Studio di funzione. R.Argiolas

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio di funzione. R.Argiolas"

Transcript

1 Studio di unzion R.Argiolas

2 Introduzion Prsntiamo lo studio dl graico di alcun unzioni svolt durant l srcitazioni dl corso di analisi matmatica I assgnat nll prov scritt. Ringrazio anticipatamnt tutti qulli ch vorranno sgnalarmi vntuali rrori o consigli pr migliorar il lavoro. R.A.

3 Indic Ricrca dgli asintoti di una unzion pag. Asintoto vrtical Asintoto orizzontal Asintoto obliquo Punti di non drivabilità pag. Punti angolosi Cuspidi Flsso a tangnt vrtical Tormi sull drivat pag.7 Esrcizi sullo studio di unzion pag. 9

4 Ricrca dgli asintoti di una unzion Asintoto vrtical S al tndr di a la unzion tnd ad ininito, cioè s è vriicata la condizion: ( ) ± la rtta di quazion (rtta parallla all'ass dll ordinat) è un asintoto dlla unzion dtto asintoto vrtical. La ricrca dgli asintoti vrticali si riconduc quindi a qulla di valori initi ch rndono ininita la unzion. Ossrvazioni:. una unzion algbrica intra non prsnta asintoti vrticali,. una unzion algbrica razional ratta ammtt tanti asintoti vrticali quanti sono gli zri dl suo dnominator,. una unzion algbrica irrazional ratta ammtt tanti asintoti vrticali quanti sono gli zri rali dl suo dnominator appartnnti al dominio di tutti i radicali di indic pari,. l unzioni goniomtrich ammttono ininiti asintoti vrticali o nssuno, ( ) 5. la unzion sponnzial a ammtt tanti asintoti vrticali quanti sono i valori initi dlla ch rndono ininita, positiva, la unzion () s a>, ininita ngativa s <a<, 6. la unzion logaritmica ammtt tanti asintoti vrticali quanti sono gli zri rali dlla unzion i valori initi dlla ch rndono ininita la unzion. Asintoto orizzontal S al tndr di condizion: a la unzion tnd ad un numro inito, cioè s è vriicata la ( ) k ± la rtta di quazion y k (rtta parallla all'ass dll asciss) è un asintoto dlla unzion dtto asintoto orizzontal.

5 Ossrvazioni:. una unzion algbrica intra non prsnta asintoti orizzontali,. una unzion algbrica razional ratta ammtt asintoto orizzontal yk (con k ugual al rapporto tra i coicinti di grado massimo) quando il numrator il dnominator sono dllo stsso grado, inoltr una unzion algbrica razional ratta ammtt pr asintoto l'ass dll asciss s il grado dl dnominator è suprior al grado dl numrator. Asintoto obliquo Assgnata una unzion, si utilizza il calcolo di iti pr dtrminar l'vntual asintoto obliquo a tal unzion. Ricordiamo ch un asintoto obliquo è una rtta dl tipo: tal ch dov: y m q [ ( ) ( m q) ] ± m ± ( ) dv sistr inito divrso da zro q ± ( ( ) m) dv sistr inito Ossrvazioni:. una unzion algbrica intra non prsnta asintoti obliqui,. una unzion algbrica razional ratta ammtt un solo asintoto obliquo (ch non potrà mai cosistr con l'asintoto orizzontal) solo quando il grado dl numrator supra di uno il grado dl dnominator,. l unzioni irrazionali il cui campo di sistnza si stnd all'ininito potranno anch avr più asintoti obliqui o asintoti orizzontali obliqui. Punti di non drivabilità Punti angolosi

6 Indicati con D D rispttivamnt il dominio dlla unzion () dlla sua drivata ( ), s in un punto D ma D, sistono init divrs la drivata sinistra ( ) dstra ( ), si dic ch il graico dlla unzion prsnta nl punto un P (, ( )) punto angoloso (si può chiamar anch punto angoloso un punto pr qual uno di du iti dstro o sinistro dl rapporto incrmntal sista inito l'altro ininito). Esmpio: La unzion ( ) prsnta in un punto angoloso, inatti la unzion è dinita su tutto l'ass ral mntr la sua drivata prima è dinita ovunqu trann ch nll'origin. Graico dlla unzion ( ) > < La drivata dstra sinistra sono divrs ra loro ma init, inatti: ( ) ( ) quindi l'origin è un punto di non drivabilità pr la unzion assgnata prnd il nom di punto angoloso. Cuspidi Indicati con D D rispttivamnt il dominio dlla unzion () dlla sua drivata ( ), s in un punto D, ma D, inoltr ( ) ( ) oppur

7 ( ) ( ) il graico dlla unzion prsnta nl punto ( ( )) Esmpio P una cuspid., La unzion ( ) prsnta nll'origin un punto di cuspid, inatti è dinita su tutta l ass ral d è ivi continua, ma la sua drivata prima: ( ) non è dinita nll'origin. In tal punto si ha: Graico ( ) ( ) Flsso a tangnt vrtical Indicati con D D rispttivamnt il dominio dlla unzion () dlla sua drivata ( ), s un punto D, ma D inoltr: ( ) ( ) oppur ( ) ( ) allora si dic ch il graico dlla unzion prsnta nl punto ( ( )) tangnt vrtical. P un lsso a, 5

8 Esmpio La unzion ( ) è dinita su tutto l'ass ral d è ivi continua ma prsnta nll'origin un lsso a tangnt vrtical, inatti: ( ) non è dinita nll'origin. In tal punto si ha: ( ) ( ) Esrcizio Studiar la continuità drivabilità dlla unzion: y arccos Svolgimnto La unzion è goniomtrica irrazional con indic pari. Dominio: C. E. [, ] La unzion è continua in tutto il dominio di dinizion. Calcoliamo la drivata y ( ) è dinita pr (, ) (, ) (,) (, ) < < < > Analizziamo il comportamnto dlla drivata dstra sinistra ni punti di non drivabilità: ( ) ( ) 6

9 In si ha un punto angoloso con tangnti rispttivamnt di coicint angolar -. L quazioni dll rtt tangnti sono y (tangnt dstra) y- (tangnt sinistra). Inltr ( ) ( ) Quindi in - si ha un punto di cuspid. Mntr in si ha () ( ) Prciò in abbiamo un altro punto di cuspid. Inoltr Graico ( ) ( ) Tormi sull drivat Il torma di Lagrang Data una unzion continua nll' intrvallo chiuso itato [ a, b] drivabil nll'intrvallo aprto ( a, b) sist (almno) un punto c tal ch: () c ( b) ( a) b a Signiicato gomtrico dl torma Il torma di Lagrang arma ch è smpr possibil dtrminar un punto appartnnt all'intrvallo considrato pr il qual la rtta tangnt al graico dlla 7

10 unzion in qul punto è parallla alla rtta congiungnt gli strmi. Inatti la quantità: ( b) ( a) b a individua il coicint angolar dlla rtta di strmi A ( a, ( a)), B( b, ( b)) mntr () c individua il coicint angolar dlla rtta tangnt ( vdi signiicato gomtrico di drivata di una unzion in un punto ) nl punto C ( c, ( c)) L'uguaglianza tra l du quantità è la bn nota condizion di paralllismo tra du rtt. Ossrvazion: Il torma arma l'sistnza di almno un punto c. Ciò quival ad armar non l'unicità di tal punto ma la possibilità ch di punti ch soddisano tal condizion v n siano più di uno! Un punto prò è smpr possibil dtrminarlo (purchè siano soddisatt l ipotsi dl torma!!!) Esmpio Dir s è applicabil il torma di Lagrang alla unzion, [,], [,]. y ngli intrvalli [-,] Svolgimnto. La risposta è ngativa nll'intrvallo [-,]. Inatti la unzion assgnata non soddisa l ipotsi dl torma, non è drivabil nl punto ch appartin all intrvallo ( -,), bnché sia continua in tutto l'intrvallo assgnato.. La risposta è positiva nll'intrvallo [,], inatti in tal intrvallo la unzion è continua drivabil in qualsiasi punto.. La risposta è positiva nll'intrvallo [,], inatti si ossrvi ch bnché la unzion non sia drivabil nl punto qusto non cra problmi prchè il torma richid com ipotsi la drivabilità nll'aprto non ngli strmi! Graico

11 Esrcizio Dir s è applicabil il torma di Lagrang alla unzion: nll intrvallo [,]. Svolgimnto y arctan La unzion assgnata è continua in tutto l'intrvallo (chiuso), bisogna stabilir anch s è drivabil in tutto l'intrvallo aprto, pr ar qusto calcoliamo la drivata prima: y sgn ( ) ( ) Si vd con pochi calcoli ch la unzion prsnta un punto di cuspid ( quindi di non drivabilità) nl punto di ascissa, prtanto nll'intrvallo assgnato non è applicabil il torma di Lagrang. Graico Esrcizi sullo studio di unzion è smpr mglio sguir uno schda prordinato in modo potr utilizzar tutt l inormazioni ncssari pr potr tracciar un graico dlla unzion il più accurato possibil. Lo schma ch consigliamo è il sgunt: Nllo studio di una unzion ( ). Dtrminar il campo di sistnza dlla unzion assgnata (qusto è il punto più important, dtrminar un rrato campo di sistnza compromtt l'intro 9

12 studio di unzion). A tal proposito, ricordiamo quanto già nunciato nlla dispnsa unzioni rali di variabil ral continuità : Si dividono in du classi:. Funzioni algbrich L unzioni lmntari Sono costituit da qull unzioni dov il lgam tra y è di tipo algbrico. Possono ssr cosi suddivis: a) Funzioni razionali intr b) Funzioni razionali ratt c) Funzioni irrazionali. Funzioni trascndnti Sono costituit da qull unzioni dov il lgam tra y non è di tipo algbrico. Possono ssr cosi suddivis: a) Funzioni goniomtrich b) Funzioni sponnziali c) Funzioni logaritmich Dominio o campo di sistnza Assgnata una unzion è ncssario dtrminar l insim di valori dlla variabil indipndnt ch dinisc la unzion. Ricordiamo il dominio dll unzioni lmntari.. Funzioni algbrich a) L unzioni razionali intr sono dinit in tutto il campo ral b) L unzioni razionali ratt sono dinit pr tutti qui valori ch NON annullano il dnominator ( ) ( ) P ( ) C.E. Q { / Q( ) } c) Il dominio dll unzionali irrazionali dipnd dall indic dlla radic, distinguiamo quindi du casi. S l indic dlla radic è un numro pari il campo di sistnza è dato da tutti qui valori dlla ch rndono il radicando maggior o ugual a zro.

13 n ( ) con indic pari C.E. { / Q( ) } ( ) Q S l indic è dispari, l unzioni irrazionali sono dinit su tutto il campo ral. ( ) con indic dispari C.E. R n ( ) Q.. Funzioni trascndnti a) L unzioni goniomtrich com sno cosno sono dinit in tutto l ass ral, mntr tangnt cotangnt sono dinit pr tutti qui valori ch non annullano il dnominator. L unzioni invrs sono dinit com sgu: ( ) arcsin C.E.: { / } ( ) arccos C.E.: { / } ( ) arctan C.E.: R ( ) arc cot C.E.: R b) L unzioni sponnziali sono dinit in tutto l ass ral. c) La unzion logaritmica è dinita pr tutti i valori dlla ch rndono l argomnto (dl logaritmo) strttamnt positivo. a ( ) log C.E., ( ). Stabilir s vi sono vntuali simmtri (risptto all'origin, risptto all'ass y o risptto ad una rtta gnrica, tc.). Ricordiamo ch: Una unzion si dic pari (o simmtrica risptto all ass dll ordinat) s ( ) C.E. ( ) Una unzion si dic dispari (o simmtrica risptto all origin) s ( ) C.E. ( ). Dtrminar l vntuali intrszioni con gli assi.

14 . Studiar il comportamnto dlla unzion agli strmi dl dominio di dinizion, dtrminando quindi gli vntuali asintoti vrticali, orizzontali obliqui. 5. S convin, studiar il sgno dlla unzion pr stabil dov è positiva dov è ngativa ( a sconda dlla unzion qusto calcolo risulta complicato, convin quindi non utilizzarlo smpr, ma solo quando è convnint). 6. Studiar la drivata prima. Analizzar i punti di non drivabilità succssivamnt studiar il sgno dlla drivata pr dtrminar vntuali punti di massimo minimo. 7. Calcolar, quando è convnint, la drivata sconda dtrminar gli vntuali punti di lsso. Concavità convssità Sia : I R, dov I è un intrvallo di numri, una unzion continua du volt drivabil in I. Dirmo ch: è convssa in I s solo s in I è concava in I s solo s in I Tst di monotonia Sia : I R, drivabil. Allora crscnt ( ) I dcrscnt ( ) I. ESERCIZI Studiar il graico dlla sgunt unzion: Esrcizio ( ) Dir s è applicabil il torma di Lagrang nll'intrvallo [-,]. svolgimnto

15 Si tratta di una unzion sponnzial ratta. Dominio Simmtri La unzion è dispari, inatti C.E. (,) ( ), ( ) ( ) ( ) C.E. sarà quindi suicint studiarla solo nll'intrvallo (, ). Si ossrvi ch nl dominio considrato il valor assoluto è suprluo! Comportamnto dlla unzion agli strmi dl campo di sistnza Nl punto la unzion prsnta una discontinuità inabil. Possiamo quindi prolungar con continuità la unzion ridinndola com sgu: Inoltr G ( ) Non ci sono asintoti orizzontali. Ricrca di vntuali asintoti obliqui. m q ( ) ( ) poiché:

16 si ha: q ( ) quindi la rtta y - è un asintoto obliquo pr la unzion. Drivata prima ricrca di punti di massimo minimo ( ) la drivata prima, nll'intrvallo considrato, non si annulla mai d è smpr positiva, la unzion quindi è smpr crscnt. Si ossrvi inoltr ch: Drivata sconda ò ( ) ( ) La drivata sconda non si annulla mai in (, ), inoltr poiché la unzion è smpr crscnt in (, ), la drivata sconda è smpr positiva in (, ). Graico

17 a) Il torma di Lagrang non è applicabil poiché la unzion non è continua nl punto (punto intrno all'intrvallo assgnato) Studiar il graico dlla sgunt unzion: Esrcizio ( ) svolgimnto Si tratta di una unzion sponnzial ratta. Dominio Simmtri La unzion è pari, inatti: C.E. ( ) (,) ( ), ( ) ( ) Sarà quindi suicint studiarla solo nll'intrvallo (, ). Comportamnto dlla unzion agli strmi dl campo di sistnza Il punto è una discontinuità inabil. Possiamo quindi prolungar con continuità la unzion ridinndola com sgu: Inoltr G ( ) Quindi non ci sono asintoti orizzontali. 5

18 Ricrca dgli asintoti obliqui m non vi sono quindi asintoti obliqui (si ricordi ch m dv sistr inito divrso da zro). Drivata prima ricrca di punti di massimo minimo ( ) ( ) La drivata prima, nll'intrvallo considrato, cioè (, ) non si annulla mai d è smpr positiva, la unzion quindi è smpr crscnt. Inoltr si ossrvi ch: Drivata sconda ( ) ( ) ( ) La drivata sconda è smpr positiva (nll'intrvallo considrato) ssndo la unzion smpr crscnt. Graico Studiar il graico dlla sgunt unzion: Esrcizio. 6

19 7 arctan ) ( svolgimnto Si tratta di una unzion goniomtrica irrazional (con indic pari). Dominio La unzion è dinita su tutto l'ass ral ( ),.E. C Comportamnto agli strmi dl dominio ± ± ± arctan ) ( Non ci sono asintoti orizzontali. Ricrca di vntuali asintoti obliqui. arctan ± m 6 arctan arctan ± ± q quindi la rtta 6 y è un asintoto obliquo pr la unzion. Drivata prima ricrca di punti di massimo minimo. < > ) ( ) ( ) ( Si ossrvi ch il campo di dinizion dlla drivata è dirnt da qullo dlla unzion inizial, inatti pr la drivata abbiamo:

20 C.E. (,) ( ) dlla drivata, Studio di punti di non drivabilità: ( ) ( ) quindi nl punto di ascissa si ha una cuspid. Sostitundo nlla unzion dtrminiamo il punto P,. Si ossrvi inoltr ch ( ) è smpr positiva pr >, mntr pr ( ) si ha: > ( ) ( ) > ( ) > ( ) ( ) > ( 5 8) < < Il punto Q, è un punto di massimo pr la unzion. Drivata sconda ( ) > ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) < Non ci sono punti di lsso. Graico 8

21 Esrcizio Studiar il graico dlla unzion: ( ) ln( ) Svolgimnto Si tratta di una unzion logaritmica ratta Dominio > ln( ) > C. E. (, ) (, ) Comportamnto agli strmi dl dominio: ln( ) In vi è un punto di arrsto. Inoltr ( ) ln( ) 9

22 ( ) ln( ) La rtta è un asintoto vrtical. inin ln( ) La rtta y è un asintoto orizzontal, non vi sono asintoti obliqui. Drivata prima ricrca di punti massimo minimo ( ) ( )( ln( ) ) si ossrvi ch la drivata prima non si annulla mai, inoltr è positiva pr: ( )( ln( ) ) > pr C. E. La unzion non prsnta né massimi né minimi, d è smpr crscnt. Drivata sconda Graico ( ) ( ln( ) ) ( ) ( ln( ) ) Esrcizio 5

23 Studiar il graico dlla sgunt unzion: log ) ( Svolgimnto Si tratta di una unzion logaritmica ratta Dominio < < < > inoltr quindi:,.e. C Comportamnto agli strmi dl dominio di dinizion Si ossrvi ch: < < log log log ) ( quindi: log La rtta è un asintoto vrtical (dstro) pr la unzion Inoltr log Non vi sono asintoti orizzontali

24 Ricrca di vntuali asintoti obliqui. Non vi sono asintoti obliqui, inatti: log( ) m log (m dv sistr inito divrso da zro) Drivata prima ricrca di massimi minimi ( ) ( ) ( )( ) < < < Si ossrvi ch il campo di sistnza dlla drivata è dirnt da qullo dlla unzion assgnata, inatti si ha: C.E. dlla drivata : (,), Dtrminiamo quindi gli vntuali punti di non drivabilità: ( )( ) ( ) In la unzion prsnta un punto angoloso. In corrispondnza di tal punto si hanno du rtt tangnti al graico dlla unzion, y- (rtta tangnt dstra) y (rtta tangnt sinistra). Inoltr > ( ) > < >

25 quindi la unzion è crscnt pr <, dcrscnt in <</. Drivata sconda ( ) ( ) ( ) ( ) < < < Si vriica acilmnt ch non ci sono punti di lsso. Graico: Studiar il graico dlla sgunt unzion: Esrcizio 6. ( ) ( 5 ) ( ) Svolgimnto Si tratta di una unzion sponnzial irrazional (con indic dispari) Dominio: Comportamnto agli strmi C.E. (, )

26 5 ( ) ( ) (pr la grarchia dgli ininiti) La rtta y è un asintoto orizzontal dstro, mntr ( 5 ) ( ) quindi non vi è asintoto orizzontal sinistro. Ricrca di vntuali asintoti obliqui. ( m 5 ) ( ) Non ci sono asintoti obliqui. Drivata prima ricrca di vntuali punti di massimo minimo: 5 ( ) ( ) 5 5( 5 ) campo di sistnza dlla drivata: C.E. studio di punti di non drivabilità: (, ) (, ) ( ), ( ) ( ) ( ) ( ) ni punti di ascissa ± il graico dlla unzion prsnta di lssi a tangnt vrtical. Si ossrvi inoltr ch: 6 ( ) > 5 5 < < < la unzion prsnta ni punti di ascissa un minimo un massimo , rispttivamnt, 5

27 Graico (lasciato al lttor com srcizio con il calcolo dlla drivata sconda) Studiar il graico dlla sgunt unzion: Esrcizio 7. ( ) svolgimnto Si tratta di una unzion sponnzial ratta Dominio: C.E. Comportamnto agli strmi dl dominio (,) ( ), la rtta è un asintoto vrtical dstro pr la unzion Si ossrvi ch: ~ pr ± quindi Prciò non ci sono asintoti orizzontali Ricrca di vntuali asintoti obliqui: m m 5

28 q q si ossrvi ch: ~ 6 pr ± quindi: q ± 6 ± 6 abbiamo il sgunt asintoto obliquo: y6 Drivata prima ricrca di punti di massimo minimo: 6 ( ) ( ) ( ) Si ossrvi ch il campo di sistnza dlla drivata è lo stsso dlla unzion inizial, non vi sono quindi punti di non drivabilità. Inoltr: ( ) > > < 5, > 5 abbiamo in corrispondnza di punti 5 5, rispttivamnt, un punto di massimo uno di minimo. Drivata sconda 6 8 ( ) ( ) Annullando la drivata sconda si trova il punto di lsso pr F,. 5 5 Graico (lasciato al lttor com srcizio) 6

29 Studiar il graico dlla sgunt unzion: svolgimnto Esrcizio 8. ( ) log Si tratta di una unzion logaritmica irrazional (con indic dispari). Dominio: C.E. Comportamnto agli strmi dl dominio ( ), log log y [ ] posto ( y ) y y (dalla grarchia dgli ininiti) In si ha una discontinuità di trza spci (inabil). Inoltr log Non ci sono asintoti orizzontali. Ricrca di vntuali asintoti obliqui: m log log non ci sono asintoti obliqui. Drivata prima ricrca di punti di massimo minimi Risulta ) ( (log ) ( ) > log > > nl punto di ascissa la unzion prsnta un minimo. 7

30 Inoltr si ossrvi ch: ( ) (log ) Drivata sconda ) 9 ( ( log ) Annullando la drivata sconda si trova il punto di lsso F,. Graico: 5 Esrcizio 9 Studiar la sgunt runzion: ( ) arctan( ) Svolgimnto La unzion è goniomtrica. Dominio C. E. (, ) 8

31 Si ossrvi ch oprando la traslazion X- la unzion assum la orma: g( ) ( X ) arctan Comportamnto agli strmi dl dominio arctan arctan Non ci sono asintoti orizzontali. Ricrca dgli vntuali asintoti obliqui m arctan arctan q arctan arctan H arctan [ ] m arctan arctan q H arctan [ ] arctan arctan abbiamo quindi l asintoto obliquo y ( ) pr y ( ) pr. Drivata prima vntuali punti di massimo minimo La drivata non è dinita in, analizziamo la natura di qusto punto di non drivabilità: g ( ) arctan arctan arctan > < La drivata non è dinita in, analizziamo la natura di qusto punto di non drivabilità: 9

32 arctan arctan abbiamo qundi un punto angoloso di ascissa. Si ossrvi inoltr ch la drivata prima non si annulla mai, la unzion è smpr crscnt pr dcrscnt pr <. Graico: Studiar il graico dlla sgunt unzion: Svolgimnto Esrcizio. ) arcsin ( Si tratta di una unzion goniomtrica ratta Dominio Si ossrvi ch il dnominator dlla razion è smpr divrso da zro, dv risultar: (trann ) quindi

33 ( ),.E. C Comportamnto dlla unzion agli strmi dl dominio ± ± arcsin Non vi sono asintoti orizzontali. Ricrca di vntuali asintoti obliqui arcsin ± m arcsin ± q abbiamo dtrminato l'asintoto obliquo di quazion: y Drivata prima ricrca di massimi minimi: ( ) > < 5 7 ) ( 6 ) ( si ossrvi ch il campo di dinizion dlla drivata è dirnt dal campo di dinizion dlla unzion inizial, pr la drivata si ha: ( ) ( ),,.E. C Studiamo quindi la drivata sinistra nl punto zro: ( ) 7 ( ) 5 Nll'origin si prsnta un punto angoloso

34 Studiando il sgno dlla driva prima si dtrmina un punto di minimo con ascissa 5. Drivata sconda ( ) ( ) ( ) < > Graico: Studiar il graico dlla sgunt unzion: Esrcizio. ( ) arctan Svolgimnto Si tratta di una unzion goniomtrica ratta

35 Dominio Posto, da cui sgu ch: C.E. Comportamnto agli strmi dl dominio (, ) (, ) ( ), arctan ± La rtta Inoltr y un asintoto orizzontal. arctan arctan Prciò nl punto - si ha una dicontinuità di prima spci. Inin arctan arctan Nl punto si ha una dicontinuità di prima spci. Drivata prima ricrca di punti di massimo minimo ) ( ) ( ) ( ( ) ( ) Si ossrvi ch il dominio dlla drivata è dirnt dal dominio dlla unzion assgnata. La drivata ha il sgunt dominio: C.E. (, ) (, ) (,) ( ), Studiamo quindi il comportamnto dlla drivata in

36 ( ) ( ) n dduciamo ch nl punto si ha un punto angoloso. Si ossrvi inoltr ch la unzion è smpr dcrscnt pr >, mntr è crscnt pr <. Drivata sconda ( ) ( ) Graico: Esrcizio. Studiar il graico dlla sgunt unzion: ( ) log(log( )) Svolgimnto Si tratta di una unzion logaritmica Dominio

37 > log( ) > < - > < Quindi (,) C. E. Comportamnto agli strmi dl dominio: Non ci sono asintoti orizzontali. log(log( )) La rtta è un asintoto vrtical dstro. Inoltr log(log( )) Ricrca di vntuali asintoti obliqui: log(log( )) log( y) m (posto y log( ) y y Non ci sono asintoti obliqui. Drivata prima ricrca di punti di massimo minimo ( ) log( ) La driva prima non si annulla mai nl dominio di dinizion, inoltr è smpr ngativa, quindi la unzion è smpr dcrscnt. Drivata sconda Graico log( ) ( ) log ( ) ( ) 5

38 Esrcizio. Studiar il graico dlla sgunt unzion: ( ) ( ) log( ) Svolgimnto La unzion è logaritmica irrazional Dominio ( ) > > Comportamnto agli strmi > ( ) log( ) (posto y ) ( log y) y y Inoltr ( ) log( ) Non ci sono asintoti orizzontali. Ricrca di vntuali asintoti obliqui. 6

39 ( ) log( ) m Drivata prima ricrca di punti di massimo minimo ( ) ( ) log( ) Si ha: ( ) log( ) Inoltr: Drivata sconda: Si ha: ( ) ( ) ) ( ) log( ) ( ) log( ) ( ( ) > ascissa dl punto di minimo. Si ossrvi ch il punto va scluso in quanto non appartin al campo di sistnza. 8 8 Annullando la drivata sconda si trova il punto di lsso F, Inoltr la unzion è crscnt pr >, mntr pr < la unzion è dcrscnt. Graico 7

40 Studiar il graico dlla sgunt unzion: Esrcizio. ( ) svolgimnto Si tratta di una unzion sponnzial ratta Dominio: C.E. Comportamnto agli strmi dl dominio (,) ( ), la rtta è un asintoto vrtical sinistro pr la unzion Inoltr 8

41 9 Non ci sono asintoti orizzontali Ricrca di vntuali asintoti obliqui: m m q q si ossrvi ch: ~ pr ± quindi: q ± ± abbiamo il sgunt asintoto obliquo: ) ( y Drivata ricrca di punti di massimo minimo: ) ( 5 ) ( Si ossrvi ch il campo di sistnza dlla drivata è lo stsso dlla unzion inizial, non vi sono quindi punti di non drivabilità. Inoltr: 5, 5 5 ) ( > < > >

42 abbiamo in corrispondnza di punti punto di massimo uno di minimo. 5 5 < >, rispttivamnt, un Graico: (lasciato al lttor com srcizio insim al calcolo dlla drivata sconda) Esrcizio 5 Studiar il graico dlla sgunt unzion: ( ) log Svolgimnto Si tratta di una unzion logaritmica ratta. Dominio: > > C. E. (, ) (,) (, ) Comportamnto agli strmi dl dominio: log log La rtta un asintoto vrtical (sinistro), mntr la rtta un asintoto vrtical (dstro). Inoltr log log La rtta un asintoto vrtical Inoltr 5

43 log ± prciò non vi sono asintoti orizzontali. Ricrca di vntuali asintoti obliqui m log m log Inatti: log log log m Non vi sono asintoti obliqui. Drivata prima ricrca di massimi minimi Si ossrvi ch ( ) > quando: 8 ( ) ( )( ) log log log 8 ( )( ) > (, ) (nlla risoluzion dlla disquazion si è tnuto conto anch dl campo di dinizion dlla unzion) La unzion prsnta un minimo in. Lasciamo al lttor lo studio dlla drivata sconda. Graico: 5

44 Esrcizio 6 Studiar il graico dlla sgunt unzion: ( ) log Svolgimnto Si tratta di una unzion logaritmica ratta. Dominio: > < quindi: (,) C. E. Simmtri Non vi sono simmtri Comportamnto agli strmi dl dominio log log 5

45 La rtta è un asintoto vrtical (sinistro) pr la unzion. Inoltr log log quindi non vi sono asintoti orizzontali Ricrca di vntuali asintoti obliqui log (dalla grarchia dgli ininiti) non vi sono asintoti obliqui. Drivata prima ricrca di punti di massimo minimo ( ) La drivata prima non si annulla mai, inoltr è smpr positiva nl dominio considrato, quindi la unzion è smpr crscnt. Drivata sconda Graico ( ) ( ) Esrcizio 7. 5

46 Studiar il graico dlla sgunt unzion: ( ) log Si tratta di una unzion logaritmica ratta Dominio: > > > < > quindi: C.E. (,) ( ), Simmtri La unzion non prsnta simmtri. Comportamnto dlla unzion agli strmi dl dominio: log log La rtta di quazion è un asintoto vrtical sinistro mntr la rtta è un asintoto vrtical dstro. Inoltr log log log log La rtta ylog è un asintoto orizzontal pr la nostra unzion (non vi sono quindi asintoti obliqui). Drivata prima ricrca di massimi minimi ( ) ( ) La drivata prima non si annulla mai. Inoltr è smpr positiva nl dominio di dinizion, quindi la unzion è smpr dcrscnt. Drivata sconda 5

47 ( ) ( ) E acil vriicar ch la unzion non prsnta lssi. Graico: Studiar il graico dlla sgunt unzion: Esrcizio 8 ( ) Si tratta di una unzion sponnzial irrazional (con indic pari) ratta. Dominio: quindi: C.E. [, ) (, ) Simmtri la unzion non prsnta simmtri. Comportamnto dlla unzion agli strmi dl dominio 55

48 Nl punto la unzion prsnta una discontinuità di sconda spci, inotr la rtta di quazion è un asintoto vrtical (sinistro) pr la unzion. Inoltr la rtta y è un asintoto orizzontal pr la unzion. Non vi sono quindi asintoti obliqui. Inoltr si ossrvi ch: ( ) Drivata prima ricrca di massimi minimi ( ) ( ) La drivata non si annulla mai, inoltr è smpr ngativa nl dominio di dinizion, quindi la unzion è smpr dcrscnt. Si ossrvi anch ch il campo di dinizion dlla drivata è dirnt dal campo di sistnza dlla unzion (), inatti la drivata non è dinita nl punto di ascissa -. Studiamo quindi il comportamnto dlla drivata prima in tal punto: ( ) Graico (lasciato al lttor com srcizio insim al calcolo dlla drivata sconda). 56

PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO

PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO EUROSCUOLA ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI BIANCHI SCUOLE PARITARIE PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO CLASSI MATERIA PROF. QUARTA TURISMO Matmatica Andra Brnsco Làvor ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Ulteriori esercizi svolti

Ulteriori esercizi svolti Ultriori srcizi svolti Effttuar uno studio qualitativo dll sgunti funzioni ) 4 f ( ) ) ( + ) f ( ) + 3) f ( ) con particolar rifrimnto ai sgunti asptti: a) trova il dominio di f b) indica quali sono gli

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI

ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI UNIVR Facoltà di Economia Corso di Matmatica finanziaria 008/09 ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI Domini di funzioni di du variabili Esrcizio a f, = log +. L unica condizion di sistnza è data dalla disquazion

Dettagli

0 < a < 1 a > 1. In entrambi i casi la funzione y = a x si può studiare per punti e constatare che essa presenta i seguenti andamenti y.

0 < a < 1 a > 1. In entrambi i casi la funzione y = a x si può studiare per punti e constatare che essa presenta i seguenti andamenti y. INTRODUZIONE Ossrviamo, in primo luogo, ch l funzioni sponnziali sono dlla forma a con a costant positiva divrsa da (il caso a è banal pr cui non sarà oggtto dl nostro studio). Si possono allora vrificar

Dettagli

CONOSCENZE. 1. La derivata di una funzione y = f (x)

CONOSCENZE. 1. La derivata di una funzione y = f (x) ESAME D STATO ESEMP D QUEST D MATEMATCA PER LA TERZA PROVA CONOSCENZE. La drivata di una funzion y f (), in un punto intrno al suo dominio, : il it, s sist d è finito, dl rapporto incrmntal pr h, f ( h)

Dettagli

Corso di Laurea in Economia Matematica per le applicazioni economiche e finanziarie. Esercizi 4

Corso di Laurea in Economia Matematica per le applicazioni economiche e finanziarie. Esercizi 4 Corso di Laura in Economia Matmatica pr l applicazioni conomich finanziari Esrcizi 4 Vrificar s l sgunti funzioni, nll intrvallo chiuso indicato, soddisfano l ipotsi dl torma di Roll, in caso affrmativo,

Dettagli

DERIVATE. h Geometricamente è il coefficiente angolare della retta secante congiungente i punti della curva di ascissa x. y = in un punto x.

DERIVATE. h Geometricamente è il coefficiente angolare della retta secante congiungente i punti della curva di ascissa x. y = in un punto x. DERIVATE OBIETTIVI MINIMI: Conoscr la dinizion di drivata d il suo siniicato omtrico Sapr calcolar smplici drivat applicando la dinizion Conoscr l drivat dll unzioni lmntari Conoscr l rol di drivazion

Dettagli

x 1 x 2 Studiare e disegnare il grafico delle seguenti funzioni Esercizio no.1 Soluzione a pag.2 Esercizio no.2 Soluzione a pag.4

x 1 x 2 Studiare e disegnare il grafico delle seguenti funzioni Esercizio no.1 Soluzione a pag.2 Esercizio no.2 Soluzione a pag.4 Edutcnica.it Studio di funzioni Studiar disgnar il grafico dll sgunti funzioni Esrcizio no. Soluzion a pag. Esrcizio no. Soluzion a pag. y 5 y Esrcizio no. Soluzion a pag.6 Esrcizio no. Soluzion a pag.8

Dettagli

SESSIONE ORDINARIA 2012 CORSI SPERIMENTALI

SESSIONE ORDINARIA 2012 CORSI SPERIMENTALI PROBLEMA SESSIONE ORDINARIA 0 CORSI SPERIMENTALI Sia ( x) ln ( x) ln x sia ( x) ln ( x) ln x.. Si dtrmino i domini di di.. Si disnino, nl mdsimo sistma di assi cartsiani ortoonali Oxy, i raici di di..

Dettagli

1 Derivate parziali 1. 2 Regole di derivazione 5. 3 Derivabilità e continuità 7. 4 Differenziabilità 7. 5 Derivate seconde e teorema di Schwarz 8

1 Derivate parziali 1. 2 Regole di derivazione 5. 3 Derivabilità e continuità 7. 4 Differenziabilità 7. 5 Derivate seconde e teorema di Schwarz 8 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica Drivat dll funzioni di più variabili Indic Drivat parziali Rgol di drivazion 5 3 Drivabilità continuità 7 4 Diffrnziabilità 7 5 Drivat scond torma

Dettagli

Teoria. Tale retta limite non sempre esiste. Si veda il grafico sottostante. Matematica 1

Teoria. Tale retta limite non sempre esiste. Si veda il grafico sottostante. Matematica  1 LA ERVATA UNA FUNZONE Toria l problma dlla tangnt Uno di problmi classici c portano al conctto di drivata è qullo dlla dtrminazion dlla rtta tangnt a una curva in un punto. La tangnt ad una circonfrnza

Dettagli

Prof. Fernando D Angelo. classe 5DS. a.s. 2007/2008. Nelle pagine seguenti troverete una simulazione di seconda prova su cui lavoreremo dopo le

Prof. Fernando D Angelo. classe 5DS. a.s. 2007/2008. Nelle pagine seguenti troverete una simulazione di seconda prova su cui lavoreremo dopo le Pro. Frnando D Anglo. class 5DS. a.s. 007/008. Nll pagin sgunti trovrt una simulazion di sconda prova su cui lavorrmo dopo l vacanz di Pasqua. Pr mrcoldì 6/03/08 guardat il problma 4 i qusiti 1 8 9-10.

Dettagli

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale.

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale. Capitolo 2 Toria dll intgrazion scondo Rimann pr funzioni rali di una variabil ral Esistono vari tori dll intgrazion; tutt hanno com comun antnato il mtodo di saustion utilizzato dai Grci pr calcolar l

Dettagli

Soluzioni. Capitolo 2 (, 0 3] [2.1] A B = {1, 3, 4, 6, 7, 8}, A B = {4, 7}, A\B = {1, 3, 6}, B\A = {8}.

Soluzioni. Capitolo 2 (, 0 3] [2.1] A B = {1, 3, 4, 6, 7, 8}, A B = {4, 7}, A\B = {1, 3, 6}, B\A = {8}. Soluzioni Capitolo [.] A B = {,,,, 7, 8}, A B = {, 7}, A\B = {,, }, B\A = {8}. [.] I) [, 0] V) VI) V [, 0] (, 0) V IX) [, 00) X) ( [, ],(, 00) (, 00) (, 0 + ) (, 0 ], ), (, 0 + ) [.] B\A = {} {b = n +,

Dettagli

Esercizio 1. Cov(X,Y)=E(X,Y)- E(X)E(Y).

Esercizio 1. Cov(X,Y)=E(X,Y)- E(X)E(Y). Esrcizi di conomtria: sri 4 Esrcizio Siano, Z variabili casuali distribuit scondo la lgg multinomial di paramtri n, p, p, p p p.. Calcolar la Covarianza tra l variabili d. Soluzion Dat du variabili dinit

Dettagli

Tecniche per la ricerca delle primitive delle funzioni continue

Tecniche per la ricerca delle primitive delle funzioni continue Capitolo 4 Tcnich pr la ricrca dll primitiv dll funzioni continu Nl paragrafo.7 abbiamo dato la dfinizion di primitiva di una funzion f avnt pr dominio un intrvallo I; abbiamo visto ch s F 0 è una primitiva

Dettagli

Test di autovalutazione

Test di autovalutazione UNITÀ FUNZINI E LR RAPPRESENTAZINE Tst di autovalutazion 0 0 0 0 0 50 60 70 80 90 00 n Il mio puntggio, in cntsimi, è n Rispondi a ogni qusito sgnando una sola dll 5 altrnativ. n Confronta l tu rispost

Dettagli

Svolgimento di alcuni esercizi

Svolgimento di alcuni esercizi Svolgimnto di alcuni srcizi Si ha ch dal momnto ch / tnd a pr ch tnd a (la frazion formata da un numro, in qusto caso il numro, fratto una quantità ch tnd a ±, in qusto caso, tnd smpr a ) S facciamo tndr

Dettagli

Studiare la seguente funzione ( è richiesto lo studio di f ( x ) e la ricerca degli eventuali asintoti obliqui ) :

Studiare la seguente funzione ( è richiesto lo studio di f ( x ) e la ricerca degli eventuali asintoti obliqui ) : Ystudio Corsi lzioni d srcizi on lin di Matmatica, Statica Scinza dll costruzioni www.studio.it/sit. Dominio : Poichè la unzion è pari, lo studio vin itato al smipiano dll asciss positiv. Intrszion assi

Dettagli

IV-3 Derivate delle funzioni di più variabili

IV-3 Derivate delle funzioni di più variabili DERIVATE PARZIALI IV-3 Drivat dll funzioni di più variabili Indic Drivat parziali Rgol di drivazion 5 3 Drivabilità continuità 7 4 Diffrnziabilità 7 5 Drivat scond torma di Schwarz 8 6 Soluzioni dgli srcizi

Dettagli

Esame di stato di istruzione secondaria superiore Indirizzi: Scientifico Comunicazione Opzione Sportiva Tema di matematica

Esame di stato di istruzione secondaria superiore Indirizzi: Scientifico Comunicazione Opzione Sportiva Tema di matematica wwwmatmaticamntit Nicola D Rosa maturità Esam di stato di istruzion scondaria suprior Indirizzi: Scintifico Comunicazion Opzion Sportiva Tma di matmatica Il candidato risolva uno di du problmi risponda

Dettagli

PROGRAMMAZIONE IV Geometri. ORGANIZZAZIONE MODULARE (Divisa in unità didattiche) MODULO TITOLO DEL MODULO ORE PREVISTE A Richiami di algebra 15

PROGRAMMAZIONE IV Geometri. ORGANIZZAZIONE MODULARE (Divisa in unità didattiche) MODULO TITOLO DEL MODULO ORE PREVISTE A Richiami di algebra 15 PROGRAMMAZIONE IV Gomtri ORGANIZZAZIONE MODULARE (Divisa in unità didattich) MODULO TITOLO DEL MODULO ORE PREVISTE A Richiami di algbra 15 B Rcupro di trigonomtria C Funzioni rali a variabil ral 12 D Limiti

Dettagli

Unità didattica: Grafici deducibili

Unità didattica: Grafici deducibili Unità didattica: Grafici dducibili Dstinatari: Allivi di una quarta lico scintifico PNI tal ud è insrita nllo studio dll funzioni rali di variabil ral. Programmi ministriali dl PNI: Dal Tma n 3 funzioni

Dettagli

1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 4. 3 Funzione inversa 6. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 8

1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 4. 3 Funzione inversa 6. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 8 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica 1 Funzioni Indic 1 Il conctto di funzion 1 Funzion composta 4 3 Funzion invrsa 6 4 Rstrizion prolungamnto di una funzion 8 5 Soluzioni dgli srcizi

Dettagli

Appunti sulle disequazioni frazionarie

Appunti sulle disequazioni frazionarie ppunti sull disquazioni frazionari Sono utili l sgunti dfinizioni Una disquazion fratta o frazionaria è una disquazion nlla qual l incognita compar in qualch suo dnominator. Una disquazion razional è una

Dettagli

ESERCIZI DI CALCOLO NUMERICO

ESERCIZI DI CALCOLO NUMERICO ESERCIZI DI CALCOLO NUMERICO Mawll Equazioni non linari: problma di punto fisso Esrcizio : Si vogliono approssimar l soluzioni dll quazion non linar. Dtrminar il numro di radici dll quazion localizzarl.

Dettagli

Soluzione. Un punto generico ha coordinate ( x, y) Per cui. Le coordinate del centro sono allora

Soluzione. Un punto generico ha coordinate ( x, y) Per cui. Le coordinate del centro sono allora Sssion suppltiva LS_ORD 7 Soluzion di D Rosa Nicola Soluzion Un punto gnrico ha coordinat, pr cui si ha: PO PA Pr cui PO PA [ ] L coordinat dl cntro sono allora O,, è R. C, d il raggio, visto ch la circonfrnza

Dettagli

Funzioni lineari e affini. Funzioni lineari e affini /2

Funzioni lineari e affini. Funzioni lineari e affini /2 Funzioni linari aini In du variabili l unzioni linari sono dl tipo a b l unzioni aini sono dl tipo a b c Il graico di una unzion linar è un piano passant pr l origin il graico di una unzion ain è un piano.

Dettagli

Teorema (seconda condizione sufficiente per i campi conservativi piani): Sia F ( x, y)

Teorema (seconda condizione sufficiente per i campi conservativi piani): Sia F ( x, y) Campi Vttoriali Form iffrnziali-sconda Part Torma (sconda condizion sufficint pr i campi consrvativi piani): Sia F (, y) un campo vttorial piano dfinito in un aprto A di R, si supponga ultriormnt = y ;

Dettagli

Lemma 2. Se U V é un sottospazio vettoriale di V allora 0 U.

Lemma 2. Se U V é un sottospazio vettoriale di V allora 0 U. APPUNTI d ESERCIZI PER CASA di GEOMETRIA pr il Corso di Laura in Chimica, Facoltà di Scinz MM.FF.NN., UNICAL (Dott.ssa Galati C.) Rnd, 3 April 2 Sottospazi di uno spazio vttorial, sistmi di gnratori, basi

Dettagli

0.1. CIRCONFERENZA 1. La 0.1.1, espressa mediante la formula per la distanza tra due punti, diviene:

0.1. CIRCONFERENZA 1. La 0.1.1, espressa mediante la formula per la distanza tra due punti, diviene: 0.1. CIRCONFERENZA 1 0.1 Circonfrnza Considriamo una circonfrnza di cntro P 0 (x 0, y 0 ) raggio r, cioè il luogo di punti dl piano P (x, y) pr i quali si vrifica la rlazion: 0.1.1. P 0 P = r. La 0.1.1,

Dettagli

Lezione 5. Analisi a tempo discreto di sistemi ibridi. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 5 1

Lezione 5. Analisi a tempo discreto di sistemi ibridi. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 5 1 Lzion 5. nalisi a tmpo discrto di sistmi ibridi F. Prvidi - Controlli utomatici - Lz. 5 Schma dlla lzion. Introduzion 2. nalisi a tmpo discrto di sistmi ibridi 3. utovalori di un sistma a sgnali campionati

Dettagli

ESAMI DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO PIANO NAZIONALE DI INFORMATICA SCIENTIFICO BROCCA Sessione 2002 seconda prova scritta Tema di MATEMATICA

ESAMI DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO PIANO NAZIONALE DI INFORMATICA SCIENTIFICO BROCCA Sessione 2002 seconda prova scritta Tema di MATEMATICA ESAMI DI STATO DI LIEO SIENTIFIO PIANO NAZIONALE DI INFORMATIA SIENTIFIO BROA Sssion 00 sconda prova scritta Tma di MATEMATIA Il candidato risolva uno di du problmi 5 di 0 qusiti dl qustionario. PROBLEMA

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

Istogrammi ad intervalli

Istogrammi ad intervalli Istogrammi ad intrvalli Abbiamo visto com costruir un istogramma pr rapprsntar un insim di misur dlla stssa granda isica. S la snsibilità dllo strumnto di misura è alta, è probabil ch tra gli N valori

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2012

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2012 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 0 Il candidato risolva uno di du problmi di 0 qusiti in cui si articola il qustionario. PRBLEMA Dlla funzion f, dfinita pr 0, si sa ch è dotata

Dettagli

Analisi dei Sistemi. Soluzione del compito del 26 Giugno ÿ(t) + (t 2 1)y(t) = 6u(t T ). 2 x1 (t) 0 1

Analisi dei Sistemi. Soluzione del compito del 26 Giugno ÿ(t) + (t 2 1)y(t) = 6u(t T ). 2 x1 (t) 0 1 Analisi di Sistmi Soluzion dl compito dl 26 Giugno 23 Esrcizio. Pr i du sistmi dscritti dai modlli sgunti, individuar l proprità strutturali ch li carattrizzano: linar o non linar, stazionario o tmpovariant,

Dettagli

Ottimizzazione economica degli scambiatori di recupero.

Ottimizzazione economica degli scambiatori di recupero. Facoltà di Inggnria Univrsità dgli tudi di Bologna Dipartimnto di Inggnria Industrial Marco Gntilini Ottimizzazion conomica dgli scambiatori di rcupro Quadrni dl Dipartimnto MARCO GENTILINI OTTIMIZZAZIONE

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

Ing. Gestionale Ing. Informatica Ing. Meccanica Ing. Tessile. Cognome Nome Matricola

Ing. Gestionale Ing. Informatica Ing. Meccanica Ing. Tessile. Cognome Nome Matricola Ing Gstional Ing Informatica Ing Mccanica Ing Tssil Cognom Nom Matricola Univrsità dgli Studi di Brgamo Scondo Compitino di Matmatica II ) Si considri la matric 2 3 3 2 Si calcolino gli autovalori gli

Dettagli

CURVE DI PROBABILITÀ PLUVIOMETRICA Le curve di probabilità pluviometrica esprimono la relazione fra le altezze di precipitazione h e la loro durata

CURVE DI PROBABILITÀ PLUVIOMETRICA Le curve di probabilità pluviometrica esprimono la relazione fra le altezze di precipitazione h e la loro durata CURVE DI PROBABILITÀ PLUVIOMETRICA L curv di probabilità pluviomtrica sprimono la rlazion fra l altzz di prcipitazion h la loro durata t, pr un assgnato valor dl priodo di ritorno T. Tal rlazion vin spsso

Dettagli

Anno 5 Asintoti di una funzione

Anno 5 Asintoti di una funzione Anno 5 Asintoti di una unzione 1 Introduzione In questa lezione impareremo a deinire e ricercare gli asintoti. Ma cosa sono gli asintoti? Come si ricercano? Al termine di questa lezione sarai in grado

Dettagli

9. Eventuali Punti di non derivabilità: Punti angolosi, cuspidi e flessi a tangente verticale. 10. Derivata seconda (calcolo)

9. Eventuali Punti di non derivabilità: Punti angolosi, cuspidi e flessi a tangente verticale. 10. Derivata seconda (calcolo) Capisaldi:. Insim di sisnza Sudio di una funzion.. Evnuali simmri pari, dispari, priodicià. Grafico riconducibil. Inrszioni con gli assi 4. Sgno dlla funzion [f 0] 5. Limii alla fronira dll insim di dfinizion

Dettagli

SUL MODELLO DI BLACK-SHOLES

SUL MODELLO DI BLACK-SHOLES SUL MODELLO DI BLACK-SHOLES LUCA LUSSARDI 1. La dinamica di Black-Schols Il modllo di Black-Schols pr i mrcati finanziari assum com ipotsi fondamntal ch i przzi di bni finanziari sguano una bn dtrminata

Dettagli

S O L U Z I O N I + 100

S O L U Z I O N I + 100 S O L U Z I O N I Nl 00 un farmaco vnva vnduto a 70 a) Nll pots ch ogn anno l przzo aumnt dl 3% rsptto all anno prcdnt quanto vrrbb a costar lo stsso farmaco nl 0? b) Supponamo ch l przzo dl farmaco nl

Dettagli

Opuscolo sui sistemi. Totogoal

Opuscolo sui sistemi. Totogoal Opuscolo sui sistmi Totogoal Più info Conoscnz calcistich pr vincr Jackpot alti Informazioni dttagliat costantmnt aggiornat sul Totogoal, sui programmi Toto sui risultati rpribili su Tltxt, a partir dalla

Dettagli

9. Eventuali Punti di non derivabilità: Punti angolosi, cuspidi e flessi a tangente verticale. 10.Derivata seconda (calcolo)

9. Eventuali Punti di non derivabilità: Punti angolosi, cuspidi e flessi a tangente verticale. 10.Derivata seconda (calcolo) Capisaldi:. Insim di sisnza Sudio di una funzion.. Evnuali simmri pari, dispari, priodicià. Grafico riconducibil. Inrszioni con gli assi. Sgno dlla funzion [f 0] 5. Limii alla fronira dll insim di dfinizion

Dettagli

Le coniche e la loro equazione comune

Le coniche e la loro equazione comune L conich la loro quazion comun L conich com ombra di una sra Una sra ch tocca il piano π nl punto F è illuminata da una sorgnt puntiorm S. Nl caso dlla igura l'ombra dll sra risulta una suprici dlimitata

Dettagli

Svolgimento dei temi d esame di Matematica Anno Accademico 2015/16. Alberto Peretti

Svolgimento dei temi d esame di Matematica Anno Accademico 2015/16. Alberto Peretti Svolgimnto di tmi d sam di Matmatica Anno Accadmico 05/6 Albrto Prtti April 06 A Prtti Svolgimnto di tmi d sam di Matmatica AA 05/6 PROVA INTERMEDIA DI MATEMATICA I part Vicnza, 04//05 Domanda Scomporr

Dettagli

APPUNTI DI CALCOLO NUMERICO

APPUNTI DI CALCOLO NUMERICO APPUNTI DI CALCOLO NUMERICO Mawll Equazioni non linari: probla di punto isso Sisti di quazioni non linari Introduzion Il probla di punto isso è un probla ch si prsnta spsso in oltissi applicazioni Esso

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2011

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2011 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Il candidato risolva uno di du problmi 5 di qusiti in cui si articola il qustionario. PROBLEMA Sia f la funzion dfinita sull insim R di numri

Dettagli

1) La probabilità di ciascun evento elementare è non negativa. 2) La somma delle probabilità di tutti gli eventi elementari vale 1.

1) La probabilità di ciascun evento elementare è non negativa. 2) La somma delle probabilità di tutti gli eventi elementari vale 1. CAPITOLO SECONDO CALCOLO DELLE PROBABILITÀ Spazi di probabilità, vnti smplici d vnti composti Indichiamo con S lo spazio dgli vnti. Esso è un insim, i cui lmnti sono dtti vnti. Nl lancio di un dado, lo

Dettagli

( ) ( ) ( ) [ ] 2 ( ) 18 9) DERIVATA DI UNA FUNZIONE COMPOSTA

( ) ( ) ( ) [ ] 2 ( ) 18 9) DERIVATA DI UNA FUNZIONE COMPOSTA 8 9 DERIVATA DI UNA FUNZIONE COMPOSTA La drivata di una funion composta ( funion di funion si ottin (dim all pagin 0 : a drivando la funion principal ( qulla ch si applica pr ultima risptto al suo argomnto

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Lo studio di unzione Ing. Alessandro Pochì Appunti di analisi Matematica per la Classe VD (a.s. 011/01) Schema generale per lo studio di una unzione Premessa Per Studio unzione si intende, generalmente,

Dettagli

Misurazione del valore medio di una tensione tramite l uso di un voltmetro numerico

Misurazione del valore medio di una tensione tramite l uso di un voltmetro numerico Misurazion dl valor mdio di una tnsion tramit l uso di un voltmtro numrico La zion si conduc slzionando la funzion dc dllo strumnto collgando i trminali dllo strumnto al gnrator sotto zion: tnndo conto

Dettagli

Compito di Fisica Generale I (Mod. A) Corsi di studio in Fisica ed Astronomia 4 aprile 2011

Compito di Fisica Generale I (Mod. A) Corsi di studio in Fisica ed Astronomia 4 aprile 2011 Compito di Fisica Gnral I (Mod A) Corsi di studio in Fisica d Astronomia 4 april 2011 Problma 1 Du blocchi A B di massa rispttivamnt m A d m B poggiano su un piano orizzontal scabro sono uniti da un filo

Dettagli

ESERCIZI SULLA DEMODULAZIONE INCOERENTE

ESERCIZI SULLA DEMODULAZIONE INCOERENTE Esrcitazioni dl corso di trasmissioni numrich - Lzion 4 6 Fbbraio 8 ESERCIZI SULLA DEMODULAZIONE INCOERENE I du sgnali passa basso di figura sono utilizzati pr la trasmission di simboli binari quiprobabili

Dettagli

p(e 3 ) = 31 [R. c) e d)]

p(e 3 ) = 31 [R. c) e d)] CAPITOLO SECONDO CALCOLO DELLE PROBABILITÀ - ESERCIZI I.) Anna, Batric Carla fanno una gara di corsa. Stimo ch Anna Carla siano ugualmnt vloci ch Batric abbia probabilità doppia dll altr du di vincr la

Dettagli

LE FRAZIONI LE FRAZIONI. La frazione è un operatore che opera su una qualsiasi grandezza e che da come risultato una grandezza omogenea a quella data.

LE FRAZIONI LE FRAZIONI. La frazione è un operatore che opera su una qualsiasi grandezza e che da come risultato una grandezza omogenea a quella data. LE FRAZIONI La frazion è un oprator ch opra su una qualsiasi grandzza ch da com risultato una grandzza omogna a qulla data. AB (Il sgmnto AB è stato diviso i tr parti sono stat prs du) Una frazion è scritta

Dettagli

lim x 3 lim Servendosi della definizione, verifica l esattezza dei limiti seguenti Esercizio no.1 Esercizio no.2 Esercizio no.3 Esercizio no.

lim x 3 lim Servendosi della definizione, verifica l esattezza dei limiti seguenti Esercizio no.1 Esercizio no.2 Esercizio no.3 Esercizio no. Edutcnica.it Dfinizion di it Srvndosi dlla dfinizion, vrifica l sattzza di iti sgunti Esrcizio no. Soluzion a pag. ( ) Esrcizio no. Soluzion a pag. Esrcizio no. Soluzion a pag. ( ) Esrcizio no. Soluzion

Dettagli

Nozioni di base sulle coniche (ellisse (x^2/a^2)+(y^2/b^2)=1, iperbole(x^2/a^2)-(y^2/b^2)=1, parabola e circonferenza):

Nozioni di base sulle coniche (ellisse (x^2/a^2)+(y^2/b^2)=1, iperbole(x^2/a^2)-(y^2/b^2)=1, parabola e circonferenza): Nozioni di bas sull conich (lliss (x^2/a^2)+(y^2/b^2)=1, iprbol(x^2/a^2)-(y^2/b^2)=1, parabola circonfrnza): Dlta =0, significa un solo punto di intrszion tra fascio di rtt conica Dlta >=0, significa 2

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

Calcolo delle Probabilità e Statistica. Prova scritta del III appello - 7/6/2006

Calcolo delle Probabilità e Statistica. Prova scritta del III appello - 7/6/2006 Corso di Laura in Informatica - a.a. 25/6 Calcolo dll Probabilità Statistica Prova scritta dl III appllo - 7/6/26 Il candidato risolva i problmi proposti, motivando opportunamnt l propri rispost.. Sia

Dettagli

R k = I k +Q k. Q k = D k-1 - D k

R k = I k +Q k. Q k = D k-1 - D k 1 AMMORTAMENTO AMMORTAMENTO Dbito inizial D 0 si volv (al tasso fisso t) D k = D k-1 (1+t) R k [D k dbito (rsiduo) al tmpo k, R k pagamnto al tmpo k ] Condizioni [D n =0 : stinzion dl dbito in n priodi

Dettagli

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie.

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie. Rgimi di cambio In qusta lzion: Studiamo l conomia aprta nl brv nl mdio priodo. Studiamo l crisi valutari. Analizziamo brvmnt l Ar Valutari Ottimali. 279 Il mdio priodo Abbiamo visto ch gli fftti di politica

Dettagli

Aspettative, produzione e politica economica

Aspettative, produzione e politica economica Lzion 18 (BAG cap. 17) Aspttativ, produzion politica conomica Corso di Macroconomia Prof. Guido Ascari, Univrsità di Pavia 2 1 L aspttativ la curva IS Dividiamo il tmpo in du priodi: 1. un priodo corrnt

Dettagli

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base La Formazion in Bilancio dll Unità Prvisionali di Bas Con la Lgg 3 april 1997, n. 94 sono stat introdott l Unità Prvisionali di Bas (di sguito anch solo UPB), ch rapprsntano un di aggrgazion di capitoli

Dettagli

Funzione esponenziale e logaritmo. Proprietà di esponenziale e logaritmo.

Funzione esponenziale e logaritmo. Proprietà di esponenziale e logaritmo. Funzion sponnzil ritmo. Proprità di sponnzil ritmo. 6. Funzion sponnzil ritmo. Proprità di sponnzil ritmo. Funzion sponnzil f ( ) fissto f : ( + ) è l bs dll funzion sponnzil d è fisst è l sponnt dll funzion

Dettagli

PROPORZIONI. Cosa possiamo dire di esse? Che la superficie della figura A sta alla superficie della figura B come 4 sta a 6.

PROPORZIONI. Cosa possiamo dire di esse? Che la superficie della figura A sta alla superficie della figura B come 4 sta a 6. Corso di laura: BIOLOGIA Tutor: Floris Marta PRECORSI DI MATEMATICA PROPORZIONI Ossrvar l sgunti figur: Cosa possiamo dir di ss? Ch la suprfici dlla figura A sta alla suprfici dlla figura B com sta a 6.

Dettagli

Linee accoppiate. Corso di Componenti e Circuiti a Microonde. Ing. Francesco Catalfamo. 3 Ottobre 2006

Linee accoppiate. Corso di Componenti e Circuiti a Microonde. Ing. Francesco Catalfamo. 3 Ottobre 2006 orso di omponnti ircuiti a Microond Ing. Francsco atalamo 3 Ottobr 006 Indic Ond supriciali modi di ordin suprior Lin in microstriscia accoppiat Ond supriciali Un onda supricial è un modo guidato ch si

Dettagli

Moduli e-learning ABB Istruzioni per la frequenza ai corsi. Sommario

Moduli e-learning ABB Istruzioni per la frequenza ai corsi. Sommario Moduli -larning ABB Istruzioni pr la frqunza ai corsi Il prsnt documnto ha lo scopo di dscrivr l principali carattristich di corsi -larning: com rgistrarsi d accdr al sistma, iscrivrsi ad un corso, frquntarlo

Dettagli

Prova scritta di Algebra 23 settembre 2016

Prova scritta di Algebra 23 settembre 2016 Prova scritta di Algbra 23 sttmbr 2016 1. Si considri la sgunt applicazion: { Z21 Z ϕ : 3 Z 7 [x] 21 ([2x] 3, [x] 7 ) a) Vrificar ch ϕ è bn dfinita. b) Dir s ([1] 3, [5] 7 ) Imϕ in tal caso trovarn la

Dettagli

Esercizio 3. Determinare la dimensione, la codimensione, una base, equazioni cartesiane, equazioni parametriche ed un complemento per U R 3, dove

Esercizio 3. Determinare la dimensione, la codimensione, una base, equazioni cartesiane, equazioni parametriche ed un complemento per U R 3, dove Sapinza Univrsità di Roma Corso di laura in Inggnria Enrgtica Gomtria - A.A. 2015-2016 Foglio n.10 Somma intrszion di sottospazi vttoriali prof. Cigliola Esrcizio 1. Sono dati i vttori v 1 = ( 1, 0, 0),

Dettagli

INTEGRALI DOPPI Esercizi svolti

INTEGRALI DOPPI Esercizi svolti INTEGRLI OPPI Esrcizi svolti. Calcolar i sgunti intgrali doppi: a b c d f g h i j k y d dy, {, y :, y }; d dy, {, y :, y }; + y + y d dy, {, y :, y }; y d dy, {, y :, y }; y d dy, {, y :, y + }; + y d

Dettagli

PROPORZIONI. Cosa possiamo dire di esse? Che la superficie della figura A sta alla superficie della figura B come 4 sta a 6.

PROPORZIONI. Cosa possiamo dire di esse? Che la superficie della figura A sta alla superficie della figura B come 4 sta a 6. Corso di laura: BIOLOGIA Tutor: Floris Marta PRECORSI DI MATEMATICA PROPORZIONI Ossrvar l sgunti figur: Cosa possiamo dir di ss? Ch la suprfici dlla figura A sta alla suprfici dlla figura B com sta a 6.

Dettagli

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO 132 13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO La prparazion complta dl calciator si ralizza sottoponndo il suo organismo, la sua prsonalità la sua potnzialità motoria, ad una gran quantità di stimoli ch

Dettagli

INDICE 1. 1 Triangolazione di matrici Teorema di Cayley-Hamilton Matrici nilpotenti Forma canonica delle matrici 3 3.

INDICE 1. 1 Triangolazione di matrici Teorema di Cayley-Hamilton Matrici nilpotenti Forma canonica delle matrici 3 3. INDICE Torma di Cayly-Hamilton, forma canonica triangolazioni. Vrsion dl Maggio Argomnti sclti sulla triangolazion di matrici, il torma di Cayly-Hamilton sulla forma canonica dll matrici 3 3 pr i corsi

Dettagli

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci Consumatori in cifr Tariff dll prstazioni sanitari nll divrs rgioni italian Laura Filippucci La rcnt proposta dl Govrno di aggiornar il tariffario dll prstazioni sanitari di laboratorio ha sollvato un

Dettagli

II-1 Funzioni. 1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 5. 3 Funzione inversa 7. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 9

II-1 Funzioni. 1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 5. 3 Funzione inversa 7. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 9 1 IL CONCETTO DI FUNZIONE 1 II-1 Funzioni Indic 1 Il conctto di funzion 1 Funzion composta 5 3 Funzion invrsa 7 4 Rstrizion prolungamnto di una funzion 9 5 Soluzioni dgli srcizi 9 In qusta dispnsa affrontiamo

Dettagli

Lezione 16 (BAG cap. 15) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia. Schema Lezione

Lezione 16 (BAG cap. 15) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia. Schema Lezione Lzion 6 (BAG cap. 5) Mrcati finanziari aspttativ Corso di Macroconomia Prof. Guido Ascari, Univrsità di Pavia Schma Lzion Ruolo dll aspttativ nl dtrminar ii przzi di azioni obbligazioni Sclta fra tanti

Dettagli

METODO DEGLI ELEMENTI FINITI

METODO DEGLI ELEMENTI FINITI Dal libro di tsto Zinkiwicz Taylor, Capitolo 14 pag. 398 Il mtodo dgli lmnti finiti fornisc una soluzion approssimata dl problma lastico; tal approssimazion driva non dall avr discrtizzato il dominio in

Dettagli

x 1 = t + 2s x 2 = s x 4 = 0

x 1 = t + 2s x 2 = s x 4 = 0 Sapinza Univrsità di Roma Corso di laura in Inggnria Enrgtica Gomtria - A.A. 2015-2016 prof. Cigliola Foglio n.10 Somma intrszion di sottospazi vttoriali Esrcizio 1. Sono dati i vttori v 1 = ( 1, 0, 0),

Dettagli

Equazioni di Secondo Grado in Una Variabile, x Complete, Pure e Spurie. Tecniche per risolverle ed Esempi svolti

Equazioni di Secondo Grado in Una Variabile, x Complete, Pure e Spurie. Tecniche per risolverle ed Esempi svolti Equazioni di Scondo Grado in Una Variabil, x Complt, Pur Spuri. Tcnich pr risolvrl d Esmpi svolti Francsco Zumbo www.francscozumbo.it http://it.gocitis.com/zumbof/ Qusti appunti vogliono ssr un ultrior

Dettagli

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta REDATTO: APPROVATO: APPROVATO: INTERNAL AUDITOR COMITATO DI CONTROLLO INTERNO C.D.A. Luogo Data Pr ricvuta INDICE 1.0 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE 2.0 RIFERIMENTI NORMATIVI 3.0 DEFINIZIONI 4.0 RUOLI

Dettagli

Introduzione ai segnali (causali, regolari, di ordine esponenziale)... 2 Il segnale di Heavyside... 3 Definizione di trasformata di Laplace...

Introduzione ai segnali (causali, regolari, di ordine esponenziale)... 2 Il segnale di Heavyside... 3 Definizione di trasformata di Laplace... Appunti di Controlli Automatici Capitolo - part I Traformata di aplac Introduzion ai gnali (cauali, rgolari, di ordin ponnzial)... Il gnal di Havyid... 3 Dfinizion di traformata di aplac... 3 PROPRIETÀ

Dettagli

1. Condizioni di arbitraggio internazionale delle merci e dei titoli. Le teorie de la Parità dei poteri d acquisto la Parità dei tassi d interesse

1. Condizioni di arbitraggio internazionale delle merci e dei titoli. Le teorie de la Parità dei poteri d acquisto la Parità dei tassi d interesse . Condizioni di arbitraggio intrnazional dll rci di titoli L tori d la Parità di otri d acuisto la Parità di tassi d intrss 5_Andic_G.GAROFALO L arbitraggio è un'orazion ch consist nll'acuistar un bn o

Dettagli

LA NOSTRA AVVENTURA NEL CREARE UN LIBRO

LA NOSTRA AVVENTURA NEL CREARE UN LIBRO LA NOSTRA AVVENTURA NEL CREARE UN LIBRO Abbiamo iniziato a lggr in class Nonno Tano la casa dll strgh. Lo scopo ra ascoltar comprndr. Sguir la mastra ch dava sprssività alla lttura imparar da lla a lggr.

Dettagli

Il prezzo del petrolio e dei carburanti tra maggio e settembre 2008

Il prezzo del petrolio e dei carburanti tra maggio e settembre 2008 Consumatori in cifr Il przzo dl ptrolio di carburanti tra maggio sttmbr 2008 Marco Bulfon Introduzion 142 Nl corso dll ultimo anno i przzi intrnazionali di molt matri prim hanno subìto un comportamnto

Dettagli

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DELLE MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DELLE MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI Gnralità INTRODUZIONE ALLO STUDIO DELLE MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI Una acchina lttrica rotant è un convrtitor di nrgia ccanica in lttrica (gnrator) o, vicvrsa, di nrgia lttrica in ccanica (otor). Il fnono

Dettagli

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE a. STRATEGIE PER IL RECUPERO DESTINATARI Il Rcupro sarà rivolto agli alunni ch prsntano ancora difficoltà nll adozion di

Dettagli

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue:

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue: Def. Sia f una funzione a valori reali definita in un intervallo I (itato o ilitato) e sia un punto interno all intervallo I. Si dice che f è continua nel punto se: ( )= ( ) Una funzione f è continua in

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...)

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...) COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxlls, xxx COM (2001) yyy final Progtto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE dl (...) modificando la raccomandazion 96/280/CE rlativa alla dfinizion dll piccol mdi

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Sttor Programmazion, Controlli La popolazion in tà da 0 a 2 anni rsidnt nl comun di Bologna Maggio 2007 La prsnt nota è stata ralizzata da un gruppo di dirignti funzionari dl Sttor Programmazion, Controlli

Dettagli

Serie di Fourier a tempo continuo. La rappresentazione dei segnali nel dominio della frequenza. Jean Baptiste Joseph Fourier (1768 1830 )

Serie di Fourier a tempo continuo. La rappresentazione dei segnali nel dominio della frequenza. Jean Baptiste Joseph Fourier (1768 1830 ) Sri di Fourir a mpo coninuo La rapprsnazion di sgnali nl dominio dlla frqunza Jan Bapis Josph Fourir (768 83 ) Fourir sviluppò la oria mamaica dl calor uilizzando funzioni rigonomrich (sni cosni), ch noi

Dettagli

Calcolo di integrali. max. min. Laboratorio di Calcolo B 42

Calcolo di integrali. max. min. Laboratorio di Calcolo B 42 Calcolo di intgrali Supponiamo di dovr calcolar l intgral di una funzion in un intrvallo limitato [ min, ma ], di conoscr il massimo d il minimo dlla funzion in tal intrvallo. S gnriamo n punti uniformmnt

Dettagli

Corso di laurea in Scienze internazionali e diplomatiche. corso di POLITICA ECONOMICA

Corso di laurea in Scienze internazionali e diplomatiche. corso di POLITICA ECONOMICA Corso di laura in Scinz intrnazionali diplomatich corso di OLITICA ECONOMICA SAVERIA CAELLARI Curva di offrta aggrgata di brv priodo; quilibrio domanda offrta aggrgata nl brv nl lungo priodo Aspttativ

Dettagli

Esercizi sullo studio completo di una funzione

Esercizi sullo studio completo di una funzione Esercizi sullo studio completo di una funzione. Disegnare il grafico delle funzioni date, utilizzando ogni informazione utile che si può ricavare dalla funzione e dalle sue derivate prima e seconda. a.

Dettagli

Fisica Generale VI Scheda n. 1 esercizi di riepilogo dei contenuti di base necessari. 1.) Dimostrare le seguenti identità vettoriali:

Fisica Generale VI Scheda n. 1 esercizi di riepilogo dei contenuti di base necessari. 1.) Dimostrare le seguenti identità vettoriali: Fisica Gnral VI Schda n. 1 srcizi di ripilogo di contnuti di bas ncssari 1.) Dimostrar l sgunti idntità vttoriali:. A (B C) = B (A C) C (A B) (A B) = ( A) B ( B) A ( A) = ( A) 2 A. suggrimnto: è important

Dettagli

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015 Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr il sistma ducativo di istruzion formazion Dirzion Gnral pr gli ordinamnti scolastici la valutazion dl sistma nazional di istruzion Circolar

Dettagli