Indice. Prefazione, xi. 2.5 L elasticità, 37. capitolo 1 Avventure microeconomiche, 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. Prefazione, xi. 2.5 L elasticità, 37. capitolo 1 Avventure microeconomiche, 1"

Transcript

1 Indice Prefazione, xi capitolo 1 Avventure microeconomiche, La microeconomia (e ciò che può insegnarci su Rosa e Laura), 1 Gli strumenti della microeconomia, 2; Usare gli strumenti della microeconomia, Questo libro (e come lo vedrebbero Rosa e Laura), 4 Le decisioni di produttori e consumatori, 4; L offerta di mercato, 6; Oltre i fondamentali, 7; Enfasi sui dati, 8; Andiamo a incominciare, 9 applicazione vendere meglio su ebay grazie alla microeconomia, 5 freakonomics il tostapane di thomas thwaits, 3 superare il test mantenendo costante il resto del mondo, 4 la teoria e i dati i benefici di studiare economia, 8 In sintesi, 9 Domande di ripasso, 9 Capitolo 2 Domanda e offerta, Mercati e modelli, 11 Cos è un mercato?, 11; Le ipotesi fondamentali del modello di domanda e offerta, La domanda, 13 I fattori che influenzano la domanda, 13; Le curve di domanda, 14; Gli spostamenti della curva di domanda, 16; Perché il prezzo è trattato diversamente dagli altri fattori che influenzano la domanda?, L offerta, 18 I fattori che influenzano l offerta, 18; Le curve di offerta, 19; Gli spostamenti della curva di offerta, 20; Perché il prezzo è trattato diversamente anche nel caso dell offerta?, L equilibrio di mercato, 21 La derivazione algebrica dell equilibrio, 22; Perché i mercati tendono all equilibrio, 23; Gli effetti di uno spostamento della curva di domanda, 24; Gli effetti di uno spostamento della curva di offerta, 26; Gli effetti, in sintesi, 29; Cosa determina l entità delle variazioni del prezzo e della quantità?, 31; I cambiamenti dell equilibrio di mercato quando si spostano entrambe le curve, L elasticità, 37 Pendenza ed elasticità: due concetti differenti, 37; L elasticità della domanda e dell offerta al prezzo, 38; Elasticità al prezzo e reattività al prezzo, 39; Elasticità e curve di domanda e di offerta lineari, 41; Domanda e offerta perfettamente elastiche e perfettamente anelastiche, 44; Elasticità della domanda al prezzo, spesa e ricavo, 46; L elasticità della domanda al reddito, 47; Elasticità incrociata della domanda al prezzo, Conclusione, 49 applicazioni gli spostamenti della curva di offerta e il crash dei videogiochi del 1983, 29; la curva di offerta e i prezzi delle abitazioni: la storia di due città, 34; elasticità della domanda e disponibilità di sostituti, 40 la teoria e i dati i cambiamenti delle preferenze e la domanda di sigarette, 17 superare il test la quantità offerta e la quantità domandata sono uguali in equilibrio?, 22; uno spostamento della curva o un movimento lungo la curva?, 32 freakonomics il prezzo della fama: il presidente obama e i paparazzi, 27 In sintesi, 50 Domande di ripasso, 50 Problemi, 51 Capitolo 3 Usare domanda e offerta per analizzare i mercati, Surplus del consumatore e surplus del produttore: chi trae beneficio dal mercato?, 54 Il surplus del consumatore, 54; Il surplus del produttore, 56; La distribuzione dei guadagni e delle perdite che derivano dal cambiamento delle condizioni di mercato, La regolamentazione dei prezzi, 66 Livelli massimi di prezzo, 66; Livelli minimi di prezzo, La regolamentazione della quantità, 75 I contingentamenti, 75; La fornitura pubblica di beni e servizi, Le imposte, 81 Gli effetti delle imposte sui mercati, 81; Perché le imposte generano una perdita secca, 86; Perché un imposta di ammontare elevato è peggiore di una di ammontare contenuto, 86; L incidenza della tassazione: è irrilevante chi paga l imposta, 87

2 IV Indice I sussidi, Conclusione, 95 applicazioni il valore dell innovazione, 58; qual è il valore della chirurgia oftalmica lasik per i pazienti?, 59; in che misura l 11 settembre ha danneggiato il settore delle linee aeree?, 62; il costo della scappatoia del liscivio nero, 93 la teoria e i dati il servizio sanitario pubblico spiazza le assicurazioni sanitarie private?, 80 superare il test ho misurato correttamente la perdita secca?, 89 freakonomics gli incentivi economici possono favorire le gravidanze?, 94 In sintesi, 95 Domande di ripasso, 96 Problemi, 97 Capitolo 4 Il comportamento dei consumatori, Le preferenze del consumatore e il concetto di utilità, 101 Ipotesi sulle preferenze del consumatore, 101; Il concetto di utilità, 102; L utilità marginale, 103; Utilità e confronti, Le curve di indifferenza, 105 Le caratteristiche delle curve di indifferenza, 106; Il saggio marginale di sostituzione, 109; Il saggio marginale di sostituzione e l utilità marginale, 111; La ripidezza delle curve di indifferenza, 112; La curvatura delle curve di indifferenza: sostituti e complementi, Il reddito del consumatore e il vincolo di bilancio, 120 La pendenza del vincolo di bilancio, 121; I fattori che influenzano la posizione del vincolo di bilancio, 122; Vincoli di bilancio non standard, Combinare utilità, reddito e prezzi: cosa consuma il consumatore?, 126 Risolvere il problema di ottimizzazione del consumatore, 126; Le implicazioni della massimizzazione dell utilità, 130; Un caso particolare: le soluzioni d angolo, 132; Un approccio alternativo alla soluzione del problema del consumatore: la minimizzazione della spesa, Conclusione, 136 applicazione le curve di indifferenza di un bene negativo, 119 superare il test tracciate alcune curve di indifferenza per afferrare meglio il concetto, 107 freakonomics gli abitanti del minnesota hanno il sangue viola?, 110 la teoria e i dati le curve di indifferenza degli utenti di servizi telefonici, 114; le curve di indifferenza dei consumatori di servizi telefonici: seconda puntata, 131 In sintesi, 136 Domande di ripasso, 137 Problemi, 137 Appendice al capitolo 4 Applicare il calcolo differenziale alla massimizzazione dell utilità e alla minimizzazione della spesa, 141 Il problema di ottimizzazione del consumatore, 141; Il saggio marginale di sostituzione e l utilità marginale, 142; La mas- simizzazione dell utilità, 142; La massimizzazione dell utilità utilizzando il metodo di Lagrange, 144; Minimizzazione della spesa, 146 Problemi, 148 Capitolo 5 Domanda individuale e domanda di mercato L influenza delle variazioni del reddito sulle scelte di consumo, 150 Beni normali e beni inferiori, 151; L elasticità della domanda al reddito e la tipologia dei beni, 152; Il sentiero di espansione del reddito, 153; La curva di Engel, L influenza delle variazioni dei prezzi sulle scelte di consumo, 157 Derivare una curva di domanda, 158; Gli spostamenti della curva di domanda, Scomporre la reazione del consumatore alle variazioni del prezzo in effetto di reddito ed effetto di sostituzione, 162 Isolare l effetto di sostituzione, 164; Isolare l effetto di reddito, 165; L effetto totale, 166; Cosa determina l entità dell effetto di reddito e dell effetto di sostituzione?, 167; Un esempio di effetto di reddito con un bene inferiore, 172; I beni di Giffen, L effetto della variazione del prezzo di un altro bene: beni sostituti e beni complementari, 177 La variazione del prezzo di un bene sostituto, 177; La forma delle curve di indifferenza, seconda puntata, Combinare le curve di domanda individuali per ottenere la curva di domanda di mercato, 181 La curva di domanda di mercato, 181; Ricorrere all algebra per derivare la curva di domanda di mercato dalle curve di domanda individuali, Conclusione, 184 applicazioni le curve di engel e le dimensioni delle abitazioni, 155; la curva di offerta di lavoro «a gomito» e l effetto di reddito nella scelta fra lavoro e tempo libero, 169; alla ricerca dei beni di giffen, 175; film al cinema e a casa: beni sostituti o beni complementari?, 180 freakonomics anche agli animali piacciono i saldi, 160 superare il test calcolare l effetto di reddito e l effetto di sostituzione di una variazione del prezzo, 166; semplici regole da ricordare su effetto di reddito ed effetto di sostituzione, 177; sommare le curve di domanda orizzontalmente, non verticalmente, 183 la teoria e i dati la curva di offerta di lavoro a gomito dei professionisti del golf, 171 In sintesi, 184 Domande di ripasso, 185 Problemi, 185 Appendice al capitolo 5 Applicare il calcolo differenziale all analisi dell effetto di reddito e dell effetto di sostituzione, 189 Problemi, 193

3 Indice V Capitolo 6 Il comportamento dei produttori, I fondamenti della produzione, 194 Le ipotesi semplificatrici sul comportamento di produzione delle imprese, 195; Le funzioni di produzione, La produzione nel breve periodo, 199 Il prodotto marginale, 200; Il prodotto medio, La produzione nel lungo periodo, 203 La funzione di produzione di lungo periodo, Il problema della minimizzazione del costo dell impresa, 204 Gli isoquanti, 205; Le rette di isocosto, 209; Individuare il costo minimo: combinare isoquanti e rette di isocosto, 212; La minimizzazione del costo: un approccio grafico, 212; Le variazioni dei prezzi dei fattori di produzione, I rendimenti di scala, 217 I fattori che influenzano i rendimenti di scala, Il progresso tecnologico, Il sentiero di espansione dell impresa e la curva di costo totale, Conclusione, 225 applicazioni le imprese minimizzano sempre i costi?, 197; quanto è breve il breve periodo?, 203; il progresso tecnologico nell industria manifatturiera statunitense, 221 la teoria e i dati le scelte dei fattori in ambito ospedaliero e le regole di rimborso di medicare, 216 superare il test come determinare i rendimenti di scala di una funzione di produzione, 218 freakonomics perché i pescatori indiani adorano i telefoni cellulari?, 222 In sintesi, 225 Domande di ripasso, 226 Problemi, 226 Appendice al capitolo 6 Applicare il calcolo differenziale alla minimizzazione del costo, 230 Il prodotto marginale del lavoro e il saggio marginale di sostituzione tecnica, 230; La minimizzazione del costo usando il calcolo differenziale, 232; Il sentiero di espansione dell impresa, 236 Problemi, 237 Capitolo 7 I costi, I costi rilevanti nel processo decisionale: i costiopportunità, I costi irrilevanti nel processo decisionale: i costi sommersi, 241 I costi sommersi e le decisioni di produzione, I costi e le curve di costo, 246 Il costo fisso, 247; Il costo variabile, 247; Flessibilità, costi fissi e costi variabili, 247; Derivare le curve di costo, 249; La curva di costo fisso, 249; La curva di costo variabile, 250; La curva di costo totale, Il costo medio e il costo marginale, 251 Le misure del costo medio, 251; Il costo marginale, 252; La relazione fra costo medio e costo marginale, Le curve di costo di breve e di lungo periodo, 256 Produzione di breve periodo e curva di costo totale, 256; Le curve di costo medio di breve e di lungo periodo, 258; Le curve di costo marginale di breve e di lungo periodo, Le economie di scala e di scopo nel processo di produzione, 262 Le economie di scala, 262; Economie di scala e rendimenti di scala, 263; Le economie di scopo, 265; Da dove nascono le economie di scopo, Conclusione, 266 applicazioni fare soldi a palate cessando l attività di impresa: una lezione sul costo-opportunità, 240; perché gli studi cinematografici producono film pur sapendo che andranno in perdita?, 245; le economie di scala nella macellazione del maiale, 263 freakonomics pagare per una tesina: l economia dell imbroglio, 242 la teoria e i dati abbonarsi alla palestra, 244 In sintesi, 267 Domande di ripasso, 267 Problemi, 268 Appendice al capitolo 7 Applicare il calcolo differenziale all analisi dei costi di un impresa, 270 Problemi, 273 Capitolo 8 L offerta in un mercato concorrenziale, Strutture di mercato e concorrenza perfetta nel breve periodo, 274 La concorrenza perfetta, 275; La curva di domanda vista da un impresa price taker, La massimizzazione del profitto in un mercato perfettamente concorrenziale, 278 Ricavo totale, costo totale e massimizzazione del profitto, 278; La massimizzazione del profitto di un impresa in concorrenza perfetta, 279; Misurare il profitto di un impresa, La concorrenza perfetta nel breve periodo, 285 La curva di offerta di breve periodo di un impresa in un mercato perfettamente concorrenziale, 285; La curva di offerta di breve periodo per un settore in concorrenza perfetta, 288; Il surplus del produttore di un impresa concorrenziale, 291; Surplus del produttore e profitto, 292; Il surplus del produttore per un settore concorrenziale, I settori perfettamente concorrenziali nel lungo periodo, 295 L entrata, 296; L uscita, 297; Derivare graficamente la curva di

4 VI Indice offerta di settore di lungo periodo, 298; La transizione da un equilibrio di lungo periodo a un altro, 299; L offerta di lungo periodo nei settori a costi costanti, crescenti e decrescenti, Surplus del produttore, rendita economica e profitto economico, 305 Differenze di costo e rendita economica in concorrenza perfetta, Conclusione, 307 applicazioni le imprese massimizzano sempre i profitti?, 280; la curva di offerta di un impresa di generazione elettrica, 286; la curva di offerta di breve periodo di petrolio greggio, 290; la curva di offerta di settore e il surplus del produttore nella generazione di elettricità, 293; l aumento della domanda di granturco, 302 superare il test la storia di tre curve, 286 la teoria e i dati l entrata e l uscita in azione nei mercati: gli immobili residenziali, 299 freakonomics la non tanto semplice analisi economica dell estorsione, 300 In sintesi, 308 Domande di ripasso, 308 Problemi, 309 Capitolo 9 Potere di mercato e monopolio, Le fonti di potere di mercato, 315 Le economie di scala estreme: il monopolio naturale, 315; I costi di cambiamento, 317; La differenziazione del prodotto, 318; Vantaggi di costo assoluti o controllo di fattori di produzione cruciali, 318; La regolamentazione pubblica, 319; Volere è potere (soprattutto in presenza di surplus del produttore), Potere di mercato e ricavo marginale, 320 Potere di mercato e monopolio, 321; Il ricavo marginale, La massimizzazione del profitto di un impresa con potere di mercato, 327 Come massimizzare il profitto, 327; La massimizzazione del profitto con potere di mercato: un approccio grafico, 328; La massimizzazione del profitto con potere di mercato: un approccio matematico, 329; Una formula per il mark-up delle imprese con potere di mercato: l indice di Lerner, 331; L offerta di un impresa dotata di potere di mercato, Le reazioni di un impresa dotata di potere di mercato a cambiamenti del mercato, 335 La reazione a una variazione del costo marginale, 335; La reazione a una variazione della domanda, 336; La grande differenza: le variazioni della sensibilità dei consumatori al prezzo, Chi guadagna e chi perde dal potere di mercato, 338 Surplus del consumatore e surplus del produttore in presenza di potere di mercato, 339; Surplus del consumatore e surplus del produttore in concorrenza perfetta, 340; La perdita secca derivante dal potere di mercato, 341; Le differenze di surplus del produttore per imprese diverse, Intervento pubblico e potere di mercato: regolamentazione, antitrust e innovazione, 343 La regolamentazione diretta dei prezzi, 343; L antitrust, 344; La promozione dei monopoli: brevetti, licenze e copyright, 345; La protezione offerta dai brevetti nella pratica, Conclusione, 348 applicazioni il monopolio naturale nel settore della radio satellitare, 316; il controllo di un fattore di produzione cruciale: la tormentata storia di fordlandia, brasile, 318; potere di mercato e quota di mercato, 333; la southwest airlines, 340; il file-sharing su internet e l industria musicale, 347 freakonomics perché i trafficanti di droga vogliono la pace, non la guerra, 320 la teoria e i dati determinare il potenziale mercato di un nuovo farmaco, 349 In sintesi, 350 Domande di ripasso, 350 Problemi, 351 Appendice al capitolo 9 Applicare il calcolo differenziale alla massimizzazione del profitto, 355 La condizioni di massimizzazione del profitto, 355; Il ricavo marginale, 356 Problemi, 359 Capitolo 10 Potere di mercato e strategie di prezzo, Gli elementi fondamentali delle strategie di prezzo, 360 Le circostanze in cui un impresa può perseguire una strategia di prezzo, La discriminazione dei prezzi diretta I: discriminazione dei prezzi perfetta/di primo grado, 363 Esempi di discriminazione dei prezzi perfetta, La discriminazione dei prezzi diretta II: segmentazione/discriminazione dei prezzi di terzo grado, 368 I benefici della segmentazione: un approccio grafico, 369; I benefici della segmentazione: un approccio matematico, 371; Quanto far pagare a ciascun segmento?, 373; Gli approcci alla segmentazione diretta dei consumatori, La discriminazione dei prezzi indiretta/di secondo grado, 378 La discriminazione dei prezzi indiretta attraverso gli sconti di quantità, 379; La discriminazione dei prezzi indiretta attraverso la vendita di diverse versioni dello stesso prodotto, 384; La discriminazione dei prezzi indiretta tramite i buoni sconto, La vendita a pacchetto, 386 Il bundling misto, 389

5 Indice VII 10.6 Strategie di prezzo più sofisticate, 392 Il block pricing, 392; Le tariffe a due componenti, Conclusione, 396 applicazione come la priceline ha scoperto che non è possibile discriminare i prezzi in assenza di potere di mercato, 367 superare il test si tratta davvero di discriminazione dei prezzi?, 375 freakonomics la discriminazione dei prezzi non così segreta di victoria s secret, 376 la teoria e i dati la segmentazione geografica nel mercato automobilistico europeo, 377 In sintesi, 397 Domande di ripasso, 397 Problemi, 398 Capitolo 11 La concorrenza imperfetta, Il significato di equilibrio nell oligopolio, Oligopolio con beni identici: collusione e cartelli, 406 L instabilità della collusione e dei cartelli, 406; I fattori che favoriscono la collusione, Oligopolio con beni identici: la concorrenza alla Bertrand, 412 Impostazione del modello di Bertrand, 412; L equilibrio di Nash in un oligopolio alla Bertrand, Oligopolio con beni identici: la concorrenza alla Cournot, 415 Impostazione del modello di Cournot, 416; L equilibrio in un oligopolio alla Cournot, 417; Equilibrio di Cournot, collusione e oligopolio alla Bertrand a confronto, 422; Cosa succede se in un oligopolio alla Cournot sono presenti più di due imprese?, 423; Cournot e Bertrand a confronto: estensioni, Oligopolio con beni identici: la concorrenza alla Stackelberg, 424 La concorrenza alla Stackelberg e il vantaggio della prima mossa, Oligopolio con beni differenziati: la concorrenza alla Bertrand, 427 L equilibrio in un oligopolio alla Bertrand con prodotti differenziati, Concorrenza monopolistica, 431 L equilibrio nei mercati in concorrenza monopolistica, Conclusione, 436 applicazioni un esempio di equilibrio di nash: i film d animazione, 404; l opec e il controllo del petrolio, 409; il cartello del calcestruzzo di indianapolis, 411 freakonomics come il governo degli stati uniti ha perso la guerra contro l industria del tabacco, 413 la teoria e i dati componenti per computer, parte i, 416; componenti per computer, parte ii: differenziare per disperazione, 432 In sintesi, 436 Domande di ripasso, 437 Problemi, 437 Capitolo 12 La teoria dei giochi, Cos è un gioco?, 444 Strategie dominanti e strategie dominate, L equilibrio di Nash nei giochi non ripetuti, 446 Gli equilibri multipli, 450; Le strategie miste, 452; La strategia di massiminimo (ovvero: cosa fare se il mio avversario è un idiota?), I giochi ripetuti, 457 I giochi ripetuti un numero finito di volte, 457; I giochi ripetuti un numero infinito di volte, I giochi sequenziali, 462 Un altro gioco sequenziale, Mosse strategiche, credibilità e impegno, 467 I pagamenti sottobanco, 467; L impegno, 469; La deterrenza all entrata: l applicazione della credibilità, 472; La reputazione, Conclusione, 477 applicazioni strategie miste casuali nel calcio, 454; divertirsi sotto il sole: la vinificazione per miliardari irrazionali, 456; il dottor stranamore e i pericoli della segretezza, 471 superare il test il metodo della spunta, 448; induzione a ritroso e «potatura dei rami», 465 la teoria e i dati la reazione delle compagnie aeree alla potenziale entrata della southwest airlines, 474 freakonomics come la teoria dei giochi potrebbe salvarvi la vita, 477 In sintesi, 478 Domande di ripasso, 478 Problemi, 478 Capitolo 13 Investimento, tempo e assicurazione, L analisi del valore attuale, 485 I tassi di interesse, 485; La «regola del 72», 487; Il valore attuale, La valutazione delle scelte di investimento, 493 Il valore attuale netto, 493; Il ruolo chiave dei tassi di interesse nella determinazione del valore attuale netto, 495; Valore attuale netto e periodo di recupero, Il giusto tasso di interesse da utilizzare e i mercati dei capitali, 499 Tassi di interesse nominali e reali, 499; Altre modifiche del tasso di interesse, 499; I mercati dei capitali e la determinazione del tasso di interesse di mercato, La valutazione degli investimenti rischiosi, 502 Il valore attuale netto in presenza di incertezza: il valore atteso, 502; Il rischio e il valore opzionale dell attesa, Rischio, incertezza e assicurazione, 505 Reddito atteso, utilità attesa e premio al rischio, 506; I mer-

6 VIII Indice cati assicurativi, 508; Il grado di avversione al rischio, 511; Avversione al rischio e decisioni di investimento, Conclusione, 514 applicazioni il valore attuale delle obbligazioni, 491; sostituire gli aeromobili, 496 la teoria e i dati il valore assicurativo di medicare, 510 freakonomics apocalypse now: quanto siamo disposti a pagare per evitare il disastro?, 512 In sintesi, 514 Domande di ripasso, 514 Problemi, 515 Capitolo 14 L equilibrio generale, Gli effetti dell equilibrio generale in azione, 519 Una panoramica degli effetti di equilibrio generale, 519; L analisi quantitativa dell equilibrio generale: l esempio del granturco con collegamenti fra i mercati dal lato della domanda, 522; L analisi quantitativa dell equilibrio generale: l esempio del granturco con collegamenti fra i mercati dal lato dell offerta, L equilibrio generale: equità ed efficienza, 531 I criteri per misurare la performance dei mercati: le funzioni del benessere sociale, 532; I criteri per misurare la performance dei mercati: l efficienza paretiana, 534; L efficienza paretiana nei mercati, 534; L efficienza nei mercati: tre requisiti, L efficienza nei mercati: efficienza nello scambio, 536 La scatola di Edgeworth, 536; I benefici dello scambio nella scatola di Edgeworth, L efficienza nei mercati: efficienza nella produzione, 542 La frontiera delle possibilità di produzione, L efficienza nei mercati: efficienza nell allocazione delle risorse, 546 Il saggio marginale di trasformazione, Mercati, efficienza e teoremi del benessere, Conclusione, 553 applicazioni le interazioni di equilibrio generale tra i mercati cittadini del lavoro e delle abitazioni, 529; l efficienza nell allocazione delle risorse fra le imprese manifatturiere in india, 551 la teoria e i dati l equilibrio generale di carmageddon, 527 freakonomics dove sono andati a finire gli insegnanti di una volta?, 529 In sintesi, 553 Domande di ripasso, 554 Problemi, 554 Capitolo 15 l informazione asimmetrica, Il problema dei bidoni e la selezione avversa, 560 La qualità osservabile, 560; La qualità non osservabile, 560; La selezione avversa, 561; Altri esempi del problema dei bidoni, 563; Le istituzioni atte a mitigare il problema dei bidoni, 563; La selezione avversa quando il compratore è più informato del venditore: i mercati assicurativi, 568; Mitigare la selezione avversa nel mercato assicurativo, Il rischio morale, 571 Un esempio estremo di rischio morale, 572; Esempi di rischio morale nei mercati assicurativi, 575; Il rischio morale al di fuori dei mercati assicurativi, 576; Mitigare il rischio morale, L informazione asimmetrica nelle relazioni principaleagente, 578 Relazioni principale-agente e rischio morale: un esempio, 579; Le relazioni principale-agente in forma di gioco, 580; Altri casi di relazione principale-agente, La segnalazione quale soluzione ai problemi di informazione asimmetrica, 583 L esempio canonico di segnalazione: l istruzione, 585; Altri segnali, Conclusione, 590 applicazioni la reputazione nella vendita di articoli da collezione, 566; la selezione avversa e l assicurazione obbligatoria, 571; l assicurazione sull auto basata sull uso, 577; la pubblicità come segnale di qualità, 589 freakonomics siam pirati e ci trattiamo bene?, 582 la teoria e i dati il problema principale-agente nelle transazioni immobiliari, 584 In sintesi, 591 Domande di ripasso, 591 Problemi, 592 Capitolo 16 Esternalità e beni pubblici Le esternalità, 597 Perché il mercato non funziona come dovrebbe: le inefficienze economiche prodotte dalle esternalità, 597; Le esternalità negative, 598; Le esternalità positive, Correggere le esternalità, 603 Il livello efficiente di inquinamento, 603; Usare i prezzi per rimediare alle esternalità, 605; I meccanismi quantitativi per ridurre le esternalità, 609; Gli interventi basati sul prezzo e sulla quantità in presenza di incertezza, 611; Un approccio di mercato alla riduzione delle esternalità: i mercati dei permessi negoziabili, Ulteriori argomenti relativi alle esternalità e ai loro rimedi, 618 La tragedia dei commons, 618; Il teorema di Coase: quando il libero mercato riesce a risolvere autonomamente le esternalità, 619; Il teorema di Coase e i mercati dei permessi negoziabili, I beni pubblici, 624 Il livello ottimo dei beni pubblici, 625; Soluzioni al problema del free-rider, Conclusione, 629 applicazioni ridurre lo spam, 607; un aumento delle imposte di circolazione fa di noi automobilisti più felici?, 609; la tragedia

7 Indice IX dei commons incontra il teorema di coase nei giacimenti petroliferi texani, 622 la teoria e i dati l esternalità positiva del lojack, 602 freakonomics la protezione antincendio è un bene pubblico?, 629 In sintesi, 630 Domande di ripasso, 630 Problemi, 631 applicazione l errore dei costi sommersi e il crollo del mercato residenziale, 644 freakonomics spingersi (letteralmente) ai confini del mondo per testare la teoria economica, 649 In sintesi, 652 Domande di ripasso, 652 Problemi, 652 Capitolo 17 L economia comportamentale e sperimentale Quando gli esseri umani si comportano diversamente da come prevedono i modelli economici, 638 Bias sistematico n. 1: l eccessiva sicurezza di sé, 638; Bias sistematico n. 2: problemi di autocontrollo e sconto iperbolico, 639; Bias sistematico n. 3: sensibilità alla formulazione dei problemi o delle decisioni, 641; Bias sistematico n. 4: prestare attenzione ai costi sommersi, 643; Bias sistematico n. 5: generosità e altruismo, L economia comportamentale implica che tutto ciò che abbiamo appreso finora è inutile?, La verifica empirica delle teorie economiche: l economia sperimentale, 647 Gli esperimenti di laboratorio, 648; Esperimenti naturali ed esperimenti sul campo, Conclusioni e il futuro della microeconomia, 651 Appendice Strumenti matematici, 654 A1. Concetti matematici fondamentali, 654 Linee e curve, 654; La tangenza, 655 A2. Elementi di calcolo differenziale, 656 Le derivate prime, 657; Le derivate seconde, 658; Le derivate parziali, 659; Un problema di ottimizzazione non vincolata, 660 Soluzioni alle domande di ripasso, 662 Soluzioni ai problemi contrassegnati da asterisco, 673 bibliografia, 702 glossario, 704 indice analitico, 712

Microeconomia Settima edizione

Microeconomia Settima edizione Robert S. Pindyck Daniel L. Rubinfeld Microeconomia Settima edizione Edizione italiana a cura di Emanuele Bacchiega Sommario breve PARTE I Introduzione: mercati e prezzi Capitolo 1 Concetti di base 3 Capitolo

Dettagli

Indice INTRODUZIONE. I cinque concetti fondamentali dell economia 2. Teoria economica e grafici 38. Modelli economici e benefici dello scambio 16

Indice INTRODUZIONE. I cinque concetti fondamentali dell economia 2. Teoria economica e grafici 38. Modelli economici e benefici dello scambio 16 Indice PARTE 1 INTRODUZIONE CAPITOLO 1 I cinque concetti fondamentali dell economia 2 Che cos è l economia? 3 Microeconomia e macroeconomia 3 Quali sono i cinque concetti fondamentali dell economia? 3

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Antonella Laino Il monopolio naturale

Antonella Laino Il monopolio naturale A13 477 Antonella Laino Il monopolio naturale Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978-88-548-4809-2

Dettagli

Esame di Microeconomia: Soluzioni. VERSIONE A Esercizio 1

Esame di Microeconomia: Soluzioni. VERSIONE A Esercizio 1 Esame di Microeconomia: Soluzioni Università di Bari - Corso di laurea in Economia e Commercio prof. Coco e dott. Brunori 30-01-2012 VERSIONE A Esercizio 1 Carmen e Tosca sono due sorelle hanno una funzione

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza economica

Equilibrio generale ed efficienza economica Equilibrio generale ed efficienza economica Analisi dell equilibrio generale Efficienza nello scambio Equità ed efficienza Panoramica sull efficienza nei mercati concorrenziali Perché i mercati falliscono

Dettagli

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi Economia Politica Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Cap 15 Il monopolio Inquadramento generale In questa sezione prenderemo

Dettagli

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale)

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio In Oligopolio le imprese possono produrre beni sostanzialmente omogenei, oppure differenziati (automobili, bibite, giornali)

Dettagli

Indice. Riepilogo, 10 Concetti chiave, 11 Domande di ripasso, 11 Problemi e applicazioni, 11

Indice. Riepilogo, 10 Concetti chiave, 11 Domande di ripasso, 11 Problemi e applicazioni, 11 Indice2 12-07-2004 09:30 Pagina III Indice xi Prefazione PARTE I INTRODUZIONE Capitolo 1 2 I dieci principi dell economia 2 Le decisioni individuali Principio 1. Gli individui devono affrontare scelte

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Monopolio e regolamentazione Introduzione Regola dell elasticità Inefficienza

Dettagli

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Economia Pubblica Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline I Richiami di Economia del Benessere Economia di mercato e Intervento pubblico

Dettagli

Economia Politica 52021

Economia Politica 52021 Economia Politica 52021 a.a. 2005-2006 Prof. Anna Maria Variato 2 Fondamenti di Microeconomia - Quesiti di autovalutazione Parte A - Domande aperte 1. Definite l economia politica e gli elementi chiave

Dettagli

La Concorrenza Monopolistica

La Concorrenza Monopolistica La Concorrenza Monopolistica Caratteristiche Molteplicità di imprese Libertà di entrata (entreranno imprese finché vi sarà possibilità di profitti positivi). L entrata di nuove imprese favorisce i consumatori

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase

Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase COSA ABBIAMO IMPARATO FINORA (PARTE TERZA) Un economia perfettamente concorrenziale è in grado di raggiungere l ottimalità-paretiana (=una

Dettagli

Una tassonomia dei mercati

Una tassonomia dei mercati Monopolio capitolo 15 Una tassonomia dei mercati concorrenza perfetta monopolio oligopolio concorrenza monopolistica 1 Concorrenza perfetta tanti venditori, tanti compratori bene omogeneo (identico o perfettamente

Dettagli

Indice. Prefazione... XI. Ringraziamenti... XV

Indice. Prefazione... XI. Ringraziamenti... XV Prefazione.............................. XI Ringraziamenti............................ XV 1 Elementi di analisi delle scelte del consumatore (Andrea Marchini) 1.1 Introduzione............................

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

Economia Politica. Indicate Nome e Cognome, Numero di matricola e Corso di Laurea su ogni foglio.

Economia Politica. Indicate Nome e Cognome, Numero di matricola e Corso di Laurea su ogni foglio. 7 novembre 2013 1) Supponete che la domanda di appartamenti a Cagliari sia p = 1000 5q, mentre l o erta sia q = 100. Trovate l equilibrio nel mercato degli appartamenti e disegnate il gra co. Supponete

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato

Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato Sommario Mappa grafica dei contenuti proposti dalla scheda Abstract Obiettivi d apprendimento specifici alla scheda 1. Equilibrio di mercato 2.

Dettagli

Fallimenti del mercato: Aspetti microeconomici

Fallimenti del mercato: Aspetti microeconomici Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Fallimenti del mercato: Aspetti microeconomici Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Fallimenti micro Fallimenti nel ottenere l efficienza

Dettagli

Massimizzazione del profitto

Massimizzazione del profitto Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale Mercati perfettamente concorrenziali Massimizzazione del profitto Ricavo marginale, costo marginale e massimizzazione del profitto La scelta di produzione

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Tipologie di discriminazione Prezzi non

Dettagli

Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA

Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 203-204. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA Cenni sulla regolamentazione del mercato elettrico in Italia Il processo di liberalizzazione

Dettagli

Economia Industriale

Economia Industriale Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Facoltà di Economia A.A. 2005/2006 Economia Industriale Dott. Massimiliano Piacenza Lezione 3 Monopolio e regola dell elasticità Monopolio naturale e regolamentazione

Dettagli

Programma delle Lezioni

Programma delle Lezioni UniversitàdegliStudidi Bologna Facoltà di Scienze Politiche Corsodi Laureain ScienzePolitiche, Socialie Internazionali Microeconomia (A-E) Matteo Alvisi Parte 7 EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE E COMMERCIO

Dettagli

Economia Politica Lezioni 12-16. Le forme di mercato

Economia Politica Lezioni 12-16. Le forme di mercato Economia Politica Lezioni 12-16 Le forme di mercato Frank: Capitolo 11 (par. 1-9) Capitolo 12 (par. 1-9) Capitolo 13 (par 1-3; Appendice 13.2) Per esercitarsi: Capitolo 11: Domande 1,2,4,7-10, 12; Problemi

Dettagli

MONOPOLIO. 1. Massimizzazione del Profitto

MONOPOLIO. 1. Massimizzazione del Profitto MONOPOLIO Quando nel mercato c è una sola impresa, difficilmente questa accetta il prezzo di mercato come dato. Il monopolista può infatti influire sul prezzo di mercato (price-maker) e quindi sceglie

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Indice. Capitolo 2 I modelli economici: trade-off e scambio 25. Prefazione xi. Introduzione Gli affari quotidiani della vita 1

Indice. Capitolo 2 I modelli economici: trade-off e scambio 25. Prefazione xi. Introduzione Gli affari quotidiani della vita 1 Indice Prefazione xi Introduzione Gli affari quotidiani della vita 1 un sabato qualunque, 1 La mano invisibile, 2 Il mio beneficio, il tuo costo, 3 Periodi positivi, periodi negativi, 3 In avanti e in

Dettagli

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione Indice ix Prefazione Capitolo 1 1 Che cos è la macroeconomia? 1 1.1. Di cosa si occupa la macroeconomia? 3 1.2. E quella definizione? 4 1.3. La differenza tra macroeconomia e microeconomia 5 1.4. Perché

Dettagli

MONOPOLIO, MONOPOLISTA

MONOPOLIO, MONOPOLISTA Barbara Martini OBIETTIVI IL SIGNIFICATO DI MONOPOLIO, IN CUI UN SINGOLO MONOPOLISTA È L UNICO PRODUTTORE DI UN BENE COME UN MONOPOLISTA DETERMINA L OUTPUT ED IL PREZZO CHE MASSIMIZZANO IL PROFITTO LA

Dettagli

Corso di POLITICA ECONOMICA

Corso di POLITICA ECONOMICA Corso di POLITICA ECONOMICA Giuseppe Croce Università La Sapienza - sede di Latina a.a. 2013-14 Queste slides non sostituiscono in alcun modo i testi consigliati per la preparazione dell esame ma intendono

Dettagli

Fallimenti del mercato

Fallimenti del mercato Fallimenti del mercato Il mercato fallisce quando non è in grado di raggiungere un ottimo socialmente soddisfacente in termini di efficienza ed equità Potere di mercato Esternalità Beni pubblici Asimmetria

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

"ESERCIZI-TIPO" i video con la soluzione sono scaricabili all'indirizzo:

ESERCIZI-TIPO i video con la soluzione sono scaricabili all'indirizzo: Università degli Studi di Catania Dipartimento di Economia e Impresa - Corso di Laurea in Economia Insegnamento di Microeconomia - Prof. Roberto Cellini "ESERCIZI-TIPO" CHE IL DOCENTE ILLUSTRA E RISOLVE

Dettagli

Indice. 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3

Indice. 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE II IL MERCATO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3 1.1. Applicazioni della

Dettagli

Capitoli: 1-9. Corso di Economia Politica Esercitazioni (Microeconomia)

Capitoli: 1-9. Corso di Economia Politica Esercitazioni (Microeconomia) Capitoli: 1-9 Corso di Economia Politica Esercitazioni (Microeconomia) 1 Capitolo 1 Problema 2 Coltivazione di pomodori: prezzo al mercato 30 cent. al KG La produzione finale dipende dall utilizzo di concime

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Introduzione Discriminazione di prezzo Tipologie di discriminazione Prezzi

Dettagli

Capitolo 9. Concorrenza imperfetta e conseguenze del potere di mercato. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 9. Concorrenza imperfetta e conseguenze del potere di mercato. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 9 Concorrenza imperfetta e conseguenze del potere di mercato Forme di concorrenza imperfetta Esistono tre forme di concorrenza imperfetta: 1) Monopolio una singola impresa tratta con molti acquirenti;

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

IL RUOLO DELL INFORMAZIONE NELL EQUILIBRIO DI MERCATO

IL RUOLO DELL INFORMAZIONE NELL EQUILIBRIO DI MERCATO UNIVERSITÀ DELLA SVIZZERA ITALIANA FACOLTÀ DI SCIENZE ECONOMICHE IL RUOLO DELL INFORMAZIONE NELL EQUILIBRIO DI MERCATO Diego Medici Gli investitori e gli analisti in questi mesi non ritengono più sufficienti

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

I fallimenti del mercato

I fallimenti del mercato I fallimenti del mercato Diritti di proprietà ed esecuzione dei contratti Anche in un economia ideale, caratterizzata da concorrenza perfetta ed efficienza paretiana, gli economisti più liberisti riconoscono

Dettagli

Fallimenti del mercato: Il monopolio

Fallimenti del mercato: Il monopolio Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Fallimenti del mercato: Il monopolio Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Concorrenza imperfetta La concorrenza

Dettagli

Politica economica: Lezione 16

Politica economica: Lezione 16 Politica economica: Lezione 16 II canale: M - Z Crediti: 9 Corsi di laurea: Nuovo Ordinamento (DM. 270) Vecchio ordinamento (DM. 590) Politica Economica - Luca Salvatici 1 Tipi di beni Beni di ricerca

Dettagli

Economia politica. Compendio di. www.moduli.maggioli.it. Microeconomia e Macroeconomia per esami e concorsi pubblici

Economia politica. Compendio di. www.moduli.maggioli.it. Microeconomia e Macroeconomia per esami e concorsi pubblici Vincenzo Di Vita Compendio di Economia politica Microeconomia e Macroeconomia per esami e concorsi pubblici Tutti gli argomenti oggetto delle prove d esame Copyright 2011 by Maggioli S.p.A. Maggioli Editore

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs)

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) Spesso la tecnologia dell informazione assume la forma di un sistema, ovvero un insieme di componenti che hanno valore quando funzionano insieme. Per esempio, hardware

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Capitolo 10 Potere di mercato: Monopolio e Monopsonio

Capitolo 10 Potere di mercato: Monopolio e Monopsonio Temi da discutere Capitolo 10 Potere di mercato: e Monopsonio Potere di monopolio Fonti del potere monopolistico Il costo sociale del potere monopolistico Temi da discutere Concorrenza perfetta Monopsonio

Dettagli

Le ragioni dell intervento pubblico

Le ragioni dell intervento pubblico Le ragioni dell intervento pubblico 1. COME VALUTARE GLI ESITI DEL MERCATO PRIVATO E DELL INTERVENTO PUBBLICO (L OTTIMO SOCIALE) 2. QUANDO IL MERCATO REALIZZA L OTTIMO SOCIALE 3. QUANTO IL MERCATO FALLISCE

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13)

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Soluzione Esame (11 gennaio 2013) Prima Parte 1. (9 p.) (a) Ipotizzate che in un mondo a due paesi, Brasile e Germania, e due prodotti, farina

Dettagli

DISTINZIONE TRA SIGNIFICATI DI MONOPOLIO E OLIGOPOLIO

DISTINZIONE TRA SIGNIFICATI DI MONOPOLIO E OLIGOPOLIO DISTINZIONE TRA SIGNIFICATI DI MONOPOLIO E OLIGOPOLIO prof. Romeo CIMINELLO 1 INDICE IL MONOPOLIO...pag. 3 L OLIGOPOLIO... 6 DIFFERENZE... 9 BIBLIOGRAFIA... 9 GRAFICI... 10 IL MONOPOLIO 2 Si dice Monopolio

Dettagli

Il commercio internazionale (cap. 12)

Il commercio internazionale (cap. 12) Il commercio internazionale (cap. 12) Gli argomenti pro e contro il libero scambio Elementi di storia delle relazioni commerciali dagli anni trenta ad oggi I diversi tipi di accordi commerciali I vantaggi

Dettagli

Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere

Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere 1.1 Antonio (A) e Bice (B) consumano due beni, yogurt (y) e wafer (w). I due beni

Dettagli

1 Un esempio di modello

1 Un esempio di modello CdL: EGST - MICROECONOMIA - Docente: Stefano Matta 1 QUESTE BREVI NOTE RAPPRESENTANO SOLTANTO LO SCHEMA DELLE LEZIONI DEL CORSO DI MICROECONOMIA NON SOSTITUISCONO IL LIBRO DI TESTO E/O GLI APPUNTI PRESI

Dettagli

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth?

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth? SCAMBIO EFFICIENTE Per determinare se l equilibrio competitivo soddisfa la condizione di scambio efficiente, dovremo sviluppare uno strumento grafico chiamato la Scatola di Edgeworth e utilizzato per descrivere

Dettagli

Ist. di Economia Politica I a.a. 2010-11 A. Lasagni (A-D) - P. Fabbri (E-N) - M. Ziliotti (O-Z) Esame del 10/07/2012 ore 14 Tipo A

Ist. di Economia Politica I a.a. 2010-11 A. Lasagni (A-D) - P. Fabbri (E-N) - M. Ziliotti (O-Z) Esame del 10/07/2012 ore 14 Tipo A Esame del 10/07/2012 ore 14 Tipo A COMPITO TIPO A - QUESTO TESTO DEVE ESSERE RI-CONSEGNATO Cognome: Nome: Matricola: AVVISI IMPORTANTI 1. PROPEDEUTICITA : ogni voto assegnato PRIMA di aver superato gli

Dettagli

Università degli Studi di Perugia AA. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia AA. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia AA. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Richiami di microeconomia La curva di domanda o Le scelte

Dettagli

L oligopolio a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici

L oligopolio a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici L oligopolio a.a. 008/009 Dott. Laura Vici Esercitazioni: giovedì 9:00-11:00, Aula A, Via Berti Pichat, 6 Ricevimento: giovedì 1:00-15:00 Dipartimento di Scienze Economiche- Strada Maggiore, 45 Studion.

Dettagli

13.4 Risposte alle domande di ripasso

13.4 Risposte alle domande di ripasso 86 Capitolo 13 13.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Il modello di Cournot è incentrato sull ipotesi che ciascuna impresa consideri costante il livello attuale di output delle concorrenti. Il modello

Dettagli

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica Capitolo 34: Informazione Asimmetrica 34.1: Introduzione Fino ad ora abbiamo assunto che tutti gli agenti abbiano accesso alle stesse informazioni sul bene scambiato nel mercato. In questo capitolo studiamo

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE Docente: Gatto Antonino Elaborazione: Dott.ssa Locantro Antonia Lucia I motivi dell intervento dello

Dettagli

8. ESTERNALITÀ, BENI PUBBLICI, ASIMMETRIA INFORMATIVA

8. ESTERNALITÀ, BENI PUBBLICI, ASIMMETRIA INFORMATIVA 8. ESTERNALITÀ, BENI UBBLICI, ASIMMETRIA INFORMATIVA 8.1. Un fenomeno di esternalità positiva può essere segnalato, in equilibrio di concorrenza perfetta, dal fatto che 1) Il beneficio marginale sociale

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Stabilità di un accordo collusivo Fattori

Dettagli

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia Corso di Economia Politica (a.a. 007-8) Esercitazioni - Microeconomia Capitolo 6: Problemi 5, 6, 8, 9 Capitolo 7: Problemi 1,, 4 Capitolo 8: Problemi 3, 10 Capitolo 9: Problemi 3, 4, 7, 9 Capitolo 10:

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Microeconomia - Economia Politica Esercitazione del 14 Novembre 2011

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Microeconomia - Economia Politica Esercitazione del 14 Novembre 2011 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Microeconomia - Economia Politica Esercitazione del 14 Novembre 2011 ESERCIZIO 1 - DOMANDA E OFFERTA DI MERCATO Considero un mercato composto da tre consumatori le

Dettagli

POLITICA DI PREZZO. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

POLITICA DI PREZZO. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino POLITICA DI PREZZO 1 Definizione: il prezzo è la somma di denaro pagata dal compratore al venditore in cambio di ciò che riceve come prestazione (corrispettivo del valore ricevuto). Le politiche di prezzo:

Dettagli

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo

Dettagli

Le preferenze e la scelta

Le preferenze e la scelta Capitolo 3: Teoria del consumo Le preferenze e la scelta 1 Argomenti trattati in questo capitolo Usiamo le preferenze dei consumatori per costruire la funzione di domanda individuale e di mercato Studiamo

Dettagli

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Economia

Dettagli

08/05/2014. Variabili che influenzano il prezzo: domanda. Variabili che influenzano il prezzo: domanda. Variabili che influenzano il prezzo: domanda

08/05/2014. Variabili che influenzano il prezzo: domanda. Variabili che influenzano il prezzo: domanda. Variabili che influenzano il prezzo: domanda il prezzo: domanda Il prezzo va visto come incontro tra domanda e offerta. Perché il prezzo non si limiti ad essere una bella cifra in un listino, ma divenga un ricavo, non deve mai essere perso di vista

Dettagli

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza ECONOMIA DELL INFORMAZIONE L informazione è un fattore importante nel processo decisionale di consumatori e imprese Nella realtà,

Dettagli

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE Nella Sezione 16.5 abbiamo visto come un regolatore che voglia fissare il prezzo del monopolista in modo da minimizzare la

Dettagli

Alireza Naghavi. Capitolo 6 (c) Dumping. Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale. Economia Internazionale

Alireza Naghavi. Capitolo 6 (c) Dumping. Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale. Economia Internazionale Economia Internazionale Alireza Naghavi Capitolo 6 (c) Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale 1 Dumping Il Dumping è la pratica che consiste nel praticare un prezzo più basso

Dettagli

Come affrontare i monopoli naturali

Come affrontare i monopoli naturali Come affrontare i monopoli naturali Il problema del monopolio naturale è che se anche l impresa volesse fissare il prezzo a un livello pari al costo marginale (efficienza sociale), produrrebbe in perdita

Dettagli

Giochi e decisioni strategiche

Giochi e decisioni strategiche Teoria dei Giochi Giochi e decisioni strategiche Strategie dominanti L equilibrio di Nash rivisitato Giochi ripetuti Giochi sequenziali Minacce impegni e credibilità Deterrenza all entrata 1 Giochi e decisioni

Dettagli

23/02/2012. Economia Industriale. Esempi. Economia Industriale. Economia industriale

23/02/2012. Economia Industriale. Esempi. Economia Industriale. Economia industriale Economia Industriale Industria = mercato o settore di attività Economia industriale = studio delle imprese e dei mercati, in particolare non concorrenziali Comportamento delle imprese e modalità di interazione

Dettagli

16.4 La cooperazione e le sanzioni

16.4 La cooperazione e le sanzioni L oligopolio e il comportamento strategico 1 16.4 La cooperazione e le sanzioni Come si è detto all inizio del capitolo, per scegliere il comportamento ottimale da assumere, un oligopolista deve: (a) cercare

Dettagli

Esercizi svolti per l esame di Microeconomia

Esercizi svolti per l esame di Microeconomia Esercizi svolti per l esame di Microeconomia Università di Bari aa. 014-15 CL Economia e Commercio CL Scienze Statistiche Es. 3.1 Concorrenza perfetta In un mercato in concorrenza perfetta in equilibrio

Dettagli

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative Capitolo 17 Mercati con asimmetrie informative Argomenti discussi Incertezza sulla qualità nel mercato dei bidoni Segnalazione Moral Hazard (azzardo morale) Micro F. Barigozzi 2 Perchè il mercato fallisce

Dettagli

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985):

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): Sull uso delle Garanzie. Tassonomia Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): a) Un mutuatario può impegnare come garanzia ( interna all impresa) un cespite che viene utilizzato nel

Dettagli

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Il problema dell investimento innovativo SCHEMA DELLA LEZIONE Cosa si intende per investimento

Dettagli

Commercio internazionale in. concorrenza perfetta

Commercio internazionale in. concorrenza perfetta Commercio internazionale in concorrenza perfetta Arcangelis 2005 1 Piano della lezione Ripasso di microeconomia: equilibrio economico generale (EEG) EEG per un economia aperta (concorrenza perfetta) I

Dettagli

COMPORTAMENTO MONOPOLISTICO

COMPORTAMENTO MONOPOLISTICO COMPORTAMENTO MONOPOLISTICO LE DISCRIMINAZIONI DI PREZZO In mercato concorrenziale, esistono molte imprese che vendono prodotto identico. Se un impresa tenta di vendere il suo prodotto ad un prezzo superiore

Dettagli

RELAZIONI VERTICALI. Le restrizioni verticali limitano la concorrenza, ma possono avere anche effetti positivi su efficienza e benessere

RELAZIONI VERTICALI. Le restrizioni verticali limitano la concorrenza, ma possono avere anche effetti positivi su efficienza e benessere RELAZIONI VERTICALI Relazione tra un impresa a monte (produttore) e un impresa a valle (rivenditore). Produttore Rivenditore Consumatore Relazione tra imprese. Le restrizioni verticali limitano la concorrenza,

Dettagli

Ottimo del consumatore. a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici

Ottimo del consumatore. a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici Ottimo del consumatore a.a. 2008/2009 Dott. Laura Vici Esercitazioni: giovedì 9:00-11:00, Aula A, Via Berti Pichat, 6 Ricevimento: giovedì 13:00-15:00 Dipartimento di Scienze Economiche- Strada Maggiore,

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 7: Informazione incompleta Francesca Severini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) f.severini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Esame di Politica Economica 1 appello Sessione Estiva A.A. 2009-2010

Esame di Politica Economica 1 appello Sessione Estiva A.A. 2009-2010 Esame di Politica Economica 1 appello Sessione Estiva A.A. 2009-2010 NOME E MATRICOLA: ISTRUZIONI: Utilizzate gli spazi indicati per le risposte Fogli addizionali possono essere consegnati solo con indicazione

Dettagli

PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE

PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE 1.1. PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE A - Il principio di agglomerazione è genetico / fondativo della città Perché? la concentrazione spaziale come scelta di comodità/efficienza

Dettagli

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Politica Economica Europee Stefano Papa spapa@uniroma1.it Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Economica Università di Roma Sapienza Da produttività

Dettagli

1. Esternalità 2. Beni pubblici 3. Costi di transaz. e asimmetrie informative. B. Mercati non completi. 1. Equità dell equilibrio 2.

1. Esternalità 2. Beni pubblici 3. Costi di transaz. e asimmetrie informative. B. Mercati non completi. 1. Equità dell equilibrio 2. CAUSE DI FALLIMENTO DEL MERCATO 1. Scarsa numerosità degli operatori 2. Rendimenti di scala crescenti 3. Barriere o costi di entrata e uscita A. Mercati non concorrenziali 4. Presenza di accordi e intese

Dettagli

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta Monopolio L assenza di condizioni di concorrenza perfetta è causa di fallimento del mercato per la difficoltà delle parti a trovare un accordo potenzialmente vantaggioso p Condizione di max profitto del

Dettagli

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA L oligopolio Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Π 1 = P Q 1 2 Secondo i criteri adottati, l oligopolio può essere definito come quella forma di mercato composta da un numero

Dettagli