L ozio telematico nelle organizzazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ozio telematico nelle organizzazioni"

Transcript

1 Giuseppe Favretto, Elisa Bortolani, Serena Cubico L ozio telematico nelle organizzazioni L utilizzo della rete aziendale per navigare su siti non legati al lavoro e per inviare o leggere personali durante l orario lavorativo (cyberloafing; Lim, 2002) è un fenomeno che si è affermato nelle organizzazioni con l introduzione delle nuove tecnologie della comunicazione. L avvento della tecnologia ha infatti moltiplicato le possibilità di comunicare e la libertà del lavoratore di farlo anche per scopi personali; molti impiegati hanno a disposizione nei loro uffici, per lo svolgimento delle proprie mansioni, computer collegati alla rete che possono usare liberamente, in modo continuativo e per loro gratuito senza che altri possano notare la cosa. Un esempio: oltre il 90% degli investimenti on line e di utilizzo Gli autori delle chatline/social network avviene nel più tradizionale orario d ufficio (9/17). L ozio telematico si manifesta come una devianza produttiva che induce costi legati alla mancata produttività e interventi tecnici, rischi alla sicurezza e alla qualità dei dati. Più persone partecipano alle attività on line in una organizzazione più sono i rischi che si presentano per la stessa: dalla diminuzione della funzionalità della rete al maggior rischio di comportamenti legalmente perseguibili (divulgazione di materiale offensivo, forme di harassment ). Le cause che spingono i lavoratori all ozio telematico sono varie, di tipo individuale e organizzativo (ricerca di conforto sociale, distrazione, noia, monotonia lavorativa, isolamento psicosociale). Gli interventi manageriali di controllo sono complicati dalle numerose variabili che concorrono alla sua pianificazione e realizzazione (normative, rispetto della privacy, difficoltà di rilevazione, effetti del controllo stesso sulla soddisfazione e il clima lavorativo). L articolo presenta i risultati di una ricerca, svolta su circa 200 lavoratori, che permette di evidenziare la portata del fenomeno dell ozio telematico, le attività preferite dai cyberloafer, le motivazioni che spingono a questa forma di devianza produttiva e l impatto sulla soddisfazione lavorativa. Giuseppe Favretto, è professore Ordinario di Organizzazione Aziendale e docente di Organizzazione del Lavoro presso le Università di Padova e Verona. Elisa Bortolani Phd è attualmente responsabile delle risorse umane in un azienda di servizi, già assegnista di ricerca in Organizzazione Aziendale presso l Università di Verona Serena Cubico Phd è Ricercatore di Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni presso il Dipartimento di Economia Aziendale dell Università di Verona 1. Premessa Come sostiene Himanen (2001), nell economia dell informazione, l organizzazione del lavoro e la centralità attribuita a questo non sono molto cambiate rispetto ai modelli classici del taylorismo e della burocrazia weberiana: la vita intera, infatti, è tuttora centrata e ottimizzata sul lavoro, ed è questo a organizzare e scandire tutti gli altri usi del tempo. Le nuove tecnologie dell informazione comprimono il tempo e lo rendono più flessibile. Ciò che Castells (1997) definisce come desequenzializzazione. La rete e la telefonia mobile permettono di lavorare dove e quando si vuole. Ma questa nuova flessibilità non sembra far altro che aumentare la centralità stessa del lavoro. Se tradizionalmente il telefono è nato per essere ed è stato il mezzo per far fronte alle emergenze, il paradosso della tecnologia è che oggi la telefonia mobile permette (e in certi casi impone) di essere costantemente a disposizione, pronti a reagire a situazioni di urgenza. Anche le organizzazioni non sono immuni dall influenza delle nuove tecnologie della comunicazione e dell informazione. Si pensi al 66 luglio/agosto 2010 Sviluppo&organizzazione

2 L ozio telematico nelle organizzazioni telelavoro e a tutte quelle attività che favoriscono una progressiva fusione tra tempi e spazi di vita e tempi e spazi di lavoro. Si pensi, dall altra parte, anche a tutti i cambiamenti che sono occorsi nei luoghi tradizionali di lavoro, quali gli uffici. L introduzione di Internet ha portato a una progressiva ristrutturazione spontanea di molte mansioni. Dove prima un impiegato era costretto ad andare in cerca di informazioni, oggi, flussi incontrollati (e incontrollabili) di queste lo investono, spesso costringendolo a una selezione grossolana e a un interpretazione del tutto arbitraria. Ma le difficoltà risultano anche altre. La nuove tecnologie hanno portato a (più o meno) nuove forme di minaccia alla produttività. Tali minacce possono provenire dall esterno dell organizzazione oppure dal suo interno. In accordo con ciò, infatti, si stima che i furti di dati da parte di dipendenti costituiscano circa il 75% 1 dei furti di dati complessivi (ad esempio un dipendente che, prima di passare alla concorrenza, copia l intero database dei clienti per portarlo con sé). Senza arrivare al furto vero e proprio: è possibile pensare ad esempio all abuso della casella postale aziendale, all utilizzo degli accessi a Internet per finalità extralavorative e alla dispersione di efficienza derivante da questa prassi. I costi non sono imputabili solo alla perdita di risorsa lavorativa (ad es. tempo), ma anche ai danni provocati dall illecita o imprudente attività svolta in rete dal lavoratore (virus informatici, download di materiale illegale, ecc.). 2. Nuove tecnologie e ambienti di lavoro Oltre agli indiscussi pregi (Anandarajan, Simmers e Igbaria, 2000), l introduzione di Internet nei luoghi di lavoro ha portato alle organizzazioni alcuni costi. Si stima, ad esempio, che la gestione dello spam 2 conduca ad una perdita giornaliera di produttività di circa l 1,4% per ogni lavoratore. Questa cifra, per quanto non trascurabile se riferita a una perdita complessiva e costante di un organizzazione, potrebbe essere irrisoria se confrontata con il tempo che un impiegato medio può potenzialmente trascorre in rete, durante l orario lavorativo, per cercare informazioni a scopo personale, chattare, partecipare a discussioni di gruppi virtuali o scrivere non aziendali. Tale attività, definita cyberloafing (Lim, 2002), costituisce una nuova forma di devianza produttiva che consiste appunto nell utilizzo della rete aziendale durante l orario lavorativo per navigare su siti non work-related e per inviare o leggere personali (ciò che giuridicamente viene definito furto tempo macchina). Il fenomeno sembra piuttosto diffuso negli Stati Uniti quanto in Europa (cfr. Bortolani, 2005). Oggi, in Italia, tre quarti delle aziende è on line 3. Molti impiegati hanno perciò continuativamente a disposizione, nei loro uffici, computer con cui possono facilmente ingaggiarsi in attività online senza che colleghi e datori di lavoro possano accorgersene. Dalla comparsa di Internet in Italia, fino al 1998, i collegamenti dall ufficio erano più frequenti di quelli da casa (così come l utilizzo scolastico era più frequente dell utilizzo domestico). Tale tendenza poi è cambiata ma, tra il 2003 e il 2004, sembra esserci un nuovo impulso nell utilizzo della rete dal posto di lavoro (lo stesso dato è stato rilevato anche nella prima metà del 2005 e poi negli anni a venire) 4. La costante disponibilità di accesso nell arco della giornata, la sensazione di gratuità del collegamento e la prassi diffusa dell utilizzo a scopo personale, sono tutti aspetti che contribuiscono alla percezione di Internet come strumento gratuito e di libera fruizione anche sul posto di lavoro. Ammesso che il costo del collegamento non incida sul bilancio dell organizzazione, potrebbe essere sorprendente il costo subito per la mancata produttività dei suoi dipendenti. Si pensi, in proposito, al fatto che il cosiddetto prime time 5 del commercio elettronico, cioè il lasso di tempo che i negozianti online stimano di maggior affluenza negli acquisti, va dalle ore alle Inoltre, il 70% del traffico pornografico giornaliero avviene tra le 9.00 e le , così come il 92% degli investimenti online e l utilizzo delle chatline, per le quali si rileva un progressivo aumento dei contatti tra le 10 e le L avvento della tecnologia sta moltiplicando le opportunità, per coloro che con queste interagiscono, di restare improduttivi. Dall altra parte, però, non vi è un corrispondente interessamento della ricerca accademica per cercare di comprendere e fronteggiare le diverse forme di devianza produttiva (Bennet & Robinson, 2002). 1 In Radcliff, D. (2004). What are they thinking? in Network World, 3/1/ LCon il termine spam si intende il bombardamento di messaggi non sollecitati, spediti o affissi come parte di un insieme più grande di messaggi, aventi tutti un contenuto sostanzialmente identico, che può essere sia commerciale (ad esempio una pubblicità) sia non commerciale (ad esempio una catena di lettere). 3 In: 4 In: 5 Termine usato per indicare le ore di punta. 6 Tratto da Vittima degli straordinari il travet compra dall ufficio, in 7 Dati Sex Tracker. 8 Dati ComStore Networks. Sviluppo&organizzazione luglio/agosto

3 Giuseppe Favretto, Elisa Bortolani, Serena Cubico 3. Nuove tecnologie e questioni aperte I problemi posti dalle nuove tecnologie riguardano evidentemente anche la sfera giuridica che dovrebbe regolamentarne l utilizzo. Prendiamo ad esempio la posta elettronica. Poiché tutti i messaggi in entrata e in uscita vengono registrati nella memoria di un server, questi possono essere facilmente letti o controllati dal datore di lavoro. Potrebbe così realizzarsi quel controllo a distanza delle maestranze vietato dall art. 4 dello Statuto dei lavoratori 9. Legata a tale questione vi è quella di stabilire se i messaggi di posta elettronica rientrano nella nozione di corrispondenza, la cui libertà, segretezza e inviolabilità è tutelata dall art.15 della Costituzione. Secondo il garante della privacy è necessario proteggere la riservatezza delle comunicazioni dei dipendenti. Qualora però il datore di lavoro abbia avvertito i propri dipendenti che qualsiasi messaggio, in quanto attinente all attività lavorativa, può essere reso pubblico in qualsiasi momento, il monitoraggio della casella di posta del dipendente è in suo pieno diritto 10. Nel 2002, il Tribunale di Milano ha giudicato legittimo il licenziamento di una dipendente che utilizzava la casella di posta aziendale per questioni lavorative extra-aziendali. Secondo il giudice, la casella di posta elettronica era uno strumento di lavoro, concesso al singolo dipendente solo per lo svolgimento dell attività aziendale assegnata. Un altro aspetto legato alla sfera giuridica riguarda la co-responsabilità del datore di lavoro in attività illecite o che danneggiano l immagine aziendale. Stando a quanto disposto dall art del Codice Civile 11, infatti, è responsabilità del datore di lavoro assicurarsi che nella sua azienda non vi sia materiale lesivo della moralità e dell integrità dei lavoratori, anche avvalendosi, se necessario, del controllo degli accessi a Internet e delle . È sempre obbligo del datore di lavoro impedire il verificarsi di eventi discriminatori, che potrebbero essere agevolati da un utilizzo improprio delle in azienda. Il cyberloafing, perciò, non costituisce solo una perdita di produttività, ma può degenerare anche in problemi legali connessi alla responsabilità dell azienda verso il comportamento dei propri dipendenti. Tra i possibili problemi legati al cyberloafing, con ricadute a livello sia tecnico che manageriale, quindi, si possono annoverare: l intasamento della banda, il degrado dei sistemi, la minaccia alla sicurezza delle informazioni, la minaccia di discriminazioni interne, ecc. La soluzione di alcune aziende si sta orientando verso la predisposizione di un regolamento interno (policy aziendale) che chiarisca in dettaglio i comportamenti leciti, quelli tollerati e quelli invece vietati e sanzionati. Altre aziende, invece, si stanno orientando a soluzioni software di filtraggio e monitoraggio della navigazione. 4. Comportamento controproduttivo e monitoraggio Friedman (2000) definisce il cyberslacking 12 come lo spreco di risorse e banda dovuto ad un utilizzo improprio di Internet sul luogo di lavoro. A un aumento dell utilizzo di Internet sul lavoro corrisponde un aumento dei problemi di sicurezza: maggiore è il numero di siti visitati, maggiore è la possibilità di esporsi a virus, così come più alto è il rischio di mettere a repentaglio l intelligenza organizzativa 13. Sicuramente anche in passato, comunque, un azienda che aveva un alto grado di lassismo nella sua forza lavoro era soggetta alla perdita di intelligenza organizzativa, era esposta a furti, a mancata produttività, ecc. Come riportato in Blanchard e Henle (2008), il cyberloafing può risultare in: Una diminuzione degli introiti dovuta ad un abbassamento della produttività (Malachowski, 2005; Scheuermann & Langford, 1997; Stewart, 2000); Una minore funzionalità della banda larga e, in generale, dei sistemi informatici (Sipior & Ward, 2002); Un ambiente organizzativo che presenta rischi maggiori correlati sia a comportamenti legalmente perseguibili sia a forme di harassment che si avvalgono della circolazione di materiale offensivo (Lichtash, 2004; Mills et al., 2001; Panko & Beh, 2002; Scheuermann & Langford, 1997). Le stime indicano che una percentuale di compagnie compresa tra il 20% e il 30% abbia licenziato un dipendente per cyberloafing legato a siti pornografici, gio- 9 L art. 4 dello statuto dei lavoratori vieta l uso di impianti audiovisivi e di altre apparecchiature per finalità di controllo a distanza dell attività dei lavoratori. 10 Lo stesso diritto di monitoraggio, previa comunicazione ai dipendenti, vale anche per il monitoraggio della navigazione web, sempre però rispettando la privacy dei lavoratori. In merito, il Garante della privacy (Ansa, 14/02/2006) ha dichiarato che l uso indebito del computer può essere contestato senza indagare sui siti visitati. Al datore di lavoro, cioè, è sufficiente verificare gli avvenuti accessi indebiti a Internet e i tempi di connessione, ma non è in suo diritto indagare i contenuti dei siti visitati dal suo dipendente. 11 Art c.c. l imprenditore è tenuto ad adottare nell esercizio dell impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro. 12 Ai fini di questa trattazione, cyberslacking e cyberloafing sono considerati sinonimi. 13 Inteso come il processo di sviluppo del potenziale di un organizzazione. 68 luglio/agosto 2010 Sviluppo&organizzazione

4 L ozio telematico nelle organizzazioni co d azzardo e shopping (AOM, 2003; Case & Young, 2002; Greenfield & Davis, 2002). Ma, come evidenzia Block (2001), il fatto di poter definire il cyberslacking come furto dipende dal tipo di contratto esistente all interno dell organizzazione. Se il datore di lavoro formalizza, per tutti i dipendenti, il fatto che perdere tempo viene considerato un furto, allora anche l ozio (telematico o meno) può essere considerato una sottrazione di risorsa all organizzazione. Se invece manca l esplicitazione della norma non lo si può considerare tale. Uno dei primi esempi di ozio sul lavoro viene descritto da Smith (1776). Ai tempi del motore a scoppio, un giovane operaio, deputato alternativamente all apertura e alla chiusura di un canale di comunicazione tra il boiler e il cilindro, a seconda che il pistone salisse o scendesse, capì che stringendo una cinghia tra la valvola e una parte della macchina, la valvola si sarebbe aperta e chiusa senza il bisogno del suo intervento. Tale trovata lasciava libero il giovane di dedicarsi ad attività non professionali, giocare con i compagni, riposare, ecc. Etichettare questo operaio come genio o come ladro non è cosa facile. L industria non aveva subito danni di nessun genere e la produzione continuava regolarmente. Probabilmente la differenza nell etichettamento sarebbe dovuta dipendere dal tipo di regolamento esistente in quell industria. Per contestualizzare tale esempio ai giorni nostri, potremmo considerare due colleghi, uno che lavora tutto il giorno con qualche fisiologico calo di attenzione e l altro che per metà giornata ozia, ma che recupera lavorando in maniera meno dispersiva l altra mezza giornata. Difficile determinare chi dei due lavori di più. L unico criterio di valutazione obiettivo appare perciò la produttività complessiva, gli output in termini di prodotto o servizio erogato. Talvolta, in assenza di contratti espliciti, la cultura organizzativa, le aspettative e i contratti impliciti regolano il comportamento dei dipendenti. Non sempre però tali elementi, legati alla percezione dell ambiente circostante, sono sufficienti a dirimere la questione. Deve perciò essere abilità del management quella di riuscire ad adottare il regolamento corretto per ogni situazione. Dall altra parte, lo stesso ragionamento può essere applicato anche per quanto riguarda il monitoraggio del lavoratore da parte del datore: se tra le parti non vi è un accordo esplicito che lo preveda, il monitoraggio è illecito. 5. Costrutti teorici sottostanti al cyberloafing Lim (2002) categorizza il cyberloafing in quelle che Robinson & Bennett (1995) definiscono devianze produttive (eccessive pause, assenteismo, sperpero di risorse, ecc.). Appare altresì ipotizzabile che la prassi dell ozio telematico, viste le potenziali conseguenze, possa rientrare anche in altri generi di devianza organizzativa, quali ad esempio: I danni alla proprietà (Hollinger & Clark, 1983); Le aggressioni personali: anche psicologiche, sotto forma di molestia; La devianza politica: qualsiasi comportamento che metta un individuo in una posizione di svantaggio politico rispetto ad altri (Robinson & Bennett, 1995). Mastrangelo (2002) 14 propone tre dimensioni sottostanti ad un utilizzo contropoduttivo del computer collegato in rete. Tali dimensioni corrispondono alle necessità di: a) Connettersi socialmente (utilizzo di personali, messaggerie istantanee, chat); b) Effettuare commissioni personali; c) Attuare comportamenti indecenti. Un altro modello di spiegazione del cyberloafing lo fornisce Lim (2002), la quale, partendo da considerazioni circa l equità 15 di trattamento e la giustizia 16 distributiva presente nelle organizzazioni, identifica nella neutralizzazione (Sykes e Matza, 1957) il costrutto teorico alla base di comportamenti di cyberloafing. La neutralizzazione è il tentativo che un individuo fa di razionalizzare una situazione per convincere se stesso e gli altri di essere nel giusto e che il comportamento deviante attuato è comprensibile e anche giustificabile (Hollinger, 1991). Alla base del meccanismo della razionalizzazione risiede la necessità di costruire e mantenere una buona autoimmagine. Attraverso la neutralizzazione, il comportamento deviante non appare al dipendente come una vendetta, sentimento inaccettabile, ma viene mediato da una spiegazione razionale. Il cyberloafing, perciò, diventa un modo per ristabilire un equilibrio dare-avere nella relazione con l organizzazione: l equità che è venuta a mancare (in termini di trattamento economico, relazionale o simbolico) viene ripristinata attraverso un comportamento di ozio telematico, mediante il quale l individuo sente di essere ripagato del tempo e delle energie investiti nell organizzazione (cfr. Zoghbi Manrique de Lara, 2007, 2009). 14 Mastrangelo, P.M., The Misuse of work computers: theory, data and policy, University of Maryland, MAPAC NEWS, Winter 2002, 7, in mapac/newsltrs/winternl2002.pdf 15 cfr. Foa & Foa, 1975; Rousseau, 1989, 1990; Adams, cfr. Deutsh, 1985; Folger & Greenberg, 1985; Tyler & Bies, 1990; Analoui & Kakabadse, 1991; Skarlicki & Folger, Sviluppo&organizzazione luglio/agosto

5 Giuseppe Favretto, Elisa Bortolani, Serena Cubico 5.1 Fattori disposizionali della mancata produttività lavorativa Nel tentativo di predire la controproduttività nei luoghi di lavoro, i ricercatori si sono focalizzati prima di tutto su fattori disposizionali. Dawson (1996), ad esempio, prende in considerazione il tratto di coscienziosità e quello di amicalità 17 (agreeableness) quali caratteristiche responsabili di un atteggiamento lavorativo controproduttivo. In più, il suo studio considera anche il potenziale impatto di variabili di atteggiamento (commitment, supporto organizzativo percepito, giustizia organizzativa, ecc.) sui comportamenti controproduttivi. Dalla sua ricerca emerge che l amicalità può essere un fattore disposizionale idoneo a predire la probabilità che alcuni individui si dedichino a comportamenti controproduttivi al lavoro 18. Un altro tratto molto studiato in letteratura, come possibile predittore di comportamenti controproduttivi, è la procrastinazione (procrastination). Tale caratteristica individuale favorirebbe l evitamento di compiti cognitivi attraverso l ingaggiarsi in attività che permettono di distrarsi dai compiti che una persona deve portare a termine. La procrastinazione è legata anche a emozioni negative e le distorsioni cognitive che conseguono sono associate alla depressione (Burka e Yuen, 1990) e ad alti livelli di stress (Flett, Blankenstein e Martin, 1995). La relazione tra utilizzo di Internet e procrastinazione può avere importanti conseguenze, prima di tutto perché implicherebbe che alcune persone usino Internet come modalità di coping, ovvero come modalità di fronteggiamento dello stress (Davis, Flett e Besser, 2002b). Davis, Flett e Besser (2002a), però, considerano l utilizzo patologico di Internet come qualcosa di più e di diverso dal fatto di trascorrere molto tempo online. Tale costrutto viene descritto come riferibile a quattro dimensioni: 1) Diminuzione del controllo degli impulsi Internet-related: il diminuito controllo sugli impulsi porta a pensieri ossessivi circa l utilizzo di Internet e all incapacità di ridurne l utilizzo nonostante il desiderio di farlo; 2) Solitudine/depressione: la solitudine/depressione comporta sensazioni d inadeguatezza e pensieri depressivi che giocano un ruolo importante nell aggravare i sintomi di un utilizzo problematico dello strumento (Davis, 2001). Individui che si sentono soli tendono a utilizzare Internet con il proposito di trovare conforto, per raggiungere altre persone e aumentare così la propria rete sociale. Il conforto che ne deriva comporta un sentimento di sicurezza rispetto al fatto di essere parte di una comunità, indipendentemente dal fatto che questa sia reale o virtuale; 3) Conforto sociale: gli individui che utilizzano Internet per trovare conforto sociale sono generalmente molto sensibili al rifiuto. Tale sensibilità viene descritta come una disposizione che comporta l anticipazione del rifiuto la quale può condurre a sua volta a reazioni autoprotettive di isolamento. In questo caso, Internet rappresenterebbe un modo per cimentarsi nella comunicazione sociale senza la minaccia di sentirsi rifiutati; 4) Distrazione: la navigazione in Internet è utilizzata come attività di evitamento. L intenzione è quella di distogliere il proprio investimento cognitivo da attività stressanti, compiti o flussi di pensieri impegnativi. La distrazione è stata concettualizzata come una forma di evitamento, ma può costituire in certi casi anche una strategia di coping; 5) La relazione tra distrazione, procrastinazione e utilizzo improprio di Internet ha importanti ricadute a livello organizzativo. La procrastinazione correla negativamente con tratti di personalità quali la coscienziosità e l amicalità (Watson, 2001), che invece hanno relazioni positive con la produttività (Witt, Burke, Barrick e Mount, 2002). La procrastinazione, invece, è positivamente legata allo stress e ad una valutazione di sé negativa (Ferrari, 1992) Soluzioni Le soluzioni al problema del cyberloafing, oggi, si basano principalmente sul monitoraggio della navigazione dei dipendenti e sul filtraggio di siti considerati inappropriati. Recentemente, però, le ricerche hanno rilevato che i software di monitoraggio vengono percepiti dai dipendenti come invasivi e, di conseguenza, riducono la soddisfazione lavorativa. (Stanton e Weiss, 2000). Per quanto non ci siano ancora risultati definitivi in merito, Urbaczewski e Jessup (2000) affermano che la motivazione soggettiva gioca un ruolo significativo sia nella produttività sia nella qualità della performance e sia nella soddisfazione o meno rispetto al monitoraggio. Quando il monitoraggio viene utilizzato per fornire un feedback ai soggetti rispetto alla qualità del proprio lavoro, questo è accettato; quando invece è utilizzato come modalità di controllo (anche della navigazione), 17 Il Big Five Questionnaire intende l amicalità come altruismo, prendersi cura, fornire supporto emotivo, ecc. 18 Anche la coscienziosità, così come il supporto organizzativo percepito e la giustizia organizzativa sono risultati moderatamente predittori di contro produttività (cfr. Jia, 2009). 70 luglio/agosto 2010 Sviluppo&organizzazione

6 L ozio telematico nelle organizzazioni l impatto sul clima organizzativo è negativo. Secondo Davis, Flett e Besser (2002a), una modalità alternativa di fronteggiare il problema sembra quella di prevenire il fenomeno, invece che dover intervenire a posteriori in maniera sanzionatoria. A tal proposito gli autori suggeriscono di prestare attenzione ad alcune caratteristiche individuali già in sede di selezione del personale, ad esempio attraverso la somministrazione dell Online Cognitive Scale (Ocs). Tale questionario, infatti, sembra in grado di mettere in luce un eventuale rapporto problematico con la tecnologia, attraverso la rilevazione delle applicazioni Internet più utilizzate. È noto in letteratura (Young, 1998) che l utilizzo problematico di Internet (Internet Addiction Disorder) 19 si manifesta attraverso una netta preferenza, tra le applicazioni disponibili, di quelle interattive che prevedono una comunicazione sincrona (ad es., chat, instant messaging, ecc.) piuttosto che di quelle che prevedono una modalità di comunicazione asincrona (ad es., ). In particolare, Young et al. (1999) caratterizza l addiction come un ampia varietà di comportamenti e problemi legati al controllo degli impulsi, quali: a) Dipendenza da ciber-sesso: utilizzo compulsivo di siti pornografici; b) Dipendenza da ciber-relazioni: eccessivo coinvolgi- mento in relazioni online; c) Compulsione da rete: ossessività nelle attività online di gioco d azzardo, shopping e investimenti bancari; d) Sovraccarico di informazioni: ricerca compulsiva nel web o in database; e) Dipendenza dal computer: ossessività nei giochi. Al di là del fatto che si possa o meno parlare di vera e propria dipendenza da Internet, molte organizzazioni hanno capito che, se lasciato incontrollato, il problema può esplodere. Due grandi aziende, del calibro di Chevron e Microsoft, ad esempio, si sono ritrovate a pagare due milioni di dollari ciascuna per denunce di sexual harassment, dovute a una comunicazione volgare (attraverso chat ed ) che, in base alla legge antidiscriminazione, ha creato un ambiente di lavoro ostile (Greengard, 2000). A conferma di ciò, in una ricerca condotta nel 2003 da Blue Coat System Inc. 20, sia negli Stati Uniti sia in Gran Bretagna, i rispondenti ammettono che i contenuti scambiati sul lavoro, soprattutto attraverso le messaggerie istantanee, contengono un linguaggio volgare, gossip, avance sessuali, lamentele lavorative, cospirazioni, scambio di calunnie su superiori e colleghi, ecc Fattori organizzativi e caratteristiche personali del mis-utilizzo di Internet dal lavoro Anandarajan, Simmers e Igabaria (2000) applicano la Teoria dell azione ragionata 21 (Tra) di Fishbein e Ajzen (1975) all utilizzo di Internet sul lavoro. Secondo gli autori, tale utilizzo è influenzato da percezioni e atteggiamenti personali così come da influenze sociali. La Tra è ampliata dagli autori nel Technology Acceptance Model (Tam) che si focalizza specificamente sull utilità percepita delle tecnologie informatiche. Nel Tam i fattori che motivano un individuo a utilizzare il computer possono essere categorizzati in due gruppi: da una parte i motivatori estrinseci (vantaggi percepiti, pressione sociale, ecc.) e dall altro i motivatori intrinseci (divertimento, evasione, ecc.). Il modello proposto presenta quattro tipi di variabili multidimensionali (Fig. 1). Fattori individuali Età Genere Abilità nell utilizzo di Internet Playfullness Fattori organizzativi Pressione sociale Supporto organizzativo Caratteristiche del compito Credenze e atteggiamenti Autoefficacia nell utilizzo di Internet Atteggiamento verso Internet Soddisfazione nell utilizzo di Internet utilizzo di Internet Tempo Frequenza Attività Tipo di pagine web impatto di Internet Caratteristiche del lavoro Soddisfazione lavorativa Produttività globale Inefficienza Sicurezza organizzativa Fig. 1 - Relazioni tra quattro tipi di variabili multidimensionali che influenzano l utilizzo di Internet (Technology Acceptance Model) 19 Nel 1995, Goldenberg, psichiatra americano, definisce la sindrome da Internet Addiction Disorder (Iad) come forma di abuso-dipendenza dalla rete che, come tutte le forme di dipendenza, genera problemi sociali, economici e relazionali. L individuo va incontro alla perdita delle relazioni significative, soffre di instabilità dell umore, di alterazione del vissuto temporale, e di una cognizione orientata esclusivamente all utilizzo compulsivo della tecnologia, fino alla completa sostituzione del mondo reale con un mondo virtuale. La ricerca sullo Iad è quanto mai vivace, sia a livello nazionale (Cantelmi et al, 2000) sia internazionale (Young, 1998). 20 In 21 La teoria di Fishbein e Ajzen focalizza l attenzione su tre componenti principali: l atteggiamento individuale; l influenza dei gruppi di riferimento e la propensione soggettiva a permettere che influenze esterne incidano sulle proprie scelte. 22 Traduzione del termine inglese playfullness, intesa come caratteristica individuale che descrive la tendenza ad interagire con Internet in maniera spontanea, con inventiva e fantasia. Sviluppo&organizzazione luglio/agosto

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo

Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo Argomenti 1) Trattamento dei dati personali. Cenno ai principi generali per il trattamento e la protezione

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Non è possibile conoscere a priori quale sia la strada giusta per raggiungere un obiettivo se non cominciamo a percorrerla Dott. Marco Broccoli (Ausl di Ravenna)

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo?

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo? PREMESSA Cos è il benessere organizzativo? Negli ultimi anni la P.A. ha preso in considerazione, almeno in teoria, la dimensione del benessere organizzativo dei propri dipendenti, in quanto il miglioramento

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Procedura per l uso dell informatica aziendale

Procedura per l uso dell informatica aziendale Marsh S.p.A. - Marsh Risk Consulting Services S.r.l. Procedura per l uso dell informatica aziendale (Personal computer e altri dispositivi elettronici aziendali, internet e posta elettronica) Doc. Id.:

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Introduzione Questa guida è stata realizzata per aiutare la vostra azienda a garantire l utilizzo legale del software di Siemens. Il documento tratta

Dettagli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli v 4.0 1. Requisiti software Lo studente deve essere dotato di connessione internet

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Assessorato Politiche per la Salute Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Dicembre 2014 Servizio Sanità Pubblica Direzione Generale Sanità e Politiche sociali Agenzia Sanitaria e

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI GetYourHero S.L., con sede legale in Calle Aragón 264, 5-1, 08007 Barcellona, Spagna, numero di identificazione fiscale ES-B66356767, rappresentata

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE IT Security Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard IT Security. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Termini di servizio di Comunicherete

Termini di servizio di Comunicherete Termini di servizio di Comunicherete I Servizi sono forniti da 10Q Srls con sede in Roma, Viale Marx n. 198 ed Ancitel Spa, con sede in Roma, Via Arco di Travertino n. 11. L utilizzo o l accesso ai Servizi

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale Università degli Studi di Parma Facoltà di Psicologia Dipartimento di Psicologia Analisi del Comportamento (Behavior Analysis) Skinner (1904-1990) Approccio Comportamentale alla Psicologia dell Educazione

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni. «Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.» Code of Conduct Comunicazione del CEO «Ogni società, grande o

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI MR & MISS ETCIU

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI MR & MISS ETCIU REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI MR & MISS ETCIU PROMOSSO DALLA SOCIETA SCA HYGIENE PRODUCTS SPA Via XXV Aprile, 2 55011 ALTOPASCIO (LU) PIVA 03318780966 REA 186295 AREA:

Dettagli