UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA REGOLAMENTO AI SENSI DELL'ART. 21 DEL REGOLAMENTO GENERALE DI ATENEO ELEZIONI DELLE RAPPRESENTANZE STUDENTESCHE NEI CONSIGLI DI FACOLTÀ' E DI CORSO DI STUDIO Art. 1 - Indizione delle elezioni 1. Le elezioni delle rappresentanze studentesche nei consigli di facoltà e di corso di studio, sono indette dal Rettore il 31 gennaio o il primo giorno lavorativo utile successivo; le votazioni sono fissate in data unica per tutte le facoltà, sentito il senato accademico. 2. Le elezioni dei rappresentanti degli studenti si svolgono a liste concorrenti, con sistema proporzionale puro. 3. Per l'elezione dei rappresentanti degli studenti nei consigli di facoltà è richiesta la presentazione di liste concorrenti. Per l elezione del rappresentante dei dottorandi e del rappresentante degli specializzandi nel consiglio di facoltà non è richiesta la presentazione di liste concorrenti se il numero degli iscritti, quantificato come sotto indicato, è inferiore a cento. 4. Al fine della determinazione del numero dei dottorandi (1) e degli specializzandi iscritti alla facoltà, si fa riferimento, per quanto attiene alle iscrizioni al primo anno, al numero dei posti disponibili al 31 gennaio, relativamente ai quali la procedura di assegnazione si concluderà successivamente; qualora al 31 gennaio i dati relativi ai posti disponibili non fossero noti, si farà riferimento a quelli del precedente anno accademico. 5. Non è richiesta la presentazione di liste concorrenti per l'elezione dei rappresentanti nei consigli di corso di laurea che, alla data del 31 gennaio, abbiano un numero di iscritti inferiore a duecento. 6. Non è richiesta la presentazione di liste concorrenti per l'elezione dei rappresentanti nei consigli di corso di diploma che, alla data del 31 gennaio, abbiano un numero di iscritti inferiore a cento. 7. Il numero dei componenti degli organi collegiali per i quali si vota, necessario ai fini del calcolo dell'entità della rappresentanza, è determinato dalle facoltà alla data del 31 dicembre, escludendo dal computo la rappresentanza studentesca. (1) Nota: la Facoltà di riferimento è stabilita secondo le modalità previste, nel comma 1 dell art. 2, per i corsi di studio interfacoltà. 1

2 8. Nel provvedimento di indizione sono altresì precisati gli organi per i quali è indetta la tornata elettorale, i relativi collegi elettorali (studenti - dottorandi - specializzandi), il numero degli eligendi, il numero massimo dei voti di preferenza da esprimere, il termine per la presentazione delle liste, delle candidature con le relative sottoscrizioni, l'orario di apertura e di chiusura dei seggi ed il numero di seggi da costituirsi su indicazione dei Presidi di Facoltà. 9. Per quanto riguarda, in particolare, la determinazione degli eligendi, il provvedimento di indizione evidenzia, per ogni collegio, sia il numero dei rappresentanti eleggibili qualora partecipi al voto almeno un terzo degli elettori, sia il diverso numero di eleggibili qualora partecipi al voto un numero inferiore di elettori, secondo quanto previsto dagli artt comma 3 e 14 - comma 5, dello Statuto. Art. 2 - Elettorato attivo e passivo 1. Per i consigli di facoltà, l'elettorato attivo spetta agli studenti iscritti, alla data della votazione, ai corsi di studio delle rispettive facoltà. L elettorato attivo è altresì attribuito agli iscritti a corsi di studio e a scuole di specializzazione interfacoltà; essi hanno diritto a votare con gli iscritti della facoltà individuata quale prevalente dai Presidi delle facoltà interessate. In difetto di tale individuazione, la decisione spetta al Rettore. 2. Gli iscritti, alla data della votazione, ai dottorati di ricerca ed alle scuole di specializzazione, ove presenti in facoltà, hanno elettorato attivo suddivisi in due distinti collegi ai fini dell'elezione dei loro rispettivi rappresentanti per i quali l'art. 11, comma 3, dello Statuto garantisce una riserva nell'ambito del numero dei rappresentanti da eleggere nel consiglio di facoltà. 3. Per i consigli dei corsi di studio, l'elettorato attivo spetta ai soli studenti iscritti, alla data della votazione, ai rispettivi corsi. 4. L'elettorato passivo spetta agli iscritti di cui sopra che non siano già stati eletti per due mandati consecutivi; a tal fine non si computa il mandato di coloro che sono subentrati in sostituzione di un membro di un organo collegiale cessato anticipatamente dalla carica, ai sensi dell art. 46, comma 5, dello Statuto. 5. Nel caso sia prevista la presentazione di liste concorrenti, i requisiti per l elettorato passivo devono essere posseduti dai candidati alla data di scadenza del termine per la presentazione delle liste e delle candidature con le relative sottoscrizioni. 2

3 6. Per il collegio dei dottorandi e il collegio degli specializzandi, ai fini dell elezione delle relative rappresentanze nei consigli di facoltà, con un numero di iscritti inferiore a cento, per i consigli di corso di laurea con un numero di iscritti inferiore a duecento e per i consigli di corso di diploma con un numero di iscritti inferiore a cento, tutti gli iscritti sono eleggibili. Art. 3 - Liste elettorali 1. Ogni lista deve essere distinta da un contrassegno e/o un motto e/o una sigla inscritti in una circonferenza avente un diametro non inferiore a cm. 10 e non superiore a cm. 16. Tale simbolo sarà stampato dalla tipografia sulle schede elettorali con dimensioni ridotte e idoneo inchiostro scuro, quindi senza riprodurre gli eventuali colori presenti nel disegno o lucido originale. Non è comunque ammessa la presentazione di contrassegni, motti o sigle identici o facilmente confondibili con quelli presentati in precedenza da altre liste nella stessa tornata elettorale, nonché la presentazione di contrassegni, motti o sigle contrari al buon costume. 2. La stessa lista può essere presentata per più organi collegiali a condizione che venga sottoscritta, per ciascuno dei medesimi, dal numero di studenti, indicato nel successivo comma Le liste devono contenere un numero di candidati non superiore al numero degli eligendi stabilito nel provvedimento rettorale per il caso in cui partecipi al voto almeno un terzo degli elettori e devono essere sottoscritte da coloro che sono iscritti ai correlati corsi di studio almeno nel numero sottoindicato a fianco di ogni organo collegiale: Consigli di facoltà a) collegio elettorale degli iscritti ai corsi di studio: sottoscrizioni n. 50 b) collegio elettorale degli iscritti ai dottorati di ricerca: sottoscrizioni n. 15 c) collegio elettorale degli iscritti alle scuole di specializzazione: sottoscrizioni n. 15 Consigli di corso di laurea sottoscrizioni n. 20 Consigli di corso di diploma sottoscrizioni n Le liste presentate per i consigli delle facoltà in cui siano presenti dottorati di ricerca e/o scuole di specializzazione, dovranno contenere un numero di candidati inferiore rispetto al totale degli eligendi per il consiglio di facoltà, in modo da tenere conto della riserva prevista per tali categorie. 3

4 5. Nessuno studente può essere candidato o può sottoscrivere più di una lista concorrente per lo stesso organo. 6. A fianco di ogni firma di accettazione di candidatura e/o di sottoscrizione delle singole liste deve essere indicato il cognome, il nome, il numero di matricola ed il corso di studio del candidato e/o del sottoscrittore; ogni candidato deve altresì indicare con chiarezza il recapito telefonico e l indirizzo a cui potranno essere inviate l eventuale nomina o altre comunicazioni. Art. 4 Candidature 1. Per ogni organo, le liste dei candidati e le relative sottoscrizioni devono essere presentate da uno degli studenti sottoscrittori, che risulti regolarmente iscritto, all'ufficio del Capo Servizio Formazione e Mobilità internazionale, sito in Via Bensa, 1, entro e non oltre le ore 12 del 23 giorno precedente quello fissato per le elezioni; nel caso il suddetto termine cada in giornata non lavorativa lo stesso viene prorogato fino alle ore 12 del primo giorno lavorativo successivo alla scadenza. 2. I presentatori di cui al precedente comma sono responsabili dell'autenticità delle firme di accettazione delle candidature di lista e delle relative sottoscrizioni. 3. Possono essere inseriti nelle liste dei candidati solo coloro che hanno elettorato passivo, come definito nel precedente art Ogni candidatura deve essere accettata per iscritto dall interessato. Art. 5 Rappresentanti di lista 1. I presentatori di ogni lista, ancorché presentata per una pluralità di consigli anche di facoltà diverse, designano, entro il termine per la presentazione delle candidature, un unico rappresentante della lista e il relativo supplente nella Commissione elettorale; il rappresentante e il supplente sono scelti fra i presentatori, i sottoscrittori e i candidati di una delle liste. 2. I presentatori di ogni lista, ancorché presentata per una pluralità di consigli anche di facoltà diverse, possono altresì, sempre entro il termine per la presentazione delle candidature, designare un unico rappresentante e il relativo supplente in ogni seggio o gruppo di seggi (ad esempio tutti i seggi di una o più facoltà) in cui sarà presente la lista. 4

5 3. All atto delle designazioni di cui ai punti precedenti, i presentatori dovranno indicare gli indirizzi ed i recapiti telefonici propri e dei designati. Art. 6 Moduli per la presentazione delle liste dei candidati e dei rappresentanti di lista 1. Il Servizio Formazione e Mobilità internazionale predisporrà moduli utilizzabili per la presentazione delle liste, delle candidature e dei rappresentanti di lista che verranno consegnati, a richiesta, insieme con il vigente regolamento elettorale e con il provvedimento di indizione. Art. 7 - Commissione elettorale 1. Il Senato accademico nomina la Commissione elettorale; il Rettore designa contestualmente il presidente, scegliendolo fra i professori di ruolo. 2. La Commissione: a) accerta l'ammissibilità di contrassegni, motti, sigle; b) verifica la validità delle liste elettorali e del relativo procedimento di presentazione; c) decide sugli eventuali reclami e/o istanze presentati da rappresentanti di lista, elettori, componenti i seggi fino al termine delle operazioni elettorali. d) sovraintende alle operazioni di voto e di scrutinio e approva i relativi atti. 3. La Commissione, qualora accerti l inammissibilità di contrassegni, motti, sigle, ovvero l invalidità, totale o parziale, delle liste o comunque un irregolarità nel relativo procedimento di presentazione, assegna un termine per l eventuale regolarizzazione fino a un massimo di sessanta ore, che decorrono dal momento della contestazione al rappresentante di lista designato o al supplente presente alla riunione; in caso di loro assenza tale termine decorre dal momento dell invio, a mezzo telegramma, della comunicazione della contestazione al recapito indicato all atto della loro designazione. In difetto di adeguata regolarizzazione entro il termine assegnato la lista è esclusa dalla competizione elettorale. 4. Le adunanze della Commissione sono valide qualora siano presenti almeno tre componenti, fra i quali il Presidente o il Vice-Presidente. 5. Alle adunanze della Commissione può presenziare - con diritto di parola - un solo rappresentante per ogni lista, ancorché presentata per una pluralità di consigli anche di facoltà diverse; in assenza 5

6 del rappresentante di lista designato o del supplente, le comunicazioni urgenti della Commissione sono effettuate al recapito indicato all'atto della loro designazione. Art. 8 - Seggi elettorali 1. Presso ciascuna facoltà è costituito, con provvedimento del Rettore, un adeguato numero di seggi elettorali. 2. Ciascun seggio è composto, su designazione del Preside, da due professori di ruolo o fuori ruolo, fra cui il Presidente, da due ricercatori universitari e da due tecnici-amministrativi; le funzioni di segretari saranno svolte, anche disgiuntamente, dai due componenti tecnici-amministrativi; il Presidente, al momento dell'insediamento del seggio, sceglie fra i docenti il Vice-Presidente. 3. Alle adunanze del seggio può presenziare, con diritto di parola, un solo rappresentante per ognuna delle liste in competizione. 4. Il seggio opera validamente sempre che in esso siano presenti almeno tre dei suoi componenti, fra i quali il Presidente o il Vice-Presidente. 5. Possono essere costituiti seggi presso le sedi universitarie decentrate; i seggi decentrati possono avere composizione ed orari diversificati e sono composti, su designazione del Preside, da un professore di ruolo o fuori ruolo, in qualità di Presidente, un ricercatore e un componente tecnicoamministrativo che svolge funzioni di segretario; l'attività richiesta ai citati seggi decentrati è adattata in proporzione alla ridotta composizione dei seggi; a titolo esemplificativo, ma non esaustivo, sarà sufficiente che il numero dei voti riportati da liste e candidati sia annotato da un solo scrutatore anziché da tre scrutatori, come previsto dal successivo art. 12 del presente regolamento. Tali seggi operano validamente con la presenza di due componenti. Art. 9 - Operazioni preliminari 1. Il giorno precedente a quello fissato per le elezioni, i componenti i seggi si riuniscono per verificare il materiale necessario all'esercizio del voto (schede, verbali, registro dei votanti, materiale di cancelleria, ecc.). 6

7 2. E' compito del Presidente del seggio controllare l'agibilità del locale dove si svolgono le elezioni, la presenza in esso delle cabine, delle urne ed in genere la presenza di ogni apprestamento tecnico indispensabile a garantire la libertà e la segretezza del voto. Art Votazioni 1. Identificato l'elettore, previa verifica di regolare documento di riconoscimento con fotografia (tessera-libretto o badge universitari, carta d'identità, passaporto, patente di guida, tessera ferroviaria, tessera postale), ed accertata l'iscrizione del nominativo nel registro dei votanti, il Presidente provvede a fargli apporre la firma accanto al suo nome nello spazio appositamente riservato nel registro ed un componente il seggio, dopo aver riportato gli estremi del documento di riconoscimento, controfirma; successivamente il Presidente consegna all'elettore le schede. 2. Qualora il nominativo dell'elettore non risulti nel registro dei votanti, la Commissione elettorale, dopo le opportune verifiche, rilascia su richiesta del Presidente del seggio, apposita certificazione, anche a mezzo fonogramma, che abiliti all'integrazione ed alla modifica del registro. 3. La certificazione, dopo la modifica del registro operata dal seggio, è allegata al verbale o comunque ivi citata, riportandone i dati essenziali. 4. L'elettore, dopo aver espresso liberamente nell'apposita cabina il voto di lista e di preferenza con la matita copiativa consegnatagli, chiude la scheda e la restituisce al Presidente che la inserisce nell'apposita urna sigillata. Art Preferenze 1. L'elettore, nel caso siano state presentate liste concorrenti, esprime il proprio voto tracciando un segno sul simbolo corrispondente alla lista prescelta o nel rettangolo che la contiene. 2. L'elettore, oltre a votare per una lista, può anche esprimere il voto di preferenza per i candidati della lista stessa, scrivendo a fianco del simbolo che contraddistingue la lista votata il cognome dei candidati preferiti e, in caso di omonimia, indicando anche il nome. La preferenza può essere indicata anche scrivendo, invece del cognome, il numero con il quale il candidato preferito è contrassegnato nella lista. 3. Il numero massimo dei voti di preferenza è stabilito come di seguito indicato: 7

8 Consigli di facoltà (collegio studenti): tre preferenze Consigli di facoltà (collegio dottorandi): una preferenza Consigli di facoltà (collegio specializzandi): una preferenza Consigli di corso di studio per i quali sia prevista la presentazione di liste concorrenti: due preferenze Consigli di corso di studio per i quali non sia prevista la presentazione di liste concorrenti: una preferenza 4. Sono considerate in eccedenza le preferenze che, nell ordine di indicazione, seguono l unica, o l ultima, consentita. 5. Le preferenze espresse in eccedenza, a favore di candidati appartenenti alla lista votata, sono nulle. 6. La preferenza espressa a favore di un candidato non compreso nella lista votata rende nulli il voto di preferenza ed il voto di lista. 7. Qualora l'elettore non abbia indicato alcuna lista, ma abbia espresso preferenze nello spazio posto a fianco del simbolo che contraddistingue una lista, si intende che abbia votato la lista alla quale appartiene il simbolo medesimo, sempre che tutti i candidati per cui ha espresso la preferenza appartengano alla lista stessa. Art Operazioni di scrutinio 1. Decorsa l'ora prevista per la chiusura delle votazioni, il Presidente verifica se sono presenti nel seggio elettori che debbano ancora votare; in caso positivo li ammette al voto; quindi dichiara chiusa la votazione e, accertato il numero dei votanti mediante conteggio delle firme apposte sul registro, ai fini della concordanza con le schede votate, procede allo scrutinio senza alcun rinvio, curando che siano compilate le apposite tabelle di scrutinio da parte di almeno tre componenti il seggio, salvo quanto disposto all art. 8, comma 5, per i seggi costituiti presso le sedi universitarie decentrate. 2. Di tutte le operazioni del seggio è redatto verbale che deve essere siglato in ciascun foglio e firmato da tutti i componenti del seggio sia nella pagina compilata al termine delle operazioni preliminari sia nella pagina compilata al termine dello scrutinio e di tutte le operazioni. 3. Al termine, il Presidente rimette alla Commissione elettorale tutti gli atti ed i verbali compilati per ogni organo collegiale per cui si è votato nel seggio, confezionando un plico separato per ogni 8

9 organo e da ultimo confezionando un plico contenente il registro dei votanti con le firme degli elettori. Art Operazioni di riepilogo 1. Una volta in possesso dei documenti di cui al precedente articolo, la Commissione elettorale controlla la regolarità delle verbalizzazioni, la correttezza delle graduatorie stilate dai singoli seggi e determina le percentuali dei votanti riferite ad ogni organo. 2. Quindi provvede: Per gli organi per i quali sono state presentate liste concorrenti a) a calcolare il quoziente per l'attribuzione di ogni seggio da assegnare dividendo il totale dei voti validamente espressi per il numero degli eligendi, individuato in relazione alla percentuale dei votanti; b) a dividere il totale dei voti riportati da ogni lista per il quoziente calcolato come sopra esposto; il risultato rappresenta il numero dei seggi da assegnare a ciascuna lista; c) ad attribuire i rimanenti seggi non ancora assegnati alle liste con maggiori resti, in ordine decrescente; in caso di parità di resti, la Commissione procede mediante sorteggio. d) a dichiarare eletti nell'ambito di ogni lista i candidati con maggior numero di voti di preferenza, fino alla copertura dei seggi assegnati alla lista; in caso di parità di voti preferenziali, prevale l'ordine di presentazione nella lista. Per gli organi per i quali non sono state presentante liste concorrenti a) a dichiarare eletti i candidati con maggior numero di preferenze, fino alla copertura del numero degli eligendi individuato in relazione alla percentuale dei votanti; in caso di parità di voti preferenziali, prevale l età anagrafica. 3. Al termine delle operazioni di cui sopra, la Commissione elettorale consegna gli atti al Rettore. Art Proclamazione risultati e nomina eletti 1. Il Rettore controlla ed approva gli atti della commissione elettorale, proclama l'esito delle votazioni e nomina gli eletti con proprio decreto. 9

10 2. Del suddetto provvedimento viene assicurata pubblicità mediante affissione all Albo del Rettorato e dei Centri dei servizi di facoltà. 3. Le rappresentanze studentesche durano in carica fino alla decorrenza della nomina dei rappresentanti eletti nelle successive elezioni. Art Ricorsi 1. Avverso le operazioni elettorali ed il decreto con cui il rettore proclama i risultati e nomina gli eletti, i candidati e gli elettori possono presentare ricorso al Senato accademico, tramite raccomandata con avviso di ricevimento a mezzo posta, nel termine perentorio di 7 giorni dalla data in cui è avvenuta la pubblicazione del citato decreto. Art. 16 Nuove elezioni ed elezioni suppletive 1. Lo svolgimento di nuove elezioni ed elezioni suppletive, le quali devono svolgersi senza liste concorrenti attribuendo quindi l elettorato passivo a tutti gli elettori, è disciplinato dall art. 26 del Regolamento generale di Ateneo. Art. 17 Mantenimento della carica 1. Lo studente che ha conseguito la laurea non decade dalla carica di rappresentante in un organo collegiale nel caso in cui si sia iscritto ad un corso di laurea specialistica i cui iscritti siano ricompresi nello stesso collegio elettorale cui afferisce il corso di studio per il quale era stato eletto. 2. Parimenti lo studente che ha conseguito la laurea non decade dalla carica di rappresentante in un organo collegiale qualora manifesti la volontà di proseguire gli studi in un corso di laurea specialistica i cui iscritti siano ricompresi nello stesso collegio elettorale cui afferisce il corso di studio per il quale era stato eletto; lo studente manifesta tale volontà dichiarandola per iscritto al Rettore o preiscrivendosi. La data della dichiarazione o della preiscrizione deve essere antecedente alla data della riunione dell organo collegiale successiva alla data di laurea. 3. Lo studente di cui al precedente comma che non sia in regola col pagamento delle tasse universitarie alle relative scadenze o che non perfezioni l iscrizione al corso di laurea specialistica 10

11 prescelto alla data di chiusura delle iscrizioni, è dichiarato decaduto d ufficio ed è sostituito con il primo dei non eletti in graduatoria. 4. Non subiscono alcun effetto e sono valide le deliberazioni degli organi collegiali ai quali gli studenti, di cui al comma precedente, abbiano partecipato in qualità di rappresentanti prima di essere dichiarati decaduti dalla carica. Art Norme finali e di rinvio 1. Alle operazioni di voto ed a quelle di scrutinio possono assistere, senza diritto di parola, gli aventi diritto al voto in numero, a giudizio dei Presidenti di seggio, tale da non intralciare, disturbare o ritardare l'operato dei componenti i seggi. 2. Per tutto quanto non previsto dal presente Regolamento si fa rinvio allo Statuto, al Regolamento generale di Ateneo ed alle norme legislative e/o regolamentari in vigore, per le parti ritenute applicabili a giudizio della Commissione elettorale. In caso un rappresentante di lista intenda che sia verbalizzato un proprio intervento, dovrà presentarlo esclusivamente per iscritto. Stesura definitiva che recepisce le osservazioni del Senato del

SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA FACOLTA DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE INFORMATICA E STATISTICA

SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA FACOLTA DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE INFORMATICA E STATISTICA ELEZIONI DEI RAPPRESENTANTI DEGLI STUDENTI NELL ASSEMBLEA DI FACOLTA' Art. 1 Indizione delle elezioni Le elezioni dei rappresentanti degli studenti in Assemblea di Facoltà (AdF) si svolgono ogni tre anni.

Dettagli

Oggetto: Indizione delle elezioni delle rappresentanze degli studenti negli Organi del Dipartimento di Studi per l Economia e l Impresa.

Oggetto: Indizione delle elezioni delle rappresentanze degli studenti negli Organi del Dipartimento di Studi per l Economia e l Impresa. DIPARTIMENTO DI STUDI PER L ECONOMIA E L IMPRESA IL DIRETTORE Via E. Perrone, 18 28100 Novara NO Tel. 0321 375 521- Fax 0321 375 512 direttore.disei@unipmn.it Decreto del Direttore N. 38 Repertorio n.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL SENATO ACCADEMICO (articolo 24 dello Statuto) (Regolamento approvato dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione, rispettivamente,

Dettagli

IL DIRETTORE DI DIPARTIMENTO. - Consiglio di corso di Laurea magistrale in Giurisprudenza (LMG) N. rappresentanti: 1

IL DIRETTORE DI DIPARTIMENTO. - Consiglio di corso di Laurea magistrale in Giurisprudenza (LMG) N. rappresentanti: 1 DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA E SCIENZE POLITICHE, ECONOMICHE E SOCIALI Via Cavour, 84 15121 Alessandria AL Tel. 0131 283761- Fax 0131 283773 www.digspes@unipmn.it Decreto del Direttore Rep. n. 70 Prot.

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO NORME PER L'ELEZIONE DEL CONSIGLIO NAZIONALE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO APPROVATE CON DELIBERA DELL'8

Dettagli

Art. 4 Elettorato passivo Art. 5 Rappresentanze da eleggere Art. 6 - Liste degli elettori Art. 7 Candidature

Art. 4 Elettorato passivo Art. 5 Rappresentanze da eleggere Art. 6 - Liste degli elettori Art. 7 Candidature REGOLAMENTO PER LE ELEZIONI DELLE RAPPRESENTANZE DEGLI STUDENTI NEGLI ORGANI DELL'UNIVERSITA', NEL COMITATO PARI OPPORTUNITA' E NEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL'AZIENDA REGIONALE PER IL DIRITTO ALLO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A Premessa Il presente regolamento è riferito alle elezioni RSU/RLS del Gruppo A2A (perimetro ex-aem) sulla base delle previsioni dell accordo sottoscritto

Dettagli

D.R. n. 15 del 26.01.2015

D.R. n. 15 del 26.01.2015 IL RETTORE Vista la legge 30 dicembre 2010, n. 240 Norme in materia di organizzazione delle Università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l efficienza

Dettagli

ELEZIONE DEI DELEGATI DEI LAVORATORI ASSOCIATI IN SENO AGLI ORGANI DI PREVEDI

ELEZIONE DEI DELEGATI DEI LAVORATORI ASSOCIATI IN SENO AGLI ORGANI DI PREVEDI ELEZIONE DEI DELEGATI DEI LAVORATORI ASSOCIATI IN SENO AGLI ORGANI DI PREVEDI 1) Indizione delle elezioni Almeno 5 mesi prima della scadenza del mandato dei componenti l Assemblea dei delegati, il Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO ELETTORALE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, RICREATIVA E SPORTIVA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO

REGOLAMENTO ELETTORALE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, RICREATIVA E SPORTIVA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO REGOLAMENTO ELETTORALE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, RICREATIVA E SPORTIVA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO Articolo 1 CORPO ELETTORALE 1. Le votazioni per l elezione dei componenti elettivi dell

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO NORME PER L'ELEZIONE DEI CONSIGLI PROVINCIALI E DEI COLLEGI DEI REVISORI DEI CONTI DEGLI ALBI DEI CONSULENTI DEL LAVORO DI CUI ALLA LEGGE 11/01/1979 N. 12.

Dettagli

Le Delegazioni di parte pubblica e di parte sindacale

Le Delegazioni di parte pubblica e di parte sindacale CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO, ALLARGATO ANCHE AI RAPPRESENTANTI SINDACALI DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE sottoscritto in data 6 luglio 1999 MODIFICHE AL REGOLAMENTO CONCERNENTE LE ELEZIONI DEI

Dettagli

BANDO. Elezione del Direttore dell' Accademia di Belle Arti di Bari

BANDO. Elezione del Direttore dell' Accademia di Belle Arti di Bari Prot. n. 1331 Affisso all Albo il 12 giugno 2015 Bari, 12 giugno 2015 BANDO Elezione del Direttore dell' Accademia di Belle Arti di Bari IL DIRETTORE VISTA le legge 21 dicembre 1999, n. 508; VISTO il D.P.R.

Dettagli

FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE

FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE PARTE I Elezione dei delegati in rappresentanza dei lavoratori per la costituzione

Dettagli

VIA BELLE ARTI, 54 40126 BOLOGNA ITALIA TEL. 051 4226411 FAX 253032 C.F. 80080230370

VIA BELLE ARTI, 54 40126 BOLOGNA ITALIA TEL. 051 4226411 FAX 253032 C.F. 80080230370 Prot. n. 14279/A18 Bologna, 01/12/2015 IL DIRETTORE Vista la legge 21/12/1999 n. 508; Visto il D.P.R. 28/02/2003 n. 132 Regolamento recante criteri per l autonomia statutaria, regolamentare ed organizzativa

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE DEI DELEGATI DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO IN SENO ALL'ASSEMBLEA

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE DEI DELEGATI DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO IN SENO ALL'ASSEMBLEA Pagina 1 di 6 Allegato A al Regolamento Associazione CSV Basilicata REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE DEI DELEGATI DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO IN SENO ALL'ASSEMBLEA Art. 1 Campo di applicazione del Regolamento

Dettagli

SI COMUNICA AL CORPO ELETTORALE QUANTO SEGUE:

SI COMUNICA AL CORPO ELETTORALE QUANTO SEGUE: MANIFESTO DELLE ELEZIONI DELLE RAPPRESENTANZE IN SENO AL CONSIGLIO DI DIPARTIMENTO DI MEDICINA TRASLAZIONALE VISTO L ART. 25 COMMA 5 DELLO STATUTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE A.

Dettagli

Regolamento Generale di Ateneo dell Università degli Studi Link Campus University

Regolamento Generale di Ateneo dell Università degli Studi Link Campus University Regolamento Generale di Ateneo dell Università degli Studi Link Campus University Il presente Regolamento contiene le norme attuative delle disposizioni dello Statuto dell Università degli Studi Link Campus

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL DIRETTORE (approvato dal Consiglio di Amministrazione il 15/9/2014) Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente regolamento detta le norme per

Dettagli

di Basilicata 1. (CONVOCAZIONE DEL PROCEDIMENTO ELETTORALE) 2. (ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO)

di Basilicata 1. (CONVOCAZIONE DEL PROCEDIMENTO ELETTORALE) 2. (ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO) REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA DELL UNIONE PROVINCIALE DI POTENZA E DI MATERA, DEI SEGRETARI E DEI COMITATI DIRETTIVI DI CIRCOLO 1 La Direzione Regionale del Partito Democratico

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SENATO DEGLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale 12 dicembre 2013 n. 698) INDICE

REGOLAMENTO DEL SENATO DEGLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale 12 dicembre 2013 n. 698) INDICE REGOLAMENTO DEL SENATO DEGLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale 12 dicembre 2013 n. 698) INDICE TITOLO 1 - NORME ORGANIZZATIVE E PROCEDURALI Articolo 1 (Natura e finalità del regolamento) Articolo

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA. Manuale operativo recante Linee guida per l'elezione del Presidente e del Consiglio provinciale della Provincia di PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA. Manuale operativo recante Linee guida per l'elezione del Presidente e del Consiglio provinciale della Provincia di PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA Manuale operativo recante Linee guida per l'elezione del Presidente e del Consiglio provinciale della Provincia di PIACENZA Elezioni provinciali 12 Ottobre 2014 1 INDICE Art. 1 Finalità

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI COMUNE DI FLORIDIA PROVINCIA DI SIRACUSA Area Affari Generali - Programmazione REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL 23/11/2009

Dettagli

ASSOCIAZIONE ADER CALABRIA ONLUS REGOLAMENTO ELETTORALE

ASSOCIAZIONE ADER CALABRIA ONLUS REGOLAMENTO ELETTORALE ASSOCIAZIONE ADER CALABRIA ONLUS REGOLAMENTO ELETTORALE ===================================== ARTICOLO 1. Campo di applicazione Il presente Regolamento, adottato ai sensi dell art. 19 dello Statuto Sociale,

Dettagli

Parte I. Votazione delle delibere dell Assemblea Paritetica (Art. 15 dello Statuto)

Parte I. Votazione delle delibere dell Assemblea Paritetica (Art. 15 dello Statuto) REGOLAMENTO ELETTORALE PER LE VOTAZIONI DELLE DELIBERE DELL ASSEMBLEA PARITETICA, PER LE ELEZIONI, LA NOMINA E LA REVOCA DEI COMPONENTI L ASSEMBLEA DEI DELEGATI, IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ED IL COLLEGIO

Dettagli

GUIDA PRATICA PER LE OPERAZIONI DI SCRUTINIO NELLA CONSULTAZIONE ELETTORALE PROVINCIALE PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

GUIDA PRATICA PER LE OPERAZIONI DI SCRUTINIO NELLA CONSULTAZIONE ELETTORALE PROVINCIALE PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO GUIDA PRATICA PER LE OPERAZIONI DI SCRUTINIO NELLA CONSULTAZIONE ELETTORALE PROVINCIALE PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Affari e Relazioni istituzionali Servizio

Dettagli

CNHINDUSTRIALNDUSTRIAL

CNHINDUSTRIALNDUSTRIAL ACCORDO DI REGOLAMENTAZIONE AZIONE PER LA ELEZIONE RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA ( RLS ) DI FCA E CNHI CNHINDUSTRIALNDUSTRIAL Le elezioni si terranno in tutti i siti di FCA e CNHI a partire

Dettagli

Titolo I Principi di carattere generale

Titolo I Principi di carattere generale Università degli Studi di Messina REGOLAMENTO PER LE ELEZIONI DEI RAPPRESENTANTI DEGLI STUDENTI IN SENO AGLI ORGANI COLLEGIALI (Ultima modificazione: D.R. n. 1439/2015) ART. 1 Il presente regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE ASSOCIATIVE DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONE TARAS 706 A.C.

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE ASSOCIATIVE DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONE TARAS 706 A.C. REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE ASSOCIATIVE DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONE TARAS 706 A.C. Art. 1 Indizione delle elezioni 1. Il Consiglio Direttivo convoca l Assemblea degli

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE GB DIPARTIMENTO DI SCIENZE E INNOVAZIONE TECNOLOGICA Repertorio numero 238/2015 Protocollo del 19.11.2015 numero 4359 Tit. I cl. 13 DECRETO DEL DIRETTORE Oggetto: Elezioni suppletive per la nomina delle

Dettagli

Alta Formazione Artistica e Musicate ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI LECCE

Alta Formazione Artistica e Musicate ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI LECCE Alta Formazione Artistica e Musicate ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI LECCE Via Libertini, 3-73100 Lecce - Tei. 0832/258611-0832/258636 protocollo@accademiabelleartilecce.com - vvwvy.accademiabejieartilecce.com

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità 1) Il Consiglio comunale dei Giovani di San Polo dei Cavalieri è un organo democratico di rappresentanza

Dettagli

Il PROCEDIMENTO PER LE ELEZIONI DEI PRESIDENTI DI PROVINCIA E DEI CONSIGLI PROVINCIALI in pillole

Il PROCEDIMENTO PER LE ELEZIONI DEI PRESIDENTI DI PROVINCIA E DEI CONSIGLI PROVINCIALI in pillole Il PROCEDIMENTO PER LE ELEZIONI DEI PRESIDENTI DI PROVINCIA E DEI CONSIGLI PROVINCIALI in pillole - L. 56/2014 (cd legge Delrio) e s.m.i - Circolare n. 32/2014 e Circolare 35/2014 del Ministero dell Interno

Dettagli

~1--~ IL PRO RETIORE Prof. Adolfo SANTINI. Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria. Decreto Rettorale n. ~ G.

~1--~ IL PRO RETIORE Prof. Adolfo SANTINI. Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria. Decreto Rettorale n. ~ G. Decreto Rettorale n. G Il Rettore Visto lo Statuto dell', emanato con Decreto Rettorale n. 92 del 29 marzo 2012, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 87 del 13 aprile 2012, serie generale; Vista la Legge

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Città di Somma Lombardo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 63 del 15 ottobre 2007 ) P.zza Vittorio

Dettagli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; gli articoli 4, 5, 6, 7 dello Statuto regionale del PD dell Umbria; l articolo 12 del Regolamento per l elezione del Segretario e dell

Dettagli

Decreto Rep. 6138/2015. Prot. n. 145717 del 02.11.2015 pos. V/5.3

Decreto Rep. 6138/2015. Prot. n. 145717 del 02.11.2015 pos. V/5.3 Il Presidente Decreto Rep. 6138/2015 Prot. n. 145717 del 02.11.2015 pos. V/5.3 Bando di concorso per la formazione di graduatorie relative al reclutamento di un tutor junior matematico a favore degli studenti

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como Prot. n. 5585/C16 Anno scolastico 2015-2016 Como, li 26.09.2015 Comunicazione n. 39 Alle Studentesse, agli Studenti e alle loro Famiglie Ai Docenti Ai Docenti collaboratori del dirigente scolastico Al

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato Art.1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine

COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI PASIAN DI PRATO (Approvato con delibera C.C. n. 90 del 29.11.2003, modificato con

Dettagli

REGOLAMENTO ELETTORALE

REGOLAMENTO ELETTORALE FONDO PENSIONE AGRIFONDO Fondo Pensione Complementare a capitalizzazione per gli Operai agricoli e florovivaisti e per i Quadri e gli Impiegati agricoli Iscritto al n. 157 dell Albo Fondi Pensione I Sezione

Dettagli

Congresso - Il Regolamento per la partecipazione al voto degli italiani all estero

Congresso - Il Regolamento per la partecipazione al voto degli italiani all estero Congresso - Il Regolamento per la partecipazione al voto degli italiani all estero Delibera n. La Commissione nazionale, riunita il giorno 08 ottobre 2013, - visto l art.10 dello Statuto nazionale; - in

Dettagli

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ).

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). Art. 1 Il Consiglio regionale per la Sardegna è eletto a suffragio universale con voto diretto,

Dettagli

DECRETO RETTORALE N.213/2015 IL RETTORE

DECRETO RETTORALE N.213/2015 IL RETTORE DECRETO RETTORALE N.213/2015 IL RETTORE Visto lo Statuto dell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo, emanato con Decreto Rettorale n. 138/2012 del 2 aprile 2012, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale

Dettagli

ELEZIONI PER IL RINNOVO DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO

ELEZIONI PER IL RINNOVO DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO ELEZIONI PER IL RINNOVO DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO Alcuni rapidi suggerimenti per affrontare le elezioni e gli adempimenti burocratici. - Il presidente del C.d.I. (o i genitori uscenti) o il Comitato Genitori

Dettagli

Elezioni dei rappresentanti degli studenti

Elezioni dei rappresentanti degli studenti I cookie di questo sito servono al suo corretto funzionamento e non raccolgono alcuna tua informazione personale. Se navighi su di esso accetti la loro presenza.oknote legali e privacy Elezioni dei rappresentanti

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento di attività

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB SIENA

AUTOMOBILE CLUB SIENA AUTOMOBILE CLUB SIENA REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULL ASSEMBLEA, LA PRESENTAZIONE E LA PUBBLICAZIONE DELLE LISTE ELETTORALI E LO SVOLGIMENTO DEL REFERENDUM AUTOMOBILE CLUB SIENA Regolamento deliberato

Dettagli

REGOLAMENTO PER I CONGRESSI DI CIRCOLO, PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI SEGRETARI PROVINCIALI, DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA NAZIONALE

REGOLAMENTO PER I CONGRESSI DI CIRCOLO, PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI SEGRETARI PROVINCIALI, DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA NAZIONALE REGOLAMENTO PER I CONGRESSI DI CIRCOLO, PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI SEGRETARI PROVINCIALI, DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA NAZIONALE (Approvato dalla Direzione del 7 Ottobre 2013) PREMESSA Il

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLA COMPONENTE ELETTIVA DEI COMITATI DEI DIPARTIMENTI AZIENDALI

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLA COMPONENTE ELETTIVA DEI COMITATI DEI DIPARTIMENTI AZIENDALI DATA emissione Redatto Verificato Approvato Controllato Dott. Salvatore Iannucci UOSD Gestione Processi Amm.vi Aziendali Direttore dipartimento Amministrativo Dott. Dino Ravaglia Direttore UOC Innovazione

Dettagli

(approvato dal Senato Accademico in data 29.1.2013 e 26.2.2013)

(approvato dal Senato Accademico in data 29.1.2013 e 26.2.2013) REGOLAMENTO PER L INDIVIDUAZIONE DI UNA ROSA DI CANDIDATI TRA I QUALI PROCEDERE ALLA DESIGNAZIONE DEI RAPPRESENTANTI DELLA COMPONENTE TECNICO AMMINISTRATIVA E BIBLIOTECARIA IN CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

Per essere protagonisti del nostro FUTURO!!! VOTA E FAI VOTARE LA LISTA. CONFSAL-SALFi

Per essere protagonisti del nostro FUTURO!!! VOTA E FAI VOTARE LA LISTA. CONFSAL-SALFi Per essere protagonisti del nostro FUTURO!!! VOTA E FAI VOTARE LA LISTA CONFSAL-SALFi RSU: Un po di teoria.. RSU è l acronimo di Rappresentanza Sindacale Unitaria. È un organismo sindacale che esiste in

Dettagli

BANDO PER ATTIVITA TUTORIALI AI SENSI DEL D.M. 198/2003 a.a. 2014/2015

BANDO PER ATTIVITA TUTORIALI AI SENSI DEL D.M. 198/2003 a.a. 2014/2015 Prot. n. 685/14 DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE - Visto il comma 6 dell art. 7 del DL 165/01; - Visto il DL 9.5.2003 n. 105, convertito in Legge n. 170 dell 11.7.2003; - Visto l art. 2 del DM 23.10.2003

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE E DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DI ANCI LOMBARDIA

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE E DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DI ANCI LOMBARDIA REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE E DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DI ANCI LOMBARDIA (approvato in data 4 luglio 2014 dal Consiglio Direttivo Regionale) Art. 1 Organo elettivo 1) Spetta all Assemblea

Dettagli

CONSULTAZIONI ELETTORALI PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA E DEI CONSIGLIERI REGIONALI DEL 23 NOVEMBRE 2014

CONSULTAZIONI ELETTORALI PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA E DEI CONSIGLIERI REGIONALI DEL 23 NOVEMBRE 2014 CONSULTAZIONI ELETTORALI PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA E DEI CONSIGLIERI REGIONALI DEL 23 NOVEMBRE 2014 ISTRUZIONI INTEGRATIVE REGIONALI PER GLI UFFICI ELETTORALI DI SEZIONE INDICE 1) pagine

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como Prot. n. 5585/C16 Anno scolastico 2015-2016 Como, li 26.09.2015 Comunicazione n. 39 Alle Studentesse, agli Studenti e alle loro Famiglie Ai Docenti Ai Docenti collaboratori del dirigente scolastico Al

Dettagli

Federazione Ginnastica d'italia. Prot. 12332/AG/lc del 28/09/2004

Federazione Ginnastica d'italia. Prot. 12332/AG/lc del 28/09/2004 Prot. 12332/AG/lc del 28/09/2004 Agli Atleti maggiorenni tesserati Ai Tecnici tesserati e, p.c. Ai Comitati e Delegati Regionali Al Consiglio Direttivo Federale Oggetto: Convocazione elezioni in data 30

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 6 maggio 2015, n. 52. Disposizioni in materia di elezione della Camera dei deputati. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE

Dettagli

U.D.A.I. REGOLAMENTO ELETTORALE DELLA UNIONE DEGLI AVVOCATI D ITALIA SEZIONE DISTRETTUALE DI BARI

U.D.A.I. REGOLAMENTO ELETTORALE DELLA UNIONE DEGLI AVVOCATI D ITALIA SEZIONE DISTRETTUALE DI BARI REGOLAMENTO ELETTORALE DELLA SEZIONE DISTRETTUALE DI BARI Art. 1- Indizione delle elezioni. Il Presidente dell Associazione, su delibera del consiglio direttivo distrettuale, indice le elezioni per il

Dettagli

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n 17 del 30 marzo 2007 NORME

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DEI REFERENDUM CONSULTIVI

REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DEI REFERENDUM CONSULTIVI Comune di Rosate (Provincia di Milano) REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DEI REFERENDUM CONSULTIVI Testo approvato con deliberazione C.C. n. 6 del 2 marzo 1995 Modificato con deliberazione C.C. n. 12 del 31.03.07

Dettagli

Segreteria studenti 695 Facoltà di Architettura IL RETTORE DECRETA

Segreteria studenti 695 Facoltà di Architettura IL RETTORE DECRETA Segreteria studenti 695 Facoltà di Architettura Vista Viste IL RETTORE Il D.M. n. 270/2004 ed in particolare l art.3 comma 9 che, in attuazione dell art.1 comma 15 della legge n. 4 del 14.01.1999, dispone

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE MOBILITÀ STUDENTI PER IL CANADA A.A. 2008/2009

AVVISO DI SELEZIONE MOBILITÀ STUDENTI PER IL CANADA A.A. 2008/2009 AVVISO DI SELEZIONE MOBILITÀ STUDENTI PER IL CANADA A.A. 2008/2009 1 Oggetto È indetta una selezione per l assegnazione di posti di mobilità per studenti, laureandi, laureati, specializzandi e dottorandi

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA MODALITÀ DI COSTITUZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE

INDICE PARTE PRIMA MODALITÀ DI COSTITUZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE ACCORDO COLLETTIVO QUADRO PER LA COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE PER IL PERSONALE DEI COMPARTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E PER LA DEFINIZIONE DEL RELATIVO REGOLAMENTO ELETTORALE

Dettagli

Promulga la seguente legge approvata dall'assemblea Costituente: Art. 1.

Promulga la seguente legge approvata dall'assemblea Costituente: Art. 1. LEGGE 6 febbraio 1948, n. 29 Norme per la elezione del Senato della Repubblica. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge approvata dall'assemblea Costituente:

Dettagli

POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze D.D. n. 221..

POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze D.D. n. 221.. POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze D.D. n. 221.. IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO VISTA la Legge 9.05.1989, n. 168, istitutiva del Ministero dell Università e della ricerca

Dettagli

AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI

AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI Aprile 2006 Premessa L Assemblea Regionale delegata è attualmente disciplinata dall art.39 dello Statuto AGESCI e a livello regionale

Dettagli

Regolamento Generale di Ateneo

Regolamento Generale di Ateneo Titolo I - Elezioni Regolamento Generale di Ateneo Capo I - Norme comuni Art. 1 - Ambito di applicazione Art. 2 - Regolamenti elettorali Art. 3 - Commissione elettorale Art. 4 - Seggi elettorali Indice

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI PREMESSA 1. La Regione Lazio, in attuazione dei principi statutari e al fine della concreta applicazione della Carta europea riveduta di partecipazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05 Emanato con D.R. n. 301 del 16/4/2009, modificato con D.R. 57 del 3/02/2010 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

Dettagli

Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari

Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari Art. 1 Istituzione 1. Il Comune di Bari istituisce la Consulta comunale degli Studenti Universitari della Città di Bari,

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE EDILE E AMBIENTALE SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA BANDO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI N

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE EDILE E AMBIENTALE SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA BANDO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI N DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE EDILE E AMBIENTALE SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA BANDO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI N. 3 BORSE DI STUDIO PER STUDENTI DEL MASTER DEGREE IN TRANSPORT SYSTEMS ENGINEERING

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE UFFICIO III - ATTIVITA CONCORSUALI N. 333-B/12S.4.11 DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA IL CAPO DELLA POLIZIA DIRETTORE GENERALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA VISTA

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Provincia di Varese) STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 in data 16 aprile 2012 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47

Dettagli

la Direzione Regionale del PD Puglia riunita a Bari il 4 OTTOBRE 2013, ai sensi dell articolo 4,5,7,8 dello Statuto regionale, approva il seguente

la Direzione Regionale del PD Puglia riunita a Bari il 4 OTTOBRE 2013, ai sensi dell articolo 4,5,7,8 dello Statuto regionale, approva il seguente Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; l articolo 4, 5, 7, 8 dello Statuto regionale del PD Puglia; il regolamento Elettorale dei circoli, delle Unioni cittadine e provinciali.

Dettagli

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 23.01.2015 Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

Avviso pubblico per l ammissione in soprannumero al corso triennale di formazione specifica in medicina generale 2015/2018. Art.

Avviso pubblico per l ammissione in soprannumero al corso triennale di formazione specifica in medicina generale 2015/2018. Art. All. 1 determinazione n. 712 del 09.07.2015 Avviso pubblico per l ammissione in soprannumero al corso triennale di formazione specifica in medicina generale 2015/2018 Art. 1 Contingente 1. E indetto avviso

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RINNOVO DELLE CARICHE APAM

REGOLAMENTO PER IL RINNOVO DELLE CARICHE APAM REGOLAMENTO PER IL RINNOVO DELLE CARICHE APAM 1. Premesse 1.1 Il presente documento, regolamento interno di A.P.A.M., ha la finalità di coordinare le operazioni preparatorie ed elettorali relative alle

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Circ. n. 27 Prot. n. 2939/A4 Lucera, 01 ottobre 2015 All ALBO AL SITO WEB Oggetto: Elezioni Scolastiche : Rappresentanti GENITORI e STUDENTI nei consigli di classe A.S. 2015-2016; Rappresentanti degli

Dettagli

Università di Pisa DOTTORATO IN LETTERATURE STRANIERE MODERNE (INGLESE, FRANCESE, SPAGNOLO, TEDESCO) REGOLAMENTO

Università di Pisa DOTTORATO IN LETTERATURE STRANIERE MODERNE (INGLESE, FRANCESE, SPAGNOLO, TEDESCO) REGOLAMENTO Università di Pisa DOTTORATO IN LETTERATURE STRANIERE MODERNE (INGLESE, FRANCESE, SPAGNOLO, TEDESCO) REGOLAMENTO Art. 1 Istituzione del Corso di Dottorato di Ricerca Il corso di Dottorato di Ricerca in

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE

PROVINCIA DI CROTONE PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI ESAMI DI IDONEITA PER DIRETTORE TECNICO DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (approvato con delibera consiliare N nella seduta del, ) La Provincia di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Facoltà di ARCHITETTURA

Facoltà di ARCHITETTURA Decreto n. 26/ 2012 Prot. n. 612 pos. III/5 del 03/05/2012 Facoltà di ARCHITETTURA IL PRESIDE VISTA la legge 30 dicembre 2010, n. 240, ed in particolare l articolo 23 Contratti per attività d insegnamento

Dettagli

Oggetto: Regolamento interno delle procedure di trasferimento e di mobilita interna dei professori e ricercatori - modifica.

Oggetto: Regolamento interno delle procedure di trasferimento e di mobilita interna dei professori e ricercatori - modifica. DECRETO N. 1099 /Prot. N. 22837/I-3 Div. Affari Istituzionali Sez. Pers. Doc. Oggetto: Regolamento interno delle procedure di trasferimento e di mobilita interna dei professori e ricercatori - modifica.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT INDICE Titolo I - Premessa... 2 Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Ambito di applicazione... 2 Art. 3 Definizioni... 2 Titolo II Organi del dipartimento e

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISO 9001/UNI EN ISO 9001 Ed. 2008 cert. N IT 03/ 0419 Prot. n. 6948/A19 del 24 settembre 2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

Dettagli

BREVE GUIDA ALLE ELEZIONI DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO a cura dei Cobas Scuola

BREVE GUIDA ALLE ELEZIONI DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO a cura dei Cobas Scuola BREVE GUIDA ALLE ELEZIONI DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO a cura dei Cobas Scuola Il corretto funzionamento degli Organi Collegiali, nonostante limiti e difetti, è oggi un importante presupposto per una partecipazione

Dettagli

Università degli Studi di Messina

Università degli Studi di Messina Università degli Studi di Messina Regolamento Generale della Facoltà di Scienze Politiche art. 1 (Facoltà di Scienze Politiche). Alla Facoltà di Scienze Politiche di Messina afferiscono i corsi di laurea

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE E DELLA FORMAZIONE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE E DELLA FORMAZIONE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE E DELLA FORMAZIONE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Ambito di operatività del Regolamento 1. Il presente

Dettagli

Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti

Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti REGOLAMENTO Scuola Superiore di Economia e Management Scuola di dottorato di ricerca interateneo

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE ISIA di FIRENZE INDUSTRIAL DESIGN

ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE ISIA di FIRENZE INDUSTRIAL DESIGN MINISTERO DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE E SPECIALIZZAZIONE ARTISTICA MUSICALE E COREUTICA ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE ISIA di FIRENZE INDUSTRIAL DESIGN Via degli Alfani,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO (Emanato con decreto rettorale n. 759 del 21 ottobre 2005 Modificato con decreto rettorale n. 31 del

Dettagli

StudentIngegneria STATUTO

StudentIngegneria STATUTO 1 StudentIngegneria STATUTO Articolo 1. COSTITUZIONE 1. E costituita presso l Università degli Studi di Salerno l Associazione denominata: StudentIngegneria Articolo 2. DENOMINAZIONE SEDE E LOGO 1. Il

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE Istituzione e insediamento Art. 1 Istituzione La Consulta per le politiche giovanili è istituita dal Comune di Floridia con deliberazione

Dettagli

REFERENDUM PER L'ELEZIONE DEI RAPPRESENTANTI DEGLI ISCRITTI NELL'ASSEMBLEA DEI DELEGATI REGOLAMENTO ELETTORALE

REFERENDUM PER L'ELEZIONE DEI RAPPRESENTANTI DEGLI ISCRITTI NELL'ASSEMBLEA DEI DELEGATI REGOLAMENTO ELETTORALE Via Borgognona, 47 00187 - ROMA Int. 7 Piano 2 - (zona centro) REFERENDUM PER L'ELEZIONE DEI RAPPRESENTANTI DEGLI ISCRITTI NELL'ASSEMBLEA DEI DELEGATI Art. 1 INDIZIONE DELLE ELEZIONI REGOLAMENTO ELETTORALE

Dettagli

Gilda degli Insegnanti di Bologna

Gilda degli Insegnanti di Bologna Piccolo manuale sui compiti della Commissione elettorale a cura di Enzo Gallo membro del comitato dei garanti per la Federazione Gilda Unams DESIGNAZIONE: compete esclusivamente alle organizzazioni sindacali

Dettagli

Regolamento gruppo giovani

Regolamento gruppo giovani Regolamento gruppo giovani Art.1 Costituzione E costituito presso l Associazione Costruttori Salernitani, con sede presso la stessa, il Gruppo Giovani Imprenditori Edili della Provincia di Salerno. Art.2

Dettagli

REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE

REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE - Approvato dal Consiglio Direttivo dell ANCE il 28 aprile 1992 - Modificato dal Consiglio Direttivo dell ANCE il 29 aprile 1993 - Modificato dal Comitato

Dettagli