REGOLAMENTO PER L USO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER L USO"

Transcript

1 Allegato A alla D.C. n. 2 dell 11 marzo 2011 CENTRO CONGRESSI CAMERA DI COMMERCIO DI ASCOLI PICENO REGOLAMENTO PER L USO La Camera di Commercio di Ascoli Piceno dispone di un Centro Congressi sito in Ascoli Piceno Via Cola D Amatrice nr. 21,23,25. Il Centro Congressi può ospitare congressi, convegni, seminari e incontri di contenuto culturale, scientifico, tecnico, economico e artistico. Il Centro Congressi è dotato di spazi verdi esterni adibiti a parcheggio: 100 posti macchina accessibili dai passi carrai di Via Firenze e Via Cola d Amatrice. La concessione per l uso del Centro Congressi è disciplinata dal presente Regolamento. Art. 1 Sale. 1) Le sale del Centro Congressi sono: Sala Congressi sala per 240 posti dotata di impianto di video- proiezione, videoconferenza, amplificazione, traduzione simultanea. Sala riunioni sala per 49 posti; Sala didattica sala per attività di formazione dotata di 6 postazioni di lavoro; Sala assaggio oli Art. 2 Utilizzo della Sala Congressi, della Sala riunioni e della Sala didattica. 1) L utilizzo delle sale deve essere richiesto, con domanda redatta su apposito modello (all. n. 1), scaricabile dal sito camerale e firmato dal legale rappresentante dell Ente, Associazione e Organizzazione richiedente. 2) La richiesta deve pervenire almeno 30 giorni prima della data prevista per l evento, salvo casi di particolare urgenza, rimessi alla prudente valutazione del Presidente. 3) L utilizzo da parte di persone dei locali ed impianti delle sale è subordinato allo specifico benestare della Camera di Commercio, da concedersi di volta in volta. 4) Il Presidente esamina la domanda per accertare la compatibilità dell evento con gli scopi del Centro e con gli altri impegni eventualmente già assunti e decide sull accoglimento della stessa entro 10 giorni dal ricevimento della richiesta. 5) La concessione per l uso di una o più sale si perfeziona quando la Camera di Commercio comunicherà al richiedente l accettazione. Tale comunicazione dovrà essere inviata almeno 20 giorni prima dell evento. Entro i dieci giorni successivi al ricevimento della lettera di accettazione della Camera di Commercio, il richiedente è tenuto ad inviare la seguente documentazione: a) dichiarazione relativa al rispetto delle norme di sicurezza (all. n. 2); b) copia della quietanza del versamento della somma prevista per l utilizzo della/e sala/e. Il pagamento deve essere effettuato tramite bonifico bancario a favore della Camera di Commercio di Ascoli Piceno.

2 Art. 3 Utilizzo della Sala Assaggio oli. 1) Per l utilizzo della Sala Assaggio Oli restano in vigore le disposizioni contenute nel Regolamento di utilizzo della Sala di assaggio degli oli, approvato dal Consiglio camerale con delibera n. 7 in data 30 luglio Art. 4 Arredamento e strutture. 1) Ciascuna sala è dotata di arredamento e strutture che devono rimanere nello stato in cui si trovano all atto della concessione. Eventuali esigenze di maggiori dotazioni in mobili (tavoli e sedie) o attrezzature, ovvero di modifiche nella disposizione standard, dovranno essere richieste all Ufficio Provveditorato il quale dovrà provvedere, prima della manifestazione, a fornire adeguato preventivo dei costi supplementari o a derogare tale attività allo stesso richiedente. 2) Il posizionamento di qualsiasi tipo di arredamento (in particolare stand, strutture mobili e cartellonistica) è soggetto alla preventiva approvazione dell Ufficio Provveditorato e dovranno essere rispettate le seguenti norme di sicurezza: lasciare libere le uscite di sicurezza, non occultare la segnaletica, gli idranti e gli estintori. Quanto non autorizzato sarà fatto rimuovere. Art. 5 Impianti, attrezzature e servizi di personale tecnico. 1) Per impianti e attrezzature si intendono gli apparati elettrici, idraulici e telefonici presenti nel Centro Congressi nonché i sistemi di amplificazione, videoproiezione e registrazione in dotazione. Tali attrezzature sono disponibili e utilizzabili, su specifica richiesta, soltanto tramite il personale incaricato dalla Camera di Commercio. 2) Ulteriori servizi per la manifestazione dovranno essere richiesti alla Camera di Commercio che provvederà a fornirli nei tempi e modi prescritti. Art. 6 Adempimenti del richiedente. 1) Il Richiedente dovrà munirsi a sua cura e sue spese di tutte le autorizzazioni e licenze previste per lo svolgimento della manifestazione, intendendosi esclusa in ogni caso la responsabilità della Camera di Commercio per eventuali omissioni o inosservanza a tali disposizioni. 2) Il richiedente è tenuto ad osservare i regolamenti e le norme di P.S., le norme di igiene nonchè le norme generali e particolari attinenti all organizzazione e all esercizio delle attività inerenti allo svolgimento della manifestazione. Art. 7 Assicurazioni. 1) Il Richiedente, per sé e per i propri aventi causa, espressamente esonera la Camera di Commercio da qualsiasi responsabilità (contrattuale o extracontrattuale) per manomissione, furto, incendio o danneggiamento di beni mobili, materiali o quant altro di sua proprietà o di proprietà di terzi che a qualsiasi titolo siano stati introdotti nei locali oggetto della concessione.

3 2) Il rischio di tali eventi è assunto in via esclusiva dal Richiedente, con sua facoltà di provvedere a propria cura e spese ad attivare e a mantenere operante per tutta la durata del rapporto una adeguata copertura assicurativa, inserendo nella polizza la rinuncia dell assicuratore ad ogni azione di regresso o di rivalsa verso terzi in genere e, in particolare, verso la Camera di Commercio ed i suoi dipendenti o collaboratori. Art. 8 Consegna locali, impianti, attrezzature. 1) I locali oggetto della concessione e relativi apparecchi e beni mobili vengono consegnati, salvo riserva scritta da parte del Richiedente, in perfetto stato di manutenzione e di funzionalità e in tale identico stato dovranno essere riconsegnati, vuoti da persone e cose, il giorno e l ora concordati. Art. 9 Responsabilità per la riconsegna di locali, impianti, attrezzature. 1) Il Richiedente è ritenuto direttamente responsabile di eventuali danni o danneggiamenti che dovessero riscontrarsi alle strutture, ai mobili e alle apparecchiature delle sale concesse, anche se causati dal pubblico presente in sala. Art. 10 Funzioni di sorveglianza e controllo. 1) Alla manifestazione prenderà parte personale della Camera di Commercio di Ascoli Piceno con funzioni di sorveglianza e di controllo per quanto riguarda le norme di sicurezza in generale, riferendo immediatamente al Provveditorato su eventuali gravi inosservanze delle norme regolamentari. 2) Nelle ore serali e nei giorni festivi, qualora il personale incaricato sia presente in qualità di addetto ai servizi di proiezione o di videoregistrazione, il Richiedente è tenuto ad avvalersi di personale proprio o di istituti di vigilanza per le funzioni di sorveglianza oppure richiedendo alla Camera di Commercio che provvederà a fornirgli le indicazioni per l utilizzo di tale servizio. Art. 11 Delega affidamento organizzazione a terzi. 1) Il Richiedente potrà affidare l organizzazione congressuale a un agenzia di servizi a condizione che quest ultima sia titolare di specifica delega comunicata alla Camera di Commercio ed assuma in solido con il Richiedente tutte le obbligazioni di comportamento previste dal presente regolamento. Art. 12 Rimborsi spese. 1) Il Richiedente dovrà corrispondere alla Camera di Commercio,prima dell evento, il pagamento di una somma a titolo di rimborso spese. Gli importi relativi ai rimborsi spese sono stabiliti dalla Giunta con apposito tariffario da deliberare dopo l entrata in vigore del presente regolamento, ovvero in caso di urgenza dal Presidente con propria determinazione ex art. 16 della Legge , n ) Il Presidente può esonerare il richiedente dal pagamento del rimborso spese, in casi eccezionali ed esclusivamente per eventi di particolare interesse della Camera di Commercio di Ascoli Piceno, con propria espressione di volontà all atto dell esame della domanda.

4 Art. 13 Foro competente. 1) Per qualsiasi controversia è competente il Foro di Ascoli Piceno.

5 All. 1 Al Presidente della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura Il/La sottoscritto/a nato/a il residente in (via) (città), tel., in qualità di Responsabile della seguente manifestazione in programma per il /i seguente/i giorno/i: il dalle ore alle ore ; il dalle ore alle ore ; il dalle ore alle ore ; il dalle ore alle ore ; Visto il vigente Regolamento per l uso del Centro Congressi della Camera di Commercio di Ascoli Piceno approvato con delibera di Consiglio n del CHIEDE di poter utilizzare, per i giorni sopra indicati, la/le seguente/i struttura/e del Centro Congressi della Camera di Commercio di Ascoli Piceno sito in Via Cola d Amatrice 21, 23, e 25: Sala Congressi sala per 240 posti dotata di impianto di video-proiezione, videoconferenza, amplificazione, traduzione simultanea; Sala Riunioni sala per 49 posti; Sala Didattica Sala assaggio oli (barrare la sala che si desidera prenotare) A tal fine dichiara che - il contenuto della manifestazione sarà il seguente: - che per lo svolgimento della manifestazione occorrono i seguenti allestimenti e servizi particolari: videoproiezione; collegamento in videoconferenza; n. postazioni traduzione simultanea; necessità di ingresso nel Centro Congressi in giorni precedenti alla manifestazione per esigenze organizzative delle seguenti persone: altro, lì (firma)

6 All. 2 Oggetto: Concessione in uso del Centro Congressi di Ascoli Piceno. Spett.le CAMERA DI COMMERCIO DI ASCOLI PICENO Via L. Mercantini ASCOLI PICENO Il/la sottoscritto/a nato/a a il residente a Via nella sua qualità di legale rappresentante.. dell'ente , con sede in.., Via, con riferimento alla richiesta del.... di concessione dell'utilizzo del Centro Congressi di Ascoli Piceno per il/i giorno/i.., dalle ore... alle ore...., ferma restando la propria responsabilità nell osservanza delle norme per la prevenzione e la gestione delle situazioni di emergenza, dichiara sotto la propria responsabilità di: a) aver preso visione e di accettare le condizioni generali previste agli artt. 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9 e 10 del Regolamento per l uso del Centro Congresso; b) aver effettuato un accurato sopralluogo in tutti i locali del Centro Congressi; c) aver pianificato le procedure da attuare in caso di emergenza, ed in particolar modo quelle volte a garantire la rapida e ordinata evacuazione dei presenti, e di impegnarsi alla loro stretta osservanza; d) aver preso diretta visione della collocazione dei presidi antincendio e di sicurezza, della segnaletica di sicurezza e delle vie di esodo, nonché delle relative modalità di uso; e) impegnarsi al rispetto del tassativo divieto di fumo in tutti i locali del Centro Congressi, e di avere all uopo organizzato specifici controlli; f) essere a conoscenza che i locali del Centro Congressi sono dotati di Certificato di Prevenzione Incendi e che il loro uso è condizionato dalla presenza di un servizio per le emergenze che deve essere predisposto a cura del soggetto richiedente; g) essere a conoscenza che per la sorveglianza e per il pronto intervento in caso di emergenza devono essere previsti addetti alla prevenzione e lotta antincendio, al pronto soccorso nonché all evacuazione, in numero adeguato al numero massimo di persone complessivamente presenti, consapevole del fatto che la CCIAA di Ascoli Piceno ha facoltà di prescrivere un adeguata integrazione del numero e/o delle caratteristiche degli addetti alle emergenze in caso di manifestazioni particolarmente affollate e/o con presenza prevedibile di persone disabili, che utilizzano sedie a rotelle o con mobilità ridotta, con arti fratturati, con vista o udito menomato o limitato, anziane, donne in stato di gravidanza, bambini, come specificato nella tabella sotto riportata. Pertanto la formazione specifica degli Addetti è sottoposta alla Vs. attenzione mediante l acclusa documentazione composta di: - copia dell attestato di partecipazione a specifico corso di formazione e addestramento per addetti alla prevenzione e lotta antincendio in luoghi a rischio d'incendio elevato (corso c, all. IX, D.M. 10/03/1998), effettuato in data non antecedente i 3 anni; - copia attestato di partecipazione a specifico corso di formazione e addestramento in materia di primo soccorso e salvataggio, tenuto da personale medico ai sensi del D.M. 15/07/2003 n. 388 della durata di 16 ore, ed effettuato in data non antecedente i 3 anni; h) obbligarsi a predisporre addetti alle emergenze in numero di. addetti antincendio e in numero di.. addetti al pronto soccorso, indicando anche il nominativo del Coordinatore delle emergenze, secondo il criterio di cui al capo precedente, mediante ricorso a personale proprio o della Ditta....., consapevole che gli addetti

7 alle emergenze, compreso il Coordinatore delle emergenze, devono possedere le qualifiche di Addetto all antincendio e all evacuazione e di Addetto al pronto soccorso di cui agli artt. 45 e 46 del D.Lgs. n. 81/2008. e che sono stati informati, formati e addestrati ai sensi della vigente normativa; a tal fine, in caso di indisponibilità di personale proprio avente le caratteristiche prima descritte, il richiedente si obbliga a proprie cure e spese a conferire preventivamente apposito incarico alla suddetta Ditta per il numero di addetti indicati ai sensi del paragrafo precedente, secondo le condizioni riportate nella vigente convenzione, e di inviarvi tempestivamente copia dell incarico (al fax n ); i) essere a conoscenza che per disposizione dell autorità preposta (Vigili del Fuoco), l affollamento massimo non può superare il numero complessivo, compresi relatori, artisti, assistenti, personale di servizio, ecc., di: a) 240 (duecentoquaranta) persone per la Sala Congressi; b) 49 (quarantanove) persone per la Sala Riunioni; dichiara pertanto di obbligarsi al rispetto di tale limite inderogabile con assunzione diretta e totale di responsabilità; j) essere consapevole che le spese per servizi relativi alla gestione dell emergenza e della sicurezza, nonché alla vigilanza saranno a completo carico del richiedente, lasciando in carico alla CCIAA i soli oneri per la gestione degli impianti. Il sottoscritto dichiara ed espressamente accetta che la manifestazione avrà termine alle ore 24:00 della data sopra indicata, e pertanto è consapevole che il Centro Congressi verrà chiuso entro e non oltre tale ora. Il sottoscritto dichiara che la manifestazione avrà per oggetto e che è prevista la partecipazione di un n. totale di persone pari a....., compreso il personale addetto; fra i partecipanti previsti stima inoltre la presenza delle sottoindicate categorie, per ciascuna delle quali è indicato il numero di persone nell apposita colonna della tabella seguente: Categoria presente (barrare le caselle corrispondenti) persone disabili persone su sedie a rotelle, a mobilità ridotta o impedita, con arti fratturati persone con capacità visiva ridotta o impedita persone con capacità uditiva ridotta o impedita persone anziane donne in stato di gravidanza bambini (fino a 15 anni) n. persone Il sottoscritto chiede inoltre l autorizzazione per installare i seguenti impianti/attrezzature:......, lì... (firma)

8 Contributi per spese dovuti per l uso delle Sale del Centro Congressi: A1) Contributi per spese ordinari Lunedì/Venerdì Sala Congressi A. Scipioni Sala riunioni Sala didattica A2) Contributi per spese ordinari Sabato Sala Congressi A. Scipioni Sala riunioni Sala didattica A3) Contributi per spese ordinari Domenica Sala Congressi A. Scipioni Sala riunioni Sala didattica B1) Contributi per spese agevolati per particolari categorie di utilizzatori (Comuni della provincia di Ascoli Piceno, Provincia e Regione; Associazioni di categoria Imprenditoriali; Associazioni sindacali) Lunedì/Venerdì Sala Congressi A. Scipioni Sala riunioni Sala didattica

9 B2) Contributi per spese agevolati per particolari categorie di utilizzatori (Comuni della provincia di Ascoli Piceno, Provincia e Regione; Associazioni di categoria Imprenditoriali; Associazioni sindacali) Sabato Sala Congressi A. Scipioni Sala riunioni Sala didattica B3) Contributi per spese agevolati per particolari categorie di utilizzatori (Comuni della provincia di Ascoli Piceno, Provincia e Regione; Associazioni di categoria Imprenditoriali; Associazioni sindacali) Domenica Sala Congressi A. Scipioni ,5 Sala riunioni Sala didattica

CENTRO CONGRESSI INTERNAZIONALE SALERNO INCONTRA REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEI SERVIZI CONGRESSUALI

CENTRO CONGRESSI INTERNAZIONALE SALERNO INCONTRA REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEI SERVIZI CONGRESSUALI Camera di Commercio Salerno Intertrade Estero Marketing Territoriale CENTRO CONGRESSI INTERNAZIONALE SALERNO INCONTRA REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEI SERVIZI CONGRESSUALI Le presenti Condizioni Generali regolano

Dettagli

ART. 1 - CASI DI POSSIBILE UTILIZZO

ART. 1 - CASI DI POSSIBILE UTILIZZO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE SALE RIUNIONI DI PROPRIETA' DELL'ENTE ART. 1 - CASI DI POSSIBILE UTILIZZO 1. La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Campobasso, compatibilmente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA RIUNIONI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA RIUNIONI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA RIUNIONI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI Premessa La Camera di Commercio di Cagliari, compatibilmente con le proprie esigenze, mette a disposizione

Dettagli

SOMMARIO ART. 1 - UTILIZZO DELLE SALE...2 ART. 2 - DESCRIZIONE SALE...2 ART. 3 - PRESCRIZIONI NORMATIVE...3 ART. 4 - MODALITA DI UTILIZZO...

SOMMARIO ART. 1 - UTILIZZO DELLE SALE...2 ART. 2 - DESCRIZIONE SALE...2 ART. 3 - PRESCRIZIONI NORMATIVE...3 ART. 4 - MODALITA DI UTILIZZO... REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE DI RAPPRESENTANZA DELLA CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI PORDENONE IN DISPONIBILITA PER CONVEGNI, MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE DIVERSE SOMMARIO ART. 1 - UTILIZZO

Dettagli

Regolamento per la concessione in uso della Sala Conferenze del Centro Documentazione di ARPA Sicilia

Regolamento per la concessione in uso della Sala Conferenze del Centro Documentazione di ARPA Sicilia Regolamento per la concessione in uso della Sala Conferenze del Centro Documentazione di ARPA Sicilia PREMESSA Il Direttore Generale dell Agenzia Regionale per l Ambiente della Sicilia ha approvato il

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI

COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI 1 INDICE GENERALE: Art. 1 OGGETTO DEL DISCIPLINARE Art. 2 STRUTTURE Art. 3 SOGGETTI Art. 4 RICHIESTA

Dettagli

- REGOLAMENTO DI CONCESSIONE IN USO DELLA SALA CONFERENZE DELL ORDINE- Revisione n. 1. Allegato alla DELIBERA N. 520 del 24.10.2006. Art.

- REGOLAMENTO DI CONCESSIONE IN USO DELLA SALA CONFERENZE DELL ORDINE- Revisione n. 1. Allegato alla DELIBERA N. 520 del 24.10.2006. Art. - REGOLAMENTO DI CONCESSIONE IN USO DELLA SALA CONFERENZE DELL ORDINE- Revisione n. 1 Allegato alla DELIBERA N. 520 del 24.10.2006 Art. 1 La Sala Conferenze dell Ordine dei Medici chirurghi e Odontoiatri

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL CINEMA - TEATRO COMUNALE CASA DEL POPOLO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL CINEMA - TEATRO COMUNALE CASA DEL POPOLO C O M U N E DI B E L L A N O PROVINCIA DI LECCO C.A.P. 23822 TEL. 0341-82.11.24 FAX 0341-82.08.50 CODICE FISCALE E PARTITA I.V.A. 00563380138 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL CINEMA - TEATRO COMUNALE CASA

Dettagli

La Sala Convegni non può essere concessa a soggetti che perseguono interessi particolari e cioè a partiti ed organizzazioni politiche.

La Sala Convegni non può essere concessa a soggetti che perseguono interessi particolari e cioè a partiti ed organizzazioni politiche. Prontuario per la gestione della Sala Convegni della Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona (adottato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 5 settembre 2007) Art. 1 Premessa La Sala Convegni

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE

REGOLAMENTO AZIENDALE REGOLAMENTO AZIENDALE Utilizzo Sale Convegni e Riunioni Approvato con delibera N. del Articolo 1-Scopi e ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina la concessione in uso e l utilizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE ORGANIZZATE DALLA RTC FIERE

REGOLAMENTO GENERALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE ORGANIZZATE DALLA RTC FIERE REGOLAMENTO GENERALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE ORGANIZZATE DALLA RTC FIERE Art. 1 AMMISSIONE ALLA FIERA Possono essere ammessi come espositori: a) Le aziende italiane ed estere

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE SALE CONFERENZE. Approvato con deliberazione di C.C. n. 62 del 29/04/2011

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE SALE CONFERENZE. Approvato con deliberazione di C.C. n. 62 del 29/04/2011 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE SALE CONFERENZE Approvato con deliberazione di C.C. n. 62 del 29/04/2011 In vigore dal 01/06/2011 1 INDICE ART. 1 OGGETTO ART. 2 DISPOSIZIONI GENERALI ART. 3 MODALITÀ DI

Dettagli

DIPARTIMENTO INTERISTITUZIONALE. Regolamento per l utilizzo del servizio gestione degli spazi, degli eventi formativi e di promozione della ricerca

DIPARTIMENTO INTERISTITUZIONALE. Regolamento per l utilizzo del servizio gestione degli spazi, degli eventi formativi e di promozione della ricerca DIPARTIMENTO INTERISTITUZIONALE Regolamento per l utilizzo del servizio gestione degli spazi, degli eventi formativi e di promozione della ricerca Università degli Studi di Firenze Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

CONTRATTO DI CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO A TITOLO ONEROSO TRA

CONTRATTO DI CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO A TITOLO ONEROSO TRA CONTRATTO DI CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO A TITOLO ONEROSO TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE (di seguito l UNIVERSITÀ ), con sede legale in Napoli, alla Via Ammiraglio F. Acton n. 38,

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle sale dell Unione Valdera da parte di Enti Terzi

Regolamento per l utilizzo delle sale dell Unione Valdera da parte di Enti Terzi Regolamento per l utilizzo delle sale dell Unione Valdera da parte di Enti Terzi ARTICOLO 1: Oggetto 1. Il presente regolamento individua i criteri generali per la in uso temporaneo degli ambienti a disposizione

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MOD. OT/20

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MOD. OT/20 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MOD. OT/20 Domanda di riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 20 delle Modalità di Applicazione delle Tariffe dei Premi (D.M. 12.12.2000) nei primi due anni

Dettagli

Domanda di riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 20 MAT e domanda di riduzione del premio ai sensi della Legge 147/2013.

Domanda di riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 20 MAT e domanda di riduzione del premio ai sensi della Legge 147/2013. Nota 9 maggio 2014, n. 3266 Domanda di riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 20 MAT e domanda di riduzione del premio ai sensi della Legge 147/2013. Modulo di domanda Come noto (NOTA

Dettagli

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEL CENTRO INCONTRI E DELLA SALA MOSTRE E CONFERENZE

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEL CENTRO INCONTRI E DELLA SALA MOSTRE E CONFERENZE Medaglia d'oro al Valore Civile DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEL CENTRO INCONTRI E DELLA SALA MOSTRE E CONFERENZE (Approvato con DGP n. 207 del 31/5/2010 modificato con DGP n. 30 del 18/2/2014, Deliberazioni

Dettagli

SALA CONFERENZE CENTRO DIDATTICO DOMENICO MALMERENDI

SALA CONFERENZE CENTRO DIDATTICO DOMENICO MALMERENDI Allegato A COMUNE DI FAENZA Assessorato alla Cultura SALA CONFERENZE CENTRO DIDATTICO DOMENICO MALMERENDI DISCIPLINARE D USO SERVIZIO CULTURA ART. 1 DESTINAZIONE D'USO 1. La Sala Conferenze, ubicata all

Dettagli

- per palchi (o pedane) con altezza superiore a m. 0,80, anche se riservati agli artisti

- per palchi (o pedane) con altezza superiore a m. 0,80, anche se riservati agli artisti RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA MANIFESTAZIONE PUBBLICA OCCASIONALE Il/La sottoscritto/a, in qualità di responsabile dell organizzazione, in merito alla manifestazione pubblica occasionale in programma in

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA CONVEGNI DEL MUSEO D ARTE MODERNA VITTORIA COLONNA (CON PROSPETTO TARIFFE E MODULISTICA)

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA CONVEGNI DEL MUSEO D ARTE MODERNA VITTORIA COLONNA (CON PROSPETTO TARIFFE E MODULISTICA) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA CONVEGNI DEL MUSEO D ARTE MODERNA VITTORIA COLONNA (CON PROSPETTO TARIFFE E MODULISTICA) AGGIORNATO AL 12 OTTOBRE 2009 1 Art. 1 - Oggetto Il presente regolamento ha

Dettagli

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi La sicurezza sui luoghi di lavoro Norme di sicurezza per costruzione e gestione impianti sportivi Ing. Luca Magnelli Firenze 19 ottobre 2010 D.M. 18 marzo

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

COMUNE DI PONTE NOSSA Provincia di Bergamo

COMUNE DI PONTE NOSSA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO per l utilizzo della SALA CONVEGNI del Centro Polifunzionale Approvato con Deliberazione di C.C. nr.31 del 30.9.2004 Pagina 1 Indice Sommario Art. 1 Concessione, finalità e divieti nell utilizzo

Dettagli

REGOLAMENTO E NORME TECNICHE ALLESTIMENTO SPAZI ESPOSITIVI

REGOLAMENTO E NORME TECNICHE ALLESTIMENTO SPAZI ESPOSITIVI REGOLAMENTO E NORME TECNICHE ALLESTIMENTO SPAZI ESPOSITIVI 1. CONSEGNA DEGLI SPAZI ESPOSITIVI Gli spazi espositivi saranno messi a disposizione degli Espositori per l'introduzione e la sistemazione dei

Dettagli

U.S.R. Decreto n. 3149 IL RETTORE

U.S.R. Decreto n. 3149 IL RETTORE U.S.R. Decreto n. 3149 IL RETTORE VISTO VISTO VISTA lo Statuto di Ateneo; il Regolamento per lo svolgimento di convegni, concerti, mostre e manifestazioni di particolare rilievo, organizzate da parte di

Dettagli

Procedura interna. Squadra Antincendio

Procedura interna. Squadra Antincendio Procedura interna Squadra Antincendio Roma, 01/2015 Rev.06/annuale Pagina 1 di 6 A.Orelli. Tel. 3387 RAPPORTO D INTERVENTO SQUADRA ANTINCENDIO Allegato 1. Registro delle N. attività: tale Del: registro

Dettagli

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa PIANO DI EMERGENZA INCENDIO Gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro MINISTERO DELL INTERNO - DECRETO 10 MARZO 1998 Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa CONSULENTE TECNICO Nome del tecnico Ordine provinciale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI SPAZI E SALE DI PROPRIETA DELLA PROVINCIA DI BRINDISI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI SPAZI E SALE DI PROPRIETA DELLA PROVINCIA DI BRINDISI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI SPAZI E SALE DI PROPRIETA DELLA PROVINCIA DI BRINDISI ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento disciplina l'uso temporaneo da parte di soggetti pubblici

Dettagli

Prot. n. 5276/C14 Prata di Pordenone, 17 novembre 2014

Prot. n. 5276/C14 Prata di Pordenone, 17 novembre 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO FEDERICO DA PRATA Prata di Pordenone Scuole Primaria e Secondaria di 1 grado Codice fiscale 80007050935 Direzione: Via Martiri della Libertà 32-33080 PRATA DI PORDENONE N. tel.0434/425211

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

Il sottoscritto residente in via tel. e-mail in qualità di dell Ente/Associazione/Organismo con sede in via partita IVA n. CHIEDE

Il sottoscritto residente in via tel. e-mail in qualità di dell Ente/Associazione/Organismo con sede in via partita IVA n. CHIEDE Alla Camera di Commercio I.A.A. Ufficio Segreteria, Affari generali e Relazioni con il Pubblico Via Avogadro, 4 28100 NOVARA Oggetto: Richiesta uso temporaneo sale camerali. Il sottoscritto residente in

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI SPAZI DEL COMPLESSO DI VILLA BURBA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI SPAZI DEL COMPLESSO DI VILLA BURBA ALLEGATO A REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI SPAZI DEL COMPLESSO DI VILLA BURBA Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente regolamento disciplina l uso temporaneo a titolo oneroso di alcuni spazi all

Dettagli

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.)

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.) Indice: 1. Quali sono le principali leggi di riferimento per gli adempimenti sicurezza sui luoghi di lavoro? 2. Quali sono le aziende che hanno l obbligo di adempiere a quanto previsto dal D.Lgs. 81/08?

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dell Aula Anfiteatro Giubileo 2000 e delle Aule ECM

Regolamento per l utilizzo dell Aula Anfiteatro Giubileo 2000 e delle Aule ECM Rev. 2 del 25/07/2014 Regolamento per l utilizzo dell Aula Anfiteatro Giubileo 2000 e delle Aule ECM Art. 1 - Finalità e concessione a titolo gratuito e oneroso Compatibilmente con le esigenze istituzionali

Dettagli

REGOLAMENTO: Concessione in uso delle sale di proprietà comunale. Istituzione tariffe

REGOLAMENTO: Concessione in uso delle sale di proprietà comunale. Istituzione tariffe REGOLAMENTO: Concessione in uso delle sale di proprietà comunale. Istituzione tariffe Approvato con deliberazione n.010/cc del 27.02.2006 - - Approvazione tariffe: v. rif.to a deliberazione n.214/g.c.

Dettagli

Prot. n. 485 Palmi, 19/01/2015. AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL R.S.P.P. (Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione)

Prot. n. 485 Palmi, 19/01/2015. AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL R.S.P.P. (Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione) Ministero Istruzione Università e Ricerca ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI PALMI Via G. Guerrera 1, 89015 PALMI (RC) Tel. 0966/439137 Fax 0966/439136 Azienda Agraria e Convitto annessi Sezioni:

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 67 del 28/05/2010 I ND I C E art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento art. 2 - Funzioni

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO PROCEDURA DI SICUREZZA PER INDICE 1 Scopo 2 Campo di applicazione e funzioni coinvolte 3 Contenuti 4 Attività e responsabilità ALLEGATI 1 Scheda informativa di sicurezza 2 Modulo di verifica di idoneità

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER LA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI COMUNALI

R E G O L A M E N T O PER LA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI COMUNALI COMUNE DI REANA DEL ROJALE P R O V I N C I A D I U D I N E www.comune.reanadelrojale.ud.it R E G O L A M E N T O PER LA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI COMUNALI I N D I C E Art. 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2 CORSO di formazione per lavoratori ai sensi dell art. 37 del D.Lgs 81/08 e Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 Relatore: : Dott. Lazzaro Palumbo Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione Durata

Dettagli

Regolamento per la concessione in uso temporaneo di spazi e locali

Regolamento per la concessione in uso temporaneo di spazi e locali Regolamento per la concessione in uso temporaneo di spazi e locali INDICE pg Art. 1 - Oggetto del Regolamento 2 Art. 2 - Spazi disponibili 2 Art. 3 - Orari d uso 2 Art. 4 - Modalità di concessione degli

Dettagli

GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA ASSESSORATO DEMANIO E PATRIMONIO A.G.C. DEMANIO E PATRIMONIO DISCIPLINARE D USO PER LE SALE CONVEGNI. Art.

GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA ASSESSORATO DEMANIO E PATRIMONIO A.G.C. DEMANIO E PATRIMONIO DISCIPLINARE D USO PER LE SALE CONVEGNI. Art. DISCIPLINARE D USO PER LE SALE CONVEGNI Art. 1 La Regione Campania, compatibilmente con le esigenze dell amministrazione regionale, concede l'uso temporaneo delle Sale Convegni ad Enti, Associazioni, Istituti,

Dettagli

Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno

Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno PERICOLO: proprietà intrinseca di un fattore (attrezzature, sostanze, pratiche di lavoro ecc.) di poter causare danni RISCHIO: è la probabilità che si verifichino

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Padiglione 38. San Salvi FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Padiglione 38. San Salvi FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Padiglione 38 San Salvi FIRENZE 1 STRUTTURA Residenza Universitaria

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI DELL ORDINE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI DELL ORDINE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI DELL ORDINE Il Consiglio dell OMCeO Ve disciplina le modalità di utilizzo della sala riunioni dell Ordine, al fine di favorire e promuovere lo svolgimento di attività

Dettagli

SCRITTURA PRIVATA CONVENZIONE FRA LA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI ASCOLI PICENO E IL CONSORZIO UNIVERSITARIO PICENO

SCRITTURA PRIVATA CONVENZIONE FRA LA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI ASCOLI PICENO E IL CONSORZIO UNIVERSITARIO PICENO SCRITTURA PRIVATA ALLEGATO ALLA D.G. N. 15 DEL 10 FEBBRAIO 2014 CONVENZIONE FRA LA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI ASCOLI PICENO E IL CONSORZIO UNIVERSITARIO PICENO * * * L'anno

Dettagli

Comune di Melegnano Provincia di Milano

Comune di Melegnano Provincia di Milano Comune di Melegnano Provincia di Milano Piazza Risorgimento, 1 20077 Melegnano (MI) Tel. 02/982081 Fax 02/98208273 Cod. Fisc. Ente 84507510158 P. IVA 01763870159 REGOLAMENTO PER UTILIZZO DEGLI IMMOBILI

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

Provincia del Verbano Cusio Ossola REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D USO DI BENI MOBILI COMUNALI

Provincia del Verbano Cusio Ossola REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D USO DI BENI MOBILI COMUNALI CITTA DI VERBANIA Provincia del Verbano Cusio Ossola REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D USO DI BENI MOBILI COMUNALI approvato dal Commissario Straordinario, con i poteri del Consiglio Comunale, con Delibera

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIALE GRAMSCI FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIALE GRAMSCI FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIALE GRAMSCI FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Sede Amministrativa Viale Gramsci,

Dettagli

Provincia di Caserta DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER MANIFESTAZIONEOCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO E/O TRATTENIMENTO

Provincia di Caserta DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER MANIFESTAZIONEOCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO E/O TRATTENIMENTO VÉÅâÇx w ftç cü ávé Provincia di Caserta Bollo DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER MANIFESTAZIONEOCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO E/O TRATTENIMENTO Il/La sottoscritto/a Cognome Nome C.F. data di nascita Luogo

Dettagli

Approvato con Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 11 del 14/05/2014

Approvato con Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 11 del 14/05/2014 REGOLAMENTO PER L USO TEMPORANEO DEI LOCALI E DEI SERVIZI ACCESSORI IN GESTIONE AL CSF MONTEDOMINI PRESSO LE SEDI DI MONTEDOMINI ED EDUCATORIO IL FULIGNO Approvato con Delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

COMUNE DI STAFFOLO. SEGNALAZIONE di INIZIO ATTIVITA per l attività di Pubblico spettacolo / Trattenimento

COMUNE DI STAFFOLO. SEGNALAZIONE di INIZIO ATTIVITA per l attività di Pubblico spettacolo / Trattenimento COMUNE DI STAFFOLO SEGNALAZIONE di INIZIO ATTIVITA per l attività di Pubblico spettacolo / Trattenimento Data di Protocollo SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ai sensi degli articoli 68, 69 e

Dettagli

REGOLAMENTO CHE DISCIPLINA LA CONCESSIONE IN USO DELLA. SALA CONGRESSI De Angelis

REGOLAMENTO CHE DISCIPLINA LA CONCESSIONE IN USO DELLA. SALA CONGRESSI De Angelis REGOLAMENTO CHE DISCIPLINA LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA CONGRESSI De Angelis Il regolamento che si propone disciplina l uso della sala Congressi De Angelis dell Ordine degli Ingegneri della Provincia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI AULE E DI SPAZI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Art. 1 Finalità Il presente regolamento si propone di disciplinare e uniformare la concessione di aule e di spazi dell

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO. Art. 1 Campo di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO. Art. 1 Campo di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO Art. 1 Campo di applicazione Il regolamento si applica a tutte le attività istituzionali dell Università

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) Comune di Lugo Piazza dei Martiri n. 1 Lugo 48022 (RA) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) Ai sensi del: D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 - art. 26 Riferimento ai Servizi di accoglienza,

Dettagli

RICHIESTA ISCRIZIONE DITTA Oppure AGGIORNAMENTO DATI DELLA DITTA (Codice Ditta)

RICHIESTA ISCRIZIONE DITTA Oppure AGGIORNAMENTO DATI DELLA DITTA (Codice Ditta) N Protocollo Data registrazione Mod. A/06 CITTA DI TORINO Il ricevente RICHIESTA ISCRIZIONE DITTA Oppure AGGIORNAMENTO DATI DELLA DITTA (Codice Ditta) SPECIFICARE TIPOLOGIA ISTANZA ISCRIZIONE AGGIORNAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 20/05/2015) Art. 1 Individuazione dei locali L Amministrazione Comunale,

Dettagli

CONTRATTO DI CONCESSIONE PER LA GESTIONE DEL CAMPO DI DI.

CONTRATTO DI CONCESSIONE PER LA GESTIONE DEL CAMPO DI DI. CONTRATTO DI CONCESSIONE PER LA GESTIONE DEL CAMPO DI DI. L anno il giorno del mese di alle ore, in Rosignano Marittimo e nella Sede Comunale si sono costituiti i Signori: BROGI VINCENZO, nato a Rosignano

Dettagli

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2 Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 1.2 D.Lgs. 81/2008 Attuazione dell articolo 1 della Legge 123/2007, in materia

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO PORDENONE

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO PORDENONE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO PORDENONE Corsi di formazione e modalità di accertamento dell idoneità tecnica del personale incaricato a svolgere, nei luoghi di lavoro, mansioni di addetto alla prevenzione

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza Regolamento per la celebrazione dei matrimoni civili Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n xx del xx.xx.2014 1/9 INDICE Articolo 1 - Oggetto

Dettagli

Settore Amministrativo e Servizi alla Cittadinanza Piazza Eleonora d Arborea, 44 09170 ORISTANO PROTOCOLLO GENERALE CHIEDE

Settore Amministrativo e Servizi alla Cittadinanza Piazza Eleonora d Arborea, 44 09170 ORISTANO PROTOCOLLO GENERALE CHIEDE MARCA DA BOLLO 16,00 Al COMUNE di ORISTANO Settore Amministrativo e Servizi alla Cittadinanza Piazza Eleonora d Arborea, 44 09170 ORISTANO RICHIESTA DI CONCESSIONE D USO TEATRO ANTONIO GARAU SALA CONFERENZE

Dettagli

2 SOGGETTI BENEFICIARI

2 SOGGETTI BENEFICIARI Allegato a) BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO FINALIZZATI ALLA RIQUALIFICAZIONE E AL RILANCIO DI IMPRESE COMMERCIALI ESISTENTI NEL CENTRO STORICO DI REGGIOLO Art. 1 OGGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di SAN GIOVANNI LIPIONI (Provincia di CHIETI) Via Roma, 35-66050 SAN GIOVANNI LIPIONI (CH) * Codice Fiscale e Partita IVA: 00249220690 Telefono e Fax: 0873/952231-0873/952244 * Indirizzo E Mail:

Dettagli

MANIFESTAZIONI:AUTORIZZAZIONI PUBBLICO SPETTACOLO O INTRATTENIMENTO A CARATTERE TEMPORANEO

MANIFESTAZIONI:AUTORIZZAZIONI PUBBLICO SPETTACOLO O INTRATTENIMENTO A CARATTERE TEMPORANEO MANIFESTAZIONI:AUTORIZZAZIONI PUBBLICO SPETTACOLO O INTRATTENIMENTO A CARATTERE TEMPORANEO Lo svolgimento di pubblici spettacoli e manifestazioni a carattere temporaneo è soggetto ad autorizzazione del

Dettagli

GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA

GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA Delib. n. 1248-1.12.2009 N. 63021 P.G. OGGETTO: Area Sicurezza, Polizia Locale, Decentramento e Demografici. Settore Partecipazione e Decentramento. Casa delle Associazioni.

Dettagli

CITTÀ DI TAURISANO (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA CONFERENZE ANDRZEJ NOWICKI

CITTÀ DI TAURISANO (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA CONFERENZE ANDRZEJ NOWICKI CITTÀ DI TAURISANO (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA CONFERENZE ANDRZEJ NOWICKI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 40 del 29-11-2014 Art. 1 FINALITA'

Dettagli

Città di Novi Ligure

Città di Novi Ligure Città di Novi Ligure REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL TEATRO CIVICO PAOLO GIACOMETTI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 37 in data 5/6/2006. Articolo 1 Finalità Il Comune si avvale

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi LEZIONE # 2 Gestione della Prevenzione, D.Lgs. 81/08 SICUREZZA

Dettagli

CHIEDE Il rilascio dell autorizzazione di cui alla L.R. 20/1999 per il funzionamento del presidio sanitario sito a Pietra Ligure in Via :

CHIEDE Il rilascio dell autorizzazione di cui alla L.R. 20/1999 per il funzionamento del presidio sanitario sito a Pietra Ligure in Via : Marca da bollo 14,62 Al Signor Sindaco P.zza Martiri della Libertà 30 17027 PIETRA LIGURE Il sottoscritto... nato a.... Provincia di il.. residente in....... Provincia di in Via....... C.A.P. in qualità

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

COMUNE di AMALFI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA IBSEN

COMUNE di AMALFI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA IBSEN COMUNE di AMALFI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA IBSEN Art. 1 Titolo e gestione 1. Il Comune di Amalfi dispone della Sala congressi IBSEN in via dei Prefetturi e, nelle more di una decisione definitiva

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO ART. 1 - COMPITI 3 ART. 2 - COMPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i FORMAZIONE GENERALE Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i Indice 1. PREMESSA... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. VALUTAZIONE DEI RISCHI (ART. 28)... 2 4. I SOGGETTI DELLA PREVENZIONE IN AZIENDA...

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 110 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 110 EUR Località : Da definire PREISCRIZIONE AL CORSO DI AGGIORNAMENTO DELLA FORMAZIONE PER ADDETTI ALLA LOTTA E P Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 110 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato

Dettagli

MODALITA E CRITERI PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE DELL ISTITUZIONE BIBLIOTECHE

MODALITA E CRITERI PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE DELL ISTITUZIONE BIBLIOTECHE MODALITA E CRITERI PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE DELL ISTITUZIONE BIBLIOTECHE Adottata con Deliberazione del Consiglio di Amministrazione dell Istituzione Biblioteche nr. 40 del 03/09/2007 Art.

Dettagli

(su carta intestata dell Impresa)

(su carta intestata dell Impresa) (su carta intestata dell Impresa) OGGETTO: richiesta d iscrizione all elenco delle imprese qualificate da invitare per eventuali lavori ed acquisizioni di beni e servizi con procedura ad economia ai sensi

Dettagli

SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO I.R.P.E.T Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO (in attuazione degli articoli 16 ss. del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Regolamento per la concessione in uso dei locali comunali

Regolamento per la concessione in uso dei locali comunali Regolamento per la concessione in uso dei locali comunali Parte I: Disposizioni generali 1. Finalità L Amministrazione Comunale intende, con il presente regolamento, valorizzare l utilizzo delle sale comunali

Dettagli

COMUNE DI CORMÓNS APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 298 DELL'8/4/2002 COME MODIFICATO DALLA DELIBERAZIONE

COMUNE DI CORMÓNS APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 298 DELL'8/4/2002 COME MODIFICATO DALLA DELIBERAZIONE COMUNE DI CORMÓNS REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE TECNICA COMUNALE INCARICATA DI VERIFICARE L IDONEITA DEI LUOGHI E DEI LOCALI, SEDE DI PUBBLICO SPETTACOLO O TRATTENIMENTO

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria Varlungo

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA L ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE DIRITTI, DOVERI E SANZIONI PER I VARI SOGGETTI AZIENDALI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL

Dettagli

Prot. 4933/A-25 Cellino San Marco,18 novembre 2014

Prot. 4933/A-25 Cellino San Marco,18 novembre 2014 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA PUGLIA ISTITUTO COMPRENSIVO A. Manzoni VIA CASTELFIDARDO N. 70 7202O CELLINO SAN MARCO (BR) Codice Meccanografico:

Dettagli

DELL'ATTO DI NOTORIETA'

DELL'ATTO DI NOTORIETA' via iscritto in data incaricato dal Sig, in qualità di REDIGE LA SEGUENTE PERIZIA DI ASSEVERAMENTO SULL IMPIANTO ELETTRICO 1 via iscritto al della provincia di al N in data incaricato dal Sig, in qualità

Dettagli

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico SERVIZIO DI VIGILANZA E VERIFICA ACCESSI PER L ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO DI PADOVA * * * * * * CAPITOLATO

Dettagli

CITTA' di CHERASCO. Provincia di Cuneo

CITTA' di CHERASCO. Provincia di Cuneo CITTA' di CHERASCO Provincia di Cuneo UFFICIO DELLO STATO CIVILE tel. 0172 42 70 20 fax 0172 42 70 23 e-mail: anagrafe@comune.cherasco.cn.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

Dettagli

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO . Pag 1/8 PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA PALLOTTA S.P.A. EMESSO APPROVATO REVISIONE DATA FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA CdA CdA . Pag 2/8 1 INDIVIDUAZIONE DELLA AREE A RISCHIO NELL AMBITO DELLA

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO COMPITI DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) Ruolo del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (D. Lgs. 81/08) 1. Fatto salvo quanto

Dettagli

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili In presenza di disabili quali ulteriori avvertenze si debbono adottare riguardo la sicurezza antincendio? Il Ministero dell Interno

Dettagli

COMUNE DI LUCERA Provincia di Foggia

COMUNE DI LUCERA Provincia di Foggia COMUNE DI LUCERA Provincia di Foggia Settore II Servizio Pubblica Istruzione Ufficio Pubblica Istruzione - Cultura OBBLIGO DI PUBBLICITÀ DELLE INFORMAZIONI (art. 35 del D. Lgs. 14 marzo 2013, n. 33) DEFINIZIONE

Dettagli