ELEZIONI COMUNALI 31 maggio 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELEZIONI COMUNALI 31 maggio 2015"

Transcript

1 ELEZIONI COMUNALI 31 maggio 2015 Vademecum della disciplina sulla par condicio e sull emissione dei MAG per le Radio e le Tv locali durante il periodo della campagna elettorale per le elezioni comunali 2015 Pagina 1

2 1 - Programmi di informazione Per programmi di informazione si intendono: telegiornale, giornale radio, notiziari, altri programmi di contenuto informativo, a rilevante presentazione giornalistica, caratterizzati dalla correlazione ai temi dell attualità e della cronaca. Nei programmi di informazione, le emittenti devono garantire il pluralismo, attraverso la parità di trattamento, l obiettività, la correttezza, la completezza, la lealtà, l imparzialità, l equità e la pluralità dei punti di vista, assicurando quando vengono trattate questioni relative alla campagna elettorale equilibrio tra i soggetti politici; resta salva la libertà dell emittente di commento e di critica, in chiara distinzione tra informazione e opinione, che salvaguardi comunque il rispetto delle persone. Nel periodo elettorale, in qualunque trasmissione radiotelevisiva (con l eccezione dei programmi di comunicazione politica e dei messaggi politici autogestiti) è vietato fornire, anche in forma indiretta, indicazioni o preferenze di voto. 2 - Programmi di comunicazione politica Per programma di comunicazione politica si intende ogni programma in cui assuma carattere rilevante l esposizione di opinioni e valutazioni politiche manifestate attraverso tipologie di programmazione che comunque consentano un confronto dialettico tra più opinioni, anche se conseguito nel corso di più trasmissioni. Le emittenti che intendono trasmettere programmi di comunicazione politica devono consentire una effettiva parità di condizioni tra i soggetti politici competitori, anche con riferimento alle fasce orarie e al tempo di trasmissione. La parità di condizioni fra i soggetti politici deve essere garantita: 1. nel periodo intercorrente tra la data di convocazione dei comizi elettorali e la data di presentazione delle candidature (fino alle ore del 2 maggio 2015): a. alle forze politiche che costituiscono un autonomo gruppo nei Consigli comunali da rinnovare; 2. nel periodo intercorrente tra la data di presentazione delle candidature e quella di chiusura della campagna elettorale (dalle ore del 2 maggio fino alle ore del 29 maggio 2015): a. alle liste o coalizioni di liste collegate alla carica di Sindaco nei comuni da rinnovare; b. alle forze politiche che presentano liste di candidati per l elezione dei Consigli comunali. 3. Dalla fine dello spoglio elettorale alle ore 24:00 del secondo giorno precedente le votazioni dell eventuale ballottaggio (12 giugno 2015): a. alle liste o coalizioni di liste collegate alla carica di Sindaco nei comuni da rinnovare. L eventuale assenza di un soggetto politico non pregiudica l intervento nelle trasmissioni degli altri soggetti, ma non determina un aumento del tempo ad essi Pagina 2

3 spettante. In tali casi, nel corso della trasmissione è fatta esplicita menzione delle predette assenze. Le trasmissioni sono collocate in contenitori con cicli a cadenza quindicinale all interno della fascia oraria compresa tra le 07:00 e le 24:00 per le emittenti televisive e tra le 07:00 e le 01:00 del giorno successivo per le emittenti radiofoniche, in modo da garantire l equità e la parità di trattamento tra i soggetti politici anche attraverso analoghe opportunità di ascolto. I calendari delle trasmissioni, e le loro eventuali variazioni, sono comunicati al CORECOM. E possibile realizzare trasmissioni di comunicazione politica anche mediante la partecipazione di giornalisti che rivolgono domande ai partecipanti, assicurando comunque imparzialità e pari opportunità nel confronto tra i soggetti politici. La trasmissione dei programmi di comunicazione politica è sospesa dalle ore del secondo giorno precedente le votazioni (29 maggio 2015). 3 - Messaggi politici autogestiti a pagamento Per messaggio politico autogestito a pagamento si intende ogni messaggio recante l esposizione di un programma o di una opinione politica, realizzato ai sensi degli articoli 6 e 7 del D.M. 8 aprile Dalla data di convocazione dei comizi elettorali a quella di chiusura della campagna elettorale, le emittenti radiofoniche e televisive locali possono trasmettere messaggi politici autogestiti a pagamento, assicurando condizioni economiche uniformi a tutti i soggetti politici. Dalla data di convocazione dei comizi elettorali fino a tutto il penultimo giorno antecedente la data delle votazioni le emittenti che intendono diffondere messaggi politici a pagamento sono tenute a dare notizia dell offerta dei relativi spazi mediante un avviso da trasmettere, almeno una volta al giorno, nella fascia oraria di maggiore ascolto, per tre giorni consecutivi. L avviso, che deve informare del deposito presso l emittente di un documento avente i contenuti di cui all art. 6, comma 3 del D.M. 8 aprile 2004, deve essere trasmesso prima della diffusione dei messaggi; la prima messa in onda dell avviso è condizione essenziale per la diffusione dei messaggi politici autogestiti a pagamento in periodo elettorale. Le emittenti devono tener conto delle prenotazioni in base alla loro progressione temporale. Ai soggetti politici richiedenti gli spazi per i messaggi devono essere riconosciute le condizioni di miglior favore praticate ad uno di essi per gli spazi acquistati. Le emittenti devono applicare una tariffa massima non superiore al 70% del listino di pubblicità tabellare. I soggetti politici possono chiedere di verificare i listini. Le emittenti non possono stipulare contratti per la cessione di spazi relativi ai messaggi politici a pagamento in periodo elettorale in favore di singoli candidati per importi superiori al 75% delle spese elettorali ammesse per ciascun candidato. Per le televisioni i messaggi devono recare, in sovrimpressione e per tutta la durata del messaggio, la scritta Messaggio elettorale a pagamento, con l indicazione del soggetto politico committente; per le radio i messaggi devono Pagina 3

4 essere preceduti e seguiti dall annuncio in audio Messaggio elettorale a pagamento, con la medesima l indicazione del soggetto politico committente. I MAP non sono computati nel calcolo dei limiti di affollamento pubblicitario previsti per legge. 4 - Messaggi politici autogestiti gratuiti (MAG) Nel periodo intercorrente tra la data del sorteggio per la collocazione dei Mag nei contenitori (7 maggio 2015) e quella di chiusura della campagna elettorale (ore del 29 maggio 2015), le emittenti radiofoniche e televisive possono trasmettere messaggi politici autogestiti gratuiti per la presentazione non in contraddittorio di liste e programmi. Tali messaggi hanno una durata compresa fra uno e tre minuti per le emittenti televisive, e fra trenta e novanta secondi per le emittenti radiofoniche. I messaggi sono collocati in appositi contenitori, per un numero massimo di 4 contenitori al giorno; ciascun contenitore comprende almeno 3 messaggi. I contenitori sono collocati uno per ciascuna delle seguenti fasce orarie: 18:00-19:59, 12:00-14:59, 21:00-23:59, 07:00-08:59. Ogni messaggio può essere trasmesso una sola volta in ciascun contenitore; ogni messaggio reca la dicitura messaggio elettorale gratuito per tutta la sua durata con l indicazione del soggetto politico committente. Nessun soggetto politico può diffondere più di due messaggi al giorno sulla stessa emittente. Le emittenti che intendono trasmettere messaggi autogestiti devono rendere pubblica la loro volontà e inviare formale comunicazione al CORECOM entro il quinto giorno successivo alla data di entrata in vigore della delibera AGCOM 165/15/CONS, anche utilizzando il modello MAG/1/EC. Fino al giorno di presentazione delle candidature i soggetti politici interessati comunicano la loro volontà di utilizzare spazi di comunicazione alle emittenti interessate e al CORECOM, anche utilizzando il modello MAG/3/EC. Il CORECOM provvede a redigere e approvare il piano di riparto economico degli spazi di comunicazione messi a disposizione dalle emittenti, al sorteggio delle collocazioni degli spot nei relativi contenitori e al successivo rimborso alle emittenti dei messaggi autogestiti trasmessi. La trasmissione degli spot può avvenire solo dopo che il competente Corecom ha effettuato il sorteggio per stabilire l ordine di messa in onda degli spot nella prima giornata di programmazione. La collocazione dei messaggi nei contenitori dei giorni successivi viene determinata secondo un criterio di rotazione a scalare di un posto all interno di ciascun contenitore, in modo da rispettare il criterio di parità di presenze all interno delle singole fasce. I MAG non sono computati nel calcolo dei limiti di affollamento pubblicitario previsti per legge. Pagina 4

5 5 - Circuiti di emittenti radiotelevisive locali Le trasmissioni in contemporanea da parte di emittenti locali che operano in circuiti nazionali comunque denominati sono considerate come trasmissioni in ambito nazionale e sono soggette alle disposizioni dettate dal Titolo I della delibera AGCOM 165/15/CONS per le trasmissioni delle emittenti nazionali; ogni emittente del circuito, per il tempo di trasmissione autonoma, rimane soggetta alla disciplina delle trasmissioni delle emittenti locali. Le emittenti autorizzate alla ripetizione di programmi esteri sono soggette alle stesse disposizioni che regolano le trasmissioni delle emittenti nazionali. 6 Organi ufficiali di stampa dei partiti politici Le disposizioni sulla diffusione, a qualsiasi titolo, di messaggi politici elettorali su quotidiani e periodici e sull'accesso in condizioni di parità ai relativi spazi non si applicano agli organi ufficiali di stampa dei partiti e movimenti politici e alle stampe elettorali di coalizioni, liste, gruppi di candidati e candidati. Si considera organo ufficiale di partito o movimento politico il giornale quotidiano o periodico che risulta registrato come tale ai sensi dell art. 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, ovvero che rechi indicazione in tale senso nella testata, ovvero che risulti indicato come tale nello statuto o altro atto ufficiale del partito o del movimento politico. I partiti, i movimenti politici, le coalizioni e le liste sono tenuti a fornire con tempestività all Autorità ogni indicazione necessaria a qualificare gli organi ufficiali di stampa dei partiti e dei movimenti politici, nonché le stampe elettorali di coalizioni, liste, gruppi di candidati e candidati. 7 Conservazione delle registrazioni Le emittenti radiotelevisive sono tenute a conservare le registrazioni della totalità dei programmi trasmessi nel periodo della campagna elettorale per i tre mesi successivi alla conclusione della stessa, e comunque, a conservare le registrazioni dei programmi per i quali è stata avviato un procedimento sanzionatorio fino alla fine del procedimento. 8 Divieto di comunicazione per le amministrazioni pubbliche Dalla data di convocazione dei comizi elettorali e fino alla chiusura delle operazioni di voto, è fatto divieto alle amministrazioni pubbliche di svolgere attività di comunicazione ad eccezione di quelle effettuate in forma impersonale ed indispensabili per l efficace assolvimento delle proprie funzioni. Si precisa che dai dati forniti dal Ministero dell Interno, aggiornati alla revisione semestrale degli elettori al 30 giugno 2014 e riferiti alle sette Regioni interessate dalle elezioni regionali e comunali, risulta che il corpo elettorale interessato dal voto è superiore al quarto degli elettori su base nazionale. Come noto, secondo la Pagina 5

6 consolidata prassi interpretativa dell AGCOM, la soglia del quarto degli elettori impone di attribuire carattere nazionale alle presenti consultazioni elettorali. Conseguentemente, in base all art. 9 della L. 28/2000, durante l intero periodo elettorale vige il divieto per tutte le Amministrazioni pubbliche di svolgere attività di comunicazione istituzionale. Il Corecom Lombardia è chiamato a vigilare sul rispetto delle disposizioni su richiamate. 9 - Sondaggi politici ed elettorali Nel periodo elettorale ai sondaggi politici ed elettorali si applicano gli artt. da 6 a 12 del Regolamento in materia di pubblicazione e diffusione dei sondaggi sui mezzi di comunicazione di massa di cui alla deliberazione n. 256/10/CSP, fermo restando quanto previsto dagli artt. 8 e 10 della legge 22 febbraio 2000, n. 28. Nei quindici giorni precedenti la data della votazione (dal 16 maggio) e fino alla chiusura delle operazioni di voto, è vietato rendere pubblici o comunque diffondere i risultati, anche parziali, di sondaggi demoscopici sull esito delle elezioni e sugli orientamenti politici e di voto degli elettori, anche se tali sondaggi sono stati effettuati in un periodo precedente a quello del divieto. L inosservanza del divieto sussiste anche quando vengono riportate nel circuito dell informazione, anche radiotelevisiva, dichiarazioni concernenti i risultati di sondaggi rilasciate da esponenti politici o da qualunque altro soggetto in qualsiasi sede, salvo che i sondaggi cui tali dichiarazioni si riferiscono siano già stati resi pubblici, con le forme stabilite dagli artt. 4 e 5 del Regolamento, nel periodo precedente a quello del divieto. Nel periodo che precede i quindici giorni antecedenti le operazioni di voto, la diffusione parziale o integrale dei risultati dei sondaggi politici ed elettorali deve essere obbligatoriamente corredata da una nota informativa, che ne costituisce parte integrante, contenente indicazioni circa il soggetto che ha realizzato il sondaggio, il committente e l acquirente del sondaggio, i criteri seguiti per la formazione del campione, il metodo di raccolta e di elaborazione dei dati, il numero delle persone interpellate e l universo di riferimento, il testo delle domande poste, la percentuale delle persone che hanno risposto, la data in cui è stato realizzato il sondaggio. I risultati dei sondaggi possono essere diffusi solo se contestualmente resi disponibili dal committente nel a loro integralità sul sito web del Dipartimento per l informazione e l editoria presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Quando, durante la campagna elettorale, le emittenti diffondono la notizia, da chiunque divulgata, dell esistenza di un sondaggio, devono precisare, contestualmente o comunque entro 48 ore, se il sondaggio sia stato o meno realizzato con le modalità indicate dal Capo I del citato Regolamento. Se la precisazione non è contestuale, essa deve avere il medesimo rilievo, per fascia oraria, collocazione e caratteristiche editoriali, con cui è stata diffusa la notizia del sondaggio. Pagina 6

7 10 - Vigilanza e sanzioni La vigilanza e l accertamento delle eventuali violazioni alla normativa in materia di par condicio, da parte delle emittenti locali, della stampa locale e della Concessionaria del servizio pubblico per le trasmissioni regionali e da parte delle pubbliche amministrazioni per quanto riguarda la comunicazione istituzionale, sono esercitate dal CORECOM. Ciascun soggetto politico interessato può denunciare le presunte violazioni entro il termine perentorio di 10 giorni dal fatto, anche a mezzo fax, inviando una comunicazione al Corecom, all Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, all emittente o all editore presso cui è avvenuta la presunta violazione e alla Guardia di Finanza. La denuncia deve indicare l emittente, la trasmissione, ovvero l editore e il giornale o periodico cui sono riferibili le presunte violazioni, la data e l orario della trasmissione e una motivata argomentazione; la denuncia deve essere sottoscritta in modo leggibile e va accompagnata dalla documentazione comprovante l invio della denuncia stessa anche agli altri soggetti destinatari. Analoga segnalazione può provenire dal Consiglio nazionale degli utenti presso l Autorità. Il CORECOM entro 24 ore dalla pervenuta segnalazione procede ad un istruttoria sommaria, e, se del caso, alla contestazione e alla eventuale convocazione delle parti per giungere ad una soluzione concordata (adeguamento spontaneo). In caso di mancato accordo, trasmette gli atti all Autorità, che può imporre il ripristino o applicare sanzioni. Pagina 7

8 Scadenziario Elezioni comunali 31 maggio 2015 Inizio della par condicio: 16 aprile 2015 Presentazione delle liste dei candidati: dalle ore 8.00 del 1 maggio alle ore del 2 maggio 2015 Sorteggio per la collocazione dei Mag nei contenitori: 7 maggio ore Divieto di diffusione di sondaggi: dal 16 maggio 2015 Silenzio elettorale: dalle ore del 29 maggio 2015 Operazioni di voto: domenica 31 maggio 2015 Eventuale ballottaggio Silenzio elettorale: dalle ore del 12 giugno 2015 Operazione di voto : domenica 14 giugno Divieto di comunicazione per le Amministrazioni pubbliche (se non in forma impersonale): dal 16 aprile 2015 Pagina 8

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

PILLOLE DI PAR CONDICIO

PILLOLE DI PAR CONDICIO PILLOLE DI PAR CONDICIO PROGRAMMI DI INFORMAZIONE I telegiornali, i giornali radio, i notiziari e ogni altro programma di contenuto informativo a rilevante presentazione giornalistica devono garantire

Dettagli

DELIBERA N. 58/04/CSP

DELIBERA N. 58/04/CSP DELIBERA N. DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI COMUNICAZIONE POLITICA E DI PARITA' DI ACCESSO AI MEZZI DI INFORMAZIONE RELATIVE ALLA CAMPAGNA PER L ELEZIONE DEI RAPPRESENTANTI ITALIANI

Dettagli

Delibera n. 42/08/CSP

Delibera n. 42/08/CSP Delibera n. 42/08/CSP 1 di 8 Delibera n. 42/08/CSP Comunicazione politica e parità di accesso ai mezzi di informazione Disposizioni di attuazione della disciplina in materia di comunicazione politica e

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO

ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO La par condicio e le altre norme sulla campagna elettorale 13 aprile 2015 2 INDICE Le spese elettorali dei candidati 3 La par

Dettagli

DELIBERA N. 666/12/CONS

DELIBERA N. 666/12/CONS DELIBERA N. DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI COMUNICAZIONE POLITICA E DI PARITA' DI ACCESSO AI MEZZI DI INFORMAZIONE RELATIVE ALLE CAMPAGNE PER LE ELEZIONI DELLA CAMERA DEI DEPUTATI

Dettagli

NELLA riunione della Commissione per i servizi e i prodotti del 20 febbraio 2008, in particolare nella sua prosecuzione del 21 febbraio 2008;

NELLA riunione della Commissione per i servizi e i prodotti del 20 febbraio 2008, in particolare nella sua prosecuzione del 21 febbraio 2008; Delibera n. 33/08/CSP Disposizioni di attuazione della disciplina in materia di comunicazione politica e di parità di accesso ai mezzi di informazione relative alle campagne per le elezioni della Camera

Dettagli

CAMPAGNA ELETTORALE NORMATIVA E MEZZI DI PROPAGANDA

CAMPAGNA ELETTORALE NORMATIVA E MEZZI DI PROPAGANDA CAMPAGNA ELETTORALE NORMATIVA E MEZZI DI PROPAGANDA INDICE LE NORME GENERALI PAG 3 I MANIFESTI PAG 4 FORMAT DEI MANIFESTI PAG 4 LE INSERZIONI STAMPA PAG 4 LA PROPAGANDA MOBILE PAG 4 DISTRIBUZIONE E MAILING

Dettagli

Libertà di espressione e libertà politiche. Lezione n.6

Libertà di espressione e libertà politiche. Lezione n.6 Libertà di espressione e libertà politiche Lezione n.6 Libertà di espressione dei membri del parlamento Parità di accesso ai mezzi di informazione Privacy e campagna elettorale articolo 68 Costituzione

Dettagli

Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI

Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI Disposizioni di attuazione della disciplina in materia di comunicazione politica e di parita' di accesso ai mezzi di informazione, relative alla campagna per le elezioni comunali e provinciali, fissate

Dettagli

DELIBERAZIONE 22 aprile 2009

DELIBERAZIONE 22 aprile 2009 DELIBERAZIONE 22 aprile 2009 Disposizioni di attuazione della disciplina in materia di comunicazione politica e di parita' di accesso ai mezzi di informazione relative alle campagne per le elezioni provinciali

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi ASSEMBLEA LEGISLATIVA Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 280 del 14/05/2015 Proposta: DAL/2015/291 del 13/05/2015 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Sondrio Prot. n. 575 /2013/EL Sondrio, 8 gennaio 2013

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Sondrio Prot. n. 575 /2013/EL Sondrio, 8 gennaio 2013 Prot. n. 575 /2013/EL Sondrio, 8 gennaio 2013 Pubblicata sull area riservata SIGNORI SINDACI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI SIGNORI SEGRETARI COMUNALI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI OGGETTO:

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI CIRCOLARE URGENTISSIMA N. 2 / 2013 Roma, 04/01/2012 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

Dettagli

Legge 22 febbraio 2000, n. 28 (G.U. n. 43 del 22.02. 2000)

Legge 22 febbraio 2000, n. 28 (G.U. n. 43 del 22.02. 2000) Legge 22 febbraio 2000, n. 28 (G.U. n. 43 del 22.02. 2000) Disposizioni per la parità di accesso ai mezzi di informazione durante le campagne elettorali e referendarie e per la comunicazione politica Art.

Dettagli

DELIBERA N. 175/14/CONS

DELIBERA N. 175/14/CONS DELIBERA N. RICHIAMO ALLA SOCIETA RAI-RADIOTELEVISIONE ITALIANA S.P.A. ALL IMMEDIATO RIEQUILIBRIO DELL INFORMAZIONE DURANTE LA CAMPAGNA PER L ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI ALL ITALIA

Dettagli

Prot. n. 12275/2015 Area II Varese, 21 aprile 2015 Ai Sigg. Segretari dei partiti e movimenti politici della provincia LORO SEDI OGGETTO: Elezioni comunali di domenica 31 maggio 2015 ed eventuale turno

Dettagli

(Delibera approvata nella seduta del 29 luglio 2003)

(Delibera approvata nella seduta del 29 luglio 2003) Disposizioni in materia di comunicazione politica, messaggi autogestiti, informazione e tribune della concessionaria del servizio radiotelevisivo, ai sensi della legge 22 febbraio 2000, n. 28, relative

Dettagli

Prot. n. 13881/2016 Area II Prefettura di Varese Varese, 2 maggio 2016 Ai Sigg. Segretari dei partiti e movimenti politici della provincia LORO SEDI OGGETTO: Elezioni comunali di domenica 5 giugno 2016

Dettagli

Prefettura di Pistoia Ufficio territoriale del Governo di Pistoia

Prefettura di Pistoia Ufficio territoriale del Governo di Pistoia Prefettura di Pistoia Ufficio territoriale del Governo di Pistoia AREA II raccordo con gli enti locali, consultazioni elettorali Pistoia 7 aprile 2014 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDE

Dettagli

Prefettura di Perugia

Prefettura di Perugia Rispondere a: elettorale.prefpg@pec.interno.it Perugia, 8 aprile 2014 - Ai Signori Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDI - Al Signor Commissario Straordinario del Comune di CANNARA GUALDO TADINO

Dettagli

SCADENZARIO DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI IN VISTA DELLE ELEZIONI COMUNALI DEL 31 MAGGIO 2015

SCADENZARIO DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI IN VISTA DELLE ELEZIONI COMUNALI DEL 31 MAGGIO 2015 SCADENZARIO DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI IN VISTA DELLE ELEZIONI COMUNALI DEL 31 MAGGIO Giorni rispetto alla votazione Entro il 55 giorno Entro il 45 giorno Dalla data di convocazione dei comizi elettorali

Dettagli

APPENDICE N. 1 PROPAGANDA ELETTORALE

APPENDICE N. 1 PROPAGANDA ELETTORALE APPENDICE N. 1 PROPAGANDA ELETTORALE La materia propaganda elettorale è disciplinata, anche per l elezione del Presidente della Provincia e del Consiglio provinciale di Trento, dalle seguenti fonti normative:

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi ASSEMBLEA LEGISLATIVA Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 546 del 22/10/2014 Proposta: DAL/2014/566 del 22/10/2014 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI CIRCOLARE N. 17 / 2014 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA Al COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA SERVIZI DI PREFETTURA LORO SEDI TRENTO E BOLZANO

Dettagli

Prot. 2014004149 Area II/Elett. Torino, 11 aprile 2014. Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Regionale presso la Corte d Appello di TORINO

Prot. 2014004149 Area II/Elett. Torino, 11 aprile 2014. Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Regionale presso la Corte d Appello di TORINO Prot. 2014004149 Area II/Elett. Torino, 11 aprile 2014 Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Regionale presso la Corte d Appello di Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Circoscrizionale presso il

Dettagli

Prefettura di Ferrara Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Ferrara Ufficio Territoriale del Governo Prefettura di Ferrara Ufficio Territoriale del Governo AREA II RACCORDO CON GLI ENTI LOCALI E CONSULTAZIONI ELETTORALI Prot. n. 9329/2014 Ferrara, 9 aprile 2014 Ai Signori Sindaci, Segretari comunali e

Dettagli

Elezioni e par condicio Vademecum per gli operatori dell informazione

Elezioni e par condicio Vademecum per gli operatori dell informazione Elezioni e par condicio Vademecum per gli operatori dell informazione Gennaio 2013 AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI Unità Par Condicio Numero Verde: 800/282202 Fax: 081/7507550 CORECOM TOSCANA

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. ORDINE NEI CONFRONTI DEL COMUNE DI BERCETO PER LA VIOLAZIONE DELL ARTICOLO 9 DELLA LEGGE 22 FEBBRAIO 2000, N. 28 L AUTORITÀ NELLA riunione di Consiglio

Dettagli

Prefettura di Cagliari Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Cagliari Ufficio territoriale del Governo Area II - Raccordo con gli enti locali e consultazioni elettorali Ufficio Elettorale Provinciale Prot. n. 13187/Area II - C.E. Cagliari, 18 febbraio 2008 Circ 3 - CE ex Min. 9/08 Ai Sigg. Sindaci e Segretari

Dettagli

DELIBERA N. 244/13/CONS

DELIBERA N. 244/13/CONS DELIBERA N. ORDINE NEI CONFRONTI DELLA SOCIETÀ SVILUPPO EDITORIA CALABRIA S.R.L. (QUOTIDIANO ON LINE IL CORRIERE DELLA CALABRIA ) PER LA VIOLAZIONE DELLA LEGGE 22 FEBBRAIO 2000, N. 28 E DELLE DISPOSIZIONI

Dettagli

PREFETTURA DI MILANO Ufficio Elettorale

PREFETTURA DI MILANO Ufficio Elettorale PROT. N. 532/2008 AREA II BIS ELETTORALE 18 febbraio 2008 AI SIGG.RI SINDACI dei Comuni della provincia di MILANO AI SIGG.RI SINDACI dei Comuni della provincia di MONZA E DELLA BRIANZA ALLA SIG. QUESTORE

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. ORDINE NEI CONFRONTI DEL COMUNE DI COLLERETTO GIACOSA PER LA VIOLAZIONE DELL ARTICOLO 9 DELLA LEGGE 22 FEBBRAIO 2000, N. 28 L AUTORITÀ NELLA riunione

Dettagli

Regolamento in materia di trasparenza e efficacia del servizio di televoto. Art. 1 (Definizioni)

Regolamento in materia di trasparenza e efficacia del servizio di televoto. Art. 1 (Definizioni) Allegato A alla delibera n. 38/11/CONS Regolamento in materia di trasparenza e efficacia del servizio di televoto Art. 1 (Definizioni) 1. Ai fini dell applicazione di quanto previsto dal presente regolamento

Dettagli

PREFETTURA Ufficio territoriale del Governo di Milano Ufficio Elettorale

PREFETTURA Ufficio territoriale del Governo di Milano Ufficio Elettorale AREA II bis Consultazioni elettorali Trasmissione via pec Milano, data del protocollo Ufficio elettorale circoscrizionale c/o la Corte d Appello di Ufficio elettorale provinciale c/o il Tribunale di MONZA

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale dei Servizi Elettorali

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Roma, 9 ottobre 2014 AI PREFETTI DELLE PROVINCE DI BOLOGNA FERRARA FORLI -CESENA MODENA PARMA PIACENZA RAVENNA REGGIO EMILIA RIMINI CATANZARO COSENZA CROTONE REGGIO DI CALABRIA VIBO VALENTIA e, per conoscenza,

Dettagli

Scadenziario SCADENZIARIO ELETTORALE ELEZIONI 2013. ENTRO GIOVEDI 10 gennaio Tra il 70 ed il 45 giorno precedente quello della votazione

Scadenziario SCADENZIARIO ELETTORALE ELEZIONI 2013. ENTRO GIOVEDI 10 gennaio Tra il 70 ed il 45 giorno precedente quello della votazione SCADENZIARIO ELETTORALE ELEZIONI 2013 ENTRO GIOVEDI 10 gennaio Tra il 70 ed il 45 giorno precedente quello della votazione Termine entro il quale il Presidente della Repubblica, su deliberazione del Consiglio

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Direttiva del 28 settembre 2009 Indirizzi interpretativi ed applicativi in materia di destinazione delle spese per l acquisto di spazi pubblicitari da parte delle Amministrazioni dello Stato ai sensi dell

Dettagli

Prot. n. 11255/2009 Area II Prefettura di Varese Varese, 17 aprile 2009 Circolare n. 53 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDI Al Sig. Commissario del Comune di UBOLDO Al Sig. Commissario

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. ORDINE NEI CONFRONTI DEL COMUNE DI PAESE PER LA VIOLAZIONE DELL ARTICOLO 9 DELLA LEGGE 22 FEBBRAIO 2000, N. 28 L AUTORITÀ NELLA riunione di Consiglio

Dettagli

dispone nei confronti della RAI Radiotelevisione italiana, società concessionaria del servizio radiotelevisivo pubblico (RAI), come di seguito:

dispone nei confronti della RAI Radiotelevisione italiana, società concessionaria del servizio radiotelevisivo pubblico (RAI), come di seguito: Testo coordinato della delibera sulla comunicazione politica e messaggi autogestiti in periodo non interessato da campagne elettorali o referendarie, approvato dalla Commissione parlamentare per l'indirizzo

Dettagli

PROPAGANDA ELETTORALE

PROPAGANDA ELETTORALE Comune di Rosignano Marittimo Provincia di Livorno ELEZIONI REGIONALI 2015 PROPAGANDA ELETTORALE a cura del Settore Supporto Istituzionale e Comunicazione PREMESSA Le presenti istruzioni costituiscono

Dettagli

Circolare n. 14 / 2015 Roma, 20 aprile 2015

Circolare n. 14 / 2015 Roma, 20 aprile 2015 Circolare n. 14 / 2015 Roma, 20 aprile 2015 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA LORO SEDI e, per conoscenza: AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

Dettagli

COMUNE DI GRAFFIGNANO

COMUNE DI GRAFFIGNANO COMUNE DI GRAFFIGNANO ADEMPIMENTI IN MATERIA DI PROPAGANDA ELETTORALE In vista delle consultazioni elettorali indicate in oggetto, si richiamano di seguito i principali adempimenti prescritti dalla normativa

Dettagli

Rev. 1.2.1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RIPRESE AUDIOVISIVE DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Rev. 1.2.1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RIPRESE AUDIOVISIVE DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Rev. 1.2.1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RIPRESE AUDIOVISIVE DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE 1 INDICE: Articolo 1. Finalità e Funzioni 3 Articolo 2. Riprese audio e video nonché diffusione 3

Dettagli

Codice di autoregolamentazione in materia di attuazione del principio del. pluralismo, sottoscritto dalle organizzazioni rappresentative delle

Codice di autoregolamentazione in materia di attuazione del principio del. pluralismo, sottoscritto dalle organizzazioni rappresentative delle Codice di autoregolamentazione in materia di attuazione del principio del pluralismo, sottoscritto dalle organizzazioni rappresentative delle emittenti radiofoniche e televisive locali, ai sensi dell'art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO RADIOFONICO E TELEVISIVO ALLE TRASMISSIONI REGIONALI DELLA CONCESSIONARIA DEL SERVIZIO RADIOTELEVISIVO PUBBLICO (RAI)

REGOLAMENTO PER L ACCESSO RADIOFONICO E TELEVISIVO ALLE TRASMISSIONI REGIONALI DELLA CONCESSIONARIA DEL SERVIZIO RADIOTELEVISIVO PUBBLICO (RAI) REGOLAMENTO PER L ACCESSO RADIOFONICO E TELEVISIVO ALLE TRASMISSIONI REGIONALI DELLA CONCESSIONARIA DEL SERVIZIO RADIOTELEVISIVO PUBBLICO (RAI) Approvato con delibera CORECOM n. 16/II/2005 del 15.07.2005,

Dettagli

INDICE. Le norme generali I manifesti Le inserzioni stampa La propaganda mobile Distribuzione e mailing Provvedimento garante privacy

INDICE. Le norme generali I manifesti Le inserzioni stampa La propaganda mobile Distribuzione e mailing Provvedimento garante privacy VADEMECUM2:Layout 1 16/04/2009 14.26 Pagina 5 INDICE Le norme generali I manifesti Le inserzioni stampa La propaganda mobile Distribuzione e mailing Provvedimento garante privacy Radio e TV nazionali e

Dettagli

A lista d inoltro. Udine, 29 aprile 2016

A lista d inoltro. Udine, 29 aprile 2016 Circolare n. 06/EL A lista d inoltro Udine, 29 aprile 2016 TRASMISSIONE VIA P.E.C. ED E-MAIL oggetto: Elezioni comunali 2016. Disciplina della propaganda elettorale. PREMESSA In vista delle prossime elezioni

Dettagli

REGIONE LAZIO Comitato Regionale per le Comunicazioni ***********

REGIONE LAZIO Comitato Regionale per le Comunicazioni *********** REGIONE LAZIO Comitato Regionale per le Comunicazioni *********** REGOLAMENTO PER L ACCESSO RADIOFONICO E TELEVISIVO REGIONALE Approvato dal Corecom Lazio con delibera n. 1 del 19 settembre 2011 Articolo

Dettagli

Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport

Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport PREAMBOLO Le emittenti televisive e radiofoniche e i fornitori di contenuti firmatari o aderenti alle associazioni

Dettagli

Relazioni all Assemblea del 30 aprile 2013. Nomina Collegio Sindacale

Relazioni all Assemblea del 30 aprile 2013. Nomina Collegio Sindacale Relazioni all Assemblea del 30 aprile 2013 Nomina Collegio Sindacale Collegio Sindacale nomina dei componenti effettivi e supplenti; nomina del Presidente; determinazione dei compensi dei componenti. Signori

Dettagli

Osservatorio Legislativo Interregionale

Osservatorio Legislativo Interregionale Le novitàdel sistema elettorale della Lombardia. La legge elettorale regionale «Norme per l elezione del Consiglio regionale e del Presidente della Regione»(l.r. 31 ottobre 2012, n. 17) Ufficio Elettorale

Dettagli

C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 POLIZIA LOCALE

C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 POLIZIA LOCALE C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 POLIZIA LOCALE Tel. 011 9084060 Fax 011 9048763 E-mail: poliziamunicipale@comune.bruino.to.it OGGETTO: VERBALE ASSEMBLEA Il giorno 26 aprile

Dettagli

Elezioni regionali 2013. Guida alla propaganda elettorale

Elezioni regionali 2013. Guida alla propaganda elettorale Elezioni regionali 2013 3 Guida alla propaganda elettorale Sommario Sommario...1 Presentazione...3 Parole chiave...4 Comunicazione istituzionale...4 Propaganda...4 Propaganda elettorale...4 Informazione

Dettagli

A lista d inoltro. Circolare n. 6/EL. Udine, 10 aprile 2014

A lista d inoltro. Circolare n. 6/EL. Udine, 10 aprile 2014 Circolare n. 6/EL A lista d inoltro Udine, 10 aprile 2014 TRASMESSA VIA PEC E E-MAIL oggetto: elezioni comunali 2014. Disciplina della propaganda elettorale. Utilizzo dei locali comunali per i partiti

Dettagli

INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI ELEZIONI COMUNALI DEL 26 E 27 MAGGIO 2013 PRINCIPALI SCADENZE ED ADEMPIMENTI

INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI ELEZIONI COMUNALI DEL 26 E 27 MAGGIO 2013 PRINCIPALI SCADENZE ED ADEMPIMENTI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI Anno 1 - Supplemento al n. 17 mese di Aprile 2013. Reg. Tribunale di Milano n. 51 del 1 marzo 2013 Editore : Co.Nord - Piazzale Risorgimento, n 14-24128 BERGAMO

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO PER LO SVILUPPO DELLA RIFORMA ISTITUZIONALE ELEZIONE DEGLI ORGANI DEL COMUN GENERAL DE FASCIA COMUNI DI CAMPITELLO DI FASSA/CIAMPEDEL-CANAZEI/CIANACEI- MAZZIN/MAZIN-MOENA/MOENA-

Dettagli

SEZIONE I Disposizioni generali. Articolo 1 Definizioni. 1. Ai fini del presente regolamento si intende:

SEZIONE I Disposizioni generali. Articolo 1 Definizioni. 1. Ai fini del presente regolamento si intende: Regolamento in materia di pubblicità radiotelevisiva e televendite, di cui alla delibera n. 538/01/CSP del 26 luglio 2001 integrato dalle modifiche apportate dalle delibere nn. 250/04/CSP, 34/05/CSP, 105/05/CSP,

Dettagli

Prefettura di Grosseto Ufficio Territoriale del Governo Area II Raccordo Enti Locali ed Ufficio Elettorale

Prefettura di Grosseto Ufficio Territoriale del Governo Area II Raccordo Enti Locali ed Ufficio Elettorale Prot. U. 14054 del 10.1.2014 Prefettura di, data del protocollo Presidente dell Ufficio Elettorale Circoscrizionale presso la Corte d Appello di Roma Presidente dell Amministrazione Provinciale di Sindaci

Dettagli

MAG TV: 2003 1 2 3 4 5 6 1. 2. VHS 3. 3/4 4. BV

MAG TV: 2003 1 2 3 4 5 6 1. 2. VHS 3. 3/4 4. BV MODELLO MAG/1/ER RICHIESTA ADESIONE DELLE EMITTENTI ALLA TRASMISSIONE DEI MESSAGGI AUTOGESTITI GRATUITI RELATIVI ALLA CAMPAGNA PER L ELEZIONE DEL CONSIGLIO E DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA DELLA REGIONE AUTONOMA

Dettagli

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 LE LEGGI ELETTORALI Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 Introduce sul modello francese il consiglio come assemblea rappresentativa. Regno Subalpino Regno di Sardegna Legge

Dettagli

INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Funzioni Art. 3 Richiesta di ripresa televisiva, radiofonica e di trasmissione anche web

INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Funzioni Art. 3 Richiesta di ripresa televisiva, radiofonica e di trasmissione anche web COMUNE DI TIVOLI REGOLAMENTO PER LE VIDEORIPRESE, RADIOREGISTRAZIONI E TRASMISSIONI, ANCHE WEB, DELLE SEDUTE PUBBLICHE DEL CONSIGLIO COMUNALE E DELLE COMMISSIONI CONSILIARI Approvato con deliberazione

Dettagli

Prefettura di Perugia Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Perugia Ufficio territoriale del Governo Prefettura Perugiia Prot Uscita del 23104!.2015 Numero: 0024540 Classifica: 033.10 f.lf( IIJ JIJI II ~IIHI!I Jlt l J ~ Perugia 23 aprile 2015 - Ai Signori Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDI -

Dettagli

Ufficio Territoriale del Governo. Prot. 2014-003782/Area II Torino, 31 marzo 2014

Ufficio Territoriale del Governo. Prot. 2014-003782/Area II Torino, 31 marzo 2014 Prot. 2014-003782/Area II Torino, 31 marzo 2014 Ai Signori Sindaci e Commissari Straordinari, Signori Segretari Comunali e Signori Ufficiali Elettorali dei Comuni della provincia LORO SEDI Ai Signori Presidenti

Dettagli

COMUNE DI TORITTO Provincia di Bari SETTORE DEMOGRAFICO CULTURALE

COMUNE DI TORITTO Provincia di Bari SETTORE DEMOGRAFICO CULTURALE COMUNE DI TORITTO Provincia di Bari SETTORE DEMOGRAFICO CULTURALE TESTO INTEGRALE DELL ACCORDO Addì 13 del mese di maggio dell anno 2015, alle ore 10:00, si è tenuta, presso l Ufficio del Sindaco, la riunione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE E DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DI ANCI LOMBARDIA

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE E DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DI ANCI LOMBARDIA REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE E DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DI ANCI LOMBARDIA (approvato in data 4 luglio 2014 dal Consiglio Direttivo Regionale) Art. 1 Organo elettivo 1) Spetta all Assemblea

Dettagli

Guida a LE REGOLE DELLA COMUNICAZIONE IN PERIODO ELETTORALE LA PAR CONDICIO A LIVELLO LOCALE

Guida a LE REGOLE DELLA COMUNICAZIONE IN PERIODO ELETTORALE LA PAR CONDICIO A LIVELLO LOCALE Guida a LE REGOLE DELLA COMUNICAZIONE IN PERIODO ELETTORALE LA PAR CONDICIO A LIVELLO LOCALE a cura del Comitato regionale per le comunicazioni del Friuli Venezia Giulia Udine 22 febbraio 2008 Guida a

Dettagli

Area Il bis" Raccordo con gli Enti Locali e Consultazioni Elettorali" Prot.n.32922/2015 Salerno, 20 aprile 2015

Area Il bis Raccordo con gli Enti Locali e Consultazioni Elettorali Prot.n.32922/2015 Salerno, 20 aprile 2015 Area Il bis" Raccordo con gli Enti Locali e Consultazioni Elettorali" Prot.n.32922/2015 Salerno, 20 aprile 2015 Ai Sigg. Sindaci e Commissari Straordinari Ai Sigg. Segretari Comunali Ai Responsabili degli

Dettagli

SEGUE DELIBERA N. 30/10/CONS

SEGUE DELIBERA N. 30/10/CONS COMUNICAZIONE Pubblicità delle Amministrazioni pubbliche e degli Enti pubblici: modalità di trasmissione all Autorità per le garanzie nelle comunicazioni delle relative comunicazioni Rettifica della delibera

Dettagli

"COMUNICARE L'UMBRIA"

COMUNICARE L'UMBRIA CONCORSO REGIONALE DI PRODUZIONE RADIOTELEVISIVA "COMUNICARE L'UMBRIA" VII edizione - Anno 2005 e PREMIO SPECIALE DELLA GIUNTA REGIONALE DELL UMBRIA REGOLAMENTO Articolo 1 (Istituzione del concorso) Il

Dettagli

- 1 - 1. Quadro normativo di riferimento

- 1 - 1. Quadro normativo di riferimento OGGETTO: CIRCOLARE PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI CO.RE.COM NELLE MATERIE DI: TUTELA DEI MINORI E SONDAGGI DIFFUSI SUI MEZZI DI COMUNICAZIONE. Art. 4, comma 1, lett. c) FUNZIONI DI VIGILANZA IN MATERIA

Dettagli

AREA II BIS RACCORDO ENTI LOCALI E CONSULTAZIONI ELETTORALI. TELEFAX URGENTISSIMO Roma, 10 febbraio 2010

AREA II BIS RACCORDO ENTI LOCALI E CONSULTAZIONI ELETTORALI. TELEFAX URGENTISSIMO Roma, 10 febbraio 2010 TELEFAX URGENTISSIMO Roma, 10 febbraio 2010 AL SIG. PRESIDENTE DELL UFFICIO CENTRALE ELETTORALE CIRCOSCRIZIONALE presso IL TRIBUNALE DI AL SIG. PRESIDENTE DELL UFFICIO CENTRALE REGIONALE presso LA CORTE

Dettagli

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA' E LA BORSA

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA' E LA BORSA Delibera Consob 19 dicembre 2014 n. 19084 Modifiche al regolamento di attuazione del d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, concernente la disciplina degli emittenti adottato con delibera del 14 maggio 1999 n.

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA 2 PUBBLICITA DEGLI ENTI PUBBLICI COMUNICAZIONI AL GARANTE PER LA RADIODIFFUSIONE E L EDITORIA

NOTA ESPLICATIVA 2 PUBBLICITA DEGLI ENTI PUBBLICI COMUNICAZIONI AL GARANTE PER LA RADIODIFFUSIONE E L EDITORIA NOTA ESPLICATIVA 2 PUBBLICITA DEGLI ENTI PUBBLICI COMUNICAZIONI AL GARANTE PER LA RADIODIFFUSIONE E L EDITORIA 1. Premessa Il Garante per la radiodiffusione e l editoria determina con propri provvedimenti

Dettagli

Comune di Parma REGOLAMENTO SULLA TRASPARENZA PUBBLICA DEI COMPONENTI DEGLI ORGANI DI INDIRIZZO POLITICO ELETTIVI E NON ELETTIVI

Comune di Parma REGOLAMENTO SULLA TRASPARENZA PUBBLICA DEI COMPONENTI DEGLI ORGANI DI INDIRIZZO POLITICO ELETTIVI E NON ELETTIVI Comune di Parma REGOLAMENTO SULLA TRASPARENZA PUBBLICA DEI COMPONENTI DEGLI ORGANI DI INDIRIZZO POLITICO ELETTIVI E NON ELETTIVI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 15 del 18 marzo 2014 1 TITOLO

Dettagli

Assemblea degli Azionisti del 23 aprile 2015 (I Convocazione) e del 24 aprile 2015 (II Convocazione)

Assemblea degli Azionisti del 23 aprile 2015 (I Convocazione) e del 24 aprile 2015 (II Convocazione) Assemblea degli Azionisti del 23 aprile 2015 (I Convocazione) e del 24 aprile 2015 (II Convocazione) Relazioni Illustrative degli Amministratori Assemblea degli Azionisti del 23 aprile 2015 (I Convocazione)

Dettagli

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE PER LA PUBBLICITÁ ELETTORALE 2015 SUL SITO ONLINE "CINQUE RIGHE"

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE PER LA PUBBLICITÁ ELETTORALE 2015 SUL SITO ONLINE CINQUE RIGHE CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE PER LA PUBBLICITÁ ELETTORALE 2015 SUL SITO ONLINE "CINQUE RIGHE" Pillola Rossa, Associazione Culturale con sede in Summonte, alla via Ciccuzzi, iscritta al R. O. C. Registro

Dettagli

ELEZIONI COMUNALI 5 giugno 2016

ELEZIONI COMUNALI 5 giugno 2016 ELEZIONI COMUNALI 5 giugno 2016 Vademecum sulla disciplina della par condicio e sull emissione dei MAG per le Radio e le Tv locali durante il periodo della campagna elettorale per le elezioni comunali

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI COMUNE DI FLORIDIA PROVINCIA DI SIRACUSA Area Affari Generali - Programmazione REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL 23/11/2009

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Prefettura di Modena Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Modena Ufficio Territoriale del Governo Prot. n. 16555 /2014/SE Modena, 8.4.2014 SINDACI COMUNI PROVINCIA LORO SEDI SEGRETARI COMUNI PROVINCIA LORO SEDI QUESTORE MODENA COMANDANTE PROVINCIALE CARABINIERI MODENA COMANDANTE PROVINCIALE GUARDIA

Dettagli

Partito Democratico del Trentino REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER IL FUNZIONAMENTO DEI CIRCOLI TERRITORIALI

Partito Democratico del Trentino REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER IL FUNZIONAMENTO DEI CIRCOLI TERRITORIALI Partito Democratico del Trentino REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER IL FUNZIONAMENTO DEI CIRCOLI TERRITORIALI Approvato dall Assemblea provinciale il 13 giugno 2011 1 REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER

Dettagli

COMUNE DI TRIGGIANO VERBALE RELATIVO AGLI ACCORDI PER LA PROPAGANDA ELETTORALE IN OCCASIONE DELLE ELEZIONI REGIONALI DEL 31 MAGGIO 2015.

COMUNE DI TRIGGIANO VERBALE RELATIVO AGLI ACCORDI PER LA PROPAGANDA ELETTORALE IN OCCASIONE DELLE ELEZIONI REGIONALI DEL 31 MAGGIO 2015. COMUNE DI TRIGGIANO VERBALE RELATIVO AGLI ACCORDI PER LA PROPAGANDA ELETTORALE IN OCCASIONE DELLE ELEZIONI REGIONALI DEL 31 MAGGIO 2015. L anno duemilaquindici il giorno tredici del mese di maggio alle

Dettagli

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ).

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). Art. 1 Il Consiglio regionale per la Sardegna è eletto a suffragio universale con voto diretto,

Dettagli

REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE Elezione del Presidente della Giunta Regionale e del Consiglio regionale. Calendario delle operazioni elettorali

REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE Elezione del Presidente della Giunta Regionale e del Consiglio regionale. Calendario delle operazioni elettorali REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE Elezione del Presidente della Giunta Regionale e del Consiglio regionale Calendario delle operazioni elettorali 25 maggio 2014 La presente pubblicazione contiene le scadenze

Dettagli

REGOLAMENTO ELETTORALE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, RICREATIVA E SPORTIVA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO

REGOLAMENTO ELETTORALE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, RICREATIVA E SPORTIVA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO REGOLAMENTO ELETTORALE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, RICREATIVA E SPORTIVA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO Articolo 1 CORPO ELETTORALE 1. Le votazioni per l elezione dei componenti elettivi dell

Dettagli

Prot. n. 10027/2011 Area II Prefettura di Varese Varese, 28 marzo 2011 Circolare n. 32 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDI Al Sig. Commissario Straordinario del Comune di MALNATE e, p.c.

Dettagli

Prot. n. 6697 Cagliari, 14 APRILE 2015

Prot. n. 6697 Cagliari, 14 APRILE 2015 Prot. n. 6697 Cagliari, 14 APRILE 2015 trasmissione via PEC Ai Signori Sindaci e ai Responsabili degli Uffici Elettorali dei Comuni della Sardegna e,p.c. Ai Dirigenti dei Servizi Elettorali delle Prefetture

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità 1) Il Consiglio comunale dei Giovani di San Polo dei Cavalieri è un organo democratico di rappresentanza

Dettagli

Legge 5 febbraio 1992 N. 175. Norme in materia di pubblicità sanitaria e di repressione dell esercizio abusivo delle professioni sanitarie

Legge 5 febbraio 1992 N. 175. Norme in materia di pubblicità sanitaria e di repressione dell esercizio abusivo delle professioni sanitarie Legge 5 febbraio 1992 N. 175 Norme in materia di pubblicità sanitaria e di repressione dell esercizio abusivo delle professioni sanitarie Art. 1: 1. La pubblicità concernente l esercizio delle professioni

Dettagli

DELIBERA N. 538/01/CSP. Regolamento in materia di pubblicità radiotelevisiva e televendite L AUTORITA

DELIBERA N. 538/01/CSP. Regolamento in materia di pubblicità radiotelevisiva e televendite L AUTORITA DELIBERA N. 538/01/CSP Regolamento in materia di pubblicità radiotelevisiva e televendite L AUTORITA NELLA riunione della Commissione per i servizi e i prodotti del 25 luglio 2001 e in particolare nella

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI Gli articoli riportati, qualora manchi una diversa precisazione, si riferiscono al Testo unico delle leggi regionali sulla composizione ed elezione degli organi delle

Dettagli

Ufficio Territoriale del Governo. Prot. n. 2014-003667/EL/Area II Torino, 28 marzo 2014

Ufficio Territoriale del Governo. Prot. n. 2014-003667/EL/Area II Torino, 28 marzo 2014 Prot. n. 2014-003667/EL/Area II Torino, 28 marzo 2014 Ai Signori Sindaci e Commissari Straordinari, Signori Segretari Comunali e Signori Ufficiali Elettorali dei Comuni della provincia LORO SEDI Ai Signori

Dettagli

Art. 1. (Oggetto) Art. 2. (Requisiti generali di iscrizione)

Art. 1. (Oggetto) Art. 2. (Requisiti generali di iscrizione) Regolamento regionale recante Registro regionale delle associazioni di promozione sociale e elezione dei rappresentanti presso l Osservatorio regionale (Legge regionale 7 febbraio 2006, n. 7) Art. 1. (Oggetto)

Dettagli

Commissione Nazionale per le Società e la Borsa

Commissione Nazionale per le Società e la Borsa Pagina 1 di 6 English - Versione accessibile - Mappa - Contatti e PEC - Privacy - Avvertenze - Link utili - Ricerca - RSS Albi Elenchi Società quotate Prospetti/documenti opa Equity Crowdfunding La Consob

Dettagli

CALENDARIO ELETTORALE

CALENDARIO ELETTORALE ELEZIONI DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA E DEL CONSIGLIO REGIONALE di domenica 31 maggio 2015 CALENDARIO ELETTORALE Questa pubblicazione contiene il calendario delle operazioni relative all elezione del Presidente

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA Prot. n. 343 Cagliari, 09/01/2014 trasmissione via PEC Ai Signori Sindaci dei Comuni della Sardegna Ai responsabili degli Uffici Elettorali dei Comuni della Sardegna e,p.c. Ai Dirigenti dei Servizi Elettorali

Dettagli

Procedura Aziendale. Rapporti con i mass media

Procedura Aziendale. Rapporti con i mass media Pag. 2 di 7 SCOPO L Azienda USL 7 di Siena, all interno delle attività della, prevede la gestione dell informazione verso i mass media (stampa, radiofonici, televisivi ed on line). Nella complessa rete

Dettagli