ALCOL. per saperne di più. per saperne di più

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALCOL. per saperne di più. per saperne di più"

Transcript

1 per saperne di più Il consumo di bevande alcoliche è uno dei fattori che influenzano lo stato di salute e quindi il benessere della persona. Bere è un comportamento individuale ma è necessario essere consapevoli che ciò rappresenta comunque un rischio per la propria e altrui salute. I rischi legati al bere possono coinvolgere, oltre che il consumatore, altre persone (compagni di lavoro, familiari, amici, ) e possono ripercuotersi anche su chi ha scelto di non bere. Non esistono quantità sicure di alcol. Per proteggere la nostra salute è opportuno parlare di quantità a basso rischio evidenziando che un rischio minimo esiste anche a bassi livelli di consumo.. Nessun individuo può essere sollecitato al consumo anche moderato di bevande alcoliche considerando i rischi che l uso di alcol comporta per l organismo. Gli individui che non assumono bevande alcoliche, non possono e non devono essere sollecitati a modificare il proprio atteggiamento (OMS Organizzazione Mondiale della Sanità). Questo piccola guida si prefigge di fornire alcune informazioni riguardo gli effetti che il consumo di bevande alcoliche può esercitare sullo stato di salute in generale e sulle capacità lavorative in particolare. per saperne di più ALCOL

2

3 Camminare in direzione di posti che non si possono raggiungere camminando, è un abitudine che bisogna perdere Parlare di faccende che non si possono decidere parlando, è un abitudine che bisogna perdere Pensare intorno a problemi che non si possono risolvere pensando, è un abitudine che bisogna perdere, diceva Me - Ti Bertold Brecht Me - Ti Il libro delle svolte

4 a cura del: Unità Alcologica SOC Ser.T. Rovigo Dipartimento Salute Mentale Redazione: Dott.ssa Raffaella Guarini Unità Alcologica Ser.T 1 Dott.ssa Valeria Martin SPISAL Dott. Marcello Mazzo Unità Alcologica Ser.T 1 Stampa Cooperativa Sociale Nike Kai Dike Fiesso Umbertiano (Ro) Tel

5 5 L Alcol è 6 Quanto alcol 7 Ricordati che 8 L Alcolemia 11 Effetti psicofisici 12 Alcol e lavoro 15 Cosa dice la legge 17 Rischi Professionali 18 Si dice che 20 A chi rivolgersi 21 Numeri utili

6

7 L ALCOL È L Organizzazione Mondiale della Sanità classifica l alcol tra le sostanze in grado di alterare i processi mentali e di indurre dipendenza fisica e psichica. In altri termini, in quanto sostanza psicoattiva che provoca tolleranza e dipendenza, l alcol è una vera e propria droga. Il vino, la birra e gli aperitivi sono bevande alcoliche perché contengono una certa percentuale di alcol. Tale percentuale viene espressa di norma in gradi: il vino da tavola, ad esempio, ha 10/12 gradi, la birra 5 gradi e i superalcolici circa 45 gradi. Gli astemi sono coloro che non hanno mai bevuto alcolici. Gli astinenti sono coloro che hanno deciso di smettere di bere alcolici. I bevitori problematici sono quelli che hanno qualche problema legato al bere. Gli alcolisti sono quelli che hanno una evidente dipendenza e non riescono a controllare il loro bere.

8 Quanto Alcol c è nel tuo bicchiere? L assunzione di bevande alcoliche può essere uno dei fattori che influenzano le condizioni psicofisiche dell individuo e quindi il suo benessere nell ambiente lavorativo. Ogni bevanda contiene una diversa quantità di alcol che varia in base alla gradazione alcolica. È importante conoscere la quantità di alcol presente in un bicchiere di bevanda alcolica. A tale proposito ti proponiamo una tabella riassuntiva con le bevande alcoliche più comuni. bevanda quantità unità gradazione alcolica birre normali 1 boccale piccolo (330 ml) 1 3,0-3,5 1 boccale grande (500 ml) 1 1/2 3,0-3,5 birre estere 1 boccale piccolo (330 ml) 1 1/2 3,6-4,5 1 boccale grande (500 ml) 2 3,6-4,5 super alcolici 1 misura standard (40 ml) 1 1/ bottiglia (750 ml) vino 1 misura standard (40 ml) 1 1/ bottiglia (750 ml) 8 1/ litro per saperne di più ALCOL e LAVORO

9 Quindi ricordati che Un boccale di birra, un bicchierino di superalcolico, un bicchiere di vino, contengono la stessa quantità di alcol e cioé 1,5 unità di alcol (1 unità alcolica corrisponde a circa 8 grammi di alcol) La tua salute e il tuo benessere psicofisico sono a rischio se superi: 3 UNITÀ ALCOLICHE al giorno se sei UOMO o 2 birre, 2 bicc. di vino, 2 superalcolici 2 UNITÀ ALCOLICHE al giorno se sei DONNA o 1 birra e un po, 1 bicc. di vino e un po, 1 superalcolico e un po

10 L alcolemia L alcolemia è la concentrazione di alcol nel sangue che si misura in grammi di alcol contenuti in 1 litro di sangue. Questo valore indica quanto alcol è arrivato nel nostro sangue e quanto alcol arriverà al nostro cervello. Quanto maggiore è il valore dell alcolemia, tanto più sono compromesse le condizioni psicofisiche dell individuo, tenendo presente che anche a livelli minimi di assunzione di bevande alcoliche, quindi con livelli di alcolemia bassi, si determina una diminuzione dell efficienza psicofisica della persona. Il codice della strada vieta la guida di un autoveicolo con un alcolemia pari o superiore a 0,5 gr/litro, ma in realtà l abilità di guida risulta influenzata già a livelli inferiori di alcolemia. Nell ambiente di lavoro con un alcolemia di 0,5 gr/litro la probabilità di avere un infortunio è doppia rispetto alla condizione di non assunzione. Ad esempio un lavoratore con alcolemia di 1,5 g/l ha probabilità di essere coinvolto in un infortunio 25 volte superiori rispetto ad un soggetto sobrio che è nelle medesime condizioni spazio-temporali. per saperne di più ALCOL e LAVORO

11 alcolemia g/l Cresce la tendenza ad agire in modo rischioso. 20 I riflessi sono leggermente disturbati. 30 I movimenti e le manovre di lavoro diventano più bruschi 40 Si riduce l elaborazione mentale delle percezioni sensoriali La capacità visiva laterale è ridotta Gli ostacoli e i movimenti vengono percepiti con maggiore 50 difficoltà Euforia, impulsività e arroganza LIMITE LEGALE PER LA GUIDA DI AUTOVEICOLI Si possono compiere errori anche di grave entità durante la 60 presentazione lavorativa Prolungamento dei tempi di reazione e riduzione della capacità di precisione Forte diminuzione della capacità di valutazione degli 90 ingombri e delle distanze. Incertezza nei movimenti. L attenzione e la concentrazione sono ridotte al minimo 100 Il livello di capacità visiva è alterato e i tempi di reazione sono più lunghi Lo stato di ebbrezza è chiaramente visibile 150 Rallentamento evidente delle capacità percettive e mancanza di coordinazione motoria Irascibilità - Diplopia - Impossibilità nei movimenti di 200 precisione 300 Stato soporoso Coma 600 Morte

12 ricordati che Lo svolgere lavori pesanti non vuol dire smaltire più in fretta l alcol. TEMPO OCCORRENTE PERCHÈ L ALCOL VENGA ELIMINATO DAL CORPO E L ALCOLEMIA SI RIDUCA A LIVELLI NON PERICOLOSI: 1 ora per ogni bicchiere assunto. che è il primo bicchiere che ubriaca, NO L ULTIMO. 10 per saperne di più ALCOL e LAVORO

13 L ALCOL PER GLI EFFETTI PSICOFISICI PUÓ RENDERE RISCHIOSO IL TUO LAVORO ALTERAZIONI DELLA CAPACITÀ VISIVA visione confusa e riduzione della visione notturna del 25% RALLENTAMENTO DEI TEMPI DI REAZIONE riflessi più lenti PERDITA DI CONCENTRAZIONE E ATTENZIONE sonnolenza e difficoltà a mantenere l attenzione su un attività per un certo periodo di tempo RIDUZIONE DELLA CAPACITÀ DI GIUDIZIO tendenza a sopravvalutare le proprie capacità e a non rispettare le norme di sicurezza MANCANZA DI COORDINAZIONE MOTORIA Disturbi dell equilibrio e difficoltà a compiere due o più azioni contemporaneamente L assenza dal luogo di lavoro per malattia è 4 volte maggiore negli alcolisti, e l alcolismo è la causa del 40% dei cambiamenti dei posti di lavoro. 11

14 ALCOL e LAVORO In Italia avvengono ogni anno circa 1 milione di infortuni sul lavoro. Quanti di questi sono correlati al consumo di alcol? Anche se le statistiche ufficiali non forniscono dati specifici, possiamo prendere in considerazione i dati ottenuti in una ASL del Veneto: su 430 lavoratori infortunati che si erano recati al Pronto Soccorso, ben il 37% presentava tracce di alcol nel sangue, mentre l 1,4% dei soggetti presentava valori elevati di alcolemia. Secondo uno studio della Regione Emilia e Romagna del 1999, la correlazione tra incidenti sul lavoro e uso di alcol sarebbe compresa tra il 10 e il 30%. Nella letteratura scientifica si riporta che il 17% di tutti gli infortuni sul lavoro sarebbero attribuibili al consumo di alcol e distribuiti nella fascia di età compresa tra: anni (19%) anni (21%) anni (9%) 12 per saperne di più ALCOL e LAVORO

15 È indubbio che il consumo di alcol ha una corresponsabilità in numerosi incidenti gravi, particolarmente in quelli avvenuti alla guida o a bordo di mezzi di trasporto: Tra il 1991 e il 2000, nella Regione Veneto, si è passati da a infortuni, con un incremento di oltre il 200%. In alcuni Stati europei la percentuale degli infortuni mortali alcol correlati è la seguente: Francia 15-25% Polonia 8-25% Inghilterra 20% Danimarca 17% Germania 32% (cantieri navali) 1 milione di infortuni sul lavoro 13

16 Elenco esemplificativo delle mansioni in cui dovrebbe essere vietato il consumo di bevande alcoliche: guida di mezzi di trasporto su strada, rotaia acqua e aria guida di macchine di movimentazione terra e merci guida o ai comandi di macchine agricole pannelli di comando di macchine di sollevamento e movimentazione merci comando di macchine complesse o robotizzate nell utilizzo di macchine utensili di ogni tipo nell edilizia e in tutti i lavori in quota nelle fonderie e lavorazioni metalli nell industria del legno nell impiantistica elettrica nell industria chimica a rischio di incidente rilevante nelle lavorazioni a rischio d incendio nelle cave e miniere nei cementifici e fornaci cura o sorveglianza di altre persone (insegnanti, personale socio-sanitario, ecc.) 14 per saperne di più ALCOL e LAVORO

17 COSA DICE LA LEGGE D.P.R. 19/03/56 n. 303 Norme generali per l igiene del lavoro Art. 42 è vietata la somministrazione di vino, birra e altre bevande alcoliche all interno delle aziende. È consentita tuttavia la somministrazione di modiche quantità nei locali mensa durante l ora dei pasti. (In alcune aziende è stato abolito il consumo di bevande alcoliche anche in mensa). Decreto Legislativo 19/9/94 n. 626 Attuazione delle Direttive CEE riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro Art. 4 comma 5 lett. c) il datore di lavoro nell affidare i compiti ai lavoratori tiene conto delle capacità e delle condizioni degli stessi in rapporto alla loro salute e sicurezza. Art. 4 comma 5 lett. f) il datore di lavoro richiede l osservanza da parte dei lavoratori delle norme vigenti, nonché delle disposizioni aziendali in materia di sicurezza e igiene del lavoro. 15

18 E recentemente Legge 30/03/2001 n. 25 Legge quadro in materia di alcol e di problemi alcolcorrelati. Art. 15 Disposizioni per la sicurezza sul lavoro. Nelle attività lavorative che comportano un elevato rischio di infortuni sul lavoro ovvero per la sicurezza, l incolumità o la salute di terzi è fatto divieto di assunzione e di somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche. I medici competenti delle aziende e i medici del lavoro degli organi di vigilanza delle ASL possono sottoporre i lavoratori a controlli alcolimetrici. È prevista la conservazione del posto di lavoro, per un periodo non superiore a tre anni, per quei lavoratori con patologie alcolcorrelate che si sottopongono ai programmi terapeutici di riabilitazione. 16 per saperne di più ALCOL e LAVORO

19 FATTORI DI RISCHIO PROFESSIONALI SOSTANZE e SITUAZIONI DANNI ALCOL + SOLVENTI ALCOL + PESTICIDI ALCOL + METALLI ALCOL + RUMORE all apparato uditivo ALCOL + BASSE TEMPERATURE ALCOL + RISCHIO BIOL. IL CONSUMO DI BEVANDE ALCOLICHE IN SITUAZIONI LAVORATIVE AUMENTA IL RISCHIO DI MALATTIA al sistema nervoso e al fegato al sistema nervoso e al fegato al sistema nervoso e al fegato ABBASSA la temperatura corporea aumenta incidenza malattie infettive 17

20 SI DICE CHE L alcol dà forza, e invece elimina temporaneamente la sensazione di fatica. Chi svolge lavori pesanti non elimina più in fretta l alcol rispetto ai lavoratori d ufficio o sedentari. L alcol toglie la sete, mentre al contrario aumenta la sete in quanto essendo un diuretico fa perdere acqua all organismo. L alcol riscalda, in realtà la sensazione di calore è solo momentanea. Infatti, essendo un vasodilatatore periferico, l alcol aumenta la quantità di sangue che circola sotto la pelle producendo così una sensazione di calore. Questo fa si che il calore interno del corpo si disperda verso l esterno determinando una diminuzione della temperatura interna. Accade quindi che quando termina l effetto della vasodilatazione se si è bevuto molto e se la temperatura dell ambiente è particolarmente rigida si percepiscono brividi di freddo. 18 per saperne di più ALCOL e LAVORO

21 L alcol dà sicurezza, in realtà riduce la nostra capacità di giudizio e crea un senso di sicurezza e di euforia che porta a sopravvalutare le proprie capacità. L alcol fa latte, ma ciò non è mai stato dimostrato. È sicuro invece che l alcol attraverso il latte materno DANNEGGIA IL SISTEMA NERVOSO CENTRALE DEL BAMBINO. L alcol fa bene alla sessualità, in verità anche se accende il desiderio RIDUCE LA PRESTAZIONE sessuale. A lungo andare causa impotenza nell uomo e riduce l orgasmo nella donna. 19

22 A CHI RIVOLGERSI Ammettere di avere un problema con l alcol e pensare di cercare aiuto e di risolverlo è già un inizio importante verso la soluzione del problema. Se pensi di avere un problema con il bere o se credi che l alcol sia un rischio per il tuo benessere o per quello di una persona che conosci puoi rivolgerti alle organizzazione e ai servizi che possono darti informazioni ed aiuto: Medici del Lavoro Medici di Medicina Generale Servizi di Alcologia presso ULSS o ospedali Servizi per le tossicodipendenze (Ser.T) Associazioni di Alcolisti Anonimi (A.A.) Associazioni Club Alcolisti in Trattamento (ACAT) 20 per saperne di più ALCOL e LAVORO

23 NUMERI UTILI Ser.T Rovigo Viale Gramsci, 27 Rovigo tel Ser.T Lendinara Via Perolari Lendinara (Ro) tel Unità Alcologica ULSS 18 Viale Gramsci, 27 Rovigo tel SPISAL ULSS 18 Viale Tre Martiri Rovigo tel Alcolisti Anonimi e Al-Anon San Martino di Venezze (Ro) tel Associazione Club Alcolisti in Trattamento ACAT Medio Polesine Rovigo tel Associazione Club Alcolisti in Trattamento ACAT Polesine Occidentale Castelmassa tel

24 note

25 note

26 note

27

28 per saperne di più Il consumo di bevande alcoliche è uno dei fattori che influenzano lo stato di salute e quindi il benessere della persona. Bere è un comportamento individuale ma è necessario essere consapevoli che ciò rappresenta comunque un rischio per la propria e altrui salute. I rischi legati al bere possono coinvolgere, oltre che il consumatore, altre persone (compagni di lavoro, familiari, amici, ) e possono ripercuotersi anche su chi ha scelto di non bere. Non esistono quantità sicure di alcol. Per proteggere la nostra salute è opportuno parlare di quantità a basso rischio evidenziando che un rischio minimo esiste anche a bassi livelli di consumo.. Nessun individuo può essere sollecitato al consumo anche moderato di bevande alcoliche considerando i rischi che l uso di alcol comporta per l organismo. Gli individui che non assumono bevande alcoliche, non possono e non devono essere sollecitati a modificare il proprio atteggiamento (OMS Organizzazione Mondiale della Sanità). Questo piccola guida si prefigge di fornire alcune informazioni riguardo gli effetti che il consumo di bevande alcoliche può esercitare sullo stato di salute in generale e sulle capacità lavorative in particolare. per saperne di più ALCOL

Informativa assunzione di alcol nei luoghi di lavoro

Informativa assunzione di alcol nei luoghi di lavoro ISTITUTO COMPRENSIVO N 17 Informativa assunzione di alcol nei luoghi di lavoro [L. 125/01 e D.Lgs 81/08] Il lavoratore, oltre a proteggere la propria salute e sicurezza, deve tutelare quella altrui come

Dettagli

REGIONE BASILICATA Azienda Sanitaria U.S.L.n 2. Salute e Lavoro. L Alcol negli ambienti di Lavoro

REGIONE BASILICATA Azienda Sanitaria U.S.L.n 2. Salute e Lavoro. L Alcol negli ambienti di Lavoro REGIONE BASILICATA Azienda Sanitaria U.S.L.n 2 Salute e Lavoro L Alcol negli ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria U.S.L. n. 2 Potenza Progetto realizzato da: U.O. Medicina del Lavoro e Sicurezza degli

Dettagli

Allegato al Documento di Valutazione dei rischi

Allegato al Documento di Valutazione dei rischi Valutazione del rischio Alcol dipendenza Allegato al Documento di Valutazione dei rischi Euservice s.r.l. - Largo Principessa Brancaccio, 2-00027 Roviano (RM)- info@euservice.it 81@euservice.it www.euservice.it

Dettagli

Progetto E.W.A. ULSS n. 10 «Veneto Orientale»

Progetto E.W.A. ULSS n. 10 «Veneto Orientale» ALCOL E LAVORO Progetto E.W.A. ULSS n. 10 «Veneto Orientale» SPSAL dott. Giorgio Cipolla dott. Andrea Bitozzi Dipartimento per le Dipendenze: dott. Roberto Giusto dott.ssa Donatella Bozzato dott.ssa Sonia

Dettagli

Opuscolo. Informativo/Formativo. Alcol e Alcoldipendenza

Opuscolo. Informativo/Formativo. Alcol e Alcoldipendenza N Prot. Sicurezza sul Lavoro Opuscolo Informativo/Formativo per i Lavoratori della Scuola Alcol e Alcoldipendenza Salute e Benessere La salute ed il benessere sono elementi essenziali per lo sviluppo personale,

Dettagli

Gli incidenti stradali

Gli incidenti stradali Nel mondo ogni anno ci sono Gli incidenti stradali 1 milione 200 mila morti (1 ogni 25 secondi) 50 milioni feriti (1 al secondo circa) In Italia in un giorno ci sono 633 incidenti stradali in media con

Dettagli

PER VOLERSI BENE CI VUOLE FEGATO.

PER VOLERSI BENE CI VUOLE FEGATO. PER VOLERSI BENE CI VUOLE FEGATO. 1 L alcol è un nemico per la tua salute. (*) fonte: EPICENTRO - Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute L uso di alcol può provocare

Dettagli

A B C. della SICUREZZA contro l abuso di ALCOL e STUPEFACENTI. Manuale ad uso dei lavoratori. A. Messineo S. Villarini A.

A B C. della SICUREZZA contro l abuso di ALCOL e STUPEFACENTI. Manuale ad uso dei lavoratori. A. Messineo S. Villarini A. A. Messineo S. Villarini A. Imperatore A B C della SICUREZZA contro l abuso di ALCOL e STUPEFACENTI Manuale ad uso dei lavoratori ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e s.m., dell art.

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA IN EDILIZIA

SORVEGLIANZA SANITARIA IN EDILIZIA SORVEGLIANZA SANITARIA IN EDILIZIA Per «sorveglianza sanitaria» si intende l «insieme degli atti medici, finalizzati alla tutela dello stato di salute e sicurezza dei lavoratori, in relazione all ambiente

Dettagli

Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro.

Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro. Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro. Alcol e droghe sul lavoro Perché dire NO Non vogliamo vietare nulla Mettiamo le cose in chiaro: non

Dettagli

ASL NO - NOVARA ALCOL E LAVORO ESPERIENZA NEL COMPARTO EDILE DEL TERRITORIO DELL ASL NO - NOVARA

ASL NO - NOVARA ALCOL E LAVORO ESPERIENZA NEL COMPARTO EDILE DEL TERRITORIO DELL ASL NO - NOVARA ASL NO - NOVARA Dipartimento di Prevenzione S.Pre.S.A.L. ALCOL E LAVORO ESPERIENZA NEL COMPARTO EDILE DEL TERRITORIO DELL ASL NO - NOVARA Novara, 26 Novembre 2010 Dott.ssa Anna Adriana Centonze 1 PREMESSA

Dettagli

Alcol e lavoro: la nuova delibera regionale

Alcol e lavoro: la nuova delibera regionale Alcol e lavoro: la nuova delibera regionale S E M I N A R I O : L A S A L U T E E S I C U R E Z Z A S U L L A V O R O N E L L A G R A N D E D I S T R I B U Z I O N E E N E L L E R S A C A P A N N O R I

Dettagli

Per un bicchiere di troppo Le pratiche rischiose di giovani e adulti

Per un bicchiere di troppo Le pratiche rischiose di giovani e adulti 16 Aprile 2014 Carnate Auditorium Scuola di v. Magni Per un bicchiere di troppo Le pratiche rischiose di giovani e adulti M. Raffaella Rossin, psicologa-psicoterapeuta - SIA Lombardia L obiettivo di questo

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO...NON PER L ABUSO! DAL 13 NOVEMBRE 2010 PER MOLTI LOCALI È OBBLIGATORIO DOTARSI DI ETILOMETRO O PRECURSORE.

ISTRUZIONI PER L USO...NON PER L ABUSO! DAL 13 NOVEMBRE 2010 PER MOLTI LOCALI È OBBLIGATORIO DOTARSI DI ETILOMETRO O PRECURSORE. VADEMECUM ALCOOL DEF:Layout 1 15/02/11 10:57 Pagina 1 Federazione Italiana Esercenti Pubblici e Turistici Polizia di Stato ISTRUZIONI PER L USO...NON PER L ABUSO! DAL 13 NOVEMBRE 2010 PER MOLTI LOCALI

Dettagli

ALCOL E LAVORO. PROBLEMATICHE ED OBBLIGHI PER IL MEDICO DEL LAVORO 25 gennaio 2007 COMMENTO MEDICO-GIURIDICO DELLA RECENTE NORMATIVA

ALCOL E LAVORO. PROBLEMATICHE ED OBBLIGHI PER IL MEDICO DEL LAVORO 25 gennaio 2007 COMMENTO MEDICO-GIURIDICO DELLA RECENTE NORMATIVA ALCOL E LAVORO PROBLEMATICHE ED OBBLIGHI PER IL MEDICO DEL LAVORO 25 gennaio 2007 COMMENTO MEDICO-GIURIDICO DELLA RECENTE NORMATIVA Marco Chiaravalli, Laura Guzzetti, Mario Tavani PIANO D AZIONE EUROPEO

Dettagli

A cura dei ragazzi del biennio ITIS Coordinatore: prof Donato Saini

A cura dei ragazzi del biennio ITIS Coordinatore: prof Donato Saini Progetto: SICUREZZA STRADALE 2007 Sede Centrale ISISS Mostra informativa sui pericoli dell alcol A cura dei ragazzi del biennio ITIS Coordinatore: prof Donato Saini per mille : questi illustri sconosciuti

Dettagli

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE Claudio Annovi (1), Roberta Biolcati (1), Renato Di Rico (2), Gianfranco De Girolamo (3), Clara Fogliani (2),

Dettagli

DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PSICOTROPE

DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PSICOTROPE ATTIVITA LAVORATIVA ABUSO DI BEVANDE ALCOLICHE USO DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PSICOTROPE PUNTO DI PARTENZA Decreto legislativo 81 del 2008: Articolo 41: Nei casi ed alle condizioni previste dall ordinamento

Dettagli

Dipartimento per le Dipendenze - U.O. Ser.T. Dipartimento Prevenzione - U.O. Igiene e Sanità Pubblica. Progetto Grafi co federico grazzini

Dipartimento per le Dipendenze - U.O. Ser.T. Dipartimento Prevenzione - U.O. Igiene e Sanità Pubblica. Progetto Grafi co federico grazzini Dipartimento per le Dipendenze - U.O. Ser.T. Dipartimento Prevenzione - U.O. Igiene e Sanità Pubblica Progetto Grafi co federico grazzini BERE... tira su? Volevi passare una serata da latin lover e credevi

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

RIFLESSI SULLA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

RIFLESSI SULLA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO RIFLESSI SULLA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO Fonti normative Accertamento assenza tossicodipendenza in lavoratori addetti a mansioni comportanti rischi per la sicurezza, la incolumità e la salute dei

Dettagli

Progetto finanziato dal Dipartimento per le Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Progetto finanziato dal Dipartimento per le Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri Progetto finanziato dal Dipartimento per le Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri Con questo breve opuscolo vogliamo darti qualche informazione rispetto ai danni che l uso e

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro S.P.I.S.A.L. Consumo di bevande alcoliche

Dettagli

PROGETTO LUOGHI DI LAVORO SENZA ALCOL SE LAVORO NON BEVO

PROGETTO LUOGHI DI LAVORO SENZA ALCOL SE LAVORO NON BEVO PROGETTO LUOGHI DI LAVORO SENZA ALCOL SE LAVORO NON BEVO Guglielmo Nicola Bauleo 1, Roberta Anulli 2, Paola Scatolini 1 1 U. F. PISLL - Zona Valtiberina Az. USL 8 di Arezzo 2 U. F. PISLL Zona Aretina,

Dettagli

ALCOL E DROGA NELL AUTOTRASPORTO: RISCHI E NORME APPLICABILI

ALCOL E DROGA NELL AUTOTRASPORTO: RISCHI E NORME APPLICABILI ALCOL E DROGA NELL AUTOTRASPORTO: RISCHI E NORME APPLICABILI SICUREZZA E IGIENE DEL LAVORO PREVENZIONE INCENDI AMBIENTE SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE PROGETTAZIONE Dott. Ing. Paolo Fichera Studio associato

Dettagli

Dipendenza da Sostanze d abuso e Mondo del lavoro. Dott. Emilio De Pasquale Direttore Struttura Complessa Interdistrettuale Ser.T A.S. P.

Dipendenza da Sostanze d abuso e Mondo del lavoro. Dott. Emilio De Pasquale Direttore Struttura Complessa Interdistrettuale Ser.T A.S. P. Dipendenza da Sostanze d abuso e Mondo del lavoro Dott. Emilio De Pasquale Direttore Struttura Complessa Interdistrettuale Ser.T A.S. P. VV La promozione della salute nei luoghi di lavoro si attua attraverso

Dettagli

L ALCOLISMO. Un problema risolvibile

L ALCOLISMO. Un problema risolvibile L ALCOLISMO Un problema risolvibile MAPPA INTRODUZIONE DIPENDENZA PERCHÈ SI ABUSA? ASPETTI SOCIALI 1. GIOVANILE 2. VIOLENZA TERAPIE ASSOCIAZIONI UTILI L ALCOLISMO INTRODUZIONE È LA PIÙ ANTICA E DIFFUSA

Dettagli

Alcool e lavoro. Dott. Giorgio SERAFINI Direttore S.Pre.S.A.L. A.S.L. TO3

Alcool e lavoro. Dott. Giorgio SERAFINI Direttore S.Pre.S.A.L. A.S.L. TO3 Dott. Giorgio SERAFINI Direttore S.Pre.S.A.L. A.S.L. TO3 Art. 41 del D. Lgs. 09/04/2008, n 81 - Art. 15 della legge 125/2001 1. Nelle attività lavorative che comportano un elevato rischio di infortuni

Dettagli

Statistiche e stime su rapporto tra assunzione di alcolici e infortuni sul lavoro Antonella Ciani Passeri CeRIMP - Regione Toscana

Statistiche e stime su rapporto tra assunzione di alcolici e infortuni sul lavoro Antonella Ciani Passeri CeRIMP - Regione Toscana Statistiche e stime su rapporto tra assunzione di alcolici e infortuni sul lavoro Antonella Ciani Passeri CeRIMP - Regione Toscana Alcol e salute In Europa (OMS) terza causa di mortalità prematura, dopo

Dettagli

parole sull alcol R.Stella, 2013 1

parole sull alcol R.Stella, 2013 1 R.Stella, 2013 1 parole sull alcol Che cosa è una dose moderata di alcol 2 Gli effetti dell alcol sull organismo sono molto variabili da individuo a individuo, risentendo di numerosi fattori come il sesso,

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI I DATI EPIDEMIOLOGICI Sez. III Consumo di Alcol e Sicurezza Stradale 2 Consumo di Alcol L alcol insieme a fumo, attività fisica e alimentazione ha assunto nell ambito della

Dettagli

RISCHI LAVORATIVI DA ALCOL LEGISLAZIONE E PROCEDURE. 16 giugno 2015 Ing. Stefano Morachiello R.S.P.P.

RISCHI LAVORATIVI DA ALCOL LEGISLAZIONE E PROCEDURE. 16 giugno 2015 Ing. Stefano Morachiello R.S.P.P. RISCHI LAVORATIVI DA ALCOL LEGISLAZIONE E PROCEDURE MORTALITÀ ALCOL CORRELATA IN ITALIA più di 25.000 all anno (17.000 maschi, 8000 femmine) 10% di tutti i decessi Cause: cirrosi epatica incidenti stradali

Dettagli

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Conferenza stampa per la presentazione della Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Partecipano: Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale

Dettagli

Le difficoltà applicative e le ambiguità interpretative delle normative su stupefacenti ed alcool.

Le difficoltà applicative e le ambiguità interpretative delle normative su stupefacenti ed alcool. Le difficoltà applicative e le ambiguità interpretative delle normative su stupefacenti ed alcool. Linee di indirizzo regionali e legittimità procedurali STUPEFACENTI, ALCOOL E STRESS: A CHE PUNTO SIAMO

Dettagli

L uso di bevande alcoliche e la sicurezza stradale

L uso di bevande alcoliche e la sicurezza stradale L uso di bevande alcoliche e la sicurezza stradale I risultati dello Studio PASSI 2005 in Provincia di Savona Maria Paola Briata Savona 7 Maggio 2007 Consumo ed abuso di bevande alcoliche l alcol insieme

Dettagli

ALCOL NORMATIVE DI RIFERIMENTO

ALCOL NORMATIVE DI RIFERIMENTO ALCOL NORMATIVE DI RIFERIMENTO Dott.ssa Loredana Guidi 1 LEGGE QUADRO IN MATERIA DI ALCOL E DI PROBLEMI ALCOLCORRELATI N. 125 / 30 MARZO 2001 CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI

Dettagli

I RISCHI CORRELATI ALL USO DI SOSTANZE ALCOLICHE

I RISCHI CORRELATI ALL USO DI SOSTANZE ALCOLICHE I RISCHI CORRELATI ALL USO DI SOSTANZE ALCOLICHE FEBBRAIO 2009 L'alcol alimentare (alcol etilico o etanolo) presente in diversa concentrazione nelle bevande alcoliche è una sostanza che deriva dalla fermentazione

Dettagli

Asl8_AW_Alcool:Layout 1 10/07/12 18.40 Pagina 1

Asl8_AW_Alcool:Layout 1 10/07/12 18.40 Pagina 1 Asl8_AW_Alcool:Layout 1 10/07/12 18.40 Pagina 1 Asl8_AW_Alcool:Layout 1 10/07/12 18.40 Pagina 2 2 La Salute non è solo assenza di malattia ma molto di più: è vivere con ritmi che rispettano i propri limiti,

Dettagli

Norme recenti sul rischio alcol correlato per i luoghi di lavoro

Norme recenti sul rischio alcol correlato per i luoghi di lavoro Norme recenti sul rischio alcol correlato per i luoghi di lavoro Corso Formazione sull identificazione precoce e l intervento breve per la prevenzione dei problemi e dei danni alcol correlati nei contesti

Dettagli

Informazioni di base. ALCOL: informazioni di base 1

Informazioni di base. ALCOL: informazioni di base 1 Informazioni di base ALCOL: informazioni di base 1 Pur rappresentando una sostanza giuridicamente legale, l alcol è una sostanza psicotropa che può dare dipendenza, oltre a causare patologie, traumi gravi,

Dettagli

LA SICUREZZA DEL TIROCINANTE IN CONTESTO LAVORATIVO. Informazioni per la prevenzione e la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

LA SICUREZZA DEL TIROCINANTE IN CONTESTO LAVORATIVO. Informazioni per la prevenzione e la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro LA SICUREZZA DEL TIROCINANTE IN CONTESTO LAVORATIVO SPISAL Servizio Prevenzione Igiene Sicurezza negli Ambienti di Lavoro SIL Servizio integrazione lavorativa Opuscolo realizzato nell ambito di un percorso

Dettagli

Isili 17 novembre 2012

Isili 17 novembre 2012 Club Alcologico Territoriale Isili Isili 17 novembre 2012 1 Centro Alcologico Senorbì Comune di Isili ... stato di benessere fisico, psichico e sociale e non solo assenza di malattia o infermità... presuppone

Dettagli

DUNQUE SCELGO! PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SALUTE LA PREVENZIONE ALL USO E ABUSO DI ALCOL NEI GIOVANI DELLE SCUOLE SECONDARIE DI I GRADO

DUNQUE SCELGO! PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SALUTE LA PREVENZIONE ALL USO E ABUSO DI ALCOL NEI GIOVANI DELLE SCUOLE SECONDARIE DI I GRADO PENSO DUNQUE SCELGO! PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SALUTE LA PREVENZIONE ALL USO E ABUSO DI ALCOL NEI GIOVANI DELLE SCUOLE SECONDARIE DI I GRADO In collaborazione con: Acat 23 di Piove di Sacco Dipartimento

Dettagli

Allegato al Documento di Valutazione dei rischi

Allegato al Documento di Valutazione dei rischi Valutazione del rischio Alcol dipendenza Allegato al Documento di Valutazione dei rischi Euservice s.r.l. - Largo Principessa Brancaccio, 2-00027 Roviano (RM) - Segreteria consulenza info@euservice.it

Dettagli

ALCOL E SOSTANZE STUPEFACENTI

ALCOL E SOSTANZE STUPEFACENTI ALCOL E SOSTANZE STUPEFACENTI INTRODUZIONE LA NORMATIVA ALCOL E LAVORO LE MANSIONI A RISCHIO GLI ACCERTAMENTI programma... .introduzione L alcol è una sostanza tossica e potenzialmente cancerogena in grado

Dettagli

Alcol, droghe. Guida sicura 2010/2011. Ce.Do.S.T.Ar. Centro di Documentazione e Ricerca sul Fenomeno delle Dipendenze Patologiche del Ser.T.

Alcol, droghe. Guida sicura 2010/2011. Ce.Do.S.T.Ar. Centro di Documentazione e Ricerca sul Fenomeno delle Dipendenze Patologiche del Ser.T. Alcol, droghe. Guida sicura 2010/2011 Ce.Do.S.T.Ar. Centro di Documentazione e Ricerca sul Fenomeno delle Dipendenze Patologiche del Ser.T. Arezzo L ambiente strada I fattori che intervengono nella guida:

Dettagli

Il consumo di alcol nell Azienda Ulss 19

Il consumo di alcol nell Azienda Ulss 19 Il consumo di alcol nell Azienda Ulss 19 I dati del sistema di sorveglianza PASSI anni 2011-2012 Rapporto a cura di: Annamaria Del Sole (Coordinatore Aziendale PASSI Dipartimento di Prevenzione AULSS 19),

Dettagli

Alcol, droghe e comportamenti a rischio

Alcol, droghe e comportamenti a rischio 26 marzo 2014 h. 09.10-11.00: LEZIONE DI LEGALITA Alcol, droghe e comportamenti a rischio prof.ssa Alessandra Busulini Mosaico - classi 1 e : prevenzione all uso di alcol Mosaico - classi 2 e : prevenzione

Dettagli

Alcol al volante. Per una guida sicura verso il futuro. upi Ufficio prevenzione infortuni

Alcol al volante. Per una guida sicura verso il futuro. upi Ufficio prevenzione infortuni Alcol al volante Per una guida sicura verso il futuro upi Ufficio prevenzione infortuni Salute! Molti incidenti stradali sono causati da un conducente in stato di ebbrezza. Sotto l influenza dell alcol

Dettagli

ALCOL? NO, GRAZIE IO GIOCO A CALCIO!

ALCOL? NO, GRAZIE IO GIOCO A CALCIO! ALCOL? NO, GRAZIE IO GIOCO A CALCIO! L'alcol è uno dei principali fattori di rischio per la salute. Bere è una libera scelta individuale e familiare, ma è necessario essere consapevoli che rappresenta

Dettagli

ALCOL E GUIDA INCIDENTI STRADALI E ALCOL

ALCOL E GUIDA INCIDENTI STRADALI E ALCOL ALCOL E GUIDA L alcol viene da alcuni considerato una bevanda, da altri un alimento, da altri ancora un farmaco, assume a volte significati simbolici e presenta aspetti culturali e rituali di tipo sociale

Dettagli

Quello che c è da sapere sull alcol

Quello che c è da sapere sull alcol Schede di approfondimento Quello che c è da sapere sull alcol Vi siete mai chiesti cosa accade quando si consumano alcolici, se è proprio vero che le donne sopportano l alcol meno degli uomini, o se un

Dettagli

www.menoalcolpiugusto.it Ed. pr. Albino Ferrarotto

www.menoalcolpiugusto.it Ed. pr. Albino Ferrarotto www.menoalcolpiugusto.it Ed. pr. Albino Ferrarotto Cos è E la campagna di prevenzione alcologica promossa dal Gruppo Alcologia del DIPARTIMENTO per le Dipendenze dell Ulss n.6 di Vicenza Il messaggio di

Dettagli

sai quando basta? www.sai-quando-basta.it

sai quando basta? www.sai-quando-basta.it sai quando basta? www.sai-quando-basta.it ... per mille : questi illustri sconosciuti... La quantità di alcol presente nel sangue di una persona che ha bevuto alcolici viene chiamata alcolemia e può essere

Dettagli

Legge 30 marzo 2001, n. 125 Art.15. (Disposizioni per la sicurezza sul lavoro)

Legge 30 marzo 2001, n. 125 Art.15. (Disposizioni per la sicurezza sul lavoro) Legge 30 marzo 2001, n. 125 Art.15. (Disposizioni per la sicurezza sul lavoro) 1. Nelle attività lavorative che comportano un elevato rischio di infortuni sul lavoro ovvero per la sicurezza, l'incolumità

Dettagli

Da una parte. D altra parte. Tutto quello che si deve sapere sull alcol e le altre sostanze generanti dipendenza nel posto di lavoro.

Da una parte. D altra parte. Tutto quello che si deve sapere sull alcol e le altre sostanze generanti dipendenza nel posto di lavoro. Da una parte. D altra parte. Tutto quello che si deve sapere sull alcol e le altre sostanze generanti dipendenza nel posto di lavoro. Una campagna Suva in collaborazione con l'istituto svizzero di prevenzione

Dettagli

TUTTO (O QUASI) QUELLO CHE SI DEVE SAPERE PER BERE IN MODO CONSAPEVOLE

TUTTO (O QUASI) QUELLO CHE SI DEVE SAPERE PER BERE IN MODO CONSAPEVOLE TUTTO (O QUASI) QUELLO CHE SI DEVE SAPERE PER BERE IN MODO CONSAPEVOLE A cura di: Kashem Lubaba Omerovic Ismeta Omerovic Ramayana III A Anno Scolastico 2009 2010 LE BEVANDE ALCOLICHE L alcool è l ingrediente

Dettagli

ALCOL E LAVORO. Premessa

ALCOL E LAVORO. Premessa ALCOL E LAVORO Premessa L uso di bevande alcoliche rappresenta un abitudine largamente diffusa in Italia da sempre sostenuta da una cultura familiare e sociale di normalizzazione del cosiddetto bere sociale.

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA

L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA 5 aprile 2011 Anno 2010 L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA Nel 2010 la quota di popolazione di 11 anni e più che ha consumato almeno una bevanda alcolica l anno è pari al 65,7%, in diminuzione rispetto

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Alcol e giovani I rischi e le tendenze

Alcol e giovani I rischi e le tendenze Alcol e giovani I rischi e le tendenze Emanuele Scafato, ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA Direttore Centro OMS Ricerca e promozione salute alcol e problemi alcol correlati Direttore Osservatorio Nazionale

Dettagli

ALCOL E PATENTI. Dr. Sergio Dini Resp. Unità Funzionale Attività Certificative Medico Legali Az. Usl 8 Arezzo

ALCOL E PATENTI. Dr. Sergio Dini Resp. Unità Funzionale Attività Certificative Medico Legali Az. Usl 8 Arezzo ALCOL E PATENTI Dr. Sergio Dini Resp. Unità Funzionale Attività Certificative Medico Legali Az. Usl 8 Arezzo Cosa dice la legge? Art. 119 CdS: Requisiti fisici e psichici per il conseguimento della patente

Dettagli

IC RIPI Tiberio Galloni INS. Visca Tullia Paniccia Pina. UDA (ambito disciplinare: matematico, tecnologico-scientifico) Un cin cin di troppo

IC RIPI Tiberio Galloni INS. Visca Tullia Paniccia Pina. UDA (ambito disciplinare: matematico, tecnologico-scientifico) Un cin cin di troppo IC RIPI Tiberio Galloni INS. Visca Tullia Paniccia Pina UDA (ambito disciplinare: matematico, tecnologico-scientifico) Un cin cin di troppo Denominazione Un cin cin di troppo Compito Un sabato sera Luca

Dettagli

Dr.ssa Antonella Zangirolami SPISAL ULSS 18

Dr.ssa Antonella Zangirolami SPISAL ULSS 18 La persona disabile ossia incapace di compiere normalmente delle attività in relazione alla propria età e sesso, può trovarsi in una condizione di svantaggio il cui grado dipende dalle condizioni ambientali.

Dettagli

La guida in stato di ebbrezza in Italia: verso la tolleranza zero

La guida in stato di ebbrezza in Italia: verso la tolleranza zero La guida in stato di ebbrezza in Italia: verso la tolleranza zero Umberto Guidoni Segretario Generale Fondazione ANIA per la sicurezza stradale I dati sulla guida in stato di ebbrezza secondo una recente

Dettagli

Consumo di alcol. Gli indicatori Passi

Consumo di alcol. Gli indicatori Passi Consumo di alcol Nell ambito della promozione di stili di vita sani, il consumo di alcol ha assunto un importanza sempre maggiore, perché l alcol è associato a numerose malattie: cirrosi del fegato, malattie

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

Alcol.piacere di conoscerti!

Alcol.piacere di conoscerti! Alcol.piacere di conoscerti! Cesenatico, 10 Settembre 2010 Marco Matassoni Cosa ci fa pensare la parola alcol? un abitudine piacevole con molte controindicazioni un abitudine che si può modificare abbastanza

Dettagli

Allegato 3 QUESTIONARIO POST PER I PEER

Allegato 3 QUESTIONARIO POST PER I PEER Allegato 3 QUESTIONARIO POST PER I PEER Ti chiediamo di rispondere con la massima tranquillità e sincerità alle domande che troverai di seguito: tieni presente che il questionario è anonimo per ogni domanda,

Dettagli

La gestione del lavoratore con problemi alcool correlati all interno di una grande azienda

La gestione del lavoratore con problemi alcool correlati all interno di una grande azienda La gestione del lavoratore con problemi alcool correlati all interno di una grande azienda Dott.ssa Francesca Basta Medico Competente ULSS n.6 Vicenza Il medico competente, nell espletamento della sorveglianza

Dettagli

In collaborazione con

In collaborazione con In collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE ALCOL CNESPS bere SIA WHO COLLABORATING CENTRE FOR RESEARCH AND HEALTH PROMOTION ON ALCOHOL AND ALCOHOL-RELATED HEALTH PROBLEMS SOCIETÀ ITALIANA ALCOLOGIA non

Dettagli

Un sistema per guadagnare salute

Un sistema per guadagnare salute Un sistema per guadagnare salute PASSI è il sistema di sorveglianza sugli stili di vita degli adulti tra i 18 e i 69 anni PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema

Dettagli

Alcohol Prevention Day. Istituto Superiore di Sanità Roma, 7 Aprile 2011 ALCOL & LAVORO. Prof. Valentino Patussi

Alcohol Prevention Day. Istituto Superiore di Sanità Roma, 7 Aprile 2011 ALCOL & LAVORO. Prof. Valentino Patussi Alcohol Prevention Day Istituto Superiore di Sanità Roma, 7 Aprile 2011 ALCOL & LAVORO Prof. Valentino Patussi Centro Alcologico Regionale della Toscana Centro di Alcologia Azienda Ospedaliero Universitaria

Dettagli

ALCOL & LAVORO Decreto Legislativo n. 9 aprile 2008 n. 81

ALCOL & LAVORO Decreto Legislativo n. 9 aprile 2008 n. 81 Istituto Superiore Statale Bianchi-Virginio Liceo Artistico e Istituto tecnico per Geometri di Cuneo ALCOL & LAVORO Decreto Legislativo n. 9 aprile 2008 n. 81 Aggiornamento 2013 ing. Ezio MEINERI viale

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Titolo IX SOSTANZE PERICOLOSE

D.Lgs. 81/08 Titolo IX SOSTANZE PERICOLOSE Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro STOP DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC

Dettagli

Sistema di Sorveglianza PASSI

Sistema di Sorveglianza PASSI ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Direzione Generale della Sanità Osservatorio Epidemiologico Regionale Sistema di Sorveglianza PASSI Schede Tematiche e 2008-2011 Alcol Consumo

Dettagli

PROGETTO ALCOL/LAVORO

PROGETTO ALCOL/LAVORO PROGETTO ALCOL/LAVORO RISULTATO INDAGINE STILI DI VITA PIANO PER LA SALUTE DEL CIRCONDARIO IMOLESE PROGETTO ALCOL/LAVORO RISULTATI INDAGINE DELLA ELABORAZIONE DEI QUESTIONARI A cura di: Staff Dirigenziale

Dettagli

Gli effetti ed i pericolo dell assunzione di alcol e droghe al volante www.fachstelle-asn.ch

Gli effetti ed i pericolo dell assunzione di alcol e droghe al volante www.fachstelle-asn.ch bere o guidare Gli effetti ed i pericolo dell assunzione di alcol e droghe al volante www.fachstelle-asn.ch Cosa succede quando si assumono bevande alcoliche? Cosa succede nel corpo? Una piccola percentuale

Dettagli

Opuscolo. Soltanto sorseggiandolo piano e assaporandolo lentamente, si può apprezzare e godere appieno del gusto composito di un vino.

Opuscolo. Soltanto sorseggiandolo piano e assaporandolo lentamente, si può apprezzare e godere appieno del gusto composito di un vino. Opuscolo Il vino con moderazione Il vino: la cultura della moderazione Da millenni la produzione e il consumo di vino fanno parte del retaggio europeo. L UE è il principale produttore di vino al mondo,

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 2016 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori GRECO, TOMASSINI e PELLICINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 23 GENNAIO

Dettagli

POLITICA AZIENDALE SULLE SOSTANZE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA-MEDOLE-SOLFERINO

POLITICA AZIENDALE SULLE SOSTANZE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA-MEDOLE-SOLFERINO POLITICA AZIENDALE SULLE SOSTANZE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA-MEDOLE-SOLFERINO SCOPO E OBIETTIVI L obiettivo aziendale di realizzare e mantenere per i dipendenti un ambiente di lavoro sicuro, sano

Dettagli

INCONTRO SPISAL MEDICI COMPETENTI Vicenza 20 dicembre 2011. dott. Pierantonio Zanon SPISAL ULSS n. 6 VICENZA

INCONTRO SPISAL MEDICI COMPETENTI Vicenza 20 dicembre 2011. dott. Pierantonio Zanon SPISAL ULSS n. 6 VICENZA Consumo di alcool e attività lavorativa: azioni del MC per le categorie individuate dal Provvedimento 16 marzo 2006 e giudizio di idoneità per i lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria. INCONTRO

Dettagli

determinazione del Direttore Generale n. 81/14 del 18.04.2014

determinazione del Direttore Generale n. 81/14 del 18.04.2014 Misure relative alla prevenzione dei rischi derivanti in ambito lavorativo dall assunzione di bevande alcoliche e sostanze psicotrope e stupefacenti (Art. 41 c. 4 bis D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81 e s.m.i.)

Dettagli

Centro Servizi per il Volontariato di Rovigo. Amministrazione Provinciale di Rovigo

Centro Servizi per il Volontariato di Rovigo. Amministrazione Provinciale di Rovigo L ALCOL, LE DROGHE E LA GUIDA: COSA SAPERE PER SCEGLIERE LA SICUREZZA Libretto informativo sui rischi dell assunzione di alcol e droghe alla guida, realizzato con il contributo di: Centro Servizi per il

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE IN TEMA DI ALCOL

REGOLAMENTO AZIENDALE IN TEMA DI ALCOL COORDINAMENTO MEDICI COMPETENTI GRUPPO HERA REGOLAMENTO AZIENDALE IN TEMA DI ALCOL DOTT. SANTE TABANELLI MEDICO CHIRURGO SPECIALISTA IN MEDICINA DEL LAVORO COORDINATORE MEDICI COMPETENTI GRUPPO HERA BREVE

Dettagli

Aspetti operativi della sorveglianza sanitaria su tossicodipendenza

Aspetti operativi della sorveglianza sanitaria su tossicodipendenza Aspetti operativi della sorveglianza sanitaria su tossicodipendenza Dott. Giuseppe Giubbarelli Medico del lavoro UO Medicina del lavoro Ospedale di Sassuolo Cosa sono le droghe Sostanze : Psicoattive :(agiscono

Dettagli

Il vino con moderazione

Il vino con moderazione Il vino con moderazione Il vino: la cultura della moderazione Da millenni la produzione e il consumo di vino fanno parte del retaggio europeo. L UE è il principale produttore di vino al mondo, come anche

Dettagli

ALCOL e GUIDA. «se vuoi bere fallo con la testa» Azienda sanitaria locale della provincia di Como. A cura di. Walter Mascetti psicologo

ALCOL e GUIDA. «se vuoi bere fallo con la testa» Azienda sanitaria locale della provincia di Como. A cura di. Walter Mascetti psicologo ALCOL e GUIDA Azienda sanitaria locale della provincia di Como Azienda sanitaria locale ASL della provincia di Como A cura di Walter Mascetti psicologo Responsabile Unità operativa alcologia Dipartimento

Dettagli

INDAGINE SUL CONSUMO DI BEVANDE ALCOLICHE NEI LAVORATORI DEL COMPARTO ESTRATTIVO DELLA VALLE DEL SERCHIO

INDAGINE SUL CONSUMO DI BEVANDE ALCOLICHE NEI LAVORATORI DEL COMPARTO ESTRATTIVO DELLA VALLE DEL SERCHIO INDAGINE SUL CONSUMO DI BEVANDE ALCOLICHE NEI LAVORATORI DEL COMPARTO ESTRATTIVO DELLA VALLE DEL SERCHIO Dott.ssa Livia Rondina U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro USL2 Dott. Dino

Dettagli

TUTORIAL!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!www.protezionecitta.it!

TUTORIAL!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!www.protezionecitta.it! TUTORIALwww.protezionecitta.it Effetti dell'alcool (limiti e sanzioni) Effetti oggettivi dell alcool Gli effetti negativi dell alcool sulla guida sono ben noti. Esso agisce su diverse funzioni cerebrali

Dettagli

FONDO NAZIONALE DI INTERVENTO PER LA LOTTA ALLA DROGA,

FONDO NAZIONALE DI INTERVENTO PER LA LOTTA ALLA DROGA, Regioni Partner: Regione Valle d Aosta Regione Lombardia Regione Veneto Regione Emilia Romagna Regione Marche Regione Abruzzo Regione Umbria Regione Calabria Regione Sicilia Regione Toscana (Capofila del

Dettagli

Accessibilità, Presa in Carico e Continuità delle Cure LE CURE DELLA SALUTE MENTALE E DELLE DIPENDENZE. OSPEDALE di SAN BONIFACIO (VR) SALA CONVEGNI

Accessibilità, Presa in Carico e Continuità delle Cure LE CURE DELLA SALUTE MENTALE E DELLE DIPENDENZE. OSPEDALE di SAN BONIFACIO (VR) SALA CONVEGNI OSPEDALE di SAN BONIFACIO (VR) SALA CONVEGNI Venerdì 13 dicembre 2013 Accessibilità, Presa in Carico e Continuità delle Cure LE CURE DELLA SALUTE MENTALE E DELLE DIPENDENZE Dr. Alfio De Sandre Direttore

Dettagli

Alcol e alimentazione sul posto di lavoro

Alcol e alimentazione sul posto di lavoro 01 Alcol e alimentazione sul posto di lavoro Introduzione La promozione della salute nei luoghi di lavoro si attua attraverso la corretta applicazione delle normative, la qualità degli ambienti, l organizzazione

Dettagli

Dott. G.Miscetti Dott.ssa P.Bodo Dott. E.P.Abbritti

Dott. G.Miscetti Dott.ssa P.Bodo Dott. E.P.Abbritti ALCOOL E SOSTANZE PSICOTROPE E STUPEFACENTI Dott. G.Miscetti Dott.ssa P.Bodo Dott. E.P.Abbritti U.O.C. PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ASL2 - PERUGIA ALCOOL, SOSTANZE PS e Servizi di Prevenzione

Dettagli

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden SOGGETTI COINVOLTI DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI R.S.P.P. Medico Competente LAVORATORI R.L.S. Obblighi

Dettagli

ALCOL E LAVORO PRINCIPALI ASPETTI NORMATIVI RELATIVI ALLA TUTELA DELLA SALUTE DEI LAVORATORI

ALCOL E LAVORO PRINCIPALI ASPETTI NORMATIVI RELATIVI ALLA TUTELA DELLA SALUTE DEI LAVORATORI SERVIZIO SANITARIO REGIONALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 1 TRIESTINA VIA G. SAI N 1-3 34128 TRIESTE ALCOL E LAVORO PRINCIPALI ASPETTI NORMATIVI RELATIVI ALLA TUTELA DELLA SALUTE DEI LAVORATORI Negli

Dettagli

Alcol e lavoro: «i casi e le condizioni previste dall ordinamento» Anna Guardavilla Giurista

Alcol e lavoro: «i casi e le condizioni previste dall ordinamento» Anna Guardavilla Giurista Alcol e lavoro: «i casi e le condizioni previste dall ordinamento» Anna Guardavilla Giurista D.Lgs. 81/08 art. 41 c.4 Nei casi ed alle condizioni previste dall'ordinamento, le visite sono altresì finalizzate

Dettagli

REPORT ATTIVITA DI PREVENZIONE SUI NUOVI COMPORTAMENTI D ABUSO RELATIVA AL TERRITORIO DELLA ASL 4 CHIAVARESE

REPORT ATTIVITA DI PREVENZIONE SUI NUOVI COMPORTAMENTI D ABUSO RELATIVA AL TERRITORIO DELLA ASL 4 CHIAVARESE REPORT ATTIVITA DI PREVENZIONE SUI NUOVI COMPORTAMENTI D ABUSO RELATIVA AL TERRITORIO DELLA ASL 4 CHIAVARESE REFERENTI DOTT. REBOLINI, DOTT. LORENZOTTI, DOTT.SSA CELLE Durante l attività di Prevenzione

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Galileo Galilei Arezzo Classe V sezione A anno scolastico 2009/10 e 2010/11 Dora Casuccio (Professoressa)

Istituto Tecnico Industriale Statale Galileo Galilei Arezzo Classe V sezione A anno scolastico 2009/10 e 2010/11 Dora Casuccio (Professoressa) Progetto Shorti- NO Istituto Tecnico Industriale Statale Galileo Galilei Arezzo Classe V sezione A anno scolastico 2009/10 e 2010/11 Dora Casuccio (Professoressa) Associazione Valdarnese di Solidarietà

Dettagli