UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE"

Transcript

1 UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE PROGETTO E REALIZZAZIONE DI UN PORTALE INTERNET CONFORME ALLA LEGGE SULL'ACCESSIBILITÀ E OTTIMIZZAZIONE PER IL POSIZIONAMENTO SUI MOTORI DI RICERCA Tesi di Laurea di: Relatore: Chiar.mo Prof. MARIO MICUCCI ALDO FRANCO DRAGONI Anno Accademico

2 INDICE PREFAZIONE 1 CAPITOLO 1 CMS 1.1 INTRODUZIONE AI CMS IL CMS PER IL WEB FUNZIONALITÀ VANTAGGI SVANTAGGI DRUPAL BREVE STORIA STRUTTURA CRITICITÀ DISTRIBUZIONI DRUPAL PA LIMITI 12 CAPITOLO 2 ACCESSIBILITÀ 2.1 INTRODUZIONE LEGGE STANCA REQUISITI PER L'ACCESSIBILITÀ DRUPAL E I REQUISITI 2.4 STRUMENTI DI SUPPORTO I

3 INDICE CAPITOLO 3 INSTALLAZIONE 3.1 INSTALLAZIONE SERVER WEB CREAZIONE DATABASE INSTALLAZIONE DRUPAL PA AGGIORNAMENTO DRUPAL PA 37 CAPITOLO 4 LA ONLUS AITIM 4.1 PRESENTAZIONE SPECIFICHE DEL PORTALE 39 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE 5.1 IL TEMA GRAFICO PERSONALIZZAZIONE DEL TEMA MENÙ E BLOCCHI MODULO DI CONTATTO MODULO FAQ REGISTRAZIONE E LOGIN UTENTI, RUOLI E PERMESSI PROGETTI: TIPO DI CONTENUTO E VISTA MODULO EVENT E WEBFORM RSS, NEWSLETTER E SOCIAL NETWORK 69 II

4 INDICE CAPITOLO 6 SEO 6.1 INTRODUZIONE BREVE STORIA WHITE HAT E BLACK HAT SEO TECNICHE E METODI SEO IN DRUPAL URL CLEAN URL ALIAS URL URL NORMALIZATION TAG DESCRIPTION E KEYWORDS TITLE SITEMAP HTML XML STRUMENTI DI SUPPORTO 96 CONCLUSIONI 98 BIBLIOGRAFIA 99 III

5 PREFAZIONE In questa tesi di laurea è stata affrontata la realizzazione di un portale internet attraverso l'uso del content management system Drupal. Il portale è stato commissionato dalla Onlus AITIM, Associazione Italiana di Telemedicina e Informatica Medica. Drupal è un CMS ricco di funzionalità che ben si adatta alla realizzazione di siti internet dai contenuti variegati come può essere per esempio quello di un'associazione che si occupa di ricerca medica e scientifica. Nello specifico è stata utilizzata la distribuzione personalizzata Drupal PA, in quanto maggiormente rispondente alla legge n. 4 del 9 gennaio Questa legge, comunemente definita Legge Stanca, riguarda le disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici ed elenca 22 requisiti che i siti internet devono rispettare per ritenersi accessibili, requisiti che si applicano esclusivamente ai siti pubblici o di interesse pubblico e quindi anche al portale oggetto di questa tesi. Si è potuto quindi verificare il reale grado di accessibilità fornito da Drupal e valutarne la bontà come piattaforma di sviluppo per siti conformi alla legge Stanca. È seguito poi uno studio sulle tecniche SEO, search engine optimization, ovvero l'ottimizzazione per il posizionamento sui motori di ricerca e con l'ausilio dei moduli aggiuntivi di cui Drupal dispone sono state implementate nel portale le tecniche fondamentali. 1

6 CAPITOLO 1 CMS 1.1 INTRODUZIONE AI CMS CMS (acronimo di Content Management System), letteralmente, sistema per la gestione dei contenuti, ad un certo livello di astrazione può essere inteso come l'insieme di procedure, processi e tecnologie utilizzate per la gestione del flusso di lavoro in un ambiente collaborativo. Questi processi sono a supporto del ciclo di vita evolutivo dell'informazione digitale, dalla creazione, passando per la pubblicazione e l'aggiornamento, fino all'archiviazione. Le procedure in un CMS sono concepite per: Permettere a molti utenti la creazione e la condivisione di dati Controllare l'accesso ai dati, basandosi sui ruoli utenti Supportare nello stoccaggio e nel recupero dati Semplificare le operazioni di routine Migliorare la comunicazione fra gli utenti In un CMS si possono definire dati di vario genere: documenti, immagini, video e così via. I Content Management System nascono negli Stati Uniti, inizialmente sviluppati da alcune organizzazioni che producevano notevoli quantità di pubblicazioni, per il loro uso interno. Questo tipo di sistema di gestione dei contenuti prende il nome di ECM (Enterprise Content Management System) definito come l'insieme di strumenti che consentono la gestione della documentazione prodotta e ricevuta all interno di un organizzazione, indipendentemente dal suo formato. 2

7 CAPITOLO 1 CMS Nel 1995 la CNET rese pubblici gli studi e i prodotti sviluppati internamente, distribuendoli con l'etichetta Vignette. La compagnia cominciò a mettere a disposizione il proprio software come sistema di gestione dei contenuti via web. Per la prima volta un utente poteva creare il proprio sito direttamente dal web, usando l'interfaccia CNET. Furono allora poste le basi di ciò che è diventato il CMS odierno. 1.2 IL CMS PER IL WEB Grazie al costante sviluppo e alla diffusione delle reti internet il CMS sì è quindi affermato nella sua accezione di gestore di contenuti web, spesso quindi nominato WCMS da Web Content Management System. Un Web CMS è un software installato su un server web che consente la gestione dei contenuti e delle pagine che compongono un sito web in modo pratico e automatizzato, svincolando l'amministratore da conoscenze tecniche di programmazione web. Esistono numerosi CMS, i quali possono essere di tipo specializzato, cioè appositamente progettati per un tipo preciso di contenuti, come ad esempio un blog o un forum, o di tipo generico, che tendono cioè ad essere più flessibili nella loro struttura per consentire la pubblicazione di diversi tipi di contenuti. La maggior parte dei CMS è di tipo open source ed utilizza il PHP come linguaggio di sviluppo. Citiamo a titolo di esempio alcuni tra i più noti ed utilizzati: Drupal Joomla! Mambo MediaWiki PHP-Fusion Wordpress 3

8 CAPITOLO 1 CMS Una caratteristica comune è che stiamo parlando sempre di applicazioni lato server che fanno uso di un database per lo stoccaggio dei contenuti e che sono suddivisi in due parti fondamentali, il Back-End cioè la sezione amministrativa, accessibile tramite username e password, che mette a disposizione degli utenti preposti gli strumenti necessari all'organizzazione e supervisione nella creazione dei contenuti, e il Front-End cioè la sezione applicativa, utilizzata dal visitatore web per navigare tra i contenuti e usufruire delle funzionalità del sito internet. Una delle applicazioni più utili dei CMS è nella gestione dei portali internet, dove la varietà e il numero dei contenuti pubblicati deve essere gestita in modo flessibile prevedendo un accesso, lato amministratore, multiutente FUNZIONALITÀ Template grafici Possibilità di gestire modelli standard di output che possono essere applicati a contenuti nuovi o già esistenti. Editing dei contenuti Una volta che il contenuto è separato dalla presentazione grafica di un sito la sua manipolazione diventa molto più facile e veloce. La maggior parte dei CMS include strumenti di editing del tipo WYSIWYG che consente agli utenti non esperti la creazione e la modifica dei contenuti in tutta semplicità. Configurazione scalabile La maggior parte dei CMS include plug-in o moduli che possono essere facilmente installati per estendere le funzionalità di un sito esistente. 4

9 CAPITOLO 1 CMS Standard web aggiornati I CMS ricevono aggiornamenti regolari che comprendono set di nuove funzionalità e mantengono il sistema al passo con gli standard web correnti. Collaborazione Il CMS può agire come una piattaforma collaborativa permettendo un lavoro sui contenuti da parte di uno o più utenti autorizzati, monitorando le modifiche, autorizzarle per la pubblicazione o ripristinare versioni precedenti. Ruoli Alcuni CMS permettono a vari gruppi di utenti di avere privilegi limitati su specifici contenuti del sito. Syndication Il CMS spesso supporta la distribuzione dei contenuti attraverso la generazione di feed RSS e Atom. Multilingua Possibilità di visualizzare i contenuti in più lingue VANTAGGI Costi ridotti Molti CMS come ad esempio Drupal sono gratuiti ed altre soluzioni commerciali a pagamento possono comunque rivelarsi più economiche rispetto al costo delle sviluppo di una soluzione ad hoc. Personalizzazione Semplicità di personalizzazione per l'utente principiante che può agire dall'interfaccia grafica del CMS e usufruire di temi grafici preprogettati. 5

10 CAPITOLO 1 CMS Facile da usare Semplicità nel design per l'interfaccia utente dell'amministratore consentendone l'utilizzo senza che sia richiesta molta preparazione. Gestione del flusso di lavoro È possibile controllare come il contenuto viene pubblicato, quando e da chi, impostando regole e permessi specifici. Separazione Separazione tra grafica, struttura e contenuto, consentendo che ogni area possa essere modificata, adattata o ricreata indipendentemente dalle altre. Database Lo stoccaggio centralizzato dei dati significa che il contenuto può essere riutilizzato in più parti di un sito e formattato per qualsiasi dispositivo SVANTAGGI Latenza I CMS più complessi possono soffrire problemi di latenza se l'infrastruttura hardware non è sufficientemente moderna, causando anche problemi di bilanciamento del carico in caso di file di cache di grandi dimensioni. Dimensioni I CMS a causa della loro struttura dinamica e polivalente sono formati da un grande volume di file e questo li rende più vulnerabili ad errori di vario genere nella loro gestione. Licenze Nella scelta di un CMS a pagamento bisogna tenere in considerazione i costi di mantenimento per quanto riguarda gli aggiornamenti delle licenze e la manutenzione dell'hardware. 6

11 CAPITOLO 1 CMS Specializzazione Un CMS generico potrebbe rivelarsi non adatto per un determinato tipo di progetto rispetto ad uno di tipo specializzato, il quale però poi limiterebbe sviluppi futuri di altro genere. URL A causa della natura dei CMS gli indirizzi vengono generati dinamicamente con parametri interni ed informazioni di riferimento, non è quindi da dare per certa una loro durata a lungo periodo ed inoltre i motori di ricerca potrebbero avere difficoltà nell'indicizzare questo tipo di contenuti se non venissero prese le dovute precauzioni. 1.3 DRUPAL Drupal è il CMS che è stato utilizzato. È un software gratuito ed open source scritto in linguaggio PHP e distribuito sotto licenza GNU GPL (licenza per software libero che contrapponendosi alle licenze per software proprietario assicura all'utente libertà di utilizzo, copia, modifica e distribuzione). Drupal è un sistema multipiattaforma che funziona su qualsiasi macchina che supporti un server web in grado di eseguire PHP dalla versione o superiore (per esempio Apache o Microsoft ISS) e un DBMS (come MySQL, PostgreSQL, SQLite o Microsoft SQL Server). L'ultima versione di Drupal è la 7, rilasciata il 5 gennaio 2011, ed insieme alla precedente versione 6, sono le sole ad essere attivamente supportate dalla comunità di sviluppo. 7

12 CAPITOLO 1 CMS BREVE STORIA La nascita di Drupal è da attribuire a Dries Buytaert, studente che frequentava l'università di Antwerp in Belgio. La sua necessità era quella di condividere una connessione internet tramite un modem ADSL, ci riuscì grazie a un ponte wireless. Questa filosofia, basata sulla condivisione, lo ha portato a lavorare allo sviluppo di una nuova concezione di sito internet che permettesse di condividere notizie, informazioni e altre tipologie di contenuto. Col tempo questo progetto crebbe, finché nel 2001, Buytaert decise di rendere pubblico il codice del software, che diventò così open source. Il progetto venne chiamato Drupal (traslitterazione inglese per la parola olandese druppel che significa goccia). Con la collaborazione di sviluppatori che hanno aggiunto nuove funzionalità, grazie a un'interfaccia intuitiva e facilmente utilizzabile anche da utenti non esperti, Drupal si è affermato divenendo uno dei più scaricati CMS in circolazione. Da Maggio 2007 ad Aprile 2008 è stato scaricato dal suo sito ufficiale drupal.org più di 1,4 milioni di volte, con una crescita di circa il 125% rispetto all'anno precedente. Oggi Drupal gode dell'apporto di una vasta comunità di sviluppo insieme a comunità di supporto createsi spontaneamente in tutto il globo. Il logo di Drupal, rappresentazione grafica di una goccia. 8

13 CAPITOLO 1 CMS STRUTTURA Drupal è costruito con una struttura modulare, ciò permette al suo nucleo base, il core, di fornire solo le funzioni essenziali nella sua configurazione predefinita. Attraverso l'installazione di moduli e temi supplementari è possibile estendere e modificare l'aspetto e le funzionalità standard di Drupal. Il core di Drupal fornisce già una serie di funzionalità, attivabili o disattivabili a seconda delle necessità, tra cui citiamo: Gestione di blog, libri, commenti, forum e sondaggi Gestione dei profili utente e regole per il controllo degli accessi Inserzione, modifica e catalogazione dei contenuti Feed RSS per i contenuti generati e aggregazione di feed esterni Temi grafici per la modifica dell'aspetto del sito Localizzazione dell'interfaccia in diverse lingue Ricerca avanzata nei contenuti del sito Notifiche automatiche sulla disponibilità di nuove versioni del core di Drupal e dei moduli e temi installati Mentre alcune funzionalità previste dai moduli aggiuntive includono: Sistemi di e-commerce Gallerie fotografiche Rating dei contenuti Editor WYSIWUG Strumenti di Search Engine Optimization Gestione di mailing list Creazione di tipi di contenuto personalizzati Integrazione con servizi di terze parti (AdSense, Digg, Facebook ) 9

14 CAPITOLO 1 CMS La sezione download del sito drupal.org CRITICITÀ La principale critica che viene mossa a Drupal riguarda la ripidità della sua curva di apprendimento: alcuni utenti ritengono Drupal difficile da padroneggiare. L'interfaccia d'amministrazione può risultare un po' confusionaria e l'abbondanza di moduli aggiuntivi spesso con funzionalità sovrapposte possono creare confusione all'utente alle prime armi. Tali problematiche sono state prese in considerazione dal team di sviluppo: a partire dalla versione 5 è possibile installare Drupal e configurare il database quasi interamente tramite un'interfaccia web e con la versione 6 l'installazione è stata ulteriormente semplificata consentendo la localizzazione dei testi sin dalle prime fasi. La versione 7 ha invece avuto una ristrutturazione delle voci di amministrazione. 10

15 CAPITOLO 1 CMS DISTRIBUZIONI Esistono delle distribuzioni di Drupal preconfigurate con moduli di terze parti, eventualmente con modifiche al core, ed impostate per un particolare tipo di sito con lo scopo di semplificare il processo d'installazione e l'utilizzo da parte di chi desideri usare Drupal in un contesto specifico (e-commerce, forum, blog ). Tra le distribuzioni esistenti citiamo: vbdrupal Per una gestione avanzata dello strumento forum. CivicSpace Piattaforma per l'organizzazione di movimenti dal basso e la connessione di gruppi distanti di sostenitori. Open Atrium Fornisce una vasta gamma di funzionalità per costruire e gestire una intranet aziendale. Drupal PA Soluzione accessibile per la pubblica amministrazione in ottemperanza alla legge Stanca, concernente le disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici DRUPAL PA Drupal PA è la distribuzione che è stata utilizzata. Realizzata dalla cooperativa Anastasis, è basata sulla versione 6 di Drupal. Il nome scelto gioca su un doppio significato per l'acronimo PA: Drupal Per l'accessibilità Drupal Pubbliche Amministrazioni 11

16 CAPITOLO 1 CMS Drupal PA integra all'installazione base di Drupal quanto segue: Un tema accessibile Testi prelocalizzati in italiano Una serie di moduli volti ad offrire un'operatività standard nel contesto delle PA PEGOeditor, un editor WYSIWUG per la generazione di codice XHTML accessibile LIMITI Per un utilizzo da parte di una pubblica amministrazione, la cooperativa Anastasis elenca quelle che possono essere ritenute delle limitazioni in Drupal PA: Drupal non si presta ad un ambiente multi-sito con condivisione e migrazione di contenuti tra un sito e l'altro L'architettura di Drupal non è scalabile e non prevede tecniche di load balancing (distribuzione del carico di un servizio tra più server) Complessità nel modulo per la gestione dei contenuti multilingua La parte amministrativa non è totalmente conforme ai criteri di accessibilità Il logo dei creatori di Drupal PA 12

17 CAPITOLO 2 ACCESSIBILITÀ 2.1 INTRODUZIONE Nell'ambito informatico l'accessibilità è la caratteristica di un dispositivo, di un servizio o di una risorsa di essere fruibile con facilità da qualsiasi tipologia di utente a prescindere da disabilità di tipo fisico o mentale. Le esigenze che l'accessibilità si propone di affrontare sono: Visive Daltonismo, ipovisione, cecità. Motorie Lentezze o incapacità muscolari causate da malattie quali il morbo di Parkinson o l'ictus. Uditive Problemi di udito o sordità. Cognitive Disturbi dell'apprendimento e disabilità cognitive di varie origini. Il W3C, il principale organismo internazionale nella definizione di standard web, attraverso la WAI, la Web Accessibility Initiative, ha redatto delle linee guida universalmente riconosciute, con lo scopo di rendere più accessibili i contenuti web a persone disabili, che prendono il nome di WCAG (da Web Content Accessibility Guidelines). Giunte alla seconda revisione l'11 dicembre 2008, coniugano un'applicabilità più ampia ed una maggiore precisione rispetto alla precedente stesura datata Esistono anche alcuni leggi nazionali che definiscono l'accessibilità per i sistemi informatici. Citiamo per esempio la Section 508 degli Stati Uniti e la legge Stanca per quanto riguarda l'italia. 13

18 CAPITOLO 2 ACCESSIBILITÀ 2.2 LEGGE STANCA Riportiamo qui di seguito il testo della legge numero 4 del 9 gennaio 2004 intitolata Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici, nota anche come Legge Stanca, dal nome dell'allora ministro per l'innovazione e le tecnologie Lucio Stanca. Art. 1 - Obiettivi e finalità 1. La Repubblica riconosce e tutela il diritto di ogni persona ad accedere a tutte le fonti di informazione e ai relativi servizi, ivi compresi quelli che si articolano attraverso gli strumenti informatici e telematici. 2. È tutelato e garantito, in particolare, il diritto di accesso ai servizi informatici e telematici della pubblica amministrazione e ai servizi di pubblica utilità da parte delle persone disabili, in ottemperanza al principio di uguaglianza ai sensi dell'articolo 3 della Costituzione. Art. 2 - Definizioni 1. Ai fini della presente legge, si intende per: a) «accessibilità»: la capacità dei sistemi informatici, nelle forme e nei limiti consentiti dalle conoscenze tecnologiche, di erogare servizi e fornire informazioni fruibili, senza discriminazioni, anche da parte di coloro che a causa di disabilità necessitano di tecnologie assistive o configurazioni particolari; b) «tecnologie assistive»: gli strumenti e le soluzioni tecniche, hardware e software, che permettono alla persona disabile, superando o riducendo le condizioni di svantaggio, di accedere alle informazioni e ai servizi erogati dai sistemi informatici. Art. 3 - Soggetti erogatori 1. La presente legge si applica alle pubbliche amministrazioni di cui al comma 2 dell'articolo 1 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, agli enti pubblici economici, alle aziende private concessionarie di servizi pubblici, alle aziende municipalizzate regionali, agli enti di assistenza e di riabilitazione pubblici, alle aziende di trasporto e di telecomunicazione a prevalente partecipazione di capitale pubblico e alle aziende appaltatrici di servizi informatici. 2. Le disposizioni della presente legge in ordine agli obblighi per l'accessibilità non si applicano ai sistemi informatici destinati ad essere fruiti da gruppi di utenti dei quali, per disposizione di legge, non possono fare parte persone disabili. 14

19 CAPITOLO 2 ACCESSIBILITÀ Art. 4 - Obblighi per l'accessibilità 1. Nelle procedure svolte dai soggetti di cui all'articolo 3, comma 1, per l'acquisto di beni e per la fornitura di servizi informatici, i requisiti di accessibilità stabiliti con il decreto di cui all'articolo 11 costituiscono motivo di preferenza a parità di ogni altra condizione nella valutazione dell'offerta tecnica, tenuto conto della destinazione del bene o del servizio. La mancata considerazione dei requisiti di accessibilità o l'eventuale acquisizione di beni o fornitura di servizi non accessibili è adeguatamente motivata. 2. I soggetti di cui all'articolo 3, comma 1, non possono stipulare, a pena di nullità, contratti per la realizzazione e la modifica di siti INTERNET quando non è previsto che essi rispettino i requisiti di accessibilità stabiliti dal decreto di cui all'articolo 11. I contratti in essere alla data di entrata in vigore del decreto di cui all'articolo 11, in caso di rinnovo, modifica o novazione, sono adeguati, a pena di nullità, alle disposizioni della presente legge circa il rispetto dei requisiti di accessibilità, con l'obiettivo di realizzare tale adeguamento entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore del medesimo decreto. 3. La concessione di contributi pubblici a soggetti privati per l'acquisto di beni e servizi informatici destinati all'utilizzo da parte di lavoratori disabili o del pubblico, anche per la predisposizione di postazioni di telelavoro, è subordinata alla rispondenza di tali beni e servizi ai requisiti di accessibilità stabiliti dal decreto di cui all'articolo I datori di lavoro pubblici e privati pongono a disposizione del dipendente disabile la strumentazione hardware e software e la tecnologia assistiva adeguata alla specifica disabilità, anche in caso di telelavoro, in relazione alle mansioni effettivamente svolte. Ai datori di lavoro privati si applica la disposizione di cui all'articolo 13, comma 1, lettera c), della legge 12 marzo 1999, n I datori di lavoro pubblici provvedono all'attuazione del comma 4, nell'ambito delle disponibilità di bilancio. Art. 5 - Accessibilità degli strumenti didattici e formativi 1. Le disposizioni della presente legge si applicano, altresì, al materiale formativo e didattico utilizzato nelle scuole di ogni ordine e grado. 2. Le convenzioni stipulate tra il Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca e le associazioni di editori per la fornitura di libri alle biblioteche scolastiche prevedono sempre la fornitura di copie su supporto digitale degli strumenti didattici fondamentali, accessibili agli alunni disabili e agli insegnanti di sostegno, nell'ambito delle disponibilità di bilancio. Art. 6 - Verifica dell'accessibilità su richiesta 1. La Presidenza del Consiglio dei ministri - Dipartimento per l'innovazione e le tecnologie valuta su richiesta l'accessibilità dei siti INTERNET o del materiale informatico prodotto da soggetti diversi da quelli di cui all'articolo Con il regolamento di cui all'articolo 10 sono individuati: a) le modalità con cui può essere richiesta la valutazione; 15

20 CAPITOLO 2 ACCESSIBILITÀ b) i criteri per la eventuale partecipazione del richiedente ai costi dell'operazione; c) il marchio o logo con cui è reso manifesto il possesso del requisito dell'accessibilità; d) le modalità con cui può essere verificato il permanere del requisito stesso. Art. 7 - Compiti amministrativi 1. La Presidenza del Consiglio dei ministri - Dipartimento per l'innovazione e le tecnologie, anche avvalendosi del Centro nazionale per l'informatica nella pubblica amministrazione di cui all'articolo 4, comma 1, del decreto legislativo 12 febbraio 1993, n. 39, come sostituito dall'articolo 176 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196: a) effettua il monitoraggio dell'attuazione della presente legge; b) vigila sul rispetto da parte delle amministrazioni statali delle disposizioni della presente legge; c) indica i soggetti, pubblici o privati, che, oltre ad avere rispettato i requisiti tecnici indicati dal decreto di cui all'articolo 11, si sono anche meritoriamente distinti per l'impegno nel perseguire le finalità indicate dalla presente legge; d) promuove, di concerto con il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, progetti, iniziative e programmi finalizzati al miglioramento e alla diffusione delle tecnologie assistive e per l'accessibilità; e) promuove, con le altre amministrazioni interessate, sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, l'erogazione di finanziamenti finalizzati alla diffusione tra i disabili delle tecnologie assistive e degli strumenti informatici dotati di configurazioni particolari e al sostegno di progetti di ricerca nel campo dell'innovazione tecnologica per la vita indipendente e le pari opportunità dei disabili; f) favorisce, di concerto con il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e con il Ministro per le pari opportunità, lo scambio di esperienze e di proposte fra associazioni di disabili, associazioni di sviluppatori competenti in materia di accessibilità, amministrazioni pubbliche, operatori economici e fornitori di hardware e software, anche per la proposta di nuove iniziative; g) promuove, di concerto con i Ministeri dell'istruzione, dell'università e della ricerca e per i beni e le attività culturali, iniziative per favorire l'accessibilità alle opere multimediali, anche attraverso specifici progetti di ricerca e sperimentazione con il coinvolgimento delle associazioni delle persone disabili; sulla base dei risultati delle sperimentazioni sono indicate, con decreto emanato di intesa dai Ministri interessati, le regole tecniche per l'accessibilità alle opere multimediali; h) definisce, di concerto con il Dipartimento della funzione pubblica della Presidenza del Consiglio dei ministri, gli obiettivi di accessibilità delle pubbliche amministrazioni nello sviluppo dei sistemi informatici, nonché l'introduzione delle problematiche relative all'accessibilità nei programmi di formazione del personale. 2. Le regioni, le province autonome e gli enti locali vigilano sull'attuazione da parte dei propri uffici delle disposizioni della presente legge. 16

21 CAPITOLO 2 ACCESSIBILITÀ Art. 8 - Formazione 1. Le amministrazioni di cui all'articolo 3, comma 1, nell'ambito delle attività di cui al comma 4 dell'articolo 7 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, nonché dei corsi di formazione organizzati dalla Scuola superiore della pubblica amministrazione, e nell'ambito delle attività per l'alfabetizzazione informatica dei pubblici dipendenti di cui all'articolo 27, comma 8, lettera g), della legge 16 gennaio 2003, n. 3, inseriscono tra le materie di studio a carattere fondamentale le problematiche relative all'accessibilità e alle tecnologie assistive. 2. La formazione professionale di cui al comma 1 è effettuata con tecnologie accessibili. 3. Le amministrazioni di cui all'articolo 3, comma 1, nell'ambito delle disponibilità di bilancio, predispongono corsi di aggiornamento professionale sull'accessibilità. Art. 9 - Responsabilità 1. L'inosservanza delle disposizioni della presente legge comporta responsabilità dirigenziale e responsabilità disciplinare ai sensi degli articoli 21 e 55 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, ferme restando le eventuali responsabilità penali e civili previste dalle norme vigenti. Art Regolamento di attuazione 1. Entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, con regolamento emanato ai sensi dell'articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400, sono definiti: a) i criteri e i princìpi operativi e organizzativi generali per l'accessibilità; b) i contenuti di cui all'articolo 6, comma 2; c) i controlli esercitabili sugli operatori privati che hanno reso nota l'accessibilità dei propri siti e delle proprie applicazioni informatiche; d) i controlli esercitabili sui soggetti di cui all'articolo 3, comma Il regolamento di cui al comma 1 è adottato previa consultazione con le associazioni delle persone disabili maggiormente rappresentative, con le associazioni di sviluppatori competenti in materia di accessibilità e di produttori di hardware e software e previa acquisizione del parere delle competenti Commissioni parlamentari, che devono pronunciarsi entro quarantacinque giorni dalla richiesta, e d'intesa con la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n Art Requisiti tecnici 1. Entro centoventi giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge il Ministro per l'innovazione e le tecnologie, consultate le associazioni delle persone disabili maggiormente rappresentative, con proprio decreto stabilisce, nel rispetto dei criteri e dei princìpi indicati dal regolamento di cui all'articolo 10: a) le linee guida recanti i requisiti tecnici e i diversi livelli per l'accessibilità; b) le metodologie tecniche per la verifica dell'accessibilità dei siti INTERNET, nonché i programmi di valutazione assistita utilizzabili a tale fine. 17

22 CAPITOLO 2 ACCESSIBILITÀ Art Normative internazionali 1. Il regolamento di cui all'articolo 10 e il decreto di cui all'articolo 11 sono emanati osservando le linee guida indicate nelle comunicazioni, nelle raccomandazioni e nelle direttive sull'accessibilità dell'unione europea, nonché nelle normative internazionalmente riconosciute e tenendo conto degli indirizzi forniti dagli organismi pubblici e privati, anche internazionali, operanti nel settore. 2. Il decreto di cui all'articolo 11 è periodicamente aggiornato, con la medesima procedura, per il tempestivo recepimento delle modifiche delle normative di cui al comma 1 e delle innovazioni tecnologiche nel frattempo intervenute. 2.3 REQUISITI PER L'ACCESSIBILITÀ L'allegato A del decreto ministeriale del 8 luglio 2005 definisce i 22 requisiti che i siti devono rispettare per ritenersi accessibili. Ne riportiamo qui di seguito il testo. Requisito 1 Realizzare le pagine e gli oggetti al loro interno utilizzando tecnologie definite da grammatiche formali pubblicate nelle versioni più recenti disponibili quando sono supportate dai programmi utente. Utilizzare elementi ed attributi in modo conforme alle specifiche, rispettandone l aspetto semantico. In particolare, per i linguaggi a marcatori HTML (HypertText Markup Language) e XHTML (extensible HyperText Markup Language): A) per tutti i siti di nuova realizzazione utilizzare almeno la versione 4.01 dell HTML o preferibilmente la versione 1.0 dell XHTML, in ogni caso con DTD (Document Type Definition Definizione del Tipo di Documento) di tipo Strict; B) per i siti esistenti, in sede di prima applicazione, nel caso in cui non sia possibile ottemperare al punto A) è consentito utilizzare la versione dei linguaggi sopra indicati con DTD Transitional, ma con le seguenti avvertenze: 1) evitare di utilizzare, all interno del linguaggio a marcatori con il quale la pagina è realizzata, elementi ed attributi per definirne le caratteristiche di presentazione della pagina (per esempio, caratteristiche dei caratteri del testo, colori del testo stesso e dello sfondo, ecc.), ricorrendo invece ai Fogli di Stile CSS (Cascading Style Sheets) per ottenere lo stesso effetto grafico; 18

23 CAPITOLO 2 ACCESSIBILITÀ 2) evitare la generazione di nuove finestre; ove ciò non fosse possibile, avvisare esplicitamente l utente del cambiamento del focus; 3) pianificare la transizione dell intero sito alla versione con DTD Strict del linguaggio utilizzato, dandone comunicazione alla Presidenza del Consiglio dei ministri Dipartimento per l innovazione e le tecnologie e al Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione. Requisito 2 Non è consentito l uso dei frame nella realizzazione di nuovi siti. In sede di prima applicazione, per i siti Web esistenti già realizzati con frame è consentito l uso di HTML 4.01 o XHTML 1.0 con DTD frameset, ma con le seguenti avvertenze: A) evitare di utilizzare, all interno del linguaggio a marcatori con il quale la pagina è realizzata, elementi ed attributi per definirne le caratteristiche di presentazione della pagina (per esempio, caratteristiche dei caratteri del testo, colori del testo stesso e dello sfondo, ecc.), ricorrendo invece ai Fogli di Stile CSS (Cascading Style Sheets) per ottenere lo stesso effetto grafico; B) fare in modo che ogni frame abbia un titolo significativo per facilitarne l identificazione e la navigazione; se necessario, descrivere anche lo scopo dei frame e la loro relazione; C) pianificare la transizione a XHTML almeno nella versione 1.0 con DTD Strict dell intero sito dandone comunicazione alla Presidenza del Consiglio dei ministri Presidenza del Consiglio dei ministri Dipartimento per l innovazione e le tecnologie e al Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione. Requisito 3 Fornire una alternativa testuale equivalente per ogni oggetto non di testo presente in una pagina e garantire che quando il contenuto non testuale di un oggetto cambia dinamicamente vengano aggiornati anche i relativi contenuti equivalenti predisposti; l alternativa testuale equivalente di un oggetto non testuale deve essere commisurata alla funzione esercitata dall oggetto originale nello specifico contesto. Requisito 4 Garantire che tutti gli elementi informativi e tutte le funzionalità siano disponibili anche in assenza del particolare colore utilizzato per presentarli nella pagina. Requisito 5 Evitare oggetti e scritte lampeggianti o in movimento le cui frequenze di intermittenza possano provocare disturbi da epilessia fotosensibile o disturbi della concentrazione, ovvero possano causare il malfunzionamento delle tecnologie assistive utilizzate; qualora esigenze informative richiedano comunque il loro utilizzo, avvertire l utente del possibile rischio prima di presentarli e predisporre metodi che consentano di evitare tali elementi. 19

24 CAPITOLO 2 ACCESSIBILITÀ Requisito 6 Garantire che siano sempre distinguibili il contenuto informativo (foreground) e lo sfondo (background), ricorrendo a un sufficiente contrasto (nel caso del testo) o a differenti livelli sonori (in caso di parlato con sottofondo musicale); evitare di presentare testi in forma di immagini; ove non sia possibile, ricorrere agli stessi criteri di distinguibilità indicati in precedenza. Requisito 7 Utilizzare mappe immagine sensibili di tipo lato client piuttosto che lato server, salvo il caso in cui le zone sensibili non possano essere definite con una delle forme geometriche predefinite indicate nella DTD adottata. Requisito 8 In caso di utilizzo di mappe immagine lato server, fornire i collegamenti di testo alternativi necessari per ottenere tutte le informazioni o i servizi raggiungibili interagendo direttamente con la mappa. Requisito 9 Per le tabelle dati usare gli elementi (marcatori) e gli attributi previsti dalla DTD adottata per descrivere i contenuti e identificare le intestazioni di righe e colonne. Requisito 10 Per le tabelle dati usare gli elementi (marcatori) e gli attributi previsti nella DTD adottata per associare le celle di dati e le celle di intestazione che hanno due o più livelli logici di intestazione di righe o colonne. Requisito 11 Usare i fogli di stile per controllare la presentazione dei contenuti e organizzare le pagine in modo che possano essere lette anche quando i fogli di stile siano disabilitati o non supportati. Requisito 12 La presentazione e i contenuti testuali di una pagina devono potersi adattare alle dimensioni della finestra del browser utilizzata dall utente senza sovrapposizione degli oggetti presenti o perdita di informazioni tali da rendere incomprensibile il contenuto, anche in caso di ridimensionamento, ingrandimento o riduzione dell area di visualizzazione o dei caratteri rispetto ai valori predefiniti di tali parametri. Requisito 13 In caso di utilizzo di tabelle a scopo di impaginazione, garantire che il contenuto della tabella sia comprensibile anche quando questa viene letta in modo linearizzato e utilizzare gli elementi e gli attributi di una tabella rispettandone il valore semantico definito nella specifica del linguaggio a marcatori utilizzato. 20

25 CAPITOLO 2 ACCESSIBILITÀ Requisito 14 Nei moduli (form), associare in maniera esplicita le etichette ai rispettivi controlli, posizionandole in modo che sia agevolata la compilazione dei campi da parte di chi utilizza le tecnologie assistive. Requisito 15 Garantire che le pagine siano utilizzabili quando script, applet, o altri oggetti di programmazione sono disabilitati oppure non supportati; ove ciò non sia possibile fornire una spiegazione testuale della funzionalità svolta e garantire una alternativa testuale equivalente, in modo analogo a quanto indicato nel requisito 3. Requisito 16 Garantire che i gestori di eventi che attivano script, applet o altri oggetti di programmazione o che possiedono una propria specifica interfaccia, siano indipendenti da uno specifico dispositivo di input. Requisito 17 Garantire che le funzionalità e le informazioni veicolate per mezzo di oggetti di programmazione, oggetti che utilizzano tecnologie non definite da grammatiche formali pubblicate, script e applet siano direttamente accessibili. Requisito 18 Nel caso in cui un filmato o una presentazione multimediale siano indispensabili per la completezza dell informazione fornita o del servizio erogato, predisporre una alternativa testuale equivalente, sincronizzata in forma di sotto-titolazione o di descrizione vocale, oppure fornire un riassunto o una semplice etichetta per ciascun elemento video o multimediale tenendo conto del livello di importanza e delle difficoltà di realizzazione nel caso di trasmissioni in tempo reale. Requisito 19 Rendere chiara la destinazione di ciascun collegamento ipertestuale (link) con testi significativi anche se letti indipendentemente dal proprio contesto oppure associare ai collegamenti testi alternativi che possiedano analoghe caratteristiche esplicative, nonché prevedere meccanismi che consentano di evitare la lettura ripetitiva di sequenze di collegamenti comuni a più pagine. Requisito 20 Nel caso che per la fruizione del servizio erogato in una pagina è previsto un intervallo di tempo predefinito entro il quale eseguire determinate azioni, è necessario avvisare esplicitamente l utente, indicando il tempo massimo consentito e le alternative per fruire del servizio stesso. 21

26 CAPITOLO 2 ACCESSIBILITÀ Requisito 21 Rendere selezionabili e attivabili tramite comandi da tastiere o tecnologie in emulazione di tastiera o tramite sistemi di puntamento diversi dal mouse i collegamenti presenti in una pagina; per facilitare la selezione e l attivazione dei collegamenti presenti in una pagina è necessario garantire che la distanza verticale di liste di link e la spaziatura orizzontale tra link consecutivi sia di almeno 0,5 em, le distanze orizzontale e verticale tra i pulsanti di un modulo sia di almeno 0,5 em e che le dimensioni dei pulsanti in un modulo siano tali da rendere chiaramente leggibile l etichetta in essi contenuta. Requisito 22 Per le pagine di siti esistenti che non possano rispettare i suelencati requisiti (pagine non accessibili), in sede di prima applicazione, fornire il collegamento a una pagina conforme a tali requisiti, recante informazioni e funzionalità equivalenti a quelle della pagina non accessibile ed aggiornata con la stessa frequenza, evitando la creazione di pagine di solo testo; il collegamento alla pagina conforme deve essere proposto in modo evidente all inizio della pagina non accessibile DRUPAL E I REQUISITI Passiamo in rassegna i 22 requisiti tecnici per l'accessibilità condensandone il contenuto in poche parole e vediamo come si comporta Drupal in confronto ad essi. 1. Usare linguaggi standard e utilizzarli in modo corretto Drupal utilizza codice XHTML e CSS valido con intestazioni corrette. La responsabilità della correttezza del codice inserito è in gran parte dell'utente che inserisce i contenuti nel sito. Strumenti di validazione automatica possono venire in aiuto in tal senso. L'utente dovrà inoltre rispettare il valore semantico degli elementi ed attributi del linguaggio XHTML. 2. L'uso dei frame non è consentito Per quanto riguarda il Front-End Drupal non fa uso di frame. Discorso differente per il Back-End, ma la legge Stanca non fa esplicita richiesta di accessibilità per il lato amministrativo. 22

27 CAPITOLO 2 ACCESSIBILITÀ 3. Fornire alternative testuali equivalenti agli oggetti non di testo Il rispetto di questo requisito dipende dall'utente che deve premurarsi di compilare l'attributo alt per i contenuti di tipo immagine che abbiano una valenza informativa, mentre per le immagini decorative l'attributo alt deve essere lasciato vuoto. 4. Non assegnare significato all'informazione solo attraverso il colore Per esempio i link all'interno di contenuti testuali dovranno essere presentati con sottolineatura. Il tema predefinito di Drupal PA rispetta questo requisito. Nel caso di temi che non lo facciano dovremo andare a modificare i fogli di stile CSS. 5. Evitare oggetti lampeggianti che potrebbero causare attacchi epilettici o disturbare la concentrazione Di default Drupal PA non utilizza nessun tipo di immagine a intermittenza rapida. È compito dell'utente editore rispettare questo requisito. 6. Garantire che il contenuto informativo sia ben distinguibile dallo sfondo Il tema di Drupal PA utilizza testo nero su sfondo bianco. In caso di modifiche ci vengono in aiuto strumenti software che calcolando il contrasto tra due differenti colori ci consentono di rispettare il requisito. 7. Usare mappe immagini lato client In Drupal è disponibile un modulo aggiuntivo che facilita la creazione di mappe immagini. 23

28 CAPITOLO 2 ACCESSIBILITÀ 8. Fornire link testuali alternativi per le mappe immagini lato server Sarà compito dell'utente editore formattare la mappa immagine compatibilmente con la richiesta del requisito. 9. Per le tabelle usare marcatori e attributi previsti dalla DTD CKEditor è un modulo aggiuntivo per Drupal che funge da editor per l'inserimento di contenuti e tra le sue funzionalità dispone anche di un'interfaccia per la creazione di tabelle nel rispetto delle richieste di questo requisito. 10. Nelle tabelle associare le celle dati alle relative intestazioni Per le tabelle dati più complesse è compito dell'utente editore la corretta formattazione della stessa. 11. Usare i fogli di stile per controllare la presentazione Drupal utilizza i fogli di stile CSS per controllare la separazione tra contenuto e presentazione ed in generale ogni tema grafico sviluppato per Drupal è basato sui CSS. 12. Rendere la struttura del sito e i suoi contenuti ridimensionabili Drupal PA utilizza un tema grafico con impostazione della grandezza dei caratteri in valore relativo e con un layout che in gerco tecnico si definisce liquido, cioè in grado di adattarsi alle dimensioni della finestra del browser e di ridimensionarsi in base alla dimensione del testo dell'utente. Per gli altri temi grafici il rispetto di questo requisito dovrà essere verificato caso per caso. 24

29 CAPITOLO 2 ACCESSIBILITÀ 13. In tabelle di impaginazione verificare la linearizzazione dei contenuti e rispettare gli attributi semantici Il tema grafico di Drupal PA non fa uso di tabelle per definirne il layout ma utilizza i CSS. Esistono altri temi che ne fanno uso ma il loro utilizzo è comunque sconsigliato in quanto meno indicato in termini di accessibilità dei contenuti e di correttezza formale del linguaggio di marcatura. 14. Etichettare i campi delle form L'utente editore dovrà essere istruito su come debbano essere create le form in modo da soddisfare il requisito. Guide come questa: o questa: (in inglese) spiegano come realizzare form accessibili. 15. Garantire l'accessibilità anche in presenza di oggetti di programmazione L'installazione base di Drupal PA non presenta problemi con questo requisito. In caso d'implementazione di applet o script andrà verificata la funzionalità del sito con questi oggetti disabilitati e fornita un'alternativa testuale ove necessario. 16. Rendere i gestori di eventi indipendenti dal dispositivo di input Anche qui nessun problema nell'installazione base di Drupal PA. Bisognerà verificare che i gestori di eventi per gli script e applet che andremo ad inserire nel sito maneggino gli eventi con attributi che non facciano riferimento ad un solo dispositivo di input. 25

30 CAPITOLO 2 ACCESSIBILITÀ 17. Rendere accessibili i contenuti generati da oggetti di programmazione Il rispetto del requisito dipende dalla corretta implementazione di tutti gli oggetti di programmazione, quali ad esempio possono essere interfacce in Flash e Java, plug-in audio, video o PDF. 18. Fornire sottotitolazione e descrizione vocale per i contenuti multimediali Nessun problema per quanto riguarda Drupal nello specifico. In presenza di contenuti multimediali dovremo implementare alternative che prendano in considerazione le disabilità di tipo uditivo e visivo. 19. Identificare chiaramente la destinazione di ogni collegamento Questo requisito va tenuto in considerazione nella fase di creazione del sito e dei successivi inserimenti di contenuti. Saranno da implementare titoli per i link non espliciti, link per saltare direttamente al contenuto della pagina e tasti di scelta rapida per spostarsi da una parte all'altra della pagina. 20. Avvisare l'utente della presenza di contenuti temporizzati Di base Drupal PA non prevede nessuna funzionalità a tempo. 21. Rendere i collegamenti attivabili da tastiera e spaziarli sufficientemente tra loro Essendo la struttura delle pagine gestita tramite CSS è facile verificare ed adattare i contenuti alla richiesta del requisito. 26

31 CAPITOLO 2 ACCESSIBILITÀ 22. Creare alternative accessibili di pagine esistenti che non possono essere rese tali Questo requisito non si applica per i siti di nuova creazione e dovremo quindi creare con Drupal PA pagine che rispettino in partenza i precedenti 21 requisiti. Possiamo quindi concludere che Drupal PA è un CMS ben progettato che rispetta i moderni standard web e che si presta molto bene al rispetto della legge Stanca e dei suoi 22 requisiti tecnici. Buona parte del successo nella realizzazione e gestione di un sito accessibile dipende dagli utenti che interagiranno con esso, i quali dovranno essere formati nelle tecniche e metodologie di inserimento dei contenuti in modo da rispettare tutte le regole per l'accessibilità. Il bollino che attesta il superamento della verifica tecnica ai 22 requisiti per l'accessibilità 27

32 CAPITOLO 2 ACCESSIBILITÀ 2.4 STRUMENTI DI SUPPORTO Segnaliamo alcune risorse e strumenti a supporto dell'utente alle prese con la creazione di un sito web accessibile. Dividiamo questa carrellata in due categorie distinte: I Software, quali plug-in ed estensioni per i browser, che implementano nuove funzionalità, e i servizi online, quali validatori e test, che analizzano le nostre pagine ed aiutano nella rilevazione e correzione di eventuali errori. Software: La Barra Dell'accessibilità (http://goo.gl/i30xy) Plug-in per Internet Explorer, è uno strumento molto ricco, creato con lo scopo di supportare la verifica manuale di un gran numero di aspetti riguardanti l'accessibilità di una pagina web. Web Developer (http://goo.gl/lxrus) Estensione per Firefox, aggiunge una toolbar che integra molti strumenti che semplificano e velocizzano il lavoro dello sviluppatore web. Utile anche per interventi su pagine web già esistenti. Firebug (http://goo.gl/1rece) Estensione per Firefox, integra una serie di strumenti di sviluppo che permettono di eseguire il debug, monitorare e modificare CSS, HTML e JavaScript nelle pagine web. Espandibile con un modulo che aggiunge funzionalità specifiche per Drupal. Fangs Screen Reader Emulator (http://goo.gl/yjxcy) Estensione per Firefox, è un emulatore di lettore di schermo. Presenta una versione solo testo di una pagina web analoga a come verrebbe letta da uno screen reader e permette quindi di capire se il nostro sito risulta fruibile da utenti affetti da cecità. 28

33 CAPITOLO 2 ACCESSIBILITÀ NoScript (http://goo.gl/9ibn5) Estensione per Firefox, permette selettivamente di disattivare script, elementi Flash o Java in modo da poter testare l'accessibilità del sito in configurazioni in cui queste tecnologie non siano disponibili. Contrast Analyser (http://goo.gl/oyv4o) Software disponibile per Windows e Mac, permette il controllo delle combinazioni di colori di primo piano e sfondo, allo scopo di determinare se essi garantiscono una buona visibilità come richiesto dal requisito numero 6 della legge italiana per l'accessibilità. Strumenti online: W3C Markup Validation Service (http://goo.gl/peplp) Servizio di validazione online del W3C per la correttezza del codice HTML e XHTML inserito nelle nostre pagine web. Lo strumento riporta, accompagnandoli con una breve spiegazione, gli errori rilevati, assistendoci quindi nelle operazioni di correzione. W3C CSS Validation Service (http://goo.gl/ijo8u) Servizio di validazione online del W3C per la correttezza dei fogli di stile CSS presenti nel nostro sito web. Anche qui viene fornito un resoconto dettagliato con avvertenze ed errori rilevati. W3C Link Checker (http://goo.gl/rfcs8) Servizio online del W3C che verifica la validità dei link e ancore presenti nel nostro sito web. Vischeck (http://goo.gl/stvf1) Simulatore di percezione cromatica per la verifica della leggibilità del sito anche in presenza di disabilità nella percezione dei colori. 29

34 CAPITOLO 2 ACCESSIBILITÀ Cynthia Says (http://goo.gl/kd5jy) Servizio di validazione online per pagine e siti web nei confronti dei criteri di accessibilità redatti dalla Section 508 degli Stati Uniti e dalle WCAG del WAI con i suoi tre livelli di priorità. Compatibile quindi anche con i 22 requisiti della legge italiana che fa riferimento alle due regolamentazioni sopracitate. Wave (http://goo.gl/ht4e5) Servizio online di validazione automatica per quanto concerne gli aspetti legati all'accessibilità di un sito web. Fornisce un feedback non in forma testuale, ma come serie di icone accoppiate agli elementi della pagina, ciascuna dotata di uno specifico significato. CSS Colour Contrast Test (http://goo.gl/ueejw) Servizio online che analizza i file CSS verificando esclusivamente che il contrasto fra colore principale e sfondo di una pagina sia sufficientemente elevato e che le dimensioni dei caratteri siano specificate in valori relativi e non assoluti. 30

35 CAPITOLO 3 INSTALLAZIONE 3.1 INSTALLAZIONE SERVER WEB Il primo passo per lo sviluppo in locale del portale è quello di dotare la nostra macchina delle funzionalità tipiche di un server web. Per fare ciò si necessita l'installazione delle seguenti componenti: Apache È il software che funge da piattaforma server web vera e propria realizzando le funzioni di trasporto delle informazioni, di internetworking e di collegamento. PHP Acronimo ricorsivo di PHP: Hypertext Preprocessor è il linguaggio di scripting utilizzato da Drupal, è quindi necessario installare il software interprete di tale linguaggio. MySQL Drupal per funzionare ha bisogno di un database in cui scrivere tutte le informazioni relative alle configurazioni e ai contenuti. MySQL è il Database Management System che utilizzeremo. phpmyadmin Questo strumento consente di amministrare in modo semplificato i database di MySQL attraverso un'interfaccia grafica visualizzabile da browser. Questo tipo di piattaforma di sviluppo prende il nome di AMP (acronimo di Apache MySQL PHP) e nello specifico si parla di WAMP o LAMP a seconda che questo ambiente di sviluppo sia installato su macchine con sistema operativo Windows o Linux. 31

36 CAPITOLO 3 INSTALLAZIONE Esistono dei software che integrano in un unico pacchetto d'installazione tutte le componenti sopracitate e a volte anche componenti aggiuntive quali ad esempio server FTP, mail server, etc. Il loro grande pregio oltre alla rapidità d'installazione è dato dal fatto che le componenti presenti sono già configurate per poter operare l'una insieme all'altra, il tutto a favore di una grande semplicità d'utilizzo. Il pacchetto che si è scelto di utilizzare è EasyPHP. Scaricabile dal sito ufficiale e giunto alla release , comprende al suo interno i componenti aggiornati alle versioni seguenti: Apache PHP MySQL phpmyadmin Una volta installato EasyPHP è possibile interfacciarsi con il server web attraverso l'indirizzo di localhost ( ). Il menù di amministrazione di EasyPHP 32

37 CAPITOLO 3 INSTALLAZIONE In quanto EasyPHP è compatibile solamente con il sistema operativo Microsoft Windows, per uno sviluppo in ambiente Linux è necessario utilizzare un software differente. XAMPP è un software analogo ad EasyPHP che in più ha il vantaggio di essere multipiattaforma, quindi compatibile con diversi sistemi operativi. È disponibile per il download dal sito ufficiale Come per EasyPHP, una volta installato ed avviato, digitando l'indirizzo di localhost da browser è possibile accedere al menù di amministrazione. Il menù di amministrazione di XAMPP 33

38 CAPITOLO 3 INSTALLAZIONE 3.2 CREAZIONE DATABASE Preventivamente all'installazione di Drupal è necessario creare un database che poi Drupal potrà utilizzare popolandolo con i propri dati di configurazione e successivamente con i contenuti del sito che andremo a creare. La creazione del database è molto semplice e può essere effettuata mediante phpmyadmin. Accediamo alla sezione di amministrazione di EasyPHP e clicchiamo sulla voce Manage MySQL with phpmyadmin, verrà visualizzata la pagina principale dell'interfaccia di amministrazione di phpmyadmin, qui dovremo scegliere un nome per il nostro nuovo database e cliccare sul pulsante Crea. Il menù di amministrazione di phpmyadmin Fatto questo, phpmyadmin ci segnalerà se il database è stato creato correttamente. Messaggio di conferma avvenuta creazione DB 34

39 CAPITOLO 3 INSTALLAZIONE 3.3 INSTALLAZIONE DRUPAL PA Possiamo procedere ora all'installazione vera e propria di Drupal PA. Prima di tutto scarichiamo Drupal PA dal sito ufficiale la versione attualmente disponibile è la Il file scaricato è un archivio compresso, dobbiamo decomprimerlo e copiarlo nella cartella di nome www all'interno della directory d'installazione di EasyPHP, mentre per guanto riguarda XAMPP, la cartella in cui dobbiamo copiare Drupal PA si chiama htdocs. Ora bisogna entrare nella sottocartella di Drupal PA di percorso \sites\default, creare una copia del file default.settings.php e rinominarla in settings.php e per evitare possibili problemi con l'installazione dobbiamo modificare i due file sopracitati inserendo alla riga 149 il seguente comando: ini_set('max_execution_time','120');. Per riuscire a fare ciò facilmente è necessario usare un editor che abbia la numerazione delle righe come per esempio Notepad++ che ha anche il vantaggio di essere gratuito, è possibile scaricarlo dal sito ufficiale Assicuriamoci che i servizi Apache e MySQL di EasyPHP siano amministrazione. avviati Nella ed accediamo sezione Local quindi Web è al suo presente menù Drupal di PA, clicchiamoci per avviare l'installazione. Drupal PA nel menù di amministrazione di EasyPHP Per quanto riguarda XAMPP, per avviare l'installazione dovremo invece digitare direttamente nella barra degli indirizzi del browser l'indirizzo: /drupalpa. 35

40 CAPITOLO 3 INSTALLAZIONE Verrà visualizzata la seguente schermata: Installazione Drupal PA Configurazione Database Qui dovremo inserire i dati relativi al database che abbiamo creato precedentemente: il nome del database, il nome utente e la password. Le opzioni avanzate possono essere trascurate. Clicchiamo su Salva e continua. Nella schermata successiva dovremo inserire il nome e l' per il sito e definire il profilo amministratore con nome, e password. Se supportati dal server web attiviamo gli URL semplificati in quanto rendono più semplice il processo di indicizzazione nei motori di ricerca. Clicchiamo su Salva e continua. L'installazione è completa. Trascuriamo il messaggio d'errore relativo all' in quanto lavorando in locale non abbiamo configurato un mail server. Clicchiamo sul logo in alto a sinistra per accedere al nostro nuovo sito. 36

41 CAPITOLO 3 INSTALLAZIONE 3.4 AGGIORNAMENTO DRUPAL PA Completata l'installazione la prima cosa da fare è aggiornare le componenti di Drupal PA. Ciò è molto importante perché nuove versioni possono correggere vulnerabilità e problemi di sicurezza oltre che riparare ad eventuali bug o aggiungere nuove feature. Drupal è in grado di controllare autonomamente e periodicamente la presenza di aggiornamenti e ne segnala la presenza nel menù d'amministrazione alla voce Rapporti Aggiornamenti disponibili. Effettuata la verifica notiamo la disponibilità di nuove versioni per il core e i moduli installati che possiamo scaricare velocemente grazie ai link presenti nella pagina. Drupal segnala la presenza di aggiornamenti I moduli vanno aggiornati copiandoli nel percorso \sites\all\modules della cartella di installazione di Drupal PA, sovrascrivendo i file già presenti. Eseguiamo poi da browser il file update.php per completare l'aggiornamento. La procedura di aggiornamento del core è simile a quella dei moduli, in cui dobbiamo sovrascrivere i vecchi file con quelli nuovi, tranne che per il file settings.php presente in \sites\default. Drupal è aggiornato 37

42 CAPITOLO 4 LA ONLUS AITIM 4.1 PRESENTAZIONE AITIM, Associazione Italiana di Telemedicina e Informatica Medica, è la Onlus per la quale si è realizzato il portale internet. Riportiamo qui di seguito una breve presentazione tratta da informaticisenzafrontiere.org per capire di cosa si occupi e quali siano le sue aree di interesse: AITIM è l Associazione che vuole essere un punto d incontro e di aggregazione di quanti si occupano, a vari livelli, di ricerca, sviluppo ed applicazione dell informatica e della telematica e ITC in medicina. Dal 2000 AITIM attraverso varie iniziative (incontri, corsi, studi, analisi e ricerche) promuove la sanità elettronica (E-Health) coinvolgendo le istituzioni sanitarie a livello locale, regionale, nazionale ed internazionale, i centri di ricerca e sviluppo, le università, le aziende pubbliche e private del settore e le associazioni scientifiche in medicina ed in informatica, le organizzazioni di operatori sanitari e di cittadini / pazienti, per diffondere le discipline scientifiche e le applicazioni telematiche e informatiche in medicina nel sistema sanitario. Le aree d interesse dell associazione sono: Telemedicina e teleassistenza Teleconsulto / telediagnosi Reti sanitarie e territoriali Record medico e carte sanitarie Database clinici ed epidemiologici 38

43 CAPITOLO 4 LA ONLUS AITIM Sistemi informativi ospedalieri e sanitari Internet in sanità Formazione a distanza per operatori sanitari Sistemi di supporto alla decisione medica Software statistico in campo sanitario ed in epidemiologia Il logo della Onlus 4.2 SPECIFICHE DEL PORTALE Per la realizzazione del portale sono state seguite le indicazoni del ing. Domenico M. Pisanelli, segretario della Onlus AITIM. Come punto di partenza per avere un'idea su come siano strutturati i portali internet delle Onlus che si occupano di ricerca medica e quali tipi di contenuti essi debbano contenere, sono stati presi in esame il sito dell'amia, American Medical Informatics Association, e il portale della Società Italiana di Chirurgia, dei quali vengono riportati qui di seguito una vista delle loro home page. 39

44 CAPITOLO 4 LA ONLUS AITIM 40

45 CAPITOLO 4 LA ONLUS AITIM Possiamo osservare che tra le funzioni che questo tipo di portale deve svolgere ci sono quelle di strumento informativo per i nuovi utenti, dove troveremo quindi una presentazione della Onlus, la sua storia, gli obiettivi, la struttura organizzativa e la lista dei soci con i relativi contatti. Il portale deve prevedere inoltre la possibilità di registrazione per permettere agli utenti un accesso personalizzato in base al ruolo ricoperto e consentire così un alto grado di interattività al suo interno che altrimenti non sarebbe consentito. La funzione più importante è quella di informare e aggiornare costantemente gli utenti riguardo tutte le attività (iniziative, congressi, progetti, eventi ) promosse dalla Onlus. Questo tipo di contenuti dovrà avere un'ampia visibilità e può essere anche integrato con strumenti quali newsletter e feed RSS. I due portali presi in esame sono strutturati in maniera analoga: presentano un menù orizzontale in cima e un layout a tre colonne, con il contenuto principale al centro, un menù verticale a sinistra e blocchi funzionali dislocati sia a destra che a sinistra. Questo tipo di impaginazione è ormai utilizzato per siti internet di vario genere in quanto presenta una struttura chiara e ben suddivisa che permette un'interazione con il sito in maniera facile e naturale. Partendo da questi presupposti ha inizio la realizzazione del portale. 41

46 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE 5.1 IL TEMA GRAFICO Il primo passo da affrontare nella realizzazione del portale internet per la Onlus AITIM è quello della scelta del tema grafico. Sul sito ufficiale drupal.org sono disponibili centinaia di temi tra cui poter scegliere, liberamente scaricabili e utilizzabili. Esso dovrà essere scelto in modo che sia coerente e si possa adattare facilmente alle specifiche richieste dal segretario della Onlus. Dovendo realizzare un portale conforme alla legge Stanca, un altro aspetto di fondamentale importanza da tenere in considerazione è che il tema dovrà essere accessibile, cioè concepito secondo alcuni criteri che prevedano il rispetto dei requisiti per l'accessibilità. Tra questi criteri citiamo: Conformità agli standard XHTML 1.0 Strict e CSS 2.1 Layout liquido senza tabelle Compatibilità multi-browser Funzionalità di salta menù Dimensione dei caratteri relativa Alcuni validi temi accessibili sono i seguenti: Aberdeen Clean Flexible Genesis Tendu Zen 42

47 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE Come base di partenza si è deciso di utilizzare il tema grafico standard di Drupal PA. Questo perché essendo basato sul tema Zen, i requisiti di accessibilità sono garantiti. Esso presenta inoltre un layout compatibile a come si è pensato di strutturare il portale e coniuga ad un design piacevole e colorato un'impaginazione chiara e di facile consultazione mentre altri temi accessibili sono caratterizzati da un aspetto troppo spoglio e poco accattivante. Il tema predefinito di Drupal PA PERSONALIZZAZIONE DEL TEMA Ogni tema grafico è composto da una serie di file contenuti in una cartella. I file del nostro tema sono contenuti in \sites\all\themes\drupalpa partendo dalla directory principale del portale. Sono questi i file che andranno modificati per apportare le necessarie modifiche alla grafica del tema. 43

48 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE Questi file si dividono principalmente in tre categorie: I fogli di stile CSS Per modificare la presentazione e la formattazione dei contenuti. I template PHP Necessari a definire la struttura, il contenuto e l'aspetto di ciascuna porzione della pagina. Le immagini Predefinite per alcune aree del tema e sostituibili a piacimento. È inoltre presente nel pannello di amministrazione di Drupal una pagina di configurazione per il tema selezionato che permette tra le altre cose di scegliere facilmente quali elementi visualizzare e impostare un logo personalizzato. Essa è raggiungibile dal menù di amministrazione al percorso Amministra Costruzione del sito Temi Configura. Vediamo in dettaglio le modifiche che sono state apportate al nostro portale partendo proprio da questa pagina di configurazione. Qui abbiamo disabilitato il segno di spunta dalle voci Link primari e Finestrella di ricerca, perché questa impostazione le posiziona in aree fisse e non modificabili, mentre attivandole da un menù di configurazione differente sarà poi possibile modificarle e spostarle a nostro piacimento. Nei due menù successivi abbiamo disabilitato il logo e la favicon di default e sono state caricate quelle da noi personalizzate. Il logo è visualizzato in alto a sinistra nell'header del sito, mentre la favicon è una piccola icona che viene visualizzata nella barra degli indirizzi e nei segnalibri di molti browser. 44

49 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE In Breadcrumb settings è stata attivata l'ultima voce. Questa sezione riguarda quella che in italiano si definisce navigazione a briciole di pane, essa è una feature molto importante soprattutto per quanto riguarda l'accessibilità in quanto visualizza in cima alla pagina il percorso completo della navigazione consentendo sempre di sapere dove ci si trova rispetto alla gerarchia delle pagine del sito. Impostazioni per i breadcrumb Passiamo ora alle modifiche che sono state fatte ai file che compongono il tema. I file dove si è agito sono principalmente due: drupalpa.css e layout.css. Accompagneremo alla descrizione delle modifiche la parte di codice corrispondente per quella particolare proprietà. Di default il tema da troppo spazio alle colonne laterali, lasciandone poco alla colonna centrale, che essendo però quella che contiene il contenuto principale del sito ha bisogno di maggiore visibilità. In layout.css è stata quindi diminuita dal 23% al 20% la larghezza delle sidebar e conseguentemente portato dal 25% al 22% il padding del contenuto. 45

50 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE #sidebar-right { float: right; width: 20%; margin-right: 10px; margin-top: 10px; padding: 0; } #sidebar-left { float: left; width: 20%; margin-left: 10px; margin-top: 10px; padding: 0; }.two-sidebars #content-inner { padding-left: 22%; padding-right: 22%; } Sempre in layout.css attiviamo a riga 343 la proprietà word-wrap. Essa fa in modo che voci di menù troppo lunghe vengano troncate così da non uscire fuori dai confini dei blocchi che le contengono. #header, #content, #navbar, #sidebar-left, #sidebar-right, #footer, #closure-blocks { overflow: visible; word-wrap: break-word; } 46

51 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE Passando ora alle modifiche apportate al file drupalpa.css, abbiamo aggiunto una spaziatura che previene il collimare dei bordi delle colonne con il margine inferiore della pagina. #main { padding-bottom: 10px; } Nel blocco intestazione del sito è stata modificata l'immagine di sfondo, ed è stata maggiorata l'altezza per fare spazio al menù orizzontale. #header { background:transparent url(images/header1.gif) repeat-x; color: #FFFFFF; height: 116px; margin: 0; overflow: hidden; text-align: left; width: 100%; } Diversi identificatori e classi sono stati modificati per sostituire il colore base del tema grafico dall'azzurro ad una tinta rosso scuro. Inoltre è stata modificata la visualizzazione delle colonne laterali: ogni blocco che ne fa parte presenta un sua cornice a contorni arrotondati separata dalle altre. Mostriamo di seguito il risultato per il blocco di amministrazione: Il blocco admin 47

52 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE #sidebar-right { border: #dd0029 solid 2px; -moz-border-radius: 12px; border-radius: 12px; } #block-menu-menu-associazione, #block-menu-menu-attivita, #block-user-1, #block-user-0 { border: #dd0029 solid 2px; -moz-border-radius: 12px; border-radius: 12px; padding-bottom: 5px; } #sidebar-left h2, #sidebar-right h2 { border-bottom: 1px solid #dd0029; color: #333333; font-size: 0.9em; font-weight: bold; text-transform: uppercase; }.comment { border-bottom: 1px solid #dd0029; margin-bottom: 4px; padding-left: 10px; }.indented.comment { border-left: 1px dotted #dd0029; }.first.comment { border-top: 1px solid #dd0029; padding-top: 4px; } 48

53 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE 5.2 MENÙ E BLOCCHI I collegamenti ai contenuti del portale sono stati strutturati tramite l'uso di un menù orizzontale nella testata del sito e di menù verticali associati a blocchi posizionati nelle colonne laterali della pagina. Partiamo analizzando la creazione del menù orizzontale. Per prima cosa creiamo le voci che andranno a comporre il menù. Dal menù di amministrazione di Drupal ci posizioniamo in Amministra Costruzione del sito Menù. Senza bisogno di crearne uno nuovo possiamo selezionare il già presente Link primari, menù che Drupal fornisce di default come fonte per i link principali. Clicchiamo su Aggiungi voce per inserire un nuovo elemento al menù e ripetiamo la proceduta quante volte necessario. Elenco delle voci inserite in Link primari 49

54 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE Ora, per poter associare questo menù all'area di intestazione del sito, dobbiamo andare in Amministra Costruzione del sito Blocchi, trovare la voce Link primari e dal menù a tendina scegliere Header. Clicchiamo poi su Configura e nel campo Titolo del blocco inseriamo <none>, questo fa in modo che nessun titolo venga visualizzato per quel blocco. Nessun titolo per il blocco specificato Sempre nell'header, inseriamo anche il blocco Maschera di ricerca. Questo blocco fornisce un campo per l'immissione di testo che il motore di ricerca interno di Drupal cercherà di trovare tra i contenuti indicizzati del nostro sito. Anche questo blocco è stato configurato in modo da nascondere la visualizzazione del suo titolo. I due blocchi inseriti nell'header del sito A questo punto si necessitano modifiche al file drupalpa.css per fare in modo che il menù venga visualizzato nella maniera da noi desiderata, vediamole in dettaglio: 50

55 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE Le proprietà seguenti determinano la visualizzazione in orizzontale per le voci di menù, che vengono inoltre distanziate maggiormente l'una dall'altra e separate da un trattino verticale. La sottolineatura dei link è stata tolta e il colore del testo riprende quello dello sfondo dell'header. #header-blocks li.leaf { display: inline; padding: 0px 7px 0px 3px; border-right: 1px solid #ffff66; } #header-blocks li.leaf.last { display: inline; padding: 0px 7px 0px 3px; border-style: none; } #header-blocks li.leaf a { color: #ffff66; text-decoration: none; } Il menù e la maschera di ricerca vengono visualizzati sulla stessa linea, con il primo allineato a sinistra ed il secondo allineato a destra. #block-menu-primary-links { float: left; margin-left: -20px; margin-top: -3px; } #block-search-0 { float: right; padding: 8px 8px 0px 8px; } 51

56 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE Eliminiamo l'etichetta Cerca nel sito al form della maschera di ricerca. #edit-search-block-form-1-wrapper label { display: none; } Riportiamo qui di seguito uno screenshot raffigurante l'intestazione del sito con il logo, la maschera di ricerca e il menù orizzontale dopo aver apportato tutte le personalizzazioni al CSS. Header del portale Per quanto riguarda i menù nella colonna laterale di sinistra il procedimento da seguire è simile a prima. In Amministra Costruzione del sito Menù non dovremo però utilizzare un menù già esistente, ma crearne uno nuovo cliccando sul link Aggiungi menù ed assegnargli un titolo ed un nome univoco che verrà utilizzato per la creazione dell'url. Create le voci per i menù andiamo poi in Amministra Costruzione del sito Blocchi ed associamo alla regione del sito denominata Left sidebar i blocchi per i menù appena creati. Nello specifico, abbiamo creato due menù, uno denominato L'AITIM dove mettere tutte le informazioni di carattere generale riguardanti la Onlus e l'altro, ATTIVITÀ, che raccoglie, per l'appunto, tutte le attività di cui si occupa. Mostriamo di seguito uno screenshot per questi menù: 52

57 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE Menù della left sidebar 5.3 MODULO DI CONTATTO Attraverso la pagina Contatti ai visitatori del portale è messa a disposizione la possibilità di inviare messaggi ai responsabili della Onlus. Questa funzionalità è offerta dal modulo Contact che si trova già installato e attivato nell'installazione base di Drupal PA. Il modulo va configurato andando in Amministra Costruzione del sito Modulo di contatto. Qui, cliccando su Aggiungi categoria possiamo inserire l'indirizzo al quale essere contattati e associare ad esso la tipologia di contatto (richiesta informazioni, commenti, proposte, etc). Se necessitiamo di più tipologie di contatti dovremo aggiungere più categorie, ognuna con un indirizzo dedicato. Per il nostro portale è sufficiente una singola categoria, da noi genericamente definita Contattaci, con associato l'indirizzo della Onlus AITIM. Cliccando poi sulla voce Impostazioni, nel campo di testo Informazioni aggiuntive abbiamo inserito indirizzo e recapito telefonico della Onlus così da integrare la pagina con altre possibilità di contatto. Nell'immagine seguente possiamo vedere come si presenta tale pagina, con i campi che l'utente dovrà compilare obbligatoriamente per poter inviare l' . In caso di utente autenticato i campi Tuo nome e Tuo indirizzo sono precompilati. 53

58 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE Modulo di contatto 5.4 MODULO FAQ Il modulo Faq permette l'integrazione nel portale di una sezione dedicata alle FAQ. Esso non è già presente nel pacchetto Drupal PA e va quindi scaricato da copiato in..\sites\all\modules ed attivato in Amministra Costruzione del sito Moduli. FAQ è un acronimo che sta per Frequently Asked Questions, in italiano: domande poste di frequente. È utile avere nel proprio sito una sezione dedicata alla risposta dei quesiti più ricorrenti che un utente potrebbe porsi visitando ed interagendo con il nostro sito. La pagina delle FAQ è difatti strutturata come una successione di domande e relative risposte. Il fatto di averle tutte raggruppate in un'unica pagina ne semplifica la consultazione e previene che i responsabili del sito ricevano molte inviate dagli utenti attraverso il form di contatto relative a questioni ricorrenti. 54

59 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE Per inserire una nuova domanda e relativa risposta andiamo in Crea contenuto FAQ dal pannello di amministrazione di Drupal. La nuova voce creata verrà aggiunta da Drupal alla pagina delle FAQ. Questa pagina può essere configurata, in particolar modo per quanto concerne l'ordinamento e la presentazione delle voci, andando in Amministra Configurazione del sito Frequently asked questions. Noi abbiamo scelto la visualizzazione per cui cliccando su una domanda la relativa risposta viene mostrata/nascosta. Configurazione modulo FAQ Esempio pagina FAQ 55

60 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE 5.5 REGISTRAZIONE E LOGIN La sezione del portale che permette la registrazione ai nuovi utenti e l'autenticazione per quelli che già dispongono di un account è raggiungibile dal menù orizzontale situato nell'header alla voce Area soci. La pagina che viene visualizzate è la seguente: Area soci Essa è stata realizzata creando un nuovo contenuto di tipo pagina denominato Accesso utente a cui poi, andando in Amministra Costruzione del sito Blocchi, è stato aggiunto nella regione Content bottom il blocco Accesso utente, reso disponibile da Drupal. Per far sì che questo blocco venga visualizzato solamente nella pagina che interessa a noi, dobbiamo cliccare su Configura e in Impostazioni specifiche di visibilità per pagina scegliere Mostra solo sulle pagine elencate e in basso digitare il nome della pagina scelta. Sempre in questa pagina di configurazione togliamo la visualizzazione per il titolo del blocco digitando <none> in Impostazioni specifiche blocco. 56

61 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE Nel menù orizzontale oltre alla voce Area soci è presente anche la voce Logout. Queste vengono visualizzate in maniera mutuamente esclusiva, cioè, a seconda che l'utente abbia effettuato o meno l'accesso al portale solo una delle due sarà presente. Per implementare questa funzionalità è stato necessario installare il modulo Menu per Role, scaricabile dal sito ufficiale di Drupal all'indirizzo Esso consente di limitare la visibilità per un dato elemento basandosi sui ruoli utente. Impostando quindi la visibilità di Area soci solo per gli utenti anonimi e Logout per gli utenti autenticati si ottiene il risultato desiderato. Queste configurazioni sono raggiungibili in Amministra Costruzione del sito Menù Link primari e cliccando su Modifica per la voce desiderata. Di seguito l'impostazione per la voce Logout. Impostazioni per Menu per Role È stato installato anche il modulo Login Destination. Scaricabile all'indirizzo esso consente di impostare un redirect a cui l'utente verrà indirizzato una volta che sia stato effettuato il login. 57

62 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE Di default Drupal rimanda alla pagina del profilo utente. Noi modifichiamo questo comportamento andando in Amministra Gestione utente Login Destination e scegliamo che l'utente venga rediretto alla home page inserendo in Destination URL settings il codice <front>. Impostazioni per Login Destination 5.6 UTENTI, RUOLI E PERMESSI In Drupal la registrazione, l'accesso e i profili utente sono gestiti dal modulo User che è una parte integrante del suo core e non può quindi essere disabilitato. In Amministra Gestione utente troviamo le impostazioni e i controlli che questo modulo ci fornisce. Per l'utilizzo del sito da parte dei responsabili della Onlus abbiamo creato un nuovo utente denominato editore, il quale sarà il responsabile dell'inserimento di nuovi contenuti all'interno del portale. Per fare ciò clicchiamo su Aggiungi utente in Amministra Gestione utente Utenti e compiliamo i campi richiesti. 58

63 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE A questo utente dovremo associare un ruolo, scegliamo quello denominato utente editore che Drupal PA ci mette già a disposizione. Ad ogni ruolo sono associati una serie di privilegi, andando in Amministra Gestione utente Permessi possiamo personalizzarli in maniera molto minuziosa. All'utente editore associamo quelli di creazione, modifica e cancellazione per tutti i tipi di contenuti previsti dal nostro portale. Gli altri due tipi di ruolo previsti sono utente autenticato e utente anonimo, il primo avrà privilegi limitati solo ai propri contenuti mentre il secondo avrà privilegi di sola lettura senza possibilità di amministrazione. Il menù di gestione utente Quando un utente effettua il login al sito, nella colonna laterale di sinistra viene visualizzato un blocco menù personalizzato in cui saranno presenti soltanto i controlli abilitati per quel particolare ruolo utente. Menù editore 59

64 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE 5.7 PROGETTI: TIPO DI CONTENUTO E VISTA Per la pubblicazione all'interno del portale dei progetti di cui si occupa la Onlus AITIM è stato creato un tipo di contenuto personalizzato denominato, per l'appunto, Progetti. Il modulo di Drupal che ci consente di fare ciò si chiama Content Construction Kit (CCK). È già presente in Drupal PA ma necessita di essere attivato andando in Amministra Costruzione del sito Moduli e selezionando le varie parti che lo compongono. Il modulo CCK Per questo tipo di contenuto vogliamo avere la possibilità di accompagnare il testo con delle immagini, attiviamo allora anche il modulo Image Attach facente parte del modulo contenitore Image. Esso implementa anche una funzione di ridimensionamento automatico consentendoci un utile controllo sulle dimensioni delle immagini che andremo a caricare. 60

65 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE Il Modulo Image Il tipo di contenuto viene creato andando in Amministra Gestione dei contenuti Tipi di contenuto cliccando su Aggiungi tipo di contenuto. È possibile inserire campi personalizzati di diversa specie, per Progetti a noi interessa che sia presente un campo di testo per il corpo della pagina e un campo di tipo immagine per le illustrazioni che si vorranno allegare. Per poter pubblicare nel sito un nuovo progetto, l'utente abilitato, come per esempio l'editore, dovrà cliccare nel proprio menù utente alla voce Crea contenuto Progetti. Il modo in cui i progetti vengono visualizzati nel sito è stato gestito attraverso l'uso del modulo Views. Questo modulo, già presente e attivo in Drupal PA, si occupa di creare elenchi personalizzati di query da un database e permette quindi di realizzare delle viste in cui i contenuti possono essere presentati secondo criteri definiti dall'utente. Vediamo più in dettaglio come è stata creata la nostra vista. Per prima cosa creiamo una voce di menù Progetti nei link primari, la quale sarà il collegamento a cui punterà la vista una volta creata. 61

66 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE Andiamo poi in Amministra Costruzione del sito Viste e clicchiamo su Aggiungi, le diamo un nome e come tipo di vista scegliamo Nodo, clicchiamo su Avanti. In questa nuova schermata aggiungiamo una nuova pagina e in Path scegliamo il percorso della vista. In Menù scegliamo Voce di menù normale e gli diamo titolo Progetti. In Filtri selezioniamo nodo di tipo Progetti. Clicchiamo su Campi ed aggiungiamo i seguenti: Nodo: Titolo Image attach: Attached images Nodo: Anteprima Statistiche nodo: Visualizzazioni totali Nodo: Data di aggiornamento Infine in Criteri di ordinamento selezioniamo Nodo: data di aggiornamento. Pannello di controllo vista 62

67 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE Per formattare in maniera coerente al resto del tema grafico la vista Progetti sono state inserite delle regole di stile in drupalpa.css, regole che riportiamo qui di seguito:.view-progetti.views-field-image-attach-images { float: left; padding-right: 10px; }.view-progetti.views-field-totalcount { float: left; }.view-progetti.views-field-changed { float: right; }.view-progetti.views-row { background-color: #ffff66; -moz-border-radius: 12px; border: 2px solid red; border-radius: 12px; padding: 10px; margin-bottom: 15px; clear: both; overflow: hidden; }.view-progetti.views-field-title { font-size: 1.2em; font-weight: bold; padding-bottom: 10px; }.view-progetti.views-field-teaser { position: relative; } 63

68 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE Il risultato che si ottiene è il seguente: Vista progetti Cliccando sul titolo di ogni progetto si aprirà la pagina con il testo completo e le immagini a risoluzione maggiore. Un ultimo accorgimento: per attivare il contatore delle visite, in Amministra Rapporti Impostazione del log degli accessi spuntiamo la voce Conta le visite ai contenuti. Contatore visite 64

69 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE 5.8 MODULO EVENT E WEBFORM La Onlus AITIM organizza e partecipa ad eventi di vario genere, è necessario quindi che questo aspetto della loro attività venga curato all'interno del portale. Il modulo che abbiamo utilizzato per questa esigenza si chiama Event, il quale è già presente e attivo nel pacchetto Drupal PA. Il modulo Event Questo modulo mette a disposizione un nuovo tipo di contenuto denominato anch'esso Event la cui particolarità è quella di avere un campo in cui è possibile impostare una data di inizio e fine evento, più l'orario, se lo si vuole. La pagina principale del modulo Event, che abbiamo collegato ad una voce del menù Attività nella colonna laterale di sinistra, visualizza un calendario in cui vengono riportati gli eventi inseriti per quel particolare periodo e cliccandoci se ne possono leggere tutti i dettagli. Visualizzazioni alternative sono disponibili: per settimana e giorno e in forma tabellare o elenco. Disattiviamo la visualizzazione del fuso orario negli eventi andando in Amministra Configurazione del sito Data e ora modificando l'impostazione Fusi orari configurabili dall'utente. 65

70 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE Il calendario eventi Il modulo Event mette inoltre a disposizione dei blocchi che ampliano le sue funzionalità. Noi abbiamo attivato e posizionato nella colonna laterale di destra quello denominato List of upcoming events che mostra una lista dei prossimi eventi in programma con indicati i giorni mancanti all'inizio. In Amministra Configurazione del sito Events è presente il menù di configurazione del modulo e, tra le altre cose, possiamo scegliere di limitare il numero di eventi che il blocco sopracitato visualizzerà. 66

71 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE Blocco prossimi eventi Per quest'anno la Onlus AITIM ha in programma il suo undicesimo congresso nazionale. L'evento è stato pubblicato nel portale e attraverso l'uso del modulo Webform è stata implementata la possibilità di iscrizione allo stesso. Questo modulo, già presente e attivo in Drupal PA, consente la creazione di form e questionari che una volta compilati vengono inviati ai gestori del sito. Vediamo come è stata messa a punto questa funzionalità. Per prima cosa andando in Amministra Configurazione del sito Webform settings spuntiamo il tipo di contenuto Event in modo da abilitarlo alla creazione di form. Ora, quando creiamo un nuovo evento, la seconda pagina che ci verrà presentata sarà quella in cui dovremo definire i campi della nostra form, abbiamo a disposizione tutte le classiche tipologie di campi che siamo soliti incontrarci, aggiungiamo uno ad uno i campi a seconda delle necessità. Abbiamo inserito inoltre alcune regole di stile in drupalpa.css con lo scopo di ottenere una formattazione grafica più gradevole. Le riportiamo qui di seguito: #webform-client-form-16 label { width: 150px; float: left; } #webform-client-form-16.description { margin-left: 150px; } 67

72 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE #webform-component-quota-di-partecipazione-congresso label { clear: both; width: 100%; } #webform-component-iscrizione-itim label { clear: both; width: 100%; } Il risultato finale è il seguente: 68

73 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE Form iscrizione 11 congresso nazionale AITIM 5.9 RSS, NEWSLETTER E SOCIAL NETWORK Il web moderno mette a disposizione molti strumenti e tecnologie che mirano ad integrare ed ampliare quella che può essere la normale possibilità di offerta di un portale internet. Alcuni strumenti consentono di ottenere una maggiore visibilità, creare fidelizzazione con i propri utenti ed altri semplificano il reperimento delle informazioni anche al di fuori del sito stesso. Nell'epoca del web 2.0 è necessario fornire soluzioni che permettano uno spiccato livello di interazione tra gli utenti, i quali sono ormai abituati ad un uso per così dire sociale della piattaforma internet. Gli strumenti che abbiamo implementato sono i seguenti: RSS Basato su XML, è un formato standard per la diffusione dei contenuti in rete. La sua applicazione principale sono i feed RSS che permettono la consultazione centralizzata da diverse fonti senza doverle visitare una ad una. 69

74 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE NEWSLETTER Servizio basato su posta elettronica a cui un utente può iscriversi per ricevere nella propria casella aggiornamenti e news periodiche per i siti di interesse che la mettono a disposizione. TWITTER È un sito internet che offre un servizio di social network e microblogging che fornisce agli utenti una pagina personale aggiornabile tramite messaggi di testo con una lunghezza massima di 140 caratteri. FACEBOOK Il sito internet di social networking attualmente più diffuso. Consente di rimanere in contatto con milioni di persone in tutto il mondo scambiando messaggi di testo e condividendo immagini e video. Applicazioni sviluppate da terze parti si integrano in facebook in modo da espanderne le funzionalità. I suddetti elementi sono sono stati implementati nel portale associando ad ognuno di essi un'icona raffigurante un logo o un simbolo che ne permette una chiara identificazione. Queste icone sono state raggruppate in un blocco che abbiamo posizionato nella colonna laterale di destra. Nell'immagine a pagina seguente possiamo vedere il menù di Drupal per le impostazioni specifiche del blocco in cui in particolare notiamo il codice inserito per sua la creazione. L'attributo alt ci assicura che queste funzionalità siano visualizzazione fruibili delle anche immagini per chi disattivata, utilizza mentre browser title con la fornisce suggerimenti testuali per chi non dovesse conoscere i loghi delle icone. Target="_blank" infine, apre il collegamento a cui è associato in una nuova tab/finestra, utile per i link esterni in modo da non chiudere accidentalmente la pagina da cui si era partiti. 70

75 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE Impostazioni specifiche blocco Mostriamo nell'immagine seguente come appare il blocco in questione nel nostro portale: Blocco social network Analizziamo adesso più in dettaglio ognuno dei quattro strumenti che sono stati implementati. 71

76 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE La gestione degli RSS è inclusa nel modulo System che è parte integrante del core di Drupal. Esso è limitato alle funzionalità base con poche possibilità di personalizzazione ma è comunque sufficiente ai nostri scopi. Se necessario sono comunque disponibili molti moduli aggiuntivi che possono arricchirne l'utilizzo. Cliccando sull'icona arancione si apre una nuova pagina in cui all'utente è data la possibilità di abbonarsi al feed RSS del portale scegliendo tra una serie di servizi web e di applicazioni disponibili. Più sotto è invece mostrata un'anteprima del feed vero e proprio. Menù sottoscrizione feed RSS Le preferenze sono raggiungibili in Amministra Gestione dei contenuti Pubblicazione RSS. Preferenze feed RSS 72

77 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE In quanto ridondante, è stata disattivata la visualizzazione per la piccola icona RSS che Drupal posiziona di default in fondo al corpo della pagina. Ciò è stato ottenuto commentando le seguenti linee di codice nel file page.tpl.php presente in..\sites\all\themes\drupalpa: <?php if ($feed_icons):?> <div class="feed-icons"><?php print $feed_icons;?></div> <?php endif;?> Passiamo ora alla newsletter. Per il suo funzionamento sono stati installati due moduli aggiuntivi: Simplenews (http://drupal.org/project/simplenews) e Simplenews Digest (http://drupal.org/project/simplenews_digest). Moduli gestione newsletter Simplenews è il modulo principale che si occupa della gestione delle newsletter. È configurabile andando in Amministra Configurazione del sito Simplenews per quanto riguarda il modulo stesso, e in Amministra Gestione dei contenuti Newsletter per quanto riguarda più nello specifico il tipo di contenuto newsletter. Dalla pagina di configurazione dei permessi possiamo invece decidere se consentire l'iscrizione alla newsletter anche ai visitatori anonimi o ai soli utenti autenticati. 73

78 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE Simplenews prevede che la newsletter venga creata ed inviata manualmente da un responsabile in carne ed ossa. Grazie a Simplenews Digest vengono invece create autonomamente riassuntive con link per gli ultimi contenuti inseriti ed inviate in automatico a intervalli di tempo prestabiliti. È stato necessario installare un ulteriore modulo denominato Poormanscroon (http://drupal.org/project/poormanscron) per la gestione automatizzata del cron del portale, il quale si occupa di attivare eventi in background come per l'appunto l'invio di newsletter. Va configurato in Amministra Configurazione del sito Informazioni sul sito. Impostazione cron Infine, nell'icona raffigurante la busta abbiamo posto il collegamento alla pagina adibita all'iscrizione/cancellazione dalla newsletter. Gestione iscrizione newsletter 74

79 CAPITOLO 5 REALIZZAZIONE Per quanto riguarda i social network sono stati creati gli account per la Onlus AITIM in Facebook e Twitter, accessibili cliccando sulle rispettive icone nel portale. 75

80 CAPITOLO 6 SEO 6.1 INTRODUZIONE Il termine SEO è l'acronimo di Search Engine Optimization, in italiano traducibile in ottimizzazione per i motori di ricerca. Esso sta ad indicare l'insieme di attività e tecniche attuabili nei confronti di un sito internet allo scopo di migliorarne il posizionamento nelle pagine di risposta dei motori di ricerca, posizionamento che si traduce poi in maggiore visibilità per il nostro sito internet e in vantaggio competitivo rispetto ai possibili competitor. Se consideriamo che la maggior parte del volume di traffico che un sito internet riceve deriva da ricerche sui motori di ricerca, è chiara l'importanza fondamentale che questa pratica riveste nell'acquisizione di una posizione favorevole e rilevante in un web che è sempre più affollato. 6.2 BREVE STORIA Ripercorriamo brevemente quelle che sono state le tappe evolutive per il SEO dagli inizi ai giorni nostri. A metà degli anni 90, in una crescita esponenziale, la rete cominciò a popolarsi di siti, pagine e documenti più o meno articolati e complessi. Questa mole disordinata di dati sparsa in tutto il globo rese evidente la necessità di strumenti di catalogazione con lo scopo di facilitare il reperimento delle informazioni. Nacquero allora i motori di ricerca, che attraverso l'uso di software automatizzati denominati crawler analizzavano i dati della rete per restituire poi un indice dei contenuti disponibili. I webmaster cominciarono allora ad ottimizzare i loro siti e nel 1997 il termine SEO fece ufficialmente la sua comparsa. 76

81 CAPITOLO 6 SEO In quegli anni gli algoritmi di indicizzazione si basavano in maniera minore sui contenuti visibili delle pagine e davano maggiore importanza ai meta tag, metadati che forniscono informazioni sulle pagine e rimangono invisibili rispetto alla formattazione delle stesse. I meta tag più utilizzati erano: Description Destinato a contenere una breve descrizione dei contenuti della pagina. Keywords Che contiene una serie di parole chiave, rappresentative del contenuto della pagina. Questo tipo di indicizzazione però si rivelò ben presto poco affidabile in quanto basandosi completamente sulle informazioni che venivano fornite dal webmaster, lasciava ampi spiragli a comportamenti scorretti e opportunistici: inserendo keywords non pertinenti ai contenuti del sito ma legati ad argomenti molto ricercati in quel periodo si riusciva ad ottenere maggiore visibilità. Il superamento delle limitazioni tecniche e la raffinazione degli algoritmi di ricerca permisero di aggirare i limiti dei meta tag. Nel 1998 venne fondato Google, innovativo motore di ricerca che basava il suo algoritmo di indicizzazione sull'analisi testuale dei contenuti e sul numero di link entranti nel sito. Di pari passo nuove forme di ottimizzazione illegittima furono escogitate note con il nome di link spam che cercavano di ingannare i nuovi algoritmi basati sui link. Arrivando ai giorni nostri, i motori di ricerca incorporano una vasta gamma di tecniche riservate nei loro algoritmi di posizionamento allo scopo di ridurre l'impatto della manipolazione dei link. 77

82 CAPITOLO 6 SEO Con la crescita in popolarità di blog e social network, i principali motori di ricerca hanno apportato modifiche ai loro algoritmi per consentire ai nuovi contenuti di scalare più rapidamente tra i risultati delle pagine di ricerca. 6.3 WHITE HAT E BLACK HAT SEO Come si è potuto intuire, le tecniche di ottimizzazione per i motori di ricerca possono essere suddivise in due categorie: lecite e illecite, in inglese spesso indicate con White hat SEO e Black hat SEO. Del white hat fanno parte tutte quelle tecniche che i motori di ricerca raccomandano nelle loro linee guida come parti di una buona progettazione e non implicano nessun tipo di trucco o inganno. Ciò garantisce che il contenuto indicizzato da un motore di ricerca sia lo stesso contenuto che vedrà poi l'utente e quindi proprio ciò che si stava cercando. Una buona ottimizzazione deve essere focalizzata nel creare buoni contenuti per gli utenti ed in questo ha molto in comune con l'accessibilità e l'usabilità, in quanto un sito web scritto con un codice corretto, accessibile ed usabile risulterà anche molto più attraente ai crawler dei motori di ricerca. Il black hat utilizza invece tecniche che implicano l'inganno nei confronti degli algoritmi dei motori di ricerca al solo scopo di dare una forte spinta al posizionamento nelle pagine dei risultati e di fatto senza apportare alcun miglioramento ai contenuti e anzi influenzando negativamente la qualità dei risultati delle ricerche. Per questo motivo, a protezione dei propri interessi, i motori di ricerca si riservano il diritto di escludere dai propri indici quei siti internet scoperti ad utilizzare queste tecniche illecite. Una terza categoria, Gray hat SEO si colloca a metà strada tra le due. Utilizzando delle tecniche aggressive come per esempio una densità di keywords superiore al normale è possibile incorrere in penalità ma non si dovrebbe correre il rischio dell'esclusione dagli indici. 78

83 CAPITOLO 6 SEO TECNICHE E METODI Passiamo in rassegna le tecniche di ottimizzazione per quanto riguarda sia il black hat SEO che il white hat SEO, quest'ultimo verrà approfondito nel prossimo paragrafo anche in relazione a Drupal e allo sviluppo del nostro portale. L'insieme delle tecniche utilizzate nel black hat SEO vengono definite Spamdexing, un termine che combina la parola spam, usata per indicare l'invio agli utenti internet di informazioni non richieste, e indexing, l'indicizzazione che operano i motori di ricerca per i contenuti della rete. Vediamole in dettaglio: Keyword stuffing Letteralmente, imbottire le pagine di parole chiave, inserendole in vari tag HTML o come testo invisibile ai visitatori allo scopo di renderle più rilevanti ai crawler per dei particolari termini di ricerca. Attraverso l'uso di espedienti via CSS il tutto rimane mascherato al visitatore, ma i motori di ricerca hanno elaborato tecniche per rilevare nella maggior parte dei casi questo genere di trucchi. Doorway Sono delle pagine d'entrata, confezionate ad hoc per posizionarsi bene tra i risultati di ricerca, in cui poi il visitatore che vi accede viene reindirizzato tramite l'uso di link ambigui o tramite refresh automatico verso un'altra pagina che di norma non a nulla a che vedere con ciò che si stava cercando. Cloaking Simile alla doorway, in questo caso però il contenuto presentato all'utente sarà differente da quello del motore di ricerca in quanto questo viene confezionato ad hoc basandosi sull'indirizzo IP o sullo user agent. 79

84 CAPITOLO 6 SEO Scraping Sono dei siti internet che tramite strumenti software copiano il loro contenuto da altri siti per sfruttarne il ranking. Di solito questi siti sono creati per raccogliere introiti pubblicitari. Si parla invece di Article Spinning quando è attuata la riscrittura di articoli esistenti con lo scopo di aggirare i controlli dei motori di ricerca che tendono a penalizzare i contenuti duplicati. Link spam A differenza delle tecniche precedenti che basano la loro efficacia sulla manipolazione dei contenuti, il link spam agisce esclusivamente sui link, sfruttando gli algoritmi dei motori di ricerca che danno un buon ranking a quei siti che vengono linkati da altri siti. Esso prevede diverse tecniche, come per esempio le Link farms, comunità che raccolgono gruppi di pagine, ognuna con link verso tutte le altre. Citiamo inoltre lo spam di link in tutti quei siti che permettono l'inserimento di post e commenti come blog e forum. Buone tecniche di ottimizzazione invece prevedono: Implementare il file robots.txt per indicare ai crawler dei motori di ricerca quali contenuti indicizzare e quali no Implementare il file sitemap.xml per indicare tutti gli URL delle pagine che si desidera sottoporre al motore di ricerca in modo da agevolare il processo di indicizzazione Utilizzare il linguaggio di marcatura in maniera formalmente corretta e rispettarne il valore semantico Assegnare un titolo univoco ad ogni pagina del sito che sia rappresentativo del contenuto della stessa Rendere gli URL delle pagine descrittivi riguardo ai propri contenuti ed evitare la presenza di interrogazioni a database nell'url 80

85 CAPITOLO 6 SEO Normalizzare gli URL in modo che pagine con indirizzi multipli non calino nel ranking in quanto questo verrebbe suddiviso dal motore di ricerca tra tutti gli URL presenti Non gestire i collegamenti tra le pagine tramite JavaScript in quanto verrebbero ignorati dai motori di ricerca. Utilizzare invece il tag HTML <a> Utilizzare gli strumenti per webmaster messi a disposizione dai maggiori motori in ricerca in modo da aver accesso ad analisi e statistiche utili per attuare eventuali ottimizzazioni al sito I link esterni verso il proprio sito e quelli interni tra i vari contenuti e pagine del sito sono molto importanti per il ranking, considerato il funzionamento degli attuali algoritmi di ricerca Per le immagini utilizzare nomi che ne indichino il contenuto ed aggiungere il tag HTML <alt> in cui poter inserire una breve descrizione. Ciò ne semplificherà la ricerca a vantaggio anche delle pagine in cui sono inserite Scrivere i contenuti del sito inserendovi quelle che possono essere le più comuni stringhe di ricerca per l'argomento che si sta trattando in modo da essere trovati con più facilità nelle query sui motori di ricerca 6.4 SEO IN DRUPAL Drupal viene definito un CMS SEO-friendly, che ben si adatta alla realizzazione di siti web ottimizzati per i motori di ricerca. La sua struttura base è stata studiata tenendo conto delle problematiche emerse in altri CMS con i motori di ricerca. Molto importante in questo senso è la sua conformità agli standard web più recenti ed in più l'integrazione al proprio interno di funzionalità utili come la gestione degli URL semplificati. 81

86 CAPITOLO 6 SEO La grande potenzialità di Drupal risiede inoltre nella disponibilità di numerosi moduli specifici che permettono di ottimizzare al meglio ogni singolo aspetto del SEO. Nei prossimi paragrafi illustreremo l'utilizzo di questi moduli per quelle che sono le tecniche fondamentali di ottimizzazione che andremo ad implementare nel nostro portale URL Il primo aspetto che trattiamo è quello dell'ottimizzazione degli indirizzi delle nostre pagine. Di base Drupal genera gli URL in una maniera che non è la più indicata, vediamo quali sono le misure da attuare per avere degli indirizzi che piacciano ai motori di ricerca CLEAN URL Drupal genera dinamicamente le nostre pagine tramite interrogazioni al database. Gli URL rispecchiano questo comportamento visualizzando al loro interno le stringhe?parametro=valore, (tipicamente?q= valore ). Il problema nasce dal fatto che i motori di ricerca non indicizzano le pagine i cui URL presentino il simbolo?, in quanto indice di contenuti dinamici. Drupal ci fornisce già nella sua configurazione base la soluzione a questo problema attraverso quelli che vengono definiti URL semplificati. Andiamo in Amministra Configurazione del sito URL semplificati. Verrà effettuato un rapido test per verificare che questa funzionalità sia disponibile, in quanto per esserlo, il webserver Apache nel quale è ospitato il nostro sito dovrà avere installato e configurato il modulo mod_rewrite. In caso affermativo Drupal segnalerà il passaggio del test e potremo attivare gli URL semplificati. 82

87 CAPITOLO 6 SEO Impostazione URL semplificati Da questo momento in poi negli URL delle nostre pagine non compariranno più i caratteri?q= ALIAS URL Tutti i contenuti che creiamo in Drupal vengono nominati tramite una numerazione incrementale. Per quanto semplice, questo sistema però non fornisce alcun tipo di informazione utile né agli utenti né ai motori di ricerca. Le linee guida di quest'ultimi infatti richiedono espressamente che gli URL vengano creati tramite termini che siano le parole chiave più probabili nelle query di ricerca e che siano descrittivi e possibilmente somiglianti al titolo della pagina stessa. Questo accorgimento permette di migliorare notevolmente l'indicizzazione nei motori di ricerca e rende il nostro sito molto più navigabile agli utenti che quindi incrementeranno il nostro volume di traffico. In Drupal il problema di convertire gli URL da semplici numeri a percorsi articolati è gestito dal modulo Path che è già presente e attivo nell'installazione base. Possiamo utilizzarlo in fase di creazione di nuovi contenuti oppure se abbiamo già creato diverse pagine possiamo rinominarle in un secondo momento. Nel primo caso avremo una voce di menù nella pagina di creazione nuovi contenuti che mostriamo di seguito: 83

SITI WEB DEL COMUNE DI PESARO, RAPPORTO DI CONFORMITA' AI REQUISITI TECNICI DELLA LEGGE N.4-9 GENNAIO 2004

SITI WEB DEL COMUNE DI PESARO, RAPPORTO DI CONFORMITA' AI REQUISITI TECNICI DELLA LEGGE N.4-9 GENNAIO 2004 SITI WEB DEL COMUNE DI PESARO, RAPPORTO DI CONFORMITA' AI REQUISITI TECNICI DELLA LEGGE N.4-9 GENNAIO 2004 Le pagine del sito istituzionale e dei siti tematici del Comune di Pesaro sono state progettate

Dettagli

Dichiarazione di accessibilità del sito di Ulisse - Nella rete della scienza

Dichiarazione di accessibilità del sito di Ulisse - Nella rete della scienza Dichiarazione di accessibilità del sito di Ulisse - Nella rete della scienza I riferimenti riguardano quanto indicato nelle Recommendation del World Wide Web Consortium (W3C) ed in particolare in quelle

Dettagli

Dichiarazione di Accessibilità

Dichiarazione di Accessibilità Dichiarazione di Accessibilità Requisito n. 1 : Realizzare le pagine e gli oggetti al loro interno utilizzando tecnologie definite da grammatiche formali pubblicate nelle versioni più recenti disponibili

Dettagli

Conformità: Conforme; tutte le pagine sono realizzate con linguaggio XHTML 1.0 Strict.

Conformità: Conforme; tutte le pagine sono realizzate con linguaggio XHTML 1.0 Strict. Tasti di accesso rapido Al fine di migliorare l'accessibilità del sito sono stati definiti i seguenti tasti di accesso rapido, per attivare le principali funzionalità offerte: [H] = Homepage [R] = Ricerca

Dettagli

Verifica di Accessibilità del sito www.aots.sanita.fvg.it

Verifica di Accessibilità del sito www.aots.sanita.fvg.it Verifica di Accessibilità del sito www.aots.sanita.fvg.it NOTE: Verifica effettuata in base ai requisiti descritti nell allegato A del Decreto Ministeriale 8 luglio 2005, ai sensi della legge n.4 del 9

Dettagli

Dichiarazione di Accessibilità

Dichiarazione di Accessibilità Dichiarazione di Accessibilità Il sito web del comune è stato progettato e realizzato con particolare attenzione a quanto prescritto dalla Legge 4/2004 (cosiddetta Legge Stanca ), contenente "Disposizioni

Dettagli

Decreto Ministeriale 8 luglio 2005. (Ministro per l Innovazione e le tecnologie) Allegato A

Decreto Ministeriale 8 luglio 2005. (Ministro per l Innovazione e le tecnologie) Allegato A Decreto Ministeriale 8 luglio 2005. (Ministro per l Innovazione e le tecnologie) Allegato A Verifica tecnica e requisiti tecnici di accessibilità delle applicazioni basate su tecnologie internet 1. Premessa

Dettagli

Dichiarazione di Accessibilità

Dichiarazione di Accessibilità Dichiarazione di Accessibilità Requisito n. 1 Realizzare le pagine e gli oggetti al loro interno utilizzando tecnologie definite da grammatiche formali pubblicate nelle versioni più recenti disponibili

Dettagli

REQUISITO DI ACCESSIBILITA

REQUISITO DI ACCESSIBILITA ISTITUTO COMPRENSIVO Pascoli - Crispi Via Gran Priorato, 11-98121 Messina Via Monsignor D'Arrigo, 18-98122 Messina Tel/Fax. 09047030 090360037 e-mail: meic87300t@istruzione.it / meee00800r@istruzione.it

Dettagli

Accessibilità del sito web del Comune di Triggiano

Accessibilità del sito web del Comune di Triggiano Accessibilità del sito web del Comune di Triggiano Il Comune di Triggiano, già attento nella precedente versione del suo sito web al tema dell'accessibilità delle informazioni, ha riprogrammato tutte le

Dettagli

Accessibilità sito internet dell Ente e obiettivi anno 2014 e seguenti

Accessibilità sito internet dell Ente e obiettivi anno 2014 e seguenti COMUNE DI GALLARATE Settore Risorse Economiche e Finanziarie Centro Elaborazione Dati Accessibilità sito internet dell Ente e obiettivi anno 2014 e seguenti Dichiarazione di accessibilità Il sito del Comune

Dettagli

*** NORMATTIVA -Stampa ***

*** NORMATTIVA -Stampa *** *** NORMATTIVA -Stampa *** Page 1 of 6 LEGGE 9 gennaio 2004, n. 4 Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici. Vigente al: 11-11-2015 La Camera dei deputati ed

Dettagli

COMUNE DI COMACCHIO. Provincia di Ferrara. Settore III Servizio Finanziario e Partecipate. Servizio Informatico Ufficio CED

COMUNE DI COMACCHIO. Provincia di Ferrara. Settore III Servizio Finanziario e Partecipate. Servizio Informatico Ufficio CED COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Settore III Servizio Finanziario e Partecipate Servizio Informatico Ufficio CED Accessibilità L'accessibilità di un sito web è il frutto di un insieme di tecniche

Dettagli

Legge 9 gennaio 2004, n. 4 (1) Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici (2) 1. Obiettivi e finalità.

Legge 9 gennaio 2004, n. 4 (1) Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici (2) 1. Obiettivi e finalità. Legge 9 gennaio 2004, n. 4 (1) Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici (2) 1. Obiettivi e finalità. 1. La Repubblica riconosce e tutela il diritto di ogni persona

Dettagli

L. 9 gennaio 2004, n. 4 (1).

L. 9 gennaio 2004, n. 4 (1). L. 9 gennaio 2004, n. 4 (1). Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 17 gennaio 2004, n. 13. (2) Per il regolamento di

Dettagli

Dichiarazione di Accessibilità

Dichiarazione di Accessibilità Dichiarazione di Accessibilità Requisito 1 Enunciato: realizzare le pagine e gli oggetti al loro interno utilizzando tecnologie definite da grammatiche formali pubblicate nelle versioni più recenti disponibili

Dettagli

Verifica tecnica accessibilità

Verifica tecnica accessibilità Verifica tecnica accessibilità Realizzato secondo il modello predisposto dal CNIPA per i soggetti di cui all articolo 3, comma 1, della legge 9 gennaio 2004, n. 4 Soggetto interessato: Comune di San Mauro

Dettagli

Disposizioni per favorire l accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici

Disposizioni per favorire l accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici Disposizioni per favorire l accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici DISEGNO DI LEGGE Art. 1. (Obiettivi e finalità) 1. La Repubblica riconosce e tutela il diritto di ogni persona ad accedere

Dettagli

Legge accesso disabili agli strumenti informatici

Legge accesso disabili agli strumenti informatici Legge accesso disabili agli strumenti informatici da Newsletter Giuridica: Numero 81-26 gennaio 2004 Pubblicata sulla Gazzetta la Legge in materia di accesso dei disabili agli strumenti informatici, approvata

Dettagli

Come viene definito un layout studiato per una dimensione standard, di cui non è possibile variare la larghezza ridimensionando la finestra del

Come viene definito un layout studiato per una dimensione standard, di cui non è possibile variare la larghezza ridimensionando la finestra del Come viene definito un layout studiato per una dimensione standard, di cui non è possibile variare la larghezza ridimensionando la finestra del browser o cambiando la dimensione del testo? Layout elastic

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Riccardo Lotti Umberto I NOME AMMINISTRAZIONE: I.I.S.S. R. LOTTI UMBERTO I - ANDRIA Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 Redatto ai sensi dell articolo

Dettagli

Domande WEB Modulo 1. ************* Introduzione alla Legge Stanca Definizioni *******************************

Domande WEB Modulo 1. ************* Introduzione alla Legge Stanca Definizioni ******************************* Domande WEB Modulo 1 ************* Introduzione alla Legge Stanca Definizioni ******************************* La Legge 9 gennaio 2004, n. 4, recante Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili

Dettagli

REPORT DI VALUTAZIONE DELL ACCESSIBILITÀ

REPORT DI VALUTAZIONE DELL ACCESSIBILITÀ Pag. 1 di 13 REPORT DI VALUTAZIONE DELL ACCESSIBILITÀ PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Comune di Pella (NO) http://www.comune.pella.no.it/ DATA DELLA VALUTAZIONE 09/07/2008 AUTORE DELLA VALUTAZIONE Alessio Mantegna

Dettagli

REPORT DI VALUTAZIONE DELL ACCESSIBILITÀ

REPORT DI VALUTAZIONE DELL ACCESSIBILITÀ REPORT DI VALUTAZIONE DELL ACCESSIBILITÀ REPORT DI VALUTAZIONE DELL ACCESSIBILITÀ Ente richiedente Provincia url Comune di Carmagnola TO http://comune.carmagnola.to.it/ Autore della valutazione Data Maurizio

Dettagli

Relazione sullo stato dell'accessibilità del sito internet istituzionale del Comune di Jesi

Relazione sullo stato dell'accessibilità del sito internet istituzionale del Comune di Jesi Relazione sullo stato dell'accessibilità del sito internet istituzionale del Comune di Jesi 1 Scopo del documento Il presente documento si propone, attraverso un'attività di autovalutazione, di verificare

Dettagli

Siscotel 2002 A.C. Vigevano e Lomellina. Vigevano - 19/02/2007. Siscotel 2002 A.C. Vigevano e Lomellina

Siscotel 2002 A.C. Vigevano e Lomellina. Vigevano - 19/02/2007. Siscotel 2002 A.C. Vigevano e Lomellina Vigevano - 19/02/2007 1 Cos è un CMS I CMS sono sistemi software che consentono di creare e gestire un sito web direttamente dal Browser, in modo semplice ed immediato. Caratteristica dei CMS è quella

Dettagli

Rapporto sulla verifica tecnica preliminare di accessibilità

Rapporto sulla verifica tecnica preliminare di accessibilità Rapporto sulla verifica tecnica preliminare di accessibilità Modello per i soggetti di cui all articolo 3, comma 1, della legge 9 gennaio 2004, n. 4 Soggetto interessato: Comune di Padova Responsabile

Dettagli

Accessibilità e CMS Cristian Lucchesi Istituto di Informatica e Telematica

Accessibilità e CMS Cristian Lucchesi Istituto di Informatica e Telematica 1 Accessibilità e CMS Cristian Lucchesi Istituto di Informatica e Telematica Agenda 2 definizione normativa italiana riferimenti internazionali validare l'accessibilità accessibilità e CMS Accessibilità

Dettagli

Osservatorio Vesuviano

Osservatorio Vesuviano Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Napoli Osservatorio Vesuviano Il Sito Web accessibile dell Osservatorio Vesuviano Flora Giudicepietro, Fabio Sansivero, Patrizia Ricciolino, Giovanni

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 COMUNE DI MONTEVARCHI Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 27/03/2014 1 SOMMARIO Obiettivi di accessibilità

Dettagli

Relazione sulla verifica accessibilità

Relazione sulla verifica accessibilità Relazione sulla verifica accessibilità Sito web: www.comune.stresa.vb.it Premessa Il presente rapporto e l effettiva attività di controllo requisiti per l accessibilità, sono stati effettuati seguendo

Dettagli

Lista dei punti di controllo per l accessibilità

Lista dei punti di controllo per l accessibilità Lista dei punti di controllo per l accessibilità Parte Prima Punti di controllo obbligatori Aa. In generale 3 Per ogni elemento non di testo è fornito un equivalente testuale (per esempio, mediante "alt",

Dettagli

2010 Antonio Musarra s Blog. Sessione introduttiva sui CMS (versione 1.0 16/03/2010)

2010 Antonio Musarra s Blog. Sessione introduttiva sui CMS (versione 1.0 16/03/2010) 2010 Antonio Musarra s Blog 1 Sessione introduttiva sui CMS (versione 1.0 16/03/2010) CMS Content Management System 2 Un Content Management System, in acronimo CMS, letteralmente "sistema di gestione dei

Dettagli

Accessibilità dei siti Web e P.A. italiana

Accessibilità dei siti Web e P.A. italiana 1 Accessibilità dei siti Web e P.A. italiana Internet, 25 giugno 2013 Immagine: http://miriadna.com/preview/653 Cos è l accessibilità Fonte: http://www.sustainablesushi.net/wp-content/uploads/2009/07/hair-out-714605.jpg

Dettagli

CMS (Content Management System) della categoria Open Source

CMS (Content Management System) della categoria Open Source Una panoramica sui CMS (Content Management System) CMS (Content Management System) della categoria Open Source Per la piattaforma PHP/MYSQL e considerata l esigenza sempre più ricorrente di realizzare

Dettagli

Comune di Busto Garolfo Obiettivi di accessibilità per l'anno 2014

Comune di Busto Garolfo Obiettivi di accessibilità per l'anno 2014 Comune di Busto Garolfo Obiettivi di accessibilità per l'anno 2014 Forlani M. 8 gennaio 2014 Indice 1 Introduzione 2 2 Analisi del sito al 31/12/2013 4 3 Obiettivi per l'anno 2014 7 4 Conclusioni 8 1 CAPITOLO

Dettagli

Gazzetta Ufficiale n. 183 dell 8 agosto 2005

Gazzetta Ufficiale n. 183 dell 8 agosto 2005 Decreto del Ministro per l Innovazione e le Tecnologie dell 8 luglio 2005 Requisiti tecnici e i diversi livelli per l'accessibilità agli strumenti informatici Gazzetta Ufficiale n. 183 dell 8 agosto 2005

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2013

Obiettivi di accessibilità per l anno 2013 Comune di Brunate Obiettivi di accessibilità per l anno 2013 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 31/03/2014 1 SOMMARIO Obiettivi di accessibilità

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 COMUNE DI BRUSAPORTO PROV. DI BG Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto A MARZO 2014 Sommario Obiettivi

Dettagli

Alcune semplici definizioni

Alcune semplici definizioni Alcune semplici definizioni Un CMS (Content management system), in italiano Sistema di gestione dei contenuti è uno strumento software che si installa generalmente su un server web, il cui compito è facilitare

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Generale dei sistemi Informativi, dell innovazione tecnologica e della comunicazione Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 Redatto ai sensi

Dettagli

Analisi Accessibilità Diagnosi funzionale Ver. 1.0

Analisi Accessibilità Diagnosi funzionale Ver. 1.0 Analisi Accessibilità Diagnosi funzionale Ver. 1.0 Rapporto conclusivo di accessibilità... 2 Sommario della verifica tecnica e requisiti tecnici di accessibilità delle applicazioni basate su tecnologie

Dettagli

porte aperte sull e-learning di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com

porte aperte sull e-learning di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com porte aperte sull e-learning di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com Cos è Moodle Moodle è un software per la gestione di corsi a distanza utilizzato a livello mondiale nelle Università, nelle

Dettagli

Lista di controllo dei Punti di controllo per le Linee guida per l'accessibilit à ai contenuti del Web 1.0

Lista di controllo dei Punti di controllo per le Linee guida per l'accessibilit à ai contenuti del Web 1.0 Pagina 1 di 7 [Linee Guida] Lista di controllo dei Punti di controllo per le Linee guida per l'accessibilit à ai contenuti del Web 1.0 Questa versione del documento: (formato testo, postscript, pdf) Questa

Dettagli

Content Management Systems e

Content Management Systems e AA 2010/2011 Content Management Systems e Corso di Progetto di Sistemi Web Based Università degli Studi di Roma Tor Vergata Argomenti della lezione 1. Breve evoluzione storica dei siti internet cos è un

Dettagli

Costruzione di siti web. Il Content Management System Joomla

Costruzione di siti web. Il Content Management System Joomla Costruzione di siti web Il Content Management System Joomla Definizione di un CMS Un Content Management System (CMS) è letteralmente un sistema di gestione dei contenuti E' uno strumento software utilizzato

Dettagli

Sviluppo di strumenti per la valutazione automatica di accessibilità e usabilità di applicazioni web

Sviluppo di strumenti per la valutazione automatica di accessibilità e usabilità di applicazioni web tesi di laurea Sviluppo di strumenti per la valutazione automatica di accessibilità e usabilità Anno Accademico 2009-2010 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana candidato Paola Lucignano Matr. 832/69

Dettagli

Università della Svizzera italiana

Università della Svizzera italiana Università della Svizzera italiana Il sito dell Università della Svizzera italiana e l accessibilità Vs.1.0 11 / 12 / 2007 TEC-LAB WEB-SERVICE 1. INTRODUZIONE Avere accesso al web, per un utente disabile,

Dettagli

Su Internet, oggi, se il vostro sito Web non è dotato di funzionalità ricche o contenuti. I sistemi CMS e un introduzione a Joomla! In questo capitolo

Su Internet, oggi, se il vostro sito Web non è dotato di funzionalità ricche o contenuti. I sistemi CMS e un introduzione a Joomla! In questo capitolo 1 I sistemi CMS e un introduzione a Joomla! In questo capitolo Su Internet, oggi, se il vostro sito Web non è dotato di funzionalità ricche o contenuti aggiornati, è svantaggiato. L idea di potenziare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ARCEVIA CON SEZIONI ASSOCIATE DI MONTECAROTTO E SERRA DE CONTI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ARCEVIA CON SEZIONI ASSOCIATE DI MONTECAROTTO E SERRA DE CONTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI ARCEVIA CON SEZIONI ASSOCIATE DI MONTECAROTTO E SERRA DE CONTI OBIETTIVI DI ACCESSIBILITA PER L ANNO 2014 Documento redatto ai sensi dell art. 9, comma 7, del Decreto Legge 18 ottobre

Dettagli

Universita' degli Studi di Udine, 6 luglio 2005 Introduzione all'accessibilita': motivazione ed esempi Il sito web del Comune di Udine

Universita' degli Studi di Udine, 6 luglio 2005 Introduzione all'accessibilita': motivazione ed esempi Il sito web del Comune di Udine Universita' degli Studi di Udine, 6 luglio 2005 Introduzione all'accessibilita': motivazione ed esempi Il sito web del Comune di Udine www.comune.udine.it relazione a cura di Fabrizio Chittaro fchittaro@gmail.com

Dettagli

CMS (Content Management System) della categoria Open Source

CMS (Content Management System) della categoria Open Source Una panoramica sui CMS (Content Management System) CMS (Content Management System) della categoria Open Source Per la piattaforma PHP/MYSQL e considerata l esigenza sempre più ricorrente di realizzare

Dettagli

Progettare un sito web

Progettare un sito web Progettare un sito web Problematiche di accessibilità (Capitolo 2) (materiale illustrativo degli esempi gentilmente messo a disposizione da R. Polillo) Accessibilità La capacità dei sistemi informatici,

Dettagli

Lista dei Punti di Controllo per l'accessibilità dei contenuti web

Lista dei Punti di Controllo per l'accessibilità dei contenuti web Lista dei Punti di Controllo per l'accessibilità dei contenuti web Questo documento è tratto dal sito del W3C http://www.w3.org/tr/wai-webcontent/full-checklist.html ed è stato tradotto dagli studenti

Dettagli

Il sito della scuola con

Il sito della scuola con Incontro in aula virtuale del 24 gennaio 2013 Il sito della scuola con La sicurezza di un sito Joomla Il Pacchetto Joomla pasw quickstart versione 2.0. a cura di Gianluigi Pelizzari IIS Fantoni Clusone

Dettagli

Il sito della scuola con Joomla

Il sito della scuola con Joomla sabato 26 ottobre 2013 LINUX DAY 2013 E OPEN SPACE SCUOLA Il sito della scuola con Joomla a cura di Gianluigi Pelizzari gianpelizzari@yahoo.it Il sito della scuola con Joomla Joomla è un progetto nato

Dettagli

Content Management Systems

Content Management Systems Content Management Systems L o Guido Porruvecchio Tecnologia e Applicazioni della Rete Internet Definizione Un Content Management System (CMS) è letteralmente un sistema per la gestione dei contenuti Definisce

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COMUNE DI ROSSANO VENETO Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 25.03.2014 1 SOMMARIO Obiettivi di accessibilità

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA CIRCOLARE 13 marzo 2001, n.3/2001 Linee guida per l'organizzazione, l'usabilita' e l'accessibilita' dei siti Web delle pubbliche

Dettagli

Minerva, verso la qualità dei siti web pubblici. Dott. Antonio De Vanna responsabile Ufficio accessibilità dei sistemi informatici

Minerva, verso la qualità dei siti web pubblici. Dott. Antonio De Vanna responsabile Ufficio accessibilità dei sistemi informatici Minerva, verso la qualità dei siti web pubblici Dott. Antonio De Vanna responsabile Ufficio accessibilità dei sistemi informatici Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione CNIPA

Dettagli

Decreto Ministeriale 8 luglio 2005 Requisiti tecnici e i diversi livelli per l'accessibilità agli strumenti informatici

Decreto Ministeriale 8 luglio 2005 Requisiti tecnici e i diversi livelli per l'accessibilità agli strumenti informatici Decreto Ministeriale 8 luglio 2005 Requisiti tecnici e i diversi livelli per l'accessibilità agli strumenti informatici IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Vista la legge 9 gennaio 2004, n.

Dettagli

ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN

ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN PORTALE WEB NELL AMBITO DELLA MISURA 2.6. DEL POI ENERGIA FESR 2007 2013

Dettagli

Verifiche e valutazioni dell'accessibilità di una pagina web

Verifiche e valutazioni dell'accessibilità di una pagina web 1 Materiali per il web Testo a cura di Marcello Savino (Aldebra S.p.A.) e Valentina Marchetti (Ufficio stampa - PAT) materiale a uso interno Provincia autonoma di Trento, Aprile 2005 2 A chi è rivolto

Dettagli

Joomla FAP: Il CMS accessibile

Joomla FAP: Il CMS accessibile Joomla FAP: Il CMS accessibile Alessandro Pasotti www.itopen.it Presentazione Joomla FAP è una versione di Joomla ottimizzata per l'accessibilità come definita in base alla legge italiana (legge Stanca

Dettagli

Criteri e strumenti per migliorare l'accessibilità dei siti web e delle applicazioni informatiche a persone disabili

Criteri e strumenti per migliorare l'accessibilità dei siti web e delle applicazioni informatiche a persone disabili CIRCOLARE 6 settembre 2001, n. AIPA/CR/32 Criteri e strumenti per migliorare l'accessibilità dei siti web e delle applicazioni informatiche a persone disabili A tutte le Amministrazioni pubbliche A seguito

Dettagli

Accessibilità digitale

Accessibilità digitale Accessibilità digitale Guido Gelatti guido.gelatti@itiscastelli.it Brixia Generazione Digitale - 6 Dicembre 2013 The power of the Web is in its universality Tim Berners-Lee afferma che il web "deve consentire

Dettagli

USABILITÀ DEL SITO (*)

USABILITÀ DEL SITO (*) USABILITÀ DEL SITO (*) In generale un progetto software tecnicamente perfetto ma difficile da usare è destinato a non essere usato! Pertanto l'usabilità di un'applicazione software rappresenta una delle

Dettagli

système de publication pour l internet Sistema di pubblicazione per internet

système de publication pour l internet Sistema di pubblicazione per internet système de publication pour l internet Sistema di pubblicazione per internet Non solo un CMS (Content Management System) Gestire i contenuti è un compito che molti software svolgono egregiamente. Gestire

Dettagli

Accessibilità e Usabilità Web. Katuscia Cerbioni

Accessibilità e Usabilità Web. Katuscia Cerbioni Accessibilità e Usabilità Web Katuscia Cerbioni Qualche definizione: Accessibilità Accessibilità In informatica: capacità di un dispositivo, di un servizio o di una risorsa di essere fruibile con facilità

Dettagli

Il sito della scuola con

Il sito della scuola con Giornata Aperta sul Web 2012 Istituto Gentileschi Milano USR Lombardia Il sito della scuola con Le novità di Joomla 2.5 Il progetto Joomla FAP L'albo pretorio on-line a cura di Gianluigi Pelizzari IIS

Dettagli

CONTENT MANAGEMENT SYSTEM

CONTENT MANAGEMENT SYSTEM CONTENT MANAGEMENT SYSTEM P-2 PARLARE IN MULTICANALE Creare un portale complesso e ricco di informazioni continuamente aggiornate, disponibile su più canali (web, mobile, iphone, ipad) richiede competenze

Dettagli

Dichiarazione di Accessibilità

Dichiarazione di Accessibilità Dichiarazione di Accessibilità Obiettivi di questo sito web Requisiti tecnici di accessibilità e punti di controllo per la valutazione di conformità Sommario Obiettivi di questo sito web... 3 Metodologia

Dettagli

WEB TECHNOLOGY. Il web connette. LE persone. E-book n 2 - Copyright Reserved

WEB TECHNOLOGY. Il web connette. LE persone. E-book n 2 - Copyright Reserved WEB TECHNOLOGY Il web connette LE persone Indice «Il Web non si limita a collegare macchine, ma connette delle persone» Il Www, Client e Web Server pagina 3-4 - 5 CMS e template pagina 6-7-8 Tim Berners-Lee

Dettagli

DRUPAL 7 DRUPAL 7 Drupal è un framework modulare che consente di realizzare una grande varietà di siti web basati sulla logica contenuto/nodo. Permette di: creare e organizzare i contenuti personalizzare

Dettagli

Note di metodo. Luisa Neri 1

Note di metodo. Luisa Neri 1 Realizzazione di pagine web per siti scolastici Note di metodo Luisa Neri 1 Premessa Queste Note di metodo sono state preparate per un corso sullo sviluppo di pagine web rivolto ai docenti. Si è inteso

Dettagli

CORSO PER REDATTORI DI SITI WEB

CORSO PER REDATTORI DI SITI WEB CORSO PER REDATTORI DI SITI WEB Prerequisiti: Conoscenza di base dei seguenti argomenti: linguaggi di marcatura (HTML), strumenti software per l'elaborazione di testi. Esperienza nella redazione e pubblicazione

Dettagli

Indice. 1 Introduzione a Joomla! 1 1.1 L autore 4 1.2 I lettori 4 1.3 Di cosa parla il libro 6 1.4 Altre domande 7

Indice. 1 Introduzione a Joomla! 1 1.1 L autore 4 1.2 I lettori 4 1.3 Di cosa parla il libro 6 1.4 Altre domande 7 Indice Introduzione XV 1 Introduzione a Joomla! 1 1.1 L autore 4 1.2 I lettori 4 1.3 Di cosa parla il libro 6 1.4 Altre domande 7 2 Vetrina 9 2.1 La Torre Eiffel 9 2.2 Gli Howoldies 10 2.3 Oltre 3000 siti

Dettagli

Guida all uso del sistema

Guida all uso del sistema www.unicas.it Versione 3.0 del 9/12/2009 Pagina 1 Sommario Premessa... 3 Accesso in modalità di redattore... 4 CREAZIONE DI ELEMENTI... 5 MODIFICA DI ELEMENTI... 12 ELIMINAZIONE DI ELEMENTI... 12 ORDINAMENTO

Dettagli

tratteremo di... Definizione di Internet e Web Linguaggio HTML e Siti web Statici Siti web Dinamici e codice PHP Breve accenno ai CMS Server Locale

tratteremo di... Definizione di Internet e Web Linguaggio HTML e Siti web Statici Siti web Dinamici e codice PHP Breve accenno ai CMS Server Locale LET S GO Progetto del corso Il web: introduzione ad Internet; i linguaggi digitali; siti statici e siti dinamici; i programmi CMS. Approfondimento di HTML e CSS. Web di qualità: tecniche di web writing;

Dettagli

Lezione 1. Joomla 2.5

Lezione 1. Joomla 2.5 Lezione 1 Joomla 2.5 Joomla: introduzione Joomla è un cms (content managemente system) opensource. In pratica è un software che permette di realizzare siti web dinamici (l utente interroga il server, il

Dettagli

Autovalutazione dello status del Sito e Obiettivi di accessibilità per l anno 2015

Autovalutazione dello status del Sito e Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 Autovalutazione dello status del Sito e Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 in relazione alle Linee guida per l accessibilità dei siti Web WCAG 2.0 Principio 1: Percepibile - Le informazioni e i

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE AUTONOMA DI SITI WEB E STAMPATI DEI CORSI DI DOTTORATO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE AUTONOMA DI SITI WEB E STAMPATI DEI CORSI DI DOTTORATO Area Comunicazione e Relazioni Esterne Servizio web e grafica di Ateneo LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE AUTONOMA DI SITI WEB E STAMPATI DEI CORSI DI DOTTORATO La presente guida vuole essere un supporto

Dettagli

Corso Joomla per ATAB

Corso Joomla per ATAB Corso Joomla per ATAB Cos'è un Content Management System Joomla non è un prodotto ma è un progetto. Nato nel settembre 2005 CMS (Content management system) letteralmente significa "Sistema di gestione

Dettagli

Indice PARTE PRIMA L INIZIO 1

Indice PARTE PRIMA L INIZIO 1 Indice Introduzione XIII PARTE PRIMA L INIZIO 1 Capitolo 1 Esplorare il World Wide Web 3 1.1 Come funziona il World Wide Web 3 1.2 Browser Web 10 1.3 Server Web 14 1.4 Uniform Resource Locators 15 1.5

Dettagli

Evoluzione della comunicazione nel Web per la PA

Evoluzione della comunicazione nel Web per la PA Evoluzione della comunicazione nel Web per la PA Accessibilità, usabilità e tecnologie assistive 1 Accessibilità e comunicazione Accessibilità Basi per comprendere le necessità del diritto all accesso

Dettagli

Relazione illustrativa degli Obiettivi di accessibilità

Relazione illustrativa degli Obiettivi di accessibilità COMUNE DI PORTOSCUSO Provincia di Carbonia-Iglesias Comune di Portoscuso Relazione illustrativa degli Obiettivi di accessibilità Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012,

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ACCESSIBILITÀ DEI SITI WEB DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PIEMONTESE

VALUTAZIONE DELL ACCESSIBILITÀ DEI SITI WEB DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PIEMONTESE PAGINA 1 DI 24 VALUTAZIONE DELL ACCESSIBILITÀ DEI SITI WEB DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PIEMONTESE 2010 PAGINA 2 DI 24 VALUTAZIONE DELL ACCESSIBILITÀ DEI SITI WEB DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PIEMONTESE

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA Page 1 of 10 MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 20 marzo 2013 Modifiche all'allegato A del decreto 8 luglio 2005 del Ministro per l'innovazione e le tecnologie, recante:

Dettagli

Outline. Chi sono L.A.M.P. Hosting CMS e Blog Wordpress Il caso >> Informare Per Resistere. Sviluppi futuri. www.informarexresistere.

Outline. Chi sono L.A.M.P. Hosting CMS e Blog Wordpress Il caso >> Informare Per Resistere. Sviluppi futuri. www.informarexresistere. Outline Chi sono L.A.M.P. Hosting CMS e Blog Wordpress Il caso >> Informare Per Resistere www.informarexresistere.fr Sviluppi futuri Outline Chi sono L.A.M.P. Hosting CMS e Blog Wordpress Il caso >> Informare

Dettagli

Corso Creare Siti WEB

Corso Creare Siti WEB Corso Creare Siti WEB INTERNET e IL WEB Funzionamento Servizi di base HTML CMS JOOMLA Installazione Aspetto Grafico Template Contenuto Articoli Immagini Menu Estensioni Sito di esempio: Associazione LaMiassociazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE. Relazione elaborato di progettazione e produzione multimediale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE. Relazione elaborato di progettazione e produzione multimediale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE Relazione elaborato di progettazione e produzione multimediale AllPainters.Net SISTEMA PER LA GENERAZIONE DI SITI GRATUITI PER PITTORI Autori: - Bandini Roberto - Ercoli

Dettagli

La Qualità del Web QUALITÀ, ACCESSIBILITÀ E USABILITÀ. Web: Modello di Qualità (Polillo) Web: Modello di Qualità. Qualità: Visualizzazione

La Qualità del Web QUALITÀ, ACCESSIBILITÀ E USABILITÀ. Web: Modello di Qualità (Polillo) Web: Modello di Qualità. Qualità: Visualizzazione La Qualità del Web QUALITÀ, ACCESSIBILITÀ E USABILITÀ Informatica Generale (AA 0-5) Web: Modello di Qualità Web: Modello di Qualità (Polillo) caratteristiche principali grafica autorevolezza accessibilità

Dettagli

Requisiti 19, 20, 21, 22

Requisiti 19, 20, 21, 22 Requisiti 19, 20, 21, 22 Pubblicato da Roberto Castaldo il giorno 15 ottobre 2007 Requisito 19 Enunciato: Rendere chiara la destinazione di ciascun collegamento ipertestuale (link) con testi significativi

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE.

CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE. CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE. Articolo 1 Oggetto dell appalto 1. L appalto ha per oggetto la progettazione,

Dettagli