CARATTERISTICHE MINIME PER ASSICURARE LE PRESTAZIONI RICHIESTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARATTERISTICHE MINIME PER ASSICURARE LE PRESTAZIONI RICHIESTE"

Transcript

1 PROVINCIA DI VERONA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L'AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI VIGILANZA, VIDEOSORVEGLIANZA, SMISTAMENTO CHIAMATE TELEFONICHE E TELE EMERGENZA, PER LA PROVINCIA DI VERONA, PER 36 MESI, DAL 2015 AL 2018, C.I.G PARTE TECNICA DESCRIZIONE IMPIANTO PALAZZO CAPULETI CARATTERISTICHE MINIME PER ASSICURARE LE PRESTAZIONI RICHIESTE

2 IMPIANTO PRINCIPALE DI VIDEOSORVEGLIANZA E TELEALLARME Lo standard di prestazioni richieste nell ambito del servizio posto in appalto sono state ad oggi assicurate tramite impianto di seguito descritto. Precedente appaltatore ha predisposto le canalizzazioni, provveduto al cablaggio e installato telecamere. Disinstallate queste ultime, presso Palazzo Capuleti è presente il collegamento elettrico, comprensivo di canalizzazioni e cavi degli apparati del precedente impianto che le imprese concorrenti potranno meglio valutare a seguito sopralluogo. Si richiede di assicurare il medesimo standard, che prevede installazione di un minimo di apparati di seguito indicati. Il sistema di seguito descritto prevede l interazione tra un impianto di videosorveglianza ed un impianto d allarme che ha, come scopo principale, quello di fornire un sistema di antintrusione. A Individuazione delle aree di controllo Il sistema di videosorveglianza integrato all impianto d allarme dovrà coprire: l intero perimetro dell edificio sotto porticato, assicurabile con posizionamento di nr. 2 telecamere per lato, per un totale di nr. 8 telecamere, di nr. 1 rilevatore digitale ad infrarossi passivi per lato, in totale nr. 4. Il sistema di videosorveglianza dovrà coprire: il cortile interno, assicurabile con installazione di una telecamera a piano superiore al secondo (sino a febbraio 2015, al 5 piano, ove è assicurato collegamento); l area ingresso principale da via delle Franceschine al piano terra, assicurata ad oggi mediante l installazione di una telecamera nel corridoio. Il sistema d allarme dovrà coprire: al piano interrato: l accesso dallo scivolo interno al cortile, l accesso dalle scale esterne, il locale antistante la centrale elettrica, al piano terra la scala A, l area ingresso pubblico, la scala B, la scala C, l accesso al montacarichi, l accesso attiguo al montacarichi, il locale tecnico T, le due porte di emergenza, al piano terzo il locale CED la sala informatica, al piano sesto la scala A la scala B, Sistema con il quale sono stati garantiti ad oggi standard e prestazioni: rilevatore IP65 antimascheramento wireless per le zone con condizioni ambientali critiche,

3 negli altri luoghi, rilevatore doppia tecnologia wireless B Caratteristiche generali del sistema che ha assicurato ad oggi le prestazioni richieste 1. Caratteristiche: 1.1. perimetro esterno: monitorato da rilevatori ad infrarossi con controllo digitale abbinati a telecamere megapixel D&N in grado di fornire immagini nitide e dettagliate anche con scarsa illuminazione; 1.2. zone interne identificate nel capitolato tecnico: controllate da rilevatori antintrusione, cablati e wireless; 1.3. gestione degli accessi, in orario di chiusura, da parte del personale autorizzato: 2 cito-telefoni con tastiera nelle posizioni indicate nel capitolato tecnico, collegati al centralino della Provincia. Tramite la digitazione di un numero deve essere attivata la chiamata alla centrale operativa dell Appaltatore sulla linea diretta riservata agli allarmi (possibili soluzioni tecniche equivalenti). C. Funzionamento del sistema che ha assicurato ad oggi le prestazioni richieste 1. Modalità di funzionamento: n. 2, condizionate da fascia oraria, relative a 1) stabile presidiato (orario lavorativo) e 2) stabile non presidiato (orario di chiusura). 2. Blocchi 1 - Blocco Palazzo Capuleti: di apparati di rilevazione, unità di ripresa, registrazione e trasmissione remota; 2 - Blocco Centrale operativa Istituto di Vigilanza (C.O. centro di controllo): pc client con relativi software di gestione degli allarmi e visualizzazione delle immagini su allarme. 3. Connessione blocchi: tramite idonea connessione XDSL o preferibilmente Wireless punto-punto multibanda, a scelta dell appaltatore. In caso di connessione con HDSL o ADSL dovrà essere garantita una banda minima (MCR) di 512 Mbps (da dimostrare tramite trasmissione alla Provincia di copia del contratto con l ISP (Internet Service Provider). 4. Configurazione del sistema: in modo da permettere la visualizzazione delle immagini solo dal client in centrale operativa dell appaltatore (C.O.), solo nelle fasce orarie relative a stabile non presidiato. 5. Funzionalità del sistema: 5.1. il sistema deve garantire, in caso di rilevazione di presenza nella fascia oraria di non presidio, l'invio di uno specifico allarme al centro di controllo (tramite connessione XDSL o Wireless punto-punto) che permetta di identificare la zona interessata e vedere istantaneamente le immagini relative ai 10 secondi precedenti ed in live; 5.2. i flussi video provenienti dalle telecamere dovranno comunque essere registrati consecutivamente 24h, con auto cancellazione dopo 24 ore dalla rilevazione, fatte salve speciali esigenze di ulteriore conservazione in relazione a festività o chiusura di uffici, nonché in caso di adesione a specifica esigenza investigativa dell'autorità giudiziaria o di polizia giudiziaria. Il termine massimo di durata della conservazione dei dati è limitato a sette giorni successivi alla rilevazione delle informazioni e delle immagini raccolte mediante l'uso di sistemi di videosorveglianza (art. 6, comma 8, del d.l. n. 11/2009) fatte salve speciali esigenze di ulteriore conservazione. Tali registrazioni dovranno essere accessibili solo in remoto dalla centrale operativa dell Appaltatore, nel rispetto delle disposizioni per la privacy; 5.3. i rilevatori antintrusione, cablati e wireless, nella fascia oraria di inserimento,

4 in caso di rilevazione di presenza, dovranno generare un allarme che sarà inviato al centro di controllo, sia tramite vettore radio bidirezionale, che linea telefonica con protocollo digitale Contact-id (il Contact-id è un protocollo telefonico di trasmissione di informazioni relative a sistemi antifurto che utilizza la modulazione DTMF per inviare i dati, esso effettua la trasmissione di una serie di allarmi codificati sulla base dei quali arriva il messaggio di emergenza o di guasto) Dovrà inoltre essere automaticamente aperta una connessione video generale; 5.5. tutti gli apparati di rilevazione, interni ed esterni, cablati e wireless, devono essere collegati alla centrale d allarme con funzionalità specifiche. La correlazione sensore/telecamera sarà gestita dalla centrale d allarme. Segue legenda della simbologia utilizzata e disposizione degli apparati assicurata per garantire standard richiesto.

5

6 PIANO TERRA

7 PIANO INTERRATO

8 PIANO TERZO

9 PIANO QUINTO

10 PIANO SESTO

11 D Struttura topologica del sistema che ha assicurato ad oggi le prestazioni richieste La struttura di rete deve garantire efficienza, affidabilità e flessibilità di utilizzo compatibilmente con le possibilità di installazione. Topologia: a stella, con centro ubicato nel locale tecnico T al piano terra. Presso il locale convergono i cavi Ethernet collegati direttamente alle telecamere megapixel ed agli switch di rete a cui fanno capo le telecamere distanti oltre 90 mt. (misura del cavo). Convergono inoltre i cavi allarme provenienti dai rilevatori, dalle espansioni wireless, ecc. Sempre presso la sede verranno installati gli apparati server dedicati alla videosorveglianza, la centrale allarme ed il periferico radio bidirezionale. Postazione client: rimandata tramite apposito collegamento wireless o XDSL all istituto di vigilanza preposto al controllo dell edificio. Antenna del bridge wireless: installata nel punto più idoneo per la visibilità ottica con l antenna dell istituto di vigilanza (presumibilmente il sesto piano). Specifiche infrastruttura locale in rame Network camera: collegate agli switch e/o media converter tramite cavo UTP di categoria 5e. I cavi UTP di categoria 5e dovranno soddisfare i seguenti requisiti: conformità alla normativa EN per frequenze trasmissive fino a 100 MHz; certificazione LSOH, cioè a bassa emissione di lumi e privi di alogeni in caso di incendio; 4 coppie 24 AWG; distanza massima di 90m fra apparati Specifiche infrastruttura rete di alimentazione elettrica La rete di alimentazione prevede per tutte le telecamere e gli apparati alimentati a 220Vca una linea interamente sotto quadro dedicato di sezionamento e protezione. La linea di alimentazione dovrà essere supportata da un gruppo di continuità, fornito dall appaltatore, capace di garantire il funzionamento dell impianto completo (apparati di rete, videoserver e tutte le telecamere) per almeno 10 minuti in caso di mancanza di rete. La rete trasporterà capillarmente l alimentazione delle telecamere a 220V (l eventuale conversione a bassissima tensione, inferiore a 48V dovrà essere realizzata in prossimità dell utilizzazione) per garantire minimi ingombri pur garantendo minime cadute di tensione.

12 D.1 Schema a blocchi assicurante standard minimo richiesto Lo schema presenta l architettura generale di sistema in cui si distinguono i sottosistemi che compongono l antintrusione con verifica video. I sottosistemi sono: - Il sottosistema di ripresa Megapixel - Il sottosistema di ripresa accessi parcheggio - Il sottosistema di rilevazione allarme - Il sottosistema di archiviazione

13 D.2 Sottosistema di ripresa megapixel assicurante standard minimo richiesto

14 D.3 Sottosistema di rilevazione allarme assicurante standard minimo richiesto Centrale di allarme Il sistema ATS3000 è un sistema di allarme intrusione e controllo degli accessi integrati. La centrale di controllo ATS3010 gestisce da 8 a 128 ingressi programmabili scegliendo tra più di 70 tipi diversi di configurazioni di zona. La centrale deve essere programmabile per funzionare con fino a 8 sistemi (aree) di allarme indipendenti. Ciascuna area può avere una propria interfaccia utente separata (RAS). Gli ingressi devono poter essere assegnati a un'area specifica oppure a un'area comune. Deve essere possibile utilizzare fino a 16 interfacce RAS e 15 centrali di raccolta dati collegate alla centrale mediante il bus dati RS485. Tutte le centrali ATS sono in grado di controllare 16 varchi e consentono di disinserire le aree di allarme alle quali è consentito l'accesso. Dotata di combinatore telefonico digitale integrato PSTN. Equipaggiata con 16 uscite open collector per interfacciarsi con l encoder video. La centrale deve soddisfare le specifiche tecniche in allegato

15 Essa sarà installata nel locale tecnico T. Concentratore wireless Il concentratore ATS1230 è dotato di un ricevitore radio a 433 MHz che consente di espandere il bus locale Advisor MASTER con dispositivi senza fili. Il ricevitore comunica con una gamma di sensori/apparati GE Security compatibili a 433 MHz che vengono programmati nel concentratore stesso. Il ricevitore radio del concentratore senza fili ATS1230 consente di aumentare la capacità degli ingressi della centrale Advisor Master fino a 32 zone per ciascun concentratore. Deve essere possibile collegare fino a 15 concentratori. Il concentratore ATS1230 può essere posto fino a 335 metri dalla centrale Advisor Master utilizzando un cavo WCAT52/54. All occorrenza sarà installato in contenitore con grado di protezione idoneo. Il concentratore wireless deve soddisfare le specifiche tecniche in allegato Essi saranno installati in posizioni idonee a garantire la copertura di tutti gli apparati di rilevazione wireless previsti. Rilevatore wireless per interno Il DD205 è un rivelatore di movimento a doppia tecnologia con controllo della portata con copertura fino a 12 m. La caratteristica unica del DD205RFI4 è la sua tecnologia radar che permette di limitare in modo preciso la portata del rivelatore a 8 o 12 m. Gli oggetti che sono al di fuori della portata impostata sul rivelatore vengono ignorati. Il rivelatore fissa gli oggetti calcolando la loro distanza dal sensore. Il rilevatore wireless deve soddisfare le specifiche tecniche in allegato Essi saranno installati nelle posizioni previste in progetto. Rilevatore wireless per esterno Il W.O. Wls è dotato di Tecnologia Digitale di correlazione per discriminare oggetti che generano un segnale simile e correlato in entrambi i canali PIR, di antimascheramento IR attivo. E' inoltre conforme agli standard IP65 per il rispetto dell'ambiente ed è in grado di discriminare gli animali fino a 70cm. Il rivelatore va fornito con 2 batterie al litio di lunga durata. Il rilevatore wireless deve soddisfare le specifiche tecniche in allegato Essi saranno installati nelle posizioni previste in progetto Rilevatore infrarosso passivo per CCTV Il sensore IRIS, é un sensore all'infrarosso passivo antiintrusione con tecnologia dual che incorpora le ultime novitá tecnologiche. Disegnato specificamente per attivazione di sistemi di registrazione di CCTV in esterni. Combina la tecnologia avanzata della sua lente con l'avanguardia del processo digitale, all'interno di una struttura estetica di alluminio con un grado IP 65 che assicura un funzionamento stabile e continuo in qualsiasi condizione ambientale. Il rilevatore per CCTV deve soddisfare le specifiche tecniche in allegato. Essi saranno installati in modo da sorvegliare in maniera opportuna l intero perimetro sotto il porticato.

16 D.4 Sottosistema di trasporto videosorveglianza assicurante standard minimo richiesto Il sottosistema di trasporto prevede il disegno di un architettura distribuita mista basata sulla creazione di una LAN su cavo UTP per le telecamere perimetrali, del cortile interno e della zona interna d accesso. Le telecamere per il controllo dell accesso ai parcheggi, di tipo analogico, saranno invece collegate ai relativi monitor attraverso coppia twistata di cavo UTP Cat. 5e, per mezzo di adattatori di impedenza dedicati alla trasmissione su doppino. I monitor dovranno essere posizionati nel locale della portineria. I flussi video provenienti dalle network camera e dagli armadi di concentrazione saranno posti in ingresso a uno switch di tipo managed, mentre le telecamere analogiche su doppino saranno ricevute per mezzo di ricevitori passivi. Le specifiche di tali apparati sono in allegato. L interazione tra il sistema di videosorveglianza ed il sistema d allarme avviene tramite un encoder video MPEG4 dotato di 4 ingressi video (a disposizione per usi futuri), 12 ingressi e 2 uscite relè. Agli ingressi saranno collegate le uscite della centrale Master corrispondenti a specifici allarmi. Deve comunque soddisfare le specifiche tecniche in allegato. Il client di visualizzazione e gestione è posto presso una sede remota: la centrale operativa dell istituto di vigilanza connesso via wireless con sistemi a 5,4 GHz o tramite connessione XDSL in grado comunque di garantire una banda sufficiente al funzionamento del sistema. Sottosistema di trasporto allarme Il sottosistema di trasporto prevede la realizzazione di una linea seriale RS-485 per la connessione dei concentratori wireless, e di connessioni punto-punto tra i rilevatori e la centrale. Il cavo da utilizzare per la seriale è il WCAT52/54 mentre per la connessione rilevatore-centrale cavo allarme con conduttori twistati e schermati Grado 4 (4Kv) 2x0,75 + 4x0,22 CEI La connettività Wireless (Opzionale) La trasmissione wireless si basa sull uso di ponti radio a codifica digitale su frequenze ad uso libero in ambienti aperti, provvisti di protocolli che rispettano la normativa vigente in Italia. In particolare i ponti previsti sono dotati delle seguenti caratteristiche generali necessarie sia all utilizzo in ambienti aperti sia all omologazione sul territorio italiano. Le frequenze utilizzate sono comprese nella banda radio tra i 5,470 e i 5,725 GHz, ripartite in 11 canali non sovrapposti, selezionati automaticamente dall apparato (protocollo DFS) così da avere canali liberi da interferenze e distribuire tutti i collegamenti presenti su canali differenti. La trasmissione avviene con modulazione OFDM, con potenze di uscita dal trasmettitore tra 3 e 17 dbm regolabile (TPC). Il bit rate di canale è impostato automaticamente o selezionabile da 6 ad almeno 54 Mbps in base alla distanza tra gli apparati in comunicazione. La sicurezza della comunicazione è garantita da un algoritmo di cifratura AES con rotazione automatica della chiave a 128 bit oltre ad un autenticazione basata su protocollo SSL. I ponti radio sono capaci di gestire configurazioni punto-multipunto implementando un algoritmo che risolve il problema del nodo nascosto. Gli apparati sono installabili all aperto essendo gli involucri IP66 e supportando un ampio intervallo di temperatura esterna.

17 D.5 Sottosistema di archiviazione assicurante standard minimo richiesto Il PC Server costituisce il cuore dell intero sistema di controllo, in esso verrà installato il software di centralizzazione con funzionalità di archiviazione, configurazione e controllo. Presso l istituto di vigilanza preposto al controllo dell edificio è previsto un PC Client con funzionalità di visualizzazione delle immagini dal vivo o registrate. Quest ultimo PC disporrà di scheda video dual-monitor per consentire una più ampia superficie di visualizzazione delle immagini provenienti dalle postazioni di ripresa. La funzione di videoregistrazione delle immagini sarà garantita da un sistema hardware e software. Sarà installato un apposito PC/server di caratteristiche e capacità adeguata a garantire la registrazione in locale di tutte le immagini in continua. Il sistema di registrazione è basato su un sistema di archiviazione centralizzata su hard disk, digitale. L architettura degli archivi è basata sulla costruzione di un database SQL che consente la rapida archiviazione, indicizzazione, ricerca, analisi dei file video, audio ed eventi. L hardware di registrazione sarà installato presso il locale tecnico T, collegato in rete LAN a tutti gli apparati attivi. Dovrà essere possibile impostare la qualità di registrazione in maniera indipendente per ogni telecamera, intervenendo su parametri quali: Risoluzione da QCIF a n-megapixel Frame rate da 1 a 25 fps Qualità di compressione Bit Rate da 32 kbps a 6 Mbps per telecamera Dovrà essere possibile impostare registrazione su fasce orarie, motion, eventi di allarme, continuo, in maniera indipendente per ogni telecamera. Durante la visione delle registrazioni o delle immagini live il sistema rimane comunque attivo in registrazione. Rispettando la normativa della privacy vigente, dovrà essere possibile impostare, sempre in maniera indipendente per ogni telecamera, l intervallo di tempo dopo il quale le registrazioni vengono cancellate con sovrascrittura. In ogni momento dovrà essere possibile esportare gli archivi registrati, sia come flusso video in formato originale, sia convertito in formato standard AVI, sia solo il singolo fotogramma, anche direttamente durante la visione in diretta delle immagini. Sui server di registrazione sarà presente un file di log che permette di registrare tutte le azioni che avvengono sul software in modo da determinare l utente che le ha eseguite. Le Specifiche generali del software Client sono: Video Compressione MPEG4 / MPEG2 / MJPEG Gestione della banda da 8 kbps a 10 Mbps per ogni telecamera Fino a 60 fps per telecamera Risoluzione da 176x120 a n-megapixel Supporto telecamere IP e analogiche Trasmissione

18 Video e audio trasportati su una rete IP L utilizzo di multicast IP minimizza l utilizzo della banda Supporta connettività wireless Supporta accesso remoto via xdsl, cavo, cellulare, ISDN, E1, E3 Visualizzazione Fino a 16 telecamere visualizzate contemporaneamente per ogni monitor Numero di monitor supportati illimitato Supporto per video wall Numero illimitato di siti remoti supportati Modalità Instant Replay per ogni telecamera Zoom digitale Touch screen supportato Controlli PTZ direttamente sull immagine Archiviazione Server di storage distribuiti consentono un archiviazione praticamente illimitata Tecnologia di archiviazione standard Tecnologia multi-stream consente impostazioni indipendenti per la visualizzazione e la registrazione Funzionalità di ricerca intelligente, basata su data/ora, eventi, bookmark e motion Pianificazioni basate su alba/tramonto, metadata, data/ora, evento e motion Integrazione Almeno 30 protocolli PTZ supportati Integrazione con specifici software di controllo accessi, analisi video, riconoscimento targhe. Integrazione con matrici hardware e tastiere TVCC Audio Gestione audio full-duplex Supportati numerosi protocolli audio Workstation di gestione remota Specifiche generali software di gestione : Il sistema scelto per la gestione dell intero sistema è un software di alto livello, installato su piattaforma PC. Sarà installato un hardware dedicato alla funzione di server, e un hardware dual monitor dedicato alla funzione di client, ad utilizzo dell operatore. È la soluzione ideale per sistemi che richiedono una gestione integrata della sicurezza a livello di video, audio e dati su una rete IP. Le principali caratteristiche che deve possedere sono: Tecnologia di compressione video basata su MPEG4, MPEG2 e MJPEG Architettura di rete centrale Accesso multiplo ai siti da ogni postazione della rete Controllo diretto di apparati di diversi produttori

19 Il software deve essere completamente scalabile da 1 a migliaia di telecamere. Deve essere sfruttabile per applicazioni di rete LAN, di rete WAN e su internet. L architettura distribuita del software deve consentire la visione in diretta delle immagini in contemporanea da diversi siti e allo stesso tempo la registrazione in siti collegati permanentemente e non. Scalabilità La scalabilità del software deve essere intesa nei seguenti termini: esso deve permettere l aggiunta di telecamere, workstation, o qualsiasi altro componente del sistema in qualsiasi punto della rete ed in qualsiasi momento. Il sistema può crescere da una singola telecamera fino a decine di migliaia di telecamere, anche una telecamera alla volta. Oltre ad incrementare il sistema con l aggiunta di una singola telecamera, il software deve poter consentire l interfacciamento ad eventuali sistemi futuri, anche della stessa entità del sistema stesso. Integrabilità La piattaforma su cui viene sviluppato il software deve essere aperta, ovvero permette la gestione di diversi sistemi quali il controllo accessi, la building automation, e tecnologie di analisi video. Il software deve gestire diverse tecnologie di telecamere, IP, analogiche e altre tipologie. Questa flessibilità assicura l integrazione con sistemi di videosorveglianza esistenti in modo da valorizzare al massimo i precedenti investimenti aggiornandoli alle nuove tecnologie. Il video, l audio e altri dati possono essere trasmessi su reti IP cablate e radio, spaziando dai cavi Cat.5 alle tecnologie wireless a 2,4 e 5,4 GHz. Le numerose opzioni di trasmissione permettono il controllo di telecamere installate in qualsiasi parte del mondo da un unica centrale operativa. Architettura del sistema Il sistema è costituito da una parte facente funzione di server e una parte facente funzione di client. A loro volta, sia il server che il client possono essere costituiti da diversi moduli software, in grado ciascuno di svolgere una diversa funzione e completamente interoperabili tra di loro. I moduli software server sono programmi di servizio che amministrano l intera rete IP, i codec, le telecamere, gli allarmi, gli eventi, le registrazioni, le funzionalità di matrice virtuale, le licenze d uso del software. Applicazioni Client Le applicazioni client sono considerate le vere e proprie interfacce utente e possono risiedere sia sullo stesso PC server, sia su qualsiasi PC connesso alla stessa rete del PC server. L accesso alle funzioni client è sempre permesso solo in presenza di un abbinamento user e password, per gestire i privilegi di funzionamento. La configurazione dell intero sistema viene realizzata da parte dell amministratore e/o di determinati utenti, i quali saranno gli unici ad accedere alla sezione di configurazione con apposita password e username. Essi potranno selezionare, ad esempio, per ogni telecamera, la qualità video di visualizzazione e/o registrazione, realizzare le pianificazioni, gestire gli allarmi, gestire gli utenti, specificare il livello di motion detection. L interfaccia utente deve essere di tipo grafico, con struttura ad albero e a schede. La visualizzazione delle immagini live e registrate deve poter avvenire in modalità singola o multipla, in finestra o a schermo intero. Deve essere prevista la gestione della visualizzazione di sequenza cicliche delle telecamere in base a differenti layout di visualizzazione, oltre alla gestione del PTZ delle telecamere e la verifica dei segnali di allarme. Si deve inoltre prevedere lo zoom digitale su sequenza live o registrate, oltre all instant replay di una

20 sequenza video appena accaduta e la ricerca di filmati per telecamera, evento, data/ora, motion, bookmark. La visualizzazione di una o più telecamera può avvenire in maniera sincrona o asincrona. Motion Detection Il sistema di video management deve integrare già la funzione di motion detection avanzato. Con tale funzione dovrà così essere possibile configurare 6 zone indipendenti di motion per telecamera, creando eventi gestiti in base a visualizzazione, data ed ora. Deve essere possibile impostare la sensibilità del motion detection differenziata per ogni zona, in modo da minimizzare il numero di falsi allarmi. L ampiezza di ciascuna zona può variare in modo da creare allarmi di diversa priorità a seconda dell evento accaduto. Protezioni del Sistema di archiviazione Protezione contro gli accessi non autorizzati Le tipologie di accessi non autorizzati da prevenire sono fisico e software. Sarà opportuno prevedere la protezione degli account privilegiati con password e che il luogo fisico in cui sono installati gli apparati non sia facilmente accessibile da chiunque. Il software dovrà comunque utilizzare il protocollo di comunicazione SSL (Secure Socket Layer). Tutti i comandi inviati dall Archiver alle unità (controlli PTZ, redirezione del flusso video, ecc.) potranno essere cifrati così da evitare agli hackers di prendere il controllo da remoto della telecamera. Protezione contro l alterazione dei dati e delle registrazioni La protezione contro l alterazione delle registrazioni è raggiunta grazie all utilizzo della cifratura video (o watermarking). E il processo per mezzo del quale una firma digitale è aggiunta a ciascun fotogramma video così da garantirne l autenticità. Se qualcuno cercasse in seguito di manomettere i filmati video aggiungendo, cancellando o modificando un immagine video, la firma non sarebbe più valida, mostrando quindi che il video è stato alterato. La chiave utilizzata dovrà essere di tipo RSA a 248 bit.

21 Impianto di collegamento dei sistemi antifurto/antincendio con numero verde provinciale, Α. Individuazione degli immobili beneficiari del servizio 1. Armeria del Corpo do Polizia Provinciale di Via San Giacomo, 25 Verona, 2. sede del servizio agricoltura di Via della Pieve, 64 - San Floriano, 3. magazzino del Servizio viabilità-manutenzione di Oppiano. B. Caratteristiche generali del sistema 1. Il collegamento dei sistemi antifurto/antincendio, installati presso gli immobili sopra nominati, deve essere effettuato mediante combinatore telefonico in grado di trasmettere la comunicazione di emergenza al numero verde provinciale, in caso di attivazione dell allarme. 2. La segnalazione di emergenza dovrà avvenire mediante inoltro di un messaggio vocale. 3. L Appaltatore deve assicurare il costante funzionamento del sistema di collegamento, anche in caso di interruzione della somministrazione di energia elettrica, mediante installazione di apparecchiature in grado di assicurare autonoma alimentazione all impianto. 4. Qualora l appaltatore predisponga il collegamento mediante combinatore telefonico collegato a scheda SIM GSM, dovrà provvedere a preliminare verifica, presso ciascuno degli immobili di cui alla lettera A, della presenza di copertura di rete dell operatore telefonico della SIM installata, ed attestare con dichiarazione scritta l esito della verifica. Il canone delle schede SIM GSM eventualmente installate, è a carico dell appaltatore.

22 PROVINCIA DI VERONA SERVIZI DI VIGILANZA, VIDEOSORVEGLIANZA, SMISTAMENTO CHIAMATE TELEFONICHE E TELE EMERGENZA, PER LA PROVINCIA DI VERONA, PER 36 MESI, DAL 2015 AL 2018, C.I.G Allegato 1 al capitolato speciale d appalto parte tecnica Specifiche Tecniche

23 IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA E ALLARME, PRESSO PALAZZO CAPULETI I componenti minimi dell impianto che garantiscono gli standard richiesti dovranno avere caratteristiche tecniche equivalenti a quelle di seguito riportate. Devono essere garantite almeno le stesse prestazioni, in termini di grado di risoluzione, nitidezza dell immagine, area di ripresa. E onere dell impresa dimostrare che il prodotto pur non essendo esattamente corrispondente a quello sotto descritto è comunque equivalente in termini di prestazioni prodotte. Requisiti Tecnici della Telecamera tipo Lumenera Le175C-DN Risoluzione 1280x1024 Possibilità di upgrade chip analisi video onboard Supporta obiettivi DC Autoiris Telecamera ad alta risoluzione Funzionalità Day / Night Rimozione del filtro IR Formato del sensore da 1/2". Frame rate fino a 30 fps alla massima risoluzione Frame rate fino a 90 fps a 640x480 Sensibilità della luminosità 0.5 lux a F1.0. Range dinamico 55 db Montaggio lenti CS. Protocolli supportati HTTP. FTP. RTP. Telnet. Buffer immagini 64MB. Interfaccia 10/100baseT Ethernet (RJ45). Temperatura di Funzionamento -10 C +50 C. Consumo di Potenza 6W. Alimentazione 24 VAC/DC Requisiti Tecnici della Telecamera tipo Le575C-DN Lumenera 5.0 Megapixel Risoluzione 2560x1920 Telecamera ad alta risoluzione Funzionalità Day / Night Rimozione del filtro IR in modalità Night Compressione MJPEG Supporta obiettivi DC Autoiris Privacy zone programmabili Involucro metallico Formato del sensore da 1/2.5". Frame rate selezionabile da 6 fps a 26 fps. Sensibilità della luminosità 2.0 lux a F1.0. Dynamic Range 55dB Montaggio lenti CS. Protocolli supportati HTTP. FTP. RTP. Telnet. Buffer immagini 48MB. Interfaccia 10/100baseT Ethernet (RJ45). Temperatura di Funzionamento -10 C +50 C.

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Distributore per la Campania : Centro Sicurezza Campano di Marcello Cioffi Via Ben Hur 74-80126 Napoli Tel. sede 081 7679155 / email :

Distributore per la Campania : Centro Sicurezza Campano di Marcello Cioffi Via Ben Hur 74-80126 Napoli Tel. sede 081 7679155 / email : Distributore per la Campania : Centro Sicurezza Campano di Marcello Cioffi Via Ben Hur 74-80126 Napoli Tel. sede 081 7679155 / email : info@sicurezzacsc.it sito : www.sicurezzacsc.it 2 NEXTtec progetta

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA.

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. APICE s.r.l. SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. Descrizione del sistema Luglio 2006 SISTEMA DI CONTROLLO

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

UTC Fire & Security Italia

UTC Fire & Security Italia UTC Fire & Security Italia Corso tecnico V1.6 Sistema Advisor Advanced Versione Fw di riferimento 019.019.085 Obbiettivi del corso Questo corso Vi illustrerà la nuova centrale intrusione Advisor Advanced.

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

LA PIÙ COMPLETA, INNOVATIVA ED EFFICIENTE.

LA PIÙ COMPLETA, INNOVATIVA ED EFFICIENTE. LA PIÙ COMPLETA, INNOVATIVA ED EFFICIENTE. LA TUA CENTRALE D ALLARME. LA NOSTRA FILOSOFIA Leader nel settore dei sistemi di sicurezza e domotica, dal 1978 offre soluzioni tecnologiche all avanguardia.

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Controllo industriale SE-609

Controllo industriale SE-609 Controllo industriale SE-609 Controllo e visualizzazione uniti come soluzione per l automazione con comandi mediante touch Controlli industriali all avanguardia per impianti per il trattamento termico

Dettagli

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche F12 MANUALE UTENTE 1. F12 Caratteristiche Progettato per sopravvivere in condizioni difficili, fornendo regolari ed accurate registrazioni di posizione sfruttando un GPS all avanguardia sulla rete cellulare,

Dettagli

MANUALE TECNICO 080406 E SMS

MANUALE TECNICO 080406 E SMS IT MANUALE TECNICO 080406 E SMS MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore E-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili a numeri telefonici preimpostati e di attivare uscite

Dettagli

Guida tecnica alla tecnologia video di rete.

Guida tecnica alla tecnologia video di rete. Guida tecnica alla tecnologia video di rete. Tecnologie e fattori da valutare per sviluppare con successo applicazioni di sorveglianza E di monitoraggio remoto basate su IP. 2 Guida tecnica di Axis alla

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 www.pce-italia.it Istruzioni d uso Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 1 Istruzioni d uso www.pce-italia.it Indice dei contenuti Titolo 1. Visione generale... 3 2. Contenuto della spedizione... 3 3. Informazione

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art.

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art. 1009/001 1009/002D 1009/002S 1009/005D 1009/005S Frontale piatto da 25 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale destro da 40 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale sinistro da 40

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Manuale di utilizzo centrale ST-V

Manuale di utilizzo centrale ST-V Accessori 1 Capitolo I : Introduzione 2 1.1 Funzioni 2 1.2 Pannello_ 5 1.3 I CON 5 Capitolo II : Installazione e connessione 6 2.1 Apertura della confezione 6 2.2 Installazione del pannello_ 6 2.3 Cablaggio

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

minor costo delle chiamate, su nazionali e internazionali

minor costo delle chiamate, su nazionali e internazionali Il Voice Over IP è una tecnologia che permette di effettuare una conversazione telefonica sfruttando la connessione ad internet piuttosto che la rete telefonica tradizionale. Con le soluzioni VOIP potete

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Manuale Tecnico di installazione e programmazione

Manuale Tecnico di installazione e programmazione Manuale Tecnico di installazione e programmazione AVVERTENZE Questo manuale contiene informazioni esclusive appartenenti alla Combivox Srl Unipersonale. I contenuti del manuale non possono essere utilizzati

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções feeling feeling rf D GB F E P NL CZ Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi nstruzioni per l uso nstrucciones de uso Manual de instruções Bedieningshandleiding Návod k obsluze 2 42 82 122 162

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Manuale istruzioni. 01942 Comunicatore GSM-BUS

Manuale istruzioni. 01942 Comunicatore GSM-BUS Manuale istruzioni 01942 Comunicatore GSM-BUS Indice 1. Descrizione 2 2. Campo di applicazione 2 3. Contenuto della confezione 2 4. Vista frontale 3 5. Funzione dei tasti e led 4 6. Operazioni preliminari

Dettagli

Aladino Vision, il nuovo concetto di cordless

Aladino Vision, il nuovo concetto di cordless Gentile Cliente, Ti ringraziamo per aver scelto Aladino Vision. Aladino Vision è unico, essenziale, elegante e definisce un nuovo concetto per la telefonia cordless assegnando un ruolo attivo alla stazione

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS www.gmshopping.it TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS MANUALE UTENTE Questo documento è di proprietà di Ciro Fusco ( Cfu 2010 ) e protetto dalle leggi italiane sul diritto d autore (L. 633 del 22/04/1941

Dettagli

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA Dell Smart-UPS 100 000 VA 0 V Protezione interattiva avanzata dell'alimentazione per server e apparecchiature di rete Affidabile. Razionale. Efficiente. Gestibile. Dell Smart-UPS, è l'ups progettato da

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad Attraverso questo applicativo è possibile visualizzare tutti gli ingressi del DVR attraverso il cellulare. Per poter visionare le immagini

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:...

INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:... INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:...14 Ultimo Aggiornamento del Documento: 23 / Marzo / 2012 1 INFORMAZIONI

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

Galaxy Dimension. Manuale di installazione. Honeywell Security

Galaxy Dimension. Manuale di installazione. Honeywell Security Galaxy Dimension Manuale di installazione Honeywell Security Sommario Sommario INTRODUZIONE... 1-1 Varianti disponibili... 1-1 SEZIONE 1: CONFIGURAZIONE RAPIDA... 1-3 SEZIONE 2: ARCHITETTURA DI SISTEMA...

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI GUIDA D INSTALLAZIONE E USO Contenuto della Confezione La confezione Alice Business Gate 2 plus Wi-Fi contiene il seguente

Dettagli

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2)

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) MANUALE UTENTE FT607M /FT607M2 MICROSPIA GSM PROFESSIONALE 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) FT607M /FT607M2 MANUALE UTENTE INDICE 1. Informazioni importanti.......................................4

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic Temp 360 Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD - 0,01 C Temp 300 Professional Datalogger, a doppio canale, per sonde a termocoppia K, T, J, B, R, E, S, N Temp 16 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD Temp

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

Il gruppo emettitore di biglietti - piantana, è studiatoin modo da consentire l uso del sistema, anche a persone diversamente abili.

Il gruppo emettitore di biglietti - piantana, è studiatoin modo da consentire l uso del sistema, anche a persone diversamente abili. Made in Italy Sistemi gestione code MS32 Il sistema può utilizzare : - la documentazione eventi, numero di operazioni per servizio e postazione e dei tempi medi di attesa, con il programma MSW - il servizio

Dettagli

Telecamera IP Wireless/Wired. Manuale d uso

Telecamera IP Wireless/Wired. Manuale d uso Telecamera IP Wireless/Wired VISIONE NOTTURNA & ROTAZIONE PAN/TILT DA REMOTO Manuale d uso Contenuto 1 BENVENUTO...-1-1.1 Caratteristiche...-1-1.2 Lista prodotti...-2-1.3 Presentazione prodotto...-2-1.3.1

Dettagli

The Future Starts Now. Termometri portatili

The Future Starts Now. Termometri portatili Termometri portatili Temp 70 RTD Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD 0,01 C da -99,99 a +99,99 C 0,1 C da -200,0 a +999,9 C Temp 7 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD 0,1 C da -99,9 a +199,9 C 1 C da

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

Kit Domotici fai-da-te integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare.

Kit Domotici fai-da-te integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare. Per una casa più comoda, cura e intelligente, con un solo clic. Kit Domotici faidate integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare. www.easydo.it videosorveglianza, controllo carichi

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web Attenzione!! Rif. Rev. 2.2 www.cws32.it Questa presentazione non sostituisce il manuale operativo del prodotto, in quanto

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Guida all'installazione Powerline AV+ 500 Nano XAV5601

Guida all'installazione Powerline AV+ 500 Nano XAV5601 Guida all'installazione Powerline AV+ 500 Nano XAV5601 2011 NETGEAR, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta, archiviata

Dettagli

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Contenuto Sunny Central Communication Controller è un componente integrale dell inverter centrale che stabilisce il collegamento tra l inverter

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli