GIOVEDÌ 23. giovedì 23 ottobre. Traduzione italiana non disponibile. Modera: Walter Nicoletti, giornalista Buonagricoltura

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GIOVEDÌ 23. giovedì 23 ottobre. Traduzione italiana non disponibile. Modera: Walter Nicoletti, giornalista Buonagricoltura"

Transcript

1

2

3 giovedì 23 ottobre 03 GIOVEDÌ 23 Ore 11 Sala Itm Network Ifad and Slow Food: Peru Le attività di Slow Food (Arca del Gusto, futuri Presìdi) nella Colca Valley (Perù) grazie alle piccole sovvenzioni dell International Fund for Agricultural Development (Ifad). Traduzione italiana non disponibile Ore 11 Honey Bar Check-in dei mieli Ricezione e valutazione dei mieli portati dagli amici di Terra Madre di tutto il mondo. Ore Casa della Biodiversità Quando è la politica a cambiare Negli Stati Uniti il Farm Bill 2014 ha portato a due grandi vittorie politiche: incentivi ai consumatori che scelgono di acquistare frutta e ortaggi freschi presso i Farmer s market locali e attività per le scuole. Una mossa strategica per invertire la rotta delle politiche americane e sensibilizzare il grande pubblico a un alimentazione più sana e consapevole. Linda Jo Doctor della W.K. Kellogg Foundation, Gail Imig dell Università del Michigan e Oran Hesterman di Fair Food Network, hanno collaborato a questa vittoria e sono la testimonianza di come le idee coraggiose possano cambiare la politica. Ore Laboratori della Terra Gli orti secondo Slow Food Che cosa distingue un orto Slow Food? Esperienze di tutto il mondo a confronto: dai orti in Africa agli orti scolastici americani. Ore Stand Slow Food Youth Network A global network of young leaders Presentazione delle attività dello Slow Food Youth Network durante il Salone. Con la partecipazione del vicepresidente Slow Food Edie Mukiibi che ricorderà la necessità di una forte rete globale tra giovani produttori, cuochi e appassionati di cibo. Ore 12 Sala Arancio Quando le regole servono a tutti: l agricoltura di qualità a tutela della salute e dell ambiente. In attesa che i cambi culturali inevitabilmente lenti ci conducano verso la sostenibilità, tre comuni trentini hanno varato regolamenti per evitare, sui loro territori, i danni della chimica di sintesi in agricoltura. Un piccolo gesto, pratico ed efficace, che può facilmente essere emulato. Lo raccontano i tre sindaci coinvolti, nella speranza che tanti amministratori, in tutta Italia ed Europa, vogliano seguire il loro esempio. Modera: Walter Nicoletti, giornalista Buonagricoltura Geremia Gios, sindaco di Vallarsa, Trento Adriano Marini, sindaco di Malosco, Trento Gilberto Zani, sindaco di Cavareno, Trento Giuliano Pezzini, fiduciario della condotta Slow Food Terre del Noce Ore 12 Sala Blu Birra agricola (conferenza con degustazione) La bevanda alcolica più antica e diffusa nel mondo si basa certamente su materie prime provenienti dall agricoltura. Ma con la formula birra agricola, anche per legge, si intende esclusivamente quella che per almeno il 51% è fatta con ingredienti prodotti dall azienda che poi la commercializza. C è differenza? Assaggiare per rispondere. Guida alla degustazione: Luca Giaccone, curatore di Guida alle Birre d Italia 2015 Modera: Eugenio Signoroni, Slow Food Italia Teo Musso, birra artigianale Baladin Marco Tamba, birrificio agricolo La Mata Giuseppe Olivero, docente esperto di coltivazione del luppolo, Istituto Agrario di Fossano Carlo Eugenio Fiorani, azienda agricola Castelverde Antonello Ghidoni, agribirrificio La Morosina Traduzione italiana non disponibile

4 04 Conferenze Ore 12 Sala Azzurra In principio era un seme La sovranità alimentare, ovvero la possibilità di decidere quel che si mangia e si coltiva passa anche dalle sementi. L Europa ha bisogno di una legge che tuteli le varietà tradizionali e consenta agli agricoltori e breeder di piccola scala di continuare a fare il loro mestiere e avere piena dignità anche sul mercato. I consumatori si stanno educando al cibo di qualità, ma quanta strada c è da fare prima che abbiano piena coscienza riguardo a questi temi? Chi acquista un cibo o fa l orto sa quali semi sceglie? Un incontro di orientamento sul tema principe dell agroalimentare. Questa conferenza è realizzata nell ambito del progetto More and better Europe di CONCORD Italia, grazie al contributo dell Unione Europea e del Ministro Affari Esteri e Cooperazione Internazionale. Modera: Francesco Sottile, Università di Palermo e Commissione Arca del Gusto. Saluto e introduzione: Francesco Petrelli, portavoce Concord Italia Roberto Schellino, agricoltore, Campagna Popolare per l Agricoltura Contadina e Comitato Italiano per l Anno Internazionale Agricoltura Familiare Andrea Ferrante, Associazione Italiana per l Agricoltura Biologica e Coordinamento europeo Via Campesina (Aiab) Jaqueline Arriagada Villega, direttrice, Asociación Nacional de Mujeres Rurales e Indígenas, Cile (Anamuri) Klaus Rapf, membro del consiglio Arche Noah, Austria Béla Bartha, direttore ProSpecieRara, Svizzera Giampaolo Cantini, direttore Generale Cooperazione allo Sviluppo, Ministero Affari Esteri e Cooperazione Internazionale. Ore 12 Sala Agricoltura Familiare (Sala Rossa) L agricoltura familiare e i cambiamenti climatici Produrre cibo senza surriscaldare il pianeta, anzi favorendo l inversione delle attuali tendenze, è possibile se dalle istituzioni ai cittadini si lavora insieme per favorire un agricoltura rispettosa dell ambiente. L agricoltura familiare, orientata alle persone prima che ai mercati, ha anche questa funzione: contrastare il riscaldamento del pianeta, a beneficio di tutti gli esseri viventi. Conferenza realizzata nell ambito del progetto Table for 9 Billion, grazie al contributo dell Unione Europea. Modera: Luca Mercalli, presidente della Società Meteorologica Italiana Jean Philippe Beau Douezy, fondatore dell Eco-centre Le Bouchot, Francia Vicky Rateau, responsabile della campagna di giustizia economica per Oxfam USA Grammenos Mastrojeni, coordinatore questioni ambientali, accademiche e per la cooperazione decentrata della Cooperazione allo Sviluppo, Ministero Affari Esteri e Cooperazione Internazionale Silvia Sinibaldi, Caritas Europa Camilo Zaccarini Bonelli, Rete Rurale Nazionale, MiPAAF Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Ore Sala Itm Network Indigenous peoples and the Um In lingua inglese, spagnola, russa. Myrna Cunningham Kain, Indigenous Advisor presso WCIP/PGA e ex Presidente dell Un Permanent Forum on Indigenous Issues Antonella Cordone, Ifad Co-ordinator for Indigenous and Tribal Issues Stefano Padulosi, Bioversity International Ol-Johan Sikku, Slow Food Sámi; Roba Bulga, Slow Food Ethiopia Modera: Adolfo Brizzi, International Fund for Agricultural Development (Ifad). Ore Casa della Biodiversità L Arca del Gusto passa in Islanda Un viaggio alla scoperta dello skyr (tradizionale formaggio cremoso che da sempre ha caratterizzato la dieta degli islandesi), del sale prodotto con l energia geotermica, dei pesci essiccati in maniera tradizionale, e della capra di razza islandese, approdata nella regione più di mille anni fa. Degustazione finale

5 giovedì 23 ottobre 05 Ore 14 Laboratori della Terra Biodiversità tra conservazione e valorizzazione Un progetto collettivo per la salvaguardia del bovino podolico calabrese La podolica ha origini antichissime, ed è famosa sia per le carni pregiate sia per il latte di altissima qualità. Oggi però, ne sopravvivono soltanto esemplari. Dal 2013 è nato un progetto cofinanziato dal Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria in collaborazione con l Università di Napoli per la tutela di questa razza locale e per il miglioramento dell ambiente. Scopriamone insieme i risultati. Ore 14 Sala Slow Fish Fisheries, setting the record straight. Knowing each other In lingua inglese, francese, spagnola. Introduzione del meeting Slow Fish x Terra Madre e condivisione fra i partecipanti dei propositi e delle aspettative. Modera Michèle Mesmain, coordinatore campagna Slow Fish. Segue degustazione dei Presìdi dei pescatori del mare di Wadden e delle ostriche naturali della Bretagna. Ore Sala Itm Network Communications In lingua inglese, spagnola, russa. Namrata Bali, India; Jennifer Baing e Bao Waiko, Papua Nuova Guinea; Themba Chauke, Sudafrica; Selvi Nanji, India. Modera Bassem Khalifa, Egitto. Ore Casa della Biodiversità L Arca del Gusto passa in Asia Oceania Conosciamo insieme i prodotti più interessanti e particolari dell Arca asiatica (dall India al Giappone passando per l Australia), scopriamo i territori di origine e parliamo con i produttori e gli attivisti della rete Slow Food. Ore Honey Bar I mieli monoflorali Laboratorio a cura di Ami-Ambasciatori dei Mieli. Ore stand Slow Food Youth Network Organizing a Slow Food Youth Academy. Joszi Smeets & Dionne van Zijl Da cinque anni, la Slow Food Youth Academy punta a connettere un ampia varietà di giovani professionisti nel campo del cibo. In questo workshop, Joszi Smeets e Dionne van Zijl aiuta chi è interessato a organizzare un accademia nella propria città, regione o Paese Ore 15 Sala Arancio Dalla salute del suolo alla salute dei consumatori I prodotti, anche quelli di origine animale che iniziano la loro filiera in un suolo curato e ricco di diversità microbica, portano in dono a chi li consuma la microflora che previene molte malattie genericamente imputate alla cattiva alimentazione e inutilmente combattute, a posteriori, con integratori alimentari. Modera: Sergio Capaldo, Presidio Slow Food bovina razza piemontese e veterinario associazione La Granda Maria Caramelli, direttrice generale f.f, Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d Aosta Giusto Giovannetti, titolare azienda C.C.S. Aosta S.R.L Alberto Bruno, diabetologo, Ospedale San Giovanni Vecchio di Torino Javier Fernández-Salvador Pérez, Università San Francisco de Quito, Ecuador e Oregon State University, USA Ore 15 Sala Blu Origine, diversità e territorio Il Forum intende facilitare la collaborazione tra istituzioni, produttori e attori locali per esplorare nuovi schemi e modalità di utilizzo delle indicazioni di origine e dei marchi di qualità nella tutela delle risorse e delle diversità territoriali. La conferenza presenta le conclusioni del Forum che si tiene il 21 e 22 ottobre a Torino: il confronto con il pubblico e con i produttori di Terra Madre rappresenta una tappa fondamentale nel percorso che il Forum intende guidare nei prossimi anni con un attenzione sempre più forte verso l agricoltura familiare e le piccole produzioni. Modera: Guillén Calvo, Diversités & Développement, Marocco Dominique Barjolle, FiBL Research Institute of Organic Agriculture, Svizzera Florence Tartanac, Divisione Infrastrutture Rurali e Agro-Industrie, FAO Nazioni Unite Fabio Russo, UNIDO Nazioni Unite Organizzazione per lo Sviluppo Industriale Claudia Ranaboldo, Ricercatrice RIMISP Programma DTR-IC, Centro Latinoamericano per lo Sviluppo Rurale Claudia Serrano, rappresentante permanente del Cile presso OCSE, Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico.

6 06 Conferenze Ore 15 Sala Azzurra Eating City: un altra idea di città Oltre la metà della popolazione mondiale oggi vive in aree urbane: non è più rimandabile la riflessione su come le città si alimentano oggi e come si alimenteranno in futuro. Il progetto Eating City propone una idea di città in cui l agricoltura urbana diventa sistema di sviluppo economico e sociale. Modera: Andrea Pezzana, direttore SoSD Dietetica e Nutrizione, Clinica Ospedale San Giovanni Bosco di Torino Mariachiara Giorda Università degli Studi di Torino Chiang Tianle, organizzatrice del mercato contadino di Pechino, Cina Maurizio Mariani, presidente di Risteco Robin Gourlay, politiche di agroalimentari e di bevande, Governo di Scozia Kai Victor Hansen, Università di Stavanger, Norvegia e Rete Délice, rete delle città del buon cibo, Francia Alberto Arossa, Slow Food Italia Ore 15 Sala Gialla 10,000 orti per il futuro dell Africa Perché Slow Food favorisce la realizzazione di orti in Africa? Perché un orto familiare, scolastico o comunitario garantisce sicurezza alimentare, conservazione di biodiversità, cultura, partecipazione. Sostenere l agricoltura di piccola scala nei Paesi africani significa consegnare alle comunità a rischio di povertà e di fame uno strumento di resistenza e di progettazione del proprio futuro. Conferenza nell ambito del progetto Oltre Rio+20 semina cambiamento.org di Oxfam, Slow Food, CeSPI, Arcs; con il contributo della Cooperazione allo Sviluppo Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Grazie al contributo dell Unione Europea. Modera: Serena Milano, Slow Food Carlo Petrini, presidente di Slow Food Lapo Pistelli, vice Ministro Affari Esteri e Cooperazione Internazionale John Kariuki, vicepresidente Fondazione Slow Food per la Biodiversità, Kenya Gladman Chibememe, coordinatore nazionale orti in Africa, Zimbabwe Mohahed Abdikadir Hassan (Mudane), coordinatore nazionale orti in Africa, Somalia Dounia Bennani, cuoca dell Alleanza Slow Food dei Cuochi, Marocco Themba Austin Chauke, Sudafrica, studente dell Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo Ore 15 Sala Agricoltura Familiare (Sala Rossa) Lectio Magistralis. Luca Mercalli, presidente della Società Meteorologica Italiana Il clima influisce sull orto o viceversa? Ore 15 Honey Bar Confenza. Qual è il miele più buono del mondo? Il mio! Confronto tra le diverse culture del miele. Lucia Piana, esperta di miele; Paolo Faccioli, apicoltore. Ore 16 Casa della Biodiversità La trasparenza è un autentica rivoluzione Slow Food propone una nuova idea di etichetta, che rappresenta una piccola grande rivoluzione nel mondo della comunicazione sui prodotti alimentari. L etichetta narrante, oltre alle indicazioni previste dalla legge, fornisce informazioni sui produttori, le varietà vegetali o le razze animali impiegate, le tecniche di allevamento e lavorazione, il benessere animale, i territori di provenienza. Slow Food sta percorrendo questo cammino insieme ad Alce Nero, un marchio che identifica oltre mille agricoltori e apicoltori in tutta Italia. Conferenza realizzata grazie al supporto dell Unione Europea Ore Laboratori della Terra Piccoli produttori e normative su igiene e sanità L igiene alimentare e la salubrità dei prodotti sono questioni importanti quanto complesse, in particolare per i piccoli produttori artigianali. Come trovare il giusto equilibrio? Conferenza realizzata grazie al supporto dell Unione Europea Ore 17 Sala Itm Network Nutrition security In lingua inglese, spagnola, russa. Esma Khalilova, Ucraina Dharmen Gabil Momin, India Diana Luque, Messico Jennifer Baing, Papua Nuova Guinea Modera: Danny Hunter, Bioversity International. Ore 17 Honey Bar Film: Il cantico delle api Una produzione di Unaapi, Unione Nazionale Associazioni Apicoltori Italiani.

7 giovedì 23 ottobre 07 Ore 17 stand Slow Food Youth Network Slow Camp and Expedições: sharing ideas across borders. Laura Rosano & Bernardo Simões Da due anni, la chef uruguayana Laura Rosano organizza lo Slow Food Camp. Nel 2014, un centinaio di persone di sei nazionalità si è ritrovato nella sua fattoria per discutere di problemi locali e globali legati al mondo del cibo. Nello stesso periodo, Bernardo Simões ha iniziato il suo lavoro per far conoscere, attraverso il cibo, le zone meno note del Brasile. Ore 18 Sala Arancio L eccellenza a tutela della salute e dell economia: il caso della Campania La mappatura del territorio campano e un monitoraggio ambientale sono alla base di progetti di ripresa produttiva e di valorizzazione di prodotti di eccellenza, come i Presìdi, che tutelano la biodiversità, danno valore alle varietà tradizionali e si ripercuotono positivamente sulla salute pubblica e sulle economie locali. Modera: Luigi Letteriello, giornalista Energeo magazine Massimo Fagnano, Project Manager ECO REMED Patrizia Spigno, Comitato Tecnico Scientifico di SF Campania e Basilicata Vito Trotta, Responsabile Presìdi Slow Food Campania e Basilicata Ore 18 Sala Blu Lectio Magistralis. Claudia Roden, co-presidente dell Oxford Symposium on Food and Cookery Eredità gastronomiche del bacino del Mediterraneo. Ore 18 Sala Azzurra Il volo spaziale dei Presidi Slow Food Chi ha detto che gli astronauti si nutrono di cibo in pillole? Argotec, unica responsabile in Europa per lo space food degli astronauti dell Agenzia Spaziale Europea (Esa), ha scelto, per le loro proprietà nutrizionali, quattro legumi Presìdi Slow Food, che saranno parte del cibo dell astronauta Samantha Cristoforetti, prima donna italiana a vivere sei mesi nella Stazione Spaziale Internazionale. La corretta alimentazione è indispensabile per chi vive un esperienza estrema, ma anche nella quotidianità. Modera: Silvia Ceriani, Slow Food Ivano Rean Conto, Presidio Slow Food piattella canavesana di Cortereggio Andrea Pezzana, direttore SoSD Dietetica e Nutrizione, Clinica Ospedale San Giovanni Bosco di Torino Davide Avino, Managing Director Argotec, Agenzia Spaziale Italiana Stefano Polato, chef e responsabile per lo space food di Argotec, Agenzia Spaziale Italiana Collegamento in diretta con: Samantha Cristoforetti, Astronauta dell ESA Agenzia Spaziale Europea Ore 18 Sala Agricoltura Familiare (Sala Rossa) Il nostro spreco quotidiano Quale modello produttivo ha portato alle attuali percentuali di spreco alimentare e come possiamo, tutti insieme, invertire la rotta? Innanzitutto comprendendo che, quando sprechiamo cibo, sprechiamo non solo denaro ma tempo, energia, risorse ambientali e intellettuali. Sprechiamo il pianeta e noi stessi. Conferenza nell ambito del progetto Oltre Rio+20 semina cambiamento.org di Oxfam, Slow Food, CeSPI, Arcs; con il contributo della Cooperazione allo Sviluppo Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Grazie al contributo dell Unione Europea. Modera: Ursula Hudson, Slow Food Germania Francesco Mele, Slow Food Italia Franca Braga, responsabile area alimentazione e salute di Altroconsumo Anne-Laure Gassin, Direzione Generale Salute e Consumatori, Commissione europea Stig Tanzmann, consulente politico per l agricoltura e lo sviluppo rurale, Brot für die Welt Cristiano Maggipinto, Direzione Generale Cooperazione allo Sviluppo, Ministero Affari Esteri e Cooperazione Internazionale Clementine O Connor, programma per un sistema alimentare sostenibile, Unep Programma delle Nazioni Unite per l ambiente Bastien Beauyort, Sfin, Francia. Ore 18 Sala Gialla Coltivare la biodiversità per Nutrire il Pianeta: Slow Food a Expo 2015 Senza biodiversità, non sarà possibile nutrire il pianeta. A Expo 2015 Slow Food racconterà questo concetto semplice, ma vitale e attraverso storie, degustazioni e incontri trasformerà gli spettatori in attori, capaci di influenzare il futuro del cibo, dell agricoltura e del pianeta stesso con le proprie scelte quotidiane. Questa conferenza è realizzata nell ambito del progetto Table for 9 Billion, grazie al contributo dell Unione Europea. Modera: Roberto Burdese, presidente onorario di Slow Food Italia Carlo Petrini, presidente di Slow Food Giuseppe Sala, direttore generale di Expo 2015 Giosuè De Salvo, portavoce del Comitato Expo dei Popoli Sara El Sayed, consigliere internazionale di Slow Food per l Egitto

8 08 Conferenze Ore Casa della Biodiversità Qual è l impronta ecologica degli allevamenti dei Presìdi? Gli allevamenti dei Presìdi consumano più o meno risorse ambientali rispetto agli allevamenti industriali intensivi? Indaco2, spin-off dell Università di Siena, ha misurato l impatto ambientale di tre Presìdi Slow Food e ha confrontato i dati con analoghe produzioni convenzionali. Nel corso della conferenza sentiremo l esperienza diretta di alcuni allevatori che hanno partecipato al progetto. Conferenza realizzata grazie al supporto dell Unione Europea Ore 18 Honey Bar I mille mieli, i millefiori Concorso a cura dell Osservatorio del Miele. Ore Laboratori della Terra Pausa Cafè festeggia i suoi primi 10 anni! I produttori di caffè del Presidio di Huehutenango in Guatemala e i detenuti torrefattori, birrai, panettieri e cuochi che hanno contribuito allo sviluppo del progetto, ci raccontano il cammino di Pausa Cafè e Slow Food, un esperienza unica alla ricerca del gusto della libertà. Ore Sala Itm Network Indigenous voices /videos Uno spazio libero all interno del quale i delegati indigeni raccontano la loro storia e le questioni per loro importanti. Agli interventi possono alternarsi contributi video. Ore 20:30 Sala Azzurra Film: El lugar de las fresas Alla presenza della regista Maite Daneris Vitoria e i protagonisti. Ore 20:30 Sala Gialla Film: In grazia di Dio Alla presenza del regista Edoardo Winspeare Ore 21 Sala Itm Network Indigenous music Tutti i delegati indigeni sono invitati a portare i loro strumenti per suonare durante questo momento dedicato alla musica e alle attività culturali.

9 venerdì 24 ottobre 09 VENERDÌ 24 Ore 10 Sala Slow Fish Fisheries, setting the record straight. Recognizing and responding to the dominant narrative In lingua inglese, francese, spagnola. Il workshop affronta il tema della recinzione degli oceani, ovvero l espropriazione dei diritti delle comunità, cui di fatto viene negato l accesso alle risorse marine. Come riconoscere, analizzare e opporsi a questo fenomeno? Segue degustazione dei Presìdi della bottarga di Orbetello e della Mauritania. Ore 11 Sala Itm Network Indigenous peoples. Custodians of sustainable food systems In lingua inglese, francese, russa. Yon Fernandez Larrinoa, Fao Pauline Terbasket, Direttore esecutivo Okanagan Nation Alliance, Canada Moko Morris, Nuova Zelanda Roumar Ould Sidi, Burkina Faso Debjeet Sarangi, India Li Minguo, Cina. Modera: Phrang Roy, Presidente North East Slow Food & Agrobiodiversity Society. Ore 11 Honey Bar L apicoltura in Africa Proiezione di un video prodotto da TripodPhoto, con il contributo della Regione Emilia Romagna, nell ambito di un progetto di cooperazione decentrata, a cura di Parma per gli Altri, Modena per gli Altri, Slow Food, Conapi. Ore Casa della Biodiversità Tutti per uno. Una rete di Presìdi nei Paesi Baschi I Paesi Baschi hanno saputo valorizzare i paesaggi, la gastronomia, l identità culturale della loro regione. Un esempio concreto di questa straordinaria abilità è Amalur, collettivo di sette associazioni contadine, ciascuna raccolta intorno alla salvaguardia di una razza o una varietà locale. Per rafforzare il suo lavoro sono nati sette Presìdi, che tutelano la pecora manech, il maiale basco, le varietà locali di mele, la ciliegia d Itxssaou, il peperoncino dolce, il pecorino dei Pirenei francesi e il mais grand roux basco. Degustazione finale Dalle Laboratori della Terra Alla scoperta dei Presìdi Slow Food in Corea In Corea cresce l associazione della chiocciola e nasce una Fondazione Slow Food per la Biodiversità che apre i battenti con quattro nuovi Presìdi tutti da scoprire. La pasta di soia tradizionale, preparata con la soia indigena purenkong dell isola di Jeju, il pollo Yeonsan Ogye, il tè Don e le Sanchae, piante dell isola di Ulleung. Ore Stand Slow Food Youth Network Slow Food for social gastronomic movement opportunities. David Hertz. Si può favorire l integrazione sociale attraverso il cibo? David Hertz, cuoco, professore e imprenditore sociale, sta lavorando con i giovani delle zone più difficili del Brasile per introdurli nel campo dell ospitalità e farli diventare membri produttivi della società. Ore 12 Sala Blu Dagli Appennini alle Alpi: la montagna racconta e tesse il futuro Il progetto L appennino che verrà, lanciato da Slow Food Italia nel 2013 con la convocazione degli Stati Generali delle Comunità dell Appennino riguarda il ruolo chiave delle zone interne nella progettazione e realizzazione di un futuro di sostenibilità ambientale, economica e sociale per il Paese. Le caratteristiche di questi territori non sono dissimili da quelle delle aree montane alpine e per questo il progetto sta per allargarsi a coinvolgere anche le Comunità delle Alpi. Un incontro tra montagne, molto meno immobili di quanto comunemente si creda. Modera: Sonia Chellini, vicepresidente di Slow Food Italia Angelo Giovanazzi, responsabile scientifico Agricoltura salubre e sostenibile di montagna Stefano Fogacci, allevatore Presidio Slow Food Vacca Bianca Modenese Valeria Gallese, azienda agro-zootecnica Damiani Ovidio e Slow Food Abruzzo Francesco Sabatini, linguista e storico dell Appennino. Enrico Camanni, progetto Sweet Mountains di Dislivelli per il turismo responsabile sulle Alpi Ricardo Finelli, autore di Appenninia, viaggio nella terra di domani

10 10 Conferenze Ore 12 Sala Agricoltura Familiare (Sala Rossa) L agricoltura familiare contro la fame e la povertà Oltre cinquecento milioni di aziende agricole di piccole dimensioni e a conduzione familiare producono, nel mondo, il cibo che ci sfama. Nel Paesi in via di sviluppo l agricoltura familiare provvede all 80% del fabbisogno. Non sono le grandi produzioni orientate al mercato a proteggere il nostro cibo quotidiano né quello delle popolazioni più povere. Conferenza nell ambito del progetto Oltre Rio+20 semina cambiamento.org di Oxfam, Slow Food, CeSPI, Arcs; con il contributo della Cooperazione allo Sviluppo Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Grazie al contributo dell Unione Europea. Modera: Danielle Nierenberg, presidente di Food Tank Saluto e introduzione: Elisa Bacciotti, direttrice campagne e Cittadinanza attiva, Oxfam Italia Humberto Oliveira, referente relazioni istituzionali Slow Food Brasile Don Bruno Bignami, docente di teologia morale e presidente della Fondazione Don Primo Mazzolari Carlo Petrini, presidente di Slow Food Benjamin Bellegy, Fondation de France e iniziativa E4f: European Foundation for Family Farming Adolfo Brizzi, direttore della Divisione Policy and Technical Advisory, Ifad Soledad Barruti, autrice del libro MALCOMIDOS: Cómo la industria alimentaria argentina nos está matando, Argentina Roberto Ridolfi, Direttore crescita sostenibile e sviluppo EuropeAid, Comissione europea Anshuman Das, Welthungerhilfe (Aiuto Mondiale per la Fame), India. Ore 12 Sala Gialla Lectio Magistralis. Maurizio Pallante, presidente del Movimento per la Decrescita Felice I paradossi della ricerca della crescita infinita in un pianeta finito. Quando l economia tradisce se stessa. Ore 13 Honey Bar Incontro degli apicoltori urbani con assaggio di mieli urbani Katrine Klinken, Copenhagen; Peter James, Londra; Claudio Porrini, Bologna; Monica Vercelli, Torino. Segue la proiezione di un video di Terry Oxford (San Francisco), girato apposta per Terra Madre 2014, e di un video di Oliver Darnè sulla Banca del Miele di Parigi. Ore 14 Casa della Biodiversità Alla scoperta dei Presìdi Slow Food in Belgio Un viaggio alla scoperta dell Herve (nella rarissima versione autentica, a latte crudo) e dello sciroppo artigianale di Hesbaye e del Pays de Herve preparato secondo l antica ricetta a base di mele e pere. Degustazione finale dei prodotti Ore 14 Laboratori della Terra Slow Beans I legumi sono una possibile riposta alla necessità ormai impellente di ridurre il consumo di carne bovina. Produttori di tutto il mondo raccontano la straordinaria varietà di fagioli, lenticchie, ceci, piselli, fave Ore 14:10 Sala Blu Spazio sbarca a Eataly Roma Conferenza Stampa Niko Romito e Oscar Farinetti presentano la nuova collaborazione che porterà il ristorante della scuola di formazione di Niko Romito al terzo piano di Eataly Roma. Ore Sala Slow Fish Fisheries, setting the record straight. Strategy of the common In lingua inglese, francese, spagnola. Riavvicinare pescatori e consumatori, educare alla complessità del mare, raccontare la diversità delle tecniche di pesca e la tracciabilità, incoraggiare la pesca di diverse specie e agendo con le istituzioni per modificare la legislazione sulla pesca. Degustazione finale dei prodotti Ore 13 Sala Itm Network Taste Innovation In lingua inglese, portoghese, russa. Ben Reade, Scozia Joel Basumatari, India Roushanna Gray, Sudafrica Oswaldo Nery e Taina Godinho, Brasile Helianti Hilman, Indonesia Pat Torres, Australia Modera: Franco Lee, Usa.

11 venerdì 24 ottobre 11 Ore 15 Sala Blu Gli eventi sistemici Slow Food e il premio Slow Pack 2014 È sempre maggiore l impegno di Slow Food per realizzare eventi a basso impatto ambientale: una strada che percorre grazie a collaborazioni con imprese, università e il coinvolgimento di espositori e visitatori. Al termine della presentazione, sarà consegnato il premio Slow Pack 2014 dedicato agli eco-imballaggi primari, secondari e terziari. Modera: Luca de Nardo, giornalista presso Com.Pack Franco Fassio, Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo Cristiana Peano, Università degli Studi di Torino Laura Orestano, direttore generale Social Fare Centro per l Innovazione Sociale Carlo Montalbetti, direttore Comieco, Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli imballaggi a base Cellulosica. Ore 15 Sala Azzurra Quando la terra cura Coltivare, allevare, significa innanzitutto mettere la propria vita in relazione con altre vite: per questo le attività agricole possono essere fonte di benessere e inclusione sociale e lavorativa e strumenti di salute e libertà per tutti. Un incontro dedicato a diverse esperienze di agricoltura sociale, nelle quali il disagio è diventato risorsa. Modera: Giuseppe Orefice, presidente Slow Food Campania Andrea Olivero, viceministro, Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Nicola Corti, segretario generale Fondazione Umana Mente Fabio Comunello, fattoria sociale Conca d oro, Bassano del Grappa Marco Crippa, cooperativa sociale OIKOS, Bergamo Francesca Giarè, Inea Istituto Nazionale di Economia Agraria Sauro Testi, cooperativa sociale Koinè, Novate Milanese Mario Cuccia, presidente Agricola San Felice S.p.A Paolo Leggero, psichiatra e presidente Cooperativa Sociale Interactive Massimo Fiorio, vicepresidente commissione agricoltura Camera dei Deputati Ore 15 Sala Agricoltura Familiare (Sala Rossa) Benessere animale: il piacere è rispettoso dei diritti Una categoria zootecnica, il benessere animale, che inevitabilmente conduce implicazioni di carattere etico, politico, economico e sociale. Cosa sapere e cosa fare per produrre e consumare prodotti animali eticamente e culturalmente sostenibili. Conferenza organizzata con la Commissione Europea e l Organizzazione delle Nazioni Unite per l alimentazione e l agricoltura (FAO) Modera: Piero Sardo, presidente della Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus Silvio Greco, Università di Scienze Gastronomiche Pollenzo Elisa Bianco, Compassion in World Farming Andrea Gavinelli, Direzione generale Salute e Consumatori, Commissione europea Daniela Battaglia, Organizzazione delle Nazioni Unite per l Alimentazione e l Agricoltura (Fao) Rubens Valentini, economista e allevatore, Brasile Annechien Ten Have-Mellema, allevatrice e membro del gruppo di esperti sulle alternative alla castrazione chirurgica dei maiali, Paesi Bassi David Pritchard, consulente Scienza e Pratica del Benessere Animale, Regno Unito. Ore 15 Sala Gialla I valori di Slow Food nel mondo del fast food:un movimento globale per l Educazione Edibile L idea del pasto a scuola come strumento equo per nutrire il potenziale delle prossime generazioni è stata per lungo tempo ignorata o sottovalutata. Ora però siamo davanti ad una grande crisi di salute pubblica, educazione e ineguaglianza. La soluzione è tornare a scuola. Creando un programma per i pasti a scuola nutrienti, sostenibili e gratuiti da integrare nel curriculum di ogni bambino al quale abbiamo l opportunità di insegnare i valori di Slow Food. Come progettiamo e creiamo una collaborazione internazionale per l Educazione Edibile? Modera: Corby Kummer, Atlantic Monthly Jamie Oliver, chef e attivista alimentare, Regno Unito Alice Waters, vicepresidente di Slow Food e fondatrice dello Chez Panisse Restaurant e del progetto Edible Schoolyard Carlo Petrini, presidente di Slow Food

12 12 Conferenze Ore 15 Casa della Biodiversità L Arca del Gusto passa in Africa Conosciamo insieme i prodotti più interessanti e particolari dell Arca africana (dal Magreb ai paesi subsahariani, dal Sud Africa al Madagascar), scopriamo i territori di origine e incontriamo i produttori. Ore 15 Honey Bar Alla scoperta dei mieli e dell apicoltura dell Indonesia Conferenza con degustazione. Ore 15 Stand Slow Food Youth Network Biodiversity activism: how to build bricks of (bio) diverse food systems. Biologia, cultura, ecologia, territorio sono solo alcuni degli elementi che riguardano il concetto di biodiversità: ne parliamo attraverso le storie di produttori, attivisti e comunità di Terra Madre. Ore Sala Itm Network Ifad and Slow Food: Sao Tome Presentazione dei prodotti a base di caffè e cioccolato provenienti da Sao Tome. Ore 16 Sala Slow Fish Governance e politica Coinvolgere i pescatori nei processi legislativi Ore 16 Casa della Biodiversità Salinari slow in Mauritania Al Presidio della bottarga di muggine degli Imraguen, che coinvolge 280 donne, manca un ingrediente: il sale che arriva dalla Spagna perché quello locale non è adeguato, sebbene presente in grandi quantità. Di qui, l idea: creare saline locali, formare un gruppo di salinari e produrre sale artigianale di qualità nella regione di Nouadhibou. Per realizzare questo progetto, Slow Food lavora con Mauritanie2000 (Ong impegnata con le produttrici di bottarga) e con Univers-sel, ong francese creata dai salinari che producono uno dei sali più famosi del mondo: il sel de Guérande. Ore 16 Stand Slow Food Youth Network Good, clean and fair food for everyone? Cosa intendiamo per buono, pulito e giusto? Diversi gruppi dello Slow Food Youth Network si confronteranno su questioni quali accessibilità ed elitarismo durante un dibattito interattivo. Ore alle 18 Laboratori della Terra Quale futuro per il cibo in Europa? Quale sistema alimentare vorresti in Europa? Parlane con i responsabili politici e gli agricoltori in una conferenza interattiva. Slow Food promuove un approccio olistico alle politiche sul cibo. Come raggiungere questo traguardo? Questa conferenza è collegata all iniziativa Het Eetcafé The Future of our Food dello Slow Food Youth Network e intende illustrare le politiche europee, avvicinando produttori e consumatori. Conferenza realizzata grazie al supporto dell Unione Europea Ore 17 Sala Itm Network Under utilised crops. Focusing on the Indigenous Millet Network In lingua inglese, francese, spagnola. Augustin Dioh, Senegal Bablu Ganguly, India Nicola Ares Torres e Jorge Marques, Messico Jeffrey Campbell, Fao Prasert Trakansuphakon, Thailandia Leo Robert, India Modera: Stefano Padulosi, Bioversity International. Ore 17 Honey Bar I mieli monoflorali Laboratorio a cura di Ami-Ambasciatori dei Mieli. Le saline sono realizzate nell ambito del progetto SA.SOL. NO, grazie al contributo dell Unione Europea Ore 16 Honey Bar Mieli d Etiopia Proiezione del documentario prodotto da TripodPhoto, con il contributo della Regione Emilia Romagna, nell ambito di un progetto di cooperazione decentrata, a cura di Parma per gli Altri, Modena per gli Altri, Slow Food, Conapi. Zerihun Dessalegn, Progetto Rete dei Mieli d Etiopia; Roba Bulga Jilo, Coordinatore Slow Food Etiopia. Segue degustazione di mieli etiopi.

13 venerdì 24 ottobre 13 Ore 18 Sala Blu Torino capitale del cibo Non solo un evento come il Salone del Gusto e Terra Madre, ma anche le moltissime, qualificate realtà attive nel settore alimentare dalla produzione alla distribuzione alla ristorazione indicano che l esperienza torinese potrebbe proporsi come un punto di riferimento a livello regionale, nazionale e internazionale, indicando le possibili strategie e linee guida di uno sviluppo economico, turistico e culturale e diventando fonte d ispirazione per altri territori. Modera: Sergio Miravalle, giornalista La Stampa Piero Sardo, presidente della Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus Piero Fassino, sindaco Città di Torino Egidio Dansero, Università degli Studi di Torino Oscar Farinetti, fondatore di Eataly Luca Iaccarino, giornalista e autore gastronomico Ore 18 Sala Azzurra Lectio Magistralis. Tristram Stuart, ideatore della campagna Feeding the 5000 e saggista Come sfamare milioni di persone con gli sprechi. Idee concrete e via di uscita dallo spreco alimentare. Ore 18 Sala Agricoltura Familiare (Sala Rossa) Quanta acqua mangiamo? Il 92% dell acqua che consumiamo ogni giorno è nascosto nel nostro cibo: per produrre un chilo di caffè si usano litri d acqua, per un chilo di carne bovina 14500, per un chilo di formaggio 3180 e per un chilo di mele 822. Come possiamo contribuire a prenderci cura di questo bene essenziale alla vita? Iniziamo a esserne consapevoli e a fare una spesa responsabile. Conferenza nell ambito del progetto Oltre Rio+20 semina cambiamento.org di Oxfam, Slow Food, CeSPI, Arcs; con il contributo della Cooperazione allo Sviluppo Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Grazie al contributo dell Unione Europea. In collaborazione con Wwf Italia Modera: Lorenzo Berlendis, vicepresidente di Slow Food Italia Marta Antonelli, King s College London e Università IUAV di Venezia Francesca Greco, King s College London Paolo Camozzi, gastronomo cortilia.it Ore 18 Sala Gialla Il Protocollo di Milano: le politiche alimentari dal 2015 Il Protocollo di Milano si propone come il documento programmatico di Expo 2015 e soprattutto del dopo Expo. Come nutriremo il pianeta? Una riflessione che deve coinvolgere industrie, politica, associazioni, produttori e università. Conferenza nell ambito del progetto Oltre Rio+20 semina cambiamento.org di Oxfam, Slow Food, CeSPI, Arcs; con il contributo della Cooperazione allo Sviluppo Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Grazie al contributo dell Unione Europea. Modera: Fernanda Roggero, caporedattore Il Sole 24 Ore Roberto Moncalvo, presidente di Coldiretti Carlo Petrini, presidente di Slow Food Riccardo Valentini, Advisory Board BCFN Foundation e redattore Protocollo di Milano Jamie Oliver, chef e attivista alimentare, Regno Unito Marco De Ponte, direttore generale Action Aid Italia Roberto Barbieri, direttore generale Oxfam Italia Paolo Barilla, vicepresidente della Fondazione BCFN Ore 18 Honey Bar Film: Il cantico delle api Una produzione di Unaapi, Unione Nazionale Associazioni Apicoltori Italiani. Ore Casa della Biodiversità The Dark Side of the Italian Tomato Web-documentario di Stefano Liberti e Mathilde Auvillain In Ghana la vendita di pomodoro italiano a prezzi stracciati altera i mercati locali e distrugge l economia rurale. In Italia, la filiera incassa i sussidi comunitari, ma non rinuncia a sfruttare gli stranieri nei campi per la raccolta. Un web-documentario presenta questo caso di dumping drammatico e paradossale. Modera: Nicola Fiorita, Presidente di Slow Food Calabria Mathilde Auvillain, giornalista e co-autrice del webdocumentario The Dark Side of the Italian Tomato Stefano Liberti, autore di Land grabbing. Come il mercato delle terre crea il nuovo colonialismo e co-autore del web documentario The Dark Side of the Italian Tomato

14 14 Conferenze Ore Laboratori della Terra Verso un consumo responsabile di carne Se vogliamo mangiare tanto e spendere poco, gli allevatori devono produrre grandi quantità di carne di scarsa qualità. Ingrassare gli animali a ritmi vertiginosi, stimolandoli a crescere e produrre a velocità che il corpo non può sostenere, accorciandone e peggiorandone la vita. La carne a basso costo arriva sul mercato e il ciclo ricomincia: il prezzo basso spinge a riempire i carrelli e a consumare di più... Più si produce a basso costo, in base a un modello di allevamento industrializzato, più aumentano i costi per l ambiente, la salute, gli animali, gli agricoltori e il diritto al cibo delle persone. Conferenza realizzata nell ambito del progetto Table for 9 Billion, grazie al contributo dell Unione Europea Ore Sala Itm Network Indigenous voices /videos Uno spazio libero all interno del quale i delegati indigeni raccontano la loro storia e le questioni per loro importanti. Agli interventi possono alternarsi contributi video. Ore 19 Honey Bar I mille mieli, i millefiori Concorso a cura dell Osservatorio del Miele. Ore 20:30 Sala Gialla Spettacolo teatrale: Zuppa di latte Teatro degli Acerbi Ore 20:30 Sala Azzurra Film: Resistenza Naturale Alla presenza del regista Jonathan Nossiter e dei protagonisti. Con degustazione di vini naturali. Ore 21 Sala Itm Network Indigenous music Tutti i delegati indigeni sono invitati a portare i loro strumenti per suonare durante questo momento dedicato alla musica e alle attività culturali.

15 sabato 25 ottobre 15 SABATO 25 Ore 10 Stand Slow Fish Fisheries, setting the record straight. The web of life, from plankton to mountain In lingua inglese, francese, spagnola. Capire e comunicare la complessità dell ecosistema marino: la salute degli oceani e la gestione della pesca vanno ben oltre le singole valutazioni sul pescato. Segue degustazione del Presidio del granchio nero di Providence. Ore 11 Sala Itm Network Food, medicine & spirituality In lingua inglese, spagnola, portoghese. Ester Wanjiku Mwangi, Kenya Tarin Chuladecha, Thailandia Maria Irene Cardoso, Argentina. Modera Myrna Cunningham Kain, Indigenous Advisor presso WCIP/ PGA ed ex Presidente dell Un Permanent Forum on Indigenous Issues. Ore 11 Stand Slow Food Youth Network Indigenous youth: an introduction to passionate young producers Punti di vista, visibilità e diritti degli indigeni sono temi sempre più importanti per organizzazioni quali le Nazioni Unite, l OMS e, ovviamente Slow Food: ne parliamo con alcuni giovani produttori indigeni. Ore Casa della Biodiversità La rete dei risi di qualità Tecniche e consigli per valorizzare un prodotto globale attraverso varietà locali che tutelano il territorio e ne garantiscono la sostenibilità. Ore Laboratori della Terra Nuovi modelli per vecchie varietà di cereali. Le filiere locali si confrontano. Gli attori della filiera del pane, pizza, njera, cuscus (ricercatori, agricoltori, mugnai, panettieri e pizzaioli) si confrontano sulle opportunità e le problematiche delle filiere locali. Si parla dell evoluzione delle varietà di grano, di tecniche molitorie, di lavorazione e lievitazione. In collaborazione con la Scuola di Alto Apprendistato dell Università degli Studi di Scienze Gastronomiche Ore Honey Bar Tavola rotonda. Un viaggio tra i mieli di api native dell America Latina Comunità di Apicoltori e Meliponicoltori di Oberá (Argentina); Presidio miele di ape nativa della Sierra Norte di Puebla (Messico); Presidio miele di ape nativa dei Sateré-Mawé (Brasile); Comunità di Meliponicoltori del Maranhão, Rio Grande do Norte e Santa Catarina (Brasile); cuochi della rete Slow Food Brasile. Modera Jerônimo Villas- Bôas, Slow Food Brasile. Ore 12 Sala Blu Lectio Magistralis. Memet Ali Alabora, attore Spazi collettivi urbani: quali sono, come si proteggono. L esperienza turca. Ore 12 Sala Azzurra La memoria guida i ribelli Ricordare per vedere le differenze tra passato e presente, per recuperare ciò che ha costruito, nel tempo, la qualità dell esistenza, per individuare nei momenti di crisi le scintille di ripartenza. I Granai della memoria, dell Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, costituiscono oggi uno dei più importanti archivi di storie di vita. La narrazione si fa serbatoio di progettazione per un nuovo mondo ribelle : nei saperi di chi ci ha preceduto troviamo le ragioni logiche e affettive di nuove forme e pratiche di democrazia e libertà. Modera: Cinzia Scaffidi, direttore del Centro Studi Slow Food Piercarlo Grimaldi, rettore dell Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo Davide Porporato, Università del Piemonte Orientale Guido Turus, curatore di Bioresistenze, Cittadini per il territorio: l agricoltura responsabile Juha Pentikäinen, Università di Helsinki, Finlandia Cécile Kyenge, parlamentare europeo Partito Democratico

16 16 Conferenze Ore 12 Sala Agricoltura Familiare (Sala Rossa) L Arca dei sapori da salvare L agricoltura industriale sta riducendo drasticamente il numero di frutti, ortaggi, cereali, formaggi. Sappiamo tutti che è importante salvare la tigre del Bengala; ma anche il fagiolo Itamba del Kenya o il miglio Kabog delle Filippine sono fondamentali per le comunità che li coltivano. L Arca del Gusto raccoglie l immenso patrimonio di biodiversità che stiamo perdendo e che molte comunità locali, in tutto in mondo, conservano. Conferenza nell ambito del progetto Oltre Rio+20 semina cambiamento.org di Oxfam, Slow Food, CeSPI, Arcs; con il contributo della Cooperazione allo Sviluppo Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Grazie al contributo dell Unione Europea. Modera: Piero Sardo, presidente della Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus Carlo Petrini, presidente di Slow Food Gastón Acurio, chef, Perù Rinaldo Rava, Slow Food Pia Bucella, Direzione Generale Ambiente, Commissione europea Giorgia Abeltino, head of Policy, Google Italia Testimonianze della rete di Terra Madre Ore 12 Sala Gialla Lectio Magistralis. Stefano Rodotà, giurista e professore nell Università della Sapienza Beni comuni e democrazia: un destino comune? Ore 13 Sala Itm Network Food & seed security /sovereignty Sala Itm Network In lingua inglese, spagnola, russa. Daniel Wanjama Njoroge, Kenya Jaqueline Villegas, Cile, Rowen White, Usa Phrang Roy, Indigenous Partnership Aida Jamangulovah, Kyrgyszstan Sunita Rao, India Modera: Jeffrey Campbell, Fao. Ore 14 Laboratori della Terra I Mercati della Terra I referenti dei Mercati della Terra (avviati in 9 Paesi del mondo) si incontrano e si scambiano idee, soluzioni, opinioni. Durante l incontro, verrà consegnato un premio in memoria di Gigi Frassanito Ore 15 Sala Blu Insetti ed erbacce nei nostri piatti Secondo la Fao, nel nostro pianeta esistono almeno 1900 specie d insetti commestibili che costituiscono cibo per più di due miliardi di persone dall Africa alle Americhe, passando per l Asia. Sono un importante fonte di proteine e insieme alle piante selvatiche possono essere considerati un alternativa alimentare sostenibile per la dieta umana. Modera: Andrea Pieroni, Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo Zayaan Khan, ricercatrice presso SPP, Surplus People Project, Sudafrica Robert Nathan Allen, fondatore di Little Herds, USA Stefano Speranza, Università degli Studi della Tuscia Lucia Decastelli, Istituto Zooprofilattico Sperimentale Piemonte, Liguria e Valle d Aosta Claudia Storcè, biologa nutrizionista e consulente per la sicurezza alimentare, Nu.Si.Al di Viterbo Irad Santacruz Arciniega, cuoco e fiduciario condotta Slow Food Tlaxcalam, Messico Hannu Kahakorpi, regista e professore di Arte Cinematografica presso l Università di Lapponia, Finlandia Debjeet Sarangi, Living Farms Ong, Orissa, India Ore 15 Sala Azzurra Lectio Magistralis. Woody Tasch, fondatore di Slow Money L economia della restituzione alla Terra, dal capitalismo del denaro a quello delle risorse: slow money. Ore 13 Honey Bar Seminario. I criteri europei di qualità del miele A cura di Lucia Piana, esperta di miele. Ore 14 Casa della Biodiversità Nuovi Presìdi d Italia I Presìdi italiani crescono: cipolla bionda di Cureggio e Fontaneto, stortina veronese, pera signora della Valle del Sinni, melo decio di Belfiore, soppressata e salsiccia del Vallo di Diano. I custodi italiani della biodiversità raccontano storie di speranza, rispetto del territorio, attenzione per gli animali e saperi tramandati e preservati con passione. Degustazione finale

17 sabato 25 ottobre 17 Ore 15 Sala Agricoltura Familiare (Sala Rossa) L agricoltura familiare a protezione delle montagne Nelle zone montane, dove aziende a conduzione familiare e spesso gestite da giovani riscoprono il valore aggiunto del lavoro agricolo in quota è oggi possibile trasformare un passato di abbandono in un futuro di benessere. Storie virtuose delle Alpi e non solo. In collaborazione con la Compagnia di San Paolo e il supporto dell Unione Europea Modera: Ludovico Roccatello, Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus Branka Tome, vice-direttore dell Unità Politiche della Qualità, Commissione europea Cassiano Luminati, Presidente della regione Valposchiavo, Svizzera Munkhbolor Gungaa, WAMIP Alleanza mondiale di popoli indigeni mobili, Mongolia Jean Bernard Maitià, Presidio Slow Food Formaggi d alpeggio dei Paesi Baschi settentrionali Ore 15 Sala Gialla Cibo ed economie locali per uno sviluppo sostenibile, lezioni delle comunità indigene di Terra Madre Le rappresentanze dei tanti popoli indigeni e autoctoni di Terra Madre, conoscitori delle risorse del mare, delle foreste, della montagna, si incontrano. Custodi di territori e tradizioni, sono però le comunità maggiormente esposte alle conseguenze della cattiva gestione delle risorse del pianeta: dall inquinamento, all omologazione dei consumi, dai cambiamenti climatici, alle scelte economiche. Modera Phrang Roy, coordinatore dell Indigenous Partnership for Agrobiodiversity and Food Sovereignty Myrna Cunningham, presidente di Cadpi Centro para la Autonomía y Desarrollo de Pueblos Indígenas e membro dell Unpfii, Forum Permanente delle Nazioni Unite per i Popoli Indigeni Antonella Cordone, coordinatore della sezione Indigenous and Tribal Issues, Ifad Khanym Akhmetova, Slow Food Kazakistan Roy Kady, Presidio Slow Food Pecora Navajo-Churro, Usa Obadias Batista Garcia, Presidio Slow Food del waranà nativo dei Sateré-Mawé, Brasile John Kipcoech Kemoi, Presidio Slow Food del miele Ogiek, Kenya Joel Simo, Communità Aneityum, Repubblica di Vanuatu Dr. Mukul Sangma, capo ministro di Meghalaya, India Ore 15 Casa della Biodiversità L Arca del Gusto passa in America Latina Conosciamo insieme i prodotti più interessanti e particolari dell Arca latino-americana (dal Messico fino alla punta più meridionale del Cile e dell Argentina), scopriamo i territori di origine e incontriamo i produttori. Ore 15 Stand Slow Fish Fisheries, setting the record straight In lingua inglese, francese, spagnola. Accademici esperti e pescatori spiegano come e perché la narrativa dominante sulla pesca racconti una storia parziale e ingannevole, e propongono delle chiavi alternative. Segue degustazione del Presidio della prud homie mediterranea di Sanary. Ore 15 Honey Bar I mieli monoflorali Laboratorio a cura di Ami-Ambasciatori dei Mieli. Ore 15 Stand Slow Food Youth Network Designing impact into campaigns Tristram Stuart, autore di Feeding the 5K, una delle più importanti campagne sul cibo degli ultimi anni, discute della sua collaborazione con lo Slow Food Youth Network misurando l impatto della campagna e l individuazione del giusto target. Ore 16 Casa della Biodiversità Formaggi artigianali a latte crudo del Brasile un patrimonio culturale da preservare Il Brasile spesso si nasconde dietro luoghi comuni e stereotipi (samba, cachaça, frutta esotica ). In pochi sanno che esiste una produzione artigianale di formaggi antica e di qualità. I portoghesi per primi, infatti, durante l epoca delle colonie, hanno importato l arte casearia, che si è poi diffusa e arricchita con nuove tecniche di produzione e marcate caratteristiche territoriali. Queijo Colonial, Serrano, Koch Kaese, Queijos Minas Artesanais, Queijo Coalho, Queijo de Búfala de Marajó sono solo alcuni dei tanti, ottimi, formaggi a latte crudo che si producono in Brasile. Ore 16 Sala Itm Network Ifad and Slow Food: Colombia Il Presidio del granchio nero di Providencia e le attività di Slow Food (Arca del Gusto, futuri Presìdi) a Dibulla (La Guajira) grazie alle piccole sovvenzioni dell International Fund for Agricultural Development (Ifad).

18 18 Conferenze Ore 16 Honey Bar Film: Il cantico delle api Una produzione di Unaapi, Unione Nazionale Associazioni Apicoltori Italiani. Ore 16 Stand Slow Food Youth Network The formula of success in the Disco Soupe Un analisi del successo di Disco Soupe, una delle campagne di maggior successo nella storia di Slow Food, organizzata diverse volte in un anno in diversi Paesi del mondo. È possibile utilizzare parte di questa formula per nuove azioni e campagne? Ore Laboratori della Terra Voci delle comunità rurali del Sud del Mondo L Unctad(United Nations Conference on Trade and Development) con le comunità rurali di Senegal, Madagascar, Mauritania, Etiopia, Laos e Cambogia testimoniano i risultati delle attività condotte per la promozione dei loro prodotti tradizionali attraverso iniziative di tutela del made in e delle indicazioni geografiche. Ore 17 Honey Bar I mille mieli, i millefiori Concorso a cura dell Osservatorio del Miele. Ore Sala Itm Network Wellbeing & happiness In lingua inglese, spagnola, francese. Joel Simo, Vanuatu Manish Jain, India Sangay Wangdi, Bhutan Roibha Sayoo, India Froyla Elida Tzalam, Belize Modera: Phrang Roy, Indigenous Partnership. Ore 18 Sala Arancio Presentazione del libro Bioresistenze, Cittadini per il territorio: l agricoltura responsabile di Guido Turus Ne parlano con l autore: Cinzia Scaffidi, direttore del Centro Studi di Slow Food Gianpaolo Fassino, Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. Ore 18 Sala Blu Il futuro delle rinnovabili si chiama sostenibilità. Ma che facciamo nell attesa? La seconda generazione di biocarburanti promette l impatto zero, cioè la possibilità di utilizzare per il nostro quotidiano fabbisogno energetico risorse rinnovabili. Intanto però fioriscono impianti di biogas e l energia pulita contende i terreni al cibo. Il punto della situazione e le prospettive per l immediato futuro. Modera: Andrea Bertaglio, giornalista ambientalista Guido Ghisolfi, amministratore delegato Mossi&Ghisolfi Maurizio Pallante, presidente del Movimento per la Decrescita Felice Grammenos Mastrojeni, coordinatore questioni ambientali, accademiche e per la cooperazione decentrata della Cooperazione allo Sviluppo, Ministero Affari Esteri e Cooperazione Internazionale Roberto Sensi, Action Aid Italia Rolf Hogan, segretario esecutivo di RSB Roundtable on Sustainable Biomaterials, Svizzera. Ore 18 Sala Azzurra Il suolo è finito Il territorio e in particolare la sua parte fertile è una risorsa non rinnovabile. In Italia una superficie di quasi 22mila chilometri è compromessa per sempre, ma nonostante questo si continua a costruire quartieri residenziali e centri commerciali, infrastrutture e poli logistici e a distruggere le montagne e gli alvei dei fiumi, da cui si cavano inerti-. È tempo di dire basta. Conferenza realizzata grazie al supporto dell Unione Europea Modera: Luca Martinelli, giornalista Altreconomia Michele Munafò, Ispra Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Pia Bucella Direzione Generale Ambiente, Commissione europea Andrea Chemello, sindaco di Tronzano Vercellese Francesca Rocchi, vicepresidente di Slow Food Italia Stefano Salvi, Forum Salviamo il Paesaggio Ore 18 Sala Agricoltura Familiare (Sala Rossa) Lectio Magistralis. Gastón Acurio, chef. La politica in cucina, cambiare il mondo dai fornelli. L America Latina racconta.

19 sabato 25 ottobre 19 Ore Laboratori della Terra La Toscana e la rete di Terra Madre La Toscana, da sempre, ha un attenzione particolare per i temi di Terra Madre e, in particolare, per la biodiversità. Fin dal 2004 organizza Terra Madre Toscana, sostiene numerosi Presìdi e comunità in Africa, America Latina e nei Balcani. Nel 2008 ha inaugurato il Bistrot del Mondo a Scandicci e, dal 2011, ospita in Maremma presso l Azienda Agricola Regionale Alberese una sede didattica della Fondazione Slow Food per la Biodiversità. Vi presentiamo queste iniziative, i produttori coinvolti e i progetti futuri. Ore 18 Sala Gialla Voler bene alla Terra. Conversazioni sul futuro del pianeta Tre autorevoli firmatari di un appello per dare un anima all Expo 2015 riprendono i temi cari alla rete di Slow Food e Terra Madre per disegnare una rotta possibile verso un futuro di pace, sostenibilità e felicità. L incontro sarà anche l occasione per ripercorrere, insieme al pubblico del Lingotto, gli argomenti delle conversazioni raccolte nell ultimo libro di Carlo Petrini Voler bene alla Terra, dialoghi sul futuro del pianeta che contiene anche le interviste dell autore con il regista e con il fondatore di Libera. Carlo Petrini, presidente e fondatore di Slow Food Don Luigi Ciotti, presidente e fondatore di Libera Ermanno Olmi, regista Ore Casa della Biodiversità Eccellenti e solidali Slow Food ha messo insieme l unicità dei Presìdi del sud del mondo (di cacao, caffè, noci di cola, vaniglia ) alla sapienza di alcuni importanti artigiani italiani (torrefattori, cioccolatieri, produttori di bibite, di cosmetici ). Questa rete solidale consente ai primi di migliorare la qualità e guadagnare meglio e, ai secondi, di raccontare l origine delle materie prime e offrire prodotti di altissima qualità. Vi presentiamo i prodotti nati da queste collaborazioni. Al termine, degustazione Modera: Piero Sardo, Presidente della Fondazione Slow Food per la Biodiversità Ore 19 Sala Itm Network Indigenous voices/videos Uno spazio libero all interno del quale i delegati indigeni raccontano la loro storia e le questioni per loro importanti. Agli interventi possono alternarsi dei contributi video. Ore Sala Gialla Film: Ci vorrebbe un miracolo Alla presenza del regista Davide Minnella Dalle Laboratori della Terra After Winter, Spring Documentario di Judith Lit Visto attraverso gli occhi di famiglie di agricoltori nel sud-ovest della Francia, After Winter, Spring è un ritratto intimo di un modello di vita ancestrale messo in pericolo in un mondo sempre più dominato dalla grande agricoltura industriale. Il documentario sarà presentato dalla regista, Judith Lit, e seguito da un momento di dialogo con il pubblico. Ore Sala Azzurra Video Farmers Sei cortometraggi sulle buone pratiche dello sviluppo rurale Ore 21 Sala Itm Network Indigenous music Tutti i delegati indigeni sono invitati a portare i loro strumenti per suonare durante questo momento dedicato alla musica e alle attività culturali. Guido Gobino, Cioccolateria Artigiana Teo Musso, birra artigianale Baladin Dario Werling, Stratta Caffè Luca Fraccaro, Pasticceria Fraccaro Elisabetta Scabio, Birrificio Antoniano

20 20 Conferenze DOMENICA 26 Ore 10 Stand Slow Fish Fisheries, setting the record straight. A collective strategy for a new vision of fisheries In lingua inglese, francese, spagnola. Prosegue il dibattito iniziato venerdì pomeriggio, relativo a nuove strategie per raccontare il mondo della pesca e resistere alle attuali tendenze. Segue degustazione del Presidio dell aragosta Chakay. Ore 11 Sala Itm Network Ifad and Slow Food: Brazil & Argentina Si parla dei Presìdi brasiliani del licuri e dell umbu e di quello argentino dei frutti selvatici del Gran Chaco. Ore 11 Honey Bar Seminario. La produzione di miele bio in Gornaya Shoria, Russia Ore 11 Stand Slow Food Youth Network Alternative food system in rural mountains areas: how a new generation of producers and activists is designing the future of the Alps La montagna raccontata da giovani che hanno scelto le Alpi per la loro vita e il loro lavoro. Ore Casa della Biodiversità In viaggio tra i prodotti dei Balcani e della Turchia I Balcani e l Anatolia conservano un patrimonio di tradizioni agroalimentari straordinario, ma poco conosciuto e, per questo, molto fragile. In due anni, nell ambito del progetto europeo Essedra, sono stati identificati oltre 150 prodotti a rischio di estinzione, dalla rakia albanese alle salsicce di Strandza, in Bulgaria. Vi presentiamo i più interessanti, assieme ai loro protagonisti. Degustazione finale dei prodotti Conferenza realizzata grazie al supporto dell Unione Europea Ore Laboratori della Terra Meno passaggi, più fiducia Mercati degli agricoltori, gruppi di acquisto e altre forme di vendita diretta. La rete di Terra Madre si confronta sulle diverse soluzioni per ridurre la filiera. Ore 12 Sala Arancio Presentazione Libro: Mucche allo stato ebraico di Riccardo Canesi Ore 12 Sala Blu L inganno nel piatto Dall origine al brand, dal packaging ai percorsi di trasformazione, quante sono le vie dell inganno alimentare? Truffe commerciali, sanitarie o legali, un viaggio tra i mille modi di ingannare i consumatori, di mettere in pericolo la loro salute e di danneggiare le aziende sane. Modera: Michele Fino, Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo Stefano Masini, responsabile Area Ambiente Coldiretti Gaetano Pascale, presidente di Slow Food Italia Giuseppe Alai, presidente del Consorzio di tutela del Parmigiano Reggiano Tom Mueller, giornalista e autore di Extraverginità. Il sublime e scandaloso mondo dell olio d oliva, USA Paola Gelato, avvocato Studio Legale Jacobacci & Associati Marco Pedroni, presidente di Coop Italia

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE Il più grande evento del mondo. Un brand universale (4 expo ogni 10 anni in 5 Continenti). Un evento nazionale e non locale. Un organizzazione non-profit degli Stati Nazionali

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Sono nati per l autoconsumo,

Sono nati per l autoconsumo, Il prodotto bio è fai da te Consumatori Li considerano troppo cari e con una tracciabilità inadeguata. Eppure gli shopper apprezzano sempre di più le referenze biologiche. Così decidono di coltivarle in

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

PER UN PUGNO DI SEMI

PER UN PUGNO DI SEMI GREEN CROSS ITALIA Tel. 06.36004300-06.45597291 SEGRETERIA PERMANENTE DEL CONCORSO Immagini per la Terra Sito web www.immaginiperlaterra.i 00192 Roma Via dei Gracchi, 187 e-mail concorso@immaginiperlaterra.it

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali Allegato A Legenda Elenco degli enti autorizzati per paese straniero: L asterisco (*) sta ad indicare l obbligo di accreditamento nel Paese straniero secondo una specifica procedura. In questo caso e stato

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

El lugar de las fresas

El lugar de las fresas El lugar de las fresas Il luogo delle fragole Un anziana contadina italiana dedita al lavoro, un immigrato marrocchino appena arrivato in Italia, una giovane cineasta spagnola; Da un incontro casuale al

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA

GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA a cura di ANNA MARIA CIUFFA Giuseppe Vadalà, responsabile della Divisione Sicurezza Agroalimentare e Agroambientale del Corpo forestale

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

Giovani: il Vivaio da coltivare per far crescere il Paese

Giovani: il Vivaio da coltivare per far crescere il Paese PRIMA GIORNATA CIA IN EXPO Giovani: il Vivaio da coltivare per far crescere il Paese 5 maggio 2015 AUDITORIUM DI PALAZZO ITALIA PADIGLIONE ITALIA EXPO MILANO 2015 Cia è main partner del parco della biodiversità

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE 25 foto di Sophie Anne Herin GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ALTRE PAROLE PER DIRLO Diamo corpo e parola alla forza delle donne Libere di scegliere Libere di desiderare Libere di

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

P.E./24H La cas@ fuori casa. Programma. Venerdì 18 ottobre 2013 PAD.14 STAND M34 N47 ORARIO LOCATION EVENTO TEMA

P.E./24H La cas@ fuori casa. Programma. Venerdì 18 ottobre 2013 PAD.14 STAND M34 N47 ORARIO LOCATION EVENTO TEMA Venerdì 18 ottobre 2013 Welcome Coffee 12.30-14.30 Area 14.30-16.30 Master Class Il bar del futuro Lavoro nella Ristorazione: risorsa vincente oltre i confini generazionali Il breakfast e la tradizione

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

Se la biodiversità vive, vive il pianeta Il documento che illustra la posizione di Slow Food sulla biodiversità in Europa

Se la biodiversità vive, vive il pianeta Il documento che illustra la posizione di Slow Food sulla biodiversità in Europa Se la biodiversità vive, vive il pianeta Il documento che illustra la posizione di Slow Food sulla biodiversità in Europa Ognuno di noi è diverso dagli altri e così lo sono gli animali, le piante e tutti

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

Accesso al cibo: sfide e prospettive

Accesso al cibo: sfide e prospettive Accesso al cibo: sfide e prospettive www.barillacfn.com info@barillacfn.com Advisory Board Barbara Buchner, Claude Fischler, Mario Monti, John Reilly Gabriele Riccardi, Camillo Ricordi, Umberto Veronesi

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli