COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE Provincia di Pistoia PRONTUARIO SANZIONI AMMINISTRATIVE E PENALI SETTORE VETERINARIO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE Provincia di Pistoia PRONTUARIO SANZIONI AMMINISTRATIVE E PENALI SETTORE VETERINARIO"

Transcript

1 TABELLA A PRONTUARIO SANZIONI AMMINISTRATIVE E PENALI SETTORE VETERINARIO NORMA VIOLATA SANZIONE COMPETENZE REGOLAMENTO COMUNALE TUTELA DEGLI ANIMALI COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE Tenere animali all esterno sprovvisti di idoneo riparo o lasciare lo stesso in una cuccia non adeguatamente dimensionata, non sufficientemente coibentata, non rialzata da terra, non chiusa su tre lati né mantenuta in buone condizioni igieniche Art.. 8 Comma 5 Mancata comunicazione all Asl da parte di proprietario/detentore di cagne di eventuali parti entro 120 gg. Art.. 8 Comma 6 Maltrattare animali salvo la gravità non rientri nella fattispecie penale Art.. 9 Comma 1 Tenuta di animali in spazi angusti e/o privi di acqua o cibo ovvero sottoporli a rigori climatici tali da nuocere alla salute Art.. 9 Comma 2

2 NORMA VIOLATA E SANZIONE COMPETENZE Tenuta di animali in isolamento Art.. 9 Comma 3 Tenuta di animali in terrazze e balconi per più di 6 ore giornaliere o non utilizzando idoneo ricovero adeguato alle condizione dell animale, coibentato ed impermeabilizzato e chiuso su tre lati Art.. 9 Comma 4 Tenuta di animale isolandolo in rimesse e cantine oppure segregandolo in contenitori o scatole anche se poste all interno dell appartamento Art.. 9 Comma 4 Tenuta di animali in gabbia al di fuori dei casi di trasporto e ricovero per cure (sono esclusi uccelli e roditori) Art.. 9 Comma 5 Addestramento di animali domestici e/o selvatici ricorrendo a violenze, percosse o costrizione fisica Art.. 9 Comma 6 Utilizzo di animale per pubblico divertimento ed in particolare a scopo di scommesse e combattimenti Art.. 9 Comma 7 Vendita di animali colorati artificialmente Art.. 9 Comma 8

3 NORMA VIOLATA SANZIONE COMPETENZE Trasporto di animali chiusi nei cofani posteriori delle auto Art.. 9 Comma 9 Conduzione di animali a guinzaglio tramite mezzi di locomozione in movimento a motore Art.. 9 Comma 11 Abbandono di animali domestici e selvatici in qualsiasi parte del territorio comunale Art.. 11 Comma 1 Mancato soccorso da parte di qualsiasi persona nei riguardi di animali randagi, abbandonati o vaganti in difficoltà Mancata comunicazione alla Asl di rinvenimento di animali sul territorio comunale Art.. 11 Comma 4 Art.. 11 Comma 4 E fatto divieto di spargere e/o depositare nel territorio alimenti velenosi in luoghi accessibili agli animali Art.. 12 Comma 1 Mancata comunicazione da parte dei medici veterinari privati od operanti all interno dell Azienda Sanitaria locale dei casi di avvelenamento di animali di cui vengano a conoscenza Art.. 12 Comma 2 pecuniaria di

4 NORMA VIOLATA SANZIONE COMPETENZE Utilizzo di animali al fine di accattonaggio Offerta di animali in premio per giochi (non si applica alle Ass. Ambientaliste iscritte) Esposizione al pubblico di animali in: gabbie,recinti,vetrine per un periodo superiore a 10 gg. Da parte di esercizi commerciali fissi ed attività commerciali ambulanti Art.. 13 Comma 1 Art.. 14 Comma 1 Art.. 15 Comma 1 accessoria del sequestro dell animale depositato al canile accessoria sospensione dell attività x intera giornata accessoria della sospensione dell attività per l intera giornata Nelle vendite occasionali di animali, i gestori non possono tenerli in esposizione per più di 6 ore giornaliere e comunque protetti dal sole ed intemperie Art. 15 comma 4 accessoria della sospensione dell attività per l intera giornata Mancanza dei registri di carico e scarico da parte degli esercenti attività commerciale ed ambulanti relativo ad animali in vendita Art.. 15 Comma 6 Omessa custodia di cani da parte di proprietario o detentore a qualsiasi titolo Art.. 16 Comma 4

5 Detenzione di cane con una catena non avente queste caratteristiche: a) 4 metri a scorrere su di un cavo aereo della lunghezza di almeno 4 metri e di altezza di metri 2 dal terreno (corrispondenti a circa mq. 65) b) presenza di nr. 2 moschettoni rotanti ad ognuna delle estremità (tot. 4) Art.. 17 Comma 1 Recinto per cani avente superficie di base inferiore a 15 metri quadrati Art.. 18 Comma 1 Mancato utilizzo di guinzaglio per i cani e ove necessario anche dell apposita museruola quando gli stessi possano determinare danni o disturbo agli altri frequentatori di giardini parchi ed aree pubbliche Art.. 19 Comma 2 Accesso di cani in aree destinate a scopi particolari come ad esempio aree attrezzate per giochi per i bambini Art.. 19 Comma 3 Mancato utilizzo di museruola per cani di grossa taglia in zone affollate Art.. 19 Comma 4

6 LEGGE REGIONALE NORMA VIOLATA SANZIONE COMPETENZE Mancata iscrizione all anagrafe canina del cane da parte di proprietari o detentori a qualsiasi titolo entro il 60 giorno di vita dell animale L.R.T. 43/95 mod. L.R.T. 90/98 L.R.T.41/02 art.2 206,00 Mancata iscrizione all anagrafe canina da parte del proprietario proveniente da altra regione (se la Regione di provenienza non ha attivato il servizio di anagrafe canina, l iscrizione e la marcatura devono essere effettuati entro 30 gg. dalla data di introduzione) L.R.T. 43/95 mod. L.R.T. 90/98 art.4 206,00 Mancata effettuazione dell apposizione del microchip/tatuaggio entro 30 gg. dall iscrizione all anagrafe canina L.R.T. 43/95 mod. L.R.T. 90/98 L.R.T.41/02 art.2 bis 206,00 Soggiorno temporaneo in Regione Toscana per più di 90 gg. da parte di cani al seguito di proprietari o detentori per scopo di lavoro, caccia, addestramento e turismo. L.R.T. 43/95 mod. L.R.T. 90/98 art. 5 comma 1 lettera b 206,00

7 NORMA VIOLATA SANZIONE COMPETENZE Mancata segnalazione scritta al Servizio Veterinario della Asl della morte o della cessione del cane entro 15 gg. L.R.T. 43/95 mod. L.R.T. 90/98 art. 7 comma 1 lett.b L.R.T. 43/95 Art. 19 Comma 3 102,00 Mancata segnalazione scritta al Servizio Veterinario della Asl della scomparsa del cane entro i 3 gg. successivi. Mancata segnalazione scritta al Servizio Veterinario della Asl del trasferimento di residenza del proprietario del cane entro 15 gg. Abbandono di deiezioni solide del proprio cane in spazi pubblici, adibiti al passaggio pedonale o in zona di verde pubblico attrezzato a giardino. L.R.T. 43/95 (mod. L.R.T. 90/98) art. 7 comma 1 lett.a L.R.T. 43/95 Art. 19 Comma 2 L.R.T. 43/95 mod. L.R.T. 90/98 art. 7 comma 1 lett.b L.R.T. 43/95 Art. 19 Comma 3 L.R.T. 43/95 mod. L.R.T. 90/98 art. 18 L.R.T. 43/95 Art. 19 Comma 4 154,00 102,00 24,00 Soppressione di animali a chiunque appartenenti nei casi previsti dalla legge (la soppressione è consentita solo ai veterinari della ASL) L.R.T. 43/95 mod. L.R.T. 90/98 - L.R.T. 41/02 art.6 comma 1 206,00

8 NORMA VIOLATA SANZIONE COMPETENZE CODICE PENALE E ALTRE LEGGI NAZIONALI Maltrattamento Cagionare la morte di un animale per crudeltà o senza necessità Maltrattamento Cagionare ad un animale una lesione per crudeltà o senza necessità ovvero sottoporre un animale a sevizie o a strazio o ad attività insostenibili per le caratteristiche etologiche dello stesso per crudeltà e senza necessità Abbandono di animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività ovvero detenzione di animali in condizioni incompatibili con la loro natura e produttive di gravi sofferenze ART 544 Bis C.P. Art 544 ter C.P. comma 1 Art 727 C.P. Reclusione da 3 mesi a 18 mesi Reclusione da 3 mesi ad 1 anno e multa da ad Arresto fino ad 1 anno od ammenda da a Maltrattamento Somministrare ad un animale sostanze stupefacenti ovvero sottoporre gli animali a trattamenti che procurino un danno alla salute degli stessi Art 544 ter C.P. comma 2 Reclusione da 3 mesi ad 1 anno e multa da ad Maltrattamento Organizzazione di spettacoli che comportino sevizie per gli Art. 544 quater C.P. comma 1 Reclusione da 4 mesi a 2 anni e con la multa da a salvo che il fatto costituisca più grave reato

9 animali NORMA VIOLATA SANZIONE COMPETENZE Organizzazione di combattimenti o competizioni non autorizzati tra animali che possono metterne in pericolo l integrità Impiego da parte del proprietario o detentore di animale nei combattimenti Organizzazione di scommesse sui combattimenti o competizioni non autorizzate Allevamento o addestramento di animali da combattimento o competizioni non autorizzate Omessa custodia di animale pericoloso, mancata cautele nella custodia o comunque affidamento a persona inesperta nella custodia dello stesso Abbandonare in luoghi pubblici animali da tiro, da soma, da corsa, o comunque li lascia senza custodia o li affida a persona inesperta Condurre il proprio cane sprovvisto di guinzaglio in pubblica via o in luogo aperto al pubblico senza museruola Aizzare animali in modo da mettere in pericolo l incolumità delle persone Art. 544 quinquies C.P. comma 1 Art. 544 quinquies C.P. comma 3 Art. 544 quinquies C.P. comma 4 Art. 544 quinquies C.P. comma 3 Art. 672 C.P. comma 1 Art. 672 C.P. comma 2 D.P.R. n. 320/1954 art. 83 comma 1lett. c Art. 672 C.P. comma 2 Commercio di cani oppure gatti a fine di sperimentazione Legge nr. 281/1991 art. 5 comma 4 Reclusione da 1 a 3 anni e con la multa da a Reclusione da 3 mesi a 2 anni e con la multa da a Reclusione da 3 mesi a 2 anni e con la multa da a Reclusione da 3 mesi a 2 anni e con la multa da a pecuniaria di 50,00 pecuniaria di pecuniaria di 50,00 pecuniaria da a 5164 Prefetto (art.1 D.P.R: 571/82) Prefetto (art.1 D.P.R: 571/82) Sindaco Prefetto (art.1 D.P.R: 571/82) Sindaco

POLIZIA MUNICIPALE FANO NUCLEO OPERATIVO POLIZIA AMBIENTALE

POLIZIA MUNICIPALE FANO NUCLEO OPERATIVO POLIZIA AMBIENTALE POLIZIA MUNICIPALE FANO NUCLEO OPERATIVO POLIZIA AMBIENTALE NUCLEO OPERATIVO POLIZIA AMBIENTALE PROGRAMMA: «LA SCUOLA ADOTTA UN CANILE» 2011 ATTIVITA DI CONTROLLO E INTERVENTO NORME Legge Regionale n 10

Dettagli

CODICE PENALE LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE. TITOLO IX-BIS Dei delitti contro il sentimento per gli animali

CODICE PENALE LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE. TITOLO IX-BIS Dei delitti contro il sentimento per gli animali CODICE PENALE LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE TITOLO IX-BIS Dei delitti contro il sentimento per gli animali Art. 544-bis Uccisione di animali Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona

Dettagli

COMUNE di TRIUGGIO. Regolamento Comunale di Polizia Urbana

COMUNE di TRIUGGIO. Regolamento Comunale di Polizia Urbana COMUNE di TRIUGGIO Regolamento Comunale di Polizia Urbana Approvato con Delibera di C.C. n 41 del 29/11/2006 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO V CUSTODIA E CIRCOLAZIONE DEGLI ANIMALI Art. 36 Diritti

Dettagli

Approvato definitivamente dal Parlamento l 8 luglio 2004

Approvato definitivamente dal Parlamento l 8 luglio 2004 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate Approvato definitivamente dal Parlamento l

Dettagli

Regolamento comunale sulla tutela degli animali

Regolamento comunale sulla tutela degli animali COMUNE DI VILLABATE Provincia di Palermo ASSESSORATO IGIENE E SANITA Regolamento comunale sulla tutela degli animali APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.C. N 7 DEL 27/01/2009 Titolo I - I PRINCIPI Art. 1

Dettagli

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI DA AFFEZIONE (ai sensi delle Leggi 281/1991, L.R. 25 gennaio 1993 n. 6, O.M. 3 marzo 2009) Approvato con Delibera

Dettagli

Approvato con deliberazione del CC n. 50 in data 28/11/2003.

Approvato con deliberazione del CC n. 50 in data 28/11/2003. COMUNE DI VILLANOVA MONDOVI Provincia di Cuneo Approvato con deliberazione del CC n. 50 in data 28/11/2003. 1 ART. 1 BENESSERE DEGLI ANIMALI 1. Chiunque detiene un animale da affezione o accetta, a qualunque

Dettagli

Comune di Cesano Boscone. provincia di milano REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

Comune di Cesano Boscone. provincia di milano REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA provincia di milano REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA TITOLO V MANTENIMENTO, PROTEZIONE E TUTELA DEGLI ANIMALI Regolamento di Polizia Urbana 1 Art. 54 Tutela degli animali domestici 1. In ogni luogo e circostanza

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA E LA DETENZIONE DEGLI ANIMALI IN AREE PUBBLICHE E PRIVATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA E LA DETENZIONE DEGLI ANIMALI IN AREE PUBBLICHE E PRIVATE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA E LA DETENZIONE DEGLI ANIMALI IN AREE PUBBLICHE E PRIVATE Art. 1 Oggetto del Regolamento. 1. Il Comune di Nereto, nell ambito dei principi e indirizzi fissati dalle Leggi

Dettagli

Città di Vigevano REGOLAMENTO DI TUTELA DEGLI ANIMALI SUL TERRITORIO COMUNALE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 78 DEL 12/12/2005.

Città di Vigevano REGOLAMENTO DI TUTELA DEGLI ANIMALI SUL TERRITORIO COMUNALE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 78 DEL 12/12/2005. Città di Vigevano REGOLAMENTO DI TUTELA DEGLI ANIMALI SUL TERRITORIO COMUNALE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 78 DEL 12/12/2005. 1 Art. 1: definizioni 1. La definizione generica di animale, quando non

Dettagli

1. Dopo il titolo IX del libro II del codice penale è inserito il seguente: «TITOLO IX-BIS - DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI

1. Dopo il titolo IX del libro II del codice penale è inserito il seguente: «TITOLO IX-BIS - DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI L. 20 luglio 2004, n. 189 (1). Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. (1) Pubblicata

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI Il comune di Coredo, al fine di proteggere gli animali e di tutelare la salute pubblica e l ambiente, promuove un corretto rapporto dell uomo con gli animali

Dettagli

P r o v i n c i a d i L e c c o REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E LA TUTELA DEI CANI

P r o v i n c i a d i L e c c o REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E LA TUTELA DEI CANI U NIONE DEI COMUNI L O M B ARDA DELLA VALLETTA P r o v i n c i a d i L e c c o REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E LA TUTELA DEI CANI Approvato con deliberazione dell Assemblea n. 14 del 29/07/2014 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI TUTELA DEGLI ANIMALI E DI POLIZIA VETERINARIA

REGOLAMENTO COMUNALE DI TUTELA DEGLI ANIMALI E DI POLIZIA VETERINARIA REGOLAMENTO COMUNALE DI TUTELA DEGLI ANIMALI E DI POLIZIA VETERINARIA (Testo approvato dal C.C. del 29 ottobre 2001) CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Principi generali e finalità 1. Il Comune di...,

Dettagli

COMUNE DI COLORINA Provincia di Sondrio REGOLAMENTO IN MATERIA DI OBBLIGHI DEI PROPRIETARI DI CANI E RELATIVE SANZIONI

COMUNE DI COLORINA Provincia di Sondrio REGOLAMENTO IN MATERIA DI OBBLIGHI DEI PROPRIETARI DI CANI E RELATIVE SANZIONI COMUNE DI COLORINA Provincia di Sondrio REGOLAMENTO IN MATERIA DI OBBLIGHI DEI PROPRIETARI DI CANI E RELATIVE SANZIONI Allegato A) alla delibera C.C. n. 7 del 29.04.2010 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo

Dettagli

MASULLAS REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI DA AFFEZIONE

MASULLAS REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI DA AFFEZIONE COMUNE DI MASULLAS allegato a delibera Consiglio n. 07 del 19.03.2009 pag 1 / 8 Comune di MASULLAS REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI DA AFFEZIONE approvato con atto di C.C. n 07 del 19.03.2009

Dettagli

Direzione. Ordine di servizio n 131/C. Firenze, 31/07/2004. Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo.

Direzione. Ordine di servizio n 131/C. Firenze, 31/07/2004. Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo. Direzione Ordine di servizio n 131/C Firenze, 31/07/2004 Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo Loro sedi Oggetto: Legge 20/07/2004 n. 189. Disposizioni concernenti il divieto

Dettagli

MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N. 10 NORME IN MATERIA DI ANIMALI DA AFFEZIONE E PREVENZIONE DEL RANDAGISMO

MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N. 10 NORME IN MATERIA DI ANIMALI DA AFFEZIONE E PREVENZIONE DEL RANDAGISMO REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 14 APRILE 2015, N. 193 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N.

Dettagli

COMUNE DI VERGIATE R E G O L A M E N T O C O M U N A L E PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI

COMUNE DI VERGIATE R E G O L A M E N T O C O M U N A L E PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI COMUNE DI VERGIATE R E G O L A M E N T O C O M U N A L E PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 54 DEL 27/11/08 1 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI

Dettagli

COMUNE DI BELGIOIOSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TENUTA DEI CANI

COMUNE DI BELGIOIOSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TENUTA DEI CANI COMUNE DI BELGIOIOSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TENUTA DEI CANI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 92 del 20/12/2008 INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 PRINCIPI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI COMUNE DI TORINO DI SANGRO C.A.P. 66020 PROVINCIA DI CHIETI REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI (Approvato con deliberazione consiliare n. 35 del 12.11.2013) Art. 1 OGGETTO DEL

Dettagli

R E G O L A M E N T O DI TUTELA DEGLI ANIMALI

R E G O L A M E N T O DI TUTELA DEGLI ANIMALI COMUNE DI JESOLO PROVINCIA DI VENEZIA R E G O L A M E N T O DI TUTELA DEGLI ANIMALI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 50 del 10/04/2007 INDICE Art. 1 Definizioni ed ambito di applicazione

Dettagli

Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono

Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono Con la legge n. 189/2004 è stato introdotto nel Codice Penale il TITOLO IX-BIS DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI il quale modifica

Dettagli

PRONTUARIO SANZIONI Legge regionale 20 luglio 2006, n. 16 "Lotta al randagismo e tutela degli animali di affezione"

PRONTUARIO SANZIONI Legge regionale 20 luglio 2006, n. 16 Lotta al randagismo e tutela degli animali di affezione Provincia di Milano Direzione Centrale Polizia Provinciale e Protezione Civile PRONTUARIO SANZIONI Legge regionale 20 luglio 2006, n. 16 "Lotta al randagismo e tutela degli animali di affezione" Coordinamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DETENZIONE E TUTELA RAZZA CANINA

REGOLAMENTO COMUNALE DETENZIONE E TUTELA RAZZA CANINA COMUNE DI CAMPAGNOLA CREMASCA PROVINCIA DI CREMONA POLIZIA LOCALE Via Ponte Rino n. 9 Tel. 0373/74325 Fax 0373/74036 REGOLAMENTO COMUNALE DETENZIONE E TUTELA RAZZA CANINA Approvato con Delibera del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI FARA GERA D ADDA REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI SUL TERRITORIO COMUNALE.

COMUNE DI FARA GERA D ADDA REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI SUL TERRITORIO COMUNALE. COMUNE DI FARA GERA D ADDA REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI SUL TERRITORIO COMUNALE. - Approvato con deliberazione consiliare n. 13 del 05/06/06 Art. 1 - Oggetto del Regolamento

Dettagli

Comune di Busto Arsizio

Comune di Busto Arsizio Comune di Busto Arsizio REGOLAMENTO COMUNALE DI TUTELA DEGLI ANIMALI E DI POLIZIA VETERINARIA Redatto in collaborazione con il Responsabile dell Area Distrettuale di Medicina Veterinaria di Busto Arsizio,

Dettagli

COMUNE DI PAVIA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI

COMUNE DI PAVIA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI COMUNE DI PAVIA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI INDICE TITOLO I - PRINCIPI ART. 1 ART. 2 ART. 3 Profili istituzionali e valori etico/culturali Tutela degli animali Ambito di applicazione

Dettagli

COMUNE DI GHILARZA. Provincia di Oristano

COMUNE DI GHILARZA. Provincia di Oristano COMUNE DI GHILARZA Provincia di Oristano Regolamento Comunale per la tutela del benessere della popolazione canina domestica e la disciplina della convivenza tra l uomo e l animale Approvato con deliberazione

Dettagli

testo in vigore dal: 1-8-2004 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga

testo in vigore dal: 1-8-2004 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga LEGGE 20 luglio 2004, n.189 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonche' di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. (GU n. 178

Dettagli

QUESTURA DI TORINO UFFICIO PREVENZIONE GENERALE Squadra Cinofili

QUESTURA DI TORINO UFFICIO PREVENZIONE GENERALE Squadra Cinofili QUESTURA DI TORINO UFFICIO PREVENZIONE GENERALE Squadra Cinofili L Organico della Squadra Cinofili della questura di Torino è composto da: 4 UNITA CINOFILE DA ORDINE PUBBLICO/POLIZIA GIUDIZIARIA 4 UNITA

Dettagli

E LA TUTELA DEGLI ANIMALI

E LA TUTELA DEGLI ANIMALI COMUNE DI SAVIGNONE PROVINCIA DI GENOVA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E LA TUTELA DEGLI ANIMALI Approvato con deliberazione di C.C. n. del 29.06.2006 Titolo I PRINCIPI INDICE Art. 1 Profili istituzionali

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E LA TUTELA DEGLI ANIMALI

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E LA TUTELA DEGLI ANIMALI REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E LA TUTELA DEGLI ANIMALI Approvato con deliberazione di C.C. n. 22 del 28/11/2012 INDICE Titolo I PRINCIPI Art. 1 Profili istituzionali e valori etico/culturali Art.

Dettagli

Regolamento sulla tutela degli animali

Regolamento sulla tutela degli animali All. A alla deliberazione consiliare n 100 del 2/10/2001 COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento sulla tutela degli animali Regolamento sulla tutela degli animali 1 COMUNE DI RIPOSTO Provincia

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BRAMBILLA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BRAMBILLA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 308 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BRAMBILLA Modifiche al codice penale e altre disposizioni in materia di delitti contro gli

Dettagli

COMUNE DI PIEVE LIGURE PROVINCIA DI GENOVA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE E LA CIRCOLAZIONE DEI CANI

COMUNE DI PIEVE LIGURE PROVINCIA DI GENOVA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE E LA CIRCOLAZIONE DEI CANI COMUNE DI PIEVE LIGURE PROVINCIA DI GENOVA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE E LA CIRCOLAZIONE DEI CANI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. 21 DEL 31 MAGGIO 2005 1 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1.

Dettagli

Taviano Città dei Fiori

Taviano Città dei Fiori Taviano Città dei Fiori REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI E LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO CANINO Articolo 1 - Oggetto del Regolamento Il presente regolamento detta norme finalizzate a tutelare

Dettagli

COMUNE DI COMABBIO R E G O L A M E N T O C O M U N A L E PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI

COMUNE DI COMABBIO R E G O L A M E N T O C O M U N A L E PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI COMUNE DI COMABBIO R E G O L A M E N T O C O M U N A L E PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.34 DEL 24/12/13 INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Principi

Dettagli

COMUNE DI CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI. Approvato con delibera del Consiglio Comunale n 44 del 30/06/2004

COMUNE DI CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI. Approvato con delibera del Consiglio Comunale n 44 del 30/06/2004 COMUNE DI CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n 44 del 30/06/2004 Titolo I I PRINCIPI Titolo II DEFINIZIONI E AMBITO DI APPLICAZIONE INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI COMUNE DI TORRE DE PASSERI Provincia di Pescara REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 31 in data 30/11/2011 COMUNE DI TORRE DE PASSERI - REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI COMUNE DI CORTONA Assessorato Ambiente REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI INDICE Titolo I - Principi... 2 art. 1 Profili Istituzionali....2 art. 2 Valori etici e culturali...2 art. 3 Competenze del

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI

REGOLAMENTO SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI REGOLAMENTO COMUNALE n. 47 REGOLAMENTO SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI - Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 75 del 22 settembre 2003 - Modificato con delibera del Consiglio Comunale n. 21 del

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO PER LA CONDOTTA DELLA POPOLAZIONE CANINA

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO PER LA CONDOTTA DELLA POPOLAZIONE CANINA COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO PER LA CONDOTTA DELLA POPOLAZIONE CANINA - Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 30/01/2006 - esecutivo dal 20 febbraio 2006

Dettagli

ALLEGATO A ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 64 DEL 30.11.2007

ALLEGATO A ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 64 DEL 30.11.2007 ALLEGATO A ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 64 DEL 30.11.2007 REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI NELLE AREE PUBBLICHE, DI USO PUBBLICO E/O APERTE AL PUBBLICO, NONCHE LA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DI ANIMALI DOMESTICI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DI ANIMALI DOMESTICI COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine Piazza Rinaldo Olivotto n. 1 33050 MARANO LAGUNARE www.comune.maranolagunare.ud.it P.E.C. comune.maranolagunare@certgov.fvg.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA SUI CANI E PICCOLI ANIMALI DI AFFEZIONE NORME CONTRO IL MALTRATTAMENTO ANIMALE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO

REGOLAMENTO DI POLIZIA SUI CANI E PICCOLI ANIMALI DI AFFEZIONE NORME CONTRO IL MALTRATTAMENTO ANIMALE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO REGOLAMENTO DI POLIZIA SUI CANI E PICCOLI ANIMALI DI AFFEZIONE NORME CONTRO IL MALTRATTAMENTO ANIMALE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO (Approvato con deliberazione di C.C. n. 18 del 26.9.21 e modificato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI COMUNE DI CELLAMARE (Prov. di Bari) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI Approvato con deliberazione di C.C. n. 41 del 30/11/2004 1 Finalità 1. Il presente regolamento detta norme

Dettagli

** NORMATTIVA - Stampa *** http://www.normattiva.it/do/atto/export

** NORMATTIVA - Stampa *** http://www.normattiva.it/do/atto/export Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonche' di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. Vigente al: 2-3-2014 La Camera dei deputati

Dettagli

COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Provincia di Firenze. Assessorato all Ambiente REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI

COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Provincia di Firenze. Assessorato all Ambiente REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Provincia di Firenze Assessorato all Ambiente REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI Approvato con deliberazione consiliare n. 48 del 06.04.2006 1 INDICE PRINCIPI I

Dettagli

Il maltrattamento degli animali è un REATO, previsto e punito dgli artt. 544 ter e 727 del c.p.

Il maltrattamento degli animali è un REATO, previsto e punito dgli artt. 544 ter e 727 del c.p. Il maltrattamento degli animali è un REATO, previsto e punito dgli artt. 544 ter e 727 del c.p. Art. 500 Diffusione di malattia degli animali Chiunque cagiona la diffusione di una malattia alle piante

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA, DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA, DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA, DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N. 25 del 11/04/2002 CAPO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 FINALITA' (1) Il Comune

Dettagli

Ministero della Salute. Puppytradeand the italian penalcode. Dr.ssa Gaetana Ferri. Bruxelles - 28 October 2013

Ministero della Salute. Puppytradeand the italian penalcode. Dr.ssa Gaetana Ferri. Bruxelles - 28 October 2013 Ministero della Salute Dipartimento della sanitàpubblica veterinaria, della sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela della salute Direzione Generale della Sanitàanimale e dei Farmaci

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE C.C.N. 09 DEL 26.03.2007. COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE C.C.N. 09 DEL 26.03.2007. COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE C.C.N. 09 DEL 26.03.2007 COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL CANE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il regolamento è finalizzato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO -TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Principi ed oggetto del regolamento... 3 Art. 2 Definizioni e Normativa

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE DI CANI E SULLA LOTTA AL RANDAGISMO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE. Provincia di Siracusa

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE DI CANI E SULLA LOTTA AL RANDAGISMO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE. Provincia di Siracusa COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa Settore V - Ufficio Ecologia REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE DI CANI E SULLA LOTTA AL RANDAGISMO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON VERBALE N.20 DEL 04/05/2009

Dettagli

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Allegato Del.CC.n.31 del 31 maggio 2005 COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi ASSESSORATO ALL'AMBIENTE REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI INDICE Titolo I I PRINCIPI Titolo II DEFINIZIONI

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo

COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI IN AREE URBANE PUBBLICHE, DI USO PUBBLICO E/O APERTE AL PUBBLICO, NONCHE LA LORO DETENZIONE ALL INTERNO DI CORTILI

Dettagli

COMUNE DI MORDANO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO POPOLAZIONE CANINA SU AREE PUBBLICHE

COMUNE DI MORDANO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO POPOLAZIONE CANINA SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI MORDANO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO POPOLAZIONE CANINA SU AREE PUBBLICHE Approvato con D.C.C. n.71 del 22.10.2004 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art.

Dettagli

proposta di legge n. 482

proposta di legge n. 482 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 482 a iniziativa dei Consiglieri Busilacchi, Comi, D Anna, Badiali, Camela, Eusebi, Natali, Pieroni, Bugaro, Foschi, Perazzoli presentata in

Dettagli

COMUNE DI SAN MARCELLINO (Provincia di Caserta)

COMUNE DI SAN MARCELLINO (Provincia di Caserta) COMUNE DI SAN MARCELLINO (Provincia di Caserta) 1. Il regolamento è finalizzato a tutelare il benessere della popolazione canina domestica presente nel territorio del comune e a disciplinare la convivenza

Dettagli

COMUNE DI FIRENZE ASSESSORATO ALLA VIVIBILITA E SOSTENIBILITA Direzione Ambiente. Ufficio per i Diritti degli Animali

COMUNE DI FIRENZE ASSESSORATO ALLA VIVIBILITA E SOSTENIBILITA Direzione Ambiente. Ufficio per i Diritti degli Animali COMUNE DI FIRENZE ASSESSORATO ALLA VIVIBILITA E SOSTENIBILITA Direzione Ambiente Ufficio per i Diritti degli Animali REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI Approvato all'unanimità dal Consiglio

Dettagli

COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia)

COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia) COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia) REGOLAMENTO DI TUTELA DEGLI ANIMALI E DI POLIZIA VETERINARIA APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 18 DEL 07/06/2006 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo

Dettagli

Regolamento sulla tutela degli animali (Approvato con delib. C.C. n.66 del 15.5.00 e modificato con delib. C.C.n.121 del 29/12/2009)

Regolamento sulla tutela degli animali (Approvato con delib. C.C. n.66 del 15.5.00 e modificato con delib. C.C.n.121 del 29/12/2009) Regolamento sulla tutela degli animali (Approvato con delib. C.C. n.66 del 15.5.00 e modificato con delib. C.C.n.121 del 29/12/2009) INDICE DEFINIZIONI ED AMBITO GENERALE...3 ART.1) DEFINIZIONI ED AMBITO

Dettagli

COMUNE DI COGGIOLA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI E ALTRI ANIMALI

COMUNE DI COGGIOLA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI E ALTRI ANIMALI REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI BIELLA COMUNE DI COGGIOLA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI E ALTRI ANIMALI Approvato con C.C. n. 4 in data 26/03/2007 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo

Dettagli

COMUNE DI OSIMO. (Provincia di Ancona) Protezione e custodia degli animali. IL SINDACO

COMUNE DI OSIMO. (Provincia di Ancona) Protezione e custodia degli animali. IL SINDACO COMUNE DI OSIMO (Provincia di Ancona) PROT. n. 15293 del 19/5/2000 Protezione e custodia degli animali. IL SINDACO Visto il D.P.R. 8.2.54 n.320 (Regolamento di Polizia Veterinaria); Visto il D.P.R. 31.3.79

Dettagli

"Norme contro il maltrattamento, sulla detenzione e la tenuta degli animali"

Norme contro il maltrattamento, sulla detenzione e la tenuta degli animali TESTO DI ORDINANZA MODELLO DA PROPORRE AI SINDACI DEI COMUNI AI SENSI DEL D.P.R.31/03/79 "Norme contro il maltrattamento, sulla detenzione e la tenuta degli animali" IL SINDACO Considerato che il rispetto

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Comune di Morciano di Romagna Provincia di Rimini DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA SESSIONE: STRAORDINARIA CONVOCAZIONE: 1 2 N. 25 IN DATA 04/06/2007 O G G E T T O REGOLAMENTO

Dettagli

(approvato con delibera C.C. n. 16 del 14.04.2005 e modificato con delibera C.C. n. 36 del 24.08.2005. TITOLO I NORME GENERALI. Articolo 1 Definizioni

(approvato con delibera C.C. n. 16 del 14.04.2005 e modificato con delibera C.C. n. 36 del 24.08.2005. TITOLO I NORME GENERALI. Articolo 1 Definizioni Delibera C.C. n. 36 del 24.08.2005 (approvato con delibera C.C. n. 16 del 14.04.2005 e modificato con delibera C.C. n. 36 del 24.08.2005. TITOLO I NORME GENERALI Articolo 1 Definizioni Animale da compagnia:

Dettagli

SANZIONE 25,00 50,00 105,00

SANZIONE 25,00 50,00 105,00 Abbandono, scarico e deposito incontrollato di rifiuti sul suolo e nel suolo da parte di privati ART. 192 Comma 1, in relazione all art.255 Comma 1 D.Lgs.152/2006 ART 18,p ART 44 ART 45, b, d ART 51 Rifiuti

Dettagli

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER IL BENESSERE E LA TUTELA DEI CANI

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER IL BENESSERE E LA TUTELA DEI CANI COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER IL BENESSERE E LA TUTELA DEI CANI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 11 del 28 marzo 2012 Modificato con deliberazione del

Dettagli

COMUNE DI PESCARA Assessorato alla Tutela del Mondo Animale

COMUNE DI PESCARA Assessorato alla Tutela del Mondo Animale Approvato con atto del Consiglio Comunale n. 226 del 27.10.2003 Modificato con delibera del Consiglio Comunale n. 89 del 05.04.2004 Modificato con delibera del Consiglio Comunale n. 19 del 28.02.2011 COMUNE

Dettagli

ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento e principi generali. ARTICOLO 2 Ambito d applicazione e definizioni. ARTICOLO 3 Raccolta deiezioni solide

ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento e principi generali. ARTICOLO 2 Ambito d applicazione e definizioni. ARTICOLO 3 Raccolta deiezioni solide REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI NELLE AREE PUBBLICHE, DI USO PUBBLICO E/O APERTE AL PUBBLICO, NONCHE SULLA LORO DETENZIONE ALL INTERNO DI CORTILI E/O GIARDINI PRIVATI ARTICOLO 1

Dettagli

C O M U N E D I A L A ----------------------- Provincia di Trento NORME PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI ALA

C O M U N E D I A L A ----------------------- Provincia di Trento NORME PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI ALA C O M U N E D I A L A ----------------------- Provincia di Trento NORME PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI ALA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 dd. 24.05.1996

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI (Approvato con deliberazione consiliare n. 63/04) CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Principi generali e finalità 1) Il Comune di Agliana, al fine

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI DISCIPLINA PER LA DETENZIONE e CONDUZIONE DEI CANI E NORME A TUTELA DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE DI DISCIPLINA PER LA DETENZIONE e CONDUZIONE DEI CANI E NORME A TUTELA DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE COMUNE DI PIEVE PORTO MORONE Provincia di Pavia Viale Caduti n. 9 27017 Pieve Porto Morone (PV) Tel. 0382 718034 - Fax 0382 728046 REGOLAMENTO COMUNALE DI DISCIPLINA PER LA DETENZIONE e CONDUZIONE DEI

Dettagli

COMUNE DI SCARLINO. Provincia di Grosseto REGOLAMENTO SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI

COMUNE DI SCARLINO. Provincia di Grosseto REGOLAMENTO SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI COMUNE DI SCARLINO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.73 del 28.11.2003 (modificato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI TITOLO I 4 I PRINCIPI 4 Art. 1 Profili istituzionali. 4 Art. 2 Valori etici e culturali. 4 Art. 3 Competenze del Sindaco.

Dettagli

numero e data presentazione approvato PROGETTO DI LEGGE N. 422 TITOLO CAPO ARTICOLO COMMA LETTERA NUMERO 2 X

numero e data presentazione approvato PROGETTO DI LEGGE N. 422 TITOLO CAPO ARTICOLO COMMA LETTERA NUMERO 2 X trattato nella seduta. Padrin (relatore) 2 X 6 ter. Le strutture e le recinzioni realizzate secondo le modalità di cui al comma 6 bis, sono sempre consentite, anche in deroga alla normativa e agli strumenti

Dettagli

Regolamento per la tutela degli animali

Regolamento per la tutela degli animali COMUNE DI PALAZZO PIGNANO (via Crema, 3-26020 Palazzo Pignano - tel. 0373/975505 - fax 0373-975599 POLIZIA LOCALE Delibera Consiglio Comunale n. 8 del 29/03/2004 Regolamento per la tutela degli animali

Dettagli

REGOLAMENTO DETENZIONE DI CANI ED ASPETTI CONNESSI

REGOLAMENTO DETENZIONE DI CANI ED ASPETTI CONNESSI COMUNE DI CAPRALBA Provincia di Cremona Via Piave, n. 2 26010 CAPRALBA CR Tel. 0373/450012 20 Fax. 0373/450495 E-mail: segreteria@comunecapralba.it REGOLAMENTO DETENZIONE DI CANI ED ASPETTI CONNESSI Approvato

Dettagli

COMUNE DI DAONE PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI DAONE

COMUNE DI DAONE PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI DAONE COMUNE DI DAONE PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI DAONE Allegato alla deliberazione consigliare n.29 del 10.05.2001 PARTE PRIMA - NORME GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA DETENZIONE, LA PRESENZA E LA TUTELA DEI CANI E DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA DETENZIONE, LA PRESENZA E LA TUTELA DEI CANI E DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE SUL TERRITORIO COMUNALE Comune di Castelnuovo del Garda Provincia di Verona ********* REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA DETENZIONE LA PRESENZA E LA TUTELA DEI CANI E DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE SUL TERRITORIO COMUNALE. REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI TUTELA DEGLI ANIMALI E DI POLIZIA VETERINARIA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1. Principi generali e finalità

REGOLAMENTO DI TUTELA DEGLI ANIMALI E DI POLIZIA VETERINARIA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1. Principi generali e finalità REGOLAMENTO DI TUTELA DEGLI ANIMALI E DI POLIZIA VETERINARIA APPROVATO CON DELIBERA C.C.N 50 DEL 26.4.2005 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Principi generali e finalità 1. Il Comune di Pistoia,

Dettagli

C O M U N E D I S A N T O S T E F A N O D A V E T O P r o v i n c i a di G e n o v a

C O M U N E D I S A N T O S T E F A N O D A V E T O P r o v i n c i a di G e n o v a C O M U N E D I S A N T O S T E F A N O D A V E T O P r o v i n c i a di G e n o v a Piazza del Popolo 1, 16049 Santo Stefano D Aveto Tel. 0185/88007 REGOLAMENTO PER LA TUTELA ED IL BENESSERE DEI CANI

Dettagli

Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE. Parchi e Giardini pubblici

Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE. Parchi e Giardini pubblici Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE Parchi e Giardini pubblici Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 49 del 9/07/2014 1 INDICE GENERALE REGOLAMENTO COMUNALE PARCHI E GIARDINI

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA la seguente legge: Promulga Art. 1 (Modifiche al codice penale). 1. Dopo il titolo IX del libro II del

Dettagli

COMUNE DI AREZZO Assessorato Ambiente REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI

COMUNE DI AREZZO Assessorato Ambiente REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI COMUNE DI AREZZO Assessorato Ambiente REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI INDICE Titolo I - Principi art. 1 Profili Istituzionali art. 2 Valori etici e culturali art. 3 Tutela degli animali Titolo

Dettagli

Settore Pianificazione Territoriale-Ambiente-Edilità REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA ED IL BENESSERE DEGLI ANIMALI IN CITTA

Settore Pianificazione Territoriale-Ambiente-Edilità REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA ED IL BENESSERE DEGLI ANIMALI IN CITTA Settore Pianificazione Territoriale-Ambiente-Edilità REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA ED IL BENESSERE DEGLI ANIMALI IN CITTA 1 INDICE Titolo I - I PRINCIPI Art. 1 - Profili istituzionali. pag. 4 Art.

Dettagli

COMUNE DI SAN GIMIGNANO

COMUNE DI SAN GIMIGNANO COMUNE DI SAN GIMIGNANO REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI Visto l art. 544 bis del codice penale modificato con Legge n. 189/2004 Vista la Legge Regionale 43/95 come modificata dalla Legge

Dettagli

Comune di Ginosa REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI

Comune di Ginosa REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI Comune di Ginosa REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI TITOLO I I PRINCIPI ART. 1 PROFILI ISTITUZIONALI 1. Il Comune di Ginosa, nell ambito dei principi e indirizzi fissatati dalla legge: a)

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA SUI CANI E PICCOLI ANIMALI

REGOLAMENTO DI POLIZIA SUI CANI E PICCOLI ANIMALI Briona Via Solaroli 11 Tel. 0321 826080 Caltignaga Via Roma 16 Tel. 0321 652114 Fara Novarese Pz. Libertà 20 Tel. 0321 829261 U n i o n e n o v a r e s e 2 0 0 0 Briona * C a l tig nag a * Fara N o v are

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE sulla TUTELA degli ANIMALI

REGOLAMENTO COMUNALE sulla TUTELA degli ANIMALI REGOLAMENTO COMUNALE sulla TUTELA degli ANIMALI Il regolamento comunale per la tutela degli animali, nasce dal desiderio di raccogliere in un unico documento, nel rispetto dei dettami delle vigenti normative

Dettagli

CITTÀ DI CASSANO MAGNAGO (Provincia di Varese) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELL AREA DI MOVIMENTO DEI CANI

CITTÀ DI CASSANO MAGNAGO (Provincia di Varese) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELL AREA DI MOVIMENTO DEI CANI CITTÀ DI CASSANO MAGNAGO (Provincia di Varese) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELL AREA DI MOVIMENTO DEI CANI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 27 DEL 23.04.2013 1 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...3

Dettagli

C I T T A DI R A P A L L O

C I T T A DI R A P A L L O C I T T A DI R A P A L L O Ufficio Politiche Animali Ripartizione Vª -Servizi Sociali REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA, DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI Approvato con deliberazione consiliare n 105

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE D ADDA (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO DI POLIZIA ECOLOGICO-AMBIENTALE

COMUNE DI CASTIGLIONE D ADDA (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO DI POLIZIA ECOLOGICO-AMBIENTALE COMUNE DI CASTIGLIONE D ADDA (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO DI POLIZIA ECOLOGICO-AMBIENTALE Art. 1 Finalità Fatta salva la legislazione vigente in materia, il presente regolamento ha come scopo di disciplinare,

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA

COMUNE DI SENIGALLIA COMUNE DI SENIGALLIA ASSESSORATO ALLE POLITICHE AMBIENTALI REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI Approvato dal Consiglio Comunale di Senigallia con Deliberazione n. del INDICE TITOLO I I PRINCIPI

Dettagli

Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo

Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo Dott.ssa Annalisa Lombardini AUSL Modena L EGGE 14 agosto 1991 n. 281 Legge quadro in materia di affezione e prevenzione del randagismo 1

Dettagli

COMUNE DI ALBAREDO D ADIGE Provincia di Verona REGOLAMENTO DI IGIENE URBANA VETERINARIA

COMUNE DI ALBAREDO D ADIGE Provincia di Verona REGOLAMENTO DI IGIENE URBANA VETERINARIA COMUNE DI ALBAREDO D ADIGE Provincia di Verona REGOLAMENTO DI IGIENE URBANA VETERINARIA Il Sindaco MENEGAZZI Paolo Silvio L Ass.re all Ecologia/Ambiente SAVOIA Andrea S O M M A R I O Art. 1 Finalità...1

Dettagli

Prontuario delle infrazioni in materia zoofila

Prontuario delle infrazioni in materia zoofila Prontuario delle infrazioni in materia zoofila AUTORI LE GEV DI TORINO ZOOFILIA 1 Tutela e controllo degli animali da affezione pag 3 2 Identificazione elettronica degli animali da affezione e banca dati

Dettagli

Seguendo un ideale di mitezza

Seguendo un ideale di mitezza 1 Seguendo un ideale di mitezza Questo Regolamento per la tutela degli animali si ispira ad un ideale di mitezza umana: gli animali sono compagni della nostra vita, con loro dobbiamo costruire rapporti

Dettagli