Cosa significa essere socialmente responsabili?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cosa significa essere socialmente responsabili?"

Transcript

1 Il Bilancio Sociale e Ambientale di Cermec: strumento di rendicontazione e comunicazione Angela Tarabella Qualità, ambiente, sicurezza Le buone pratiche di Cermec nella ricerca, nell innovazione, nel miglioramento continuo Marina di Massa, 28 marzo 2008 Qualità, ambiente, sicurezza Marina di Massa, 28 marzo Cosa significa essere socialmente responsabili? CSR (Corporate Social Responsibility) Intesa come l integrazione su base volontaria da parte delle imprese, delle preoccupazioni sociali e ambientali nelle loro operazioni commerciali e nei loro rapporti con le parti interessate (Libro Verde della Commissione Europea, luglio 2001) Qualità, ambiente, sicurezza Marina di Massa, 28 marzo

2 L approccio «triple bottom line» La sostenibilità dovrà essere valutata lungo tre direttrici: i i 1. Economica = capacità di generare ricchezza e quindi di assicurare la sopravvivenza e lo sviluppo dell impresa 2. Ambientale = attenzione agli equilibri ecologici generali e ad un equo consumo delle risorse 3. Sociale = nei confronti dei soggetti interni ed esterni all organizzazione Qualità, ambiente, sicurezza Marina di Massa, 28 marzo I principi di un impresa socialmente responsabile sono: 1. Trasparenza dell informazione i 2. Prospettiva strategica di lungo periodo 3. Modelli di gestione partecipativi 4. Orientamento all autovalutazione autovalutazione e al miglioramento continuo Qualità, ambiente, sicurezza Marina di Massa, 28 marzo

3 .. Mappa degli stakeholders... Sindacati Autorità Dipendenti Associazioni di categoria Fornitori Impresa Associazioni consumatori Stakeholders diretti Investitori Gruppi politici Comunità locale Clienti Amministrazioni pubbliche Mercati finanziari Stakeholders indiretti Qualità, ambiente, sicurezza Marina di Massa, 28 marzo Si aprono nuovi orizzonti Qualità, ambiente, sicurezza Marina di Massa, 28 marzo

4 L etica da vincolo diviene una opportunità! Il sociologo Zygmunt Baumann afferma infatti che «l atteggiamento etico è quello che assumerebbe una mente calcolatrice dopo aver fatto bene i propri calcoli» Qualità, ambiente, sicurezza Marina di Massa, 28 marzo This can t be right the return on doing good seems to be better than the return on doing evil!!! Qualità, ambiente, sicurezza Marina di Massa, 28 marzo

5 Bilancio Sociale: valenza e finalità Strumento di informazione e comunicazione Strumento di dialogo Strumento di programmazione e gestione Strumento di politica sociale Qualità, ambiente, sicurezza Marina di Massa, 28 marzo Perché il Bilancio Sociale del Cermec È importante lavorare bene e comunicare che si è lavorato bene Per il Cermec è molto importante perché: 1) Svolge un servizio di pubblica utilità 2) È una società a partecipazione totalmente pubblica (le risorse arrivano dal territorio i e debbono tornare al territorio) Qualità, ambiente, sicurezza Marina di Massa, 28 marzo

6 Alcune chiavi di lettura della seconda edizione del Bilancio Sociale del Cermec Continua il percorso verso la trasparenza e il dialogo; Il Bilancio si è arricchito di nuovi contenuti, in particolare della sezione dedicata alle certificazioni (integrata qualità e ambiente, etica SA 8000, della sicurezza OHSAS 18001), al Bilancio i ambientale alla responsabilità sociale; Ripartizione del valore aggiunto verso i portatori di interesse; Impegni per il futuro. Qualità, ambiente, sicurezza Marina di Massa, 28 marzo Le aziende comunicano non solo attraverso quello che dicono ma anche e soprattutto attraverso quello che fanno Cermec nel 2006 ha smaltito oltre 114 milioni di tonnellate di rifiuti; Circa abitanti serviti; Le linee operative del Cermec sono 4: - Linea di selezione e compostaggio dei RSU; - Linea di trattamento della frazione organica da rifiuti solidi urbani (FORSU); - Linea verde; - Piattaforma per il trattamento differenziato di carta e plastica. Qualità, ambiente, sicurezza Marina di Massa, 28 marzo

7 Il Cermec e i suoi dipendenti La forza lavoro è costituita da 53 unità (a breve 6 nuovi addetti verranno assunti) Spinta verso la progressione verticale delle carriere (3 nuovi quadri) Tutti i dipendenti risiedono nella Provincia di Massa-Carrara (le risorse rimangono al territorio in termini di formazione e reddito) Qualità, ambiente, sicurezza Marina di Massa, 28 marzo Il Cermec e le certificazioni Certificazione del Sistema di Gestione Integrato Qualità e Ambiente (dal 2005) Certificazione SA 8000 (dal 2005) Certificazione del Sistema di Gestione della Sicurezza secondo lo standard OHSAS (in previsione per l anno 2008) Dietro ogni certificazione c è: Un elevato impegno nella formazione Un cambiamento nel modo di lavorare Nuova documentazione Nuovi obiettivi di miglioramento Qualità, ambiente, sicurezza Marina di Massa, 28 marzo

8 Il Cermec e il Valore Aggiunto Distribuzione del V.A. Anno 2004 Anno 2005 Anno 2006 Al lavoro Euro Al lavoro Euro Al lavoro Euro Alla Pubblica Amministrazione Euro Alla Pubblica Amministrazione Euro Alla Pubblica Amministrazione Euro Ai finanziatori Ai finanziatori Ai finanziatori Euro Euro Euro All azienda Euro All azienda Euro All azienda Euro Qualità, ambiente, sicurezza Marina di Massa, 28 marzo Il Cermec e gli altri stakeholders Le scuole, i bambini e le campagne di educazione; I prodotti ambientalmente sostenibili ( verdebio ) Biofiltri epa pannelli soa solari e fotovoltaici; oo o ac; Sito web: Qualità, ambiente, sicurezza Marina di Massa, 28 marzo

9 Gli impegni per il futuro Per gli stakeholders - Proseguire nel percorso delle certificazioni - Reperire nuove aree industriali per potenziare l attività e ridurre i costi del servizio per la collettività - Adottare nuove procedure per l ingresso dei rifiuti per la riduzione dei tempi di attesa Per l ambiente - Migliorare la differenziazione dei rifiuti - Migliorare il trattamento e la qualità del compost - Ridurre emissioni di odori e polveri Per la gestione interna - Approfondire la customer satisfaction - Coinvolgere maggiormente i lavoratori - Elaborare un set di indicatori di performance economica - Analisi di sviluppo commerciale del prodotto Verdebio Qualità, ambiente, sicurezza Marina di Massa, 28 marzo Conclusioni Con la seconda edizione del Bilancio Sociale, Cermec ha voluto portare avanti il progetto di comunicazione e dialogo con i suoi stakeholders; Il Bilancio Sociale è uno strumento per dare conto delle azioni svolte sul territorio e le azioni intraprese per migliorare i prodotti e i servizi offerti; È uno strumento che misura nel tempo la corrispondenza tra gli impegni assunti dal Cermec e i risultati conseguiti; È necessario migliorare la metodologia di rilevazione e contabilizzazione degli effetti sociali e ambientali; È un percorso in divenire; Richiede la collaborazione di tutti gli attori a monte e a valle dell attività per creare sinergie utili al miglioramento dei risultati data la previsione di forte crescita dei rifiuti. Qualità, ambiente, sicurezza Marina di Massa, 28 marzo

10 31/03/2008 I sistemi di gestione qualità e ambiente e responsabilità sociale di Cermec spa 1

11 31/03/2008 I certificati Uni En Iso Uni En Iso SA 8000: Il percorso di Cermec spa 1961: la costituzione di Cermec Consorzio Eliminazione Rifiuti di Massa e Carrara 1992: affidamento dell impianto di via Dorsale all effettiva gestione di Cermec 2001: la trasformazione del consorzio in società di capitali intermente pubblica. Nasce Cermec spa Consorzio Ecologia e Risorse di Massa e Carrara 2005: a dicembre Cermec ottiene le prime certificazioni ISO 9001 e e SA : a settembre il sistema di gestione certificato è esteso alle nuove aree produttive di via Longobarda 2008:il SGQA è oggetto di una profonda revisione per l adeguamento alla norma OHSAS

12 31/03/2008 Il percorso di Cermec spa Le tappe Novembre 2001: subito dopo la trasformazione in spa, Cermec aderisce al progetto Profeta, promosso da Federambiente. Primavera 2002: iniziano le attività di pianificazione e strutturazione del sistema di gestione integrato 9001/14001, con l assistenza tecnica di Ecomanagment srl, società di consulenza partner di Federambiente e specializzata nella definizione di sistemi di gestione per le aziende di servizi pubblici. (Le prime linee guida per l applicazione degli standard ISO 9001 alle società di utility vengono redatte proprio da Ecomanagement e Certiquality) Il percorso di Cermec spa Le tappe (2) 2002/2004: l impianto di via Dorsale viene interessato da rilevanti lavori di rifunzionalizzazione, rallentati dalla necessità di procedere anche a opere di messa in sicurezza di emergenza. In questo periodo, il lavoro di progettazione del SGQA procede parallelamente alle attività di cantiere e contribuisce alla migliore attività di verifica della conformità normativa. 2005: il nuovo impianto è definitivamente ultimato e il SGQA si presenta finalmente strutturato. Con la ripresa delle ordinarie attività inizia l attuazione del Sistema stesso e di quello SA. Viene richiesto a Certiquality srl di verificare la conformità del sistema Q/A e a Rina quella del sistema SA 3

13 31/03/2008 Il percorso di Cermec spa Le tappe (3) Dicembre 2005: le visite ispettive condotte da Certiquality si concludono positivamente e vengono rilasciati i primi certificati (via Dorsale). Dicembre 2005: anche il sistema di gestione della responsabilità sociale viene verificato come conforme e viene rilasciato il relativo certificato. 2006/2007: le attività di Cermec spa si ampliano dal punto di vista territoriale e dei servizi. Viene acquisita l area di via Longobarda per riorganizzare le attività di recupero e valorizzazione delle RD (carta e cartone, plastica, verde) Il percorso di Cermec spa Le tappe (4) Settembre 2007: il SGQA viene implementato ed esteso alle nuove aree e alle nuove attività. 2007/2008: iniziano le azioni di verifica, implementazione ed integrazione del SGQA allo standard OHSAS e dell ipotesi di integrazione anche con lo standard SA

14 31/03/2008 Il percorso di Cermec spa Le norme volontarie applicate UNI EN ISO 9001:2000 «Sistemi di gestione per la qualità Requisiti» UNI EN ISO 14001:2004 «Sistemi di gestione ambientale Requisiti e guida per l uso» SA 8000:2001 «Standard per la responsabilità sociale» OHSAS 18001:2007 Occupational Health and Safety Assessment Series «Sistemi di gestione per la salute e la sicurezza dei lavoratori Requisiti» La norma Uni En Iso 9001:2000 La norma ha lo scopo di promuovere un SISTEMA di gestione, basato su un approccio per PROCESSI, che permetta di tenere sotto controllo l EFFICACIA del sistema e che aiuti ad accrescere la SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 10 5

15 31/03/2008 La norma Uni En Iso 9001:2000 I principi fondamentali Orientamento al cliente Leadership Coinvolgimento del personale Approccio per processi Approccio sistemico alla gestione Miglioramento continuo Decisioni basate su dati di fatto Rapporti di reciproco beneficio con i fornitori 11 La norma Uni En Iso 9001:2000 Il ciclo di Deming (P D C A) Plan (pianifica) Stabilire gli obiettivi e i processi necessari Do (fai) Dare attuazione ai processi Check (controlla) Monitorare e misurare i processi e i prodotti Act (agisci) Adottare azioni per migliorare le prestazioni 12 6

16 31/03/2008 La norma Uni En Iso PLAN DO ACT CHECK 13 La norma Uni En Iso 9001:2000 I documenti fondamentali del sistema La Politica per la Qualità (e l Ambiente) Qual è la nostra mission e la nostra vision (impegni ed obiettivi) Il Manuale della Qualità (e Ambiente) Come funziona il sistema Le procedure documentate Come si svolge un processo Chi fa che cosa I documenti necessari per assicurare l efficace pianificazione, funzionamento e controllo dei processi Istruzioni operative: come si fa a fare una determinata cosa Le registrazioni Come abbiamo fatto una determinata cosa 14 7

17 31/03/2008 La norma Uni En Iso 14001:2004 La norma regola i Sistemi di gestione ambientale e ne stabilisce i requisiti e la guida per l uso luso La Iso14001 ha lo scopo di sviluppare una politica e degli obiettivi che tengano conto delle prescrizioni legali, delle altre prescrizioni e delle informazioni riguardanti gli altri aspetti ambientali significativi (esempio: odori, polveri, emissioni, consumi di energia o diacqua; rischi diincidente incidente, sversamenti, incendi) Si applica agli aspetti ambientali che l organizzazione ritiene di poter tenere sotto controllo e sui quali può esercitare un influenza 15 La norma Uni En Iso 14001:2004 Impegno alla comunicazione assunto da Cermec (rev. 2004) Redazione del Bilancio Sociale e Ambientale Gli aspetti ambientali: emissioni di polveri emissioni gassose emissioni odorigene presenza di insetti tutela del suolo rumore consumi idrici consumi elettrici consumi carburanti riduzione dei rifiuti recupero materia 8

18 31/03/2008 La norma SA 8000:2001 La norma regola i Sistemi di gestione per la Responsabilità sociale e ne stabilisce i requisiti e la guida per l uso luso La SA8000 nasce ed è conforme alle prescrizioni che l ILO (International Labor Organization) Nazioni Unite ha emanato La norma riguarda: Il rispetto dei diritti umani Il rispetto dei diritti dei lavoratori La tutela dei minori contro lo sfruttamento Le garanzie di sicurezza e salubrità sui luoghi di lavoro La norma SA 8000:2001 La norma (e il sistema di gestione ad essa conforme) è strutturata in novecapitoli che regolano altrettanti aspetti: Lavoro minorile Lavoro forzato Salute e sicurezza Libertà di associazione e diritto alla contrattazione collettiva Discriminazione Pratiche disciplinari Ore lavorative Compenso Sistemi di gestione o direzionali 9

19 31/03/2008 La norma OHSAS 18001:2007 La norma (e il sistema di gestione ad essa conforme) si occupa dei seguenti aspetti principali: p Pianificazione per l'identificazione dei pericoli, la valutazione dei rischi e il controllo dei rischi Programma di gestione OHSAS Struttura e responsabilità Formazione, consapevolezza e competenza Consultazione e comunicazione Controllo operativo Adeguatezza dei mezzi di emergenza e risposta Misurazione, monitoraggio e miglioramento delle prestazioni La norma OHSAS 18001:2007 Come tutte le norme volontarie, anche la OHSAS si basa sulprincipio del miglioramento continuo e presuppone il pieno rispetto della normativa, ma non si limita a questo Rapporto con il Decreto Legislativo 19 settembre 1994, n. 626: il quid pluris 10

20 31/03/2008 I sistemi di gestione All inizio del cerchio L attività esistente La capacità di descriversi e di riconoscersi nella norma L orientamento alla qualità (prerequisito e non conseguenza) La scelta di un modello di sviluppo sostenibile sul piano economico, ambientale e sociale 21 I sistemi di gestione Un sistema dinamico 22 11

21 31/03/2008 Il sistema di gestione integrato Cermec ha deciso di adottare un sistema di gestione integrato Lenorme relative alla qualità e quelle relative all ambienteambiente vengono adottate per un unico sistema di gestione che tenga conto di entrambi gli aspetti Una sola politica, un solo manuale, procedure integrate Attuale impegno dell azienda è l integrazione del SGQA esistente con gli aspetti relativi alla sicurezza sul lavoro, secondo la norma OHSAS18001 Il Sistema di Gestione integrato Qualità e Ambiente di Cermec spa 31/03/ Il sistema di gestione integrato La Politica 24 12

22 31/03/2008 Il sistema di gestione integrato Il Manuale Questo documento può essere scaricato dal sito nella sezione La Società alla voce Qualità 25 Il sistema di gestione integrato Il Manuale indica il campo di applicazione del sistema di gestione individua i processi e le procedure descrive le interazioni tra i processi del sistema 26 13

23 31/03/2008 Il sistema di gestione integrato Le Procedure Procedura: il modospecificato per svolgere un attività o un processo Le procedure possono essere documentate (scritte) oppure no 27 Il sistema di gestione integrato Il sistema di gestione di Cermec prevede 34 procedure Leprocedure riguardano processi fondamentali, primari o di supporto: Attività industriali (di trattamento/produzione) Attività di manutenzione Acquisti e approvvigionamenti Rischi ambientali Aspetti logistici Aspetti commerciali Aspetti connessi alla sicurezza sul lavoro (10 nuove procedure, in fase di rilascio) 28 14

24 31/03/2008 Il sistema di gestione integrato Le procedure P01 Gestione della Documentazione P02 Gestione delle registrazioni P03 Accesso e aggiornamento delle prescrizioni applicabili (*) P04 Gestione delle non conformità, azioni correttive e preventive P05 Gestione fornitori critici P06 Gestione Audit interni P07 Gestione dei Dispositivi di Monitoraggio e di Misurazione P08 Gestione degli Acquisti P09 Gestione dei reclami P10 Gestione della Formazione P11 Gestione delle Competenze P12 Protocollo e Comunicazione Interna P13 Comunicazione Esterna P14 Controllo del Processo di Compostaggio di Qualità (verde) P15 Controllo del Processo di Compostaggio di Qualità (verde all aperto) P16 Controllo del Processo di Compostaggio di Qualità (misto) 29 I moduli Il sistema di gestione integrato Le procedure (segue) P17 Controllo del Processo della Linea dell Indifferenziato P18 Controllo del Processo della Linea della Plastica P19 Gestione delle risorse energetiche e idriche P20 Gestione del Rumore P21 Gestione delle emissioni in atmosfera e odorigene P22 Gestione dei Rischi di Contaminazione del Suolo P23 Gestione Sostanze Pericolose P24 Gestione degli Scarichi Idrici P25 Gestione dei Rifiuti in Ingresso P26 Gestione dei Rifiuti Prodotti P27 Manutenzione impianti e Mezzi P28 Gestione Analisi P29 Gestione delle Forniture e Scorte di Magazzino P30 Manutenzione del Sistema Informatico Aziendale Le istruzioni operative P31 Gestione delle Emergenze P32 Metodologia di identificazione e valutazione degli aspetti ambientali P33 Gestione dei contratti P34 Gestione del Processo della Linea della Carta e Cartone 30 15

25 31/03/2008 Il sistema di gestione integrato La documentazione 31 I vantaggi della certificazione Le norme volontarie sono uno strumento per: migliorare la qualità del servizio e dei prodotti e rendere l azienda più forte e competitiva; migliorare l impatto delle nostre attività sull ambiente; migliorare le condizioni di lavoro; migliorare l immagine dell azienda nei confronti delle diverse parti interessate (clienti, fornitori, soci, enti locali, gruppi sociali); gestire il rischio ( risk management ) PER UN ECONOMIA DELLA QUALITÀ 32 16

26 31/03/2008 I vantaggi della certificazione Le norme volontarie iniziano ad avere una rilevanza riconosciuta anche nell ordinamento. Vale la penacitare qui: Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152, Norme in materia ambientale, artt. 96, 194, 209, 210, 212 ACQUA Art. 96: nel Capo II, Tutela quantitativa della risorsa e risparmio idrico RIFIUTI Art. 194: Spedizioni transfrontaliere Art. 209: Rinnovo delle autorizzazioni alle imprese in possesso di certificazione ambientale Art. 210: Autorizzazioni in ipotesi particolari Art Albo nazionale gestori ambientali I vantaggi della certificazione Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163, Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE, artt. 43, 44 e 75 c. 7. Articolo 43. Norme di garanzia della qualità. 1. Qualora richiedano la presentazione di certificati rilasciati da organismi indipendenti per attestare l'ottemperanza dell'operatore economico a determinate norme in materia di garanzia della qualità, le stazioni appaltanti fanno riferimento ai sistemi di assicurazione della qualità basati sulle serie di norme europee in materia e certificati da organismi conformi alle serie delle norme europee relative alla certificazione. Le stazioni appaltanti riconoscono i certificati equivalenti rilasciati da organismi stabiliti in altri Stati membri. Esse ammettono parimenti altre prove relative all'impiego di misure equivalenti di garanzia della qualità prodotte dagli operatori economici. 17

27 31/03/2008 I vantaggi della certificazione Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163, Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE. Articolo 44. Norme di gestione ambientale. 1. Qualora, per gli appalti di lavori e di servizi, e unicamente nei casi appropriati, le stazioni appaltanti chiedano l indicazione delle misure di gestione ambientale che l operatore economico potrà applicare durante l esecuzione del contratto, e allo scopo richiedano la presentazione di certificati rilasciati da organismi indipendenti per attestare il rispetto da parte dell'operatore economico di determinate norme di gestione ambientale, esse fanno riferimento al sistema comunitario di ecogestione e audit (EMAS) o a norme di gestione ambientale basate sulle pertinenti inorme europee o internazionali i certificate da organismi i conformi alla legislazione comunitaria o alle norme europee o internazionali relative alla certificazione. Le stazioni appaltanti riconoscono i certificati equivalenti in materia rilasciati da organismi stabiliti in altri Stati membri. Esse accettano parimenti altre prove relative a misure equivalenti in materia di gestione ambientale, prodotte dagli operatori economici. I vantaggi della certificazione Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163, Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE Articolo 75. Garanzie a corredo dell offerta. 1. L offerta è corredata da una garanzia, pari al due per cento del prezzo base indicato nel bando o nell invito, sotto forma di cauzione o di fideiussione, a scelta dell offerente. [omissis] 7. L importo della garanzia, e del suo eventuale rinnovo, è ridotto del cinquanta per cento per gli operatori economici ai quali venga rilasciata, da organismi accreditati, ai sensi delle norme europee della serie UNI CEI EN e della serie UNI CEI EN ISO/IEC 17000, la certificazione i del sistema di qualità conforme alle norme europee della serie UNI CEIISO ISO 9000, ovvero la dichiarazione della presenza di elementi significativi e tra loro correlati di tale sistema. Per fruire di tale beneficio, l operatore economico segnala, in sede di offerta, il possesso del requisito, e lo documenta nei modi prescritti dalle norme vigenti. 18

28 31/03/2008 Il valore economico della qualità Migliorare la qualità Migliorare la produttività Diminuire i costi Diminuire i prezzi Aumentare il mercato Aumentare i posti di lavoro Aumentare la redditività dell impresa La catena di Deming 19

29 Le norme Uni En Iso 9001:00 e 14001:04 per il miglioramento del servizio e la tutela dell ambiente. Marina di Massa, 28 Marzo 2008 CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO Gianni Cramarossa (Responsabile Ufficio Certiquality Firenze) LE NORME UNI EN ISO 9001:00 E 14001:04 Sono norme volontarie universalmente riconosciute come norme di buona organizzazione edi buona pratica gestionale finalizzate ad assicurare l ottenimento dei seguenti obiettivi: per la ISO 9001: la tenuta sotto controllo ed il miglioramento continuo dell organizzazione interna, dei processi produttivi e delle performans dell azienda, per la migliore soddisfazione del cliente. per la ISO 14001: la tenuta sotto controllo ed il miglioramento continuo (cioè la riduzione) degli impatti ambientali prodotti dall azienda, per la migliore tutela dell ambiente circostante. 1

30 LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E utile per programmare la gestione delle attività, documentarne l attuazione, operare secondo regole e procedure scritte, definire compiti e responsabilità, riesaminare le prestazioni fornite. LA NORMA UNI EN ISO 14001:2004 E utile per tenere sotto controllo gli impatti ambientali, assicurarne la conformità legislativa, la progressiva e continuativa riduzione nel tempo, creare e documentare una gestione responsabile verso l ambiente e lo sviluppo sostenibile ALTRE NORME VOLONTARIE CERTIFICABILI REGISTRAZIONE EMAS: per rendere pubblica l attenzione posta verso le problematiche ambientali (Regolamento CE 761/2001) CERTIFICAZIONE DELLA SICUREZZA: per tenere sotto controllo e migliorare gli aspetti della Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro (OHSAS 18001) CERTIFICAZIONE ETICA: per dimostrare l impegno etico e sociale delle Aziende (SA 8000) CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO: per garantire che un prodotto è conforme a quanto specificato e dichiarato dal fabbricante 2

31 PERCHE CERTIFICARSI? 1- Condizionamenti DIPENDENTI CLIENTI/ MERCATO BANCHE LEGGI IMPRESA FORNITORI AZIONISTI MEDIA ASSICURAZIONI AMBIENTALISTI PUBBLICA AMM. COLLETTIVITA PERCHE CERTIFICARSI? 2- Considerazioni: l inquinamento è un costo Può essere il risultato della bassa efficienza del ciclo produttivo Può richiedere costi per opere di risanamento Può richiedere costi di smaltimento rifiuti e scarti 3

32 PERCHE CERTIFICARSI? 3- Opportunità Un SGA consente di : Migliorare i profitti e la competitività dell azienda Migliorare l efficienza aziendale Migliorare l immagine aziendale BENEFICI ALL IMMAGINE AZIENDALE - miglioramenti nei rapporti con la Pubblica Amministrazione - miglioramenti nei rapporti con la popolazione; - diminuzione della conflittualità tra le parti in causa; - incremento della competitività; - possibili nuove strategie commerciali/marketing sfruttando la certificazione per rendere i prodotti più appetibili (trasformando i Condizionamenti in Opportunità => opinione pubblica favorevole, P.A. benevola, consumatore soddisfatto, migliore posizionamento sulla Concorrenza) 4

33 BENEFICI PER LA COMPETITIVITA E PER L EFFICIENZA DELL AZIENDA riorganizzazione interna e conseguente crescita dell efficienza; si possono produttivo; individuare punti critici e gravosi del ciclo crescita della partecipazione; motivazione dei dipendenti e della loro maggior controllo sui processi e riduzione della probabilità di accadimento di eventi che possono arrecare danno all ambiente edeiconseguenti costi di risanamento e dei premi assicurativi; maggiori garanzie in termini di certezza del rispetto delle normative ambientali, diminuendo il rischio di sanzioni amministrative gestione strategica delle problematiche ambientali con risparmi sui costi; utilità della certificazione nelle gare di appalto; I risultati del miglioramento continuo richiesto dalla norma 5

34 QUALITA - AMBIENTE - SICUREZZA Nell economia delle Aziende si sta sempre più diffondendo la consapevolezza che i Sistemi di Gestione, possibilmente integrati per la Qualità, l Ambiente e la Sicurezza, possano far si che l azienda si senta più protetta e più pronta ad affrontare tutte le richieste che pervengono dal mondo interno ed esterno ad essa. In particolare l attività di gestione dei rifiuti porta naturalmente all applicazione applicazione di sistemi integrati. I sistemi di tipo volontario, una volta ben recepiti e implementati in maniera corretta, permettono di gestire in maniera più facile le complesse attività aziendali con soddisfazione di tutte le parti che la compongono. 6

35 1. Sistema di Gestione della Qualità Un buon Sistema Qualità versatile permette di superare l impostazione tipica di norme contrattuali e di garanzia nel rispetto delle specifiche del Cliente (norme ISO 9000) e di permettere che questa cultura sia da base per le possibili integrazioni future di sistemi compatibili quali quelli dell Ambiente, della Sicurezza e dell Etica per essere alla fine considerati Sistemi di Gestione dell Azienda. Ai d Le norme ISO 9001:2000 tengono conto di questi cambiamenti al fine di migliorare l efficienza ed il miglioramento continuo dell Organizzazione. 2. Sistemi di Gestione Ambientale Le Aziende vedono nell'adesione volontaria ai Sistemi di Ecogestione e di Sicurezza il mezzo per uscire dalla " spirale perversa " dove una opinione pubblica, spesso priva di adeguata informazione tecnica e dominata dalla diffidenza, tende a spingere le Istituzioni verso regolamentazioni sempre più restrittive, fino a provocare difficoltà e persino blocchi delle attività industriali. Una opinione pubblica più matura, aiutata dalla più aperta comunicazione delle Aziende e delle Istituzioni, può compiere uno sforzo di crescita culturale e di informazione per comprendere più facilmente queste tipologie di approcci sistemici. 7

36 Sistema di Gestione Qualità e Ambiente La struttura di base delle norme internazionali ISO 9001 e è costituita da quattro "cardini" i" concettuali che guidano l'organizzazione attraverso un percorso di continuo rinnovamento e miglioramento: - pianificare le azioni da intraprendere per conseguire il miglioramento delle proprie prestazioni ambientali e di qualità; - attuare quanto è stato pianificato nei modi e nei tempi stabiliti; t - controllare che quanto viene fatto per la Gestione per la Qualità e per l Ambiente sia in linea con quanto si è deciso di fare; - agire in caso di anomalie del Sistema mediante mezzi di correzione appropriati (NC-AC-AP). Riesame della Direzione Politica Qualità, Ambiente e Sicurezza Controlli e Azioni Correttive Pianificazione Attuazione e funzionamento 8

37 Esempio di un Sistema di Gestione Integrato per Qualità, Ambiente, Salute e Sicurezza ELEMENTI COMUNI Visione per processi Responsabilità della Direzione Organizzazione e Personale Politica Gestione delle risorse Pianificazione attività Obiettivi e traguardi (miglioramento continuo) Rappresentante della Direzione Formazione Comunicazione interna Controllo operativo Approvvigionamento Gestione delle apparecchiature e misurazioni Azioni correttive e preventive Audit interni Registrazioni Esempio di un Sistema di Gestione Integrato per Qualità, Ambiente, Sicurezza e Salute ELEMENTI SPECIFICI Qualità Ambiente Salute e Sicurezza Riesame del contratto Controllo prodotto fornito dal cliente Stato prove, controlli, collaudi Movimentazione, distribuzione Tecniche statistiche Assistenza Analisi iniziale Prescrizioni di legge Aspetti e impatti ambientali (processi e prodotti Comunicazione esterna Preparazione emergenza Analisi iniziale Prescrizioni di legge Valutazione rischi Sicurezza processo Assistenza medica Igiene industriale Istruzioni per la sicurezza Mezzi di protezione 9

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Società Italiana Dragaggi S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Ex DECRETO LEGISLATIVO 8 giugno 2001 n. 231 e successive integrazioni e modificazioni INDICE PARTE GENERALE 1. IL DECRETO

Dettagli

Norme di riferimento del modello generale di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del d.lgs. 231/01

Norme di riferimento del modello generale di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del d.lgs. 231/01 ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO Norme di riferimento del modello generale di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del d.lgs. 231/01 Sintesi Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Approvazione del CDA del 06/08/2014 Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo (ai sensi del D.Lgs. 231/2001) Indice PARTE GENERALE... 3 1 INTRODUZIONE... 4 1.1 DEFINIZIONI... 4 1.2 IL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12 Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Sigla RT-12 Revisione 01 Data approvazioni

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

ADF SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LAVORO NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE INTERMEDIA DEI MEDICINALI PER USO UMANO

ADF SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LAVORO NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE INTERMEDIA DEI MEDICINALI PER USO UMANO ADF ASSOCIAZIONE DISTRIBUTORI FARMACEUTICI ISTITUTO DI CERTIFICAZIONE DELLA QUALITÀ SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LAVORO NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE INTERMEDIA DEI MEDICINALI

Dettagli

GENERAL MOTORS ITALIA S.R.L.

GENERAL MOTORS ITALIA S.R.L. GENERAL MOTORS ITALIA S.R.L. Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex art. 6, 3 comma, Decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche,

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche di Dario Soria (*) e Giuseppe Santucci (**) Per affrontare il problema della salute e sicurezza sul lavoro è necessario,

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI

DOCUMENTO DI SINTESI DOCUMENTO DI SINTESI relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI WYETH LEDERLE S.r.l. aggiornato il 1 Dicembre 2014 INDICE PARTE GENERALE 1. IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO: IL DECRETO

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 PREMESSA... 4 DISPOSIZIONI GENERALI... 5 Articolo 1... 5 Ambito di applicazione e Destinatari... 5 Articolo 2... 5 Comunicazione... 5 Articolo 3... 6 Responsabilità...

Dettagli

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Province di: Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari ACQUA

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

CALENDARIO CORSI 2015

CALENDARIO CORSI 2015 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL - Business Assurance Segreteria Didattica Training Tel. +39 039 60564 - Fax +39 039 6058324 e-mail: training.italy@dnvgl.com www.dnvba.it/training BUSINESS ASSURANCE CALENDARIO

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Linee guida per l elaborazione di modelli organizzativi di gestione e controllo ex d.lgs. N. 231/01

Linee guida per l elaborazione di modelli organizzativi di gestione e controllo ex d.lgs. N. 231/01 Linee guida per l elaborazione di modelli organizzativi di gestione e controllo ex d.lgs. N. 231/01 Giugno 2012 INTRODUZIONE Con la presente guida, Confndustria Assoconsult intende offrire ai propri associati

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 CIRA S.C.p.A. (PARTI GENERALI) DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 14 GENNAIO 2014 REVISION HISTORY DOC.

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l. Certification International (UK) Limited [CI UK] è un Organismo di Certificazione accreditato UKAS che fornisce i propri servizi di certificazione attraverso una rete di uffici di rappresentanza in tutto

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Manuale del Sistema di Gestione Integrato Ambiente & Sicurezza per PMI

Manuale del Sistema di Gestione Integrato Ambiente & Sicurezza per PMI SISTEMA GESTIONALE INTEGRATO Ambiente Sicurezza con la collaborazione di: e di: pag. 1 di 272 INDICE Cap. 1 Introduzione... 12 1.1 Premessa... 12 1.2 Perché i sistemi gestionali... 12 1.3 Elementi principali

Dettagli

Approvato in sede di Consiglio di Amministrazione del 26 settembre 2013

Approvato in sede di Consiglio di Amministrazione del 26 settembre 2013 MAGNETI MARELLI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001 INDICE DEFINIZIONI... 5 SEZIONE I... 7 INTRODUZIONE... 7 1. Il decreto legislativo n. 231/01 e la normativa rilevante...

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE CRITERIO OPERATIVO N 3 CRO 03 CRITERI OPERATIVI Revisione 01 del 15.02.13 Pagina 1 di 12 CRITERI OPERATIVI PER

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Linee guida dell Associazione Bancaria Italiana per l adozione di modelli organizzativi sulla responsabilità amministrativa delle banche

Linee guida dell Associazione Bancaria Italiana per l adozione di modelli organizzativi sulla responsabilità amministrativa delle banche Linee guida dell Associazione Bancaria Italiana per l adozione di modelli organizzativi sulla responsabilità amministrativa delle banche (d.lgs. n. 231/2001) INDICE Capitolo I IL D.LGS. n. 231/2001 1.

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

ai sensi del D.Lgs 231/2001

ai sensi del D.Lgs 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO GASPARINA DI SOPRA Società Cooperativa Sociale Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Sistema Disciplinare 1 ELENCO DELLE

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

PARTE SPECIALE 3 Altri reati

PARTE SPECIALE 3 Altri reati MODELLO ORGANIZZATIVO ai sensi del D.Lgs. 231/2001 PAGINA 1 DI 13 - SOMMARIO 1. TIPOLOGIA DI REATI... 3 1.1 DELITTI CONTRO LA PERSONALITA INDIVIDUALE... 3 1.2 SICUREZZA SUL LAVORO... 3 1.3 RICETTAZIONE,

Dettagli

DELL IPS G. RAVIZZA SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008

DELL IPS G. RAVIZZA SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 IL SISTEMA GESTIONE QUALITA DELL IPS G. RAVIZZA SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 Col termine know-how ( so come ) si definisce il patrimonio brevettuale e brevettabile di un azienda, per la quale rappresenta

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli