ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali"

Transcript

1 ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n del 20 Dicembre 2018 Reg. UE 1305/ PSR Toscana 2014/2020 Misura 6 Sviluppo delle aziende agricole e delle imprese - Sottomisura Sostegno a investimenti nella creazione e nello sviluppo di attività extra agricole operazione Diversificazione delle aziende agricole. Elenco di liquidazione: Uff. reg. agricoltura di Firenze e Arezzo n. 354/2018 e Uff. reg. agricoltura di Siena e Grosseto n. 661/2018. Autorizzazione al pagamento. Anticipo. Allegati: 1), 2) Dirigente Responsabile: Stefano Segati Estensore: Oriana Galasso Atto non soggetto a controllo dei Sindaci Revisori ai sensi dell'art. 11, comma 3, della L.R. 60/99 Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto a pubblicazione sulla Banca Dati degli atti amministrativi dell ARTEA con esclusione dalla pubblicazione dell allegato 2 (PBD_ESC_ALL 2).

2 IL DIRIGENTE Considerato che il Decreto Legislativo n. 165 del 27 maggio 1999 e successive modifiche, Soppressione dell A.I.M.A. ed istituzione dell Agenzia per le erogazioni in agricoltura (A.G.E.A.) a norma dell art.11 della L. 15 marzo 1997, n. 59 prevede, all art. 3 comma 3, l istituzione di Organismi pagatori regionali ; Vista la legge regionale 19 novembre 1999 n. 60 e successive modificazioni, istitutiva dell Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura (A.R.T.E.A.) alla quale vengono conferite le funzioni di Organismo pagatore ; Preso atto del Decreto del Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, adottato in data 26 settembre 2008, che ha riconosciuto ARTEA come organismo pagatore ai sensi del Regolamento CE n. 1290/05 del Consiglio del 21 giugno 2005 e del Regolamento CE n. 885/06 della Commissione del 21 giugno 2006 per gli aiuti finanziati a carico del FEAGA e del FEASR a partire dall attuazione dei Programmi di Sviluppo Rurale della programmazione ; Visti: il Regolamento (UE) n. 1303/2015 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17/12/2013 recante disposizioni comuni sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo, sul Fondo di coesione, sul Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale e sul Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca; il Regolamento (UE) n.1306/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17/12/2013, sul finanziamento, sulla gestione e sul monitoraggio della politica agricola comune e che abroga i regolamenti del Consiglio (CEE) n. 352/78, (CE) n. 165/94, (CE) n. 2799/98, (CE) n. 814/2000, (CE) n. 1290/2005 e (CE) n.485/2008 il Regolamento (UE) n. 1305/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17/12/2013 sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale (FEASR) che abroga il regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio; il Regolamento delegato (UE) N. 807/2014 della commissione del 11/03/2014 che integra talune disposizioni del regolamento (UE) n. 1305/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e che introduce disposizioni transitorie il Regolamento di esecuzione (UE) N. 808/2014 della Commissione del 17/07/2014 recante modalità di applicazione del regolamento (UE) n. 1305/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR); il Regolamento di esecuzione (UE) n. 809/2014 della Commissione del 17/07/2014 recante modalità di applicazione del Reg. (UE) n. 1306/2013 il Regolamento delegato (UE) N. 907/2014 della commissione del 11/03/2014 che integra il regolamento (UE) n. 1306/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda gli organismi pagatori e altri organismi, la gestione finanziaria, la liquidazione dei conti, le cauzioni e l uso dell euro. la Decisione di Esecuzione della Commissione Europea C (2015) 3507 del 26/05/2015 che approva il nuovo Programma di Sviluppo Rurale (PSR) della Toscana, ai fini della concessione di un sostegno da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale; le delibere della Giunta Regionale della Regione Toscana: n. 788 del 04/08/2015 Reg. (UE) n.1305/2013 Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020: che prende atto del programma approvato dalla Commissione ; Vista la Delibera di Giunta Regionale n. 572 del 27 aprile 2015 Reg. (UE) n.1305/ Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 della Regione Toscana: disposizioni per l'attivazione e gestione del bando condizionato Progetti Integrati di Filiera - PIF, con la quale sono state approvate le disposizioni generali e specifiche per dare l avvio al bando PIF e con la quale inoltre sono state stanziate risorse pari a 90 milioni di ; i decreti dirigenziali della Regione Toscana: n del 06/07/2016 avente per oggetto Regolamento (UE) n. 1305/2013. FEASR Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 Bando attuativo del tipo di operazione Diversificazione delle aziende agricole ; n del 20/10/2016 avente per oggetto "Reg. (UE) 1305/ FEASR Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 Bando tipo di operazione "Diversificazione dell'attività agricola - annualità 2016" modifica e proroga presentazione domande di aiuto;

3 n del 11/05/2017 avente per oggetto "Reg. (UE) 1305/ FEASR Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 Bando tipo di operazione "Diversificazione dell'attività agricola - annualità 2016" di cui al Decreto n. 5790/2016 modifica; n del 26/06/2017 avente per oggetto avente per oggetto Reg. (UE) 1305/ PSR 2014/2020 Bando operazione Diversificazione delle aziende agricole annualità 2016 di cui al D.D.5790/2016 : correzione errore materiale ; n del 27/07/2017 avente per oggetto "Reg. (UE) 1305/ FEASR Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 Bando tipo di operazione "Diversificazione dell'attività agricola - annualità 2016" di cui al Decreto n. 5790/2016 modifica; Visto il decreto del Direttore di Artea n. 70 del 30 Giugno 2016 Disposizioni per la costituzione ed aggiornamento del Fascicolo Aziendale nel Sistema Informativo di ARTEA e per la gestione della Dichiarazione Unica Aziendale (DUA) che sostituisce integralmente Allegato A) del Decreto n. 140/2015 e s.m.i.; Visto il Decreto del Direttore di Artea n. 63 del 28/06/2016 avente come oggetto Regolamento (UE) 1305/2013 Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2014/2020- Approvazione del documento Disposizioni comuni per l attuazione delle misure a investimento e s.m.i.; Visto il Decreto Regione Toscana n del 24/12/2015, riassetto delle strutture della Direzione Agricoltura e sviluppo rurale e attribuzione dei relativi incarichi ai dirigenti ; Vista la normativa regionale di riordino delle funzioni provinciali a decorrere dal 1 gennaio 2016, ed in particolare : Vista la convenzione tra ARTEA e Regione Toscana (Direzione Agricoltura e sviluppo rurale) per la definizione degli obblighi e delle responsabilità dei soggetti coinvolti nell'attuazione del PSR sottoscritta il 28 ottobre 2016; Preso atto che, ai fini dell inserimento dei nominativi nell elenco di liquidazione, gli Uffici competenti - a seguito dell espletamento degli adempimenti tecnico-amministrativi previsti dal bando di misura - approvano con proprio provvedimento gli esiti delle istruttorie di competenza e gli elenchi di liquidazione dai quali risulta che nulla osta al pagamento degli importi indicati per ciascun beneficiario; Dato atto che le verifiche di cui al punto precedente sono state registrate dall Ufficio competente sul sistema gestionale di controllo dell Organismo Pagatore; Considerato che ARTEA provvede all adozione del decreto di autorizzazione al pagamento agli aventi diritto sulla base degli elenchi di liquidazione sottoscritti con firma digitale o qualificata; Visto l elenco di liquidazione anticipo relativi Misura 6 Sviluppo delle aziende agricole e delle imprese - Sottomisura Sostegno a investimenti nella creazione e nello sviluppo di attività extra agricole operazione Diversificazione delle aziende agricole, trasmesso dall ufficio regionale competente: Uff. reg. agricoltura di Firenze e Arezzo n. 354/2018; Uff. reg. agricoltura di Siena e Grosseto n. 661/2018. Vista la check list redatta dall istruttore della P.O. Supporto tecnico amministrativo Sostegno allo Sviluppo Rurale relativa ai controlli di competenza eseguiti dalla medesima struttura in ordine ai beneficiari inseriti negli elenchi di liquidazione di cui al punto precedente; Viste le disposizioni previste dal D.Lvo n. 159/2011 Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, ed in particolare: - la nota del Ministero dell Interno n /119/20(8) del 25/02/2014 avente per oggetto Decreto Legislativo 15 novembre 2012 n. 218 recante disposizioni integrative e coerenti al Codice Antimafia. Quesiti concernenti l acquisizione della documentazione antimafia ; - la legge n. 161/2017 del 17/10/2017 entrata in vigore il 19 novembre 2017 avente per oggetto Modifiche al codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, di cui al decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, al codice penale e alle norme di attuazione, di coordinamento e transitorie del codice di procedura penale e altre disposizioni. Delega al Governo per la tutela del lavoro nelle aziende sequestrate

4 e confiscate che modifica la soglia del contributo oltre la quale richiedere l Informazione Antimafia nel caso di erogazioni relative ai fondi comunitari; - la legge n. 172/2017 del 4/12/2017 avente per oggetto Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 16 ottobre 2017, n. 148, recante disposizioni urgenti in materia finanziaria e per esigenze indifferibili. Modifica alla disciplina dell'estinzione del reato per condotte riparatorie. che introduce il tetto massimo di Euro come soglia dei contribuiti sui fondi comunitari a qualunque titoli acquisiti per richiedere l Informazione Antimafia; - la legge n. 205 del 27/12/2017 di Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio con la quale si modifica in alcune sue parti la legge n. 161/2017 relativamente alla nuova soglia ed alla data limite oltre la quale richiedere la documentazione antimafia ( uro e 31/12/2018) e che indica che le disposizioni in materia di acquisizione della documentazione e dell'informazione antimafia per i terreni agricoli non si applicano alle erogazioni relative alle domande di fruizione di fondi europei presentate prima del 19 novembre 2017 ; - la Circolare AGEA-coordinamento protocollo uscita N del 22/01/2018 procedura per l acquisizione delle certificazioni antimafia di cui al d. l.vo n. 159/2011 e successive modifiche ed integrazioni; - la circolare della Regione Toscana AOOGRT/172534/A del 28/03/2018; - l esito del Gruppo di Coordinamento della Regione Toscana dell 8 Marzo Verbale del punto 4- Verifica delle condizioni di accesso Quesito 5 Antimafia. - la revisione 2 del 16/06/2018 della circolare applicativa 2/2017 relativamente alle procedure inerenti l autorizzazione dei pagamenti e la presenza della documentazione Antimafia; Considerato che il contributo riconosciuto per tutti i beneficiari indicati nell allegato 2, parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, determina l applicazione del D.Lgs. n. 159/2011 Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, oggetto di recente modifica normativa; Viste le informative antimafia liberatorie rilasciate dalla BANCA DATI NAZIONALE UNICA DELLA DOCUMENTAZIONE ANTIMAFIA, di cui rispettivamente ai C.U.DOC. ARTEA (beneficiario n. 1) (beneficiario n. 2) richieste dall ufficio Regionale competente e relative a beneficiari indicati al numero d ordine 1 e 2 dell allegato 2, parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; Preso atto che gli originali delle polizze fideiussorie rilasciate dal beneficiario a garanzia dell anticipazione richiesta sono stati trasmessi alla P.O. Ragioneria dell Artea; Dato atto che il Reg. (UE) n. 1305/2013 all art. 63, ha stabilito che i beneficiari del sostegno agli investimenti possono chiedere al competente organismo pagatore il versamento di un anticipo non superiore al 50 % dell'aiuto pubblico concesso; Considerato che la liquidazione del suddetto anticipo è subordinata alla preventiva costituzione, in favore dell ARTEA, di una cauzione da parte del beneficiario per un importo pari al 100% del contributo concedibile in anticipo; Preso atto che gli originali delle cauzioni rilasciate dal beneficiario a garanzia dell anticipazione richiesta sono stati trasmessi alla P.O. Ragioneria dell Artea; Considerato che i fascicoli domanda relativi ai beneficiari indicati nell allegato 2, parte integrante del presente provvedimento, sono archiviati presso l Ufficio competente dell istruttoria della domanda; Vista la Delibera di Giunta n. 256 del 20/03/2017 avente per oggetto Reg. (UE) 1305/2013 FEASR Programma di Sviluppo Rurale Approvazione prima modifica delle Direttive comuni per l attuazione delle misure ad investimento ; Vista la Delibera di Giunta n del 20/03/2017 avente per oggetto Reg.(UE)1305/ FEASR - PSR Approvazione "Direttive regionali in materia di riduzioni ed esclusioni per inadempienze dei beneficiari ai sensi

5 art. 35 del regolamento (UE) 640/2014 e artt. 20 e 21 del Decreto MIPAAF n.2490/2017" e seconda modifica delle "Direttive comuni per l attuazione delle misure a investimento ; Vista la Delibera di Giunta n. 346 del 03/04/2018 avente per oggetto Reg.(UE)1305/ FEASR - Programma di Sviluppo Rurale Approvazione terza modifica delle "Direttive comuni per l'attuazione delle misure a investimento ; Visto il nulla osta trasmesso dalla P.O. Supporto Gestionale e Revisione Contabile, attestato dalla sottoscrizione delle relative check list; Visti i propri ordini di servizio: n. 3 del 02 Agosto Competenze specifiche alle Posizioni Organizzative del Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale & Interventi strutturali; n. 3 del 18 Aprile 2016 Disposizioni organizzative. Posizione Organizzative Supporto tecnicoamministrativo interventi strutturali e Supporto tecnico-amministrativo sostegno allo sviluppo rurale. Modifica precedente Ordine di Servizio avente pari oggetto ; Richiamato l art. 3, comma 1, lettera a), della L.R. 60/99 che prevede che nell esercizio delle funzioni di Organismo Pagatore l Agenzia provveda all autorizzazione dei pagamenti degli importi da erogare ai richiedenti; Ritenuto che l Allegato 1 del presente provvedimento è destinato alla pubblicazione sul sito istituzionale di ARTEA, e l Allegato 2 è destinato al pagamento delle domande ivi indicate da parte della P.O. Ragioneria; Visto il Decreto del Direttore dell ARTEA n. 66 del 29/06/2016 con il quale al sottoscritto è stato attribuito l incarico di Responsabile del Servizio Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi strutturali dell ARTEA; DECRETA 1) di approvare l Allegato 1 al presente provvedimento, di cui forma parte integrante e sostanziale, per la pubblicazione sul sito istituzionale di ARTEA; 2) di autorizzare la P.O. Ragioneria al pagamento, a favore di n. 2 beneficiari di cui all elenco Allegato 2, parte integrante del presente provvedimento, per un importo di ,24 (Euro centocinquantaduemilacentocinquantotto/24); 3) di procedere al pagamento dell importo di cui al punto precedente a fronte della verifica e della validazione delle cauzioni da parte della P.O. Ragioneria di ARTEA; 4) di dare atto che la somma di cui al punto 2 dovrà essere imputata ai relativi capitoli, così come indicato nell allegato 2, parte integrante del presente provvedimento; 5) di trasmettere il presente atto alla P.O. Ragioneria ed alla P.O. Supporto Gestionale e Revisione Contabile di ARTEA per gli adempimenti di loro competenza. Il presente atto è pubblicato sulla banca dati degli atti amministrativi dell ARTEA ai sensi dell art.18 della l.r. 23/2007. E escluso dalla pubblicazione l allegato 2 nel rispetto dei limiti alla trasparenza posti dalla normativa statale. Il Dirigente del Settore Stefano Segati Documento informatico firmato digitalmente ai sensi del testo unico D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, del d.lgs. 7 marzo 2005, n. 82 e norme collegate, il quale sostituisce il testo cartaceo e la firma autografa.