Indice. Prefazione, xi. 2.5 L elasticità, 37. capitolo 1 Avventure microeconomiche, 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. Prefazione, xi. 2.5 L elasticità, 37. capitolo 1 Avventure microeconomiche, 1"

Transcript

1 Indice Prefazione, xi capitolo 1 Avventure microeconomiche, La microeconomia (e ciò che può insegnarci su Rosa e Laura), 1 Gli strumenti della microeconomia, 2; Usare gli strumenti della microeconomia, Questo libro (e come lo vedrebbero Rosa e Laura), 4 Le decisioni di produttori e consumatori, 4; L offerta di mercato, 6; Oltre i fondamentali, 7; Enfasi sui dati, 8; Andiamo a incominciare, 9 applicazione vendere meglio su ebay grazie alla microeconomia, 5 freakonomics il tostapane di thomas thwaits, 3 superare il test mantenendo costante il resto del mondo, 4 la teoria e i dati i benefici di studiare economia, 8 In sintesi, 9 Domande di ripasso, 9 Capitolo 2 Domanda e offerta, Mercati e modelli, 11 Cos è un mercato?, 11; Le ipotesi fondamentali del modello di domanda e offerta, La domanda, 13 I fattori che influenzano la domanda, 13; Le curve di domanda, 14; Gli spostamenti della curva di domanda, 16; Perché il prezzo è trattato diversamente dagli altri fattori che influenzano la domanda?, L offerta, 18 I fattori che influenzano l offerta, 18; Le curve di offerta, 19; Gli spostamenti della curva di offerta, 20; Perché il prezzo è trattato diversamente anche nel caso dell offerta?, L equilibrio di mercato, 21 La derivazione algebrica dell equilibrio, 22; Perché i mercati tendono all equilibrio, 23; Gli effetti di uno spostamento della curva di domanda, 24; Gli effetti di uno spostamento della curva di offerta, 26; Gli effetti, in sintesi, 29; Cosa determina l entità delle variazioni del prezzo e della quantità?, 31; I cambiamenti dell equilibrio di mercato quando si spostano entrambe le curve, L elasticità, 37 Pendenza ed elasticità: due concetti differenti, 37; L elasticità della domanda e dell offerta al prezzo, 38; Elasticità al prezzo e reattività al prezzo, 39; Elasticità e curve di domanda e di offerta lineari, 41; Domanda e offerta perfettamente elastiche e perfettamente anelastiche, 44; Elasticità della domanda al prezzo, spesa e ricavo, 46; L elasticità della domanda al reddito, 47; Elasticità incrociata della domanda al prezzo, Conclusione, 49 applicazioni gli spostamenti della curva di offerta e il crash dei videogiochi del 1983, 29; la curva di offerta e i prezzi delle abitazioni: la storia di due città, 34; elasticità della domanda e disponibilità di sostituti, 40 la teoria e i dati i cambiamenti delle preferenze e la domanda di sigarette, 17 superare il test la quantità offerta e la quantità domandata sono uguali in equilibrio?, 22; uno spostamento della curva o un movimento lungo la curva?, 32 freakonomics il prezzo della fama: il presidente obama e i paparazzi, 27 In sintesi, 50 Domande di ripasso, 50 Problemi, 51 Capitolo 3 Usare domanda e offerta per analizzare i mercati, Surplus del consumatore e surplus del produttore: chi trae beneficio dal mercato?, 54 Il surplus del consumatore, 54; Il surplus del produttore, 56; La distribuzione dei guadagni e delle perdite che derivano dal cambiamento delle condizioni di mercato, La regolamentazione dei prezzi, 66 Livelli massimi di prezzo, 66; Livelli minimi di prezzo, La regolamentazione della quantità, 75 I contingentamenti, 75; La fornitura pubblica di beni e servizi, Le imposte, 81 Gli effetti delle imposte sui mercati, 81; Perché le imposte generano una perdita secca, 86; Perché un imposta di ammontare elevato è peggiore di una di ammontare contenuto, 86; L incidenza della tassazione: è irrilevante chi paga l imposta, 87

2 IV Indice I sussidi, Conclusione, 95 applicazioni il valore dell innovazione, 58; qual è il valore della chirurgia oftalmica lasik per i pazienti?, 59; in che misura l 11 settembre ha danneggiato il settore delle linee aeree?, 62; il costo della scappatoia del liscivio nero, 93 la teoria e i dati il servizio sanitario pubblico spiazza le assicurazioni sanitarie private?, 80 superare il test ho misurato correttamente la perdita secca?, 89 freakonomics gli incentivi economici possono favorire le gravidanze?, 94 In sintesi, 95 Domande di ripasso, 96 Problemi, 97 Capitolo 4 Il comportamento dei consumatori, Le preferenze del consumatore e il concetto di utilità, 101 Ipotesi sulle preferenze del consumatore, 101; Il concetto di utilità, 102; L utilità marginale, 103; Utilità e confronti, Le curve di indifferenza, 105 Le caratteristiche delle curve di indifferenza, 106; Il saggio marginale di sostituzione, 109; Il saggio marginale di sostituzione e l utilità marginale, 111; La ripidezza delle curve di indifferenza, 112; La curvatura delle curve di indifferenza: sostituti e complementi, Il reddito del consumatore e il vincolo di bilancio, 120 La pendenza del vincolo di bilancio, 121; I fattori che influenzano la posizione del vincolo di bilancio, 122; Vincoli di bilancio non standard, Combinare utilità, reddito e prezzi: cosa consuma il consumatore?, 126 Risolvere il problema di ottimizzazione del consumatore, 126; Le implicazioni della massimizzazione dell utilità, 130; Un caso particolare: le soluzioni d angolo, 132; Un approccio alternativo alla soluzione del problema del consumatore: la minimizzazione della spesa, Conclusione, 136 applicazione le curve di indifferenza di un bene negativo, 119 superare il test tracciate alcune curve di indifferenza per afferrare meglio il concetto, 107 freakonomics gli abitanti del minnesota hanno il sangue viola?, 110 la teoria e i dati le curve di indifferenza degli utenti di servizi telefonici, 114; le curve di indifferenza dei consumatori di servizi telefonici: seconda puntata, 131 In sintesi, 136 Domande di ripasso, 137 Problemi, 137 Appendice al capitolo 4 Applicare il calcolo differenziale alla massimizzazione dell utilità e alla minimizzazione della spesa, 141 Il problema di ottimizzazione del consumatore, 141; Il saggio marginale di sostituzione e l utilità marginale, 142; La mas- simizzazione dell utilità, 142; La massimizzazione dell utilità utilizzando il metodo di Lagrange, 144; Minimizzazione della spesa, 146 Problemi, 148 Capitolo 5 Domanda individuale e domanda di mercato L influenza delle variazioni del reddito sulle scelte di consumo, 150 Beni normali e beni inferiori, 151; L elasticità della domanda al reddito e la tipologia dei beni, 152; Il sentiero di espansione del reddito, 153; La curva di Engel, L influenza delle variazioni dei prezzi sulle scelte di consumo, 157 Derivare una curva di domanda, 158; Gli spostamenti della curva di domanda, Scomporre la reazione del consumatore alle variazioni del prezzo in effetto di reddito ed effetto di sostituzione, 162 Isolare l effetto di sostituzione, 164; Isolare l effetto di reddito, 165; L effetto totale, 166; Cosa determina l entità dell effetto di reddito e dell effetto di sostituzione?, 167; Un esempio di effetto di reddito con un bene inferiore, 172; I beni di Giffen, L effetto della variazione del prezzo di un altro bene: beni sostituti e beni complementari, 177 La variazione del prezzo di un bene sostituto, 177; La forma delle curve di indifferenza, seconda puntata, Combinare le curve di domanda individuali per ottenere la curva di domanda di mercato, 181 La curva di domanda di mercato, 181; Ricorrere all algebra per derivare la curva di domanda di mercato dalle curve di domanda individuali, Conclusione, 184 applicazioni le curve di engel e le dimensioni delle abitazioni, 155; la curva di offerta di lavoro «a gomito» e l effetto di reddito nella scelta fra lavoro e tempo libero, 169; alla ricerca dei beni di giffen, 175; film al cinema e a casa: beni sostituti o beni complementari?, 180 freakonomics anche agli animali piacciono i saldi, 160 superare il test calcolare l effetto di reddito e l effetto di sostituzione di una variazione del prezzo, 166; semplici regole da ricordare su effetto di reddito ed effetto di sostituzione, 177; sommare le curve di domanda orizzontalmente, non verticalmente, 183 la teoria e i dati la curva di offerta di lavoro a gomito dei professionisti del golf, 171 In sintesi, 184 Domande di ripasso, 185 Problemi, 185 Appendice al capitolo 5 Applicare il calcolo differenziale all analisi dell effetto di reddito e dell effetto di sostituzione, 189 Problemi, 193

3 Indice V Capitolo 6 Il comportamento dei produttori, I fondamenti della produzione, 194 Le ipotesi semplificatrici sul comportamento di produzione delle imprese, 195; Le funzioni di produzione, La produzione nel breve periodo, 199 Il prodotto marginale, 200; Il prodotto medio, La produzione nel lungo periodo, 203 La funzione di produzione di lungo periodo, Il problema della minimizzazione del costo dell impresa, 204 Gli isoquanti, 205; Le rette di isocosto, 209; Individuare il costo minimo: combinare isoquanti e rette di isocosto, 212; La minimizzazione del costo: un approccio grafico, 212; Le variazioni dei prezzi dei fattori di produzione, I rendimenti di scala, 217 I fattori che influenzano i rendimenti di scala, Il progresso tecnologico, Il sentiero di espansione dell impresa e la curva di costo totale, Conclusione, 225 applicazioni le imprese minimizzano sempre i costi?, 197; quanto è breve il breve periodo?, 203; il progresso tecnologico nell industria manifatturiera statunitense, 221 la teoria e i dati le scelte dei fattori in ambito ospedaliero e le regole di rimborso di medicare, 216 superare il test come determinare i rendimenti di scala di una funzione di produzione, 218 freakonomics perché i pescatori indiani adorano i telefoni cellulari?, 222 In sintesi, 225 Domande di ripasso, 226 Problemi, 226 Appendice al capitolo 6 Applicare il calcolo differenziale alla minimizzazione del costo, 230 Il prodotto marginale del lavoro e il saggio marginale di sostituzione tecnica, 230; La minimizzazione del costo usando il calcolo differenziale, 232; Il sentiero di espansione dell impresa, 236 Problemi, 237 Capitolo 7 I costi, I costi rilevanti nel processo decisionale: i costiopportunità, I costi irrilevanti nel processo decisionale: i costi sommersi, 241 I costi sommersi e le decisioni di produzione, I costi e le curve di costo, 246 Il costo fisso, 247; Il costo variabile, 247; Flessibilità, costi fissi e costi variabili, 247; Derivare le curve di costo, 249; La curva di costo fisso, 249; La curva di costo variabile, 250; La curva di costo totale, Il costo medio e il costo marginale, 251 Le misure del costo medio, 251; Il costo marginale, 252; La relazione fra costo medio e costo marginale, Le curve di costo di breve e di lungo periodo, 256 Produzione di breve periodo e curva di costo totale, 256; Le curve di costo medio di breve e di lungo periodo, 258; Le curve di costo marginale di breve e di lungo periodo, Le economie di scala e di scopo nel processo di produzione, 262 Le economie di scala, 262; Economie di scala e rendimenti di scala, 263; Le economie di scopo, 265; Da dove nascono le economie di scopo, Conclusione, 266 applicazioni fare soldi a palate cessando l attività di impresa: una lezione sul costo-opportunità, 240; perché gli studi cinematografici producono film pur sapendo che andranno in perdita?, 245; le economie di scala nella macellazione del maiale, 263 freakonomics pagare per una tesina: l economia dell imbroglio, 242 la teoria e i dati abbonarsi alla palestra, 244 In sintesi, 267 Domande di ripasso, 267 Problemi, 268 Appendice al capitolo 7 Applicare il calcolo differenziale all analisi dei costi di un impresa, 270 Problemi, 273 Capitolo 8 L offerta in un mercato concorrenziale, Strutture di mercato e concorrenza perfetta nel breve periodo, 274 La concorrenza perfetta, 275; La curva di domanda vista da un impresa price taker, La massimizzazione del profitto in un mercato perfettamente concorrenziale, 278 Ricavo totale, costo totale e massimizzazione del profitto, 278; La massimizzazione del profitto di un impresa in concorrenza perfetta, 279; Misurare il profitto di un impresa, La concorrenza perfetta nel breve periodo, 285 La curva di offerta di breve periodo di un impresa in un mercato perfettamente concorrenziale, 285; La curva di offerta di breve periodo per un settore in concorrenza perfetta, 288; Il surplus del produttore di un impresa concorrenziale, 291; Surplus del produttore e profitto, 292; Il surplus del produttore per un settore concorrenziale, I settori perfettamente concorrenziali nel lungo periodo, 295 L entrata, 296; L uscita, 297; Derivare graficamente la curva di

4 VI Indice offerta di settore di lungo periodo, 298; La transizione da un equilibrio di lungo periodo a un altro, 299; L offerta di lungo periodo nei settori a costi costanti, crescenti e decrescenti, Surplus del produttore, rendita economica e profitto economico, 305 Differenze di costo e rendita economica in concorrenza perfetta, Conclusione, 307 applicazioni le imprese massimizzano sempre i profitti?, 280; la curva di offerta di un impresa di generazione elettrica, 286; la curva di offerta di breve periodo di petrolio greggio, 290; la curva di offerta di settore e il surplus del produttore nella generazione di elettricità, 293; l aumento della domanda di granturco, 302 superare il test la storia di tre curve, 286 la teoria e i dati l entrata e l uscita in azione nei mercati: gli immobili residenziali, 299 freakonomics la non tanto semplice analisi economica dell estorsione, 300 In sintesi, 308 Domande di ripasso, 308 Problemi, 309 Capitolo 9 Potere di mercato e monopolio, Le fonti di potere di mercato, 315 Le economie di scala estreme: il monopolio naturale, 315; I costi di cambiamento, 317; La differenziazione del prodotto, 318; Vantaggi di costo assoluti o controllo di fattori di produzione cruciali, 318; La regolamentazione pubblica, 319; Volere è potere (soprattutto in presenza di surplus del produttore), Potere di mercato e ricavo marginale, 320 Potere di mercato e monopolio, 321; Il ricavo marginale, La massimizzazione del profitto di un impresa con potere di mercato, 327 Come massimizzare il profitto, 327; La massimizzazione del profitto con potere di mercato: un approccio grafico, 328; La massimizzazione del profitto con potere di mercato: un approccio matematico, 329; Una formula per il mark-up delle imprese con potere di mercato: l indice di Lerner, 331; L offerta di un impresa dotata di potere di mercato, Le reazioni di un impresa dotata di potere di mercato a cambiamenti del mercato, 335 La reazione a una variazione del costo marginale, 335; La reazione a una variazione della domanda, 336; La grande differenza: le variazioni della sensibilità dei consumatori al prezzo, Chi guadagna e chi perde dal potere di mercato, 338 Surplus del consumatore e surplus del produttore in presenza di potere di mercato, 339; Surplus del consumatore e surplus del produttore in concorrenza perfetta, 340; La perdita secca derivante dal potere di mercato, 341; Le differenze di surplus del produttore per imprese diverse, Intervento pubblico e potere di mercato: regolamentazione, antitrust e innovazione, 343 La regolamentazione diretta dei prezzi, 343; L antitrust, 344; La promozione dei monopoli: brevetti, licenze e copyright, 345; La protezione offerta dai brevetti nella pratica, Conclusione, 348 applicazioni il monopolio naturale nel settore della radio satellitare, 316; il controllo di un fattore di produzione cruciale: la tormentata storia di fordlandia, brasile, 318; potere di mercato e quota di mercato, 333; la southwest airlines, 340; il file-sharing su internet e l industria musicale, 347 freakonomics perché i trafficanti di droga vogliono la pace, non la guerra, 320 la teoria e i dati determinare il potenziale mercato di un nuovo farmaco, 349 In sintesi, 350 Domande di ripasso, 350 Problemi, 351 Appendice al capitolo 9 Applicare il calcolo differenziale alla massimizzazione del profitto, 355 La condizioni di massimizzazione del profitto, 355; Il ricavo marginale, 356 Problemi, 359 Capitolo 10 Potere di mercato e strategie di prezzo, Gli elementi fondamentali delle strategie di prezzo, 360 Le circostanze in cui un impresa può perseguire una strategia di prezzo, La discriminazione dei prezzi diretta I: discriminazione dei prezzi perfetta/di primo grado, 363 Esempi di discriminazione dei prezzi perfetta, La discriminazione dei prezzi diretta II: segmentazione/discriminazione dei prezzi di terzo grado, 368 I benefici della segmentazione: un approccio grafico, 369; I benefici della segmentazione: un approccio matematico, 371; Quanto far pagare a ciascun segmento?, 373; Gli approcci alla segmentazione diretta dei consumatori, La discriminazione dei prezzi indiretta/di secondo grado, 378 La discriminazione dei prezzi indiretta attraverso gli sconti di quantità, 379; La discriminazione dei prezzi indiretta attraverso la vendita di diverse versioni dello stesso prodotto, 384; La discriminazione dei prezzi indiretta tramite i buoni sconto, La vendita a pacchetto, 386 Il bundling misto, 389

5 Indice VII 10.6 Strategie di prezzo più sofisticate, 392 Il block pricing, 392; Le tariffe a due componenti, Conclusione, 396 applicazione come la priceline ha scoperto che non è possibile discriminare i prezzi in assenza di potere di mercato, 367 superare il test si tratta davvero di discriminazione dei prezzi?, 375 freakonomics la discriminazione dei prezzi non così segreta di victoria s secret, 376 la teoria e i dati la segmentazione geografica nel mercato automobilistico europeo, 377 In sintesi, 397 Domande di ripasso, 397 Problemi, 398 Capitolo 11 La concorrenza imperfetta, Il significato di equilibrio nell oligopolio, Oligopolio con beni identici: collusione e cartelli, 406 L instabilità della collusione e dei cartelli, 406; I fattori che favoriscono la collusione, Oligopolio con beni identici: la concorrenza alla Bertrand, 412 Impostazione del modello di Bertrand, 412; L equilibrio di Nash in un oligopolio alla Bertrand, Oligopolio con beni identici: la concorrenza alla Cournot, 415 Impostazione del modello di Cournot, 416; L equilibrio in un oligopolio alla Cournot, 417; Equilibrio di Cournot, collusione e oligopolio alla Bertrand a confronto, 422; Cosa succede se in un oligopolio alla Cournot sono presenti più di due imprese?, 423; Cournot e Bertrand a confronto: estensioni, Oligopolio con beni identici: la concorrenza alla Stackelberg, 424 La concorrenza alla Stackelberg e il vantaggio della prima mossa, Oligopolio con beni differenziati: la concorrenza alla Bertrand, 427 L equilibrio in un oligopolio alla Bertrand con prodotti differenziati, Concorrenza monopolistica, 431 L equilibrio nei mercati in concorrenza monopolistica, Conclusione, 436 applicazioni un esempio di equilibrio di nash: i film d animazione, 404; l opec e il controllo del petrolio, 409; il cartello del calcestruzzo di indianapolis, 411 freakonomics come il governo degli stati uniti ha perso la guerra contro l industria del tabacco, 413 la teoria e i dati componenti per computer, parte i, 416; componenti per computer, parte ii: differenziare per disperazione, 432 In sintesi, 436 Domande di ripasso, 437 Problemi, 437 Capitolo 12 La teoria dei giochi, Cos è un gioco?, 444 Strategie dominanti e strategie dominate, L equilibrio di Nash nei giochi non ripetuti, 446 Gli equilibri multipli, 450; Le strategie miste, 452; La strategia di massiminimo (ovvero: cosa fare se il mio avversario è un idiota?), I giochi ripetuti, 457 I giochi ripetuti un numero finito di volte, 457; I giochi ripetuti un numero infinito di volte, I giochi sequenziali, 462 Un altro gioco sequenziale, Mosse strategiche, credibilità e impegno, 467 I pagamenti sottobanco, 467; L impegno, 469; La deterrenza all entrata: l applicazione della credibilità, 472; La reputazione, Conclusione, 477 applicazioni strategie miste casuali nel calcio, 454; divertirsi sotto il sole: la vinificazione per miliardari irrazionali, 456; il dottor stranamore e i pericoli della segretezza, 471 superare il test il metodo della spunta, 448; induzione a ritroso e «potatura dei rami», 465 la teoria e i dati la reazione delle compagnie aeree alla potenziale entrata della southwest airlines, 474 freakonomics come la teoria dei giochi potrebbe salvarvi la vita, 477 In sintesi, 478 Domande di ripasso, 478 Problemi, 478 Capitolo 13 Investimento, tempo e assicurazione, L analisi del valore attuale, 485 I tassi di interesse, 485; La «regola del 72», 487; Il valore attuale, La valutazione delle scelte di investimento, 493 Il valore attuale netto, 493; Il ruolo chiave dei tassi di interesse nella determinazione del valore attuale netto, 495; Valore attuale netto e periodo di recupero, Il giusto tasso di interesse da utilizzare e i mercati dei capitali, 499 Tassi di interesse nominali e reali, 499; Altre modifiche del tasso di interesse, 499; I mercati dei capitali e la determinazione del tasso di interesse di mercato, La valutazione degli investimenti rischiosi, 502 Il valore attuale netto in presenza di incertezza: il valore atteso, 502; Il rischio e il valore opzionale dell attesa, Rischio, incertezza e assicurazione, 505 Reddito atteso, utilità attesa e premio al rischio, 506; I mer-

6 VIII Indice cati assicurativi, 508; Il grado di avversione al rischio, 511; Avversione al rischio e decisioni di investimento, Conclusione, 514 applicazioni il valore attuale delle obbligazioni, 491; sostituire gli aeromobili, 496 la teoria e i dati il valore assicurativo di medicare, 510 freakonomics apocalypse now: quanto siamo disposti a pagare per evitare il disastro?, 512 In sintesi, 514 Domande di ripasso, 514 Problemi, 515 Capitolo 14 L equilibrio generale, Gli effetti dell equilibrio generale in azione, 519 Una panoramica degli effetti di equilibrio generale, 519; L analisi quantitativa dell equilibrio generale: l esempio del granturco con collegamenti fra i mercati dal lato della domanda, 522; L analisi quantitativa dell equilibrio generale: l esempio del granturco con collegamenti fra i mercati dal lato dell offerta, L equilibrio generale: equità ed efficienza, 531 I criteri per misurare la performance dei mercati: le funzioni del benessere sociale, 532; I criteri per misurare la performance dei mercati: l efficienza paretiana, 534; L efficienza paretiana nei mercati, 534; L efficienza nei mercati: tre requisiti, L efficienza nei mercati: efficienza nello scambio, 536 La scatola di Edgeworth, 536; I benefici dello scambio nella scatola di Edgeworth, L efficienza nei mercati: efficienza nella produzione, 542 La frontiera delle possibilità di produzione, L efficienza nei mercati: efficienza nell allocazione delle risorse, 546 Il saggio marginale di trasformazione, Mercati, efficienza e teoremi del benessere, Conclusione, 553 applicazioni le interazioni di equilibrio generale tra i mercati cittadini del lavoro e delle abitazioni, 529; l efficienza nell allocazione delle risorse fra le imprese manifatturiere in india, 551 la teoria e i dati l equilibrio generale di carmageddon, 527 freakonomics dove sono andati a finire gli insegnanti di una volta?, 529 In sintesi, 553 Domande di ripasso, 554 Problemi, 554 Capitolo 15 l informazione asimmetrica, Il problema dei bidoni e la selezione avversa, 560 La qualità osservabile, 560; La qualità non osservabile, 560; La selezione avversa, 561; Altri esempi del problema dei bidoni, 563; Le istituzioni atte a mitigare il problema dei bidoni, 563; La selezione avversa quando il compratore è più informato del venditore: i mercati assicurativi, 568; Mitigare la selezione avversa nel mercato assicurativo, Il rischio morale, 571 Un esempio estremo di rischio morale, 572; Esempi di rischio morale nei mercati assicurativi, 575; Il rischio morale al di fuori dei mercati assicurativi, 576; Mitigare il rischio morale, L informazione asimmetrica nelle relazioni principaleagente, 578 Relazioni principale-agente e rischio morale: un esempio, 579; Le relazioni principale-agente in forma di gioco, 580; Altri casi di relazione principale-agente, La segnalazione quale soluzione ai problemi di informazione asimmetrica, 583 L esempio canonico di segnalazione: l istruzione, 585; Altri segnali, Conclusione, 590 applicazioni la reputazione nella vendita di articoli da collezione, 566; la selezione avversa e l assicurazione obbligatoria, 571; l assicurazione sull auto basata sull uso, 577; la pubblicità come segnale di qualità, 589 freakonomics siam pirati e ci trattiamo bene?, 582 la teoria e i dati il problema principale-agente nelle transazioni immobiliari, 584 In sintesi, 591 Domande di ripasso, 591 Problemi, 592 Capitolo 16 Esternalità e beni pubblici Le esternalità, 597 Perché il mercato non funziona come dovrebbe: le inefficienze economiche prodotte dalle esternalità, 597; Le esternalità negative, 598; Le esternalità positive, Correggere le esternalità, 603 Il livello efficiente di inquinamento, 603; Usare i prezzi per rimediare alle esternalità, 605; I meccanismi quantitativi per ridurre le esternalità, 609; Gli interventi basati sul prezzo e sulla quantità in presenza di incertezza, 611; Un approccio di mercato alla riduzione delle esternalità: i mercati dei permessi negoziabili, Ulteriori argomenti relativi alle esternalità e ai loro rimedi, 618 La tragedia dei commons, 618; Il teorema di Coase: quando il libero mercato riesce a risolvere autonomamente le esternalità, 619; Il teorema di Coase e i mercati dei permessi negoziabili, I beni pubblici, 624 Il livello ottimo dei beni pubblici, 625; Soluzioni al problema del free-rider, Conclusione, 629 applicazioni ridurre lo spam, 607; un aumento delle imposte di circolazione fa di noi automobilisti più felici?, 609; la tragedia

7 Indice IX dei commons incontra il teorema di coase nei giacimenti petroliferi texani, 622 la teoria e i dati l esternalità positiva del lojack, 602 freakonomics la protezione antincendio è un bene pubblico?, 629 In sintesi, 630 Domande di ripasso, 630 Problemi, 631 applicazione l errore dei costi sommersi e il crollo del mercato residenziale, 644 freakonomics spingersi (letteralmente) ai confini del mondo per testare la teoria economica, 649 In sintesi, 652 Domande di ripasso, 652 Problemi, 652 Capitolo 17 L economia comportamentale e sperimentale Quando gli esseri umani si comportano diversamente da come prevedono i modelli economici, 638 Bias sistematico n. 1: l eccessiva sicurezza di sé, 638; Bias sistematico n. 2: problemi di autocontrollo e sconto iperbolico, 639; Bias sistematico n. 3: sensibilità alla formulazione dei problemi o delle decisioni, 641; Bias sistematico n. 4: prestare attenzione ai costi sommersi, 643; Bias sistematico n. 5: generosità e altruismo, L economia comportamentale implica che tutto ciò che abbiamo appreso finora è inutile?, La verifica empirica delle teorie economiche: l economia sperimentale, 647 Gli esperimenti di laboratorio, 648; Esperimenti naturali ed esperimenti sul campo, Conclusioni e il futuro della microeconomia, 651 Appendice Strumenti matematici, 654 A1. Concetti matematici fondamentali, 654 Linee e curve, 654; La tangenza, 655 A2. Elementi di calcolo differenziale, 656 Le derivate prime, 657; Le derivate seconde, 658; Le derivate parziali, 659; Un problema di ottimizzazione non vincolata, 660 Soluzioni alle domande di ripasso, 662 Soluzioni ai problemi contrassegnati da asterisco, 673 bibliografia, 702 glossario, 704 indice analitico, 712

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs)

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) Spesso la tecnologia dell informazione assume la forma di un sistema, ovvero un insieme di componenti che hanno valore quando funzionano insieme. Per esempio, hardware

Dettagli

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

L Economia del Benessere

L Economia del Benessere L Economia del Benessere L'Economia del Benessere è la branca normativa della Scienza Economica. In quest'area della ricerca vengono studiate e definite delle regole (o dei metodi) per poter classificare,

Dettagli

28/04/2014 CAPITOLO 10. Mercati concorrenziali: applicazioni

28/04/2014 CAPITOLO 10. Mercati concorrenziali: applicazioni CAPITOLO 10 Mercati concorrenziali: applicazioni 1 1 L efficienza economica in un mercato concorrenziale 2 2 L efficienza economica in un mercato concorrenziale In corrispondenza dell equilibrio perfettamente

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 7 Continuiamo ad acquisire gli strumenti che ci permetteranno di studiare la scelta ottimale dell impresa. In questo capitolo vengono trattati i costi dell impresa. Usando la funzione di produzione

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente.

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente. ESERCIZI SVOLTI SU COMPORTAMENTO DELL IMPRESA di G.Garofalo 1. Nota la funzione di costo totale CT = 1 + 3 + 70 Determinare le funzioni di costo: - fisso e medio fisso - variabile e medio variabile - medio

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf)

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf) Capitolo 6 La produzione A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1 Questo file (con nome cap_06.pdf) può essere scaricato da siti e file elearning.moodle2.unito.it/esomas/course/ view.php?id=215 abbreviato

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 6: Equilibrio economico generale (part 2) David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

La ricerca operativa

La ricerca operativa S.S.I.S. PUGLIA Anno Accademico 2003/2004 Laboratorio di didattica della matematica per l economia e la finanza La ricerca operativa Prof. Palmira Ronchi (palmira.ronchi@ssis.uniba.it) Gli esercizi presenti

Dettagli

TEORIA DEL CONSUMATORE

TEORIA DEL CONSUMATORE TEORIA DEL CONSUMATORE Premessa: La moderna teoria economica del comportamento del consumatore è intimamente legata alla teoria marginalista neo-classica, essendo fra l'altro da essa storicamente derivata.

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI 1 PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI La ricerca operativa nata durante la seconda guerra mondiale ed utilizzata in ambito militare, oggi viene applicata all industria, nel settore pubblico e nell

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 1-3 Offerta di lavoro -Le preferenze del lavoratore 1 Offerta di lavoro Le preferenze del lavoratore Il comportamento dell offerta di lavoro è analizzato dagli economisti

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

Aste a valore privato, comune e affiliato

Aste a valore privato, comune e affiliato Aste a valore privato, comune e affiliato Siano: V i = il valore di mercato che il bidder i assegna al bene v i = la valutazione soggettiva del bene, da parte dell i-esimo bidder In un asta a valore privato,

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

Dispensa per le lezioni di microeconomia. Marco Missaglia

Dispensa per le lezioni di microeconomia. Marco Missaglia Dispensa per le lezioni di microeconomia Marco Missaglia 1 Introduzione In questa dispensa si tratteranno alcune questioni legate ai mercati, alla loro efficienza e ai loro fallimenti. Prima di tutto cercheremo

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Il presente capitolo continua nell esposizione di alcune basi teoriche della manutenzione. In particolare si tratteranno

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA Coop intern - 1 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA VARIE ACCEZIONI DEL TERMINE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONSULTAZIONE TRA STATI COORDINAMENTO STRETTO DELLE POLITICHE COORDINAMENTO:

Dettagli

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS 1 UTILITÀ Classicamente sinonimo di Desiderabilità Fisher (1930):... uno degli elementi che contribuiscono ad identificare la natura economica di un bene e sorge

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

Analisi degli effetti concorrenziali ed evidenze empiriche con particolare attenzione alla pratica del franchising

Analisi degli effetti concorrenziali ed evidenze empiriche con particolare attenzione alla pratica del franchising UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Economia Corso di Laurea specialistica in Marketing e analisi di Mercato curriculum in Marketing Management. RESTRIZIONI VERTICALI Analisi degli effetti

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

( ) ( ) 0. Entrata e uscita dal mercato. Entrata e uscita dal mercato. Libertà d entrata ed efficienza. Libertà d entrata e benessere sociale

( ) ( ) 0. Entrata e uscita dal mercato. Entrata e uscita dal mercato. Libertà d entrata ed efficienza. Libertà d entrata e benessere sociale Entrata e uscita dal mercato In assenza di comportamento strategico, le imprese decidono di entrare/uscire dal mercato confrontando i guadagni attesi con i costi di entrata. In assenza di barriere strategiche

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

17016-ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI PRESENTAZIONE CORSO

17016-ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI PRESENTAZIONE CORSO 17016-ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI PRESENTAZIONE CORSO PRESENTAZIONE CORSO DOCENTI CONTENUTI MODALITA DIDATTICHE SYLLABUS MATERIALE DI RIFERIMENTO MODALITA DI ESAME 1 MODALITA ESAME

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia Testo di riferimento: Analisi Finanziaria, McGraw-Hill, 2002 Obiettivi della lezione Capire i profili di

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

I costi nel breve periodo

I costi nel breve periodo I costi di produzione e la funzione di offerta Breve e lungo periodo Il breve periodo è quell orizzonte temporale nel quale l impresa può variare solo parzialmente l impiego degli input esempio: l impresa

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Dott.ssa Caterina Gurrieri

Dott.ssa Caterina Gurrieri Dott.ssa Caterina Gurrieri Le relazioni tra caratteri Data una tabella a doppia entrata, grande importanza riveste il misurare se e in che misura le variabili in essa riportata sono in qualche modo

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli