TESI CORREZIONE ACUSTICA DELLA SALA CONFERENZE DEL MUSEO LABORATORIO DELLA MENTE. Corso del Monte Porzio Catone

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TESI CORREZIONE ACUSTICA DELLA SALA CONFERENZE DEL MUSEO LABORATORIO DELLA MENTE. Corso del 2011 - Monte Porzio Catone"

Transcript

1 Il CORSO per TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE è finalizzato al conseguimento di Attestato abilitante per Tecnico competente in Acustica Ambientale, figura professionale idonea ad effettuare misurazioni, verificare l ottemperanza ai valori definiti dalle vigenti norme, redigere piani di risanamento acustici, svolgere le relative attività di controllo; si colloca all interno di stidi professionali di progettazione, uffici tecnici comunali, provinciali e regionali, imprese operanti nel campo dell ambiente e della sicurezza, enti di ricerca e sviluppo prodotti. Il corso ha fornito una solida formazione teorica sui fondamentali principi fisici, tecnici e metrologici relativi all acustica. In particolare, al termine dell iter formativo, siamo in grado di applicare le conoscenza tecniche sulle tematiche relative all acustica e sugli aspetti ad essa connessi, nonché di realizzare le misure fonometriche in ottemperanza ai dettati normativi in materia di inquinamento acustico. TESI CORREZIONE ACUSTICA DELLA SALA CONFERENZE DEL MUSEO LABORATORIO DELLA MENTE I Docenti direttori scientifici del corso: Prof. Arch. Francesco Bianchi Prof. Dott. Mario Mattia Elaborata a cura di: Arch. Adela Bekteshi Dott. Marco Erroi Corso del Monte Porzio Catone

2 SOMMARIO INTRODUZIONE CAPITOLO 1 - TEORIA E NORMATIVA DI RIFERIMENTO 1.1 Generalità 1.2 Teoria modale 1.3 Parametri acustici 1.4 Indici di caratterizzazione acustica 1.5 Normativa di riferimento CAPITOLO 2 - OGGETTO DELLʼINTERVENTO 2.1 Descrizione 2.2 Destinazione dʼuso e finalità CAPITOLO 3 - ANALISI ACUSTICHE 3.1 Analisi teorica 3.2 Analisi sperimentale CAPITOLO 4 - CORREZIONE ACUSTICA 4.1 Considerazioni sulla correzione acustica 4.2 Materiali fonoassorbenti 4.3 Correzione acustica 2

3 INTRODUZIONE Il progetto in esame riguarda la correzione acustica della Sala Conferenze del Museo Laboratorio della Mente, sito a Roma nel complesso dell ex Manicomio Provinciale del Santa Maria della Pietà. Sotto una fotografia della sala in esame. Lo studio è articolato al modo seguente: - rilievo dell ambiente e analisi dei materiali; calcolo teorico e sperimentale del tempo di riverbero; individuazione del tempo di riverbero ottimale; correzioni acustiche 3

4 CAPITOLO 1 TEORIA E NORMATIVA DI RIFERIMENTO 1.1 Generalità Il requisito fondamentale per la progettazione acustica di una sala è la destinazione dʼuso dellʼambiente, ossia la gestione del tempo di riverberazione della sala stessa tramite opportuni interventi di assorbimento, riflessione e diffusione del suono. La ricerca di questa condizione ottima è indispensabile per una buona definizione dei suoni e nel caso specifico lo è ancor di più per una buona intelligibilità della parola. Il tempo di riverberazione ottimale può essere valutato, tramite formule empiriche, in base al volume della sala e alla sua destinazione dʼuso. Trattandosi di un auditorio, le formule che definiscono il tempo di riverberazione ottimale sono le seguenti: T 60 ottimo[500 Hz] = 0,5 + V 10 4! T 60 ottimo[2000 Hz] = K *V 1 9 La letteratura offre dei grafici di riferimento che mettono in relazione il tempo di riverbero ottimale in funzione del volume della sala e della destinazione dʼuso.! Figura 1.1 Tempi di riverbero ottimali a 500Hz 4

5 Il tempo di riverberazione ottimo varia in funzione della frequenza. Secondo il grafico di figura 1.2, la variazione deve essere contenuta allʼinterno della fascia evidenziata in rosso. Questo criterio ammette che il tempo di riverberazione alle frequenze più basse possa quasi raddoppiare rispetto al valore corrispondente a 500 Hz; secondo altri studi, invece, dovrebbe essere il più possibile uniforme per tutte le frequenze. Figura 1.2 Variazione percentuale del tempo di riverberazione ottimo Un altro aspetto importante nella progettazione è la forma dellʼambiente che deve essere tale da conseguire una distribuzione uniforme delle riflessioni, sia nel tempo che nello spazio. La tabella seguente mette in relazione le principali caratteristiche architettoniche con le qualità acustiche e i fenomeni fisici allʼinterno di un ambiente. FENOMENO FISICO QUALITAʼ ACUSTICA CARATTERISTICA ARCHITETTONICA Prime riflessioni laterali Avvolgimento del suono Larghezza della sala (entro 20/25 m) Prime riflessioni frontali Chiarezza Soffitto riflettente Camera acustica sul palco Coda sonora Riverberazione Grande volume Materiali riflettenti Prime riflessioni dalle pareti e dal soffitto Intensità del suono Dimensioni della sala non eccessiva Prime riflessioni entro pochi millisecondi dallʼarrivo del suono diretto Riflessioni dopo i primi 80 ms Intimità Spazialità (1000/1200 posti) Sorgente sonora e pubblico nello stesso volume architettonico Strutture diffondenti Grandi volumi Tabella 1 Relazione tra qualità acustiche, caratteristiche architettoniche e fenomeni fisici 5

6 1.2 - Teoria modale La caratteristica acustica di un ambiente è strettemente legata alla sua forma geometrica, oltre che alle dimensioni e ai materiali. Il campo acustico di uno spazio parallelepipedo, delimitato da superfici piane, omogenee e perfettamente rigide, si può studiare tramite lʼanalisi MODALE. Con opportune ipotesi e semplificazioni si possono identificare le FREQUENZA DEI MODI PROPRI (AUTOFREQUENZE) di uno spazio di dimensioni Lx, Ly, Lz tramite la seguente formula: f N = c 2 " $ # n x l x % ' & 2 " + n % y $ # l ' y & 2 " + n % z $ ' # l z & 2! I modi propri sono onde stazionarie che si instaurano nellʼambiente e si possono suddividere in: - Modi Assiali: si instaurano tra due superfici parallele opposte; - Modi Tangenziali: si instaurano tra quattro superfici contigue; - Modi Obliqui: si instaurano tra tutte e sei le superfici del parallelepipedo. Lʼapporto energetico dei modi assiali è quello più importante e risulta maggiore di 3dB rispetto ai modi tangenziali e 6dB rispetto a quelli obliqui. Analogamente i modi tangenziali hanno energie superiori di 3dB rispetto a quelli obliqui. La frequenza di Schroeder: f S = 2000 T 60 V definisce il limite di applicabilità della teoria modale: al di sotto di tale frequenza lo studio del campo acustico viene effettuato tramite la determinazione dei modi propri dellʼambiente; al di! sopra si utilizzano metodologie basate sullʼacustica geometrica e statistica. 6

7 1.3 - Parametri acustici Nonostante lʼascolto sia unʼesperienza complessa, multidimensionale e molto difficile da descrivere quantitativamente, lʼacustica di un ambiente può essere valutata per mezzo di parametri oggettivi. Questi relazionano le variazioni fisiche del campo sonoro dellʼambiente con le variazioni del giudizio personale di un ascoltatore allʼinterno di esso, si basano sulla risposta allʼimpulso della sala e vengono misurati sperimentalmente oppure simulati da software. I parametri possono essere raggruppati in tre categorie: parametri che si riferiscono al bilanciamento soggettivo tra chiarezza e riverberazione; parametri che si riferiscono allʼimpressione soggettiva della loudness (intensità percepita); parametri che si riferiscono allʼimpressione spaziale. La tabella seguente sintetizza le relazioni tra indici oggettivi e qualità soggettive: QUALITAʼ SOGGETTIVA Chiarezza Riverberazione Intimità Ampliamento della sorgente Avvolgimento o Avviluppo dellʼascoltatore INDICE OGGETTIVO C80 Early Decay Time - EDT Tempo di Riverberazione - T60 Indice di Intensità (sound strenght) - G Frazione di prima Energia Laterale LF Indice di Intensità - G Indice di Intensità dellʼultima energia sonora - LG Loudness - Intensità percepita Brillantezza Calore Indice di Intensità (sound strenght) - G Bilanciamento delle frequenza medioalte Rapporto dei Bassi - BR Tabella 2 Relazioni tra indici oggettivi e attributi percettivo-soggettivi 7

8 1.4 - Indici di caratterizzazione acustica EDT Early Decay Time (T 10 ) Tempo di Decadimento iniziale ottenuto per estrapolazione del decadimento sonoro entro i primi 10 db. Diminuisce allontanandosi dalla sorgente ed è utile per confrontare diversi punti della sala. Sul piano soggettivo è soprattutto questo tempo di primo decadimento a rendere conto del senso di riverberazione. valori di riferimento: 1,8 < EDT < 2,2 sec T 20 Tempo di riverberazione calcolato estrapolando a -60 db la pendenza media dei 20 db compresi nellʼintervallo db del decadimento del livello di pressione sonora. T 30 Tempo di riverberazione calcolato estrapolando a -60 db la pendenza media dei 30 db compresi nellʼintervallo db del decadimento del livello di pressione sonora. Tempo di riverberazione alle medie frequenze Tmid Parametro correlato con lʼattributo VIVEZZA del suono. Tmid = T 500 Hz 1000 Hz 60 + T 60 2 Rapporto dei Bassi (Bass Ratio) - BR Parametro correlato con lʼattributo CALORE del suono. Rivela la pienezza dei toni a bassa frequenza.! BR = T 125 Hz 250Hz 60 + T T Hz 1000Hz 60 + T 60! 8

9 C 80 Indice di Chiarezza Correlato con la percezione nitida della musica in una sala, si definisce come rapporto tra lʼenergia nei primi 80 ms della risposta allʼimpulso e lʼenergia negli istanti successivi: C 80 =10log 80ms " 0 # " 80ms p 2 (t)dt [db] p 2 (t)dt valori di riferimento PARLATO: C 80 < 3 db MUSICA: -4 < C 80 < 2 db! D 50 Indice di Definizione Rapporto tra lʼenergia nei primi 50 ms della risposta allʼimpulso e lʼenergia totale. È correlato con la percezione nitida del parlato in una sala: D 50 = 50ms " 0 # " 0 p 2 (t)dt p 2 (t)dt valori di riferimento MUSICA: D 50 < 0.5 PARLATO: D 50 > 0.5! Ts Tempo Centrale (Istante Baricentrico dellʼenergia) Correlato con la chiarezza della musica e del parlato. Ts = # $ 0 # t " p 2 (t)dt [ms] p 2 (t)dt $ 0 valori di riferimento MUSICA: 50 < Ts < 140 ms PARLATO: Ts < 50 ms! LF 80 Frazione della prima Energia Laterale Parametro correlato alla percezione della spazialità in una sala: LF = 80ms " 5 80ms " 0 p L 2 (t)dt p 2 (t)dt valori di riferimento: 0.1 < LF < 0.35 p L = segnale allʼuscita di un microfono a otto in risposta allʼimpulso emesso da una sorgente omnidirezionale! 9

10 STI (Speech Trasmission Index) Intelligibilità della Parola Per intelligibilità del parlato si intende la percentuale di parole o frasi correttamente comprese da un ascoltatore rispetto alla totalità delle frasi pronunciate da un oratore. Questa dipende anche dalle caratteristiche di emissione della voce umana, in particolare dallʼintensità di emissione (variabile secondo lo sforzo vocale del parlatore), dalla composizione in frequenza, dallʼandamento temporale, dalla direzionalità e da altri fattori tra i quali quelli di natura linguistica, la struttura grammaticale della lingua, la semantica e il senso generale del messaggio. La tabella indica i valori dellʼsti in relazione allʼintelligibilità. CLASSE DELLA QUALITAʼ DELLA COMUNICAZIONE VALORE DELLʼINDICE STI Pessima < 0,2 Scadende 0,2 0,4 Discreta 0,4 0,6 Buona 0,6 0,8 Eccellente > 0,8 Tabella 3 Valori dellʼindice STI 10

11 1.5 - Normativa di riferimento UNI EN ISO 3382 La norma ISO 3382 del 2001, con titolo Measurement of the reverberation time of rooms with referente to other acoustic parameters, definisce la standardizzazione dei metodi di misura ed elaborazione dei dati relativi al tempo di riveverberazione (T60). Essa indica in modo preciso le procedure da seguire per la misurazione degli indici (calibrazione, posizione della sorgente, posizioni del microfono) e descrive due metodi per la determinazione del T60, mediante misura della risposta allʼimpulso oppure tramite decadimento del rumore interrotto. Numero di posti Numero minimo di posizioni microfoniche La norma indica il numero minimo di posizioni di misurazione in funzione del volume e della capienza della sala, come riportato nella tabella accanto Tabella 5 Numero di ricettori La norma individua cinque attributi percettivo-soggettivi principali e un range entro il quale possibili variazioni di tali parametri non vengono percepite (Just Noticeable Difference - JND). Nella tabella seguente sono esplicitati gli attributi principali, i loro valori tipici e le JND. ASPETTO SOGGETTIVO Livello del suono soggettivo Riverberazione Riverberazione percepita Chiarezza del suono percepita Ampiezza apparente del suono Avvolgimento sonoro PARAMETRO OGGETTIVO Indice di Intensità G (db) T30 (s) T20 (s) Early Decay Time EDT (s) Chiarezza C80 (db) Definizione D50 (-) Tempo Centrale Ts (ms) Early Lateral Energy Fraction LF (-) Late Lateral Sound Level LG (db) FREQUENZ E MEDIATE (Hz) JUST NOTICEABLE DIFFERENCE (JND) RANGE TIPICO db db % 0,4 8 s % 0,4 8 s % 1,0 3,0 s db 5 % 10 ms -5 5 db 0,3 0, ms ,05 0,05 0, db -7 3 db Tabella 5 Range tipico e JND dei parametri acustici (secondo ISO 3382) 11

12 Termini e definizioni Ai fini della presente norma internazionale, si applicano i termini e le definizioni seguenti: Curva di decadimento: Decadimento del livello della pressione sonora in funzione del tempo in un punto dellʼambiente dopo la cessazione della sorgente sonora. Metodo del rumore interrotto: Metodo per ottenere curve di decadimento registrando direttamente il decadimento del livello della pressione sonora dopo aver eccitato un ambiente con un rumore a larga banda o a banda limitata. Metodo di risposta integrata allʼimpulso: Metodo per ottenere curve di decadimento mediante integrazione inversa delle risposte allʼimpulso quadro. Risposta allʼimpulso: Diagramma in funzione di tempo della pressione sonora ricevuta in un ambiente quale risultato di un eccitamento dellʼambiente da parte di una funzione delta di Dirac. Tempo di riverberazione: T è il tempo, espresso in secondi, necessario affinché il livello di pressione sonora diminuisca di 60 db, ad un tasso di decadimento indicato dalla regressione lineare dei minimi quadrati della curva di decadimento misurata da un livello minore del livello iniziale da 5 db fino a 35 db. Condizione di misurazione Le misurazioni del tempo di riverberazione possono essere eseguite con lʼambiente che si trova in uno o in tutti gli stati di occupazione. Sorgente sonora La sorgente sonora dovrebbe essere il più possibile simile allʼomnidirezionale. Deve produrre un livello di pressione sonora sufficiente a generare le curve di decadimento con il minimo campo dinamico richiesto senza alcuna contaminazione da parte del rumore di fondo. Gli altoparlanti commerciali di uso domestico non sono accettabili come sorgente omnidirezionale. Nel caso di misurazione di risposte agli impulsi utilizzando sequenze pseudocasuali, il livello di pressione sonora richiesto potrebbe essere abbastanza basso dato che è possibile un forte miglioramento del rapporto segnale/rumore grazie alla mediazione correlata. In caso di misurazioni eseguite non utilizzando la mediazione sincrona o altre tecniche per intensificare il campo di decadimento, è necessario che il livello della sorgente generi almeno 45 db maggiori del livello del rumore di fondo nella corrispondente banda di frequenza. Se si deve misurare solo T20, è sufficiente creare un livello di almeno 35 db maggiori del livello del rumore di fondo. 12

13 Microfoni, attrezzature di registrazione ed analisi I microfoni omnidirezionali devono essere utilizzati per rilevare la pressione sonora e lʼuscita può essere rilevata, o direttamente da un amplificatore, serie di filtri ed un sistema per visualizzare le curve di decadimento o unʼattrezzatura di analisi per derivare le risposte agli impulsi, oppure da un registratore di segnale per la successiva analisi. Lʼapparecchiatura di misurazione deve soddisfare le esigenze di un misuratore di livello sonoro (fonometro) del tipo 1 in conformità alla IEC 651. I filtri di ottava o di terzo di ottava devono essere conformi alla IEC Posizioni di misura Dato che una misurazione può essere richiesta per vari scopi, il numero delle posizioni di misura è scelto per conseguire unʼadeguata copertura nellʼambiente. Le posizioni dei microfoni devono essere distanti almeno metà lunghezza dʼonda, cioè una distanza minima di circa 2 m per il campo di frequenza comune. La distanza tra ogni postazione microfonica e la più vicina superficie di riflessione, compreso il pavimento, deve essere di almeno un quarto di lunghezza dʼonda, cioè generalmente circa 1 m. Nessuna postazione microfonica deve essere troppo vicina ad una posizione di sorgente per evitare unʼinfluenza troppo forte da parte del suono diretto. Metodo del rumore interrotto Si deve utilizzare una sorgente ad altoparlante ed il segnale in ingresso nello stesso deve essere derivato dal rumore elettrico a larga banda casuale o pseudocasuale. Se si usa un rumore pseudo-causale, lo stesso deve cessare casualmente senza usare una sequenza di ripetizione. La sorgente sonora dovrebbe essere il più omnidirezionale possibile. Per le misurazioni in bande di ottava, la larghezza di banda del segnale deve essere maggiore di un ottava e per le misurazioni in banda di terzo di ottava la larghezza del segnale deve essere maggiore di terzo di ottava. Lo spettro deve essere ragionevolmente piatto nellʼambito della banda di ottava reale che deve essere misurata. La durata dellʼeccitazione dellʼambiente deve essere sufficiente per permettere al campo sonoro di raggiungere uno stato stazionario prima di decadere, e pertanto è essenziale irradiare il rumore per un periodo minimo di T/2 secondi. Per grandi volumi, la durata dellʼeccitazione deve essere di almeno alcuni secondi. Metodo della risposta integrata allʼimpulso La risposta allʼimpulso da una posizione di sorgente ad una posizione di ricevitore in un ambiente è una quantità ben definita che può essere misurata in molti modi (per esempio utilizzando quali segnali dei colpi di pistola, degli impulsi a spinterometro, sequenze di rumore, cinguettii o sequenze medie). La presente norma non ha per scopo lʼesclusione di qualsiasi altro metodo che possa fornire la corretta risposta allʼimpulso. La risposta allʼimpulso può essere misurata direttamente utilizzando come sorgente dʼimpulso un colpo di pistola o qualsiasi altra sorgente che non è riverberante di per sé e deve essere in grado di produrre un livello di pressione sonora di picco sufficiente ad assicurare una 13

14 curva di decadimento che inizi almeno a 45 db maggiore del rumore di fondo nella banda di frequenza corrispondente. Numero delle misurazioni Il numero delle postazioni microfoniche utilizzate è determinato dalla copertura richiesta. Tuttavia, in vista della casualità intrinseca della sorgente sonora, è necessario mediare su di un numero di misurazioni eseguite ad ogni postazione per ottenere una ripetibilità accettabile (vedere 6.1.1). Pertanto si deve effettuare un minimo di tre misurazioni ad ogni posizione e mediare i risultati. Quindi, o trovare i tempi di riverberazione per tutte le curve di decadimento e prendere il valore medio, oppure effettuare una media quadratica dei decadimenti della pressione sonora e trovare il tempo di riverberazione della curva di decadimento risultante. Il metodo utilizzato deve essere annotato nel resoconto di prova. Se si usa la mediazione dʼinsieme, è concesso eseguire solo una misurazione ad ognuna delle 18 postazioni minime installate, invece di usare sei postazioni con tre misurazioni ad ognuna. Resoconto di prova Il resoconto di prova deve stabilire che le misurazioni sono state effettuate in conformità con la presente norma internazionale. Deve comprendere: a- il nome ed il luogo dellʼambiente esaminato b- una bozza della planimetria dellʼambiente con lʼindicazione della scala c- il volume dellʼambiente d- per sale di conferenza o di musica: il numero ed il tipo dei posti a sedere (per esempio se imbottiti o meno); se imbottiti e se le informazioni sono disponibili: lo spessore ed il tipo dellʼimbottitura, il tipo del materiale di rivestimento (sedili porosi o non porosi, rialzati o abbassati) e quali parti del sedile sono rivestite; e- una descrizione della forma e del materiale delle pareti e del soffitto f- lo stato o gli stati di occupazione durante le misurazioni ed il numero degli occupanti g- la condizione di ogni attrezzatura variabile quali i teloni, il sistema di monitoraggio del pubblico, i sistemi elettronici di intensificazione della riverberazione, ecc. h- per i teatri, se i teloni di sicurezza o i teloni decorativi sono alzati o abbassati i- una descrizione, se necessaria, dellʼarredo del proscenio, comprese tutte le recinzioni per i concerti, ecc. j- la temperatura e lʼumidità relativa nellʼambiente durante la misurazione k- il tipo e la posizione delle sorgenti sonore utilizzate l- una descrizione del segnale sonoro utilizzato m- la copertura scelta compresi i dettagli delle postazioni microfoniche, preferibilmente riportate su di uno schema unitamente alle altezze a cui sono posti i microfoni n- la descrizione degli apparecchi di misurazione, della sorgente e dei microfoni e se sono stati impiegati registratori a nastro o- la data della misurazione ed il nome di chi ha effettuato le misurazioni. 14

15 CAPITOLO 2 Oggetto dellʼintervento 2.1 Descrizione Il progetto in esame riguarda la correzione acustica della Sala Conferenze del Museo Laboratorio della Mente, sito a Roma nel complesso dellʼex Manicomio Provinciale del Santa Maria della Pietà. Lʼambiente consiste in un volume regolare a forma di shoes-box, come mostrato nelle figure successive, le cui caratteristiche geometriche sono riportate nella tabella 1. 15

16 16

17 Allʼinterno della sala è presente una gradinata in legno, per circa 30 persone, che ne riduce il volume complessivo. Lungo le pareti perimetrali si sviluppano una serie di aperture: 4 finestre e 1 porta dʼaccesso. La sala conserva prevalentemente le finiture originali con un pavimento a marmittoni. Le pareti hanno un trattamento superficiale a intonaco e presentano, nella parte bassa, un rivestimento perimetrale a mosaico. Le finestre, anchʼesse originali, sono in ferro e vetro prive di tendaggi. I materiali di finitura interna sono specificati nella tabella. 17

18 La sala è attrezzata con impianto di illuminazione, impianto di condizionamento aria (2 splitter) e impianto audio/video. Gli interventi per la correzione acustica non dovranno alterare la funzionalità o prevedere modifiche di tali impianti. A seguire alcune foto della sala. 18

19 19

20 1.2 Destinazione dʼuso e finalità La sala viene usata prevalentemente come auditorio per incontri e dibattiti sociali che prevedono anche lʼutilizzo di materiale multimediale (audio/video). La presenza di finiture interne poco assorbenti rende lʼambiente molto riverberante con scarsa intelligibilità della parola. Lo studio del tempo di riverberazione ottimo viene effettuato basandosi sul volume della sala (250mc) e la sua destinazione dʼuso (auditorio per parlato): - calcolo analitico (formula di Sabine): T 60,ott " V 10 4 # s [ ] => T 60,ott = 0,53 s! - grafico volume/tempo di riverberazione in base alla destinazione dʼuso: dal grafico: => T 60,ott = 0,75 s 20

21 CONSIDERAZIONI SUL TEMPO DI RIVERBERO OTTIMO Il metodo analitico evidenzia un tempo di riverbero ottimale eccessivamente basso quindi si prende in considerazione quello risultante dallʼanalisi grafica, pari a circa 0,75 sec. Anche in questo caso, però, tempi di riverbero di circa 0,8/1 sec possono considerarsi soddisfacenti per la destinazione dʼuso della sala. La committenza richiede uno studio di possibili interventi per la correzione acustica. Questi devono rispettare lo stato del luogo, risultando poco invasivi, e devono tener conto delle poche risorse economiche. Per raggiungere le finalità sopra descritte si prevedono due tipologie di interventi: - assorbimento con materiali fonoassorbenti lungo le pareti perimetrali; - diffusione/assorbimento tramite pannelli inclinati e orientati istallati sul soffitto. 21

22 CAPITOLO 3 ANALISI ACUSTICHE 3.1 Analisi teorica Lʼanalisi teorica delle proprietà acustiche della sala si basa sul calcolo del tempo di riverbero utilizzando la formula di Sabine che tiene conto del volume e delle caratteristiche di assorbimento delle singole superfici allʼinterno dellʼambiente. Lo studio viene effettuato tramite lʼausilio di un modello di calcolo elettronico. Le principali caratteristiche geometriche della sala e i coefficienti di assorbimento della finiture interne sono riportate nelle tabelle sottostanti. Volume ambiente Mc: 250 Superficie ambiente Mq: 63 Numero persone (Mc/persona 11,83): 35 Densità 0,56 Fattore k (0.2/0.8) 0,30 Tempo di riverbero ottimale ad 2KHz 0,55 Tabella 1 Principali caratteristiche della sala MATERIALI: 125 Hz 250Hz 500Hz 1000Hz 2000Hz 4000Hz intonaco a calce 0,01 0,03 0,04 0,04 0,08 0,16 legno porte 0,30 0,20 0,10 0,07 0,06 0,07 marmo 0,01 0,01 0,02 0,03 0,03 0,04 pavimento legno 0,03 0,04 0,06 0,12 0,10 0,17 persona seduta u.a 0,20 0,40 0,55 0,60 0,60 0,50 mosaico 0,10 0,04 0,03 0,02 0,02 0,02 vetro 0,10 0,04 0,03 0,02 0,02 0,02 Tabella 2 Coefficienti di assorbimento delle finiture interne 22

23 L area di ogni singolo materiale e il suo coefficiente di assorbimento acustico sono riportati nella tabella delle unità assorbenti fisse. SUPERFICI Mq 125 Hz 250 Hz 500 Hz 1Kz 2Kz 4kz pavimento in marmo 35,7 0,01 0,01 0,02 0,03 0,03 0,04 gradinata in legno 48 0,03 0,04 0,06 0,12 0,1 0,17 parete AB intonaco 17,7 0,01 0,03 0,04 0,04 0,08 0,16 parete AB mosaico 10,8 0,10 0,04 0,03 0,02 0,02 0,02 parete AB finestre (vetro) 3,1 0,10 0,04 0,03 0,02 0,02 0,02 parete AC intonaco 20,9 0,01 0,03 0,04 0,04 0,08 0,16 parete AC mosaico 9 0,10 0,04 0,03 0,02 0,02 0,02 parete AC finestre (vetro) 6,2 0,10 0,04 0,03 0,02 0,02 0,02 parete BD intonaco 24,25 0,01 0,03 0,04 0,04 0,08 0,16 parete BD mosaico 9 0,10 0,04 0,03 0,02 0,02 0,02 parete BD porta (legno) 2,85 0,15 0,11 0,10 0,07 0,06 0,07 parete CD intonaco 17,7 0,01 0,03 0,04 0,04 0,08 0,16 parete CD mosaico 2 0,10 0,04 0,03 0,02 0,02 0,02 parete CD finestre (vetro) 2 0,10 0,04 0,03 0,02 0,02 0,02 soffitto 73 0,01 0,03 0,04 0,04 0,08 0,16 totale mq 282,2 Totale unità assorbenti fisse 125 Hz 250 Hz 500 Hz 1Kz 2Kz 4kz 7,97 8,88 11,28 14,01 19,17 35,20 Tabella 3 Unità assorbenti fisse Il tempo di riverbero risente della presenza o meno di persone all interno dell ambiente, in quanto queste si comportano come superfici assorbenti. Tramite la tabella seguente è possibile ricavare le unità assorbenti mobili in base al numero di persone presenti in sala. 125 Hz 250 Hz 500 Hz 1Kz 2Kz 4kz n. sedute vuote Ambiente pieno 0 0,03 0,04 0,06 0,12 0,1 0,17 Ambiente pieno a 3/4 9 0,03 0,04 0,06 0,12 0,1 0,17 Ambiente pieno a 2/4 18 0,03 0,04 0,06 0,12 0,1 0,17 Ambiente pieno a 1/4 26 0,03 0,04 0,06 0,12 0,1 0,17 Ambiente vuoto 35 0,03 0,04 0,06 0,12 0,1 0,17 n. persone Ambiente pieno 35 0,15 0,30 0,50 0,55 0,60 0,60 Ambiente pieno a 3/4 26 0,15 0,30 0,50 0,55 0,60 0,60 Ambiente pieno a 2/4 18 0,15 0,30 0,50 0,55 0,60 0,60 Ambiente pieno a 1/4 9 0,15 0,30 0,50 0,55 0,60 0,60 Ambiente vuoto 0 0,15 0,30 0,50 0,55 0,60 0,60 Totale Aeq delle unità assorbenti mobili 125 Hz 250 Hz 500 Hz 1Kz 2Kz 4kz Ambiente pieno 5,25 10,50 17,50 19,25 21,00 21,00 Ambiente pieno a 3/4 4,20 8,23 13,65 15,49 16,63 17,24 Ambiente pieno a 2/4 3,15 5,95 9,80 11,73 12,25 13,48 Ambiente pieno a 1/4 2,10 3,68 5,95 7,96 7,88 9,71 Ambiente vuoto 1,05 1,40 2,10 4,20 3,50 5,95 Tabella 4 Aree equivalenti unità assorbenti mobili 23

24 Dalle precedenti considerazioni, applicando la formula di Sabine si ricavano i tempi di riverbero dellʼambiente per bande di ottava, in funzione del numero di persone presenti. La tabella 5 mostra i tempi di riverbero calcolati ed evidenzia il tempo di riverberazione ottimale. TEMPI DI RIVERBERO 125 Hz 250 Hz 500 Hz 1Kz 2Kz 4kz Ambiente pieno 3,03 2,06 1,39 1,20 1,00 0,71 Ambiente pieno a 3/4 3,29 2,34 1,60 1,36 1,12 0,76 Ambiente pieno a 2/4 3,60 2,70 1,90 1,55 1,27 0,82 Ambiente pieno a 1/4 3,97 3,19 2,32 1,82 1,48 0,89 Ambiente vuoto 4,43 3,89 2,99 2,20 1,76 0,97 T60 OTTIMO 1,00 0,78 0,66 0,55 0,55 0,55 Tabella 5 Tempi di riverbero I dato sono rappresentati graficamente nella figura in basso. Figura 3.1 Grafico dei tempi di riverbero 24

25 CONSIDERAZIONI Dallʼanalisi teorica emergono i problemi legati a un eccessiva riverberazione della sala, a causa della presenza di materiali prevalentemente riflettenti. Lʼanalisi evidenzia, inoltre, le differenze di riverberazione a seguito dei vari gradi di occupazione. Dal confronto sala piena/sala vuota si evince che la capacità assorbente del pubblico non è sufficiente per il raggiungimento dei tempi ottimali di riverberazione richiesti, per cui è necessario un trattamento di correzione acustica che preveda lʼinserimento di materiali fonoassorbenti. 25

26 3.2 Analisi sperimentale L'analisi sperimentale consiste nella misurazione del reale tempo di riverbero all'interno dell'ambiente ed è stata effettuata con l'ausilio della necessaria strumentazione. Le misure sono state effettuate con lʼausilio dellʼarchitetto Fabio Di Lauro. L'attrezzatura utilizzata è la seguente: Fonometro Delta OHM 2110; Dodecaedro Lookline DL 301; Amplificatore Lookline D 301; Stand TR301; Software Noise Studio. Le misurazioni del tempo di riverbero fanno riferimento e rispettano la normativa UNI EN ISO Per la misura del T60 è stato utilizzato il Rumore Rosa, in quanto l'utilizzo del metodo impulsivo risultava essere di difficile applicazione e di scarsa costanza. Le misurazioni sono state effettuate in cinque punti diversi di prelievo all'interno della sala e con due posizioni della sorgente. Per ogni punto di prelievo, come indicato nella normativa di riferimento, sono state ripetute tre misurazioni. 26

27 Gli accorgimenti per lʼesatto posizionamento della sorgente e del fonometro sono i seguenti: Fonometro a minimo 1,00m di distanza dalle pareti circostanti; Distanza minima tra due distinti punti di prelievo è 2,00m; Distanza minima del fonometro dalla sorgente è di minimo 2,00m; Altezza del fonometro dal pavimento 1,50m; Altezza della sorgente dal pavimento minimo 1,50m. In seguito si allega lo schizzo distributivo dei diversi punti di prelievo e della sorgente durante la misurazione. Figura 3.2 Planimetria con i punti della sorgente e i punti di ricezione Una volta posizionati sorgente, amplificatore e sostegno per fonometro si è proceduti con la calibrazione del fonometro, la quale è risultata essere pari a

Acustica: La qualità del suono. Tempo di riverberazione

Acustica: La qualità del suono. Tempo di riverberazione Rita D Ostuni matr. 13918, Anastasia Porcu matr. 03410 Lezione del 1/05/014 ora 09:30-1:30 Acustica: La qualità del suono INDICE della lezione del 1/05/014 - Tempo di riverberazione 1 - La risposta all

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa Trasmissione del suono attraverso una parete Prof. ng. Cesare offa W t W i scoltatore W r orgente W a La frazione di energia trasmessa dalla parete è data dal fattore di trasmissione t=w t /W i. Più spesso

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Gli ambienti destinati a funzioni

Gli ambienti destinati a funzioni Tecnologia Stefano Baldini* Rosario Gulino** Simone Secchi*** L'uso del laterizio per la correzione acustica degli ambienti Il controllo e la correzione acustica negli spazi vengono affrontati attraverso

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

PROGETTO E SIMULAZIONI DEL SISTEMA PROPRIETARIO DI LINEE DI TRASMISSIONE. (DDDL= Dual Drive Dual Line) Implementato per il modello CANTICO CX8.

PROGETTO E SIMULAZIONI DEL SISTEMA PROPRIETARIO DI LINEE DI TRASMISSIONE. (DDDL= Dual Drive Dual Line) Implementato per il modello CANTICO CX8. 1 PROGETTO E SIMULAZIONI DEL SISTEMA PROPRIETARIO DI LINEE DI TRASMISSIONE D3L (DDDL= Dual Drive Dual Line) Implementato per il modello CANTICO CX8. CX via ottavio rinuccini, 3 milano info@labirintiacustici.it

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Fonica: Scheda 2. Il suono. Il rumore. (a cura di Pietro Di Mascolo)

Fonica: Scheda 2. Il suono. Il rumore. (a cura di Pietro Di Mascolo) Fonica: Scheda 2 (a cura di Pietro Di Mascolo) Il suono Possiamo definire il suono come una particolare sensazione percepita dall organo dell udito eccitato da un agente esterno. Esso ha origine dal movimento

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

IL CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE

IL CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE Il POLITECNICO di BARI Dipartimento di Scienze dell Ingegneria Civile e dell Architettura promuove ed organizza IL CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE (istituito ai sensi

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare o installare il prodotto!

Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare o installare il prodotto! MANUALE GENERALE Gentile cliente, benvenuto nella famiglia NewTec e grazie per la fiducia dimostrata con l acquisto di questi altoparlanti. Optando per un sistema audio di altissimo design ha dimostrato

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché?

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Klaus Pfitscher Relazione 09/11/2013 Marchio CE UNI EN 14351-1 Per finestre e porte pedonali Marchio CE UNI EN 14351-1

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact

Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact Nuova dimensione : pannello 600 x 600 mm Assorbimento Acustico Elevato Una scelta di 7 colori Resistenza al Ball Test www.eurocoustic.com Un offerta dedicata

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne 3 Sintesi perfetta fra isolamento termico, tecnica e design Le finestre e le porte di oggi non solo devono

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

METODOLOGIE E INTERVENTI TECNICI PER LA RIDUZIONE DEL RUMORE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Manuale operativo

METODOLOGIE E INTERVENTI TECNICI PER LA RIDUZIONE DEL RUMORE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Manuale operativo METODOLOGIE E INTERVENTI TECNICI PER LA RIDUZIONE DEL RUMORE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO PRESENTAZIONE Le malattie professionali e in particolare le ipoacusie, che costituiscono in Italia ancora una delle

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

MASTERSOUND 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended. Congratulazioni per la Vostra scelta

MASTERSOUND 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended. Congratulazioni per la Vostra scelta MASTERSOUND 300 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended Congratulazioni per la Vostra scelta Il modello 300 B S.E. che Voi avete scelto è un amplificatore integrato stereo in pura

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Irradiatori Ceramici ad Infrarossi

Irradiatori Ceramici ad Infrarossi Irradiatori Ceramici ad Infrarossi Caratteristiche e Vantaggi Temperature superficiali fino a 750 C. La lunghezza d'onda degli infrarossi, a banda medio-ampia, fornisce un riscaldamento irradiato uniformemente

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

Altoparlante da soffitto LC4 ad ampio angolo Massima compattezza, maggior impatto.

Altoparlante da soffitto LC4 ad ampio angolo Massima compattezza, maggior impatto. Altoparlante da soitto LC4 ad ampio angolo Massima compattezza, maggior impatto. 2 Altoparlante da soitto LC4 ad ampio angolo Compatto, dalla qualità e copertura senza uguali Ampio angolo di apertura per

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

cimosa di sormonto autoadesiva

cimosa di sormonto autoadesiva Polietilene reticolato fisicamente sp. 8 mm nominale cimosa di sormonto autoadesiva. Massa elastoplastomerica Lato posa CARATTERISTICHE TECNICHE Acustic System 10, è un manto bistrato con cimosa adesiva,

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

FENICE ARREDI. Via Bertolini 49/51 27029 Vigevano (PV) Relazione tecnica

FENICE ARREDI. Via Bertolini 49/51 27029 Vigevano (PV) Relazione tecnica FENICE ARREDI Via Bertolini 49/51 27029 Vigevano (PV) Prove di vibrazione su sistemi per pavimenti tecnici sopraelevati - Four x Four Relazione tecnica Via Ferrata 1, 27100 Pavia, Italy Tel. +39.0382.516911

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

HEADQUARTERS: DK-2850

HEADQUARTERS: DK-2850 Il rumore ambientale Contenuti Informazioni sull opuscolo... 3 Introduzione... 4 Cos è il suono?... 7 Tipi di rumore... 14 Propagazione del rumore nell ambiente... 16 Identificazione delle sorgenti di

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303 Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici Obiettivo Gli studenti sono in grado di approfondire in maniera corretta informazioni

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Communiqué de presse Octobre 2013 HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Minimal e asimmetrici, due tavoli firmati Mjiila in HI-MACS Il design, è l arte di progettare degli oggetti per

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22 pag. E- Descrizione Recuperatore di calore compatto con configurazione attacchi fissa (disponibili 8 varianti. Cassa autoportante a limitato sviluppo verticale con accesso laterale per operazioni d ispezione/manutenzione.

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

SISTEMI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO CONTRO I RUMORI DA CALPESTIO NEGLI EDIFICI

SISTEMI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO CONTRO I RUMORI DA CALPESTIO NEGLI EDIFICI Quaderno Tecnico SISTEMI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO Quaderno Tecnico SISTEMI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO CONTRO I RUMORI DA CALPESTIO NEGLI EDIFICI www.mapei.com ADESIVI SIGILLANTI PRODOTTI CHIMICI PER L

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS Membrane impermeabilizzanti L L ERFLEX HELASTO M INERAL LIGHTERFLEX HELASTO LIGHTERFLEX HPCP SUPER

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli