La metodologia di blocco: una scelta per ostacolare gli spammer

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La metodologia di blocco: una scelta per ostacolare gli spammer"

Transcript

1 La metodologia di blocco: una scelta per ostacolare gli spammer Furio Ercolessi Dipartimento di Fisica, Università di Udine Settembre 2004 Pubblicato in Quaderni dell Internet Italiano, Collana Patologie della Rete, n. 1, ed. da Società Internet (ISOC.it), Indice Sommario La quantità di spam in circolazione su Internet (ora circa l 80% del traffico mail globale) e il suo elevatissimo tasso di crescita rendono necessario intervenire con soluzioni atte non solo a diminuire l impatto sull utenza, ma anche e soprattutto il volume di spam emesso. Questo risultato può essere ottenuto solo facendo leva sulle motivazioni economiche che rendono conveniente questa forma invasiva di promozione, ovvero generando costi addizionali per gli spammer. In questa nota vengono discussi alcuni aspetti legati all uso della metodologia del blocco della posta per raggiungere questo scopo oltre che quello comune a tutti i sistemi antispam di ridurre il numero di messaggi non richiesti che giungono nelle mailbox. Viene inoltre presentato il progetto Spamhaus, attivo da alcuni anni con queste finalità. Introduzione 2 1 Sorgenti di spam e blocco della posta La catena dello spam Feedback negativo attraverso il blocco Zombie e falsificazioni Classificazione delle sorgenti: pure e miste Il problema delle notifiche: a chi, come? Criteri per il blocco di sorgenti miste Lo Spamhaus Project Blocking list e oltre XBL SBL ROKSO Perchè bloccare reti che non sono sorgenti? Alcune cifre Spamhaus in Cina Alcuni suggerimenti Suggerimenti agli ISP consumer Suggerimenti agli utenti e alla stampa specializzata Conclusioni 24

2 Introduzione Lo spam è definito dagli addetti ai lavori 1 come l insieme dei messaggi elettronici non richiesti dal destinatario ed inviati dal mittente in più copie sostanzialmente identiche a molteplici destinatari. Ai fini della definizione non sono rilevanti nè la natura del contenuto (pubblicitario, politico, religioso, ecc.), nè i dettagli del meccanismo di distribuzione utilizzato, nè la natura del mezzo di comunicazione ( , SMS, ecc.). In questo documento mi limiterò a considerare lo spam distribuito su Internet attraverso l , che è probabilmente la forma più comune e fastidiosa. Le caratteristiche fondamentali dello spam che stanno alla base della sua crescita quasi incontrollata nell ultima decade, rendendolo uno dei maggiori problemi che l Internet di oggi deve affrontare, sono due. La prima è il forte sbilanciamento tra costo di trasmissione e costo (globale) di ricezione: la trasmissione ha un costo che è quasi indipendente dal numero di destinatari, grazie all automazione permessa dalle macchine e all assenza di costi associati alla singola transazione (presenti invece per fax, telefono, posta ordinaria). Così il costo per destinatario è molto basso e diminuisce con l aumentare del numero di destinatari; la ricezione ha un costo fisso sostenuto da ciascun destinatario: quello necessario per scaricare e processare il messaggio. Il costo è in parte costituito da risorse di banda e server, in parte dal tempo umano necessario per esaminare il messaggio. La seconda caratteristica dello spam è la sua polverizzazione : il singolo crimine (un messaggio pubblicitario non sollecitato da un mittente ad un destinatario) è microscopico; il volume di tali crimini microscopici è assai elevato (si stima dell ordine di pezzi al giorno); il fenomeno nel suo insieme porta rilevanti effetti negativi di varia natura, dai costi sull infrastruttura di rete ai costi umani immediati dovuti al tempo perso per aziende ed organizzazioni, ai costi economici e sociali più a lungo termine; perseguire il singolo crimine è troppo oneroso e di fatto pressochè impossibile. Lo sbilanciamento dei costi comporta in pratica l assorbimento da parte dell insieme dei destinatari della maggior parte dei costi associati alla diffusione dei messaggi pubblicitari; un sovraccarico delle infrastrutture di messaggistica (oggi settembre 2004 lo spam costituisce circa l 80% del traffico ); ma 1 Si veda ad esempio o defined.php3. Ovviamente, data la connotazione negativa che ha ormai assunto la parola, gli spammer utilizzano definizioni diverse in modo da non farvi rientrare i propri messaggi. 2

3 soprattutto l invasione della privacy, il tempo perso, il degrado dell ambiente di lavoro (pensiamo di avere la scrivania piena di spazzatura!), il dilagare di truffe, la minaccia alle mailbox di minori e altri fattori possono portare alla disaffezione da parte degli utenti della rete di una forma di comunicazione cruciale per la nuova economia. Per questi ed altri motivi, lo spam è stato dichiarato illegale all interno dell Unione Europea dalla Direttiva 2002/58 2. La polverizzazione e la natura senza confini di Internet rendono tuttavia difficile far rispettare le norme. Ridurre lo spam è dunque nella realtà un obiettivo tutt altro che semplice. La società ci fornisce un esempio di un problema con caratteristiche simili, da tempo affrontato con un certo grado di successo: l inquinamento. La figura dell inquinatore è assai simile a quella dello spammer. Entrambi mirano ad ottenere dei profitti per se stessi riversando dei costi sulla collettività; per entrambi l attività nociva è polverizzata nell ambiente; entrambi potrebbero ricorrere a metodi alternativi puliti ma più costosi, ma non lo fanno fino a che non esiste un meccanismo in grado di contrastarli. Tale meccanismo certo non può essere basato sull etica o sul rispetto per un bene comune, che non sempre trovano posto nei business plan. Deve essere basato su schemi che aumentino i costi operazionali degli spammer (rendendoli maggiori dei benefici dal loro punto di vista), dalle leggi e da azioni sul campo per farle rispettare. L inquinamento viene combattuto attraverso una esposizione dei danni che provoca all ambiente, una presa di coscienza di tali danni da parte del pubblico, il varo di leggi e normative, e naturalmente controlli e sanzioni. Nessuno ha mai pensato neanche per un attimo che il problema potesse essere affrontato dotando i cittadini di purificatori personali di aria o acqua di sofisticazione tecnica sempre crescente. Quando gli effetti sono polverizzati, non esiste altra strada sensata che agire sulle sorgenti, laddove avviene l emissione delle sostanze inquinanti nell ambiente e a monte del processo di polverizzazione. Lo spam, anche se problema meno grave dell inquinamento, va combattuto secondo lo stesso principio. Fornire al cittadino dei buoni filtri per la propria mailbox o per il client di posta può alleviare le sue sofferenze quotidiane e fornire nuove opportunità a fornitori di tecnologia, ma è del tutto irrilevante ai fini della risoluzione definitiva del problema. La piaga dello spam va affrontata agendo per ridurre le emissioni. Purtroppo è spesso assai difficile riuscire a far rispettare le leggi e applicare sanzioni: gran parte dello spam è diffuso in maniera anonima mediante la violazione di computer di terzi. Tuttavia, come discusso nel seguito, è possibile grazie alla cooperazione di molti e ad un paziente lavoro di analisi degli incidenti identificare le operazioni di spam e coloro che le supportano, e intraprendere azioni finalizzate alla loro eliminazione. Questa breve nota spera di fornire delle indicazioni utili a questo fine. Non c è tempo da perdere. Lo spam costituiva circa il 10% del traffico complessivo nel 2001, ha raggiunto il 50% nel e in questo momento 2 In Italia recepita dal Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196, Codice in materia di protezione dei dati personali. 3 è un buon sommario per i dati fino al

4 (settembre 2004) è attestato attorno all 80% 4. Il problema è quindi molto grave, ed è necessario affrontarlo adottando procedure operative efficienti e capaci di curare la malattia piuttosto che sviluppare antidolorifici, ossia agendo sulle cause e non sugli effetti. È importante che gli organi istituzionali indirizzino la loro attenzione sulla eliminazione delle sorgenti di spam, dove possono avere un ruolo incisivo e dove il settore privato ha delle difficoltà ad intervenire, piuttosto che sui metodi per ridurre gli effetti negativi di spam già distribuito, dove non mancano soluzioni di vario tipo prodotte dal settore privato che però non affrontano il nocciolo del problema. Ridurre lo spam, così come ridurre l inquinamento, richiede lavoro e cooperazione da parte di tutti gli attori coinvolti: ISP, imprese, enti, e cittadini. In questo processo può occasionalmente capitare che delle misure antispam causino dei problemi alla consegna dei messaggi . Ma è importante che queste misure vengano scelte con cura in modo da farci progredire verso una risoluzione del problema, causando nel contempo il minimo danno possibile al traffico legittimo. 1 Sorgenti di spam e blocco della posta 1.1 La catena dello spam Il processo di distribuzione dello spam coinvolge una catena di elementi in cui generalmente troviamo, procedendo dal mittente verso il destinatario: 1. l organizzazione che decide di pubblicizzare un proprio prodotto o servizio attraverso spam ( committente ); 2. l organizzazione che si prende carico di coordinare ed effettuare gli invii massivi ( esecutore ); 3. le risorse Internet direttamente utilizzate da questa organizzazione (spesso non rilevabili direttamente dai messaggi); 4. le risorse Internet altrui, spesso abusate per distribuire i messaggi in modo parallelo, anonimizzante e evadendo filtri (si tratta spesso di migliaia di computer zombie di utenti ignari); 5. i mail server che raccolgono la posta diretta ai destinatari; 6. lo smistamento della posta nella mailbox del destinatario, o in un insieme strutturato di folders ; 7. il prelevamento e catalogazione dei messaggi da parte del programma di posta utilizzato dal destinatario sul proprio computer; 8. il destinatario che legge i messaggi ( vittima dello spam)

5 In questo documento non mi occuperò degli ultimi tre anelli, assai distanti dal lato emissivo, e mi occuperò marginalmente dei primi due anelli, per concentrarmi sugli elementi 3. e 4. e sulla difesa a livello di mail server che, essendo in prima linea a diretto contatto con le sorgenti, è quella più adatta a fornire un feedback negativo agli emettitori. 1.2 Feedback negativo attraverso il blocco Il blocco del traffico postale è adottando certe cautele una misura utile per applicare un feedback negativo alle sorgenti di spam. Come in tanti altri processi educazionali o sociali, il feedback negativo è uno degli strumenti a disposizione per correggere comportamenti nocivi che non avrebbero dovuto verificarsi. Lo scopo è quello di risolvere i problemi, ma soprattutto di fare in modo che questi si ripresentino in misura sempre minore consentendo così un costante miglioramento del sistema. Per contro, un approccio puramente passivo e difensivo difficilmente porta a miglioramenti; più spesso comporta invece un degrado progressivo 5. Non tutti i sistemi antispam applicano un feedback negativo. Sono largamente usate infatti anche soluzioni in cui messaggi vengono accettati, analizzati e, qualora l analisi li ritenga spam, gettati via (magari dopo un periodo di quarantena ). In sistemi di questo tipo lo spammer, o più in generale il sistema emittente, non vede alcuna differenza rispetto al caso in cui il messaggio è recapitato al destinatario, e quindi non viene fornito alcun disincentivo alla ripetizione dell abuso (ad esempio verso altri destinatari). L atto di respingere immediatamente un messaggio al mittente porta invece in diverse circostanze quest ultimo a chiedersi perchè il messaggio è stato respinto, e ad attivarsi per risolvere il problema. Ad esempio, in molti casi amministratori di sistemi con falle di sicurezza che ne permettono l abuso da parte di terzi non si accorgono che esiste un problema fino a che i loro utenti non subiscono dei disservizi. Le domande principali che ci dobbiamo porre prima di usare misure di questo genere sono: 1. quali criteri utilizzare per decidere se rifiutare o accettare? 2. quanto sono efficaci? 3. quando corriamo il rischio di bloccare posta legittima, e come valutare questo rischio? 4. in quali casi il blocco di posta legittima può portare a dei benefici per la comunità? 5. chi e come viene notificato quando una transazione fallisce? 6. qual è la procedura di risoluzione da adottare in caso di problema? 5 Un esempio è costituito dalla crescita degli errori ortografici e dall introduzione di direttive HTML senza senso all interno degli spam nel tentativo di evadere filtri basati sui contenuti. 5

6 7. su quali servizi esterni ci possiamo appoggiare per ottenere dei dati utili per decidere se accettare o rifiutare una transazione? Nel seguito proverò ad abbozzare delle possibili risposte ad alcune di queste questioni. Per quanto riguarda la prima domanda, vi sono due grandi famiglie di sistemi di filtraggio: quelli basati sui soli dati a disposizione all inizio della transazione SMTP indirizzo IP in primis, ma anche dominio associato all indirizzo IP (DNS inverso), dominio mittente ( MAIL FROM ), stringa HELO 6 e quelli che ricevono il messaggio e ne analizzano il contenuto con varie metodologie. Una gran parte di quanto discusso in questo documento è applicabile ad entrambe le famiglie, tuttavia verrà posta particolare enfasi sull utilizzo dell indirizzo IP come criterio selettivo: in particolare, sulla eventuale presenza dell indirizzo in appositi database (o liste di blocco ) che catalogano sorgenti di spam in base a precedente osservazione di attività abusiva. Come chiarito meglio più sotto, l indirizzo IP di una sorgente non è falsificabile, e quindi il suo inserimento in un database di blocco avviene sempre a fronte di eventi accaduti e documentabili; inoltre, per qualsiasi indirizzo IP è possibile trovare facilmente l ISP o l entità a cui è stato assegnato consultando i database dei registri. Queste proprietà sono altamente desiderabili affinchè il feedback raggiunga chi effettivamente può intraprendere azioni correttive di un problema esistente. In questo senso anche il rigetto di posta non-spam può comportare dei vantaggi, permettendo ad esempio di portare alla immediata attenzione dei suoi gestori la presenza di un serio problema di sicurezza sul sistema mittente abusato da spammer; e in contrasto con i casi in cui un messaggio è stato erroneamente classificato come spam da un analizzatore di contenuti, ad esempio per la sfortunata presenza nel messaggio di alcune parole chiave. I sistemi di filtraggio basati sull analisi dei contenuti possono comunque essere assai efficaci, e il fatto che vengano qui menzionati solo di sfuggita non implica affatto un giudizio negativo dell autore nei loro confronti. Un sistema antispam completo utilizza in generale entrambe le metodologie. 1.3 Zombie e falsificazioni È necessario aprire a questo punto una piccola parentesi tecnica per presentare un aspetto importante. Un messaggio di posta elettronica viene trasmesso nell ambito di una transazione in cui due computers un sistema mittente e uno ricevente sono virtualmente collegati attraverso una connessione TCP/IP (dal nome dei protocolli coinvolti) in cui vengono trasferiti uno o più messaggi attraverso un dialogo secondo il protocollo SMTP. TCP/IP, utilizzato per la maggior parte delle applicazioni di rete (incluso ad esempio l accesso a pagine web), consente una connessione fra due computer e permette al ricevente di avere un traccia sicura della controparte da cui ha ricevuto il messaggio grazie alla unicità di ogni indirizzo IP sulla rete e alla certezza, garantita tecnicamente (escludendo situazioni del tutto eccezionali ed estremamente difficili da realiz- 6 Si tratta del nome che la macchina che spedisce dichiara di avere all inizio del dialogo SMTP; molto spesso è falsificato negli spam. 6

7 Figura 1: Uso di PC zombie da parte di spammer. Il server dello spammer parla SMTP con quello della vittima passando sopra a due connessioni TCP, con lo zombie interposto tra i due server. Nelle intestazioni del messaggio appare solo l indirizzo IP dello zombie; l indirizzo è fasullo. zare in pratica), che tale indirizzo IP non può essere falsificato. Al contrario, SMTP una sorta di linguaggio che guida la consegna di messaggi di posta all interno di una connessione TCP/IP già costituita non contiene meccanismi di verifica ed è semplicemente basato sulla fiducia che l informazione fornita dal mittente sia veritiera. Nelle transazioni con cui viene trasmessa la posta elettronica ordinaria, il medesimo server mittente gestisce la connessione TCP e, sopra di essa, quella SMTP. Gli spammer hanno invece trovato il modo di separare le due funzioni. Il loro server gestisce il dialogo SMTP, ma le connessioni TCP vengono aperte da PC zombies di ignari utenti della rete. Tali zombies si prestano a fungere da proxy per lo spammer, effettuando una intermediazione TCP tra il server dello spammer e quelli delle vittime. Viene così creato un canale SMTP virtuale (figura 1), in cui vengono trasmessi messaggi con intestazioni fasulle (in quanto SMTP non contempla la verifica di identità) e l indirizzo IP visto dalla vittima come apparente origine del messaggio è quello del particolare zombie che ha svolto funzione di proxy. In questo modo lo spammer può iniziare e concludere la transazione senza poter essere facilmente rintracciato. Il programma nello zombie naturalmente non lascia traccia dell indirizzo IP dello spammer una volta che la connessione è terminata. Il mittente SMTP (indirizzo di provenienza) visibile nelle intestazioni del messaggio è fasullo, oppure è un indirizzo reale che non ha però alcuna attinenza con lo spammer. In queste note chiameremo sorgente di spam l indirizzo IP che ha aperto la connessione TCP verso il server della vittima. Nella maggior parte dei casi questo non corrisponde quindi a una risorsa posseduta dallo spammer, ma a una risorsa abusata dallo spammer. Le sorgenti restano tuttavia un fattore 7

8 Figura 2: Classificazione delle macchine sorgenti di spam. Le percentuali in blu sono stime approssimative della frazione di spam veicolata. Il colore verde indica sorgenti di spam pure, che possono quindi essere bloccate usando il loro indirizzo IP senza danni, mentre il rosso indica sorgenti miste, che trasmettono cioè sia spam che posta legittima, e il cui blocco comporta pertanto effetti collaterali negativi. Le linee tratteggiate indicano un possibile istradamento della posta uscente da server abusati sui mail server dell ISP. estremamente importante in quanto sono sostanzialmente l unico elemento veritiero che possiamo trovare nelle intestazioni (headers) di un messaggio, ed inoltre spesso costituiscono comunque un grave problema di sicurezza per la rete 7 : vanno dunque considerate con la massima attenzione. 1.4 Classificazione delle sorgenti: pure e miste Possiamo dire come principio generale che dietro a qualsiasi sorgente di spam c è un problema, risolto il quale la sorgente di spam cessa di essere tale. Quindi, fermo restando che i responsabili principali del fenomeno sono gli spammer, è anche vero che ciascuna entità responsabile di un indirizzo IP che emette spam è (o dovrebbe essere) in grado di interromperne l emissione, e dunque una azione diretta verso la sorgente è comunque produttiva, anche se non l unica possibile. È opportuno classificare le sorgenti per caratterizzare le varie situazioni in ci si può imbattere, molto diverse tra loro. La figura 2 classifica le sorgenti 7 C è una certa tendenza a sottostimare la minaccia costituita dai programmi controllati da terzi che girano nei PC degli utenti. Un trojan, così come può essere programmato in modo da veicolare spam, potrebbe anche esserlo ad esempio per effettuare degli acquisti in rete utilizzando i dati di una carta di credito trovati effettuando una scansione del disco. Un intera industria criminale è al lavoro per l utilizzo di questi oggetti in varie maniere. Alcuni programmi trojan, una volta impiantati, possono venire aggiornati remotamente e quindi essere programmati per svolgere diverse attività criminali nel corso del tempo. 8

9 (come viste dai server destinatari) in quattro categorie: 1. Macchine insicure (non server). Si tratta di macchine di terzi, abusate dagli spammer, che non svolgono normalmente funzione di mail server. Sono generalmente dei PC di comuni utenti Internet con un sistema operativo della famiglia Microsoft Windows, e su cui è stato installato, all insaputa del proprietario e spesso attraverso un virus/worm creato allo scopo, un programma con funzioni di proxy server come descritto in 1.3. Questo programma viene utilizzato dallo spammer per inviare messaggi a migliaia di vittime, le quali vedranno il messaggio provenire dal PC abusato. Circa l 80% dello spam viene attualmente distribuito attraverso questo metodo. La quasi totalità di questi PC è collegata a Internet permanentemente o temporaneamente attraverso connessioni broadband o dialup, usualmente con assegnazione dinamica dell indirizzo IP, e non sono mail server, ossia in condizioni normali non inviano posta direttamente verso Internet. I loro utilizzatori inviano posta utilizzando dei mail client che si appoggiano sul server SMTP del provider, ed è quest ultimo ad inoltrare la posta verso il resto della rete. Si tratta dunque di sorgenti di spam pure. 2. Server insicuri. In questo caso la macchina emettritrice di spam è ancora un sistema abusato sfruttando una vulnerabilità e all insaputa del suo proprietario. In questo caso però la stessa macchina svolge anche funzioni di mail server per traffico mail legittimo, ed è quindi una sorgente mista che veicola simultaneamente spam e posta legittima. A questa categoria appartengono i cosiddetti relay aperti, dove è lo stesso software del mail server a permettere, causa errata configurazione, l accesso a terzi all esterno per spedire posta pure all esterno. I relay aperti hanno costituito un grande problema nel periodo , in cui veicolavano il grosso dello spam. Configurazioni di default sicure, una generale presa di coscienza del problema da parte degli amministratori di sistema (ottenuta soprattutto grazie ad alcune liste di blocco) e la massiva migrazione degli spammer verso l uso di proxy ha ridotto drasticamente la quantità di spam attraverso relay aperti, che è ora ben al di sotto dell 1% del globale. I pochi relay aperti superstiti sono macchine con software vecchio e lasciate in uno stato di abbandono. 3. Server di ISP. Lo spam può essere distribuito dai mail server di un ISP sia a causa di loro utenti spammer (molto comune è oggigiorno lo spam-truffa di tipo 419 o nigeriano, i cui mittenti consumano migliaia di account presso siti che offrono webmail gratuita), sia a causa di macchine insicure abusate che spediscono posta appoggiandosi sui server SMTP del proprio ISP. Questo tipo di spam non può generalmente essere fermato bloccando l indirizzo IP, in quanto la sorgente è per sua natura mista con probabile prevalenza di posta legittima. Tuttavia, è legittimo aspettarsi che un ISP adotti 9

10 delle misure, sia preventive che successive all osservazione di abusi, atte a ridurre l impatto sul resto della rete dello spam veicolato attraverso i propri server. 4. Macchine controllate da spammer. Infine, parte dello spam è trasmessa direttamente da sistemi di proprietà degli spammer o comunque da essi controllati. I relativi indirizzi IP possono quindi essere bloccati senza causare danni a posta legittima, si tratta cioè di sorgenti da considerare pure (trascurando la posta legittima spedita dagli spammer!). Le reti in cui si trovano queste macchine possono essere assegnate direttamente allo spammer, oppure ad un ISP, o in alcuni casi essere reti rubate (ad esempio impossessandosi dell identità di intestatari di reti abbandonate da anni). In questa categoria possiamo trovare sia organizzazioni che operano nel rispetto delle leggi nel loro paese (ad esempio gli spammer statunitensi conformi a CAN-SPAM 8 ) e che accettano di essere bloccate facilmente da chi non desidera i loro messaggi pubblicitari, sia operazioni sporche che cambiano indirizzi IP e domini molto frequentemente. Dall esame delle percentuali (approssimate) riportate in figura 2 osserviamo che la grande maggioranza dello spam è oggi trasmesso attraverso sorgenti pure, per le quali una strategia di blocco dell indirizzo IP non comporta arresto di posta legittima. Questo permette di trarre beneficio da database centralizzati e mantenuti in tempo reali contenenti indirizzi IP di sorgenti ( liste di blocco ). 1.5 Il problema delle notifiche: a chi, come? L obiettivo di un sistema antispam è quello di far risparmiare all utente il tempo e le risorse necessarie per trattare i messaggi non sollecitati trasmessi in modo massivo. Una volta riconosciuta la probabile natura di spam di un messaggio, il sistema deve pertanto inibire la sua consegna nella mailbox di lavoro dell utente. Potrebbero però esserci dei falsi positivi, la cui possibile presenza richiede delle attenzioni per non creare disagi. Dunque, cosa fare di un messaggio etichettato come spam dal sistema? Abbiamo tre alternative: gettarlo via, oppure notificare il mittente della fallita transazione, o ancora notificare il destinatario. Gettarlo via non sembra essere una opzione praticabile, a meno che non si sia assolutamente certi della sua natura di spam. Chi invia un messaggio generalmente assume che sia stato ricevuto se non arriva indietro alcun messaggio di errore, e quindi la distruzione di messaggi senza notifica può causare danni considerevoli. Notificare il mittente sembra essere l opzione più naturale: un messaggio di errore all iniziatore di una transazione fallita è da sempre (si pensi a telefono, fax, ecc) la metodologia più diffusa, ed a maggior ragione per un mezzo come l in cui il destinatario (la persona) non deve essere fisicamente presente all apparato di comunicazione nel momento in cui viene ricevuto il messaggio. Tuttavia ci si scontra qui con un grave problema: come descritto nella sezione 8 10

11 1.3, il mittente dichiarato via SMTP può essere facilmente falsificato. Questo non è ovviamente il caso dei messaggi legittimi, per cui una notifica di mancata consegna può sempre essere inviata al mittente nel caso di falsi positivi. Tuttavia, un sistema di questo genere applicato a tutto lo spam in arrivo causerebbe l emissione di un numero enorme di notifiche inviate a indirizzi falsificati. Gli spammer indicano molto spesso come mittenti indirizzi di utenti realmente esistenti proprio allo scopo di mettere bastoni fra le ruote ai sistemi di filtraggio. Un simile approccio è quindi di fatto impraticabile. Per questo motivo, molti sistemi antispam che analizzano i messaggi dopo che sono stati ricevuti provvedono a notificare il destinatario. Questo approccio sembra sconfiggere lo scopo stesso del sistema antispam, essendo la notifica stessa una sorta di messaggio che si sostituisce a quello originale. Tuttavia è possibile alleggerire il carico di lavoro sull utente destinatario dirottando il messaggio originale in un area particolare, normalmente nota come spam folder. La notifica è allora costituita dal posizionamento del messaggio nello spam folder anzichè nell area dei messaggi normali. L utente è supposto risparmiare tempo dedicando meno attenzione ai messaggi finiti nello spam folder. L ufficio legale dell ISP è felice di questa soluzione, in quanto l ISP, non rigettando nulla, non può essere accusato di non aver consegnato posta legittima si può anzi vantare di salvaguardare i diritti dell utente riversando tutta la posta-spazzatura nello spam folder! Questo approccio ha però degli inconvenienti: 1. richiede al destinatario risorse (spazio disco, tempo di scaricamento, ma soprattutto tempo umano) proporzionali al numero di messaggi spam anche nel caso in cui la catalogazione sia corretta, risolvendo quindi il problema solo parzialmente; 2. nessun feedback negativo viene inviato al mittente spammer; 3. il mittente non spammer (falso positivo) non viene notificato del dirottamento del messaggio, e il messaggio può di fatto andare perduto se il mittente non controlla attentamente il contenuto dello spam folder. Fortunatamente esiste una scappatoia che ci permette di notificare il lato mittente, evitando 9 di disturbare sia il destinatario (che è il nostro scopo primario), sia gli indirizzi falsificati dagli spammer come mittenti. La scappatoia è quella di rifiutare la transazione SMTP con la sorgente del messaggio mentre questa è in corso. Si tratta cioè di analizzare il messaggio nel momento stesso in cui viene ricevuto, prima di dare il benestare ( Ok, lo accetto ) al server mittente. Se il messaggio viene classificato come spam, la risposta al server mittente sarà un errore di tipo Non lo accetto, a cui si accompagnerà una breve descrizione della motivazione del rifiuto. Nel caso di falsi positivi, il messaggio di errore verrà ancora recapitato al mittente. Nel caso di spam con mittente falsificato, il messaggio di errore non verrà recapitato al mittente falsificato, in quanto il dialogo SMTP avviene con il mail server dello spammer per il quale si tratta semplicemente di una consegna fallita. Nel caso di spam con 9 con l eccezione dello spam via relay aperti, ormai praticamente estinto. 11

12 mittente genuino (spammer occasionali, problemi di mailing list con indirizzi non confermati, ecc.) il messaggio di errore raggiungerà il mittente costituendo un feedback negativo. Lo schema del rifiuto della transazione mentre è in corso può essere in principio utilizzato per qualsiasi tipo di sistema antispam, purchè dotato di risorse sufficienti per effettuare tutti i controlli in tempo reale, e va quindi raccomandato anche per sistemi basati sull analisi del contenuto dei messaggi. Nel caso di sistemi basati sul controllo dell IP sorgente, abbiamo dei vantaggi addizionali: 1. poichè l indirizzo IP è noto fin dall inizio, la transazione può essere rifiutata nella fase iniziale, prima che il corpo del messaggio sia stato trasmesso, risparmiando banda e risorse; 2. il rifiuto è sempre motivato da un problema reale, ancorchè di varia natura, associato all indirizzo IP; 3. poichè il blocco è indipendente dal contenuto del messaggio (il cui testo infatti nemmeno raggiunge il server di destinazione) ed è interamente determinato dall osservazione di abusi dalla sorgente, vi è garanzia che la privacy non sia stata violata 10 ; 4. analogamente, non vi è il rischio di arrestare accidentalmente messaggi distribuiti da organizzazioni di marketing o altri bulk mailer che operano nel rispetto del principio del consenso preventivo 11 ; 5. se l IP è una sorgente mista, l eventuale blocco di posta legittima può essere accompagnato da una precisa descrizione della natura del problema. Gli utilizzatori dal lato mittente possono quindi intraprendere azioni atte a risolvere il problema. Va infine menzionato che il rifiuto di una transazione SMTP iniziata da uno spammer può, se lo si desidera, essere comunicato solo dopo aver tenuto aperta la connessione TCP/IP per un tempo dell ordine del minuto o più ( tarpitting ). Il tempo di apertura della connessione è una risorsa preziosa per lo spammer, che vorrebbe avere transazioni concluse il più velocemente possibile indipendentemente dal loro esito in modo da poter raggiungere più destinatari a parità di tempo e di risorse. Una misura del genere aumenta quindi i costi operazionali degli spammer. Esiste naturalmente anche un costo per il network che attua questa misura, ma è trascurabile rispetto al risparmio di risorse conseguente al non dover immagazzinare il messaggio su supporto magnetico (come di prammatica nei casi in cui il messaggio viene accettato a monte dell analisi). 10 Per contro, la scansione dei messaggi alla ricerca di determinate parole chiave può essere vista come una forma di invasione della privacy nel caso in cui un messaggio legittimo venga arrestato per errore. 11 Alcuni filtri che analizzano i contenuti risentono di questo problema, che danneggia ingiustamente operatori responsabili. 12

13 1.6 Criteri per il blocco di sorgenti miste Come notato, la maggior parte dello spam proviene da sorgenti pure il cui blocco non causa problemi. Il blocco di messaggi provenienti da sorgenti miste, ossia quelle da cui proviene posta legittima oltre che spam, è pure una misura da praticare quando necessario, ma con particolari cautele in quanto può provocare disservizi agli utenti della rete. Alcuni aspetti importanti dell argomento sono discussi più dettagliatamente nella sezione 2.5, ma posso qui elencare alcuni suggerimenti per qualsiasi struttura che voglia adottare questa strategia: 1. il blocco va effettuato solo in caso di evidente falla di sicurezza (ad e- sempio un relay aperto), oppure in caso di problemi persistenti dove si ha una ragionevole certezza che il problema è già stato portato all attenzione dell ISP o della struttura responsabile dell indirizzo IP attraverso segnalazioni da parte di utenti della rete (esistono archivi su cui è possibile verificare l attività di spam da determinati indirizzi IP), o ancora in caso di gravi problemi di supporto all attività di spammer come discusso in 2.5; 2. lo scopo primario del blocco è, oltre all arresto dello spam, quello di fornire feedback negativo ovvero di contribuire a portare il problema all attenzione dell ISP o del sistemista responsabile inducendolo a intraprendere azioni correttive; 3. evidenza dell attività abusiva che ha causato il blocco deve sempre essere disponibile e essere fornita se richiesta (naturalmente anche sotto forma di puntatori); 4. è fondamentale che i messaggi vengano rigettati a livello SMTP, generando così una notifica al mittente mentre la transazione è in corso. Il mittente viene allora informato in tempo reale e può quindi portare rapidamente il problema all attenzione del gestore del proprio sistema di posta; 5. è importante che il messaggio di errore ritornato contenga una rapida descrizione del problema, e un meccanismo (un form, o un indirizzo non protetto dai filtri) che permetta l instaurarsi di un canale di contatto funzionante onde avviare con facilità una procedura di risoluzione; 6. gli utenti non-spammer affetti dal blocco non vanno puniti ma informati. È quindi desiderabile che la struttura che blocca sia in grado di gestire prontamente le richieste di assistenza conseguenti a mail rigettate, aperte indifferentemente dal mittente o dal destinatario, fornendo tutte le spiegazioni del caso (evidenze di spam accumulate, evidenze presso liste di blocco, archivi pubblici, ecc.) e, in condizioni normali, ripristinando il canale di comunicazione interrotto fra la coppia di utenti interessati; 7. la struttura che blocca deve prevedere l esistenza di una whitelist, ossia una lista di sorgenti di legittima che non si desidera vengano mai bloccate. Tale lista verrà popolata con gli indirizzi dei mail server con cui vengono scambiati elevati volumi di posta, allo scopo di prevenire blocchi 13

14 che creano disagio e di gestione onerosa. Va sottolineato che nel caso di utilizzo di liste di blocco esterne i messaggi vengono pur sempre respinti dal proprio mail server, non dalla lista di blocco, e quindi il gestore del mail server è comunque chiamato ad effettuare una valutazione dei costi e dei benefici dalla sua propria prospettiva; non è quindi necessario bloccare tutto ciò che una lista di blocco suggerisce di bloccare; 8. è desiderabile che possano essere definiti indirizzi non protetti dal sistema antispam, che potranno essere utilizzati dagli utenti per permettere ai loro corrispondenti in difficoltà di aggirare temporaneamente situazioni di blocco. L esperienza diretta dell autore indica che queste misure possono essere intraprese senza eccessive difficoltà da un ISP business, mentre un ISP consumer può dover ricorrere a compromessi per tenere i costi sotto controllo. Inoltre, l utenza è generalmente pronta ad accettare di buon grado interruzioni nella consegna dei messaggi quando queste vengono motivate con adeguata documentazione ed è in vigore una procedura di risoluzione celere. Una seria politica antispam con un rapido trattamento dei casi aperti viene generalmente apprezzata e contribuisce a fidelizzare la clientela. Il coordinamento di queste attività richiede una figura professionale non standard e difficile da reperire nel mondo del lavoro. ISP e grosse organizzazioni hanno probabilmente interesse a formarsi in casa competenze di questo tipo, mentre organizzazioni più piccole o che non desiderano impegnare proprie risorse umane in queste attività possono probabilmente affidare la gestione dello strato esterno della posta (i server che ricevono i messaggi dall esterno, applicano le misure antispam/antivirus ed inoltrano i messaggi superstiti verso la destinazione finale) ad aziende che hanno sviluppato questo tipo di specializzazione. 2 Lo Spamhaus Project 2.1 Blocking list e oltre Nella sezione precedente sono state esaminate le questioni generali associate al rigetto della posta, ma non è stato discusso il problema di quali dati utilizzare come criterio per respingere messaggi. Gli spammer si muovono in continuazione, sia perchè i loro fornitori sospendono loro il servizio, sia perchè essere un bersaglio mobile rende più difficile fermare i loro messaggi. L enorme mole di lavoro necessaria per tracciare il movimento delle sorgenti e delle regole di filtraggio ha fatto sì che siano sorti diversi database dinamici in cui l informazione viene centralizzata e resa disponibile in tempo reale a chiunque la voglia usare. La maggior parte di questi progetti sono di natura non commerciale, e sono gestiti da gruppi di volontari. Si tratta quasi sempre di persone che lavorano usando la rete (molti sono gestori di sistemi), e dedicano una parte solitamente cospicua del loro tempo libero alla gestione del database: raccolta/creazione/eliminazione, organizzazione e distribuzione dei dati. 14

15 La maggior parte di questi progetti mantiene database di indirizzi IP associati a spam. Il meccanismo di distribuzione, basato sul protocollo DNS e molto efficiente, è strutturato in modo da permettere l utilizzo diretto dei database da parte dei mail server, e per questo motivo questi database sono anche noti col nome di liste di blocco (blocking lists, o BL). Vi sono diverse BL, specializzate in determinate tipologie di sorgenti e con diverse politiche di inserimento e rimozione. In questo documento non passerò in rassegna le varie liste esistenti, limitandomi a presentare quello che è probabilmente, in questo momento, il progetto antispam più significativo dal punto di vista della creazione di costi aggiuntivi per gli spammer: lo Spamhaus Project 12. Spamhaus è un progetto ad ampio respiro ideato nel 1998 da Steve Linford nel Regno Unito e da allora in continuo sviluppo. Uno dei suoi principali scopi è quello di arrestare lo spam attraverso la distribuzione di indirizzi IP di sorgenti di spam; ma anche evidenziare i servizi utilizzati da spammer (siti web, server DNS, ecc.); mantenere un database contenente informazioni sulle operazioni di spam professionali nel mondo; aiutare ISP e backbones ad eliminare gli spammer; fornire informazioni a organi di polizia e di informazione; fornire consulenza ai governi relativamente a interventi legislativi; e altre attività ritenute utili per eliminare questa piaga della rete. In altre parole, l obiettivo primario di Spamhaus non è quello di difendersi dallo spam come se fosse una calamità naturale, ma di attaccare il problema al punto di origine: gli spammer. I database di Spamhaus sono concepiti per ridurre al minimo i danni collaterali (arresto di posta legittima), e la loro buona affidabilità ha fatto sì che vengano utilizzati da un numero sempre crescente di entità e istituzioni nell area ISP, business, educazionale, governativa, militare, per un numero totale di mailbox protette che si stima oggi essere attorno ai 400 milioni. Spamhaus mantiene attualmente tre database: XBL, SBL e ROKSO. 2.2 XBL Il database XBL (exploits Block List) contiene indirizzi IP di sorgenti di spam pure, ossia che non sono mail server: fattore che rende assai sicuro il suo utilizzo. XBL è alimentato da dati raccolti e analizzati presso alcune installazioni con traffico molto alto (la cui locazione non può ovviamente essere rivelata), contiene tra 1 e 2 milioni di indirizzi IP con un ricambio di alcune decine di migliaia di indirizzi al giorno, e viene aggiornato ogni 30 minuti. L intera operazione è largamente automatizzata, anche se naturalmente regole e parametri vengono frequentemente aggiustati 13. L utilizzo di XBL permette di arrestare circa il 60% dello spam complessivo in circolazione (dato di aprile 2004) con effetti collaterali quasi assenti 14. Gli indirizzi IP entrati nel database ne escono La maggior parte dei dati contenuti in XBL è attualmente importata dal progetto CBL, 14 I rari effetti collaterali sono di solito riconducibili a installazioni NAT, in cui una intera rete locale si trova dietro ad un medesimo IP, non dotate di un firewall configurato in modo appropriato. In installazioni di questo tipo il firewall dovrebbe accettare dal lato interno solo traffico SMTP uscente proveniente dal mail server, non da altri PC nella rete locale. 15

16 automaticamente nel giro di alcuni giorni se il problema cessa, ma esiste anche una procedura di tipo self-service che permette a chiunque di rimuovere istantaneamente il proprio indirizzo IP dopo aver risolto il problema che aveva portato all inserimento in XBL. Un team di volontari risponde comunque alle richieste di chiarimenti inviate via mail. 2.3 SBL Al contrario di XBL, il database SBL (Spamhaus Block List) è gestito manualmente e contiene indirizzi IP di spammer, sia utilizzati per l emissione che per erogare servizi quali siti web o server DNS, nonchè di servizi di supporto a spammer. Ogni record è corredato da una descrizione testuale, disponibile pubblicamente sul sito web di Spamhaus, che spiega il motivo per cui il record è stato creato. Il database viene gestito da un team costituito da una ventina di volontari distribuiti su più continenti. I record vengono classificati sia per locazione geografica che per ISP che per spammer, e il database relazionale in cui sono organizzati permette quindi di ottenere diverse viste interessanti, rilevare mutamenti e tendenze, produrre statistiche. SBL instaura un rapporto stretto e di fiducia con gli Internet Service Provider. Uno dei criteri fondamentali che ispirano l operazione di SBL è quello di minimizzare i falsi positivi : gli effetti collaterali che eventuali listing di sorgenti miste potrebbero generare vengono valutati attentamente dal team (i cui componenti si trovano in paesi diversi e quindi hanno prospettive diverse). Il basso tasso di falsi positivi e l accuratezza delle evidenze esposte nei record permette alle organizzazioni di configurare con confidenza i mail server in modo che rigettino da IP elencati in SBL. L alto tasso di adozione che ne consegue rende SBL uno strumento importante e rispettato e questo a sua volta permette a Spamhaus di accompagnare situazioni problematiche verso una risoluzione rapida. In sostanza, tra SBL e i suoi utilizzatori esiste una sorta di simbiosi resa possibile dalla condivisione degli intenti che sta alla base della sua efficacia e che distingue SBL da altre liste di blocco gestite con maggiore aggressività. Le discussioni relative ad un listing tra Spamhaus e l entità in carico degli indirizzi listati avvengono facilmente e discretamente attraverso la posta elettronica, e i listing vengono rimossi rapidamente non appena il problema a cui si riferiscono viene curato. Eventuali situazioni delicate o problematiche vengono discusse all interno del team. I casi che le procedure ordinarie lasciano irrisolti implicano generalmente una procedura di escalation che viene diretta prima di tutto verso i mail server utilizzati dai vertici dell azienda coinvolta ( corporate servers ). In molti casi questo lancia alla dirigenza dell ISP un segnale sufficientemente forte da indurre ad un cambiamento di rotta senza causare problemi all utenza. 2.4 ROKSO ROKSO (Register Of Known Spam Operations) è un database che raccoglie informazioni sulle circa 250 operazioni di spam principali nel mondo, responsa- 16

17 bili per circa il 90% dello spam complessivamente in circolazione. La maggior parte degli spammer operano illegalmente, e si muovono costantemente da una rete all altra cambiando identità e cercando ISP che permettano loro di restare connessi il più a lungo possibile. Le informazioni contenute in ROKSO aiutano gli ISP a identificare gli spammer già nello stadio di pre-vendita, consentendo di prevenire la sottoscrizione di un contratto. Per essere listato in ROKSO, uno spammer deve essere stato disconnesso per violazione delle condizioni d uso accettabili da almeno tre ISP, e devono essere trascorsi meno di sei mesi dagli ultimi spam osservati. ROKSO contiene solo informazioni di natura testuale, ossia non è una lista di blocco. Tutti gli indirizzi IP trovati essere sotto il controllo di uno spammer ROKSO sono listati nel database SBL (fra i due database esistono dei collegamenti incrociati) e quindi bloccati dagli utilizzatori di SBL. Una versione speciale di ROKSO con informazioni addizionali troppo delicate per essere rese pubbliche (log di server, ecc.) viene utilizzata da organi di polizia nazionali e internazionali per raccogliere evidenza su attività criminali. 2.5 Perchè bloccare reti che non sono sorgenti? Come discusso, il database SBL non contiene solamente sorgenti di spam, ma anche altre risorse utilizzate da spammer quali server web, DNS, server per la raccolta di pagamenti, ecc. In alcuni casi queste risorse sono assegnate direttamente allo spammer (comunque connesso a Internet attraverso uno o più ISP), mentre in altri casi si tratta di servizi offerti allo spammer da un ISP in condivisione con altra utenza. In entrambe le situazioni, l ISP (dando per scontato che le condizioni contrattuali col suo cliente lo permettano, cosa quasi sempre verificata) può risolvere il problema terminando la fornitura di servizi al cliente che abusato della rete. Questo è infatti quanto ci si aspetta che succeda, e che in verità succede nella maggior parte dei casi. La presenza di un listing SBL persistente per un server usato da uno spammer indica generalmente che l ISP coinvolto non è intervenuto nonostante la ricezione di segnalazioni. Ci si può chiedere che senso abbia bloccare la posta elettronica proveniente da server che non emettono direttamente spam, dal momento che questa misura non genera una riduzione di spam immediatamente misurabile, e può caso mai dar luogo a effetti collaterali negativi. L anonimizzazione de facto della vera sorgente dello spam conseguente al fenomeno dell abuso di PC zombie rende il processo di distribuzione molto semplice e sicuro nell ottica degli spammer. Le risorse web e DNS sono più difficili da anonimizzare, e più semplici da individuare. Inoltre, nessuno spam commerciale avrebbe utilità per chi lo invia se non esistesse un meccanismo per permettere la vendita dei prodotti pubblicizzati. Per questi motivi, da diversi anni le organizzazioni antispam come Spamhaus prestano la massima attenzione alla locazione di questi servizi. La pubblicazione degli indirizzi IP dei servizi in database come SBL permette di raggiungere alcuni obiettivi che vanno al di là del puro e semplice blocco di spam via SMTP : 1. Pubblicizzazione dello spammer. È opportuno che il pubblico e le autorità sappiano chi sono i responsabili dietro ad uno spam, e spesso una inter- 17

18 rogazione ad SBL basata sulla URL pubblicizzata è il metodo più rapido per scoprirlo; 2. Pubblicizzazione degli ISP spam-friendly. È opportuno che il pubblico e gli operatori sappiano quali sono gli ISP che traggono un diretto profitto economico dal fenomeno spam, anche per permettere di evitarli alle persone e alle aziende che vogliono contribuire a risolvere il fenomeno. Il numero e l età dei record SBL accesi costituiscono un buon indicatore; 3. Pressione dai clienti non-spammer. Il blocco delle risorse che uno spammer condivide con altri utenti non-spammer porta talvolta a danni collaterali che, pur dando origine a disagi temporanei, sono (purtroppo!) in alcuni casi estremi l unico metodo per convincere l ISP a terminare gli spammer (nei casi in cui l ISP tiene separate le risorse assegnate allo spammer, la pressione viene applicata da SBL attraverso il blocco dei server usati dalla dirigenza dell azienda piuttosto che di quelli usati dall utenza); 4. Rilevazione di URL pubblicizzate mediante spam. La presenza in SBL dell indirizzo IP di un sito indicato in una URL costituisce infine uno strumento estremamente efficace per l identificazione di spam da parte di sistemi di filtraggio basati sull analisi dei contenuti 15. Per questi motivi, l identificazione e il blocco di indirizzi IP associati a servizi di spam costituisce oggi una delle metodologie più efficaci per combattere lo spam. La maggior parte degli ISP presta oggi la massima attenzione a queste tematiche e rimuove gli spammer rapidamente. Questo porta naturalmente gli spammer ad evitarli (oltre che ad aumentare i loro costi a causa delle continue migrazioni), e ad accumularsi presso gli ISP spam-friendly. Questi ultimi tendono a perdere una parte della loro utenza legittima e diventano ISP specializzati in questo tipo di servizio, cosa che consente di considerarli sempre più affini ad uno spammer e quindi di poter fare pressione sui loro fornitori di connettività. Tali ISP appartengono a pieno titolo alla categoria degli inquinatori della rete: come gli spammer, sono operatori che non esitano a contribuire al degrado dell ambiente a fronte di un proprio tornaconto economico. L esperienza mostra che solitamente un ISP diventa spam-friendly in presenza di una di queste situazioni: 1. l ISP, in un tentativo di tenere bassi i costi operativi, non ha dotato l abuse desk di personale e strumenti sufficienti. In caso di riduzioni dello staff, il personale della gestione abusi è spesso tra i primi ad essere oggetto di tagli in quanto tale ufficio non genera introiti direttamente, e anzi ad un esame superficiale sembra toglierli. In questi casi capita spesso che nessuno legga le segnalazioni pervenute, e la nave diventa virtualmente senza pilota. Una variante di questa situazione è l abuse desk dato in appalto a un call center esterno (che non può avere le competenze per gestirlo) come se fosse un help desk, che si limita a svolgere funzioni di public relations ; 15 Informazione riportata dagli utilizzatori della regola URIDNSBL disponibile nel programma SpamAssassin dalla versione

19 2. l ISP soffre di una grave mancanza di liquidità, e il management decide di acquisire degli spammer tra i clienti per per far fluire del denaro extra nelle proprie casse. Gli spammers piombano come avvoltoi in gran numero sugli ISP in questa condizione; 3. l ISP sta per essere venduto o essere oggetto di una fusione/incorporazione. Il management vuole aumentare il fatturato a qualunque costo per massimizzare l imminente valutazione. I problemi generati dall acquisizione di spammer sono ritenuti di competenza della gestione successiva e pertanto ignorati; 4. l ISP è grande, e i suoi vertici ritengono di poter vendere servizi a spammer a caro prezzo e senza timore di ritorsioni da parte del resto della rete grazie alla dimensione dell ISP 16 ; 5. l ISP è situato in un area geografica lontana dal mondo occidentale in cui si svolge la maggior parte della attività antispam, e quindi le misure di blocco lo colpiscono in modo lieve; l ISP ritiene che il danno alla propria reputazione nel proprio paese sia limitato, e quindi che il gioco valga la candela; 6. l ISP è la divisione Internet di una grossa telco ex-monopolista, che si porta dietro la cultura del common carrier (tutto deve transitare) e la cultura dell operatore telefonico (ciò che fa l utente non mi interessa). Le condizioni d uso, simili a quelle per l utenza telefonica, non permettono di fatto all ISP di intervenire nei confronti dei suoi utenti che abusano della rete. Scenari di questo tipo sono ormai quasi del tutto scomparsi in Europa e America, ma sopravvivono ancora in molte realtà asiatiche. In tutti i casi ad eccezione dell ultimo la motivazione di fondo dietro al supporto a spammer è di natura economica. Per questo motivo, Spamhaus ed altre organizzazioni cercano di spostare l ago della bilancia economica che controlla il fenomeno aumentando i costi legati alla presenza di spammer in una rete 17. Il fine non è quello di punire, ma quello di aprire un dialogo per educare e favorire un uso responsabile di Internet. Gli ISP che dimostrano di voler affrontare una situazione problematica in cui per qualsivoglia motivo sono venuti a trovarsi rimuovendo i servizi a spammer non vengono penalizzati. Nella storia di Spamhaus troviamo innumerevoli casi di ISP che hanno compiuto mutamenti di rotta sostanziali nel giro di breve tempo, diventando degli alleati nella battaglia contro lo spam. 2.6 Alcune cifre Attualmente il team di Spamhaus, costituito da circa 20 volontari, esamina o- gni giorno tra 50 e 100 casi, e genera o rimuove alcune decine di record SBL. 16 Il caso più eclatante è quello della statunitense MCI, a cui sono attribuiti al momento della scrittura di queste note ben 227 record SBL, in gran parte di spammer professionisti elencati in ROKSO. 17 Questo punto è discusso più dettagliatamente nel saggio di Jeffrey Race You needn t eat spam (nor worms) disponibile alla URL 03.pdf 19

20 I database SBL e XBL vengono distribuiti secondo due modalità. Le piccole organizzazioni possono utilizzarli effettuando direttamente interrogazioni sull infrastruttura DNS pubblica di Spamhaus, costituita da circa 30 nameserver distribuiti in tutto il mondo. Il traffico è attorno alle interrogazioni al secondo, che si stima corrispondere a circa 200 milioni di utenze. Le organizzazioni al di sopra di una certa soglia di traffico sono invece invitate a mantenere una copia locale sincronizzata dei database, e servire localmente le richieste dai propri mail server (con vantaggi in termini di velocità e affidabilità). Al momento utilizzano questa modalità circa 600 organizzazioni, approssimativamente corripondenti ad altri 200 milioni di utenti; questo numero è in rapida crescita. Le statistiche indicano che circa il 55% delle interrogazioni a XBL e il 12% di quelle a SBL danno esito positivo, ossia indicano che l IP è da bloccare 18. I costi operazionali annuali di Spamhaus sono stimati essere attorno a 1 milione di dollari statunitensi, di cui circa metà associati alla manutenzione dei dati e metà alla loro distribuzione. I costi di manutenzione dei dati sono soprattutto dovuti alle ore di lavoro donate dai volontari, quindi questi costi non vengono direttamente sostenuti dall organizzazione. I costi di distribuzione dei dati sono soprattutto associati a banda e server DNS e web, e sono piuttosto alti a causa della necessità di operare con una grossa disponibilità di banda per sostenere gli attacchi di tipo Denial of Service lanciati dagli spammer 19. Nonostante gli alti costi a fronte dell assenza di introiti, Spamhaus è riuscita sinora a operare senza alcuna interruzione di servizio sull infrastruttura DNS grazie a generose donazioni di risorse da parte di vari ISP, aziende ed enti educazionali. Tuttavia si è recentemente deciso di richiedere un contributo finanziario alle reti che mantengono una copia locale dei database (quindi continuando a permettere un libero accesso ai server DNS pubblici), con l obiettivo di riuscire a coprire la parte dei costi legata alla distribuzione dei dati e non dover fare affidamento su donazioni; e soprattutto poter fornire ai grossi e medi utilizzatori, molto sensibili su questo punto, una garanzia sulla qualità del servizio di distribuzione. Ai costi di cui sopra vanno aggiunte le eventuali spese legate ad azioni legali da parte di spammer, il cui ammontare non è ovviamente prevedibile. La sfida per Spamhaus è quella di continuare ad operare finchè la sua esistenza appare necessaria per contrastare lo spam, senza richiedere sacrifici alla lunga inaccettabili da parte di chi l ha fondata e di chi la supporta, e nonostante gli spammer cerchino costantemente di metterla fuori uso con varie strategie, sulla scia di quanto accaduto ad altre liste di blocco in passato. Tentativi di ottenere finanziamenti da governi o strutture pubbliche non hanno sinora avuto successo (i governi ritengono generalmente che l industria Internet debba essere in grado di autoregolarsi e quindi sono restii a finanziare progetti anche se di interesse pubblico), ma si continua a perseguire anche questa strada. 18 Questi valori non sono direttamente convertibili in frazioni di traffico mail a causa dell effetto delle cache DNS, ma sono indicativi. 19 Alcuni worm, come ad esempio certe varietà di MiMail, contengono codice che invia traffico verso il sito di Spamhaus. Nei momenti peggiori il traffico osservato, proveniente da diverse migliaia di macchine e diretto verso il sito, è stato di decine di Gbps. 20

SHARKMAIL by 2000net. Caratteristiche principali. Più 98% dello spam viene eliminato

SHARKMAIL by 2000net. Caratteristiche principali. Più 98% dello spam viene eliminato SHARKMAIL by 2000net La 2000net ha investito molte risorse per combattere il fenomeno dello spam e oggi è pronta a fornire una soluzione ad elevato livello tecnologico indirizzato al settore Business in

Dettagli

Gli strumenti AntiSpam di MDaemon

Gli strumenti AntiSpam di MDaemon Gli strumenti AntiSpam di MDaemon O ltre il 50% delle email che circolano in Internet sono spam, cioè email non richieste e non gradite. Lo spam è uno dei mali della Rete, occupa la banda e rallenta il

Dettagli

FINAL 1.3 DOCUMENTO PUBBLICO. Acceptable Use Policy (AUP)

FINAL 1.3 DOCUMENTO PUBBLICO. Acceptable Use Policy (AUP) FINAL 1.3 DOCUMENTO PUBBLICO Acceptable Use Policy (AUP) Milano, 13/06/2007 Introduzione All interno del presente documento sono descritte alcune norme comportamentali che gli utenti connessi ad Internet

Dettagli

DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI

DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI 2 Introduzione Questa email è una truffa o è legittima? È ciò che si chiedono con sempre maggiore frequenza

Dettagli

Manuale Utente Servizio AntiSPAM

Manuale Utente Servizio AntiSPAM RUPA - Centro di Gestione Interoperabilità Servizio AntiSPAM Pagina di 22 INDICE GENERALITÀ...4. SCOPO DEL DOCUMENTO...4.2 APPLICABILITÀ...4.3 DEFINIZIONI E ACRONIMI...4 2 DESCRIZIONE...5 2. INTEGRAZIONE

Dettagli

Proteggi gli account personali

Proteggi gli account personali con la collaborazione di Proteggi gli account personali Pensi che il PHISHING sia solo un tipo di pesca? Pensi che i COOKIE siano solo biscotti? Pensi che un VIRUS sia solo un raffreddore? Proteggi gli

Dettagli

La rete è una componente fondamentale della

La rete è una componente fondamentale della automazioneoggi Attenti alle reti La telematica si basa prevalentemente sulle reti come mezzo di comunicazione per cui è indispensabile adottare strategie di sicurezza per difendere i sistemi di supervisione

Dettagli

Glossario servizi di Sicurezza Informatica offerti

Glossario servizi di Sicurezza Informatica offerti Glossario servizi di Sicurezza Informatica offerti Copyright LaPSIX 2007 Glossario servizi offerti di sicurezza Informatica SINGLE SIGN-ON Il Single Sign-On prevede che la parte client di un sistema venga

Dettagli

È responsabilità dei nostri utenti assicurarsi di agire in conformità all ultima edizione della nostra AUP in qualsiasi momento.

È responsabilità dei nostri utenti assicurarsi di agire in conformità all ultima edizione della nostra AUP in qualsiasi momento. Acceptable Use Policy Introduzione Tagadab ha creato per i propri clienti la presente Acceptable Use Policy (norme d uso o comportamentali relative al servizio di Rete), denominata AUP, allo scopo di proteggere

Dettagli

Modulo Antivirus per Petra 3.3. Guida Utente

Modulo Antivirus per Petra 3.3. Guida Utente Modulo Antivirus per Petra 3.3 Guida Utente Modulo Antivirus per Petra 3.3: Guida Utente Copyright 1996, 2005 Link s.r.l. (http://www.link.it) Questo documento contiene informazioni di proprietà riservata,

Dettagli

FIREWALL Protezione e sicurezza

FIREWALL Protezione e sicurezza Protezione e sicurezza Antivirus Firewall Filtering Scopri tutti i nostri servizi su www.clouditalia.com Cloud Imail Firewall Lo Spam é un insieme di messaggi non desiderati o provenienti da mittenti sconosciuti.

Dettagli

MDaemon contro lo spam

MDaemon contro lo spam MDaemon contro lo spam O ltre il 50% del volume di posta elettronica che circola in Internet è costituito da spam, ovvero messaggi non richiesti e non graditi. Vera e propria piaga della Rete, lo spam

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PRIVACY SU INTERENT

INTRODUZIONE ALLA PRIVACY SU INTERENT INTRODUZIONE ALLA PRIVACY SU INTERENT Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi 2015 Dr. Antonio Piva 1 IL CONCETTO DEL CLICKSTREAM Tramite la navigazione in internet e i servizi utilizzati, resi disponibili

Dettagli

Utilizzo del server SMTP in modalità sicura

Utilizzo del server SMTP in modalità sicura Utilizzo del server SMTP in modalità sicura In questa guida forniremo alcune indicazioni sull'ottimizzazione del server SMTP di IceWarp e sul suo impiego in modalità sicura, in modo da ridurre al minimo

Dettagli

ROTARY MILANO PORTA VITTORIA

ROTARY MILANO PORTA VITTORIA ROTARY MILANO PORTA VITTORIA INFORMATIVA SULLA PRIVACY Sito web del Rotary Milano Porta Vittoria - Informativa sulla privacy INTRODUZIONE Il Rotary Milano Porta Vittoria (di seguito "Rotary") rispetta

Dettagli

Informazioni generali sulla Generali Group Compliance Helpline (EthicsPoint)

Informazioni generali sulla Generali Group Compliance Helpline (EthicsPoint) Informazioni generali sulla Generali Group Compliance Helpline (EthicsPoint) Segnalazioni Sicurezza Riservatezza e protezione dei dati Informazioni generali sulla Generali Group Compliance Helpline (EthicsPoint)

Dettagli

Sicurezza: credenziali, protocolli sicuri, virus, backup

Sicurezza: credenziali, protocolli sicuri, virus, backup Sicurezza: credenziali, protocolli sicuri, virus, backup La sicurezza informatica Il tema della sicurezza informatica riguarda tutte le componenti del sistema informatico: l hardware, il software, i dati,

Dettagli

PRIVACY POLICY DI QUESTO SITO

PRIVACY POLICY DI QUESTO SITO PRIVACY POLICY DI QUESTO SITO Poichè, anche a seguito della mera consultazione dei siti web, vi può essere la possibilità di raccogliere e trattare dati relativi a persone identificate o identificabili,

Dettagli

Servizi IBM di Sicurezza Gestita per la Sicurezza E-mail

Servizi IBM di Sicurezza Gestita per la Sicurezza E-mail Descrizione del Servizio Servizi IBM di Sicurezza Gestita per la Sicurezza E-mail 1. Ambito dei Servizi I Servizi IBM di Sicurezza Gestita per la Sicurezza E-mail (detti MSS per la Sicurezza E-mail ) possono

Dettagli

Connessioni sicure: ma quanto lo sono?

Connessioni sicure: ma quanto lo sono? Connessioni sicure: ma quanto lo sono? Vitaly Denisov Contenuti Cosa sono le connessioni sicure?...2 Diversi tipi di protezione contro i pericoli del network.....4 Il pericolo delle connessioni sicure

Dettagli

Registrazione delle attività e diagnostica di base delle problematiche di mancata ricezione

Registrazione delle attività e diagnostica di base delle problematiche di mancata ricezione Registrazione delle attività e diagnostica di base delle problematiche di mancata ricezione Ciascun servizio di IceWarp Server permette di impostare un livello di registrazione dell'attività che mantenga

Dettagli

Descrizione servizio Websense Hosted Mail Security

Descrizione servizio Websense Hosted Mail Security Descrizione servizio Websense Hosted Mail Security Alla luce della crescente convergenza delle minacce nei confronti del Web e della posta elettronica, oggi è più importante che mai poter contare su una

Dettagli

L AUMENTO DELL AUTOMAZIONE - come introdurre sul mercato i contatori intelligenti

L AUMENTO DELL AUTOMAZIONE - come introdurre sul mercato i contatori intelligenti L AUMENTO DELL AUTOMAZIONE - come introdurre sul mercato i contatori intelligenti INTRODUZIONE I contatori intelligenti sono strumenti per il monitoraggio in tempo reale dei consumi e per l invio automatico

Dettagli

Per provare gratuitamente il servizio scrivete a info@postalinda.it Tel: +39.0273953699 http://www.postalinda.it

Per provare gratuitamente il servizio scrivete a info@postalinda.it Tel: +39.0273953699 http://www.postalinda.it POSTA LINDA è un sistema AntiVirus e AntiSpam completamente gestito che permette di abbattere fino al 99.9% i messaggi di posta indesiderata e i virus che raggiungono le caselle del vostro dominio. Il

Dettagli

Regole sulla Privacy. 3.2 La Società può raccogliere ed archiviare, tra gli altri, i seguenti i dati personali:

Regole sulla Privacy. 3.2 La Società può raccogliere ed archiviare, tra gli altri, i seguenti i dati personali: Regole sulla Privacy Le presenti Regole sulla Privacy contengono le informazioni su come Golden Boy Technology & Innovation S.r.l. (di seguito, la Società) utilizza e protegge le informazioni personali

Dettagli

Last updated 06/06/2010

Last updated 06/06/2010 Last updated 06/06/2010 CrowdSurge ("Società," "noi," "ci") presta particolare attenzione alla tutela della privacy online e desidera informarla adeguatamente in merito alle proprie modalità di raccolta,

Dettagli

INDICE. Introduzione. Definizione del termine Spam. L origine del termine Spam. Da chi viene effettuato

INDICE. Introduzione. Definizione del termine Spam. L origine del termine Spam. Da chi viene effettuato INDICE A cura di: De Pascale D. Zappullo D. Sistemi di Elaborazione: Sicurezza Su Reti A.A. 2005/2006 Prof. Alfredo De Santis Processo di Introduzione Definizione del termine Spam A chi non è mai capitato

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Recente aumento della diffusione di virus Malware

Recente aumento della diffusione di virus Malware Recente aumento della diffusione di virus Malware Recentemente è stato registrato un aumento della diffusione di particolari tipi di virus chiamati generalmente Malware che hanno come scopo principale

Dettagli

Caratteristiche dei servizi.

Caratteristiche dei servizi. Caratteristiche dei servizi. Aggiornamento: Febbraio 3, 2015 intercom s.r.l via piantà 8, 28010 vaprio d agogna NO T +39 0321 996479 F +39 0321 996247 info@intercom.it http://intercom.it 1. Servizio di

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI D USO

TERMINI E CONDIZIONI D USO TERMINI E CONDIZIONI D USO Il Sito Web NUOVACIAM comprende numerose pagine Web gestite da NUOVACIAM - Caltanissetta. Il Sito Web NUOVACIAM viene offerto all utente a condizione che l utente accetti senza

Dettagli

Combattere lo spam con MDaemon e SPF

Combattere lo spam con MDaemon e SPF MDaemon Combattere lo spam con MDaemon e SPF Abstract... 2 Cos è SPF... 2 Configurazione di SPF in MDaemon... 3 Attivare SPF in MDaemon 7... 3 Attivare SPF in MDaemon 8... 4 Attivare SPF in MDaemon 9...

Dettagli

Antispam. FASTflow S.r.l. IceWarp Italia e-mail: info@icewarp.it - Web: www.icewarp.it

Antispam. FASTflow S.r.l. IceWarp Italia e-mail: info@icewarp.it - Web: www.icewarp.it Antispam IceWarp Server integra diverse tecnologie Anti-Spam altamente personalizzabili in modo che ciascun amministratore di sistema possa sfruttare le potenzialità offerte adattandole alle particolari

Dettagli

Informativa e consenso per l utilizzo delle Google Apps for Education ISMC ALLEGATO 2 ALLEGATO 2 PRIVACY DI GOOGLE

Informativa e consenso per l utilizzo delle Google Apps for Education ISMC ALLEGATO 2 ALLEGATO 2 PRIVACY DI GOOGLE Pag. 1 di 8 PRIVACY DI GOOGLE (http://www.google.com/intl/it/policies/privacy/ Ultima modifica: 19 agosto 2015) I nostri servizi possono essere utilizzati in tanti modi diversi: per cercare e condividere

Dettagli

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.7) Rielaborazione dal WEB: prof. Claudio Pellegrini - Sondrio

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.7) Rielaborazione dal WEB: prof. Claudio Pellegrini - Sondrio Modulo 1 Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.7) Rielaborazione dal WEB: prof. Claudio Pellegrini - Sondrio La sicurezza dei sistemi informatici Tutti i dispositivi di un p.c.

Dettagli

SERVIZIO PEC LINEE GUIDA

SERVIZIO PEC LINEE GUIDA Allegato n. 02 SERVIZIO PEC LINEE GUIDA Pagina n. 1 PRIMA DI COMINCIARE: NOTA BENE: LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA E UN MEZZO DI TRASPORTO, VELOCE, SICURO E CON VALIDITA LEGALE. NON E UN METODO DI AUTENTICAZIONE

Dettagli

Condizioni generali Versione 04.2010

Condizioni generali Versione 04.2010 Condizioni generali Versione 04.2010 1.1 Condizioni generali 1.1.1 Condizioni Prima di ricevere i dati d accesso alla rete, vogliate leggere attentamente le condizioni generali e i termini di contratto

Dettagli

Progettare un'architettura di Posta Elettronica

Progettare un'architettura di Posta Elettronica ICT Security n. 15, Settembre 2003 p. 1 di 5 Progettare un'architettura di Posta Elettronica Nel mondo internet l'importanza del servizio di posta elettronica è forse seconda al solo servizio Web. In questo

Dettagli

www.avg.it Come navigare senza rischi

www.avg.it Come navigare senza rischi Come navigare senza rischi 01 02 03 04 05 06.Introduzione 01.Naviga in Sicurezza 02.Social Network 08.Cosa fare in caso di...? 22.Supporto AVG 25.Link e riferimenti 26 [02] 1.introduzione l obiettivo di

Dettagli

SPAM. Che cosa si intende con il termine SPAM? Obiettivi dello spam. Come opera lo spammer. Come difendersi dallo spam

SPAM. Che cosa si intende con il termine SPAM? Obiettivi dello spam. Come opera lo spammer. Come difendersi dallo spam SPAM Che cosa si intende con il termine SPAM? Il termine spam, in ambito informatico, è stato scelto per descrivere tutte quelle azioni che, in genere, ostacolano le proprie possibilità di comunicazione;

Dettagli

DISCIPLINARE INTERNO PER UTILIZZO INTERNET E POSTA ELETTRONICA

DISCIPLINARE INTERNO PER UTILIZZO INTERNET E POSTA ELETTRONICA DISCIPLINARE INTERNO PER UTILIZZO INTERNET E POSTA ELETTRONICA 1 INTRODUZIONE Il presente disciplinare interno sostituisce il precedente Regolamento Aziendale Utilizzo Internet e recepisce le indicazioni

Dettagli

Allegato 1. Le tecniche di frode on-line

Allegato 1. Le tecniche di frode on-line Allegato 1 Le tecniche di frode on-line Versione : 1.0 13 aprile 2011 Per una migliore comprensione delle tematiche affrontate nella circolare, riportiamo in questo allegato un compendio dei termini essenziali

Dettagli

Val Cavallina Servizi S.r.l.

Val Cavallina Servizi S.r.l. 1 _ Criteri per l attivazione e l utilizzo del servizio di posta elettronica VCS-Mail fornito da Val Cavallina Servizi s.r.l. Definizione del servizio Il servizio in oggetto è erogato da Val Cavallina

Dettagli

Documento Programmatico sulla Sicurezza Parte generale

Documento Programmatico sulla Sicurezza Parte generale Documento Programmatico sulla Sicurezza Parte generale SEZIONE A TRATTAMENTO DI DATI CON L AUSILIO DI STRUMENTI INFORMATICI Al fine di garantire la riservatezza e l integrità dei dati personali, sensibili

Dettagli

2 Dipendenza da Internet 6 2.1 Tipi di dipendenza... 6 2.2 Fasi di approccio al Web... 6 2.3 Fine del corso... 7

2 Dipendenza da Internet 6 2.1 Tipi di dipendenza... 6 2.2 Fasi di approccio al Web... 6 2.3 Fine del corso... 7 Sommario Indice 1 Sicurezza informatica 1 1.1 Cause di perdite di dati....................... 1 1.2 Protezione dei dati.......................... 2 1.3 Tipi di sicurezza........................... 3 1.4

Dettagli

Guida prodotto GFI. Guida di valutazione di GFI Archiver

Guida prodotto GFI. Guida di valutazione di GFI Archiver Guida prodotto GFI Guida di valutazione di GFI Archiver Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo,

Dettagli

Unsolicited Bulk Email (UBE) (spamming) Francesco Gennai IAT - CNR Francesco.Gennai@iat.cnr.it

Unsolicited Bulk Email (UBE) (spamming) Francesco Gennai IAT - CNR Francesco.Gennai@iat.cnr.it Unsolicited Bulk Email (UBE) (spamming) Francesco Gennai IAT - CNR Francesco.Gennai@iat.cnr.it Bologna, 24 novembre 2000 Unsolicited Bulk Email (Spamming) MHS = Message Handling System UA = User Agent

Dettagli

7.6 USO DELLA POSTA ELETTRONICA

7.6 USO DELLA POSTA ELETTRONICA 7.6 USO DELLA POSTA ELETTRONICA La principale utilità di un programma di posta elettronica consiste nel ricevere e inviare messaggi (con o senza allegati) in tempi brevissimi. Esistono vari programmi di

Dettagli

POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Descrizione del servizio Pag. 1/10 SOMMARIO 1) Cosa è la Posta Certificata... 3 2) Come funziona la Posta Certificata... 4 3) Cosa acquista il Cliente... 6 3.1 Dominio di

Dettagli

Guida per l utente finale per stabilire e mantenere la connettività Suggerimenti per l utente finale per le offerte Remote Services

Guida per l utente finale per stabilire e mantenere la connettività Suggerimenti per l utente finale per le offerte Remote Services Guida per l utente finale per stabilire e mantenere la connettività Suggerimenti per l utente finale per le offerte Remote Services Sommario Introduzione... 1 Perdita di comunicazione dopo un intervento

Dettagli

Condizioni e modalità di acquisto del servizio siti web Rifranet.com

Condizioni e modalità di acquisto del servizio siti web Rifranet.com Soluzioni informatiche www.rifranet.it Condizioni e modalità di acquisto del servizio siti web Rifranet.com Data ultima versione: 12/04/2013 15.23 Il cliente prende atto che il servizio Rifranet.com viene

Dettagli

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti e.visciotti@gmail.com Il termine generico rete (network) definisce un insieme di entità (oggetti, persone, ecc.) interconnesse le une alle altre. Una rete permette

Dettagli

PRIVACY POLICY E COOKIE POLICY

PRIVACY POLICY E COOKIE POLICY Pagine 1 di 5 PRIVACY POLICY E COOKIE POLICY PERCHE QUESTO AVVISO La presente Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti/visitatori

Dettagli

Utilizzo dei Server DNS e relative implicazioni

Utilizzo dei Server DNS e relative implicazioni Utilizzo dei Server DNS e relative implicazioni Una questione di fondamentale importanza è l'impostazione dei Server DNS. Da questi server dipende il buon esito di tutte le risoluzioni dei nomi di dominio

Dettagli

Reati informatici, frodi e frodi interne - quali sono e come assicurarsi - Andrea Marega Financial Lines Manager

Reati informatici, frodi e frodi interne - quali sono e come assicurarsi - Andrea Marega Financial Lines Manager Reati informatici, frodi e frodi interne - quali sono e come assicurarsi - Andrea Marega Financial Lines Manager Sommario I reati informatici: frode e responsabilità civile professionale I principali reati

Dettagli

Con iprotectyou otterrete un enorme database integrato con la pre-selezione dei siti web e dei gruppi di notizie nocivi.

Con iprotectyou otterrete un enorme database integrato con la pre-selezione dei siti web e dei gruppi di notizie nocivi. Manuale Descrizione delle caratteristiche di iprotectyou Capire la posizione di iprotectyou sul vostro computer Fasce orarie per attività in rete Limiti di traffico Registrazioni e tabelle - Informazioni

Dettagli

Termini e condizioni d utilizzo

Termini e condizioni d utilizzo Termini e condizioni d utilizzo Condizioni di utilizzo dei servizi del sito www.bioops.it 1. Regole Generali e definizioni Utilizzando i servizi informativi connessi al sito www.bioops.it (qui di seguito

Dettagli

La Posta Elettronica Certificata (PEC)

La Posta Elettronica Certificata (PEC) La Posta Elettronica Certificata (PEC) Dalla carta al digitale Sommario Valore legale della PEC E-mail e PEC differenze Come si configura la PEC Come si utilizza la PEC (webmail( webmail/client) Errori

Dettagli

ANTISPAM PLAYNET (nuova Piattaforma) In questa piccola guida vogliamo mostrarvi come creare regole di BlackListe e Whitelist per

ANTISPAM PLAYNET (nuova Piattaforma) In questa piccola guida vogliamo mostrarvi come creare regole di BlackListe e Whitelist per www.playnet.it agg. Documento 1/03/2007 ANTISPAM PLAYNET (nuova Piattaforma) Il modulo Instant Antispam di Playnet utilizza diversi sistemi e tecnologie: - Filtro Bayesiano - SpamAssassin - Analisi dei

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione POLITICHE DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA PER GLI UTENTI STANDARD DEL DOMINIO istruzione.it 1 INTRODUZIONE La presente politica disciplina l utilizzo del

Dettagli

Secure Email N SOC Security Service

Secure Email N SOC Security Service Security Service La gestione e la sicurezza della posta non è mai stata così semplice ed efficace N-SOC rende disponibile il servizio modulare SecaaS Secure Email per la sicurezza e la gestione della posta

Dettagli

Ai Termini di Utilizzo del Sito delle Interfacce API Preva si applicano esclusivamente le seguenti definizioni:

Ai Termini di Utilizzo del Sito delle Interfacce API Preva si applicano esclusivamente le seguenti definizioni: TERMINI DI UTILIZZO DEL SITO DELLE INTERFACCE API PREVA Tutte le disposizioni dei Termini di Utilizzo Preva si applicano anche ai presenti Termini di Utilizzo del Sito delle Interfacce API Preva. In caso

Dettagli

Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Ministero della Giustizia

Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Ministero della Giustizia 1. Che cos è? La Posta Elettronica Certificata (PEC) è un sistema di posta elettronica (che utilizza i protocolli standard della posta elettronica tradizionale) mediante il quale al mittente viene fornita,

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Norme operative per l attivazione e l utilizzo del servizio di posta elettronica per gli enti pubblici (mail VOLI)

Norme operative per l attivazione e l utilizzo del servizio di posta elettronica per gli enti pubblici (mail VOLI) Norme operative per l attivazione e l utilizzo del servizio di posta elettronica per gli enti pubblici (mail VOLI) 1 Definizione del servizio Il servizio in oggetto è erogato nell ambito del programma

Dettagli

CORSO EDA Informatica di base. Sicurezza, protezione, aspetti legali

CORSO EDA Informatica di base. Sicurezza, protezione, aspetti legali CORSO EDA Informatica di base Sicurezza, protezione, aspetti legali Rischi informatici Le principali fonti di rischio di perdita/danneggiamento dati informatici sono: - rischi legati all ambiente: rappresentano

Dettagli

La vostra azienda è pronta per un server?

La vostra azienda è pronta per un server? La vostra azienda è pronta per un server? Guida per le aziende che utilizzano da 2 a 50 computer La vostra azienda è pronta per un server? Sommario La vostra azienda è pronta per un server? 2 Panoramica

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

disciplinare per l utilizzo degli strumenti informatici

disciplinare per l utilizzo degli strumenti informatici Direzione Generale Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Risorse Umane Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 03/12/2012 Circolare n. 135 Ai Dirigenti centrali e periferici

Dettagli

Docente: Di Matteo Marcello

Docente: Di Matteo Marcello Docente: Di Matteo Marcello Cos è la posta elettronica La posta elettronica è nata nel 1971; Ray Tomlinson aveva scritto un programma che permetteva agli utenti di un computer di scambiarsi messaggi e

Dettagli

NAVIGAZIONE E possibile accedere al Sito senza che venga richiesto il conferimento di alcun dato personale.

NAVIGAZIONE E possibile accedere al Sito senza che venga richiesto il conferimento di alcun dato personale. NOTE LEGALI Termini e condizioni di utilizzo Il sito icem.it ("Sito") è di proprietà esclusiva di ICEM srl, con sede in Via Corriera, 40-48010 Barbiano di Cotignola (RA) (di seguito "ICEM srl"). L'accesso

Dettagli

Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 39 del 09/07/2012 BIBLIOTECA CIVICA DI LATISANA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET

Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 39 del 09/07/2012 BIBLIOTECA CIVICA DI LATISANA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 39 del 09/07/2012 BIBLIOTECA CIVICA DI LATISANA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET Art. 1 OGGETTO 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

cosa occorre conoscere per gestire correttamente le campagne di email marketing nel rispetto della legge

cosa occorre conoscere per gestire correttamente le campagne di email marketing nel rispetto della legge Il Marketing e la Legge le regole da conoscere le linee guida del Garante del 4 luglio 2013 Il Codice del Consumo le norme sulle manifestazioni a premi cosa occorre conoscere per gestire correttamente

Dettagli

LA SICUREZZA INFORMATICA SU INTERNET LE MINACCE

LA SICUREZZA INFORMATICA SU INTERNET LE MINACCE LE MINACCE I rischi della rete (virus, spyware, adware, keylogger, rootkit, phishing, spam) Gli attacchi per mezzo di software non aggiornato La tracciabilità dell indirizzo IP pubblico. 1 LE MINACCE I

Dettagli

CONDIZIONI PARTICOLARI DI LOCAZIONE DI UN SERVER DEDICATO SO YOU START Versione del 09 Dicembre 2013

CONDIZIONI PARTICOLARI DI LOCAZIONE DI UN SERVER DEDICATO SO YOU START Versione del 09 Dicembre 2013 CONDIZIONI PARTICOLARI DI LOCAZIONE DI UN SERVER DEDICATO SO YOU START Versione del 09 Dicembre 2013 Server So you Start: server dedicato messo a disposizione del Cliente da OVH in conformità al presente

Dettagli

Spam Manager. Manuale dell utente

Spam Manager. Manuale dell utente Spam Manager Manuale dell utente Manuale dell utente di Spam Manager Versione di Documentazione: 1.0 Informativa legale Informativa di carattere legale. Copyright 2013 Symantec Corporation. Tutti i diritti

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Cosa è La posta elettronica certificata è il nuovo sistema attraverso il quale è possibile inviare email con valore legale equiparato ad una raccomandata con ricevuta di ritorno

Dettagli

MEDIO PADANA SERVICE Rea.297022 Related Services Railway Station

MEDIO PADANA SERVICE Rea.297022 Related Services Railway Station MEDIO PADANA SERVICE Rea.297022 Reggio Emilia 09/01/2015 Register. Prot.0010051.15. Privacy e Cookie La tua privacy è importante per noi. Apprezziamo molto la fiducia che hai in noi e ci impegniamo a proteggere

Dettagli

PRIVACY POLICY DEL SITO: agrobio.biz

PRIVACY POLICY DEL SITO: agrobio.biz PRIVACY POLICY DEL SITO: agrobio.biz 1. INTRODUZIONE Poiché, anche a seguito della mera consultazione dei siti web, vi può essere la possibilità di raccogliere e trattare dati relativi a persone identificate

Dettagli

Applicazioni delle reti. Dalla posta elettronica al telelavoro

Applicazioni delle reti. Dalla posta elettronica al telelavoro Applicazioni delle reti Dalla posta elettronica al telelavoro Servizi su Internet La presenza di una infrastruttura tecnologica che permette la comunicazione tra computer a distanze geografiche, ha fatto

Dettagli

1) Reti di calcolatori. Una rete locale di computer (Local Area Network) è costituita da computer collegati tramite cavi di

1) Reti di calcolatori. Una rete locale di computer (Local Area Network) è costituita da computer collegati tramite cavi di 1) Reti di calcolatori 2) Internet 3) Sicurezza LAN 1) Reti di calcolatori Una rete locale di computer (Local Area Network) è costituita da computer collegati tramite cavi di rete (cavi UTP) o con tecnologia

Dettagli

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet Indirizzi Internet e Protocolli I livelli di trasporto delle informazioni Comunicazione e naming in Internet Tre nuovi standard Sistema di indirizzamento delle risorse (URL) Linguaggio HTML Protocollo

Dettagli

Regole sulla privacy

Regole sulla privacy Regole sulla privacy Le Regole sulla Privacy disciplinano l uso e la protezione delle informazioni personali fornite dagli Utenti. Finalità Bfinder Italia offre un servizio di pubblicazione di informazioni

Dettagli

SPAM SPAM SPAM. Leggi questo documento fino in fondo. Solo cosi potrai essere certo che ogni tua comunicazione venga letta.

SPAM SPAM SPAM. Leggi questo documento fino in fondo. Solo cosi potrai essere certo che ogni tua comunicazione venga letta. SPAM SPAM SPAM Spam è ogni e-mail inviata senza che l utente abbia fornito il suo consenso esplicito e libero a ricevere posta elettronica da te o dalla tua azienda. Leggi questo documento fino in fondo.

Dettagli

GUIDA SULLA SICUREZZA INFORMATICA E LA TUTELA DEL COPYRIGHT PER LE ISTITUZIONI ACCADEMICHE

GUIDA SULLA SICUREZZA INFORMATICA E LA TUTELA DEL COPYRIGHT PER LE ISTITUZIONI ACCADEMICHE GUIDA SULLA SICUREZZA INFORMATICA E LA TUTELA DEL COPYRIGHT PER LE ISTITUZIONI ACCADEMICHE DOWNLOAD 25% COMPLETE PAGE 02 Quasi tutti gli istituti di istruzione hanno adottato regole improntate al rispetto

Dettagli

Una piattaforma di componenti interconnessi per la gestione della tua realtà complessa

Una piattaforma di componenti interconnessi per la gestione della tua realtà complessa Una piattaforma di componenti interconnessi per la gestione della tua realtà complessa La Problematica Negli ultimi tempi la sempre maggior quantità di informazioni necessarie alla vita e allo sviluppo

Dettagli

SERVIZIO PEC LINEE GUIDA

SERVIZIO PEC LINEE GUIDA SERVIZIO PEC LINEE GUIDA Pagina n. 1 Premessa:: LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA E UN MEZZO DI TRASPORTO, VELOCE, SICURO E CON VALIDITA LEGALE. NON E UN METODO DI AUTENTICAZIONE DEI DOCUMENTI TRASMESSI.

Dettagli

Informativa sulla Privacy, D. Lgs. 30/06/03 n.196

Informativa sulla Privacy, D. Lgs. 30/06/03 n.196 Informativa sulla Privacy, D. Lgs. 30/06/03 n.196 Benvenuto sul nostro sito web ( www.assotir.it ). Ti preghiamo di leggere attentamente la nostra Privacy Policy, che si applica in ogni caso in cui tu

Dettagli

Realizzazione di una Infrastruttura di Sicurezza

Realizzazione di una Infrastruttura di Sicurezza Realizzazione di una Infrastruttura di Sicurezza Andrea Lanzi, Lorenzo Martignoni e Lorenzo Cavallaro Dipartimento di Informatica e Comunicazione Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Università degli Studi di

Dettagli

Come tenere lontano lo spam dalla rete

Come tenere lontano lo spam dalla rete Come tenere lontano lo spam dalla rete Quali funzionalità richiedere ad una tecnologia anti-spam Questa white paper, una guida per il cliente di software anti-spam, evidenzia le caratteristiche principali

Dettagli

Travelex Data Protection & Privacy and Information Security Guidelines

Travelex Data Protection & Privacy and Information Security Guidelines Nel corso del rapporto di lavoro con la Travelex, potrai venire in contatto con informazioni relative ai nostri clienti, partner e dipendenti. Il livello e la sensibilità delle informazioni varieranno

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI (ver. 1.0)

PIANO DI SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI (ver. 1.0) Manuale di gestione informatica dei documenti Comune di Castelfranco Emilia ALLEGATO 9 PIANO DI SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI (ver. 1.0) Sommario Acronimi... 2 Obiettivi... 2 Generalità... 2 Formazione

Dettagli

ecafé TM EMAIL CENTER

ecafé TM EMAIL CENTER ecafé TM EMAIL CENTER Manuel de l'utilisateur 1/17 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. PRIMO UTILIZZO: AGGIUNTA DELL ACCOUNT E-MAIL PRINCIPALE...4 3. INVIO / RICEZIONE DI E-MAIL...7 4. RECUPERO RAPIDO DEI CONTATTI

Dettagli

SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO

SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO SOMMARIO: 1. Introduzione 2. Primo periodo: opting out; 3. Primi provvedimenti: passaggio all opting in; 4. li provvedimento del Garante per

Dettagli

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE Le seguenti disposizioni compongono la Politica di Tutela dei Dati relativi alle Risorse Umane del Gruppo Dassault

Dettagli

Manuale LiveBox WEB AMMINISTRATORE DI SISTEMA. http://www.liveboxcloud.com

Manuale LiveBox WEB AMMINISTRATORE DI SISTEMA. http://www.liveboxcloud.com 2015 Manuale LiveBox WEB AMMINISTRATORE DI SISTEMA http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi

Dettagli