Approfondimento sulle risorse hardware e software

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Approfondimento sulle risorse hardware e software"

Transcript

1 NUOVE TECNOLOGIE E D.S.A. Approfondimento sulle risorse hardware e software 6 dicembre 2009 A. Monica

2 Strumenti compensativi e provvedimenti dispensativi SONO QUEGLI STRUMENTI CHE PERMETTONO DI COMPENSARE DIFFICOLTA DI ESECUZIONE DI COMPITI AUTOMATICI DERIVANTI DA UNA DISABILITA SPECIFICA METTENDO IL SOGGETTO IN CONDIZIONI DI OPERARE PIU AGEVOLMENTE G. Stella 2001

3

4 É IMPRESSIONANTE IL CERVELLO: Sneocdo uno sdtiuo dlel'untisverià di Cadmbrige, non irmptoa cmoe snoo sctrite le plaroe, tutte le letetre posnsoo esesre al pstoo sbgalaito, è ipmtortane sloo che la prmia e l'umltia letrtea saino al ptoso gtsiuo, il rteso non ctona. Il cerlvelo è comquune semrpe in gdrao di decraifre tttuo qtueso coas, pcheré non lgege ongi silngoa ltetrea, ma lgege la palroa nel suo insmiee... vstio?... SNEOCDO UNO SDTIUO DLEL'UNTISVERIÀ DI CADMBRIGE, NON IRMPTOA CMOE SNOO SCTRITE LE PLAROE, TUTTE LE LETETRE POSNSOO ESESRE AL PSTOO SBGALAITO, È IPMTORTANE SLOO CHE LA PRMIA E L'UMLTIA LETRTEA SAINO AL PTOSO GTSIUO, IL RTESO NON CTONA. IL CERLVELO È COMQUUNE SEMRPE IN GDRAO DI DECRAIFRE TTTUO QTUESO COAS, PCHERÉ NON LGEGE ONGI SILNGOA LTETREA, MA LGEGE LA PALROA NEL SUO INSMIEE... VSTIO?... Provate a leggere come fa un dislessico.. Leggere vuol dire decodificare, dover fare continue traduzioni Ma se la corrispondenza grafemi-fonemi non è stabilizzata

5 DUE MODI DI PENSARE CONCETUALIZZAZIONE VERBALE (con i suoni delle parole) lineare nel tempo, segue la struttura del linguaggio, la persona compone mentalmente la frase) CONCETUALIZZAZIONE NON-VERBALE (con le immagini mentali dei concetti e delle idee) è evolutivo, l immagine si sviluppa mentre il pensiero aggiunge altri concetti (più veloce ma più difficoltoso perché alcune parti del linguaggio sono più difficili da visualizzare)

6 DUE TIPI DI PAROLE Parole che descrivono cose reali (casa, gatto, dormire, bere, mangiare) Parole che non possono essere raffigurate (il, la, un, una) Nella concetualizzazione non verbale, ogni volta che la creazione dell immagine viene bloccata ( es da un articolo), la persona prova una sensazione di confusione perché l immagine che sta creando diventa incoerente Il dislessico è principalmente un pensatore non-verbale

7 PUNTI DI FORZA sui quali lavorare: Il dislessico: Pensa principalmente per immagini anziché a parole Pensa e percepisce in maniera multidimensionale (usando tutti i sensi) Ha la capacità di creare immagini mentali rapide Ha la capacità di creare immagini plastiche e viverle quasi come se fossero reali Ha la capacità di pensare in modo evolutivo, di valutare velocemente ogni situazione. Ha una ricca immaginazione, associata ad una notevole capacità percettiva di ciò che accade. Ha molto intuito e introspezione E più curioso della media - Può sviluppare strategie creative per approcciare il suo lavoro e per compensare le sue difficoltà

8 A scuola Ciò che non è modificabile, si può aggirare con l adozione di strumenti e misure di tipo compensativo e dispensativo L intervento deve mettere a fuoco le potenzialità, non le difficoltà non si legge per leggere bene, ma per comprendere e non si scrive per non fare errori, ma per comunicare

9 Le caratteristiche delle difficoltà Lentezza ed errori nella lettura/scrittura/calcolo Difficoltà nel ricordare le categorizzazioni Difficoltà a memorizzare sequenze (verbi, definizioni,..) Difficoltà di copia e nella dettatura (espressioni di mat.,consegne, schemi.) Difficoltà nei compiti di integrazione Autocorrezione degli errori Difficoltà nell espressione scritta Difficoltà nelle lingue straniere

10 Gli insegnanti devono: Attivare lo spazio per l apprendimento : comunicazione, ascolto, interazione affettiva e cognitiva Ricercare approcci didattici migliorativi Favorire le strategie compensative Insegnare all uso di strumenti compensativi Favorire la dispensa da alcuni compiti Rivisitare il processo di insegnamentoapprendimento

11 Schema delle misure compensative Compiti No tecnologico Bassa tecnologia Alta tecnologia Scrittura Dizionario, alfabeto Tabella dei caratteri Facilitatori x incolonnamento dei numeri, parole Registratore x appunti Digicamera X schemi, immagini Carta copiativa Adattare il foglio con righe, quadretti o spaziatura particolare Videoscrittura e correttore ortogr Predizione ortografica Dizionari elettronici / on line Software riconoscimento vocale Scanner piano o penna OCR ICR Lettura Utilizzare il segna riga Cambiare la grandezza del carattere Cambiare la spaziatura Cambiare il colore Utilizzare i colori Audiovisivi Testi ridotti Testi contenenti audio-cassette o cd-rom Audiolibri (testo+cd) Libro / appunti registrati Audiolibro Scanner piano o penna OCR ICR Sintesi vocali lett. MP3 Screen Reader Libri elettronici (e-book) Cambiare il font stampatello maiuscolo o maiuscoletto Matematica e materie scientifiche Tavola pitagorica La linea dei numeri Tabelle delle misure e conversione Tabella con le formule geometriche, trigonometriche, fisiche, chimiche Calcolatrice Calcolatrice con display a +righe e scrittura formule Calcolatrice parlante Orologi parlanti Calcolatrice nel computer Calcolatrice con sintesi vocale Fogli elettronici di calcolo Software di simulazione Software mappe concett/ mentali Storia Geografia Cartine geografiche Cartine storiche, Linea del tempo, Tabelle della memoria Racconto registrato Lezione registrata Creazione mappe Software mappe concett/ mentali Mediatori iconici Google Map / Earth Podcast Studio e Organizzazio ne Aiuti per riorganizzare i materiali (cartelline colorate, Tab. indici visivi) Glossario / Scaletta argomenti Sottolineare i testi con evidenziatori Carte con indici Libro degli appuntamenti (agenda) Beeper/ buzzers (sveglie e promemoria nel cellulare) Fogli con grafici per organizzare Creazione mappe Software mappe concett/ mentali Registratori con controllo del parlato, organizer / palmari. Applicativi X ricerca dati su PC Enciclopedie multimediali/on line Traduttore automatico

12 FORMULARI ALFABETO RETTA DEI NUMERI

13 PER LA STORIA

14 CALCOLATRICI Un Un milione.... parlanti Parlo registro OROLOGI con calcolatrice

15

16 Calcolatrici software CalcAnt simula il foglio della calcolatrice da tavolo C.A.R.L.O MOBILE Calcolatrici con sintesi vocale BIG CALCULATOR

17 UNO ZAINETTO PER IL DISLESSICO SOFTWARE VIDEOSCRITTURA con correttore ortografico e predittore di parola (MS Office, Open Office) SINTESI VOCALE con possibilità di salvare in file mp3 (Carlo Mobile, Carlo II Loquendo, Balabolka) LIBRI DI TESTO DIGITALI e E-BOOK VARI LETTORE DI E-BOOK (Adobe Reader, MS Reader) CALCOLATRICE PARLANTE (Big Calculator) SOFTWARE PER LA REGISTRAZIONE (Audacity) AUDIOLIBRI e LETTORE MP3 DIZIONARI ENCICLOPEDIE su CD

18 QUALE PC? TABLET PC PC PORTATILE NETBOOK TABLET PC Con TOUCH SCREEN PALMARE

19 IL COMPUTER PRESENTA a) Velocità b) Memoria c) Estetica d) Riproducibilità e) Rielaborabilità f) Reperibilità g) Scambio Il computer permette anche un vantaggio di tipo psicologico che aumenta la sicurezza e la fiducia nei soggetti (DSA). Il computer non viene vissuto come una protesi per diversamente abili, cosa che avviene spesso per gli ausili didattici tradizionali come le schede di recupero o i libri di testo facilitati; al contrario, viene visto come uno strumento usato dai grandi, quindi come qualcosa che contribuisce a mantenere l autostima a livelli adeguati, anche in presenza di un programma molto strutturato Tenere presente che l adolescente rifiuta categoricamente programmi didattici infantili.

20 PALMARE CELLULARE REGISTRATORE LETTORE MP3 TAVOLETTA GRAFICA TABLET PC ALTOPARLANTI CUFFIE (buona qualità) MICROFONO Digicamera WebCam SCANNER MODEM

21 LA STAZIONE DI LAVORO Progetto IBM kidsmart TOUCH SCREEN

22 Easy PC Comfy Keyboard 3-4 anni

23 SOFTWARE PER LA REGISTRAZIONE Registratore di suoni Audacity UTILIZZARE MICROFONI E DIFFUSORI DI ALTA QUALITA

24 IO PARLO SINTESI VOCALE INTERPRETE VOCALE CIAO A TUTTI SINTESI VOCALE Converte i testi presenti nel PC in parole udibili dall utente con gli altoparlanti SCREEN READER (lettore di schermo) Traduce tutto ciò che viene scritto sullo schermo del PC in parole udibili dall utente (Menu, testi, nomi icone, link ecc) utile per la navigazione internet, dizionari elettronici IO CAPISCO INTERPRETE VOCALE Interpreta e traduce in scrittura o azioni tutto ciò che viene dettato dall utente attraverso il microfono o un registratore

25 Scanner piano o a penna MP3 SINTESI OCR ICR SCANNER E OCR (Riconoscitore Ottico Caratteri) Processo di acquisizione del testo Disponi sul piano il testo stampato da scannare Avvia il programma di acquisizione da scanner Avvia il programma di riconoscimento caratteri (OCR) Salva il file ottenuto come testo (che potrai modificare con WORD)

26 BLOCK NOTES Si tratta di una tavoletta grafica per PC che funziona anche da "block notes" digitale per prendere appunti ovunque, e scaricarli poi in maniera immediata nel proprio PC per editarli, studiarli, stamparli o archiviarli (usa OCR) Usa penne di 2 colori

27 QUALE OCR? FineReader, OmniPage (OCR + ICR) Microsoft Office Document Imaging OCR pacchetto office da vers.2003 (va installato) FREEOCR TOPOCR (da fotografie ) attiva sintesi ONLINEOCR, Google Docs OCR

28 Lavagna interattiva perchè? Aumenta la motivazione, la partecipazione e il coinvolgimento degli studenti; Gli studenti hanno a disposizione tre differenti modalità di apprendimento: visiva, uditiva, tattile Favorisce diversi stili di apprendimento; Migliora la memorizzazione delle informazioni; Velocizza la preparazione delle lezioni. La lavagna offre la possibilità di scrivere sulla superficie con il dito della mano oppure con una penna digitale (nero, blu, rosso, verde) I docenti/studenti possono prendere un oggetto, muoverlo, ruotarlo, copiarlo, incollarlo e salvare il lavoro e le lezioni in filmati che diventano preziosi per un ulteriore utilizzo o per il recupero in caso di assenza.

29 AUTONOMIA nello STUDIO

30 Autonomia nella lettura

31 Attenzione alla leggibilità Densità informativa. - Costruire un rapporto bilanciato tra le informazioni codificate in forma scritta e gli apparati di supporto (immagini, suoni ) - Alleggerire il carico informativo: semplificazioni testuali. Introduzione di espedienti grafici: dimensione carattere, a capo, interlinea. - Riferirsi ai protocolli di semplificazione dei testi 1. Le frasi contengono meno di 15 parole 2. Lessico prevalentemente costituito da parole appartenenti al repertorio fondamentale del Vocabolario di Base di De Mauro 3. Esplicitazione costante del soggetto che svolge l azione 4. Assenza di forme passive - Utilizzare dei caratteri facilmente riconoscibili

32

33 A volte è necessario scrivere in FONT CONSIGLIATI CENTURY GOTHIC MAIUSCOLETTO century gothic ARIAL BLACK arial black VERDANA Verdana

34 Tutti i caratteri che presentano grazie o non sono ben definiti e arrotondati

35 INDICI DI LEGGIBILITA Per leggibilità, si deve intendere l impianto linguistico di un testo che fa sì che esso risulti più o meno chiaro e comprensibile sulla base di un ampissimo numero di caratteristiche linguistiche in combinazione, a prescindere dalla complessità degli argomenti contenuti. In WORD è possibile impostare il correttore ortografico in modo da fornire le statistiche di leggibilità

36 Indice di Gunning s Fog Questo indice riflette, in maniera approssimata, il numero minimo di anni di scuola che una persona deve aver frequentato per leggere con facilità il testo in esame. Il valore 17 indica il livello post-laurea. Se lo applichiamo scopriamo che

37 Indice di Gulpease L indice GULPEASE nasce da un gruppo di linguisti dell Università La Sapienza di Roma che si è riunita attorno a Tullio de Mauro per costituire il GULP Gruppo Universitario Linguistico Pedagogico I valori che si ottengono sono compresi in una scala che va da 0 a 100 Per leggere agevolmente i testi per i lettori con: istruzione elementare è richiesto un indice > 80 istruzione media è richiesto un indice > 60 istruzione superiore è richiesto un indice > 40 Es: I Promessi Sposi hanno indice 49

38 VOCABOLARI ELETTRONICI VOCABOLARIO DI BASE di Tullio De Mauro dal libro Guida all'uso delle parole. E uno strumento utile per individuare le parole difficili contenute in un testo Comprende circa 7000 parole, quelle che hanno la maggiore frequenza statistica nella nostra lingua. Il Vocabolario di base si divide in: - «Vocabolario fondamentale»: parole. Le più usate in assoluto nella nostra lingua (esempi: amore, lavoro, pane). - «Vocabolario di alto uso»: parole. Molto usate (esempi: palo, seta, toro). - «Vocabolario di alta disponibilità»: parole. Poco usate nella lingua scritta, ma molto in quella parlata (esempi: mensa, lacca, tuta).

39 LIBRI DI TESTO PER ALUNNI DISLESSICI Dato che la lettura è il tallone d'achille per gli alunni dislessici, l'ancora di salvezza (lo strumento compensativo più utile) può essere la possibilità di avere lo stesso libro di testo dei compagni, ma IN FORMATO DIGITALE, in modo da studiare la lezione utilizzando una sintesi vocale o uno screen reader. E possibile ordinare il libro di testo in formato pdf, al posto di quello cartaceo. L'elenco delle case editrici che offrono questa possibilità lo potete scaricare dal sito della biblioteca dell AID Nella stessa pagina troverete tutte le informazioni per poter ordinare i libri digitali direttamente all'aid

40 E-BOOK LIBRO ELETTRONICO Cosa è un e-book documento di testo redatto con un software di videoscrittura Per leggere gli e-book computer con programmi che presentano caratteristiche per facilitarne la lettura (contrasto, carattere, ricerca, segnalibro, sintesi vocale) palmari e telefoni cellulari dotati di schermo largo (tipo Nokia 7710), lettori MP3 (IPOD) soprattutto per la loro maneggevolezza e portabilità, alcuni sono dotati di sintesi vocale. Dove trovare e-book gratuiti

41 I FORMATI E-BOOK.TXT è il formato di testo base, non consente illustrazioni è letto da tutti i software e dai cellulari e ipod.doc è il formato documento di WORD.RTF formato di interscambio può essere letto da tutti i software di videoscrittura (WORDPAD).PDF è il formato di ADOBE READER, utilizzato spesso per i documenti presenti sul WEB.HTML è il formato del Web.LIT è il formato utilizzato da MICROSOFT READER.PDB è il formato dei palmari Palm LEGGERE E-BOOK CON MS READER ADOBE READER

42 DOVE REPERIRE E-BOOK giorni in fiera: nella libreria permanente della Fiera del Libro, le proposte di ebook di editori italiani (pochi) e stranieri (tanti). - AgeBook: propone classici della letteratura su cd-rom, leggibili con AgeReader. - Apogeonline: editore on line specializzato in testi informatici. - DigiSic : archivio digitale della letteratura siciliana, gestito dall'università di Messina. - Ebookgratis: consente di scaricare gratis ebook in formato MS-Reader. Titoli classici, ma non solo. - Editor on Web: pubblica e vende ebook (anche dal catalogo di editori tradizionali) - Emotionbook: dà servizi per la realizzazione e la vendita di ebook e per la protezione del diritto d'autore nelle opere digitali - Evolutionbook: notizie sugli ebook e vendita on-line. - Freebooks: seleziona testi per la pubblicazione in formato ebooks senza richiesta di contributo. Si può richiedere anche un preventivo per la stampa a bassa tiratura con il printon-demand. - Inediti.it: pubblica on-line opere inedite (ma anche edite). All'autore è riconosciuto il 50% del prezzo di vendita. - Libuk: pubblica inediti con contributo dell'autore, a richiesta consulenza e scheda di lettura. - MSN ebook : la sezione ebook del portale di Microsoft (ci sono alcune buone edizioni gratis) ovviamente in formato MS Reader. - Neteditor: pubblica on-line in formato HTML o ebook. Classifica dei testi più scaricati. - Romanzieri: forse il progetto italiano più attivo e vivace. Comprende una raccolta di classici in lingua originale e una sezione in collaborazione con Stampa Alternativa. - Spazio ebook: è uno spazio dedicato ad autori e lettori per segnalare e discutere degli ebook disponibili in Rete. - Superlibri: seleziona testi che pubblica come ebook e mette a disposizione degli editori interessati.

43 SINTESI VOCALE IO PARLO CIAO A TUTTI SINTESI VOCALE Converte i testi presenti nel PC in parole udibili dall utente con gli altoparlanti SCREEN READER JAWS NVDA SCREEN READER (lettore di schermo) Traduce tutto ciò che viene scritto sullo schermo del PC in parole udibili dall utente (Menu, testi, nomi icone, link ecc) utile per la navigazione internet, dizionari elettronici SINTESI VOCALE con possibilità di salvare in file MP3 Carlo Mobile Carlo II Loquendo Balabolka Dspeech Espeak Natural Reader

44 Produzione scritta

45 SCRIVERE CON IL COMPUTER: VANTAGGI - Correzione automatica, individuazione delle forme corrette (va sempre proposta all utente) - Evidenziazione di parole ortograficamente scorrette: contribuisce a sviluppare consapevolezza, autocorrezione - Rilettura del testo (disgrafici) - Ascolto di quanto si scrive o si è scritto che favorisce i processi di revisione testuali - Utilizzo di un predittore di vocabolo - Acquisizione di schemi Acquisizione di schemi, mappe nel proprio computer con l utilizzo di una lavagna interattiva

46 VIDEOSCRITTURA 1)Microsoft Word, incluso nella suite commerciale Microsoft Office StarOffice Writer incluso nel pacchetto StarOffice OpenOffice Writer, incluso nel pacchetto libero OpenOffice.org AbiWord, software freeware stand-alone, nato per Linux dal progetto Gnome. Google Docs suite on-line e off-line comprendente: elaboratore di testi, foglio elettronico, sw presentazione 2) Predittore di vocabolo (glossario)

47 Predittori di vocabolo ALCUNI ESEMPI DI PRODOTTI Accelerano la scrittura fornendo una lista di parole che iniziano con un gruppo di lettere digitate.. Carlo II Loquendo. LetMeType. Aurora. Penfriend. Prophet. KeyRep

48 CONDIVISIONE DEI DOCUMENTI a DISTANZA SI PUO LAVORARE SULLO STESSO DOCUMENTO ANCHE A DISTANZA Office Live Workspace t-it/ Progetto LEPIDASCUOLA

49 Il riconoscimento vocale Software che riconoscono la voce umana richiedono una fase di addestramento IO CAPISCO INTERPRETE VOCALE INTERPRETE VOCALE Interpreta e traduce in scrittura o azioni tutto ciò che viene dettato dall utente attraverso il microfono o un registratore

50 VOCABOLARI ELETTRONICI PROGRAMMA DIZIONARIO E un progetto europeo che coinvolge sviluppatori di ogni paese. Nel sito del dr. Dario de Judicibus, trovate, scaricabili, dizionari di lingue vive e meno vive, tutti gratuiti, e molto interessanti Loescher Dizionari Sinonimi, Greco, Latino

51 VOCABOLARI ELETTRONICI ENCICLOPEDIE E ATLANTI MULTIMEDIALI WWW

52 Traduttori automatici CARLO MOBILE fornisce la traduzione in più lingue e l ascolto con sintesi vocale Loquendo Babylon v. 6 Dizionario e traduttore. Traduce un testo intero in 17 lingue GOOGLE TOOLBAR Traduttore istantaneo on-line Garzanti traduttori automatici

53 RISORSE da INTERNET Google toolbar Internet motori di ricerca Google Toolbar (correttore e traduttore on line) Google Docs (Documenti, presentazioni, OCR, condivisione di documenti on line Sintesi vocale on line Enciclopedie multimediali e dizionari on line Posta elettronica ( ) Messenger (scritto, voce, video, lavagna condivisa) BLOG FORUM CHAT SOCIAL NETWORK PODCAST FILMATI ON LINE

54 WIKI e BLOG SCRITTURA COLLABORATIVA e LETTURA MOTIVATA I wiki ed i blog permettono a diverse persone di lavorare sullo stesso documento, ciascuna con la facoltà di apporre le proprie modifiche, di aggiungere idee e commenti. I partecipanti non debbono per forza lavorare assieme, ma possono interagire a distanza ed in tempi differenti, realizzando un documento che si evolve attraverso il contributo di tutti. WIKI vuole dire veloce e fa arrivare veloce a tutti quello che scrivo. Col BLOG scrivo con le lettere e le figure e se scrivo imparo.

55 I mediatori iconici (cfr. E. Damiano, Guida alla didattica per concetti,) Strumenti che rielaborano, secondo schemi logici, le informazioni ricavate ad esempio da un testo, rappresentandole graficamente. Questi strumenti, hanno una duplice funzione didattica: da un lato svelano al docente se il testo è stato compreso e dall altro facilitano nello studente l acquisizione dei concetti fondamentali e la loro categorizzazione. Per consentire l acquisizione di una conoscenza procedurale (come ad esempio una procedura di laboratorio) si può utilizzare uno schema a blocchi che identifica una precisa sequenza di operazioni da compiere, suddividendole in fasi di lavoro. L acquisizione di conoscenze dichiarative, quali ad esempio la conoscenza di oggetti, di fatti, di principi, è invece facilitata dall utilizzo di schematizzazioni logiche del tipo: il disegno che favorisce attraverso la rappresentazione grafica la modellizzazione di oggetti di conoscenza a volte anche invisibili (cellule, atomi) le mappe concettuali e le schematizzazioni a grafo che consentono di visualizzare i concetti e le relazioni esistenti tra di essi le tabelle struttura/funzione le tabelle struttura/funzione o tabelle più complesse che consentano di correlare graficamente diversi livelli informativi che corrispondono ai diversi livelli d organizzazione dei sistemi.

56 Il diagramma di flusso Il diagramma di flusso rappresenta graficamente una procedura che si articola in più fasi successive.

57 Il frame Si tratta di uno schema grafico strutturato nello spazio del foglio che rappresenta una certa conoscenza dichiarativa evidenziando gli elementi fondanti e le relazioni che intercorrono tra essi.

58 Le Mappe Concettuali Una Mappa Concettuale è la rappresentazione grafica di concetti espressi in forma sintetica (parole-concetto) all interno di una forma geometrica (nodo) e collegati tra loro da linee (frecce) che esplicitano la relazione attraverso parole-legamento. Determinano l autoconsapevolezza anche visiva del proprio sapere

59 Le Mappe Mentali La costruzione di una Mappa mentale inizia a partire da un input esterno; ad esempio, dopo aver letto un racconto o svolto una lezione si potrà richiedere agli studenti di evidenziare gli elementi che li hanno colpiti di più, le parole da essi ritenute centrali, sviluppando anche le relazioni esistenti fra gli elementi interni e quelli esterni, eventualmente richiamati alla memoria. Inoltre la Mappa si dovrà organizzare intorno ad un concetto dal quale si diramano i nodi più o meno strettamente correlati a quello centrale.

60

61

62 Quali software per costruire le mappe concettuali? Kidspiration Per Windows, rivolto alla scuola primaria LINGUA INGLESE Offre una raccolta di oltre immagini (ampliabile) che i bambini possono esplorare per esprimere visivamente i loro concetti Presenta una serie di mappe precostruite Inspiration (inglese) Per Windows, rivolto alla scuola secondaria per costruire anche mappe mentali Supermappe Per Windows LINGUA ITALIANA Fa leggere la mappa dalla sintesi vocale Offre una ampia raccolta di immagini Posso inserire immagini (jpg, GIF animate) filmati, link a vari oggetti (siti e altre mappe)

63 Quali software per costruire le mappe concettuali? mappe mentali on line Free Mind Per Windows, Mac LINGUA ITALIANA Posso inserire immagini (jpg, GIF animate) link a vari oggetti (siti e altre mappe) Cmap Tools 3 Per Windows, Mac, Linux e Solaris LINGUA ITALIANA Permette di recuperare risorse (mappe) da internet Posso inserire immagini (jpg, GIF animate) filmati, link a vari oggetti (siti e altre mappe)

64 COME SI COSTRUISCE UNA MAPPA CONCETTUALE 1. Identificare l argomento/tematica/domanda focale e fare poi la lista dei concetti generali e specifici 2. Mettere in ordine i vari concetti individuando le gerarchie 3. Rivedere la lista e, se necessario, aggiungere altri concetti 4. Iniziare a costruire la mappa dall alto verso il basso 5. Sistemare i concetti specifici/subordinati sotto ogni concetto generale 6. Creare i legami collegando i concetti con linee etichettate con parole_legame 7. Rielaborare la struttura della mappa, aggiungendo, sottraendo o cambiando i concetti 8. Cercare di creare legami trasversali 9. Applicare ai concetti degli esempi specifici 10. Eventualmente realizzare altre mappe in modi diversi

65 PROPOSIZIONE Identifica un unità semantica in cui due o più concetti sono legati tra di loro da parole. Relazione tra concetti. Essa ci dice come gli oggetti o eventi funzionano o come sono strutturati. CONOSCENZA DEL CONCETTO FUNZIONE Cosa fa? A cosa serve? Dove? Da Dove? Quando? Insieme a chi?(o a che cosa?) Che strumenti o materiali usa? Cosa faccio con? LA SUA STRUTTURA ATTRIBUTI Da quali parti è composto Di che materia è fatto Che colore, forma, dimensione ha? CARATTERISTICHE come è Che parti potrebbe avere Come potrebbe essere IN CHE RELAZIONE e e CONCETTI E un tipo di Altri tipi di CON GLI ALTRI

66 MAPPE Per approfondire mappe concettuali Windows-Installer-0_7_1.exe?download

67 CREARE IPERMEDIA Vari software autore Movie Maker (filmati) Photo Story PowerPoint (MS Office) Impress (Open Office, Star office) Google Docs Frontpage (WEB editor) ROBOTICA

68 QUALI GIOCHI? Giochi visivi: discriminazione, somiglianze Uno spazio da conoscere: cerca immagini, disegna il suo ambiente Giochi uditivi: riconoscimento di suoni, parole, voci, versi Karaoke Giochi per conoscere il corpo Seguire con gli occhi : una sequenza, un percorso Giochi destra-sinistra sinistra Movimenti in sequenza Giochi tattili: riconoscimento di oggetti Giochi di equilibrio Le andature mimiche Giochi acrobatici Le azioni nel tempo: gioco del mimo, riproduzione di sequenza di azioni Ritmo: Ascolto e riproduzione di azioni ritmiche PC PC e No PC No PC

69 CREARE VIDEOGIOCHI Game Maker Perché creare videogiochi? Per esercitare abilità come la discriminazione percettiva, l orientamento spaziale, il coordinamento motorio, la pianificazione di sequenze di azioni finalizzate. L insegnante può valutare l opportunità di condividere con il destinatario finale la fase di progettazione e di costruzione del gioco, organizzando un gruppo di lavoro con alcuni compagni di classe. Cosa posso fare? Giochi di piattaforma, puzzle games, giochi di simulazione Il software

70 Materiale utile

71 Materiale utile

72 Siti di interesse

73 RISORSE PER LINUX 146 software didattici open source in un solo DVD! Ogni DVD contiene il sistema operativo linux in versione LIVE So.Di.Linux è un progetto che si colloca nella linea di ricerca dell'istituto per le Tecnologie Didattiche del CNR dedicata a "La scuola del futuro: modelli, metodologie e prototipi per l'innovazione educativa." Frutto della collaborazione scientifica fra ITD-CNR e AICA (Associazione Italiana per il Calcolo Automatico) Software per EEEPC selezionato dal CNR

74 Navigare senza pericoli (http://kidoz.net) Kidoz, il browser per i più piccoli Permette di impostare dei filtri per la navigazione in internet

75 S I TO G R A F I A (forum discussione) _principale

76 GRAZIE PER L ATTENZIONEL

Dislessia e D.S.A : tecnologia e informatica per l autonomia scolastica

Dislessia e D.S.A : tecnologia e informatica per l autonomia scolastica Angelo Magoga CTI Treviso Centro Dislessia e D.S.A : tecnologia e informatica per l autonomia scolastica SERATA A TEMA Ospedale Ca Foncello - Treviso 21 aprile 2009 Centro Territoriale per l Integrazione

Dettagli

S.M.S. A.Canova Grugnera (Pn)

S.M.S. A.Canova Grugnera (Pn) S.M.S. A.Canova Grugnera (Pn) Page 1 Prof. Docente Scuola Secondaria Docente Scuola Secondaria COMPENSARE gli STRUMENTI COMPENSATIVI permettono di raggiungere un buon grado di AUTONOMIA,, cioè la possibilità

Dettagli

Dislessia. Guida strumenti compensativi

Dislessia. Guida strumenti compensativi Dislessia Guida strumenti compensativi Sede Legale: Piazza della Repubblica, 19 MILANO Codice Fiscale 97459580151 Sito: www.agiad.it Blog: spazioagiad.blogspot.com Forum: agiad.forumup.it mail: info@agiad.it

Dettagli

DSA ausili e software

DSA ausili e software DSA ausili e software LABORATORIO DIDATTICO TECNOLOGICO SUL METODO DI STUDIO CON SOFTWARE DIDATTICI COMPENSATIVI Cenni sulla normativa. Art. 5 della legge n.170/2010 (Nuove norme in materia di disturbi

Dettagli

STRUMENTI COMPENSATIVI E MISURE DISPENSATIVE. Di cosa hanno bisogno gli alunni con DSA?

STRUMENTI COMPENSATIVI E MISURE DISPENSATIVE. Di cosa hanno bisogno gli alunni con DSA? STRUMENTI COMPENSATIVI E MISURE DISPENSATIVE Di cosa hanno bisogno gli alunni con DSA? Definizioni Strumenti compensativi Strumenti finalizzati alla manifestazione del proprio potenziale; tutto ciò che

Dettagli

Centro Territoriale di Supporto per la disabilità Sensoriale

Centro Territoriale di Supporto per la disabilità Sensoriale Angelo Magoga Centro Territoriale di Supporto per la disabilità Sensoriale Nasce nel 2008 da un Centro già esistente Si occupa di disabilità sensoriale Fornisce informazione, formazione e consulenza sulle

Dettagli

LA DISLESSIA E LE NUOVE TECNOLOGIE

LA DISLESSIA E LE NUOVE TECNOLOGIE Istituto Comprensivo di Manerbio - Brescia - 27 Aprile 2009 LA DISLESSIA E LE NUOVE TECNOLOGIE una risorsa per l autonomia docenti: Anna Buffoli - Monica Roversi LA DISLESSIA E LE NUOVE TECNOLOGIE una

Dettagli

Cristina Gaggioli Pedagogista esperta in TIC _ Formatore AID

Cristina Gaggioli Pedagogista esperta in TIC _ Formatore AID Cristina Gaggioli Pedagogista esperta in TIC _ Formatore AID E la prima circolare emanata dal MIUR per studenti con DSA Dispensa dalla lettura ad alta voce, scrittura veloce sotto dettatura, uso del vocabolario,

Dettagli

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo Corso Dsa - I disturbi specifici dell apprendimento: dall

Dettagli

Progetto Insegnare ad imparare le strategie metacognitive nei DSA UST Belluno / Associazione Soroptimist

Progetto Insegnare ad imparare le strategie metacognitive nei DSA UST Belluno / Associazione Soroptimist I Disturbi Specifici di Apprendimento Interventi nella Scuola Secondaria: applicazione delle misure compensative e dispensative in riferimento alle discipline di ambito umanistico Progetto Insegnare ad

Dettagli

INDICAZIONI SULL UTILIZZO DEGLI STRUMENTI ICT NELLA DIDATTICA CON I BES

INDICAZIONI SULL UTILIZZO DEGLI STRUMENTI ICT NELLA DIDATTICA CON I BES INDICAZIONI SULL UTILIZZO DEGLI STRUMENTI ICT NELLA DIDATTICA CON I BES a cura della F.S. Area 2 Maria De Francesco Nella stesura del PDP per gli alunni BES è richiesta la messa a punto di strategie didattiche

Dettagli

SUPERMAPPE CONTIENE: NON CONTIENE LA SINTESI VOCALE. S.Todeschini AIDLecco Scuola 51

SUPERMAPPE CONTIENE: NON CONTIENE LA SINTESI VOCALE. S.Todeschini AIDLecco Scuola 51 SUPERMAPPE CONTIENE: EDITOR IMMAGINI MOTORE DI RICERCA AUTOMATICO DELLE IMMAGINI SU GOOGLE SPAZIO PER APPROFONDIMENTI NEI NODI COLLEGAMENTI WEB NEI NODI VIDEO PUBBLICAZIONE DELLA MAPPA LINGUE DIVERSE NELLO

Dettagli

La conquista dell autonomia Pordenone 19 febbraio 2011

La conquista dell autonomia Pordenone 19 febbraio 2011 La conquista dell autonomia Pordenone 19 febbraio 2011 Graziella Padovan pordenone@dislessia.it - www.aidpordenone.org Associazione Italiana Dislessia aps Piazza dei Martiri 1 / 2-40121 Bologna www.aiditalia.org

Dettagli

PDP dell'alunno/a. non richiedere lettura a voce alta in pubblico se l alunno/a non vuole farlo

PDP dell'alunno/a. non richiedere lettura a voce alta in pubblico se l alunno/a non vuole farlo PDP dell'alunno/a. Attenzione: si ricorda che gli strumenti compensativi e dispensativi qui elencati vanno adottati tenendo conto delle particolari situazioni e delle esigenze del singolo alunno. L uso

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO 1.SEGNALAZIONE E/O PRESENTAZIONE DEL MEDICO AUSL

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO 1.SEGNALAZIONE E/O PRESENTAZIONE DEL MEDICO AUSL Istituto Comprensivo Castiglione Camugnano 40035 Castiglione dei Pepoli (BO) via Fiera 96 Presidenza: tel. 0534 93266 email: direzione@iccast.org Segreteria: tel. 0534 91120 fax 053493591 email: segreteria@iccast.org

Dettagli

Ausili per i disturbi della letto-scrittura

Ausili per i disturbi della letto-scrittura Disturbi Specifici dell Apprendimento: dalle basi fisiologiche agli ausili Aula Magna Centro Affari e Convegni Arezzo 13 Dicembre 2014 Ausili per i disturbi della letto-scrittura Valentina Scali, Simona

Dettagli

1) Istituti aggregati Aldini Valeriani e Sirani

1) Istituti aggregati Aldini Valeriani e Sirani 1) Istituti aggregati Aldini Valeriani e Sirani Via Bassanelli, 9-11 40129 Bologna Leggere per Piacere http://www.iav.it/leggereperpiacere/index.htm Lettore di testi in PDF con la sintesi vocale Silvia

Dettagli

Istituto Comprensivo G. Marconi PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON BES

Istituto Comprensivo G. Marconi PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON BES Istituto Comprensivo G. Marconi PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON BES BES -Dir. Min. 27/12/2012; C.M. n. 8 del 6/03/2013 1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA

Dettagli

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva 1 Indice dei materiali Quadro normativo di riferimento Didattica tradizionale

Dettagli

Tecnologie per l Inclusione Software per il supporto ai Disturbi Specifici dell Apprendimento. Andrea Mangiatordi Corso di Pedagogia Speciale

Tecnologie per l Inclusione Software per il supporto ai Disturbi Specifici dell Apprendimento. Andrea Mangiatordi Corso di Pedagogia Speciale Tecnologie per l Inclusione Software per il supporto ai Disturbi Specifici dell Apprendimento Andrea Mangiatordi Corso di Pedagogia Speciale Ambiente molto vario... LIM CD con risorse WIFI computer Fisso

Dettagli

Tecnologie compensative per alunni con D.S.A.

Tecnologie compensative per alunni con D.S.A. Flavio Fogarolo MPI - USP di Vicenza Tecnologie compensative per alunni con D.S.A. 1 Strumenti compensativi 2 (dalla nota ministeriale sulla dislessia del 5 ottobre 2004) Per ovviare a queste conseguenze,

Dettagli

MCD = MISURE COMPENSATIVE E DISPENSATIVE Massimo Guerreschi

MCD = MISURE COMPENSATIVE E DISPENSATIVE Massimo Guerreschi CTS Lecco 18 aprile 2012 MCD = MISURE COMPENSATIVE E DISPENSATIVE Massimo Guerreschi Responsabile Centro Ausili dell'ircss E. Medea - Ass. La Nostra Famiglia www.emedea.it/centroausili NB - A proposito

Dettagli

Strumenti compensativi

Strumenti compensativi Strumenti compensativi Informatica per la Libertà di Apprendere G. Lampugnani Sintesi vocale e editor di testi Opera su difficoltà specifiche di transcodifica (dislessia, disgrafia/disort) Ma non su altre

Dettagli

GLI STRUMENTI COMPENSATIVI

GLI STRUMENTI COMPENSATIVI GLI STRUMENTI COMPENSATIVI La Sintesi Vocale Le mappe concettuali e mentali I programmi di Video Scrittura I Software delle Cooperativa Anastasis LA SINTESI VOCALE Un sintetizzatore vocale è un software

Dettagli

MANUALE DEI DSA (DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO)

MANUALE DEI DSA (DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO) MANUALE DEI DSA (DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO) 1. PREMESSA Il Manuale non è esaustivo di ciò che è necessario sapere sul trattamento didattico dei Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA), ma raccoglie

Dettagli

Tecnologie per la disabilità

Tecnologie per la disabilità Tecnologie per la disabilità Didattica e psicopedagogia per i disturbi specifici dell apprendimento Servizio di consulenza e supporto sulle tecnologie assistive Viale Angelico, 22-00195 ROMA Tel.: 06 375

Dettagli

FORMAZIONE PER INSEGNANTI

FORMAZIONE PER INSEGNANTI FORMAZIONE PER INSEGNANTI STRUMENTI TECNOLOGICI UTILI PER SUPPORTARE NELLO STUDIO RAGAZZI CON Disturbo Specifico di Apprendimento 18 Aprile 2013 Dr.ssa Maria Chiara Di Lieto MISURE COMPENSATIVE - DISPENSATIVE

Dettagli

I. C. I. NIEVO CAPRI. Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico

I. C. I. NIEVO CAPRI. Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico I. C. I. NIEVO CAPRI Scuola secondaria di I grado Classe Coordinatore di classe 1. DATI RELATIVI ALL ALUNNO: Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico Cognome e nome Data e luogo di nascita

Dettagli

Apprendimento, DSA e mappe concettuali come mediatori didattici. Beatrice Caponi Conegliano, 6 novembre 2012

Apprendimento, DSA e mappe concettuali come mediatori didattici. Beatrice Caponi Conegliano, 6 novembre 2012 Apprendimento, DSA e mappe concettuali come mediatori didattici Beatrice Caponi Conegliano, 6 novembre 2012 Apprendere significa Comprendere e mantenere nel tempo le conoscenze (memoria) Saper utilizzare

Dettagli

PROPOSTE SECONDARIA STORIA, SCIENZE PERO BISOGNA ESSERE COLLEGATI IN RETE INTERNET E ISCRIVERSI, ISCRIZIONE GRATIS WWW.PIANETINO.

PROPOSTE SECONDARIA STORIA, SCIENZE PERO BISOGNA ESSERE COLLEGATI IN RETE INTERNET E ISCRIVERSI, ISCRIZIONE GRATIS WWW.PIANETINO. PROPOSTE SECONDARIA STORIA, SCIENZE PERO BISOGNA ESSERE COLLEGATI IN RETE INTERNET E ISCRIVERSI, ISCRIZIONE GRATIS WWW.PIANETINO.IT MATEMATICA, GEOMETRIA, PIANI CARTESIANO, TRIGONOMETRIA www.ripmat.it

Dettagli

10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA)

10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA) 10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA) FRANCESCO ZAMBOTTI LIBERA UNIVERSITÀ DI BOLZANO, GRIIS www.integrazioneinclusione.wordpress.com

Dettagli

STRUMENTI COMPENSATIVI PER DSA

STRUMENTI COMPENSATIVI PER DSA Titolo STRUMENTI COMPENSATIVI PER DSA STRUMENTI COMPENSATIVI PER DSA Destinatari Docenti Primaria Docenti secondaria I e II Buona conoscenza e utilizzo del computer Buona conoscenza e utilizzo del computer

Dettagli

PIANO EDUCATIVO PERSONALIZZATO PER DSA Anno Scolastico 20./20

PIANO EDUCATIVO PERSONALIZZATO PER DSA Anno Scolastico 20./20 Istituto Comprensivo Statale G. Solari Albino Via Crespi, 4-24021 ALBINO (BG) Tel. Sede n. 035/751497 tel. Abbazia 035/770114 Distretto n. 26 di Albino Fax Sede n. 035/751893 Codice Fiscale n. 95118430164

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE Codice Meccanografico: SAIS044009 Codice Fiscale: 95140540659 Sede amministrativa presso Liceo Scientifico Via M. Galdi, 26-84081 Baronissi (SA) Tel. 089/956078 -

Dettagli

Piano Didattico Personalizzato e Patto Formativo per alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES)*

Piano Didattico Personalizzato e Patto Formativo per alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES)* SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L. A. MURATORI Via Resistenza, 462 - C.A.P. 41058 VIGNOLA (MO) - Tel. 059765663 059771161 Fax 059771151 E-mail: momm152007@istruzione.it - P.e.c.: momm152007@pec.istruzione.it

Dettagli

Anno Scolastico.. Stesura (data).. Aggiornamento (data)...

Anno Scolastico.. Stesura (data).. Aggiornamento (data)... PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico.. Stesura (data).. Aggiornamento (data)... Indirizzo di studio.. Classe.. Sezione. Referente DSA Coordinatore di classe. Pag.1 di 16 1. DATI RELATIVI ALL

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER I GENITORI DI ALUNNI CON DSA

GUIDA OPERATIVA PER I GENITORI DI ALUNNI CON DSA GUIDA OPERATIVA PER I GENITORI DI ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO A cura della prof.ssa Anna Lombardo referente CRHeS/CTS Faenza STRUMENTI COMPENSATIVI E DIDATTICI INFORMATICI Sono ausili

Dettagli

MODELLO DI CERTIFICAZIONE PER DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO (ai fini dell applicazione della legge 8 ottobre 2010, n 170)

MODELLO DI CERTIFICAZIONE PER DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO (ai fini dell applicazione della legge 8 ottobre 2010, n 170) MODELLO DI CERTIFICAZIONE PER DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO (ai fini dell applicazione della legge 8 ottobre 2010, n 170) Anno scolastico:.. Cognome e Nome dello studente Data e luogo di nascita:...

Dettagli

UNA DIDATTICA PER I DSA UNA DIDATTICA PER TUTTI GLI ALUNNI

UNA DIDATTICA PER I DSA UNA DIDATTICA PER TUTTI GLI ALUNNI Piazza Martiri 1/2-40121 Bologna - Tel. 051/243358 - Fax 051/6393194 Partita IVA / cod. fiscale 04344650371 - conto corrente postale n 159400 coordinate bancarie: CARISBO Ag. Lame c/c 1551 ABI 06385 CAB

Dettagli

Incontro Scuola-Genitori

Incontro Scuola-Genitori Incontro Scuola-Genitori Verso l autonomia l degli alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento Porcia, 2 novembre 2011 Contenuti dell incontro Informazioni sulla Legge 170, 8 ottobre 2010 sui DSA Strumenti

Dettagli

La Dislessia Evolutiva

La Dislessia Evolutiva La Dislessia Evolutiva Dislessia Evolutiva (DE) Disabilità specifica dell apprendimento di origine neurobiologica. Si manifesta quando un bambino non sviluppa, o sviluppa con molta difficoltà, la capacità

Dettagli

Programmazione Laboratorio Informatica

Programmazione Laboratorio Informatica Istituto Comprensivo Maria Montessori Scuola Primaria Fratelli Pagliero San Maurizio Canavese Scuola Primaria di Ceretta Anno scolastico 2015/2016 Insegnante Benzo Margherita Programmazione Laboratorio

Dettagli

Allegato A ISTITUTO COMPRENSIVO CAPANNOLI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. effettuati da. periodo e frequenza.. modalità.

Allegato A ISTITUTO COMPRENSIVO CAPANNOLI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. effettuati da. periodo e frequenza.. modalità. Allegato A ISTITUTO COMPRENSIVO CAPANNOLI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO SCUOLA PRIMARIA ISTITUZIONE SCOLASTICA: ANNO SCOLASTICO: ALUNNO: 1. DATI GENERALI Nome e Cognome Data di nascita Classe Insegnante

Dettagli

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO La scuola attiverà il Protocollo previsto per alunni con disturbi specifici di apprendimento ogni qualvolta entrerà in possesso

Dettagli

Informatica. Classe Prima

Informatica. Classe Prima Informatica Classe Prima Obiettivo formativo Conoscenze Abilità Conoscere e utilizzare il computer per semplici attività didattiche Conoscere i componenti principali del computer. o Distinguere le parti

Dettagli

A.P.RI.CO. OBIETTIVO SCUOLA

A.P.RI.CO. OBIETTIVO SCUOLA A.P.RI.CO. OBIETTIVO SCUOLA Corso docenti referenti Busto Arsizio Novembre - Dicembre 2007 ATTIVAZIONE DI INTERVENTI DI PREVENZIONE RIEDUCAZIONE COMPENSAZIONE CON STRUMENTI INFORMATICI PER SOGGETTI DISLESSICI

Dettagli

Format PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO SCUOLA PRIMARIA

Format PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO SCUOLA PRIMARIA Format PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO SCUOLA PRIMARIA ISTITUZIONE SCOLASTICA: ANNO SCOLASTICO: ALUNNO: 1. DATI GENERALI Nome e Cognome Data di nascita Classe Insegnante referente Diagnosi medico-specialistica

Dettagli

Workshop Costruire ed usare le mappe concettuali per uno studio efficace Docenti: dott.ssa Chiara Ferrari dott.ssa Elena Del Torre

Workshop Costruire ed usare le mappe concettuali per uno studio efficace Docenti: dott.ssa Chiara Ferrari dott.ssa Elena Del Torre Venerdì 9 settembre 2011 - Tolmezzo Workshop Costruire ed usare le mappe concettuali per uno studio efficace Docenti: dott.ssa Chiara Ferrari dott.ssa Elena Del Torre Topics Prima parte concetti teorici

Dettagli

MCD = MISURE COMPENSATIVE E DISPENSATIVE

MCD = MISURE COMPENSATIVE E DISPENSATIVE MCD = MISURE COMPENSATIVE E DISPENSATIVE: TECNOLOGIE COMPENSATIVE Massimo Guerreschi Responsabile Centro Ausili dell'ircss E. Medea - Ass. La Nostra Famiglia www.emedea.it/centroausili NB - A proposito

Dettagli

Riabilitativi. Visual Basic Scuola: http://vbscuola.it/ ITD, Istituto per le Tecnologie Didattiche http://www.itd.cnr.it/

Riabilitativi. Visual Basic Scuola: http://vbscuola.it/ ITD, Istituto per le Tecnologie Didattiche http://www.itd.cnr.it/ 1 WORKSHOP: TECNOLOGIE COMPENSATIVE PER I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Ufficio Scolastico Regionale per l Emilia Romagna Corso di formazione residenziale 7/11 settembre 2009 su Nuove Tecnologie

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO SPECIFICO PER ALUNNI CON DSA. DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome: Data e luogo di nascita: Istituto: Classe:

PERCORSO DIDATTICO SPECIFICO PER ALUNNI CON DSA. DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome: Data e luogo di nascita: Istituto: Classe: PERCORSO DIDATTICO SPECIFICO PER ALUNNI CON DSA DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome: Data e luogo di nascita: Istituto: Classe: 1. DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO DELLE ABILITÀ STRUMENTALI (situazione

Dettagli

Il Tablet all Università: gli applicativi Android fondamentali per partire. Utili per tutti e indispensabili per qualcuno.

Il Tablet all Università: gli applicativi Android fondamentali per partire. Utili per tutti e indispensabili per qualcuno. A cura di Enrico Angelo Emili Università degli studi di Perugia vers. 15 aprile 2016 Il Tablet all Università: gli applicativi Android fondamentali per partire. Utili per tutti e indispensabili per qualcuno.

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER GLI STUDENTI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (D.S.A.)

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER GLI STUDENTI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (D.S.A.) PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER GLI STUDENTI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (D.S.A.) Al fine di assicurare agli alunni con D.S.A. il percorso educativo più adeguato, è opportuno che la scuola, le

Dettagli

Applicativi che potrebbero essere utili alle persone con DSA che hanno un ipad Apple

Applicativi che potrebbero essere utili alle persone con DSA che hanno un ipad Apple A cura di, Enrico Angelo Emili - Referente DSA per l Ufficio Scolastico Regionale Emilia-Romagna vers.01/02/2013 enricoangelo.emili@gmail.com Applicativi che potrebbero essere utili alle persone con DSA

Dettagli

A MISURE DISPENSATIVE E INTERVENTI DI INDIVIDUALIZZAZIONE

A MISURE DISPENSATIVE E INTERVENTI DI INDIVIDUALIZZAZIONE SCHEDA PREPARATORIA AL PDP da consegnare da ogni docente per ciascun Studente affetto da Disturbi di apprendimento in vista dei Consigli di Classe di dicembre 2012 COGNOME NOME STUDENTE CLASSE : Dopo un

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità»

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità» DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità» PROGRAMMA Obiettivi dell incontro: Conoscenza reciproca e condivisione di obiettivi e strategie Aspetti normativi ed implicazioni

Dettagli

Alcuni utili software (gratuiti e non)

Alcuni utili software (gratuiti e non) Alcuni utili software (gratuiti e non) Programmi gratuiti per la lettura dei libri digitali Balabolka è un programma di "screen reader" che legge testi di documenti o in finestre di Windows e li riproduce

Dettagli

Strumenti tecnologici a supporto dell apprendimento, dell autonomia, della comunicazione di alunni sordi in contesti di integrazione

Strumenti tecnologici a supporto dell apprendimento, dell autonomia, della comunicazione di alunni sordi in contesti di integrazione Fondazione Asphi Onlus Strumenti tecnologici a supporto dell apprendimento, dell autonomia, della comunicazione di alunni sordi in contesti di integrazione Cristina Manfredini cmanfredini@asphi.it www.asphi.it

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO SCUOLA SECONDARIA

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO SCUOLA SECONDARIA PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO SCUOLA SECONDARIA Anno Scolastico 2015-16 1. DATI GENERALI Nome e cognome Data di nascita Classe Insegnante coordinatore della classe Diagnosi medico-specialistica redatta

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO per allievi con DSA

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO per allievi con DSA Via Vicenza n. 63 07026 Olbia tel. 0789 66936 fax 0789 642352 Cod. Scuola SSTD010001 - C.F. 91025160903 E-mail: SSTD010001@istruzione.it PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO per allievi con DSA ANNO SCOLASTICO_

Dettagli

Associazione UNA STELLA SULLA TERRA

Associazione UNA STELLA SULLA TERRA Associazione UNA STELLA SULLA TERRA CANALESCUOLA INFORMA Emil Girardi CIANO D ENZA 9 novembre 2012 ore 20.30 Compiti a casa? Un compito per tutti Software didattici e compensativi cosa e come scegliere

Dettagli

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per allievi con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA-Legge 170/2010) A.S. Alunno/a: Classe: Coordinatore di classe/team: Referente/i DSA/BES Coordinatore GLI La

Dettagli

bisogno degli altri, di sentirsi più sicuri, di aver voglia di provare a fare attività che altrimenti non avrebbero voglia di provare.

bisogno degli altri, di sentirsi più sicuri, di aver voglia di provare a fare attività che altrimenti non avrebbero voglia di provare. Strumenti compensativi e dispensativi Gli strumenti compensativi e dispensativi sono strumenti di facilitazione che danno a coloro che hanno delle difficoltà l opportunità di raggiungere molti obiettivi

Dettagli

ELENCO SOFTWARE DIVISI PER AREE DSPEECH AREA DISTURBO SPECIFICO RISORSA OPEN SOURCE

ELENCO SOFTWARE DIVISI PER AREE DSPEECH AREA DISTURBO SPECIFICO RISORSA OPEN SOURCE ELENCO SOFTWARE DIVISI PER AREE AREA DISTURBO SPECIFICO RISORSA OPEN SOURCE RISORSA A PAGAMENTO DESCRIZIONE DISLESSIA BALABOLKA Sintesi vocale con supporto voci sapi4 e sapi5 Il programma Balabolka converte

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI DSA Decreto n. 5669 del 12 luglio 2011, attuativo della legge 170 dell 8 ottobre 2010

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI DSA Decreto n. 5669 del 12 luglio 2011, attuativo della legge 170 dell 8 ottobre 2010 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ Viale della Libertà, 14-Tel. 0543-28620 -Fax 0543-26363 - -DISTRETTO 42 e mail itisfo@itisforli.it SITO www.itisforli.it PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO

INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO Chiara Cantiani Psicologa Dottore di ricerca in Psicologia chiara.cantiani@bp.lnf.it chiara.cantiani@lanostrafamiglia.it IRCCS «E. Medea» Associazione La Nostra

Dettagli

www.itis-isernia.gov.it email: info@itis-isernia.gov.it Alunno/a DSA Classe a. s. Docente Materia/e

www.itis-isernia.gov.it email: info@itis-isernia.gov.it Alunno/a DSA Classe a. s. Docente Materia/e Alunno/a DSA Classe a. s. Docente Materia/e ALLEGATO al PDP Difficoltà di apprendimento riscontrate dal docente Area linguistico (lettura, scrittura, comprensione) e comunicativa Area logico matematica

Dettagli

Scuola secondaria. Indirizzo di studio.. Referente DSA o coordinatore di classe

Scuola secondaria. Indirizzo di studio.. Referente DSA o coordinatore di classe Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico Scuola secondaria. Indirizzo di studio.. Classe.. Sezione. Referente DSA o coordinatore di classe 1. DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome Data

Dettagli

Il computer e l alunno con disabilità visiva. Metodologia, strumenti e percorsi specifici.

Il computer e l alunno con disabilità visiva. Metodologia, strumenti e percorsi specifici. Il computer e l alunno con disabilità visiva. Metodologia, strumenti e percorsi specifici. dott.ssa Francesca Piccardi di Assisi Un cieco o un ipovedente non usa un computer speciale, costruito appositamente

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico Classe Sezione Coordinatore di classe DIAGNOSI: DSA [] EES [] DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome Data e luogo di nascita Diagnosi specialistica Disturbo/i

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO SCUOLA SECONDARIA

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO SCUOLA SECONDARIA PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO SCUOLA SECONDARIA ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 ALUNNO: 1. Dati generali Nome e cognome Data di nascita Classe Insegnante coordinatore della Diagnosi medico-specialistica Interventi

Dettagli

Maria Vittoria Alfieri Head of Digital Teaching & Learning RCS Education. seguici e commenta su. #primariaday

Maria Vittoria Alfieri Head of Digital Teaching & Learning RCS Education. seguici e commenta su. #primariaday Maria Vittoria Alfieri Head of Digital Teaching & Learning RCS Education seguici e commenta su #primariaday Napoli 7 aprile 2014 Il nuovo ambiente RCS Education per la didattica digitale CONTENUTI e SERVIZI

Dettagli

DSA INDICAZIONI METODOLOGICHE E DIDATTICHE

DSA INDICAZIONI METODOLOGICHE E DIDATTICHE DSA INDICAZIONI METODOLOGICHE E DIDATTICHE ALCUNE CONSIDERAZIONI PRELIMINARI L incidenza dei DSA nella scuola superiore - I disturbi specifici dell apprendimento non scompaiono con l ingresso alla scuola

Dettagli

http://www.istruzione.it/alfresco/d/d/workspace/spacesstore/34ca798c-2cac-4a6fb360-13443c2ad456/legge170_10.pdf oppure

http://www.istruzione.it/alfresco/d/d/workspace/spacesstore/34ca798c-2cac-4a6fb360-13443c2ad456/legge170_10.pdf oppure 1-Normativa Legge 170/2010 link per scaricare, http://www.istruzione.it/alfresco/d/d/workspace/spacesstore/34ca798c-2cac-4a6fb360-13443c2ad456/legge170_10.pdf oppure http://www.istruzione.it/alfresco/d/d/workspace/spacesstore/217240f2-6e0e-4b5f-

Dettagli

dai D.S.A. ai B.E.S. 3-10-2013

dai D.S.A. ai B.E.S. 3-10-2013 dai D.S.A. ai B.E.S. 3-10-2013 DSA - disturbi specifici dell apprendimento L apprendimento Ciascun allievo impara in maniera diversa, ognuno con un proprio stile di apprendimento. L insegnamento deve tener

Dettagli

Presentazione e uso degli strumenti informatici per la didattica inclusiva per i DSA

Presentazione e uso degli strumenti informatici per la didattica inclusiva per i DSA Presentazione e uso degli strumenti informatici per la didattica inclusiva per i DSA Dott.ssa Daniela Arnesano Psicologa con Master di 2 livello in Psicopatologia dell Apprendimento Coordinatore regionale

Dettagli

Stefano Franceschi Centro Studi Ed. Erickson (TN)

Stefano Franceschi Centro Studi Ed. Erickson (TN) Stesura del Piano Didattico Personalizzato Latina, 22 Novembre 2011 Stefano Franceschi Centro Studi Ed. Erickson (TN) Centro Neuropsicologia Clinica dello Sviluppo (AP) www.centralmente.it Associazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI CON D.S.A. (L.170/2010)

LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI CON D.S.A. (L.170/2010) LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI CON D.S.A. (L.170/2010) ANALISI DI ALCUNI PUNTI SALIENTI: Testo delle linee guida E comunque preliminarmente opportuno osservare che la Legge 170/2010

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi. Istituto Comprensivo Castellani. Docenti referenti : R.Bartoletti P.Saletti

Istituto Comprensivo Gandhi. Istituto Comprensivo Castellani. Docenti referenti : R.Bartoletti P.Saletti Istituto Comprensivo Gandhi Istituto Comprensivo Castellani Docenti referenti : R.Bartoletti P.Saletti DISLESSIA, DISGRAFIA, DISORTOGRAFIA E DISCALCULIA COSA SONO? COME SI MANIFESTANO CONSEGUENZE INTERVENTI

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO A.S.

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO A.S. ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE AGRARIA E ALBERGHIERA G.RAINERI G.MARCORA Strada Agazzana, 35 P I A C E N Z A 0523 458929 0523 458938 @ pcis00200v@istruzione.it codice fiscale 80004680338 PIANO

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Scuola Secondaria di II grado VITTORIA COLONNA Roma Liceo Linguistico - Liceo delle Scienze Applicate - Liceo delle Scienze Umane e-mail rmpm180008@istruzione.it - www.vittoriacolonnalicei.it PIANO DIDATTICO

Dettagli

COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006 La competenza digitale consiste nel saper utilizzare con dimestichezza

Dettagli

Misure compensative ed ausili informatici per i bambini con Disturbo Specifico dell'apprendimento Valentina Russo

Misure compensative ed ausili informatici per i bambini con Disturbo Specifico dell'apprendimento Valentina Russo Misure compensative ed ausili informatici per i bambini con Disturbo Specifico dell'apprendimento Valentina Russo NORMATIVA D.S.A. Circolari ministeriali dal 2004/2005 MIUR Ufficio IV Prot. n. 4099/A/4

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO ALLEGATO 5 PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico Scuola secondaria. Indirizzo di studio.. Classe.. Sezione. Referente DSA o coordinatore di classe 1. DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome Data

Dettagli

Risorse utili per la didattica inclusiva strategie e linee guida di progettazione. Andrea Mangiatordi Albino, 19 gennaio 2015

Risorse utili per la didattica inclusiva strategie e linee guida di progettazione. Andrea Mangiatordi Albino, 19 gennaio 2015 Risorse utili per la didattica inclusiva strategie e linee guida di progettazione Andrea Mangiatordi Albino, 19 gennaio 2015 Primi passi... verso una didattica inclusiva basata sull uso delle tecnologie:

Dettagli

MODELLO DI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. Dati relativi all alunno Cognome e Nome. Data e luogo di nascita

MODELLO DI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. Dati relativi all alunno Cognome e Nome. Data e luogo di nascita Allegato A Inserire intestazione della scuola MODELLO DI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO ANNO SCOLASTICO 20.. Dati relativi all alunno Cognome e Nome Data e luogo di nascita

Dettagli

Piano didattico personalizzato DSA

Piano didattico personalizzato DSA Piano didattico personalizzato DSA Anno Scolastico 2014/2015 Indirizzo di studio Classe Sezione Dati dello studente Cognome e nome Data e luogo di nascita Diagnosi specialistica 1 Redatta da Sintesi diagnostica

Dettagli

LAPCA e DSA. ATTIVAZIONE LAPCA Responsabile LAPCA LAPCA. per un percorso ideale. Multiprofessionale LAPCA. Équipe. Strategie compensative

LAPCA e DSA. ATTIVAZIONE LAPCA Responsabile LAPCA LAPCA. per un percorso ideale. Multiprofessionale LAPCA. Équipe. Strategie compensative LAPCA Laboratorio Ausili Per la Comunicazione, l Apprendimento e l autonomia FAMIGLIA ATTIVAZIONE LAPCA Responsabile LAPCA Aspetti gestionali Équipe Multiprofessionale LAPCA Medico Fisiatra Referente Coordinatore

Dettagli

ISTITUTO CARDARELLI 6 SETTEMBRE 2011 Dott.ssa Bernabò Elisabetta Dott.ssa Passano Francesca

ISTITUTO CARDARELLI 6 SETTEMBRE 2011 Dott.ssa Bernabò Elisabetta Dott.ssa Passano Francesca ISTITUTO CARDARELLI 6 SETTEMBRE 2011 Dott.ssa Bernabò Elisabetta Dott.ssa Passano Francesca I Disturbi dell Apprendimento: classificazione DSM IV ICD 10 Disturbi evolutivi specifici delle abilità scolastiche

Dettagli

utili alla stesura e al monitoraggio del PDP

utili alla stesura e al monitoraggio del PDP Questionario per favorire la raccolta di informazioni utili alla stesura e al monitoraggio del PDP Da compilarsi a cura dei genitori Istituzione scolastica. DATI DELL ALUNNO/A Cognome.. Nome. Classe..

Dettagli

Istituto Comprensivo Tiriolo Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di primo grado

Istituto Comprensivo Tiriolo Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di primo grado Istituto Comprensivo Tiriolo Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di primo grado Piazza della Libertà, 14 88056 TIRIOLO (Cz) Tel. 0961.991018 Fax 0961.024807 Cod. Mecc: CZIC86500R Cod. Fisc. 80004080794

Dettagli

www.itis-isernia.gov.it email: info@itis-isernia.gov.it Normale, conforme agli obiettivi della classe ai sensi degli artt. 12 e 13 dell O.M.

www.itis-isernia.gov.it email: info@itis-isernia.gov.it Normale, conforme agli obiettivi della classe ai sensi degli artt. 12 e 13 dell O.M. ALLEGATO al PEI n.1 ELABORAZIONE DELLA PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALIZZATA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Programmazione e valutazione : Normale, conforme agli obiettivi della classe ai sensi degli artt.

Dettagli

STRUMENTI COMPENSATIVI E DISPENSATIVI. A cura della prof.ssa Giusi Piras

STRUMENTI COMPENSATIVI E DISPENSATIVI. A cura della prof.ssa Giusi Piras STRUMENTI COMPENSATIVI E DISPENSATIVI A cura della prof.ssa Giusi Piras Gli strumenti compensativi e dispensativi sono strumenti di facilitazione che danno a coloro che hanno delle difficoltà l opportunità

Dettagli

AD ALTA LEGGIBILITA'

AD ALTA LEGGIBILITA' PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO AD ALTA LEGGIBILITA' ALUNNO (INIZIALI) DATA DI STESURA NOME DELL'ISTITUTO PER ALLIEVI con DSA o altri BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI 1. Elementi conoscitivi dell'alunno COGNOME

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO ISTITUTO COMPRENSIVO DI ARCOLA/AMEGLIA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Via Porcareda 19021 A R C O L A (SP) C.M. SPIC81000V - C.F. 91054370118 - Tel. 0187/987061 Fax 0187/952358

Dettagli

Format PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO SCUOLA SECONDARIA

Format PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO SCUOLA SECONDARIA Format PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO SCUOLA SECONDARIA ISTITUZIONE SCOLASTICA: ANNO SCOLASTICO: ALUNNO: 1. Dati generali Nome e cognome Data di nascita Classe Insegnante coordinatore della Diagnosi medico-specialistica

Dettagli

Didattica inclusiva con la tecnologia

Didattica inclusiva con la tecnologia 5 Convegno Nazionale Bisogni Educativi Speciali: impegno e risorse della Scuola e del Territorio Lecce, 17 maggio 2013 Didattica inclusiva con la tecnologia linee guida per l'allestimento di ambienti digitali

Dettagli

P.D.P. Piano Didattico Personalizzato Scuola Secondaria 2 grado

P.D.P. Piano Didattico Personalizzato Scuola Secondaria 2 grado Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato Scuola Secondaria 2 grado 15 Febbraio 2012 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata

Dettagli