La computerizzazione della società Nota introduttiva Dal testo all ipertesto Ipermedium e

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La computerizzazione della società. 1 2 3 4 5 Nota introduttiva Dal testo all ipertesto Ipermedium e"

Transcript

1 Unità 5 La computerizzazione della società Contenuti Nota introduttiva Dal testo all ipertesto Ipermedium e Il personal computer come Il cyberspazio apprendimento new medium 1. Nota introduttiva Uno strumento interattivo di gran rilievo è l ipertesto. La computerizzazione della società, con l introduzione dell informatica e dei mass media, sta mettendo in discussione anche i tradizionali libri e, quindi, il modo di scrivere e di leggere. Il libro a stampa, testo fisico e composto di fogli cartacei, limitati e rilegati in modo sequenziale (una pagina segue l altra), sta lasciando rapidamente il posto all ebook, fruibile sul personal computer e, da qualche tempo, su appositi lettori digitali. Questo è composto di un insieme di informazioni Ipertesto: è la strutturazione di un testo per moduli collegati da legami logici. Esso organizza le informazioni in strutture reticolari e non sequenziali. L ipertesto può essere: letterario, strutturale, di presentazione, hipermedia for learning di lavoro e d esplorazione. E-book: libro in formato digitale, che è possibile leggere su computer, e-book reader e cellulari di ultima generazione. Lettore digitale: dispositivo elettronico portatile che consente di acquisire e consultare e-book. memorizzate ed è costituito non da segni fisici, come avveniva ed avviene con il libro, ma da codici elettronici. 2. Dal testo all ipertesto Un e-book reader di nuova generazione Dal testo virtuale si è passati in anni recenti all ipertesto termine coniato negli anni Sessanta (1965) dallo studioso Theodor H. Nelson che è un testo non sequenziale. Esso incomincia ad entrare nel vocabolario quotidiano negli anni Novanta del Novecento, con i convegni dell Università della Carolina del Nord (USA, 1987), di Versailles (Francia, 1990) e soprattutto con l avvento di Internet. L ipertesto è una forma particolare di testo elettronico che, essendo costituito da un insieme di nodi testuali, consente al lettore di intraprendere, con precisi collegamenti, itinerari differenti sia di lettura sia d apprendimento. 1

2 Modulo Comunicazione e mass media Theodor H. Nelson È nato nel Per intraprendere gli studi di Sociologia nel 1960 si è iscritto all Università di Harward. Nel 1963 ha ottenuto nella stessa Università il master in Social Relations. Nelson, attraverso i suoi studi, è stato il primo a concepire un programma in linguaggio macchina per archiviare, modificare e stampare, tramite il computer, note e manoscritti. Nel 1965, egli ha coniato il termine ipertesto con una famosa definizione: «Con ipertesto intendo scrittura non sequenziale, testo che si dirama e consente al lettore di scegliere; qualcosa che si fruisce al meglio davanti ad uno schermo interattivo. Così com è comunemente inteso, un ipertesto è una serie di brani di testo tra cui sono definiti legami che consentono al lettore differenti cammini». Le sue principali opere sono: Computer Lib Dream Machines (1974); Literary Machines (1987); L arte di progettare interfacce uomo-computer (1990). Ipertesto Un esempio potrebbe essere l enciclopedia elettronica e interattiva: da un testo, attraverso un itinerario multimediale, si può passare, anche con varie animazioni e con foto, ad altri testi. L ipertesto è lo strumento che produce, quindi, il collegamento di una parte di un testo ad una molteplicità di altri. Un testo, perciò, in tal modo non solo supera l isolamento fisico, ma consente anche di eliminare gli atteggiamenti che tale isolamento produce nell uomo. Esso, a differenza della sequenza lineare del testo tradizionale, introduce un organizzazione di comunicazione simile ad una rete. Nell ipertesto, quindi, scompaiono le caratteristiche dei testi della stampa tipografica (stabilità spaziale, fissità dell impaginazione, linearità, sequenzialità e unitarietà) e si sviluppano fluidità, flessibilità e dinamicità. Solitamente nel testo tradizionale la premessa, l introduzione, le note, la postfazione, l indice dei nomi e così via rispondono a gerarchie di status e di potere (ad esempio, i caratteri più piccoli usati per le note). Nell ipertesto, al contrario, l eventuale opposizione binaria tra il testo e la nota è superata e annullata dal collegamento elettronico; questo può condurre un lettore, pur seguendolo attentamente, non solo dal testo ad una nota, ma anche da un testo ad un altro, da una nota ad un altra e così via. Il testo è metaforicamente paragonabile ad un blocco di neve ghiacciata; questa, sciogliendosi, diventa l acqua di un piccolo fiume, che liberamente s immette in altri fiumi e finisce al mare. L acqua del piccolo fiume è metaforicamente l ipertesto. Questo è, dunque, una rete di testi che, non avendo un centro né una periferia, permette al lettore autonomamente di operare verso il decentramento della ricerca e di rientrare. L ipertesto ha come protagonista il lettore e non l autore; si configura come strumento che fa emergere sia la natura, anche nascosta, di quello che si legge sia l esperienza stessa della lettura. Esso, coinvolgendo più attivamente il lettore, fa acquisire a quest ultimo non solo la possibilità di scegliere liberamente i percorsi di lettura, ma anche di assumere il ruolo d autore, aggiungendo altri testi a quello che sta leggendo. Ogni ipertesto è un libro, che ha una chiave di lettura interna ed è scritto contemporaneamente in diversi stili, ma con codici che permettono al lettore di compiere scelte individuali. Con esso 2

3 Unità 5 La computerizzazione della società viene meno il modello di lettura lineare e statica e, nello stesso tempo, è riconsiderata la figura sia dell autore sia del lettore. Tutto questo significa passare da una logica sequenziale ad una che si basa su operazioni ramificate, dalla metafora temporale a quella spaziale, da una narrazione e da una descrizione dei saperi ad una mappa delle conoscenze. Il libro tradizionale, nella fase della cultura elettronica, non è più, quindi, lo strumento che godrà privilegi particolari; esso, tuttavia, utilizzato intelligentemente, potrebbe certamente continuare a rimanere un mass medium, capace di dare forma immediata ai contenuti della realtà e trasmetterli nei modi cui tutti possono accedere criticamente. 3. Ipermedium e apprendimento Ipermedia L ipermedium è un ipertesto multimediale; è, dunque, un insieme di testi che, oltre ad essere scritti, possono presentare contemporaneamente, una volta messi in relazione, filmati, musiche, animazioni, immagini, voci e così via. L ipermedium non è una somma di più media, ma rappresenta una loro dinamica integrazione. Anzi, esso è un ipertesto che, utilizzando diversi codici per comunicare, si moltiplica per molti mezzi di comunicazione. Il termine ipermedium deriva dalla fusione delle parole ipertesto e multimedium. Oggi la scuola può utilizzare le tecnologie multimediali e ipermediali in molte attività, quali lettura-studio, compilazione di documenti multimediali, costruzione di ipertesti e di documentazione-archivio. Nell attuale percorso formativo dei giovani, apprendere con gli ipermedia è diventata una modalità didatticamente indispensabile ed efficace. Un ipermedium, infatti, usato correttamente: 1. Consente ad ognuno di acquisire un enorme raccolta di informazioni in poco spazio. 2. Permette di accedere velocemente ad ogni tipo d informazione. 3. Consente a chi lo consulta di decidere e di scegliere un percorso formativo adeguato. 4. Nel rapporto tra docente e alunno, permette spesso d invertire i ruoli. 5. Consente di acquisire uno stile cognitivo della complessità e, quindi, a chi lo utilizza di pensare in maniera complessa. 6. Rafforza la cooperazione e il lavoro di gruppo. 7. Favorisce percorsi personali d apprendimento. 8. Permette di condurre i processi cognitivi a forme di autocontrollo. Tali caratteristiche contraddistinguono l apprendimento che si realizza attraverso l ipermedia e con il metodo tradizionale. Nel campo educativo, gli ipermedia e gli ipertesti hanno, tuttavia, prodotto alcuni problemi: 1. Chi naviga, spesso, viene disorientato. 2. La quantità di informazioni crea sovraccarico cognitivo. 3

4 Modulo Comunicazione e mass media 3. La navigazione diventa, alle volte, caotica. 4. La libertà di acquisire liberamente le conoscenze favorisce i soggetti maggiormente dotati di quoziente intellettivo, lasciando gli altri indietro. Interfaccia: aspetto esteriore di un programma software. Tali problemi potrebbero essere, in parte, superati programmando adeguatamente le fasi del progettare l ipermedium e selezionando i nodi informativi, l interfaccia grafica amichevole e i codici, per trasmettere i contenuti informativi. L ipermedium è, dunque, una nuova e diversa modalità d apprendimento, imperniata sia sul ruolo attivo degli studenti sia sullo stretto legame tra i concetti che ogni allievo riesce a formulare, e i vari mass media attraverso i quali si comunica con gli altri. Gli studenti, in tal modo: 1. Imparano a collaborare. 2. Acquisiscono consapevolezza, giacché vengono valutati in itinere. 3. Instaurano un rapporto dialogico e democratico con gli insegnanti. 4. Coprono non solo la ricchezza peculiare del linguaggio ma anche la pari dignità d ogni forma linguistica. 4. Il personal computer come new medium Il personal computer è il new mass medium che, introducendo la comunicazione interattiva, ha rivoluzionato profondamente il sistema delle comunicazioni di massa tradizionali. Nella società elettronica, l avvento dei mass media interattivi ha trasformato dalle fondamenta i canoni delle comunicazioni di massa precedenti; le vie che stanno portando, a livello planetario, al massimo sviluppo e splendore nel campo delle comunicazioni le nostre civiltà sono state definite, con una bella metafora dallo studioso americano del Massachusetts Nicholas Negroponte, autostrade elettroniche. Nicholas Negroponte È nato negli Stati Uniti nel Ha studiato al MIT (Massachusetts Institute of Technology) laureandosi in architettura, per poi specializzarsi nel disegno computerizzato. Fondatore e direttore del Media Laboratory del Massachusetts ha poi fatto nascere, organizzandone il gruppo, l Architecture Machine Group, impegnato nella progettazione di interfacce uomo-macchina. Le sue opere principali sono: The Architecture Machine (1970); Soft Architecture Machine (1975); Computer Aids to Design and Architecture (1975); Che è digitale (1995). Il mezzo di comunicazione di massa non è più passivo, ma, passando da una logica centrifuga ad una centripeta, è diventato attivo e interattivo. Nello stesso tempo, l interazione tra televisione, personal computer e satellite sta conducendo ad una rapida globalizzazione sia di ciò che è prodotto sia della sua distribuzione. 4

5 Al pari del televisore, anche il pc nasconde numerose insidie per i più giovani Unità 5 La computerizzazione della società Il personal computer è stato il mezzo di comunicazione di massa che ha ormai unificato i diversi pianeti della galassia comunicativa. Anche il computer, però, nonostante rispetto alla TV sia uno strumento d interazione e di dialogo, non dovrebbe mai essere usato acriticamente perché, inchiodando gli utenti davanti al monitor per tante ore potrebbe causare dei danni, soprattutto nei più giovani, che rischiano di essere allontanati dalle loro attività di gioco svolte all aperto e con gli amici. La società attuale, definita informazionale, sta attraversando un periodo di forte espansione in ogni forma di comunicazione: i due terzi dei cittadini operano alla raccolta, all elaborazione e alla vendita, come pubblicità, della maggior parte delle informazioni. I mass media sono quasi tutti confluiti in un unico universo, detto mondo della comunicazione o dell industria dell informazione. Il personal computer è considerato anche l elemento unificatore dei diversi mondi della comunicazione; esso, però, come tutti gli altri mezzi di comunicazione di massa, deve essere non solo utilizzato moderatamente, ma anche interpretato in maniera rigorosa e critica. Ci vorrebbe, dunque, non solo una pedagogia, ma anche un ecologia dei mezzi di comunicazione di massa. Questa dovrebbe studiare, in modo approfondito, l ambiente dell informazione e far comprendere in che modo le tecniche della comunicazione, da un lato, potrebbero controllare la quantità, la forma, la velocità e la direzione delle informazioni e, dall altro, come queste tendenze riescano a toccare le valutazioni, le percezioni e gli atteggiamenti delle persone. 5. Il cyberspazio Nel mondo della globalizzazione, dove si formano gerarchie tra coloro che rappresentano le élites globalizzate e quelli che sono costretti a vivere una localizzazione coatta, si produrrà normalmente un nuovo conflitto, perché i primi, vivendo nelle loro fortezze, non avranno alcun interesse per il territorio, e i secondi, pur non avendo concretamente alcuna possibilità di modificare la realtà, faranno pressione per migliorare la loro condizione di vita e per riuscire ad entrare nel sistema. Attraverso il processo di globalizzazione, da un lato, è stato liberalizzato il capitale e, dall altro, è stata asservita e condizionata la vita della maggior parte delle popolazioni del Sud del pianeta e di quelle nuove periferie che si trovano nelle aree marginali. Il denaro e il capitale sono, pertanto, oggi, diventati i veri soggetti liberi. Una multinazionale se decidesse di spostarsi, ad esempio, dall Europa all Asia, determinerebbe la disoccupazione di tantissime persone. Non si può assolutamente pensare, in tal caso, a politiche sociali dell occupazione perché, mentre il denaro e il capitale si trasferiscono alla velocità dei nuovi mezzi di comunicazione, gli uomini si spostano lentamente o sono costretti a vivere confinati nei loro territori. Il processo di velocità dell informazione ha eliminato il concetto di distanza e ha reso fondamentali, nella società attuale, la capacità e la competenza, specialmente nei giovani, di usare le nuove tecnologie. Solo con la consapevolezza che le giovani generazioni fossero capaci d impiegare con facilità le tecnologie della comunicazio- 5

6 Modulo Comunicazione e mass media 6 ne multimediale si potrebbe ben sperare nel futuro. Chi non subisce in maniera passiva i saperi informatici, riuscirà non solo a controllare il proprio spazio fisico e mentale, ma anche a collegare la memoria alla propria esperienza e al proprio vissuto quotidiano. Non rischierà, in tal modo, di perdere la propria identità. Di fronte al cyberspazio, ovverosia all insieme delle risorse disponibili nelle reti informatiche, ci sono, tuttavia, nel mondo, miliardi di persone che non conoscono alcun sistema di comunicazione. Il termine cyberspazio è stato coniato dallo scrittore William Gibson, osservando un gruppo di bambini mentre fissavano un videogioco su uno schermo. Tali bambini, vivendo isolatamente nella sala dei videogiochi e non facendo alcuna esperienza, erano convinti dell esistenza dello spazio artificiale proiettato dal gioco, e immaginavano che ci fosse realmente un posto, seppur non visibile, al di là dello stesso schermo. Nel suo romanzo Neuromante, William Gibson narra le interconnessioni che si formano tra il personal computer e il cervello dell uomo. Il lettore di tale romanzo, allo stesso modo del cybernauta, è costretto ad attraversare un mondo fantastico che, essendo fatto di immagini mentali, non gli dà la possibilità, se non metaforicamente, di riflettere ed avere contatto con la vita reale. Nella vita reale l identità e la collocazione degli individui con i quali si comunica sono noti, stabili e riconoscibili. Nel cyberspazio ogni cosa è sommersa. La comunicazione si realizza, infatti, soltanto attraverso l oralità. Cyberspazio: spazio di comunicazione virtuale e fonte di servizi informatici accessibile a tutti, attraverso reti telematiche in maniera gratuita e in quasi tutte le lingue. I nativi digitali sono tutti cybernauti Le modalità comunicative non verbale e paraverbale sono soppresse. Alcuni studiosi vanno, anzi, sostenendo che, soprattutto negli adolescenti, l uso esagerato delle reti informatiche altera, giacché si sviluppa nel soggetto una forma d onnipotenza virtuale, il processo di formazione dell identità personale. Una delle caratteristiche del cyberspazio è, infatti, quella di fare irresponsabilmente assumere, a chi ne fa uso, identità sempre diverse, cosa che nella realtà a nessuno sarebbe consentito di fare. per approfondire Intervista a Nicholas Negroponte «L ultimo evangelista di Internet» Nicholas Negroponte è un sognatore. Forse perché ha visto il futuro quando ancora non c era. Quando il vecchio secolo non era ancora trapassato pensò di cambiare la misura del tempo. La chiamò beat. Il tempo di internet, un riferimento unico in ogni angolo del pianeta, senza più vincoli di fusi orari. Divise la giornata in mille beat, ognuno dei quali dura un minuto e 26,4 secondi. L uomo nuovo del web avrebbe detto: «Ci sentiamo stasera ai 700 beat». Ma si sa, il mondo è abitudinario e ognuno continuò a consultare il suo orologio. Negroponte continuò a sognare. Era lì quando tutto è cominciato. Quando l Ibm mise insieme chip e plastica, hardware e software, e disse: questo è il personal computer. E Pc fu. Era lì quando il Dipartimento della Difesa americana pensò che in caso

7 Unità 5 La computerizzazione della società di attacco nucleare serviva un mezzo di comunicazione per i superstiti e per governare il dopo. E internet fu. Negroponte fu l unico a finanziare il progetto di una rivista a cui nessuno credeva: Wired. E ha raccontato la nuova era. Negroponte è tuttora convinto che con un computer di 100 dollari si può esportare la filosofia del 2.0 nei villaggi più sperduti dell Africa o dell Asia. È da lì, sostiene, che arriveranno le nuove idee. Negroponte è qui, a Roma, come ambasciatore di un premio Nobel per la pace un po particolare. È un idea di Wired Italia ed ha il suo fascino. Il Nobel per Internet. La rete che ha rivoluzionato il millennio non è solo tecnologia. È un agorà, dove i popoli si incontrano, intrecciano le idee, i destini, le parole. Dietro ogni avatar, al di là del virtuale, ci sono persone, vere, con nomi e cognomi, con una storia. Chris Anderson, direttore di Wired Usa, scrive: «Non c è partita fra un account su Twitter e un fucile AK-47, ma a lungo termine la tastiera è più potente della spada». Lei ci crede davvero? «A cosa?». Alla tastiera e alla spada? «Ci credo da sempre. Lei no?». La rete è un mezzo. Ci camminano i santi e i terroristi. «Vero. Ma fa viaggiare le informazioni, abbatte i muri, crea buchi nella censura, molti dei valori tradizionali dello Stato-Nazione lasceranno il passo a quelli di comunità elettroniche, grandi o piccole che siano. Guardando fuori dalla finestra potrete vedere qualcosa distante da voi cinquemila miglia e sei fusi orari. Un reportage sulla Patagonia potrà darvi la sensazione di andarci di persona. La rete è la piazza, il vecchio mondo è una mappa dove i confini sono cicatrici. Nel cyberspazio non ci sono frontiere. I bit non si fermano alle dogane». Google e la Cina sono in guerra. «E l informazione è un arma. Google ha deciso di togliere i filtri in Cina dopo che ha subito gli attacchi degli hacker». Hacker che lavorano per il governo cinese? «Io non lo so. Leggo i giornali e osservo la tempistica. Google subisce l attacco degli hacker e subito dopo toglie i filtri in Cina. Non è un caso». Molti pensano che Google quei filtri non avrebbe mai dovuto metterli. Non si scende a patti sulla libertà. «Qualche volta bisogna accettare i compromessi. Meglio una mezza rete che nulla». Il cinese è la lingua più parlata del mondo. Ha sorpassato l inglese. Questo cambia qualcosa? «No. La prima lingua non è importante. È la seconda quella che conta. È quella con cui si comunica con il resto del mondo. La seconda lingua universale resta l inglese. E da questo punto di vista l arabo è molto più parlato del cinese. È la differenza tra lingue di scambio e lingue confinate all interno di una muraglia». I giornali di carta non sono ancora morti. «Moriranno». E i giornalisti? «Saranno ancora qui. Forse più utili». Qualcuno dice che ormai le masse sono entrate nell informazione. In un mondo di blogger che bisogno c è di giornalisti? «In teoria blogger e giornalisti sono sullo stesso piano. Ma non è così. La differenza è la qualità. Le informazioni sono infinite, quelle scritte dai giornalisti sono più affidabili. La firma diventa un certificato di garanzia. Mi fido di quella persona perché conosco la sua buona fama. Non si preoccupi. Non siete ancora una specie in via d estinzione». Ha visto «Avatar»? «Il film di Cameron? Mi dispiace, ancora no». Siamo già nel virtuale? «Ci stiamo arrivando». Il futuro assomiglia a un videogame. L arte, i romanzi, il cinema, la moda seguono sempre più l estetica dei mondi virtuali. C è gente che va in giro vestita come se fosse su «Second Life» o qualcosa di simile. È un invasione barbarica? 7

8 Modulo Comunicazione e mass media «È una nuova civiltà. C è proprio una divisione generazionale assoluta tra chi è digitale e chi non lo è. In effetti, quelli che io chiamo i senzatetto digitali sono molto intelligenti, molto bravi, di solito sono persone benestanti di 40 anni o più, ma hanno un problema: sono giunti su questo pianeta troppo presto. Queste persone imparano dai loro figli». Non ha paura del lato oscuro del web? E se il futuro fosse quello cyberpunk dei romanzi di Gibson? «Gibson è un grande scrittore di fantascienza. Ma il cyberspazio non è quello visto da lui. Il lato oscuro c è, ma la luce è più forte». Il premio Nobel si dà a persone in carne e ossa... Chi lo riceverà nel nome di Internet? «Gli evangelisti della rete. Larry Roberts e Vint Cerf disegnarono Arpanet. Tim Berners Lee ha inventato il nome World Wide Web e la prima versione del linguaggio Html. Il quarto è morto 20 anni fa. Era il mio maestro, J.C.R. Licklider, padre dell intelligenza artificiale». Ma che ha fatto Internet per la pace? «E Obama?». Vittorio Macioce, il Giornale, giovedì 27 ottobre 2011 Per tali motivi, i soggetti che incontrano difficoltà a socializzare nella vita reale pensano, sbagliando, di trovare nell uso delle reti informatiche la soluzione del loro problema. Essi, però, in tal modo non fanno altro che accentuare ancora di più il loro isolamento e, quindi, diventare maggiormente dipendenti dai sistemi informatici. Un soggetto con un identità molto forte usa, al contrario, con parsimonia le reti informatiche e riesce a rinnovare il cyberspazio, aprendosi a nuovi modi per interpretare il presente e a nuove strade per costruirsi il futuro. 8

9 Unità 5 La computerizzazione della società Fissiamo i concetti L ipertesto è un contenuto strutturato per moduli collegati da legami logici. Con un ipertesto un singolo elemento può essere collegato ad un infinità di altri, e ciò permette al lettore una consultazione non necessariamente sequenziale. Con l ipertesto il lettore diventa protagonista, al pari dell autore, del processo di strutturazione del materiale a sua disposizione. L ipermedium fornisce una vasta quantità di informazioni, testuali e audiovisive, consultabili liberamente e senza necessità di seguire percorsi lineari o rigidamente prefissati. Ciò permette allo studente di personalizzare il percorso di apprendimento in base ai propri interessi e curiosità. Tuttavia, occorre prestare attenzione e rimanere concentrati, perché l enorme quantità di informazioni offerte può distogliere il navigatore dall obiettivo e condurlo su inutili divagazioni. L ipermedium, dunque, per essere funzionale va progettato con un interfaccia semplice, di facile consultazione e che consenta l accesso diretto ai contenuti ricercati. L avvento dei nuovi media ha rivoluzionato profondamente il mondo delle comunicazioni. Da passiva, la comunicazione di massa è divenuta attiva e interattiva, tanto da rendere l individuo protagonista del processo informativo. Naturalmente l utilizzo indiscriminato dei nuovi media, soprattutto per i più giovani, pone diversi problemi, che vanno dal rischio dell isolamento fisico alla videodipendenza. Sarebbe opportuno, quindi, diffondere una cultura che promuova un uso ecologico dei mezzi di comunicazione di massa, soprattutto a tutela degli utenti più deboli e indifesi di fronte ai pericoli della rete, come i bambini. Per cyberspazio si intende un area di comunicazione virtuale fonte di risorse e servizi informatici accessibile a tutti. Si tratta di uno spazio libero, in cui ciascuno può cercare informazioni, contatti, vestire identità di fantasia e, talvolta, perdersi nell infinità di informazioni proposte e servizi offerti. Prove di verifica 1. Rispondi alle seguenti domande utilizzando lo spazio a disposizione: a) In che modo il sociologo Theodor Nelson ha introdotto e definito l ipertesto? b) Perché l ipertesto viene paragonato metaforicamente all acqua di fiume? 9

10 Modulo Comunicazione e mass media Prove di verifica c) Come può essere definito un ipermedium? d) Quali sono i rischi principali di un esposizione indiscriminata a Internet e al computer in generale? 2. Dal libro tradizionale all e-book: spiega vantaggi e svantaggi di questo nuovo modo di leggere i testi Definisci brevemente i seguenti termini: Ipertesto E-book Interfaccia Cyberspazio Leggi il brano seguente e rispondi alle domande: Un team per difendere il cyberspazio Gli attacchi di cyberterrorismo alle reti digitali sono «una delle minacce più serie alla sicurezza nazionale americana», ha detto Obama, in un discorso alla Casa Bianca nel quale ha rivelato tra l altro che i network militari e della sicurezza statunitensi «sono 10

11 Prove di verifica Unità 5 La computerizzazione della società costantemente sotto attacco». Ma non sono solo le grandi infrastrutture e le reti top secret a essere minacciate. Milioni di americani sono vittime di furti di identità e fenomeni di hackerismo, e Obama ha raccontato, per la prima volta nei dettagli, come anche il sito della sua campagna elettorale lo scorso anno sia finito per mesi sotto attacco. Tra agosto e ottobre i pirati informatici hanno messo le mani su documenti politici e piani di viaggio. Ricordando l importanza che Internet ha avuto nella sua campagna elettorale, Obama ha sottolineato che l episodio è stato «un potente promemoria del fatto che uno dei nostri maggiori punti di forza, cioè l abilità a comunicare, poteva essere anche una delle nostre maggiori vulnerabilità». Gli Usa, secondo il presidente, hanno bisogno di migliorare le loro difese in questo campo, per proteggere le infrastrutture civili e militari, i canali sui quali avvengono le maggiori operazioni economiche, ma anche gli strumenti di comunicazione della gente comune. «Il cyberspazio ha affermato Obama è un mondo da cui dipendiamo ogni giorno. È fatto dei nostri computer, del software, dei cellulari, dei Blackberry che sono diventati parte del tessuto della nostra quotidianità». La figura del nuovo zar, che Obama dovrà nominare a breve, avrà il compito di coordinare le difese in tutti questi campi. Il coordinatore per la cybersicurezza, come verrà formalmente chiamato, farà parte dello staff ristretto del presidente e sarà un membro non solo del Consiglio per la sicurezza nazionale, ma anche e l annuncio è stato una sorpresa in questo senso del Consiglio nazionale per l economia, il gruppo di esperti della Casa Bianca a cui fanno capo le maggiori iniziative economiche. Una conferma dei timori dell amministrazione americana di attacchi alla rete digitale che possano mettere in ginocchio il sistema finanziario. Il presidente ha garantito che i nuovi passi sul fronte della sicurezza on-line non prevedono alcuna intrusione nella privacy o violazione della libertà delle imprese. Ma parallelamente alla creazione del nuovo ufficio all interno della Casa Bianca, Obama si appresta a dare il via libera a un vasto piano del Pentagono che dovrebbe portare alla creazione di un comando militare specifico che si occuperà delle guerre digitali del futuro. La rivelazione è del New York Times, secondo il quale Obama firmerà presto un ordine esecutivo top secret per la nuova struttura. Il Pentagono: «Consideriamo il cyberspazio un luogo di combattimento». Il comando avrà il compito di difendere l America da attacchi di cyberterrorismo o da offensive digitali di potenze straniere, ma dovrà anche coordinare l uso di un vasto arsenale di strumenti segreti da cyberguerra di cui dispongono i militari americani. «Non ci piace discutere pubblicamente questioni legate a cyberoperazioni d attacco ha detto il portavoce del Pentagono, Bryan Whitman ma consideriamo il cyberspazio un luogo di combattimento. Dobbiamo essere in grado di operare su quello scenario come facciamo su qualsiasi altro campo di battaglia, con modalità che includono per questo la protezione della nostra libertà di movimento e la tutela della capacità di agire in modo efficace». 14 luglio 2011 In cosa consistono i fenomeni più frequenti di hackerismo?

12 Modulo Comunicazione e mass media Prove di verifica Perché Obama ritiene il cyberspazio così importante? Con quali strumenti il Presidente americano intende portare avanti il suo piano di cybersicurezza? Ritieni che termini quali cyberterrorismo e cyberguerra siano eccessivi? Argomenta brevemente la tua risposta

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per L e-book a scuola Arriviamo così a un ultimo tema su cui vorrei spendere qualche parola. Un tema che richiederebbe peraltro, per essere trattato con l attenzione e il rigore che sarebbero necessari, ben

Dettagli

INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE

INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE INTERNET NELLE SCUOLE GUARDIAMOCI ATTORNO PRIMAVERA MULTIMEDIALE A ciascuno il suo punto di vista Alla scuola nel suo complesso con la varietà di ruoli Alla società

Dettagli

INDICE PROGRAMMA CORSO

INDICE PROGRAMMA CORSO INDICE PROGRAMMA CORSO PRIMA LEZIONE: Componenti di un computer: Hardware, Software e caratteristiche delle periferiche. SECONDA LEZIONE: Elementi principali dello schermo di Windows: Desktop, Icone, Mouse,

Dettagli

Ipertesti e Internet. Ipertesto. Ipertesto. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012

Ipertesti e Internet. Ipertesto. Ipertesto. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Ipertesti e Internet Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Ipertesto Qualsiasi forma di testualità parole, immagini,

Dettagli

Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO

Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO INTRODUZIONE Con l invenzione della stampa e il suo progressivo miglioramento la cultura e il sapere hanno potuto circolare più facilmente. Ma la storia,

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna 3.3.1 Reperimento dell informazione sul SD Individuare, accedere e consultare le principali fonti di informazione

Dettagli

La cultura globalizzata. Chiedigli la marca.

La cultura globalizzata. Chiedigli la marca. La cultura globalizzata. Chiedigli la marca. Uno degli aspetti più evidenti della cosiddetta globalizzazione è la diffusione di culture, mode, modi di vivere e pensare, oggetti uguali in tutto il mondo.

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA. La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA :

MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA. La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA : MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA : Il giornalino on line Il vero viaggio di ricerca non consiste nel cercare nuove terre,

Dettagli

Il testo digitale. Corso di Informatica umanistica. Corso di Informatica umanistica (2004/2005) dott. Isabella Chiari

Il testo digitale. Corso di Informatica umanistica. Corso di Informatica umanistica (2004/2005) dott. Isabella Chiari Il testo digitale dal testo cartaceo alla scrittura digitale Il testo ieri e oggi Testo: qualunque occorrenza comunicativa, scritta o parlata (Dressler e Beaugrande) Presentazione tradizionale di tipo

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache... Appunti di Calcolatori Elettronici Concetti generali sulla memoria cache Introduzione... 1 Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva 1 Indice dei materiali Quadro normativo di riferimento Didattica tradizionale

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

PROGETTO CLASSI in RETE. curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO

PROGETTO CLASSI in RETE. curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO PROGETTO CLASSI in RETE curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO PREMESSA Da sempre la conoscenza ha rappresentato l elemento fondamentale di discriminazione sociale, politica

Dettagli

IL FILM DELLA VOSTRA VITA

IL FILM DELLA VOSTRA VITA IL FILM DELLA VOSTRA VITA Possibili sviluppi Istruzioni Obiettivo L esercizio fornisce una visione d insieme della vita del partecipante. La foto diventa viva Versione 1 (Esercizio di gruppo) Immaginate

Dettagli

PROMUOVIAMO LA LETTUR! ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIREZIONE DIDATTICA IS MIRRIONIS - CAGLIARI

PROMUOVIAMO LA LETTUR! ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIREZIONE DIDATTICA IS MIRRIONIS - CAGLIARI P R O G E T T O D I C I R C O L O NOI A SCUOLA DI RACCONTERIA PROMUOVIAMO LA LETTUR! ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIREZIONE DIDATTICA IS MIRRIONIS - CAGLIARI PREMESSA Com è possibile riuscire a far sì che

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

I. C. I. NIEVO CAPRI. Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico

I. C. I. NIEVO CAPRI. Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico I. C. I. NIEVO CAPRI Scuola secondaria di I grado Classe Coordinatore di classe 1. DATI RELATIVI ALL ALUNNO: Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico Cognome e nome Data e luogo di nascita

Dettagli

INFORMATICA LE470. Ipertesto. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre

INFORMATICA LE470. Ipertesto. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre INFORMATICA LE470 Ipertesto Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Il World Wide Web un immenso ipertesto Le pagine Web non sono basate su una struttura lineare. E possibile

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

WEB. Piccolo dizionarietto tecnologico

WEB. Piccolo dizionarietto tecnologico WEB Piccolo dizionarietto tecnologico NATIVI DIGITALI - IMMIGRATI DIGITALI- TARDIVI L a distinzione fra nativi e migranti digitali fu introdotto nel 2001dallo studioso americano Marc Prensky: NATIVI DIGITALI

Dettagli

Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia

Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia Pier Paolo Maggi, Gianmario Re Sarto AICA pierpaolomaggi@aicanet.it - g.resarto@aicanet.it

Dettagli

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2 Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti 1 Il Progetto è nato dall esigenza di sperimentare nuove strategie per implementare nei ragazzi il desiderio di avvicinarsi

Dettagli

Ricerca attiva del lavoro

Ricerca attiva del lavoro Ricerca attiva del lavoro La ricerca attiva in tre fasi 1 3 2 CONSAPEVOLEZZA STRUMENTI INFORMAZIONI Fase 1: Consapevolezza Io cosa offro? Bilancio di competenze Strumenti: Domande individuali: cosa so

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza

info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza La scelta della scuola? Una decisione importante Ecco Il

Dettagli

I PRINCIPI MULTIMEDIALI

I PRINCIPI MULTIMEDIALI I PRINCIPI MULTIMEDIALI (dal sito www.nicky.it/materiali%20tic/mayer.doc) Il principio multimediale afferma che gli studenti apprendono meglio dalle parole e dalle immagini piuttosto che solo dalle parole,

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Dal f lipped all EAS

Dal f lipped all EAS Dal flipped all EAS Lo sviluppo della tecnologia e i piani nazionali permettono oggi di portare con sempre maggior costanza e diffusione le TIC all interno della classe, il luogo per definizione deputato

Dettagli

Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it

Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it DA GUTENBERG ALL EBOOK Come cambia l'editoria scolastica di Valentina Gabusi DA GUTENBERG ALL EBOOK Come cambia l'editoria scolastica - Valentina Gabusi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag. 1 di 8 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina Tecnologie informatiche a.s. 2015/2016 Classe: 1 a Sez. Q,R,S Docente : Prof. Emanuele Ghironi / Prof.Davide Colella Pag. 2 di 8 PERCORSI MULTIDISCIPLINARI/INTERDISCIPLINARI

Dettagli

La posta elettronica. ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale

La posta elettronica. ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale La posta elettronica ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Posta elettronica E mail Elettronica Posta In questo argomento del nostro corso impareremo

Dettagli

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet Psicologia dei Nuovi Media Andrea Farinet 1. Psicologia dei nuovi media: riferimenti teorici e oggetti di analisi 2. Comprendere i nuovi media: da Internet all embodiment 3. Applicare la psicologia dei

Dettagli

Educare alla cittadinanza il senso dell esperienza

Educare alla cittadinanza il senso dell esperienza Educare alla cittadinanza il senso dell esperienza Note esplicative del percorso..se c è di mezzo la pubblicità realizzato dalle classi quinte della Scuola Primaria N. Stigliani Insegnante Caterina Genovese

Dettagli

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale SCUOLA PRIMARIA GIOTTO CARPI Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale Anno Scolastico 2011-2012 Insegnanti

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

Modello formativo interculturale e autobiografico. A cura di Ambra Gasparetto

Modello formativo interculturale e autobiografico. A cura di Ambra Gasparetto Modello formativo interculturale e autobiografico A cura di Ambra Gasparetto Attività interculturale Livello cognitivo Informazione - conoscenza Livello affettivo Rappresentazioni reciproche ed emozioni

Dettagli

ESERCITAZIONE. La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA

ESERCITAZIONE. La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA ESERCITAZIONE La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA Il World Wide Web, come abbiamo visto, costituisce sicuramente un ambiente che offre importanti opportunità e risorse per lo

Dettagli

Project plan name: Ipotesi di lavoro con webquest e podcasting

Project plan name: Ipotesi di lavoro con webquest e podcasting Project plan name: Ipotesi di lavoro con webquest e podcasting Area:.,.Grade Project plan summary: dopo aver illustrato agli alunni gli strumenti webquest e podcasting, mediante la LIM e alcune presentazioni

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA

RELAZIONE SPECIALISTICA RELAZIONE SPECIALISTICA Il territorio, nel quale l I.C. DELEDDA-SAN GIOVANNI BOSCO opera, risulta carente nell offerta culturale e la scarsità di strutture ricreative, sportive, spazi di aggregazione per

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 2F RIM Materia: Informatica Docente: Piovesan Paola Situazione di partenza della classe Non mi è possibile definire il livello di partenza

Dettagli

Educare ai videogiochi

Educare ai videogiochi Educare ai videogiochi Damiano Felini Università degli Studi di Parma Insegnare i videogiochi ai ragazzini, che li sanno già usare perfettamente, può sembrare un obiettivo strano: non lo è, se si pensa

Dettagli

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI 1 CREARE UN VIDEO DIDATTICO GRATIS Esistono moltissime tipologie di video didattici, essi si possono distinguere in base al tempo: di breve,

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Uno strumento unico per risolvere i problemi di compatibilità tra le diverse lavagne interattive Non fermarti alla LIM, con

Dettagli

Brand Il primo corso per gli imprenditori che vogliono imparare l arma segreta del Brand Positioning Introduzione

Brand Il primo corso per gli imprenditori che vogliono imparare l arma segreta del Brand Positioning Introduzione Il primo corso per gli imprenditori che vogliono imparare l arma segreta del Brand Positioning Un corso di Marco De Veglia Brand Positioning: la chiave segreta del marketing Mi occupo di Brand Positioning

Dettagli

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna Quando si parla di software didattico (cioè programmi che servono per facilitare il processo di insegnamento/apprendimento)

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

Azienda 2.0. Le imprese e i social networks, opportunità e gestione dei rischi. Stefano Ventura

Azienda 2.0. Le imprese e i social networks, opportunità e gestione dei rischi. Stefano Ventura Azienda 2.0 Le imprese e i social networks, opportunità e gestione dei rischi Stefano Ventura 1. Il nuovo scenario social 2. Necessaria strategia 2.0 3. La nostra esperienza 4. La gestione dei rischi 1.

Dettagli

Scheda ALFA1: COSA SAI DEL COMPUTER?

Scheda ALFA1: COSA SAI DEL COMPUTER? Classe terza elementare Obiettivi: 1. favorire la conoscenza del computer nelle sue parti e nei suoi comandi principali per utilizzarlo come strumento di approfondimento interdisciplinare. 2. Promuovere

Dettagli

Marketing mix Prodotto

Marketing mix Prodotto Marketing mix Parlare di marketing mix per il settore pubblico è possibile soltanto prendendo i fattori che lo contraddistinguono ed adattarli al settore. Accanto ai tradizionali quattro fattori: prezzo,

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

PROGETTO DI LABORATORIO DI INFORMATICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO DI LABORATORIO DI INFORMATICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO DI LABORATORIO DI INFORMATICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA SU E GIÚ... CON CHIP Anno scolastico 2008-09 PREMESSA...Il bambino si confronta con i nuovi media e con i nuovi linguaggi della comunicazione,

Dettagli

GIOCHI DIDATTICI ISPEF

GIOCHI DIDATTICI ISPEF FAUSTO PRESUTTI GIOCHI DIDATTICI ISPEF LA METODOLOGIA DEL GIOCO LE CARATTERISTICHE E LE REGOLE DEL GIOCO Le caratteristiche fondamentali delle attività di gioco sono: a) la spontaneità, cioè la mancanza

Dettagli

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015 Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato Firenze, 4 maggio 2015 Un sito statico è un sito web che non permette l interazione con l utente,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo English with Seurat. Autore Francesca Panzica

Descrizione dell unità. Titolo English with Seurat. Autore Francesca Panzica Descrizione dell unità Titolo English with Seurat Autore Francesca Panzica Tematica Come motivare i ragazzi all apprendimento della lingua straniera rendendoli protagonisti attivi del proprio apprendimento

Dettagli

FARE STORIA CON I LUOGHI DI MEMORIA: SPAZIO E TEMPO TRA TERRITORIO E RETE (con l affiancamento dell esperta Prof.ssa Maila Pentucci)

FARE STORIA CON I LUOGHI DI MEMORIA: SPAZIO E TEMPO TRA TERRITORIO E RETE (con l affiancamento dell esperta Prof.ssa Maila Pentucci) SCHEDA ANALITICA PROGETTUALE TITOLO DEL PROGETTO: LA RETE DA SCRIVERE A.S.2013-2014 FARE STORIA CON I LUOGHI DI MEMORIA: SPAZIO E TEMPO TRA TERRITORIO E RETE (con l affiancamento dell esperta Prof.ssa

Dettagli

IMPARIAMO A STUDIARE di Antonia D Aria

IMPARIAMO A STUDIARE di Antonia D Aria IMPARIAMO A STUDIARE di Antonia D Aria Fonti: Corradini Sissa «Capire la realtà sociale» pp 215-225 L.Portolano «Stili cognitivi» Servizio di Assistenza Psicologica per Studenti Universitari iscritti all'ateneo

Dettagli

I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO. Palermo 9 novembre 2011

I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO. Palermo 9 novembre 2011 I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Palermo 9 novembre 2011 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO Webquest Attività di indagine guidata sul Web, che richiede la partecipazione attiva degli studenti,

Dettagli

Introduzione Surfing time,navigare nel tempo, è stato il filo conduttore che il consiglio di classe si è dato per sviluppare il progetto, come illustrato nella mappa inserita nel documento di progettazione.

Dettagli

Il moderno messaggio mediatico: l Ipertesto e l Ipermedia. Stefano Cagol

Il moderno messaggio mediatico: l Ipertesto e l Ipermedia. Stefano Cagol Il moderno messaggio mediatico: l Ipertesto e l Ipermedia Sommario Esercizio Creazione di un ipertesto o ipermedia Competenze Quali le capacità e le competenze? Elementi Caratteristiche peculiari dell

Dettagli

99 idee per fare esercizi in classe

99 idee per fare esercizi in classe Metodologie e percorsi per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Wencke Sorrentino, Hans Jürgen Linser e Liane Paradies 99 idee per fare

Dettagli

INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato Performance Technology Solutions s.r.l. su Radio24 24 gennaio 2003

INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato Performance Technology Solutions s.r.l. su Radio24 24 gennaio 2003 INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato su Radio24 24 gennaio 2003 Viaggio nelle professioni legate alla net-economy --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

02 L Informatica oggi. Dott.ssa Ramona Congiu

02 L Informatica oggi. Dott.ssa Ramona Congiu 02 L Informatica oggi Dott.ssa Ramona Congiu 1 Introduzione all Informatica Dott.ssa Ramona Congiu 2 Che cos è l Informatica? Con il termine Informatica si indica l insieme dei processi e delle tecnologie

Dettagli

UNA SCUOLA PER AMARE

UNA SCUOLA PER AMARE UNA SCUOLA PER AMARE L iniziativa UNA SCUOLA PER AMARE vuole essere una chiave d accesso per entrare nelle scuole, ma soprattutto nella sfera affettiva dei giovani, alla quale durante il percorso scolastico

Dettagli

DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE L.R. 55/1999 VOUCHER EDUCATIVI VOLONTARIATO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO CARATTERISTICHE DEL PERCORSO

DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE L.R. 55/1999 VOUCHER EDUCATIVI VOLONTARIATO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO CARATTERISTICHE DEL PERCORSO TITOLO PERCORSO Alla ricerca del diritto perduto Ente no profit Sede legale Referente progetto VOLONTARIATO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO via Appia Antica, 126 00179 Roma RM Emma Colombatti tel. 335/8726222

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA FINESTRA INTERCULTURALE

Dettagli

Programmazione preventiva Italiano

Programmazione preventiva Italiano Programmazione preventiva Italiano Prof. ssa Gabriela Fantato Classe: 1 B- ITE Anno scol. 2014-15 PROGRAMMA PREVENTIVO FINALITÀ DELLA DISCIPLINA L insegnamento della disciplina, tenendo conto della centralità

Dettagli

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO HEAD COACH ATTILIO CAJA DIFESA SUL PICK AND ROLL Nell analizzare le tendenze offensive delle squadre avversarie ci siamo resi conto di come una grandissima percentuale degli

Dettagli

TEMPI Il progetto, scandito in Unità didattiche di apprendimento, accompagnerà i bambini nel loro percorso didattico per tutto l anno scolastico.

TEMPI Il progetto, scandito in Unità didattiche di apprendimento, accompagnerà i bambini nel loro percorso didattico per tutto l anno scolastico. 1 PREMESSA Ancora oggi, come ieri, i bambini hanno voglia di ascoltare fiabe e storie. Desiderano ascoltare storie che arrivano al cuore e alla mente e hanno voglia di mettere le ali e volare dentro a

Dettagli

La scuola ha bisogno di cambiare

La scuola ha bisogno di cambiare Oggi il modo di comunicare è cambiato. La Rivoluzione digitale ha innescato nuove dinamiche di relazione e di condivisione delle informazioni. Il flusso continuo di conoscenze ha creato la necessità di

Dettagli

Guida didattica all unità 15 Un compleanno importante

Guida didattica all unità 15 Un compleanno importante Guida didattica all unità 15 Un compleanno importante 1. Proposta di articolazione dell unità Presentiamo qui di seguito un ipotesi di articolazione dell unità 15, indicando una possibile scansione delle

Dettagli

Coderdojo Verona. CoderDojo Verona c/o ITIS G. Marconi Verona P.le R. Guardini 1 37138 Verona

Coderdojo Verona. CoderDojo Verona c/o ITIS G. Marconi Verona P.le R. Guardini 1 37138 Verona Rivolto a bambini e bambine, ragazzi e ragazze tra i 7 e 14 anni. Primo incontro 10 Maggio 2014 alle ore 10.45 presso ITIS G. Marconi - Verona Cos è CoderDojo? CoderDojo, Coder dall Inglese programmatore

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA

RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA 1 INS. BORTOLATO GIUSEPPINA CLASSE E7 RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA Il progetto LA STORIA OLTRE LA STORIA è stato realizzato per far comprendere al bambino, che quando, ci sono modifiche

Dettagli

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network Prof. Giuseppe Riva Università Cattolica del Sacro Cuore www.isocialnetwork.info 1-1 Indice I social network sono una moda? SN come

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

Scuola dell infanzia di Montefano Progetto per la Valutazione e il miglioramento del POF RELAZIONE FINALE

Scuola dell infanzia di Montefano Progetto per la Valutazione e il miglioramento del POF RELAZIONE FINALE INDICE 1. Premessa 2. Percorso Progettuale 2.1 Nuclei concettuali affrontati durante gli incontri con il gruppo dei bambini 2.2 Didattica sul metodo scelto 3. Conclusione del Progetto Relazione dell insegnante

Dettagli

E-learning: tra passato, presente e futuro (una sfida ancora attuale?)

E-learning: tra passato, presente e futuro (una sfida ancora attuale?) Tavola Rotonda E-learning: tra passato, presente e futuro (una sfida ancora attuale?) L'idea è quella di confrontare, nelle nostre diverse esperienze, come e quanto l'uso di Moodle è cambiato ed ha cambiato

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Il potenziale della didattica in rete in una scuola secondaria superiore

Il potenziale della didattica in rete in una scuola secondaria superiore Il potenziale della didattica in rete in una scuola secondaria superiore Pierfranco Ravotto ITSOS Marie Curie Via Masaccio 4 Cernusco sul Naviglio pfr@tes.mi.it Sommario La formazione in rete può avere

Dettagli

La scrittura multimediale

La scrittura multimediale La scrittura multimediale Anna Erika Ena Università degli Studi di Foggia Perché l utilizzo della scrittura multimediale -è un occasione per insegnare nuovi modi comunicativi; -è un attività di pensiero;

Dettagli

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma 2 Scuola, tecnologie e innovazione didattica La tecnologia sembra trasformare

Dettagli

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa Realizzazione di un full adder a due bit 08/11/2010 Premessa A causa di un mancato

Dettagli

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 A SCUOLA DI MONDO Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 Il commercio non è né buono né cattivo [...] può sia contribuire al

Dettagli

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe.

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe. Laboratorio consigliato per la scuola primaria (II ciclo) Il grande mosaico dei diritti Hai diritto ad avere un istruzione/educazione. Art. 28 della CRC Hai diritto a essere protetto/a in caso di guerra

Dettagli

MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013

MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 1 CHE COS È INTERNET? INTERNET (connessione di rete) E' la "rete delle reti" perché collega fra

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

L ipertesto multimediale o ipermedia

L ipertesto multimediale o ipermedia Informatica 2 livello/2ªb 21-02-2006 10:45 Pagina 19 multimediale o ipermedia Il programma di scrittura Word, che già conosci, ti permette anche di creare ipertesti multimediali o ipermedia. R Cerchiamo

Dettagli

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi E-learning Vantaggi e svantaggi vantaggi Abbattimento delle barriere spazio-temporali Formazione disponibile sempre (posso connettermi quando voglio e tutte le volte che voglio) e a bassi costi di accesso

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

DALLA FORMAZIONE A DISTANZA ALL E-LEARNING

DALLA FORMAZIONE A DISTANZA ALL E-LEARNING CAPITOLO 2 DALLA FORMAZIONE A DISTANZA ALL E-LEARNING Il fenomeno dell e-learning rappresenta una ennesima tappa dell annoso tentativo di affrancare l apprendimento dalla contestualità spaziale e temporale.

Dettagli