ClaSARCH _ Valutazione economica del progetto _ prof. Ezio Micelli _ Studentesse: Diana Fiorella Zanetti Lisa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ClaSARCH _ Valutazione economica del progetto _ prof. Ezio Micelli _ Studentesse: Diana Fiorella 252391 Zanetti Lisa 252537"

Transcript

1 AREA DI S. BASILIO VALUTAZIONE DELLA FATTIBILITA ECONOMICA DEL PROGETTO ClaSARCH _ Valutazione economica del progetto _ prof. Ezio Micelli _ Studentesse: Diana Fiorella Zanetti Lisa

2 UNIVERSITA L Università di Architettura di Venezia ha l esigenza di realizzare nuovi spazi per attività a supporto dell attività didattica, quali: - Auditorium - Sala conferenze - Sala espositiva Entrambe queste attività rappresentano una voce passiva all interno del processo di realizzazione dell intervento. L Università decide allora di inserire, all interno del progetto, alcune attività collegate alle funzioni che il nuovo edificio ospiterà. Tali attività consentiranno di vendere porzioni dell immobile ottenendo quindi dei ricavi dall intervento. Le attività complementari sono: - Ristorante -Bar -Libreria esigenze ATTIVITA PRINCIPALI ATTIVITA COMPLEMENTARI - Auditorium: 500 posti - Sala conferenze: 100 posti - Sala espositiva: 350 mq - Spazi comuni - Ristorante: 100 posti - Bar: 200 mq - Libreria: 200 mq

3 DIVERSO RAPPORTO TRA I SOGGETTI strategie di realizzazione L UNIVERSITÀ REALIZZA DA SOLA L INTERO INTERVENTO SUL TERRENO DI SUA PROPRIETA L UNIVERSITÀ VENDE PARTE DEL TERRENO DI SUA PROPRIETÀ AD UN PRIVATO E CON I RICAVI DELLA VENDITA REALIZZERA PARTE DEL SUO PROGETTO. L UNIVERSITÀ DA IN CONCESSIONE L AREA AD UN PRIVATO CHE REALIZZA L OPERA E LA GESTISCE PER UN NUMERO DI ANNI TALI DA RIENTRARE DELL INVESTIMENTO INIZIALE PIU L UTILE DEL PROMOTORE.

4 1 UNICO SOGGETTO L UNIVERSITA prima strategia - ha la necessità di realizzare nuove strutture a supporto dell attività didattica - vuole aumentare il suo patrimonio immobiliare cercando di minimizzare i costi dell investimento - realizza l intervento con i soldi che ricava dalla vendita di alcune porzioni di edificio che possono essere vendute perché progettate con una certa autonomia funzionale

5 1 PLANIMETRIE Spazi che vengono venduti Spazi necessari all università Spazi di servizio, collegamento Mq da realizzare: mq Mq commerciali: 765 mq di ristorazione 354 mq di negozi Il progetto PLANIMETRIA PIANTA PIANO TERRA PIANTA PIANO PRIMO

6 1 NEGOZI DIMENSIONE 100 mq dimensione maggiore rispetto al taglio medio dei negozi a Venezia ma necessaria per l attività che deve contenere - Il valore di mercato dei negozi dipende: ATTIVITA redditività inferiore rispetto ad altre attività mercato sicuro rispetto alla posizione = - dall attività commerciale POSIZIONE vicina alle sedi dell università di architettura e Cà Foscari che garantisce una clientela sicura lungo la fondamenta sul Canale della Giudecca che da previsione del PRG diventerà il nuovo parco pubblico di Venezia grande vetrina sulla fondamenta + - dalla dimensione del negozio - dalla posizione di passaggio - dalla vetrina ricavi Valore di mercato VALORI MERCATO DEI NEGOZI Valore inimo Valore massimo Casi di studio Negozi di piccola dimensione sono maggiormente apprezzati dal mercato e quindi hanno valori di compravendita maggiori ,00 /mq

7 1 COSTO COSTRUZIONE L intervento prevede la realizzazione di superfici con caratteristiche simili alla tipologia : - Edificio Multisala cinematografica (D13) 720 mq (Auditorium, sala conferenze, hall) - Villa singola di pregio (A6) 661 mq (Bar, ristorante) costo di produzione - Fabbricato per uffici a pianta quadrata (D1) mq (Libreria, sala espositiva, spazi comuni) - Urbanizzazione complesso residenziale (I10) mq (Sistemazioni esterne) LIBRERIA SALA ESPOSITIVA SPAZI COMUNI SISTEMAZIONE ESTERNA TOTALE ATTIVITA AUDITORIUM SALA CONFERENZE BAR - RISTORANTE QUANTITA (mq) posti 661, , COSTO UNITARIO ( /mq) 8.210, , ,00 46,00 COSTO TOTALE ( ) , , , ,

8 1 Quantità Valore unitario Valore totale ricavi costo produzione Ricavi Bar - Ristorante 921, , ,00 Libreria 510, , ,00 Articolazione delle vendite (valori %) Totale ricavi R ,00 Costi Costo dell'area 0,00 0,00 0,00 Costo di costruzione Auditorium - Sala Conferenze 600, , ,00 Bar - Ristorante 661, , ,00 Libreria - Sala Espositiva - Spazi comuni 1.140, , ,00 Verde 2.520,00-45, ,00 Totale costo di costruzione ,00 Articolazione dei costi (valori %) Quantità Valore unitario Valore totale Oneri concessori Oneri di urbanizzazione primaria - secondaria ,00-20, ,00 Contributo sul costo di costruzione 2.575,00-16, ,00 Spese tecniche e generali 15% Cc ,00 Spese di commercializzazione 1% R ,00 Totale Costo di Produzione Cp ,00

9 1 COSTO COSTRUZIONE cronoprogramma

10 1 REALIZZAZIONE OPERA TIR 0,2% (+1,2%anno) VAN INTERVENTO ECONOMICAMENTE NON FATTIBILE piano economico finanziario piano economico finanziario

11 2 SEPARAZIONE DEL PROGETTO IL PRIVATO seconda strategia - acquista la quota di terreno necessaria per la realizzazione del suo progetto - sopraeleva di un piano il precedente progetto per sfruttare al massimo le potenzialità edificatorie dell area - il progetto contiene al suo interno funzioni legate a: ristorazione commercio direzionale

12 2 Area intervento Stazione FS Santa Marta San Sebastiano Piazzale Roma Strada carrabile Fermata vaporetto l intorno

13 2 Soggetti interessati - obiettivi Individuazione dei decisori chiave per l avvio del processo Proprietario Università di architettura Vuole massimizzare il valore della proprietà Vuole costruire l auditorium Promotore Soggetto privato Vuole massimizzare il suo profitto Pubblica amministrazione E interessata a promuovere lo sviluppo di quell area per dare avvio alla riqualificazione dell area sud-ovest di Venezia

14 2 Il P.R.G. di Venezia prevede la riorganizzazione dell area dello scalo di S.Basilio in forma di parco pubblico rimuovendo il collegamento ferroviario e carraio, conservando tuttavia la possibilità di attracco delle navi. In particolare nell area di intervento prevede: - la demolizione dei Magazzini Frigoriferi e la riedificazione di un nuovo edificio con: altezza < 10 mt volume complessivo < mc - l inserimento di destinazioni d uso compatibili con: uffici direzionali attrezzature per l istruzione attrezzature culturali attrezzature associative attrezzature ricreative p.r.g. attività manifatturiere residenza

15 2 SUPERFICI DA REALIZZARE quantità di progetto INTERVENTO PUBBLICO INTERVENTO PRIVATO INTERVENTO PUBBLICO-PRIVATO Superficie Altezza Volume Piano terra Auditorium 620,00 5, ,00 Bar 225,00 4,20 945,00 Ristorante 436,00 3, ,40 Negozio 101,00 3,60 363,60 Spazi comuni 260,00 3,40 884,00 Piano primo Uffici 700,00 3, ,00 Spazi comuni 100,00 3,40 340,00 Piano secondo Uffici 700,00 3, ,00 Spazi comuni 100,00 3,40 340,00 Totale 3.242,00 33, ,00 Opere esterne Sistemazione esterna 2.040,00 Verde pubblico 480,00

16 2 NEGOZI Ricavi FONTE DIRETTA: INTERVISTA AGLI AGENTI IMMOBILIARI NEGOZI Zona V. unitario Note Studio Gritti S. Marta su fondamenta Casa Venezia S. Marta valori medio bassi Centro Casa Venezia S. Marta ML Immobiliare S. Marta Doge Immobiliare S. Marta prezzo medio FONTE INDIRETTE: RIVISTE DI COMPRAVENDITA IMMOBILIARE NEGOZI Zona V.mercato Superficie V. unitario Note Professione casa S. Margherita /mese Grimaldi immobiliare Dorsoduro Restaurato Immobiliare Cera Castello FONTE INDIRETTE: RIVISTE DEL SETTORE RILEVAZIONI PREZZI DEL MERCATO IMMOBILIARE I SEMETRE 2005_NEGOZI Doppia vetrinadoppio ingresso Fonte QUARTIERE Minimo Massimo Osservatorio immobiliare Fiaip Dorsoduro 5.000, ,00 Il Consulente Immobiliare Venezia (semicentro) Agenzia del territorio Dorsoduro ovest (microzona 3) 3.100, ,00 Il valore di mercato dei negozi dipende: - dall attività commerciale - dalla dimensione del negozio - dalla posizione di passaggio - dalla vetrina Negozi di piccola dimensione sono maggiormente apprezzati dal mercato e quindi hanno valori di compravendita maggiori.

17 2 NEGOZI DIMENSIONE ATTIVITA POSIZIONE 100 mq dimensione maggiore rispetto al taglio medio dei negozi a Venezia ma necessaria per l attività che deve contenere redditività inferiore rispetto ad altre attività mercato sicuro rispetto alla posizione vicina alle sedi dell università di architettura e Cà Foscari che garantisce una clientela sicura lungo la fondamenta sul Canale della Giudecca che da previsione del PRG diventerà il nuovo parco pubblico di Venezia - = + Il valore di mercato della libreria si attesta su valori elevati data la vicinanza alle sedi universitarie e quindi la presenza di clientela certa. grande vetrina sulla fondamenta VALORI MERCATO DEI NEGOZI FREQUENZA DEI VALORI DI MERCATO DEI NEGOZI Ricavi Valore di mercato Valore inimo Valore massimo Casi di studio Frequenza 2 1,8 1,6 1,4 1,2 1 0,8 0,6 0,4 0, Valori di mercato 6.000,00 /mq

18 2 VALORE DELL AREA FONTI INDIRETTE: RIVISTE DI COMPRAVENDITA IMMOBILIARE Costo di produzione RESIDENZA Zona V.mercato Superficie V. unitario Note Professione casa S.Vio S. Sebastiano Zattere S. Giaccomo Dorsoduro Restaurato S. Marta Restaurato Antonia case Dorsoduro Cattolica S. Marta Luminoso buone condizioni Gaffaro Vista caratterstica Abitare Venezia S. Marta Restaurato Doge immobiliare Dorsoduro Dorsoduro FONTI INDIRETTE: RIVISTE DEL SETTORE RILEVAZIONI PREZZI DEL MERCATO IMMOBILIARE I SEMETRE 2005_RESIDENZA Fonte QUARTIERE Minimo Massimo Osservatorio immobiliare Fiaip Dorsoduro 4.200, ,00 Il Consulente Immobiliare Venezia (semicentro) Agenzia del territorio Dorsoduro ovest (microzona 3) 4.000, ,00 VALORE DI MERCATO RESIDENZA Valore Parametrico Frequenza 0, ,5 2 1, VALORI DI MERCATO RESIDENZA Casi di studio MODA DEI VALORI DELLA RESIDENZA Valori di mercato ,00 /mq

19 2 Costo di produzione SOGGETTI INTERESSATI QUALITA POSIZIONE IL MERCATO Studenti della Facoltà di Architettura. Maggiori standard impiantistici e confort rispetto ad un appartamento appena ristrutturato in un palazzo antico. Accesso all area tramite strada carraia. A Venezia centro il patrimonio immobiliare non riesce a soddisfare il mercato della residenza studentesca. Gli studenti sono disposti ad allontanarsi dal centro storico (Mestre, Giudecca) in caso di prezzi troppo elevati. VALORE DELL AREA Le valutazioni riportate in tabella mettono in evidenza delle condizioni favorevoli per la realizzazione di residenza in quest area, ma a ciò non corrisponde un adeguato aumento dei valori di mercato in quanto gli studenti potrebbero preferire zone periferiche che garantiscono prezzi più vantaggiosi. VALORE DI MERCATO DEL COSTRUITO ,00 /mq

20 2 VALORE DELL AREA INCIDENZA AREA Valore dell area Ia = Valore di mercato (1) Tale valore deve essere moltiplicato per 0,64 per ottenere il valore della nuda proprietà Ia: 40 % (1) in zona semicentrale Costo di produzione Ia = 40 % * 0,64 = 26 % Va ( /mq) = Vm ( /mq) * Ia = = 4.500,00 * 0,26 = 1.170,00 /mq edificabile = 354,55 /mc edificabile Tale valore tiene conto della località, della destinazione d uso e della posizione dell area rispetto al centro. A questo valore è necessario aggiungere i costi che il proprietario dell area ha dovuto sostenere per demolire i magazzini che insistevano sull area. Tale costo viene conteggiato all attualità in quanto rappresenta il costo che il privato dovrebbe sostenere se demolisse lui stesso i magazzini dopo l acquisto del terreno.

21 2 COSTO DI COSTRUZIONE Per la stima dei costi di costruzione si fa riferimento al Prezziario della tipografia del genio civile che fornisce i costi per Tipologie edilizie. Costo di produzione L intervento prevede la realizzazione di superfici con caratteristiche simili alla tipologia : Villa singola di pregio (A6) 661 mq (Bar, ristorante) Fabbricato per uffici a pianta quadrata (D1) mq (Libreria, uffici, spazi comuni) Urbanizzazione complesso residenziale (I10) 480 mq (Sistemazioni esterne) Collegio degli Ingegneri e Architetti di Milano Prezzi Tipologie Edilizie 2004

22 2 COSTO DI COSTRUZIONE Fabbricato per uffici a pianta quadrata (D1) QUANTITA - un cantinato destinato a locale impianto e depositi - un piano terreno a porticato con ingresso a guardiola - altri quattro piani a pianta aperta destinato a uso uffici - un vano scale-ascensori Costo di produzione CARATTERISTICHE OPERE EDILI - struttura portante in cemento armato: travi e pilastri - fondazione continua - tamponamento esterno: pannelli prefabbricati, coibentati, di calcestruzzo - serramenti esterni: di alluminio a taglio termico e vetrocamera completi di tapparelle in alluminio a lamelle orientabili, comandate elettricamente. - copertura: tetto piano a terrazza - controsoffitti: a doghe di alluminio per nascondere gli impianti - pavimento: ceramica - impianto condizionamento: tipo centralizzato con centrale termica e di condizionamento. L impianto ad aria primaria, con recupero e trattamento dell aria viziata, integrato da una rete di fan-coil 1.060,00 /mq

23 2 Libreria_piano terra COSTO DI COSTRUZIONE CARATTERISTICHE DELLA LIBRERIA CHE INCIDONO SUL COSTO COSTRUZIONE Costo di produzione Realizzazione dell opera a Venezia in zona accessibile con i veicoli Maggiori costi per scavi e fondazioni Infisso in vetro antisfondamento di grandi dimensioni che costituisce la vetrina del negozio sulla parete verso la fondamenta Il soffitto della libreria costituisce il pavimento degli uffici, ciò va a ridurre il costo delle impermeabilizzazioni Essendo la libreria al piano terra vengono meno le spese per l ascensore Finiture di buona qualità Cc = 1.060,00 * 1,55 = 1.643,00 /mq Totale +30% + 10,0% + 5,00% -0,5% -3,00% +10% + 57,5% (+55%) 1.643,00 /mq

24 2 ALTRE VOCI DI COSTO oneri concessori per commerciale e direzionale UFFICIO RILASCIO PERMESSO DI COSTRUIRE Comune di Venezia Costo di produzione Oneri di urbanizzazione primaria e secondaria Contributo sul costo di costruzione spese tecniche 20,00 /mc 16,00 /mq Tale voce di costo, in fase di stima preliminare, viene valutata come valore percentuale sul costo di costruzione ed è circa il 15% del costo di costruzione. spese di commercializzazione Le spese di commercializzazione nel settore immobiliare sono contenute e rappresentano il 2-3% dei ricavi.

25 2 piano economico finanziario REALIZZAZIONE OPERA Quantità Valore unitario Valore totale BIMESTRE Ricavi Bar - Ristorante 765, , , Libreria 101, , , Uffici 1.480, , , Articolazione delle vendite (valori %) Totale ricavi R , Costi Costo dell'area 3.150, , , Costo di costruzione Bar - Ristorante 661, , ,00 Libreria 101, , ,00 Uffici 1.860, , ,00 Sistemazione esterna 480,00-46, ,00 Totale costo di costruzione , Articolazione dei costi (valori %) 4,00 4,00 8,00 6,00 14,00 11,00 13,00 12,50 11,00 9,00 7,50 Oneri concessori Oneri di urbanizzazione primaria - secondaria ,00-20, , Contributo sul costo di costruzione 2.575,00-16, , Spese tecniche e generali 20% Cc , Spese di commercializzazione 3% R , Totale Costo di Produzione Cp , Saldo al netto degli Oneri Finanziari Coefficiente di attualizzazione 0,02 1,00 1,02 1,04 1,06 1,08 1,10 1,13 1,15 1,17 1,20 1,22 1,24 Saldi netti attualizzati Valore attuale netto ,94 TIR 4,8% TIR 4,8% (28% anno) VAN C area = 28% Ricavi INTERVENTO ECONOMICAMENTE FATTIBILE

26 2 SISTEMAZIONE ESTERNA Il promotore e la Pubblica amministrazione si accordano per la realizzazione delle opere a scomputo. Il promotore deve pertanto: - realizzare le opere di urbanizzazione per un valore equivalente rispetto all ammontare degli oneri di urbanizzazione primaria; - pagare la quota degli oneri di urbanizzazione secondaria e del contributo sul costo di costruzione. scomputo oneri oneri di urbanizzazione 40% oneri per urbanizzazione primaria: % oneri di urbanizzazione secondaria: Costo parametrico: 46,00 /mq Superficie: Costo totale: 46,00 * = REALIZZAZIONE DELLA PIAZZA Differenza tra costo da sostenere e costo sostenuto: =

27 2 Quantità Valore unitario Valore totale Ricavi Bar - Ristorante Libreria Uffici Articolazione delle vendite (valori %) Totale ricavi R PIANO ECONOMICO FINANZIARIO BIMESTRE Costi Costo dell'area Costo di costruzione Bar - Ristorante Libreria Uffici Sistemazione esterna Totale costo di costruzione Articolazione dei costi (valori %) Oneri concessori Oneri di urbanizzazione secondaria Contributo sul costo di costruzione Spese tecniche e generali 20% Cc Spese di commercializzazione 3% R ,00 4,00 8,00 6,00 14,00 11,00 13, ,50 11,00 9,00 4,00 1,50 2, scomputo oneri Totale Costo di Produzione Cp Saldo al netto degli Oneri Finanziari Coefficiente di attualizzazione 0,02 Saldi netti attualizzati Valore attuale netto TIR 4,9% ,00 1,02 1,04 1,06 1,08 1,10 1, TIR 4,9% (29%) VAN Il tir aumenta dell 1% rispetto alla soluzione con pagamento degli oneri ,15 1,17 1,20 1,22 1,24 1,

28 SEPARAZIONE DEL PROGETTO L UNIVERSITA seconda strategia - rinuncia ad una parte del suo progetto e realizza il solo auditorium - investe i soldi ricavati dalla vendita dell area al privato - chiede un finanziamento alla pubblica amministrazione

29 2 Soldi propri PIANO DI FINANZIAMENTO L università investe i soldi che ha ottenuto dalla vendita di parte del terreno di sua proprietà. Area venduta: mq Capacità edificatoria venduta: mq Valore parametrico: 1.240,00 /mq edificabile Ricavi = * 1.240,00 = ,00 Finanziamento comunale Il comune da un finanziamento a fondo perduto all università, per la realizzazione dell opera di interesse pubblico, per una quota pari alla somma degli oneri di urbanizzazione secondaria che riceve dai privati che riqualificano l area di S.Basilio e dei magazzini Ligabue. ricavi Volumetria totale dell area da riqualificare: mc Totale Oneri Urbanizzazione pagati al comune: * 20,00 = di cui il 60% rappresentano gli oneri di urbanizzazione secondaria: ,00

30 2 Piano economico finanziario Quantità Valore unitario Valore totale Fonti di finanziamento Vendita area 3.150, , ,00 Finanziamento pubblico ,00 Articolazione dei ricavi (valori %) Totale ricavi R ,00 Costi Costo dell'area / Costo di costruzione Auditorium 500, , ,00 Articolazione dei costi (valori %) Oneri concessori Oneri di urbanizzazione primaria - secondaria / Contributo sul costo di costruzione / Spese tecniche e generali 15% Cc ,00 Spese di commercializzazione / Totale Costo di Produzione Cp ,00 Saldo al netto degli Oneri Finanziari Coefficiente di attualizzazione 0,008 Saldi netti attualizzati Valore attuale netto ,44 TIR REALIZZAZIONE DELL OPERA BIMESTRE , , , , , , , , , , , , , , , ,00 0,10 0,20 0,25 0,25 0, , , , , , , , , , ,00 0,00 0,00 0,00 0, ,00 1,000 1,008 1,016 1,024 1,032 0,00 0,00 0,00 0, ,44 VAN INTERVENTO ECONOMICAMENTE NON FATTIBILE

31 3 CONCESSIONE l università - dà in concessione a titolo gratuito l area di sua proprietà al privato - invita il privato a realizzare l edificio con strutture che consentano di trasformare alcuni ambienti con costi limitati. terza strategia Il privato - riqualifica l area realizzando un edificio che contiene: uffici bar-ristorante negozi auditorium - prevede la possibilità di trasformare gli uffici in sala espositiva, piccole biblioteche di dipartimento o in altre funzioni che serviranno all università.

32 3 L affitto 2 MODELLI GESTIONALI ATTIVITA Bar-Ristorante Negozi Uffici COSTI Produzione Manutenzione straordinaria Gestione (pulizia spazi comuni) Manutenzione ordinaria SOGGETTI INTERESSATI Locatore Locatario Il progetto Gestione diretta del bene ATTIVITA Auditorium COSTI Produzione Manutenzione straordinaria Manutenzione ordinaria Gestione (pulizia personale luci riscaldamento etc ) SOGGETTI INTERESSATI Locatore

33 3 FONTE INDIRETTE: RIVISTE DI COMPRAVENDITA IMMOBILIARE Zona Affitto Superficie V. unitario Note Fenice 2.000,00 25,00 Forte passaggio 80,00 Ristrutturato Canereggio 700,00 20,00 35,00 Tolentini 1.250,00 28,00 44,64 Castello 670,00 50,00 Doppio ingresso 13,40 e vetrina S. Margherita 1.600,00 30,00 53,33 FONTE INDIRETTE: RIVISTE DI COMPRAVENDITA IMMOBILIARE Zona V.mercato Superficie V. unitario RL annuo RL mensile V unitario S. Margherita ,00 914,33 30,48 Dorsoduro ,00 600,00 25,00 Castello , ,00 20,00 NEGOZI I valore degli affitti è stato determinato: -analizzando i valori di affitto dei negozi - applicando un saggio di capitalizzazione pari al 4% sul valore di mercato degli immobili. FONTE DIRETTA: INTERVISTA AGLI AGENTI IMMOBILIARI ricavi Zona V. unitario Note RL annuo RL mensile S. Marta su fondamenta 320,00 26,67 S. Marta valori medio bassi 200,00 16,67 S. Marta ,00 23,33 S. Marta ,00 20,00 S. Marta prezzo medio 200,00 16,67 25,00 /mq mese 300,00 /mq anno

34 3 COSTO COSTRUZIONE Analisi di mercato hanno dimostrato che il progetto può essere competitivo nel mercato solo se ha prezzi di affitto in linea con gli affitti degli uffici della zona di S.Marta. Il promotore per mantenere un valore d affitto in linea con il contesto e ottenere un adeguato profitto è costretto ad abbassare il costo di costruzione, rinunciando ad uffici di ottima qualità per realizzare uffici di medio-alta qualità. ATTIVITA QUANTITA COSTO UNITARIO COSTO TOTALE (mq) ( /mq) ( ) costo produzione BAR - RISTORANTE LIBRERIA UFFICI AUDITORIUM SISTEMAZIONE ESTERNA SISTEMAZIONE ESTERNA TOTALE 661, posti , , , ,00 32,00 32,00 Opere a scomputo degli oneri urbanizzazione primaria , , , , , , ,00

35 3 Costi riferiti all intero progetto STRAORDINARIA Tipo di opera Cadenza Costo annuale OPERE EDILI Rifacimento copertura 25 anni Sostituzione pluviali 25 anni Pittura esterna 20 anni Costo manutenzione Rifacimento pavimenti Rifacimento rivestimenti bagni IMPIANTI Impianto idraulico Impianto termico Impianto condizionamento Opere murarie Impianto elettrico Sostituzione caldaia Totale Realizzazione dell opera a Venezia Totale 25 anni 25 anni 50 anni 50 anni 25 anni 50 anni 30 anni 15 anni 6,15 /mq anno +30% 8,00 /mq anno

36 3 Costi riferiti all auditorium ORDINARIA Costo manutenzione IMPIANTI Impianto idraulico: Impianto condizionamento: Impianto elettrico: Impianto antincendio: Impianto fognario Realizzazione dell opera a Venezia Maggior qualità dell edificio Totale 1,70 /mq anno +10% +10% 2,00 /mq anno

37 3 auditorium COSTO DI ESERCIZIO COSTO DI GESTIONE PULIZIA Pulizia due volte alla settimana dell auditorium e degli spazi accessori; il costo è comprensivo del materiale necessario per la pulizia. Costo pulizia Sistemazione della piazza esterna 3,00 /mq anno Costo gestione PERSONALE 1 persone all accoglienza 1 persone al guardaroba 1 tecnico specializzato RISCALDAMENTO- PRODUZIONE ACQUA CALDA SANITARIA-CONDIZIONAMENTO- ILLUMINAZIONE ,00 anno 1,50 /mq anno 0,5 /mc anno Costo personale Costo riscaldamento - condizionamento Costo illuminazione

38 3 Costi riferiti all intero progetto COSTO FISSO COSTO DI GESTIONE ASSICURAZIONE L assicurazione comprende la copertura di danni alle opere gestite, di responsabilità civile per danni alle persone, d incendio. SICUREZZA I costi della sicurezza comprendono il costo per la vigilanza notturna dell edificio. SFITTI INESIGIBILITA IMPOSTE 5,00 /mq anno 2% affitti 10% affitti Assicurazione Sicurezza Sfitti - Inesegibilità Costo gestione Imposte

39 3 GESTIONE PER 25 ANNI Piano economico finanziario TIR 8,6% VAN INTERVENTO ECONOMICAMENTE NON FATTIBILE se il promotore investe solo soldi propri

40 3 LEVA FINANZIARIA Tale strategie permette, Rendimento sul capitale proprio: 12% Rendimento sul capitale a debito: 5% all aumentare dell indebitamento, di : Modalità finanziamento Capitale Proprio Capitale a debito Rendimento investimento Rendimento capitale proprio ,0% 8,6% ,3% 9,0% ,6% 9,5% ,9% 10,1% ,2% 11,0% ,5% 12,2% ,8% 14,0% Saggio di attualizzazione dell investimento che garantisce un ritorno sul capitale proprio pari al 12% Saggio di rendimento sul capitale proprio al variare del rapporto di indebitamento - ridurre il saggio di attualizzazione dell investimento mantenendo costante il rendimento sul capitale proprio (aumenta il nr. di progetti economicamente fattibili) - aumentare il rendimento sul proprio capitale perché aumenta la porzione di capitale che viene remunerata con un saggio pari al 5%; tale saggio è nettamente inferiore al rendimento che il privato vuole ottenere sul proprio capitale.

41 3 GESTIONE PER 25 ANNI Piano economico finanziario TIR 8,6% VAN ,00 INTERVENTO ECONOMICAMENTE FATTIBILE se il promotore investe nel progetto - il 50% di soldi propri - il 50% soldi a prestito

42 3 Piano economico finanziario ANALISI DI SENSITIVITA Si ritiene opportuno in questa fase di analisi, dato il poco margine di fattibilità del progetto, fornire al promotore delle analisi di sensibilità su alcuni elementi che si ritengono critici. Tali analisi consentono di verificare fino a che punto un determinato parametro può variare senza mettere in crisi la tenuta finanziaria del progetto. In questo progetto si ritiene corretto effettuare le analisi su: - COSTO DI COSTRUZIONE che potrebbe aumentare fino al 20% su un progetto esecutivo rispetto alla stima fatta in fase iniziale su un progetto preliminare se la stima è stata eseguita in maniera poco accurata. - RICAVI DELLA GESTIONE che potrebbero diminuire, se non si attiva il meccanismo di riqualificazione dell area del porto con la trasformazione degli attuali magazzini Ligabue in uffici, fino al 10% avendo stimato in maniera cautelativa i ricavi - COSTO DI ESERCIZIO tale voce di costo viene stimato prendendo a riferimento un analisi dettagliata effettuata in un edificio campione, dato che non si possono reperire valori dalla letteratura, ciò potrebbe portare della variazioni di costo in funzione delle modalità d uso dell auditorium. Si ipotizza che tale costo possa variare al massimo +20% + 30%

43 3 Analisi di sensitività RICAVI Variazione RICAVI EFFETTIVI VAN TIR Variazione 0% , ,00 8,6%.- 5% , ,00 7,9% -8,1%.- 6% , ,00 7,7% -10,5%.- 10% , ,00 7,2% -16,3% Soglia di tenuta del progetto 9,0% 8,6% 8,5% 7,9% 8,0% 7,7% 7,5% 7,2% 7,0% 6,5% 0%.- 5%.- 6%.- 10% -8,1% -10,5% - 16,5% RICAVI Il grafico evidenzia che i ricavi non possono scendere al di sotto del 5% altrimenti l intervento non è più fattibile anche con un indebitamento del 60%. Tale variazione limita fortemente la tenuta del progetto perché una diminuzione del 10% dei ricavi causa una diminuzione dei tir quasi del doppio. E importante ricordare che la stima dei ricavi è stata svolta in maniera cautelativa date le particolari caratteristiche dell area che da oggi a 25 anni potrebbero solo migliorare data la bassa qualità dell area in cui andrà a sorgere il progetto. Una diminuzione dei ricavi fino al 5%, che garantisce ancora la fattibilità del progetto, tutela anche il promotore. VARIAZIONE % RICAVI VARIAZIONE % TIR

44 TERZA STRATEGIA La terza strategia consente di raggiungere gli obiettivi di entrambi i soggetti che partecipano al progetto l università e il promotore privato. UNIVERSITA - da in concessione a titolo gratuito l area di sua proprietà ad un privato che realizza l auditorium e dei locali accessori che gli consentono di rendere il progetto economicamente fattibile - in cambio ottiene l uso gratuito dell auditorium - dopo 25 anni diventa proprietaria di tutti gli immobili, costruiti dal privato nella sua area, che può trasformare con costi bassi in sala conferenze, sala espositiva ed eventuali biblioteche o aule studio come prevedeva il progetto iniziale che l università voleva realizzare. conclusioni IL PRIVATO - realizza bar-ristorante-uffici che affitta e l auditorium che gestisce per 25 anni - alla fine di tale periodo il privato ottiene un profitto in linea con il livello di rischio che sostiene investendo capitale proprio e capitale di debito - tale risultato è raggiungibile facendo particolare attenzione nella gestione: - dei costi di costruzione che possono aumentare fino al 7% - dei valori di vendita che possono scendere fino al 5% Il promotore potrà quindi realizzare l intervento solo se nella zona c è interesse da parte di altri soggetti di riqualificare l area investendo dei soldi per la ristrutturazione dei magazzini del porto; solo così l area acquista importanza e quindi il valore di mercato degli immobili realizzati sono tali da giustificare l investimento privato.

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e "Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta" Bob Proctor (Fondatore e Presidente di Life Success Productions) STANDARDS INTERNAZIONALI DI VALUTAZIONE IL COST APPROACH Il Cost Approach

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

RESIDENZIALE : CON ALTEZZA LORDA INTERPIANO DI M. 3

RESIDENZIALE : CON ALTEZZA LORDA INTERPIANO DI M. 3 Livorno, 19/04/2007 Oggetto : PROSPETTO DEI CONTRIBUTI CONCESSORI - INTERVENTI VIA MEYER L.R.1/05 ELEMENTI DI VALUTAZIONE: Il calcolo dei contributi concessori e stato effettuato sulla base della presumibile

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Contenuto ed ambito del Regolamento Edilizio

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Contenuto ed ambito del Regolamento Edilizio TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Contenuto ed ambito del Regolamento Edilizio 1. Ogni attività che comporta trasformazione, anche temporanea, urbanistica ed edilizia del territorio comunale, è disciplinata

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli www.metrawindows.it PERSIANA SCORREVOLE Sistemi oscuranti METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA

Dettagli

Provincia di Siena ANNO 2015 DA APPLICARE ALLE RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, SCIA E CILA DEPOSITATE SUCCESSIVAMENTE AL GIORNO 20/04/2015

Provincia di Siena ANNO 2015 DA APPLICARE ALLE RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, SCIA E CILA DEPOSITATE SUCCESSIVAMENTE AL GIORNO 20/04/2015 AREA TECNICA Responsabile dell Area: Dott. Urbanista Luigi Pucci ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA COSTO DI COSTRUZIONE DA APPLICARE ALLE RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, SCIA E CILA DEPOSITATE

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere.

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere. La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere Obiettivi

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA

VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA LA MODERNA VIA URBANA RICALCA IL PERCORSO DI UN ANTICA STRADA ROMANA (IL VICUS PATRICIUS), SEDE DI RESIDENZE PATRIZIE DI EPOCA REPUBBLICANA E IMPERIALE, A CUI SI ALTERNAVANO

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE . REGIONE SICILIA COMUNE DI VITTORIA Provincia di Ragusa REVISIONE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ARCH. NUNZIO BARONE (Capogruppo) ARCH. EMILIO GIANSANTI ING. EMANUELE GULINO

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Determinazione VALORE AREE EDIFICABILI AI FINI.I.C.I. Relazione. Comune di Borgo a Mozzano. Provincia di Lucca SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO

Determinazione VALORE AREE EDIFICABILI AI FINI.I.C.I. Relazione. Comune di Borgo a Mozzano. Provincia di Lucca SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO Comune di Borgo a Mozzano Provincia di Lucca SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO Responsabile Funzionario Direttivo (Geom. Alessandro Brunini) Istruttore Tecnico (Geom. Massimo Vergamini Borgo a Mozzano, Marzo

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

VUOI VENIRE AL MARE DA NOI?

VUOI VENIRE AL MARE DA NOI? VUOI VENIRE AL MARE DA NOI? copia omaggio www.vacanzemizar.it 2 PRENOTA OGGI STESSO LE TUE MERAVIGLIOSE VACANZE A VALVERDE! IL REGNO DEL BUON PESCE ALLA SCOPERTA DELLA QUALITA 4 MIZAR VACANZE TI OFFRE

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello,

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello, ALLEGATO 1 OGGETT O La procedura di affidamento per il i quale si richiede la manifestazio one di interesse avrà ad oggettoo la gestione, conduzione e manutenzione, di Auditorium, Centro Congressi e Media

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli