Approfondimento sulle risorse hardware e software

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Approfondimento sulle risorse hardware e software"

Transcript

1 NUOVE TECNOLOGIE E D.S.A. Approfondimento sulle risorse hardware e software 6 dicembre 2009 A. Monica

2 Strumenti compensativi e provvedimenti dispensativi SONO QUEGLI STRUMENTI CHE PERMETTONO DI COMPENSARE DIFFICOLTA DI ESECUZIONE DI COMPITI AUTOMATICI DERIVANTI DA UNA DISABILITA SPECIFICA METTENDO IL SOGGETTO IN CONDIZIONI DI OPERARE PIU AGEVOLMENTE G. Stella 2001

3

4 É IMPRESSIONANTE IL CERVELLO: Sneocdo uno sdtiuo dlel'untisverià di Cadmbrige, non irmptoa cmoe snoo sctrite le plaroe, tutte le letetre posnsoo esesre al pstoo sbgalaito, è ipmtortane sloo che la prmia e l'umltia letrtea saino al ptoso gtsiuo, il rteso non ctona. Il cerlvelo è comquune semrpe in gdrao di decraifre tttuo qtueso coas, pcheré non lgege ongi silngoa ltetrea, ma lgege la palroa nel suo insmiee... vstio?... SNEOCDO UNO SDTIUO DLEL'UNTISVERIÀ DI CADMBRIGE, NON IRMPTOA CMOE SNOO SCTRITE LE PLAROE, TUTTE LE LETETRE POSNSOO ESESRE AL PSTOO SBGALAITO, È IPMTORTANE SLOO CHE LA PRMIA E L'UMLTIA LETRTEA SAINO AL PTOSO GTSIUO, IL RTESO NON CTONA. IL CERLVELO È COMQUUNE SEMRPE IN GDRAO DI DECRAIFRE TTTUO QTUESO COAS, PCHERÉ NON LGEGE ONGI SILNGOA LTETREA, MA LGEGE LA PALROA NEL SUO INSMIEE... VSTIO?... Provate a leggere come fa un dislessico.. Leggere vuol dire decodificare, dover fare continue traduzioni Ma se la corrispondenza grafemi-fonemi non è stabilizzata

5 DUE MODI DI PENSARE CONCETUALIZZAZIONE VERBALE (con i suoni delle parole) lineare nel tempo, segue la struttura del linguaggio, la persona compone mentalmente la frase) CONCETUALIZZAZIONE NON-VERBALE (con le immagini mentali dei concetti e delle idee) è evolutivo, l immagine si sviluppa mentre il pensiero aggiunge altri concetti (più veloce ma più difficoltoso perché alcune parti del linguaggio sono più difficili da visualizzare)

6 DUE TIPI DI PAROLE Parole che descrivono cose reali (casa, gatto, dormire, bere, mangiare) Parole che non possono essere raffigurate (il, la, un, una) Nella concetualizzazione non verbale, ogni volta che la creazione dell immagine viene bloccata ( es da un articolo), la persona prova una sensazione di confusione perché l immagine che sta creando diventa incoerente Il dislessico è principalmente un pensatore non-verbale

7 PUNTI DI FORZA sui quali lavorare: Il dislessico: Pensa principalmente per immagini anziché a parole Pensa e percepisce in maniera multidimensionale (usando tutti i sensi) Ha la capacità di creare immagini mentali rapide Ha la capacità di creare immagini plastiche e viverle quasi come se fossero reali Ha la capacità di pensare in modo evolutivo, di valutare velocemente ogni situazione. Ha una ricca immaginazione, associata ad una notevole capacità percettiva di ciò che accade. Ha molto intuito e introspezione E più curioso della media - Può sviluppare strategie creative per approcciare il suo lavoro e per compensare le sue difficoltà

8 A scuola Ciò che non è modificabile, si può aggirare con l adozione di strumenti e misure di tipo compensativo e dispensativo L intervento deve mettere a fuoco le potenzialità, non le difficoltà non si legge per leggere bene, ma per comprendere e non si scrive per non fare errori, ma per comunicare

9 Le caratteristiche delle difficoltà Lentezza ed errori nella lettura/scrittura/calcolo Difficoltà nel ricordare le categorizzazioni Difficoltà a memorizzare sequenze (verbi, definizioni,..) Difficoltà di copia e nella dettatura (espressioni di mat.,consegne, schemi.) Difficoltà nei compiti di integrazione Autocorrezione degli errori Difficoltà nell espressione scritta Difficoltà nelle lingue straniere

10 Gli insegnanti devono: Attivare lo spazio per l apprendimento : comunicazione, ascolto, interazione affettiva e cognitiva Ricercare approcci didattici migliorativi Favorire le strategie compensative Insegnare all uso di strumenti compensativi Favorire la dispensa da alcuni compiti Rivisitare il processo di insegnamentoapprendimento

11 Schema delle misure compensative Compiti No tecnologico Bassa tecnologia Alta tecnologia Scrittura Dizionario, alfabeto Tabella dei caratteri Facilitatori x incolonnamento dei numeri, parole Registratore x appunti Digicamera X schemi, immagini Carta copiativa Adattare il foglio con righe, quadretti o spaziatura particolare Videoscrittura e correttore ortogr Predizione ortografica Dizionari elettronici / on line Software riconoscimento vocale Scanner piano o penna OCR ICR Lettura Utilizzare il segna riga Cambiare la grandezza del carattere Cambiare la spaziatura Cambiare il colore Utilizzare i colori Audiovisivi Testi ridotti Testi contenenti audio-cassette o cd-rom Audiolibri (testo+cd) Libro / appunti registrati Audiolibro Scanner piano o penna OCR ICR Sintesi vocali lett. MP3 Screen Reader Libri elettronici (e-book) Cambiare il font stampatello maiuscolo o maiuscoletto Matematica e materie scientifiche Tavola pitagorica La linea dei numeri Tabelle delle misure e conversione Tabella con le formule geometriche, trigonometriche, fisiche, chimiche Calcolatrice Calcolatrice con display a +righe e scrittura formule Calcolatrice parlante Orologi parlanti Calcolatrice nel computer Calcolatrice con sintesi vocale Fogli elettronici di calcolo Software di simulazione Software mappe concett/ mentali Storia Geografia Cartine geografiche Cartine storiche, Linea del tempo, Tabelle della memoria Racconto registrato Lezione registrata Creazione mappe Software mappe concett/ mentali Mediatori iconici Google Map / Earth Podcast Studio e Organizzazio ne Aiuti per riorganizzare i materiali (cartelline colorate, Tab. indici visivi) Glossario / Scaletta argomenti Sottolineare i testi con evidenziatori Carte con indici Libro degli appuntamenti (agenda) Beeper/ buzzers (sveglie e promemoria nel cellulare) Fogli con grafici per organizzare Creazione mappe Software mappe concett/ mentali Registratori con controllo del parlato, organizer / palmari. Applicativi X ricerca dati su PC Enciclopedie multimediali/on line Traduttore automatico

12 FORMULARI ALFABETO RETTA DEI NUMERI

13 PER LA STORIA

14 CALCOLATRICI Un Un milione.... parlanti Parlo registro OROLOGI con calcolatrice

15

16 Calcolatrici software CalcAnt simula il foglio della calcolatrice da tavolo C.A.R.L.O MOBILE Calcolatrici con sintesi vocale BIG CALCULATOR

17 UNO ZAINETTO PER IL DISLESSICO SOFTWARE VIDEOSCRITTURA con correttore ortografico e predittore di parola (MS Office, Open Office) SINTESI VOCALE con possibilità di salvare in file mp3 (Carlo Mobile, Carlo II Loquendo, Balabolka) LIBRI DI TESTO DIGITALI e E-BOOK VARI LETTORE DI E-BOOK (Adobe Reader, MS Reader) CALCOLATRICE PARLANTE (Big Calculator) SOFTWARE PER LA REGISTRAZIONE (Audacity) AUDIOLIBRI e LETTORE MP3 DIZIONARI ENCICLOPEDIE su CD

18 QUALE PC? TABLET PC PC PORTATILE NETBOOK TABLET PC Con TOUCH SCREEN PALMARE

19 IL COMPUTER PRESENTA a) Velocità b) Memoria c) Estetica d) Riproducibilità e) Rielaborabilità f) Reperibilità g) Scambio Il computer permette anche un vantaggio di tipo psicologico che aumenta la sicurezza e la fiducia nei soggetti (DSA). Il computer non viene vissuto come una protesi per diversamente abili, cosa che avviene spesso per gli ausili didattici tradizionali come le schede di recupero o i libri di testo facilitati; al contrario, viene visto come uno strumento usato dai grandi, quindi come qualcosa che contribuisce a mantenere l autostima a livelli adeguati, anche in presenza di un programma molto strutturato Tenere presente che l adolescente rifiuta categoricamente programmi didattici infantili.

20 PALMARE CELLULARE REGISTRATORE LETTORE MP3 TAVOLETTA GRAFICA TABLET PC ALTOPARLANTI CUFFIE (buona qualità) MICROFONO Digicamera WebCam SCANNER MODEM

21 LA STAZIONE DI LAVORO Progetto IBM kidsmart TOUCH SCREEN

22 Easy PC Comfy Keyboard 3-4 anni

23 SOFTWARE PER LA REGISTRAZIONE Registratore di suoni Audacity UTILIZZARE MICROFONI E DIFFUSORI DI ALTA QUALITA

24 IO PARLO SINTESI VOCALE INTERPRETE VOCALE CIAO A TUTTI SINTESI VOCALE Converte i testi presenti nel PC in parole udibili dall utente con gli altoparlanti SCREEN READER (lettore di schermo) Traduce tutto ciò che viene scritto sullo schermo del PC in parole udibili dall utente (Menu, testi, nomi icone, link ecc) utile per la navigazione internet, dizionari elettronici IO CAPISCO INTERPRETE VOCALE Interpreta e traduce in scrittura o azioni tutto ciò che viene dettato dall utente attraverso il microfono o un registratore

25 Scanner piano o a penna MP3 SINTESI OCR ICR SCANNER E OCR (Riconoscitore Ottico Caratteri) Processo di acquisizione del testo Disponi sul piano il testo stampato da scannare Avvia il programma di acquisizione da scanner Avvia il programma di riconoscimento caratteri (OCR) Salva il file ottenuto come testo (che potrai modificare con WORD)

26 BLOCK NOTES Si tratta di una tavoletta grafica per PC che funziona anche da "block notes" digitale per prendere appunti ovunque, e scaricarli poi in maniera immediata nel proprio PC per editarli, studiarli, stamparli o archiviarli (usa OCR) Usa penne di 2 colori

27 QUALE OCR? FineReader, OmniPage (OCR + ICR) Microsoft Office Document Imaging OCR pacchetto office da vers.2003 (va installato) FREEOCR TOPOCR (da fotografie ) attiva sintesi ONLINEOCR, Google Docs OCR

28 Lavagna interattiva perchè? Aumenta la motivazione, la partecipazione e il coinvolgimento degli studenti; Gli studenti hanno a disposizione tre differenti modalità di apprendimento: visiva, uditiva, tattile Favorisce diversi stili di apprendimento; Migliora la memorizzazione delle informazioni; Velocizza la preparazione delle lezioni. La lavagna offre la possibilità di scrivere sulla superficie con il dito della mano oppure con una penna digitale (nero, blu, rosso, verde) I docenti/studenti possono prendere un oggetto, muoverlo, ruotarlo, copiarlo, incollarlo e salvare il lavoro e le lezioni in filmati che diventano preziosi per un ulteriore utilizzo o per il recupero in caso di assenza.

29 AUTONOMIA nello STUDIO

30 Autonomia nella lettura

31 Attenzione alla leggibilità Densità informativa. - Costruire un rapporto bilanciato tra le informazioni codificate in forma scritta e gli apparati di supporto (immagini, suoni ) - Alleggerire il carico informativo: semplificazioni testuali. Introduzione di espedienti grafici: dimensione carattere, a capo, interlinea. - Riferirsi ai protocolli di semplificazione dei testi 1. Le frasi contengono meno di 15 parole 2. Lessico prevalentemente costituito da parole appartenenti al repertorio fondamentale del Vocabolario di Base di De Mauro 3. Esplicitazione costante del soggetto che svolge l azione 4. Assenza di forme passive - Utilizzare dei caratteri facilmente riconoscibili

32

33 A volte è necessario scrivere in FONT CONSIGLIATI CENTURY GOTHIC MAIUSCOLETTO century gothic ARIAL BLACK arial black VERDANA Verdana

34 Tutti i caratteri che presentano grazie o non sono ben definiti e arrotondati

35 INDICI DI LEGGIBILITA Per leggibilità, si deve intendere l impianto linguistico di un testo che fa sì che esso risulti più o meno chiaro e comprensibile sulla base di un ampissimo numero di caratteristiche linguistiche in combinazione, a prescindere dalla complessità degli argomenti contenuti. In WORD è possibile impostare il correttore ortografico in modo da fornire le statistiche di leggibilità

36 Indice di Gunning s Fog Questo indice riflette, in maniera approssimata, il numero minimo di anni di scuola che una persona deve aver frequentato per leggere con facilità il testo in esame. Il valore 17 indica il livello post-laurea. Se lo applichiamo scopriamo che

37 Indice di Gulpease L indice GULPEASE nasce da un gruppo di linguisti dell Università La Sapienza di Roma che si è riunita attorno a Tullio de Mauro per costituire il GULP Gruppo Universitario Linguistico Pedagogico I valori che si ottengono sono compresi in una scala che va da 0 a 100 Per leggere agevolmente i testi per i lettori con: istruzione elementare è richiesto un indice > 80 istruzione media è richiesto un indice > 60 istruzione superiore è richiesto un indice > 40 Es: I Promessi Sposi hanno indice 49

38 VOCABOLARI ELETTRONICI VOCABOLARIO DI BASE di Tullio De Mauro dal libro Guida all'uso delle parole. E uno strumento utile per individuare le parole difficili contenute in un testo Comprende circa 7000 parole, quelle che hanno la maggiore frequenza statistica nella nostra lingua. Il Vocabolario di base si divide in: - «Vocabolario fondamentale»: parole. Le più usate in assoluto nella nostra lingua (esempi: amore, lavoro, pane). - «Vocabolario di alto uso»: parole. Molto usate (esempi: palo, seta, toro). - «Vocabolario di alta disponibilità»: parole. Poco usate nella lingua scritta, ma molto in quella parlata (esempi: mensa, lacca, tuta).

39 LIBRI DI TESTO PER ALUNNI DISLESSICI Dato che la lettura è il tallone d'achille per gli alunni dislessici, l'ancora di salvezza (lo strumento compensativo più utile) può essere la possibilità di avere lo stesso libro di testo dei compagni, ma IN FORMATO DIGITALE, in modo da studiare la lezione utilizzando una sintesi vocale o uno screen reader. E possibile ordinare il libro di testo in formato pdf, al posto di quello cartaceo. L'elenco delle case editrici che offrono questa possibilità lo potete scaricare dal sito della biblioteca dell AID Nella stessa pagina troverete tutte le informazioni per poter ordinare i libri digitali direttamente all'aid

40 E-BOOK LIBRO ELETTRONICO Cosa è un e-book documento di testo redatto con un software di videoscrittura Per leggere gli e-book computer con programmi che presentano caratteristiche per facilitarne la lettura (contrasto, carattere, ricerca, segnalibro, sintesi vocale) palmari e telefoni cellulari dotati di schermo largo (tipo Nokia 7710), lettori MP3 (IPOD) soprattutto per la loro maneggevolezza e portabilità, alcuni sono dotati di sintesi vocale. Dove trovare e-book gratuiti

41 I FORMATI E-BOOK.TXT è il formato di testo base, non consente illustrazioni è letto da tutti i software e dai cellulari e ipod.doc è il formato documento di WORD.RTF formato di interscambio può essere letto da tutti i software di videoscrittura (WORDPAD).PDF è il formato di ADOBE READER, utilizzato spesso per i documenti presenti sul WEB.HTML è il formato del Web.LIT è il formato utilizzato da MICROSOFT READER.PDB è il formato dei palmari Palm LEGGERE E-BOOK CON MS READER ADOBE READER

42 DOVE REPERIRE E-BOOK giorni in fiera: nella libreria permanente della Fiera del Libro, le proposte di ebook di editori italiani (pochi) e stranieri (tanti). - AgeBook: propone classici della letteratura su cd-rom, leggibili con AgeReader. - Apogeonline: editore on line specializzato in testi informatici. - DigiSic : archivio digitale della letteratura siciliana, gestito dall'università di Messina. - Ebookgratis: consente di scaricare gratis ebook in formato MS-Reader. Titoli classici, ma non solo. - Editor on Web: pubblica e vende ebook (anche dal catalogo di editori tradizionali) - Emotionbook: dà servizi per la realizzazione e la vendita di ebook e per la protezione del diritto d'autore nelle opere digitali - Evolutionbook: notizie sugli ebook e vendita on-line. - Freebooks: seleziona testi per la pubblicazione in formato ebooks senza richiesta di contributo. Si può richiedere anche un preventivo per la stampa a bassa tiratura con il printon-demand. - Inediti.it: pubblica on-line opere inedite (ma anche edite). All'autore è riconosciuto il 50% del prezzo di vendita. - Libuk: pubblica inediti con contributo dell'autore, a richiesta consulenza e scheda di lettura. - MSN ebook : la sezione ebook del portale di Microsoft (ci sono alcune buone edizioni gratis) ovviamente in formato MS Reader. - Neteditor: pubblica on-line in formato HTML o ebook. Classifica dei testi più scaricati. - Romanzieri: forse il progetto italiano più attivo e vivace. Comprende una raccolta di classici in lingua originale e una sezione in collaborazione con Stampa Alternativa. - Spazio ebook: è uno spazio dedicato ad autori e lettori per segnalare e discutere degli ebook disponibili in Rete. - Superlibri: seleziona testi che pubblica come ebook e mette a disposizione degli editori interessati.

43 SINTESI VOCALE IO PARLO CIAO A TUTTI SINTESI VOCALE Converte i testi presenti nel PC in parole udibili dall utente con gli altoparlanti SCREEN READER JAWS NVDA SCREEN READER (lettore di schermo) Traduce tutto ciò che viene scritto sullo schermo del PC in parole udibili dall utente (Menu, testi, nomi icone, link ecc) utile per la navigazione internet, dizionari elettronici SINTESI VOCALE con possibilità di salvare in file MP3 Carlo Mobile Carlo II Loquendo Balabolka Dspeech Espeak Natural Reader

44 Produzione scritta

45 SCRIVERE CON IL COMPUTER: VANTAGGI - Correzione automatica, individuazione delle forme corrette (va sempre proposta all utente) - Evidenziazione di parole ortograficamente scorrette: contribuisce a sviluppare consapevolezza, autocorrezione - Rilettura del testo (disgrafici) - Ascolto di quanto si scrive o si è scritto che favorisce i processi di revisione testuali - Utilizzo di un predittore di vocabolo - Acquisizione di schemi Acquisizione di schemi, mappe nel proprio computer con l utilizzo di una lavagna interattiva

46 VIDEOSCRITTURA 1)Microsoft Word, incluso nella suite commerciale Microsoft Office StarOffice Writer incluso nel pacchetto StarOffice OpenOffice Writer, incluso nel pacchetto libero OpenOffice.org AbiWord, software freeware stand-alone, nato per Linux dal progetto Gnome. Google Docs suite on-line e off-line comprendente: elaboratore di testi, foglio elettronico, sw presentazione 2) Predittore di vocabolo (glossario)

47 Predittori di vocabolo ALCUNI ESEMPI DI PRODOTTI Accelerano la scrittura fornendo una lista di parole che iniziano con un gruppo di lettere digitate.. Carlo II Loquendo. LetMeType. Aurora. Penfriend. Prophet. KeyRep

48 CONDIVISIONE DEI DOCUMENTI a DISTANZA SI PUO LAVORARE SULLO STESSO DOCUMENTO ANCHE A DISTANZA Office Live Workspace t-it/ Progetto LEPIDASCUOLA

49 Il riconoscimento vocale Software che riconoscono la voce umana richiedono una fase di addestramento IO CAPISCO INTERPRETE VOCALE INTERPRETE VOCALE Interpreta e traduce in scrittura o azioni tutto ciò che viene dettato dall utente attraverso il microfono o un registratore

50 VOCABOLARI ELETTRONICI PROGRAMMA DIZIONARIO E un progetto europeo che coinvolge sviluppatori di ogni paese. Nel sito del dr. Dario de Judicibus, trovate, scaricabili, dizionari di lingue vive e meno vive, tutti gratuiti, e molto interessanti Loescher Dizionari Sinonimi, Greco, Latino

51 VOCABOLARI ELETTRONICI ENCICLOPEDIE E ATLANTI MULTIMEDIALI WWW

52 Traduttori automatici CARLO MOBILE fornisce la traduzione in più lingue e l ascolto con sintesi vocale Loquendo Babylon v. 6 Dizionario e traduttore. Traduce un testo intero in 17 lingue GOOGLE TOOLBAR Traduttore istantaneo on-line Garzanti traduttori automatici

53 RISORSE da INTERNET Google toolbar Internet motori di ricerca Google Toolbar (correttore e traduttore on line) Google Docs (Documenti, presentazioni, OCR, condivisione di documenti on line Sintesi vocale on line Enciclopedie multimediali e dizionari on line Posta elettronica ( ) Messenger (scritto, voce, video, lavagna condivisa) BLOG FORUM CHAT SOCIAL NETWORK PODCAST FILMATI ON LINE

54 WIKI e BLOG SCRITTURA COLLABORATIVA e LETTURA MOTIVATA I wiki ed i blog permettono a diverse persone di lavorare sullo stesso documento, ciascuna con la facoltà di apporre le proprie modifiche, di aggiungere idee e commenti. I partecipanti non debbono per forza lavorare assieme, ma possono interagire a distanza ed in tempi differenti, realizzando un documento che si evolve attraverso il contributo di tutti. WIKI vuole dire veloce e fa arrivare veloce a tutti quello che scrivo. Col BLOG scrivo con le lettere e le figure e se scrivo imparo.

55 I mediatori iconici (cfr. E. Damiano, Guida alla didattica per concetti,) Strumenti che rielaborano, secondo schemi logici, le informazioni ricavate ad esempio da un testo, rappresentandole graficamente. Questi strumenti, hanno una duplice funzione didattica: da un lato svelano al docente se il testo è stato compreso e dall altro facilitano nello studente l acquisizione dei concetti fondamentali e la loro categorizzazione. Per consentire l acquisizione di una conoscenza procedurale (come ad esempio una procedura di laboratorio) si può utilizzare uno schema a blocchi che identifica una precisa sequenza di operazioni da compiere, suddividendole in fasi di lavoro. L acquisizione di conoscenze dichiarative, quali ad esempio la conoscenza di oggetti, di fatti, di principi, è invece facilitata dall utilizzo di schematizzazioni logiche del tipo: il disegno che favorisce attraverso la rappresentazione grafica la modellizzazione di oggetti di conoscenza a volte anche invisibili (cellule, atomi) le mappe concettuali e le schematizzazioni a grafo che consentono di visualizzare i concetti e le relazioni esistenti tra di essi le tabelle struttura/funzione le tabelle struttura/funzione o tabelle più complesse che consentano di correlare graficamente diversi livelli informativi che corrispondono ai diversi livelli d organizzazione dei sistemi.

56 Il diagramma di flusso Il diagramma di flusso rappresenta graficamente una procedura che si articola in più fasi successive.

57 Il frame Si tratta di uno schema grafico strutturato nello spazio del foglio che rappresenta una certa conoscenza dichiarativa evidenziando gli elementi fondanti e le relazioni che intercorrono tra essi.

58 Le Mappe Concettuali Una Mappa Concettuale è la rappresentazione grafica di concetti espressi in forma sintetica (parole-concetto) all interno di una forma geometrica (nodo) e collegati tra loro da linee (frecce) che esplicitano la relazione attraverso parole-legamento. Determinano l autoconsapevolezza anche visiva del proprio sapere

59 Le Mappe Mentali La costruzione di una Mappa mentale inizia a partire da un input esterno; ad esempio, dopo aver letto un racconto o svolto una lezione si potrà richiedere agli studenti di evidenziare gli elementi che li hanno colpiti di più, le parole da essi ritenute centrali, sviluppando anche le relazioni esistenti fra gli elementi interni e quelli esterni, eventualmente richiamati alla memoria. Inoltre la Mappa si dovrà organizzare intorno ad un concetto dal quale si diramano i nodi più o meno strettamente correlati a quello centrale.

60

61

62 Quali software per costruire le mappe concettuali? Kidspiration Per Windows, rivolto alla scuola primaria LINGUA INGLESE Offre una raccolta di oltre immagini (ampliabile) che i bambini possono esplorare per esprimere visivamente i loro concetti Presenta una serie di mappe precostruite Inspiration (inglese) Per Windows, rivolto alla scuola secondaria per costruire anche mappe mentali Supermappe Per Windows LINGUA ITALIANA Fa leggere la mappa dalla sintesi vocale Offre una ampia raccolta di immagini Posso inserire immagini (jpg, GIF animate) filmati, link a vari oggetti (siti e altre mappe)

63 Quali software per costruire le mappe concettuali? mappe mentali on line Free Mind Per Windows, Mac LINGUA ITALIANA Posso inserire immagini (jpg, GIF animate) link a vari oggetti (siti e altre mappe) Cmap Tools 3 Per Windows, Mac, Linux e Solaris LINGUA ITALIANA Permette di recuperare risorse (mappe) da internet Posso inserire immagini (jpg, GIF animate) filmati, link a vari oggetti (siti e altre mappe)

64 COME SI COSTRUISCE UNA MAPPA CONCETTUALE 1. Identificare l argomento/tematica/domanda focale e fare poi la lista dei concetti generali e specifici 2. Mettere in ordine i vari concetti individuando le gerarchie 3. Rivedere la lista e, se necessario, aggiungere altri concetti 4. Iniziare a costruire la mappa dall alto verso il basso 5. Sistemare i concetti specifici/subordinati sotto ogni concetto generale 6. Creare i legami collegando i concetti con linee etichettate con parole_legame 7. Rielaborare la struttura della mappa, aggiungendo, sottraendo o cambiando i concetti 8. Cercare di creare legami trasversali 9. Applicare ai concetti degli esempi specifici 10. Eventualmente realizzare altre mappe in modi diversi

65 PROPOSIZIONE Identifica un unità semantica in cui due o più concetti sono legati tra di loro da parole. Relazione tra concetti. Essa ci dice come gli oggetti o eventi funzionano o come sono strutturati. CONOSCENZA DEL CONCETTO FUNZIONE Cosa fa? A cosa serve? Dove? Da Dove? Quando? Insieme a chi?(o a che cosa?) Che strumenti o materiali usa? Cosa faccio con? LA SUA STRUTTURA ATTRIBUTI Da quali parti è composto Di che materia è fatto Che colore, forma, dimensione ha? CARATTERISTICHE come è Che parti potrebbe avere Come potrebbe essere IN CHE RELAZIONE e e CONCETTI E un tipo di Altri tipi di CON GLI ALTRI

66 MAPPE Per approfondire mappe concettuali Windows-Installer-0_7_1.exe?download

67 CREARE IPERMEDIA Vari software autore Movie Maker (filmati) Photo Story PowerPoint (MS Office) Impress (Open Office, Star office) Google Docs Frontpage (WEB editor) ROBOTICA

68 QUALI GIOCHI? Giochi visivi: discriminazione, somiglianze Uno spazio da conoscere: cerca immagini, disegna il suo ambiente Giochi uditivi: riconoscimento di suoni, parole, voci, versi Karaoke Giochi per conoscere il corpo Seguire con gli occhi : una sequenza, un percorso Giochi destra-sinistra sinistra Movimenti in sequenza Giochi tattili: riconoscimento di oggetti Giochi di equilibrio Le andature mimiche Giochi acrobatici Le azioni nel tempo: gioco del mimo, riproduzione di sequenza di azioni Ritmo: Ascolto e riproduzione di azioni ritmiche PC PC e No PC No PC

69 CREARE VIDEOGIOCHI Game Maker Perché creare videogiochi? Per esercitare abilità come la discriminazione percettiva, l orientamento spaziale, il coordinamento motorio, la pianificazione di sequenze di azioni finalizzate. L insegnante può valutare l opportunità di condividere con il destinatario finale la fase di progettazione e di costruzione del gioco, organizzando un gruppo di lavoro con alcuni compagni di classe. Cosa posso fare? Giochi di piattaforma, puzzle games, giochi di simulazione Il software

70 Materiale utile

71 Materiale utile

72 Siti di interesse

73 RISORSE PER LINUX 146 software didattici open source in un solo DVD! Ogni DVD contiene il sistema operativo linux in versione LIVE So.Di.Linux è un progetto che si colloca nella linea di ricerca dell'istituto per le Tecnologie Didattiche del CNR dedicata a "La scuola del futuro: modelli, metodologie e prototipi per l'innovazione educativa." Frutto della collaborazione scientifica fra ITD-CNR e AICA (Associazione Italiana per il Calcolo Automatico) Software per EEEPC selezionato dal CNR

74 Navigare senza pericoli (http://kidoz.net) Kidoz, il browser per i più piccoli Permette di impostare dei filtri per la navigazione in internet

75 S I TO G R A F I A (forum discussione) _principale

76 GRAZIE PER L ATTENZIONEL

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli 01 Nei secoli, ci siamo abituati a leggere in molti modi (pietra, pergamena, libri). I cambiamenti continueranno e noi

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Guida all'uso di StarOffice 5.2

Guida all'uso di StarOffice 5.2 Eraldo Bonavitacola Guida all'uso di StarOffice 5.2 Introduzione Dicembre 2001 Copyright 2001 Eraldo Bonavitacola-CODINF CODINF COordinamento Docenti INFormati(ci) Introduzione Pag. 1 INTRODUZIONE COS'È

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Insegnare inglese ai dislessici: aspetti problematici e strategie di intervento

Insegnare inglese ai dislessici: aspetti problematici e strategie di intervento Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Insegnare inglese ai dislessici: aspetti problematici e strategie di intervento Milano, 7 settembre

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni ADOBE READER XI Guida ed esercitazioni Guida di Reader Il contenuto di alcuni dei collegamenti potrebbe essere disponibile solo in inglese. Compilare moduli Il modulo è compilabile? Compilare moduli interattivi

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

modalità di intervento nei DSA Formazione di base

modalità di intervento nei DSA Formazione di base modalità di intervento nei DSA Formazione di base Disturbi specifici dell apprendimento Disturbi negli automatismi: Dislessia, discalculia trattamento compensazione Disturbi nelle abilità controllate:

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Che cos è e come funziona l e-book

Che cos è e come funziona l e-book Che cos è e come funziona l e-book 1/3 di Francesca Cosi e Alessandra Repossi Negli ultimi mesi si è parlato molto dell e-book e del fatto che presto rivoluzionerà il mondo dell editoria: sono stati organizzati

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone A Installazione di Rosetta Stone Windows: Inserire il CD-ROM dell'applicazione Rosetta Stone. Selezionare la lingua dell'interfaccia utente. 4 5 Seguire i suggerimenti per continuare l'installazione. Selezionare

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Caro collega finalmente il corso sul tablet a scuola è on line in videoconferenza!

Caro collega finalmente il corso sul tablet a scuola è on line in videoconferenza! Scheda corso ipad edition Caro collega finalmente il corso sul tablet a scuola è on line in videoconferenza! E' pronto il nuovo corso Il tablet a Scuola, un corso rivoluzionario per due motivi: primo perchè

Dettagli

Valeria Raglianti. Docente di Lingua inglese Scuola Secondaria di 2^ grado - I.I.S. E. Santoni Pisa Formatore AID Pisa Psicopedagogista

Valeria Raglianti. Docente di Lingua inglese Scuola Secondaria di 2^ grado - I.I.S. E. Santoni Pisa Formatore AID Pisa Psicopedagogista 3 dicembre 2013 Valeria Raglianti Docente di Lingua inglese Scuola Secondaria di 2^ grado - I.I.S. E. Santoni Pisa Formatore AID Pisa Psicopedagogista Segnalazione di un genitore: Scuola Secondaria di

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Che cos è la LIM? L utilizzo didattico della LIM La LIM consente di andare incontro a diversi stili

Che cos è la LIM? L utilizzo didattico della LIM La LIM consente di andare incontro a diversi stili Che cos è la LIM? La LIM, Lavagna Interattiva Multimediale, è una lavagna arricchita da potenzialità digitali e multimediali. Si tratta di una periferica collegata al computer, che rende possibile visualizzare

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0

ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0 Congresso Nazionale SIREM Milano, 5-6 giugno 2012 ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0 Valentina Pennazio, Andrea Traverso, Davide Parmigiani Università

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni)

12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni) 12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni) Ogni file è caratterizzato da un proprio nome e da una estensione, in genere tre lettere precedute da un punto; ad esempio:.est Vi sono tuttavia anche

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto!

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Manuale d uso Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Giacchè noi costantemente aggiorniamo e miglioriamo il Tuo e-tab, potrebbero

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

Famiglie di font. roman ( normale ) corsivo o italic grassetto o bold grassetto corsivo o bold italic

Famiglie di font. roman ( normale ) corsivo o italic grassetto o bold grassetto corsivo o bold italic Famiglie di font Nella maggior parte dei casi, un font appartiene a una famiglia I font della stessa famiglia hanno lo stesso stile grafico, ma presentano varianti Le varianti più comuni sono: roman (

Dettagli

Capitolo 2 Acquisizione di contenuti per Kindle...16. Fai acquisti nel Kindle Store, quando vuoi e dove vuoi...16

Capitolo 2 Acquisizione di contenuti per Kindle...16. Fai acquisti nel Kindle Store, quando vuoi e dove vuoi...16 Guida all uso di Kindle 2 Indice Indice Consigli e suggerimenti...5 Capitolo 1 Primi passi...9 Registrazione di Kindle Touch...9 Comandi di Kindle Touch...9 Azioni su schermo... 10 Tastiera su schermo...

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Regole semplici per creare una buona presentazione

Regole semplici per creare una buona presentazione Regole semplici per creare una buona presentazione di Maria Rosa Mazzola Alla cl@sse 2.0 G.B. Piranesi Roma A.S. 2011-12 Le presentazioni offrono la possibilità di organizzare in modo sintetico i dati

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Ricerche e proposte italiane Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Flavio Fogarolo

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

Guida all iscrizione al TOLC Test On Line CISIA

Guida all iscrizione al TOLC Test On Line CISIA Guida all iscrizione al TOLC Test On Line CISIA Modalità di iscrizione al TOLC Per iscriversi al TOLC è necessario compiere le seguenti operazioni: 1. Registrazione nella sezione TOLC del portale CISIA

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

Alb@conference GO e Web Tools

Alb@conference GO e Web Tools Alb@conference GO e Web Tools Crea riunioni virtuali sempre più efficaci Strumenti Web di Alb@conference GO Guida Utente Avanzata Alb@conference GO Per partecipare ad un audioconferenza online con Alb@conference

Dettagli

Approfondimento N 2. Scuola primaria

Approfondimento N 2. Scuola primaria Approfondimento N 2 Scuola primaria, Nuclei tematici e Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta Italiano L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Sezione di Treviso I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Treviso, 27.2.2009 Dr.ssa Gabriella Trevisi SCHEMA DELLA RELAZIONE 1. Alcune caratteristiche generali dei DSA

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli