LA FORMAZIONE NELLE SCUOLE PROFESSIONALI TEDESCHE ANNO SCOLASTICO 2012/13

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA FORMAZIONE NELLE SCUOLE PROFESSIONALI TEDESCHE ANNO SCOLASTICO 2012/13"

Transcript

1 Anno 2014 Nr. 09 LA FORMAZIONE NELLE SCUOLE PROFESSIONALI TEDESCHE ANNO SCOLASTICO 2012/13 Il presente numero della collana Berufsbildung in Zahlen fornisce un quadro del numero di giovani ed adulti che frequentano le offerte formative delle scuole professionali, della formazione di apprendistato, della formazione professionale e dei corsi di maestro/a professionale.

2 Allievi/e e apprendisti/e Tabella 1 Allievi/e a tempo pieno e apprendisti/e Anni scolastici 2008/ /13 Tra gli anni scolastici 2003/04 e 2012/13 presso le scuole professionali provinciali tedesche e ladine, si è riscontrata una crescita complessiva della popolazione scolastica, pari al 7,8%. Nel suddetto periodo particolarmente forte è stata la crescita nell ambito della formazione a tempo pieno, pari al 63,7%, mentre gli apprendisti/e hanno fatto registrare una flessione del 29,4%. La legge provinciale n. 12 del 4 luglio 2012, Ordinamento dell apprendistato, regola ed adegua alle nuove disposizioni statali la formazione degli apprendisti in Provincia di Bolzano. La nuova legge provinciale prevede tre tipi di apprendistato: l apprendistato per la qualifica professionale ed il diploma professionale, l apprendistato professionalizzante e l apprendistato di alta formazione e ricerca. Le cifre riportate qui di seguito riguardano l apprendistato per la qualifica e il diploma professionale. Si tratta del apprendistato tradizionale che prevede la formazione duale nella scuola professionale e sul posto di lavoro. Questa forma esiste già dal 1955 in Provincia di Bolzano. Possono essere assunti con contratto di apprendistato giovani che al momento dell assunzione abbiano compiuto il 15 e non ancora superato il 24 anno di età. I minorenni devono inoltre essere in possesso della licenza media. I dati riguardanti l apprendistato professionalizzante e l apprendistato di alta formazione e ricerca vengono presentati nella rispettiva sezione a pagina 10. 2

3 Le sedi con il maggiore numero di allievi/e sono Bolzano e Merano, in cui vi sono rispettivamente il 29,1% ed il 25,6% del totale degli/delle allievi/e frequentanti le scuole professionali. Tabella 2 Allievi/e e apprendisti/e per scuola Anno scolastico 2012/13 La tabella 2 mostra la distribuzione degli/delle allievi/e e degli/delle apprendisti/e nelle singole scuole. Il Centro di formazione professionale di Brunico, con allievi/e a tempo pieno e 452 apprendisti/e è risultata essere la scuola più frequentata nell anno scolastico 2012/13. A questa segue Scuola professionale per l artigianato e l industria di Bolzano con 476 allievi/e a tempo pieno e 478 apprendisti/e. 3

4 Nell anno 2012/13, il 58,9% degli allievi/e e apprendisti/e presso le scuole professionali tedesche è di sesso maschile ed il 41,1% di sesso femminile. Il 64,8% dei giovani che hanno frequentato una scuola professionale nell anno scolastico 2012/13, doveva ancora assolvere l obbligo scolastico (età compresa tra i 14 ed i 17 anni). Il 1,4% delle partecipanti femmine con un età superiore ai 29 anni è iscritto ai corsi di formazione in servizio nel settore sociale. 4

5 La formazione a tempo pieno Il percorso formativo a tempo pieno inizia con la frequenza di un corso di formazione di base, (primo anno di corso di qualifica professionale). Innanzitutto i giovani apprendono le basi di due settori professionali affini. Queste conoscenze professionali di base verranno poi man mano approfondite a seconda del corso di qualifica professionale scelto. Oltre alle lezioni di teoria e di pratica nei laboratori, la scuola professionale offre un praticantato in azienda con la possibilità di ottenere una visione della quotidianità lavorativa. Dopo complessivi tre anni, il/la giovane conclude questa formazione con una prima qualifica professionale in un ambito lavorativo (attestato di abilitazione professionale), ovvero dopo quattro anni con un diploma professionale. Tabella 3 Corsi di qualifica professionale Anno scolastico 2012/13 Nell anno scolastico 2012/13, allievi/e a tempo pieno hanno frequentato un corso di qualifica professionale in lingua tedesca. Negli ultimi cinque anni il numero di allievi/e è aumentato complessivamente del 26,7% ed in confronto all anno scolastico precedente si è registrato un incremento del 4,4% (Tabella 3). 5

6 A livello provinciale il 40,1% degli/delle allievi/e a tempo pieno ha frequentato un corso di formazione nel settore Alberghiero e gastronomico, il 45,5% sceglie una formazione a tempo pieno nel settore Artigianato, industria e tecnica, il 6,4% nel settore Amministrazione, commercio e servizi, il 7,7% nel settore Sociale e salute e lo 0,5% in quello dell Artigianato artistico (Grafico 4). Tabella 4 Scuole alberghiere Anno scolastico 2012/13 Su un totale di allievi/e nel settore Alberghiero e gastronomico nell anno scolastico 2012/13 il 77,7% ha frequentato la scuola alberghiera di durata quinquennale la quale termina con un esame finale di Stato. Il 1 e 2 anno della scuola alberghiera si svolgono a Merano presso la Scuola professionale provinciale alberghiera Savoy, a Bressanone presso la Scuola professionale provinciale E. Hellenstainer e dall anno scolastico 2009/2010 a Bolzano presso la Scuola professionale provinciale J.Gutenberg. La scuola professionale provinciale Kaiserhof forma gli/le allievi/e dalla 3 classe, nel Centro di formazione professionale di Brunico sono previste tutte e cinque le classi. In confronto all anno precedente, nell anno scolastico 2012/13 il numero di allievi frequentanti le scuole alberghiere in lingua tedesca è aumentato del 7,7%. 6

7 I corsi di formazione nelle professioni sociali Nel settore sociale vengono offerti sia corsi di formazione di base a tempo pieno sia corsi di formazione in servizio per adulti. Tabella 5 Corsi di formazione a tempo pieno Anno scolastico 2012/13 Tabella 6 Corsi di formazione in servizio Anno scolastico 2012/13 7

8 La formazione scolastica degli apprendisti La Provincia di Bolzano ha definito 108 professioni oggetto di apprendistato. Attualmente gli apprendisti di regola frequentano la scuola professionale per tre anni, indipendentemente dalla durata effettiva del periodo di apprendistato. La formazione presso le scuole professionali si svolge settimanalmente oppure in un blocco di lezioni. L apprendista, in seguito alla positiva conclusione della scuola professionale ed al termine dell apprendistato, può accedere all esame di fine apprendistato. Tabella 7 Apprendisti/e nelle scuole professionali tedesche Anno scolastico 2012/13 *) Apprendistato professionalizzante con ordinamento formativo 8

9 Per quanto riguarda il numero degli apprendisti in formazione scolastica, come si evince dal grafico 6, il settore più rappresentativo è quello dell Artigianato, industria e tecnica (56,1%). Seguono il settore Amministrazione, commercio e servizi (26,2%) il settore Alberghiero gastronomico (17,2%) il settore Sociale e salute (0,5%). Le professioni rare: la frequenza della scuola professionale all estero Per alcune professioni non ci sono in Provincia di Bolzano abbastanza apprendisti/e per formare una classe. Gli altoatesini di madrelingua tedesca, che fanno l apprendistato nell ambito di una di queste professioni, frequentano la scuola professionale in Austria o in Germania. Questo regolamento attualmente è in vigore per 51 delle 108 professioni oggetto di apprendistato; si parla quindi di professioni rare. Se in un anno si verifica la condizione per la quale vi sono un numero eccessivo di apprendisti/e relativamente ad una professione, può succedere che la capienza delle scuole professionali della Provincia di Bolzano risulti esaurita. Anche in questo caso singoli apprendisti frequentano la scuola professionale all estero. Tra il 2009 e il apprendisti/e hanno frequentato in media ogni anno la scuola professionale all estero. Nel 2013 erano 197 giovani; 25 di questi hanno frequentato delle scuole professionali in Germania, 172 hanno frequentato scuole professionali in Austria. Le professioni rare con il maggior numero di apprendisti/e nel 2013 sono state quelle dei pavimentisti e degli esperti caseari, con ciascuno 21 apprendisti/e. Seguono i tecnici per macchine agricole (20 apprendisti/e) e gli spazzacamini (15 apprendisti/e), come da Tabella 8. Tabella 8 Apprendisti/e nella Top-10 delle professioni rare per sede scolastica Dal 2009 al 2013 * Professione introdotta nel

10 L apprendistato professionalizzante e l apprendistato di alta formazione e ricerca Scopo dell apprendistato professionalizzante è facilitare il primo accesso al mondo del lavoro dei giovani di età compresa tra i 18 ed i 29 anni, indipendentemente della loro qualificazione conseguita in precedenza, ed il riconoscimento delle competenze acquisite per la qualifica professionale a fini contrattuali. La formazione si svolge sul posto di lavoro e tramite corsi, seminari ed e-learning. I contenuti della formazione non sono prestabiliti, ma possono essere scelti dal datore di lavoro a seconda delle esigenze lavorative specifiche. Dall entrata in vigore dell ordinamento dell apprendistato nel luglio 2012 fino alla fine del 2013 in Provincia di Bolzano sono state comunicate assunzioni di lavoratori con contratto d apprendistato professionalizzante. Entro il 31 dicembre 2013 per 820 di questi è già stata comunicata la cessazione o la trasformazione del relativo rapporto di lavoro. L unico contenuto formativo prescritto per apprendisti dell apprendistato professionalizzante è un corso obbligatorio di 16 ore sugli argomenti diritto del lavoro, sicurezza sul lavoro e comunicazione, che deve essere frequentato da tutti gli apprendisti con contratto professionalizzante nel corso del primo anno d apprendistato. Il corso viene organizzato dalle scuole professionali provinciali. 310 persone hanno preso parte a questo corso entro il 31 dicembre 2013 (Tabella 9). Tabella 9 Partecipanti al corso obbligatorio di 16 ore per apprendisti/e dell apprendistato professionalizzante per scuola professionale Anno 2013 L apprendistato professionalizzante con ordinamento formativo Per cinque professioni dell apprendistato professionalizzante la Provincia di Bolzano su richiesta delle parti sociali offre la possibilità di una formazione secondo il modello dell apprendistato duale (formazione in azienda e frequenza della scuola professionale con successivo esame di fine apprendistato). Nell anno scolastico 2012/13, 136 persone hanno assolto l apprendistato professionalizzante con ordinamento formativo. Un modello di particolare successo è la formazione per operatore bancario/operatrice bancaria: negli cinque anni passati in media 94 apprendisti hanno frequentato i rispettivi corsi presso la scuola professionale Gutenberg di Bolzano. Tabella 10 Apprendisti/e dell apprendistato professionalizzante con ordinamento formativo per sede scolastica Anni scolastici 2008/ /13 L apprendistato di alta formazione e ricerca L apprendistato di alta formazione e ricerca offre ai giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni la possibilità di concludere p.es. una scuola superiore di II livello oppure l università. La Libera Università di Bolzano offre nell ambito del progetto studenti in attività nei corsi di laurea di primo livello in Ingegneria Logistica e della Produzione ed Informatica Applicata la possibilità di unire lavoro e studio. Nel 2013, 10 studenti hanno approfittato di questa possibilità, 2 di questi frequentano il corso di laurea Informatica Applicata. 10

11 Formazione ed esami dei/delle maestri/e professionali Tra i lavori pratici nell ambito dell artigianato, nel settore alberghiero e del commercio, il maestro professionale è il livello di qualifica più alto. L Ufficio apprendistato e maestro artigiano, in collaborazione con le scuole professionali provinciali, offre corsi di preparazione ed esami di maestro professionale. Le persone che vogliono sostenere l esame di maestro/maestra professionale, devono innanzitutto richiedere l ammissione. Ai fini dell ammissione la qualifica scolastica e l esperienza lavorativa sono decisive. L esame di maestro/maestra professionale nell artigianato e settore alberghiero consiste di quattro parti: gestione aziendale, pedagogia della professione, teoria professionale e pratica professionale. L ammissione alla parte d esame gestione aziendale necessità di minore esperienza lavorativa rispetto alle tre restanti parti d esame. L esame di maestro/maestra professionale del commercio è composto di un unica parte. Nel 2013, 136 persone hanno presentato le domande d ammissione all esame di maestro/maestra professionale. Sono 28 domande d ammissione in più rispetto al 2012 ma 35 in meno in confronto al Queste variazioni sono attribuibili alle offerte di corsi ed esami che variano da anno in anno. In media nei cinque anni passati 141 persone hanno presentato la domanda d ammissione. All incirca un sesto di questi non aveva ancora maturato una sufficiente esperienza lavorativa per essere ammesso a tutte e quattro le parti dell esame (Grafico 7). La parte d esame relativa alla gestione aziendale è uguale per tutte le professioni dell artigianato, mentre la parte d esame relativa alla pedagogia professionale è la stessa per le professioni dell artigianato e dell settore alberghiero. I rispettivi corsi di preparazione e gli esami per entrambe due le parti d esame, sono pertanto offerti più volte all anno in diverse località della Provincia di Bolzano. Il corso di preparazione gestione aziendale nell artigianato ha una durata di 280 ore, il corso gestione aziendale nel settore alberghiero di 300 ore, e la pedagogia professionale di 40 ore. La parte di teoria professionale e di pratica professionale fanno riferimento alla professione e vengono offerte a seconda del numero di richieste ed a distanza di più anni. Nel 2013, 437 persone hanno preso parte ai complessivi 33 corsi e relativi esami di maestro/maestra professionale. 85 persone hanno frequentato i corsi di preparazione per la parte d esame pedagogia professionale, 131 persone i corsi di preparazione per la parte d esame gestione aziendale nell artigianato e 16 i corsi di preparazione per la gestione aziendale nel settore alberghiero (Tabella 11). Complessivamente nell anno 2013, alla fine della preparazione alle parti d esame gestione aziendale e pedagogia professionale, sono stati offerti corsi con un volume di ore. Inoltre nel 2013 si sono tenuti 16 corsi per la preparazione alle parti teoria professionale e pratica professionale dell esame di maestro/maestra professionale (Tabella 11). Molti di questi corsi hanno una durata pluriennale. Il corso per le parti d esame teoria professionale e pratica professionale per elettrotecnico/elettrotecnica ad esempio ha avuto inizio nel settembre 2012 e terminerà nell estate Il corso comprende ore di lezione. 11

12 Tabella 11 Corsi di maestro/a professionale e numero di partecipanti Anno 2013 Esami di maestro/maestra professionale superati Nel 2013, 105 persone hanno concluso l esame di maestro/maestra professionale, di cui 39 donne. Dal 2009 al 2013, 488 maestre e maestri professionali di 50 diverse professioni, hanno concluso l esame; ciò significa in media 95,8 nuovi maestri/maestre per anno. (Grafico 8). 12

13 La maggior parte dei maestri/delle maestre professionali del 2013, provenivano da una delle 25 professioni dell artigianato. 21 dei nuovi maestri/delle nuove maestre professionali appartenevano al settore alberghiero e al commercio, in concreto hanno concluso l esame 8 maestri cuoco/maestre cuoca e 12 maestri del commercio/maestre del commercio. La professione per la quale la maggior parte delle persone, nei cinque anni dal 2009 al 2013, ha concluso l esame di maestro/maestra professionale è il meccanico d auto/la meccanica d auto, seguito dal falegname e dal maestro di cucina/dalla maestra di cucina (Tabella 12). Tabella 12 La Top-10 delle professioni con esami superati di maestro/a professionale Dal 2009 al 2013 Le persone che hanno concluso l esame di maestro/maestra professionale nel 2013 avevano impiegato, dopo l ammissione all esame, mediamente 3 anni e 10 mesi per arrivare al superamento dell esame con tutte le sue parti. Negli anni i maestri/le maestre, alla conclusione dell esame di maestro/maestra professionale, avevano in media 31 anni. Circa due terzi dei maestri/delle maestre professionali diplomatisi in questo periodo avevano tra i 26 ed i 35 anni (Tabella 13). Tabella 13 Maestri/e professionali per classi di età Dal 2009 al

14 Formazione professionale continua In accordo con le diverse associazioni di categoria ed i partner sociali presenti sul territorio provinciale, ogni anno Il servizio di formazione continua, assieme alle dieci scuole professionali provinciali mette a disposizione dell economia un ampia, innovativa ed idonea offerta di formazione continua. Destinatarie delle misure di formazione continua sono, oltre agli occupati nei diversi settori economici, anche le persone adulte con disabilità fisiche e/o mentali, persone in cerca di lavoro, in mobilità e in cassa integrazione. Tabella 14 Corsi di formazione continua in proprio - Anno 2012 Corsi presso le scuole professionali provinciali e organizzate dal servizio di formazione continua Nella tabella 14 sono riportati per l anno 2012 il numero dei corsi attivati presso le scuole professionali provinciali e quelli organizzati dal servizio formazione continua rivolti ai profughi ed alle persone adulte con disabilità fisiche e/o mentali, con indicazione delle ore di formazione continua, i partecipanti e le ore di partecipazione. Tabella 15 Contributi economici della formazione continua Anno 2012 Come per gli anni precedenti anche nell anno 2012 sono stati concessi contributi per un importo pari a ,34 Euro a 26 aziende, enti di formazione ed associazioni, i quali hanno organizzato un totale di 181 corsi di formazione continua sul lavoro. Sono stati inoltre approvati 8 piani di formazione aziendali per un totale di ,98 Euro. Nell anno 2012 sono stati realizzati diversi corsi di formazione professionali in convenzione con terzi, tra i quali le formazioni in ambito socio-sanitario, workshops con il Sestante, il corso di formazione per Tagesmütter ed il terzo anno della formazione triennale per il cinema documentario, per un importo complessivo pari a ,44 Euro. Sono stati concessi 230 contributi individuali a singole persone per la frequenza di corsi di formazione continua sul lavoro per un importo complessivo pari a ,68 Euro. 62 piccole e microimprese hanno presentato domanda per voucher aziendali. Si tratta di contributi finanziari per la frequenza di corsi di formazione per i dipendenti delle piccole e microimprese altoatesine. A partire dal 2012 possono accedere al finanziamento anche il titolare ed i soci dell impresa, se svolgono un attività regolare nell impresa. Nel 2012 sono stati concessi in tutto ,40 Euro per 106 corsi di formazione a 53 imprese (si rimanda alla tabella 10 che mostra i corsi ed il numero di ore di formazione effettuate suddivisi per aree di intervento). 14

15 Tabella 16 I vouchers aziendali Corsi e ore di formazione suddivise per aree di intervento Anno 2012 Il grafico 9 mostra i dati dei tirocini formativi per adulti attivati negli anni dal 2005 al Negli ultimi 8 anni sono stati concessi complessivamente tirocini, i quali hanno avuto come obiettivo quello di agevolare l orientamento e lo sviluppo delle competenze professionali. I tirocini si sono svolti presso aziende private, liberi professionisti, associazioni, cooperative ed enti pubblici secondo i criteri di cui all allegato A della nuova delibera della Giunta Provinciale n. 949 del Consulenza formativa Consulenza formativa per le microimprese: questo servizio, definito consulenza formativa per microimprese, si basa sul dialogo, sulla persona e sulle competenze e nell anno 2012 sono state 5 le microimprese che si sono avvalse di questo servizio. Consulenza formativa alle singole persone: attraverso specifici colloqui di consulenza il servizio si propone di sostenere le persone nel loro bisogno di riconoscimento ed accrescimento delle proprie competenze professionali, nonché di fornire un orientamento nell ampia offerta formativa presente sul territorio. All occorrenza, per sperimentare le competenze acquisite, possono essere attivati specifici tirocini formativi aziendali. Per entrambe le tipologie di consulenza formativa al centro vi sono il sostegno all apprendimento e lo sviluppo delle competenze professionali. 15

16 IMPRESSUM Edito dalla: Redazione Layout e Grafica Stampa Provincia Autonoma di Bolzano Alto Adige Dipartimento istruzione e formazione tedesca Area formazione professionale tedesca Via Dante, Bolzano Tel Fax Febbraio 2014 Getraud Aschbacher, Stefano Dal Bianco, Verena Hilpold, Rosa Pichler, Stefano Zanotelli Mad Design d. Dori Matteo - Tipografia Longo SPA AG Bolzano 16

LA FORMAZIONE NELLE SCUOLE PROFESSIONALI TEDESCHE - ANNO SCOLASTICO 2011/12

LA FORMAZIONE NELLE SCUOLE PROFESSIONALI TEDESCHE - ANNO SCOLASTICO 2011/12 Anno 2012 Nr. 08 LA FORMAZIONE NELLE SCUOLE PROFESSIONALI TEDESCHE - ANNO SCOLASTICO 2011/12 Il presente numero della collana Berufsbildung in Zahlen fornisce un quadro del numero di giovani ed adulti

Dettagli

LA FORMAZIONE NELLE SCUOLE PROFESSIONALI TEDESCHE E LADINE

LA FORMAZIONE NELLE SCUOLE PROFESSIONALI TEDESCHE E LADINE Anno 2010 Nr. 05 LA FORMAZIONE NELLE SCUOLE PROFESSIONALI TEDESCHE E LADINE Questo numero della collana Berufsbildung in Zahlen della Ripartizione Formazione professionale tedesca e ladina fornisce sia

Dettagli

Come posso diventare. venditore. Le possibilità di formazione in Alto Adige

Come posso diventare. venditore. Le possibilità di formazione in Alto Adige Come posso diventare venditore Le possibilità di formazione in Alto Adige INFORMAZIONI Unione commercio turismo servizi Alto Adige 2 Dr. Petra Blasbichler Responsabile progetto my job, my life! Via di

Dettagli

L APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE E RICERCA. ai sensi dell art. 5 D. Lgs 167/2011. Prof. Renata Livraghi Università di Parma

L APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE E RICERCA. ai sensi dell art. 5 D. Lgs 167/2011. Prof. Renata Livraghi Università di Parma L APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE E RICERCA ai sensi dell art. 5 D. Lgs 167/2011 1 Cos è l apprendistato? E un contratto di lavoro a tempo indeterminato, finalizzato alla formazione e all occupazione

Dettagli

Assessore alla Formazione professionale Istruzione ed Edilizia scolastica Provincia di Torino

Assessore alla Formazione professionale Istruzione ed Edilizia scolastica Provincia di Torino Benvenuta! Benvenuto! Le scuole di Torino e provincia ti aspettano: andare a scuola è un tuo diritto, ma anche un dovere. Conoscere i propri diritti e sapere come accedere ai servizi è fondamentale per

Dettagli

«il maestro artigiano: una chance vincente»

«il maestro artigiano: una chance vincente» BERUFSBILDUNG SÜDTIROL Provincia Autonoma di Bolzano Alto Adige Formazione Professionale tedesca e ladina Ufficio apprendistato e maestro artigiano Via Dante, 11 I-39100 Bolzano Tel. 0039 0471 416980 Fax

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI VOUCHER AZIENDALI Legge 236/93, art. 9 D.M. 18 novembre 2009 Delibera n. 1325 del 06/09/2011

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI VOUCHER AZIENDALI Legge 236/93, art. 9 D.M. 18 novembre 2009 Delibera n. 1325 del 06/09/2011 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI VOUCHER AZIENDALI Legge 236/93, art. 9 D.M. 18 novembre 2009 Delibera n. 1325 del 06/09/2011 Art.1 Premessa Nel rispetto di quanto previsto dalla Legge 236/93, art. 9, comma

Dettagli

Cuoco qualificato (13) CC2000. 3 D Licenza di scuola elementare e pluriennale esperienza professionale nel settore.

Cuoco qualificato (13) CC2000. 3 D Licenza di scuola elementare e pluriennale esperienza professionale nel settore. INFORMAZIONI Liste di chiamata per le assunzioni a tempo determinato Elenco dei profili professionali e relativi requisiti per l accesso REQUISITI PER L ACCESSO PROFILI PROFESSIONALI Qualifica di funzione

Dettagli

Regolamento interno delle Scuole d arti e mestieri della sartoria di Lugano e Biasca (del 28 febbraio 2014)

Regolamento interno delle Scuole d arti e mestieri della sartoria di Lugano e Biasca (del 28 febbraio 2014) Regolamento interno delle Scuole d arti e mestieri della sartoria di Lugano e Biasca (del 28 febbraio 2014) Visti: - la Legge della scuola del 1. febbraio 1990; - la Legge sulle scuole professionali del

Dettagli

QUADRO RIEPILOGATIVO SULLA REGOLAMENTAZIONER REGIONALE DELL APPRENDISTATO DI PRIMO LIVELLO

QUADRO RIEPILOGATIVO SULLA REGOLAMENTAZIONER REGIONALE DELL APPRENDISTATO DI PRIMO LIVELLO REGIONI REGOLAMENTAZIONE ORE E MODALITA APPRENDISTATO APPRENDISTATO Lazio no Valle D Aosta no Friuli Venezia Giulia si 500 ore annue per tre anni per apprendisti fra i 15 e 18 anni 400 ore annue per tre

Dettagli

INCENTIVI OCCUPAZIONALI. - Jobs Act - Garanzia Giovani - Apprendistato - Stage /Tirocini/ Borse Lavoro

INCENTIVI OCCUPAZIONALI. - Jobs Act - Garanzia Giovani - Apprendistato - Stage /Tirocini/ Borse Lavoro INCENTIVI OCCUPAZIONALI - Jobs Act - Garanzia Giovani - Apprendistato - Stage /Tirocini/ Borse Lavoro JOBS ACT Nuove assunzioni a tempo indeterminato con CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI: - sgravio contributivo

Dettagli

REGOLAMENTO PER I CREDITI FORMATIVI DEI CORSI SPERIMENTALI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO

REGOLAMENTO PER I CREDITI FORMATIVI DEI CORSI SPERIMENTALI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO REGOLAMENTO PER I CREDITI FORMATIVI DEI CORSI SPERIMENTALI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO Approvato dal Consiglio Accademico in data 4 maggio 2005. Modificato in data 3 dicembre 2009 I. Norme generali Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO MASTER POST DIPLOMA IN Biennio scolastico 2012-2014 Indice: Art. 1 Norme Generali... 2 Art.2 Organi e loro compiti e Sede del Master... 2 Art.3 Ammissione al Master Post Diploma,

Dettagli

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11:

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11: q) Legge provinciale 26 gennaio 2015, n. 1 1) Modifiche di leggi provinciali in materia di istruzione, di stato giuridico del personale insegnante e di apprendistato 1) Pubblicato nel supplemento n. 1,

Dettagli

C O M E CAMBIA IL SISTEMA SCOL A S T I C O E FORMATIVO: IPOTESI DI P E R C O R S I

C O M E CAMBIA IL SISTEMA SCOL A S T I C O E FORMATIVO: IPOTESI DI P E R C O R S I C O M E CAMBIA IL SISTEMA SCOL A S T I C O E FORMATIVO: IPOTESI DI P E R C O R S I P O S S I BI L I A partire dall anno scolastico 2010/2011, la scuola secondaria di secondo grado avrà un nuovo assetto.

Dettagli

Guida alla riforma Tratto dal sito del ministero

Guida alla riforma Tratto dal sito del ministero Guida alla riforma Tratto dal sito del ministero Scuola materna Possono iscriversi alla scuola dell infanzia anche i bambini di 2 anni e mezzo. stradale Cittadinanza e Costituzione È la nuova disciplina,

Dettagli

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento Testo aggiornato al 9 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162 Gazzetta Ufficiale 17 aprile 1982, n. 105 Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole

Dettagli

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani Cos è Dote Lavoro-Tirocini per i Giovani Dote Lavoro - Tirocini

Dettagli

1. La disciplina di cui al presente regolamento si informa ai seguenti principi generali: - 1 -

1. La disciplina di cui al presente regolamento si informa ai seguenti principi generali: - 1 - Regolamento di disciplina dei profili formativi dell apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale, ai sensi degli articoli 4, comma 1, lettera c) e 53 della legge regionale 16 novembre

Dettagli

CORSI RICONOSCIUTI REGIONE LAZIO

CORSI RICONOSCIUTI REGIONE LAZIO CORSI RICONOSCIUTI REGIONE LAZIO I corsi riconosciuti dalla regione Lazio sono: Corso di addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o

Dettagli

4) Quante ore di formazione sono previste per l acquisizione delle competenze di base e trasversali?

4) Quante ore di formazione sono previste per l acquisizione delle competenze di base e trasversali? FAQ Apprendistato Professionalizzante o di Mestiere (D.Lgs.167/2011 come modificato dalla Legge 28 giugno 2012 n. 92 e dalla Legge 16 maggio 2014 n. 78 ) 1) Chi rientra nella nuova offerta formativa pubblica?

Dettagli

I nuovi Istituti Professionali

I nuovi Istituti Professionali I nuovi Istituti Professionali Regolamento recante norme concernenti il riordino degli Istituti professionali ai sensi dell articolo 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla

Dettagli

Conferenza stampa congiunta per la fine dell anno scolastico 2014/2015. Bolzano, 13 luglio 2015 Ore 11,00. Sala Stampa di Palazzo Widmann

Conferenza stampa congiunta per la fine dell anno scolastico 2014/2015. Bolzano, 13 luglio 2015 Ore 11,00. Sala Stampa di Palazzo Widmann Landeshauptmannstellvertreter Landesrat für italienische Kultur, Bildung, Wohnungsbau, Grundbuch, Kataster, Genossenschaftswesen und öffentliche Bauten Vicepresidente della Provincia Assessore alla Cultura,

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI AGENZIA DEL LAVORO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L IMPIEGO 1. LA CONDIZIONE GIOVANILE SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI TRENTO

Dettagli

Regolamenti ISIA Firenze

Regolamenti ISIA Firenze Regolamenti ISIA Firenze Regolamento di transizione dei corsi accademici di secondo livello di indirizzo specialistico Il Consiglio Accademico dell ISIA di Firenze VISTA la legge 21 dicembre 1999, n. 508,

Dettagli

Disciplina della figura del maestro artigiano, del commercio o delle professioni

Disciplina della figura del maestro artigiano, del commercio o delle professioni Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 44/34 del 23.10.2013 Disciplina della figura del maestro artigiano, del commercio o delle professioni INDICE 1. Finalità...2 2. Requisiti soggettivi...2 2.1 Requisiti di

Dettagli

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA QUADRIENNALE (pre D.M. 09/1999) SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA PRIMARY TEACHER EDUCATION Corso di laurea in esaurimento a. a. 013-014 Presidente del corso

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado GALILEO GALILEI (Associato alla rete di Scuole UNESCO) Via Venezia, 15-66020 SAN GIOVANNI TEATINO (CH) Telefoni:Presidenza

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE DI OPERATORE SOCIO-SANITARIO

FIGURA PROFESSIONALE DI OPERATORE SOCIO-SANITARIO Allegato A alla D.G.R. 28.09.2012, nr. 621 FIGURA PROFESSIONALE DI OPERATORE SOCIO-SANITARIO ARTICOLO 1 NOZIONE 1. Il profilo professionale dell operatore socio-sanitario è stato regolamentato a livello

Dettagli

CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera

CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera Università di Bolzano Approvato con delibera n. 56/2010 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

PERCORSI DOPO LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

PERCORSI DOPO LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PERCORSI DOPO LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Lo Stato definisce gli indirizzi di studio uguali per tutto il territorio nazionale a cui corrispondono profili in uscita ed Esami di Stato le materie

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO

IL NUOVO APPRENDISTATO IL NUOVO APPRENDISTATO 1 MODULO 4 Disciplina del rapporto di lavoro APPRENDISTATO: Formazione di base e trasversale COME FUNZIONA http://www.nuovoapprendistato.gov.it/opencms/opencms/isfol-it/ 2 COME FUNZIONA

Dettagli

PUNTO INFORMAGIOVANI. Villa Carcina (BS)

PUNTO INFORMAGIOVANI. Villa Carcina (BS) PUNTO INFORMAGIOVANI Villa Carcina (BS) La normativa italiana Prevede per tutti i ragazzi/e: - l obbligo di istruzione per almeno 10 anni, cioè fino a 16 anni di età, - il diritto-dovere all istruzione

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN FLAUTO (DCPL27)

REGOLAMENTO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN FLAUTO (DCPL27) REGOLAMENTO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN FLAUTO (DCPL27) INDICE Art. 1 Generalità Art. 2 Insegnamenti dei corsi di studio e loro articolazione Art. 3 Obiettivi formativi ed eventuali

Dettagli

MASTER POST DIPLOMA IN ESPERTO DI CREDITO COOPERATIVO GLOCALE

MASTER POST DIPLOMA IN ESPERTO DI CREDITO COOPERATIVO GLOCALE REGOLAMENTO DIDATTICO MASTER POST DIPLOMA IN Art. 1 Norme Generali 1. Il presente Regolamento Didattico del master per il conseguimento dell attestato di Esperto di Credito Cooperativo Glocale specifica

Dettagli

Regolamento sulla Scuola superiore alberghiera e del turismo (SSAT) (del 14 dicembre 1999)

Regolamento sulla Scuola superiore alberghiera e del turismo (SSAT) (del 14 dicembre 1999) Regolamento sulla Scuola superiore alberghiera e del turismo (SSAT) (del 14 dicembre 1999) 5.3.2.3.1 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visti la Legge della scuola del 1 febbraio 1990;

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE Emanato con Decreto del Presidente del Consiglio dell Università n. 04 del 12.0.2009 (decorrenza a.a. 2009/2010) STR 1 Art. 1 Definizione e

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

http://www.pubblica.istruzione.it/ministro/comunicati/2009_miur/2808...

http://www.pubblica.istruzione.it/ministro/comunicati/2009_miur/2808... Ufficio Stampa COME SI DIVENTA INSEGNANTI: ECCO LE NUOVE REGOLE UN ANNO DI TIROCINIO PER LEGARE TEORIA A PRATICA ASSUNZIONI SOLO IN BASE ALLA NECESSITÀ PER EVITARE IL PRECARIATO PIÙ INGLESE E COMPETENZE

Dettagli

LA RIFORMA della SCUOLA SUPERIORE

LA RIFORMA della SCUOLA SUPERIORE LA RIFORMA della SCUOLA SUPERIORE Fonti: www.istruzione.it www.venetolavoro.it/sopralamediaweb/web/index/home Il diritto-dovere all istruzione e alla formazione Il SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO si articola

Dettagli

Orientamento per i genitori e per gli alunni delle terze classi degli Istituti di Istruzione secondaria di primo grado

Orientamento per i genitori e per gli alunni delle terze classi degli Istituti di Istruzione secondaria di primo grado Centro per l Impiego di Casarano Orientamento per i genitori e per gli alunni delle terze classi degli Istituti di Istruzione secondaria di primo grado dr. Fernando Scozzi Responsabile del C.p.I. L interrogativo

Dettagli

II^ Edizione della Scuola EMAS di L Aquila BANDO DI AMMISSIONE BANDO DI AMMISSIONE

II^ Edizione della Scuola EMAS di L Aquila BANDO DI AMMISSIONE BANDO DI AMMISSIONE II^ Edizione della Scuola EMAS di L Aquila BANDO DI AMMISSIONE Il Comitato Ecolabel Ecoaudit Sezione EMAS Italia e la Commissione Nazionale Scuole EMAS con comunicazione del 19 dicembre 2006, Prot. n 1233/EMAS,

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell'occupazione Sicurezza e Qualità del Lavoro - Ufficio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell'occupazione Sicurezza e Qualità del Lavoro - Ufficio REGIONE LIGURIA Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell Occupazione Ufficio Sicurezza e Qualità del lavoro Prime disposizioni in materia di formazione delle figure professionali di Responsabile

Dettagli

Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL

Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL Scheda di lettura del Capo V Apprendistato del decreto legislativo n. 81/15 recante Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni Premessa La parte relativa

Dettagli

TFA - una guida per orientarsi le domande più frequenti e la normativa di riferimento

TFA - una guida per orientarsi le domande più frequenti e la normativa di riferimento TFA - una guida per orientarsi le domande più frequenti e la normativa di riferimento Questa breve guida è stata realizzata dalla redazione Edises, casa editrice specializzata in formazione universitaria

Dettagli

PROVINCIA LATINA AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA LATINA AVVISO PUBBLICO PROVINCIA LATINA Settore Politiche del Lavoro e Formazione Professionale AVVISO PUBBLICO ATTIVITA FORMATIVE PER L APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE FINANZIAMENTO MODULI A, B, C 1. Premessa La Provincia

Dettagli

1 Istruzione. 1.1 Asilo nido o nido d infanzia

1 Istruzione. 1.1 Asilo nido o nido d infanzia 1 Istruzione In Italia esiste il diritto-dovere all istruzione e alla formazione che inizia a 6 anni. Il sistema nazionale di istruzione è rappresentato dalle scuole pubbliche e private. La scuola dell

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO

Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO REGOLAMENTO del Corso di Laurea magistrale a ciclo Unico in Giurisprudenza ( Classe LMG /01 ) Anno Accademico di istituzione: 2006/2007 Art. 1. Organizzazione del corso di studio 1. È istituito presso

Dettagli

Allegato A) Premessa. 1) Iter procedurale e obblighi dei soggetti coinvolti

Allegato A) Premessa. 1) Iter procedurale e obblighi dei soggetti coinvolti Allegato A) DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER L EROGAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA PUBBLICA NEI CONTRATTI DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE (All. B DELLA DGR 609 DEL 12.7.2012). Premessa Al fine di regolare

Dettagli

Scuola di Ingegneria e Architettura. Regolamento di INGEGNERIA BIOMEDICA

Scuola di Ingegneria e Architettura. Regolamento di INGEGNERIA BIOMEDICA Scuola di Ingegneria e Architettura Regolamento di INGEGNERIA BIOMEDICA Art. 1 Requisiti per l'accesso al Corso Per essere ammessi al Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica è necessario il possesso di

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

Non è possibile il passaggio durante l anno scolastico, eccetto quanto previsto dal successivo art. 11 (Frequenza come uditori).

Non è possibile il passaggio durante l anno scolastico, eccetto quanto previsto dal successivo art. 11 (Frequenza come uditori). Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato F. Corridoni Via Sant Anna, 9 CORRIDONIA (MC) Sedi coordinate: Macerata-Civitanova Marche www.ipsiacorridoni.gov.it Codice Fiscale 80004920437

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERCORSO DIDATTICO D ECCELLENZA DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA E SCIENZE COGNITIVE

REGOLAMENTO DEL PERCORSO DIDATTICO D ECCELLENZA DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA E SCIENZE COGNITIVE REGOLAMENTO DEL PERCORSO DIDATTICO D ECCELLENZA DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA E SCIENZE COGNITIVE (approvato con delibera del Consiglio di Dipartimento d.d. 15 aprile 2015) Premessa 1. A partire dall a.a.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI 0BII I FACOLTA DI ECONOMIA 1BREGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO (Classe L33, D.M. 270/2004) 2BArt. 1 Finalità Il presente Regolamento didattico

Dettagli

REGIONE BASILICATA Dipartimento Formazione Lavoro Cultura Sport MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

REGIONE BASILICATA Dipartimento Formazione Lavoro Cultura Sport MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE BASILICATA Dipartimento Formazione Lavoro Cultura Sport MINISTERO DELLA GIUSTIZIA LINEE DI INTERVENTO PER L INCLUSIONE SOCIALE E LAVORATIVA DI SOGGETTI, ADULTI E MINORI, SOTTOPOSTI A PROVVEDIMENTO

Dettagli

CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU

CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU www.unipegasotrapani.it ECONOMIA AZIENDALE L-18 triennale 180 CFU Facoltà di Giurisprudenza OBIETTIVI FORMATIVI SPECIFICI Il corso di laurea in Economia

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA (Approvato con delibera del CdF del 03.05.06 e modificato con delibere del CdF del 07.03.07, del 12.03.08 e del 08.04.08) Regolamento didattico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL AQUILA Amministrazione centrale Area uffici didattica Settore master DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL AQUILA Amministrazione centrale Area uffici didattica Settore master DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL AQUILA Amministrazione centrale Area uffici didattica Settore master Rep. n. 189-013 - Prot. n. 31 del 19/09/013 Allegati / Anno 013 tit. III cl. 5 fasc.9 DIPARTIMENTO DI SCIENZE

Dettagli

RELAZIONE DI VERIFICA FINALE AZIONE

RELAZIONE DI VERIFICA FINALE AZIONE pagina 1 di 9 Corso Lucca Ospitale 2009LU0083-89 Il Progetto denominato LUC.OS. - Lucca Ospitale è stato realizzato e gestito dal soggetto capofila SO.GE.SE.TER. Srl, che ha sede a Lucca in via Fillungo

Dettagli

28/3/2015 Alma Diploma: scheda

28/3/2015 Alma Diploma: scheda Anno di Indagine: ultimi 3 anni tipo di diploma : qualsiasi : qualsiasi Scuola : qualsiasi indirizzo del corso : qualsiasi diploma : qualsiasi Legenda: * dato non visualizzato perché riferito ad un collettivo

Dettagli

AD arredo & design ANDREA FANTONI. L Arte di Fare Scuola dal 1898

AD arredo & design ANDREA FANTONI. L Arte di Fare Scuola dal 1898 AD arredo & design ANDREA FANTONI L Arte di Fare Scuola dal 1898 Scuola d Arte Andrea Fantoni Quella della Scuola Fantoni è una storia dalle radici antiche: tradizione, cultura e innovazione sono parole

Dettagli

Capitolo II Ammissione e promozione

Capitolo II Ammissione e promozione Regolamento sulla maturità professionale (del aprile 000) ultima modifica: cfr. Bollettino ufficiale 11/007/.0.007...1 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visti: - la Legge federale

Dettagli

SCHEDA DI ISCRIZIONE * ANNO FORMATIVO 2015 2016

SCHEDA DI ISCRIZIONE * ANNO FORMATIVO 2015 2016 FORMAZIONE PROFESSIONALE IN LINGUA ITALIANA Scuola Professionale Alberghiera C. Ritz - via C. Wolf, 44-39012 MERANO Segreteria tel. 0473/203011 fax 0473/222604 Convitto tel. 0473/203016/18 fax 0473/203018

Dettagli

ASSE IV CAPITALE UMANO

ASSE IV CAPITALE UMANO ASSE IV CAPITALE UMANO 1.PERCORSI FORMATIVI E SERVIZI SUCCESSIVI AL CONSEGUIMENTO DELL OBBLIGO Attività SCOLASTICO FINO A 16 ANNI, RIVOLTI ALL ACQUISIZIONE DI UNA QUALIFICA 2. PERCORSI FORMATIVI ANCHE

Dettagli

COMUNE DI NOVARA Area Servizi Sociali Servizi Educativi

COMUNE DI NOVARA Area Servizi Sociali Servizi Educativi Progetto La ComuneArte Premesse L del Comune di Novara, con il decisivo contributo della Provincia di Novara, attraverso il Progetto La ComuneArte ha intenzione di proporre un percorso di formazione triennale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO 1. Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea specialistica in Scienze del lavoro (classe delle

Dettagli

Orientarsi nella giungla dei contratti: cos è un contratto; principali tipologie di contratto oggi in uso e loro caratteristiche.

Orientarsi nella giungla dei contratti: cos è un contratto; principali tipologie di contratto oggi in uso e loro caratteristiche. Orientarsi nella giungla dei contratti: cos è un contratto; principali tipologie di contratto oggi in uso e loro caratteristiche. 1 CRISI LA NORMATIVA CONTRATTUALE NON CREA LAVORO MA LO PUÒ DISTRUGGERE

Dettagli

1. I titoli conseguiti presso le Università consigliate vengono riconosciuti?

1. I titoli conseguiti presso le Università consigliate vengono riconosciuti? DOMANDE FREQUENTI Palermo, Largo Esedra nr.3, tel. 091 6254431 ONLUS 1. I titoli conseguiti presso le Università consigliate vengono riconosciuti? Le Università sono pubbliche o private riconosciute dal

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DELLA DOTE- FORMAZIONE O.S.S. E PER L AMMISSIONE AL CORSO PER OPERATORE SOCIO-SANITARIO CO-FINANZIATO DAL COMUNE DI

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DELLA DOTE- FORMAZIONE O.S.S. E PER L AMMISSIONE AL CORSO PER OPERATORE SOCIO-SANITARIO CO-FINANZIATO DAL COMUNE DI BANDO PER L ASSEGNAZIONE DELLA DOTE- FORMAZIONE O.S.S. E PER L AMMISSIONE AL CORSO PER OPERATORE SOCIO-SANITARIO CO-FINANZIATO DAL COMUNE DI CORBETTA, DALLA COOPERATIVA UNIVERSIIS E DALL ASSOCIAZIONE SEAM

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI ARTURO TOSCANINI (D. D. MIUR AFAM n. 246/09) RIBERA

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI ARTURO TOSCANINI (D. D. MIUR AFAM n. 246/09) RIBERA REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI FORMAZIONE DI BASE approvato dal Consiglio Accademico con Delibere n. 2/10 e successive modifiche ed integrazioni INTRODUZIONE GENERALE L articolazione della Formazione

Dettagli

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26 6. LA VALUTAZIONE La valutazione è momento centrale nella pratica educativa e nel processo di apprendimento degli studenti, e riguarda molti aspetti della vita scolastica. Il Collegio dei Docenti indica

Dettagli

quarto ciclo di incontri per conoscere le professioni

quarto ciclo di incontri per conoscere le professioni COSTRUIRE IL FUTURO: PROFESSIONI E INNOVAZIONE quarto ciclo di incontri per conoscere le professioni Il mondo della STATISTICA: 30 novembre 2007 A cura di Città dei Mestieri di Milano e della Lombardia

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ISTITUZIONI MUSICALI AFAM LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO (Generalità) Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle leggi

Dettagli

SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1

SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1 SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1 Per conseguire le finalità di cui all art. 4, secondo comma, della legge 19 novembre

Dettagli

Agenzia Formativa - Comune di Firenze Centri di Formazione Professionale Industria e Artigianato Ristorazione e Turismo

Agenzia Formativa - Comune di Firenze Centri di Formazione Professionale Industria e Artigianato Ristorazione e Turismo Agenzia Formativa - Comune di Firenze Centri di Formazione Professionale Industria e Artigianato Ristorazione e Turismo L Amministrazione Comunale vanta un esperienza pluridecennale in materia di formazione

Dettagli

Il riordino del sistema d istruzione e formazione. Vera riforma? Razionalizzazione per ridurre la spesa? Restaurazione?

Il riordino del sistema d istruzione e formazione. Vera riforma? Razionalizzazione per ridurre la spesa? Restaurazione? Il riordino del sistema d istruzione e formazione Vera riforma? Razionalizzazione per ridurre la spesa? Restaurazione? di Paolo Gallana Marzo 2010 Dove nasce il riordino La fonte normativa d origine è

Dettagli

Docenti La docenza dei corsi è affidata a personale qualificato così come previsto dalla normativa di riferimento

Docenti La docenza dei corsi è affidata a personale qualificato così come previsto dalla normativa di riferimento L Agenzia per lo Sviluppo Empolese Valdelsa spa si è affermata in questi anni come soggetto in grado di dare risposta ai bisogni di formazione, consulenza e innovazione provenienti dal tessuto economico

Dettagli

FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA in INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE CLASSE 29 S Obbiettivi Formativi e Ambiti Occupazionali

FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA in INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE CLASSE 29 S Obbiettivi Formativi e Ambiti Occupazionali FAOLTA DI INGEGNERIA ORSO DI LAUREA SPEIALISTIA in INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE LASSE 29 S Obbiettivi Formativi e Ambiti Occupazionali Il orso di Laurea Specialistica in Ingegneria dell Automazione ha come

Dettagli

Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE

Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE A.A. 2014/2015 Anno Accademico 2014/2015 I ANNO II ANNO III ANNO E2401P - Scienze e tecniche psicologiche (Classe L-24 D.M. 270/2004) Attivato Attivato

Dettagli

FAQ AVVISO DUALE. Art. 3 BENEFICIARI

FAQ AVVISO DUALE. Art. 3 BENEFICIARI FAQ AVVISO DUALE Art. 3 BENEFICIARI 1. Un istituto di istruzione secondaria superiore che eroga percorsi di IeFP in sussidiarietà può candidarsi all avviso? No, ai sensi di quanto disposto dall art. 3

Dettagli

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione Sommario Caratteri e finalità del corso Obiettivi formativi p. 3 Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4 Ambiti professionali tipici p. 4 Prospettive formative successive p. 4 Quadro

Dettagli

Ordinamenti. Scuola dell Infanzia e primo ciclo Regolamento dpr 89/2009 Leggere da art. 2 a art. 5. Scuola dell infanzia

Ordinamenti. Scuola dell Infanzia e primo ciclo Regolamento dpr 89/2009 Leggere da art. 2 a art. 5. Scuola dell infanzia Ordinamenti Il sistema di istruzione nazionale è interessato ad una fase di riforma degli ordinamenti che interessa tutti gli ordini di scuola e che si realizzerà in un arco di tempo molto ampio. Una prima

Dettagli

Ufficio Stampa RIORDINO ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE

Ufficio Stampa RIORDINO ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE Ufficio Stampa RIORDINO ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE Roma, 28 maggio 2009 Finalmente con il riordino dell'istruzione tecnica e professionale, inizia oggi il processo di riforma della scuola secondaria.

Dettagli

Requisiti professionali

Requisiti professionali Requisiti professionali per l esercizio dell attività di commercio, settore alimentare, e di somministrazione di alimenti e bevande (art. 71 comma 6 del D.Lgs. 59/2010) Risoluzioni del Ministero dello

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI E GIUSPRIVATISTICI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE DELLE AZIENDE E DEI SERVIZI TURISTICI REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2014-2015

Dettagli

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione ALLEGATO A alla delibera n. del Componente : buono scuola Destinatari Studenti residenti in Lombardia, iscritti e frequentanti corsi a gestione ordinaria presso le

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

Riforma 2010 Scuola secondaria superiore Vademecum informativo per studenti e famiglie

Riforma 2010 Scuola secondaria superiore Vademecum informativo per studenti e famiglie Riforma 2010 Scuola secondaria superiore Vademecum informativo per studenti e famiglie A cura della Provincia MB Settore Istruzione 1 Il Consiglio dei Ministri ha approvato il 4 febbraio 2010 la nuova

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI STUDIO: Culture e tecniche del costume e della moda FACOLTÀ: Lettere e Filosofia CLASSE: 23 Art. 1 Coerenza tra crediti delle attività formative e obiettivi formativi programmati

Dettagli

Allegato A) 1. PREMESSA

Allegato A) 1. PREMESSA Delibera N. 1193 del 10.04.2006 Riforma scolastica nelle scuole primarie e secondarie di primo grado in lingua italiana. Anno scolastico 2006/200 (modificata con delibera n. 4926 vom 29.12.2006) omissis

Dettagli

Il Ministero non ha ancora fissato una data. Per consentire la formazione delle classi sarebbe

Il Ministero non ha ancora fissato una data. Per consentire la formazione delle classi sarebbe 1. Quando cominceranno le lezioni dell anno scolastico 2011/12? Il 12 settembre, alle 18.30 2. Fino a quando è possibile iscriversi? Il Ministero non ha ancora fissato una data. Per consentire la formazione

Dettagli

Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV)

Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV) 4.3.3.1.5. Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV) del 10 giugno 1999 1. Statuto Le scuole universitarie d arti visive 1 e d arti applicate (SUAAV) rientrano nella

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali

MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali dipartimento di Giurisprudenza MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali XI edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente di

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA cosa è cambiato a partire dall anno scolastico 2010-2011

GUIDA ALLA RIFORMA cosa è cambiato a partire dall anno scolastico 2010-2011 GUIDA ALLA RIFORMA cosa è cambiato a partire dall anno scolastico 2010-2011 LA NUOVA SECONDARIA SUPERIORE I Licei Gli istituti tecnici Gli istituti professionali Offerta formativa più ricca per aumentare

Dettagli