. L oggetto materiale della bancarotta, in altri termini, assumere rilevanza in quanto giuridicamente collegato alla società e suscettibile di valutazione economica. Per quanto concerne il titolo in forza del quale il bene è detenuto dall imprenditore, la Cassazione ha affermato la sussistenza della fattispecie anche in relazione a beni detenuti a titolo di locazione finanziaria o di vendita con riserva di proprietà, non essendo esclusa la rilevanza penale della condotta di chi distrae bene non totalmente suoi. Pacifica è la rilevanza penale di condotte ricadenti su beni illecitamente acquisiti, a condizione che siano pervenuti alla società inserendosi nel patrimonio sociale. La bancarotta di cui all articolo 216, prevede varie tipologie di condotta. La condotta distrattiva è da intendersi in senso funzionale, cioè in relazione al depauperamento del patrimonio, a nulla rilevando le modalità storiche della distrazione stessa. In relazione alla distrazione, un ulteriore problema sarà, sul piano processuale, dimostrare la destinazione dei beni assenti. Il giudice, non potrà trarre il suo convincimento dall esistenza di un disavanzo, dovrà verificare che l eccedenza passiva sia la conseguenza del venir meno di determinati beni. L onere della prova grava ovviamente sul fallito. Di occultamento si parla in relazione ad atti o contratti simulati che facciano apparire come non più propri dell imprenditore beni che continuano ad appartenergli. La dissipazione è una condotta volontaria di sperpero e dilapidazione di beni sociali a scopi estranei all impresa. L esposizione di passività è valutata in relazione alla mancata ostensibilità del patrimonio e alla deminutio di garanzie per il creditore. L elemento soggettivo Nel famoso caso Parmalat, la cassazione ha escluso che il costringi mento all atto dispositivo, condotta di estorsione, potesse essere incompatibile col dolo della bancarotta fraudolenta. La vicenda attiene alla costruzione dei dirigenti Parmalat, tramite minaccia di revoca dei fidi, ad opera del presidente di Banca di Roma, per accettare le condizioni poste da Cirio spa. La società emiliana si sarebbe accollata un sovrapprezzo al fine di soddisfare l esposizione della società venditrice nei confronti della Banca. La cassazione annulla il non luogo a procedere partendo dall assunto che, avendo spiegato,la minaccia, un effettiva incidenza sulla volontà degli amministratori/vittime, non poteva sostenersi che la loro volontà fosse orientata ad arrecare pregiudizio alle ragioni dei creditori. Insomma la Cassazione dice che si tratta di un DOLO GENERICO, non specifico. Per integrare il reato non occorre la consapevolezza dello stato di dissesto, ma è sufficiente la volonta di dare al patrimonio sociale una destinazione diversa rispetto alle finalità dell impresa. E quindi sufficiente la rappresentazione e la volontà di atti di depauperamento del patrimonio, senza l intenzione di arrecare danno ai creditori. Secondo il Tribunale di Milano,invece, l elemento soggettivo deve essere ricercato in relazione ad un atteggiamento di per sé lecito poiché atto di disposizione del PROPRIO patrimonio, che acquista rilevanza penale solo in caso di fallimento. Art.217 Bancarotta semplice. N.B. SOLO POST-FALLIMENTARE È punito con la reclusione da sei mesi a due anni, se è dichiarato fallito, l'imprenditore, che, fuori dai casi preveduti nell'articolo precedente: 4

6 1) ha fatto spese personali o per la famiglia eccessive rispetto alla sua condizione economica; 2) ha consumato una notevole parte del suo patrimonio in operazioni di pura sorte o manifestamente imprudenti; 3) ha compiuto operazioni di grave imprudenza per ritardare il fallimento; 4) ha aggravato il proprio dissesto, astenendosi dal richiedere la dichiarazione del proprio fallimento o con altra grave colpa; 5) non ha soddisfatto le obbligazioni assunte in un precedente concordato preventivo o fallimentare. [SEMPLICE PATRIMONIALE] La stessa pena si applica al fallito che, durante i tre anni antecedenti alla dichiarazione di fallimento ovvero dall'inizio dell'impresa, se questa ha avuto una minore durata, non ha tenuto i libri e le altre scritture contabili prescritti dalla legge o li ha tenuti in maniera irregolare o incompleta. [SEMPLICE DOCUMENTALE] Salve le altre pene accessorie di cui al capo III, titolo II, libro I del codice penale, la condanna importa l'inabilitazione all'esercizio di un'impresa commerciale e l'incapacità ad esercitare uffici direttivi presso qualsiasi impresa fino a due anni. E una fattispecie applicata raramente in quanto si considera integrata la fraudolenza anche quando i connotati del fatto manifestino indici anche remoti di rappresentazione. La differenza con la fraudolenta concerne soltanto l elemento psicologico che nella semplice è punito nella forma di gestione dei beni diretta ai fini istituzionali ma operata attraverso valutazioni erronee. Le operazioni di pura sorte si hanno allorchè ci si riferisce a negozi il cui successo dipenda dall alea do da scelte che facciano emergere la sproporzione tra rischio e successo. L imprudenza manifesta concerne operazioni economicamente irragionevoli. L aggravamento del dissesto, configura un reato di pericolo punibile a titolo di colpa. L inadempimento delle obbligazioni pregresse fa riferimento ad un dissesto diverso da quello attuale e quindi da un precedente e diverso fallimento. Parliamo del R.d 267/1942, articoli 216 ss. Le diverse fattispecie di bancarotta non esauriscono il panorama dei reati fallimentari. Si parte dall articolo 216 dal cui disposto normativo e dalla cui struttura possono trarsi alcune connotazioni particolari della fattispecie di bancarotta: si richiede innanzitutto la dichiarazione di fallimento. La prima fattispecie è quella di bancarotta pre-fallimentare, seguita successivamente dalla sentenza di fallimento. Possiamo avere anche una bancarotta post-fallimentare, in ragione del rapporto cronologico che sussiste tra fatti posti in essere e sentenza dichiarativa di fallimento. Il soggetto attivo del reato, essendo reato proprio, è l imprenditore dichiarato fallito che è colui il quale pone in essere, inoltre, il fatto tipico (es. distrazione dei beni). Queste due ipotesi di bancarotta fraudolenta e semplice (art. 216 e 217) individuano come soggetto attivo l imprenditore dichiarato fallito che, in maniera speculare, è lo stesso soggetto presente nel capo secondo del titolo sesto reati commessi 5

7 da persona diversa dal fallito. Chi sono questi soggetti? Gli articoli 223 e 224 (bancarotta impropria o societaria) fanno riferimento agli apicali delle imprese collettive. In relazione all oggetto della bancarotta possiamo distinguere la bancarotta documentale da quella patrimoniale. L elemento unificante è sicuramente quello del BENE GIURIDICO TUTELATO. Tre sono gli orientamenti a riguardo 1. Teoria processuale (Carnelutti), si rinviene un bene giuridico pubblicistico corrispondente nell interesse processuale. La funzione delle procedure concorsuale infatti, è quella di garantire l eguale soddisfazione dei creditori secondo il principio della par condicio creditorum. Per tanto il bene giuridico di categoria si rinveniva proprio in tale interesse, essenzialmente processuale. Oggi abbiamo modifiche che prescindono dall intervento giurisdizionale (non tutti gli accordi devono essere omologati dal tribunale) ma, soprattutto, le critiche si imperniano su altro tema: se la distinzione tra bancarotta pre e post fallimentare fa leva sulla sentenza dichiarativa di fallimento, quid iuris nell ipotesi di bancarotta pre fallimentare? 2. Teoria dell economia pubblica (Antolisei). Il riferimento al concetto di economia pubblica è quanto meno effimero (titolo ottavo del cp) e comunque, nel codice Rocca, era un concetto dai connotati differenti, macroeconomico, non adatto alle fattispecie di bancarotta codicistiche che possono offendere senza dubbio interessi macro economici ma che, se si parla di società di medie dimensioni o addirittura individuali, il concetto di matrice pubblicistica non risulta calzante. 3. Teoria dell interesse patrimoniale dei creditori. L art stabilisce che il debitore risponde dei sui debiti con tutti i propri beni presenti e futuri. Il patrimonio dell imprenditore quindi, svolge una funzione di garanzia. C è una peculiarità rispetto ai reati contro il patrimonio in cui vi è coincidenza tra oggetto materiale del reato e oggettività giuridica: qui c è una totale discrasia! L imprenditore risponde per aver distratto i PROPRI beni! Per le tipologie di bancarotta dell articolo 216, documentale o patrimoniale, è necessario fare una precisazione: rispetto alla bancarotta documentale, è possibile rinvenire un oggettività giuridica di tipo patrimoniale? SI. Si, perché la norma offre una precisa clausola interpretativa: ovvero li ha tenuti (i libri contabili) in guisa da non render possibile la realizzazione degli affari, ciò perché le ragioni di soddisfacimento dei creditori verrebbero frustrate anche a causa di deficit di inventariato. Anche per la bancarotta documentale vi è un bene di tipo patrimoniale: OSTENSIBILITA DEL PATRIMONIO, trasparenza e rintracciabilità dell attivo L articolo 219 dell L.fall. stabilisce la circostanza aggravante del danno di rilevante entità: è una circostanza aggravante che non distingue tra b. patrimoniale e b. documentale. Esiste poi una ulteriore forma di bancarotta, la bancarotta fraudolenta preferenziale, per l imprenditore che simula titoli di pagamento allo scopo di favorire taluno dei creditori, art. 216 co.3. E una fattispecie di bancarotta esclusivamente fraudolenta. Il trattamento sanzionatorio dovrebbe corrispondere ad un certo disvalore dell azione: qui abbiamo la reclusione.da tre a dieci 6

8 anni. Tale rigore sembra essere in controtendenza rispetto al dlgs 61/2002 che ha riformato i reati societari, adottando un approccio sanzionatorio più mite anche in relazione a fattispecie particolarmente gravi (es. falso in bilancio prima punito con 5 anni poi trasformato in contravvenzione ). La bancarotta preferenziale ha una oggettività giuridica particolare: si parla di indebita preferenza nei confronti di uno dei creditori che si sostanzia in un dolo specifico in un reato a consumazione anticipata. In tal caso il bene giuridico di categoria è evidentemente tutelato: l indebita preferenza lede proprio la par condicio credito rum. Le fattispecie di bancarotta sono sicuramente fattispecie di pericolo ma, astratto o concreto? Dottrina e giurisprudenza assumono posizioni differenti. Di pericolo astratto si parla quando il legislatore introduce una presunzione assoluta che da un fatto derivi un determinato pericolo. Di pericolo concreto si parla quando è il giudice a dover valutare l esposizione a pericolo di un determinato bene (es. art. 423 incendio). La giurisprudenza ritiene che qui si tratti di pericolo astratto. Nel caso concreto che vuol dire pericolo astratto o concreto? Se il bene tutelato è il bene dei creditori abbiamo già una sorta di anticipazione dell azione penale, non è necessario verificare se poi l interesse sia stato effettivamente leso. Parlare di pericolo astratto significa qui dare rilevanza a condotte tenutesi in una fase anche molto più risalente rispetto alla sentenza dichiarativa di fallimento, in un momento in cui lo stato di salute dell impresa fosse buono. Considerando che c è già una scissione tra bene oggetto del reato e bene oggetto di tutela, quand è che sul bene comincia a gravare uno stato di garanzia per i creditori? Già in una fase fisiologica dell impresa? (INSOMMA LA BIANCONI NON E D ACCORDO). Se accogliamo l idea di pericolo concreto, così come ha fatto un disegno di legge del 2 ottobre 2008, diamo rilevanza solo alle condotte poste in essere dall imprenditore solo in una fase patologica più consona all idea di estrema ratio dell intervento penale. [ contemporaneamente allo stato di insolvenza o contemporaneamente al concreto pericolo dello stesso ritagliare un area di rilevanza penale che non coincide con il rischio d impresa, altrimenti si assoggetterebbe a responsabilità penale ogni imprenditore fallito ]. Lezione del 9 Ottobre 2012 Reati fallimentari (segue) Sulla cattedra trova due sentenze della Cassazione SS.UU.Che ruolo ha la sentenza di fallimento (art. 216) ai fini del reato di bancarotta? Innanzitutto abbiamo distinto tra bancarotta 1.pre-fallimentare e bancarotta 2.post-fallimentare. CASO RIZZOLI La valenza della dichiarazione di fallimento ai fini della bancarotta pre-fallimentare vede dividersi dottrina e giurisprudenza. Analizziamo dapprima la sentenza 84468/2009. Rizzoli venne condannato per fatti di bancarotta commessi nel corso dell amministrazione controllata di RCS Spa. L articolo 7

9 236 della Legge Fallimentare, prima della sua abrogazione (d lgs 5/2006) stabiliva l applicazione delle norme sulla bancarotta anche nei casi di amministrazione controllata in luogo della dichiarazione di fallimento. In seguito all abrogazione della disposizione sull amministrazione controllata, il richiamo del 236 al 223 perde il suo referente legislativo. Nel 2007 Rizzoli richiede una revoca della sentenza di condanna per intervenuta abolitio criminis. Inizialmente la richiesta viene rigettata, ritenendo che il decreto legislativo avesse valenza esclusivamente extra-penale; si propone il ricorso in Cassazione e la suprema corte conferma l abolitio criminis. Perché? Perché il provvedimento di apertura dell amministrazione controllata rappresentava un elemento costitutivo del reato di bancarotta al pari della sentenza dichiarativa di fallimento. Quindi la soppressione di ogni riferimento ad esso comporta l affermarsi dell intervenuta abolitio criminis. Nella suddetta sentenza è richiamata un evoluzione giurisprudenziale risalente al La dottrina riteneva che la dichiarazione di fallimento fosse, non un elemento costitutivo del reato, ma una condizione obiettiva di punibilià ex. art. 44 cp. [condizioni che influenzano la punibilità di un fatto di reato già completo dei suoi elementi; esempio del Fiandaca l incesto è punito solo se ne deriva pubblico scandalo, INDIPENDENTEMENTE DALLA CIRCOSTANZA CHE LE PARTI ABBIANO VOLUTO IL VERIFICARSI DELL EVENTO. Il criterio di distinzione tra elemento costitutivo e condizione o. di punibilità qual è? Il criterio utilizzato dalla giurisprudenza fa leva su un criterio letterale: le condizioni di punibilità accedono ad un REATO già completo dal punto di vista dell offesa, non incidono sul disvalore penale del fatto. La dichiarazione di fallimento si differenzia, secondo la Cassazione del 1958,dalle c. di punibilità: essa è un elemento che condiziona l ESISTENZA del reato (abbiamo già visto la scissione tra oggetto materiale ed oggetto giuridico, l imprenditore dispone dei PROPRI beni e tale comportamento è penalmente rilevante solo nella misura in cui venga dichiarato fallito, altrimenti è libera disposizione del proprio diritto di proprietà). Ma quale elemento costitutivo del reato? La Cassazione PERO non classifica la sentenza dichiarativa di fallimento come evento della condotta, MA NON deve essere imputabile causalmente all agente, né è necessario un criterio di imputazione soggettiva. Non è quindi necessaria né la causalità,né il dolo. Ciò introduce degli elementi di originalità nel sistema Nel 1988 però la Corte Costituzionale ha affermato definitivamente la vigenza del principio di colpevolezza e dunque il divieto di responsabilità oggettiva ( RESPONSABILITA PER FATTO PROPRIO COLPEVOLE). Solo gli elementi meno significativi della fattispecie possono non essere abbracciati dalla rappresentazione e dalla volizione.(art. 27, doppio grado del principio di personalità) Dopo la pronuncia della C. costituzionale si ebbero vari ricorsi in Cassazione volti a riconoscere la necessità dei criteri di imputazione soggettiva anche per la sentenza dichiarativa di fallimento. Nel 1990 si arriva ad affermare che: nella bancarotta pre fallimentare, la dichiarazione di fallimento non costituisce l evento della condotta. La critica della dottrina non muove dai presupposti di partenza, bensì attiene alla presunta incoerenza della giurisprudenza: se è elemento costitutivo del reato perché non portare alle sue naturali conseguenze il discorso? Il dato testuale da cui parte la dottrina è il seguente: laddove il legislatore ha voluto qualificare la sentenza di fallimento come elemento costitutivo, lo ha fatto espressamente! Non esisto elementi costitutivi e successivi alla condotta che non siano evento. O è evento o non è elemento costitutivo. Solo in due casi il legislatore ha qualificato il fallimento come 8

10 elemento costitutivo, ex art. 223 co2. n.2 Bancarotta Impropria /co2.n1. Bancarotta da reato societario (quando dalla commissione di un reato ex art deriva il dissesto della società) MA IN QUESTI CASI IL LEGISLATORE HA CONCEPITO IL DISSESTO SOCIETARIO COME EVENTO DEL REATO! La dottrina osserva come, tranne queste due ipotesi, in tutti gli altri casi la dichiarazione non è mai elemento costitutivo/evento del reato. Vi è un ulteriore argomentazione: art. 238 della Legge Fallimentare, stabilisce che per i reati di bancarotta, l azione penale avviene successivamente alla sentenza dichiarativa di fallimento MA può essere esercitata anche prima della SENTENZA DICHIARATIVA SE SI CONSIDERASSE LA SENTENZA COME UN ELEMENTO COSTITUTIVO AVREMMO QUI IL PARADOSSO DI UN AZIONE PENALE ESERCITATA PRIMA CHE SI SIA PERFEZIONATO IL FATTO DI REATO. Bisogna ricordare che presupposto per la dichiarazione di fallimento è ovviamente lo stato di insolvenza dell imprenditore. (art. 5 Legge Fallimentare) Da un punto di vista pratico, cosa cambia nel considerare la sentenza come elemento costitutivo piuttosto che come condizione obiettiva? -Per quanto concerne la prescrizione, se la si considera come condizione obiettiva, la prescrizione decorre dal momento di verificazione. Non cambia nulla. -Cambia molto circa l applicabilità di istituti premiali come amnistia o indulto, da un punto di vista temporale s intende (cioè il reato deve essere stato commesso entro un certo termine dal provvedimento di amnistia). L articolo 16 della Legge Fallimentare, individua il presupposto della dichiarazione nello stato di insolvenza. Esso deve essere accertato dal tribunale fallimentare. Ma ha efficacia nel processo penale? [SENTENZA SUL SITO] secondo le difese di parte il giudice penale avrebbe dovuto compiere un nuovo accertamento; con la riforma del codice di procedura penale si consolida questo orientamento art. 2-3 cpp le questioni risolvibili incidenter tantum. Ma soprattutto IL GIUDICE PENALE DEVE ACCERTARE LO STATO PATRIMONIALE ATTUALE / Sentenza Maggio 2008 L ACCERTAMENTO DEL TRIBUNALE FALLIMENTARE RIGUARDA L IMPOSSIBILITA DEL SOGGETTO DI FAR FRONTE ALLE OBBLIGAZIONI CONTRATTE CON SPECIFICI CREDITORI CHE HANNO PROPOSTO LA RELATIVA ISTANZA, NULLA HA A CHE FARE CON LO STATO PATRIMONIALE COMPLESSIVO. La Cassazione risponde al quesito precedente. L articolo 1, prima della modifica, assoggettava a fallimento tutti, tranne i piccoli imprenditori. Nel gennaio 2007, l articolo 1 è stato modificato e si stabilisce che sono soggetti a fallimento gli imprenditori commerciali salvo che non dimostrino la sussistenza di elementi previsti dai commi successivi. In sostanza si è circoscritta la fascia di imprenditori fallibili e QUINDI assoggettabili a bancarotta. La questione proposta in cassazione riguardava proprio un imprenditore che aveva assistito al mutamento legislativo dell articolo 1., e chiedeva l affermazione di una abolitio criminis parziale con riferimento ai fatti di bancarotta da parte di soggetti (lui) non più considerati fallibili dal nuovo articolo 1.LA CASSAZIONE DICE CHE NON SI TRATTA DI UNA QUESTIONE DI DIRITTO INTER TEMPORALE, NON C è ABOLITIO CRIMINIS PERCHE NON C è INTERFERENZA TRA I DECRETI DI MODIFICA DELL ARTICOLO 1 E LA FATTISPECIE PENALE DI BANCAROTTA. NELLA STRUTTURA DEI REATI DI BANCAROTTA LA 9

11 DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO ASSUME RILEVANZA GIURISDIZIONALE, IN QUANTO ATTO DELLA GIURISDIZIONE è INSIDACABILE IN SEDE PENALE. I PRESUPPOSTI ACCERTATI NELLA SENTENZA DI FALLIMENTO (L INSOLVENZA) NON SONO QUESTIONI PREGIUDIZIALI AI SENSI DELL ARTICOLO 3 DEL CPP, MA SONO ELEMENTI COSTITUTIVI. IL GIUDICE NON POTRA METTERE IN DISCUSSIONE L ACCERTAMENTO (CIRCA LA FALLIBILITA O MENO DELL IMPRENDITORE), DOVRA LIMITARSI A CONSATATRE L ESISTENZA E LA VALIDITA FORMALE DELL ATTO DICHIARATIVO DI FALLIMENTO. Lezione del 16 Ottobre 2012 Reati Fallimentari : BANCAROTTA PATRIMONIALE Abbiamo visto il ruolo della sentenza di fallimento in relazione alle fattispecie di bancarotta pre e post fallimentare, nonché dell abolizione della procedura di amministrazione controllata. Ci occupiamo ora della prima ipotesi di bancarotta fraudolenta, art. 216 co. 1 BANCAROTTA PATRIMONIALE :oggetto materiale del reato sono i beni dell imprenditore; le condotte indicate si riferiscono a due tipologie: le prime determinano una diminuzione effettiva del patrimonio, le seconde solo una diminuzione fittizia. Non tutti i beni dell imprenditore sono oggetto del reato, bisogno operare una limitazione: posto che l interesse tutelato è l interesse dei creditori, ci si riferisce ai beni compresi nell attivo patrimoniale del fallimento (non quelli esclusi dall articolo 46 L.Fall.) su cui i creditori possono rivalersi secondo il principio della par condicio creditorum. E dunque necessario che i beni siano entrati a far parte del patrimonio dell imprenditore. Una interessante questione (Cass. Sez V, 1997) si pone in relazione alla rilevanza di comportamenti che abbiano ad oggetti beni che siano entrati nel patrimonio dell imprenditore in seguito ad atto nullo o illecito. La Cassazione dice che costituiscono oggetto di patrimonio le res oggetto di diritto di proprietà, i crediti ma non i beni su cui l imprenditore ha una disponibilità limitata in quanto non oggetto di translatio dominii (per esempio a titolo di locazione, comodato, deposito ). Sono questi beni mai usciti dal patrimonio del dominus. Quindi non si ha bancarotta fraudolente in relazione a questi casi in cui l atto traslativo sia improduttivo di effetti giuridici. Insomma se l imprenditore ha beni in comodato/locazione o deposito e pone in essere le condotte dell articolo 216, non si ha bancarotta perché si tratterebbe di un trasferimento fondato su atto dispositivo nullo. Con riferimento ai beni di provenienza illecita bisogna invece valutare due elementi per rientrare nel reato di bancarotta f. : il bene deve essere entrato nel patrimonio per effetto di un negozio giuridico annullabile ai sensi dell articolo 1439 c.c. ma non nullo (es. una commissione di una truffa, che da un punto di vista civilistico sono negozi annullabili in quanto illeciti)/ il diritto reale del soggetto passivo del reato riceve tutela come diritto di credito, cioè il bene deve essersi confuso col patrimonio del soggetto attivo e il soggettivo riceve tutela in termini non di jus retrocessionis (restituzione di quel bene) ma di risarcimento di diritto di credito. Per quanto concerne le condotte dell articolo 216, dobbiamo ribadire che esse determinano una deminutio del patrimonio del creditore. Fittizia nei casi in cui i beni continuino ad esistere ma diventino di difficile reperibilità per gli organi delle procedure concorsuali (es. occultamento, dissimulazione); reale nei casi di dissipazione o distruzione. Le ultime due condotte tipizzate incidono sul passivo, si parla di artificioso gonfiamento del passivo. Per distrazione invece si intende, in diritto penale, destinazione del bene ad una finalità differente rispetto a quella predeterminata. Ma predeterminata da chi? Se facciamo riferimento alla 10

12 fattispecie di appropriazione indebita, per esempio, il fine lo predetermina chi esercita sul bene il diritto di proprietà. Nel caso peculato, per esempio, è la legge a stabilire la destinazione del bene. In riferimento alle fattispecie di bancarotta, la distrazione ha una configurazione particolare. Sono state prospettate varie interpretazioni. Originariamente se ne dava un accezione ampia: qualunque mutamento di destinazione rispetto alla finalizzazione aziendale del bene, con relativa utilizzazione in termini privati del bene (vedi anche Tribunale di Milano, sviamento rispetto alle finalità sociali ). Lezione del 23 Ottobre 2012 (Bianconi) La Bancarotta fraudolenta ex. art. 216 Riprendiamo il discorso sulle fattispecie di bancarotta. Abbiamo visto su quali beni materiali deve ricadere la condotta, concentrandoci sulle esclusioni dall assoggettabilità a fallimento previste dall articolo 46 della Legge Fallimentare. Abbiamo visto la giurisprudenza in materia di beni di provenienza illecita, che possono integrare la fattispecie se confusi col patrimonio dell imprenditore e sempre che il proprietario di tali beni, illegittimamente espropriato, vanti un diritto reale sugli stessi che si concretizzi in una pretesa risarcitoria e non restitutoria (poiché confusi). Cosa succede nel caso di integrazione di una pluralità di condotte? Astrattamente sono possibili due soluzioni. Può ritenersi la presenza di una norma-multi condotta oppure di una norma-mista-alternativa o norma a più fattispecie, il legislatore ha tipizzato più condotte fungibili ed alternative ugualmente offensive. La presenza di più condotte non darà luogo a concorso di reati. La Cassazione SS.UU 27 gennaio 2011, n si pronuncia su un problema un po diverso, si occupa della interpretazione della circostanza aggravante dell articolo 219 co.2 n.1 della Legge Fallimentare laddove si prevede un aumento di pena nei casi in cui il colpevole abbia commesso più fatti previsti dagli articoli , pluralità di bancarotte. Deve prevalere una concezione unitaria o pluralistica? Cioè, al di là dell unificazione legislativa ogni reato mantiene la sua autonomia e l unificazione riguarda solo il trattamento sanzionatorio? La Cassazione avalla la tesi pluralistica, i singoli fatti mantengono la loro autonomia. Quale è il trattamento sanzionatorio in presenza di una violazione molteplice di diverse norme (es. bancarotta patrimoniale + documentale). Rispetto al trattamento sanzionatorio si applica l aggravante speciale ad effetto comune dell articolo 219 co.2 n.1. Se però si tratta di una medesima tipologia di bancarotta compiuta con condotte diverse, l articolo 219 non opera, si tratta di NORMA A Più FATTISPECIE O MISTA ALTERNATIVA. La cassazione dice che l articolo 216 contiene più condotte fungibili che, se hanno ad oggetto lo stesso bene, sono estrinsecazione di un unico fatto fondamentale ed integrano un solo reato anche se compiute in più fasi successive. Questa conclusione produce effetti sostanziali e processuali: si esclude il concorso di reati e non si ha una violazione del principio di corrispondenza tra accusa e sentenza nell ipotesi in cui, in dibattimento, emergessero condotte differenti (dissipazione per esempio). Queste condotte possono essere conglobate in due categorie a seconda che determinino una diminuzione fittizia o effettiva del patrimonio (si pensi simulazione o dissipazione), possono operare sull attivo o sul passivo. Un ruolo centrale viene svolto dalla condotta di distrazione: ha un ruolo di chiusura del sistema che lascia traccia nelle imputazioni (..e comunque distraeva ), poiché concetto assai duttile, così come nel diritto penale del peculato ( si sono affermate tesi che ritengono sussistente la distrazione solo nei casi in cui alla fuoriuscita del bene dal patrimonio del creditore non ci sia stato alcun corrispettivo, il che pone problemi per gli acquisti a titolo gratuito. La giurisprudenza, ritiene che gravi sull imprenditore la prova della destinazione del bene: quando 11

13 gli organi del fallimento non rinvengono quel bene all interno del patrimonio, l imprenditore deve fornire prova contraria, altrimenti avremo una condotta distrattiva rilevante ex art. 216 L. F.) ELEMENTO SOGGETTIVO Per quanto concerne l elemento soggettivo, abbiamo visto che nella fraudolenta patrimoniale un riferimento si ha solo nelle ultime due condotte incidenti del passivo, nella forma di DOLO SPECIFICO. in realtà secondo una lettura tradizionale ormai abbandonata, al di là del dato letterale il dolo avrebbe dovuto assistere anche le altre condotte. La giurisprudenza attuale ritiene invece che il dolo della bancarotta, fatta eccezione per quelle due condotte, è un dolo generico. Rispetto a questo tema, avevamo poi analizzato il profilo della conciliabilità del dolo generico (consapevolezza del pregiudizio per i creditori, consapevolezza di dare al patrimonio sociale una destinazione diversa da quella d impresa ). Nelle ipotesi in cui, il soggetto sia vittima di estorsione (Caso Parmalat) si può ipotizzare un concorso con bancarotta distrattiva. Quale deve essere l intensità di questo dolo generico? E dolo diretto o eventuale? Secondo una recente cassazione è ipotizzabile anche un dolo eventuale di accettazione del rischio. Questa soluzione potrebbe però creare qualche problema di interferenza con la bancarotta semplice patrimoniale, ex art La bancarotta fraudolenta è punita sia nella forma pre-fallimentare (co 1.) sia a quella post-fallimentare (co2). La Bancarotta semplice art. 217 La bancarotta semplice è punita solo nella forma pre-fallimentare. C è l idea che successivamente alla sentenza di fallimento, atti di disposizione del patrimonio si connotano di un accezione di fraudolenza tali da essere attratti nella più grave previsione dell articolo 216. La pena è piuttosto contenuta ( sei mesi/ due anni) e, tuttavia, si tratta di una ipotesi di rarissima applicazione: molte ipotesi che nella prassi si pongono al limite con l articolo 216, vengono ricondotte nel concetto di distrazione ex. art Spese personali o familiari eccessive rispetto alla condizione economica propria. 2. Consumazione del patrimonio in operazioni di pura sorte o manifestamente imprudenti. Rispetto all articolo 1. Si parla di operazioni, non di spese. Cioè di operazioni relative all impresa. Che cosa s intende per operazioni di pura sorte? Abbiamo visto nell articolo 216 la condotta di dissipazione, tipica della bancarotta fraudolenta. Si parla di casi di sperpero del patrimonio in, per esempio, giochi di azzardo. Ma allora quali sono le operazioni di pura sorte che integrano, al contrario, la fattispecie di b. semplice? Si parla di contratti aleatori, borsistici che DEVONO però aver determinato una NOTEVOLE DEMINUTIO PATRIMONII. 3. Compimento di operazioni di grave imprudenza tali da ritardare il fallimento. Si tratta evidentemente di uno stato di oggettiva difficoltà. Per esempio, per tacitare i creditori, si procede alla vendita sottocosto necessaria ad aumentare la liquidità 4. Aggravamento del dissesto per mezzo dell omissione della richiesta di dichiarazione di fallimento con grave colpa Si tratta di condotte la cui incidenza sulle garanzie patrimoniali è evidente, ma lo stesso non può dirsi per l ipotesi del comma 5. 12

14 5. Non ha soddisfatto le obbligazioni assunte in un precedente concordato, preventivo o fallimentare. L offensività di questo fatto, rispetto agli interessi dei creditori attuali, qual è? Supponiamo che l imprenditore si riprenda e poi fallisca successivamente. Il mancato adempimento delle obbligazioni pregresse va, paradossalmente a vantaggio dei NUOVI creditori (che altrimenti non si sarebbero soddisfatti se il patrimonio fosse stato utilizzato per soddisfare i precedenti). Si punisce cioè una sorta di recidiva fallimentare Elemento soggettivo Si tratta di dolo? Secondo i criteri di imputazione soggettiva dei delitti, di cui all articolo 42, si risponderebbe sempre per dolo, salvi i casi espressi di colpa o preterintenzione. Ma cosa significa espressamente previsti dalla legge come colposi o preterintenzionali? Il delitto deve essere espressamente previsto come colposo o è sufficiente la presenza degli indici strutturali del delitto colposo? Ovviamente la seconda. La dottrina e la giurisprudenza assegnano infatti alla BANCAROTTA SEMPLICE, un natura colposa. Il delitto è colposo quando il fatto anche se preveduto non è voluto, e si verifica per imprudenza, negligenza o imperizia, nonché per violazione di ordini o discipline (art. 43 c.p.). Se è sufficiente la presenza di indici strutturali della natura colposa, come dobbiamo individuarli? Il concetto di eccessività delle spese richiama il concetto di IMPRUDENZA /5. E una ipotesi eterogenea anche sotto il profilo dell elemento soggettivo. Si dovrebbe ipotizzare solo una responsabilità dolosa. La colpa però non esaurisce l elemento soggettivo dalla bancarotta semplice. In altri termini, cosa succede se il soggetto ha agito dolosamente? Si ritiene possibile una responsabilità dolosa argomentando da una clausola contenuta in apertura: fuori dai casi preveduti dall articolo precedente. Questa clausola innanzitutto, in negativo, mira ad escludere qualsiasi convergenza con la bancarotta fraudolenta in relazione al medesimo fatto, escludendo quindi un concorso di reati. Inoltre, in positivo, mira a segnare una linea di ideale continuità tra le ipotesi del 216 sotto il profilo oggettivo e sotto il profilo soggettivo. Ciò significa che le ipotesi di tipo colposo possono essere punite anche a titolo di dolo. Non c è un incompatibilità ontologica con la responsabilità dolosa. Il problema è che tanto più si espande l elemento soggettivo della bancarotta fraudolenta ( si pensi a quanto detto sul dolo eventuale), tanto minore è lo spazio del dolo della bancarotta semplice. Bancarotta documentale (fraudolenta e semplice, articoli 216.co1.n.2 / art. 217 co.2) Il bene giuridico tutelato, sebbene si faccia riferimento ai libri contabili e non al patrimonio, è pur sempre il patrimonio in quanto tali documenti svolgono una funzione mediata di tutela dei creditori (quindi tutela dell ostensibilità del patrimonio in quanto funzionale alla tutela patrimoniale in senso stretto). Fraudolenta documentale Oggetto materiale sono i libri e le scritture contabili di cui agli articolo 2214 ss del codice civile. attinti da condotte di sottrazione, distruzione o falsificazione [vengono in rilevo la falsità materiale e quella ideologica. La prima attiene al documento, alla genuinità dello stesso che può essere stato redatto da un autore reale diverso da quello apparente(contraffazione) o che può essere stato alterato (alterazione). La seconda, quella ideologica, fa riferimento al contenuto dell atto]. Per quanto concerne la condotta di sottrazione, si ricordi l inversione dell onere della prova rispetto alla fraudolenta patrimoniale: la 13

15 giurisprudenza afferma che l imprenditore, per andare esente da responsabilità, è titolare di una posizione di garanzia circa la tenuta dei libri contabili nonché un obbligo di ostensione degli stessi. La mancata presentazione degli stessi, a prescindere dalla richiesta del curatore, integra comunque una condotta sottrattiva. Cosa si intende, poi, per tenerli in guisa da? Equivale ad una condotta omissiva-di omessa tenuta? Il problema è che l omessa tenuta è un ipotesi di semplice documentale ex art. 217! Quali sono i rapporti tra la fraudolenta e semplice? 1. Oggetto : nel primo caso libri e scritture in genere / nel secondo solo quelli prescritti dalla legge. 2. Condotte: nel primo caso, distruzione, sottrazione, falsificazione / nel secondo caso solo omessa tenuta (articolo 2215 ss). 3. Tempo: nella fraudolenta non ci sono limiti temporali (il che pone dei problemi con il termine decennale di conservazione dei libri contabili) / nella semplice sono punite le condotte poste in essere nei tre anni precedenti dal fallimento. Quindi, dicevamo, l omessa tenuta può rilevare nei casi di BANCAROTTA FRAUDOLENTA? Se si considerano i limiti temporali dell articolo 217 dovrebbe considerarsi ammissibile, per il 216, solo nei limiti dei tre anni precedenti. La risposta va ricercata nel concetto di tenerli in guisa da la dottrina riscontra un comportamento positivo, non si tratterebbe di omessa tenuta; la giurisprudenza invece ne da un interpretazione più ampia, assimilando questo concetto all omessa tenuta. Quindi Si fraudolenta per omissione nei limiti dei tre anni previsti per la semplice Forse, oltre tali limiti temporali. Per quanta l elemento soggettivo, per la bancarotta semplice si ritiene sussistente un dolo generico a meno di non voler accogliere una lettura del Pedrazzi secondo cui il riferimento alla disciplina relativa alla tenuta dei libri contabili consentirebbe di fondare un rimprovero a titolo di colpa specifica (quali leggi ex art. 43? Quelle con un contenuto cautelare, quindi le norme degli articolo 2215 ss. dovrebbero assumere la natura di norme con finalità cautelari). Lezione del 29 Ottobre 2012 Bancarotta preferenziale La fattispecie di riferimento è contenuta nell articolo 216 co.3. e costituisce, in termini di disvalore, un ipotesi intermedia tra la bancarotta fraudolenta e quella semplice. Costituisce un ipotesi autonoma di reato in cui l oggettività giuridica va individuata nella tutela della par condicio creditorum (art cc). La condotta fa riferimento all esecuzione di pagamenti e alla simulazione di titoli di prelazione. Ovviamente il presupposto implicito è l esistenza di un credito a monte. La condotta si concretizza in 14

16 un indebita preferenza di taluni creditori e presuppone il dolo specifico di favorire taluno in danno di altri. Il disvalore della condotta è incentrato proprio sul dolo speifico di indebita preferenza, in quanto l esecuzione dei pagamenti è di per sé irrilevante in termini di disvalore. COSA ACCADE NELL IPOTESI IN CUI L IMPRENDITORE ESEGUA PAGAMENTI NON ALLO SCOPO DI FAVORIRE UN CREDITORE MA AL FINE DI RISOLLEVARE L IMPRESA? E una condotta irrilevante, proprio perché il disvalore si incentra sul dolo specifico di indebita preferenza. -ESECUZIONE DI PAGAMENTI Innanzitutto va chiarito che non vi rientra il rilascio di cambiali. Nel caso di pagamento coatto, ossia di esistenza di una sentenza civile di condanna, essendo il debitore tenuto a pagare una somma al creditore, non si è nell ambito di esecuzione di pagamenti. Abbiamo poi un riferimento all esecuzione di pagamenti nell ipotesi di bancarotta societaria (impropria): l articolo 223 l amministratore della società apprende denaro dalla stessa per soddisfare un suo credito. Che tipo di bancarotta? Ci sono due orientamenti: 1. Bancarotta per distrazione, in quanto è inscindibile la qualità di amministratore da quella di creditore ed entra in gioco il dovere di fedeltà dell amministratore. 2. Bancarotta preferenziale, in quanto l amministratore-creditore si pone come terzo nei confronti della società, pertanto avremmo un indebita percezione a danno dei rimanenti amministratori. Le due qualifiche sono concettualmente distinguibili. -SIMULAZIONE TITOLI DI PRELAZIONE Ci si deve chiedere se sia un concetto penalistico o civilistico. Secondo la giurisprudenza è un concetto autonomo di simulazione comprendente anche l accezione civilistica. Ci si riferisce ad ipotesi in cui il debitore che ha uno scoperto sul conto corrente si accordi con la banca per la concessione di un mutuo a fronte della costituzione di un ipoteca sull immobile. L imprenditore garantisce il mutuo attraverso ipoteca sull immobile così che la banca, da creditore chirografario, diviee creditore privilegiato. LA CONCESSIONE DI UN MUTUO ASSISTITO DA IPOTECA AL FINE DI RIPIANARE LO SCOPERTO INTEGRA LA CONDOTTA DI SIMULAZIONE DI TITOLI DI PRELAZIONE. Il significato penalistico del concetto di simulazione comprende anche casi in cui viene costituito fraudolentemente un vero e proprio titolo di prelazione in previsione del fallimento. La simulazione può comprendere anche casi di simulazione fittizia di un credito privilegiato o la simulazione di un titolo di prelazione Abbiamo poi una ipotesi di concorso del creditore indebitamente favorito si tratta di una fattispecie plurisoggettiva impropria. La descrizione del fatto tipico presupponeva presenza di più soggetti, NON tutte assoggettate a sanzione. Si applica l articolo 110 per punire il creditore indebitamente favorito? Sì, la clausola generale dell articolo 110 ha una funzione di incriminazione e rende penalmente rilevanti condotte atipiche rispetto alla fattispecie incriminatrice. La dottrina e la giurisprudenza non concordano, ritengono che non si possa dare rilevanza penale al comportamento per il tramite dell articolo 110. Il creditore che si limita ad accettare il pagamento non risponde in concorso di bancarotta preferenziale, altrimenti si 15

17 frustrerebbe il principio di legalità. Qualora il creditore, invece, si sia attivato per ottenere il pagamento risponde a titolo di concorso ex. art. 216 e 110 cp. in termini di bancarotta post-fallimentare. Per quanto riguarda la simulazione dei titoli di prelazione, si ponga il caso in cui il funzionario di una banca, consapevole dello stato di insolvenza dell imprenditore, lo favorisca. In questo caso abbiamo un contributo causale alla condotta e pertanto una forma di concorso pre e post fallimentare. In dottrina, per quanto riguarda il concorso del creditore rispetto all esecuzione di pagamenti posti in essere prima del fallimento, si ritiene che non sia sufficiente la mera richiesta di adempimento (ex art. 1186, ovvero la facoltà del creditore di esigere immediatamente la prestazione, anche se il termine è posto a favore del debitore). Nel caso di mera richiesta si esclude infatti il concorso del creditore poiché il comportamento sarebbe scriminato dall esercizio di un diritto 8art. 51 cp). Nel caso di esecuzione di pagamenti pre fallimentari, l articolo 1186 integra la causa di giustificazione nella misura in cui prevede una scriminante specifica. L articolo 217bis si riferisce alle Esenzioni dai reati di bancarotta e richiama i decreti lgs 6/2005 e 169/2006 hanno modificato l articolo 67 della L. Fallimentare (casi di revocatoria) e l articolo 160 sul concordato preventivo al fine di favorire la composizione negoziale della crisi d impresa. L articolo 182bis si riferisce invece agli accordi di ristrutturazione dei debiti. Costituisce un raccordo tra la revocatoria fallimentare e le fattispecie penali preesistenti. Come dare rilevanza all esecuzione dei pagamenti posti in essere nell ambito di un accordo di ristrutturazione? Come qualificare giuridicamente tali pagamenti? Lezione del 6 Novembre 2012 ESENZIONE DAI REATI DI BANCAROTTA, Art. 217bis Riprendiamo il discorso sull articolo 217bis, introdotto nel maggio 2010 (CHE NON HO SUL DE NOVA -_- ) ESENZIONE DAI REATI DI BANCAROTTA. Abbiamo visto che la bancarotta preferenziale è molto sbilanciata in termini soggettivi: l esecuzione di pagamenti, per esempio, è una condotta neutra. A fronte di condotte neutre sul profilo oggettivo, il disvalore si focalizzava sull indebita preferenza di un creditore in luogo degli altri. Questa disposizione ha dovuto essere coordinata con gli istituti introdotti o riscritti dalle leggi degli anni duemila che muovono dall idea di soluzione concordata della crisi, istituti che molto spesso non richiedono la partecipazione indefettibile dell organo giurisdizionale come nel caso della articolo 67 co.3 lett. d della Legge F. in materia di revocatoria fallimentare. Si trattava proprio di coordinare la disciplina della bancarotta preferenziale con questi nuovi istituti: quid iuris nel caso in cui venissero effettuati dei pagamenti integranti le norme relative ai piani di risanamento ed accordi di ristrutturazione? E integrato il reato di bancarotta preferenziale? Un primo indirizzo poneva la distinzione sulla differenza dell elemento soggettivo: non c era l intenzione di favorire taluno dei creditori ma di risanare l impresa. Un secondo orientamento parlava di cause di 16

18 giustificazione, di consenso dell avente diritto ma, queste norme, d altro canto non richiedono il consenso di tutti i creditori. Per sgombrare questi dubbi interpretativi, nel maggio del 2010, è stata introdotta la disposizione dell articolo 217bis. Già la rubrica (esenzioni) è singolare: il concetto di esenzione non è un concetto penalistico! Quale qualificazione giuridica di questi casi? Formalmente si tratta di cause di non punibilità ma, al di là, dell effetto finale, bisognerà capire da cosa dipenda tale difetti di punibilità. La norma stabilisce che le disposizioni del 216co3 e 217 NON SI APPLICANO AI PAGAMENTI E ALLE ESECUZIONI COMPIUTI IN OSSEQUIO A PIANI DI RISTRUTTURAZIONE, ALL ARTICOLO 202 quinquies (introdotto nel 2012). Le esenzioni riguardano i reati di b. preferenziale e di b. semplice, proprio per evitare manovre strategiche del pm atte a far rientrare i pagamenti nel novero delle fattispecie 2 e 3 dell articolo 217. I pagamenti e le esecuzioni, per potere essere esentate, devono essere compiuti in ESECUZIONE di un concordato preventivo: devo essere state adempiute tutte le procedure tipiche di concordato preventivo Riprendendo il discorso sulla natura giuridica delle esenzioni, alla luce della riforma del 2010 ora si ritiene che si sia in presenza di una CAUSA DI ESCLUSIONE DELLA TIPICITA la stessa norma ( le disposizioni non si applicano ) sembra richiamare questo tipo di natura giuridica. Sempre con la riforma del 2012 è stata introdotta una disposizione interessante di cui all articolo 236bis e rubricata Falso in attestazioni. Coordinandolo con l articolo precedente, che cosa accade se il pagamento avviene in esecuzione di un concordato che a monte ha un attestazione falsa del professionista( considerando per l appunto che l articolo 217bis è causa di esclusione della tipicità)? BANCAROTTA IMPROPRIA ART. 223 ss. La distinzione tra bancarotta propria e impropria dipenda dal fatto che l autore del reato sia o meno il fallito. Nel caso di bancarotta impropria parliamo di reati commessi da persone diverse dal fallito. L articolo 223 Bancarotta fraudolenta Comma 1. Si applicano le disposizioni dell articolo 216 ad amministratori, direttori generali, sindaci e liquidatori di società dichiarate fallite. E chiaro che sono necessari alcuni aggiustamenti: per esempio oggetto materiale del reato non saranno i beni dell imprenditore ma i beni della società. Comma 2 n.1 17

19 Si prevedono due ipotesi di cui una innovata dalla legge 61/2002: la bancarotta da reato societario. Con la riforma dei reati societari si è resa necessaria la riformulazione delle altre fattispecie penali che ne facevano riferimento. L articolo 11.co1 della 366/2001 (legge di delega di riforma dei reati societari) prevedeva per l appunto la formulazione delle norme fallimentari che si riferivano ai riformati reati societari (e CHE abbiano concorso a cagionare il dissesto della società). Il legislatore, in attuazione della legge delega, ha toccato due punti: 1. Si è operata una selezione delle fattispecie da considerare (art cc) ai fini dell integrazione della bancarotta impropria che presentassero una omogeneità di disvalore (perché prima si includevano fattispecie che non rilevavano assolutamente, per esempio l aggiotaggio che ha un oggettività giuridica totalmente estranea). I primi due articoli si riferiscono alla tutela della trasparenza nelle comunicazioni sociali; gli articoli si riferiscono alla tutela del capitale sociale che è l estrema garanzia nei confronti degli interessi patrimoniali dei creditori; il 2634 è l infedeltà patrimoniale. 2. Si è introdotto un rapporto di causalità tra il reato societario presupposto ed il dissesto della società. La formula legislativa cagionare o concorso a cagionare non è limpidissima: se si pensa alla disciplina delle concause dell articolo 41 cp è evidente che si tratta di un riferimento superfluo. Comma n.2 Si fa riferimento al cagionare con dolo o per effetto di operazioni dolose il fallimento della società : è l unico caso in cui IL FALLIMENTO è evento della fattispecie. La prima condotta non pone problemi. La seconda fa riferimento al caso in cui il fallimento sia il risultato di operazioni dolose: qualcuno parla di responsabilità preterintenzionale (?non è d accordo). Quali sono queste operazioni dolose? Se pensiamo che questa è una disposizione coeva alla legge fallimentare bisogna coordinarla con le altre norme della legge stessa: originariamente in questo numero due venivano fatti rientrare reati comuni non contemplati dal comma secondo n.1, nonché illeciti civili caratterizzati dalla violazioni dei doveri o abuso dei poteri all interno di un impresa sociale. C è stata una contrazione della sfera di operazioni dolose: prima dell introduzione dell infedeltà patrimoniale, le operazioni dolose venivano ai fini della legge fallimentare ricondotte ad ipotesi di male gestio della società. L introduzione del 2634 nel codice civile e il richiamo ad esso del comma 2.1 dell articolo 223 ha sottratto terreno al concetto di operazioni dolose. SOGGETTI ATTIVI Per quanto concerne i soggetti attivi del reato, al di là delle indicazioni del primo comma, bisogna fare una specificazione relativa ai soggetti di fatto, articolo 2639, Estensione delle qualifiche soggettive. In assenza della qualifica richiesta dalla fattispecie di reato proprio, può il soggetto essere chiamato a rispondere per il mero esercizio di fatto? Sì, secondo i parametri del nuovo articolo La giurisprudenza da sempre ha ritenuto che, anche a prescindere dall investitura formale, il soggetto di fatto rispondesse del fatto di reato fallimentare in quanto diretto 18

20 destinatario della norma penale, a prescindere dalla prova del concorso ex. art. 110 cp. Con il decreto 61/2002 si estendono le qualifiche soggettive: sono equiparati soggetti di fatto e soggetti di diritto. La norma equipara al soggetto di diritto: 1. chi svolge la stessa funzione anche se diversamente qualificata ( relativamente al modello monistico o dualistico). E un equiparazione comunque endosocietaria tra funzioni. 2. chi esercita in maniera continuativa e significativa i poteri tipici inerenti la qualifica. E un equiparazione tra soggetti subordinata alla verifica di questi due requisiti. L ARTICOLO 2639 FA RIFERIMENTO AI REATI PREVISTI DAL PRESENTE TITOLO. E PER GLI ALTRI? Allora per i casi di Bancarotta-da-reato-societario è chiario che l articolo 2639 si applica nella misura in cui integra la tipicità dei reati sociatari. Per gli altri casi di bancarotta, non dipendenti da reato societario, cosa succede? Alcuni ritengono non applicabile il 2639 cc in quanto norma autonoma; altri ritengono di applicare analogicamente il 2639 nella misura in cui introduce dei correttivi positivi rispetto alla mera e secca equiparazione dei soggetti di fatto di diritto (analogicamente rispetto al diritto vivente). OPERAZIONI INFRAGRUPPO Il primo riferimento al concetto di gruppo di società si ha proprio in ambito penalistico: la fattispecie di infedeltà patrimoniale, art co. 3 il profitto non è ingiusto se compensato da vantaggi conseguiti o fondatamente prevedibili derivanti dal collegamento o dall appartenenza del gruppo. Nella logica dei vantaggi compensativi. ancorchè vi sia stato un danno patrimoniale nei confronti della società, il profitto non è ingiusto e si configura una causa di non punibilità se viene meno l ingiustizia del profitto, viene meno un requisito dell elemento soggettivo, viene meno la tipicità. Quali rilievi sul piano dei reati di bancarotta? 1. Nel caso di bancarotta da reato societario per infedeltà patrimoniale (art. 223 co.2 n.1), se l ingiustizia del profitto è elisa dall articolo 2634 co.3, sarà configurabile il reato fallimentare? Dipende da quale significato si da al termine fatto : solo fatto tipico (elemento oggettivo) o reato completo (anche elemento soggettivo)? In entrambi i casi si applicherebbe l articolo 2634cc. 2. Rispetto alle altre fattispecie societarie il problema è maggiore. Se l operazione di infragruppo comprende condotte distruttive si applicherà l articolo 223 co.1. Ma può applicarsi la clausola dei vantaggi compensativi? Prima dell introduzione del 3 comma del 2634 si riteneva di no, si optava per l autonomia delle singole società del gruppo. Successivamente si è fatta una precisazione: se l oggettività giuridica è il soddisfacimento dei creditori, i creditori potranno soddisfarsi solo dalla società interessata. Cioè il 2634 co. 3 non è applicabile al 223 co.1. La giurisprudenza sottolinea inaftti come le due disposizioni 19

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Transazione fiscale e composizione della crisi da sovraindebitamento Evoluzione normativa e giurisprudenziale

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Transazione fiscale e composizione della crisi da sovraindebitamento Evoluzione normativa e giurisprudenziale CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 6 maggio 2015 OGGETTO: Transazione fiscale e composizione della crisi da sovraindebitamento Evoluzione normativa e giurisprudenziale

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art.

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. 1, comma 1, lett. m, della legge 28 aprile 2014, n. 67 RELAZIONE Lo

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

ART. 1 (Modifiche al codice penale)

ART. 1 (Modifiche al codice penale) ART. 1 (Modifiche al codice penale) 1. Dopo l articolo 131 del codice penale, le denominazioni del Titolo V e del Capo I sono sostituite dalle seguenti: «Titolo V Della non punibilità per particolare tenuità

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE Al Comune di Lamporecchio Ufficio Tecnico Lavori Pubblici - Piazza Berni, 1-51035 Lamporecchio (PT) OGGETTO: CONCESSIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO

Dettagli

CODICE PENALE MILITARE DI PACE

CODICE PENALE MILITARE DI PACE CODICE PENALE MILITARE DI PACE LIBRO PRIMO DEI REATI MILITARI, IN GENERALE. Titolo I DELLA LEGGE PENALE MILITARE. Art. 1. Persone soggette alla legge penale militare. La legge penale militare si applica

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Le procedure concorsuali in rimedio del sovraindebitamento. Una opportunità per le imprese agricole

Le procedure concorsuali in rimedio del sovraindebitamento. Una opportunità per le imprese agricole Le procedure concorsuali in rimedio del sovraindebitamento. Una opportunità per le imprese agricole 1. Cenni introduttivi: le imprese agricole non sono fallibili. Ma sono esdebitabili. 2. «Accordo», «piano»,

Dettagli

La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti

La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti 2 La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti SOMMARIO 1. I soggetti attivi. Continuità normativa con la previgente fattispecie. 2. La condotta. 3.

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Dossier n 135 - Schede di lettura 12 gennaio 2015 Informazioni sugli

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli