PARTICELLE SUBATOMICHE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARTICELLE SUBATOMICHE"

Transcript

1 MODELLI ATOMICI Il cammino per arrivare alla moderna teoria atomica è stato lungo e complesso: ogni nuova scoperta faceva venire alla luce anche nuovi problemi, che dovevano essere affrontati e risolti; è stato necessario modificare profondamente l impostazione tradizionale della fisica, creare di fatto una nuova fisica, per poter costruire dei modelli del mondo microscopico che potessero interpretare in modo soddisfacente i fenomeni osservati. Il risultato finale di questo enorme lavoro teorico è quella conoscenza dell atomo che ha fornito le basi a una varietà di applicazioni tecnologiche, compreso lo sfruttamento delle sue enormi riserve di energia, e che ha cambiato la storia stessa: da quando esiste la bomba atomica, l uomo sa che mai più potrà permettersi una guerra mondiale. Lo studio del mondo degli atomi non è ancora esaurito: da una parte continua la ricerca teorica sulle numerose particelle più piccole dell atomo; dall altra continua la ricerca teorica e tecnologica per mettere a punto soluzioni che permettano di sfruttare l energia dell atomo senza i problemi associati alle centrali nucleari attuali. Per comprendere meglio la moderna teoria dell atomo è importante riconsiderare i vari stadi che hanno portato alla sua formulazione, e capire attraverso quali scoperte, esperienze, ipotesi e proposte di modelli si è arrivati alle attuali conoscenze. Alcuni fenomeni, scoperti e studiati alla fine del XIX secolo, hanno reso evidente che esistono particelle più piccole dell atomo e che, quindi, l atomo non è indivisibile e non è la particella più piccola della materia, ma è a sua volta costituito da altre particelle: ha, cioè, una struttura complessa. I fenomeni più importanti furono quelli riguardanti le scariche elettriche attraverso i gas e la radioattività. Le PARTICELLE SUBATOMICHE Alla fine dell Ottocento gli scienziati effettuarono molti esperimenti per studiare la conducibilità elettrica nei gas; in questi esperimenti essi impiegavano un tubo di vetro nel quale si faceva il vuoto, togliendo il più possibile l aria dal suo interno, e che poi veniva riempito con il gas in esame: 1

2 Alle estremità del tubo venivano inoltre posti due elettrodi, fra i quali si applicava una differenza di potenziale di circa V: azionando la pompa aspirante, si abbassava gradualmente la pressione del gas all interno del tubo e, quando la pressione raggiungeva un valore sufficientemente basso, si notava che il gas cominciava a condurre corrente, rendendo luminoso il tubo. Se tuttavia la pressione del gas veniva abbassata ulteriormente, compariva una zona scura intorno al catodo: questa zona scura diveniva sempre più estesa man mano che la pressione del gas nel tubo diminuiva; ad una pressione di circa 10-6 atm, il gas rimasto nel tubo non emetteva più luce: il vetro aveva tuttavia una luminosità diffusa, a causa della fluorescenza provocata da raggi emessi dal catodo. Tali raggi vennero chiamati raggi catodici, e gli scienziati effettuarono una serie di esperimenti per identificarne la natura e studiarne le proprietà; si scoprì così che: - i raggi catodici si propagano in linea retta (mettendo una croce di Malta sulla traiettoria dei raggi, si forma l ombra netta della croce sul vetro); - i raggi catodici sono costituiti da particelle dotate di massa (mettendo sulla traiettoria dei raggi catodici un mulinello a pale, si osserva che questo mulinello si mette a girare quando viene colpito); - i raggi catodici sono costituiti da particelle dotate di carica elettrica negativa (se si pongono, sopra e sotto il fascio, due piastre elettricamente cariche e di segno opposto, il fascio di raggi catodici devia dal suo percorso, perché viene attratto dalla piastra positiva e respinto da quella negativa). 2

3 Le particelle che costituiscono i raggi catodici vennero chiamate elettroni: esse risultarono identiche, qualunque fosse la natura del gas presente nel tubo e qualunque fosse il metallo usato per costruire il catodo. L obiettivo successivo, per gli scienziati, fu quello di mettere a punto esperimenti per determinare il valore della massa e della carica degli elettroni: alla fine del secolo scorso il fisico inglese Thomson riuscì a determinare il rapporto fra la carica e la massa dell elettrone. Nel 1909 Millikan stabilì che la carica dell elettrone è di 1, Coulomb. La conoscenza di questi due valori permise di ricavare quindi quello della massa dell elettrone: me = 9, g La carica dell elettrone è la carica elementare, cioè è la minima quantità di carica elettrica esistente: per questo motivo la si sceglie spesso come unità di misura per la carica elettrica delle particelle che costituiscono la materia; ad esempio, dire che una particella ha carica +2e significa dire che quella particella ha una carica elettrica di segno positivo, il cui valore assoluto è doppio del valore assoluto della carica dell elettrone. In molti casi la lettera e viene omessa, e si indica soltanto il numero che esprime la misura della carica in termini di e: quando si usa questa convenzione, la carica elettrica delle particelle viene espressa soltanto da un numero preceduto da un segno (ad esempio, la carica dell elettrone viene espressa come 1). La SCOPERTA della RADIOATTIVITA Verso la fine del XIX secolo si scoprì che esistono in natura alcuni elementi che emettono spontaneamente radiazioni e si trasformano in altri elementi; nel 1897 il fisico Becquerel scoprì che i minerali di uranio erano capaci di impressionare una lastra fotografica: questo indicava che l uranio emette radiazioni alle quali una lastra è sensibile. Qualche anno dopo i coniugi Curie isolarono da un minerale di uranio un nuovo elemento, che chiamarono radio, e che emetteva radiazioni molto più intense di quelle dell uranio; gli esperimenti mostrarono che le radiazioni emesse dalle sostanze radioattive sono di tre tipi. Nel 1899 Rutherford identificò due di esse, e poco dopo venne identificata anche la terza: per distinguerle è sufficiente far passare un fascio di radiazioni attraverso un forte campo magnetico. Il campo agisce in modo diverso sui diversi tipi di raggi: due di essi vengono deviati dal campo, ma in direzioni opposte, il che indica che sono costituiti da particelle dotate di carica elettrica opposta; il terzo tipo non subisce alcuna deviazione, e ciò indica che non è associato alla presenza di cariche elettriche. Una cosa analoga avviene se si fa passare la radiazione attraverso due piastre cariche elettricamente con segno opposto; i tre tipi di radiazione vennero indicati con le prime tre lettere dell alfabeto greco, e sono: - i raggi, costituiti da nuclei di elio; 3

4 - i raggi, costituiti da elettroni (cioè sono le stesse particelle che costituiscono i raggi catodici; - i raggi, costituiti da onde elettromagnetiche con lunghezza d onda molto piccola e, quindi, frequenza ed energia molto alte. La scoperta della radioattività e i risultati ottenuti negli studi sui raggi catodici cambiarono radicalmente l immagine dell atomo, perché: - il fatto che gli atomi potessero emettere particelle indicava molto chiaramente che l atomo non era indivisibile; - il fatto che le particelle emesse fossero dotate di carica elettrica indicava chiaramente che la carica è una caratteristica della materia, presente nei suoi costituenti più piccoli. Inoltre, siccome la materia è normalmente neutra, diventava evidente che, all interno dell atomo, le cariche positive e quelle negative dovessero bilanciarsi. Una volta stabilito che l atomo è costituito da particelle più piccole, si presentava subito un altro problema: quello di comprendere come queste particelle sono «organizzate» all interno dell atomo; all inizio del XX secolo furono proposti due modelli diversi, uno da Thomson e l altro da Rutherford. Thomson ipotizzò che l atomo avesse una struttura omogenea, con la massa e la carica positiva distribuite omogeneamente in tutto lo spazio dell atomo, e gli elettroni inseriti all interno come particelle individuali distribuite in modo uniforme. Il modello era compatibile con i calcoli teorici; per ritenerlo valido sarebbe stata però necessaria una conferma sperimentale. Secondo il modello di Rutherford, la massa e la carica positiva sono concentrate in una parte molto piccola dell atomo, chiamata nucleo, e gli elettroni si trovano nella zona periferica, a grande distanza del nucleo. Questa ipotesi nasceva da un importante esperienza, effettuata da due allievi di Rutherford: essi avevano bombardato una lamina sottilissima di metallo con particelle veloci; uno schermo rivelatore indicava i punti di arrivo delle particelle, permettendo quindi di stabilirne la traiettoria dopo il passaggio attraverso la lamina. 4

5 Se fosse stato valido il modello di Thomson, cioè se l atomo avesse avuto una struttura omogenea, le particelle avrebbero dovuto comportarsi tutte nello stesso modo, perché in qualunque punto avessero colpito la lamina metallica avrebbero trovato situazioni equivalenti. In realtà, le particelle si comportarono in modo diverso: per la maggior parte passarono senza subire deviazioni, ma alcune vennero deviate secondo vari angoli, e alcune addirittura respinte (veniva deviata circa una particella su 8000); questo comportamento spinse Rutherford a proporre il suo modello, l unico in grado di spiegarlo. Le particelle che non venivano deviate erano quelle che passavano abbastanza distanti dai nuclei: quelle che si avvicinavano ai nuclei venivano deviate per effetto della repulsione elettrica, visto che sia le particelle che i nuclei sono positivi; tanto più si avvicinavano ai nuclei, tanto più fortemente venivano deviate. Quelle che viaggiavano direttamente verso i nuclei venivano respinte: queste ultime erano poche, e ciò mostrava che la probabilità che una particella si dirigesse proprio contro un nucleo era bassa. Ciò porta a concludere che il nucleo occupa una parte molto piccola rispetto allo spazio complessivamente occupato da un atomo. Il modello di Rutherford, nato dall esperienza, si proponeva come quello valido: massa e carica positiva sono concentrate in una parte molto piccola dell atomo con gli elettroni che sono invece distribuiti tutt intorno e occupano tutto il resto dell atomo. Una volta appurato che la carica positiva è concentrata nel nucleo, restava da vedere se esistevano particelle dotate di una carica positiva minima (cosi come l elettrone è dotato di una carica negativa minima). L atomo è neutro, perché contiene cariche positive e cariche negative in numero uguale: però gli elettroni, responsabili delle cariche negative, si trovano alla periferia dell atomo, e possono esserne strappati; quando questo avviene, le cariche positive non sono più bilanciate esattamente da quelle negative: l atomo allora non è più elettricamente neutro, ma ha una carica positiva: si dice che è uno ione positivo. Gli scienziati determinarono sperimentalmente la massa e la carica di vari ioni positivi: trovarono che la carica positiva più piccola è quella che ha lo stesso valore assoluto della carica dell elettrone, ma segno 5

6 opposto; fra gli ioni con carica +1, quello avente massa più piccola era quello ottenuto dall atomo di idrogeno: questo ione è quindi la più piccola particella dotata di carica positiva e venne chiamato protone. A questo punto siamo già in grado di fornire un primo schema della struttura fondamentale dell atomo, e di definire alcune grandezze che lo caratterizzano: l atomo è costituito da un nucleo, nel quale sono concentrate la massa e la carica positiva, e dagli elettroni, che si trovano intorno al nucleo e occupano la quasi totalità del volume dell atomo. Il nucleo è a sua volta costituito da particelle più piccole: i protoni, con carica, ed i neutroni, elettricamente neutri (cioè non dotati di carica); protoni, neutroni ed elettroni sono stati a lungo considerati particelle elementari, cioè particelle indivisibili e semplici (non costituite a loro volta da altre particelle). Più recentemente i fisici hanno scoperto che neutroni e protoni sono a loro volta costituiti da quarks, particelle elementari che non possono mai essere isolate singolarmente: per quanto riguarda le caratteristiche dell atomo che interessano il chimico, non è comunque necessario prendere in considerazione questa loro struttura complessa. Il NUMERO ATOMICO e il NUMERO di MASSA Il numero atomico è il numero di protoni presenti nel nucleo di un atomo: viene generalmente indicato con la lettera Z; in un atomo neutro, il numero di cariche negative presenti è uguale al numero di cariche positive: quindi il numero di elettroni è uguale al numero di protoni. La carica nucleare è la carica elettrica complessiva del nucleo dell atomo: è dovuta ai protoni e poiché ogni protone ha carica +1, la carica del nucleo è +Z; questi valori di carica sono ovviamente riferiti alla carica elementare e: quindi la carica di un nucleo è pari in valore assoluto a +Ze. Il numero di protoni presenti nel nucleo è ciò che rende gli elementi diversi l uno dall altro: il numero atomico, quindi, è caratteristico per ogni elemento. Quando si vuole indicare il numero atomico di un elemento, è convenzione scriverlo in basso a sinistra del simbolo dell elemento: 1H 6C 8O 11Na Il numero di massa è la somma del numero di protoni e del numero di neutroni: come si deduce facilmente dai valori della massa delle particelle, protoni e neutroni sono i principali responsabili della massa di un atomo (al loro confronto, la massa degli elettroni è praticamente trascurabile); per questo motivo, il numero che esprime la loro somma è associato al concetto di massa. Quando si conoscono il numero atomico e il numero di massa di un elemento, è facile calcolare il numero di protoni, neutroni ed elettroni presenti nell atomo di quell elemento; infatti: N protoni = Z N neutroni = A Z N elettroni = Z (se l atomo è neutro) 6

7 Quando si vuole indicare il numero di massa di un elemento è convenzione scriverlo in alto a sinistra rispetto al simbolo dell elemento: così, ad esempio, la scrittura 23 Na ci informa che il numero di massa del sodio è 23. Esistono atomi che hanno lo stesso numero di protoni e diverso numero di neutroni: avendo lo stesso numero di protoni, sono atomi di uno stesso elemento e hanno quindi lo stesso numero atomico; il diverso numero di neutroni determina invece un diverso numero di massa. Atomi di questo tipo vengono chiamati isotopi dell elemento preso in considerazione: gli isotopi di uno stesso elemento hanno le stesse proprietà chimiche. L idrogeno, ad esempio, ha tre isotopi: l idrogeno 1 H, con un protone nel nucleo e nessun neutrone, il deuterio 2 H, con un protone e un neutrone nel nucleo ed il trizio 3 H, con un protone e due neutroni nel nucleo. Quando esistono due o più isotopi naturali di un dato elemento, quell elemento è sempre presente come miscela dei suoi isotopi: la composizione della miscela è costante in natura, cioè le percentuali dei vari isotopi che la costituiscono sono sempre le stesse. Per alcuni elementi, la percentuale di uno degli isotopi è molto alta, e le percentuali degli altri sono molto basse: nel caso dell idrogeno, ad esempio, il primo isotopo è di gran lunga il più diffuso, costituendo il 99,9844% di tutto l idrogeno esistente; il deuterio è presente soltanto per lo 0,0156% ed il trizio non è praticamente presente in natura, ma è stato creato artificialmente in laboratorio, ed è radioattivo (sembra che sulla Terra esista un solo atomo di trizio su ogni 1017 atomi di idrogeno, mentre la percentuale è più alta nelle stelle). Per altri elementi due o più isotopi sono presenti in percentuali considerevoli, come nel caso del cloro, dove l isotopo con numero di massa 35 è presente per il 75,4% e l isotopo con numero di massa 37 per il 24,6%. Quando si determina sperimentalmente la massa atomica di un elemento, non si separano i vari isotopi: il valore che si ottiene nasce quindi dal contributo di tutti gli isotopi di quell elemento presenti in natura; è cioè un valore medio a cui ogni isotopo contribuisce a seconda della percentuale con cui è presente (maggiore è la percentuale, maggiore è il contributo dell isotopo corrispondente). Se si conoscono le masse e le percentuali degli isotopi naturali di un dato elemento, è possibile calcolare la massa atomica media di quell elemento mediante l equazione della media pesata; questo è un tipo di media che tiene conto del fatto che i singoli contributi non hanno tutti la stessa importanza. Per calcolarla, si moltiplica il numero di massa di ciascun isotopo per il corrispondente valore di percentuale, si sommano tutti i termini così ottenuti e si divide la somma per 100: in tal modo, il contributo di un isotopo presente in percentuale maggiore ha più peso del contributo di un isotopo presente in percentuale minore. Per determinare le masse atomiche dei singoli isotopi di un elemento si usa uno strumento chiamato spettrometro di massa. 7

8 L ATOMO di BOHR Fino al momento in cui Rutherford propose il suo modello di atomo, la fisica si era sviluppata senza incontrare grosse crisi: Galileo e Newton avevano posto le basi della meccanica, descrivendo il moto dei corpi e le leggi che lo governano; altri fisici avevano studiato i fenomeni elettrici e magnetici e formulato le leggi dell elettromagnetismo. Nel suo complesso, la fisica si presentava come un insieme di conoscenze che gli esperimenti continuavano a confermare; tali leggi sono tuttora considerate valide per la descrizione dei fenomeni e degli oggetti del mondo macroscopico : a questa parte della fisica si dà oggi il nome di fisica classica. Il comportamento delle particelle del mondo microscopico (l atomo e i suoi costituenti) non risultava però in accordo con le leggi della fisica classica: secondo queste leggi l atomo, così come lo aveva ipotizzato Rutherford, non sarebbe potuto esistere. Infatti, il nucleo e gli elettroni hanno carica di segno opposto, e particelle con carica di segno opposto si attirano: l attrazione dovrebbe portare le particelle a muoversi l una verso l altra fino a incontrarsi. Se una delle due particelle ruota intorno all altra, come fa l elettrone intorno al nucleo, l effetto combinato del moto e dell attrazione elettrica le farebbe descrivere una traiettoria a spirale con cui si avvicinerebbe sempre più all altra particella, fino a cadervi sopra: man mano che la particella si avvicina a quella intorno a cui ruota, la sua energia diminuisce e, quindi, la particella dovrebbe emettere energia in modo continuo per tutta la durata del suo moto verso l altra. In altre parole, secondo le leggi della fisica classica, gli elettroni dovrebbero andare tutti a cadere sul nucleo; questo però non avviene: gli atomi esistono, con i loro elettroni ben distinti e distanti dal nucleo. In particolari condizioni, gli atomi possono emettere energia sotto forma di radiazioni elettromagnetiche: atomi di elementi diversi emettono radiazioni diverse, cioè radiazioni aventi diversi valori di lunghezza d onda, frequenza e quindi energia. L insieme delle radiazioni emesse dagli atomi di un elemento viene chiamato spettro di emissione di quell elemento: per ottenere lo spettro di emissione di un elemento quest ultimo viene portato allo stato gassoso, e poi si fa passare attraverso di esso una scarica elettrica. Per effetto della scarica, alcuni atomi passano a una situazione in cui hanno un energia più alta del solito: subito dopo, questi atomi ritornano alla loro situazione normale, ed emettono l energia in eccesso sotto forma di radiazione elettromagnetica. La radiazione emessa è in genere costituita da due o più radiazioni di frequenza diversa: per separarle, si fa passare la radiazione attraverso una fessura, in modo da isolarne un fascio sottile; il fascio, a sua volta, viene fatto passare attraverso un prisma, che devia radiazioni di diversa frequenza con angoli diversi. Dal prisma, quindi, escono diversi raggi, distinti l uno dall altro e con direzioni di propagazione diverse: sul loro cammino viene messa una lastra sensibile; i diversi raggi colpiscono la lastra in posizioni diverse, dando così origine alle varie righe dello spettro. 8

9 Gli spettri atomici hanno una caratteristica particolare: essi non sono continui, ma discreti, cioè non presentano un passaggio graduale attraverso i vari valori di energia (o di frequenza), ma delle righe nette, corrispondenti a ben definiti valori di energia. Ciò significa che un atomo può emettere soltanto radiazioni con valori di energia specifici e suoi caratteristici. Anche questo era un fenomeno che non poteva essere spiegato in base alle leggi della fisica classica, che prevedono soltanto spettri continui (perché prevedono che l energia venga emessa o assorbita senza preferenze per certi valori piuttosto che altri e senza salti nell ambito dei valori possibili); la natura degli spettri atomici veniva quindi ad essere un altro problema che richiedeva l elaborazione di modelli nuovi. Era evidente che gli spettri contenessero indicazioni sulla situazione energetica degli atomi da cui si originavano, ma risultava difficile interpretare tali indicazioni. Fisici e chimici lavorarono intensamente per determinare tutte le righe dello spettro dei vari elementi; lo spettro dell atomo di idrogeno (che fu lo spettro studiato più a fondo) mostrava tre serie di righe, che vennero indicate con i nomi degli scienziati che le scoprirono: la serie di Lyman nella regione dell ultravioletto, la serie di Balmer nella regione del visibile e la serie di Paschen nella regione dell infrarosso. 9

10 Oltre a individuare la serie di righe degli spettri dei vari elementi, i fisici cercarono di individuare possibili regolarità e trovare relazioni matematiche che le esprimessero: Rydberg trovò una relazione che permetteva di calcolare il numero d onda delle righe dello spettro dell atomo di idrogeno. Il numero d onda è il reciproco della lunghezza d onda ; l equazione di Rydberg può essere espressa per mezzo della seguente relazione: 1 1 n2 1 n 1 R H 2 2 dove n2 e nl sono dei numeri interi e positivi e RH è una costante, chiamata costante di Rydberg e avente il valore di cm -l. Ogni serie corrisponde a un unico valore di n2, mentre n1 può assumere valori a partire da quello immediatamente successivo al valore di n2 (cioè n1 = n2 + 1, n2 + 2, n2 + 3,...). L equazione di Rydberg era un equazione empirica, cioè collegava dati sperimentali, senza che per il momento ne esistesse una spiegazione teorica; la spiegazione teorica sarebbe potuta venire solo da un nuovo modello di atomo. Questo nuovo modello di atomo, che per certi aspetti andava oltre i confini della fisica classica, fu proposto da Niels Bohr nel 1913: alcuni anni prima Max Planck aveva introdotto un concetto che non faceva parte della fisica classica, quello di quantizzazione. La quantizzazione implica restrizioni nei valori possibili per una grandezza: se una grandezza è quantizzata, può assumere soltanto certi valori (valori permessi), ma non può assumere valori intermedi fra quelli permessi. Planck era ricorso alla quantizzazione per spiegare un altro fenomeno che aveva costituito un rompicapo per i fisici: la radiazione del corpo nero; Bohr pensò che una ipotesi analoga potesse permettere di spiegare i fenomeni che riguardano gli atomi. Ipotesi del modello di Bohr Il modello di Bohr comprende alcune ipotesi fondamentali: - nell atomo gli elettroni ruotano intorno al nucleo in orbite circolari; - il momento angolare degli elettroni è quantizzato: esso può assumere soltanto i valori dati dalla relazione: m e v r n dove me è la massa dell elettrone, v è la velocità dell elettrone, r è il raggio dell orbita su cui si muove l elettrone, (m v r) è il momento angolare dell elettrone, h è una costante universale, chiamata costante di Planck, ed n è un numero naturale, cioè un numero intero positivo, chiamato numero quantico. h 2 10

11 L equazione ci mostra la natura matematica della quantizzazione: la quantizzazione nasce dal fatto che a destra compare un numero naturale, che è discreto per sua natura; il fatto che i valori del momento angolare dipendano dal numero naturale n fa sì che soltanto certi valori risultino possibili e, quindi, dà origine alla quantizzazione. - finché un elettrone rimane nella sua orbita, non emette e non assorbe energia. Quantizzazione dei raggi delle orbite Dopo avere introdotto queste ipotesi, Bohr studia la situazione dell elettrone utilizzando le leggi della fisica classica: l elettrone è soggetto alla forza di attrazione elettrostatica del nucleo; questa forza che fa sì che l elettrone resti intorno al nucleo e, pertanto, svolge il ruolo di forza centripeta. È quindi possibile scrivere un uguaglianza fra l espressione della forza di attrazione elettrostatica e quella della forza centripeta. Semplici passaggi matematici, permettono di trovare un espressione per il raggio delle orbite su cui ruotano gli elettroni: a0 n r Z dove r è il raggio dell orbita, n è il numero quantico, che caratterizza l orbita stessa, Z è il numero atomico dell elemento considerato ed a0 è una costante indicata con il termine di chiamata raggio di Bohr. Il fatto che in questa espressione compaia il numero quantico n significa che anche i raggi delle orbite possono assumere soltanto certi valori, e non valori intermedi fra quelli permessi; il valore del raggio aumenta inoltre al crescere di n. L orbita più vicina al nucleo è quella corrispondente al minimo valore di n, cioè a n = 1; più alto è il valore di n, più l orbita corrispondente è distante dal nucleo. L elettrone non può avvicinarsi al nucleo oltre la distanza corrispondente a n = l e, quindi, non può andare a cadere sul nucleo; inoltre, la distanza fra un orbita e quella che la precede non è costante, ma aumenta man mano che ci si allontana dal nucleo. 2 Quantizzazione dei livelli energetici Gli elettroni nell atomo possiedono una certa quantità di energia: essi infatti sono in moto e, quindi, hanno energia cinetica; inoltre hanno energia potenziale dovuta all attrazione elettrostatica fra elettrone e nucleo. Quando è presente più di un elettrone, si aggiunge l energia della repulsione elettrostatica fra un elettrone e l altro: l energia totale di un elettrone è data dalla somma di tutti questi contributi. Anche l energia è quantizzata, cioè può assumere solo certi valori; questi valori permessi dell energia vengono chiamati livelli energetici e dipendono dal numero quantico n: 2,18 10 E 2 n 18 J 11

12 Ad ogni orbita corrisponde un dato valore di energia: il valore più basso è quello dell orbita più vicina al nucleo (n = 1); man mano che il valore di n aumenta, e quindi aumenta il raggio dell orbita (cioè man mano che ci si allontana dal nucleo), aumenta anche il corrispondente valore di energia. Il modello di Bohr forniva una spiegazione soddisfacente del motivo per il quale gli spettri degli atomi sono discreti; per comprenderla, teniamo presente la terza ipotesi del modello: finché l elettrone rimane nella stessa orbita, la sua energia non cambia. Per passare da un orbita con energia minore a un orbita con energia maggiore (cioè da un orbita più interna a un orbita più esterna), l elettrone deve ricevere dall esterno una quantità di energia corrispondente alla differenza di energia fra le due orbite; se invece passa da un orbita con energia maggiore a un orbita con energia minore (cioè da un orbita più esterna a un orbita più interna), l elettrone emette una quantità di energia pari alla differenza di energia fra le due orbite. Indichiamo la differenza di energia come E2 - E1, dove E2 è l'energia dell orbita più esterna ed E1 è l energia dell orbita più interna. L energia viene emessa o assorbita sotto forma di radiazione elettromagnetica. L energia di una radiazione elettromagnetica è uguale al prodotto della costante di Planck per la frequenza della radiazione; l energia della radiazione emessa o assorbita dell elettrone è pertanto uguale alla differenza di energia delle due orbite interessate, cioè: h = E2 - El Questa equazione ci permette di risalire alla differenza di energia fra le due orbite in base alla frequenza della radiazione emessa o assorbita dall atomo; l ipotesi di Bohr sulla struttura dell atomo spiega quindi perché gli spettri di emissione degli atomi sono discreti: ogni riga corrisponde a un valore specifico di energia, che a sua volta corrisponde alla differenza di energia fra due orbite. Se dall esterno arriva all atomo energia sufficiente perché un elettrone possa passare da un orbita più interna a un orbita più esterna, l elettrone assorbe questa energia ed effettua il salto ; poi ritorna all orbita di partenza ed emette l energia che aveva assorbito: tale emissione è responsabile di una riga nello spettro. 12

13 L insieme dei possibili passaggi da un orbita a un altra genera l insieme delle righe dello spettro: lo spettro dell atomo di idrogeno trovava una spiegazione completa. Ciascuna delle serie spettrali corrisponde al passaggio dell elettrone da orbite più esterne alla stessa orbita di arrivo : quest ultima è l orbita con n = 1 per la serie di Lyman, l orbita con n = 2 per la serie di Balmer, l orbita con n = 3 per la serie di Paschen e così via; anche l equazione di Rydberg trovava la sua spiegazione teorica: il numero n1 corrisponde al numero quantico dell orbita da cui parte l elettrone, il numero n2 a quello dell orbita a cui l elettrone arriva. Con l introduzione del concetto di quantizzazione nella descrizione dell atomo, il modello di Bohr era stato un enorme passo avanti: dava una risposta ai problemi che la fisica classica non era riuscita a spiegare, e le sue previsioni erano in accordo con i dati sperimentali, soprattutto per quanto riguarda l atomo di idrogeno; ma il futuro riservava ai fisici nuove sorprese, perché la natura e il comportamento dell elettrone si sarebbero rivelati molto più complessi di quelli delineati dal modello di Bohr. 13

MODELLI ATOMICI. Dai primi modelli alla teoria moderna

MODELLI ATOMICI. Dai primi modelli alla teoria moderna MODELLI ATOMICI Dai primi modelli alla teoria moderna Se numerose evidenze sperimentali avevano permesso di trovare l'esistenza delle particelle subatomiche, le loro dimensioni, così infinitamente piccole,

Dettagli

Dai primi modelli atomici alla teoria moderna

Dai primi modelli atomici alla teoria moderna Dai primi modelli atomici alla teoria moderna 1 Se numerose evidenze sperimentali avevano permesso di trovare l'esistenza delle particelle subatomiche, le loro dimensioni, così infinitamente piccole, non

Dettagli

L ATOMO. Risponde (o almeno ci prova)

L ATOMO. Risponde (o almeno ci prova) L ATOMO Di cosa sono fatte le cose? Come si è arrivati a capire gli atomi? Com è fatto un atomo? Quanto è grande un atomo? Che atomi esistono in natura? Perché esistono gli atomi? Risponde (o almeno ci

Dettagli

IL MODELLO ATOMICO DI BOHR

IL MODELLO ATOMICO DI BOHR IL MODELLO ATOMICO DI BOHR LA LUCE Un valido contributo alla comprensione della struttura dell atomo venne dato dallo studio delle radiazioni luminose emesse dagli atomi opportunamente sollecitati. Lo

Dettagli

MODELLI ATOMICI. Modello Atomico di Dalton

MODELLI ATOMICI. Modello Atomico di Dalton MODELLI ATOMICI Gli atomi sono i piccoli mattoni che compongono la materia. Circa 2500 anni fa, il filosofo DEMOCRITO credeva che tutta la materia fosse costituita da piccole particelle che chiamò atomi.

Dettagli

Capitolo 7 Le particelle dell atomo

Capitolo 7 Le particelle dell atomo Capitolo 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

Tabella periodica degli elementi

Tabella periodica degli elementi Tabella periodica degli elementi Perchè ha questa forma? Ovvero, esiste una regola per l ordinamento dei singoli atomi? Le proprietà dei materiali hanno una relazione con la tabella? L applicazione dei

Dettagli

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone Unità n 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

Da Newton a Planck. La struttura dell atomo. Da Newton a Planck. Da Newton a Planck. Meccanica classica (Newton): insieme

Da Newton a Planck. La struttura dell atomo. Da Newton a Planck. Da Newton a Planck. Meccanica classica (Newton): insieme Da Newton a Planck Meccanica classica (Newton): insieme La struttura dell atomo di leggi che spiegano il mondo fisico fino alla fine del XIX secolo Prof.ssa Silvia Recchia Quantomeccanica (Planck): insieme

Dettagli

Il metodo scientifico

Il metodo scientifico Il metodo scientifico Osservazioni Legge Teoria Teoria controllata con altri esperimenti Teoria modificata in base alle verifiche Gli stadi fondamentali del metodo scientifico 1 Leggi ponderali Legge della

Dettagli

EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA

EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA Poiché la luce è energia trasportata da oscillazioni del campo elettrico (fotoni) e la materia è fatta di particelle elettricamente cariche (atomi

Dettagli

May 5, 2013. Fisica Quantistica. Monica Sambo. Sommario

May 5, 2013. Fisica Quantistica. Monica Sambo. Sommario May 5, 2013 Bohr, Born,, Dirac e Pauli accettano in modo incondizionato la nuova fisica Einstein, De, e pur fornendo importanti contributi alla nuova teoria cercano di ottenere una descrizione CAUSALE

Dettagli

Struttura Elettronica degli Atomi

Struttura Elettronica degli Atomi Prof. A. Martinelli Struttura Elettronica degli Atomi Dipartimento di Farmacia 1 La Natura ondulatoria della luce - La luce visibile è una piccola parte dello spettro delle onde elettromagnetiche. 1 La

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà degli elementi mostrano delle tendenze che possono essere predette usando il sistema periodico ed essere spiegate e comprese analizzando la

Dettagli

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO ELETTROLOGIA 1) CONCETTI FONDAMENTALI Cariche elettriche: cariche elettriche dello stesso segno si respingono e cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Conduttore:

Dettagli

LE PARTICELLE ELEMENTARI: loro scoperta

LE PARTICELLE ELEMENTARI: loro scoperta LE PARTICELLE ELEMENTARI: loro scoperta Atomo: composto da particelle elementari più piccole (protoni, neutroni, elettroni) Atomi di elementi diversi contengono le STESSE particelle, ma in numero diverso

Dettagli

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI.

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. 1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. Tutti i fenomeni elettrici e magnetici hanno origine da cariche elettriche. Per comprendere a fondo la definizione di carica elettrica occorre risalire alla

Dettagli

ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER:

ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER: ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER: CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER LO STUDIO E LA CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEI SUPPORTI DELLA

Dettagli

Relatività INTRODUZIONE

Relatività INTRODUZIONE Relatività INTRODUZIONE Un po di ordine Einstein, nel 1905, dopo aver inviato alcuni articoli alla rivista scientifica «Annalen der physik» diventa subito famoso, uno dei quali riguardava la relatività

Dettagli

Effetto fotoelettrico

Effetto fotoelettrico Effetto fotoelettrico Introduzione. Verso la seconda metà del XIX secolo c era la convinzione che la meccanica "classica" (Newton e sviluppi successivi), l elettromagnetismo (sostanzialmente riassunto

Dettagli

Misura di e/m. Marilena Teri, Valerio Toso & Ettore Zaffaroni (gruppo Lu4)

Misura di e/m. Marilena Teri, Valerio Toso & Ettore Zaffaroni (gruppo Lu4) Misura di e/m Marilena Teri, Valerio Toso & Ettore Zaffaroni (gruppo Lu4) 1 Introduzione 1.1 Introduzione ai fenomeni in esame Un elettrone all interno di un campo elettrico risente della forza elettrica

Dettagli

La radioattività e la datazione al radio-carbonio

La radioattività e la datazione al radio-carbonio 1 Espansione 2.2 La radioattività e la datazione al radio-carbonio Henry Becquerel. I coniugi Pierre e Marie Curie. La radioattività La radioattività è un fenomeno naturale provocato dai nuclei atomici

Dettagli

Elettrostatica. 1. La carica elettrica 2. La legge di Coulomb 3. Il campo elettrostatico 4. Il potenziale elettrico 5. Condensatori e dielettrici

Elettrostatica. 1. La carica elettrica 2. La legge di Coulomb 3. Il campo elettrostatico 4. Il potenziale elettrico 5. Condensatori e dielettrici Elettrostatica 1. La carica elettrica 2. La legge di Coulomb 3. Il campo elettrostatico 4. Il potenziale elettrico 5. Condensatori e dielettrici Prof. Giovanni Ianne 1 L ELETTRIZZAZIONE PER STROFINIO Un

Dettagli

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 -

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 - ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari L A V E R A N A T U R A D E L L A L U C E La luce, sia naturale sia artificiale, è una forma di energia fondamentale per la nostra esistenza e per quella

Dettagli

Determinazione della composizione elementare dello ione molecolare. Metodo dell abbondanza isotopica. Misure di massa esatta

Determinazione della composizione elementare dello ione molecolare. Metodo dell abbondanza isotopica. Misure di massa esatta Determinazione della composizione elementare dello ione molecolare Metodo dell abbondanza isotopica Misure di massa esatta PREMESSA: ISOTOPI PICCHI ISOTOPICI Il picco dello ione molecolare è spesso accompagnato

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio.

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio. LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO Esercizio Esercizio Esercizio Dati esercizio: I 1 =5,0 Kg m 2 I 2 =10 Kg m 2 ω i =10giri/sec

Dettagli

19 Il campo elettrico - 3. Le linee del campo elettrico

19 Il campo elettrico - 3. Le linee del campo elettrico Moto di una carica in un campo elettrico uniforme Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice se il campo elettrico è uniforme,

Dettagli

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 COGNOME E NOME: 1. Br 1 si è trasformato in Br +3 in una reazione in cui lo ione bromuro: A) ha acquistato 3 elettroni B) ha ceduto 4 elettroni

Dettagli

APPUNTI DI RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE Dr. Claudio Santi. CAPITOLO 1 NMR Risonanza Magnetica Nucleare

APPUNTI DI RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE Dr. Claudio Santi. CAPITOLO 1 NMR Risonanza Magnetica Nucleare APPUNTI DI RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE Dr. Claudio Santi CAPITOLO 1 NMR Risonanza Magnetica Nucleare INTRODUZIONE Nel 1946 due ricercatori, F. Block ed E.M.Purcell, hanno indipendentemente osservato per

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA

IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA Prof. Paolo ZAZZINI Ing. Nicola SIMIONATO COME FUNZIONA UNA CELLA FOTOVOLTAICA EFFETTO FOTOVOLTAICO: Un flusso luminoso che incide su un materiale semiconduttore opportunamente

Dettagli

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA Prof. Ceccarelli Antonio ITIS G. Marconi Forlì Articolazione: Elettrotecnica Disciplina: Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici A.S. 2012/13 FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA CHE COSA

Dettagli

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Misure e grandezze Grandezze fondamentali Grandezza fisica Simbolo della grandezza Unità di misura Simbolo dell unità di misura lunghezza

Dettagli

Lezione 14: L energia

Lezione 14: L energia Lezione 4 - pag. Lezione 4: L energia 4.. L apologo di Feynman In questa lezione cominceremo a descrivere la grandezza energia. Per iniziare questo lungo percorso vogliamo citare, quasi parola per parola,

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

FISICA E LABORATORIO

FISICA E LABORATORIO Programma di FISICA E LABORATORIO Anno Scolastico 2014-2015 Classe V P indirizzo OTTICO Docente Giuseppe CORSINO Programma di FISICA E LABORATORIO Anno Scolastico 2013-2014 Classe V P indirizzo OTTICO

Dettagli

IL SOLE. LauraCondorelli2014 Pagina 1

IL SOLE. LauraCondorelli2014 Pagina 1 IL SOLE Il Sole è nato circa 4,6 miliardi di anni fa e resisterà per altri 5 miliardi di anni circa. E una stella relativamente fredda, piccola rispetto alle altre ed è interamente gassoso. La temperatura

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

Corso di fisica generale con elementi di fisica tecnica

Corso di fisica generale con elementi di fisica tecnica Corso di fisica generale con elementi di fisica tecnica Aniello (Daniele) Mennella Dipartimento di Fisica Secondo modulo Parte prima (fondamenti di elettromagnetismo) Lezione 1 Carica elettrica, legge

Dettagli

CLASSE 5 A L.S.A. ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. CIGNA ANNO SCOL: 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI FISICA. Docente: Prof.

CLASSE 5 A L.S.A. ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. CIGNA ANNO SCOL: 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI FISICA. Docente: Prof. ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. CIGNA ANNO SCOL: 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI FISICA CLASSE 5 A L.S.A. Docente: Prof. LINGUA ALDO Libro di testo: CORSO di FISICA: voll. 3 James S. Walker

Dettagli

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank.

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank. LE RADIAZIONI Nel campo specifico di nostro interesse la radiazione è un flusso di energia elettromagnetica o di particelle, generato da processi fisici che si producono nell atomo o nel nucleo atomico.

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Gli orbitali: modello atomico probabilistico

Gli orbitali: modello atomico probabilistico 1 Approfondimento 2.1 Gli orbitali: modello atomico probabilistico Modello atomico planetario (o a gusci): gli elettroni ruotano intorno al nucleo percorrendo orbite prefissate. Il modello atomico planetario

Dettagli

materia atomi miscugli omogenei e eterogenei sostanze elementari composti

materia atomi miscugli omogenei e eterogenei sostanze elementari composti Elementi e Composti materia miscugli omogenei e eterogenei sostanze elementari composti atomi Gli atomi sono, per convenzione, le unità costituenti le sostanze Le sostanze possono essere costituite da

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

Lunedì 20 dicembre 2010. Docente del corso: prof. V. Maiorino

Lunedì 20 dicembre 2010. Docente del corso: prof. V. Maiorino Lunedì 20 dicembre 2010 Docente del corso: prof. V. Maiorino Se la Terra si spostasse all improvviso su un orbita dieci volte più lontana dal Sole rispetto all attuale, di quanto dovrebbe variare la massa

Dettagli

Tutte le tecniche spettroscopiche si basano sulla interazione tra radiazione elettromagnetica e materia.

Tutte le tecniche spettroscopiche si basano sulla interazione tra radiazione elettromagnetica e materia. G. Digilio - principi_v10 versione 6.0 LA SPETTROSCOPIA Tutte le tecniche spettroscopiche si basano sulla interazione tra radiazione elettromagnetica e materia. La Spettroscopia di risonanza magnetica

Dettagli

Spettrometria. Introduzione.

Spettrometria. Introduzione. Spettrometria. Introduzione. Lo studio degli spettri di emissione e di assorbimento è stato sicuramente uno degli aspetti che hanno maggiormente contribuito alla crisi della meccanica classica a cavallo

Dettagli

Q 1 = +3 10-5 C carica numero 1 Q 2 = +4 10-5 C carica numero 2 forza esercitata tra le cariche distanza tra le cariche, incognita

Q 1 = +3 10-5 C carica numero 1 Q 2 = +4 10-5 C carica numero 2 forza esercitata tra le cariche distanza tra le cariche, incognita Problema n 1 A quale distanza, una dall'altra bisogna porre nel vuoto due cariche (Q 1 =3 10-5 C e Q 2 =4 10-5 C) perché esse esercitino una sull'altra la forza di 200 N? Q 1 = +3 10-5 C carica numero

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Tesina di scienze. L Elettricità. Le forze elettriche

Tesina di scienze. L Elettricità. Le forze elettriche Tesina di scienze L Elettricità Le forze elettriche In natura esistono due forme di elettricità: quella negativa e quella positiva. Queste due energie si attraggono fra loro, mentre gli stessi tipi di

Dettagli

LA NATURA DELLA LUCE E IL MODELLO ATOMICO DI BOHR

LA NATURA DELLA LUCE E IL MODELLO ATOMICO DI BOHR LA NATURA DELLA LUCE E IL MODELLO ATOMICO DI BOHR LIMITI DEL MODELLO ATOMICO DI RUTHERFORD Il modello atomico planetario di Ernest Rutherford, seppure rappresentava un grande passo avanti rispetto al modello

Dettagli

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA Poiché è impossibile contare o pesare gli atomi o le molecole che formano una qualsiasi sostanza chimica, si ricorre alla grandezza detta quantità

Dettagli

Spettrofotometria. Le onde luminose consistono in campi magnetici e campi elettrici oscillanti, fra loro perpendicolari.

Spettrofotometria. Le onde luminose consistono in campi magnetici e campi elettrici oscillanti, fra loro perpendicolari. Spettrofotometria. Con questo termine si intende l utilizzo della luce nella misura delle concentrazioni chimiche. Per affrontare questo argomento dovremo conoscere: Natura e proprietà della luce. Cosa

Dettagli

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica Liceo Scientifico G. TARANTINO ALUNNO: Pellicciari Girolamo VG PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: Verificare la Prima leggi di Ohm in un circuito ohmico (o resistore) cioè verificare che l intensità di corrente

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

L apprendimento della Chimica attraverso le Simulazioni

L apprendimento della Chimica attraverso le Simulazioni L apprendimento della Chimica attraverso le Simulazioni Massimo Angeloni IISS Carlo Alberto Dalla Chiesa, Montefiascone (VT) mas.angeloni@gmail.com Introduzione L insegnamento delle Scienze e in particolare

Dettagli

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche INTRODUZIONE Heinrich Hertz (1857-1894) nel 1886 riuscì per la prima volta a produrre e a rivelare le onde elettromagnetiche di cui Maxwell aveva previsto

Dettagli

quale agisce una forza e viceversa. situazioni. applicate a due corpi che interagiscono. Determinare la forza centripeta di un

quale agisce una forza e viceversa. situazioni. applicate a due corpi che interagiscono. Determinare la forza centripeta di un CLASSE Seconda DISCIPLINA Fisica ORE SETTIMANALI 3 TIPO DI PROVA PER GIUDIZIO SOSPESO Test a risposta multipla MODULO U.D Conoscenze Abilità Competenze Enunciato del primo principio della Calcolare l accelerazione

Dettagli

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI Capitolo3:Layout 1 17-10-2012 15:33 Pagina 73 CAPITOLO 3 GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI OBIETTIVI Conoscere le grandezze fisiche necessarie alla trattazione dei circuiti elettrici Comprendere la necessità

Dettagli

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Nome: N.M.: 1. 1d (giorno) contiene all incirca (a) 8640 s; (b) 9 10 4 s; (c) 86 10 2 s; (d) 1.44 10 3 s; (e) nessuno di questi valori. 2. Sono

Dettagli

SPETTROSCOPIA MOLECOLARE

SPETTROSCOPIA MOLECOLARE SPETTROSCOPIA MOLECOLARE La spettroscopia molecolare studia l assorbimento o l emissione delle radiazioni elettromagnetiche da parte delle molecole. Il dato sperimentale che si ottiene, chiamato rispettivamente

Dettagli

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI Le radiazioni ionizzanti sono quelle onde elettromagnetiche in grado di produrre coppie di ioni al loro passaggio nella materia (raggi X, raggi gamma, raggi corpuscolari). Le radiazioni non

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

Il nucleo degli atomi

Il nucleo degli atomi Il nucleo atomico 1. Energia di legame nucleare 2. La radioattività naturale 3. Banda di stabilità degli isotopi degli elementi naturali 4. Decadimenti radioattivi 5. Reazioni nucleari Il nucleo degli

Dettagli

Liceo Scientifico Statale A. Volta, Torino Anno scolastico 2015 / 2016

Liceo Scientifico Statale A. Volta, Torino Anno scolastico 2015 / 2016 Liceo Scientifico Statale A. Volta, Torino Anno scolastico 2015 / 2016 FISICA ELETTROMAGNETISMO FISICA MODERNA classe 5 B MAG. 2016 Esercitazione di Fisica in preparazione all Esame di Stato A.S. 2015-2016

Dettagli

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno Test d ingresso Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno 1) Un corpo si muove di moto rettilineo a velocità costante su un piano orizzontale che possiamo considerare privo d attrito. Rappresenta

Dettagli

Condensatore elettrico

Condensatore elettrico Condensatore elettrico Sistema di conduttori che possiedono cariche uguali ma di segno opposto armature condensatore La presenza di cariche crea d.d.p. V (tensione) fra i due conduttori Condensatore piano

Dettagli

Spettroscopia atomica

Spettroscopia atomica Spettroscopia atomica La spettroscopia atomica è una tecnica di indagine qualitativa e quantitativa, in cui una sostanza viene decomposta negli atomi che la costituiscono tramite una fiamma, un fornetto

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

Paleontologia. Archeologia. Radioisotopi. Industria. Biologia. Medicina

Paleontologia. Archeologia. Radioisotopi. Industria. Biologia. Medicina Paleontologia Industria Radioisotopi Archeologia Medicina Biologia I radioisotopi I radioisotopi (o radionuclidi), sono dei nuclidi instabili che decadono emettendo energia sottoforma di radiazioni, da

Dettagli

Einstein ci dice che la luce è costituita da unità elementari chiamate fotoni. Cosa sono questi fotoni?

Einstein ci dice che la luce è costituita da unità elementari chiamate fotoni. Cosa sono questi fotoni? La natura della luce Einstein ci dice che la luce è costituita da unità elementari chiamate fotoni. Cosa sono questi fotoni? Se si potesse fotografare un fotone in un certo istante vedremmo una deformazione

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

INTRODUZIONE. Nei nostri esperimenti abbiamo verificato la legge di Lenz ma non ne abbiamo sentito gli effetti.

INTRODUZIONE. Nei nostri esperimenti abbiamo verificato la legge di Lenz ma non ne abbiamo sentito gli effetti. INTRODUZIONE Il nostro lavoro muove dallo studio del superamento della visione meccanicistica avvenuta nel contesto dello studio delle interazioni elettriche e magnetiche fra la fine del 7 e l inizio dell

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Fisica II - CdL Chimica. La natura della luce Ottica geometrica Velocità della luce Dispersione Fibre ottiche

Fisica II - CdL Chimica. La natura della luce Ottica geometrica Velocità della luce Dispersione Fibre ottiche La natura della luce Ottica geometrica Velocità della luce Dispersione Fibre ottiche La natura della luce Teoria corpuscolare (Newton) Teoria ondulatoria: proposta già al tempo di Newton, ma scartata perchè

Dettagli

LA LEGGE DI GRAVITAZIONE UNIVERSALE

LA LEGGE DI GRAVITAZIONE UNIVERSALE GRAVIMETRIA LA LEGGE DI GRAVITAZIONE UNIVERSALE r La legge di gravitazione universale, formulata da Isaac Newton nel 1666 e pubblicata nel 1684, afferma che l'attrazione gravitazionale tra due corpi è

Dettagli

funziona meglio con FIREFOX! FENOMENI ELETTROSTATICI mappa 1 mappa 2 mappa 3 mappa 4 http://cmap.ihmc.us/

funziona meglio con FIREFOX! FENOMENI ELETTROSTATICI mappa 1 mappa 2 mappa 3 mappa 4 http://cmap.ihmc.us/ mappa 1 mappa 2 mappa 3 mappa 4 http://cmap.ihmc.us/ funziona meglio con FIREFOX! FENOMENI ELETTROSTATICI Struttura dell'atomo (nucleo, protoni, neutroni, elettroni); cariche elettriche elementari (elettrone,

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Ciao! Come fa il Sole a tenere legati i pianeti, gli asteroidi... che pure sono

Ciao! Come fa il Sole a tenere legati i pianeti, gli asteroidi... che pure sono Ciao! La volta scorsa abbiamo detto che il Sistema Solare è una sfera. Abbiamo parlato di tutti gli strati che formano questa sfera, li abbiamo descritti all incirca. Adesso parliamo del Sole! Dicono gli

Dettagli

Legge di Faraday. x x x x x x x x x x E B. x x x x x x x x x x R x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x E B 1

Legge di Faraday. x x x x x x x x x x E B. x x x x x x x x x x R x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x E B 1 B ds Legge di Faraday E x x x x x x x x x x E B x x x x x x x x x x R x x x x x x x x x x B 1 x x x x x x x x x x E x x x x x x x x x x E Schema Generale Elettrostatica moto di una carica q in un campo

Dettagli

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Forza CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Cos è una forza? la forza è una grandezza che agisce su un corpo cambiando la sua velocità e provocando una deformazione sul corpo 2 Esempi

Dettagli

ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE

ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE Lo scopo di quest esperimento è osservare la natura ondulatoria della luce, nei fenomeni della diffrazione e dell interferenza propri delle onde. In

Dettagli

Insegnare relatività. nel XXI secolo

Insegnare relatività. nel XXI secolo Insegnare relatività nel XXI secolo L ' i n e r z i a d e l l ' e n e r g i a L'inerzia dell'energia Questa è la denominazione più corretta, al posto della consueta equivalenza massa energia. Einstein

Dettagli

GAS. I gas si assomigliano tutti

GAS. I gas si assomigliano tutti I gas si assomigliano tutti Aeriforme liquido solido GAS Descrizione macroscopica e microscopica degli stati di aggregazione della materia Fornendo energia al sistema, le forze di attrazione tra le particelle

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

1. LE GRANDEZZE FISICHE

1. LE GRANDEZZE FISICHE 1. LE GRANDEZZE FISICHE La fisica (dal greco physis, natura ) è una scienza che ha come scopo guardare, descrivere e tentare di comprendere il mondo che ci circonda. La fisica si propone di descrivere

Dettagli

Misure della dispersione o della variabilità

Misure della dispersione o della variabilità QUARTA UNITA Misure della dispersione o della variabilità Abbiamo visto che un punteggio di per sé non ha alcun significato e lo acquista solo quando è posto a confronto con altri punteggi o con una statistica.

Dettagli

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora,

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, ma la natura produce di continuo energie superiori nelle

Dettagli

Le reazioni di ossidoriduzione

Le reazioni di ossidoriduzione I.S. G. TASSINARI PROGRAMMAZIONE di CHIMICA ANALITICA E STUMENTALE Classe 4L - A.S. 2015-16 Docenti: prof.ssa Stefania Comes- prof.ssa Anna Alfano ANALISI INIZIALE DELLA CLASSE: La classe risulta composta

Dettagli

Progettazione disciplinare:

Progettazione disciplinare: PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE Classe 1A A.S. 2015/2016 Disciplina: CHIMICA Docente: Rosselli Antonino Ore settimanali: 3 (1 di laboratorio) Libro

Dettagli

Campione sciolto in un solvente (deuterato) e. posto in un tubo. di vetro a pareti sottili di diametro di 5 mm e lungo circa 20 cm

Campione sciolto in un solvente (deuterato) e. posto in un tubo. di vetro a pareti sottili di diametro di 5 mm e lungo circa 20 cm posto in un tubo Campione sciolto in un solvente (deuterato) e di vetro a pareti sottili di diametro di 5 mm e lungo circa 20 cm o spettrometro NMR è formato da alcuni mponenti fondamentali: un magnete,

Dettagli

L osservazione in luce bianca è, per così dire, l osservazione del Sole al naturale ovviamente dopo averne attenuato la fortissima emissione di luce.

L osservazione in luce bianca è, per così dire, l osservazione del Sole al naturale ovviamente dopo averne attenuato la fortissima emissione di luce. L osservazione in luce bianca è, per così dire, l osservazione del Sole al naturale ovviamente dopo averne attenuato la fortissima emissione di luce. Questa attenuazione si ottiene mediante l uso di un

Dettagli

STEREOISOMERIA carbonio ibridizzato sp3 è legato a quattro atomi o gruppi tutti diversi fra loro

STEREOISOMERIA carbonio ibridizzato sp3 è legato a quattro atomi o gruppi tutti diversi fra loro STEREOISOMERIA i sono oggetti che sono sovrapponibili alla loro immagine speculare: tutti gli oggetti di forma piana, ad esempio. osì, se prendo un alchene e lo confronto con la sua immagine allo specchio:

Dettagli

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE Gli atomi sono costituiti da un nucleo, formato da protoni (carica elettrica positiva, massa 1,6724 x 10-24 g) e neutroni (nessuna carica elettrica, massa 1,6745 x 10-24 g),

Dettagli

Percorso multidisciplinare

Percorso multidisciplinare La luce Faremo degli esperimenti atti ad indagare la natura e le caratteristiche della luce ed esporremo le principali teorie che sono state elaborate su questo argomento dagli scienziati nel corso dei

Dettagli

Alessandro Farini: Dispense di Illuminotecnica per le scienze della visione

Alessandro Farini: Dispense di Illuminotecnica per le scienze della visione Capitolo 1 Radiazione elettromagnetica e occhio In questo capitolo prendiamo in considerazione alcune grandezze fondamentali riguardanti l illuminazione e alcuni concetti legati alla visione umana che

Dettagli

28/05/2009. La luce e le sue illusioni ottiche

28/05/2009. La luce e le sue illusioni ottiche La luce e le sue illusioni ottiche Cosa si intende per raggio luminoso? Immagina di osservare ad una distanza abbastanza elevata una sorgente di luce... il fronte d onda potrà esser approssimato ad un

Dettagli