Relazione per il corso di Elaborazione di Immagini e Video

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione per il corso di Elaborazione di Immagini e Video"

Transcript

1 Università degli Studi di Udine Corso di Laurea in Linguaggi e Tecnologie dei Nuovi Media Relazione per il corso di Elaborazione di Immagini e Video di Chiara Vialmin matr Problema Il candidato sviluppi il progetto di un sistema di elaborazione audio e video per la gestione di una sala conferenze con trasmissione in remoto (videoconferenza). Il candidato identifichi i requisiti funzionali del sistema, definisca l architettura logica del sistema. Si supponga di avere a disposizione una libreria di funzioni in grado di estrarre dai sensori video e dai sensori audio i parametri di interesse per il progetto. Il sistema dovrà essere in grado di elaborare il segnale video ed i segnali audio ed effettuare le seguenti operazioni: (a) identificare la posizione della persona che parla in base al segnale audio (si utilizzi a tale proposito un microfono direzionale), (b) calcolare i parametri di pan, tilt e zoom necessari per inquadrare automaticamente la persona che nella stanza ha preso la parola attraverso l uso di una telecamera posizionata su testa mobile, (c) acquisire e memorizzare i frame di tutte le persone che hanno preso la parola durante la conferenza. Il candidato aggiunga in maniera ragionevole tutti i parametri che si ritengono utili per la progettazione del sistema in esame.

2 2. Soluzione proposta Figura 1: pianta della sala conferenze La sala conferenze è stata allestita appositamente per ottenere i migliori risultati con un sistema di gestione automatica della registrazione audiovisiva: può contenere circa 150 posti a sedere, divisi in tre zone di forma irregolare, ma convergenti verso il tavolo dei relatori, situato centralmente. Le dimensioni della sala sono di 10x 20 m, ogni posto a sedere occupa 70 cm e i corridoi laterali hanno una larghezza di 150 cm. Le tre zone del pubblico al loro interno possono essere sia sullo stesso livello oppure a gradoni per una visione migliore. L illuminazione è sempre artificiale e quindi costante e con una stessa temperatura colore, nell allestimento sono stati presi i dovuti accorgimenti per ridurre al minimo l effetto eco.

3 2.1 Posizionamento dei microfoni Figura 2: schema del posizionamento dei microfoni rivolti al pubblico e del corrispondente angolo di ripresa Per la registrazione della voce proveniente dal pubblico sono stati predisposti a parete tre microfoni superdirezionali (ipercardioidi) dietro al tavolo dei relatori, quindi in posizione centrale. Ognuno è diretto verso una delle tre zone in cui sono suddivisi i posti a sedere (qui chiamate 1, 2, 3). Un microfono ipercardioide ha un angolo di ripresa di circa 105 per cui le tre aree risultano parzialmente sovrapposte. La scelta di questo tipo di microfono deriva dalla sua forte direzionalità nella ripresa del suono (angolo molto ristretto davanti e abbastanza ampio dietro, ma nel nostro caso in tale zona non vi è nulla 1 ). La tabella sottostante confronta fra loro tutte le tipologie possibili: Figura 3: confronto fra diverse tipologie di microfoni in base alla loro direzionalità I microfoni dei relatori (in questo esempio si suppone ce ne siano tre, ma il loro numero può variare senza incidere sul modello proposto) sono cardioidi, posti sul tavolo e collegati per mezzo di cavo al computer che dirige automaticamente l intero sistema di ripresa della conferenza. La telecamera A, 1 Si deve tenere conto anche dell effetto eco, comunque minimizzabile con opportuni accorgimenti durante l allestimento della sala (ad esempio i materiali utilizzati)

4 posizionata di fronte, riceve da esso un segnale che indica quale di questi microfoni è utilizzato. Lo scopo di questa telecamera è di acquisire l immagine e l audio del relatore che sta parlando in quel momento. Nell immagine sottostante tali collegamenti sono schematizzati attraverso dei cavi che dai microfoni si dirigono direttamente alla telecamera. Figura 4: posizionamento dei microfoni dei relatori e collegamento con la telecamera A 2.2 Posizionamento delle telecamere Si propone di utilizzare tre telecamere così predisposte nella sala: A. Di fronte al tavolo dei relatori, in posizione centrale: l angolo di ripresa deve consentire l inquadratura di tutto il tavolo o di un solo relatore alla volta (è quindi dotata di obiettivo zoom e deve essere mobile). Le posizioni dei relatori sono fissate con delle coordinate (x,y,z) che il sistema automatico ha memorizzato precedentemente (le coordinate sono variabili in base al numero di persone presenti)

5 Dietro al tavolo dei relatori, fissate a parete ad un altezza di 2,5 m: B. Telecamera con zoom gestibile in automatico dal sistema, con testa mobile (per consentire i movimenti di pan e tilt): inquadra la persona del pubblico che sta parlando C. Telecamera con grandangolo su supporto fisso: inquadra continuamente il totale del pubblico Le telecamere e i microfoni sono collegati via cavo al sistema di gestione computerizzato posto in una saletta a parte. Figure 5-6: posizionamento delle telecamere e relativi angoli di visuale 3. Funzionamento del sistema 3.1 Gli eventi rilevanti in una conferenza Prendiamo in considerazione gli eventi tipici di una conferenza con tre relatori: I. Monologo del relatore centrale (contraddistinto dal microfono 5) II. Monologo del relatore a sinistra / destra (contraddistinto dal microfono 4 / 6) III. Dialogo fra il relatore a destra e quello a sinistra IV. Domanda da parte di una persona del pubblico (che si suppone si trovi nella zona 2). Condizione necessaria per prendere la parola è di alzarsi in piedi. V. Risposta del relatore centrale VI. Intervento di un altra persona del pubblico (che si suppone si trovi nella zona 3) 3.2 La rilevazione degli eventi Evento I: il relatore centrale parla nel microfono n. 5 Il microfono n. 5 registra un volume di entrata superiore ad una soglia fissata per la voce (sotto alla quale si suppone che la persona non parli) La telecamera A si sposta e zooma su di lui, in base alla posizione già prefissata. Evento II: inizia a parlare il relatore a sinistra /destra nel microfono n. 4 / 6

6 Il volume del suono del microfono n. 5 va sotto la soglia, mentre la supera quello del microfono n. 4 / 6 La telecamera A si sposta e zooma verso la posizione 4 / 6 Evento III: due relatori (4 e 6) iniziano un dialogo serrato fra loro Entrambi i microfoni (4 e 6) registrano un volume superiore alla soglia per un determinato lasso di tempo stabilito a priori ( s) La telecamera A si sposta in posizione centrale e allarga l inquadratura per comprendere entrambi i relatori Evento IV: domanda da parte di una persona del pubblico (nella figura sottostante la sua posizione in sala è contraddistinta dall asterisco) Il relatore centrale, per indicare al sistema computerizzato che lascia la parola al pubblico, preme un pulsante posto sul supporto del suo microfono 2 Il volume di tutti i microfoni dei relatori si abbassa e il computer passa ad analizzare quello proveniente dai microfoni 1, 2, 3 rivolti verso la sala. Il risultato all istante t è ad esempio il seguente: Mic 1 Mic 2 Mic 3 Volume (%) I valori sono in percentuale e sono calcolati ponendo al 100% il volume proveniente dalla prima fila della zona di ciascun microfono. Poiché sono del tipo ipercardioide, essi registrano con intensità maggiore i suoni provenienti dalla zona frontale e minore quelli laterali. Tutti e tre i microfoni della sala, quindi, sono in grado di recepire la voce della persona che si trova nel settore 2, ma con intensità diverse: 85 per il mic 2 (la persona si trova in quel settore), 30 per il mic 3 (è nella metà più vicina al settore 3), 20 per il mic 1. Va considerata anche la profondità di ciascuna zona: le voci di due persone poste sulla linea centrale, ma una in prima fila e l altra nella 15, saranno recepite con volumi diversi. Nel calcolo del posizionamento sulla pianta della sala va quindi considerata anche la variabile z, che indica l abbassamento del volume in base alla distanza. 2 Il ricorso all utilizzo di un pulsante si ritiene necessario per evitare che il sistema computerizzato venga ingannato da rumori e movimenti naturalmente presenti nella platea, ma che non corrispondono alla presa di parola da parte di una persona del pubblico.

7 Figura 7: suddivisione della platea in base alla variabile z In questo caso si è scelto di utilizzare 5 valori per la variabile z, il che consente di suddividere la profondità con una granularità media. Un altro fattore da prendere in considerazione è il volume della voce proprio di ciascuna persona: questo può ingannare il sistema relativamente alla localizzazione sulla mappa, ma non all area di provenienza ( 1, 2 o 3) perché le percentuali non cambierebbero. Purtroppo questa variabile è casuale e non determinabile a priori. Ci si dovrà quindi affidare ad un confronto più attento con l analisi visiva (spiegata in seguito). A questo punto, il sistema localizza sulla mappa i possibili punti da cui una fonte sonora con tale volume può provenire: Si possono aggiungere delle aree probabili considerando anche il volume proprio (nel caso soprastante si è aggiunta un area più in profondità nella sala rispetto ai relatori nel caso la persona abbia un alto volume di voce). Si passa quindi ad una conferma visiva. La telecamera C (quella con grandangolo) è sempre rimasta in funzione e ha continuamente analizzato i movimenti del pubblico, aggiornando l immagine di background. All istante t avrà registrato delle zone che sono cambiate rispetto all istante precedente: persone che si sono mosse di poco o alzate per uscire, oppure che si sono alzate in piedi per prendere la parola.

8 Per questa rilevazione è necessario un programma che sia in grado di analizzare l immagine e ricavarne i dati richiesti. Lo schema generale di funzionamento è il seguente: Figura 8: schema di funzionamento generico di un programma di videosorveglianza real-time Per quanto concerne il nostro caso, i dati richiesti sono l identificazione del movimento in platea e la sua localizzazione su di una mappa 2D. Fondamentale è anche l aggiornamento del background. Non ci interessano invece i moduli di classificazione (si suppone siano presenti solo persone) e di inseguimento (le persone stanno ferme al loro posto e comunque non è necessario seguirle). La classificazione degli eventi è invece utile, ma, come si vedrà più avanti, deriva dall intersecazione dei dati audio-visivi L analisi del movimento e aggiornamento del background L analisi del movimento in platea avviene confrontando continuamente il frame dell istante in questione con il precedente e calcolando la loro differenza D. I (x,y, t k ) e I 0 (x,y, t 0 ) sono le due immagini di riferimento: I è l immagine dell istante attuale e I 0 l immagine considerata come background. L intervallo di acquisizione per il nostro caso può essere di 0.5, in quanto non è essenziale un analisi eccessivamente dettagliata dei movimenti, ma non ci si può neppure permettere un ritardo troppo elevato. Le due immagini sono analizzate pixel per pixel con la formula: D (x,y, t k ) = I (x,y, t k ) I 0 (x,y, t 0 ) (x,y) I Se D= 0 non si registra movimento Se D 0 c è stata una variazione fra un frame e l altro e quindi probabile movimento. Va inserita anche una soglia t h per distinguere l effettivo movimento dal rumore di fondo. L algoritmo da usare è quindi quello di Simple Difference.

9 Figura 9: immagine D (x,y,t k ) Le zone considerate movimento vengono individuate singolarmente attraverso il rettangolo minimo d ingombro (blob). Ad ogni blob viene assegnato un identificatore. Figura 10: immagine D (x,y, t k ) con blob e ID L immagine di background va continuamente aggiornata per una corretta analisi del movimento in quel preciso istante e questo avviene introducendo una variabile α, che ha un valore incrementale (dopo un certo periodo di tempo in cui in una zona non si registra più movimento, la si considera background) Localizzazione Le zone dell immagine D dove si è registrato movimento vengono proiettate su una mappa dall alto della sala. Si ha quindi una rappresentazione 2D e ½, in cui informazioni provenienti da una visualizzazione 3D vengono situate su una mappa 2D. Questo avviene calcolando il baricentro del blob e il punto di intersezione della sua ascissa con l ordinata del punto a terra, proiettando il tutto su una mappa in prospettiva della sala che ha memorizzati con precisione i riferimenti con quella dall alto. La telecamera è facilitata in questo calcolo dal fatto che i posti a sedere sono fissi Confronto audio e video Il sistema situa quindi le zone di variazione su di una pianta della sala e al segnale ricevuto in input dai microfoni 1, 2, 3 (presenza di una fonte sonora in sala) confronta le probabili localizzazioni sonore con le zone dove si registra anche un cambiamento del background (la persona si è alzata in piedi per parlare).

10 Figura 11: intersezione dei dati audio-visivi sulla mappa della sala Dove riscontra sia movimento sia fonte sonora, allora il sistema conclude che lì si trova la persona che sta parlando. Una volta individuata una persona che sta parlando, a questa zona viene assegnato un identificatore speciale con una variabile incrementale β, che resterà memorizzato per tutta la conferenza. La stessa persona potrà infatti riprendere la parola dopo una risposta del relatore: in questo caso, se il sistema individua in quella zona movimento e suono, la probabilità che si tratti della stessa persona è tanto più alta quanto più elevato è β. La risposta del computer sarà quindi più veloce Spostamento della telecamera B Una volta individuata una persona che parla e la zona in cui si trova, la telecamera B si sposta quindi verso di essa (i parametri di pan e tilt derivano dalla localizzazione in sala) e zooma fino a quando l area di differenza rispetto al background (ora si fa riferimento all ultimo background in cui non si era riscontrato movimento) copre almeno 1/4 dell inquadratura. Figura 12: Immagine D con zoom sul blob che individua la persona che parla L area di copertura del blob rispetto all inquadratura (ovvero il grado di zoom) è calcolata in modo da compensare eventuali errori nel posizionamento. Viene quindi avviato il comando di registrazione per quella telecamera.

11 Evento V: Risposta del relatore centrale Il relatore per riprendere la parola preme di nuovo il pulsante e questo segnale fa partire la registrazione da parte della telecamera A. Evento VI: Intervento di un altra persona del pubblico (che si suppone si trovi nella zona 3) Il procedimento è lo stesso descritto al punto IV Registrazione e trasmissione in remoto Il sistema centrale controlla il montaggio della registrazione audiovisiva: quando gli giunge il segnale che sta parlando uno dei relatori (informazione ad alto livello) manda in registrazione la telecamera A; nel caso stia parlando qualcuno del pubblico, aziona la telecamera C col grandangolo per dare il tempo di determinare la posizione della persona e di puntare verso di essa la telecamera B, che entrerà subito dopo in funzione. Il video viene immediatamente compresso in MPEG4 e inviato in streaming sulla rete, verso i computer remoti, per mezzo di un server dedicato. 4. Strumentazione necessaria Immagine Descrizione Caratteristiche tecniche AXIS 213 PTZ Telecamera pan/tilt/zoom con compressione MPEG4 istantanea Zoom ottico 26x - lente autofocus Sensibilità IR per riprese nel buio completo faretto IR integrato Fino a 25/30 fps - risoluzione fino a 768x576 Supporta simultaneamente la compressione Motion JPEG e MPEG-4 Sensore di immagine: CCD Sony ExView HAD interlacciato da 1/4" Dimensioni: 130 x 104 x 130 mm (5,12" x 4,09" x 5,12") Audio technica AT897 Microfono professionale direzionale ipercardioide RISPOSTA IN FREQUENZA Hz ATTENUAZIONE GRADUALE 80 Hz, 12 db/ottava SENSIBILITA DEL CIRCUITO APERTO Phantom: 40 db (10,0 mv) re 1V a 1 Pa Batteria:?41 db (8,9 mv) re 1V a 1 Pa IMPEDENZA Phantom: 200 ohms Batería: 300 ohms RANGE DINÁMICO (TÍPICO) Phantom: 112 db, 1 khz al max SPL Batteria: 98 db, 1 khz al max SPL RELAZIONE SUONO/RUMORE 77 db, 1 khz a 1 Pa PESO 145 g (5,1 oz)

12 Microfono da conferenza per relatori Microfono a collo d'oca cardioide da conferenza dotato di led luminoso, completo di base con interruttore. Lunghezza stelo 40cm. PC Server COLUMBIA Server COLUMBIA Serie ITD / Intel PentiumD GHz (Dual-Core/2*2MB/EM64T/EIST), 1GB DDR-2 533MHz, n.2 Hard Disk 250GB Serial-ATA2, Buffer 8Mb, 7.200g/m, Raid 0/1, n.2 Supporti Removibili 5,25" per unità HD Serial-ATA, Masterizz. Super Multi Write DVD-CD, Alimentazione 600W ATX Videoregistratore digitale Panasonic WJ- RT416/ ips Field Size Recording (704 x 240 pixels) Video Recording of 30 ips per camera MPEG-4 Format Full Network Capability Monitor Panasonic WVLC1710 Type: 17 inc LCD Monitor Horizontal Resolution: 500 TV lines Power Source: 100 V V AC, 50/60 Hz (with AC Adapter) Actual Visual Size: 43.2 cm 17 inch diagonal actual visual size (H: 338 mm, V: 270 mm) Cavo XLR Bilanciato per la connessione dei microfoni col computer Cable Type: Triple screened twin core (Balanced) Conductor Material: HYBRID: High purity dense Silver coated high purity Matched Crystal OFC + Linear Structured Carbon saturated layer(s) Design Purpose/ Application Area(s): Balanced and unbalanced audio interconnect Eff. Conductor Ø/Eq. AWG No./Strands: Cores: 0.31 mm² / Cores: ~AWG 22 / Cores: 40; Screen: 180 External Diameter / - Dimensions: 7.25 mm. Resistance 20 C / 68 F: Cores: 5.5 Ohm/100 m.; Screen: 0.62 Ohm/100 m. Capacitance: Core-core: 37 pf/m. Characteristic Impedance: ~110 Ohm (in balanced configuration); Interruttore per il relatore centrale (moderatore)

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Caratteristiche. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4" e software di editing Vegas. www.pro.sony.

Caratteristiche. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4 e software di editing Vegas. www.pro.sony. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4" e software di editing Vegas Pro* Operazioni versatili per registrazioni Full HD 3D e 2D professionali HXR-NX3D1E è un camcorder professionale

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS www.gmshopping.it TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS MANUALE UTENTE Questo documento è di proprietà di Ciro Fusco ( Cfu 2010 ) e protetto dalle leggi italiane sul diritto d autore (L. 633 del 22/04/1941

Dettagli

Guida tecnica alla tecnologia video di rete.

Guida tecnica alla tecnologia video di rete. Guida tecnica alla tecnologia video di rete. Tecnologie e fattori da valutare per sviluppare con successo applicazioni di sorveglianza E di monitoraggio remoto basate su IP. 2 Guida tecnica di Axis alla

Dettagli

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO / Benvenuto Quando si utilizza la videocamera GoPro nell ambito delle normali attività quotidiane, prestare

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

Peltor DECT-Com II. The Sound Solution. User s manual for DECT-Com II

Peltor DECT-Com II. The Sound Solution. User s manual for DECT-Com II Peltor DECT-Com II The Sound Solution User s manual for DECT-Com II DECT 1.8 GHz GUIDA RAPIDA Peltor DECT-Com II Pulsante Funzione [M] [+] [ ] [M] e [+] [M] e [ ] Accende/spegne l unità DECT-Com II Seleziona

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Progetto Didattico di Informatica Multimediale

Progetto Didattico di Informatica Multimediale Progetto Didattico di Informatica Multimediale VRAI - Vision, Robotics and Artificial Intelligence 20 aprile 2015 Rev. 18+ Introduzione Le videocamere di riconoscimento sono strumenti sempre più utilizzati

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

User guide Conference phone Konftel 100

User guide Conference phone Konftel 100 User guide Conference phone Konftel 100 Dansk I Deutsch I English I Español I Français I Norsk Suomi I Svenska Conference phones for every situation Sommario Descrizione Connessioni, accessoires, ricambi

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

VIP X1/VIP X2 Server video di rete

VIP X1/VIP X2 Server video di rete VIP X1/VIP X2 Server video di rete IT 2 VIP X1/VIP X2 Guida all'installazione rapida Attenzione Leggere sempre attentamente le misure di sicurezza necessarie contenute nel relativo capitolo del manuale

Dettagli

Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente

Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente Dicembre 2013 190-01711-31_0A Stampato a Taiwan Tutti i diritti riservati. Ai sensi delle norme sul copyright, non è consentito copiare integralmente o parzialmente

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

se Electronics Bundle X1 + Project Studio Reflexion Filter X1: microfono a condensatore per voce e strumenti

se Electronics Bundle X1 + Project Studio Reflexion Filter X1: microfono a condensatore per voce e strumenti se Electronics Bundle X1 + Project Studio Reflexion Filter Questa settimana vogliamo dedicare spazio ad una soluzione se Electronics davvero interessante per chi si cimenta con l home recording. Il bundle

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

PROGETTO DI FORNITURA DELLE ATTREZZATURE - ELENCO DEI PREZZI UNITARI -

PROGETTO DI FORNITURA DELLE ATTREZZATURE - ELENCO DEI PREZZI UNITARI - COMUNE DI ARAGONA Provincia di Agrigento Programma Operativo Nazionale FESR Sicurezza per lo Sviluppo obiettivo convergenza 2007-2013 Progetto: INTEGRA - La fabbrica dell accoglienza PROGETTO DI FORNITURA

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

AZIENDA SANITARIA DI NUORO

AZIENDA SANITARIA DI NUORO AZIENDA SANITARIA DI NUORO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA UNIONE EUROPEA Fondi POR FESR Sardegna 2007 2013. Programmazione economie più risorse aggiuntive a valere sull asse II: Inclusione, servizi Sociali,

Dettagli

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Preamplificazione: spalanca le porte al suono! Tra mixer, scheda audio, amplificazione, registrazione, il segnale audio compie un viaggio complicato, fatto a

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

AUTORIZZAZIONE DELLA SUITE DI PLUG IN SAFFIRE VST/AU Dovrete autorizzare la vostra suite di plug-in Saffire, prima di poterla utilizzare.

AUTORIZZAZIONE DELLA SUITE DI PLUG IN SAFFIRE VST/AU Dovrete autorizzare la vostra suite di plug-in Saffire, prima di poterla utilizzare. GUIDA VELOCE INTRODUZIONE Questa Guida è stata scritta per offrirvi le informazioni necessarie per iniziare ad utilizzare Saffire LE, installare il software fornito, autorizzare la suite di plug-in VST/AU

Dettagli

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori U n i v e r s i t à d e g l i S t u d i d i U d i n e - Facoltà di Ingegneria Laboratorio di Fisica Generale 1 1 Il sistema massa-molla: Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette

Dettagli

MASTERSOUND 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended. Congratulazioni per la Vostra scelta

MASTERSOUND 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended. Congratulazioni per la Vostra scelta MASTERSOUND 300 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended Congratulazioni per la Vostra scelta Il modello 300 B S.E. che Voi avete scelto è un amplificatore integrato stereo in pura

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad Attraverso questo applicativo è possibile visualizzare tutti gli ingressi del DVR attraverso il cellulare. Per poter visionare le immagini

Dettagli

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 www.pce-italia.it Istruzioni d uso Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 1 Istruzioni d uso www.pce-italia.it Indice dei contenuti Titolo 1. Visione generale... 3 2. Contenuto della spedizione... 3 3. Informazione

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit)

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) La C.P.U. è il dispositivo che esegue materialmente gli ALGORITMI.

Dettagli

User Manual ULTRA-DI DI20. Professional Active 2-Channel DI-Box/Splitter

User Manual ULTRA-DI DI20. Professional Active 2-Channel DI-Box/Splitter User Manual ULTRA-DI DI20 Professional Active 2-Channel DI-Box/Splitter 2 ULTRA-DI DI20 Indice Grazie...2 1. Benvenuti alla BEHRINGER!...6 2. Elementi di Comando...6 3. Possibilità Di Connessione...8 3.1

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO / Benvenuto Quando si utilizza la videocamera GoPro nell ambito delle normali attività quotidiane, prestare

Dettagli

VIDEOCONFERENZA STREAMING. Prodotti per. Audioconferenza e

VIDEOCONFERENZA STREAMING. Prodotti per. Audioconferenza e Prodotti per VIDEOCONFERENZA Audioconferenza e STREAMING C/O Polo Tecnologico - Via dei Solteri, 38-38121 Trento TEL +39 0461 1865865 - FAX +39 0461 1865866 E-mail: info@edutech.it Sito web: www.edutech.it

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

Kit Domotici fai-da-te integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare.

Kit Domotici fai-da-te integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare. Per una casa più comoda, cura e intelligente, con un solo clic. Kit Domotici faidate integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare. www.easydo.it videosorveglianza, controllo carichi

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

The Future Starts Now. Termometri portatili

The Future Starts Now. Termometri portatili Termometri portatili Temp 70 RTD Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD 0,01 C da -99,99 a +99,99 C 0,1 C da -200,0 a +999,9 C Temp 7 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD 0,1 C da -99,9 a +199,9 C 1 C da

Dettagli

ALTOPARLANTE SUPER BASS PORTATILE BLUETOOTH

ALTOPARLANTE SUPER BASS PORTATILE BLUETOOTH ALTOPARLANTE SUPER BASS PORTATILE BLUETOOTH Manuale DA-10287 Grazie per aver acquistato l'altoparlante portatile Super Bass Bluetooth DIGITUS DA-10287! Questo manuale d'istruzioni vi aiuterà ad iniziare

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma 715 Volt/mA Calibrator Istruzioni Introduzione Il calibratore Fluke 715 Volt/mA (Volt/mA Calibrator) è uno strumento di generazione e misura utilizzato per la prova di anelli di corrente da 0 a 24 ma e

Dettagli

Efficienza, comfort, e semplicità

Efficienza, comfort, e semplicità UM UM Efficienza, comfort, e semplicità La gamma UM offre diffusori con tecnologia MesoOptics. I vantaggi di questa tecnologia (altissima efficienza e distribuzione grandangolare della luce) uniti ad un

Dettagli

www.geinspectiontechnologies.com

www.geinspectiontechnologies.com www.geinspectiontechnologies.com Conformità agli standard Ciascun sistema di misurazione viene fornito con un Certificato di Conformità che attesta che la sonda è stata prodotta e collaudata nel rispetto

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

AVer MediaCenter 3D. Manuale utente

AVer MediaCenter 3D. Manuale utente AVer MediaCenter 3D Manuale utente ESONERO DELLA RESPONSABILITA Tutte le schermate in questa documentazione sono solo immagini di esempio. Le immagini possono variare a seconda del prodotto e la versione

Dettagli

Istruzioni di montaggio e per l'uso. Altoparlante ad incasso 1258 00

Istruzioni di montaggio e per l'uso. Altoparlante ad incasso 1258 00 Istruzioni di montaggio e per l'uso Altoparlante ad incasso 1258 00 Descrizione dell'apparecchio Con l'altoparlante ad incasso, il sistema di intercomunicazione Gira viene integrato in impianti di cassette

Dettagli

Telecamere di rete AXIS Q1765-LE Telecamere ricche di funzionalità integrate, in formato bullet e pronte per l'utilizzo in ambienti esterni

Telecamere di rete AXIS Q1765-LE Telecamere ricche di funzionalità integrate, in formato bullet e pronte per l'utilizzo in ambienti esterni Scheda tecnica Telecamere di rete AXIS Q1765-LE Telecamere ricche di funzionalità integrate, in formato bullet e pronte per l'utilizzo in ambienti esterni > Zoom 18x e messa a fuoco automatica > OptimizedIR

Dettagli

Guida all'installazione Powerline AV+ 500 Nano XAV5601

Guida all'installazione Powerline AV+ 500 Nano XAV5601 Guida all'installazione Powerline AV+ 500 Nano XAV5601 2011 NETGEAR, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta, archiviata

Dettagli

ipod nano Guida alle funzionalità

ipod nano Guida alle funzionalità ipod nano Guida alle funzionalità 1 Indice Capitolo 1 4 Nozioni di base di ipod nano 5 Panoramica su ipod nano 5 Utilizzare i controlli di ipod nano 7 Disabilitare i controlli di ipod nano 8 Utilizzare

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto!

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Manuale d uso Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Giacchè noi costantemente aggiorniamo e miglioriamo il Tuo e-tab, potrebbero

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Manuale del Binocolo con registrazione digitale DEV-3/5/5K

Manuale del Binocolo con registrazione digitale DEV-3/5/5K Fare clic Manuale del Binocolo con registrazione digitale DEV-3/5/5K 2011 Sony Corporation 4-410-129-92(1) Da leggere subito Uso di questo prodotto Non mantenere questo prodotto afferrandolo per le parti

Dettagli

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 Modulo termostato a pannello 4 COLLEGAMENTO 9-12V DC/ 500mA L1 L2 ~ Riscaldatore/Aria condizionata Max. 3A Max. 2m Sensore di temperatura Per prolungare il sensore, utilizzare

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

Introduzione agli oscilloscopi

Introduzione agli oscilloscopi o s c i l l o s c o p i Indice Introduzione...3 Integrità del segnale Significato dell integrità del segnale..................................4 Perché l integrità del segnale è un problema?...........................4

Dettagli

ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd.

ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd. ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd. Manuale utente del Client software ivms-4200 Informazioni Le informazioni contenute in questo documento sono soggette

Dettagli

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE.

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. Pagina 1 di 5 LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. A. Armani G. Poletti Spectra s.r.l. Via Magellano 40 Brugherio (Mi) SOMMARIO. L'impiego sempre più diffuso

Dettagli

Fondamenti di Informatica 300 ed oltre esercizi di teoria

Fondamenti di Informatica 300 ed oltre esercizi di teoria Fondamenti di Informatica 300 ed oltre esercizi di teoria Fulvio Corno Antonio Lioy Politecnico di Torino Dip. di Automatica e Informatica v. 4.02 01/09/2009 Indice 1 Introduzione 2 1.1 Nota metodologica........................................

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ ROBOT RASAERBA GARDENA R40Li OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ In completo relax! LASCIATE CHE LAVORI AL VOSTRO POSTO Il 98 % di chi ha comprato il Robot Rasaerba GARDENA lo raccomanderebbe.* Non dovrete più

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO VALIDO PER MOD. DTCHARGE E 1000 CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO LEGGERE CON CURA IN OGNI SUA PARTE PRIMA DI ALIMENTARE TOGLIAMO IL COPERCHIO, COSA FARE?? Il DTWind monta alternatori tri fase. Ne consegue

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Aladino Vision, il nuovo concetto di cordless

Aladino Vision, il nuovo concetto di cordless Gentile Cliente, Ti ringraziamo per aver scelto Aladino Vision. Aladino Vision è unico, essenziale, elegante e definisce un nuovo concetto per la telefonia cordless assegnando un ruolo attivo alla stazione

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Phonak ComPilot. Manuale d uso

Phonak ComPilot. Manuale d uso Phonak ComPilot Manuale d uso Indice 1. Benvenuto 5 2. Per conoscere il dispositivo ComPilot in uso 6 2.1 Legenda 7 2.2 Accessori 8 3. Come cominciare 9 3.1 Impostazione dell alimentatore 9 3.2 Come caricare

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa Trasmissione del suono attraverso una parete Prof. ng. Cesare offa W t W i scoltatore W r orgente W a La frazione di energia trasmessa dalla parete è data dal fattore di trasmissione t=w t /W i. Più spesso

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10)

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN Costruire il futuro Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) 1 indice Obiettivi dell Unione Europea 04 La direttiva nel contesto della certificazione CE 05

Dettagli

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN CI 4 Comm. IMMS-CI-HW Interfaccia programmatore (CI) IMMS POWER From Transformer 24 V 24 V Ground To REM Istruzioni per l installazione To SmartPort Sensor 1 Sensor 2 Sensor 3 From Sensors Sensor Common

Dettagli

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2)

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) MANUALE UTENTE FT607M /FT607M2 MICROSPIA GSM PROFESSIONALE 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) FT607M /FT607M2 MANUALE UTENTE INDICE 1. Informazioni importanti.......................................4

Dettagli